Sei sulla pagina 1di 60

Le imposte nellinformativa di

bilancio

Le imposte valutazione e fonti

Per la valutazione delle imposte sul reddito si devono rispettare i criteri generali
che sono alla base della determinazione di tutte le altre poste di bilancio.

Fonti:
Codice Civile
Principio Contabile Nazionale n. 25
IAS 12

Le imposte La classificazione in bilancio


Le imposte trovano accoglimento nel conto economico alla voce

E 22) imposte sul reddito dellesercizio, correnti, differite e


anticipate

FISCALITA CORRENTE

FISCALITA DIFFERITA

La tassazione delle societ di capitali

IRES - imposta sul reddito delle societ

IRAP - imposta regionale sulle attivit produttive

Universit degli Studi di Bari Aldo Moro - Dipartimento di Scienze Economiche e Metodi Matematici
CdL in Economia e Commercio - Ragioneria Applicata - a.a. 2012-2013

La tassazione delle societ di capitali


IRES - imposta sul reddito delle societ

si tratta di una imposta diretta, proporzionale, che si applica sul reddito


complessivo netto annuo delle societ.

Laliquota unica del 27,5%.

Tale aliquota si applica alla base imponibile, costituita dal reddito complessivo
annuo della societ.
Tale grandezza data dalla somma dei ricavi imponibili e dei costi deducibili.

La tassazione delle societ di capitali


IRES - imposta sul reddito delle societ

lIRES, vede limponibilit dei ricavi e la deducibilit dei costi sono stabiliti

fiscalmente dalle specifiche norme del Testo Unico delle Imposte sui
Redditi (TUIR), di cui al D.P.R. 22 dicembre 1986 e successive modifiche
ed integrazioni.

La tassazione delle societ di capitali


IRAP - imposta regionale sulle attivit produttive

lIRAP, si tratta di una imposta diretta, proporzionale.

Il presupposto dellimposta lesercizio abituale di unattivit diretta alla


produzione o allo scambio di beni o alla prestazione di servizi.

Il bilancio e le imposte
Il bilancio un documento economico, redatto in applicazione del
Codice Civile e dei principi contabili.

Dal bilancio emerge


il reddito economico o reddito di bilancio.

Le imposte, per, non si pagano sul reddito di bilancio, ma sul reddito


imponibile, determinato secondo la normativa fiscale.
8

Il bilancio e le imposte
Il problema della determinazione del reddito imponibile, ossia il reddito da
sottoporre a tassazione, un problema delicato.

Esso infatti investe il rapporto che deve esistere tra le norme fiscali, dirette
appunto alla determinazione del reddito imponibile, e le norme civilistiche
e i principi contabili in base alle quali il bilancio deve essere redatto.

Relazioni tra reddito civilistico e imponibile fiscale


La legislazione civile e quella tributaria sul bilancio di esercizio possono
relazionarsi secondo uno dei seguenti principi:

DI DIPENDENZA TOTALE

DI DIPENDENZA PARZIALE

DI PIENA AUTONOMIA

DI DIPENDENZA ROVESCIATA
10

Relazioni tra reddito civilistico e imponibile fiscale


DI DIPENDENZA TOTALE : allorquando il risultato di esercizio viene a
coincidere tout court con il reddito imponibile;

RISULTATO CIVILISTICO
ANTE IMPOSTE

REDDITO IMPONIBILE

11

Relazioni tra reddito civilistico e imponibile fiscale


DI DIPENDENZA PARZIALE: nel caso in cui il risultato civilistico costituisce
linput e cioe il primo fattore di produzione del reddito imponibile che verra
determinato per mezzo di aggiustamenti e/o rettifiche dovuti esclusivamente alla

presenza di disposizioni tributarie disallineate rispetto alle corrispondenti norme


civilistiche;

+
RISULTATO CIVILISTICO
ANTE IMPOSTE

VARIAZIONI IN
AUMENTO
REDDITO IMPONIBILE

VARIAZIONI IN
DIMINUZIONE

12

Relazioni tra reddito civilistico e imponibile fiscale ( Segue.)


