Sei sulla pagina 1di 4

luglio 2008

WHISTLE WHISTLE
Yakima
>
osa gli manca? Solo il tubo
di sella integrato. Per
descrivere le caratteristiche
tecniche della bici in prova
questo mese, cominciamo
per una volta da cosa gli
manca. Perch questa Whistle
Yakima, che il produttore e
distributore Atala ci ha inviato in
redazione per essere testata, mette
davvero in campo tutte le soluzioni
tecniche che lindustria
ciclistica riuscita a offrire
negli ultimissimi tempi.
Pi avanti scopriremo quali
sono. Adesso ci limitiamo a
dire che, sul telaio che
vedete, in fin dei conti un
tubo di sella integrato nel
frame-set non avrebbe poi troppi
motivi di esistere: il frame-set, infatti,
gi di per s molto leggero e il suo
retrotreno riesce a essere rigido anche
senza prolungare oltre il collarino il
tubo di sella. Inoltre, lutilizzo di un
reggisella tradizionale permette di
accontentare i tanti che il reggisella
integrato non lo apprezzano
soprattutto per una ragione estetica.
STANDARD OVERSIZE
La Yakima la new-entry del catalogo
Whistle. Ufficializzata da meno di due
mesi, va a superare in gamma la
precedente ammiraglia Lamok.
Di questultima riprende la tipologia
di costruzione (monoscocca), ma la
migliora con soluzioni tecniche
innovative. Per precisione, diciamo
che Yakima il nome della bici intera,
mentre Wtrr il nome del telaio.
Le migliorie cui accennavamo si
riferiscono ovviamente a questo e
riguardano prima di tutto laspetto
dimensionale. Coinvolgono quelle che
sono le due parti pi critiche sotto
punti di vista strutturale e meccanico:
la zona di sterzo e quella del
movimento centrale. Sulla prima, il
diametro di connessione tra tubo di
sterzo e testa della forcella stato
portato a 50 millimetri.
Parallelamente, stato
sovradimensionato anche il diametro
del cannotto forcella nella parte
inferiore. La soluzione, che il
produttore ha etichettato con il nome
O.S. 50 Stack, molto simile a
quanto stato fatto da molte delle
Maior ciclistiche mondiali sui loro
pi recenti modelli daltissima gamma:
ad esempio, la Specialized SL2, la
Pinarello Prince, la Look 596 e la
Trek Madone, solo per citarne alcune.
La finalit di questo dimensionamento
adottato da Whistle sul telaio Wtrr
identico a quello applicato dai
competitor appena citati:
incrementando la sezione dello
sterzo si ottiene un comparto pi
rigido, quindi una bici pi stabile
e pi guidabile.
MOVIMENTO BB30
Lanalisi delle migliorie adottate dalla
nuova Yakima prosegue analizzando
la scatola movimento, dove la Yakima
si allineata presto a uno standard
tecnico che da circa un anno stato
liberato da licenze e verso il
quale, non a caso, molte
Case telaistiche e della
componentistica stanno
mostrando molto interesse.
Ci riferiamo al BB30, che
sta per Bottom Bracket
30, a indicare, appunto, il diametro
del perno del movimento da alloggiare
nella scatola, che passa dai
24 millimetri abituali ai 30 attuali.
Un perno pi grande obbliga a
sovradimensionare la zona della
scatola movimento, obbliga ad
I
N

P
R
O
V
A
C
Cattura lattenzione per la pinna
che irrobustisce la giunzione tra
i tubi. In realt, il movimento della
Yakima si caratterizza soprattutto per lo
standard del BB30, che permette di
ospitare un perno oversize 30 mm
e di alloggiare internamente i cuscinetti.
Il telaio Wtrr si avvale di una
forcella di vertice della gamma
Mizuno, la Drome, con
configurazione angolare adatta per
questo frame e strutturata con un
cannotto in carbonio a sezione conica
(da 1.5 di diametro alla base, da 1.1/8
sulla sommit), incrementando cos la
rigidit del comparto di guida.
