Sei sulla pagina 1di 235

UNIVERSITA

FA
CO
LA RESPONSAB
Problemi iner!re"i#
l" re&!o




ERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO
FACOLTA DI GIURISPRUDENZA
CORSO DI LAUREA MAGISTRALE



DAR*N COSTA

ONSABILITA PENALE DELLE SOC
!re"i#i e$ "!!li%"i#i $ell" $i&%i!lin" ri
l" re&!on&"bili) "(onom" $e'li eni






A+A+ ,-.. /,-.,


O BO
LE SOCIETA
!lin" ri'("r$"ne
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
1

In$i%e

1. Origine del principio societas delinquere non potest
2. Gli ostcoli llintrod!"ione di !n respons#ilit$ penle delle
persone gi!ridic%e
&. L legge deleg n. &'' del 2''' ed il decreto legislti(o n. 2&1
del 2''1
). L nt!r gi!ridic dell nor*ti( s!ll respons#ilit$ degli enti
+. Il contrsto con il principio di c!i llrt. )1 Cost. , Li#ert$ di
ini"iti( econo*ic.
-. Lesi*ente dei compliance programs (modelli organizzativi)
.. A*#ito di operti(it$ del D.lgs n.2&1 del 2''1
a. A*#ito di pplic"ione e soggetti destintri
b. I reti pres!pposto
c. Elenc"ione dei reti e rin(io ll disciplin intern e
co*!nitri
/. Respons#ilit$ **inistrti( delle persone gi!ridic%e rig!rdo
i reti *#ientli
0. Decreto 2&1 e gr!ppi societri
1'. Siste* sn"iontorio


1L seg!ente rel"ione 2 d ppro3ondi*ento degli incontri se*inrili
ten!ti dllA((. Polo 4!oco5 nellA.A. 2'1'62'115 nell*#ito dei cicli
di le"ioni integrti(e pre(iste dll cttedr di Diritto Co**ercile7.

DAR8N COSTA


.+ Ori'ine $el !rin%i!io
societas delinquere non potest

Il principio societas delinquere non potest non % rdici *olto lontne
nel te*po5 non tro( in3tti l s! genesi nel diritto ro*no 1co*e
potre##e des!*ersi dll s! 3or*!l"ione ltin75 se ne potre##e
in(ece dre !n colloc"ione intorno l 9II secolo :!ndo co*inci d
essere *ess in disc!ssione l respons#ilit$ penle delle universitas
1
;
3eno*eni di cri*inlit$ colletti( sono testi*oniti tr il 9II ed il 9II
secolo in Itli5 Spgn5 Ger*ni<si ( d ipotesi di delitti co*pi!ti d
**inistrtori di enti ecclesistici 3innco csi di lotte tr co*!ni
2
.
Tr il 9I= e il 9= secolo5 in3tti5 delin:!ere uti universi sono
soprtt!tto i co*!ni; testi*onin"e di ci> sono noi per(en!te dgli
stt!ti co*!nli e (i 3ig!rno (rie tipologie delitt!ose< delitti contro
lordine p!##lico cittdino 1co*e gli sse*#r*enti75 delitti politici
1costit!"ione non !tori""t di sette5 ssoci"ioni5 leg%e5 !s!rp"ione
dell gi!risdi"ione cittdin5 (iol"ione di regole elettorli5
i*posi"ione illegitti* di d"i 75 * nc%e o*issioni relti(e l
*nteni*ento in #!ono stto dei co*!ni stessi
&
.

1
S. REN?ETTI5 Le *is!re c!telri interditti(e pplic#ili gli enti gi!ridici5 s!
@@@.!ni#o.it.
2
C3r. CAIODI5 Delinquere ut universi. Scienza giuridica e responsabili penale delle
Universitas tra XII e XII secolo5 in St!di di stori del diritto5 III5 2''15 p. 01 ss.
&
C3r. CALISSE5 Svolgimento storico del diritto penale in Italia dalle invasioni
barbariche alle riorme del sec. X!III" in Enciclopedi del diritto penle itlino"
c!r di Pessin5 10'-5 p. 0) ed ncor CAIODI5 Delinquere uti universi5 cit.5 p. 12/ ss.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
3

Il :!dro sn"iontorio er (riegto< dlle sn"ioni pec!nirie ll
con3isc5 soppressione di pri(ilegi5 interdi"ione 1c%e co*port( l
perdit di cpcit$ per il co*!ne75 sino ll *orte ci(ile c%e
co*port( l distr!"ione dell citt$; (i erno poi pene ncor piB
cr!ente co*e prese di ostggi o esec!"ioni di *ss.

In Itli (i 3! piB di !n cso di riconosci*ento dell respons#ilit$ delle
universitas< se ne rin(iene trcci nell Costit!"ione Sicilin
4edericin; nel 9= secolo 3! Brtolo d Ssso3errto dre
siste*"ione ll *teri5 negndo linco*pti#ilit$ tr l cpcit$
delin:!ere e l nt!r rti3icile dellente
)
.

C d !n pri*o periodo 1d!rto :!lc%e secoloD7 di generle
incerte"" s!ll respons#ilit$ o *eno rig!rdo gli tti co**essi d
universitas5 il principio societas delinquere non potest se*#r (edere l
s! 33er*"ione< 2 con l Ri(ol!"ione 4rncese5 in3tti5 c%e l
respons#ilit$ degli enti tro( co*plet neg"ione 1in conco*itn"
con l crisi delle corpor"ioni e lttri#!"ione llindi(id!o6!o*o del
pri*to nell (it socile ed econo*ic7. Nei d!e secoli s!ccessi(i
lirrespons#ilit$ penle delle persone gi!ridic%e regner$ sen"
contrsti in t!tti gli ordin*enti di civil la#.



)
A proposito si (ed LONGAI5 $a persona giuridica5 p.)'&; DERSO5 %ersona
giuridica e responsabilit penale. &ote storico'giuridiche a proposito di recenti
riorme5 in F!derni 3iorentini per l stori del pensiero gi!ridico *oderno5 n.20.
DAR8N COSTA


,+ Gli o&"%oli "llinro$(0ione $i (n"
re&!on&"bili) !en"le $elle !er&one 'i(ri$i%1e

C lo st*po dog*tico dellss!nto port l dottrin del 9I9 secolo
+

d interrogrsi s!ll possi#ilit$ e33etti( per gli enti di essere
destintri di sn"ioni cri*inli; si 3 ppello ll Gteori 3in"ionisticH5
3ingendo cio2 c%e le persone gi!ridic%e sino porttrici di !tono*
cpcit$ (oliti(5 ed in tl *odo rendendo !n loro sn"ion#ilit$
co*pti#ile con le ctegorie concett!li penlistic%e
-
.
Si de(e ttendere l second *et$ del 10'' per ssistere d !n
*o(i*ento c!lt!rl6gi!ridico c%e prend tto del *!tto c*#i*ento
dell relt$ socio6econo*ic5 or*i troppo in contrsto con il principio
societas delinquere (et puniri) non potest.
Nel corso dei decenni si 2 cercto di di*ostrre c%e non (i sono
ostcoli l riconosci*ento dell respons#ilit$ penle degli enti5 *
tle riconosci*ento dipende d scelte di politic cri*inle5 e d esse
soltnto.


+
Gi$ co*!n:!e nell second *et$ del 10I secolo (i 3!rono pri*i tentti(i di
iscri"ione dell respons#ilit$ penle gli enti. Il & gi!gno 1/-2 3! presentto il
progetto (attazzi5 il :!le cerc( di riconoscere le ssoci"ioni co*e soggetti
!tono*i di diritto penle; esso per> 3! criticto per l con3!sione c%e present(
nel disting!ere tr respons#ilit$ indi(id!le e colletti(.
-
C3r. SCIALO8A5 Sistema del diritto romano attuale" II5 Ro*6Npoli5 10//5 p. 2)' ss.
L!tore riprende i concetti di =ON SA=IGNJ il :!le 3! il pri*o d el#orre l
teori 3in"ionistic.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
5

Il nostro pese 2 :!ello c%e % *ostrto *ggiori reticen"e rispetto l
s!per*ento del dog* de quo. Le scelte politic%e in *teri5 sono
stte di (olt in (olt ss!nte dlle (rie 3"ioni5 con ris!ltti di
ind!##i *#i(len".
Il concetto di respons#ilit$6irrespons#ilit$ penle degli enti 3!
1o((i*ente7 in!tile d!rnte il periodo 3scist5 stnte il controllo
diretto operto s!gli stessi d prte del regi*e.
C nc%e dopo il ripristino dell de*ocr"i e dell li#ert$ ssociti(5
il 3eno*eno non 3! oggetto di !n (er e propri s(olt; n"i5 con
lentrt in (igore dell Crt Costit!"ionle5 si cre> !n ostcolo per
*olto te*po riten!to insor*ont#ile< lrt. 2. co** 1 , il principio
di personlit$ nell respons#ilit$ penle.
Si cerc> di #Kpssre tle ostcolo con l Gteori orgnicisticH 1o dell
Gi**edesi*"ione orgnicH7 secondo c!i cosL co*e 2 consentit
lttri#!"ione dellgire lecito del soggetto colletti(o i propri dirigenti5
cosL i reti d essi co**essi possono essere ttri#!iti llente.
Secondo tle teori riconoscere i soggetti colletti(i co*e persone
gi!ridic%e5 per poi esonerrle dl siste* penle5 costit!ire##e !n
ingi!sti3icto pri(ilegio gi!ridico
.
.
L principle o#ie"ione tle teori 2 c%e in tl *odo si ndre##ero
colpire nc%e i soci innocenti5 intccndo cosL il principio sncito
llrt. 2. co** 1 cost.5 o(e lo si intend
/
co*e costit!"ionli"""ione
del principio nulla poena sine culpa.

.
BRICOLA5 Il costo del principo )societas delinquere non potest* nell+attuale
dimensione del enomeno societario5 in Ri(. It. Dir. Proc. Pen. 10.'.
/
E cosL lo intende l Corte Costit!"ionle5 co*e gi$ 33er*to nelle 3*ose
senten"e n.&-) e n.1'/+ del 10//.
DAR8N COSTA
Inoltre5 si o#iett5 c%e l 3!n"ione ried!cti( dell pen non (re##e
lc!n senso se l stess 3osse irrogt d !n entit$ strtt.
C 2 proprio5 in(ece5 l 3!n"ione ried!cti( e risocili""nte c%e %
*osso il legisltore (erso l stes!r del D.lgs 2&M2''15 con c!i 2 stt
13inl*ente7 introdott nc%e nel nostro siste* !n respons#ilit$
dirett delle persone gi!ridic%e5 sottopost pen.
Si 25 in3tti5 rri(ti ll concl!sione c%e l!nic inco*pti#ilit$ tr ente
colletti(o e siste* sn"iontorio sre##e nel cso di deten"ione; *
(i possono essere pene #en piB e33icci
0
rispetto :!elle restritti(e
dell li#ert$.
Ed 2 proprio nei con3ronti delli*pres il 3inlis*o ried!cti(o dell
pen p!> tro(re l s! *ssi* esplic"ione5 in :!nto ,il diritto
penale pu- dare sogo a tutte le pretese di rimodellamento e di
riormulazione della struttura. pu- ricostruire una )persona nuova*
modiicandone il carattere e reimpostandone la condotta di vita/.
F!esto perc%N ,non essendoci un corpo da straziare e un animo da
umiliare" la pena inlitta all+impresa pu- permettersi quell+invadenza e
quella pervasivit che il diritto penale moderno" rispettoso della dignit
umana" respinge con orza quando il destinatario sia la persona isica/
10
.
A tl proposito :!le *iglior segnle di r((edi*ento d prte del
soggetto6ente5 e :!indi di e33icci del 3inlis*o ried!cti(o dell pen5
se non l ri*o"ione dei soggetti respons#ili del reto5 d c!i dipende
l respons#ilit$ dellente stesso e cosL co*e pre(isto dl D.lgs
2&1M2''1.

0
C3r. CAEGERI5 (esponsabilit penale delle persone giuridiche5 s! @@@.leO.!nict.it.
1'
DE CAGLIE5 $+etica e il mercato5 la responsabilit penale delle societ5 Cilno5
2''25 p. &...

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
7

Con ri3eri*ento llrt. 2. Cost.5 l dottrin pre(lente e l
gi!rispr!den" costit!"ionle
11
33er*no c%e esso oper
escl!si(*ente nei con3ronti delle pene (ere e proprie e non % lc!n
ttinen" con le sn"ioni **inistrti(e.
Proprio per :!est inoperti(it$ del principio di colpe(ole"" sono
**esse in sede **inistrti( 3or*e di respons#ilit$ per 3tto
ltr!i e nc%e l respons#ilit$ delle persone gi!ridic%e.
P!r t!tt(i l Corte Costit!"ionle % di recente 33er*to
12
5 :!si
ritornndo s!i propri pssi5 c%e le grn"ie s!ll pen 1colpe(ole""5
propor"ione e irretrotti(it$7 sino d estendere nc%e lle sn"ioni
p!niti(e **inistrti(e5 :!ndo tli sn"ioni sino cpci di incidere
s!ll person del soggetto respons#ile5 con escl!sione d!n:!e delle
sn"ioni di tipo pec!nirio.

A t!ttoggi grn prte dell dottrin 2 t!ttor pro3ond*ente resti
legitti*re il principio societas delinquere potest nel siste*
1&
itlino5
nonostnte le spinte co*!nitrie ed intern"ionli.

11
Corte. Cost.5 ordinn" 10 no(e*#re 10/. n. )2'5 cit.; C. cost.5 ordinn" 1'
dice*#re 10/. n. +'25 in 1iur. 2ost.5 10/.5 I5 p. &&1+. PiB di recente Corte cost.5
ordinn" 0 gennio 2''1 n. &&5 cit.5 p. &2. e Corte cost.5 ordinn" & *ggio 2''25
n. 1+'5 in 1iur. cost.5 2''25 p. 2)--.
12
Corte Cost.5 2) gennio 2''+5 n. 2.5 in Dir. pen e proc.5 2''+5 n. 05 p. 1'/05 con
co**ento di R. BARTOLI.
1&
C3r. per t!tti C. ROCANO5 Societas delinquere non potest. (&el ricordo di 3ranco
4ricola)5 cit.5 p. 1'&1 ss. .
En !lteriore rgo*ent"ione 3(ore dell tesi dellirrespons#ilit$ 2 :!ell c%e si
#s s! consider"ioni di tipo antropocentrico< Pil diritto penle 2 3tto per
l!o*oQ5 ossi per !n soggetto pensnte5 con intelligen" cretrice e pre(idente e
con 3colt$ di deter*inrsi li#er*ente. Le persone gi!ridic%e sono d!n:!e uori
dgli o#ietti(i del legisltore penle< l pro( 2 c%e le disposi"ioni del codice
penle %nno co*e destintri gli indi(id!i.
DAR8N COSTA
Di contro5 le tesi poste sostegno dell possi#ilit$ e dell opport!nit$
di introd!rre !n 3or* di respons#ilit$ GpenleH delle societ$
*!o(ono d consider"ione di *trice politico6cri*inle5 secondo le
:!li si de(e riconoscere c%e li*pres 2 !n centro cpce di generre
e di 3(orire l co**issione di 3tti penl*ente illeciti5 dei :!li de(e
essere5 conseg!ente*ente5 c%i*t dirett*ente rispondere.
In3tti5 ,se la persona giuridica 5 costruita dall+ordinamento come
soggetto capace di agire" di esercitare diritti" di assumere obblighi" di
svolgere attivit da cui trarre proitto" ovviamente per il tramite di
persone isiche agenti per l+ente" 5 nella logica di tale istituto che all+ente
possa essere ascritto sia un agire lecito che un agire illecito" realizzato
nella sera di attivit dell+ente stesso/
16
.
Con ci> si (!ole sostenere c%e se non ci si ostinsse concepire le
ctegorie penlistic%e in !n di*ensione Gindi(id!listicH5 sld*ente
incrdint s! connotti etici5 le costnti cri*inologic%e c%e spingono
in dire"ione di !n cri*inli"""ione dell societas potre##ero tro(re
!ndeg!t 3or*li"""ione penlistic5 ricorrendo ctegorie c%e
per*ettno di tipi""re si i criteri di i*p!t"ione oggetti( e
soggetti( dellillecito llente5 si !n ctlog"ione di sn"ioni c%e
sino 3!n"ionli gli o#ietti(i di pre(en"ione generle e specile.

Elteriore con3er* sre##e 3ornit dll presen" nel codice penle dellrt. 10.
con c!i si pre(ede per le persone gi!ridic%e soltnto !no##lig"ione civile
s!ssidiri. In *erito si 2 precisto co*e lrt. 10. c.p. *iri d GggirreH il
principio societas delinquere non potest5 colpendo solo indirett*ente l societ$;
,una sorta di A3t!ng per il soddisacimento dell+obbligazione e7 delicto di natura
pecuniaria/ 1 C3r. E. DOLCINI5 %ene pecuniarie e principio costituzionale di
uguaglianza5 in (iv. it. dir. proc. pen.5 10.25 p. )2-7.
1)
Cit. D. PELITANR5 (esponsabilit amministrativa per i reati delle persone
giuridiche" in 8nc. Dir.5 gg.5 =I.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
9

En si33tto tipo di respons#ilit$ 2 inoltre or*i !nesigen" dt
dllincre*ento dell cri*inlit$ del colletto #inco5 dllo s(il!ppo
dell cri*inlit$ del pro3itto e dllincedere di 3or*e di illiceit$ tipic%e
dell societ$ del risc%io.
Sono se*pre piB incidenti5 in3tti5 le 3ttispecie cri*inose poste in
essere dll ctegori socile po#erull 1ceti socili detentori di ingenti
risorse econo*ic%e7 discpito dei po#erless 1ceto socile *edio6
#sso75 ed !n *nct pre(isione di p!ni#ilit$ di tli condotte non 3
ltro c%e ccrescere l s3id!ci (erso il siste* gi!sti"i d prte dell
popol"ione. Si 2 in !ner in c!i l (ecc%i conce"ione del GdelittoH
costit!ito d lcri*e e sng!e5 2 #en lontno dlle *ille s3ccettt!re
c%e !ntti(it$ cri*inos oggi p!> ss!*ere5 in (ist del 3ine
econo*ico d rggi!ngere
1+
.
L necessit$ di 3ronteggire le poten"ilit$ cri*inli dei soggetti
colletti(i e*erge c%ir*ente in !n pssggio dell senten" &e# 9or:
2entral e ;udson (iver (ailroad contro gli Stti Eniti dA*eric5
pron!ncit gli ini"i del secolo scorso5 in c!i si 33er* c%e Pla legge
non pu- chiudere gli occhi di ronte all+evidenza che la maggior parte
delle transazioni nel mondo degli aari sono realizzate dalle imprese
(<). 1arantire loro l+impunit in omaggio ad una vetusta e superata
dottrina che nega agli enti collettivi la capacit di commettere reati"

1+
Rig!rdo le pro#le*tic%e socili e gi!ridic%e do(!te llind!strili"""ione ed
ll glo#li"""ione5 ed i relti(i pro#le*i rig!rdo lesigen" di !n diritto penle
G*ini*oH o G*ssi*oH5 si (ed 8.C. SIL=A SANCAE?5 $+espansione del diritto penale.
=spetti della politica criminale nelle societ postindustriali5 in >uaderni di diritto
penale comparato" internazionale ed europeo" Gi!33r25 2'').
DAR8N COSTA
signiica privarsi degli unici strumenti eicaci e in grado di controllare
questo tipo di criminalit/
1?
.
Il *essggio conten!to in :!est pron!nci5 estre**ente tt!le p!r
essendo dtt5 si prest d essere cosL pr3rsto< le persone
gi!ridic%e sono entit$ inserite nel *ondo del *ercto5 in grdo :!indi
di ss!*ere o##lig%i5 esercitre diritti e5 di conseg!en"5 nc%e di
delin:!ere; per :!esto de(ono essere riten!te respons#ili e
sn"ion#ili
1.
.


1-
Tle senten" 2 riportt5 nell trd!"ione di c!i l testo5 in DE CAGLIE5 $+etica e
il mercato. $a responsabilit penale delle societ5 Cilno5 2''25 p. 1+.
1.
Cit. E. GEIDO5 I giudizi speciali nel sistema del processo penale de societate5 s!
@@@.openstrts.!nits.it.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
11



2+ L" le''e $ele'" n+ 2-- $el ,---
e$ il $e%reo le'i&l"i#o n+ ,2. $el ,--.

Gi$ d te*po in ltri pesi e!ropei5 il concetto di corporative crime
per*ette di dde#itre le respons#ilit$ penle gli enti.
A seg!ito di spinte d prte dell Enione E!rope
1/
nc%e lItli %
do(!to deg!re l propri legisl"ione in *erito.
In *#ito legislti(o interno le 3onti dell respons#ilit$
**inistrti( delle persone gi!ridic%e sono costit!ite dll legge
deleg n. &'' del 2''' e dl conseg!ente decreto legislti(o n. 2&1 del
2''1.
Il D.lgs de quo recepisce dei principi snciti li(ello co*!nitrio s!ll
respons#ilit$ delle societ$; 2 stto !n psso 3ond*entle per l lott
e l repressione dei 3eno*eni di cri*inlit$ econo*ic ed nc%e
orgni""t.
=i si d$ !n :!dro di corretta gestione dell+impresa5 in c!i non si tiene
conto solo dell perormance delli*prenditore5 * nc%e
dellimmagine5 dell aidabilit5 dell reputazione" delli*pres 1ecco
c%e il 3oc!s si spost dlli*prenditore lli*pres7.
F!indi nc%e in ter*ini di etica delli*prenditore 1rppresentndo
!n (lore ggi!nto lli*pres stess7.

1/
Il ri3eri*ento 2 ll Con(en"ione OCSE stip!lt Prigi il 1. dice*#re 100. e
dl Secondo Protocollo s!ll prote"ione degli interessi 3inn"iri delle Co*!nit$
E!ropee del 2. gi!gno 100..
DAR8N COSTA
Ecco c%e llor il *ettere in tto5 ldottre dei )*odelli eticiH d prte
delli*prenditore5 con3ig!r !n Gesi*enteH in cso di co*port*enti
illegli posti in essere d prte dei s!oi preposti.
Il 3eno*eno copre !n*pi g** di reti5 tr c!i d ese*pio i reati
ambientali5 nell*#ito dei :!li si (eri3icno *olto spesso dei 3orti
leg*i tr le "iende e le *3ie n"ionli eMo nc%e trnsn"ionli.

Lente c%e s(olg tti(it$ di tipo econo*ico5 p!> incorrere nell
sn"ion#ilit$ del proprio gire operndo in d!e *odi c%e
corrispondono d!e di(ersi tipi di Gecono*i illegleH.

8conomia illegale di due tipi@ a) volontaria . b) non volontaria
7 !olontaria< li*pres % co*e propri politic !n volont ben
precisa di co*piere tti(it$ illecite nello s(olgi*ento dell
propri tti(it$ econo*ic; !n (olont$ #en precis
delli*prenditore delin:!ere.
#7 &on volontaria< (i sono per> dei reti c%e non deri(no d !n
(olont$ delli*prenditore5 * d s!oi dietti sull+organizzazione
ed il controllo; li*prenditore in :!esto cso 2 !n soggetto c%e
non (!ole operre nellillecito5 * non % dottto i gi!sti
*odelli orgni""ti(i.

In tt!"ione dell deleg conten!t nellrt. 11 l. n. &'' del 2'''5 il
legisltore delegto % disciplinto l respons#ilit$ **inistrti(
delle persone gi!ridic%e e delle societ$ ed ssoci"ioni nc%e pri(e di
personlit$ gi!ridic per i reti co**essi nel loro GinteresseH o loro
G(ntggioH d soggetti c%e ri(estono posi"ioni picli o((ero d
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
13

sottoposti llltr!i dire"ione5 *eglio indi(id!ti nellrt. + del D.lgs n.
2&1 del 2''1 1c.d. i*p!t"ione oggetti(75 con indi(id!"ione dei
criteri di i*p!t"ione soggetti( nei s!ccessi(i rtt. - e ..
In prticolre si pre(ede c%e5 per i reti co**essi nel s!o interesse o
s!o (ntggio d soggetti c%e ri(estono !n posi"ione di (ertice5 lente
risponde dellillecito **inistrti(o conseg!ente5 *eno c%e non
pro(i l s!ssisten" concorrente e conco*itnte dei seg!enti ele*enti<
6 ldo"ione ed e33icce tt!"ione5 pri* dell co**issione del 3tto5
di !n *odello di orgni"""ione e di gestione idoneo pre(enire reti
dell specie di :!ello (eri3ictosi;
6 listit!"ione di !n orgnis*o di (igiln" e di controllo s!l *odello di
orgni"""ione col co*pito di (igilre s!ll s! osser(n" e di
c!rrne lggiorn*ento;
6 l 3r!dolent el!sione del *odello d prte dell!tore dellillecito
penle;
6 l *ncn" di o*issione nell (igiln" d prte dellorgnis*o di
controllo citto.
Per i reti co**essi d !n soggetto s!#ordinto5 si pre(ede c%e lente
risponde se l co**issione del reto 2 stt res possi#ile
dllinosser(n" degli o##lig%i di dire"ione o di (igiln"5 c%e 2
escl!s dlldo"ione ed e33icce tt!"ione5 pri* dell co**issione
del 3tto5 di !n *odello di orgni"""ione5 gestione e controllo idoneo
pre(enire reti dell specie di :!ello (eri3ictosi.
Il legisltore delegto % pre(isto5 d!n:!e5 !n *odello di
respons#ilit$ di33eren"it second dell :!li3ic ri(estit
DAR8N COSTA
llinterno dellente dell person ll :!le (iene ttri#!ito il reto
pres!pposto
10
.

10
Cit. C. BARESI. Il siste* c!telre nel processo penle de societate tr esigen"e
di e33etti(it$ e pro3ili di incostit!"ionlit$5 s! @@@.openstrts.!nits.it.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
15



2+ L" n"(r" 'i(ri$i%" $ell"
re&!on&"bili) $e'li eni

Il legisltore del 2''15 (incolto ll legge deleg del 2'''5 %
:!li3icto co*e **inistrti( l respons#ilit$ delle persone
gi!ridic%e.
L scelt sre##e stt ispirt escl!si(*ente d rgioni di c!tel5
posto c%e ,dal punto di vista teorico" non si sarebbero incontrate
insuperabili controindicazioni alla creazione di un sistema di vera e
propria responsabilit penale degli enti/
A0
.
T!tt(i5 l scelt di :!li3icre co*e **inistrti( tout court l
respons#ilit$ in :!estione5 2 stt *ess in disc!ssione gi$ dllo
stesso legisltore delegto5 o(e riconosce c%e ,tale responsabilit"
poichB conseguente da reato e legata (per espressa volont della legge
delega) alle garanzie del processo penale" diverge in non pochi punti dal
paradigma di illecito amministrativo ormai classicamente desunto dalla
$. ?CD del 1DC1. 2on la conseguenza di dar luogo alla nascita di un
tertium genus che coniuga i tratti essenziali del sistema penale e di
quello amministrativo nel tentativo di contemperare le ragioni

2'
CosL test!l*ente si espri*e l rel"ione di cco*pgn*ento l decreto. Per
!n nlisi delle di33icolt$ incontrte nellppro("ione del decreto de quo si (ed<
A. CANNA5 $a c.d. (esponsabilit amministrativa delle persone giuridiche@ un primo
sguardo d+insieme5 in (iv. trim. dir. pen. ec.5 2''25 n. &5 p. +'1 ss.; C. PIERGALLINI5
Sistema sanzionatorio e reati previsti dal codice penale5 in Diritto penale processo5
2''15 p. 1&+& ss.
DAR8N COSTA
dell+eicienza preventiva con quelle" ancor piE ineludibili" della massima
garanzia/
A1
.
In relt$ proprio l scelt rig!rdo il procedi*ento penle e le grn"ie
in esso conte*plte depone per l nt!r penle dell respons#ilit$
degli enti.
A sostegno dell tesi c%e indi(id! co*e penle l nt!r dell
respons#ilit$ in es*e5 si possono indicre i seg!enti crtteri del
decreto de quo@
6 lpplic"ione dell sn"ione llente non 2 33idt llA!torit$
**inistrti(5 * l gi!dice penle;
6 il pro((edi*ento di pplic"ione non 2 33tto di nt!r
**inistrti(5 #ensL di pien gi!risdi"ione penle5 le sn"ioni
sono di st*po penlistico;
6 nellttri#!"ione dell respons#ilit$ % r!olo centrle il criterio
dell colp;
6 listit!to 2 ispirto 3inlit$ pre(enti(e rispetto ll co**issione
dei reti;
6 si trttere##e di !n respons#ilit$ !tono*5 co*e reso
e(idente dl s!o sorgere nc%e indipendente*ente dll
p!ni"ione dell person 3isic.
22




21
Cit. (elazione al d. lgs. C giugno A001" n. AF15 in 1uida dir.5 2''15 n. 2-5 p. &1.
22
Cit. C. BARESI. Il siste* c!telre nel processo penle de societate tr esigen"e
di e33etti(it$ e pro3ili di incostit!"ionlit$5 s! @@@.openstrts.!nits.it.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
17



3+ Il %onr"&o %on il !rin%i!io $i %(i
"ll"r+ 4. Co&+ 5 Liber) $i ini0i"i#" e%onomi%"+

=rt. 61 2ost. $ibert di iniziativa economica
1I co**< tti(it$ co**ercile li#er. En (lore5 !n diritto
insoppri*i#ile.
2I co**< non p!> s(olgersi in contrsto con l!tilit$ socile o recre
dnno ll sic!re""5 ll li#ert$ o ll dignit$ !*n.
&I co**< 2 l legge c%e deter*in i progr**i ed i controlli 33inc%N
sino rggi!nti i 3ini socili delltti(it$ econo*ic 1p!##lic o pri(t7
post in essere.

Senten" Corte Costit!"ionle n../ del & gi!gno 10.'< Pla libert
dell+imprenditore nella scelta di intraprendere una attivit economica"
non pu- essere costretta o soppressa. quindi i limiti di legge ascritti a
tale attivit non possono essere tali da renderne estremamente
diicoltoso" o impossibile" l+eettivo esercizio </.
Ad !n pri*o pproccio si p!> riscontre co*e l nor*ti( in es*e
crei lc!ni contrsti 1o pres!nti tli7 con il principio dell li#ert$ di
ini"iti( econo*ic di c!i llrt. )1 dell Costit!"ione.
C 2 lo stesso ordin*ento c%e i*pone dei li*iti tle principio5 e
c!i pi si si 3tto ri3eri*ento in sede di stes!r del decreto de quo.
Alc!ni di tli li*iti sono gi$ conten!ti nell stess crt costit!"ionle5
pri*o tr t!tti il 2I co** dello stesso rt. )1 o(e si pre(ede c%e
DAR8N COSTA
ltti(it$ co**ercile non p!> s(olgersi in contrsto con l!tilit$
socile o recre dnno ll sic!re""5 ll li#ert$ o ll dignit$ !*n.
Altri li*iti costit!"ionli sono5 d ese*pio5 l t!tel dell*#iente5 del
l(ortore S o((ero t!tti i diritti costit!"ionl*ente grntiti.
Allrt. &2 Cost. (iene grntito il diritto ll sl!te5 il :!le non p!>
essere (iolto dlltti(it$ delli*pres; rt. &+ Cost. l Rep!##lic
t!tel il l(oro in t!tte le s!e 3or*e ed pplic"ioni; llrt. )2 Cost.
(iene grntito il diritto ll propriet$ ed in prticolre l 2I co** si
speci3ic c%e 2 l legge deter*inre i *odi in c!i tle diritto si
estrinsec.
C non (i sono solo li*iti costit!"ionli5 in3tti se ne rin(engono nc%e
nell disciplin codicistic5 tr c!i d es. l rt. 2'/. cc. , T!tel delle
condi"ioni di l(oro 1!n rticolo c%e con3ig!r !n Gcl!sol
3ttispecie pertH7 , in c!i si 33er* c%e li*prenditore 2 ten!to l
rispetto non solo dell legge * nc%e di t!tte le G*is!re necessrieH
t!telre il l(ortore 1secondo le prticolrit$ del l(oro5 lesperien" e
l tecnic7
2&
.
Le G*is!re necessrieH sono con3ig!r#ili in :!elli c%e il Legisltore del
D.lgs 2&1M2''1 de3inisce G*odelli orgni""ti(iH 1di c!i si (edr$
(nti7.
L *ess in tto dei *odelli orgni""ti(i 1nonostnte :!esti non
##ino e(itto il con3ig!rrsi di !n reto7 costit!isce !n esi*ente nel
gi!di"io penle5 :!lor si (eri3ic%i !n delle 3ttispecie di reto c%e
con3ig!ri respons#ilit$ penle dellente.


2&
L pre(en"ione degli in3ort!ni s!l l(oro 2 disciplint dl Dlgs. /1M2''/.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
19



6+ Le&imene $ei compliance programs
7mo$elli or'"ni00"i#i8

Il D.lgs 2&1del 2''1 pre(ede 1gli rtt. - e .7 per gli enti l possi#ilit$
di dottre *odelli di orgni"""ione e gestione.
En n!o( pre(isione5 :!est5 dto c%e non (i si 3 *en"ione nN nell
legge deleg del 2'''5 nN in lc!n delle diretti(e co*!nitrie delle
con(en"ioni intern"ionli c!i si 2 (ol!t dre tt!"ione.
Nell Rel"ione Cinisterile l decreto
2)
5 tle scelt (iene *oti(t
33er*ndo c%e !ne(ent!le ttri#!"ione di respons#ilit$ #st
!nic*ente s!l principio )versari in re illicita*
2+
5 si sre##e corso il
risc%io di depoten"ire il siste*5 ind!cendo in tl *odo gli enti
porre di (olt in (olt !n clcolo dell sn"ione co*e *ero costo d
inserire tr :!elli necessri lltti(it$ di*pres5 in tl *odo
(ni3icndo le33etto pre(enti(o dell disciplin5 l :!le in(ece *ir
pp!nto c%e gli enti sino spinti d dottre dei G*odelli
orgni""ti(iH 5 con3or*ndo in tl *odo l propri tti(it$ :!ello c%e
p!> de3inirsi Gil gi!sto modus operandiH.
Tli *odelli orgni""ti(i 1e di gestione7 sono riclcti s!l tipo
stt!nitense dei compliance programs. Il pres!pposto 2 c%e il *iglior
*odo di e(itre l co**issione di reti 2 3r si c%e si lente stesso
crere degli GnticorpiH l s!o interno5 in *odo tle d e(itre 1o

2)
In Appendice.
2+
>ui in re illicita versatur" tenur etiam pro casu.
DAR8N COSTA
:!nto *eno d non occ!ltre7 c%e si ingenerino co*port*enti
illeciti.

=rt.? Soggetti in posizione apicale e modelli di organizzazione dell+ente.
En rticolo centrle in :!est nor*ti(.
- $ett. a) GLente non risponde del 3tto se si pro( di (er tt!to i
*odelli orgni""ti(i5 pri* dell co**issione del 3tto.H =i 2
:!indi !n in(ersione dellonere dell pro( in cpo llente. =i 2
!n criterio di Gc!lp in (igilndoH.
- $ett. b) Lente de(e nc%e pro(re5 non solo di (er tt!to i
*odelli5 * nc%e di (er istit!ito !n orgno di (igiln"
1dellente7 c%e (igili e 3cci osser(re tli *odelli. F!indi le
societ$ de(ono istit!ire tli orgni di controllo5 i :!li sono
dotti di !tono*i poteri di ini"iti( e di controllo 1(engono
indi(id!te 1 o 2 persone c%e s(olgono tli co*piti7.
- $ett. c) Lente non risponde se si di*ostr c%e le persone c%e
%nno co**esso il reto5 %nno el!so 3r!dolente*ente i
*odelli. Lente % lonere di pro(re ci>5 e di (er *esso t!tti in
condi"ione di poter osser(re i *odelli 1es. corsi di 3or*"ione5
in3or*"ione S7.
- $ett. d) Lente non risponde se d prte dellorgno di controllo
non (i 2 stt (igiln"5 se 2 stt o*ess o 2 stt ins!33iciente.

- 2omma 6G< Negli enti di piccole di*ensioni5 i co*piti di controllo
possono essere s(olti dirett*ente dllorgno dirigente.
- 2omma HG< E pre(ist l con3isc del pro3itto c%e lente % trtto
dl reto.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
21

Ldo"ione di *odelli orgni""ti(i non costit!isce !n o##ligo
gi!ridico. L nor*ti( del 2''15 in3tti5 non i*pone il *odello5
#ensL si li*it ricollegre conseg!en"e 3(ore(oli per lente c%e si
si (olontri*ente dotto di !n compliance program.
L legge5 d!n:!e5 se*#r pi!ttosto istit!ire !n GonereH< se l societ$
(!ole 3r!ire dei #ene3ici5 pre(isti in pl!ri*e disposi"ioni del d. lgs. n.
2&1 del 2''15 de(e dottre e e33icce*ente tt!re i *odelli
2-
.
Ldo"ione di !n *odello di orgni"""ione p!> gio(re llente
sotto di(ersi spetti
2.
<
- P!> escl!dere5 deter*inte condi"ioni5 l respons#ilit$
dellente per i reti co**essi d soggetti picli e s!#ordinti
1rt. - e .7;
- Se dottto dopo l co**issione del reto5 * pri* del
di#tti*ento nel gi!di"io di pri*o grdo5 esso p!> concorrere d
e(itre llente lpplic"ione delle piB gr(i sn"ioni interditti(e
1rt. 1. lett. b75 e :!indi nc%e l p!##lic"ione dell senten" di
condnn;
- Allo stesso *odo si p!> (ere !n rid!"ione di pen 1rt. 12
co** 2 lett. b e co** &7 ;

2-
Cit. G. PAOLO??I5 !ademecum5 p. +).
2.
In cso di non tt!"ione si (ed< Iribunale di Jilano" Sezione !III 2iv." sentenza
del 1F ebbraio A00C" n.1KK6 1in Appendice7<
- 4ondi neri per 3inn"i*enti illeciti
- O*issione delldo"ione di !n deg!to *odello orgni""ti(o secondo
DLgs. 2&1M2''1
- Prelie(i dlle csse socili per in(esti*enti inde#iti
Il Tri#!nle dito5 decide in *erito ll (l!t"ione dei dnni rrecti ll societ$
1ttore7 dgli tti *essi in tto dll**inistrtore 1con(en!to7 e soprcitti.

