You are on page 1of 50

L’EDITORIALE DEL DIRETTORE punto, in poche ore, che l’ammontare econo-

mico degli aiuti sfiorasse l’ingestibilità. Inge-


Tempo fa, a Milano, andava di moda il stibilità che, a quanto pare, si è riflessa anche
.....................................................................
..................................................................... “momento degli abbracci”. Alcuni volontari nella gestione della solidarietà mondiale.
.....................................................................
..................................................................... si riversavano in piazza, quella del Duomo Non è la partecipazione popolare al dramma
.....................................................................
..................................................................... in particolare, e elargivano affettuosi ab- haitiano, quindi, ad essere messa in dubbio.
L’editoriale del Direttore
..................................................................... bracci ai passanti. Era possibile osservare le Le domande e i dubbi, invece, si addensano
Perché aiutare, perché ricordare? sulla testa di chi quella partecipazione l’ha
.....................................................................
dovuta gestire. Certo, in un cataclisma di
Bertolaso vs Clinton:
quelle proporzioni, è difficile trovare effi-
Emergenza nell’emergenza
..................................................................... cienza in poco tempo, ma qualcuno ha usato
Il terremoto di Haiti: il termine “patetico” per definire il clima
Colpa degli U.s.a.?
..................................................................... dell’organizzazione.
Nautilus vs Revisionisti 4.a parte
.....................................................................
Incontro con Roberto Saviano
.....................................................................
Il lago Titicaca e lo slittamento
della crosta terrestre
.....................................................................
Retroingegneria seconda parte
.....................................................................
Fotoreportage:
Torino misteriosa più disparate reazioni: c’era chi schivava il
..................................................................... “colpo”, chi restava piacevolmente sorpreso.
.....................................................................
..................................................................... Non mancavano i maleducati, purtroppo. Ri-
.....................................................................
.....................................................................
.....................................................................
..................................................................... pensare a quegli episodi mi induce ad una ri-
.....................................................................
..................................................................... flessione. Una riflessione che, visti gli eventi,
.....................................................................
.....................................................................
.....................................................................
..................................................................... vorrei mettere in relazione a quello che è Allora mi chiedo: come è possibile che l’effi-
.....................................................................
.....................................................................
.....................................................................
..................................................................... successo e sta succedendo ad Haiti dopo il cienza con cui si scatenano le guerre non sia
.....................................................................
..................................................................... terremoto. Non è una riflessione geologica, controbilanciata da una rigorosa organizza-
.....................................................................
.....................................................................
.....................................................................
..................................................................... quindi, ma sociale e sociologica. zione della macchina degli aiuti?
.....................................................................
..................................................................... Le polemiche sulla gestione degli aiuti: Come è possibile che siamo diventati più
alcuni di noi hanno inviato sms, altri hanno bravi a dare morte che vita? Come siamo
donato, altri ancora si sono mossi per una so- arrivati al punto da opporre un netto rifiuto
lidarietà più concreta e attiva. Tutti abbiamo ad un volontario che ci dona un abbraccio
1 letto e ci siamo informati. Nessuno, credo e
spero, è rimasto insensibile. Siamo arrivati al
in piazza?
Vorrei che tutti ci interrogassimo. Magari
provando a dare delle risposte. tenza. Non sono bastati i milioni di morti e di sterminare i propri avversari: spesso i
Io ne ho qualcuna, ma è meglio che le tenga della seconda guerra mondiale o gli orrori propri simili. Ma accanto al demone che ci
per me. Almeno per ora. della Shoah per cancellare per sempre portiamo dentro esiste un’altra natura, che
l’errore dell’ideologia nazifascista. Non porta tanti a rischiare la vita per pochi. Che
Maurizio Decollanz, alias “Capitano Nemo” basta mai l’impegno di medici, infermieri, spinge gli uomini a sfidare i meccanismi
volontari, professionisti che in mille teatri della lotta per la sopravvivenza. A voltarsi
e tornare indietro quando tutto dovrebbe
PERCHE’AIUTARE, PERCHE’RICORDARE? spingerli oltre. Io, voi, noi esseri umani
siamo tutto questo. Coraggiosi e vili, pigri
Al di là del fresco ricordo delle bottiglie e instancabili, pietosi e feroci.
stappate e di tutte le speranze e gli auguri Angeli e demoni in un solo corpo. E a noi
per un 2010 felice e carico di gioie, que- spetta il tremendo compito di scegliere
sto primo mese del nuovo anno ci ha già la nostra via con la consapevolezza di
fatto capire che le sfide non finiscono mai. non poter attribuire tutte le nostre azioni
Che sempre di più storie apparentemente all’istinto.
lontane entrano a far parte del nostro quoti- La nostra coscienza è sempre di fronte a
diano. Questa lontananza può essere tanto e verso mille disastri accorrono e operano noi. Per alcuni è una maledizione. Per altri
geografica quanto storica, poco importa. Il per far fronte ad una nuova, mai vista scia- un bene immenso e a volte immeritato.
fatto è che gli uomini son sempre uomini e gura. Le ennesime richieste di solidarietà e Ma al di là del suo giudizio, la scelta spetta
il dolore e la morte rimangono tali dovun- impegno sociale sono già qui, a gennaio. solo e soltanto a noi.
que e in qualunque momento. Il terremoto E si può a ragione temere che se sono le La mia speranza è che anche questa volta
dell’ Aquila e quello di Haiti, le svastiche prime, non saranno le ultime. Che fare? Si gli uomini siano pronti a sfidare le calami-
di ieri e quelle di oggi. Senza fare troppi può dire che abbiamo già aiutato tante vol- tà, a superare i propri limiti. Perché senza
sofismi, ci ritroviamo ancora una volta di te -secondo le nostre disponibilità- e che questa speranza a nulla varrebbe proporre
ancora di più ci si è spesi per condannare immagini e articoli, numeri utili per aiuta-
tanto l’insensatezza della guerra quanto re nostri simili in difficoltà o pensieri per
la ferocia umana. Che quindi per questa coloro ai quali è stato negato il resto della
volta si può passare la mano, riposare, propria vita.
risparmiarci, cambiare canale o voltare la E’ essenziale ricordare la Shoah, ma al-
pagina. E io come voi sono tentato spesso trettanto importante è ricordare e capire
di farlo. Così come tutti noi abbiamo spes- come si sia potuti arrivare a tanto. Da dove
so la tentazione di abbandonarci a quella
fronte a mille problemi, nuove difficoltà e natura che probabilmente ci fa annoverare
sembra sempre di camminare in circolo: ri-
trovandoci continuamente al punto di par-
tra le specie più pericolose e letali di que-
sto universo. Capaci di uccidere per diletto
2
è cominciato il processo che ha fatto ger- briga di ascoltare l’intervista si sarebbe Ed è proprio questo il rischio. Che anche
mogliare i semi dell’odio. Bisogna com- compreso il suo concetto e non si sareb- il più piccolo sacrificio, anche uno che
prendere che è facile diventare cattivi, che be potuto fare a meno di dargli ragione. può costarci un piccolissimo sforzo (sia
è semplice perdere la voglia di conoscere Perché quando le persone non hanno la fisico che economico) si ingigantisca per
le ragioni dell’altro e che è quasi automa- possibilità di realizzarsi, di avere un lavoro pigrizia, per indolenza o ancora peggio per
tico avere paura, coltivare la rabbia e dare e di trascorrere una vita dignitosa, quando un principio che quella domanda potrebbe
libero sfogo all’odio. il benessere smette di diffondersi per con- portare con sé. Comprendere invece di ag-
La Storia non insegna nulla se fingiamo di centrarsi nelle mani di pochi e i problemi gredire, aiutare invece di passare oltre sono
ascoltare le sue parole. Così come -quando di una famiglia cominciano a divenire doti da mantenere in costante esercizio, o
non se ne ha bisogno- non si conosce la tanti, troppi, è normale che la società civile si perdono. Molto più in fretta di quanto sia
gioia che proviene dal ricevere aiuto. s’imbruttisca. Che “chi ce la fa” diventi stato necessario per acquisirle. O si pensa
Ma chi aiuta noi? antipatico, invidiato, odiato. E se questo davvero che coloro che hanno appeso a
Chi aiuta i lavoratori Eutelia, i cassainte- qualcuno è anche straniero.. testa in giù Mussolini fossero dei diavoli
grati della Fiat, i piccoli imprenditori del Così come è normale pensare di infischiar- e non degli uomini? Erano malati di odio,
Nordest che sono a rischio chiusura ogni sene degli altri, di problemi etici come di povertà, di guerra. Malati di propaganda
giorno da tre anni, i giovani a tempo deter- e di ristrettezze. Esempio di un paese im-
minato, gli anziani con pensioni da fame, bruttito. Anche dal fascismo.
gli ingegneri con trent’anni di esperienza Riproporremo nel magazine un articolo di
che rischiavano di finire in mezzo a una Nautilus. Perché c’è un’altra cosa molto
strada? Chi aiuta gli impiegati, gli operai? importante che Saviano ha compreso: che
Anche questo conta. E conta moltissimo. bisogna far capire che la legalità conviene.
Perché sono proprio queste persone a dare E oltre ai principi etici bisogna tornare a
gli aiuti più consistenti -in ogni ambito- dimostrarla questa convenienza. E allo
ogni volta che ce n’è bisogno. Sono quelli stesso modo, penso, bisogna tornare a
che non possono (o non potrebbero), i pro- dimostrare la convenienza della libertà ri-
tagonisti silenziosi della Storia. quelli di una Shoah che è ormai “roba vec- spetto alla tirannia, della fratellanza rispet-
Qualche tempo fa Roberto Saviano ha chia”, di più di cinquant’anni fa. Ed eccez- to all’egoismo. Dell’uguaglianza rispetto
dichiarato in un’intervista che l’Italia sta zione non fanno i terremotati di Haiti. ai privilegi. Troppe volte si è dato per
diventando un paese cattivo. Al di là delle La domanda è sempre quella: chi aiuta me? scontato il valore della democrazia. E’ for-
facili strumentalizzazioni che una frase del Ma pensiamoci bene: se toccasse a noi, se tornato il momento di far capire perché
genere ha scatenato, se ci si fosse presi la non ci aspetteremmo un aiuto? E le perso- conviene. Come conviene aiutare il prossi-
ne che dovrebbero tenderci la mano, non mo. Come conviene non dimenticare.
l’avranno già tesa altre mille e mille volte
3 ad altri? Per una volta, magari proprio per
noi, potrebbero decidere di farne a meno.
Mattia Paolinelli, alias “Nostromo”
CARITAS C/C POSTALE N. 347013 specificando nella causale: Emergenza
terremoto Haiti. Offerte sono possibili anche tramite altri canali, tra
cui: UniCredit Banca di Roma Spa, via Taranto 49, Roma - Iban:
IT50 H030 0205 2060 0001 1063 119, Intesa Sanpaolo, via Aurelia
796, Roma - Iban: IT19 W030 6905 0921 0000 0000 012, Banca
Popolare Etica, via Parigi 17, Roma - Iban: IT29 U050 1803 2000
0000 0011 113 ò CartaSi e Diners telefonando a Caritas Italiana tel.
06 66177001.

