Sei sulla pagina 1di 12

MEMORIA DI LAVORO E DIFFICOLTA

DI LETTURA: UN CONFRONTO TRA


DISLESSICI PURI E DISLESSICI CON
DIFFICOLTA ARITMETICHE
E. Virgili, C. Tonzar
Istituto di Psicologia, Universit di Urbino

INTRODUZIONE
Diverse ricerche hanno studiato lefficienza della memoria di lavoro in
bambini con difficolt di lettura. La maggior parte di questi studi ha
rilevato nei bambini dislessici dei deficit nelle diverse componenti della
memoria di lavoro (De Jong, 1998; Wimmer et al., 1998; Swanson, 1999;
Swanson e Ashbaker, 2000; Howes et al., 2003). Alcune ricerche, invece,
non hanno riscontrato nei bambini dislessici alcuna carenza in queste
strutture mnestiche (Pennington et al., 1991; Wimmer e Mayringer, 2002;
Van der Sluis et al., 2005). Gli studi fin ora hanno effettuato una
valutazione spesso incompleta delle memoria di lavoro, soprattutto per
quanto riguarda la componente visuospaziale; inoltre, generalmente, la
valutazione della memoria di lavoro stata condotta su gruppi
indifferenziati di soggetti dislessici senza accertare leventuale
concomitanza di disturbi di tipo aritmetico.

OBIETTIVO DELLA RICERCA


Analizzare, in due gruppi di soggetti con disturbo specifico di lettura
(dislessici puri, dislessici con difficolt aritmetiche), tre componenti
della memoria di lavoro:
- il loop articolatorio
- lesecutivo centrale
- il taccuino visuospaziale.

METODO
CAMPIONE: 46 bambini di 5 elementare (25 maschi, 21
femmine; et media 10 anni e 4 mesi):
- 9 con dislessia (6 maschi, 3 femmine; et media = 10 anni e 5
mesi)
- 18 con dislessia e difficolt aritmetiche ( 11 maschi,
7 femmine; et media = 10 anni e 4 mesi)
- 19 controlli (8 maschi, 11 femmine; et media = 10 anni e 4
mesi)
I soggetti sono stati individuati attraverso la somministrazione dei
test:
- AC-MT (Cornoldi, Lucangeli e Bellina, 2002)
- Prove di lettura di parole e non parole (Batteria per la valutazione
della dislessia e disortografia di Sartori, Job e Tressoldi, 1998).

PROVE UTILIZZATE
PROVE DI MEMORIA DI LAVORO

Loop articolatorio: Digit span forward, Word span forward.


Esecutivo centrale: Digit span backward, Word span backward,
Listening span test (Pazzaglia et al., 2000), Counting span test
(Siegel e Ryan, 1989), Updating (Morris e Jones,1990).
Taccuino visuospaziale: 6 test della batteria BENViS (Trevisanello
et al., 2005): Test delle casette, Puzzle immaginativo adattato, Visual
pattern test, Visual pattern test attivo, Test dei blocchi di Corsi, Test
dei percorsi su matrici.
PROVE DI VALUTAZIONE INTELLETTIVA

Test vocabolario (WISC-R)


Test disegno con cubi (WISC-R)

CRITERI DI VALUTAZIONE UTILIZZATI


Controlli:
> 40 percentile nei punteggi di correttezza e rapidit nel test AC-MT
e nelle prove di lettura di parole e di non parole. QI > 80.
Dislessici puri
< 5percentile nelle prove di lettura di parole e di non parole.
> 40 percentile nei punteggi di correttezza e rapidit nel test AC-MT.
QI>80.
Dislessici con difficolt aritmetiche:
< 5 percentile nei punteggi di correttezza e/o rapidit nel test AC-MT
e nelle prove di lettura di parole e di non parole. QI>80.

ANALISI STATISTICHE
I dati relativi ai test, costituiti dalla medie delle risposte corrette fornite
dai soggetti in queste prove, sono stati sottoposti ad analisi statistiche,
in particolate stata condotta lanalisi della covarianza (ANCOVA) al
fine di controllare leffetto del QI che era significativamente pi elevato
nel gruppo di controllo rispetto ai due gruppi sperimentali tra i quali non
si registravano differenze significative.
Lindice di significativit prescelto stato p < 0,05.