DAR8N COSTA
- L se*plice dic%ir"ione di (oler dottre !n *odello
orgni""ti(o5 p!> i*plicre l sospensione delle *is!re
c!telri interditti(e 1rt. )0 co** 175 le :!li possono essere
ddiritt!r re(octe :!lor si ccerti c%e e33etti(*ente tli
pro*esse sino stte de*pi!te5 tr*ite ldo"ione dei
protocolli orgni""ti(i prospettti;
- Inoltre ldo"ione di *odelli orgni""ti(i dopo l pron!nci
dell senten"5 p!> consentire l con(ersione delle sn"ioni
interditti(e in sn"ioni pec!nirie 1rt. ./7.

=rt. K Soggetti sottoposti all+altrui direzione e modelli di organizzazione
dell+ente.
C ltt!"ione di !n *odello orgni""ti(o non 2 di per se s!33iciente
d esi*ere lente d respons#ilit$ per reti co**essi di propri
soggetti; 2 necessrio5 in3tti5 c%e lo stesso istit!isc !n pposito
orgno c%e controlli c%e il *odello si *esso in tto5 e ne (igili s!ll
corrett esec!"ione< si trtt dell Od= , Orgno di =igiln" 1e di
Controllo7.
Per :!nto rig!rd loperto dei soggetti picli5 nulla quaestio per ci>
c%e concerne l respons#ilit$ dellente deri(nte dlle scelte di
:!est!lti*i5 essendo essi Gl i*personi3ic"ioneH dellente concorrendo
deter*inre l (olont$ dello stesso.
Il pro#le* in(ece sorge per i soggetti sottoposti llltr!i dire"ione5 e
s!l controllo c%e ltri esercitno s!lloperto di :!esti.
Nel cso di reto co**esso d soggetti picli ldo"ione e le33icce
tt!"ione del *odello d prte dellente 2 condi"ione necessri5 *
non s!33iciente5 d i*pedire l respons#ilit$. Sen" !n *odello lente5
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
23

prre##e non essere **esso ness!n pro( contrri 1rt. -
co** 17.
Nel cso di illecito reli""to d persone sottoposte llltr!i dire"ione
o (igiln"5 in(ece5 l respons#ilit$ dellente p!> o *eno s!ssistere
indipendente*ente dl *odello5 gicc%N l respons#ilit$ dipende dl
3tto c%e ,la commissione del reato sia stata resa possibile
dall+inosservanza degli obblighi di direzione o di vigilanza/5
inosser(n" c%e (iene e7 lege escl!s se (i 2 stt ldo"ione ed
e33icce tt!"ione di !n *odello.
2/






2/
Cit. C. BARESI. Il siste* c!telre nel processo penle de societate tr esigen"e
di e33etti(it$ e pro3ili di incostit!"ionlit$5 s! @@@.openstrts.!nits.it.

DAR8N COSTA


9+ Ambio $i o!er"i#i) $el
D+l'& n+,2. $el ,--.


"+ Ambio $i "!!li%"0ione e &o''ei $e&in""ri

LT*#ito di pplic"ione soggetti(
20
2 esteso t!tti gli enti 3orniti di
personlit$ gi!ridic e lle societ$ e ssoci"ioni nc%e pri(e di
personlit$ gi!ridic. Sono escl!si lo Stto5 gli enti p!##lici territorili5
gli ltri enti p!##lici non econo*ici5 nonc%N gli enti c%e s(olgono
3!n"ioni di rilie(o costit!"ionle.
Allrt. 1 (iene precisto5 in3tti5 l*#ito di pplic"ione del decreto
disponendo 1l co** 27 c%e )$e disposizioni in esso previste si
applicano agli enti orniti di personalit giuridica e alle societ e
associazioni anche prive di personalit giuridica*.
F!indi d !n pri* interpret"ione letterle pre c%e l disciplin
non poss pplicrsi lli*prenditore indi(id!le; l Corte di
Css"ione Penle con l senten" n. 1/0)1 del 22 prile 2'') %
con3er*to tle interpret"ione5 33er*ndo per> c%e nel cso
li*pres indi(id!le si solo !n se*plice copert!r di !n societ$
occ!lt5 tro(er$ !g!l*ente pplic"ione l nor*ti( di c!i sopr.

20
Articolo 1. Soggetti< Il presente decreto legislti(o disciplin l respons#ilit$
degli enti per gli illeciti **inistrti(i dipendenti d reto.
Le disposi"ioni in esso pre(iste si pplicno gli enti 3orniti di personlit$ gi!ridic
e lle societ$ e ssoci"ioni nc%e pri(e di personlit$ gi!ridic.
Non si pplicno llo Stto5 gli enti p!##lici territorili5 gli ltri enti p!##lici non
econo*ici nonc%N gli enti c%e s(olgono 3!n"ioni di rilie(o costit!"ionle.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
25

Nell senten" in es*e l Css"ione % c%irito c%e in c!i si c%irisce
c%e )in tutta la normativa (convenzioni internazionali" legge di
delegazione" decreto delegato)" segnatamente" nell+art. 1 " comma 1" del
decreto legislativo n. AF1 del A001 essa 5 rierita unicamente agli )enti*"
termine che evoca l+intero spettro dei soggetti di diritto meta individuali"
tanto che" come si 5 visto" i successivi commi della disposizione da ultimo
menzionata ne speciicano l+ambito soggettivo di applicazione*.

U d ritenersi5 :!indi5 c%e l nor*ti( si pplic#ile lle persone
gi!ridic%e pri(te riconosci!te5 co*prese le 3ond"ioni5 e societ$ per
"ioni gi$ costit!ite 1e non :!elle in 3se di 3or*"ione75 le societ$ in
cco*ndit per "ioni5 le societ$ respons#ilit$ li*itt 1nc%e con
!nico socio75 le societ$ estere con sede secondri in Itli5 le societ$
cooperti(e e le *!t!e ssic!rtrici; ltresL l disciplin 2 pplic#ile
lle societ$ se*plici5 lle societ$ in no*e colletti(o5 lle societ$ in
cco*ndit se*plice5 lle i*prese di in(esti*ento cpitle (ri#ile
1SICA=75 lle societ$ d inter*edi"ione i**o#ilire 1SIC75 lle societ$
di gestione di 3ondi co*!ni di in(esti*ento ed lle societ$ sporti(e5
nonc%N lle ssoci"ioni non riconosci!te nc%e sen" scopo di l!cro
1non 2 in3tti necessrio5 i 3ini dellpplic#ilit$ dell disciplin5 c%e
lente perseg! 3inlit$ l!crti(e5 * 2 soltnto necessrio c%e esso
##i !n ptri*onio7; (i rientrno inoltre le societ$ di 3tto5 :!elle
irregolri5 ed i co*itti 1c%e ##ino c:!isito o *eno personlit$
gi!ridic7.

F!indi5 in concl!sione5 p!> riss!*ersi c%e lT*#ito di pplic"ione
soggetti( 2 esteso t!tti gli enti 3orniti di personlit$ gi!ridic e lle
DAR8N COSTA
societ$ e ssoci"ioni nc%e pri(e di personlit$ gi!ridic; lestensione
dell disciplin :!este !lti*e 2 do(!t ll (olont$ del legisltore di
rico*prendere nc%e tli soggetti per (i dell *ggior possi#ilit$
per gli stessi 1essendo piB 3cile !n loro sottr"ione i controlli
sttli7 di porre in essere tti(it$ illecite
&'
.
Sono escl!si lo Stto5 gli enti p!##lici territorili5 gli ltri enti p!##lici
non econo*ici5 nonc%N gli enti c%e s(olgono 3!n"ioni di rilie(o
costit!"ionle.
C l Corte di Css"ione
&1
% 33er*to c%e il D.lgs. 2&1M2''1
colpisce nc%e le Gsociet$ *isteH c%e sono p!##lic%e; esse non sono
esenti5 nc%e :!ndo il soggetto p!##lico % !n prtecip"ione
*ggiore in :!ot. Tli societ$5 in3tti5 p!r s(olgendo ser(i"i p!##lici5
perseg!ono !n 3ine econo*ico prescindere dll destin"ione 3!t!r
degli e(ent!li !tili.

Interessnte 2 l pre(isione di c!i llrt / del D.lgs 2&1 del 2''15 o(e si
pre(ede l respons#ilit$ 1!tono*7 dellente nc%e :!lor l!tore
del reto non 2 stto identi3icto o non 2 i*p!t#ile5 o 2 stto ssolto.
A rig!rdo< 1ip Jilano" sentenza n. A10AD del A00? (ruolo generale) L
n.KD11 del A00D (1ip) 6 I*pregilo (s Conso# 1prte o33es7.
Cpo di*p!t"ione I*pregilo< dic%ir"ioni contrrie l (ero5
di33!sione di noti"ie 3lse5 concret*ente idonee d lterre il (lore
delle "ioni I*pregilo.

&'
Per !n ttent speci3ic"ione dei soggetti sottoposti ll disciplin in es*e si
(ed nc%e l senten" del 1.I.% del Iribunale di (oma" F0 maggio A00F.
&1
2orte di 2assazione" sentenza del A011" n.AC?DD< (iene coin(olt !n s.p..
co*!nle.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
27

Il Gip proscioglie il cso5 * rest in piedi li*p!t"ione dell societ$
s!ll :!estione per l :!le l stess (esse *esso in tto o *eno i
*odelli orgni""ti(i.
Tle decisone toglie ogni d!##io rig!rdo il 3tto c%e t!tte le societ$
de##no dottre i *odelli orgni""ti(i5 prescindere dlle
di*ensioni e dll i*p!t#ilit$ o *eno delli*prenditore
&2
.
Per ci> c%e concerne le ipotesi di reati commessi all+estero
FF
5 le societ$
c%e %nno l loro sede principle in Itli rispondono nc%e dei reti
co**essi llestero. Si ##ndon il principio di territorilit$ per
:!ello dell !ni(erslit$5 per *eglio co*#ttere i 3eno*eni cri*inli di
tipo intern"ionle o co*!n:!e eOtrterritorile
&)
.

&2
Si (ed nc%e< 2orte di 2assazione" sentenza n. AKKFH del A010.
&&
Articolo ). Reti co**essi llestero< Nei csi e lle condi"ioni pre(iste dgli
rticoli .5 /5 0 e 1' del codice penle5 gli enti (enti nel territorio dello Stto l sede
principle rispondono nc%e in rel"ione i reti co**essi llestero5 p!rc%N nei
loro con3ronti non proced lo Stto del l!ogo in c!i 2 stto co**esso il 3tto.
Nei csi in c!i l legge pre(ede c%e il colpe(ole si p!nito ric%iest del Cinistro
dell gi!sti"i5 si procede contro lente solo se l ric%iest 2 3or*!lt nc%e nei
con3ronti di :!est!lti*o.
&)
A tl proposito l gi!rispr!den" % riten!to c%e pre(edendo lrt. ) ,le ipotesi di
responsabilit degli enti con sede principale nel territorio nazionale in relazione ai
reati commessi all+estero/5 sen" c%e si pre(ist lipotesi in(ers5 ne deri( c%e
,dal silenzio sul punto non 5 dato trarre il principio di insussistenza della
giurisdizione italiana nella ipotesi inversa" ossia quella dell+ente con sede all+estero in
relazione a reati commessi in Italia/ e ci> perc%N dll lett!r siste*tic degli rtt.
&) e &- dell nor*ti( in co**ento si e(ince co*e Pla competenza per
l+accertamento dell+illecito amministrativo si radica nel luogo di commissione del
reato presupposto/ 1G.I.P. Tri#. Cilno5 ordinn"5 1&.'-.2''.7.
Pertnto5 il ,sistema del D.lgs AF1L01 5 chiarissimo nello stabilire che una volta
sussistente il reato presupposto il 1iudice ha competenza anche a conoscere della
sussistenza o meno della responsabilit amministrativa dell+ente. Il dovere di
diligenza dell+ente in tanto rileva ed ha giuridica rilevanza in quanto viene commesso
il reato/ 1G.I.P. Tri#. Cilno5 ordinn"5 1&.'-.2''.7.
DAR8N COSTA
Per tle tipologi di 3ttispecie delitt!ose sono pre(iste sn"ioni nc%e
sn"ioni interditti(e tr c!i :!ell del di(ieto di contrttre con l P.A.
Itlin
&+
.


&+
Iribunale di Jilano" 1up" sentenza del 1F giugno A00K@ rin(io gi!di"io di lc!ne
#nc%e estere.
Iribunale di Jilano" sentenza del AK aprile A006< persone gi!ridic%e strniere c%e
operno in Itli de(ono rispettre le leggi itline.


LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
29

b+ I re"i !re&(!!o&o

=rticolo H. (esponsabilit dell+ente< Lente 2 respons#ile per i reti
co**essi nel s!o interesse o s!o (ntggio<
7 d persone c%e ri(estono 3!n"ioni di rppresentn"5 di
**inistr"ione o di dire"ione dellente o di !n s! !nit$
orgni""ti( dott di !tono*i 3inn"iri e 3!n"ionle nonc%N d
person c%e esercitno5 nc%e di 3tto5 l gestione e il controllo;
#7 d persone sottoposte ll dire"ione o ll (igiln" di !no dei
soggetti di c!i ll letter 7.
Lente non risponde se le persone indicte nel co** 1 %nno gito
nellinteresse escl!si(o proprio o dei ter"i.
&-


L societ$ 2 respons#ile5 co*!n:!e5 per i 3tti 1costit!enti reto
&.
7
co**essi d soggetti picli dell stess. Per reto pres!pposto si
intende< se !n soggetto picle co**ette !no di :!esti reti5 oltre d
essere respons#ile personl*ente5 co*e person 3isic5 l
respons#ilit$ si estende ll societ$ M ente5 o((ero l person
gi!ridic.

&-
,$a responsabilit a carico dell+ente sorge ogniqualvolta il soggetto legato a vario
titolo all+ente ha posto in essere la condotta illecita )nell+interesse o a vantaggio
dell+ente*/ 1Irib. Jilano" Mrdinanza 1.I.%." A0.0D.A0067.
&.
=rticolo A. %rincipio di legalit< Lente non p!> essere riten!to respons#ile per
!n 3tto costit!ente reto se l s! respons#ilit$ **inistrti( in rel"ione
:!el reto e le relti(e sn"ioni non sono espress*ente pre(iste d !n legge
entrt in (igore pri* dell co**issione del 3tto.
1Il principio di leglit$ 2 !no dei pilstri di grn"i del nostro ordin*ento e tro(
il piB lto 3ond*ento nellrt. 2+ Cost.< GNess!no p!> essere p!nito se non in 3or"
di !n legge c%e si entrt in (igore pri* del 3tto co**essoH. Il principio (iene
ri#dito si nellTrt. 1 C.P. c%e5 relti(*ente lle sn"ioni **inistrti(e5
nellTnlogo rt. 1 dell legge -/0M/1V.7
DAR8N COSTA
F!indi5 Gpres!ppostoH nel senso c%e in presen" di !no dei reti
co**essi dl soggetto picle5 ne conseg!e l respons#ilit$ dellente.
In :!estottic ,la responsabilit a carico dell+ente sorge ogniqualvolta il
soggetto legato a vario titolo all+ente ha posto in essere la condotta
illecita )nell+interesse o a vantaggio dell+ente* e non soltanto allorchB il
comportamento illecito abbia determinato un vantaggio" patrimoniale o
meno" per l+ente ma anche nell+ipotesi in cui" pur in assenza di tale
concreto risultato" il atto'reato trovi ragione nell+interesse dell+ente/
1Irib. Jilano" ordinanza 1.I.%." A0.0D.A0067.
,Il giudicante deve escludere che la locuzione )interesse* o )vantaggio*
possa essere intesa in una complessiva ottica meramente raorzativa di
un solo concetto" tautologicamente ripreso dal secondo termine. I
sostantivi sono individuati in via alternativa" come si ricava del resto
anche dall+art. 1A che" nell+enucleare i casi di riduzione della sanzione
pecuniaria" tratteggia quale ipotesi attenuata quella del atto commesso
dall+autore nel prevalente interesse proprio o di terzi se l+ente non ne ha
ricavato vantaggio o ne ha ricavato un vantaggio minimo. %u-" quindi"
integrarsi responsabilit dell+ente per la sussistenza anche solo
dell+interesse" anche senza vantaggio/ 1Irib. Irani" Sez. Joletta"
A?.10.A00D7
&/
.
Pertnto5 ,la responsabilit a carico dell+ente sorge ogniqualvolta il
soggetto legato a vario titolo all+ente ha posto in essere la condotta
illecita ,nell+interesse o a vantaggio dell+ente/ e non soltanto allorchB il
comportamento illecito abbia determinato un vantaggio" patrimoniale o

&/
CosL nc%e nc%e l Rel"ione Cinisterile 1in Appendice7 l D.lgs 2&1M2''15
nell :!le si precis c%e i d!e concetti %nno !tono* rile(n"5 in :!nto p!>
#en ccdere c%e !n condott interesst poss ris!ltre posteriori per n!ll
(ntggios.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
31

meno" per l+ente ma anche nell+ipotesi in cui" pur in assenza di tale
concreto risultato" il atto'reato trovi ragione nell+interesse dell+ente/
1Irib. Jilano" ordinanza 1.I.%." A0.0D.A0067.

Il :!dro delle 3ttispecie costit!enti reto 2 s!ddi(isi#ile in otto
*croree di respons#ilit$
&0
<

- 1G area di responsabilit (artt. A6 N AH)< reti co**essi in dnno
dello Stto5 ltri enti p!##lici e Co*!nit$ E!rope. Sn"ioni<
pec!nirie 1:!ote7 e interditti(e 1i*possi#ilit$ contrttre con
l p..7.
- AG area di responsabilit (art. AH bis)< 3lsit$ in *onete5 crte di
p!##lico credito e (lori di #ollo.
- FG area di responsabilit (art. AH ter)< reti c.d. societri.
- 6G area di responsabilit (art. AH quater" quater 1" quinques)<
delitti contro l person.
- HG area di responsabilit (art. A6 ter" AH quater" AH octies)< reti
con 3inlit$ di terroris*o o e(ersione dellordine de*ocrtico5
ricett"ione5 riciclggio e i*piego di denro o #eni di
pro(enien" illecit5 o reti trnsn"ionli. Lo#ietti(o del
legisltore 2 :!ello di co*#ttere l cri*inlit$ orgni""t
1nc%e intern"ionle7.
- ?G area di responsabilit (art. AH se7ies)< reti connessi gli #!si
di *ercto.

&0
CosL A((. Polo 4!oco5 Ciclo di se*inri integrti(i dell cttedr di Diritto
Co**ercile5 GL respons#ilit$ penle delle societ$H5 Eni(ersit$ degli St!di di
Er#ino Crlo Bo5 A.A. 2'1'62'11.
DAR8N COSTA
- KG area di responsabilit (art. AH septies)< inseriti d poco 1nel
2''.75 :!esto rticolo rig!rd i reti di o*icidio colposo o
lesioni gr(i o gr(issi*e 1es. Tissen Wro!p
)'
7 co**esse con
(iol"ione delle nor*e s!ll sl!te e sic!re"" s!i l!og%i di
l(oro. =i 25 in tli csi5 !n doppi i*p!t"ione< il reto di
o*icidio o lesioni5 e :!ello dell respons#ilit$ delli*pres.
- CG area di responsabilit (art. A6 bis)< reti in3or*tici e
trtt*ento illecito dei dti. Tle rticolo 2 stto inserito nel
2''/.

=rt. A? Delitto tentato< si 2 disc!sso se potesse essere !nre di
respons#ilit$. L Css"ione
)1
% ri#dito c%e nc%e !n delitto
tentto 1es. tentti(o di corr!"ione7 costit!isce !n reto e :!indi
respons#ilit$ dellente.



)'
Senten" in Appendice.
)1
Css. Se". =5 sent. del 1& gennio 2''0.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
33

%+ Elen%"0ione $ei re"i e rin#io "ll" $i&%i!lin" inern" e
%om(ni"ri"

Lelenco dei reti c%e possono originre l respons#ilit$ delle "iende
e degli enti in 3or" del D. Lgs. 2&1 M 2''1 2 in contin!o ggiorn*ento
ed *pli*ento.
Stnte l pre(isione di reti di nt!r colpos connessi ll t!tel ed
ll sic!re"" dei l(ortori s!i l!og%i di l(oro 1o*icidio5 lesioni gr(i
o gr(issi*e75 l generlit$ delle 3ttispecie cri*inose p!nite dl
decreto de quo 2 di tipo doloso5 coprendo !n (st re di tti(it$
delle i*prese<
- Reti contro l p!##lic **inistr"ione
- Reti societri
- Delitti con 3inlit$ di terroris*o o e(ersione dellordine
de*ocrtico
- Delitti contro le personlit$ p!##lic%e
- Cnipol"ione del *ercto e #!so di in3or*"ioni
pri(ilegite
- Reti trnsn"ionli 1riciclggio5 tr33ico di *igrnti7
- Reti contro l sl!te e sic!re"" s!l l(oro
- Reti di cri*inlit$ in3or*tic
- Reti *#ientli
)2




)2
I reti *#ientli sono stti introdotti seg!ito di o##lig%i deri(nti
dllpprtenen" dellItli lle Co*!nit$ E!ropee 1Legge Co*!nitri 2''07 5
recependo l diretti( 2''/M00MCE del Prl*ento E!ropeo e del Consiglio s!ll
t!tel penle dell*#iente.
DAR8N COSTA
Ctlogo dei reti pres!pposto
)&


(eati commessi nei rapporti con la %ubblica =mministrazione<
- *l(ers"ione dnno dello Stto o di ltro ente p!##lico 1rt. &1-6
#is c.p.7;
- inde#it perce"ione di contri#!ti5 3inn"i*enti o ltre erog"ioni
d prte dello Stto di ltro ente p!##lico
))
1rt. &1-6ter c.p.7;
- conc!ssione 1rt. &1. c.p.7;
- corr!"ione per !n tto d!33icio 1rt. &1/ c.p.7;
- corr!"ione per !n tto contrrio i do(eri d!33icio 1rt. &10 c.p.7;
- corr!"ione in tti gi!di"iri 1rt. &10 ter c.p.7;
- istig"ione ll corr!"ione 1&22 c.p.7;
- pec!lto5 conc!ssione5 corr!"ione e istig"ione ll corr!"ione di
*e*#ri di orgni delle Co*!nit$ e!ropee e di 3!n"ionri delle
Co*!nit$ e!ropee e di Stti esteri 1rt. &22 #is c.p.7;
- tr!33 i dnni dello Stto o di ltro ente p!##lico 1rt. -)'5 co**
pri*o5 n. 1 c.p.7;
- tr!33 ggr(t per il conseg!i*ento di erog"ioni p!##lic%e 1rt.
-)'6#is c.p.7;
- 3rode in3or*tic in dnno dello Stto o di ltro ente p!##lico 1rt.
-)'6ter c.p.7.



)&
D< @@@.*#ientelegle.it
))
2assazione %enale" sentenza del A0 dicembre A00H" n.F?1H< il reto si per3e"ion
non l *o*ento dellccordo5 * l *o*ento dell consegn e dell rice"ione delle
so**e.

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
35

3alsit in monete" in carte di pubblico credito e in valori bollati
6H
@
- 3lsi3ic"ione di *onete5 spendit e introd!"ione nello Stto5 pre(io
concerto5 di *onete 3lsi3icte 1rt. )+& c.p.7;
- lter"ione di *onete 1rt. )+) c.p.7;
- spendit e introd!"ione nello Stto5 sen" concerto5 di *onete
3lsi3icte 1rt. )++ c.p.7;
- spendit di *onete 3lsi3icte rice(!te in #!on 3ede 1rt. )+. c.p.7;
- 3lsi3ic"ione di (lori di #ollo5 introd!"ione nello Stto5 c:!isto5
deten"ione o *ess in
- circol"ione di (lori di #ollo 3lsi3icti 1rt. )+0 c.p.7;
- contr33"ione di crt 3iligrnt in !so per l 3##ric"ione di
crte di p!##lico credito o (lori di #ollo 1rt. )-' c.p.7;
- 3##ric"ione o deten"ione di 3iligrne o di str!*enti destinti ll
3lsi3ic"ione di *onete5 di (lori di #ollo o di crt 3iligrnt 1rt.
)-1 c.p.7;
- !so di (lori di #ollo contr33tti o lterti 1rt. )-)c.p.7.

c.d. (eati societari@
6?

- 3lse co*!nic"ioni socili 1rt. 2-21 c.c.7;
- 3lse co*!nic"ioni socili in dnno dei soci o dei creditori 1rt.
2-22 c.c.7;

)+
L legge 2& no(e*#re 2''1 n. )'05 c%e rec GDisposizioni urgenti in vista
dell+introduzione dell+euroH5 % inserito nell*#ito del Decreto lrt. 2+6bis5 c%e
*ir p!nire il reto di 3lsit$ in *onete5 in crte di p!##lico credito e in (lori di
#ollo.
)-
Il D. Lgs -1M2''25 nell*#ito dell ri3or* del diritto societrio5 % introdotto il
n!o(o rt. 2+6ter del D.Lgs &1M2''15 estendendo il regi*e di respons#ilit$
**inistrti( degli enti nc%e i c.d. reti societri.
DAR8N COSTA
- 3lsit$ nelle rel"ioni o co*!nic"ioni delle societ$ di re(isione 1rt.
2-2) c.c.7;
- i*pedito controllo 1rt. 2-2+ c.c.7;
- 3or*"ione 3itti"i del cpitle 1rt. 2-&2 c.c.7;
- inde#it restit!"ione dei con3eri*enti 1rt. 2-2- c.c.7;
- illegle riprti"ione degli !tili e delle riser(e 1rt. 2-2. c.c.7;
- illecite oper"ioni s!lle "ioni o :!ote socili o dell societ$
controllnte 1rt. 2-2/ c.c.7;
- oper"ioni in pregi!di"io dei creditori 1rt. 2-20 c.c.7;
- 3lse co*!nic"ioni socili5 3lse co*!nic"ioni socili in dnno dei
soci o dei creditori5 o*ess co*!nic"ione del con3litto di interesse
1rt. 2-206#is c.c.7
).
;
- inde#it riprti"ione dei #eni socili d prte dei li:!idtori 1rt.
2-&& c.c.7;
- illecit in3l!en" s!llsse*#le 1rt. 2-&- c.c.7;
- ggiotggio 1rt. 2-&. c.c.7;
- ostcolo lleserci"io delle 3!n"ioni delle !torit$ p!##lic%e di
(igiln" 1rt. 2-&/ c.c.7.



).
Articolo introdotto dll L. 2/ 3e##rio 2''+ n. 2-2 c%e % *odi3icto il TE4 e il
codice ci(ile.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
37

(eati con inalit di terrorismo e eversione dell+ordine democratico@
6C

- ssoci"ioni so((ersi(e 1rt. 2.' c.p.7;
- ssoci"ioni con 3inlit$ di terroris*o nc%e intern"ionle o di
e(ersione dellordin*ento
de*ocrtico 1rt. 2.'6#is c.p.7;
- ssisten" gli ssociti 1rt. 2.'6ter c.p.7;
- rr!ol*ento con 3inlit$ di terroris*o nc%e intern"ionle 1rt.
2.'6:!ter c.p.7;
- ddestr*ento d tti(it$ con 3inlit$ di terroris*o nc%e
intern"ionle 1rt. 2.'6:!in:!ies c.p.7;
- ttentto per 3inlit$ di terroris*o o di e(ersione 1rt. 2/' c.p.7;
- se:!estro di person scopo di terroris*o o di e(ersione 1rt. 2/06
#is c.p.7;
- istig"ione co**ettere lc!no dei delitti contro l personlit$
dello Stto 1rt. &'2 c.p.7;
- cospir"ione politic *edinte ccordo e cospir"ione politic
*edinte ssoci"ione 1rtt. &') e &'+ c.p.7;
- #nd r*t e 3or*"ione e prtecip"ione e ssisten" i
prtecipi di cospir"ione o di #nd r*t 1rtt. &'- e &'. c.p.7;
- reti di terroris*o pre(isti dlle leggi specili;
- reti di(ersi d :!elli indicti nel codice penle e nelle leggi specili5
posti in essere in (iol"ione dellrt. 2 dell Con(en"ione di Ne@
JorX del 0 dice*#re 1000
)0
.

)/
L legge 1) gennio 2''& n. . % introdotto lrt. 2+6:!ter5 c%e dispone l
p!ni#ilit$ dellente per i delitti (enti 3inlit$ di terroris*o o di e(ersione
dellordine de*ocrtico5 pre(isti dl codice penle e dlle leggi specili.

DAR8N COSTA
Delitti contro la personalit individuale@
+'

- rid!"ione o *nteni*ento in sc%i(itB o in ser(itB 1rt. -'' c.p.7;
- prostit!"ione *inorile 1rt. -''6#is c.p.7;
- pornogr3i *inorile 1rt. -''6ter c.p.
+1
7
- deten"ione di *terile pornogr3ico 1rt. -''6:!ter c.p.7;
- pornogr3i (irt!le 1rt. -'' :!ter 1 c.p.7;
- ini"iti(e t!ristic%e (olte llo s3r!tt*ento dell prostit!"ione
*inorile 1rt. -''6 :!in:!ies c.p.7;
- trtt di persone 1rt. -'1 c.p.7;
- lien"ione e c:!isto di sc%i(i 1rt. -'2 c.p.7.

(eati e illeciti amministrativi di abuso di inormazioni privilegiate e
manipolazione del mercato
HA
<
- #!so di in3or*"ioni pri(ilegite 1rt. 1/.6#is del TE47;
- *nipol"ione del *ercto 1rt. 1/.6ter del TE47;
- l legge Co*!nitri 2'') % inoltre *odi3icto il TE4 1Testo Enico
s!ll 4inn"7 introd!cendo !n speci3ic disposi"ione5 lrt. 1/.6

)0
Con l G(atiica ed esecuzione della 2onvenzione internazionale per la repressione
del inanziamento del terrorismoH5 ((en!t Ne@ JorX il 0 dice*#re 1000 e
dottt con L. 1) gennio 2''& n. .5 2 stto introdotto lTrt. 2+6:!ter nel D. Lgs
2&1M'1.
+'
Lrt. + dell legge 22/M2''&5 in te* di *is!re contro l trtt delle persone5
ggi!nge l Decreto 2&1M'1 lrt. 2+6:!in:!ies c%e pre(ede lpplic"ione di
sn"ioni **inistrti(e lle persone gi!ridic%e5 societ$ e ssoci"ioni per l
co**issione di delitti contro l personlit$ indi(id!le.
+1
Reto introdotto dll L. - 3e##rio 2''- n. &/ contenete GDisposi"ioni in
*teri di lott contro lo s3r!tt*ento sess!le dei #*#ini e l pedopornogr3i
nc%e *e""o internet.
+2
L Legge 1/ prile 2''+5 n. -25 % inserito nel Decreto il n!o(o rt. 2+6seOies c%e
estende l respons#ilit$ **inistrti( degli enti i n!o(i reti di #!so di
in3or*"ioni pri(ilegite e *nipol"ione del *ercto.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
39

:!in:!ies5 i sensi dell :!le lente 2 respons#ile del pg*ento
di !n so** pri lli*porto dell sn"ione **inistrti(
irrogt per gli illeciti **inistrti(i di #!so di in3or*"ioni
pri(ilegite 1rt. 1/.6#is TE47 e di *nipol"ione del *ercto 1rt.
1/.6ter TE47 co**essi in s!o interesse e (ntggio d< persone c%e
ri(estono 3!n"ione di rppresentn"5 **inistr"ione o dire"ione
dellente o di !n s! !nit$ orgni""ti( dott di !tono*i
3inn"iri o 3!n"ionle nonc%N d persone c%e esercitno5 nc%e di
3tto5 l gestione e il controllo dello stesso; d persone sottoposte
ll dire"ione o ll (igiln" di !no dei soggetti di c!i sopr.

(eati transnazionali@
+&

6 ssoci"ione delin:!ere 1rt. )1- c.p.7;
6 ssoci"ione delin:!ere di tipo *3ioso 1rt. )1- #is c.p.7;
6 ssoci"ione per delin:!ere 3inli""t l contr##ndo di t#cc%i
esteri 1rt. 2016 :!ter T.E. )&M10.&7;
6 ssoci"ione 3inli""t l tr33ico illecito di sostn"e st!pe3centi o
psicotrope 1rt. .) T.E. &'0M100'7;
6 riciclggio
+)
1rt. -)/6#is c.p.7;
6 i*piego di denro #eni o !tilit$ di pro(enien" illecit 1rt. -)/6ter
c.p.7;
6 disposi"ione concernenti il tr33ico di *igrnti 1rt. 12 T.E.
2/-M100/7;

+&
L legge 1)-M2''- di rti3ic ed esec!"ione dell Con(en"ione ONE contro il
cri*ine orgni""to trnsn"ionle % st#ilito lpplic"ione del decreto 2&1 i
reti di cri*inlit$ orgni""t trnsn"ionle.
+)

DAR8N COSTA
6 ind!"ione non rendere dic%ir"ioni o rendere dic%ir"ioni
*endci 1rt. &..6#is c.p.7;
6 3(oreggi*ento personle 1rt. &./6#is c.p.7.
Delitti di criminalit organizzata@
HH

I reti pres!pposto sono<
1. rt. )1- c.p.< Associ"ione delin:!ere 3inli""t
6 l rid!"ione o il *nteni*ento in sc%i(itB o in ser(itB 1rt. -''
c.p.7;
6 l trtt di persone 1rt. -'1 c.p.7;
6 lTc:!isto o llien"ione di sc%i(i 1rt. -'2 c.p.7;
6 i reti concernenti le (iol"ioni delle disposi"ioni s!llTi**igr"ione
clndestin di c!i llTrt. 12 D. lgs. 2/-M100/;
2. rt. )1-6#is GAssoci"ione per delin:!ere di tipo *3ioso nc%e
strnierH;
&. rt. )1-6ter GSc*#io elettorle politico6*3iosoH;
). rt. -&' GSe:!estro di person scopo di rpin o di estorsioneH;
+. delitti co**essi ((lendosi delle condi"ioni pre(iste dllrt. )1-
#is 1intendendosi per tli t!tti i delitti co**essi ((lendosi dell
3or" di inti*id"ione del (incolo ssociti(o e dell condi"ione di
ssoggett*ento e di o*ert$ c%e ne deri( per co**ettere delitti5 per
c:!isire in *odo diretto o indiretto l gestione o co*!n:!e il
controllo di tti(it$ econo*ic%e5 di concessioni5 di !tori"""ioni5
pplti e ser(i"i p!##lici o per reli""re pro3itti o (ntggi ingi!sti per
sN o per ltri7; delitti co**essi l 3ine di ge(olre ltti(it$ delle
ssoci"ioni pre(iste dllrt. )1- #is;

++
L legge 0)M2''0 % introdotto lTrt. 2)6ter nel D.Lgs 2&1M'1.

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
41

-. rt. .)5 D.P.R. &'0M0' GAssoci"ione delin:!ere 3inli""t llo
spccio di sostn"e st!pe3centi o psicotropeH.
Il d.d.l. del Go(erno n. 21'/5 licen"ito dl Sento il 20 3e##rio 2''0 e
disc!sso ll C*er nelle s!e linee generli il 2. prile dello stesso
nno5 *eglio noto co*e )pacchetto sicurezza*
H?
5 % esteso l nor*ti(
G2&1H d !n serie di delitti di Gcri*inlit$ orgni""tH tr i :!li5 in
prticolre5 lssoci"ione *3ios eO rt. )1- #is del codice penle e
:!l!n:!e delitto con l c.d. ggr(nte e"iologic5 di c!i llrt..
l.2'&M015 per ge(olre5 cio25 lssoci"ione *3ios 1c.d. ggr(nte
*3ios7.
Nell rt. 2) ter del decreto5 sono stte inserite nc%e ltre 3ig!re
ssociti(e5 tr c!i lssoci"ione per delin:!ere c.d. Gse*pliceHe

+-
ART. +0. (Jodiiche al decreto legislativo C giugno A001" n. AF1" in materia di
responsabilit degli enti per delitti di criminalit organizzata).
1. Dopo lrticolo 2)6#is del decreto legislti(o / gi!gno 2''15 n. 2&15 2 inserito il
seg!ente<
P ART. 2)6ter. , 1Delitti di cri*inlit$ orgni""t7 , 1. In rel"ione ll
co**issione di tl!no dei delitti di c!i gli rticoli )1-5 sesto co**5 )1-6#is5
)1-6ter e -&' del codice penle5 i delitti co**essi ((lendosi delle condi"ioni
pre(iste dl predetto rticolo )1-6#is o((ero l 3ine di ge(olre ltti(it$ delle
ssoci"ioni pre(iste dllo stesso rticolo5 nonc%N i delitti pre(isti dllrticolo .)
del testo !nico di c!i l decreto del Presidente dell Rep!##lic 0 otto#re 100'5 n.
&'05 si pplic l sn"ione pec!niri d :!ttrocento *ille :!ote.
2. In rel"ione ll co**issione di tl!no dei delitti di c!i llrticolo )1- del
codice penle5 d escl!sione del sesto co**5 o((ero di c!i llrticolo )'.5 co**
25 letter 75 n!*ero +75 del codice di proced!r penle5 si pplic l sn"ione
pec!niri d trecento ottocento :!ote.
&. Nei csi di condnn per !no dei delitti indicti nei co**i 1 e 25 si pplicno le
sn"ioni interditti(e pre(iste dllrticolo 05 co** 25 per !n d!rt non in3eriore
d !n nno.
). Se lente o !n s! !nit$ orgni""ti( (iene st#il*ente !tili""to llo scopo
!nico o pre(lente di consentire o ge(olre l co**issione dei reti indicti nei
co**i 1 e 25 si pplic l sn"ione dellinterdi"ione de3initi( dlleserci"io
delltti(it$ i sensi dellrticolo 1-5 co** & Q.
DAR8N COSTA
lssoci"ione per delin:!ere 3inli""t l nrcotr33ico di c!i llrt.
.) del d.p.r. &'0M0' e s!ccessi(e *odi3ic%e.
+.

Il siste* in :!estione ind!ce (erso !n controllo ncor piB se(ero e
repressi(o (erso le grndi societ$ ggi!dictrici di pplti p!##lici5 in
c!i 2 ncor piB (erosi*ile e 3re:!ente lin3iltrrsi di ssoci"ioni
*3iose.
S!l p!nto costit!isce !n g!id !tile il Codice Anti*3i
+/
presentto
d Itlce*enti5 redtto dl dott. =ign eO Proc!rtore N"ionle
Anti*3i e di pro3essori 4indc e Cscindro5 ed Gppro(toH d
Con3ind!stri e ABI.
Il codice5 inter(iene si s!ll *odlit$ di nlisi del risc%io5 si s!lle
proced!re di sele"ione dei 3ornitori5 s!#pplttori5 dipendenti5 si
s!lle tipologie di controlli 1test di compliance7 s!i cntieri5 oltre
pre(edere !n o##ligo5 sn"ion#ile disciplinr*ente5 in cpo i
co*ponenti degli O.D.=. :!lor o*ettno di segnl"ione l Pre3etto5
segnli de#oli di possi#ili in3iltr"ioni *3iose
+0
.

