Sei sulla pagina 1di 7

IMPIANTI DI TURBINA A GAS

____________________________________________________________________________________
REGOLAZIONE DI UN IMPIANTO DI TURBINA A GAS
Significato e finalit della regolazione per un impianto motore
"Regolare" significa intervenire sull'impianto per fargli erogare pi o meno potenza, secondo le richieste
dell'utilizzatore, rispettando contemporaneamente qualche vincolo collaterale riguardante altri parametri
di funzionamento (per esempio la velocit di rotazione, la temperatura di combustione, ecc.).
Si pu avere per esempio una regolazione che mira a variare la potenza erogata dall'impianto,
mantenendo costante la velocit di rotazione dell'utilizzatore. Questo il caso tipico delle applicazioni
stazionarie, come in un impianto per la produzione di energia elettrica, dove l'utilizzatore un alternatore
che deve ruotare sempre alla stessa velocit, per fornire tensione e corrente alternate a frequenza costante
(f = 50 Hz in Europa, f = 60 Hz in U.S.A.). La potenza, invece, dipende dalla richiesta degli utenti serviti
dal generatore elettrico.
Si pu avere anche una regolazione a giri variabili, tipicamente nelle applicazioni propulsive, come nei
motori adibiti alla trazione terrestre, o alla propulsione navale o aeronautica (motori a getto, turboelica).
____________________________________________________________________________________
Nelle trattazioni seguenti fatta unassunzione generale semplificativa di prima approssimazione:
i rendimenti particolari NON cambiano (isc, yc, b, b, ist, yt, ecc.).
____________________________________________________________________________________
IMPIANTO MONOALBERO A CICLO APERTO
- VARIAZIONE DELLA TEMPERATURA DI COMBUSTIONE (METODO "T3") Per ridurre la potenza erogata dall'impianto viene semplicemente ridotta la portata di combustibile.
Nell'ipotesi che questo NON alteri la portata d'aria, si ha che la dosatura (gi povera) aumenta e la
temperatura di combustione diminuisce.
Nell'ipotesi che il rapporto di compressione NON cambi, si ha che il lavoro massico del compressore
rimane invariato, mentre il lavoro massico della turbina si riduce proporzionalmente alla temperatura di
combustione.
Allora il lavoro massico dell'impianto diminuisce.
Anche il calore massico speso diminuisce, e in maniera pi rapida.
Il calore massico, per, parte da valori di entit maggiore e, in proporzione, diminuisce di meno del
lavoro massico. Pertanto il rapporto lavoro/calore, cio il rendimento dell'impianto, diminuisce anch'esso
(come si vede dai diagrammi in funzione della temperatura di combustione).
La potenza utile dell'impianto diminuisce.
Questo lo si vede dall'espressione in funzione del lavoro massico (che diminuisce) e della portata di gas.
Da ci si ricava pure che, per una determinata riduzione della portata di combustibile, la potenza
diminuisce proporzionalmente di pi di quanto diminuisca il rendimento. E questo vuol dire che la
regolazione, pi o meno vantaggiosa che sia, comunque accettabile. Infatti, per ottenere la riduzione
della potenza in una determinata percentuale, la portata di combustibile viene ridotta proporzionalmente
di meno, ma viene comunque ridotta.
Nel grafico seguente sono illustrate le variazioni subite dal ciclo nel diagramma "T-S".

T3
2

4
T4

T3
c costante
|Lic| costante
Lit
Li
Q1
i

Riassumendo in una sequenza di espressioni le considerazioni esposte si ha:


b riduzione della portata di combustibile
m

a " costante
ipotesi " m

a
m
incremento della dosatura
b
m

b m b H i m a m b c p 'T3 T2 equazione di combustione

p
ipotesi c 2 costante
p1
T3 T1 xc b

H ip

T3 temperatura di combustione

1 c p '

con esponente x = (m1)/m , legato al rendimento del compressore

Lic c p T2 T1 c p T1 xc 1 lavoro massico del compressore costante


p
p
t 3 b 2 b c rapporto di espansione costante
p4
p1

Lit c p ' T3 T4 c p ' T3 1 t x'

Lit lavoro massico della turbina

con esponente x' = (m'1)/m' , legato al rendimento della turbina


Li Lit
Lic Lit
1 Lic Li lavoro massico dell'impianto
1
1

Portata:

m g

se la turbina funziona sempre in condizioni critiche

p3
T3

, con T3 in diminuzione la portata

aumenta.
Potenza utile:
cos t.
cos t. T cos t.
Pu o Pi o m Li o
3
T
3

cos t. T 3

cos t.
T3

In definitive, al diminuire di T3 la potenza utile diminuisce.