UNICEF c/c postale 745.000, causale: ‘Emergenza Haiti’; -carta di credito on-
line su www.unicef.it, oppure chiamando il numero verde UNICEF
800745000; -cc bancario Banca Popolare Etica IBAN IT51 R050 1803
2000 0000 0510 051”; -i comitati locali dell’UNICEF presenti in tutta
Italia (elenco sul sito-web www.unicef.it). Per maggiori informazioni,
Ufficio stampa UNICEF Italia, tel.: 06.47809355/233 e 335/6382226 e
335/7275877; e-mail: press@unicef.it, sito-web: www.unicef.it.

CROCE numero verde tel. 800.166.666; - donazione online causale «Pro emer-
genza Haiti» www.cri.it; - bonifico bancario causale «Pro emergenza
ROSSA Haiti» IBAN IT66 - C010 0503 3820 0000 0218020.

MEDICI MSF a Haiti tramite carta di credito telefonando al numero verde


800.99.66.55 oppure allo 06.44.86.92.25; bonifico bancario IBAN
SENZA IT58D0501803200000000115000; conto corrente postale 87486007
intestato a Medici Senza Frontiere onlus causale Terremoto Haiti;
FRONTIERE online sul sito www.medicisenzafrontiere.it.

SMS FONDAZIONEAGIRE MISERICORDIE c/c 000005000036, Monte dei Paschi


di Siena spa, Firenze Agenzia 6, Iban:

48541
IT 03 Y 01030 02806 000005000036;
oppure sul conto corrente postale n°
000021468509, Firenze Agenzia
29, IBAN: IT 67 Q 07601 02800
000021468509 entrambi intestati a
Da cellulari Tim e Vodafone o chiamando lo stesso numero Confederazione Nazionale con
da rete fissa Telecom Italia. La donazione è di 2 euro. causale «Pro Haiti».

4
BERTOLASO vs CLINTON
emergenza nell’emergenza

Sebbene tutti si debba essere


grati alle nazioni che si sono
accollate l’onere di aiutare la
popolazione haitiana colpita
dal terremoto, la domanda
“si può far meglio?” è una

VS
di quelle che ci si può e ci
si deve sempre porre. Perché
dagli errori si può e si deve
imparare. Ma questa doman-
da non dev’essere un j’accuse
estemporaneo, specie se ri-
volto ad un paese –come gli
Stati Uniti- che dal 18 genna- GUIDO BERTOLASO HILLARY CLINTON
io scorso ha schierato 13.300 Da più di otto anni alla Segretario di Stato
guida della Protezione Americano
uomini su unità navali e ha Civile Italiana
fatto giungere per via aerea..

5 Numerose foto presenti nell’articolo sono tratte dal sito di Medici senza Frontiere, dove potrete
trovare l’intera Photogallery
600 tonnellate di viveri e medicinali. Sen- lo stemma della propria organizzazione, a garanzie. Il contenuto di questo cargo di 12
za contare i 30 elicotteri militari operativi fare bella figura davanti alle telecamere, tonnellate costituiva la seconda tranche del
ad Haiti, che collegano 9 zone del Paese. piuttosto che mettersi a lavorare per porta- precedente cargo di 40 tonnellate a cui era
Dagli Usa hanno finora raggiunto le zone re soccorso a chi ha bisogno». Certe parole stato impedito di atterrare domenica matti-
colpite dal terremoto 250 medici e tre car- infatti corrono il rischio di rientrare nello na. Dal 14 gennaio, cinque voli umanitari
go carichi di medicinali. E’ arrivata anche stesso ipotetico “circo” che vorrebbero di MSF sono stati dirottati dall’aeroporto
la nave-ospedale Comfort, con 600 condannare. Per spiegare perché ad Haiti di Port-au-Prince verso la Repubblica Do-
è doveroso far meglio di come si è fatto minicana. Questi aerei cargo trasportavano
finora basta andare su internet, sul sito di 85 tonnellate di materiale medico e beni di
Medici senza Frontiere e leggere i rapporti prima necessità.
giornalieri che giungono da Haiti.
Uno in particolare, datato 20 gennaio
2010, illustra in modo chiaro e inequivo-
cabile cosa deve cambiare:

Haiti, negato ancora l’atterraggio agli


aerei cargo di Medici Senza Frontiere
con kit medici salvavita
Port-au-Prince - 20 gennaio 2010 - ore 11
A un aereo-cargo di Medici Senza Frontie-
La nave-ospedale Comfort re (MSF) con 12 tonnellate di equipaggia-
menti medici, tra cui farmaci, kit chirurgici
uomini di personale medico e sono già “Cinque nostri pazienti sono morti
operative sul terreno 6 squadre di soccor- nell’ospedale che abbiamo allestito a
so Usa, ognuna delle quali è composta da Martissant per la mancanza del materiale
70 persone. medico-chirurgo che era contenuto nel
Ma nonostante questi dati, il problema c’è, cargo a cui è stato impedito di atterrare”,
sussiste e non può essere compreso né può dichiara Loris de Filippi, coordinatore di
essere accettato se confezionato come un MSF per l’emergenza a Haiti. “Non ho mai
insulto o corredato di motivazioni opinabi- visto nulla di simile. Ogni volta che esco
li e incerte. Per spiegare perché la situazio- dalla sala operatoria vedo decine di feriti
ne ad Haiti “si sarebbe potuta gestire molto e due apparecchiature per la dialisi, è stato
meglio” non si può dire che “Una volta negato per ben tre volte il permesso di
arrivati sul luogo di un disastro, si pensa
subito a mettere un grande manifesto con
atterrare all’aeroporto di Port-au-Prince
da domenica notte nonostante le ripetute
6
chiedere disperatamente di essere operati. re a fornire cure salvavita alle centinaia di materiale sanitario devono assolutamente
Oggi ci sono 12 persone che hanno biso- vittime del disastro. In cinque diverse lo- atterrare nei prossimi giorni per permettere
calità di Port-au-Prince, MSF ha già curato a MSF di continuare e incrementare le pro-
più di 3000 persone e effettuato oltre 400 prie attività di soccorso medico ad Haiti.
interventi chirurgici. Più di 700 operatori di MSF stanno la-
“È come lavorare in guerra”, afferma Rosa vorando per fornire assistenza medica
Crestani, coordinatrice medica di MSF d’emergenza ai sopravvissuti del terremo-
all’ospedale di Choscal. “Non abbiamo più to a Port-au-Prince e nelle zone limitrofe.
morfina per alleviare il dolore dei pazienti. I team di MSF stanno lavorando nell’ospe-
Non possiamo accettare che ai nostri aerei dale di Choscal (a Cité Soleil), nel centro
che trasportano kit medici d’emergenza, medico di Martissant, nei pressi dell’ospe-
kit chirurgici necessari a salvare vite uma- dale Trinité, nell’ospedale Carrefour,
ne, continui a essere negato il permesso di nell’ospedale a Jacmel e stanno allestendo
atterrare e vengano dirottati altrove mentre un ospedale gonfiabile con 100
gno di interventi chirurgici di amputazione i nostri pazienti stanno morendo. In questo
salvavita nell’ospedale di Choscal (nella momento la priorità deve essere data alle
bidonville di Cité Soleil, Port-au-Prince). forniture mediche che stanno giungendo
Abbiamo terminato alcune apparecchiature nel paese”.
chirurgiche necessarie per le amputazioni e Molti dei pazienti che sono stati estratti
siamo stati costretti a comprare una sega dalle macerie sono ad alto rischio di
al mercato per continuare le amputazioni. morte per setticemia e per le conseguenze
Ce la stiamo mettendo tutta per correre della sindrome da schiacciamento, una
contro il tempo”. condizione in cui i muscoli danneggiati o
Più di 500 persone che avevano urgente schiacciati dalle macerie rilasciano tossine
bisogno di interventi chirurgici sono nel sangue che vanno a danneggiare i reni e
state trasferite dal quartiere di Martissant possono causare la morte per insufficienza Il Presidente haitiano René Preval
all’ospedale di Choscal, dove i team di renale. Le apparecchiature per la dialisi
MSF hanno effettuato più di 230 interventi sono fondamentali per tenere in vita i pa- posti-letto nel quartiere di Delmas. Altre
chirurgici da giovedì. I team di MSF sono zienti in queste condizioni. équipe di MSF stanno conducendo mis-
operativi dalle prime ore dal terremoto e Altri due aerei con 26 operatori umanitari sioni esplorative in alte località fuori da
questi aerei cargo sono vitali per continua- di MSF sono stati dirottati verso la Repub- Port-au-Prince.”
blica Dominicana. A oggi MSF è riuscita
a far atterrare a Port-au-Prince cinque Chi gestisce l’aeroporto internazionale
7 aerei cargo con 135 tonnellate di forniture
mediche. Altri aerei con 195 tonnellate di
di Port-au-Prince? L’aeronautica militare
Usa (USAF) con il consenso del governo
di Haiti. Shah, posto dall’amministrazione Oba- Tonnellate di aiuti già arrivati sul terre-
L’aeroporto è operativo 24 ore su 24 e ma alla guida del coordinamento degli no: 281
ha una capacità operativa di 100 voli al aiuti Usa. Aerei cargo che si trovano sul territorio
giorno. Non è possibile attribuire a quest’unico della Repubblica Dominicana: 14
Per quale motivo o per quale priorità gli volo il divieto di atterraggio imposto ai Tonnellate di aiuti contenuti da questi
aerei cargo di MSF sono stati dirottati cinque voli umanitari di MSF e sarebbe ultimi: 368
altrove? ingiusto farlo. E’ sicuro, però, che per i ri- Aerei cargo previsti per i prossimi 7 giorni:
Ricordiamo: “Dal 14 gennaio, cinque tardi connessi all’impossibilità di sbarcare 6 (tonnellate di aiuti: 275)
voli umanitari di MSF sono stati dirottati a Port-au-Prince il materiale e il personale Aree d’intervento: 17
dall’aeroporto di Port-au-Prince verso la medico degli aerei cargo, delle persone
Repubblica Dominicana. Questi aerei car- sono morte. Così come altre hanno perso Dove si nota che di 26 aerei cargo destinati
degli arti (tramite amputazione) per delle ad Haiti, ben 14 sono sul territorio della
fratture. E questo perché non si potevano Repubblica Dominicana.
effettuare trattamenti antibiotici. Per chi
crede che questo comunicato si riferisca ad C’è poi un fatto poco conosciuto, per certi
una situazione transitoria, per la cui risolu-
zione si sono dovuti attendere pochi giorni
(anche fosse, bisogna comunque tenere
conto che in una situazione del genere ogni
minuto costa delle vite e delle tragedie),
basta dare un’occhiata al rapporto di MSF
aggiornato al 28 gennaio:

