Sei sulla pagina 1di 19

26/08/2010

CAP 13: MISURE DI TEMPERATURA

La temperatura

osservata attraverso gli effetti


che provoca nelle sostanze e
negli oggetti

Si classifica come una


grandezza intensiva

Pu essere considerata una


stima del livello
dellenergia termica

Il concetto di base della fisica che fornisce una base


fondamentale per definire le scale di temperatura la legge zero
della termodinamica

26/08/2010

Grazie al secondo principio della termodinamica si avuto a


disposizione uno strumento concettuale per la definizione della
temperatura termodinamica, indipendente dalla particolare sostanza
usata per costruire il termometro.

26/08/2010

Per la SIT-90 strumento di interpolazione tra


13,8 K e 1234,93 K costituito dalla
termoresistenza di Platino

Metodi di taratura dei termometri


I termometri vengono tarati mediante punti fissi e mediante termometri di riferimento
posti alla stessa temperatura.

26/08/2010

A temperature intermedia tra punti tripli e di fusione si possono


impiegare termometri campione di riferimento e bagni termostatici
riscaldati con resistenze elettriche o raffreddati ad esempio
mediante celle ad effetto Peltier o forni ad aria.

26/08/2010

Termometri ad espansione di liquido in vetro


Sono costituiti da un contenitore di liquido, chiamato bulbo, relativamente
grande che in comunicazione con un capillare. Al capillare viene fissata una
scala graduata. Dentro il capillare si espande un liquido termicamente sensibile.

E=k N (T1-T2)

Termometri a lamina bimetallica


Se due lamine di metalli A e B con diverse coefficienti di dilatazione termica A
e B sono saldamente fissate tra loro, una successiva variazione di
temperatura provoca una dilatazione differenziale delle due lamine.

26/08/2010

Termometri a pressione
Il termometro a pressione composto da un bulbo sensibile contenente un fluido, un tubo
capillare di interconnessione e un dispositivo per la misura della pressione.

26/08/2010

Termometri a vapore saturo

I termometri a vapor saturo sono


costituiti da un bulbo in cui un
liquido in equilibrio col suo
vapore e la superficie libera del
liquido volatile verr sempre a
trovarsi all'interno del bulbo. Al
variare della temperatura varia la
tensione di vapore e quindi la
pressione .

Termocoppie
Se due fili di materiali differenti A e B vengono collegati in modo da formare un
circuito con una giunzione alla temperatura T1 e laltra alla temperatura T2 nel
circuito nasce una forza elettromotrice E proporzionale alla differenza di
temperatura.

26/08/2010

L ampiezza della forza elettromotrice generata


dipende da una propriet dei materiali
chiamata coefficiente di Seebeck KAB della
termocoppia AB.

E = KAB ( T1 T2)

Effetto Peltier

Effetto Thompson

26/08/2010

Leggi delle termocoppie


La forza elettromotrice generata da una termocoppia con le giunzioni alle temperature T1 e T2 non
influenzata dalle temperature sulla lunghezza dei fili del circuito a patto che i due metalli siano
entrambi omogenei.

Se si inserisce un terzo metallo omogeneo, sia aprendo il circuito nella zona del materiale A, sia in
quella del materiale B, qualora le nuove giunzioni termiche si trovino alla stessa identica
temperatura, la forza elettromotrice risultante allinterno del circuito rimane invariata,
indipendentemente dalle temperature a cui soggetto il materiale C al di fuori delle nuove giunzioni.
giunzioni.

Se il metallo C viene inserito tra A e B in corrispondenza di una delle giunzioni, la


temperatura a cui soggetto C al di fuori delle giunzioni AC e BC non produce alcun effetto.
Se le giunzioni AC e CB sono entrambe mantenute alla temperatura originaria T1, la forza
elettromotrice risultante la stessa del caso in cui il materiale C non sia presente.

Se le forza elettromotrice prodotta dai metalli A e C tra due temperature EAC e quella
dei metalli B e C tra le stesse temperature EBC, allora la forza elettromotrice prodotta dai
metalli A e B alle medesime temperature EAC + EBC .

26/08/2010

Se una termocoppia produce una forza elettromotrice E1 quando le sue giunzioni


sono alle temperature T1 e T2 ed E2 quando le sue giunzioni sono alle temperature T2
e T3, allora con le giunzioni poste a T1 e T3 produrr una forza elettromotrice pari a
E1 + E2.

10

26/08/2010

11

26/08/2010

Le termoresistenze
La resistenza elettrica di vari materiali cambia con la temperatura. Si pu dunque
realizzare un sensore di temperatura impiegando un semplice filo metallico o un film
metallico o di un materiale conduttore o semiconduttore.

12

26/08/2010

Nelle applicazioni del circuito a ponte di Wheatstone per convertire le variazioni


di resistenza di termoresistenze in variazioni ti tensione bisogna tener conto delle
variazioni di resistenza anche sui fili di collegamento.

13

26/08/2010

I termistori
Sono sensori di temperatura a variazione di resistenza di materiali
semiconduttori. Sono disponibili in commercio sotto forma di: gocce,
grani, barre, dischi

14

26/08/2010

Sensori di flusso termico

Dalla legge
della
conduzione
termica si
ha che

Incertezze di misura di temperatura mediante sensori

I motivi di incertezza sono di tipo statico e dinamico e sono legati ai flussi di calore
scambiati tra la sonda e lambiente circostante.

15

26/08/2010

16

26/08/2010

Caratteristiche dinamiche dei sensori di temperatura

La risposta dinamica di un sensore di temperatura dipende da una o pi costanti di tempo che a


loro volta dipendono molto dal coefficiente di scambio termico convettivo col fluido.
Questultimo legato alla velocit

h = A + B Vn

Misure di temperatura senza contatto


I Pirometri

Si basano sul rilievo della radiazione termica


che tutti i corpi emettono se si trovano a
temperatura superiore a 0 K .

17

26/08/2010

Misure di mappe termiche Termografia infrarossa


Se una serie di elementi sensibili alla radiazione termica vengono realizzati in modo
da formare una matrice di sensori su tale matrice possibile rilevare unimmagine
termica formata mediante ottiche particolari, trasparenti alla radiazione
infrarossa.

18

26/08/2010

La termografia differenziale e la termoelasticit


Il principio su cui si basa questa tecnica consiste nella corrispondenza tra
deformazione, e quindi tensione applicata, e variazione di temperatura

19