Sei sulla pagina 1di 3

Per molti l'inglese è una lingua semplice, soprattutto per quanto riguarda le sue regole di base. Esse si riferiscono alle competenze minime necessarie alla comunicazione, per esempio:

  • - come formare il plurale (in inglese questo è molto semplice)

  • - imparare le coniugazioni ( in inglese quasi non esiste)

  • - conoscere il genere dei sostantivi ( in inglese ce n'è soltanto uno)

Comodo vero?

Persone che hanno come lingua madre una lingua romanza, come per esempio l' italiano, hanno un altro vantaggio. La metà del vocabolario è di origine latina e quindi molte parole sono simili: guardate. To contain, to sustain, to maintain, to observe, to attack etc. etc. Un pò di intuito ed è fatta. Il sistema temporale inglese inoltre, pur essendo in realtà più semplice, è piuttosto simile al nostro.

Rimane l'ortografia, problematica per tutti perchè realmente arbitraria!

Ma quali sono i problemi dell'Inglese? Il gerundio e il participio presente ad esempio, come vedremo, lo sono. E poi l'imperfetto e i verbi modali.

Nessuna paura, ogni problema verrà affrontato e risolto.

La pronuncia è la difficoltà più grande dell' inglese.

Le vocali rappresentano un problema: le stesse lettere / o gruppi di lettere possono essere pronunciati in maniera diversa.

 

descrizione

esempi

a

una e aperta

parola

cat (gatto), flat (appartamento), tax (tasse)

task (compito), father (padre)

a

a

una e apera lunga a lunga, aperta, come in

simile a una e corta,

have (avere), can (potere), man (uomo)

e

e

aperta in eccezione alla fine di una parola

level (livello), neck (nuca)

have (avere), give (dare)

questa e non si

pronuncia

i

i corta, come in piscina

live (vivere), give (dare), mix (mischiare)

i

simile a sai

life (vita), high (alto), flight (volo)

o

o corta, aperta, come in orgoglio , potere o larga, aperta (più lunga

block (blocco), mock (scherno), Monday (lunedì)

o

domain (dominio), forget (dimenticare), rose (rosa)

u

che la o italiana) a corta, aperta, come in

cut (il taglio), mud ( fango), unfair (ingiusto), muggle

u

sapere, passare u chiusa

(figura in Harry Potter) human (umano)

u

u lunga come in dubbio

dude (fanfarone)

u

i

i corta come in ripetere

busy (occupato)

Con i gruppi vocali sorge lo stesso problema proprio delle vocali. Da una parte un gruppo di vocali può essere pronunciato in modi diversi e dall' altro esistono diversi gruppi di vocali per lo stesso suono.

 

Esempi

ai

ey

e lunga che si trasforma in i come in sai, dai

aw

o:

o aperta, lunga

ei

ey

e lunga che si trasforma in i come in sei

ea

i:

i lunga come in intelligente

ee

i:

li come in intelligente

ei

i:

i come in intelligente

ie

ie

i come in intelligente

ia

eia

non esiste in italiano

ia

i corta seguito da una e aperta, corta

ea

ä

e aperta corta

ei

ei

non esiste in italiano

eu

ju

i come in Jugoslavia

ew

ju

i come in Jugoslavia

ue

ju:

i come in Jugoslavia

oo

u

u come in numero, ma più lunga

ow

ou

o aperta che si trasforma in u

In generale le consonanti esistono anche in italiano e sono quindi puttosto facili.

en

de

descrizione

esempi

b

b

simile alla b (ballo) italiana

ball (ballo)

c

s

s sonora

ceiling (tetto)

c

k

c come in camera

cake (torta)

d

d

d come in dubbio

doll (bambola)

f

f

come in felice

forget (dimenticare)

g

g

come in grosso

garden (giardino)

h

h

non esiste in italiano qualche volta

hat (capello)

h

-

neanche in inglese è

human (umano)

j

dsch

pronunciata come in gioia como c (davanti a a,

jungle (giungla)

k

k

o, u)

duke (conte)

l

l

come in lungo

long (lungo)

m

m

come in madre

man (uomo)

n

n

come aranca

banana (banana)

p

p

come potere ma non così esplosiva

pupil (allievo)