go trasportavano 85 tonnellate di materiale Dati e risultati dell’intervento di MSF


medico e beni di prima necessità.” a Haiti
Chi è arrivato ad Haiti, atterrando all’ae- Aggiornamento del 28 gennaio
roporto di Port-au-Prince, il 16 Gennaio?
Il Segretario di Stato americano Hillary Vittime curate: 6678 versi impensabile, che emerge dalle parole
Clinton, per incontrare il presidente Rene’ Interventi chirurgici: 967 di Stefano Zannini, capo missione di MSF,
Preval e per “osservare sul posto il fun- Staff internazionale di MSF presente sul in un’intervista rilasciata a Daniele Ma-
zionamento della macchina dei soccorsi”, terreno: 301 strogiacomo per Repubblica. Lo Zannini
recitava un’ANSA del 15 gennaio. Che Staff internazionale di MSF in arrivo: 41
aggiunge come la Clinton fosse accompa- Staff locale di MSF: 750
gnata dal direttore dell’Usaid (l’Agenzia
federale per l’aiuto e lo sviluppo) Rajiv
Aerei cargo di MSF già atterrati a Hai-
ti: 12
8
racconta Port-au-Prince come una città stanno arrivando i primi voli charter con E com’è possibile che non sussista una
spettrale e distrutta, dove “oltre all’assenza gli aiuti umanitari. Ma non so ancora dove linea di comunicazione comune grazie alla
dei mezzi di trasporto e di personale, non e come distribuiranno i carichi”. quale conoscere l’entità esatta degli aiuti,
ci sono più gli ospedali pubblici. Ne ho del personale, dei mezzi e dei punti di di-
Cliniche ed ospedali privati in funzione slocazione di questi?
che però non si mobilitano per accoglie- Recita il comunicato giornaliero di MSF
re feriti. datato 28 gennaio 2010:
Centri medici, cioè, già presenti in loco. “Nel quartiere di Carrefour Feuille, un
Potenzialmente sono centri conosciuti dal- team composto da due infermieri, un me-
la popolazione, che avrebbero potuto fun- dico e un’ostetrica lavorano in una clinica-
gere da importanti basi d’appoggio per un tenda in una zona in cui si concentrano a
primo soccorso. E invece sono inutili. Al vivere temporalmente 9mila persone”.

visitati oggi otto. Nessuno era in grado di


funzionare. Non ci sono camere operato-
rie, mancano le attrezzature; in moltissimi,
pericolanti, non c’è personale. Tutti questi
feriti devono essere recuperati e portati in
una struttura attrezzata. Se restano dove
sono, come sta accadendo, rischiano di
morire. Rimangono in funzione solo gli L’aeroporto di Port au Prince
ospedali e le cliniche private. Ma sono di là delle semplici possibili considerazioni
poche e hanno tariffe proibitive per una sulle insensatezze e il cinismo del sistema Due infermieri, un medico e un’ostetrica
popolazione tra le più povere al mondo. economico, una domanda sorge spontanea: per 9.000 persone..
Nessuno qui se le può permettere. Nessuno possibile che nessuno, né il governo hai- In compenso la nostra nave ammiraglia ha
si rivolge a questi centri, né questi centri si tiano, né quello statunitense, né l’O.N.U., già iniziato il suo viaggio di 14 giorni (con
mobilitano per accogliere i feriti”. né alcuno dei paesi che hanno partecipato tanto di scalo in Brasile), destinazione Hai-
Aggiunge poi lo Zannini: “Sappiamo che a questa grande operazione umanitaria ab- ti. Si affiancherà al già sostanzioso naviglio
bia pensato a destinare dei fondi affinché schierato dagli Stati Uniti. Ma Bertolaso su
questi centri ospedalieri privati potessero questo non si è espresso. E probabilmente
9 risultare funzionali alle operazioni di rico-
vero dei feriti?
non lo farà. Alcuni malevoli, giorni fa, ave-
vano insinuato che dietro questa operazio-
ne e la tappa nel paese Carioca ci fosse in sione costituisce quindi un investimento e Cavour. Un successo italiano che potrebbe
ballo tra Italia e Brasile una commessa per non solo una spesa poiché porterà anche a ripetersi in America Latina. L’acquisto di
una portaerei. Perché quale modo migliore un positivo ritorno d’immagine e commer- nuovi equipaggiamenti militari in Brasile
ci può essere per giungere all’accordo con ciale per il “made in Italy” con possibili e Venezuela sta infatti determinando una
i brasiliani se non far toccare loro “con ricadute in termini di posti di lavoro e di corsa alla modernizzazione degli arsenali
mano” il prodotto? Questa “chiacchiera”, commesse industriali. in un continente sempre più affrancato
lungi dall’essere smentita (e anzi riportata La marina indiana ha chiesto a Fincantieri dall’influenza degli Usa e nel quale l’Italia
da molti quotidiani italiani, Repubblica in può ritagliarsi ampie fette di mercato tec-
testa) è stata al fine ripresa da Gianandrea nologico e militare. Navi come la Cavour,
Gaia di Panorama e finalmente siamo anche con dimensioni più contenute ma
venuti a conoscere la verità sull’impiego con le stesse caratteristiche di versatilità
della Cavour: multi-missione, potrebbero raccogliere
“..in caso di missioni umanitarie la credi- l’interesse di alcuni Paesi del Sud Ame-
bilità di un grande Paese si misura dalla rica e in particolare proprio del Brasile
rapidità e dalla qualità dell’intervento. A che dispone di una vecchia portaerei ex
quanto sembra gran parte dei costi vivi del- francese.”
la missione della Cavour verranno sponso-
rizzati da grandi società italiane, Ufficialmente la sosta in Brasile (che non
di poco ha incrementato i giorni necessari
per il raggiungimento di Haiti) è stata di-
sposta per caricare personale medico. Ed è
per questo che Bertolaso non si è espresso
in merito: perché l’impiego della Cavour
niente ha a che fare con l’immagine..

Mattia Paolinelli

La portaerei Cavour
la progettazione dell’apparato motore, la
peraltro controllate dallo Stato, incluse fornitura di servizi complementari e un
Fincantieri e Finmeccanica che hanno adeguato trasferimento di tecnologia per
realizzato la portaerei e le sue dotazioni
di bordo: armi, velivoli e apparati. La mis-
la costruzione della propria portaerei il cui
sistema propulsivo è ispirato a quello della
10
TERREMOTO DI HAITI
C o l p a d e g l i U . s . a . ?

E’ strana la vicenda che si è


originata nei giorni scorsi.
Una storia che chiama in
causa tre paesi (Stati Uniti,
Russia e Venezuela) e che
avrebbe una e una sola vit-
tima: ancora una volta Haiti.
Secondo Russia Today, così
come per molte altre testate
-anche nostrane- il presiden-
te Hugo Chávez Frías avreb-
be dichiarato dichiarato che è
possibile che gli Stati Uniti
abbiano provocato la serie
di terremoti che ha colpito
nei giorni scorsi i Caraibi: tra
questi, quello che..
© Bruno Stevens / Cosmos

11 Le foto di Medici senza Frontiere sono di: © Julie Remy e © Bruno Stevens / Cosmos
..ha colpito nei giorni scorsi i Caraibi: tra Per saperlo e prima di trarre conclusioni ma non è tutto. Da parte dell’esecutivo
questi, quello che ha colpito Haiti. affrettate bisogna però controllare un non c’è stata infatti nessuna conferenza
Sarebbe, non è il caso di dirlo, un’afferma- dato fondamentale, che a molti potrebbe stampa, nessun annuncio. Secondo ABC.
zione molto grave, con implicazioni molto apparire scontato: Hugo Chávez Frías ha es, infatti, l’esecutivo si sarebbe affidato
pesanti quali il possesso, da parte degli effettivamente pronunciato quelle parole? ad un comunicato stampa emesso dalla
Usa, di una tecnologia in grado di originare Ha effettivamente incolpato gli Stati Uniti
eventi sismici. L’ipotesi dell’arma sismica, per il terremoto che ha colpito Haiti? Ha
dunque, da tempo fantasticata dal mondo ipotizzato l’esistenza di un’arma sismica?
La risposta è no. Chavez quelle parole
non le ha mai pronunciate. Non è il caso
di strabuzzare gli occhi, perché se è vero
che le notizie circolano in fretta, è altret-
tanto vero che vengono stravolte anche
più in fretta e per i motivi più disparati.

tv statale Vive TV. Forse contando sul


fatto che accettando l’assunto del titolo
pochi avrebbero letto per intero l’articolo
e ancora meno si sarebbero dati la briga di
controllare la veridicità del suo contenuto,
quelli di ABC.es hanno anche inserito un
link che riporta dritto dritto a Vive TV.
Bastano pochi secondi per scovare il co-
Possiamo trarre un esempio significativo municato stampa incriminato: in nessun
al riguardo dal sito ABC.es, che con titolo punto è citato il governo del Venezuela.
ad effetto annunciava le accuse di Chavez In nessun punto viene citato Hugo Chavez.
agli Stati Uniti Oltre ai doverosi link tanto all’articolo di
Andando a leggere l’articolo, però, si ABC.es quanto al comunicato stampa di
Hugo Chávez Frías aggiustava il tiro: non è stato Chavez Vive TV (il link dell’articolo di ABC.es
in persona a lanciare quelle accuse, ma rimandava peraltro alla home di Vive TV,
del web, avrebbe preso al laccio o convinto l’esecutivo venezuelano che, per l’ap-
(a seconda dei punti di vista) addirittura punto, è diretto da Chavez. Siamo già di
un capo di governo. E’ forse il segno
che qualcosa di vero in fondo sussiste?
fronte ad una versione molto diversa da
quella annunciata dal titolo dell’articolo,
12
non direttamente al comunicato stampa), riprendendo nella regione le esercitazioni sapevole dei danni che questa esperienza
vi proponiamo per intero –e tradotto- il della sua flotta, di cui fa parte l’incrociato- poteva provocare ad Haiti.
testo del comunicato: re atomico lancia-missili Pietro il Grande; Per questo, la U.S. Navy aveva inviato
esercitazioni sospese dopo la fine della in anticipo sull’Isola una postazione al
Un “Terremoto sperimentale” degli Sta- Guerra Fredda. comando del generale P.K. Keen, coman-
ti Uniti ha devastato Haiti Dalla fine degli anni ’70, gli Stati Uniti dante in seconda del SouthCom (Southern
RNV (18 gennaio 2010) hanno enormemente migliorato la ricerca Command), per sorvegliare le possibili
- Una relazione della Flotta russa del Nord sulle armi sismiche. operazioni di soccorso. [2]
rivelerebbe che il terremoto che ha deva- Per quanto riguarda l’obiettivo finale di
stato Haiti è inequivocabilmente “il risul- questi esperimenti, dice il rapporto, si
tato di un test, da parte della U. S. Navy, trattava della pianificazione della distru-
della sua arma sismica”. zione dell’Iran per mezzo di una serie di
terremoti al fine di neutralizzare l’attuale
governo islamico.

