Sei sulla pagina 1di 2

Il Porto di Augusta | AUTORITA' PORTUALE DI AUGUSTA http://www.portoaugusta.it/1/il_porto_di_augusta_2176574.

html

SITO UFFICIALE

Home
Home > Il Porto > Il Porto di Augusta
Meteo
stampa pagina
Autorità Portuale
<< >>
Il Porto

Servizi Il Porto di Augusta


Ordinanze/Regolamenti
Istituzioni
Concessionari/Avvisi
Ministero delle
Infrastrutture e dei
Normative
Trasporti
Regione Siciliana
Bandi e Gare d'appalto
Comune di Augusta
Capitaneria di Porto
Comunicazione
Dogana
Il porto di Augusta è stato individuato con delibera CIPE 35/2005 quale polo logistico
da sviluppare. Carabinieri
Rassegna Stampa
Tale scelta è scaturita principalmente per le seguenti caratteristiche: Polizia di stato
l’adeguatezza dei collegamenti stradali agli interporti di Catania e Termini Guardia di Finanza
Contatti
Imerese; Marina Militare
la presenza di un terminal Ro Ro capace di stoccare, al momento, 220 autotreni Vigili del Fuoco
contemporaneamente; Protezione Civile
l’esistenza di piazzali area di oltre 260.000 mq estensibili, con interventi Polizia Municipale
minimali a 650.000 mq; Comune di Priolo
la sua posizione baricentrica nel Mediterraneo. Comune di Melilli

Rientrando nell’accordo di programma CIPE 35/2005 taluni finanziamenti hanno


consentito di avviare la progettazione definitiva di alcune opere inserite nel Piano
Regolatore Portuale di Augusta.
L’inizio dei lavori è prevedibile per l’inizio dell’anno prossimo.

La scelta del porto di Augusta, quale porto Hub, può sintetizzarsi come segue:
- presenza di fondali trai 14 e i 16 metri, con possibilità di arrivare a 22 – 28
metri utilizzando le opportunità offerte dalla bonifica/dragaggio dei fondali della
rada;
- esistenza di oltre 1200 ettari di area, in parte demaniale, in parte aree
dimesse o non utilizzate dalle industrie petrolchimiche da destinare
all’insediamento di attività imprenditoriale e di servizio per lo sviluppo di
iniziative collegate all’import/export;
- possibilità di implementare le aree di stoccaggio e arredarle con banchine e
piazzali adeguati utilizzando le possibilità offerte dalla necessità di
bonificare/dragare la rada, contestualmente assicurare un grado di
specializzazione nella realizzanda area per offrire agli imprenditori nuove
opportunità di investimento in attività manifatturiere e di trasformazione dei
semilavorati prodotti dall’industria petrolchimica nonché di commercializzazione
della produzione;
- potenziale elevata entità del traffico combinato, alternativa al traffico tutto
strada sulla relazione di traffico con l’Europa continentale ed i porti del bacino
del Mediterraneo;
- possibilità di istituire un area punto franco doganale per i traffici extra U.E., in
area decentrata e facilmente controllabile ubicata lungo la diga foranea centrale
della rada di Augusta attraverso la trasformazione della stessa diga con la
realizzazione di un isola di 87 ettari con 3 km di banchine con fondali 18-20
metri.
In tale contesto di caratteristiche strutturali oggettive e di ipotesi realizzative,
l’Autorità Portuale di Augusta ha interessato il Ministero delle Infrastrutture Dir.
Gen.le per la programmazione – Div.3- programmi nazionali ed europei reti e
mobilità – Autorità di Gestione PON Reti e Mobilità 2007/2013, inviando numerose
schede contenenti sia le previsioni di opere portuali previste dal piano regolatore

1 of 2 13/03/2010 19.07
Il Porto di Augusta | AUTORITA' PORTUALE DI AUGUSTA http://www.portoaugusta.it/1/il_porto_di_augusta_2176574.html

2 of 2 13/03/2010 19.07

Interessi correlati