1
2
DISTRIBUTORE: Atala SpA, via Inghilterra 16/A,
35127 Padova, tel. 049/7621633, fax
049/7621600, www.whistle.it; misure dispo-
nibili: cinque, XS, S, M, L, XL; geometria: slo-
ping; misura in esame: L; colori disponibili:
rosso/carbonio, titanio/carbonio; prezzo in-
dicativo: 5390 euro, 2190 euro (telaio, forcel-
la, serie sterzo); peso bici completa: 6900 g
(senza pedali); peso telaio: 930 g (misura M);
tubazioni: carbonio con inserti di aramide;
forcella: Mizuno Drome in carbonio mono-
scocca.
TRASMISSIONE: comandi cambio: Shimano
Dura-Ace; deragliatore centrale: Shimano Du-
ra-Ace; cambio posteriore: Shimano Dura-Ace;
guarnitura: Fsa SL-K Light BB30; corone: 50-
34; pedivelle: 172.5 mm; catena: Shimano Du-
ra-Ace; pacco pignoni: Shimano Dura-Ace
12-25.
RUOTE: Mavic R-Sys; gomme: copertonicni
Continental GP 4000; peso ruota anteriore:
952 grammi; peso ruota posteriore: 1394
grammi.
ALTRI COMPONENTI: serie sterzo: Fsa; freni:
Shimano Dura-Ace; sella: fizi:k Arione CX;
reggisella: Fsa K-Force; curva manubrio: Fsa
K-Force; attacco manubrio: Fsa OS-99 Csi.
Lultima nata in Casa Whistle
si ispira a dettami strutturali oversize,
non solo in merito alle sezioni
dei tubi, ma anche per il
dimensionamento dei comparti: la
zona sterzo a diametro maggiorato
e la scatola movimento utilizza il
nuovo standard del BB30. dedicata
principalmente agli agonisti,
ma il comfort che riesce a offrire
nelle situazioni pi difficili la rende
appetibile agli amatori evoluti.
735
120
73
560
406
160
540 (c/f)
480 (c/c)
la Scheda Tecnica
di Maurizio Coccia
TECNICA
k
K-Force e prima della Gossamer).
prodotta sia in configurazione
standard che compact, come appunto
in questo caso. Stiamo parlando
di una pedaliera con corpo in
carbonio con asse integrato, con
elegante finitura superficiale
marmorizzata e con pedivelle
internamente cave. In pratica, le
caratteristiche strutturali di questo
componente sono le stesse del modello
omologo SL-K Light con perno da
24 millimetri, con la differenza che
lassenza di calotte portacuscinetti
comporta un risparmio di peso di ben
80 grammi: comprese le corone in
alluminio da 50 e 34 denti, i grammi
della SL-K Light BB30 sono 640,
quelli della SL-K Light sono 740.
CARBONIO PI ARAMIDE
A livello strutturale, la Yakima nasce
utilizzando stampi in pezzo unico che
configurano cinque taglie in carbonio
monoscocca che vanno dalla XS alla
XL. E fin qui sembrerebbe non esserci
niente di nuovo rispetto alle odierne
modalit di costruzione
dei telai di altissima gamma come
appunto questo. Ci che distingue il
prodotto sotto esame, invece, che
allutilizzo del carbonio si aggiunge
anche aramide. Laramide una fibra
sintetica polimerica cinque volte pi
leggera dellacciaio (1500 i chili di
peso per metro cubo, rispetto ai 7850
di un metro cubo di acciaio). Con
aramide, ad esempio, sono realizzati
manufatti di sicurezza, quali giubbotti
antiproiettile e componenti per gli
aeromobili. Pi specificamente, se le
fibre di carbonio svolgono il ruolo di
leganti nella matrice che dar forma ai
layer da modellare nello stampo, le
fibre di aramide svolgono il ruolo di
rinforzo. Rispetto a un composito
realizzato con sole fibre di carbonio
polimerizzate in resina epossidica, un
composito carbonio/aramide
permette di ottenere significativi
vantaggi in merito alla
resistenza a trazione. Non solo,
limpiego di aramide permette
anche di migliorare il modulo
elastico del composito.