Secondo questo rapporto russo, al giorno


d’oggi gli USA utilizzano generatori di
impulsi, al plasma e a risonanza, in tandem
con bombe Shockwave [1]
La Flotta del Nord osserva i movimenti e le Il rapporto mette a confronto due esperi-
attività navali degli americani nei Caraibi, menti condotti dalla U.S. Navy la settima-
dal 2008 quando gli Stati Uniti hanno an- na scorsa: un terremoto di magnitudo 6,5
nunciato la loro intenzione di ricostruire la vicino alla città di Eureka, California, che
Quarta Flotta che fu sciolta nel 1950. La non ha fatto vittime, e il terremoto dei Ca- Secondo il rapporto, il sistema sperimenta-
Russia aveva reagito un anno più tardi, raibi che ha fatto almeno 140 000 morti. le degli Stati Uniti Haarp (High Frequency
Il video del servizio di Russia Today Active Auroral Research Program) per-
metterebbe inoltre di creare delle anomalie
13 Come spiega il rapporto, è molto probabile
che la U.S. Navy fosse pienamente con-
climatiche al fine di provocare inondazio-
ni, siccità e uragani [3]
Secondo un precedente rapporto, i dati L’ammiraglio Mike Mullen, capo di stato postazione intorno Haiti per una esercita-
disponibili coincidono con quelli del terre- maggiore, ha detto che le Forze Armate de- zione militare che simulava ... un interven-
moto di magnitudo 7,8 sulla scala Richter gli Stati Uniti stava preparando un’emer- to umanitario ad Haiti. « Defense launches
che si è verificato nel Sichuan (Cina), il 12 genza per questa calamità. Il generale online system to coordinate Haiti relief
maggio 2008, provocato ugualmente dalle Douglas Fraser, comandante in capo del efforts », di Bob Brewin, Govexec.com, 15
onde elettromagnetiche di HAARP. SouthCom, ha dichiarato che alcune navi jgennaio 2010.
Sono state osservate delle correlazioni della Guardia Costiera e della Navy sono [3] Le Programme HAARP : science ou
tra l’attività sismica e la ionosfera di stati inviate sul posto, nonostante avessero désastre ? (Il programma HAARP: scienza
HAARP: del materiale e degli elicotteri in numero
1. I terremoti in cui la profondità è line- limitato. La portaerei USS Carl Vinson
armente identica nella stessa faglia, sono è partita da Norfolk (Virginia), con una
provocati da una proiezione lineare di dotazione completa di aerei ed elicotteri.
frequenze indotte. E ’arrivata ad Haiti il pomeriggio del 14
2. Dei satelliti coordinati fra loro consen- gennaio, ha detto Fraser. Ulteriori gruppi
tono di generare delle proiezioni, concen- di elicotteri si aggiungeranno al Carl Vin-
trate, di frequenze in punti specifici (detti son, ha continuato.
Seahorse). L’Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo
3. Un diagramma mostra che i terremoti Internazionale (USAID), era già sul posto
considerati artificiali si propagano linear- ad Haiti prima del terremoto.
mente alla stessa profondità: Il presidente Obama è stato informato del
terremoto alle 17 e 52 del 12 gennaio, e ha
ordinato l’invio dei soccorsi per il persona-
le della sua ambasciata e gli aiuti necessari
alla popolazione.
Secondo il rapporto russo, il Dipartimento
di Stato, l’USAID e il SouthCom hanno
iniziato l’invasione umanitaria impiegan-
Anche le repliche sono sono state osserva- do 10 000 soldati e mercenari, al posto
te a circa 10 km di profondità. dell’ONU, per il controllo del territorio di
Dopo il terremoto, il Pentagono ha annun- Haiti dopo il “devastante terremoto spe-
ciato che la nave ospedale USNS Comfort, rimentale”. o disastro?) di Luc Mampaey, Gruppo di
ancorata a Baltimora, ha ordinato al suo [1] “Les armes sismiques” (le armi sismi-
equipaggio l’imbarco e ha fatto rotta verso che) di Jean-Pierre Petit. Traduzione: “The
Haiti, anche se ci vogliono alcuni giorni
per raggiungere la meta.
quake machine”. L’arma sismica.
[2] Ufficialmente le forze USA erano in
14
ricerca e d’informazione sulla pace e la sicurezza dell’O.N.U. aerotrasportate della 82.a divisione ed altre
sicurezza (Bruxelles, 1998). La commissione dovrebbe esaminare que- forze militari hanno occupato il territorio
ste accuse ed altre, come quella avanzata di Haiti. Peggio ancora, né l’organizzazio-
(in primis sempre da Venezuela e Bolivia) ne delle Nazioni Unite, né il governo degli
sulla cosiddetta “invasione umanitaria” Stati Uniti hanno offerto spiegazioni»,
concludendo che: «..Bisogna esaminare la

situazione e dare all’Onu il ruolo di gestio-


di Haiti da parte delle truppe statuniten- ne che gli spetta».
si. Accusa sulla quale si è espresso (in Di contro alla condotta degli Stati Uniti e
un messaggio apparso sul sito internet a quella di altri paesi che con ulteriori invii
ufficiale Cubadebate.cu) anche l’ex Pre- di contingenti armati non farebbero che
sidente cubano Fidel Castro: «Nel pieno rendere sempre più caotica e confusa la
Il Consiglio di Sicurezza dell’O.N.U. della tragedia haitiana, senza che nessuno situazione, Castro loda quella che è stata la
linea d’intervento di Cuba sia in occasione
Secondo ViveTv, è quindi l’esercito russo del terremoto sia negli anni precedenti:
ad aver parlato di questa possibilità. Ed è “Circa 400 medici e specialisti sanitari
curioso che in tutta fretta Russia Today ab- prestano cooperazione gratuita al popolo
bia sostenuto l’esatto opposto, attribuendo haitiano. In 127 dei 137 comuni del paese
per di più le accuse contro gli Stati Uniti lavorano tutti i giorni nostri medici. E inol-
direttamente a Chavez. In ogni caso, Vene- tre, non meno di 400 giovani haitiani sono
zuela, Bolivia e Nicaragua hanno chiesto stati formati come medici nel nostro paese.
la convocazione urgente del Consiglio di Lavoreranno adesso con in rinforzo nostri
medici che si recheranno in loco per salva-
re delle vite in questa critica situazione”.
15 sappia come e perché, migliaia di soldati
delle unità dei marines americani, di truppe Mattia Paolinelli
MSF a Haiti tramite carta di credito telefonando al numero verde
800.99.66.55 oppure allo 06.44.86.92.25;
Bonifico bancario: IBAN IT58D0501803200000000115000;
Conto corrente postale 87486007
intestato a Medici Senza Frontiere onlus, causale Terremoto Haiti;
Online sul sito www.medicisenzafrontiere.it.

16
17

A pagina 4 tutte le informazioni per


Caritas e le Misericordie contribuire alle donazioni in sostegno
della popolazione haitiana colpita dal
per Haiti terremoto
Più di 4900 visualizzazioni

Una notizia, una storia.


Da seguire ogni giorno.

18
NAUTILUS vs REVISIONISTI
a cura di Mattia Paolinelli

QUARTA PARTE
Dopo la Prima, la Seconda
e la Terza Parte delle 66
Controrisposte al Pam-
phlet dei Revisionisti, pub-
blicate su Nautilus Truth
Magazine, vi proponiamo
ora la Quarta Parte. Lo
facciamo, in questa occa-
sione, con un’emozione in
più: pochi giorni fa è infat-
ti occorso l’anniversario
della “Giornata della Me-
moria”. Vogliamo sperare,
con questo lavoro, di dare
un piccolo contributo a
quella stessa memoria..

19
In apertura abbiamo parlato delle svastiche sotto il controllo del Terzo Reich come al clero, le Einsatzgruppen “superarono sé
di ieri e di oggi. Ebbene, la notte preceden- riporta lo stesso rapporto di Wannsee stesse” in Russia. Totalmente motorizzate
te alla Giornata della memoria dei vandali compilato dai nazisti, la cifra che rimane nell’ operazione Barbarossa, poterono con
hanno imbrattato i muri e la targa del da 11 meno 3 è: 8. Che non è un semplice facilità ed agevolezza uccidere, in scala
museo di Via Tasso. Per questo motivo si numero come per i nazisti, ma 8 milioni molto maggiore rispetto a quanto avvenuto
è scelto di inserire queste nuove immagini, di persone! 8 milioni presenti nei territori in Polonia, ebrei, partigiani e appartenenti
piuttosto che quelle di repertorio. occupati dai nazisti dei quali 6 milioni, al partito comunista.
Perché purtroppo alcune nature umane alla fine della guerra, non esisteranno più..
sembrano essere capaci di fornire sem- Aggiungo poi:
pre nuovi esempi del proprio talento per
l’idiozia.. “Ogni Einsatzgruppe, suddivisa in unità
operative chiamate Einsatzkommandos e
Alle domande 17 e 18 rispondo insieme: Sonderkommandos,era dipendente logi-
sticamente dai gruppi di armate dell’eser-
Domanda n. 17: cito tedesco ma totalmente svincolato da
essi per i «compiti speciali» che le erano
17) Quanti ebrei si rifugiarono nelle regio- Senza contare che se è vero che circa un affidati dovendo riferire esclusivamente
ni più interne dell’Unione Sovietica? milione di questi 11 era riuscito a emigrare all’SS- und Polizeiführer («Comandante
prima della guerra, non è per niente certo delle SS e della Polizia») dell’area di im-
REVISIONISTI - Più di 2 milioni.I tede- che di quei due milioni rifugiatisi in URSS piego. L’SS- und Polizeiführer, suprema
schi non poterono entrare in contatto con tutti raggiunsero le zone più interne riu- autorità operativa sul campo, rispondeva
questa popolazione ebraica. scendo a sottrarsi ai tedeschi.. Nel 1941, direttamente al Reichssicherheitshauptamt
infatti, la Germania lanciò l’operazione (RSHA, «Ufficio centrale per la sicurezza
Domanda n. 18: Barbarossa, riuscendo a penetrare in pro- del Reich») delle SS ed al suo comandante
fondità in Bielorussia, Ukraina, Lituania, supremo Heinrich Himmler che informava
18) Quanti ebrei erano emigrati prima Lettonia, Estonia, Russia occidentale.. direttamente il Führer dei progressi otte-
della guerra,sottraendosi in questo modo La Wehrmacht, tuttavia non andò ad af- nuti dalle Einsatzgruppen. Le direttive di
ai nazisti? frontare la Russia da sola: oltre agli alleati Heydrich (comandante dell’RSHA) per le
“esterni” (tra i quali un corpo di spedizione Einsatzgruppen nell’ambito dell’operazio-
REVISIONISTI - Più di un milione (sen- italiano, il tristemente famoso Ar.Mi.R.) ne Barbarossa erano le seguenti:
za contare quelli che vennero assorbiti gli si affiancò un alleato “interno e tutto L’eliminazione dei quadri del partito
dall’URSS).” speciale”, le Einsatzgruppen. Già “distin-
tesi” in Polonia per aver “decapitato” l’in-
NAUTILUS/PAOLINELLI - Ora, visto
che erano 11 i milioni di ebrei nell’Europa
tellighenzia polacca ed aver ucciso ebrei,
politici, studiosi, insegnati ed appartenenti
20
comunista, dei commissari politici e di tici non erano a conoscenza delle terribili per i colpi dei carnefici: la giustificazione
coloro che si opponevano alla «liberazio- condizioni dei loro correligionari polacchi addotta era che le tenere carni degli infanti
ne» tedesca. rinchiusi nei ghetti perché fino allo scop- non erano in grado di fermare una pallot-
L’istigazione di pogrom contro la locale pio del conflitto l’Unione Sovietica - be- tola che avrebbe potuto causare pericolosi
popolazione di origine ebraica. nevolmente neutrale con la Germania dopo rimbalzi sul terreno.
la firma del patto Molotov-Ribbentrop
- aveva filtrato e nascosto attentamente Una volta terminata l’Aktion - termine
le notizie relative agli eccessi nazisti in con il quale venivano indicati i massacri
Polonia. Per questo motivo gli ebrei era- - le fosse venivano cosparse di calce viva
no facilmente ingannati dalla menzogna (per impedire lo svilupparsi di epidemie)
del «reinsediamento», soprattutto viste le
fatali conseguenze che avrebbe provocato
il non eseguire l’ordine delle autorità di
occupazione.