(eati in materia di salute e sicurezza sul lavoro
Con l legge 12& del & gosto 2''. sono stti introdotti nell*#ito del
Decreto 2&1M'1 i reti concernenti i delitti di o*icidio colposo e di
lesioni colpose gr(i o gr(issi*e conseg!enti (iol"ioni delle nor*e
ntin3ort!nistic%e e s!ll t!tel delligiene e dell sl!te s!l l(oro. Il

+.
Cit. A. 8ANNONE5 )AF1 e delitti associativi@ verso un modello di gestione
omnicomprensivo*5 Testo dellinter(ento del Con(egno del + *ggio 2''05 s!
@@@.co*plince"iendle.co*.
+/
In Appendice.
+0
Cit. A. 8ANNONE5 )AF1 e delitti associativi@ verso un modello di gestione
omnicomprensivo*5 Testo dellinter(ento del Con(egno del + *ggio 2''05 s!
@@@.co*plince"iendle.co*.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
43

T.E. D.Lgs 0 prile 2''/ n. /1 e s.*.i. % pportto delle *odi3ic%e tli
reti.
Il Decreto legislti(o n. 2&1 del 21 no(e*#re 2''. % *plito l
respons#ilit$ delle societ$ nc%e i delitti di ricettazione" riciclaggio e
impiego di beni o denaro di provenienza illecita.

(eati inormatici<
-'

E pre(ist l p!ni#ilit$ dellente per !n serie di condotte<
6 ccesso #!si(o d !n siste* in3or*tico o tele*tico 1rt. -1+6ter
c.p.7;
6 deten"ione o di33!sione #!si( di codici di ccesso siste*i
in3or*tici e tele*tici 1rt. -1+6:!ter c.p.7;
6 di33!sione di progr**i diretti dnneggire o interro*pere !n
siste* in3or*tico 1rt. -1+6 :!in:!ies c.p.7;
6 intercett"ione5 i*pedi*ento5 o interr!"ione illecit di
co*!nic"ioni in3or*tic%e o tele*tic%e 1rt. -1. seOies c.p.7;
6 dnneggi*ento di in3or*"ioni5 dti e progr**i in3or*tici 1rt.
-&+ #is c.p.7;
6 dnneggi*ento di in3or*"ioni5 dti e progr**i in3or*tici
!tili""ti dllo Stto o d ltro ente p!##lico o co*!n:!e di
p!##lic !tilit$ 1rt. -&+ ter c.p.7;
6 dnneggi*ento di siste*i in3or*tici o tele*tici 1rt. -&+ :!ter
c.p.7;
6 dnneggi*ento di siste*i in3or*tici o tele*tici di p!##lic
!tilit$ 1rt. -&+6:!in:!ies c.p.7;

-'
Legge )/M2''/ relti( i delitti in3or*tici e trtt*ento illecito dei dti.
DAR8N COSTA
6 3rode in3or*tic del soggetto c%e prest ser(i"i di certi3ic"ione di
3ir* elettronic 1rt. -)' :!in:!ies c.p.7;
6 doc!*enti in3or*tici 1rt. )01 #is c.p.7

(eato di abbandono di riiuti e di deposito incontrollato di riiuti sul
suolo e nel suolo<
-1

Lrt. . del Decreto pre(ede c%e5 in cso di reto co**esso d soggetto
sottoposto ll dire"ione o (igiln"5 lente 2 respons#ile se Gla
commissione del reato 5 stata resa possibile dall+inosservanza degli
obblighi di direzione o vigilanzaH. In ogni cso5 2 escl!s linosser(n"
degli o##lig%i di dire"ione o (igiln" se lente5 pri* dell
co**issione del reto5 % dottto e e33icce*ente tt!to !n *odello
di orgni"""ione5 gestione e controllo idoneo pre(enire reti dell
specie di :!ello (eri3ictosi.
Si ggi!ng in3ine il reto5 pre(isti dlloriginri 3or*!l"ione del
Decreto 1rt. 2&75 consistente nell
(iol"ione gli o##lig%i o i di(ieti inerenti lle sn"ioni interditti(e5
nc%e se pplicte in (i c!telre d!rnte il processo.
L respons#ilit$ dellente si 3ond essen"il*ente s! !n Gcolpa di
organizzazione o nell+organizzazioneH l :!le p!> essere escl!s se 2
stto dottto ed e33icce*ente tt!to !n *odello orgni""ti(o
idoneo pre(enire l co**issione dei reti pre(isti dl Decreto.




-1
Reti introdotti dl T.E. A*#iente D. Lgs 1+2M2''-5 rt. 102 c. ).

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
45



:+ Re&!on&"bili) $elle !er&one 'i(ri$i%1e
ri'("r$o i re"i "mbien"li

Ctlogo dei reti *#ientli

I n!o(i reti pres!pposto pre(isti dllrt. & dell diretti(
2''/M00MCE sono<

7 lo scrico5 le*issione o li**issione illeciti di !n :!ntitti(o di
sostn"e o rdi"ioni ioni""nti nellri5 nel s!olo o nelle c:!e5 c%e
pro(oc%ino o possno pro(ocre il decesso o lesioni gr(i lle persone
o dnni rile(nti ll :!lit$ dellri5 ll :!lit$ del s!olo o ll
:!lit$ delle c:!e5 o((ero ll 3!n o ll 3lor;
#7 l rccolt5 il trsporto5 il rec!pero o lo s*lti*ento di ri3i!ti
-2
5
co*prese l sor(eglin" di tli oper"ioni e il controllo dei siti di
s*lti*ento s!ccessi(o ll loro c%i!s!r nonc%N ltti(it$ e33ett!t in
:!nto co**ercinte o inter*edirio 1gestione ri3i!ti75 c%e pro(oc%i o
poss pro(ocre il decesso o lesioni gr(i lle persone o dnni rile(nti
ll :!lit$ dellri5 ll :!lit$ del s!olo o ll :!lit$ delle c:!e5
o((ero ll 3!n o ll 3lor;

-2
Per> l Corte di Css"ione % e(iden"ito5 c%e Gin te* di t!tel penle
dell*#iente5 non 2 i*p!t#ile llente i sensi del D.lgs / gi!gno 2''15 n. 2&1 l
respons#ilit$ **inistrti( per il reto di gestione non !tori""t di ri3i!ti5 in
:!nto5 p!r essendo(i !n ric%i*o tle respons#ilit$ nellrt. 1025 co**
:!rto5 D.lgs & prile 2''-5 n. 1+25 di3ettno tt!l*ente si l tipi"""ione degli
illeciti c%e lindic"ione delle sn"ioniH 1Css. Pen.5 Se". III5 n. )1&20M2''/7.
DAR8N COSTA
c7 l spedi"ione di ri3i!ti5 :!lor tle tti(it$ rientri nell*#ito
dellrticolo 2 prgr3o &&+5 del regol*ento 1CE7 n. 1'1&M2''- del
Prl*ento e!ropeo e del Consiglio5 del 1) gi!gno 2''-5 relti(o lle
spedi"ioni di ri3i!ti5 e si e33ett!t in :!ntit$ non trsc!r#ile in
!n!nic spedi"ione o in piB spedi"ioni c%e ris!ltino 3r di loro
connesse;
d7 leserci"io di !n i*pinto in c!i sono s(olte tti(it$ pericolose o
nelle :!li sino depositte o !tili""te sostn"e o prepr"ioni
pericolose c%e pro(oc%i o poss pro(ocre5 llesterno delli*pinto5 il
decesso o lesioni gr(i lle persone o dnni rile(nti ll :!lit$
dellri5 ll :!lit$ del s!olo o ll :!lit$ delle c:!e5 o((ero ll
3!n o ll 3lor;
e7 l prod!"ione5 l l(or"ione5 il trtt*ento5 l!so5 l conser("ione5
il deposito5 il trsporto5 li*port"ione5 lesport"ione e lo s*lti*ento
di *terili n!cleri o di ltre sostn"e rdiotti(e pericolose c%e
pro(oc%ino o possno pro(ocre il decesso o lesioni gr(i lle persone
o dnni rile(nti l :!lit$ dellri5 ll :!lit$ del s!olo o ll :!lit$
delle c:!e5 o((ero ll 3!n o ll 3lor;
37 l!ccisione5 l distr!"ione5 il possesso o il prelie(o di ese*plri di
specie ni*li o (egetli sel(tic%e protette5 sl(o i csi in c!i l"ione
rig!rdi !n :!ntit$ trsc!r#ile di tli ese*plri e ##i !n i*ptto
trsc!r#ile s!llo stto di conser("ione dell specie;
g7 Il co**ercio di ese*plri di specie ni*li o (egetli sel(tic%e
protette o di prti di esse o di prodotti deri(nti5 sl(o i csi in c!i
l"ione rig!rdi !n :!ntit$ trsc!r#ile di tli ese*plri e ##i !n
i*ptto trsc!r#ile s!llo stto di conser("ione dell specie;
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
47

%7 F!lsisi "ione c%e pro(oc%i il signi3icti(o deterior*ento di !n
%#itt llinterno di !n sito protetto;
i7 L prod!"ione5 li*port"ione5 lesport"ione5 li**issione s!l
*ercto o l!so di sostn"e c%e rid!cono lo strto di o"ono.

Il legisltore itlino % 3inl*ente preso !n posi"ione in *erito i
dnni cgionti dlle tti(it$ prod!tti(e5 #eni s!perindi(id!li co*e
lecosiste*5 l nt!r e l sl!#rit$ di ogni cittdino c%e dl #!on
*nteni*ento di :!esti discende. Altri pesi5 2 gi!sto ricordre5 sono
ndti #en piB oltre5 costit!"ionli""ndo espress*ente il di(ieto di
ledere tli diritti 6 #eni pprtenenti ll colletti(it$ 1si (edno le
ri3or*te Crte Costit!"ionli5 tr l 3ine degli nni 100' e lini"io del
2'''5 dei pesi dellA*eric Ltin7.

A li(ello co*!nitrio gi$ con l Con(en"ione di Strs#!rgo del 100/
-&

si pre(ede( di t!telre l *teri *#ientle tr*ite lpplic"ione
del diritto penle< (eni( introdott l respons#ilit$ penle di persone
3isic%e e gi!ridic%e per dnni ll*#iente. Tle con(en"ione non 2
per> *i stt tt!t c!s delle pro#le*tic%e inerenti l
co*peten" del Consiglio dE!rop5 il :!le rppresent i Go(erni degli
Stti e!ropei5 * non 2 !n orgno dell Enione E!rope
-)
.
Dopo (rie (icende rig!rdnti lindi(id!"ione dellorgno
co*!nitrio co*petente in *teri5 l Corte di Gi!sti"i ricono##e c%e

-&
Adottt dl Consiglio dE!rop il ) no(e*#re 100/ e sottoscritt dllItli5 *
*i rti3ict5 nel 2'''.
-)
D. SORIA , C. CIOCIA5 $+applicazione della responsabilit amministrativa delle
persone giuridiche ai reati ambientali5 s! @@@.gi!risti*#ientli.it.
DAR8N COSTA
esso 3osse d rin(enirsi nel Gpri*o pilstroH
-+
. Conseg!ente*ente 3!
((it l proced!r per lppro("ione dell Diretti( 2''/M00MCE
del Prl*ento E!ropeo e del Consiglio relti( ll t!tel penle
dell*#iente.
Tle diretti( 1c%e do(e( essere ppro(t entro il 2+ dice*#re
2'1'7 recepit % pre(isto regole co*!ni e l respons#ilit$ delle
persone gi!ridic%e per i reti di c!i gli rtt. ) e + dell stess. I reti in
:!estione i*plicno !n respons#ilit$ dellente M person gi!ridic5
:!lor ##ino recto (ntggio dello stesso e co*pi!ti d soggetti
c%e detengno !n posi"ione di pre*inen" in seno llorgni"""ione
1potere di rppresentn"5 cpcit$ decisionle e di controllo75 opp!re
:!ndo l *ncn" di controllo ditli soggetti ##i reso possi#ile l
co**issione del reto d prte di soggetti sottoposti.
In Itli 2 con l L. n.0- del ) gi!gno 2'1'
--
c%e 2 stto pre(isto il
recepi*ento dell Diretti( n. 2''/M00MCE
-.
. In seg!ito tle
pre(isione il Consiglio dei Cinistri % ppro(to il . prile 2'11 lo
sc%e* di decreto legislti(o di recepi*ento delle diretti(e

-+
I tre pilstri dellTEnione E!rope5 sono stti introdotti dl Trttto di Cstric%t
del 10025 e rppresent(no !n *odlit$ per s!ddi(idere le politic%e dellTEnione
E!rope in tre ree 3ond*entli. Sono stti #oliti con lTentrt in (igore del
Trttto di Lis#on nel 2''0.
Il pri*o rig!rd( le Co*!nit$ E!ropee o((ero !n *ercto co*!ne e!ropeo5
lT!nione econo*ic e *onetri5 !n serie di ltre co*peten"e ggi!nte nel te*po5
oltre ll politic del cr#one e dellTcciio e :!ell to*ic.
Il secondo 33ront( l Politic ester e di sic!re"" co*!ne ossi l costr!"ione
di !n politic !nic (erso lTesterno.
Il ter"o5 o((ero l Cooper"ione gi!di"iri e di poli"i in *teri penle intende(
costr!ire !no sp"io e!ropeo di li#ert$5 sic!re"" e gi!sti"i in c!i (i 3osse
coll#or"ione contro l cri*inlit$ li(ello so(rn"ionle.
--
P!##lict in G""ett E33icile n. 1)- del 2+ gi!gno 2'1'.
-.
Nonc%N ll Diretti( n. 2''0M12&MCE relti( llin:!in*ento pro(octo dlle
n(i e llintrod!"ione di sn"ioni per (iol"ioni.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
49

pre(edendo espress*ente c%e :!este sino coordinte con il D.lgs. n.
2&1M2''1.
Le tti(it$ di i*pres5 e le scelte orgni""ti(e "iendli in genere5
possono (ere riperc!ssioni si dirette c%e indirette s! :!elli c%e sono
i delicti e:!ili#ri dellecosiste*
-/
. Ecco c%e :!indi il legisltore %
inteso disciplinre le tti(it$ in :!estione
-0
pretendendo c%e si
rispettino rigorosi pr*etri per ci> c%e rig!rdi le i**issioni
in:!innti 1cd. C.S.R , Controllo Soglie di Risc%io5 C.S.L ,Controllo
Soglie Li*ite7 di deter*inti genti c%i*ici prticolr*ente noci(i per
lecosiste*5 e :!indi per l sl!#rit$ colletti(.
U proprio per tli rgioni c%e l Diretti( 2''/M00MCE
.'
espri*e
lesigen" di grntire !n *iglior li(ello di t!tel in *teri
*#ientle5 in consider"ione del preocc!pnte !*ento5 (eri3ictosi
negli !lti*i nni5 dei reti di tipo *#ientle e delle loro negti(e
conseg!en"e5 le :!li spesso estendono i propri e33etti #en l di 3!ori
di con3ini dello Stto *e*#ro in c!i si (eri3ic lccd!to.
Le sn"ioni pre(iste sono di tipo penle5 proprio per (ere !n *ggior
e33etto deterrente.
Il siste* pre(isto dll diretti( 2 ri(olto dirett*ente lle persone
gi!ridic%e; 2 in3tti pre(isto !n regi*e di respons#ilit$ 1 riportto gli
rtt. - e . del D.lgs n. 2&1M2''17 e di sn"ioni diss!si(e5 llor:!ndo
si considerino respons#ili penl*ente i soggetti c%e ricoprono !n

-/
Per !n ttent e dettglit pnor*ic s!lle :!estioni *#ientli legte lle
tti(it$ prod!tti(e5 ed i reti c%e d tle incontro possono ingenerrsi si (ed L.
RACACCI5 Diritto penale dell+ambiente5 Ced*5 Pdo(5 2''0.
-0
A33incndo tle disciplin ll scrn t!tel penle in *erito5 ed ll disorgnic
nor*ti( *#ientle solo di recente siste*t in !n corpus !nico 1T.E.
dellA*#iente7.
.'
G.E.E.E . L. &2/ del - dice*#re 2''/.
DAR8N COSTA
r!olo di (ertice 1potere di rppresentn"5 decisione o controllo75 o
:!ndo il reto si co**esso d !n sottoposto llltr!i controllo e
(igiln"5 :!indi pre(ist respons#ilit$ nc%e per negligen" e culpa
in vigilando.

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
51



;+ De%reo ,2. e 'r(!!i &o%ie"ri
.1


=ero punctum dolens dell disciplin in es*e 2 se i concetti di
GinteresseH o G(ntggioH5 rile(nti i 3ini dell possi#ilit$ di dde#itre
respons#ilit$ llente seg!ito delloperto dei soggetti c%e ne 3nno
prte5 possno tro(re pplic"ione nc%e in *erito l 3eno*eno dei
Ggr!ppi societriH.
Dllentrt in (igore del decreto 2&1 lpplic"ione concret dell
nor*ti( % i*posto ll dottrin e ll gi!rispr!den" enor*i s3or"i
interpretti(i l 3ine di col*re le n!*erose lc!ne legislti(e esistenti
in *teri5 non se*pre con ris!ltti !ni(oci e concordnti.
Il di#ttito tre origine dlle seg!enti inneg#ili e(enien"e gi!ridic%e.
6 In pri*o l!ogo5 nell nor*ti( prodott dll ri3or* del diritto
societrio non si d !n de3ini"ione nor*ti( orgnic di Ggr!ppo
di i*preseH5 nN il codice ci(ile5 in (i generle5 contiene tle
en!cle"ione.

L Legge deleg per l ri3or* del diritto societrio5 in3tti5 tr i
principi generli in *teri di societ$ di cpitli5 (e( pre(isto
proprio :!ello di ,disciplinare i gruppi di societ secondo i principi di
trasparenza e di contemperamento degli interessi coinvolti/ 1rt. 25
co** I5 lett. %75 Legge n. &--M'175 t!tt(i5 il Legisltore non %

.1
Il cpitolo in :!estione 2 3r!tto di 3re:!enti cit"ioni e ri3eri*enti l
pregitissi*o l(oro di G.R. CROCE5 $a responsabilit amministrativa dell+ente5
oper di ese*plre c%ire"" e co*plete""5 e gi$ di per s2 non proliss5 sen"
per> ris!ltre stringt.
DAR8N COSTA
3ornito !n de3ini"ione di Ggr!ppo di i*preseH e si 2 li*itto
disciplinre !n Gcircostn" di 3ttoH< le33etti( tti(it$ di dire"ione e
coordin*ento di societ$.

Il codice ci(ile5 c%e dedic co*plessi(*ente poc%i rticoli
llrgo*ento5 st#ilisce c%e sono considerte Gsociet$ controllteH le
societ$ in c!i !nltr societ$ dispone dell *ggiorn" dei (oti
esercit#ili nellsse*#le ordinri 1rt. 2&+05 co** I5 n. 15 C.C. , c.d.
controllo di diritto7 o di (oti s!33icienti per esercitre !nin3l!en"
do*innte nellsse*#le ordinri 1rt. 2&+05 co** I5 n. 25 C.C. , c.d.
controllo di 3tto75 nonc%N le societ$ c%e sono sotto in3l!en"
do*innte di !nltr societ$ in (irtB di prticolri (incoli contrtt!li
con ess 1rt. 2&+05 co** I5 n. &5 C.C. , c.d. controllo di 3tto7.
L disciplin codicistic dei gr!ppi di societ$ % (!to l!ce solo con l
ri3or* del diritto societrio del 2''& 1D.lgs n. - del 2''&7 con c!i
sono stti introdotti gli rtt. d 2)0. 2)0. septies5 con essi regolndo
l cd. Gtti(it$ di dire"ione e coordin*ento di societ$H
.2
.

6 In secondo l!ogo5 il D.lgs n. 2&1M'1 non disciplin gli spetti legti
ll respons#ilit$ **inistrti( dei gr!ppi di i*pres5 * si
occ!p5 in (i generle5 dell respons#ilit$ d reto dellente
GindividuallO designedH
.&
.

.2
C3r. S. ANTIGA5 (esponsabilit degli enti e gruppi societari@ una lacuna del d.lgs.
AF1L01.
.&
C3r. CORATELLA5 AF1 e gruppi di imprese@ l+interesse di gruppo come criterio di
imputazione5 in Diritto e %ratica delle Societ5 Il Sole 2) Ore5 Cilno5 n. 2M2'1'5 p.
+1.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
53

Pertnto ci> port pensre c%e l respons#ilit$ e7 crimine 1stndo
ll littera legis7 ,essere rierita al singolo ente" non trovando spazio nel
perimetro normativo del decreto AF1 un criterio di imputazione della
citata responsabilit N per cosP dire N di natura )olistica*" comprendente
cio5 il gruppo nel suo insiemeQ
.)
.
L (isione to*istic del D.lgs pre non 3cil*ente s!per#ile5 * in
tl senso 2 d segnlre !n i*portnte prere del 2onsiglio di Stato in
data 11 gennaio A00H
.+
5 in c!i (iene trttto il te* dell
con3ig!r#ilit$ di !n respons#ilit$ del gr!ppo societrio e7 decreto
2&1.
Il cso di specie rig!rd( !n sn"ione interditti( c!telre irrogt
d !n societ$ cpogr!ppo5 e consistente nel di(ieto di poter
contrttre con l p!##lic **inistr"ione; rig!rdo 3! c%iesto l
Consiglio di Stto se l sn"ione in :!estione potesse rig!rdre nc%e
le societ$ prtecipte o controllte opp!re el!si(*ente lente c%e si 2
reso dirett*ente respons#ile 1ossi l c!i interno si 2 (eri3ict l
3ttispecie di reto7. Il Consiglio risponde negti(*ente5 3cendo le(
s!gli rtt. + e - del D.lgs 2&1 sserendo c%e ,la ratio delle suddette
disposizioni 5 quella di sanzionare quegli enti che non siano previamente
dotati di modelli organizzativi e di controllo tali da prevenire la
commissione dei reati che si sono in concreto veriicati/.
Con ci> i gi!dici **inistrti(i 33er*no c%e ,l+illecito
amministrativo" pur trovando il suo presupposto nella commissione di un
reato da parte dell+apice o del subordinato" nell+interesse o a vantaggio
dell+ente" trova la sua giustiicazione nel atto proprio imputabile sotto il

.)
Cit. S. ANTIGA5 (esponsabilit degli enti e gruppi societari@ una lacuna del d.lgs.
AF1L01.
.+
Disponi#ile s! @@@.retisocietri.it.
DAR8N COSTA
proilo della colpevolezza dell+ente" che ha consentito o agevolato la
commissione del reato a causa delle proprie carenze organizzative e
direttive/
.-
.
Concl!de 33er*ndo c%e ,poichB la responsabilit amministrativa 5
correlata all+inidoneit dei sistemi di organizzazione e vigilanza adottati
dalla speciica societ i cui vertici o dipendenti hanno commesso il reato"
e" quindi" a presupposti oggettivi rieribili ad una particolare realt
aziendale" deve escludersi che" nel caso di reati commessi nell+ambito di
una delle societ appartenenti al gruppo societario" le relative sanzioni o
misure cautelari siano genericamente estendibili a tutte le societ
appartenenti al gruppo/.
A :!este consider"ioni del Consiglio di Stto de(e ggi!ngersi c%e in
cpo gli **inistrtori di !n societ$ 33ilit d !n gr!ppo non
s!ssiste !n posi"ione di grn"i e7 rt. )' cp(. cod. pen. per :!nto
rig!rd li*pedi*ento di reti d prte dei gestori delle ltre societ$
c%e pprtengono llo stesso gr!ppo
..
; :!indi 2 d escl!dersi c%e
dllpprtenen" d !n gr!ppo societrio deri(i !to*tic*ente !n
respons#ilit$ GsolidleH.

A :!esto p!nto l!nico *odo per scri(ere !n respons#ilit$ di tipo
GolisticoH 1:!indi s!perndo l no"ione to*istic del decreto 2&175 2
:!ello di r((isre !n Gconcorso nel reto pres!ppostoH dei (ertici 1o
dei s!#ordinti7 dei (ri enti coin(olti nell co**issione dellillecito
./
.

.-
Consiglio di Stto5 prere cit. 11 gennio 2''+.
..
CosL Corte dAppello di Ro*5 2/ *r"o 100+.
./
C3r. S. ANTIGA5 (esponsabilit degli enti e gruppi societari@ una lacuna del d.lgs.
AF1L01.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
55

In tle dire"ione si 2 pron!n"ito lo stesso Consiglio di Stto nel citto
prere in c!i si 33er* c%e , $a responsabilit di altre societ rientranti
nel gruppo potr Q<R ipotizzarsi solo quando sia dimostrato che i
rispettivi soggetti in posizione apicale o i rispettivi dipendenti hanno
contribuito alla commissione del reato in concorso con quelli della
capogruppo" e sempre che la singola societ non possa produrre la prova
liberatoria prevista dal citato primo comma dell+art. ? del d.lgs n.
AF1LA001/; * in tl senso nc%e il Iribunale di Jilano il A0 settembre
del A0065 secondo il :!le nel *o*ento in c!i il (ertice picle dell
controllnte 2 coin(olto nell co**issione del reto pres!pposto d
prte dei gestori delle controllte5 l cpogr!ppo non p!> considerrsi
estrne ll (icend delitt!os; in e33etti l Gsociet$ *dreH 2 l
depositri dell interesse del gr!ppo5 :!indi linteresse perseg!ito
dlle controllte ttr(erso il reto 2 nc%e linteresse dell
controllnte.
Il D.lgs 2&1 del 2''1 e33etti(*ente prl di GinteresseH e G(ntggio5
* #isogn 3re *olt tten"ione in 3se di dde#ito di respons#ilit$
concors!listic%e per non risc%ire di degenerre in ggir*enti dell
disciplin del decreto 2&15 e in pericolosi episodi di respons#ilit$
oggetti( ingi!sti3ict.
Sono in3tti gli stessi gi!dici *eneg%ini d 33er*re c%e 1per (ersi
respons#ilit$ dell controllnte7 ,nella consumazione del reato
presupposto da parte di soggetti apicali della controllata" deve essere
coinvolto anche uno dei soggetti che nella controllante riveste una delle
qualiiche di cui all+art. H" lettere a) e b)/.
Ecco c%e :!indi il crdine dell :!estione di(ent il concetto di
GinteresseH e :!ello di G(ntggioH.
DAR8N COSTA
Or5 circ l citt :!estione s!ll possi#ilit$ di r((isre !n Ginteresse
1o (ntggio7 di gr!ppoH rile(nte e7 rt. +
.0
1in grdo di integrre l
respons#ilit$ llinterno dellggreg"ione di i*prese !nitri*ente
intes e5 conse:!en"il*ente5 nc%e in cpo ll societ$ controllnte7 2
o((i*ente strett*ente conness ll stess str!tt!r dei gr!ppi
societri
/'
.
Co*e 2 noto5 in3tti5 l sco*posi"ione delli*pres p!> portre
seprre tr loro5 3cendone oggetto di tti(it$ di seprte societ$5 le
d!e 3ond*entli 3!n"ioni i*prenditorili< l governance e loperation.
CosL ((iene5 d ese*pio5 in *teri di gr!ppi di i*prese5 o(e l
societ$ cpogr!ppo s(olge ltti(it$ di governance5 ossi l 3!n"ione
i*prenditorile di indiri""o e coordin*ento delle societ$ controllte
12ass. 2iv." Sez. !" 1C.0F.A00H" n. 1K?F75 c%e5 in(ece5 operno per il
rggi!ngi*ento del core business.
Linteresse ll #se dell s!ddi(isione dei co*piti operti(i llinterno
del gr!ppo 2 lotti*i"""ione del ris!ltto 3inle e co*!ne t!tte le
societ$ prtecipnti l gr!ppo< in3tti5 nc%e se ogni i*pres 3cente
prte di !n gr!ppo5 in :!nto entit$ gi!ridic*ente distint dlle ltre5
de(e redigere il proprio #ilncio deserci"io5 t!tt(i5 i #ilnci delle
singole i*prese considerte5 co*preso :!ello dell cpogr!ppo5

.0
Art. +< GLente 2 respons#ile per i reti co**essi nel s!o interesse o s!o
(ntggio<
7 d persone c%e ri(estono 3!n"ioni di rppresentn"5 di **inistr"ione o di
dire"ione dellente o di !n s! !nit$ orgni""ti( dott di !tono*i 3inn"iri
e 3!n"ionle nonc%N d persone c%e esercitno5 nc%e di 3tto5 l gestione e il
controllo dello stesso;
#7 d persone sottoposte ll dire"ione o ll (igiln" di !no dei soggetti di c!i
ll letter 7 1co** 17. Lente non risponde se le persone indicte nel co**
precedente %nno gito nellinteresse escl!si(o proprio o di ter"iH.
/'
C3r. G.R. CROCE5 $a responsabilit amministrativa dell+ente5 cp. 1 .
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
57

con3l!iscono nel c.d. G#ilncio consolidtoH
/1
con il :!le si 3orniscono
in3or*"ioni relti(e ll sit!"ione ptri*onile5 3inn"iri ed
econo*ic di !n gr!ppo "iendle5 considerto co*e !nentit$ !nic.
Pertnto5 con il consolid*ento non si 3 ltro c%e sostit!ire ll (oce
Gprtecip"ioniH5 iscritt nel #ilncio dell controllnte5 li*porto
integrle degli ele*enti delltti(o e del pssi(o5 ris!ltnti di singoli
#ilnci delle controllte.
Gli ele*enti delltti(o e del pssi(o5 nonc%N i pro(enti e gli oneri delle
i*prese incl!se nel consolid*ento sono ripresi 1integrl*ente o
propor"ionl*ente5 se l prtecip"ione 2 in3eriore l 1'' Y7 e
so**ti Gline per lineH.
In tle ottic5 :!lsisi societ$ pprtenente l gr!ppo5 controllnte o
controllt5 gisce se*pre !##idendo d !n logic di gr!ppo c%e 2
espressione di !n politic i*prenditorile (olt l perseg!i*ento di
o#ietti(i c%e trscendono :!elli delle singole societ$ prtecipnti il
gr!ppo 12ass. 2iv." Sez. I" 11.0F.1DD?" n. A001" Isvim 2. Soc. 4orgosesia7.
Proprio s!ll #se di tli consider"ione5 llor5 2 possi#ile ipoti""re l
s!ssisten" di !n GinteresseH o G(ntggio di gr!ppoH in presen" di
illecito reli""ti d :!lsisi delle societ$ pprtenenti l gr!ppo di
i*prese.
L gi!rispr!den"5 s!l p!nto5 %5 in3tti5 33er*to c%e Gltti(rsi di
soggetti c%e non 3nno prte in lc!n *odo delle societ$ controllte e
c%e non %nno lc!n r!olo nelle *edesi*e * solo nell societ$
controllnte o in ltre societ$ del gr!ppo costit!isce ele*ento
sinto*tico dell 3inli"""ione delltto llinteresse dellintero

/1
I*posto dll =II diretti( CEE5 recepit nel nostro ordin*ento con il D.lgs n.
12.M01.
DAR8N COSTA
gr!ppo di societ$ e5 :!indi5 llinteresse di piB societ$ ... nell
prospetti( dell prtecip"ione gli !tiliH 1Irib. Jilano" Sez. (iesame"
Mrdinanze 16.1A.A006" n. AAFF e n. AAF67
/2
.
Nell prtic5 in e33etti5 si 2 gi$ (eri3icto piB di !n cso in c!i i (ertici di
!n societ$ controllnte %nno posto in essere dei reti pres!pposto
1nell specie5 3tti di corr!"ione ggr(t7 l 3ine di 3r conseg!ire !n
pplto societ$ controllte.
L dottrin % e(iden"ito c%e5 in csi del genere5 l!tilit$ per l
controllnte 2 conness ll 3!t!r riprti"ione degli !tili conseg!iti
dlle controllte seg!ito dellpplto illecit*ente rice(!to5 dl c%N si
des!*e co*e tle circostn" rppresenti sen"ltro !n G(ntggioH
per lente.
C nc%e prescindere dl 3tto c%e gli !tili sino stti5 poi5
e33etti(*ente distri#!iti 2 ltresL ind!##io c%e l co**issione dei
reti pres!pposto d prte dei (ertici dell controllnte erno
cert*ente G3inli""tiH l conseg!i*ento di !n !tilit$ per l
controllnte stess o per le s!e controllte5 ,in tal modo dovendosi
interpretare la locuzione nell+ )interesse* dell+ente/
/&
.
In tle ottic5 pertnto5 :!lor !n soggetto picle o sottoposto di !n
societ$ cpogr!ppo o pprtenente l gr!ppo co*pi tl!no dei reti6
pres!pposti di c!i l D.lgs n. 2&1M'15 se*#rere##e ss!*ere rile(n"

/2
Pltti(rsi di soggetti c%e non 3nno prte in lc!n *odo delle societ$
controllte e c%e non %nno lc!n r!olo nelle *edesi*e * solo nell societ$
controllnte o in ltre societ$ del gr!ppo costit!isce ele*ento sinto*tico dell
3inli"""ione delltto llinteresse dellintero gr!ppo di societ$ e5 :!indi5
llinteresse di piB societ$5 non solo di :!elle c%e dirett*ente %nno otten!to
lggi!dic"ione degli pplti * nc%e delle controllnti nell prospetti( dell
prtecip"ione gli !tiliQ 1Tri#. Cilno5 Se". Ries*e5 ordinn"e5 1).12.2'')5 nn.
22&&6)7.
/&
C3r. BASSI6EPIDENDIO5 8nti e responsabilit da reato5 Cilno5 2''-5 p. 1-061.'.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
59

pri*ri lestt indi(id!"ione dell societ$ c%e % !n interesse o
##i ric(to !n (ntggio dll reli"""ione dellillecito< :!lor
linteresse o il (ntggio sino ricond!ci#ili ll sol cpogr!ppo5
:!est sol*ente do(re##e essere i*p!tt i sensi del decreto5
*entre :!lor linteresse o il (ntggio sino ricond!ci#ili d !n o
piB delle controllte5 il reto potre##e co*!n:!e essere i*p!tto
nc%e ll societ$ cpogr!ppo :!lor interesse e (ntggio sino d
ess5 sepp!r in *nier indirett5 contest!l*ente ricond!ci#ili.

In ssen" di !no speci3ico e p!nt!le inter(ento legislti(o5 t!tt(i5 si
risc%i di estendere in *nier inccett#ile ed incontroll#ile
lo##ligo di pre(enire i reti s!scetti#ili di essere posti in essere nelle
singole societ$ del gr!ppo5 ll societ$ controllnte e5
conseg!ente*ente5 di *oltiplicre le sn"ioni pplic#ili per !n
singolo reto co**esso ttr(erso l co**in"ione lle di(erse relt$
co*ponenti il gr!ppo.



DAR8N COSTA


.-+ Si&em" S"n0ion"orio

Il siste* sn"iontorio del D.lgs. ris!lt pi!ttosto se(ero.
Sanzioni pecuniarie< rtt. d 0 12
Sanzioni interdittive< rtt. d 1& 1..

=i 2 poi pre(ist5 nei csi piB gr(i5 l no*in di !n Gco**issrio
gi!di"ileH 1rt. 1+7 1o((ero nellipotesi di "iend di note(oli
di*ensioni7.

Sanzioni pecuniarie
Il :!dro sn"iontorio pre(ede l con3isc e l p!##lic"ione dell
senten" di condnn.
In cso di conc!ssione o corr!"ione5 oltre ll respons#ilit$ penle5 2
pre(ist 1o(e possi#ile7 l con3isc dell so**5 o dei #eni5 !tili""t
per il reto; in cso :!esto non 3osse possi#ile si procede Gcon3isc
per e:!i(lenteH5 o((ero !n prelie(o dlle csse dellente5 e:!i(lente
ll so** !st per il reto.
In generle si trtt di sn"ioni non risrcitorie * *er*ente
33litti(e. L (l!t"ione circ il quantum dell sn"ione ( 3tt dl
gi!dice5 cso per cso5 in #se ll gr(it$ del reto in #se d !n
n!*ero di G:!oteH 1!n n!*ero non in3eriore 1'' e non s!periore
1''' :!ote< le :!ote (nno clcolte in #se ll"iend e si ( d !n
*ini*o di Z2+/5 2& 6 lire +''.'''5 d !n *ssi*o di Z1+)0 6 lire
&.'''.'''7.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
61

L sn"ione pec!niri 2 ridott se lente % *esso in tto !n condott
riprtori l reto 1% riprto le conseg!en"e dnnose del reto o %
risrcito integrl*ente il dnno7.

Sanzioni interdittive@ sospensione e revoca.
- En sospensione o !n re(oc delle !tori"""ioni contrttre
e procedere 1cpcit$ gi!ridic7
- Di(ieto te*porneo contrttre con le p..
- Escl!sione te*porne d e(ent!li ge(ol"ioni o contri#!ti5 o
re(oc di :!elle gi$ inc*erte
- Di(ieto5 nc%e te*porneo5 di p!##lici""re #eni o ser(i"i.

2ommissario giudiziale
Pre(isto per gli enti c%e s(olgono p!##lici ser(i"i o di p!##lic
necessit$.

%ubblicazione della sentenza di condanna
S! :!otidini n"ionli di *ggiore di33!sione. =iene colpit
li**gine dell societ$. U possi#ile per :!lsisi societ$. Tle
sn"ione 2 discre"ione del gi!dice in #se ll gr(it$ del 3tto.

Con ri3eri*ento lle sn"ioni5 il D.lgs. n. 2&1 del 2''1 dott !n
siste* c%e trspone le diretti(e conten!te nell legge deleg)&5<
- in pri*o l!ogo c%e le sn"ioni contra societatem 3ossero e33etti(e5
propor"ionte e diss!si(e 1rt. 11 co** 1 lett. 7;
DAR8N COSTA
- c%e l trdi"ionle sc%e* delle sn"ioni pec!nirie 3osse
33inct5 nei csi di prticolre gr(it$5 l pre(isione di sn"ioni
di tipo interditti(o 1rt. 11 co** 1 lett. l7;
- c%e le sn"ioni potessero essere di*in!ite 1:!elle pec!nirie7 o
escl!se 1:!elle interditti(e7 in conseg!en" di ripro(t
desisten" o tentti(o di ri*edio d prte degli enti5 ttr(erso
ldo"ione d prte degli stessi di co*port*enti di tipo
riprtorio o reintegrtorio rispetto llo33es reli""t 1rt. 11
co** 1 lett. n7;
- in3ine5 c%e le sn"ioni interditti(e potessero tro(re pplic"ione
nc%e in sede c!telre 1rt. 11 co** 1 lett. o7.