RISULTATI
LOOP ARTICOLATORIO

MEDIA
( D. S.)

MEDIA
( D. S.)

DISLESSICI CON
DIFFICOLTA
ARITMETICHE ( 3)
MEDIA
( D. S.)

DIGIT SPAN
FORWARD

5,47
(0,69)

5,22
(0,66)

5,05
(1,16)

WORD SPAN
FORWARD

4,42
(0,60)

3,77
(0,44)

3,77
(0,42)

CONTROLLI (1) DISLESSICI (2)

ESECUTIVO CENTRALE
CONTROLLI (1)

DISLESSICI

(2)

DISLESSICI CON
DIFFICOLTAARITM. (3)
MEDIA
( D. S.)

MEDIA
( D. S.)

MEDIA
( D. S.)

DIGIT SPAN
BACKWARD
1>2=3
WORD SPAN
BACKWARD

4,63
(0,83)

3,55 *
(0,52)

3,11**
(0,67)

4,21
(0,53)

3,11
(0,67)

3,27
(0,75)

LISTENING
1>2=3

3,52
(0,90)

COUNTING

4,36
(0,68)
10,10
(3,12)

2,33*
(0,86)
3,88
(1,05)
6,33
(2,29)

2,16**
(0,78)
3,38
(1,14)
6,83
(2,20)

UPDATING

* P < 0,05 ** P < 0,01

TACCUINO VISUOSPAZIALE

CASETTE
1>2=3

CONTROLLI (1)
MEDIA
( D. S.)
13,36 **
(3,14)

DISLESSICI (2)
MEDIA
( D. S.)
8,77
(3,30)

DISLESSICI CON DIFF. ARITMET. (3)


MEDIA
( D. S.)
7,50
(1,94)

PUZZLE
1=2>3

23,52 **
(5,09)

18,11 *
(7,68)

11,44
(5,11)

VISUAL PATTERN
1=2>3

26,00 **
(3,26)

23,55 *
(4,97)

15,94
(3,40)

VISUAL PATTERN
ATTIVO
1=2>3
CORSI
1=2>3

21,52 *
(4,83)

20,22 **
(7,75)

13,05
(3,91)

15,73 *
(2,18)

15,55 *
(1,94)

13,61
(2,32)

PERCORSI
1>3

25,73 *
(3,42)

18,88
(7,30)

16,38
(6,94)

* P < 0,05 ** P < 0,01

CONCLUSIONI
I due gruppi di soggetti con disturbo specifico di lettura evidenziano,
rispetto ai controlli, dei deficit significativi in due delle tre
componenti della memoria di lavoro indagate: esecutivo centrale,
taccuino visuospaziale.
I dislessici puri mostrano deficit a livello di esecutivo centrale solo in
alcune prove, la memoria visuo-spaziale sembra quasi intatta, con un
deficit circoscritto solo ai compiti visivo-passivi.
I soggetti dislessici con difficolt aritmetiche oltre ad evidenziare gli
stessi deficit dei dislessici puri a livello di esecutivo centrale,
mostrano anche dei deficit estesi a tutte le componenti del taccuino
visuospaziale: nei compiti visivo-passivi e in quelli attivi, nei compiti
spaziali simultanei e in quelli sequenziali sia di natura passiva che
attiva.

I dislessici con difficolt aritmetiche mostrano prestazioni


significativamente inferiori ai dislessici puri sia a livello della
componente visiva che di quella spaziale del taccuino.
Sulla base di questi risultati si potrebbe ipotizzare che le difficolt di
lettura possano essere legate ai deficit evidenziati da entrambi i gruppi
sperimentali a livello di esecutivo centrale. Le difficolt aritmetiche
presentate da uno solo dei due gruppi di dislessici, invece, potrebbero
essere in relazione anche con la presenza di deficit pervasivi a livello
del taccuino visuospaziale.