Le persone radunate con l’inganno veniva-


Le Einsatzgruppen seguivano da vicino no trasferite nei pressi della città, in zone
l’avanzata delle forze armate tedesche e re- defilate precedentemente selezionate dagli
alizzavano di preferenza le loro operazioni uomini delle Einsatzgruppen. Gli sventu-
nelle città e nei villaggi ove vivevano con- rati erano condotti presso grandi fosse già
sistenti comunità ebraiche. Appena giunte scavate, vecchi cantieri in disuso o profon- e ricoperte di terra per cancellare le tracce
nella città provvedevano ad emanare dei di burroni (ad esempio Babi Yar, ove av- dei crimini commessi. Vista la concitazio-
decreti che ordinavano a tutti i cittadini venne l’eccidio della popolazione ebraica ne delle operazioni non era inusuale che
ebrei di presentarsi in un punto di raduno di Kiev) e fatti spogliare completamente - i alcune vittime non venissero uccise ma
dal quale sarebbero stati «reinsediati» in vestiti venivano poi inviati agli enti assi- solamente ferite per poi essere sepolte vive
altre località per effettuare un servizio di stenziali tedeschi. Nudi, si dovevano avvi- quando la fossa veniva ricoperta. Esistono
lavoro obbligatorio. Gli ordini affissi per cinare al bordo delle fosse dove i carnefici alcune testimonianze di sopravvissuti che
le strade chiarivano inequivocabilmente - spesso ubriachi - li uccidevano a colpi di riuscirono salvarsi uscendo nottetempo
che chi non si fosse presentato sarebbe mitragliatrice o di pistola. In numerosi casi dalle fosse. Negli anni successivi, quando
stato passato per le armi. Da rimarcare che, le vittime erano obbligate a sdraiarsi sullo la certezza nella vittoria tedesca era ormai
almeno nel primo periodo, gli ebrei sovie- strato di cadaveri di coloro che erano già compromessa, venne lanciata dalle SS una
stati uccisi prima di essere colpiti da una «operazione di esumazione» per eliminare
raffica di mitragliatrice oppure da una pal- definitivamente le prove dei crimini me-
21 lottola nella nuca. I neonati venivano spes-
so lanciati in aria ed usati come bersaglio
diante l’esumazione e la cremazione dei
cadaveri in grandi roghi. L’operazione, su-
pervisionata da Paul Blobel già comandan- dell’integrità morale dei suoi uomini, die- carbonio puro. Tale metodo aveva dato
te di un Einsatzkommando, prese il nome de ordine di trovare nuovi metodi, meno “ottimi risultati” rendendo l’uccisione mol-
in codice di Sonderaktion 1005 e vide cruenti, per portare a termine il compito to più impersonale - chi apriva il rubinetto
l’impiego di numerose squadre composte assegnato alle SS affidando l’incarico ad delle bombole ove era contenuto il gas non
da prigionieri ebrei a loro volta «eliminati» Arthur Nebe, comandante dell’Einsatz- aveva nessun contatto con le vittime in at-
dopo aver effettuato il lavoro allo scopo di gruppe B. tesa dentro la camera a gas sigillata.
preservare il segreto.
Arthur Nebe era stato in precedenza a capo Nebe richiese a Berlino, nel settembre
I massacri compiuti mediante le fucilazioni della Kripo (la polizia criminale tedesca) 1941, un esperto di chimica che potesse
mostrarono immediatamente due elementi ed era stato coinvolto nel programma di aiutarlo tecnicamente a trovare una solu-
negativi per le Einsatzgruppen stesse: zione del «problema» e dopo poco giuse a
Minsk, sede del comando di Nebe, il dottor
I crolli psicologici che ne coinvolsero il Albert Widmann dell’Istituto di tecnologia
personale: per cercare di mitigare l’orrore criminale. Nebe e Widmann studiarono
del compito che erano chiamati a svolgere inizialmente un metodo di uccisione con
- considerato però «necessario» e «giusto» esplosivi rinchiudendo 25 pazienti psichia-
dai vertici nazisti - i carnefici ricevevano trici in due bunker nei pressi di Minsk e
razioni supplementari di alcoolici, operan- facendoli saltare in aria. L’esperimento si
do spesso completamente ubriachi. Nono- rivelò disastroso e l’esplosione uccise solo
stante ciò si ebbero numerosi casi di inter- parte dei pazienti obbligando a ricorrere
namento presso case di cura psichiatriche e ad una carica. A questo punto Widmann e
diversi suicidi tra le file dei membri delle Nebe, memori delle «esperienze» del pro-
Einsatzgruppen. gramma T4, pensarono di utilizzare delle
La paura di Himmler che gli uomini camere a gas funzionanti a monossido di
delle SS, considerate da egli un’elite che carbonio e, dopo pochi giorni dal fallito
avrebbe dovuto incarnare tutte le carat- esperimento con gli esplosivi, effettuarono
teristiche «superiori» proprie della razza una prova nei pressi di Mogilev. L’esperi-
ariana, potessero essere «contaminate» mento venne effettuato su di una trentina
dalla brutalità del lavoro che erano obbli- di pazienti di un manicomio rinchiusi
gate a svolgere. Lo stesso Himmler, che eliminazione dei disabili chiamato in codi- all’interno di una corsia dell’ospedale
notoriamente aborriva la vista del sangue, ce Aktion T4, sospeso alla fine di agosto sigillata all’interno della quale entravano
assisté nel luglio del 1941 ad un’Aktion del 1941 a causa delle veementi proteste
delle Einsatzgruppen rimanendo profon- della popolazione tedesca, nel corso del
damente scosso.
Perciò Himmler, preoccupato della salute e
quale era stato sperimentato l’utilizzo di
camere a gas funzionanti a monossido di
22
due tubi collegati ai gas di scappamento di swagen, totalmente autosufficienti anche ti», prodotti dall’azienda privata berlinese
un automezzo. Dopo un’iniziale problema per l’approvvigionamento di gas. Otte- Gabschat Farengewerke Gmbh.
legato alla scarsa potenza del veicolo im- nuta l’approvazione di Heydrich, l’idea Al termine del secondo conflitto mondiale
piegato l’esperimento ebbe successo e tutti venne perfezionata Walter Rauff, capo molti SS- und Polizeiführer che avevano
i pazienti morirono nel giro di pochi mi- del dipartimento tecnico dell’RSHA, che supervisionato le attività in Europa orien-
nuti, intossicati dal monossido di carbonio progettò autocarri camuffati da ambulanze tale ed in Unione Sovietica scomparvero
prodotto dai gas di scarico. di due diverse dimensioni e che potevano sottraendosi alla giustizia oppure si suici-
contenere 140 oppure 90 vittime contem- darono consci che i crimini commessi non
Il successo dell’esperimento dimostrò che poraneamente. sarebbero stati perdonati.”
quella era la strada da percorrere, anche Come si può vedere quando nella prima
se esistevano alcuni problemi tecnici da Gli «autocarri della morte» iniziarono ad risposta ho chiarito che non solo i campi
risolvere. Le Einsatzgruppen erano unità essere utilizzati dalle Einsatzgruppen tra di sterminio testimoniavano la volontà di
mobili che operavano su di un estesissi- sterminare gli ebrei e che non solo le ca-
mo fronte e non sarebbe stato efficiente mere a gas furono utilizzate nell’apparato
vincolare il loro operato ad installazioni di morte dei nazisti, né scherzavo né cer-
fisse come le camere a gas dell’Aktion T4. cavo di sviare l’argomento. Era la pura e
L’idea di utilizzare gas di scarico risultò semplice verità..
invece vincente perché la produzione di
monossido di carbonio puro, impiegato in Domanda n. 19:
precedenza, era molto costosa e l’industria
chimica tedesca riusciva a produrne solo 19) Se Auschwitz non è stato un campo di
quantità limitate. sterminio,per quale ragione il suo coman-
la fine di novembre e l’inizio di dicembre dante Rudolf Hoess (da non confondersi
Per questo Nebe, con la collaborazione 1941 per le operazioni di sterminio, ma con Rudolf Hess,delfino di Hitler) ha detto
del dottor Hess (superiore di Widmann), non rimpiazzarono mai completamente il che lo era?”
studiò una soluzione basata su autocarri vecchio metodo basato sulle fucilazioni.
con il piano di carico sigillato e collega- Gli addetti agli autocarri caricavano le NAUTILUS/PAOLINELLI -
to, mediante un sistema di tubazioni, ai vittime sul piano di carico e lo sigillava- Perché lo era..
fumi di scarico prodotti dal motore. In no trasportando il loro triste carico fino
questo modo si sarebbero create vere e al luogo identificato per la sepoltura. La Sempre la 19 per la risposta dei revisionisti
proprie camere a gas mobili, dette Ga- morte sopraggiungeva dopo 15 - 30 minuti (ho dovuto dividerle perché non potevo far
ed eventuali superstiti venivano uccisi con passare una dichiarazione falsa come quel-
un colpo alla nuca. Entro la metà del 1942 la presentata nella domanda)
23 erano stati prodotti e consegnati alle Ein-
satzgruppen circa 30 autocarri «converti-
e insieme la 20 (si ritorna a domanda e
risposta insieme):
tortura avrebbe potuto convincere i nazisti (in altri punti di queste domande/rispo-
REVISIONISTI (risposta alla 19) - a continuare a testimoniare sugli orrori ste verrà invece presentata come prova
“Con Hoess furono utilizzati metodi dell’Olocausto negli anni ‘60, ‘70 e ‘80 dell’inesistenza delle camere a gas, ma ci
molto persuasivi per costringerlo a (e questo quando, quasi subito dopo la fine arriveremo.. Voglio solo far notare come
“confessare”,esattamente quello che i suoi della guerra, con il nuovo pericolo rappre- la sua testimonianza venga ora ritenuta
carcerieri volevano ascoltare. sentato dall’Unione Sovietica, tutti -Stati valida se rispondente ai propri fini e ora
Uniti in primis- erano disposti a dimentica- rigettata se scomoda..) con l’intento di
Domanda n. 20: negare lo sterminio voglio replicare col
fatto che hoess non ha inventato nulla sulle
20) Esistono prove che gli americani,gli gasazioni: egli ha infatti fatto affermazioni
inglesi e i russi ricorressero alla tortura che anche altri hanno fatto e confermato
per estorcere delle “confessioni” ad alcuni nel corso degli anni.. Se la testimonianza
ufficiali tedeschi? di Hoess è così tante volte riportata è per
la centralità della sua figura di comandante
REVISIONISTI - Ci sono prove in ab- del campo di Auschwitz, ma non è l’uni-
bondanza che la tortura è stata usata sia co che abbia parlato delle camere a gas o
prima che durante il famoso “processo di tantomeno della volontà, del progetto e
Norimberga”- ma anche in seguito,durante dell’attuazione dello sterminio: di testimo-
i processi per “crimini di guerra”” nianze ce ne sono a bizzeffe.. Per esempio
questo discorso di Himmler del 4 ottobre
NAUTILUS/PAOLINELLI - Peccato 1943 in cui indica la politica nazista sullo
però che Hoess nei suoi memoriali parli sterminio degli ebrei:
sia delle gasazioni che dei maltrattamenti “Ogni membro del Partito dice: “Si sta
subiti disgiungendo l’una dall’altra cosa. sterminando la popolazione ebrea”.
Qui si ammassano bugie su bugie con- E’ vero, fa parte dei nostri piani, l’elimi-
tando sul fatto che ovviamente non tutti nazione degli ebrei, lo sterminio, lo stiamo
hanno visionato i memoriali di Hoess.. E re pur di avere un alleato forte come poteva compiendo”.
riguardo ai maltrattamenti, nessuno nega essere la Germania nel centro dell’Europa Forse per i revisionisti queste sono parole
che in alcuni casi ci siano stati, ma furono che potesse contrastare la possibile “avan- troppo criptiche..
dovuti alle immagini degli orrori dei campi zata rossa”?)? Di quale tortura o metodo di
di sterminio cui i soldati alleati assistettero coercizione furono vittime DOPO l’epoca Mattia Paolinelli
e che portarono alcuni di essi a reagire con dei tribunali militari, quando affrontarono i
violenza. Da qui a dire che ci fu una “po- processi di corti tedesche?
litica di tortura” per estorcere confessioni
ce ne corre. Anche perché quale politica di
Se comunque questo era un tentativo
per screditare la testimonianza di Hoess
24
Incontro con Roberto Saviano
Scuola Normale Superiore di Pisa