Il siste* sn"iontorio introdotto dl D.lgs del 2''1 2 di tipo
Gdoppio #inrioH5 ossi #sto s!lle sn"ioni pec!nirie e s!lle sn"ioni
interditti(e. Il :!dro sn"iontorio 2 in3ine c%i!so co*pletto con l
pre(isione dell p!##lic"ione dell senten"5 ri*ess ll scelt
discre"ionle del gi!dice :!ndo ricorr !n sn"ione interditti( 1rt.
1/75 e l con3isc5 pplic#ile nc%e nell 3or* per e:!i(lente5 del
pre""o o del pro3itto del reto5 se*pre o##ligtori5 sl(o c%e per l
prte c%e p!> essere restit!it l dnneggito 1rt. 107.

Le sn"ioni interditti(e si pplicno5 in ggi!nt ll sn"ione
pec!niri :!ndo< lente ##i trtto dl reto !n pro3itto di rile(nte
entit$ e il reto si stto co**esso d soggetti in posi"ione picle5
o((ero se co**esso d sottoposti l colp orgni""ti( dellente si
gr(e 1rt. 1& co** 1 lett. a7; nonc%N in cso di reiter"ione degli
illeciti 1rt. 1& co** 1 lett. b7.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
63

L legge ttri#!isce note(ole rilie(o lle condotte riprtorie
dello33es e lldo"ione operti( di *odelli orgni""ti(i idonei
pre(enire reti del tipo di :!ello (eri3ictosi.
Il co*port*ento di resipiscen"5 in3tti5 (le rid!rre l pen
pec!niri 1rt. 12 co** 2 lett. a e b75 nonc%N d escl!dere le
sn"ioni interditti(e 1rt. 1. co** 1 lett. a5 b e c7.
All respons#ilit$ dell person 3isic si ggi!nge :!ell dell person
gi!ridic nellinteresse o (ntggio dell :!le il reto 2 stto
co**esso 1rt. 2&7.
L disciplin 2 crtteri""t dlltten"ione (erso il pro3ilo
delle33etti(it$. U stt escl!s l possi#ilit$ circ l sospensione
condi"ionle dell pen5 e pen pec!niri e con3isc %nno crttere
inde3etti#ile 1rt. 1' co** 17.
L pen pec!niri 2 co**is!rt ttr(erso !n *eccnis*o #i3sico
dndo *ggior rilie(o ll 3!n"ione diss!si( dell sn"ione pi!ttosto
c%e l s!o lto p!niti(o6retri#!ti(o.

L reiter"ione 2 sn"iont in *odo rigoroso e o##ligtorio.
Le circostn"e tten!nti sono speci3ic%e e non si prestno d
pplic"ioni di tipo cle*en"ilistico.
L 3!n"ione pre(enti( , specile dell sn"ione tro(no l s!
esplic"ione nell sn"ione interditti(5 penst co*e !n sn"ione
3lessi#ile e *od!l#ile second del co*port*ento ripristintorio
*esso in tto dllente.
DAR8N COSTA
A!!en$i%e

1. Rel"ione Cinisterile l D.lgs. 2&1M2''1
2. Tri#!nle Cilno 6 Se"ione =III Ci(ile Senten" 1& 4e##rio
2''/5 N. 1..)
/)
.
&. Codice nti*3i per le i*prese


/)
S!
@@@.con3ind!stri.itMAreeMlineeg.ns3M'M'13e+&/3+31.1&'c12+.)d#''+-2-c)M[
4ILEMTri#.Y2' CilnoY2'n.Y2'1..)Y2'6Y2'1&.'2.'/.pd3.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
65

Rel"0ione Mini&eri"le "l D+l'&+ ,2./,--.
:3



I 6 RESPONSABILIT\ ACCINISTRATI=A DELLTENTE

1. Introd!"ione

L legge 20 sette*#re 2'''5 n. &'' rec l VRti3ic ed esec!"ione dei
seg!enti Atti intern"ionli el#orti in #se llTrticolo W.& del
Trttto s!llTEnione e!rope< Con(en"ione s!ll t!tel 3inn"iri delle
Co*!nit$ e!ropee5 3tt Br!Oelles il 2- l!glio 100+5 del s!o pri*o
Protocollo 3tto D!#lino il 2. sette*#re 100-5 del Protocollo
concernente lTinterpret"ione in (i pregi!di"ile5 d prte dell Corte
di Gi!sti"i delle Co*!nit$ e!ropee5 di dett Con(en"ione5 con nness
dic%ir"ione5 3tto Br!Oelles il 20 no(e*#re 100-5 nonc%N dell
Con(en"ione relti( ll lott contro l corr!"ione nell :!le sono
coin(olti 3!n"ionri delle Co*!nit$ e!ropee o degli Stti *e*#ri
dellTEnione e!rope5 3tt Br!Oelles il 2- *ggio 100. e dell
Con(en"ione OCSE s!ll lott ll corr!"ione di p!##lici !33icili
strnieri nelle oper"ioni econo*ic%e intern"ionli5 con nnesso5
3tt Prigi il 1. sette*#re 100.V5 c!i si ggi!nge l VDeleg l
Go(erno per l disciplin dell respons#ilit$ **inistrti( delle
persone gi!ridic%e e degli enti pri(i di personlit$ gi!ridicV.

Il pro((edi*ento5 nel delegre l Go(erno 1rt. 117 lTrticol"ione di !n
siste* di respons#ilit$ sn"iontori **inistrti( degli enti5

85
Su www.reatisocietari.it/index.php?option=co!content"tas#=$iew"id=142"%teid=49.
DAR8N COSTA
otte*per d!n:!e gli o##lig%i pre(isti dll Con(en"ione OCSE e d
ltri str!*enti di prossi* rti3ic 1si pensi l secondo Protocollo PI47.
PiB in generle5 l :!si totlit$ degli str!*enti intern"ionli e
co*!nitri in specie5 in !n pl!rlit$ 1eterogene7 di *terie5 dispone
l pre(isione di prdig*i di respons#ilit$ delle persone gi!ridic%e5
c%i!s!r delle pre(isioni sn"iontorie. Sicc%N l ri3or* ppri(
or*i i*procstin#ile.

Si ggi!ng soltnto c%e ess interpret lTesigen"5 or*i di33!s5 di
col*re !nTe(idente lc!n nor*ti( del nostro ordin*ento5 tnto
piB e(idente in :!nto l respons#ilit$ dell societs 2 gi$ !n relt$
in *olti Pesi dellTE!rop 1cosL in 4rnci5 Regno Enito5 Olnd5
Dni*rc5 Portogllo5 Irlnd5 S(e"i5 4inlndi7.

Dl p!nto di (ist dell politic cri*inle5 le istn"e c%e pre*ono per
lTintrod!"ione di 3or*e di respons#ilit$ degli enti colletti(i ppiono
in3tti ncor piB consistenti di :!elle legte d !n p!r condi(isi#ile
esigen" di o*ogeneit$ e di r"ionli"""ione delle risposte
sn"iontorie tr Stti5 essendo or*i pci3ico c%e le principli e piB
pericolose *ni3est"ioni di reto sono poste in essere 6 co*e si (r$
*odo di ese*pli3icre di seg!ito 6 d soggetti str!tt!r orgni""t e
co*pless. LTincre*ento rgg!rde(ole dei reti dei Vcolletti #inc%iV e
di 3or*e di cri*inlit$ :!est ssi*il#ili5 % di 3tto prodotto !n
sopr(n"*ento dell illeglit$ di i*pres s!lle illeglit$ indi(id!li5
tnto d ind!rre cpo(olgere il noto #rocrdo5 **ettendo c%e
or*i l societs p!> 1e spesso (!ole7 delin:!ere. L co*plessit$ del
*odello ind!strile post6*oderno 2 n"i notori*ente contrddistint
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
67

dllTincre*ento dei centri decisionli5 d !n loro ccent!t
3r**ent"ione e dllTi*piego di Vsc%er*i 3itti"iV c!i i*p!tre le
scelte e le conseg!enti respons#ilit$. Nell rel"ione l progetto
preli*inre di ri3or* del codice penle5 el#orto dll co**issione
*inisterile presied!t dl pro3. Grosso5 si tro( e33icce*ente scritto
c%e l person gi!ridic 2 or*i considert V:!le !tono*o centro
dTinteressi e di rpporti gi!ridici5 p!nto di ri3eri*ento di precetti di
(ri nt!r5 e *trice di decisioni ed tti(it$ dei soggetti c%e operno
in no*e5 per conto o co*!n:!e nellTinteresse dellTenteV. E non si (ede
perc%N lTe:!ipr"ione tr enti e persone 3isic%e non de## spingersi
d in(estire nc%e lTre dei co*port*enti penl*ente rile(nti.

A rigore5 dl p!nto di (ist 3eno*enologico5 2 ddiritt!r possi#ile
ctlogre le di(erse sit!"ioni secondo scle di gr(it$ #en precise.

AllTpice5 do(re##ero essere collocti i csi di i*pres intrinsec*ente
illecit5 il c!i oggetto si cio2 proiettto in *odo speci3ico (erso l
co**issione di reti 1si pensi societ$ 3inn"ite totl*ente con i
pro(enti di tti(it$ delitt!ose delle orgni"""ioni cri*inli5 c%e
pertnto %nno co*e !nico 3ine :!ello di riciclre denro sporco7. A
:!estTipotesi 2 cri*inologic*ente ssi*il#ile :!ell in c!i l societ$
perseg! co*e 3ine non escl!si(o5 #ensL solo pre(lente5 l
co**issione di reti. L scelt del legisltore delegnte 2 stt t!tt(i
di non prendere in es*e 1se non *rginl*ente7 tli e(ent!lit$.
=ero 25 in3tti5 c%e il decreto pre(ede lTpplic"ione in (i de3initi( di
sn"ioni interditti(e llTente c%e il c!i !nico scopo consist nel
consentire o((ero nellTge(olre l co**issione di reti; t!tt(i5
DAR8N COSTA
considert l tipologi dei reti sele"ionti dgli str!*enti rti3icti5 il
cso si ples di teoric piB c%e di prtic reli""#ilit$ 1perltro5 l
circostn" c%e si33tti tipi di relt$ cri*inle ri*ngno i *rgini
dello sc%e* di decreto legislti(o n!ll toglie l 3tto c%e :!esto si
congegnto secondo !n str!tt!r c%e ne consent in 3!t!ro
Vintegr"ioniV in tle dire"ione7.

Il contesto di tt!"ione degli o##lig%i intern"ionli in c!i l legge
deleg si inseri(5 % in3tti indiri""to lTtten"ione del delegnte (erso
3or*e di ptologi piB VordinriV< tipic%e cio2 dellToperre econo*ico5
do(e l 3!n"ionli"""ione cri*inos di c!i si dice( 2 !n 3eno*eno5 se
non i*possi#ile5 pi!ttosto rro5 ed in c!i l co**issione di reti contro
l p!##lic **inistr"ione o co*!n:!e lesi(i dellTinteresse
ptri*onile di !n soggetto p!##lico 1si esso n"ionle opp!re non7
p!> discendere co*e e33etto VcollterleV dll proie"ione dell societ$
1sostn"il*ente sn7 (erso !n di*ensione di pro3itto.

AllTinterno di tle tipo di econo*i illegle5 2 poi opport!no
disting!ere 1se##ene in line di *ssi*7 d!e di33erenti tipologie5
p!nt!l*ente rispecc%ite dllTssetto di t!tel.

D !n lto5 si collocno le ipotesi in c!i5 p!r non essendo lTtti(it$ dell
person gi!ridic 3inli""t ll co**issione di reti5 :!estT!lti*
rientri nellT*#ito dell s! di33!s politic "iendle. Si pensi ll
corr!"ione5 considert !n (ero e proprio costo dT"iend5 lle tr!33e in
3inn"i*enti5 ecc. In t!tte :!este ipotesi5 c%e *eritno 6 co*e si (edr$
di seg!ito 6 !n trtt*ento di *ggior rigore5 lTtti(it$ discende d
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
69

decisioni di (ertice dellTente5 ed in(olge :!indi l respons#ilit$ di
persone c%e ri(estono in esso !n r!olo picle. DllTltro lto5 si
pongono i csi 6 eg!l*ente signi3icti(i5 nc%e se *eno ripro(e(oli 6 in
c!i l co**issione di reti deri(i non gi$ d !n speci3ic (olont$
socile5 * escl!si(*ente d !n di3etto di orgni"""ione o di
controllo d prte degli pici< (le dire5 le ipotesi in c!i il
co*port*ento *terile si reli""to d soggetti in posi"ione
s!#ordint. Si 3cci lTese*pio 6 non del t!tto teorico 6 dellTi*piegto
o del V:!droV il :!le5 gendo di s! ini"iti( 6 se non in contrsto
con !n dic%irt line di politic "iendle dell societ$ 6 co*pi !n
tto il :!le co*porti !n 3orte rispr*io di spes per :!est5
disinteressndosi delle conseg!en"e penli dello stesso5 l 3ine di
ottenere !n !*ento dello stipendio od !n (n"*ento di crrier.

Se poc%i d!##i per*ngono :!indi in ordine ll rile(n" e*piric
del 3eno*eno5 de(e ltresL e(iden"irsi co*e lTel#or"ione di !n
siste* di respons#ilit$ dellTente5 ltro non 3cci c%e r"ionli""re
lTesistente. Co*e in3tti sottolineto d piB prti5 !n rispost
sn"iontori nei con3ronti di :!estT!lti*o gi$ oggi esiste nei 3tti5 se si
pens c%e il costo del processo e delle pene pplicte l s!o esito (iene
di *ssi* sosten!to dllTi*pres5 pi!ttosto c%e dl singolo.

F!esto scenrio5 presente l legisltore delegnte in sede di posi"ione
dell deleg5 % inoltre g!idto il Go(erno in *erito singole scelte l
*o*ento dell s! tt!"ione< tt!"ione per l :!le si 2 ((lso di
!nTpposit co**issione *inisterile di esperti5 presied!t dl
DAR8N COSTA
Direttore generle degli 33ri penli del Cinistero dell Gi!sti"i5 dott.
Giorgio Lttn"i.

1.1 L nt!r gi!ridic dell respons#ilit$

Stnti le s!rri3erite pre*esse di crttere e*pirico6cri*inologico5 dl
p!nto di (ist teorico5 non si sre##ero incontrte ins!per#ili
controindic"ioni ll cre"ione di !n siste* di (er e propri
respons#ilit$ penle degli enti. S!l p!nto p!> dirsi oltret!tto s!pert
lTntic o#ie"ione legt l pres!nto s#rr*ento dellTrt. 2. Cost.5 e
cio2 llTi*possi#ilit$ di dttre il principio di colpe(ole"" ll
respons#ilit$ degli enti. Co*e ris!lter$ *eglio nell prte dell
rel"ione dedict :!esto spetto5 ppre or*i recessi( !n
conce"ione VpsicologicV dell colpe(ole""5 c%e ne es!risce cio2 il
conten!to nel leg*e psicologico tr !tore e 3tto; di contro5 l
rinno(t ide di !n colpe(ole"" intes 1in senso nor*ti(o7 co*e
ri*pro(er#ilit$ se*#r per3ett*ente ttglirsi l 3eno*eno nei
ter*ini in c!i 2 stto pocTn"i descritto. Potre##e n"i 33er*rsi c%e
proprio l *nct pre(isione di !n 3or* di respons#ilit$ dell
person gi!ridic in rel"ione co*port*enti in line o co*!n:!e
discendenti dll politic "iendle5 in !no con il s!ccennto cost!*e
di rinno(re 3re:!ente*ente e siste*tic*ente i centri di
i*p!t"ione 3or*li llTinterno dell stess5 si risol(esse 6
prdossl*ente 6 nellTggir*ento di :!el principio di Vrespons#ilit$
personleV c%e % rppresentto l re*or piB sensi#ile llTdo"ione
d prte dellTItli di n!o(i *odelli sn"iontori.

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
71

Ci> nondi*eno5 il legisltore delegnte % pre3erito5
co*prensi#il*ente5 ispirrsi *ggior c!tel5 ed % optto per !n
tipo di respons#ilit$ **inistrti(.

In proposito5 ppre t!tt(i necessrio 3re d s!#ito !n
p!nt!li"""ione. Tle respons#ilit$5 poic%N conseg!ente d reto e
legt 1per espress (olont$ dell legge deleg7 lle grn"ie del
processo penle5 di(erge in non poc%i p!nti dl prdig* di illecito
**inistrti(o or*i clssic*ente des!nto dll L. -/0 del 10/1.
Con l conseg!en" di dr l!ogo ll nscit di !n terti!* gen!s c%e
coni!g i trtti essen"ili del siste* penle e di :!ello **inistrti(o
nel tentti(o di conte*perre le rgioni dellTe33icci pre(enti( con
:!elle5 ncor piB inel!di#ili5 dell *ssi* grn"i.

2. I soggetti

Pssndo llTnlisi dei singoli conten!ti dello sc%e* di decreto
legislti(o5 lTrt. 15 dopo (er de3inito generic*ente il conten!to del
pro((edi*ento5 l co** 25 ne indi(id! i soggetti destintri.

Le disposi"ioni dell legge deleg s! :!esto p!nto sono conten!te in
d!e di33erenti sedi< per !n (erso5 lTline del co** 1 dellTrt. 11 L.
&''M2''' st#ilisce c%e il decreto disciplini l respons#ilit$
**inistrti( delle Vpersone gi!ridic%e e delle societ$5 ssoci"ioni
od enti pri(i di personlit$ gi!ridic c%e non s(olgono 3!n"ioni di
rilie(o costit!"ionleV; per ltro (erso5 il co** 2 del *edesi*o
rticolo dispone c%e Vper persone gi!ridic%e si intendono gli enti
DAR8N COSTA
3orniti di personlit$ gi!ridic5 eccett!ti lo Stto e gli ltri enti
p!##lici c%e esercitno p!##lici poteriV.

Dl co*#inrsi delle d!e disposi"ioni5 2 prso d!n:!e l delegto di
do(er circoscri(ere lT*#ito di respons#ilit$ dellTente nei ter*ini di
seg!ito ill!strti.

Innn"it!tto5 lTine:!i(oc (olont$ dell deleg di estendere l
respons#ilit$ nc%e soggetti spro((isti di personlit$ gi!ridic %
s!ggerito lT!so del ter*ine VenteV pi!ttosto c%e Vperson gi!ridicV 1il
segno ling!istico (re##e do(!to essere diltto troppo l di l$ dell
s! cpcit$ se*ntic7.

F!nto poi gli enti V soggetti(it$ pri(tV non dotti di personlit$
gi!ridic5 l scelt #en si co*prende d !n p!nto di (ist di politic
legislti(5 dl *o*ento c%e si trtt dei soggetti c%e5 potendo piB
ge(ol*ente sottrrsi i controlli sttli5 sono V*ggior risc%ioV di
tti(it$ illecite ed ttorno i :!li ppre d!n:!e ingi!sti3icto crere
(ere e proprie "one di i**!nit$.

DTltro cnto5 e per l *edesi* rgione5 :!est scelt si pleser$5 nel
con3ronto con l prssi5 non poco i*pegnti(. Ris!ltno in3tti incl!si
soggetti in c!i 2 crente il Vdi3r**V in ter*ini di !tono*i
ptri*onile dellTente 1entro il :!le5 p!re5 l deleg espress*ente
li*it l respons#ilit$ dellTente5 escl!dendo c%e ess poss estendersi
l ptri*onio dei soci7 e5 piB in generle5 sono co*prese relt$ ssi
eterogenee5 tr c!i lc!ne di rile(n" *ini*5 in rel"ione lle :!li
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
73

non p!> escl!dersi c%e l pre(isione di 3or*e di respons#ilit$
**inistrti(5 con t!tto il dispendioso pprto nc%e process!le5 si
ri(eli5 ll pro( dei 3tti5 ddiritt!r disecono*ico.

Allo scopo di contenere tle risc%io5 il delegto 6 nellTi*possi#ilit$
*terile di indicre no*inti(*ente t!tte le singole relt$ 6 %
pre3erito !tili""re !n 3or*!l elstic. Nel 3r ci>5 t!tt(i5 non %
replicto test!l*ente l legge deleg5 * si 2 li*itto citre Vle
societ$ e le ssoci"ioni nc%e pri(e di personlit$ gi!ridicV5 in *odo
d indiri""re lTinterprete (erso l consider"ione di enti c%e5 sepp!r
spro((isti di personlit$ gi!ridic5 possno co*!n:!e ottenerl.

In3ine5 si noti c%e le precise indic"ioni dell deleg5 3edel*ente
riprodotte nello sc%e* di decreto legislti(o5 %nno indotto d
escl!dere gli Venti c%e s(olgono 3!n"ioni di rilie(o costit!"ionleV5 tr
c!i se*#rno rientrre nc%e i prtiti politici ed i sindcti 1:!esti
!lti*i sg!rniti di personlit$ gi!ridic5 (ist l not5 *nct
tt!"ione dellTrt. &0 Cost.75 dndo cosL l!ogo d !n "on 3rnc
gi!sti3ic#ile soltnto ll l!ce delle delicte conseg!en"e c%e
prod!rre##e lTi*ptto5 s! :!esti soggetti5 delle sn"ioni interditti(e
pre(iste dl n!o(o i*pinto legislti(o.

F!nto in(ece gli enti dotti di soggetti(it$ p!##lic5 co*e si 2 detto5
l legge deleg o##lig d escl!dere espress*ente Vlo Stto e gli ltri
enti c%e esercitno p!##lici poteriV. = perltro d sN lT*pli*ento
dellTescl!sione pre(ist per lo Stto5 co*prendere nc%e gli enti
p!##lici territorili 1Regioni5 Pro(ince5 Co*!ni7< oltre d (ere l
DAR8N COSTA
titolrit$ di poteri tipic*ente p!##licistici 1si pensi lle ttri#!"ioni
delle Regioni in *teri legislti(75 lTe:!ipr"ione di :!esti enti llo
Stto 2 s!ggerit d rgioni di ordine siste*tico 1ci si ri3erisce l
disposto dellTrt. 10. c.p.5 in te* di o##lig"ione delle persone
gi!ridic%e per l pen pec!niri7 e5 piB in generle5 d !n esigen" di
rgione(ole"" nelle scelte legislti(e.

LTescl!sione degli Venti c%e esercitno p!##lici poteriV precl!de poi
sen"Tltro l ri3eri#ilit$ dellTi*pinto nor*ti(o lle singole P!##lic%e
A**inistr"ioni< e ci>5 nc%e ritenere c%e le stesse non sino
dirett*ente ricond!ci#ili l concetto di Stto5 in :!nto s!e
indispens#ili rticol"ioni.

=ice(ers5 enti soggetti(it$ p!##lic5 e t!tt(i pri(i di poteri
p!##lici5 sono i c.d. enti p!##lici econo*ici5 i :!li giscono i!re
pri(tor!* e c%e5 per :!est rgione5 *eritno !n e:!ipr"ione gli
enti soggetti(it$ pri(t nc%e sotto il pro3ilo dell respons#ilit$
**inistrti( deri(nte d reto. Ness!n o#ie"ione 1prtic o
teoric75 d!n:!e5 llTinseri*ento degli stessi nel no(ero dei destintri
del siste*.

Tr lT!no e lTltro estre*o5 perltro5 l loc!"ione Venti p!##lici c%e
esercitno p!##lici poteriV lsci resid!re *pie "one dTo*#r.

Costit!isce in3tti !n dto c:!isito c%e d tle no"ione es!lno5
ccnto gli enti p!##lici econo*ici5 n!*erosi ltri enti p!##lici.

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
75

Alc!ni di :!esti 1poc%i7 sono enti p!##lici ssociti(i5 dotti
sostn"il*ente di !n disciplin nego"ile5 * c!i le leggi specili
%nno ssegnto nt!r p!##licistic per rgioni contingenti 1ACI5 CRI5
ecc.7. C l ctegori piB signi3icti( concerne gli enti p!##lici c%e
erogno !n p!##lico ser(i"io5 tr c!i le Istit!"ioni di ssisten" e5
soprtt!tto5 le A"iende ospedliere5 le sc!ole e le Eni(ersit$ p!##lic%e5
ecc.

Escl!s d s!#ito lTopport!nit$ di prod!rre nel decreto legislti(o !n
ctlogo degli enti p!##lici ssoggett#ili l siste* di respons#ilit$
**inistrti( 1l :!li3ic"ione di *olti di :!esti enti 2 contro(ers e5
soprtt!tto5 l nor*ti( piB recente pre(ede !n cert *o#ilit$ degli
stessi5 con l trs3or*"ione d p!##lici in pri(ti75 il Go(erno %
pre3erito optre per !n sol!"ione VdrsticV5 nc%e nel rispetto delle
esigen"e di certe"" del diritto< esigen" (ieppiB (i( in !n settore5
co*e :!esto5 i*prontto d !n rigore prticolre nell scelt delle
risposte sn"iontorie. Non si p!> nscondere in3tti c%e5 pri* (ist5
il dettto dell deleg se*#rere##e i*porre lTincl!sione di t!tti :!esti
enti nel no(ero dei destintri delle disposi"ioni del decreto
legislti(o; il dto test!le prre##e cio2 pre(edere lTssoggett*ento
ll disciplin sn"iontori co*e l regol< rispetto d ess5 le
ecce"ioni ndre##ero conten!te nei li*iti dello stretto indispens#ile.

F!nto gli enti ssociti(i5 t!tt(i5 essi sono oggi soggetti d !n
3orte tenden" ll pri(ti"""ione c%e pres!*i#il*ente ne
co*porter$ lTestin"ione entro #re(e ter*ine. Pertnto 6 e sl(o p!re
:!nto (err$ ggi!nto di seg!ito 6 lTestensione dell respons#ilit$
DAR8N COSTA
:!esti soggetti (re##e co*portto !n costo pro##il*ente non
co*pensto d deg!ti #ene3ici< il c%e ris!lt e(idente o(e si
consideri c%e l dottrin p!##licistic non 2 33tto concorde nel
trccire l line di distin"ione tr :!est ctegori e gli enti p!##lici
ssociti(i c.d. istit!"ionli 1co*e gli Ordini e i collegi pro3essionli75
per i :!li (lgono consider"ioni nlog%e :!elle c%e srnno
esposte i**edit*ente di seg!ito per gli enti p!##lici esercenti !n
p!##lico ser(i"io.


F!nto :!esti !lti*i5 llT33er*"ione dell loro respons#ilit$
**inistrti( in dipenden" d reto5 non sre##e stt dTostcolo l
p!re e(idente inopport!nit$ di pplicre le sn"ioni di nt!r
interditti(5 con conseg!ente VscricoV dei costi s!ll colletti(it$. Ben si
sre##e pot!to5 in3tti5 di33eren"ire l rispost sn"iontori5
riser(ndo gli enti c%e s(olgono !n ser(i"io p!##lico5 l *eno
in(si( sn"ione pec!niri.

Si 2 t!tt(i pre3erito ##ndonre nc%e :!est sol!"ione< e ci>5 s!ll
#se di d!e consider"ioni tr loro intrinsec*ente connesse.

Per !n (erso5 l sn"ione pec!niri co**int nei con3ronti dellTente
soggetti(it$ p!##lic (re##e sortito !n e33etto generl6 e specil6
pre(enti(o 3orte*ente tten!to rispetto :!ello s!scetti#ile di
prod!rre nei con3ronti di enti soggetti(it$ pri(t e piB sensi#ili ll
rgione econo*ic5 essendo co*!n:!e destint trd!rsi in !n
disser(i"io per l generlit$ dei cittdini.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
77

Per ltro (erso 6 e sl( di(ers indic"ione del Prl*ento 65 l scelt
dei reti5 in !no con !lteriori indi"i nor*ti(i des!*i#ili soprtt!tto
dll disciplin ci(ilistic 1cli#rt s!lle societ$ co**ercili75
consentono di ritenere con rgione(ole certe"" c%e il legisltore
delegnte (esse di *ir l repressione di co*port*enti illeciti nello
s(olgi*ento di tti(it$ di nt!r s:!isit*ente econo*ic5 e cio2
ssistite d 3ini di pro3itto. Con l conseg!en" di escl!dere t!tti :!egli
enti p!##lici c%e5 sepp!re spro((isti di p!##lici poteri5 perseg!ono e
c!rno interessi p!##lici prescindendo d 3inlit$ l!crti(e.

EnT!lti* precis"ione. Il rilie(o d !lti*o s(olto potre##e ind!rre
ritenere irrgione(ole lTincl!sione nel siste* degli enti soggetti(it$
pri(t5 c%e t!tt(i s(olgno !n p!##lico ser(i"io 1in (irtB di !n
concessione5 con(en"ione5 pri3ic"ione o nlogo tto
**inistrti(o7. Al di l$ del 3tto c%e5 in :!esti enti5 l 3inlit$ di nt!r
p!##licistic non escl!de il *o(ente econo*ico 1so**ndosi d esso75
lTssoggett#ilit$ degli stessi ll disciplin dello sc%e* ppre
i*plicit*ente **ess dllo stesso legisltore delegnte5 nell
letter l75 n. &7 del co** 15 c%e se*#rere##e ric%i*rsi proprio
tle ctegori lddo(e5 nel cso di interdi"ione5 pre(ede lTeserci"io
(icrio dellTtti(it$ se l prosec!"ione di :!estT!lti* V2 necessri per
e(itre pregi!di"i ter"iV 1s!l p!nto5 in3r7.

&. I principi generli. Pre*ess

Co*e si ccenn( nellTintrod!"ione5 il n!o(o siste* di respons#ilit$
sn"iontori5 p!r essendo 3or*l*ente scritto llT*#ito dellTillecito
DAR8N COSTA
**inistrti(o5 recl* lc!ni ggi!st*enti rispetto llTinsie*e dei
principi en!cle#ile dll c.d prte generle dell legge -/0M10/1. Ci>5
in consider"ione non soltnto dell pec!lirit$ dei soggetti s!oi
destintri 1enti e non persone 3isic%e75 * soprtt!tto dell distint
i*pront penlistic c%e lo segn e c%e deri( dllTessere co*!n:!e
costr!ito in dipenden" dell (eri3ic"ione di !n reto. Si ggi!ng l
gr(it$ delle conseg!en"e c%e l legge deleg 3 deri(re dll
co**issione dellTillecito5 conseg!en"e c%e possono spingersi 3ino ll
c%i!s!r de3initi( dello st#ili*ento o llTinterdi"ione de3initi(
dllTtti(it$5 sn"ioni cpitli per lTente; si co*prender$5 llor5 co*e in
:!esto settore ppi piB c%e *i (i( lTesigen"5 gi$ di33!s*ente
((ertit 1soprtt!tto dgli orgni di gi!sti"i e!ropei75 di
o*ogenei""re i siste*i di respons#ilit$ **inistrti( e di
respons#ilit$ penle llTinsegn delle *ssi*e grn"ie pre(iste per
:!estT!lti*o5 spingendo (erso l nscit di !n siste* p!niti(o c%e 6
nel cso degli enti 6 rppresent sen" d!##io !n terti!* gen!s
rispetto d entr*#i. DTltro cnto5 l tenden" piB generle5 3orse
irre(ersi#ile5 spinge or*i (erso l progressi( ssi*il"ione dei d!e
*odelli5 c%e tendono con3l!ire in !n sort di diritto sn"iontorio
!nitrio5 soprtt!tto in *teri econo*ic. E non 2 !n cso c%e l
Co**issione *inisterile per l ri3or* del codice penle5 presied!t
dl pro3. Grosso5 si si orientt (erso !n prdig* si*ile :!ello
proposto nel presente sc%e* di decreto legislti(o5 sen" perltro
:!li3icrne espress*ente l nt!r gi!ridic.

F!este consider"ioni %nno s!ggerito lTopport!nit$ di costr!ire !n
sotto6siste* nor*ti(o c%e5 nellTinten"ione del delegto5 do(re##e
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
79

(lere disciplinre l *teri nc%e per il 3!t!ro< per lTe(ent!lit$5
cio25 c%e il legisltore intend ri*ping!re lT*#ito dell
respons#ilit$ **inistrti( dellTente5 ricollegndol ll
co**issione di reti di(ersi d :!elli rispetto i :!li 2 stt oggi
conte*plt dl decreto legislti(o.

&.1. Seg!e. Il principio di leglit$. L s!ccessione di leggi e l
co**issione del reto llTestero

En siste* si33tto non pote( d!n:!e c%e replicre d entr*#i i
*odelli5 :!ello penle e :!ello **inistrti(o5 il 3ond*entle
principio di leglit$ 1nelle s!e cce"ioni di riser( di legge5 tssti(it$ e
irretrotti(it$75 o((i*ente pls*ndone l 3or*!l"ione s!ll
pec!lirit$ dell *teri 1rt. 27.

ET ppen il cso di ric%i*re lTtten"ione s!ll circostn" c%e l
leglit$ :!i in(este !n d!plice pro3ilo< lT33er*"ione dell
respons#ilit$ **inistrti( dellTente e 6 *onte 6 lTssetto penle di
disciplin in conseg!en" del :!le tle respons#ilit$ 2 pre(ist.

F!nto l pri*o spetto5 si noti inoltre co*e l nor* c!ri
espress*ente lTestensione del principio5 oltre c%e llT33er*"ione
dell respons#ilit$5 ltresL lle sn"ioni c%e ne discendono. Si nticip
sin dTor c%e l scelt tro( !n 3edele risponden" nelle restnti
nor*e dellTrticolto lddo(e rec !n disciplin p!nt!le dei
pres!pposti pplicti(i di cisc!n tipo di sn"ione5 si nell prte
generle in te* di scelt e di co**is!r"ione delle stesse5 si nelle
DAR8N COSTA
disposi"ioni dedicte ll pre(isione dell respons#ilit$
**inistrti( in conseg!en" dell co**issione dei singoli reti.

En no(it$ t!tt di ispir"ione penlistic rispetto l prdig* dell l.
-/0 1c%e l ignor7 2 in(ece rppresentt dll disciplin dell
s!ccessione di leggi5 di c!i llTrt. & dello sc%e*. Appre in3tti
e(idente l *trice dell disposi"ione5 pr"il*ente riclct s!llTrt. 2
del codice penle; l s! opport!nit$ nel *erito deri( dllTincisi(it$
delle n!o(e sn"ioni5 tle d *eritre llTente l stess disciplin di
3(ore pre(ist nei con3ronti dellTi*p!tto person 3isic.

Pre*esso c%e non si 2 riten!to necessrio ri#dire il di(ieto di
retrotti(it$5 gi$ des!*i#ile dllTrticolo 25 2 stt in(ece disciplint
lTipotesi di #olitio5 in c!i l respons#ilit$ dellTente (iene *eno con il
reto in rel"ione l :!le ess er pre(ist5 opp!re perc%N 2 stt
#rogt dirett*ente l disposi"ione c%e ricolleg d !n reto 1c%e
per*ne7 l s!ddett respons#ilit$ **inistrti(. In entr*#i i csi5
il (enir *eno del gi!di"io di dis(lore d prte dellTordin*ento
(re##e reso irrgione(ole il per*nere dell respons#ilit$ in cpo
llTente. Lo stretto leg*e tr respons#ilit$ dellTente e co**issione di
!n reto i*plic poi c%e l *edesi* disciplin (lg nc%e nel cso di
sopr((en!t depenli"""ione di :!estT!lti*o5 se##ene in tl cso l
per*nen" di !n gi!di"io di dis(lore d prte dellTordin*ento5 in
teori5 (re##e pot!to s!ggerire !n di(ers sol!"ione 1nel senso dell
contin!it$. L deleg non se*#r( co*!n:!e consentire tle
op"ione7.

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
81

Centre nel cso di #olitio non 2 pre(isto lc!no s#rr*ento ll
prod!"ione dellTe33etto 3(ore(ole per lTente5 piB conten!to 6
estt*ente co*e nel penle 6 lTe33etto retrotti(o in #on* prte*
nel cso di se*plice s!ccessione di leggi5 do(e il li*ite in(lic#ile 2
segnto dl pssggio in gi!dicto dell senten"< :!i5 t!tt(i5 il
3eno*eno rig!rd piB d (icino soltnto le *odi3ic%e dell legge c%e
pre(ede l respons#ilit$ **inistrti( dellTente5 le (icende del reto
ri*nendo indi33erenti rispetto :!estT!lti*.

ET in3ine *!t!t l di"ione del :!rto co** dellTrt. 2 c.p.5 in
rel"ione lle leggi ecce"ionli e te*pornee5 per le :!li si escl!de
lTpplic#ilit$ delle nor*e precedenti. L pre(isione si ispir ll
rile(t necessit$ di trccire !n prllelis*o tr l disciplin del
n!o(o illecito e :!ell penle5 e potre##e ri(elrsi !tile in 3!t!ro< llo
stto tt!le dellTssetto nor*ti(o in *teri 1e cio2 in rel"ione lle
3ttispecie sele"ionte5 t!tte dotte !n rile(n" e*piric Vnon
contingenteV7 se*#r in(ece destint d (ere !n rilie(o *er*ente
teorico.

LT((en!to s!per*ento del :!into co** dellTrt. 2 c.p. 1s!i decreti
legge7 d prte dell disciplin e 1se##ene in prte7 dell
gi!rispr!den" costit!"ionle5 ne % in3ine sconsiglito l riprod!"ione
in :!est sede. Le :!estioni c%e in(olgono l nor*"ione ttr(erso
decret"ione dT!rgen" nonc%N :!elle legte ll dic%ir"ione di
illegitti*it$ costit!"ionle delle leggi se*#rno in3tti tro(re piB
ge(ole sol!"ione ll l!ce dei rispetti(i principi generli.

DAR8N COSTA
Ispirt co*prensi#ile rigore 2 l scelt dellTrt. ) dello sc%e* di
decreto legislti(o5 lddo(e conte*pl lTipotesi in c!i lTente c%e ##i
in Itli l sede principle5 co*pi t!tt(i reti llTestero. Si 2 riten!to
c%e lTipotesi5 ssi di33!s dl p!nto di (ist cri*inologico5 *eritsse
co*!n:!e lT33er*"ione dell sn"ion#ilit$ dellTente5 l 3ine di
e(itre 3cili el!sioni dell nor*ti( intern< e ci> nc%e l di 3!ori
delle circoscritte ipotesi in c!i l respons#ilit$ dellTente conseg! ll
co**issione di reti per i :!li lTrt. . del codice penle pre(ede l
p!ni#ilit$ incondi"iont.

LTop"ione 2 oltret!tto con3or*e l progressi(o ##ndono5 nell
legisl"ione intern"ionle5 del principio di territorilit$ ed ll
correlti(5 se*pre *ggiore 33er*"ione del principio di
!ni(erslit$ 1pro( ne sino gli stessi tti rti3icti nell legge
&''M2'''7.