r

-

nè come la r italiana, nè come la r

rabbit (coniglio), road (strada), corn (frumento)

s

s

francese, nè come la r tedesca: qualche cosa di speciale una s sonora

search (cercare), sick (malato), seal (foca)

s

s

s soffice

music (musica)

t

t

come tentare

trouble (problema), tiger (tigre),

v

v

la famosa w tedesca

better (migliore) van (furgone), vary (variare),

w

w

simile alla w tedesca, ma non uguale: la si pronuncia con le labbra pronunciate in avanti

visit (visitare) wine (vino), winter (inverno), wild (selvaggio)

x

x

questo in italiano

sarebbe ks non esiste in italiano,

mix (mischia)

y

ei

ma è simile a sai

fly (volare), my (mio), why (perchè)

y

i

i come insultare

happy (felice), busy (occupato)

z

z

s soffice, sonora

zero (zero), zone (zona)

en

de

Descrizione

esempi

ch

tsch

come ciao

check (esaminare), rich (ricco)

ch

k

come chi

chemistry

ck

k

come nuca

neck (nuca) laugh (ridere), tough (forte), enough

gh

f

come freddo

gh

-

non si pronucia

(sufficiente) through (attraverso) sing (cantare), bring (portare), spring

ng

ng

simile a n in mancare

qu

kw

una k seguita da una w tedesca

(primavera) quit (terminare)

sh

sch

come sc en italiano, sciarpa

bush (arbusto), crash (accidente)

sp

sp

come in speciale

spring (primavera), sport (sport)

st

st

st come instabile

stick (palo), star (stella)

th

Suono sconosciuto in italiano. Forse lei conosce la famosa z spagnola: è lo stesso

th

versione morbida

suono. the (il, la), neither (nè), leather (pelle), gather (collezionare)

th

versione dura

theater (teatro), threat (minaccia), thorn (spina), throne (trono)

L' ortografia non sembra molto logica nemmeno ai madrelingua inglese che talvolta cedono alla tentazione di semplificare, scrivendo per esempio Tonite live music (invece di Tonight live music) o Drive Thru (invece di Drive Through). Molte sono le discussioni a questo proposito: il tempo ci mostrerà quale soluzione si troverà.

Il suono più difficile del inglese è rappresentato dalla combinazione th. Chi sa un pò di spagnolo è facilitato, poichè questo è lo stesso suono della famosa z spagnola (azucar, Zaragoza, cazar

etc.). Questo suono si

produce soffiando

con

la

lingua in mezzo

ai

denti. Di questo suono

esistono una variante sonora

e

l'

altra

sorda.

Chiamamo sonori

i

suono

che

pronunciamo

facendo vibrare le cordi vocali e afoni quelli che pronunciamo senza farle vibrare. In italiano per esempio g (gioco, giovanne) è sonora, mentre c (cinema, circo) è sorda. Si tocchi la laringe e

vedrà che una volta le cordi vocali vibrano

e

l'

altra

volta

no.

Nei

dizionari si trova la transcrizione

fonetica di questo

suono. Ne

esistono due tipi:

  • th

affono

come

in

them

(loro),

the

(il

/

la)

,

thing

(cosa)

  • the sonoro come in thursday (giovedì), everything (tutto).

Molto spesso si discute sulle differenze tra l' inglese parlato nei Stati Uniti e quello parlato in Inghilterra. E in effetti esse esistono, anche nell'ortografia. In Inghilterra per esempio si scrive programme e negli Stati Uniti programm, in Inghilterra si scrive colour e nei Stati Uniti color color etc. Ma l'inglese è sicuramente la lingua più tollerante per quanto riguarda i diversi accenti: esiste l'accento delle Nuovo Zelanda, dell'Australia, dell'Africa dal Sud, dell' India etc. etc. Anche i giornalisti che lavorano per la BBC hanno accenti diversi. È abbastanza chiaro che una lingua parlata in tutto il mondo conosce più pronunce di una lingua propria in un solo paese. In questo manuale si presenta l'inglese "colto" parlato nei Stati Uniti come norma. Non per il fatto che sia più bello, migliore o più semplice etc. , ma semplicementi per il fatto che il numero di persone che usano questa pronuncia è per ovvi motivi superiore.