E’ stata una splendida occa-


sione quella offerta venerdì
scorso dalla Scuola Norma-
le di Pisa. Un incontro pub-
blico con Roberto Saviano,
incipit di un progetto più
ampio che coinvolgerà 40
ragazzi in un ciclo di 4 se-
minari, argomento: “Stra-
tegie e Tattiche Criminali
internazionali”. L’incontro
–che ha bissato quello già
occorso nella primavera
dello scorso anno, sempre
alla Normale- ha avuto
inizio alle 17.00 quando
Saviano, letteralmente cir-
condato..

25
..e nascosto dagli uomini della sua scorta, che un uomo diventi un eroe per questo? La mafia al nord non esiste. E’ una bugia e
è arrivato nell’aula azzurra di Palazzo dei una menzogna. E l’eroe anche se è vivo,
Cavalieri da un lungo corridoio. Più si Purtroppo –soprattutto per lui- la risposta comincia a puzzare. Perché ricordiamolo:
avvicinava e più gli applausi aumentavano è affermativa. Saviano è un eroe per aver
per questo ragazzo di trent’anni che, suo parlato. E con dispiacere credo che la sua
malgrado, è diventato un simbolo, addirit- convinzione (ormai più una speranza)
tura un eroe per aver scritto un libro che di essere ancora solo e soltanto un uomo
parla di mafia. Un bellissimo libro, senza sia destinata a non avere un domani. Per-
ché per tutti noi è più semplice avere un
nome a cui aggrapparci, qualcuno che lotta
per noi e che non ha più una sua propria
vita per permettere che le nostre continu-
ino tranquillamente. Uno che non potrà
commettere errori, o ci avrà tradito. Nella
speranza di molti, uno che prima o poi
dovrà cadere, perché ci si possa permet-
tere ancora una volta di dire –con somma
costernazione- che lui ci ha provato, ed è
andata com’è andata. Che non potrà cam-
biare mai niente.

Questo lo dico perché Saviano per primo


ha capito qual è la principale caratteristica
degli eroi: alla lunga stanno meglio morti.
Il rischio, dopo aver parlato una volta, è di
non fermarsi più. Di strafare. Di pensare di
poter cambiare da soli il mondo. Finché si Saviano al momento è un eroe solo per
tocca Casal di Principe e i suoi abitanti ti quegli italiani che Gomorra non ha toccato.
odiano perché, denunciando gli scuolabus Per quelli sui quali il libro non punta l’indi-
privi di assicurazione, i carabinieri arri- ce. Il rischio è che spostando quell’indice
dubbio, un best seller (ed è questo che fa vano e fanno fermare gli automezzi non dalla realtà locale (per la quale lo stereo-
più paura ai Casalesi, secondo Saviano: in regola, è un conto. Va bene. Napoli, la
che parlare di mafia e l’essere antimafiosi Campania, il sud Italia.. Ma quando si co-
inizi ad essere conveniente. Anche e so-
prattutto economicamente), ma è normale
mincia a dire che la mafia fa affari soprat-
tutto al nord? Allora no. Questo non si può.
26
tipo della “terra di nessuno” percorsa da se fosse stato un vero eroe sarebbe rima- esplicitamente: che se le tre parole d’ordi-
briganti, della cittadella del crimine -quasi sto? Che svergognando il suo paese ha ne della camorra sono Business, Business,
fosse una nuova Tortuga- era ancora un fatto abbastanza soldi per potersene andare Business, l’unico modo di combatterla è
equivoco accettabile), al “sistema”, a una via e goderseli in santa pace? Lo diremmo, fare in modo che essere camorrista pre-
realtà espansa che vede proprio Milano e si. Forse, togliendo il condizionale, lo dire- cluda la possibilità di fare profitti. Quelli
Torino non come teste di ponte, ma come mo proprio. Qualcuno di sicuro cercherà di veri. La via è quella di costruire un mercato
retrovie già da tempo acquisite insegnarci certi pensieri e certe parole. nuovo, in cui la reputazione e la trasparen-
za siano requisiti fondamentali per entrare
Ma senza spostarci verso un futuro che nel mondo dei grandi affari. Costruire cioè
per sua stessa natura può (fortunatamente) un mercato dove essere antimafioso dia de-
sempre vantare un certo credito di speran- gli enormi vantaggi. E un primo passo lo si
ze, torniamo ad un presente che sta aven- è compiuto: perché da un mercato editoria-
do il merito di premiare il coraggio. La le che realizza profitti con libri come quelli
narrativa di Saviano ha potuto operare un di Saviano, la Camorra è tagliata
miracolo che non consiste nel far emergere
il problema camorristico, i suoi omicidi, i
suoi traffici illeciti. Il vero miracolo consi-
ste nel numero di copie vendute,
Piazza dei Cavalieri - Pisa

dalla Camorra, il rischio –dicevo- è che Sa-


viano non sia più un eroe per nessuno. Che
le persone, gli italiani e quindi tutti noi, si
inizi ad invitarlo a cambiare paese se ciò
che vede è tutto marciume, tutto sbagliato,
tutto corrotto. E se Saviano decidesse di
dare ascolto a questo invito e lasciasse per
sempre l’Italia, ad ogni articolo che scri- “Pentiti=Infami”, scritta a Castel Volturno*
vesse su questo nostro paese non repliche-
remmo che è facile parlar male dell’Italia fuori. Non per questioni ideali, chiariamo-
da lontano? Che se avesse avuto coraggio, Scritta contro Saviano - Castel Volturno* lo: è solo che la cattiva pubblicità non la
vuole nessuno e il gioco, insomma, non
in quel successo economico che l’attività varrebbe la candela.In attesa che il video
27 di pm, giudici e procuratori aggiunti non
poteva produrre. Il giovane scrittore lo dice
dell’incontro –durato quasi quattro ore- sia
interamente disponibile (per il momento è
stato rilasciato solo il video di sei minuti una volta le motivazioni sono prettamente
presentato in questo articolo) vi riporto la di carattere economico. Non conviene,
risposta di Saviano alla domanda che ho punto. Lo stato, insomma, è un affare che
avuto la possibilità di porgli per i lettori non interessa.. Specie se per salvaguardare
di Nautilus. i propri interessi basta oliare meccanismi
tanto ben consolidati da far dire a due ca-
morristi intercettati che “l’indulto lo deve
fare il centro-sinistra, perché se lo fa il