Perltro5 l costnte tten"ione dellTItli i pro3ili di cooper"ione
intern"ionle 1resi tl(olt di33icili dll so(rpposi"ione delle "ioni
p!niti(e d prte dei di(ersi Stti5 soprtt!tto :!ndo5 co*e in Itli5
(ige il principio di o##ligtoriet$ delle stesse7 % s!ggerito di pporre
!no s#rr*ento ll perseg!i#ilit$ dellTillecito co**esso dllTente
nei csi in c!i nei s!oi con3ronti gi$ proced lo Stto del l!ogo in c!i 2
stto co**esso il 3tto.

Anlog*ente5 ll s!ssisten" di !n interesse ppre""#ile dello Stto
ll p!ni"ione ed llTopport!nit$ di #ilncire tle interesse con il
rispetto dellTltr!i s3er di so(rnit$ in *teri p!niti(5 si ispir il
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
83

secondo co** dellTrt. ). L nor* pre(ede c%e5 nei csi in c!i (i si
stt l ric%iest per l person 3isic5 per procedersi nei con3ronti
dellTente5 l ric%iest del Cinistro G!rdsigilli de## estendersi nc%e
nei con3ronti di :!estT!lti*o. L pre(isione grntisce oltret!tto c%e le
(icende dei d!e soggetti si s(olgno s! #inri prlleli5 secondo !n
tenden" c!i si ispir co*plessi(*ente il siste* nor*ti(o e c%e
(iene derogt soltnto lddo(e !n di(ers sol!"ione poss
pregi!dicrne lTe33etti(it$.

&.2. Seg!e. I criteri di i*p!t"ione s!l pino oggetti(o

Il c!ore dell prte generle del n!o(o siste* 2 rppresentto dgli
rticoli + e - dello sc%e*.

Il pri*o si *!o(e s! di !n pino s:!isit*ente oggetti(o5 e identi3ic le
persone 3isic%e c%e5 !tori del reto5 i*pegnno s!l terreno
sn"iontorio penle6**inistrti(o l respons#ilit$ dell societs.
Sotto il pro3ilo concett!le5 non s!ssistono ostcoli l recepi*ento
dell sol!"ione propost nello sc%e*. Ri#dito ncor !n (olt c%e
nc%e l *teri dellTillecito penle6**inistrti(o 2 ssoggettt l
dettto costit!"ionle dellTrt. 2.5 gi$ l teori dell c.d.
i**edesi*"ione orgnic consente di s!perre le critic%e c%e !n
te*po r!ot(no ttorno ll (iol"ione del principio di personlit$
dell respons#ilit$ penle5 ncor nell s! cce"ione V*ini*V di
di(ieto di respons#ilit$ per 3tto ltr!i. =le dire< se gli e33etti ci(ili
degli tti co*pi!ti dllTorgno si i*p!tno dirett*ente ll societ$5
non si (ede perc%N ltrettnto non poss ccdere per le conseg!en"e
DAR8N COSTA
del reto5 sino esse penli o 6 co*e nel cso del decreto legislti(o 6
**inistrti(e. An"i5 rigore5 :!est sol!"ione si pro3il :!si
necessitt s!l pino logico 1dl *o*ento c%e ssic!r l
corrisponden" tr c%i co**ette lTillecito e c%i ne pg le conseg!en"e
gi!ridic%e75 oltre c%e !spic#il*ente idone5 s! :!ello prtico5
contenere le distorsioni di !n gi!rispr!den" c%e5 co*e noto5 tende(
6 in no*e dell pre(en"ione generle 6 diltre oltre il consentito
lT*#ito delle respons#ilit$ indi(id!li degli **inistrtori.

F!nto i dipendenti5 non (T2 rgione per escl!dere l respons#ilit$
dellTente dipendente d reti co*pi!ti d tli soggetti5 :!nte (olte essi
giscno pp!nto per conto dellTente5 e cio2 nellT*#ito dei co*piti d
essi de(ol!ti. In ltre prole5 con rig!rdo l rpporto di dipenden"5
:!el c%e se*#r contre 2 c%e lTente ris!lti i*pegnto dl
co*pi*ento5 d prte del sottoposto5 di !nTtti(it$ destint
ri(ersrsi nell s! s3er gi!ridic.

4tte :!este precis"ioni5 :!nto gli spetti di con3or*it$ con l legge
deleg5 si osser(5 innn"it!tto c%e l letter e7 dellTrt. 115 co** 15
ric%i* i soli reti co**essi 1dlle persone 3isic%e7 (ntggio o
nellTinteresse dellTente. L 3or*!l 2 stt test!l*ente riprodott5 e
costit!isce pp!nto lTespressione nor*ti( del citto rpporto di
i**edesi*"ione orgnic. ET ppen il cso di ggi!ngere c%e il
ric%i*o llTinteresse dellTente crtteri"" in senso *rct*ente
soggetti(o l condott delitt!os dell person 3isic e c%e Vsi
ccontentV di !n (eri3ic eO nte; (ice(ers5 il (ntggio5 c%e p!>
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
85

essere trtto dllTente nc%e :!ndo l person 3isic non ##i gito
nel s!o interesse5 ric%iede se*pre !n (eri3ic eO post.

F!nto lle ctegorie di persone c%e (engono in rilie(o5 lTrticolto
riprende l distin"ione tr soggetti in posi"ione picle 1lett. 7 e
soggetti in posi"ione s!#ordint 1lett. #75 pportndo poc%e *odi3ic%e
rispetto ll deleg. Co*e si (r$ *odo di sottolinere di seg!ito5 l
distin"ione ri(er#er e33etti di non poco *o*ento s!l co*plessi(o
ssetto di disciplin.

Lett. 7. LT!tili"""ione di !n 3or*!l elstic 2 stt pre3erit d !n
elenc"ione tssti( di soggetti5 di33icil*ente prtic#ile5 (ist
lTeterogeneit$ degli enti e :!indi delle sit!"ioni di ri3eri*ento 1:!nto
di*ensioni e nt!r gi!ridic75 e dot l disciplin di !n
connot"ione oggetti(o63!n"ionle; ci> (le si in rel"ione llTipotesi
in c!i l 3!n"ione picle si ri(estit in (i 3or*le 1pri* prte dell
letter 75 si in rpporto llT Veserci"io nc%e di 3ttoV delle 3!n"ioni
*edesi*e 1second prte dell letter 7. A :!esto proposito5 si noti
c%e5 riclcndo test!l*ente l deleg5 tle loc!"ione 2 stt riconness
lle 3!n"ioni di gestione e di controllo; esse de(ono d!n:!e concorrere
ed sso**rsi nel *edesi*o soggetto il :!le de(e esercitre
pertnto !n (ero e proprio do*inio s!llTente. Rest5 perci>5 escl!so
dllTor#it dell disposi"ione lTeserci"io di !n 3!n"ione di controllo
ssi*il#ile :!ell s(olt di sindci. Costoro non 3ig!rno nel
no(ero dei soggetti c%e5 3or*l*ente in(estiti di !n posi"ione picle5
possono co**ettere illeciti c%e incrdinno l respons#ilit$
dellTente< *ggior rgione5 :!indi5 non 2 pens#ile ri3erire !n
DAR8N COSTA
respons#ilit$ llTente per illeciti relti(i llo s(olgi*ento di !n
3!n"ione c%e si risol(e in !n controllo sindcle di 3tto 1ci>5 tcere
dei d!##i c%e s!ssistono in ordine ll stess con3ig!r#ilit$ di !n
si*ile 3or* di controllo7. In de3initi(5 l loc!"ione riportt nello
sc%e* di decreto legislti(o 2 d proiettre solo (erso :!ei soggetti
c%e esercitno !n penetrnte do*inio s!llTente 12 il cso del socio non
**inistrtore * detentore dell :!si totlit$ delle "ioni5 c%e dett
dllTesterno le linee dell politic "iendle e il co*pi*ento di
deter*inte oper"ioni7. EnTinterpret"ione di33or*e si sre##e
scontrt contro !n eccesso di indeter*inte"" dell no"ione di
Vcontrollo di 3ttoV. LTspetto c%e *erit *ggiore tten"ione concerne
t!tt(i lTe:!ipr"ione5 i soggetti c%e ricoprono 3!n"ioni di
rppresentn"5 di **inistr"ione o di dire"ione dellTente5 delle
persone c%e ri(estono le *edesi*e 3!n"ioni in !n V!nit$
orgni""ti( dott di !tono*i 3inn"iri e 3!n"ionleV. L
pre(isione ric%i* !n 3eno*eno #en noto5 ed n"i in (i di
progressi( espnsione; si pensi i c.d. direttori di st#ili*ento c%e5
nelle relt$ "iendli *edio6grndi5 sono *olto spesso dotti di !n
3orte !tono*i gestionle e sottrtti l controllo delle sedi centrli. L
colloc"ione di :!esti soggetti llTinterno dell letter 7 e :!indi co*e
soggetti picli5 2 s!ggerit5 oltre c%e dllTosser("ione del dto
e*pirico5 nc%e d consider"ioni di nt!r siste*tic< co*e noto5
in3tti5 l 3ig!r % d te*po tro(to ingresso nel nostro ordin*ento5
in *teri di sic!re"" s!l l(oro5 do(e p!re 33ond l s! rtio nell
tenden"ile co*!nione tr poteri6do(eri e respons#ilit$. Rest
perltro 3er*o c%e5 nelle relt$ econo*ic%e segnte d !n *inore
co*plessit$5 l cren" di !tono*i 3inn"iri o 3!n"ionle5
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
87

consentire##e di degrdre lT!nit$ orgni""ti( dll letter 7 ll
s!ccessi( letter #7 1soggetti sottoposti ll dire"ione o (igiln" degli
pici75 con le conseg!en"e c%e srnno di seg!ito ill!strte.

Lett. #7. L second ctegori di persone 3isic%e l c!i co**issione di
reti 2 s!scetti#ile di i*pegnre l respons#ilit$ **inistrti(
dellTente 2 rppresentt di c.d. sottoposti. L scelt di li*itre l
respons#ilit$ dell societs l solo cso di reto co**esso di (ertici5
non si sre##e ri(elt pl!si#ile dl p!nto di (ist logico e politico
cri*inle. Sotto il pri*o pro3ilo5 nc%e in :!esto cso5 co*e si 2 detto5
l possi#ilit$ di ricond!rre l respons#ilit$ llTente ppre ssic!rt5
s!l pino oggetti(o5 dl 3tto c%e il reto si stto co**esso
nellTinteresse o (ntggio dellTente 1:!nto l pino Vsoggetti(oV5
dell ri*pro(er#ilit$ dell societs5 si rin(i l co**ento dellTrt. .7.
Sotto il secondo pro3ilo5 !n di(ers op"ione (re##e signi3icto
ignorre l crescente co*plessit$ delle relt$ econo*ic%e disciplinte
e l conseg!ente 3r**ent"ione delle relti(e 3ond*ent operti(e.

Il secondo co** dellTrticolo + dello sc%e* *!t! dll lett. e7 dell
deleg l cl!sol di c%i!s!r ed escl!de l respons#ilit$ dellTente
:!ndo le persone 3isic%e 1sino esse pici o sottoposti7 ##ino gito
nellTinteresse escl!si(o proprio o di ter"i. L nor* stig*ti"" il cso
di Vrott!rV dello sc%e* di i**edesi*"ione orgnic; si ri3erisce
cio2 lle ipotesi in c!i il reto dell person 3isic non si in lc!n *odo
ricond!ci#ile llTente perc%N non reli""to nepp!re in prte
nellTinteresse di :!esto. E si noti c%e5 o(e ris!lti per tl (i l *ni3est
estrneit$ dell person *orle5 il gi!dice non do(r$ nenc%e
DAR8N COSTA
(eri3icre se l person *orle ##i per cso trtto !n (ntggio 1l
pre(isione oper d!n:!e in derog l pri*o co**7.

&.&. Seg!e. I criteri di i*p!t"ione s!l pino soggetti(o.

Si 2 pri* ricordto co*e5 in pssto5 l principle controindic"ione
llTingresso di 3or*e di respons#ilit$ penle dellTente 3osse r((ist
nellTrt. 2.5 co** 15 Cost.5 inteso nell s! cce"ione di principio di
colpe(ole"" in senso VpsicologicoV5 e cio2 co*e leg*e psic%ico tr
3tto ed !tore. Si 2 nc%e gi$ detto c%e !n rinno(t conce"ione dell
colpe(ole"" in senso nor*ti(o 1ripro(e(ole""7 consente oggi di
dttre co*od*ente tle ctegori lle relt$ colletti(e. Si ggi!ng
or c%e5 rispetto l pssto5 si st consolidndo !nni*it$ di (ed!te
nc%e s! !n ltro spetto.

L Corte e!rope dei diritti dellT!o*o e l *igliore dottrin
concordno nel ritenere c%e le i*prenscindi#ili grn"ie del diritto
penle de##no essere estese nc%e d ltre 3or*e di diritto
sn"iontorio conten!to p!niti(o5 prescindere dlle strtte
Vetic%etteV gi!ridic%e c%e il legisltore (i ppong.

D ci> lTesigen"5 3orte*ente ((ertit5 di crere !n siste* c%e5 per l
s! e(idente 33init$ con il diritto penle5 di c!i condi(ide l stess
crtteri"""ione 33litti(5 si di*ostri rispettoso dei principi c%e
in3or*no il secondo< pri*o tr t!tti5 pp!nto5 l colpe(ole"".

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
89

Ai 3ini dell respons#ilit$ dellTente occorrer$5 d!n:!e5 non soltnto
c%e il reto si d esso ricolleg#ile s!l pino oggetti(o 1le condi"ioni
lle :!li ci> si (eri3ic5 co*e si 2 (isto5 sono disciplinte dllTrt. +7; di
piB5 il reto do(r$ costit!ire nc%e espressione dell politic "iendle
o :!nto *eno deri(re d !n colp di orgni"""ione.

Pri* di ddentrrsi nellTill!str"ione delle sol!"ione tecnic%e
dottte nellTrticolto per espri*ere :!esti concetti5 2 #ene
sottolinere co*e l pre(isione di *eccnis*i di i*p!t"ione del 3tto
llTente destinti d operre s! di !n pino di(erso d :!ello
*er*ente oggetti(o5 espri* !nTesigen" condi(is nc%e d
ordin*enti strnieri. CosL5 d ese*pio5 in 4rnci5 do(e p!re il
principio di colpe(ole"" rice(e !n trd!"ione sotto lc!ni spetti
*eno pien c%e in Itli. L no(ell l Code penl del 100)5
nellTintrod!rre l respons#ilit$ penle delle persone gi!ridic%e5
lT(e( in3tti ncort ll *er co**issione di reti Vper contoV di
:!esti5 *ostrndo d!n:!e di ccontentrsi di !nTi*p!t"ione s!l pino
*er*ente oggetti(o 1s!scetti#ile di scttre in (irtB dell
Vi**edesi*"ioneV tr l person 3isic6orgno dell person
gi!ridic e :!estT!lti*7; ci> nonostnte5 l gi!rispr!den" %
pre3erito non ttestrsi s!l dto test!le dell nor* e si 2 i*pegnt
nell ricerc di criteri scritti(i !lteriori5 c%e consentno di rin(enire
!n colleg*ento piB pregnnte tr il reto e l (ol!nts societtis. Tli
pr*etri sono stti d ese*pio trtteggiti 6 se##ene in ter*ini
generici 6 dl Cri*inl Code Act !strlino del 100+ c%e disting!e5
ddiritt!r5 nellT*#ito dell *ens re dell person gi!ridic5 !n
3or* dolos ed !n 3or* colpos.
DAR8N COSTA
ET perltro opport!no notre co*e i criteri di i*p!t"ione non
s(olgno soltnto !n r!olo di V3iltroV dell respons#ilit$; non
rispondno5 cio25 escl!si(*ente d !n 6 si p!re i*portnte 6 logic
di grn"i. Essi5 per co*e sono 1p!nt!l*ente7 descritti nello sc%e*
di decreto5 de*piono innn"it!tto d !n insostit!i#ile 3!n"ione
pre(enti(.

Costit!isce !n dto or*i *pi*ente c:!isito c%e lTttri#!"ione
dell respons#ilit$ secondo criteri ispirti l (ersri in re illicit si
trd!ce in !n disincenti(o llTosser(n" di c!tele do(erose; ess
ind!ce in3tti nel destintrio !n senso di 3tlist rssegn"ione nei
con3ronti delle conseg!en"e negti(e c%e possono deri(re dl s!o
co*port*ento. Nel cso di specie5 rppresentere##e :!indi !n
spint considerre le sn"ioni !n sort di Vcosto necessrioV
dellTi*pres5 non e(it#ile5 * pre(enti(#ile secondo i cons!eti
criteri di #ilncio< se*pre c%e si riten!to sopport#ile 1in cso
contrrio5 si trd!rre##e ddiritt!r in !n rgione ostti( llo
s(olgi*ento dellTtti(it$ dTi*pres5 in sN irrin!nci#ile7. =ice(ers5
ncorre il ri*pro(ero dellTente ll *nct do"ione o((ero l
*ncto rispetto di stndrds do(erosi5 signi3ic *oti(rlo
llTosser(n" degli stessi5 e :!indi pre(enire l co**issione di reti
d prte delle persone 3isic%e c%e (i 3nno cpo.

Pi!ttosto c%e sncire !n generico do(ere di (igiln" e di controllo
dellTente s!ll 3lsrig di :!nto disposto dll deleg 1con risc%io c%e
l prssi ne opersse il totle s(!ot*ento5 ind!lgendo criteri ispirti
l (ersri in re illicit75 si 2 pre3erito llor rie*pire tle do(ere di
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
91

speci3ici conten!ti< tle scopo5 !n *odello ssi !tile 2 stto 3ornito
dl siste* dei co*plince progr*s d te*po 3!n"ionnte negli Stti
Eniti.

AllTente (iene in prtic ric%iest lTdo"ione di *odelli
co*port*entli speci3ic*ente cli#rti s!l risc%io6reto5 e cio2 (olti
d i*pedire5 ttr(erso l 3iss"ione di regole di condott5 l
co**issione di deter*inti reti. Re:!isito indispens#ile perc%N
dllTdo"ione del *odello deri(i lTesen"ione d respons#ilit$ dellTente
2 c%e esso (eng nc%e e33icce*ente tt!to< lTe33etti(it$ rppresent5
d!n:!e5 !n p!nto :!li3icnte ed irrin!nci#ile del n!o(o siste* di
respons#ilit$.

&.) Seg!e. I criteri di i*p!t"ione soggetti( nel cso di reto
co**esso dgli pici.

Tnto pre*esso in generle s!ll necessit$ di costr!ire !n *odello
p!nt!le di respons#ilit$ dellTente5 lo sc%e* di decreto legislti(o
di33eren"i l disciplin second c%e il reto si co**esso d !n
soggetto in posi"ione picle o((ero d !n se*plice sottoposto.

F!nto l pri*o cso 1rt. -75 2 opport!no innn"it!tto sciogliere
e(ent!li d!##i di con3or*it$ ll deleg. L citt letter e7
se*#rere##e in3tti non ric%iedere lc!n condi"ione !lteriore
rispetto ll co**issione del reto d prte di !n soggetto c%e
nellTente ri(est !n r!olo picle. L nor*5 in3tti5 ri3erisce5 l*eno in
ppren"5 l circostn" c%e l co**issione del reto si stt res
DAR8N COSTA
possi#ile dllTinosser(n" degli o##lig%i connessi lle 3!n"ioni di
dire"ione e di (igiln"5 escl!si(*ente l cso in c!i il reto si posto
in essere d c%i tli 3!n"ioni si ssoggettto< i sottoposti. T!tt(i5
nell e:!i(ocit$ del dto test!le 1l presen" di !n (irgol consente
per contro di ri3erire il periodo ltresL l cso in c!i il reto si stto
co**esso d soggetti in posi"ione picle75 sono stte riten!te
pre(lenti le rgo*ent"ioni esposte in preceden" s!ll necessit$ di
costr!ire !n siste* :!nto piB con3or*e i principi costit!"ionli ed
in3or*to ll pre(en"ione.

Non si ignor lTo#ie"ione c%e piB ge(ol*ente p!> *!o(ersi d !n
scelt di :!esto tipo< i soggetti in posi"ione picle sono essi stessi
espressione dell V(olont$ socileV ed ppre rti3icioso i**ginre
lTesisten" di !n di3r** c%e sepri :!estT!lti* dl loro operto. In
relt$5 se ci> p!> dirsi sen"Tltro (ero in rel"ione l *odello
trdi"ionle di ente colletti(o 1e*#le*tico il cso di V**inistrtore
!nicoV75 non ltrettnto (le per l sit!"ione societri tt!le. F!est
2 costellt d !n serie di relt$ orgni""ti(*ente co*plesse5 in c!i
il *nge*ent non si s(il!pp piB secondo !n *odello (erticistico5 *
si distende pi!ttosto s! di !n 1*pi7 #se ori""ontle5 con l
conseg!ente 3rnt!*"ione dei poteri decisionli dellTente.

In relt$ di :!esto tipo5 i*p!tre llTintero ente le conseg!en"e di
co*port*enti delitt!osi ten!ti d soggetti c%e p!re s(olgono 3!n"ioni
picli * c%e non ris!ltno rppresentti(i dell societs nel senso
ppen speci3icto5 esporre##e l ri3or* lle perplessit$ c%e si sono
pocTn"i ill!strte in ordine l ricorso criteri di i*p!t"ione s! #se
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
93

*er*ente oggetti(. Il discorso ss!*e ncor *ggiore e(iden" se
si pens c%e i rppresentnti5 ecc. dellTente sono stti e:!iprti
nc%e le persone c%e s(olgono le stesse 3!n"ioni llTinterno di !nit$
orgni""ti(e 3!n"ionl*ente !tono*e 1(d. retro5 co**ento llTrt.
+5 co** 15 lett.7.

ET ppen il cso di p!nt!li""re5 inoltre5 c%e il 3tto c%e l ri3or* si
cli#rt l ri3or* s! relt$ orgni""ti(e co*plesse V #se
*ngerile ori""ontleV non signi3ic 33tto co*plicre
lTccert*ento dellTillecito nel cso in c!i il reto si stto co**esso
d soggetti picli nellT*#ito di societ$ str!tt!r piB se*plice. Ed
in3tti5 l prticolre :!lit$ degli !tori *terili dei reti % s!ggerito
l delegto lTopport!nit$ di di33eren"ire il siste* rispetto llTipotesi
in c!i il reto ris!lti co**esso d !n sottoposto5 pre(edendo5 nel
pri*o cso5 !n in(ersione dellTonere pro#torio. In ltri ter*ini5 si
prte dll pres!n"ione 1e*piric*ente 3ondt7 si5 nel cso di reto
co**esso d !n (ertice5 il re:!isito Vsoggetti(oV di respons#ilit$
dellTente si soddis3tto5 dl *o*ento c%e il (ertice espri*e e
rppresent l politic dellTente; o(e ci> non ccd5 do(r$ essere l
societs di*ostrre l s! estrneit$5 e ci> potr$ 3re soltnto
pro(ndo l s!ssisten" di !n serie di re:!isiti tr loro concorrenti 12
rgione(ole pre(edere c%e :!est pro( non sr$ *i ge(ole; si
ri(eler$ poi prtic*ente i*possi#ile nel cso di ente #se
*ngerile ristrett7. LTente5 d!n:!e5 2 c%i*to di*ostrre di (er
dottto ed e33icce*ente tt!to *odelli di orgni"""ione e di
gestione idonei pre(enire reti dell specie di :!elli (eri3ictisi 1l
*od!l"ione di :!est ipotesi s!lle Vris!ltn"eV dottrinli e
DAR8N COSTA
gi!rispr!den"ili in te* di colp speci3ic 2 pi!ttosto scopert7; do(r$
inoltre (igilre s!ll e33etti( operti(it$ dei *odelli5 e :!indi s!ll
osser(n" degli stessi< tl 3ine5 per grntire l *ssi* e33etti(it$
del siste*5 2 disposto c%e l societs si ((lg di !n str!tt!r c%e
de(e essere costit!it l s!o interno 1onde e(itre 3cili *no(re (olte
precostit!ire !n ptente di legitti*it$ llToperto dell societs
ttr(erso il ricorso d orgnis*i co*picenti5 e soprtt!tto per
3ondre !n (er e propri colp dellTente75 dott di poteri !tono*i e
speci3ic*ente prepost :!esti co*piti. C 6 :!el c%e piB cont 6
lTente do(r$ di*ostrre c%e il co*port*ento integrnte il reto si
stto posto in essere dl (ertice el!dendo 3r!dolente*ente i s!ddetti
*odelli di orgni"""ione e di gestione. L letter c7 #ene si prest5
d!n:!e5 3otogr3re le ipotesi di c.d. V**inistrtore in3edeleV5 c%e
gisce cio2 contro lTinteresse dellTente l s!o corretto 3!n"ion*ento.
Si noti perltro c%e secondo :!est disciplin5 33inc%N (eng *eno l
respons#ilit$ dellTente5 non 2 s!33iciente c%e ci si tro(i di 3ronte d !n
pice in3edele; si ric%iede 6 di piB 6 c%e non si r((is#ile colp lc!n
d prte dellTente stesso5 il :!le 6 ttr(erso il s!o orgnis*o 6 de(e
(er (igilto nc%e s!llTosser(n" dei progr**i intesi con3or*re
le decisioni del *edesi*o secondo gli stndrd di Vleglit$ pre(enti(V
1lett. d7.

F!nto pp!nto i *odelli (lidi per i (ertici5 2 c%iro c%e essi
di(ergono d :!elli c%e disciplinno lToperto dei sottoposti5 essendo
*od!lti5 non gi$ s!l *o*ento *er*ente esec!ti(o5 #ensL s! :!ello
dell V3or*"ioneV e dellT Vtt!"ioneV delle decisioni dellTente. En piB
stringente de3ini"ione conten!tistic 1c%e ric%i*sse l disciplin dei
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
95

rpporti contrtt!li con l p!##lic **inistr"ione o
dellTotteni*ento di 3inn"i*enti o so((en"ioni5 ecc.7 (re##e (!to
certo !n pregio in ter*ini di *ggiore deter*inte""5 * si sre##e
pro##il*ente espost l risc%io di trsc!rre tipologie
co*port*entli c%e p!re5 nel con3ronto con l prssi5 do(essero
plesrsi rile(nti nellTottic dell pre(en"ione di reti; soprtt!tto5
(re##e Vco*plicto il l(oroV del legisltore 3!t!ro5 per il cso
1!spic#ile7 in c!i :!esti inter(eng d in3oltire il ctlogo dei reti
di :!li discende l respons#ilit$ dellTente5 costringendolo d !n
ri(isit"ione dell nor*.

En not"ione 3inle. L circostn" c%e5 nel cso di el!sione
3r!dolent del *odello sen" colp dellTente5 non si r((is#ile
lc!n respons#ilit$ dello stesso5 n!ll toglie llTinopport!nit$ c%e l
person gi!ridic si gio(i dei pro3itti econo*ici c%e ##i co*!n:!e
trtto dllToperto del c.d. **inistrtore in3edele. Per tle rgione5
lTrticolto pre(ede c%e5 nc%e in :!este ipotesi5 (eng dispost l
con3isc del pro3itto del reto.

&.+ Seg!e. I criteri di i*p!t"ione soggetti( nel cso di reto
co**esso di sottoposti

Ceno pro#le*tic si 2 ri(elt lTtt!"ione dell deleg in rpporto i
soggetti sottoposti5 l co**issione dei reti d prte dei :!li ppre5
dTltro cnto5 sttistic*ente piB rr e co*!n:!e s!scetti#ile di
deter*inre !n gi!di"io di *inore ripro("ione nei con3ronti del
DAR8N COSTA
soggetto colletti(o 1ci>5 :!nto *eno in rel"ione ll prticolre
tipologic di delitti conte*plt nello sc%e* di decreto7.

AllT33er*"ione generle dell respons#ilit$ dellTente :!ndo l
co**issione del reto si stt res possi#ile dl *ncto
de*pi*ento degli o##lig%i di dire"ione o (igiln" 1rt. .5 co** 15
c%e riclc s!l p!nto l deleg75 il legisltore delegto % 3tto seg!ire
nor*e interpretti(e (olte speci3icre con *ggiore precisione
:!li condi"ioni ricorr l c!lp dellTente. ET in3tti c%iro c%e5 se nelle
relt$ colletti(e str!tt!r se*plice ppre s!33iciente 33er*re !n
generle o##ligo di (igiln"5 ed idone l relti( (iol"ione d
i*pegnre i**edit*ente l respons#ilit$ **inistrti( dell
societ$5 non ltrettnto p!> dirsi per :!nto rig!rd le relt$
orgni""ti(e co*plesse5 crtteri""te d !nTrticol"ione di
co*peten"e c%e 3nno cpo d !n pl!rlit$ di centri decisionli. F!i5 il
ric%i*o generici stndrd di diligen" (re##e risc%ito di ri(elrsi
!n (!ot cl!sol di stile5 inidone d indiri""re il gi!dice
nellTccert*ento dellTillecito **inistrti(o in cpo llTente5 con l
conseg!en" di rendere prticolr*ente gr(oso il s!o co*pito5
o((ero5 l contrrio5 di spingerlo d 33er*re indiscri*int*ente l
s! respons#ilit$ ttr(erso il ricorso V3or*!lette pigreV5 3tl*ente
destinte sci(olre (erso 3or*e di scri"ione *er*ente oggetti(.

Al te*po stesso5 lTonere5 per lTente5 di dotrsi di *odelli di
orgni"""ione e di gestione i*prontti ll *ssi* e33etti(it$
risponde ll :!li3icnte 3!n"ione pre(enti( c!i si ispir il n!o(o
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
97

siste*5 trd!cendosi in !n *ggiore r"ionli"""ione nellTi*piego
delle risorse e nell predisposi"ione dei controlli interni.

Tnto pre*esso5 i *odelli in es*e de(ono di(ersi3icrsi in rel"ione
llo speci3ico risc%io6reto d pre(enire< il c%e co*port5 per lTente5
lTonere di ss!*ere *is!re 6 orgni""ti(e e *terili 6 c%e
grntiscno lo s(olgi*ento dellTtti(it$ nel rispetto dell legge e
consentno l scopert e lTeli*in"ione delle sit!"ioni di irregolrit$
d c!i poss sct!rire il risc%io s!ddetto. Perltro5 l scelt 1s! c!i
in3r7 di li*itre lToperti(it$ del siste* i delitti contro l p!##lic
**inistr"ione o co*!n:!e o33ensi(i del ptri*onio p!##lico5 %
indotto ll *ssi* se*pli3ic"ione del *odello 1(ice(ers5 o(e il
decreto legislti(o (esse preso in consider"ione t!tti i reti indicti
nell deleg5 ricond!ci#ili 3or*e cri*inli piB tipic*ente
VdTi*presV5 sre##e stt opport!n !n di33eren"i"ione dei
progr**i in rpporto lle di33erenti 3onti e crtteristic%e del risc%io5
con l conseg!en" di !n piB ele(to tsso di tipi"""ione nor*ti(7.

Anc%e :!i 1co*e per i (ertici75 l *o*ento dell Vposi"ioneV del
progr** pre(enti(o 2 necessrio si cco*pgni :!ello del s!o
e33etti(o 3!n"ion*ento. CosL5 i 3ini dellTe33icce tt!"ione del
*odello5 l nor* ric%iede5 tr lTltro5 il s!o ggiorn*ento costnte5
oltre ll predisposi"ione di !n siste* disciplinre 3!n"ionnte. Le
pre(isioni non intendono o((i*ente essere tssti(e e 3nno
co*!n:!e sl(i !lteriori protocolli co*port*entli c%e5 nel cso
concreto5 consentno di ""erre o di *ini*i""re il risc%io.

DAR8N COSTA
In3ine5 2 opport!no sottolinere co*e5 di33eren" c%e nel cso di
reto co**esso d person in r!olo picle5 :!i lTonere di pro(re l
*nct do"ione o((ero l *nct tt!"ione del *odello d prte
dellTente gr(i s!llTcc!s. L rgione 2 c%ir 1n!ll poen sine c!lp7
e 6 lo si ri#disce 6 discende dll gr(it$ delle conseg!en"e s!scetti#ili
di prod!rsi in cpo llTente s!l pino sn"iontorio. L
p!nt!li"""ione ri(este perltro !nTi*portn" non secondri nc%e
nei csi in c!i l *is!r si pplict in 3se c!telre5 *ettendo cosL l
ripro dllTe(ent!lit$ di !n eccesso nel ricorso *is!re c!telri
poten"il*ente ssi in(si(e.

). A!tono*i dell respons#ilit$ dellTente.

Di prticolre rilie(o 2 l disposi"ione dellTrt. /. Ess c%irisce in
*odo ine:!i(oc#ile co*e :!ello dellTente si !n titolo !tono*o di
respons#ilit$5 nc%e se pres!ppone co*!n:!e l co**issione di !n
reto. Se in3tti il *eccnis*o p!niti(o 2 stto congegnto in *odo tle
d rendere le (icende 1process!li7 delle persone 3isic%e e :!elle
dellTente tr loro strett*ente correlte 1il si*!ltne!s process!s
risponde non soltnto d esigen"e di econo*i5 * nc%e ll necessit$
di 3r 3ronte ll co*plessit$ dellTccert*ento75 ci> non toglie c%e in
tl!ne li*itte ipotesi5 lTinscindi#ilit$ tr le d!e poss (enir *eno.
Tnto ccde o((i*ente :!ndo le persone 6 3isic e gi!ridic 6
dottino di(erse strtegie process!li 1s!l p!nto5 in3r7; pri* ncor5
con rig!rdo l *o*ento c%e :!i interess5 l nscit del
procedi*ento5 il co** 1 dellTrt. / lsci s!ssistere l respons#ilit$
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
99

dellTente nc%e :!ndo lT!tore del reto non si stto identi3icto
o((ero non si i*p!t#ile.

En scelt di tl 3tt non incontr lc!n ostcolo dl p!nto di (ist del
siste*. ET c%iro5 in3tti5 c%e in entr*#i i csi ci si tro( di 3ronte d
!n reto co*pleto di t!tti i s!oi ele*enti 1oggetti(i e soggetti(i7 e
gi!di"il*ente ccertto5 se##ene il reo5 per lT!n o lTltr rgione5 non
ris!lti p!ni#ile.

Ancor5 non (i sre##e rgione di escl!dere5 in :!este ipotesi5 l
respons#ilit$ dellTente. Se5 in3tti5 il cso di !tore non i*p!t#ile %
!n spore piB teorico c%e prtico 12 stto pre(isto per rgioni di
co*plete""75 :!ello dell *nct identi3ic"ione dell person 3isic
c%e % co**esso il reto 25 l contrrio5 !n 3eno*eno tipico
nellT*#ito dell respons#ilit$ dTi*pres< n"i5 esso rientr proprio
nel no(ero delle ipotesi in rel"ione lle :!li piB 3orte si ((erti(
lTesigen" di sncire l respons#ilit$ degli enti. Si pensi5 per 3re !n
ese*pio5 i csi di cd. i*p!t"ione soggetti(*ente lternti(5 in c!i
il reto 1per3etto in t!tti i s!oi ele*enti7 ris!lti sen"Tltro ricond!ci#ile
i (ertici dellTente e5 d!n:!e5 d!e o piB **inistrtori5 * *nc%i o
si ins!33iciente l pro( dell respons#ilit$ indi(id!le di costoro.
LTo*ess disciplin di tli e(enine"e si sre##e d!n:!e trdott in !n
gr(e lc!n legislti(5 s!scetti#ile di in3ir*re l rtio co*plessi(
del pro((edi*ento. Sicc%N5 in t!tte le ipotesi in c!i5 per l co*plessit$
dellTssetto orgni""ti(o interno5 non si possi#ile scri(ere l
respons#ilit$ penle in cpo d !no deter*into soggetto5 e ci>
nondi*eno ris!lti ccertt l co**issione di !n reto5 lTente ne do(r$
DAR8N COSTA
rispondere s!l pino **inistrti(o< #eninteso5 condi"ione c%e si
d esso i*p!t#ile !n colp orgni""ti( consistente nell *nct
do"ione o((ero nel crente 3!n"ion*ento del *odello pre(enti(o.

L respons#ilit$ dellTente rest 3er* nc%e nel cso in c!i il reto
s!ssiste5 * s!#isce !n (icend estinti(. Si pensi llT!tile decorso del
ter*ine di sospensione condi"ionle dell pen o((ero ll *orte del
reo 1pri* dell condnn7.

L con3ig!r"ione dell respons#ilit$ dellTente co*e !n illecito
**inistrti(o 1se##ene s!i generis7 non pote( non i*plicre !n
concl!sione di :!esto tipo. LT!nic ecce"ione *erite(ole 2 stt
rin(en!t nellT*nisti 1e(idente*ente5 VpropriV75 in presen" dell
:!le5 d!n:!e5 non potr$ procedersi nenc%e nei con3ronti dellTente. Si
2 in3tti pensto c%e le (l!t"ioni politic%e sottese l relti(o
pro((edi*ento sino s!scetti#ili5 in line di *ssi*5 di (lere nc%e
nei con3ronti degli enti< in cso contrrio5 sr$ onere del legisltore
dellT*nisti escl!dere tli soggetti dllTre entro c!i il
pro((edi*ento di cle*en" p!> sortire e33etti5 nc%e *editi.

Rest 3er*o c%e lTente5 il :!le ##i interesse d !nTssol!"ione nel
*erito5 potr$5 l pri dell person 3isic5 rin!ncire llTe33etto estinti(o
dellT*nisti 1co** & dellTrt. /7.

Si 2 nc%e riten!to opport!no precisre c%e l rin!nci llT*nisti d
prte dell person 3isic non pregi!dic%i l posi"ione dellTente; sicc%N
6 3tt sl(5 p!re :!i5 !n di(ers (olont$ del legisltore 6 lTe33etto
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
1&1

estinti(o si prod!rr$ nei con3ronti dellTente nc%e :!ndo l person
3isic eserciti il s!o legitti*o diritto (eder ccertt nel *erito l
respons#ilit$ penle. L pre(isione si ri(el5 oltre c%e !tile5
necessri< rigore5 in3tti5 l rin!nci llT*nisti d prte dell
person 3isic interdice lTe33etto estinti(o del reto e5 sotto il pino dei
principi5 lscere##e d!n:!e s!ssistere l respons#ilit$ dellTente.

ET ppen il cso di ccennre l 3tto c%e le c!se di estin"ione dell
pen 1e*#le*tici i csi gr"i o di ind!lto75 l pri delle e(ent!li
c!se non p!ni#ilit$ e5 in generle5 lle (icende c%e ineriscono
:!estT!lti*5 non regiscono in lc!n *odo s!ll con3ig!r"ione dell
respons#ilit$ in cpo llTente5 non escl!dendo l s!ssisten" di !n
reto.