DI PIENA AUTONOMIA: nella ipotesi in cui il bilancio redatto ai fini civilistici non
costituisca la base per la determinazione del reddito imponibile ai fini fiscali.
In tale ipotesi la societ viene a redigere due bilanci (il c.d. doppio bilancio );

RISULTATO CIVILISTICO

REDDITO IMPONIBILE

13

Relazioni tra reddito civilistico e imponibile fiscale


DI DIPENDENZA ROVESCIATA: allorquando la normativa fiscale imponga al
redattore del bilancio di inquinare il documento contabile con regole di condotta
tributaria al solo fine di ottenere una agevolazione ovvero una sovvenzione;

INTERFERENZE
FISCALI

+
RISULTATO CIVILISTICO
ANTE IMPOSTE

VARIAZIONI IN
AUMENTO
REDDITO IMPONIBILE

VARIAZIONI IN
DIMINUZIONE

14

Relazioni tra reddito civilistico e imponibile fiscale:


La situazione italiana
Oggi

Prima della Riforma del Diritto


Societario

imponibile fiscale calcolato partendo


dal risultato di bilancio

dipendenza rovesciata (il risultato di


bilancio scaturisce da poste valutate
anche secondo criteri fiscali)

imponibile fiscale calcolato partendo


dal risultato di bilancio
dipendenza

parziale

il

risultato

civilistico costituisce linput cio il


primo fattore di produzione del reddito
imponibile che verra determinato per
mezzo di aggiustamenti e/o rettifiche
15

Relazioni tra reddito civilistico e imponibile fiscale ( Segue.)


Il principio di dipendenza parziale

Lart. 83, comma 1, del TUIR


Il reddito complessivo determinato apportando allutile o alla perdita
risultante dal conto economico, relativo allesercizio chiuso nel periodo di
imposta, le variazioni in aumento o in diminuzione conseguenti
allapplicazione dei criteri stabiliti nelle successive disposizioni.

16

Relazioni tra reddito civilistico e imponibile fiscale ( Segue.)

Risultato di
bilancio

Variazioni
Variazioni
fiscali
fiscali

Imponibile
fiscale

Determinato secondo

Determinato rettificando

il C.C. e i

il risultato di bilancio alla

principi contabili

luce delle norme fiscali

17

Relazioni tra reddito civilistico e reddito fiscale


La discrasia tra le due configurazioni di reddito riconducibile alle

diverse finalit a cui le stesse sono preposte.

Il reddito civilistico deve comunicare a tutti coloro che ne siano interessati il


risultato della gestione dellimpresa e deve essere quantificato in modo corretto e il pi
possibile aderente la vero.

Il reddito fiscale la base del prelievo tributario e deve essere quantificato con
parametri rigidi al fine di impedirne la sottovalutazione e da semplificare il processo di
accertamento.
18

Relazioni tra reddito civilistico e reddito fiscale


I diversi criteri valutativi
CIVILISTICI
Rappresentazione veritiera e
corretta;

FISCALI
Competenza fiscale;
Certezza;

Chiarezza;

Imputazione;

Prudenza;

Inerenza;

Competenza;

19

I principi fiscali di valutazione


Principi di competenza e di certezza
I ricavi, le spese e gli altri componenti positivi e negativi, per i quali le
precedenti norme del presente capo non dispongono diversamente,
concorrono a formare il reddito nell' esercizio di competenza
i ricavi, le spese e gli altri componenti di cui nell' esercizio di
competenza non sia ancora certa l' esistenza o determinabile in modo
obiettivo l' ammontare concorrono a formarlo nell' esercizio in cui si
verificano tali condizioni( Art. 109 comma 1 TUIR)

La tassazione del reddito dimpresa avviene per competenza


(non per cassa)
20

I principi fiscali di valutazione


Principio di competenza fiscale
Ai fini della determinazione dell' esercizio di competenza:
a)i corrispettivi delle cessioni si considerano conseguiti, e le spese di acquisizione dei
beni si considerano sostenute, alla data della consegna o spedizione per i beni mobili
e della stipulazione dell' atto per gli immobili e per le aziende

b)i corrispettivi delle prestazioni di servizi si considerano conseguiti, e le spese di


acquisizione dei servizi si considerano sostenute, alla data in cui le prestazioni sono
ultimate. (art. 109 comma 2 TUIR)

In alcuni casi si applica il criterio fiscale della rilevanza per cassa


21

I principi fiscali di valutazione


Principio dellinerenza
Le spese e gli altri componenti negativi sono deducibili se e nella
misura in cui si riferiscono ad attivit o beni da cui derivano ricavi o altri
proventi che concorrono a formare il reddito......