Video dell’incontro a Pisa

In questa chiedevo una risposta in merito


all’anima della Camorra così come di
tutte le mafie: sono queste delle “imprese Roberto Saviano e Salvatore Settis,
atipiche”, delle aziende del crimine tutte Direttore della Scuola Normale Superiore
orientate cioè al profitto per il profitto da
realizzarsi a qualunque costo (senza badare centro-destra diranno tutti che siamo stati
né ai modi né ai metodi utilizzati per rag- noi a volerlo”. Da questo possiamo capire
giungerlo) o c’è il fine ultimo di realizzare come, in fondo, sia toccato allo stato di
un vero e proprio antistato? Basterà ancora scendere in guerra contro la Camorra. Non
alle mafie vivere in simbiosi con lo stato il contrario. Alla Camorra, per fare (ottimi)
(qualunque esso sia) o verrà il momento affari, le cose stanno bene così.
in cui cercheranno di sostituirsi ad esso?
Saviano ha risposto dicendo di non credere Mattia Paolinelli
in questa ipotesi. Le mafie non avrebbero
alcun interesse a sostituirsi allo stato.
Quando l’unico ideale è il profitto, ancora
*tratte da “Castel Volturno, graffiti contro Saviano e
Nuzzo” di Raffaele Sardo, laRepubblicaNapoli.it 28
IL LAGO TITICACA Le teorie non mancano. Nel 1872, in un gia e la paleontologia, possono essere spie-
e lo slittamento della crosta terrestre
articolo intitolato “Chronologie historique gati qualora si ammettesse che, di tanto in
des Mexicains” Charles Etienne Brasseur tanto, la crosta terrestre, sostanzialmente
de Bourbourg, archeologo ed etnografo al rigida, subisca vaste dislocazioni”.
Cosa hanno in comune la quale dobbiamo la traduzione in francese Lavorando su teorie e modelli precedenti e
del Popol Vuh, fa un primo accenno a ciò utilizzando le carte di numerosi ricercatori
teoria dello slittamento della prima di lui, Hapgood ipotizzò che la mas-
crosta terrestre, sviluppata da sa di ghiaccio presente su uno o entrambi
i poli portasse ad un sovraccarico e ad una
Hugh Auchincloss Brown pri- destabilizzazione dell’equilibrio rotaziona-
ma e da Charles H. Hapggood le della Terra, causando lo spostamento di
tutta, o di una parte, della crosta più esterna
poi, con il Lago Titicaca? del pianeta intorno al suo nucleo il quale,
Cosa sappiamo di questo mi- al contrario, manterrebbe il suo orienta-
mento assiale; secondo le sue ricerche
sterioso lago e come spiegare questo scivolamento impiega all’incirca
il fatto che le sua acque siano 5.000 anni, seguiti da 20 o 30 mila anni di
inattività, il tutto circoscritto ad una zona
salate e che la sua fauna sia di 40-50° circa.
tipicamente oceanica?..
che, secondo studiosi indipendenti, po-
trebbe fornire la spiegazione della strana
collocazione geografica del suggestivo
Lago Titicaca e della sua misteriosa città
portuale: Tiahuanaco. Ripresa da Charles
H. Hapgood, docente di antropologia e di
storia della scienza, intorno agli anni ‘50
nel suo libro “The Earth’s shifting crust”,
questa teoria, avallata dalla mente brillante
di A. Einstein nella sua prefazione al libro,
spiegherebbe che “le variazioni climatiche La tesi di Hapgood venne fortemente so-
repentine avvenute sul pianeta in diversi stenuta dal suo pupillo, Rand Flem-Ath,
29 periodi della storia e i dati empirici raccolti
da altre discipline, non ultime l’archeolo-
bibliotecario autore di “When the sky
fell”, il quale spiega quali potessero essere
le cause dello slittamento oltre all’accu- tsunami, sprofondamenti ed innalzamenti to della cultura di Tiahuanaco, il cui nome
mulo delle masse di ghiaccio ai poli; egli di ampie porzioni di crosta terrestre; intere deriva dal complesso di Tiwanacu, esso
sostenne che lo slittamento repentino e nazioni scomparirebbero (è stata questa la continua a regalare misteri; come spiegare,
improvviso della crosta potrebbe essere sorte della mitica Atlantide?) e altre sorge- infatti, che la città portuale di Tiahuanaco
causato anche dallo schianto di un asteroi- rebbero dagli oceani. non si trovi sulle rive del lago ma, bensì, a
de che colpisce la Terra con una velocità Questi eventi potrebbero durare settimane, 20 km da esse? I casi sono due: o il livello
e un’angolazione tali da causare il movi- giorni o, persino, poche ore e il tutto sa- del lago si è abbassato o l’intera zona cir-
mento della litosfera in modo indipendente rebbe come un apocalittico rimescolarsi di costante si è sollevata.
dal mantello. intere aree geografiche. Bisogna sapere che, nonostante la sua po-
Un’altra causa, in verità la più intrigante, Furono questi stravolgimenti a portare il sizione, il Lago Titicaca ha conservato una
potrebbe essere il passaggio di un oggetto Lago Titicaca a 3.800 m. di altezza? E’ fauna ittica tipica degli oceani, esemplari
celeste (forse un pianeta?) con magnetismo possibile. di Hippocampus (cavallucci marini), varie
‘insolito’ che provocherebbe un tempora- Un pezzo di mare 22 volte più grande del specie di anfipodi dell’ordine dei crostacei
neo ri-orientamento del campo magnetico Lago di Garda portato tra le vette della malacostrici e altri esemplari; la sua ele-
terrestre, esso trascinerebbe la litosfera vata salinità, in passato, confermata dalla
verso un nuovo asse di rotazione tornan- presenza di milioni di fossili di conchi-
do ‘normale’ una volta che l’astro si fosse glie marine, fa pensare che esso sia stato
allontanato. imprigionato tra gli altri rilievi quando
In sintesi, abbiamo, da una parte, la caduta l’intero Altipiano è stato spinto dal fondale
di una grossa meteora che potrebbe aver marino verso l’alto insieme al resto del
‘increspato’ la crosta e dall’altra il passag- Sud America. Non solo, con il passare dei
gio di un qualche astro il quale potrebbe millenni “l’estensione del lago è oscillata
aver fatto ‘scorrere’ la crosta come succede enormemente, come indica l’esistenza di
alla fodera di una palla da bowling. un’antica linea di costa …” la quale, però,
La migliore delle ipotesi vede tutto que- “non è uniforme, bensì si abbassa consi-
sto accadere nell’arco di 5.000, quindi derevolmente da nord verso sud su una
in maniera abbastanza indolore … e la notevole distanza orizzontale”.
peggiore? Cordigliera delle Ande, tra Bolivia e Perù,
Cosa succederebbe se questi sconvolgi- unico sia dal punto di vista geologico che
menti avvenissero in tempi più brevi? da quello archeologico; oltre ad offrire sce- Continua a pagina 32..
Lo scenario sarebbe surreale e apocalittico nari suggestivi e surreali il Lago Titicaca
e comporterebbe alterazioni catastrofiche alimenta, oggi come in passato, non poche
della geografia e cambiamenti delle aree curiosità dovute alla sua particolare natura
interessate, le quali sarebbero sconvolte da
terremoti sussultori e ondulatori, violenti
e alle numerose rovine pre-incaiche che lo
circondano. Testimone silenzioso e discre-
30
31

A pagina 4 tutte le informazioni per


Croce Rossa e Unicef contribuire alle donazioni in sostegno
della popolazione haitiana colpita dal
per Haiti terremoto
..Continua da pagina 30 degli dèi”, affronta l’argomento ipotiz- del primo Re d’Egitto, che lui chiama
zando che, ciclicamente, la Terra scarichi Mene,“il Sole si sviò quattro volte dal
Da ciò si può facilmente dedurre che l’Al- un’enorme energia, accumulata ai poli suo corso: due volte sarebbe spuntato di là
topiano si è sollevato in maniera non uni- con il moto di rotazione, provocando un dove ora tramonta e dove ora sorge, due
forme, cioè con una incidenza diversa nella improvviso e violento dislocamento della volte sarebbe tramontato“; nei papiri egizi
crosta, la quale scorre letteralmente sugli di Harris, Ermitage e Ipuwer scrivono che
strati più profondi e magmatici del pianeta; “il Sud divenne Nord … e la Terra si rigi-
il suolo si inabisserebbe negli oceani, i fon- rò” e, ancora, in un manoscritto precedente
dali marini verrebbero innalzati, la crosta la civiltà Maya leggiamo”dopo essersi
si spaccherebbe e lascerebbe fuoriuscire due volte sollevata, scomparve durante la
il magma, onde altissime colpirebbero le notte, mentre la Terra era continuamente
coste, ma in realtà sarebbero queste ultime scossa. Il suolo sprofondò e riemerse più
ad andare verso il mare a causa della forza volte …“.
di inerzia, terremoti disastrosi cambiereb- Quante e quali verità ci nasconde ancora
bero drasticamente la faccia del nostro Gaia? Il nostro piccolo grande pianeta az-
pianeta azzurro. zurro è stato sconvolto in passato da grandi
cambiamenti geomorfologici.. Eppure
ansono stati anche questi -a volte terribili-
fenomeni che l’hanno fatta diventare ciò
che oggi è ...
parte settentrionale e in quella meridionale,
quindi non è il livello del Lago ad essersi
abbassato ma l’Altopiano circostante ad Sabrina Pasqualetto
essersi sollevato; questo spiegherebbe il
motivo della lontananza di Tiahuanaco di
oltre 20 km e il fatto che essa si trova a
più di 30 m sopra l’attuale linea di costa.
In sintesi, in seguito alla fondazione del-
la città di Tiahuanaco, indicata intorno al
15.000 a.c. dal discusso astronomo Arthur
Posnansky, dovette accadere una catastro- Platone scrive: “ le stelle sembrano ruotare
fe di dimensioni tali da portare la città di impazzite nella volta celeste e il Sole sorge
Tiahuanaco al sollevamento e all’allonta- da un’angolazione mai vista”, Erodoto ,
namento dalle rive del lago.
Graham Hancock, nel suo libro “Impronte
nel secondo libro delle sue “Storie”, com-
menta che in quel periodo, cioè al tempo
32
RETROINGEGNERIA difficile reperirlo e ancora di più intervi- deva la storia ancora più strana. Possedeva
S e c o n d a P a r t e
starlo, ma per sua fortuna un noto quanto due diplomi di fisica, mi ha detto, ed era
serio ricercatore ufologico, Jacques Val- specializzato nella costruzione di rivela-
lée, riuscì a trovarlo e a farsi concedere tori di particelle alfa, che vendeva ancora
Dalle antiche leggende alle un’intervista. Contrariamente a quanto al Laboratorio Nazionale di Los Alamos.
si possa pensare, lo scopo iniziale di tale L’incontro (che lo portò a lavorare presso
nuove frontiere della scien- la base S-4) ebbe luogo nei locali della
za: indagine sui prodotti EG&G, una sezione del ministero della
difesa. Lazar dava prova di una cono-
della retroingegneria.. scenza della fisica atomica non facilmente
accessibile per un profano.” Si alzò quindi
un polverone intorno a Lazar, il quale fra
Questa è solo una parte l’altro venne denunciato per aver divulgato
dell’intervista. Subito dopo informazioni governative