Se l respons#ilit$ dellTente pres!ppone co*!n:!e c%e !n reto si
stto co**esso5 (ice(ers5 non si 2 riten!to !tile speci3icre c%e l
respons#ilit$ dellTente lsci per*nere :!ell dell person 3isic. Si
trtt in3tti di d!e illeciti5 :!ello penle dell person 3isic e :!ello
**inistrti(o dell person gi!ridic5 concett!l*ente distinti5
tlc%N !n nor* c%e ri#disse :!esto dto (re##e (!to il spore di
!nT33er*"ione di *ero principio.

+. Il siste* sn"iontorio nell legge6deleg.

L se"ione II dello sc%e* di decreto dett l disciplin generle delle
sn"ioni **inistrti(e pplic#ili gli enti. L legge deleg indi(id!5
in proposito5 !n siste* essen"il*ente #inrio5 c%e pre(ede
DAR8N COSTA
lTirrog"ione di sn"ioni pec!nirie e di sn"ioni interditti(e. T!tt(i5
*entre le pri*e sono inde3etti#ili5 le seconde (nno pre(iste 6 co*e
recit l letter l7 del co** 1 dellTrticolo 11 6 solo Vnei csi di
prticolre gr(it$V.

S!l pino str!tt!rle5 lT**ontre *ini*o dell sn"ione pec!niri
non de(e essere in3eriore lire cin:!nt *ilioni di lire5 *entre
lT**ontre *ssi*o non de(e oltrepssre i tre *ilirdi di lire
1letter g77 del co** 1 dellTrticolo 117. S!l (ersnte co**is!rti(o5
si st#ilisce c%e il gi!dice de(e tenere conto nc%e VdellT**ontre dei
pro(enti del reto e delle condi"ioni econo*ic%e e ptri*onili
dellTenteV.

L deleg pre(ede poi d!e ipotesi di rid!"ione dell sn"ione
pec!niri< l pri* 1letter g7 concerne i csi di prticolre ten!it$ del
3tto5 nel c!i *#ito l sn"ione pec!niri d irrogre non do(r$
essere s!periore d!ecento *ilioni di lire nN in3eriore (enti *ilioni;
l second si leg ll reli"""ione dell e33icce ripr"ione o
reintegr"ione dellTo33es reli""t 1letter n77.

L deleg st#ilisce in3ine il di(ieto del pg*ento dell sn"ione
pec!niri in *is!r ridott.

F!nto lle sn"ioni interditti(e5 riser(te5 co*e si 2 detto5 i csi di
prticolre gr(it$5 l legge deleg ne en!*er #en sei< l c%i!s!r
nc%e te*porne dello st#ili*ento o dell sede co**ercile5 l
sospensione o l re(oc delle !tori"""ioni5 licen"e o concessioni
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
1&3

3!n"ionli ll co**issione dellTillecito5 lTinterdi"ione nc%e
te*porne dllTeserci"io dellTtti(it$5 il di(ieto nc%e te*porneo di
contrttre con l p!##lic **inistr"ione5 lTescl!sione te*porne
d ge(ol"ioni5 3inn"i*enti o contri#!ti e lTe(ent!le re(oc di
:!elli gi$ concessi e5 in3ine5 il di(ieto nc%e te*porneo di
p!##lici""re #eni o ser(i"i.

L deleg 1lett. n7 dellTrticolo 117 pre(ede poi !n c!s di
inpplic#ilit$ di !n o piB delle citte sn"ioni interditti(e in presen"
di condotte di e33icce ripr"ione o reintegr"ione dellTo33es.

LTrsenle sn"iontorio 25 in3ine5 corredto dlle sn"ioni dell
con3isc e dell p!##lic"ione dell senten" di condnn< per :!nto
concerne l pri*5 in prticolre5 l legge6deleg 1(. lett. i7 dellTrticolo
117 st#ilisce c%e ess de## (ere d oggetto il pre""o o il pro3itto del
reto e c%e poss essere dottt nc%e nell 3or* Vper e:!i(lenteV.
Per :!nto rig!rd5 in(ece5 l second5 :!est (iene 33inct lle
sn"ioni di nt!r interditti(5 nc%e se 2 3!or di d!##io c%e non ne
condi(ide l nt!r5 cosL c%e nel decreto rice(e !nT!tono* disciplin.

L letter p7 dellTrticolo 11 deleg inoltre il Go(erno d introd!rre
!nTipotesi di reto e di respons#ilit$ **inistrti( dellTente per le
(iol"ioni delle sn"ioni interditti(e5 nc%e se pplicte in (i c!telre
nel corso del procedi*ento.

DAR8N COSTA
Il :!dro ppen delineto restit!isce lTi**gine di !n rsenle
sn"iontorio prticolr*ente *pio e5 in lc!ni csi 1si pensi l
n!*ero delle sn"ioni interditti(e75 persino pletorico.

S!l pino siste*tico5 l legge deleg coni!g Vil psstoV e Vil
presenteV delle sn"ioni **inistrti(e. Accost in3tti ll
trdi"ionle sn"ione pec!niri 1deri(t dl prdig* 3iscle e
incentrt s!ll *oneti"""ione dellTillecito5 specie nel contesto del
diritto econo*ico6socile7 n!*erose sn"ioni interditti(e5 dl
conten!to incpcitnte5 c%e5 oltre trdire !n (istoso pendolris*o
con il siste* p!niti(o VpenleV5 %nno conosci!to !n consistente e
signi3icti( di33!sione nellT!lti*o decennio. Ancor relegte in
posi"ione di retrog!rdi nel contesto del *odello di illecito
**inistrti(o VprpenleV codi3icto dll legge -/0M10/15 le
sn"ioni interditti(e si sono (i (i 3tte lrgo nell t!tel delle tti(it$
econo*ic%e5 3ino tro(re !n de3initi( conscr"ione nell recente
depenli"""ione ((en!t con il d. lgs. +'.M10005 in c!i costit!iscono
lTrc%itr(e dellTi*pinto sn"iontorio in lc!ni i*portnti settori 1si
pensi gli li*enti5 ll circol"ione strdle5 gli ssegni5 ecc.7.

Si r33or"5 cosL5 nc%e s!l (ersnte dell disciplin delle sn"ioni5 lTide
c%e il siste* di respons#ilit$ disegnto dll legge deleg s3oci in !n
Vdiritto sn"iontorio to!t co!rtV c%e5 nell *teri econo*ic5 %
se*pre (!to !n doppi ni*< penle6cri*inle e penle6
**inistrti(5 con ricorrenti *igr"ioni delle *terie d !no llTltro
settore p!niti(o.

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
1&5

En diritto sn"iontorio Vp!niti(oV5 d!n:!e5 c%e s3r!tt lTincisi(it$
dell sn"ione **inistrti(5 * c%e5 proprio perc%N piB per(si(o
1si pensi llTinciden" delle sn"ioni interditti(e75 recl* !n s3er di
grn"ie s!periori rispetto :!elle pprestte nell legge n. -/0 del
10/1.

+.1. L sn"ione pec!niri e il siste* co**is!rti(o Vper :!oteV.

L sn"ione pec!niri costit!isce l sn"ione 3ond*entle e
inde3etti#ile5 pplic#ile in rel"ione t!tti gli illeciti dipendenti d
reto. LT**ontre dell stess 2 scndito d !nToscill"ione 1d
cin:!nt *ilioni tre *ilirdi di lire7 c%e risente dei li*iti insiti nel
ricorso d !n cl!sol generle5 tenden"il*ente ciec rispetto
llTe33etti(o dis(lore di cisc!n illecito. In prticolre5 ( segnlto
lTele(to i*porto del li*ite *ini*o edittle5 c%e trdisce !n eccessi(o
rigore specie se lo si ri3erisce ll 3itt rete di piccole i*prese esistenti
nel nostro pese. Lo stesso criterio co**is!rti(o indicto dll
deleg5 lddo(e i*pone di tenere conto nc%e delle condi"ioni
econo*ic%e e ptri*onili dellTente5 non 2 s!33iciente scongi!rre
:!esto risc%io e non ppre idoneo d e(itre c%e l 3se
co**is!rti( si espong d !n discre"ionlit$ gi!di"ile troppo
*pi.

F!este consider"ioni i*pongono pertnto l Go(erno di co*piere
ogni s3or"o c%e5 nei li*iti dell deleg5 consent di pre3ig!rre !n
siste* di sn"ioni pec!nirie e:!ili#rto5 orientto di seg!enti
principi< d !n lto5 proteso disegnre !n siste* co**is!rti(o
DAR8N COSTA
e33etti(*ente cli#rto s!ll cpcit$ econo*ic e ptri*onile degli
enti; dllTltro lto5 diretto ritglire c!se di rid!"ione dell
sn"ione c%e per*ettno di VdegrdreV in *odo signi3icti(o il crico
sn"iontorio in presen" di illeciti di prticolre ten!it$ o di condotte
c%e esternino !n ppre""#ile Vcontro(loreV rispetto llTo33es.

Con ri3eri*ento ll 3se co**is!rti(5 l legge deleg se*#r
propendere5 pri* (ist5 in 3(ore del trdi"ionle siste* V so**
co*plessi(V. In :!esto contesto5 l co**is!r"ione do(re##e
((enire secondo i pr*etri dettti dllTrticolo 11 dell legge
-/0M10/15 integrti dl ri3eri*ento llTentit$ dei pro(enti ric(ti dl
reto e5 soprtt!tto5 dlle condi"ioni econo*ic%e e ptri*onili
dellTente. Il rin(io lle condi"ioni econo*ic%e co*pre5 co*e 2 noto5
con ri3eri*ento ll pen pec!niri irrogt ll person 3isic5
nellTrticolo 1&&6#is del codice penle e risponde llTesigen" di
(lori""re tle spetto llTinterno del rigido *odello V so**
co*plessi(V. T!tt(i5 tle innesto non % dto i 3r!tti sperti5 c!s
dellT*#ig!it$ str!tt!rle c%e lo contrssegn. Il *odello V so**
co*plessi(V5 in3tti5 2 str!tt!rl*ente s#ilncito (erso gli indici di
co**is!r"ione c%e ttingono ll gr(it$ oggetti( e soggetti(
dellTillecito5 si esso penle o **inistrti(o. Il s!ccessi(o e
concorrente ri3eri*ento lle condi"ioni econo*ic%e e ptri*onili
dell person 3isic o dellTente innesc !n sort di corto circ!ito
co**is!rti(o5 nel :!le le condi"ioni econo*ic%e operno
conte*porne*ente e s!llo stesso pino rispetto i restnti criteri di
co**is!r"ione5 sen" c%e t!tt(i si possi#ile discernere :!le
inciden" ss!*no le pri*e5 d !n lto5 e l gr(it$ oggetti( e
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
1&7

soggetti( dellTillecito5 dllTltro lto5 nell deter*in"ione
dellT**ontre dell sn"ione pec!niri. Si trtt di !n siste*5 cio25
destinto *l3!n"ionre perc%N *#isce d cco*!nre d!e 3si
co**is!rti(e c%e5 per contro5 sono 1e (nno ten!te7 distinte.

ET c%iro5 perltro5 c%e5 nel contesto dell respons#ilit$ sn"iontori
degli enti5 lTesigen" dellTdeg!*ento dell sn"ione pec!niri lle
condi"ioni econo*ic%e e ptri*onili dellTente costit!isce !n spetto
irrin!nci#ile e 3ond*entle dell disciplin5 se si (!ole e(itre il
risc%io di rendere ine33icce l sn"ione. T!tt(i5 lTe(ent!le ricorso
d !n corretti(o nlogo :!ello pre(isto dllTrticolo 1&&6#is del
codice penle ris!lt i*prtic#ile. L 3or#ice edittle VgenerleV
conten!t nell deleg pregi!dic lToperti(it$ di !n si*ile
*eccnis*o c%e5 o(e pro3ilto5 costringere##e costr!ire cornici
edittli di prte specile troppo Vr((icinteV tr di loro. LTrticolo 1&&6
#is pre(ede !n !*ento dell pen pec!niri sino l triplo o !n
di*in!"ione 3ino !n ter"o :!ndo il gi!dice ritiene c%e5 per le
condi"ioni econo*ic%e del reo5 l *is!r *ssi* si ine33icce o
:!ell *ini* troppo gr(os. Do(endosi rispettre5 per i li*iti
i*posti dll deleg5 il co*psso edittle +' *ilioniM& *ilirdi di lire5
le singole cornici di Vprte specileV do(re##ero s!#ire !n
signi3icti( co*pressione 1con !n *ini*o ed !n *ssi*o
estre**ente Vr((icintiV75 idone grntire c%e il ricorso
llT!*ento sino l triplo o l di*in!"ione dei !n ter"o non pro(oc%i
!no Vs3or*entoV (erso lTlto o (erso il #sso dei li*iti indicti dll
deleg. ET di int!iti( e(iden"5 per>5 c%e !nTeccessi( co*pressione
delle 3or#ici edittli dei singoli illeciti risc%i di irrigidire il siste*
DAR8N COSTA
sn"iontorio s!l (ersnte dell trd!"ione nor*ti( del dis(lore
generle ed strtto d ricond!rre cisc!n (iol"ione di prte
specile 1con il prdosso di do(er costr!ire *ini*i edittli *gri
troppo ele(ti e *ssi*i5 per contro5 ttestti s! !n nodin sogli
*edi7. Per operre con !n :!lc%e e33icci5 il *eccnis*o in es*e
do(re##e conte*plre l possi#ilit$ di sc(lcre si (erso lTlto c%e
(erso il #sso i li*iti edittli i*posti dll deleg. Op"ione5 :!est5 d
scrtre per rgioni 3cil*ente int!i#ili.

Il siste* Vper :!oteV delineto nello sc%e* di decreto prende
d!n:!e tto dellTi*possi#ilit$ di riprod!rre l sol!"ione delinet nel
codice penle5 * *!o(e p!r se*pre dllTintento di sl(g!rdre
lTistn" deg!trice presente nellTrticolo 1&&6#is del codice penle e
di (lori""rne lTe33icci operti(5 ttr(erso !n c*#i*ento del
prdig* pplicti(o c%e riconosc !tono*i ll 3se dell
(l!t"ione delle condi"ioni econo*ic%e e ptri*onili dellTente.
Istn" deg!trice c%e si tteggi in *odo se possi#ile piB pressnte
nel contesto dell respons#ilit$ sn"iontori degli enti colletti(i. A
#en (edere5 ess condi"ion decisi(*ente il grdo di 33litti(it$ e di
e33icci delle sn"ioni pec!nirie e5 d!n:!e5 lTe:!ili#rio co*plessi(o
del siste*. L relt$ econo*ic del nostro pese 2 crtteri""t d
relt$ i*prenditorili ssi di(ersi3icte5 in c!i con(i(ono piccole e
*edie i*prese ccnto *eg6gr!ppi ind!strili e *!ltin"ionli.
Prescindere d :!est tr* econo*ico6socile5 signi3ic prire il
c*po d !n *odello di respons#ilit$ cieco5 c%e prl lo stesso
ling!ggio soggetti estre**ente di33eren"iti5 pro((isti di !n
di(erso coe33iciente di retti(it$ e di sopport#ilit$ dinn"i i costi
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
1&9

i*posti dll sn"ione. ET c%iro5 in3tti5 c%e5 prit$ di gr(it$
co*plessi( di !n illecito5 l sn"ione co**is!rt solo s! !n tle
coe33iciente potre##e ris!ltre estre**ente gr(os5 3ino l li*ite
dell non6sopport#ilit$ econo*ic5 per !n ente di piccole di*ensioni5
e ri(elrsi per contro ine33etti( nei con3ronti di !n ente di grndi
di*ensioni5 *!nito di rgg!rde(oli risorse econo*ic%e e
ptri*onili. In de3initi(5 l scelt del *odello co**is!rti(o
con3or* l lTe33icci dell sn"ione.

Per :!este rgioni5 il Go(erno % dottto5 nellTrticolo 1'5 !n *odello
co**is!rti(o Vper :!oteV5 c%e riclc5 solo in prte5 il siste* dei
Vtssi giornlieriV coll!dto con s!ccesso in *olti pesi e!ropei 1si
pensi5 per t!tti5 l Tgesst"sKste* tedesco7. L disciplin pri(ilegit
nel decreto *!t! dl siste* per tssi giornlieri l str!tt!r #i3sic.
=iene llToper5 in3tti5 !n d!plice scnsione< dppri*5 il gi!dice
deter*in lT**ontre del n!*ero delle :!ote s!ll scort dei
trdi"ionli indici di gr(it$ dellTillecito; poi5 deter*in il (lore
*onetrio dell singol :!ot tenendo conto delle condi"ioni
econo*ic%e dellTente. LTinter oper"ione si risol(e nel co*#inrsi
rit*etico di !n *oltiplictore 3issto dl 3tto illecito con !n
*oltiplicndo ric(to dll cpcit$ econo*ic dellTente. Il t!tto
((iene nel rigoroso rispetto dellT**ontre *ini*o e *ssi*o dell
sn"ione pec!niri 3issto dll deleg. CosL5 si 2 pre(isto5 nel co**
2 dellTrticolo 1'5 c%e l sn"ione pec!niri (iene pplict per :!ote
non in3eriori cento nN s!periori *ille. F!est #nd di oscill"ione
costit!isce il ri3eri*ento c!i ttingere nell prte specile per
concreti""re le co**intorie editli per i singoli illeciti 1d ese*pio<
DAR8N COSTA
per lTillecito relti(o !n certo reto5 2 pre(ist l sn"ione pec!niri
d d!ecento seicento :!ote7. Nel secondo co** dell stess
disposi"ione5 si st#ilisce c%e lTi*porto di !n singol :!ot ( d !n
*ini*o di lire cin:!ecento*il d !n *ssi*o di tre *ilioni.
LTi*porto dell singol :!ot 6 lo si (edr$ *eglio tr #re(e 6 2
3!n"ionle llTdeg!*ento dell sn"ione lle condi"ioni econo*ic%e
e ptri*onili dellTente. Rispetto llTrticolo 1&&6#is del codice penle
c%e 6 co*e si 2 detto 6 pre(ede !n !*ento dell pen pec!niri 3ino
l triplo o !n di*in!"ione di !n ter"o5 nel prdig* Vper :!oteV il
(lore di cisc!n :!ot present !n rpporto d V!no seiV
1cin:!ecento*il lireMtre *ilioni75 e(idente*ente piB *pio rispetto
l *odello penlistico< :!est *ggiore oscill"ione ser(e proprio
grntire !n deg!*ento e33etti(o ll condi"ioni dellTente5 in
consider"ione del crttere estre**ente (riegto dell relt$
econo*ic dellTi*pres nel nostro pese.

Il s!ccessi(o rticolo 115 dedicto i criteri co**is!rti(i5 st#ilisce
c%e il n!*ero delle :!ote5 in sede di indi(id!"ione dell sn"ione
pec!niri5 (iene deter*into dl gi!dice s!ll scort dell gr(it$ del
3tto 1poni*o5 d ese*pio5 +'' :!ote con ri3eri*ento d !n illecito di
*edi gr(it$ oggetti( e soggetti(5 per il :!le 3osse pre(ist l
sn"ione d :!ttrocento ottocento :!ote7.

Per deter*inre il (lore *onetrio dell singol :!ot il gi!dice tiene
conto delle condi"ioni econo*ic%e e ptri*onili dellTente5 llo scopo
di ssic!rre lTe33icci dell sn"ione 1cosL5 nellTese*pio posto5 il
gi!dice deter*iner$ lTi*porto dell :!ot orientndosi (erso il
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
111

*ini*o 6 pri cin:!ecento*il lire 6 se % c%e 3re con !n ente di
ridotte cpcit$ econo*ic%e; o (erso il *ssi*o5 nel cso contrrio7.

L so** 3inle 2 3r!tto dell *oltiplic"ione tr lTi*porto dell
singol :!ot e il n!*ero co*plessi(o delle :!ote c%e cristlli""no il
dis(lore dellTillecito.

S!l (ersnte del rpporto di co*pti#ilit$ di !n tle siste* con l
deleg5 2 ge(ole notre c%e esso rispett i (incoli i*posti d
:!estT!lti*. Il n!*ero delle :!ote e lTi*porto *ini*o e *ssi*o
st#ilito per l singol :!ot 3nno sL c%e5 d !n lto il li*ite *ini*o di
cin:!nt *ilioni di lire i*posto dll deleg corrispond llTi*porto
dell :!ot *ini* 1cio2 ll condnn cento :!ote5 in c!i lTi*porto
dell singol :!ot (iene 3issto dl gi!dice in lire cin:!ecento *il7;
dllTltro lto5 nc%e il li*ite *ssi*o i*posto dll deleg 1pri tre
*ilirdi di lire7 coincide con lTi*porto *ssi*o ttri#!ito ll singol
:!ot 1tre *ilioni di lire7 *oltiplicto per il n!*ero *ssi*o di :!ote
irrog#ili 1pri *ille7.

I (lori prescelti se*#rno d!n:!e (lori""re l teleologi del siste*
sn"iontorio pec!nirio< per*ettono5 in3tti5 di ppre""re l gr(it$
dellTillecito secondo l trdi"ionle logic co**is!rti( 1c%e s3oci
nell deter*in"ione del n!*ero co*plessi(o delle :!ote irrogte7 e5
s!ccessi(*ente5 di cli#rre lTe33icci dell sn"ione lle condi"ioni
econo*ic%e e ptri*onili dellTente 1ttr(erso lTindi(id!"ione
dellTi*porto dell singol :!ot7. PiB concret*ente< prit$ di
dis(lore di !n illecito **inistrti(o dipendente5 d ese*pio5 dl
DAR8N COSTA
reto di corr!"ione5 p!nito in concreto con lTirrog"ione di !n
sn"ione pri :!ttrocento :!ote5 il gi!dice do(r$ deter*inre il
(lore dell singol :!ot s!ll scort delle condi"ioni econo*ic%e
dellTente per ssic!rre lTe:!ili#rio e lTe33icci dell sn"ione.
Indi(id!ndo detto (lore in lire cin:!ecento*il 1perc%N si % c%e
3re con !n ente di ridottissi*e cpcit$ econo*ic%e e ptri*onili75 l
condnn **onter$ d!ecento *ilioni di lire; se5 in(ece5 l
rgg!rde(oli condi"ioni econo*ic%e dellTente s!ggeriscono di
ttestrsi s!l *ssi*o del (lore dell :!ot 1pri tre *ilioni75 l
condnn **onter$ !n *ilirdo e d!ecento *ilioni di lire. Per !n
ente c%e denoti condi"ioni inter*edie5 il gi!dice potr$ sti*re5 d
ese*pio5 il (lore dell :!ot in !n *ilione e cin:!ecento*il lire5 cosL
d condnnrlo ll so** co*plessi( di lire seicento *ilioni.

Il ris!ltto 25 d!n:!e5 :!ello di !n siste* sn"iontorio in c!i l
co**is!r"ione gi!di"ile ris!lt *ggior*ente con3or*t e
trsprente5 c%e si pone in ppre""#ile sintoni con le 3inlit$ dell
sn"ione.

F!nto lle *odlit$ di ccert*ento delle condi"ioni econo*ic%e e
ptri*onili dellTente5 il gi!dice potr$ ((lersi dei #ilnci o delle ltre
scritt!re co*!n:!e idonee 3otogr3re tli condi"ioni. In tl!ni csi5
l pro( potr$ essere conseg!it nc%e tenendo in consider"ioni le
di*ensioni dellTente e l s! posi"ione s!l *ercto. PiB in generle5 per
3!gre llr*is*i in ordine ll di33icolt$ di tli ccert*enti5 (
ricordto c%e l respons#ilit$ degli enti pres!ppone l *nct
do"ione dei *odelli di pre(en"ione5 sL c%e per (eri3icre :!esto
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
113

estre*o il gi!dice non potr$ co*!n:!e 3re *eno di clrsi5 con
lT!silio di cons!lenti5 nell relt$ dellTi*pres5 do(e potr$ ttingere
nc%e le in3or*"ioni relti(e llo stto di solidit$ econo*ic5
3inn"iri e ptri*onile dellTente.

F!ello delineto nel decreto non 2 o((i*ente 6 lo si er nticipto 6 !n
siste* per :!ote giornliere Vp!roV5 co*e :!ello dottto in ltri
pesi e!ropei. Non lo 2 perc%N5 negli ltri pesi5 il *odello per :!ote 3
dell sn"ione pec!niri !n sn"ione Vdi d!rtV5 deg!t lle
possi#ilit$ del condnnto di 3r(i 3ronte in !n certo periodo di te*po
e5 perci>5 destinto ri(elrsi inco*pti#ile con !n siste*5 co*e
:!ello pre3ig!rto nel decreto5 c%e si ispir co*!n:!e (lori ssol!ti5
co*presi tr !n *ini*o ed !n *ssi*o. T!tt(i5 lTintrod!"ione5
sen"Tltro inno(ti(5 nel nostro ordin*ento di !n siste* Vper
:!oteV5 si p!re nellTor#it di !n decreto c%e dett (lori ssol!ti5
per*ette5 co*e si 2 (isto5 di orientre e (incolre l co**is!r"ione
dell pen entro !n cornice dott di *ggiore e:!ili#rio ed e33icci.
Il ricorso l trdi"ionle *odello co**is!rti(o risc%i di
incre*entre in *odo eccessi(o l discre"ionlit$ del gi!dice e5 perci>5
di 3o*entre co**is!r"ioni corri(e5 in c!i !n sn"ione pec!niri
ris!lt *gri per3ett*ente deg!t ll gr(it$ dellTillecito s!ll
crt5 * ine33icce o iper6e33icce in concreto5 (!oi perc%N destint
non incidere signi3icti(*ente s!lle Vsostn"eV dellTente 1c%e l
percepisce ll streg! di !n costo 3cil*ente sopport#ile e
scric#ile llTesterno75 (!oi perc%N prod!tti( di e33etti diro*penti
(erso !n piccol societs.

DAR8N COSTA
+.2. I csi di rid!"ione dell sn"ione pec!niri.

L legge deleg5 nell conspe(ole"" dell rgg!rde(ole 3or#ice
edittle c%e con3or* l sn"ione pec!niri5 % delegto il go(erno
pre(edere csi di rid!"ione dell sn"ione :!ndo si 2 in presen" di
3tti di prticolre ten!it$ o((ero di condotte riprtorie d prte
dellTente. F!est scelt si present *pi*ente condi(isi#ile5 perc%N
rec!per *ggiore 3lessi#ilit$ ed e:!it$ l siste*5 specie in presen"
di sit!"ioni c%e tten!no sensi#il*ente il #isogno di pen legto ll
co**issione degli illeciti.

L rid!"ione di pen per l prticolre ten!it$ del 3tto (iene
disciplint nellTrticolo 125 co** 15 lettere 7 e #7. L rid!"ione di
pen 2 pri ll *et$ dell sn"ione pec!niri c%e (erre##e irrogt
dl gi!dice e l sn"ione d pplicre per e33etto dell rid!"ione non
potr$ co*!n:!e essere s!periore d!ecento *ilioni nN in3eriore
(enti 1in coeren" con :!nto si pre(ede nell legge deleg7.

L pri* ipotesi di 3tto ten!e coin(olge inter*ente lo spessore
lesi(o dellTillecito **inistrti(o dellTente. Ess s!ssiste :!ndo
lT!tore del reto lo % co**esso nel pre(lente interesse proprio o di
ter"i e lTente non ne % ric(to lc!n (ntggio5 opp!re !n (ntggio
*ini*o 1co*e 2 noto5 se il reto 2 co**esso dllT!tore nellTescl!si(o
interesse proprio o di ter"i5 :!estT!lti*o non soggice d lc!n 3or*
di respons#ilit$7. L prticolre ten!it$ % d oggetto non il reto5 c%e
potre##e essere t!ttTltro c%e lie(e5 * lTillecito dellTente5
segnt*ente il s!o grdo di coin(olgi*ento nellTillecito<
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
115

coin(olgi*ento *ini*o si s!l (ersnte dell colpe(ole""5 tteso c%e
lT!tore del reto % gito per !n interesse pre(lente*ente personle
o di ter"i5 si s!l (ersnte oggetti(o5 (isto c%e ness!n (ntggio5 o
co*!n:!e !n (ntggio *ini*o5 2 stto ric(to dllTente.

L second ipotesi di rid!"ione si 3ond s!ll prticolre ten!it$ del
dnno ptri*onile. Si trtt di !n 3or*!l"ione c%e non ##isogn di
dettglite c%iri3ic"ioni5 (ntndo piB di !n precedente nell
legisl"ione penle codicistic e non. L rid!"ione tro( inoltre !n
sic!r legitti*"ione s!l (ersnte cri*inologico5 tteso c%e i reti c%e
incrdinno l respons#ilit$ **inistrti( dellTente 33ondno le
loro rdici nel pro3itto. Di conseg!en"5 p!> #en riconoscersi
!nTtten!"ione dell sn"ione pec!niri :!ndo il reto e lTillecito
c%e ne dipende %nno pro(octo !n dnno prticolr*ente ten!e.

L pre(isione di csi di rid!"ione dell sn"ione pec!niri per l
prticolre ten!it$ del 3tto i*pone t!tt(i di derogre5 si p!re in
prte5 llTordinrio regi*e di co**is!r"ione dell sn"ione pre(isto
dllTrticolo 11. L derog coin(olge lTi*porto dell :!ot5 cio2 il
criterio 3!n"ionl*ente collegto ll cpcit$ econo*ic e
ptri*onile dellTente. En (olt pp!rto c%e il 3tto 2 di prticolre
ten!it$5 % poco senso !n co**is!r"ione orientt s!ll condi"ione
econo*ic dellTente< !n illecito di esig!o dis(lore *erit !n rispost
sn"iontori pri*enti esig!5 :!l!n:!e ente si stto
co**etterlo. In :!esti csi5 il ri3eri*ento lle condi"ioni econo*ic%e e
ptri*onili dellTente 2 del t!tto s!per3l!o< :!ello c%e cont 2
co**is!rre l sn"ione l grdo di ten!it$ dellTillecito. Si 2 cosL
DAR8N COSTA
pro((ed!to5 nel ter"o co** dellTrticolo 115 st#ilire c%e5 in t!tti i
csi di prticolre ten!it$5 lTi*porto dell :!ot de(e ttestrsi
in(ri#il*ente s!l *ini*o5 pri5 in :!esto cso5 non gi$ lire
cin:!ecento*il5 #ensL lire d!ecento*il5 (isto c%e l deleg pre(ede
c%e poss irrogrsi !n sn"ione non in3eriore lire (enti *ilioni e5
d!n:!e5 *inore di :!ell pre(ist in (i generle co*e li*ite *ini*o
delle cornici edittli 1c%e **ont lire cin:!nt *ilioni7. In tl
*odo (iene sterili""t l possi#ilit$ di orientre l sn"ione s!ll
cpcit$ econo*ic dellTente; restno 3er*i5 o((i*ente5 l
co**is!r"ione dell sn"ione in p!nto di indi(id!"ione del n!*ero
delle :!ote5 d e33ett!re secondo i criteri di c!i l co** 1 dell citt
disposi"ione5 e i li*iti in3eriori e s!periori dell sn"ione pec!niri
irrog#ile nei con3ronti dellTente5 nor* dellTrticolo 125 co**i 1 e ).

Nel co** 2 dellTrticolo 125 (iene disciplint !n !lteriore ipotesi di
rid!"ione di pen5 legt l co*pi*ento di condotte riprtorie. L
rid!"ione ( d !n ter"o ll *et$ dell sn"ione pec!niri se lTente5
pri* dellTpert!r del di#tti*ento5 di*ostr di (er risrcito il
dnno e di (er eli*into le conseg!en"e dnnose o pericolose del
reto o c%e co*!n:!e si 2 e33icce*ente doperto in entr*#e le
dire"ioni. LTintegr"ione dellTtten!nte 2 condi"iont llTesisten" di
d!e re:!isiti. Il pri*o5 di ordine te*porle5 post!l c%e lTtti(it$
riprtori si stt reli""t entro !n deter*into ter*ine5 d
rin(enire nell 3se ntecedente llTpert!r del gi!di"io di pri*o
grdo. LTindi(id!"ione del ter*ine 2 3!n"ionle llTesigen" c%e l
condott riprtori5 co*e condott ntgonistic rispetto llTo33es5
((eng entro !n lsso di te*po c%e5 sepp!re non i**edit*ente
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
117

prossi*o ll co**issione del 3tto5 non ris!lti troppo dil!ito nel
te*po cosL d (ni3icre il (lore insito nell te*pesti( e riconosci#ile
tti(it$ di operos resipiscen" *erite(ole di sn"ione positi(.

Il secondo re:!isito concerne l s3er delle tti(it$ riprtorie< :!este
de##ono ##rccire non solo il risrci*ento del dnno * nc%e le
conseg!en"e dnnose o pericolose del reto. Perltro5 2 prso gi!sto
tenere conto del 3tto c%e5 in lc!ni csi5 !n integrle de*pi*ento
dellTo##ligo risrcitorio e riprtorio non 2 possi#ile5 *gri perc%N
lTente5 c!s delle s!e condi"ioni econo*ic%e5 non 2 in grdo di poter
de*piere integrl*ente. L sol!"ione propost nell letter 7 del
co** 2 dellTrticolo 12 2 :!ell di riconoscere co*!n:!e l
rid!"ione di pen condi"ione c%e lTente si si e33icce*ente
doperto in dire"ione del risrci*ento e dell ripr"ione5 ##i cio2
co*pi!to t!tti gli s3or"i concret*ente esigi#ili.

Il secondo cso di rid!"ione dell sn"ione d !n ter"o ll *et$ oper
#ene3icio dellTente c%e5 pri* del gi!di"io5 ##i dottto e reso
operti(i i *odelli di pre(en"ione del reto disciplinti dgli rticoli -
e .. Si trtt nc%e in :!esto cso di !n condott lto sens! iscri(i#ile
l genere delle condotte riprtorie5 tteso c%e lTdo"ione dei *odelli
orgni""ti(i5 o(e e33icce5 2 in grdo di disinnescre o rid!rre
sensi#il*ente il risc%io dell co**issione di reti.

Si pre(ede5 in3ine5 !n ##tti*ento dell sn"ione pec!niri dll
*et$ i d!e ter"i se concorrono il co*pi*ento delle tti(it$
DAR8N COSTA
risrcitorie e riprtorie pocTn"i ill!strte e lTdo"ione dei *odelli di
pre(en"ione dei reti.

In t!tti i csi di rid!"ione dell sn"ione pre(isti dllTrticolo 125 l
sn"ione pec!niri non potr$ co*!n:!e scendere l di sotto di lire
(enti *ilioni.

-. Le sn"ioni interditti(e.

Le sn"ioni interditti(e sono indi(id!te nellTrticolo 05 co** 25 e
replicno5 in lrg *is!r5 il ctlogo conten!to nell letter l7
dellTrticolo 11 dell deleg. LT!nic5 signi3icti( ecce"ione rig!rd l
*nct incl!sione dell sn"ione dell c%i!s!r dello st#ili*ento o
dell sede co**ercile c%e5 stnte l scelt del Go(erno 1c%e sr$
c%irit nel prosieg!o dell rel"ione7 di tt!re l deleg solo con
rig!rdo i reti c%e 3or*no oggetto delle Con(en"ioni PI4 e OCSE5 si
ri(el sostn"il*ente inco*pti#ile con le 3inlit$ del siste*
p!niti(o. L c%i!s!r dello st#ili*ento o dell sede co**ercile5
in3tti5 2 !n sn"ione tipic*ente orientt 3ronteggire 3or*e
di(erse di risc%io6reto5 segnt*ente :!egli illeciti c%e si sit!no nel
cono dTo*#r del risc%io di i*pres< si pensi i reti in *teri
*#ientle5 llTo*icidio o lle lesioni deri(nti dll (iol"ione di
nor*e di pre(en"ione degli in3ort!ni s!l l(oro o((ero i reti
connessi llo s(olgi*ento di tti(it$ pericolose. Co*e si (ede5 si trtt
di !n sn"ione !til*ente ri3eri#ile solo i reti indicti nelle lettere #75
c7 e d7 dellTrticolo 115 c%e non sono stti rico*presi nel presente
decreto legislti(o. Per 3ronteggire l cri*inlit$ del pro3itto5 e
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
119

d!n:!e i reti c%e 3or*no oggetto delle Con(en"ioni5 sono s!33icienti
le ltre sn"ioni interditti(e 1si pensi llTinterdi"ione dllo s(olgi*ento
dellTtti(it$ o llTincpcit$ di contrttre con l p!##lic
**inistr"ione75 c%e *eglio si dttno colpire illeciti c%e5 di
regol5 (engono cons!*ti nel contesto di tti(it$ decisionli o
nego"ili e non gi$ *er*ente esec!ti(e.

Le sn"ioni interditti(e si pplicno insie*e ll sn"ione pec!niri e
possono5 per !n (erso5 prli""re lo s(olgi*ento dellTtti(it$ dellTente5
per ltro (erso5 condi"ionrl ttr(erso l li*it"ione dell s!
cpcit$ gi!ridic o((ero con l sottr"ione di risorse 3inn"irie. Si
trtt d!n:!e di sn"ioni prticolr*ente in(si(e e te*!te c%e5
proprio per :!esto5 l legge deleg i*pone di pplicre solo nei csi
piB gr(i. LTopport!nit$ politico6cri*inle dell loro pre(isione non
p!> essere *ess in disc!ssione< l sn"ione pec!niri non de(e
in3tti rppresentre lT!nic r* d !tili""re contro l cri*inlit$
dTi*pres5 tteso c%e per :!nto poss essere deg!t l ptri*onio
dellTente5 3inir$ co*!n:!e per essere nno(ert tr i Vrisc%i
ptri*oniliV inerenti ll gestione. ET !n #ene5 d!n:!e5 c%e ess si
33inct d sn"ioni interditti(e5 c%e possiedono in *is!r s!periore
l 3or" di distogliere le societ$ dl co*pi*ento di oper"ioni illecite e
d preocc!pnti tteggi*enti di disorgni"""ione operti(.

F!nto ll loro d!rt5 l deleg pone :!lc%e pro#le*
interpretti(o. 4tt ecce"ione per l sn"ione dell re(oc delle
so((en"ioni o dei 3inn"i*enti5 di c!i l n!*ero + dell letter l7
dellTrticolo 115 in c!i si sncisce ine:!i(oc#il*ente l d!rt
DAR8N COSTA
te*porne dell sn"ione5 in t!tti gli ltri csi si !s lTespressione5 per
(ero !n poT *#ig!5 di Vpre(isione nc%e te*porne di..V. L
loc!"ione pre il c*po interpret"ioni contrpposte. D !n lto5 si
potre##e sostenere c%e il ricorso ll prol Vnc%eV lsci li#ero il
legisltore delegto di optre per !n siste* c%e pre(ed sn"ioni
interditti(e de3initi(e ccnto sn"ioni te*pornee o c%e pri(ilegi le
sole sn"ioni te*pornee.

