Sei sulla pagina 1di 5

Ambiente ed economia: possiamo averli entrambi?

[28/05/2013] News

Sento troppo spesso dire che in questi tempi di crisi economica non possiamo permetterci di avere un elevato livello di protezione dell'ambiente. Peggio ancora, sento dire che molti dei nostri problemi economici sono causati da leggi ambientali e che se solo il cosiddetto "Green Tape" venisse rimosso le nostre economie potrebbero recuperare e creare i posti di lavoro e la crescita che noi tutti desideriamo.

Francamente, questa è una sciocchezza, e vi spiegherò perché.

Per cominciare, guardiamo solo al problema "crescita":

La crescita economica in Europa è in calo costante da decenni. Secondo i dati Ocse,

la crescita è stata del 5,4% negli anni sessanta, del 3,8% negli anni settanta, del

3,1% negli anni Ottanta, del 2,3% negli anni novanta e dell'1,4% nel primo decennio

di questo secolo. C'è qualcuno che seriamente immagina che questo calo sia dovuto

alle norme ambientali eccessive? Il trend è chiaro: la crescita europea nei prossimi anni sarà bassa. Infatti, se ci deve essere la crescita, dovrà essere Crescita Verde. Mi spingerei a dire che se nei prossimi anni non trasformiamo le nostre economie in resource-e cient, economie low carbon, allora ci troveremo in guai economici molto più profondi di quelli in cui ci troviamo adesso.

Le ragioni di questa menzogna sta in mega trend globali:

La popolazione del nostropianetadovrebbe salire ad oltre 9 miliardi entro la metà di questo secolo.Dal 2030 condivideremo il nostro pianeta con altri 3 miliardi diconsumatori della classe media.In soli 30 anni - una generazione - 2 miliardi di persone in più condivideranno il pianeta, che è più che la quantità totale della popolazione del pianeta, all'inizio del XXsecolo.Le ragioni di questa menzogna sta in mega trend globali: Naturalmente, questo è una grande cosa

Naturalmente, questo è una grande cosa per quei 3 miliardi il cui standard di vita aumenterà, e per i business che prosperano nella fornitura di queste domande, ma questo metterà molte risorse sotto un'immensa tensione. Entro il 2050 avremo bisogno di tre volte più risorse: 140.000 milioni di tonnellate all'anno.La domanda di cibo, mangimi e fibre si prevede un aumento del 70%.della popolazione del pianeta, all'inizio del XXsecolo. Già oggi il 60% dei principali ecosistemi del mondo

Già oggi il 60% dei principali ecosistemi del mondo da cui tali risorse dipendono sono degradati o sono utilizzati in maniera insostenibile (pesce, acqua, biodiversità, cambiamento climatico).Senza importanti incrementi di e ffi cienza, per il 2030 avremo bisogno del 40% in più dell'acqua alla quale cienza, per il 2030 avremo bisogno del 40% in più dell'acqua alla quale

possiamo accedere.Per il 2050 avremmo bisogno di circatre voltepiù risorse.

Guardando al futuro, lo scenario "business as usual" semplicemente non funzionerà. La transizione dal nostro modello di crescita economica ad intensità di risorse a un modello di crescita e ciente nelle risorse, ad una economia circolare, non è solo assolutamente necessario, in realtà è inevitabile per tutte le nostre economie. Per la prima volta, noi esseri umani, stiamo influenzando l'equilibrio del nostro pianeta.

Negli ultimi due secoli ci siamo basati su un modello di sviluppo economico fondato sulle risorse a buon mercato e abbondanti. Questa "grande accelerazione" è stato un risultato fantastico delle generazioni di esseri umani che hanno superato tanti ostacoli per portarci a questa inimmaginabile salute e prosperità. Ma non possiamo continuare a crescere in un modo resource-intensive come abbiamo fatto in passato, non certo su scala globale. Oggi il 20% più ricco del mondo consuma circa 60 volte

di più del 20% più povero. Provate a immaginare lo stress sulle risorse del mondo se

il resto del mondo potesse vivere al nostro stesso modo.

Può sembrare ipocrita per i paesi ricchi dire "Crecete come diciamo noi, non come abbiamo fatto noi", e, naturalmente, quei 3 miliardi di nuovi consumatori della classe media hanno altrettanto diritto ad una qualità della vita decente come noi. Ma è semplicemente un dato di fatto che modello di crescita intensiva in risorse del secolo scorso non può essere estesa alla popolazione globale di oggi. Le nazioni industrializzate devono cambiare i loro modelli di produzione e di consumo del secolo scorso ed i Paesi in via di sviluppo non devono cercare di imitare quei modelli, ma piuttosto prendere una strada diversa dagli standard di vita più elevati. La posta in gioco è alta e la nostra responsabilità di gestire il nostro futuro è aumentata enormemente.