Ricordiamo che il modulo
elastico indica il rapporto tra lo sforzo
applicato al materiale e la
utilizzare cuscinetti con diametro
maggiorato: cos, se il
sovradimensionamento strutturale
produce maggiore resistenza a
flessione, da parte loro i cuscinetti
oversize producono maggiore
scorrevolezza e maggiore durevolezza,
in virt del maggiore numero di sfere.
Non solo, dimensioni simili obbligano
anche a cercare un nuovo
posizionamento dei cuscinetti, che qui
abbandonano le tradizionali calotte in
I N P R O V A
Molto particolare la foggia del nodo
di sella: il produttore lha chiamata
Crossover, proprio a sottolineare il
concetto di avvolgimento che i foderi posteriori
obliqui producono rispetto al tubo verticale.
Questa soluzione migliora la resistenza meccanica
e soprattutto, giova anche allaspetto estetico del
frame.
Anche alla zona sterzo
del telaio Wtrr, Whistle
ha affibbiato un nome
specifico, OS 50, che sta a
ricordare i 50 millimetri di diametro
della base del tubo sterzo, che
collimano perfettamente con la
stessa sezione della testa forcella.
Assieme al look, il carro
pensato prima di tutto
per esaltare le qualit
meccaniche e di resistenza a
flessione: i foderi obliqui adottano
un rigido monostay, su quelli bassi il
carbonio differenziato, pi robusto
quello sul lato catena.
3 5 4
SPECIALIT COMPETIZIONE
5390
GAMMA: ALTISSIMA
I Continental GP 4000
sono copertonini
tuttoterreno: la loro
particolare scolpitura del battistrada
permette di avere una buona
scorrevolezza e un grip ottimale
quando si percorrono fondi bagnati
o sdrucciolevoli.
6
Fsa stato uno tra i
primi ad aderire allo
standard del BB30. Lo ha
fatto con una guarnitura che ben si
allinea ai canoni di performance cui
ispirato il sistema: ecco, dunque,
la SL-K Light BB30, con leggero
corpo in carbonio monoscocca.
8
Il set guida Fsa: leggera
piega monoscocca
K-Force (215 g), resistente
attacco OS-99 Csi, con anima in
alluminio e rivestimento in fibra,
che non ha solo funzione estetica,
ma strutturalmente collaborante
con la lega leggera.
7
Lo scafo, con forma lunga
e piatta, quello
inconfondibile della
Arione, uno dei modelli pi riusciti
della fi:zik, qui impiegato in
versione CX, con telaio in composito
Carbon braided e design ribassato:
pesa solo 159 grammi.
9
DUE COLORI,
CINQUE TAGLIE
Oltre alla versione
rosso/carbonio
pervenuta in redazione
per questo test, la
Yakima disponibile
nella variante
titanio/carbonio, con
la medesima finitura
grafica che vediamo.
Le taglie disponibili
sono invece cinque,
tutte proposte
con configurazione
geometrica sloping.
SUI PEDALI
Non sono solo i 6900
grammi di peso rilevati
(pedali esclusi)
a invitare ad alzarsi sui
pedali, ma anche la
piacevole sensazione
che si percepisce
quando, pedalando
en-danseuse, la
bicicletta rimane
inflessibile rispetto
al gesto fisico alternato,
che utilizza la bici
come una leva.
k
TECNICA
WHISTLE WHISTLE
Modello oxo Yakima >
alluminio alloggiate ai margini della
scatola e trovano spazio in specifici
alloggi ricavati nella struttura stessa
del telaio. Lassenza di calotte
comporta, quindi, un significativo
risparmio di peso. Infine, una scatola
movimento di tali dimensioni permette
di sovradimensionare anche il
diametro dei tubi contigui alla scatola:
diagonale e verticale possono cos
offrire una maggiore rigidit torsionale
nello specifico e una maggiore rigidit
laterale nel complesso dellintero
frame-set. I vantaggi dello standard
BB30 sono appunto questi.