DllTltro lto5 proprio il ri3eri*ento ll d!rt Vnc%e te*porneV
se*#rere##e legitti*re p!re l tesi secondo l :!le de##no
necessri*ente pre(edersi sn"ioni interditti(e de3initi(e
e(ent!l*ente 33incte d sn"ioni te*pornee. Tesi r33or"t dll
circostn"5 ind!##i*ente e(octi(5 c%e :!ndo il legisltore si 2
(ol!to li*itre ll pre(isione di sn"ioni solo te*pornee lo %
c%ir*ente esplicitto5 co*e 2 ((en!to nel contesto del ric%i*to
n!*ero -7 dell letter l7.

Il Go(erno ritiene c%e lTinterpret"ione letterle e siste*tic dell
deleg non per*ett di ccordre sic!ro pri(ilegio llT!n pi!ttosto
c%e llTltr tesi. St di 3tto c%e lTdeg!*ento piB corretto5 sl(
di(erso orient*ento delle C*ere5 se*#r propendere in dire"ione di
!n siste* c%e conte*pli !n disciplin generle delle sn"ioni
interditti(e5 pplic#ili di regol in (i te*porne e5 in csi
ecce"ionli5 in (i de3initi(.

S!l pino siste*tico e politico6cri*inle5 l disciplin predispost per
le sn"ioni interditti(e 1(. rtt.1& 6 1-7 si connot in ter*ini
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
121

spicct*ente specilpre(enti(i. Nell pien conspe(ole"" delle
conseg!en"e 1pesnte*ente7 negti(e c%e :!este sn"ioni proiettno
s!ll (it e lTtti(it$ dellTente5 si propone !n *odello sn"iontorio c%e
ncor l *incci pres!pposti pplicti(i prticolr*ente rigorosi
3!n"ionli l conseg!i*ento di !tili ris!ltti per l t!tel dei #eni
t!telti5 (isto c%e si consente llTente di tti(rsi5 ttr(erso condotte
riprtorie5 per e(itre lTpplic"ione di :!este sn"ioni. D !n lto5
d!n:!e5 l *incci pres!ppone il co*pi*ento di reti di prticolre
gr(it$ o((ero l reiter"ione degli illeciti; dllTltro lto5 si stglino
sn"ioni positi(e c%e per*ettono di scongi!rre lTpplic"ione delle
sn"ioni interditti(e in presen" di co*port*enti diretti
reintegrre lTo33es. Si pro3il5 d!n:!e5 !n line di politic
sn"iontori c%e non *ir d !n p!ni"ione indiscri*int e
inde3etti#ile5 * c%e5 per contro5 p!nt dic%irt*ente pri(ilegire
!n di*ensione c%e sl(g!rdi l pre(en"ione del risc%io di
co**issione di reti in !no con l necessri5 pre(i eli*in"ione
delle conseg!en"e prodotte dllTillecito.

In coeren" con i descritti o##ietti(i5 lTrticolo 1& sncisce dppri*
c%e le sn"ioni interditti(e si pplicno solo in rel"ione i reti per i
:!li sono espress*ente pre(iste5 in o*ggio d !n esigen" di
leglit$ e di sele"ione delle 3ttispecie 1piB gr(i7 *erite(oli di !n
si*ile in(si(o corollrio sn"iontorio; :!indi condi"ion
lTpplic#ilit$ di :!este sn"ioni llTesisten" di l*eno !no dei
seg!enti re:!isiti. Il pri*o ricorre :!ndo il lTente % trtto dl reto
!n pro3itto di rile(nte entit$ e il reto 2 stto co**esso d soggetti in
posi"ione picle o d soggetti sottoposti llTltr!i dire"ione e5 in
DAR8N COSTA
:!esto cso5 l co**issione del reto 2 stt deter*int o ge(olt
d gr(i cren"e orgni""ti(e.

Si trtt di !n re:!isito 3ondto s!llTccent!to dis(lore del reto e
dellTillecito **inistrti(o c%e (i ccede. S!l (ersnte dei soggetti5
spicc lTipotesi in c!i il reto si stto co**esso di (ertici dell
societ$5 e(enien" :!est c%e denot !n speci3ic e preocc!pnte
propensione dellTente (erso il conseg!i*ento di illeciti pro3itti. Il reto5
nel cso in c!i si stto co**esso di dipendenti5 dipende5 di regol5
dllTesisten" di gr(i cren"e orgni""ti(e< :!est circostn" e(oc
con i**edite"" l ricorren" di !n gr(e colp orgni""ti( d
prte dellTente5 ricond!ci#ile o ll *nct do"ione di !n progr**
di pre(en"ione dei reti5 o((ero llTdo"ione di !n progr** Vdi
3ccitV5 inidoneo *ini*i""re o nn!llre il risc%io6reto. In
entr*#i i csi5 per lTpplic"ione dell sn"ione interditti( occorre
ltresL c%e dll co**issione del reto lTente ##i ric(to !n pro3itto
rile(nte.

LTltro re:!isito c%e deter*in lTpplic"ione di sn"ioni interditti(e 2
l reiter"ione degli illeciti5 il c!i conten!to 2 disciplinto dllTrticolo
2'5 l c!i co**ento si 3 pertnto rin(io. L rtio dell nor* 2 di
int!iti( e(iden"< l reiter"ione degli illeciti costit!isce il dipson
c%e segnl l presen" di !n ente or*i insensi#ile lle sole sn"ioni
pec!nirie e c%e5 n"i5 potre##e gio(rsi dell *oneti"""ione degli
illeciti per scricre s!l p!##lico le conseg!enti esternlit$ negti(e 1i
costi7. C non #st< l reiter"ione 2 ltresL sinto*o di !n ente c%e
ri(el !n pericolos propensione (erso l cri*inlit$ del pro3itto o
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
123

co*!n:!e in3icito d gr(i cren"e orgni""ti(e c%e *pli3icno il
risc%io6reto.

Co*e si (ede5 i pres!pposti pplicti(i delle sn"ioni interditti(e sono
oltre*odo rigorosi e non trdiscono lc!n intento (esstorio.

F!nto ll d!rt delle sn"ioni5 ess 2 stt co*pres in !n 3or#ice
c%e ( d tre *esi d!e nni5 d ritenersi deg!t rispetto ll
tipologi di illeciti dell prte specile. Il s!ccessi(o co** & st#ilisce
poi l loro inpplic#ilit$ :!ndo ricorrono i csi di rid!"ione dell
sn"ione pec!niri per l prticolre ten!it$ del 3tto.

Di prticolre i*portn" 2 l nor* dellTrticolo 1)5 in te* di criteri
di scelt delle sn"ioni interditti(e.

Il co** 1 esordisce con !n disposi"ione 3ond*entle5 ric%i*t
nc%e dll nor* process!le c%e regol il conten!to dell senten"
di condnn. =i si st#ilisce c%e le sn"ioni interditti(e %nno d
oggetto l speci3ic tti(it$ ll :!le si ri3erisce lTillecito dellTente. L
sottolinet!r di :!esto spetto 2 dettt d rgioni 3!n"ionli5 legte
nc%e ll *odern 3isiono*i delle din*ic%e dTi*pres. Si ric%i*5
in3tti5 lTtten"ione del gi!dice s!ll circostn" c%e l sn"ione
interditti( non de(e ispirrsi d !n criterio pplicti(o generli""to
e indiscri*into. Al contrrio5 occorre indi(id!re l 3onte5 l c!s
dellTillecito nel contesto delle tti(it$ c%e esso s(olge. Le sn"ioni5 per
:!nto possi#ile5 de(ono colpire il r*o di tti(it$ in c!i si 2
sprigionto lTillecito5 in o*ggio d !n principio di econo*icit$ e di
DAR8N COSTA
propor"ione. L necessit$ di :!est sele"ione 6 con(iene ripeterlo 6
deri( proprio dll estre* 3r**ent"ione dei co*prti prod!tti(i
c%e oggi segn l (it delle i*prese ed 2 inoltre destint ri(elrsi
pre"ios in sede di disciplin dell sorte delle sn"ioni interditti(e
pplicte nei con3ronti degli enti soggetti (icende *odi3icti(e 1(.
rtt. &' e &17.

Per :!este rgioni5 si 2 cosL pre(isto5 con rig!rdo l di(ieto di
contrttre con l p!##lic **inistr"ione5 l 3r"ion#ilit$ di :!est
sn"ione5 c%e potr$ (ere d oggetto lc!ni contrtti o rig!rdre solo
lc!ne **inistr"ioni.

Solo :!ndo lTillecito costit!isce espressione di !n generle
propensione l conseg!i*ento di illeciti pro3itti5 ric(#ile d prssi
cri*inose or*i consolidte c%e coin(olgono i (ertici dellTente5 sr$
ine(it#ile !nTpplic"ione indi(is dell sn"ione.

F!nto i criteri co**is!rti(i5 d !tili""re per indi(id!re il tipo e l
d!rt dell sn"ione interditti( d irrogre5 (lgono :!elli indicti
nellTrticolo 115 con !nTintegr"ione relti( ll necessit$ c%e il
gi!dice teng conto dellTe33icci delle singole sn"ioni pre(enire
illeciti del tipo di :!ello co**esso. Proprio l (l!t"ione s!llTe33icci
pre(enti( delle singole sn"ioni p!> deter*inre il gi!dice
llTpplic"ione congi!nt di piB sn"ioni interditti(e5 o(e ci> do(esse
rendersi necessrio per il conseg!i*ento del descritto o##ietti(o.

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
125

Il co** 2 dellTrticolo 1) st#ilisce poi c%e lTpplic"ione dell
sn"ione dellTinterdi"ione dllTeserci"io di !nTtti(it$ co*port di
diritto l sospensione o l re(oc delle !tori"""ioni5 licen"e o
concessioni 3!n"ionli llo s(olgi*ento dellTtti(it$. F!est
disposi"ione *ir se*pli3icre l tr* dei rpporti c%e intercorrono
tr le sn"ioni c%e ini#iscono lo s(olgi*ento di !nTtti(it$ e :!elle c%e
deter*inno il (enir *eno dellTtto **inistrti(o c%e ne legitti* lo
s(olgi*ento5 s!l pres!pposto c%e lTirrog"ione di !n sn"ione c%e
prli"" in t!tto in prte lo s(olgi*ento di !nTtti(it$ non poss c%e
trscinre con sN nc%e :!ell c%e pro(oc l re(oc o l sospensione
degli tti **inistrti(i di nt!r !tori""ti(.

LT!lti*o co** dellTrticolo 1) prescri(e c%e ll sn"ione
dellTinterdi"ione dllTeserci"io dellTtti(it$ si de## ricorrere solo
:!ndo t!tte le ltre sn"ioni ris!ltino indeg!te. Si trtt d!n:!e di
!n sn"ione c%e si tteggi co*e eOtre* rtio5 proprio in rgione
dell *rct in(si(it$ s!ll (it dellTente. Dl conten!to di :!est
nor* 2 inoltre ric(#ile il corollrio c%e t!tte le sn"ioni destinte
d incidere s!llo s(olgi*ento dellTtti(it$5 in *odo d interro*perl5
do(re##ero tro(re pplic"ione solo nei csi piB gr(i e in presen" di
!nTcclrt inidoneit$ pre(enti( delle restnti *eno gr(i sn"ioni.

In ordine l regi*e di operti(it$ delle sn"ioni interditti(e
te*pornee5 ( c%irito c%e5 llorc%N ricorrno i loro pres!pposti
pplicti(i 1illecito c%e ne consente lTpplic"ione e l s!ssisten" di
l*eno !no dei re:!isiti indicti nellTrticolo 1&75 il gi!dice % lTo##ligo
di irrogrle. F!est scelt ser(e grntire lT!ni3or*it$ pplicti(
DAR8N COSTA
delle sn"ioni. Del resto5 il crttere stringente dei pres!pposti
pplicti(i non lsci sp"io d e(ent!li s!ccessi(i ppre""*enti
discre"ionli c%e5 o(e **essi5 potre##ero 3o*entre prssi corri(e e
diso*ogenee. Per non prlre del risc%io c%e il riconosci*ento dell
discre"ionlit$ gi!di"ile cond!c il siste* delle sn"ioni interditti(e
(erso !n deprec#ile dispplic"ione.

LTrticolo 1+ disciplin le ipotesi in c!i le sn"ioni interditti(e sono
indiri""te (erso enti c%e s(olgono !n p!##lico ser(i"io o !n ser(i"io
di p!##lic necessit$. L legge deleg5 dopo (er pre(isto co*e
sn"ione interditti( :!ell dellTinterdi"ione nc%e te*porne
dllTeserci"io dellTtti(it$5 prescri(e lTe(ent!le no*in di !n ltro
soggetto per lTeserci"io (icrio dell *edesi* :!ndo l prosec!"ione
dellTtti(it$ 2 necessri per e(itre pregi!di"io ter"i 1(. rt. 115
co** 15 letter l75 n. &7. F!est pre(isione i*pone !nTttent
interpret"ione5 dirett grntire !n trd!"ione nor*ti( c%e
ris!lti coerente con l str!tt!r e le 3inlit$ del siste* sn"iontorio.

In pri*o l!ogo5 ( rile(to c%e il ri3eri*ento l gr(e pregi!di"io
ter"i co*e condi"ione per l prosec!"ione dellTtti(it$ d prte di !n
soggetto (icrio5 denot5 se interpretto ll letter5 !nTor#it
pplicti( troppo *pi e tle d (ni3icre lTpplic#ilit$ delle
sn"ioni interditti(e c%e precl!dono lTeserci"io di !n tti(it$. ET
risp!to5 in3tti5 c%e lTirrog"ione di !n :!lsisi sn"ione 2
co*!n:!e in grdo di pro(ocre riperc!ssioni negti(e (erso ltri
soggetti. CosL5 per 3re !n ese*pio5 i 3*iliri di !n soggetto
condnnto d !n pen detenti( risentirnno5 li(ello di reddito
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
127

3*ilire5 dei *ncti introiti deri(nti dllo stto di deten"ione del
loro congi!nto; co*e p!re si tro(ernno costretti cessre lTeserci"io
di !nTtti(it$ i*prenditorile in c!i il deten!to s(olge( !n r!olo
insostit!i#ile. Allo stesso *odo5 l sn"ione interditti( c%e i*pedisce
llTente di s(olgere l s! tti(it$ p!> recre pregi!di"io i creditori o
i li(elli occ!p"ionli. St di 3tto c%e non p!> cert*ente essere
:!esto il tipo di pregi!di"io s!33iciente (ni3icre lTpplic"ione dell
sn"ione interditti(. Se cosL 3osse5 :!esto tipo di sn"ioni non
potre##e *i (ere l!ogo. Se*#r llor indispens#ile circoscri(ere
l tipologi del pregi!di"io e il percorso pri(ilegito dl Go(erno 2
stto :!ello di ccordre sl(g!rdi i soli interessi dell colletti(it$<
si 2 cosL pre(isto c%e l sn"ione interditti( poss essere sostit!it
dllTeserci"io (icrio dellTtti(it$ :!ndo l sn"ione colpisce !n ente
c%e s(olge !n p!##lico ser(i"io o !n ser(i"io di p!##lic !tilit$5 l c!i
interr!"ione p!> pro(ocre !n gr(e pregi!di"io ll colletti(it$. Solo
il ri3eri*ento llo s(olgi*ento di !n p!##lico ser(i"io 2 in grdo di
restit!ire lTi**gine di !n pregi!di"io colletti(o5 c%e trscende dll
*er lesione di diritti indi(id!li o di spettti(e legti llTeserci"io di
tti(it$ econo*ic%e c%e non coin(olgono i**edit*ente lTinteresse
del p!##lico ll 3r!i"ione di !n ser(i"io. Detto in ltri ter*ini5 non 2
i**gin#ile c%e !n siste* sn"iontorio5 c%e *#isc de3inirsi
tle5 poss pre(edere l non pplic#ilit$ di tl!ne sn"ioni :!ndo
dll loro irrog"ione poss deri(re l lesioni di posi"ioni gi!ridic%e
soggetti(e o di interessi di *ero 3tto5 destinti 3isiologic*ente
risentire degli s(ntggi conseg!enti llTpplic"ione di :!lsisi tipo
di sn"ione. Solo se lTtti(it$ s(olt dllTente concerne ser(i"i c!i
ttinge lTinter colletti(it$5 p!> pre3ig!rrsi !n *eccnis*o
DAR8N COSTA
derogtorio5 gi!sti3icto proprio dllTesigen" di grntire l contin!it$
del ser(i"io.

C non #st. L :!li3ic"ione in ter*ini di gr(it$ del pregi!di"io
ppre co*!n:!e necessri per e(itre co*odi ggir*enti delle
sn"ioni interditti(e5 specie :!ndo l loro irrog"ione non
co*pro*ette in *odo ppre""#ile l 3!n"ionlit$ del p!##lico
ser(i"io.

F!nto ll tipologi di sn"ioni interditti(e interesste d :!esto
3eno*eno di Vsostit!"ioneV5 l legge deleg se*#rere##e ric%i*re l
sol sn"ione dellTinterdi"ione dllTeserci"io dellTtti(it$. Si trtt5
#en (edere5 di !n li*it"ione non del t!tto rgione(ole< l rile(n"
p!##lic dellTtti(it$ s(olt dllTente i*pone di estendere il
*eccnis*o sostit!ti(o t!tte :!elle ipotesi in c!i lTpplic"ione di
lc!ne sn"ioni interditti(e co*porti lTinterr!"ione del ser(i"io. Ne
deri( l necessit$ di rico*prender(i5 d ese*pio5 l sn"ione dell
re(oc o dell sospensione delle !tori"""ioni5 licen"e o concessioni
c%e legitti*no lo s(olgi*ento dellTtti(it$. Nel co** 1 dellTrticolo
1+5 si 2 pre(isto5 perci>5 in (i generle5 c%e il gi!dice poss disporre l
prosec!"ione dellTtti(it$ d prte di !n co**issrio in l!ogo di !n
sn"ione interditti( c!i conseg! lTinterr!"ione dellTtti(it$.

L d!rt del co**issri*ento 2 pri :!ell dell sn"ione c%e il
gi!dice (re##e in3litto. Con l senten" di condnn5 il gi!dice indic i
co*piti e i poter del co**issrio5 tenendo conto del r*o di tti(it$ e
del settore in c!i 2 stto cons!*to lTillecito. Ne deri(5 pertnto5 c%e il
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
129

gi!dice cli#rer$ lTintensit$ dell sostit!"ione gestori s!lle
crtteristic%e dellTillecito5 con prticolre rig!rdo lle tti(it$ in c!i
lo stesso si 2 (eri3icto. Inoltre5 il co**issrio c!rer$ lTdo"ione e
lTtt!"ione dei *odelli orgni""ti(i diretti pre(enire il risc%io6
reto5 s!ll #se delle indic"ione c%e il gi!dice indic%er$ nell
senten". Si pre(ede5 poi5 c%e il co**issrio non poss s(olgere tti di
strordinri **inistr"ione sen" !tori"""ione del gi!dice. Egli
pro((eder$5 in3ine5 ll con3isc del pro3itto deri(nte dll
prosec!"ione dellTtti(it$. F!estT!lti* disposi"ione 2 inti**ente
collegt ll nt!r co*!n:!e sn"iontori del pro((edi*ento
dottto dl gi!dice< l con3isc del pro3itto ser(e proprio d
en3ti""re :!esto spetto5 nel senso c%e l prosec!"ione dellTtti(it$ 2
p!r se*pre legt ll sostit!"ione di !n sn"ione5 sL c%e lTente non
de(e essere *esso nelle condi"ioni di ric(re !n pro3itto dll
*nct interr!"ione di !nTtti(it$ c%e5 se non (esse (!to d oggetto
!n p!##lico ser(i"io5 sre##e stt interdett.

=5 in3ine5 c%irito c%e l sostit!"ione co**issrile oper solo con
rig!rdo lle sn"ioni interditti(e te*pornee< :!elle c%e co*portno
lTinterr!"ione in (i de3initi( dellTtti(it$ si 3ondno 6 co*e si (edr$
tr #re(e 6 s! pres!pposti pplicti(i c%e restit!iscono lTi**gine di
!n ente or*i irrec!per#ile d !n prospetti( di leglit$

-.1. I csi di escl!sione dellTpplic"ione di sn"ioni interditti(e
conseg!enti condotte riprtorie.

DAR8N COSTA
LTrticolo 1- indi(id! le condotte di ripr"ione delle conseg!en"e
del reto c%e per*ettono llTente di e(itre lTpplic"ione delle
sn"ioni interditti(e te*pornee. L nor* 6 lo si 2 nticipto 6 trs!d
c%ire 3inlit$ specilpre(enti(e5 ccordndo !n pre*io llTente c%e
pone in essere !n co*port*ento c%e integr !n Vcontro(loreV
rispetto llTo33es reli""t. Co*port*ento s!ccessi(o llTillecito e d
tenere pri* dellTpert!r del gi!di"io5 c%e tten! il #isogno di pen5
e c%e5 in prticolre5 controgisce rispetto i pres!pposti pplicti(i
delle sn"ioni interditti(e5 nn!llndo l loro cric di dis(lore. 4er*
lTpplic"ione delle sn"ioni pec!nirie5 lTente non soggice lle
sn"ioni interditti(e :!ndo concorrono tre condi"ioni. Le pri*e d!e
coincidono5 in #!on prte5 con :!elle di c!i llTrticolo 125 co** 2< si
trtt5 d !n lto5 delle condotte risrcitorie e riprtorie5 d rep!trsi
integrte nc%e :!ndo lTente si si e33icce*ente tti(to in tl senso
1in proposito5 si ri*nd l co**ento s(olto5 s!pr5 per i csi di
rid!"ione dell sn"ione pec!niri7; dllTltro lto5 si ric%iede c%e
lTente ##i pro((ed!to d eli*inre le cren"e orgni""ti(e c%e
%nno deter*into il reto5 *edinte lTdo"ione e lTe33icce tt!"ione
dei *odelli orgni""ti(i. Tr le condi"ioni in es*e s!ssiste !n
e(idente sinergi 3!n"ionle< per e(itre l sn"ione interdittti( c%e5
di regol5 tende prli""re o condi"ionre lo s(olgi*ento
dellTtti(it$5 non 2 s!33iciente (er eli*into le conseg!en"e del reto e
(er risrcito il dnno< il *odello di esonero dll sn"ione interditti(
di(ent pien*ente co3!n"ionle gli scopi di tli sn"ioni solo se l
condott co*pensti( post63ct!* rico*prende nc%e lTeli*in"ione
del 3ttore di risc%io c%e % pro(octo o ge(olto l co**issione del
reto d c!i dipende lTesisten" dellTillecito **inistrti(o. Di :!i l
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
131

necessit$ di ri6orgni""re lTente eli*inndo l c!s dellTillecito e
c!rndo lTdo"ione e lTtt!"ione di e33icci *odelli di pre(en"ione del
reto.

Co*e ter"o concorrente re:!isito5 si pre(ede c%e lTente *ett
disposi"ione il pro3itto conseg!ito. L rtio dell disposi"ione 2
trsprente< (isto c%e il pro3itto costit!isce5 di regol5 il *o(ente c%e
ispir l cons!*"ione dei reti5 lTinpplic#ilit$ dell sn"ione
interditti( post!l ine(it#il*ente c%e si rin!nci d esso e lo si *ett
disposi"ione dellT!torit$ procedente.

In de3initi(5 le contro6"ioni di nt!r reintegrti(5 riprtori e ri6
orgni""ti( sono orientte ll t!tel degli interessi o33esi dllTillecito
e5 pertnto5 l riel#or"ione del con3litto socile sotteso llTillecito e l
reto ((iene non solo ttr(erso !n logic di st*po repressi(o *
nc%e5 e soprtt!tto5 con l (lori"""ione di *odelli co*pensti(i
dellTo33es.

Il 3(ore c%e (iene ricollegto ll ten!t di :!este condotte 2 ltresL
corro#orto dll circostn"5 prticolr*ente signi3icti(5 c%e5 nc%e
se (engono ten!te oltre il ter*ine pre(isto5 o in seg!ito lle (icende
*odi3icti(e dellTente5 dnno l!ogo ll con(ersione dell sn"ione
interditti( in sn"ione pec!niri 1(. rt. ./7.

-.2. Le sn"ioni interditti(e pplicte in (i de3initi(.

DAR8N COSTA
Le sn"ioni interditti(e pplicte in (i de3initi( sono disciplinte
dllTrticolo 1.. Il *odello pre3ig!rto circoscri(e *olto lTor#it
pplicti( di tli sn"ioni5 indiri""ndole essen"il*ente (erso :!egli
enti c%e nel corso del te*po %nno di*ostrto !n per(icce e non
ltri*enti conteni#ile tenden" ll co**issione di illeciti
prticolr*ente gr(i. Il co** 1 si occ!p dell sn"ione dell
interdi"ione dllo s(olgi*ento dellTtti(it$5 pre(edendone
lTpplic"ione in (i de3initi( :!ndo ricorre l*eno !no dei seg!enti
csi. Il pri*o concerne le ipotesi in c!i si % c%e 3re con !n ente5 o
con !n s! !nit$ orgni""ti(5 intrinsec*ente illecito5 il c!i oggetto
si proiettto in *odo speci3ico e ssor#ente ll co**issione di reti.
In :!est e(enien"5 per(ero pi!ttosto in3re:!ente nel contesto dell
tipologi di illeciti co*pres nel decreto5 lTinterr!"ione in (i de3initi(
dellTtti(it$5 *edinte l s! interdi"ione5 costit!isce !n ine(it#ile
corollrio< si trtt5 in3tti5 di enti di*ostrtisi insensi#ili :!lsisi
prospetti( di ri6orgni"""ione in dire"ione di !n rssic!rnte
rec!pero di leglit$.

Il secondo cso rig!rd enti c%e5 se##ene sino stti ssoggettti ll
sn"ione in discorso per l*eno tre (olte negli !lti*i sette nni5
co**ettono !n illecito dipendente d !n reto d c!i lTente % ric(to
!n pro3itto di rile(nte entit$. L de3initi(it$ dell sn"ione interditti(
ppre *pi*ente gi!sti3ict5 se solo si pens c%e lTente 2 ri*sto
sostn"il*ente insensi#ile llTirrog"ione di precedenti5 identic%e
sn"ioni interditti(e5 lscindo cosL trsprire lTi*possi#ilit$ di
ri*nere s!l *ercto nel rispetto delle leggi. P!r non essendo
intrinsec*ente illecito5 2 t!tt(i !n ente str!tt!rl*ente incpce di
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
133

rispettre le nor*e e di pre(enire o di contenere in *nier
ppre""#ile il risc%io6reto. Non resid!5 perci>5 sp"io per
lTirrog"ione di sn"ioni te*pornee< n"i5 l (icende dellTente nel
corso del te*po co*pro(no ine:!i(oc#il*ente !n inconteni#ile
propensione llTillecito.

Il co** 2 dell nor* disciplin lTpplic"ione in (i de3initi( dell
sn"ione del di(ieto di contrttre con l p!##lic **inistr"ione.
Anc%e in :!esto cso5 ci si 2 orientti nel senso di con3erire decisi(o
rilie(o l n!*ero di reiter"ioni dellTillecito5 nel senso c%e lTente
soggicer$ dett sn"ione :!ndo lT##i gi$ riportt l*eno tre
(olte negli !lti*i sette nni. In :!est ipotesi5 il gi!dice p!> 33incre
l di(ieto di contrttre con l p!##lic **inistr"ione lTpplic"ione
in (i de3initi( dell sn"ione del di(ieto di p!##lici""re #eni o
ser(i"i.

D !lti*o5 ( segnlto c%e5 di33eren" di :!nto si 2 pre(isto per le
sn"ioni interditti(e pplicte in (i te*porne5 :!elle de3initi(e non
sottostnno l regi*e di o##ligtoriet$ pplicti(. L discre"ionlit$
riconosci!t l gi!dice 2 collegt l crttere estre*o di tli sn"ioni<
di conseg!en"5 p!r ricorrendone i pres!pposti pplicti(i5 si ri*ette
l gi!dice il co*pito di e33ett!re ogni !lteriore5 !tile ppre""*ento
in concreto< potre##ero5 in3tti5 (eri3icrsi ipotesi in c!i l prognosi di
irrec!per#ilit$ dellTente d !n prospetti( di leglit$5 cristlli""t in
(i strtt dll nor*5 potre##e tro(re pr"ile s*entit nei 3tti.

.. Le ltre sn"ioni.
DAR8N COSTA
Gli rticoli 1/ e 10 pre(edono le ltre sn"ioni pplic#ili nei con3ronti
dellTente. L sn"ione dell p!##lic"ione dell senten" di condnn5
*!t!t dllTrsenle penlistico5 non solle( pro#le*i interpretti(i.
Ess p!> essere pplict dl gi!dice :!ndo lTente soggice
llTirrog"ione di !n sn"ione interditti(< d!n:!e5 nelle ipotesi piB
gr(i c%e #en possono legitti*re !n interesse del p!##lico ll
conoscen" dell condnn.

Di prticolre rilie(o l sn"ione dell con3isc5 irrog#ile con l
senten" di condnn5 c%e si tteggi sn"ione principle e
o##ligtori. Ess (iene con3ig!rt si nell s! (este trdi"ionle5 c%e
cde cio2 s!l pre""o o s!l pro3itto dellTillecito5 si nell s! 3or*
V*odernV5 :!ell Vper e:!i(lenteV5 in (ist di !n piB e33icce "ione
di contrsto contro l cri*inlit$ del pro3itto.

L con3isc Vtrdi"ionleV colpisce il pre""o del reto5 costit!ito dlle
cose5 dl denro o d ltre !tilit$ dte o pro*esse per deter*inre o
istigre ll co**issione del reto5 e il pro3itto del reto5 d intendersi
co*e !n conseg!en" econo*ic i**edit ric(t dl 3tto di
reto.

L con3isc Vper e:!i(lenteV5 gi$ conosci!t nel nostro ordin*ento5
% in(ece d oggetto so**e di denro5 #eni o ltr !tilit$ di (lore
e:!i(lente l pre""o o l pro3itto del reto. Ess oper5 o((i*ente5
:!ndo non 2 possi#ile lTpprensione del pre""o o del pro3itto con le
3or*e dell con3isc trdi"ionle e per*ette cosL di e(itre c%e lTente
riesc co*!n:!e godere illegitti**ente dei pro(enti del reto
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
135

or*i indisponi#ili per !nTpprensione con le 3or*e dell con3isc
ordinri.

/. L reiter"ione degli illeciti.

En (lore strtegico nellT*#ito del siste* sn"iontorio nei
con3ronti degli enti colletti(i 2 ssegnto llTistit!to dell reiter"ione5
disciplinto nellTrticolo 2'. Co*e si 2 gi$ (!to *odo di notre5 esso
gi!oc !n r!olo deter*inte per lTirrog"ione delle sn"ioni
interditti(e5 te*pornee e de3initi(e.

L nt!r **inistrti( delle sn"ioni e l loro ri3eri#ilit$ llTente in
dipenden" di !n 3tto reto % reso necessrio cli#rre lTistit!to
secondo cden"e c%e tenessero conto del sostrto e*pirico6
cri*onologico in c!i i*pinge.

L reiter"ione 2 cosL destint VscttreV :!ndo l precedente
condnn ##i (!to d oggetto nc%e !n solo delitto doloso. F!est
sol!"ione 2 i*post dl rilie(o c%e i delitti pre(isti nel decreto5 nell
*ggior prte dei csi ri3eri#ili soggetti in posi"ione picle5 ri(elno
!n sostn"ile estrneit$ rispetto l risc%io di i*pres5 dirigendosi
(erso il conseg!i*ento di illeciti pro3itti c%e lterno le regole dell
concorren" e c%e li*entno i circ!iti dell cri*inlit$ del pro3itto. Il
*essggio c%e (iene lncito s!l pino dell politic cri*inle 2
oltre*odo c%iro. Il rigore sn"iontorio (iene *od!lto proprio s!l
tipo di illecito< se non 2 relistic*ente possi#ile ignorre c%e lTtti(it$
di i*pres scont il risc%io di co**issione di illeciti strett*ente
DAR8N COSTA
collegti i *oderni processi prod!tti(i5 l cri*inlit$ del pro3itto
segn5 per contro5 !n 3rtt!r con i 3ond*entli precipitti di leglit$
c%e de##ono con3or*re i siste*i econo*ici dei pesi ind!strili
(n"ti e5 pertnto5 l *incci non p!> conoscere cedi*enti c%e ne
33ie(oliscno lTe33icci pre(enti(.

0. L pl!rlit$ di illeciti.

L nor* dellTrticolo 21 dett disposi"ioni in te* di pl!rlit$ di
illeciti.

Nel siste* dellTillecito **inistrti(o5 oper co*e regol generle
:!ell del concorso *terile delle (iol"ioni5 c!i si derog5 *ente
dellTrticolo / dell legge n. -/0 del 10/15 nei csi di concorso 3or*le
o*ogeneo o eterogeneo.

S! :!esto (ersnte5 il Go(erno non ritiene di do(ersi discostre di
principi generli dellTillecito **inistrti(o5 sl(o c%e per l necessit$
di do(er dttre nc%e in :!esto cso lTistit!to del concorso 3or*le
ll pec!lirit$ del contesto5 in c!i i destintri delle sn"ioni sono gli
enti colletti(i.

Il co** 1 dell disposi"ione st#ilisce c%e lTente soggice ll
sn"ione pec!niri pre(ist per lTillecito piB gr(e !*entt 3ino l
triplo in rel"ione d !n pl!rlit$ di reti co**essi con !n "ione od
o*issione5 o((ero nello s(olgi*ento dell *edesi* tti(it$. Il
ri3eri*ento gli illeciti dipendenti d reti co**essi nello s(olgi*ento
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
137

dell *edesi* tti(it$ e(oc il rpporto pertinen"ile c%e de(e
intercorrere tr i reti e il settore o il r*o di tti(it$ di :!li essi
dipendono. Il regi*e del c!*!lo gi!ridico non potr$ pertnto tro(re
tt!"ione :!ndo l pl!rlit$ di (iol"ioni si ricond!ci#ile d tti(it$
di(erse e5 in !lti* nlisi5 di(erse lc!ne orgni""ti(e.

ET ind!##io perltro c%e l n!o( ipotesi soggett llTpplic"ione del
c!*!lo gi!ridico segn !nTestensione c%e de(e essere co*!n:!e
circoscritt sotto il pro3ilo te*porle. LT*#ito di rgione(ole
!ni3ic"ione del trtt*ento sn"iontorio 2 :!ello di reti c%e sino
gi!dicti con !nT!nic senten" o nc%e con piB senten"e5 :!ndo
lTente gi$ condnnto per !n o piB (iol"ioni5 riporti !n n!o(
condnn per !no o piB illeciti co**essi pri* dell precedente
senten" di condnn. Ne deri( c%e non possono soggicere l piB
3(ore(ole regi*e del c!*!lo gi!ridico nc%e illeciti relti(i reti
co**essi s!ccessi(*ente5 pen !n sensi#ile cd!t dellTe33icci
generlpre(enti( del siste* sn"iontorio. Pertnto5 co*e sogli
te*porle oltre l :!le non 2 possi#ile pplicre il c!*!lo gi!ridico5 2
stt indict5 nel co** 15 l senten" nc%e non de3initi( di
condnn.

Per :!nto concerne le sn"ioni interditti(e d irrogre nei csi di
concorso 3or*le o((ero di illeciti dipendenti dll *edesi* tti(it$5
2 stto pri(ilegito il ricorso l criterio dellTssor#i*ento5 nel senso
c%e5 se s!ssistono le condi"ioni per lTpplic"ione di sn"ioni
interditti(e5 si pplic :!ell pre(ist per lTillecito piB gr(e5 d
DAR8N COSTA
indi(id!re ttr(erso !n (l!t"ione in concreto5 c%e teng conto
dell tipologi e dell d!rt dell sn"ione in3litt.

Si 2 riten!to5 in3ine5 non necessrio dettre nor*e ri(olte disciplinre
il concorso *terile delle sn"ioni5 nell con(in"ione c%e il siste* si
ge(ol*ente ricostr!i#ile s!ll #se dei principi generli. CosL< le
sn"ioni pec!nirie si c!*!lernno per !n so** pri l loro
i*porto co*plessi(o; identic%e sn"ioni interditti(e5 (enti d oggetto
le *edesi*e tti(it$5 si pplic%ernno per !n te*po pri ll loro
d!rt co*plessi(; :!lor5 in(ece5 si si in presen" di sn"ioni
interditti(e di di(ers specie * (enti lo stesso oggetto5 esse si
pplic%ernno t!tte distint*ente e per intero; tro(ernno in(ece
pplic"ione congi!nt le sn"ioni interditti(e di di(ers specie c%e
colpiscono di33erenti tti(it$.

Ness!n prticolre pro#le* se*#r insorgere per lTpplic"ione in
(i de3initi( di !n pl!rlit$ di sn"ioni interditti(e.

Perltro5 o(e le C*ere do(essero ritenere pre3eri#ile pprestre !n
disciplin nc%e con ri3eri*ento l concorso *terile di illeciti5 ll
nor* dellTrticolo 21 potre##ero ggi!ngersi i seg!enti co**i<

V&. 4!ori dei csi pre(isti dl co** 15 se lTente (iene condnnto in
rel"ione d !n pl!rlit$ di reti con !n o piB senten"e5 le sn"ioni
pec!nirie in3litte si c!*!lno per !n *is!r pri llTi*porto
co*plessi(o delle sn"ioni c%e do(re##ero in3liggersi per cisc!n
illecito. Se ricorrono le condi"ioni per lTpplic"ione di identic%e
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
139

sn"ioni interditti(e (enti d oggetto le *edesi*e tti(it$5 esse si
pplicno per !n te*po pri ll d!rt co*plessi( delle sn"ioni c%e
si do(re##ero in3liggere per cisc!n illecito.

). Se gli illeciti i*portno sn"ioni interditti(e di specie di(ers (enti
d oggetto le *edesi*e tti(it$5 esse si pplicno t!tte distint*ente e
per intero; se le sn"ioni interditti(e %nno d oggetto tti(it$ di(erse5
esse si pplicno t!tte congi!nt*ente e per intero.

+. Nel cso di !n o piB condnne per illeciti c%e i*portno
lTpplic"ione in (i de3initi( di sn"ioni interditti(e di specie di(ers
ed (enti d oggetto le *edesi*e tti(it$5 si pplic l sn"ione piB
gr(e. Per st#ilire :!le si l sn"ione interditti( piB gr(e5 si %
rig!rdo llTelenc"ione di c!i llTrticolo 0.

-. L disposi"ione del precedente co** si osser( nc%e :!ndo
concorrono illeciti c%e i*portno lTpplic"ione di *is!re interditti(e
te*pornee c%e %nno lo stesso oggetto.V.

1'. L prescri"ione.