Il nostro futuro , tenendo in considerazione la crescita della popolazione umana ed il crescente tasso di consumo pro-capite sarà molto condizionato da quanto bene

riusciamo a gestire le limitate risorse esistenti. Acqua, terra, energia, oceani, materie prime, biodiversità, ecosistemi e la complessità delle loro interazioni saranno decisivi per il nostro futuro. In passato non siamo stati mai così seriamente costretti, almeno

a livello globale, a far fronte a queste domande.

Europa. Per noi in Europa, oltre a questa incombente crisi globale delle risorse, siamo attualmente invischiati nella più grave crisi finanziaria, economica e anche

politica da molti decenni. Stiamo lottando per trovare la via d'uscita, per stabilizzare

e riformare le nostre economie e per trovare modi e caci per iniettare nuova crescita

e creare nuovi posti di lavoro. Non esiste la pallottola d'argento, se ci fosse, sarebbe già stata sparata.

La nostra eventuale uscita dalla crisi è indissolubilmente legata all'ambiente. Perché?

Primo: usiamo un sacco di risorse. L'economia europea si basa su decenni di crescita intensiva in risorse. Usiamo 16 tonnellate di materie prime per persona all'anno. Peggio, ne gettiamo via 6 tonnellate e la metà di tali rifiuti viene sepolto nel terreno come discarica: 3 tonnellate per persona ogni anno;

Secondo: risorse ed energia sono sempre più costose (World Energy Outlook:

International Energy Agency). Dopo un secolo di declino dei prezzi delle risorse, in

termini reali, a partire dal 2000 le pressioni sulla fornitura di risorse hanno portato ad un costante aumento dei prezzi. In media, i prezzi reali per le risorse sono aumentati

di oltre il 300% tra il 1998 e il 2011. Allo stesso tempo, la volatilità dei prezzi delle

risorse è aumentata. In Europa, l'87% delle imprese dell'Ue si aspettano che prezzi delle risorse continueranno a crescere nei prossimi 5 anni.

Terzo: già oggi le risorse sono il fattore dominante nella struttura dei costi. Ad esempio, nell'industria tedesca il 43% del totale dei costi può essere attribuito all'utilizzo delle risorse e solo il 18% al costo del lavoro. Noi siamo ancora molto concentrati sul lavoro e la produttività del capitale, perché sono i driver tradizionali della crescita. Ma in realtà più della metà della crescita proviene da innovazione e cambiamento tecnologico.

Quarto: importiamo la maggior parte delle nostre risorse materiali. Oltre la metà dei materiali che usiamo sono importati. Importiamo 6 volte di più di quello che esportiamo. Abbiamo le più alte importazioni nette al mondo di risorse per persona. E la nostra dipendenza dalle importazioni è in aumento. Otteniamo dall'estero il 48% del nostro rame, il 64% di zinco e bauxite e il 78% di nichel. Importiamo tutto il nostro cobalto, platino, titanio e vanadio, oltre ai metalli delle terre rare.

Finora, mi rendo conto che devo essere suonato come uno dei Quattro Cavalieri dell'Apocalisse che porta la notizia della condanna a morte. Possiamo e ettivamente fare nulla contro tutto questo? Beh, per parafrasare un politico che è più famoso di me "Yes we can". Ma prima, molte persone dovrebbero smetterla di sostenere che l'economia è più importante dell'ambiente e rendersi conto della realtà che le due cose devono andare di pari passo.

Cosa si può fare? Che cosa si deve fare?

Per parafrasare ancora quel politico: "we need change". Dobbiamo ripensare il modo

di produrre e consumare. Il processo di ripresa economica non può essere solo

quello stimolare la crescita, deve essere quello di costruire la base per una diversa

qualità della crescita.

Dobbiamo trasformare questa creatività umana e l'innovazione per sfruttare con successo le risorse che ci forniscono la salute e la prosperità, per stendere quei benefici a miliardi di persone, in modi che sfruttino meno le risorse. Dobbiamo passare da un modello economico lineare, dove si estrae, produce, si usa e si getta, ad un modello di economia circolare.

