Sei sulla pagina 1di 1

3

in alute

A me gli occhi!
Per guarire in trance
Agli inizi, lipnosi era tuttuno con la magia ed i suoi effetti terapeutici rimanevano interamente avvolti nel
mistero. Man mano per che le scienze della mente hanno perfezionato ed affinato i loro strumenti, anche
i fenomeni ipnotici sono stati analizzati alla luce di conoscenze oggettive, tanto che oggi possibile evidenziarne le basi fisiologiche e spiegare, almeno in gran parte, i processi che consentono ad un individuo di
alterare lo stato di coscienza di un altro individuo utilizzando soltanto lo sguardo e le parole.

na tinozza ovale, con un


doppio fondo in cui sono
mescolati frammenti di
bottiglie, sabbia, sassi,
zolfo e limatura di ferro,
il tutto immerso in acqua e coperto
da assi di legno sopra le quali sono
disposte sbarre di ferro con una
estremit a contatto con lacqua e
laltra a contatto con un paziente. Mentre una piccola
orchestra suona musiche suggestive, tra i pazienti collocati intorno alla tinozza si aggira un uomo dallo
sguardo penetrante e
dal piglio autorevole,
che tiene in mano una
bacchetta e tocca, guarda, chiama or luno or
laltro, provocando in loro
reazioni simili ad una crisi
convulsiva. Luomo il dottor
Mesmer, svizzero, laureato in
medicina a Vienna nel 1766, e
lo strano apparato di cui si serve il baquet, da lui ideato
per far circolare tra i pazienti un fluido invisibile,
prodotto dai corpi che agiscono come magneti, capace di guarire
i disturbi nervosi ripristinando larmonia tra lessere umano e il cosmo.
Pazzesco? Incredibile? Non troppo
se si passa alla prima met dell800,
quando tre fratelli francesi, i Puysgur, discepoli di Mesmer, fanno
piazza pulita del fluido e chiamano in causa al suo posto una volont che passa dal magnetizzatore
al paziente magnetizzato, ponendo
questultimo in uno stato di coscienza simile al sonnambulismo: et
voil, ecco poste le fondamenta moderne dellipnosi. Quelle antiche risalgono invece a molti secoli addietro: rituali magici destinati ad alterare lo stato mentale del paziente allo
scopo di guarirlo sono descritti gi
nel papiro di Ebers, del 1500 avanti
Cristo; nel 400 avanti Cristo trattamenti simili si praticavano nei templi egiziani e in quelli greci; anche
nei miti si trovano tracce di trasformazioni indotte per vie inspiegabili:
la Medusa che pietrifica gli uomini
con lo sguardo, le sirene che ammaliano i marinai facendo loro perdere
la memoria, e cos via.
Ma il termine ipnotismo fu coniato
soltanto nel 1843 da J. Braid, un
medico scozzese che lo defin come
uno stato particolare del sistema
nervoso, provocato da manovre artificiali. Oggi per ipnosi si intende
un particolare stato della coscienza
indotto in un individuo consenziente da parte di un altro individuo,
attraverso tecniche di suggestione.

IPNOSI E IPNOTERAPIA
Durante lo stato di ipnosi il paziente
viene indotto dallipnotizzatore a
compiere determinate azioni e a percepire sensazioni irreali, oppure a
far affiorare alla coscienza contenuti
profondi e rimossi. Al suo
risveglio, lipnotizzato non
ricorda nulla di ci che
accaduto. Lo studio scientifico e lapplicazione clinica controllata
dei fenomeni ipnotici
iniziarono con il neurologo francese Charcot, che verso la met
dell800 afferm che
questo tipo di influsso
poteva esercitarsi solo su
soggetti isterici, ai quali
infatti lo applicava.
Allinizio del 900 un altro
clinico, Bernheim, sostenne
una teoria diversa, secondo
la quale lelemento-chiave
per linduzione dellipnosi
non era la patologia isterica,
ma la suggestionabilit. Secondo questo studioso lindividuo
suggestionabile ha una forte tendenza a trasformare lidea (anche ricevuta da altri) in azione, sensazione o movimento, prima di sottoporre lidea stessa al vaglio critico
e logico della mente. Questa interpretazione apre la strada al modo in
cui oggi si tende a spiegare il fenomeno ipnotico, che viene inquadrato
allinterno delle conoscenze neurofisiologiche sul funzionamento dei
due emisferi cerebrali.
Lipotesi di fondo che lipnosi agisca attenuando i processi logico-linguistici, di competenza dellemisfero
cerebrale sinistro, attivando invece i
processi intuitivi dellemisfero destro, ove risiede il cosiddetto cervello emozionale. In altre parole,
lipnotista deve inibire gli schemi
cognitivi coscienti facendo affiorare
al loro posto quei processi psichici
che, nella vita normale, stanno alla
base dellinnamoramento, delle esperienze mistiche, dellebbrezza e del
sogno. Laspetto pi interessante
consiste nel fatto che questi processi
non appartengono solo al mondo
psichico ma, al contrario, sono ampiamente trasferibili alla dimensione
fisica e possono quindi determinare
azioni ed effetti concreti.
Alla base di tale affermazione sta il
presupposto che mente e corpo non
siano due aspetti distinti, bens due
facce della stessa realt, come dimostrano non solo il batticuore e le
mani tremanti degli innamorati, ma

anche alcuni esperimenti scientifici.


