Sei sulla pagina 1di 21

Costruzione di Macchine 2

Stima della vita residua di una bombola


tramite strain approach e meccanica della
frattura

Evidenze sperimentali

Evidenza di unestesa cricca circonferenziale sul fondo della bombola.


M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

Modellazione agli elementi finiti (1)

Modello assialsimmetrico
della bombola, data la
geometria e le condizioni
di carico.

M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

Modellazione agli elementi finiti (2)


Geometria e carichi:
diametro esterno = 230 mm, spessore = 5.8 mm
pressione interna pari a 300 bar

Caratteristiche della griglia:


elevato numero di e.f. per cogliere eventuali elevati gradienti di sforzo
e.f. con funzione di forma quadratica ed integrazione ridotta
M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

Modellazione agli elementi finiti (3)

max,p = 1026 MPa

M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

max,p = 322 MPa

Modellazione agli elementi finiti (4)

M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

Strumenti analitici
La stima della vita residua per il componente bombola pu essere
effettuata con diversi approcci
In ogni caso sempre possibile descrivere il problema prendendo in
considerazione da una parte la geometria ed i carichi, dallaltro il
materiale
In particolare vengono seguite le due seguenti filosofie:
meccanica della frattura (si considera una fessura iniziale, si valuta il
fattore di intensificazione degli sforzi e si usa una legge di propagazione
per la valutazione dei cicli a rottura)
strain approach (si valuta il livello di deformazione ciclica tramite regola
del Neuber ed il numero dei cicli a rottura tramite Coffin-Manson)
Nella presente esercitazione verr utilizzato lo strain approach per il
fondo della bombola, mentre la meccanica della frattura sar utilizzata per
il mantello cilindrico della bombola.

M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

Stima del coefficiente di intaglio (1)


Il profilo di sforzi pu essere visto come la sovrapposizione di una
componente assiale e una flessionale:

= a + f
Dato il profilo di sforzi originario, la componente assiale pu essere
calcolata come:

1
a = (l ) dl
t t
ovvero come la componente media di sforzo nello spessore della bombola

M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

Stima del coefficiente di intaglio (2)


Il profilo di sforzi flessionali linearizzato ottenuto tramite la seguente
espressione:

6
f = 2 [ (l ) a ] [l0 l ] dl
t t

max
kt =

l0
M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

Regola del Neuber (1)


La regola del Neuber viene utilizzata per lidentificazione del ciclo di
isteresi a cui viene localmente sottoposto il materiale
Viene presa in considerazione la risposta ciclica del materiale espressa
mediante la relazione di Ramberg-Osgood:

+
E K

Il vertice superiore del ciclo di isteresi quindi identificato dalla seguente


relazione:

2
2
n

sup
(
k

sup
t
max

+
sup =
=
E
E
E K

M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

Regola del Neuber (2)


Il vertice inferiore viene invece identificato considerando il delta di
deformazione e sforzo allo scarico:

+ 2

2 K
E

2
2

(kt )
max
=
=
E
E

= sup , = sup
Attenzione: nellespressione delliperbole del Neuber viene utilizzato
ancora max in quanto la bombola sottoposta ad un ciclo di pressione
pulsante dallo zero (R = 0)!

M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

Regola del Neuber (3)

med

M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

= sup
2

Stima della vita con Coffin-Manson (1)


Si fa riferimento alla espressione di Coffin-Manson con la correzione del
Morrow per lo sforzo medio per la parte elastica

a =
1 med
f
E

(2 N f ) b + f (2 N f ) c

e anche per la parte plastica

med

a =
1
f
E

(2 N f ) b + f

M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

med
1

c
b

(2 N f ) c

Stima della vita con Coffin-Manson (2)


Noti quindi ampiezza di deformazione e sforzo medio immediato
ricavare il valore dei cicli a rottura

M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

Stima dei cicli a rottura con MFEL (1)


Si prende in considerazione un difetto iniziale semi ellittico con profondit
a0 pari al 5% dello spessore del mantello e semi-asse c0 pari a 5 volte la
profondit.

A
C

Partendo dal difetto iniziale, la propagazione viene calcolata con una


semplice legge del Paris, indipendentemente per il punto A e per il punto
C
Il difetto si considera sottoposto ad uno sforzo di apertura costante, pari
alla componente assiale nel mantello
La propagazione viene arrestata al 95% dello spessore del mantello
M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

Stima dei cicli a rottura con MFEL (2)


a0 , c0 ,

A ,i

a a
= f i , i ,
t ci

nom

a a
K C , i = f i , i
t ci

da
dc

= f ( K A , i ) ,
= f ( K C , i )
dN i
dN i

da
a i +1 = a i +
dN
dN

dc
, c i +1 = c i +
dN
dN

a i + 1 > a lim
s
Fine propagazione
M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

no

Stima dei cicli a rottura con MFEL (3)


Un altro aspetto importante da tenere in considerazione che la
propagazione potrebbe avvenire in modo instabile qualora il valore del
fattore di intensificazione degli sforzi superi il valore di tenacit a frattura
del materiale (KIC)
In particolare, oltre a monitorare il valore della profondit di fessura
raggiunto, bisogna anche assicurarsi di non superare la tenacit a frattura
del materiale

M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

Dati e punti da svolgere per strain approach


Viene richiesto di eseguire i seguenti punti:
1. Ricavare il profilo di sforzi linearizzato;
2. Stimare il coefficiente di intaglio per il raccordo della bombola;
3. Disegnare il ciclo di isteresi locale;
4. Stimare la vita tramite Coffin-Manson;

I dati necessari per la risoluzione sono i seguenti:

E = 221000 MPa , K = 1366 MPa , n = 0.138


f = 1211 MPa , b = 0.0709 , f = 1.0078 , c = 0.652
Il profilo di sforzi dato nel file Profilo_Sforzi.txt

M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

Dati e punti da svolgere per la propagazione


Viene richiesto di eseguire i seguenti punti:
1. Stimare il numero di cicli per raggiungere il 95% dello spessore
2. Verificare se la bombola cede per leak before break o propagazione
instabile
I dati necessari per la risoluzione sono i seguenti:

C = 2e - 13 , m = 3
K IC = 200 MPa m
Viene allegato anche la subroutine SIF.m per il calcolo dei SIF

M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

Appendice Soluzione di Newman e Raju (1)

M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA

Appendice Soluzione di Newman e Raju (2)

M. Madia STIMA DELLA VITA RESIDUA DI UNA BOMBOLA