(Art. 109 comma 5

TUIR)

22

I tipi di variazioni fiscali


Le variazioni da apportare al reddito civilistico stabilite dal TUIR per giungere

alla determinazione del reddito fiscale possono essere di due tipi :

1.Permanenti;
2.Temporanee;

23

Le differenze permanenti
Le differenze permanenti hanno natura definitiva e sorgono con riferimento a casi in
cui la normativa fiscale prevede lesclusione perpetua di alcuni dati inseriti in bilancio.

Tali differenze sono inerenti a costi e ricavi di competenza economica dellesercizio


che non entreranno mai nella base imponibile e non sono perci destinate ad
annullarsi.

Le variazioni non danno origine a fiscalit differita.

differenze permanenti POSITIVE

differenze permanenti NEGATIVE


24

Le differenze permanenti
PRINCIPALI DIFFERENZE
PERMANENTI POSITIVE

proventi

di immobili non

strumentali
valori
che
sopravvenienze

PRINCIPALI DIFFERENZE
PERMANENTI NEGATIVE

costi non inerenti

interessi passivi indeducibili


costituiscono

proventi soggetti a ritenute


alla fonte

spese di rappresentanza(
parte indeducibile)
imposte sul reddito
sanzioni e multe

25

Le differenze temporanee

Le differenze temporanee determinano lo spostamento della tassazione da un esercizio ad


un altro perch esistono differenti modalit di imputazione dei costi e dei ricavi in sede
civilistica e tributaria.

Lo sfasamento temporale comporta un anticipo o differimento del momento impositivo


rispetto alla competenza civilistica.

Leffetto che ne deriva, per, destinato ad annullarsi nel tempo perch i valori diventeranno
imponibili o deducibili in uno o pi esercizi successivi.

Le variazioni temporanee danno origine a fiscalit differita.

differenze temporanee POSITIVE (tassabili)

differenze temporanee NEGATIVE (deducibili)


26

Le differenze temporanee positive


Differenze temporanee positive originano valori imponibili negli
esercizi futuri
Derivano dalla deduzione di componenti positivi di
reddito che saranno ripresi in esercizi successivi a quello
in cui sono iscritti a conto economico (limponibile
dellesercizio corrente si riduce e aumentano quelli degli
esercizi futuri)

PASSIVITA PER IMPOSTE DIFFERITE


(plusvalenze patrimoniali rateizzate, ammortamenti fiscali superiori alla

quota civilistica)
27

Le differenze temporanee negative


Differenze temporanee negative sono generate da componenti negative di reddito
inserite a conto economico che saranno fiscalmente deducibili in esercizi futuri

limponibile dellesercizio corrente aumenta

e diminuisce quello degli esercizi futuri

ATTIVITA PER IMPOSTE ANTICIPATE


(costi deducibili per cassa, costi con deducibilit parziale obbligatoria o facoltativa,
accantonamenti a fondi del passivo, riporto a nuovo di perdite fiscali)

28

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


La rappresentazione in bilancio del fenomeno impositivo pu avvenire

secondo due metodi:


1. Metodo delle imposte liquidate ( tax payable method);
2. Metodo delle imposte di competenza ( tax effect accounting
method o interperiod tax allocation);

29

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Metodo delle imposte liquidate ( tax payable method);

Questo metodo considera le imposte un costo misurato dalle


uscite liquidate sulla base della dichiarazione dei redditi,
prescindendo dalla corretta competenza economica dellimposte

N.B. con lutilizzo di tale metodo non si procede alla rilevazione della
fiscalit differita ( informativa solo in Nota integrativa)
30

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Metodo delle imposte di competenza

( tax effect accounting method o interperiod tax allocation)

Questo metodo considera le imposte sul reddito un costo stimato,


attribuito al periodo amministrativo sulla base di una relazione
quantitativa diretta con il reddito ante-imposte, indipendentemente dai
flussi monetari effettivi da e verso lErario.

In sostanza con questo metodo le imposte devono contabilizzarsi nel


rispetto delleffettiva competenza economica.
31

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


La presenza di differenze temporanee
Quando le differenze fra reddito imponibile e risultato civilistico sono
temporanee, ossia destinate ad annullarsi negli esercizi successivi, vi il
problema della rilevazione delle imposte anticipate e differite;

In particolare la presenza di differenze temporanee pu portare ad due distinte


situazioni:

1.

Reddito civilistico > reddito imponibile;

2.