Per sfruttarli al meglio, necessario
utilizzare una guarnitura che sia
compatibile con questo sistema.
GUARNITURA FSA
Nella configurazione di serie, la
Yakima prevede limpiego di una
pedaliera Fsa SL-K Light BB30.
A tal proposito, segnaliamo che il
telaio disponibile anche come
singolo frame-set e che in questo caso,
attraverso appositi adattatori,
possibile anche il montaggio di
movimenti centrali con perno
tradizionale, da 24 millimetri. Si tratta
di una possibilit in pi offerta al
cliente, anche se, evidentemente, in
questo caso si verrebbero a perdere
molti dei vantaggi legati al BB30.
Tornando alla bici testata, la sua
guarnitura dimostra quanto Fsa sia
stato uno tra i produttori di
componenti pi celeri a credere nel
nuovo standard: ad oggi, il marchio
taiwanese ha gi tre modelli di
pedaliera compatibili con il BB30 (per
ora destinati solo al primo montaggio,
il prossimo anno anche come
componenti after-market).
In particolare, lSL-K Light BB30
la seconda in gamma (dopo la
deformazione percentuale prodotta
sullo stesso dallo sforzo. Il modulo
viene detto elastico perch implica il
ritorno alle condizioni primitive una
volta terminato lo sforzo. per questo
che, se nella prova su strada abbiamo
percepito una grande capacit del
telaio di assorbire le sconnessioni di
fondi stradali irregolari, il merito
(anche) della presenza di aramide nel
composito. Va precisato, tra laltro,
che la fibra aramidica impiegata in
modo differenziato sul telaio, in modo
da corrispondere perfettamente le
direzioni di sforzo. Questa filosofia
costruttiva sottende anche la stesura
dei fogli di carbonio nello stampo,
sovrapposti in direzione e in numero
differenti, a seconda dei comparti, cos
da mettere in pratica quella che il
costruttore definisce logica del
multilayer differenziato, che impiega
differenti combinazioni di strati di
fibre, in numero e con orientamenti
diversi. Nasce cos il carro posteriore
a struttura differenziata, sul quale,
cio, spessori e tipologia di carbonio
utilizzati sui foderi bassi sono identici
in quanto a forma, ma diversi in
quanto a struttura (pi robusto e
spesso quello destro, pi esile e pi
povero di aramide quello sinistro,
che risulta meno sollecitato in quanto
non soggetto al tiro-catena). Ancora,
limpiego ragionato del composito si
ripropone nella zona movimento e sul
tubo diagonale, che risultano i
comparti pi solidi in
quanto a resistenza a
flessione. Infine, non
possiamo dimenticare il
valore altrettanto valido
del peso dichiarato, che,
per una taglia M delle
cinque prodotte, di soli 930 grammi.
DUE MONTAGGI
Nella configurazione alla carta,
la Yakima proposta con due tipi
di assemblaggio: entrambi accomunati
dallappartenenza a un segmento
di altissima gamma e con la
sola differenza del prezzo finale.
La versione con il gruppo
Campagnolo Record costa infatti 6190
euro. Gli euro da sborsare diventano
5390 se si opta per il montaggio
Shimano Dura-Ace, come nel caso
della bici pervenuta in redazione per
questo test. Non cambia il resto del
montaggio, che, a cominciare dalla
forcella, prevede componentistica di
qualit omologa a quella del telaio: a
gestire le sterzate troviamo infatti una
Mizuno Drome, con costruzione
monoscocca realizzata affidandosi alle
nanotecnologie e con cannotto
forcella a sezione conica, 1.5 pollici
nella zona di connessione con la testa
e 1.1/8 sulla sommit. In carbonio
sono anche i forcellini, per un peso
totale di soli 330 grammi.
