Sei sulla pagina 1di 2

COMUNE DI PRATO

Gruppo Consiliare MOVIMENTO 5 STELLE


Consigliere Comunale Silvia LA VITA

PG. 26697
19/02/2015

Al Sig. Sindaco Comune Prato


Al Sig. Presidente del Consiglio Comunale
SEDE

OGGETTO: Mozione - Riduzione dellindennit spettante al Sindaco, Vice Sindaco e agli


Assessori.
IL CONSIGLIO COMUNALE
PREMESSO
Che la crisi economica che stiamo attraversando comporta notevoli sacrifici
economici e sociali a carico della collettivit;
Che la crisi che tutti i settori soffrono, il notevole ed opprimente livello di
tassazione, le problematiche del bilancio comunale con carenza di risorse per il sociale,
cultura ed i servizi in generale, deve necessariamente portare tutti all'effettuare sacrifici
insieme, cittadini ed amministratori, rivedendo significativamente i costi della politica
dando cos un segnale significativo ai cittadini
Che i soldi risparmiati dai tagli ai costi della politica potrebbero essere spesi in altri ambiti
valorizzando e sostenendo pi efficacemente sociale, scuola, politiche giovanili, cultura, etc. etc..
CONSIDERATO

Il taglio dei fondi destinati ai comuni disposto dal Governo;


Le difficolt che vivono le famiglie e le imprese nella nostra citt;
I sacrifici richiesti alla cittadinanza a causa dellelevata tassazione;
Che in diversi comuni italiani stata intrapresa liniziativa della riduzione delle
indennit per gli amministratori;
Che l'indennit per il sindaco ammonta a euro 77.558,40 lordi annui, quella del vice
sindaco a euro 58.168,80 lordi annui e quella degli assessori a euro 50.412,96 lordi annui
che con un taglio del 20% alle indennit il Comune risparmierebbero circa 1.294.000 annui da
poter utilizzare in altri ambiti
VISTO lart.82, del D.Lgs. n.267/2000;
VISTO lart. 15 della L.r. 30/2000;

COMUNE DI PRATO
Gruppo Consiliare MOVIMENTO 5 STELLE
Consigliere Comunale Silvia LA VITA

VISTO il contenuto dellart. 19 comma 5 della L.r. 30/2000 che recita testualmente:

Le indennit e i gettoni di presenza, determinati ai sensi del comma 1, possono


essere incrementati o diminuiti con delibera rispettivamente di giunta e di consiglio.
Nel caso di incremento la spesa complessiva risultante non deve superare una
quota predeterminata dello stanziamento di bilancio per le spese correnti, fissata, in
rapporto alla dimensione demografica degli enti, dal regolamento di cui al comma
1. Sono esclusi dalla possibilit di incremento gli enti locali in condizioni di dissesto
finanziario.;

VISTO il Decreto del Presidente della Regione Sicilia del 18/10/2001, n. 2009;
VISTA la L.r. n. 22 del 16/12/2008;
CONSIDERATO
che art.5, 1 comma della suddetta Legge dispone:
Limporto mensile spettante al Consigliere comunale non pu superare il 30%
dellindennit del rispettivo sindaco;
tutto ci premesso e considerato,
IMPEGNA
IL SIG. SINDACO E LA GIUNTA

A ridurre del 20% lindennit spettante al Sindaco e alla Giunta;

Silvia La Vita
Consigliere M5S Prato