Reddito civilistico < reddito imponibile;


32

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


La presenza di differenze temporanee positive
Reddito civilistico > reddito imponibile;

Se il Rc > del Ri significa che le quote di reddito economicamente realizzato saranno


imponibili negli esercizi a venire, consentendo il differimento delle imposte;

In questo caso le imposte correnti, ossia quelle liquidate nella dichiarazione dei
redditi, sono inferiori rispetto a quelle di competenza, correlate al risultato

emergente dal conto economico

33

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


La presenza di differenze temporanee positive
Reddito civilistico > reddito imponibile;

Poich la differenza positiva temporanea, destinata cio a essere riassorbita negli


esercizi successivi, il pagamento delle imposte soltanto rimandato e va rilevato il
relativo onere, attraverso un accantonamento al fondo imposte.

A fronte di una riduzione del reddito imponibile dell'esercizio in questione, si


determiner quindi un corrispondente incremento del reddito imponibile negli
esercizi successivi, con la rilevazione di variazioni in aumento in dichiarazione.

34

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


La presenza di differenze temporanee positive
Reddito civilistico > reddito imponibile;
Anno di origine della differenza

VARIZIONE FISCALE
DIMINUTIVA
DELLIMPONIBILE

Anno/i di rissorbimento della


differenza

VARIZIONE FISCALE
AUMENTATIVA
DELLIMPONIBILE

35

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte differite
Reddito civilistico > reddito imponibile;
In questo esercizio limpresa paga meno imposte di quante ne siano di

competenza.
Negli esercizi futuri dovr pagare pi imposte.

Reddito
civilistico

IMPOSTE
DIFFERITE

Reddito
imponibile

Temporanee

Differenze
tassabili
Definitive
NO FISCALITA
DIFFERITA
36

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Esempi di differenze temporanee positive

Plusvalenze da cessione di immobilizzazioni che possono essere ripartite

pro-quota nellesercizio stesso e nei successivi ma non oltre il quarto


(art. 68 n. 4 TUIR);

I contributi in conto capitale considerati fiscalmente sopravvenienze


attive e imputati nellesercizio di percepimento o ripartiti pro-quota
nellesercizio stesso e nei successivi ma non oltre il quarto (art. 88

comma 30 lettera b TUIR);

37

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte differite
La societ Alfa srl presenta per il periodo di imposta 2014 un risultato civilistico ante
imposte pari a 200.000 ( aliquota IRES 27,5%)

Tra i componenti positivi conseguiti dalla societ risultano essere presenti :

delle plusvalenze ( 50.000 ) realizzate dalla cessione di beni posseduti da pi di


tre esercizi;

Si proceda alla determinazione del reddito imponibile fiscale e al trattamento


contabile delle imposte sul reddito considerando che la societ Alfa opta per la
rateizzazione della plusvalenza su cinque esercizi come previsto dallart 86 n. 4

del Tuir;
38

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte differite
DETERMINAZIONE DELLIRES DA DICHIRAZIONE DEI REDDITI
UTILE ANTE IMPOSTE

200.000
VARIAZIONI IN AUMENTO

Plusvalenza realizzata nel 2014 ( 1/5)

10.000

Totale variazioni in aumento

10.000

VARIAZIONI IN DIMINUIZIONE
Plusvalenza realizzata nel 2014 ( 5/5)

50.000

Totale variazioni in diminuzione

50.000

Reddito fiscale imponibile

160.000

IRES LIQUIDATA IN DICHIARAZIONE (base imponibile x 27,50%)

44.000

39

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte differite
DETERMINAZIONE DELLIRES DI COMPETENZA
UTILE ANTE IMPOSTE

200.000

IRES DI COMPETENZA ( risultato del periodo x 27,50%)

55.000

IMPOSTA SUL REDDITO O DI COMPETENZA

55.000

IMPOSTE CORRENTI (cio da pagare effettivamente)

44.000

IMPOSTE DIFFERITE ( 50.000-10.000) X 27,50%

11.000

40

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte differite

Esercizio relativo alla nascita della differenza temporanea

31/12/2014
Rilevazione imposte di competenza dellesercizio
DIVERSI
Imposte correnti
Imposte differite

a DIVERSI

a Debiti Tributari
a Fondo imposte
differite

55.000

44.000
11.000
44.000
11.000

41

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte differite
Esercizio relativo alla nascita della differenza temporanea
Lo SP e il CE al 31/12/2014 si presentano come segue:
STATO PATRIMONIALE
B) Fondo per rischi e oneri
2- per imposte anche differite
D)Debiti:
12- debiti Tributari