Il rendimento globale dellimpianto

g , considerando cost, diminuisce:

=cost

T3

In seconda approssimazione il rapporto di compressione in realt diminuisce poich aumenta la portata


e
diminuisce in genere anche il rendimento c del compressore.

20

0.2

10

0.0

qb/qbo

0.4

1.0

30

0.8

0.6

0.6

40

0.4

0.8

discrimin
qb/qbo

qb

50

0.2

etag/etago

1.0

0.0

anche questi rapportati ai rispettivi valori iniziali


(pedice o) e dove qb definite come:

Regolazione TG mediante variazione della T3

etag/etago

La regolazione (pronta) d luogo a forti variazioni di


g a causa della riduzione di T3 necessaria per ottenere
la diminuzione di Pu richiesta.
Il grafico che segue, caratteristica di regolazione della
turbine, stato ottenuto medianti calcoli di prima
approssimazione, nei quali si considerato il rapporto
di compressione " c" costante.
In funzione della riduzione della Potenza utile,
rapportata al valore iniziale Puo, sono riportati il
rendimento globale ( g ) e il consumo specifico qb,

Pu/Puo

m
1
b
g H i Pu

- LAMINAZIONE ALL'ASPIRAZIONE DEL COMPRESSORE (METODO "LA") Per ridurre la potenza erogata dall'impianto viene ridotta la portata di combustibile.
Per evitare che la conseguente riduzione della temperatura di combustione penalizzi eccessivamente il
rendimento dell'impianto, si esegue contemporaneamente una regolazione anche della portata d'aria, in
modo che la dosatura rimanga costante, e la temperatura di combustione non cambi.
Per ridurre la portata d'aria in proporzione alla riduzione della portata di combustibile si pu usare il
metodo della laminazione all'aspirazione del compressore, che fa diminuire la pressione sulla sezione di
ingresso della turbomacchina operatrice.
Nell'ipotesi che il rapporto di compressione NON cambi, si ha che il lavoro massico del compressore
rimane invariato, mentre il lavoro massico della turbina si riduce perch, a parit di temperatura di
combustione, il rapporto di espansione risulta minore e la temperatura di scarico pi elevata. In prima
approssimazione si assume " c" costante e quindi il lavoro massico del compressore rimane invariato. Il

rapporto di espansione " t", invece, diminuisce proprio perch si riduce "p3", a parit di "p4", e quindi il
lavoro massico della turbina diminuisce. Pertanto il lavoro massico dell'impianto risulta pi basso.
Il calore massico speso Q1, al contrario, rimane in prima approssimazione invariato.
Allora il rapporto lavoro/calore, cio il rendimento dell'impianto, diminuisce.
La portata di gas diminuisce perch viene ridotta in particolare la portata d'aria, oltre che la portata di
combustibile.
La potenza utile dell'impianto diminuisce.
Questo lo si vede dall'espressione in funzione del lavoro massico (che diminuisce) e della portata di gas
(che diminuisce).
Ma la stessa cosa risulta evidente dall'espressione in funzione del rendimento globale dell'impianto e
della portata di combustibile, parametri che diminuiscono contemporaneamente.
Da ci si ricava pure che, per una determinata riduzione della portata di combustibile, la potenza
diminuisce proporzionalmente di pi di quanto diminuisca il rendimento. E questo vuol dire che la
regolazione, pi o meno vantaggiosa che sia, comunque accettabile. Infatti, per ottenere la riduzione
della potenza in una determinata percentuale, la portata di combustibile viene ridotta proporzionalmente
di meno, ma viene comunque ridotta.