queste rivelazioni Bob


Lazar subì varie minacce
e tentarono di sparargli. intervista era per Vallée quello di riuscire
Lazar riuscì a scampare a a smascherare e cogliere in fallo il fisi-
co, ma alla fine lo stesso Vallée dovette
questi agguati, ma a quanto ammettere:“Francamente sono rimasto
pare per screditarlo venne affascinato da Robert Lazar. Non mi aspet-
tavo la sua sincerità…, e il modo retto di
condannato e arrestato per riflettere seriamente sulle domande prima
sfruttamento della prosti- di rispondere. Questa qualità “non è tipica”
della maggior parte degli adepti della New
tuzione. Data la situazione Age. Essi hanno molto spesso le risposte
divenne molto.. pronte, prima ancora che le domande siano
poste! Quando parlano di fisica, sovente Miguel Alcubierre
gli ufologi americani usano dei termini
impropri, confondendo massa e peso, riservate; eppure, nonostante ancora oggi
velocità della luce con quella del suono. la sua figura non sia stata riabilitata né le
33 Non era il caso di Lazar. Il suo vocabolario
tecnico era preciso e questo dettaglio ren-
sue affermazioni del tutto confermate, ci
troviamo probabilmente nella condizione
di dover rivedere quelli che per anni sono to sulla bolla spazio-temporale conferma- le in grado di creare appunto una bolla
stati considerati dalla stampa e dai mass va in pratica ciò Lazar aveva detto ancora spazio-temporale sui cui lati sarebbero
media solo i vaneggiamenti di un pazzo e prima di Alcubierre e che egli aveva anche presenti zone di energia negativa. Sempli-
le rivelazioni di un debunker. ampiamente illustrato a colori sul suo sito ficando si andrebbe a contrarre la tela dello
Da quando infatti Lazar fece le sue dichia- Internet (www.boblazar.com). spazio-tempo in cui il velivolo si trova,
razioni sono accadute molte cose e molte Molti altri hanno lavorato in questa dire- lo stesso manterrebbe uno stato di quiete
di quelle informazioni che lui aveva rila- zione e i risultati più significativi sono bal- rispetto allo spazio circostante mentre il
sciato si sono rivelate corrette. Ad esempio zati all’attenzione del pubblico sul numero tessuto spazio temporale si allontanerebbe
nel 1994 è stato pubblicato sulla rivista e avvicinerebbe a lui. Per una strana coin-
scientifica “Classical and Quantum Gravi- cidenza sullo stesso numero di Gennaio di
ty” un articolo dal titolo “The Warp Drive: Scientific American, e quindi anche sul
Hyper-fast Travel within General Relativi- numero di Marzo di Le Scienze in Italia,
ty”. In questo lavoro il Dr. Miguel Alcu- compariva anche un’articolo sull’Isola di
bierre descriveva con grande rigore scien- Stabilità che gli scienziati dichiaravano di
tifico il metodo che teoricamente avrebbe aver finalmente trovato nel “mare” degli
consentito ad un’astronave di spostarsi elementi transuranici…E il pensiero corre
tra le stelle a velocità incredibili. Il tutto nuovamente a Lazar che aveva affermato
veniva giustificato nell’ambito dello stes- che il combustibile del fantascientifico re-
so formalismo della teoria della relatività attore nucleare del disco volante alieno sul
generale di Einstein. Il “motore a curva- quale lui lavorava era proprio l’elemento
tura” consentirebbe di creare una bolla di 115, ossia un transuranico stabile.
spazio-tempo curvo intorno all’astronave. Per rendere un po’ più chiaro il discorso
La nostra ipotetica nave spaziale creerebbe diciamo che un elemento chimico si distin-
quindi una bolla spazio-temporale sui cui gue da un altro nella tavola periodica dal
lati sarebbero presenti zone di energia numero dei protoni contenuti nel nucleo:
negativa. Lo spazio-tempo andrebbe così a l’idrogeno è il primo di tutti perché ha 1
contrarsi di fronte alla bolla, riducendo la solo protone, mentre l’uranio si trova al
distanza del punto di arrivo, e si espande- posto 92 perché ha 92 protoni. Un isotopo
rebbe dietro di essa allontanando la distan- è lo stesso elemento chimico con un nu-
za dal punto di partenza. In questo modo di Gennaio 2000 della rivista Scientific mero di neutroni minimo in più o in meno.
riusciremmo ad aggirare il limite imposto- American, a cui è seguita la produzione Ad esempio il carbonio con 6 protoni e 6
ci da Einstein riguardante la velocità della italiana sul numero di Marzo 2000 di Le
luce e riusciremmo a viaggiare (ipotetica- Scienze. La copertina era dedicata ad un
mente) più veloci della luce senza neanche
spostarci. Il principio di propulsione basa-
articolo sulla possibilità di viaggiare nello
spazio-tempo. Un’ipotetica nave spazia-
34
neutroni si chiama carbonio 12, metre gli alcune affermazioni di Lazar hanno tro- di retroingegneria come dichiarato da
atomi di carbonio con sette e otto neutroni vato riscontro nelle ricerche scientifiche molti scienziati oltre al famoso Lazar?
si chiamano rispettivamente carbonio 13 ufficiali. Come faceva a conoscere questi Ma nello specifico cosa intendiamo per
e carbonio 14 (dalla somma tra protoni e particolari prima che si giungesse all’iso- retroingegneria? Sostanzialmente si tratta
neutroni). Mentre le proprietà chimiche la di stabilità e alle ipotesi di Alcubierre? di capire dal prodotto finito i principi di
sono le stesse per tutti gli isotopi di uno Possiamo quindi ipotizzare che realmente funzionamento, quindi procedere a ritroso
stesso elemento, così non è per le proprietà Lazar abbia vissuto ciò che ha affermato? per poter poi riprodurre quanto appreso
nucleari, infatti il carbonio 12 è stabile, Se tutto questo fosse vero, Lazar sarebbe dallo studio appunto di questo prodotto.
mentre il carbonio 14 è radiottivo, cioè Nei casi menzionati parliamo di studi su
instabile. apparecchi di provenienza aliena, non di
Tornando a Lazar, egli era stato molto fabbricazione terrestre, proprio perché i
preciso a riguardo riferendosi, nei suoi principi fisici e la tecnologia applicata in
discorsi e nei suoi appunti pubblicati, tali apparecchi è nettamente superiore a
all’isotopo 420 dell’elemento 115. Questo quella comunemente conosciuta e proprio
in realtà non è ancora stato sintetizzato da questa si sarebbero estrapolati strumen-
e probabilmente siamo troppo lontani ti sviluppati nella moderna tecnologia:
tecnicamente per poterlo sintetizzare in prima in quella militare e poi derivando
breve tempo, ma il fatto che gli scien- da questa applicazioni in campo medico,
ziati siano giunti ad un’isola di stabilità informatico, nei mezzi di comunicazioni,
con l’isotopo 298 dell’elemento 114 (298 di trasporto e così via.
indica lo ribadiamo la somma fra protoni
e neutroni), il quale ha una vita media di Ines Curzio
30 secondi rispetto ai millisecondi di vita Groom Lake
media di altri isotopi instabili (ad esempio
il 285 che ha appena 13 neutroni in meno il testimone diretto e la prova concreta
rispetto al 298), dà un’idea del potenziale che parte del nostro sviluppo tecnologico
in termini di energia e di stabilità di un lo si deve a studi di retroingegneria. Armi
elemento con un numero così elevato di avanzatissime che utilizzano plasma, mi-
protoni e neutroni come appunto l’isotopo croonde, laser, sistemi per l’invisibilità, Fine Seconda Parte..
420 dell’elemento 115. propulsione elettromagnetica, antigravità,
Incredibilmente, dopo circa dieci anni energia scalare, olografia, nanotecnolo-
gia, bioingegneria, robotica e molto altro
ancora sono oggi realtà. Questo enorme
35 balzo in avanti tecnologico negli ultimi
50 anni è quindi, forse, il frutto di studi
LA VERITA’ CI MUOVE,
QUALUNQUE ESSA SIA

36
B i a n c o e N e r o a To r i n o
d i Y u r i C e s c h i n

La tradizione presenta Tori-


no come una città carica di
misteri, legata all’esoterismo
e all’occulto. La sua colloca-
zione nell’ideale “triangolo
magico” della magia bianca
(Torino - Praga - Lione) ed al
contempo di quella nera (Tori-
no - Londra - San Francisco)
fanno di Torino una sorta di
luogo di scontro tra il bene e
il male. A li di là di antiche
credenze e miti, la città si pre-
senta comunque sotto due luci
molto contrastanti. La diffe-
renza tra i luoghi “positivi” e
quelli “negativi” è reale e ben
visibile anche a chi, di miti e
leggende, non ha mai sentito
parlare..
© Yuri Ceschin

37
© Yuri Ceschin

1- Gran Madre di Dio, la chiesa si affaccia sulla grande piazza della città. La donna tiene in mano
un calice e la leggenda vuole che proprio qui sia custodito il Santo Graal.
38
© Yuri Ceschin

39 2- Punto Positivo, Piazza Castello, ritenuto per eccellenza il luogo di maggiore concentrazione
di magia bianca della città.
© Yuri Ceschin

3- I Dioscuri, Cancellata di Palazzo Reale, le statue dei due gemelli Castore e Polluce sorvegliano 40
l’entrata.
© Yuri Ceschin

41 4- Piazza Castello, una statua egizia incombe sui passanti. Molti attribuiscono a Torino un’ascendenza
egizia perché direttamente fondata dal Principe Eridano (semidio fratello d’Osiride).
© Yuri Ceschin

5- Chiesa di San Secondo, all’interno è presente una reliquia del santo oltre a numerose statue 42
ed iscrizioni interessanti.
© Yuri Ceschin

43 6- Piazza Solferino, la fontana angelica con le sue quattro statue rappresenta i quattro elementi e
l’apertura della porta verso l’infinito.
© Yuri Ceschin

7- Piazza Caignano, proiezioni sul pavimento di figure simboliche. 44


© Yuri Ceschin

45 8- Via Po, una delle vie principali della città, è diventata luogo di rappresentazione per uno degli
artisti che periodicamente addobbano Torino con bellissime opere di luce.
© Yuri Ceschin

9- Piazza Statuto, la statua in onere dei morti del Frejus è considerata da molti punto di massima concentrazione di
magia nera della città. Nella piazza, sorta su un’antica necropoli, era posizionato il patibolo di Torino e coincidenza
46
vuole che dall’aiuola centrale si acceda alla sala di comando dell’intero sistema di fogna nera della città.
© Yuri Ceschin

47 10- Portone del diavolo, via XX Settembre, la cui comparsa una mattina del 1675 alimentò la
credenza popolare che quell’opera fosse stata realizzata in una notte, con l’ausilio del diavolo.
Ora è sede della BnL.
NAUTILUS TRUTH PHOTOS: La novità del mese. Il nuovo spazio della piattaforma Nautilus che
raccoglierà tutte le foto dei nostri reportages, per scoprire tutti
48
i particolari del mondo che ci circonda.
NAUTILUS
MAGAZINE 3.0 Vi ricordiamo le altre iniziative
Capitano: Maurizio Decollanz della piattaforma Nautilus:
Nostromo: Mattia Paolinelli
Il nostro gruppo su Facebook

Redazione:

Fabrizio De Donno Il nuovo


Nautilus Travel Magazine:
Fabio Storino lo spazio dedicato al piacere
Sabrina Pasqualetto della scoperta attraverso i viaggi.
Perché siamo tutti esploratori,
Ines Curzio qualunque sia il nostro sentiero..
Yuri Ceschin
Nautilus Tube:
Ideazione e realizzazione grafica il canale di Nautilus su
Youtube
a cura di: Mattia Paolinelli
ARRIVEDERCI AL PROSSIMO
NUMERO!

49