11.000

44.000

CONTO ECONOMICO

RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE


22)Imposte sul reddito:
Correnti
Differite
23) Utile dellesercizio

200.000

44.000
11.000
145.000
42

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte differite
Esercizio successivo alla nascita della differenza temporanea
La societ Alfa srl nellesercizio 2014 ( cosi come negli altri 3 esercizi successivi ) in
sede di dichiarazione effettuer una ripresa in aumento di 10.000 , con

conseguente utilizzo annuo nel bilancio di esercizio del fondo imposte differite
per 2.750 ( 10.000 x 27,50%) necessario per poter correttamente imputare le
imposte dellesercizio sulla base del principio di competenza economica.

Contabilmente pertanto, le rilevazioni saranno le seguenti:

43

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte differite
Esercizio successivo alla nascita della differenza temporanea

31/12/2014
Rilevazione imposte di competenza dellesercizio
DIVERSI
Imposte dellesercizio
Fondo imposte
differite

a Debiti Tributari

2.750

44

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


La presenza di differenze temporanee negative
Reddito civilistico < reddito imponibile;

Quando si verifica una differenza temporanea negativa, il reddito imponibile


superiore al risultato civilistico, con la conseguenza che le imposte correnti
sono superiori a quelle di competenza

45

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


La presenza di differenze temporanee negative
Reddito civilistico < reddito imponibile;

Le differenze temporanee negative vengono generate da componenti


negativi di reddito, la cui deducibilit rinviata a esercizi successivi rispetto a
quello di imputazione al conto economico a seguito di norme fiscali.

46

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Esempi di differenze temporanee negative

- limitazioni per accantonamenti a fondi e per rettifiche di valore: per esempio,


svalutazione crediti (art. 106 TUIR)
- deducibilit parzialmente differita: per esempio, spese di manutenzione eccedenti il
plafond previsto dall'art. 102 c. 6 TUIR- parte deducibile spese di rappresentanza
(art. 108, comma 2);
-

deducibilit per cassa: per esempio compensi agli amministratori non corrisposti
(art. 95, comma 5, TUIR)- interessi di mora (art. 109 comma 7 TUIR)

La rateizzazione della perdita dellesercizio nei cinque esercizi successivi ( Art. 84


comma 1 TUIR)

47

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte anticipate
Reddito civilistico < reddito imponibile;
In questo esercizio limpresa paga pi imposte di quante ne siano di
competenza.
Negli esercizi futuri dovr pagare meno imposte.

Reddito
imponibile

IMPOSTE
ANTICIPATE

Reddito
civilistico

Temporanee

Differenze
deducibili
Definitive
(costi indeducibili)
NO FISCALITA
DIFFERITA
48

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte anticipate

Le imposte da pagare risultano superiori a quelle effettivamente di


competenza economica dellesercizio quindi bisogna rinviare al
futuro la quota di imposte non di competenza dellesercizio

Il rinvio del costo connesso allanticipazione delle imposte fa


sorgere un credito nellattivo circolante

49

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte anticipate

Le attivit per imposte anticipate non possono essere contabilizzate se non


sussiste la ragionevole certezza del loro futuro recupero, ossia dell'esistenza nei
successivi esercizi dei redditi imponibili sufficienti ad assorbire, allorch si
manifesteranno, le differenze temporanee deducibili.

La regola espressione del principio generale di prudenza e riflette ancora una


volta (se raffrontata con quella di cui si visto trovare applicazione con
riferimento alle imposte differite) l'asimmetria del bilancio civilistico per quanto
attiene alla contabilizzazione delle passivit e delle attivit, richiedendosi, per la
rilevazione delle prime, la mera possibilit che si verifichino e, per le seconde, la
ragionevole certezza.
50

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte anticipate
La societ Alfa srl presenta per il periodo di imposta 2014 un risultato civilistico ante
imposte pari a 300.000 ( aliquota IRES 27,5%)

Tra i componenti negativi sostenuti dalla societ risultano essere presenti :

spese di manutenzione indeducibili nellesercizio (ordinarie e straordinarie


eccedenti il 5% dei valori dei cespiti ex art. 102 c. 6 T.U.I.R.) per 10.000;

Si proceda alla determinazione del reddito imponibile fiscale e al trattamento


contabile delle imposte sul reddito considerando che le spese di manutenzione
eccedenti al 5 % del valore dei cespiti dellazienda risultano deducibili nei cinque

esercizi successivi in quote costanti.