T3 costante

p1
c costante
|Lic| costante
Lit
Li
Q1
i

T4

2
c costante

4
p1

S
Riassumendo in una sequenza di espressioni le considerazioni esposte si ha:
b riduzione della portata di combustibile
m
p1 riduzione della pressione all'aspirazione del compressore

"T1 " temperatura costante all'aspirazione del compressore (trafilamento isentalpico nella valvola)
a riduzione della portata di aria
m

a
m
"" costante "T3" costante
b
m

b H ip m
a m
b c p ' T3 T2 equazione di combustione
b m

p
ipotesi c 2 costante (si veda poi)
p1
T3 T1 cx b

H ip

1 c p '

temperatura di combustione costante

con esponente x = (m1)/m , legato al rendimento del compressore

Lic c p T2 T1 c p T1 xc 1 lavoro massico del compressore costante

p
p
p
p
p '
t 3 b 2 b 2 1 int b c 1 rapporto di espansione diminuisce
p4
p1est
p1 int p1est
p1

dove "p1'/p1" il rapporto di strozzamento, usato come variabile di regolazione.


x'
Lit lavoro
Lit c p 'T3 T4 c p 'T3 1 t x' c p ' T3 T4 c p 'T3 1 t

massico della turbina, con esponente x' = (m'1)/m' , legato al rendimento della turbina

Li Lit
Lic Lit
Lic Li lavoro massico dell'impianto
1
1

Q1 c p 'T3 T2 c p ' T3 T1 cx

spesa di calore massico costante

L
g b o i
g rendimento globale dell'impianto
Q1
g m
a m
b m
a m
b m
g portata di gas
m
Questo risultato coerente con l'espressione (turbine sempre critica):

m g

p3
T3

dove, con "T3" costante, si ha: m g (p3 diminuisce in quanto si reduce p1 e c costante)

g Li o m
g Li
Pu o Pi o m

Pu potenza utile dell'impianto

b H i g m
b H i Pu
Pu g m
qb

m b
m
1
1

b
qb consumo specifico di combustibile
Pu g H i Pu g H i

In effetti, se la turbina sempre critica:


m g

p3
T3

T1
T
T
p
3 1 c 1 c
p1
T3 p1
T3
(trascurando le cadute di pressione nel combustore)
m g

Relazione che, riportata sulla caratteristica del compressore, risulta una retta, con T 1 e T3 costanti e fino a
quando la turbine permane critica.

Caratteristica lineare della


turbina riportata sulla
caratteristica manometrica del
compressore.

Il punto A, intersezione tra la caratteristica (lineare) della turbina e quella manometrica del
compressore, non si modifica in quanto il numero di giri del compressore costante ( collegato
allalbero turbine) come pure il rapporto

T1

. La portata si reduce pertanto nel rapporto p1/p1 in quanto

T3

la portata corretta del punto A non si modifica.


Il grafico che segue, caratteristica di regolazione della turbina, stato ottenuto medianti calcoli di prima
approssimazione, nei quali stato considerato il rapporto di compressione " c" costante.

qb/qbo

0.4

20

0.2

10

0.0

qb/qbo

30

1.0

0.6

0.8

40

0.6

0.8

0.4

discrimin

50

0.2

etag/etago

1.0

0.0

etag/etago

Regolazione TG mediante
laminazione all'aspirazione del compressore

Pu/Puo

____________________________________________________________________________________

CONFRONTO FRA METODI DI REGOLAZIONE


Dal confronto dei risultati ottenuti si vede che il metodo di regolazione "T3" migliore del metodo di
regolazione "LA" (che pure era stato attuato con l'intento di non ridurre "T3", per non penalizzare troppo
il rendimento ma stata introdotta per anche la dissipazione dovuta alla laminazione allaspirazione del
compressore). Tuttavia, nel caso di impianto rigenerativo, le conclusioni possono essere ribaltate.
Infatti, riducendo la "T3" si abbassa anche la "T4", e si ha meno calore di scarico da sfruttare per la
rigenerazione; al contrario, laminando all'aspirazione del compressore, la "T4" aumenta, mettendo a
disposizione pi calore di scarico da sfruttare per la rigenerazione.
____________________________________________________________________________________