Ne riferiamo uno per tutti. Ad un
gruppo di soggetti stato chiesto di
esercitare per quattro settimane un
dito della mano sinistra, tendendolo
e rilassandolo un certo numero di
volte al giorno. Un altro gruppo ha
invece eseguito la consegna di immaginare lesecuzione di quello stesso esercizio per lo stesso numero di
volte. Al termine delle quattro settimane, si riscontrato nel primo
gruppo un aumento della forza del
dito pari al 30%. E nel secondo
gruppo? Bene, anche in questo la
forza del dito era aumentata, non
nella stessa misura ma quasi: precisamente, del 22%. Molti campioni
sportivi, del resto, dichiarano di allenarsi anche ripetendo mentalmente ogni movimento del loro
sport. Il versante fisico dello stato di
suggestione ipnotica ancor pi
facile da dimostrare: lelettroencefalogramma di un individuo in stato
di trance evidenzia infatti la presenza di onde lente (onde theta) molto
diverse da quelle che caratterizzano
il normale stato di coscienza (onde
alfa) e del tutto simili, invece, a
quelle che si registrano durante la fase di sonno che precede il sogno.
Ma come avviene concretamente
linduzione della trance ipnotica? In
primo luogo necessario che si instauri un rapporto di comunicazione
e di fiducia tra il soggetto e lipnotizzatore, dopodich questultimo cattura (anzi, in un certo senso, imprigiona) lattenzione del soggetto con
lo sguardo e con la voce, distogliendola gradualmente dalla realt esterna. Mano a mano che entra nello stato di trance lindividuo percepisce
lallentamento del suo stato di coscienza e pu provare una sensazione di irrealt, mentre limmagine del suo corpo si fa pi fluida e
compaiono fuggevoli fantasie. A
questo punto lipnotista propone,
con un linguaggio metaforico e allegorico, scenari, sensazioni fisiche e
stati danimo come se descrivesse
cose che il soggetto stesso sta sperimentando con i propri sensi. Quando lo stato di trance abbastanza
profondo, viene prescritto, esplicitamente o indirettamente, il comportamento che lipnotizzatore vuole ottenere: pu trattarsi di rivivere esperienze di un passato molto lontano,
di dimenticare esperienze recenti, di
compiere specifiche azioni, di assumere e mantenere posizioni
innaturali, di non avvertire gli stimoli dolorosi che provengono da

una parte del corpo, e cos via. Va


detto, comunque, che il timore spesso presente nella fantasia popolare
di poter essere indotti ipnoticamente
a compiere azioni criminose infondato, in quanto anche in stato di
trance lindividuo non attua comportamenti ai quali fortemente contrario. Invece, eseguendo le indicazioni dellipnotista un paziente
pu entrare in contatto con lorigine
inconscia dei suoi problemi psichici
e, soprattutto nel caso di disturbi
connessi ad esperienze traumatiche
del passato, pu prenderne le distanze e superarli attingendo, grazie
allo stato di coscienza alterato, a
tutte le proprie risorse emotive, immaginative e fisiche. Anche per altri
disturbi come la timidezza patologica, le inibizioni sessuali, gli attacchi
di panico, lipnoterapia pu rivelarsi
risolutiva. Unaltra comune applicazione dellipnosi lanalgesia, ovvero la riduzione o leliminazione del
dolore. esperienza comune che la
percezione del dolore non rappresenta un dato assoluto, ma varia in
rapporto al vissuto che accompagna
il dolore stesso: langoscia, ad esempio, lo amplifica, mentre la rassicurazione lo attenua.
Dunque non deve sorprendere il fatto che lipnosi, modificando lo stato
mentale del soggetto, possa influire
sulle sensazioni dolorose fino a farle
addirittura scomparire. Questo principio stato applicato soprattutto
allanalgesia del parto: la tecnica non
consiste nel far partorire in stato di
trance profonda, ma nel proporre alla gestante, nel corso di una serie di
sedute, le suggestioni ipnotiche che
le consentiranno al momento del
parto di controllare la percezione del
dolore. Una dimostrazione indiscutibile dellefficacia dellipnosi resta
comunque il caso di Milton Erickson, il pi famoso ipnoterapista del
XX secolo. Rimasto completamente
paralizzato in seguito alla poliomielite, che gli aveva lasciato soltanto la
possibilit di muovere gli occhi e,
con grande fatica, di parlare, riusc a
praticare su se stesso unefficace riabilitazione motoria (i cui risultati,
fra laltro, gli consentirono di procreare otto figli!) mobilitando attraverso
lautoipnosi le risorse della sua mente inconscia; dopodich, specializzatosi in Psichiatria, fu artefice della
guarigione di innumerevoli pazienti
applicando la tecnica ipnotica da lui
ideata e ancora oggi in uso.
Milena Cannao