51

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte anticipate
DETERMINAZIONE DELLIRES DA DICHIRAZIONE DEI REDDITI
UTILE ANTE IMPOSTE

300.000
VARIAZIONI IN AUMENTO

Spese di manutenzione indeducibili nellesercizio (ordinarie


e straordinarie eccedenti il 5% dei valori dei cespiti ex art.
102 c. 6 T.U.I.R.)

10.000

Totale variazioni in aumento

10.000

Reddito fiscale imponibile

310.000

IRES LIQUIDATA IN DICHIARAZIONE (base imponibile x 27,50%)

85.250

52

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte anticipate
DETERMINAZIONE DELLIRES DI COMPETENZA
UTILE ANTE IMPOSTE

300.000

IRES DI COMPETENZA ( risultato del periodo x 27,50%)

82.500

IMPOSTA SUL REDDITO O DI COMPETENZA

82.500

IMPOSTE CORRENTI (cio da pagare effettivamente)

85.250

IMPOSTE ANTICIPATE ( 10.000) X 27,50%

2.750

53

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte anticipate

Esercizio relativo alla nascita della differenza temporanea


31/12/2014
Rilevazione imposte da liquidazione
Imposte sul reddito

a Debiti Tributari

85.250

31/12/2014
Rilevazione imposte anticipate
Crediti per imposte
anticipate

a imposte sul reddito

2.750

54

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte anticipate
Esercizio relativo alla nascita della differenza temporanea
Lo SP e il CE al 31/12/2014 si presentano come segue:
STATO PATRIMONIALE
.
D)Debiti:
12- debiti Tributari

85.250

CONTO ECONOMICO

RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE


22)Imposte sul reddito:
Correnti
Differite
Anticipate
23) Utile dellesercizio

300.000

85.250
(2.750)
217.500
55

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte anticipate
Esercizio successivo alla nascita della differenza temporanea
La societ Alfa srl nellesercizio 2015 ha conseguito un utile civilistico ante imposte di 200.000.

La societ Alfa nellesercizio 2015 ( cosi come negli altri 4 esercizi successivi ) in sede di dichiarazione

effettuer una ripresa in diminuzione di 2.000 ( ossia 1/5 di 10.000 ), con conseguente
utilizzo annuo nel bilancio di esercizio del credito per imposte anticipate per 550 ( 2.000 x
27,50%) necessario per poter correttamente imputare le imposte dellesercizio sulla base del
principio di competenza economica.

Contabilmente pertanto, le rilevazioni saranno le seguenti:

56

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte anticipate
Esercizio successivo alla nascita della differenza temporanea
DETERMINAZIONE DELLIRES DA DICHIRAZIONE DEI REDDITI
UTILE ANTE IMPOSTE

200.000

VARIAZIONI IN DIMINUZIONE

1/5 delle Spese di manutenzione indeducibili nellesercizio


2008 ( 1/5 di 10.000 )

2.000

Totale variazioni in diminuzione

2.000

Reddito fiscale imponibile

198.000

IRES LIQUIDATA IN DICHIARAZIONE (base imponibile x 27,50%)

54.450

57

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte anticipate
Esercizio successivo alla nascita della differenza temporanea
DETERMINAZIONE DELLIRES DI COMPETENZA
UTILE ANTE IMPOSTE

200.000

IRES DI COMPETENZA ( risultato del periodo x 27,50%)

55.000

IMPOSTA SUL REDDITO O DI COMPETENZA

55.000

IMPOSTE CORRENTI (cio da pagare effettivamente)

54.450

QUOTA DI IMPOSTE ANTICIPATE RECUPERATE NEL


2009 ( 2.000) X 27,50%

550
58

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Le imposte anticipate
Esercizio successivo alla nascita della differenza temporanea

31/12/2015
Rilevazione imposte di competenza dellesercizio
Imposte sul reddito

a DIVERSI
a Debiti Tributari
a Crediti per imposte
anticipate

55.000
54.450
550

59

Il trattamento contabile delle imposte sul reddito


Imposte sul reddito di competenza :
Imposte correnti (quella che pago effettivamente)
+ Imposte differite di competenza del periodo
- Imposte anticipate di competenza del periodo
- Imposte differite, effetto reversal (quelle che rivengono dagli esercizi
precedenti)
+ Imposte anticipate, effetto reversal
60