La trasformazione della nostra economia richiederà ulteriori interventi in una vasta gamma di settori politici: dall'energia ai trasporti, dall'edilizia e all'agricoltura ecologica per combattere i cambiamenti climatici, alla conservazione della biodiversità e dei servizi ecosistemici, all'eliminazione dei sussidi dannosi per l'ambiente, spostando le tasse dal lavoro all'inquinamento ed alla risorsa da utilizzare ed incoraggiando l'industria ad avere una visione più a lungo termine e ad investire in tecnologie in grado di ridurre l'impatto sulle risorse.

E abbiamo già fatto alcuni piccoli passi lungo questa strada:

Dal 2000, l'eco-industria europea da sola ha creato 1,2 milioni di nuovi posti di lavoro , impiega oggi circa 3,4 milioni di persone. E questa è solo una piccola parte della storia. E' rendendo più verde tutta l'economia che produrremo la maggior parte dei nuovi posti di lavoro. Lo stiamo già facendo. Lo provano un numero crescente di posti di lavoro verdi, mentre ci muoviamo verso un'economia e ciente delle risorse. La stima più recente è di circa 20 milioni di posti di lavoro o il 5% cento della forza lavoro.

Inoltre, con il mercato globale delle tecnologie pulite che dovrebbe raddoppiare entro il 202, siamo in grado di costruire sui nostri punti di forza attuali. L'Ue è tra i leader mondiali in settori quali l'e cienza energetica e la gestione dell'acqua e dei rifiuti. Oggi forniamo un terzo del mercato mondiale delle tecnologie pulite e, se siamo in grado di mantenere questa quota, in un settore in rapida crescita, questo significherà inevitabilmente nuovi posti di lavoro, nuovi mercati e nuovi benefits per lanciare tecnologie innovative o modelli di business.

Sta alle autorità pubbliche dimostrare leadership e dare i giusti segnali. Poiché, nell'odierna situazione, le forze di mercato sono troppo lente e imperfette, il mondo finanziario, commerciale ed economico ha una visione troppo a breve termine e i politici tendono a lavorare troppo a breve termine, soltanto intorno ai cicli elettorali.

Viviamo in un'economia di mercato e il ruolo del mercato anche in futuro rimarrà centrale. E' il mezzo migliore che abbiamo, ma da solo un libero mercato non è su ciente a portarci alla necessaria transizione. Il mercato non può garantire l'e cienza nell'allocazione e nell'utilizzo delle risorse, se i prezzi non riflettono i veri

costi delle risorse, se premi per il capitale sono sproporzionati rispetto ad altri fattori produttivi, se i manager con contratti annuali sono indotti a prendere decisioni di investimento a breve termine, se le decisioni dei directors' business sono troppo influenzati dai bonus in base al prezzo a breve termine delle azioni.

Abbiamo bisogno di industria e gli investitori on board. Invece di combattere il potere del capitale, o di cercare di legiferare contro i suoi lati ambientali negativi, dobbiamo sfruttare le forze del mercato per trasformare le economie lungo un percorso che sia economicamente, finanziariamente socialmente ed ambientalmente sostenibile. Abbiamo bisogno di green economy. Ma l'industria e gli investitori devono anche prendere on board le preoccupazioni ambientali. Piuttosto che cercare di convincere tutti su quanto la regolamentazione ambientale danneggi la loro competitività, devono invece utilizzare quel denaro e quell'energia per soluzioni innovative necessarie.

Sì, dobbiamo a rontare i fallimenti del mercato, ma dobbiamo anche a rontare gravi problemi di governance.

E' essenziale che ribaltiamo la prevalente logica di breve termine, che è integrata in

tutti i nostri sistemi, siano essi politici od economici. Conoscete qualche politico che

è stato rieletto perché stava difendendo gli interessi a lungo termine rispetto a quelli

a breve termine? Oppure un manager che è stato premiato perché i profitti della sua company erano più bassi per quest'anno ma più sostenibili a lungo termine? Non saremo in grado di gestire il mondo del XXI secolo senza prendere in considerazione

il quadro e le conseguenze più lungo termine.

Pianificare il passaggio a un'economia sostenibile è l'unica strada percorribile. E non

è per il domani: è la realtà di oggi. E' l'unico modo per evitare di passare da una crisi finanziaria ad un "credit crunch ambientale". Questo non è solo un programma di "crescita verde", è un'agenda di crescita che vuole essere verde. Se l'Europa vuole mantenere una base industriale, deve iniziare a innovarsi, investire e specializzarsi nelle attività nelle quali avrà un vantaggio comparato nel contesto globale della competizione per le risorse.

Per dirla semplicemente: In realtà non si tratta di "crescita verde", si tratta solo di crescita. Punto e basta.

*intervento alla discussione pubblica all'Hay Festival (Hay-on-Wye, Gran Bretagna) 27 maggio 2013