Passando alle ruote,
troviamo le leggere e
versatili basso profilo Mavic
R-Sys, con cerchio in
alluminio e raggi in
carbonio, che, oltre a
contenere il peso, permettono
anche di esaltare il comfort del telaio
in composito. In questo caso, le R-Sys
sono gommate con copertoncini
Continental GP 4000. Il gruppo di
guida invece siglato Fsa, con la
curva in carbonio monoscocca K-
Force e lattacco in allumino/carbonio
OS 99 Csi. Sul gruppo di sella, infine,
la Yakima monta un reggisella Fsa K-
Force con morsetto con off-set di 2.5
centimetri, sul quale alloggiata una
fi:zik Arione Cx.
I N P R O V A
D
ifficile, quando
bisogna esprimere il
giudizio su una bici,
definire con precisione da
quale comparto abbiano
origine le qualit o i difetti
rilevati. Ci che si percepisce,
infatti, sempre
limpressione generale,
relativa al telaio, alla forcella,
alle ruote e ai componenti
montati. accaduto cos
anche per la Yakima, dove la
sensazione prevalente stata
quella di eccellente rigidit
generale. E fin qui, niente
sorprese, se pensiamo che
abbiamo a che fare con una
bici di alta gamma destinata
principalmente alle gare.
Laspetto meno prevedibile e
alquanto gradito, invece,
stato che la resistenza alla
flessione laterale, su questa
bici, riesce a coniugarsi con
un ottimo comfort,
esprimibile soprattutto come
capacit di azzerare le
sconnessioni grandi e piccole
(soprattutto queste ultime)
che si incontrano talvolta sul
fondo stradale. Il comfort
appunto una qualit che si
pu pi facilmente far risalire
al telaio in s. Quindi,
laddove, come in questo
caso, il comfort sia
accoppiato con la rigidit, si
pu ottenere un indice molto
attendibile sulla qualit del
telaio. Questo perch in
circolazione esistono telai
molto confortevoli e molto
assorbenti rispetto alle
sconnessioni, ma che non
per questo risultano
altrettanto rigidi rispetto alle
accelerazioni impresse
quando si scatta in fuorisella.
In situazioni del genere,
il telaio Wtrr rimane
inflessibile. Se questo accade,
certamente anche per
merito della zona movimento
con lo standard del BB30.
Spostandoci dalle
impressioni sulla resistenza
meccanica a quelle di guida,
limpressione quella di un
mezzo che tiene bene in
situazioni di alta velocit,
come, ad esempio, discese
veloci o curve ampie. Anche
in questo caso impossibile
stabilire bene se questa
qualit derivi dallangolo di
sterzo leggermente aperto
piuttosto che dal solido
cannotto forcella da un
pollice e mezzo.
Quel che certo che
questa impostazione
potenzialmente in grado di
penalizzare la reattivit.
Ma su una bici cos leggera
(6.9 kg) e per di pi cos
rigida, questo dettaglio
di poco conto.
www.litespeed.com
NON SOLO
DESIGN
La verniciatura e le
grafiche sottoimpresse
provvedono a copiare
e ad esaltare le sezioni
variabili dei tubi.
Questi ultimi sono stati
cos progettati non solo
per gratificare il look,
ma anche per
assecondare esigenze
di resistenza
meccanica.
TE
C
N
IC
A
LA PROVA SU STRADA
Produttore: Whistle, www.whistle.it
Distributore: Atala, tel. 049/7621633, fax 049/7621600
WHISTLE WHISTLE
Modello oxo Yakima
>