LTrticolo 225 in tt!"ione del criterio di deleg di c!i ll letter r7
dellTrticolo 115 regol l prescri"ione degli illeciti **inistrti(i
dipendenti d reto. LTen!ncito dell deleg replic in #!on sostn"
l disciplin conten!t nellTrticolo 2/ dell legge n. -/0 del 10/15
sl(o c%e per lTincipit5 in c!i 2 sco*prso il ri3eri*ento l diritto ll
riscossione delle so**e do(!te per l (iol"ione5 sostit!ito con il
DAR8N COSTA
ric%i*o lle sn"ioni **inistrti(e crico dellTente. L scelt5
in(ero5 non pre delle piB 3elici5 (isto c%e il rin(io d !n
regol*ent"ione di st*po ci(ilistico risc%i di diltre
eccessi(*ente il te*po di prescri"ione dellTillecito **inistrti(o
dellTente5 potendo persino 3(orire deprec#ili prssi diltorie5 specie
nei csi in c!i si proced seprt*ente nei con3ronti dellTente.

T!tt(i5 non se*#r possi#ile e33ett!re inter(enti di ortodossi5 c%e
risc%iere##ero 3tl*ente di esporsi ll cens!r di essere in contrsto
con l (olont$ del legisltore delegnte.

Il co** 1 dell nor* sncisce c%e le sn"ioni **inistrti(e si
prescri(ono nel ter*ine di cin:!e nni dll dt di cons!*"ione del
reto.

Il ric%i*o dell disciplin ci(ilistic 2 conten!to nei co**i & e ) e non
present pro#le*i di sort.

Nel co** 25 in(ece5 si 2 pro((ed!to d indicre :!li tti
interro*pono il corso dell prescri"ione5 non potendosi s!l p!nto 3re
rin(io l codice ci(ile. Tli tti sono stti indi(id!ti nell ric%iest di
pplic"ione di *is!re c!telri interditti(e e nell contest"ione
dellTillecito **inistrti(o nor* dellTrticolo +0. L tipologi degli
tti interr!tti(i5 sensi#il*ente piB ridott rispetto :!ell (le(ole per
il reto5 2 prs s!33iciente in consider"ione del regi*e gi!ridico degli
e33etti dellTinterr!"ione c%e5 in seg!ito ll contest"ione dellTillecito5 3
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
141

sL c%e l prescri"ione non corr 3ino l pssggio in gi!dicto dell
senten".

11. L (iol"ione delle sn"ioni interditti(e.

Con lTrticolo 2&5 otte*perndo l disposto di c!i ll letter p7
dellTrticolo 11 dell deleg5 si introd!ce !n n!o( 3ttispecie penle
destint sn"ionre le (iol"ioni gli o##lig%i o i di(ieti inerenti
lle sn"ioni interditti(e5 nc%e se pplicte in (i c!telre d!rnte il
processo. Di ri*#l"o5 (iene ltresL pre(ist l respons#ilit$
**inistrti( dellTente5 nel c!i interesse o (ntggio si stto
co**esso il reto< in :!esto cso5 l sn"ione pec!niri irrog#ile 2
d d!ecento seicento :!ote; inoltre5 se dl reto lTente % trtto !n
pro3itto rile(nte si pplicno nei con3ronti dellTente sn"ioni
interditti(e5 nc%e di(erse d :!elle in preceden" irrogte.

F!este disposi"ioni sn"iontorie5 penli e **inistrti(e5 *irno
e(idente*ente d ssic!rre lTe33etti(it$ delle sn"ioni interditti(e.

12. I reti c%e deter*inno l respons#ilit$ **inistrti( dellTente.

L se"ione III del cpo I dello sc%e* di decreto costit!isce5
pr3rsndo il ling!ggio penlistico5 l Vprte specileV del siste* di
respons#ilit$ degli enti. Ess si pone in tt!"ione dell sol letter 7
dellTrticolo 11 dell legge6deleg c%e si li*it stendere il ctlogo
dei reti c%e integrno il pres!pposto dell respons#ilit$
DAR8N COSTA
**inistrti( dellTente sen" 3ornire indic"ioni !lteriori in ordine i
criteri di 3or*"ione dei co*pssi edittli.

LTtt!"ione dell deleg (iene pertnto li*itt l no(ero dei reti c%e
3or*no oggetto delle Con(en"ioni rti3icte con l legge di deleg<
d!n:!e5 i reti di conc!ssione5 corr!"ione e 3rode. F!est scelt del
Go(erno *!o(e dl rilie(o c%e5 nel corso degli !lti*i pssggi
prl*entri c%e %nno preced!to lTppro("ione dell legge5 l
C*er e il Sento %nno (otto d!e contrstnti ordini del giorno
proprio s!l (ersnte dellT*pie"" del ctlogo dei reti c!i legre l
respons#ilit$ **inistrti( degli enti. D !n lto5 lTordine del giorno
(otto dll C*er il 2. l!glio 2''' i*pegn( il Go(erno
contenere lTeserci"io dell deleg con rig!rdo i soli reti indicti
negli str!*enti intern"ionli oggetto di rti3ic. DllTltro lto5 in(ece5
il s!ccessi(o ordine del giorno ppro(to dl Sento i*pegn( il
Go(erno dre integrle tt!"ione ll deleg5 :!indi con ri3eri*ento
t!tti i reti indicti nelle lettere #75 c7 e d7 dellTrticolo 115 s!l
pres!pposto c%e ltri str!*enti intern"ionli 1oggetto di 3!t!r
rti3ic7 conte*plno l respons#ilit$ sn"iontori degli enti nelle
*terie dell t!tel *#ientle5 del territorio e dell sic!re"" del
l(oro.

In rgione di !n cosL *rcto contrsto5 il Go(erno rep!t pre3eri#ile
ttestrsi s! !n posi"ione V*ini*listV5 c%e coincide con :!ell
dellTordine del giorno (otto dll C*er. Del resto5 l legge deleg %
d oggetto l rti3ic delle Con(en"ioni PI4 e OCSE5 sL c%e pre
opport!no li*itre lTinter(ento in te* di respons#ilit$ sn"iontori
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
143

degli enti i reti indicti nei citti str!*enti intern"ionli e
co*!nitri.

Il Go(erno non ignor c%e5 s!l pino generle5 il ctlogo dei reti di c!i
llTrticolo 115 lettere 75 #75 c7 e d75 ricostr!isce5 in *odo piB co*pleto5
l cornice cri*inologic dell cri*inlit$ dTi*pres5 nel c!i (entre
disting!e5 d !n lto5 gli illeciti collegti delitti precip!*ente
indiri""ti l conseg!i*ento di ingi!sti3icti pro3itti5 di regol
espressione di !n politic "iendle c%e *ir d ggirre i
*eccnis*i di leglit$ c%e regolno l concorren" e lTeserci"io
dellTtti(it$ prod!tti(; dllTltro lto5 le (iol"ioni c%e conseg!ono
reti espressi(i di !n colp di orgni"""ione5 c%e rppresentno !n
1e sen"Tltro l piB gr(e7 3or* di proie"ione negti( deri(nte dllo
s(olgi*ento dellTtti(it$ di i*pres 1il risc%io6reto co*e !n delle
co*ponenti del risc%io di i*pres7. Nondi*eno5 occorre
relistic*ente prendere tto del *ggiore e:!ili#rio dell scelt cd.
*ini*list< poic%N lTintrod!"ione dell respons#ilit$ sn"iontori
degli enti ss!*e !n crttere di 3orte inno("ione del nostro
ordin*ento5 se*#r opport!no contenerne5 per lo *eno nell 3se
ini"ile5 l s3er di operti(it$5 nc%e llo scopo di 3(orire il
progressi(o rdic*ento di !n c!lt!r "iendle dell leglit$ c%e5 se
i*post eO #r!pto con ri3eri*ento d !n *pio no(ero di reti5
potre##e 3tl*ente pro(ocre non trsc!r#ili di33icolt$ di
dtt*ento.

LTesisten" del segnlto5 pro3ondo contrsto tr le C*ere5 ind!ce
co*!n:!e il Go(erno5 c%e p!re % *oti(t*ente prescelto l
DAR8N COSTA
sol!"ione VridottV5 sottoporre l :!estione llTtten"ione delle
C*ere in (ist del de3initi(o sciogli*ento di :!esto delicto nodo
dell deleg.

12.1. I criteri di 3or*"ione degli editti sn"iontori.

S! :!esto spetto5 p!re rile(nte5 l legge deleg non o33re indic"ioni5
3tt ecce"ione per :!elle relti(e ll pre(isione di sn"ioni
interditti(e nei csi di prticolre gr(it$ 1si rin(i5 s!l p!nto5 l
relti(o co**ento7. Non rest5 d!n:!e5 c%e 33idrsi5 nell costr!"ione
del siste*5 i precipitti e*pirico6cri*inologici c%e contrssegnno le
3or*e di de(in" dellTente e i principi en!cleti nell prte generle.

S!l pino strett*ente cri*inologico5 gli illeciti dellTente si risol(ono in
*ssi* prte in !n colp di orgni"""ione e5 di conseg!en"5 l
colp5 co*e de3icit di controllo o di (igiln" 1nc%e (erso i soggetti in
posi"ione picle75 ss!*e !n r!olo centrle nel siste* di
respons#ilit$. A ci> si de(e ggi!ngere5 s!l pino generle5 c%e l
colpe(ole"" dellTente 2 intrinsec*ente nor*ti( e s3!gge5 pertnto5
ll possi#ilit$ di scndglire 3ondo il leg*e psicologico con il 3tto
illecito.

=enendo5 or5 i criteri concret*ente seg!iti per ssic!rre
lT!ni3or*it$ e l coeren" intern del siste* delle cornici edittli5
sono stte sele"ionte tre 3sce lle :!li corrispondono ltrettnti
li(elli di gr(it$ degli illeciti penli5 ll c!i streg! sono stti poi
disegnti gli editti delle sn"ioni pec!nirie. Li(elli di gr(it$ c%e
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
145

o((i*ente sono stti concepiti co*e criteri regoltori Vtenden"iliV e
non gi$ co*e rigide e non ltri*enti dtt#ili prtie.

L pri* 3sci co*prende i delitti p!niti con l recl!sione 3ino tre
nni e5 perci>5 ricond!ci#ili nellTor#it dei reti di #ss gr(it$< in
rel"ione d essi5 per lTillecito **inistrti(o c%e (i ccede 2 stt
st#ilit l sn"ione pec!niri 3ino d!ecento :!ote5 riten!t idone
V3otogr3reV il non ele(to li(ello di gr(it$ dellTillecito.

L second 3sci concerne i delitti in c!i l recl!sione oscill tr tre e
dieci nni< si % c%e 3re5 in :!esto *#ito5 con !n 3sci di
cri*inlit$ di *edi gr(it$. Per gli illeciti **inistrti(i dipendenti
d tli reti5 ci si 2 orientti (erso !n sn"ione pec!niri c%e5 di
regol5 ( d d!ecento seicento :!ote< !n editto5 :!indi5 c%e si colloc
in posi"ione *edin.

AllTinterno di :!est 3sci5 perltro5 2 stt pre(ist l sn"ione
pec!niri 3ino cin:!ecento :!ote per :!ei delitti p!niti con !n
pen s!periore nel *ssi*o tre nni di recl!sione * c%e non
oltrepss tenden"il*ente i cin:!e nni e c%e sono spro((isti di !n
signi3icti(o *ini*o edittle 1si pensi5 d ese*pio5 i reti p!niti con l
recl!sione d !no cin:!e nni7. LTtten!"ione 2 prs opport!n
proprio in consider"ione dellTesisten" di *ini*i edittli non
prticolr*ente gr(i5 c%e per*ettono5 cosL5 di pre(edere sn"ioni
pec!nirie piB lie(i.

DAR8N COSTA
L ter" 3sci co*prende i reti p!niti con l recl!sione d :!ttro6
cin:!e nel *ini*o e s!periore dieci nni nel *ssi*o5 in rel"ione i
:!li lTente soggice ll sn"ione pec!niri d trecento ottocento
:!ote5 c%e #en ri3lette l gr(it$ degli illeciti.

F!nto5 in3ine5 lle sn"ioni interditti(e5 l loro pre(isione 2 stt
cli#rt s!l tipo di reto d c!i dipende lTillecito **inistrti(o
dellTente. CosL5 per :!nto concerne i reti di inde#it perce"ione di
erog"ioni e di tr!33 in dnno dello Stto5 di c!i llTrticolo 2) dello
sc%e*5 ris!lternno pplic#ili5 se*pre c%e ricorrno le condi"ioni di
c!i llTrticolo 1&5 soltnto le sn"ioni interditti(e dellTincpcit$ di
contrttre con l p!##lic **inistr"ione5 lTescl!sione d
ge(ol"ioni5 3inn"i*enti o lTe(ent!le re(oc di :!elli gi$ percepiti e
il di(ieto di p!##lici""re #eni o ser(i"i.

Nel cso in c!i lTillecito dellTente dipend dll cons!*"ione dei reti
di conc!ssione e corr!"ione 1(. rticolo 2+75 il gi!dice5 !n (olt
ccertt l s!ssisten" dei re:!isiti di c!i llTrticolo 1&5 pplic%er$
!n o piB delle sn"ioni interditti(e pre(iste dllTrticolo 05 co** 2.
L *ggiore gr(it$ di tli reti rende ine(it#ile l scelt di ricorrere
llTintero (entglio sn"iontorio5 3tt ecce"ione per le *eno gr(i
ipotesi di corr!"ione Vi*propriV5 per le :!li non sono pplic#ili
sn"ioni interditti(e 1(. rticolo 2+5 co** 1 e +7.

12.2. L disciplin del tentti(o.

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
147

Non s!ssistono d!##i s!ll necessit$ di pre(edere c%e l respons#ilit$
**inistrti( dellTente de## essere estes nc%e lle ipotesi di reto
tentto. Lo si ric( dll deleg c%e5 p!r non no*inndo il tentti(o5 3
ri3eri*ento i VretiV5 l c!i 3or* di *ni3est"ione 2 :!ell
cons!*t o tentt.

L nor* dellTrticolo 2- st#ilisce c%e5 in presen" di !n delitto
tentto5 le sn"ioni pec!nirie e interditti(e pplic#ili llTente sono
ridotte d !n ter"o ll *et$.

Nel delinere l disciplin5 il Go(erno % riten!to di do(erl
crtteri""re in *odo di(erso d :!ell penle per :!nto concerne le
ipotesi di recesso tti(o. LT!lti*o co** dellTrticolo +- del codice
penle pre(ede5 in :!esto cso5 !n sensi#ile rid!"ione di pen5 *entre
il Go(erno 2 dellT((iso c%e de## essere escl!s l Vp!ni#ilit$V
dellTente. F!est scelt 2 inti**ente collegt ll 3iloso3i
pre(enti( c%e percorre trs(ersl*ente lTintero decreto legislti(o.
Co*e si ricorder$5 lle condotte riprtorie5 c%e si tteggino co*e
Vcontro(loreV rispetto llTo33es e c%e5 :!indi5 si *!o(ono in dire"ione
dell t!tel del #ene protetto5 2 stt riconosci!t !nTe33icci
tten!nte rispetto l crico sn"iontorio pec!nirio5 *entre
escl!dono lTpplic"ione delle sn"ioni interditti(e. Nel tentti(o5 co*e
2 noto5 il #ene protetto (iene posto in pericolo< di conseg!en"5 lTente
c%e (olontri*ente i*pedisce lT"ione o l reli"""ione dellTe(ento
co*pie !n ine:!i(oc#ile scelt di c*po in 3(ore dell leglit$5
disinnescndo l 3onte di risc%io o co*!n:!e i*pedendo c%e l stess
sprigioni de3initi(*ente i s!oi e33etti dnnosi. F!i l contro6"ione
DAR8N COSTA
dellTente 2 te*pesti( ed intern ll din*ic del 3tto e ne scongi!r
l cons!*"ione. Il #isogno di pen c%e5 nel cso delle condotte
riprtorie s!ccessi(e l reto ris!lt tten!to5 nel cso del recesso
tti(o (iene co*plet*ente *eno. L scelt di non 3r rispondere
lTente costit!isce5 :!indi5 l con3er* di !n siste* di respons#ilit$
estre**ente dosto5 c%e escl!de o grd! l rispost sn"iontori in
3!n"ione dellTintensit$ e dell te*pesti(it$ con le :!li si ssic!r l
sl(g!rdi del #ene protetto. Se l respons#ilit$ 2 tten!t in
presen" di !n post63tto c%e reintegr per :!nto possi#ile lTo33es5
*ggior rgione de(e essere escl!s :!ndo ricorre !nT"ione c%e
i*pedisce lo stesso ccdi*ento dellTillecito.

Non 2 stt dettt lc!n disposi"ione con rig!rdo ll Vdesisten"
(olontriV5 s!l pres!pposto5 or*i !nni*e*ente condi(iso5 dell
sostn"ile s!per3l!it$ di c!i 2 intris l nor* dellTrticolo +-5
secondo cpo(erso5 del codice penle< c%e lTente :!indi5 nel cso in
:!estione5 non de## rispondere5 se non li*itt*ente gli tti
co*pi!ti condi"ione c%e costit!iscno !n reto per il :!le si
pre(ist l s! respons#ilit$5 2 ge(ol*ente ric(#ile s!l pino
dellTinterpret"ione e dei principi.

1&. Il concorso di sn"ioni interditti(e.

L disposi"ione dellTrticolo /&5 colloct nellT*#ito delle disposi"ioni
di tt!"ione e di coordin*ento5 disciplin !n 3eno*eno di
con(ergen" di sn"ioni interditti(e5 l c!i ricorren" p!>
pronosticrsi co*e t!ttTltro c%e (irt!le. Il 3eno*eno 2 legto ll
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
149

possi#ile pplic#ilit$ di sn"ioni interditti(e 1so(ente :!li3icte
co*e ccessorie7 st#ilite d leggi specili nei con3ronti dellTente in
presen" di !n senten" di condnn per !no dei reti pre(isti nel
decreto legislti(o. In ltre prole5 p!> ccedere c%e si pro3ili !n
Vcon(ergen"V (erso il *edesi*o 3tto6reto5 per il :!le 2 inter(en!t
l condnn5 di sn"ioni interditti(e pre(iste dl presente decreto e di
sn"ioni di nlogo conten!to st#ilite d di(erse disposi"ioni di legge.

L nor* dellTrticolo /&5 segnt*ente il co** 15 sncisce c%e nei
con3ronti degli enti si pplicno solo le sn"ioni pre(iste dl decreto
legislti(o5 s!l pres!pposto c%e :!esto5 co*e legge s!ccessi(5
introd!ce l Vn!o(V disciplin orgnic dell respons#ilit$
sn"iontori degli enti5 destint perci> pre(lere s!lle di(erse
disposi"ioni dell legisl"ione specile.

In ltre prole5 l nor* intende riconoscere l presente decreto l
dignit$ di !tentico stt!to dell respons#ilit$ sn"iontori degli
enti5 i :!li si pplic%ernno5 pertnto5 solo le sn"ioni interditti(e i(i
pre(iste.

L disposi"ione del co** 2 conte*pl il cso in c!i5 per e33etto dell
co**issione dellTillecito d prte dellTente5 :!estT!lti*o ##i gi$
risentito dellTpplic"ione di sn"ioni **inistrti(e di identico o
nlogo conten!to rispetto :!elle irrogte dl gi!dice penle c%e
ccert l respons#ilit$ dellTente.

DAR8N COSTA
Per 3ronteggire si*ili e(enien"e5 l nor* st#ilisce c%e l d!rt
dell sn"ione gi$ so33ert do(r$ essere co*p!tt i 3ini dell
deter*in"ione dell d!rt dell sn"ione interditti( dipendente d
reto5 irrogt dl gi!dice penle.

II 6 RESPONSABILITAT PATRICONIALE E =ICENDE CODI4ICATI=E
DELLTENTE

1). Respons#ilit$ ptri*onile.

LTrticolo 2.5 dndo tt!"ione l criterio di deleg di c!i ll letter %75
st#ilisce c%e dellTo##lig"ione per il pg*ento dell sn"ione
pec!niri risponde soltnto lTente con il s!o ptri*onio o con il 3ondo
co*!ne5 escl!dendo5 cosL5 c%e possno essere c%i*ti risponderne
nc%e i singoli soci od ssociti5 secondo l disciplin (le(ole in
rpporto lle ltre o##lig"ioni dellTente 1si pensi5 tipic*ente5 i soci
illi*itt*ente respons#ili di societ$ personli7. L *edesi*
disposi"ione estende5 ltresL5 i crediti dello Stto connessi ll
respons#ilit$ dellTente per 3tti di reto il pri(ilegio c%e ssiste5
nor* del codice di proced!r penle 1(.5 in prticolre5 lTrticolo &2'5
co** 275 i corrispondenti crediti dipendenti d reto.

1).1. =icende *odi3icti(e dellTente.

I s!ccessi(i rticoli d 2/ &2 regolno lTinciden" s!ll respons#ilit$
dellTente delle (icende *odi3icti(e connesse d oper"ioni di
trs3or*"ione5 3!sione o scissione. Nell relti( disciplin si 2 ten!to
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
151

conto di d!e esigen"e contrpposte< d !n lto5 :!ell di e(itre c%e tli
oper"ioni si risol(no in ge(oli *odlit$ di el!sione dell
respons#ilit$; dllTltro5 :!ell di escl!dere e33etti eccessi(*ente
penli""nti5 tli d porre re*ore nc%e d inter(enti di
riorgni"""ione pri(i degli ccennti intenti el!si(i. Il criterio di
*ssi* l rig!rdo seg!ito 2 stto :!ello di regolre l sorte delle
sn"ioni pec!nirie con3or*e*ente i principi dettti dl codice ci(ile
in ordine ll generlit$ degli ltri de#iti dellTente originrio5
*ntenendo5 per con(erso5 il colleg*ento delle sn"ioni interditti(e
con il r*o di tti(it$ nel c!i *#ito 2 stto co**esso il reto. Si 2
riconosci!t5 perltro5 llTente interessto l possi#ilit$ di ottenere l
sostit!"ione di tli !lti*e sn"ioni con !n sn"ione pec!niri5
llorc%N l riorgni"""ione "iendle5 solit*ente pro3ond5 c%e seg!e
ll 3!sione o ll scissione si (ls d eli*inre le c!se c%e (e(no
deter*into o reso possi#ile l co**issione del reto.

= segnlto5 sotto di(erso pro3ilo5 co*e l disciplin in es*e 6
nlog*ente :!nto ((iene per le sn"ioni **inistrti(e
tri#!trie 1rticolo 1+ del decreto legislti(o 1/ dice*#re 100.5 n.
).27 6 ris!lti indistint*ente ri3erit t!tti gli enti c!i il decreto 2
pplic#ile5 e non lle sole societ$. Se##ene5 in3tti5 gli istit!ti dell
trs3or*"ione5 3!sione e scissione tro(ino regol*ent"ione generle
e VtipicV in rpporto :!este !lti*e5 il loro *#ito di operti(it$ 2 piB
(sto5 potendo i corrispondenti 3eno*eni interessre nc%e enti di
di(ers nt!r 1si pensi5 d ese*pio5 ll (icend dell
Vtrs3or*"ioneV degli enti p!##lici econo*ici in societ$ per "ioni di
diritto pri(to7.
DAR8N COSTA
In tle prospetti(5 lTrticolo 2/ precis5 n"it!tto5 c%e nel cso di
trs3or*"ione rest 3er* l respons#ilit$ dellTente trs3or*to per
i 3tti di reto nterior*ente co**essi< pre(isione5 :!est5 coerente
con l nt!r dellTistit!to dell trs3or*"ione5 il :!le i*plic !n
se*plice *!t*ento del *od!lo orgni""ti(o5 c%e non incide
s!llTidentit$ dellTente.

Con ri3eri*ento llTipotesi di 3!sione5 lTrticolo 20 pre(ede c%e lTente
c%e ne ris!lt 1i(i co*preso lTente incorpornte5 nel cso di 3!sione per
incorpor"ione7 risponde dei reti dei :!li erno respons#ili gli enti
prtecipnti llToper"ione. Anc%e tle sol!"ione si gi!sti3ic
ge(ol*ente ll l!ce dell consider"ione c%e lTente in prol5 non
solo ss!*e t!tti i diritti ed o##lig%i degli enti estinti 1rticolo 2+')6
#is5 pri*o co**5 del codice ci(ile75 * ne ccorp le tti(it$ "iendli5
co*prese necessri*ente5 d!n:!e5 :!elle nellT*#ito delle :!li sono
stti posti in essere i reti di c!i tli !lti*i enti do(e(no rispondere.

Ad e(itre c%e5 con prticolre rig!rdo lle sn"ioni interditti(e5 l
regol or en!ncit deter*ini !n Vdilt"ioneV di d!##i opport!nit$
dell *is!r p!niti( 6 coin(olgendo "iende VsneV in pro((edi*enti
diretti colpire "iende V*lteV 1si pensi l cso in c!i !n *odest
societ$5 respons#ile di !n illecito sn"ion#ile con il di(ieto di
contrttre con l p!##lic **inistr"ione5 (eng incorport d !n
grnde societ$ con "ioni :!otte in #ors7 6 pro((edono5 per (ero5 d
!n lto5 l disposi"ione generle c%e li*it co*!n:!e le sn"ioni
interditti(e llTtti(it$ o lle str!tt!re in c!i lTillecito 2 stto co**esso
1rticolo 1)5 co** 15 dello sc%e*7; e5 dllTltro5 l gi$ ricordt
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
153

3colt$ dellTente ris!ltnte dll 3!sione di c%iedere5 nei congr!i csi5 l
sostit!"ione delle sn"ioni stesse con sn"ioni pec!nirie.

Cggior*ente rticolt ris!lt l disciplin dettt per lTipotesi dell
scissione5 l :!le tiene conto delle di33erenti 3or*e c%e :!est p!>
ss!*ere. LTrticolo &' esordisce5 in prticolre5 st#ilendo c%e5 nel
cso di scissione pr"ile 6 :!ndo5 cio25 l scissione ((eng *edinte
trs3eri*ento di !n 3r"ione soltnto del ptri*onio dell societ$
sciss5 l :!le pertnto sopr((i(e 6 tle societ$ ri*ne respons#ile
per i reti co**essi nterior*ente ll dt in c!i lToper"ione %
(!to e33etto5 sl( l specile regol in te* di sn"ioni interditti(e
c!i poco piB oltre si 3r$ cenno. In line con l generle pre(isione
dellTrt. 2+')6decies5 secondo co**5 del codice ci(ile5 il co** 2
dellTrticolo &' dello sc%e* st#ilisce5 poi5 c%e 6 nei csi di scissione
tnto pr"ile c%e totle 6 gli enti #ene3iciri sono solid*ente
o##ligti l pg*ento delle sn"ioni pec!nirie do(!te dllTente
scisso per reti nterior*ente co**essi5 nel li*ite nel (lore e33etti(o
del ptri*onio netto trs3erito cisc!no di essi< li*ite c%e t!tt(i
non oper rispetto gli enti i :!li ris!lt de(ol!to5 nc%e solo in
prte5 il r*o di tti(it$ nel c!i *#ito 2 stto co**esso il reto. En
regol prticolre 2 dettt in ordine lle sn"ioni interditti(e5 le :!li
ris!ltno pplic#ili i soli enti c!i 2 ri*sto 1nel cso di scissione
pr"ile7 o 2 stto trs3erito 1in ogni ipotesi di scissione75 nc%e solo in
prte5 il r*o di tti(it$ c%e % dto l!ogo ll co**issione del reto.

Il s!ccessi(o rticolo &1 6 dettndo disposi"ioni co*!ni tnto ll
3!sione c%e ll scissione5 con ri3eri*ento llTe(ent!lit$ c%e esse sino
DAR8N COSTA
inter(en!te pri* dell concl!sione del gi!di"io 6 c%irisce5 l co**
15 c%e nell co**is!r"ione dell sn"ione pec!niri il gi!dice de(e
3r ri3eri*ento in ogni cso lle condi"ioni econo*ic%e e ptri*onili
dellTente originri*ente respons#ile5 e non :!elle 1spesso
signi3icti(*ente di(ersi3icte7 dellTente c!i l sn"ione stess 3
crico dopo l 3!sione o l scissione.

LTente ris!ltnte dll 3!sione e lTente c%e5 in cso di scissione5
ris!ltere##e esposto d !n sn"ione interditti( possono o((i*ente
e(itrne in rdice lTpplic"ione pro((edendo ll ripr"ione delle
conseg!en"e del reto5 nei sensi e nei ter*ini indicti in (i generle
dllTrticolo 1-. Si 2 riten!to t!tt(i opport!no pre(edere5 per le
rgioni din"i e(iden"ite5 c%e :!ndo lToperti(it$ dell citt
disposi"ione ris!ltsse precl!s dl s!per*ento del li*ite te*porle
dellTpert!r del di#tti*ento5 lTente interessto ##i co*!n:!e
3colt$ di ric%iedere l gi!dice l sostit!"ione dell sn"ione
interditti( con !n sn"ione pec!niri di **ontre pri d !n
d!e (olte :!ell in3litt llTente per il *edesi*o reto. L sostit!"ione
2 **ess ll condi"ione c%e5 seg!ito dell 3!sione o dell scissione5
si si reli""t !n *odi3ic orgni""ti( idone pre(enire l
co**issione di n!o(i reti dell stess specie e c%e5 inoltre5 lTente
##i risrcito il dnno o eli*into le conseg!en"e del reto e *esso
disposi"ione per l con3isc il pro3itto e(ent!l*ente conseg!ito
1sTintende5 per l prte ri3eri#ile llTente stesso7. Rest sl(5 in ogni
cso5 l 3colt$ di c%iedere l con(ersione nc%e in eOec!ti(is nor*
dellTrt. ./.

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
155

LTrticolo &2 pre(ede c%e il gi!dice poss tener conto delle condnne
gi$ in3litte nei con3ronti degli enti prtecipnti ll 3!sione o dellTente
scisso l 3ine di ritenere l reiter"ione in rpporto gli illeciti dellTente
ris!ltnte dll 3!sione o #ene3icirio dell scissione5 correlti reti
s!ccessi(*ente co**essi. L reiter"ione5 in tl cso5 non oper
perltro !to*tic*ente5 * 3or* oggetto di (l!t"ione
discre"ionle d prte del gi!dice5 in rpporto lle concrete
circostn"e. Nei con3ronti degli enti #ene3iciri dell scissione5 ess p!>
essere inoltre r((ist solo :!ndo si trtti di ente c!i 2 stto
trs3erito5 nc%e in prte5 il r*o di tti(it$ nel c!i *#ito 2 stto
co**esso il precedente reto.

LTrticolo && si occ!p delle di(erse 3ttispecie dell cessione e del
con3eri*ento di "iend. Si intende co*e nc%e tli oper"ioni sino
s!scetti(e di prestrsi *no(re el!si(e dell respons#ilit$< e5 p!r
t!tt(i5 *ggior*ente pregnnti ris!ltno5 rispetto d esse5 le
contrpposte esigen"e di t!tel dellT33id*ento e dell sic!re"" del
tr33ico gi!ridico5 essendosi l cospetto di ipotesi di s!ccessione titolo
prticolre c%e lscino inltert lTidentit$ 1e l respons#ilit$7 del
cedente o del con3erente. Adttndo5 :!indi5 lle pec!lirit$ dell
*teri l generle pre(isione dellTrticolo 2+-' del codice ci(ile5 in
te* di de#iti relti(i llT"iend ced!t 6 nc%e ll l!ce dell
disciplin in (igore per le sn"ioni **inistrti(e tri#!trie 1rticolo
1) del decreto legislti(o n. ).2 del 100.7 6 si st#ilisce c%e nel cso di
cessione dellT"iend nell c!i tti(it$ 2 stto co**esso il reto5 il
cessionrio 2 solidl*ente o##ligto5 sl(o il #ene3icio dell pre(enti(
esc!ssione del cedente e nei li*iti del (lore dellT"iend ced!t5 l
DAR8N COSTA
pg*ento dell sn"ione pec!niri correlt l reto stesso< p!rc%N5
perltro5 il relti(o de#ito e*erg di li#ri cont#ili o##ligtori5 o((ero
il cessionrio 3osse co*!n:!e conoscen" dellTillecito **inistrti(o
dellTente cedente 1non5 d!n:!e5 del solo reto7 dl :!le l sn"ione
stess sct!risce. Rest escl!s5 di contro5 in ogni cso5 lTestensione l
cessionrio delle sn"ioni interditti(e in3litte l cedente. L *edesi*
disciplin (le nc%e per il cso di con3eri*ento di "iend.

1).2. L *nct tt!"ione dell deleg in ordine gli e33etti ci(ili
conseg!enti llTccert*ento di respons#ilit$ dellTente.

Lettere t75 !75 (7 e "7 dellTrticolo 11 dettno ltrettnti criteri di deleg
in te* di e33etti ci(ili conseg!enti llTccert*ento dell
respons#ilit$ dellTente< nell letter t7 si pre(ede di riconoscere
llTssocito5 l socio o l consor"ito il diritto di recedere
dllTssoci"ione5 dll societ$ o dl consor"io nellTipotesi in c!i si
stt dic%irt l respons#ilit$ dellTente per !n illecito dipendente d
reto5 condi"ione c%e il soggetto c%e intend recedere non ##i
s(olto5 nepp!re in (i indirett o di 3tto5 3!n"ioni di **inistr"ione
o di gestione5 nN ##i dto c!s o prestto desione ll
co**issione dellTillecito; nell letter !7 si deleg il Go(erno
pre(edere !nTge(ol"ione nel pro*o(i*ento dellT"ione socile di
respons#ilit$ eO rticolo 2&0& del codice ci(ile per i dnni pro(octi
dllTccert*ento dellTillecito correlto 3tti di reto5 d reli""re
ttr(erso l rid!"ione dell 3r"ione di cpitle ric%iest per
lTdo"ione dell relti( deli#er"ione sse*#lere; nelle lettere (7 e "7
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
157

(engono i*prtite diretti(e in te* di eserci"io dellT"ione indi(id!le
del socio o del ter"o per il risrci*ento del dnno.

Il Go(erno 2 dellT((iso c%e i s!indicti criteri di deleg non de##no
tro(re tt!"ione per d!e rgioni.

L pri* 2 di ordine tecnico6gi!ridico< lTinsie*e delle disposi"ioni dell
deleg5 in specie :!elle s!l recesso e lTeserci"io dellT"ione indi(id!le
per il risrci*ento del dnno5 oltre denotre !n preocc!pnte
ne#!losit$ interpretti( 1si pensi ll pre(isione in c!i si st#ilisce
c%e Vil riconosci*ento del dnno ... non si (incolto ll di*ostr"ione
dell s!ssisten" di !n nesso di c!slit$ diretto tr il 3tto c%e %
deter*into lTccert*ento dell respons#ilit$ ... e il dnno s!#itoV75
se*#rno di33icil*ente co*pti#ili con i principi del diritto societrio5
(isto c%e sono essen"il*ente protese r33or"re lTe33icci generl6
pre(enti( del siste* sn"iontorio5 ccordndo 3or*e di t!tel
sinor sconosci!te l socio c%e si ri*sto estrneo llTillecito5
discpito degli interessi dei creditori socili e5 piB in generle5 gli
stessi pro3ili di sol(i#ilit$ dellTi*pres.

Proprio :!estT!lti*o rilie(o si sld con l second rgione 6 di ordine
s:!isit*ente politico 6 post 3ond*ento del *ncto eserci"io
dell deleg in prte :!.

Gli e33etti di nt!r ci(ilistic5 pre3ig!rti nell deleg5 esporre##ero 6
co*e si 2 detto 6 le i*prese gr(i risc%i di inst#ilit$5 tteso c%e il
recesso dei soci e le "ioni di respons#ilit$ potre##ero di 3tto
DAR8N COSTA
co*portre lo Vs*ntell*entoV dellTente5 con gr(e e irrepr#ile
gi!di"io delle rgioni dei creditori. C non #st. En siste* di tl 3tt
ss!*ere##e5 in concreto5 !n (len" !lterior*ente sn"iontori nei
con3ronti delle i*prese5 c%e non (iene pre(ist in ness!no dei
n!*erosi ordin*enti c%e %nno introdotto l respons#ilit$
sn"iontori 1**inistrti( o penle7 delle societ$5 riconosci!te e
non. Si nei pesi di co**on l@ c%e in :!elli di ci(il l@5 non (engono
in lc!n *odo disciplinte 3or*e di t!tel ci(ilistic in 3(ore dei soci
ri*sti estrnei llTillecito5 proprio per e(itre possi#ili 3eno*eni di
prtic dissol!"ione dellTente. Di conseg!en"5 l nor*ti( conten!t
nell deleg5 se tt!t5 snt!rere##e le stesse condi"ioni dell
concorren" econo*ic dnno delle nostre i*prese5 c%e si
tro(ere##ero sottoposte d !n regi*e sn"iontorio di ecce"ionle
intensit$5 sconosci!to negli ltri pesi continentli e non. Se*#r5
:!indi5 pressoc%N ine(it#ile5 oltre c%e opport!no5 li*itre le
conseg!en"e dellTillecito dipendente d reto ll sol in3li"ione delle
sn"ioni pec!nirie e interditti(e5 gi$ pro((iste di !n non trsc!r#ile
3or" diss!si(.

III 6 PROCEDICENTO DI ACCERTACENTO E DI APPLICA?IONE DELLE
SAN?IONI ACCINISTRATI=E

1+. Disposi"ioni generli s!l procedi*ento

Gli rticoli &) e &+ dettno disposi"ioni generli s!l procedi*ento di
ccert*ento e di pplic"ione delle sn"ioni **inistrti(e. Le d!e
nor*e ss!*ono !n rilie(o 3ond*entle5 perc%N st#iliscono5 d !n
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
159

lto5 c%e per il procedi*ento di ccert*ento e di pplic"ione delle
sn"ioni **inistrti(e si osser(no5 oltre c%e le nor*e del decreto5
:!elle del codice di proced!r penle5 in :!nto pplic#ili; dllTltro
lto5 c%e llTente si pplicno le disposi"ioni process!li relti(e
llTi*p!tto5 in :!nto co*pti#ili.

In coeren" con :!nto pre(isto5 *olto stringt*ente5 dll letter :7
dellTrticolo 11 dell deleg5 l scelt del Go(erno 2 stt5 d!n:!e5
:!ell di pri(ilegire il procedi*ento penle co*e l!ogo di
ccert*ento e di pplic"ione delle sn"ioni5 collocndo lTente nell
stess condi"ione dellTi*p!tto.

L rgione di :!esto inter(ento 2 d!plice e deri( dll necessit$ di
coni!gre le esigen"e di e33etti(it$ e di grn"i dellTintero siste*. Per
!n (erso5 in3tti5 si 2 preso tto dellTins!33icien" dei poteri istr!ttori
riconosci!ti ll p!##lic **inistr"ione nel *odello procedi*entle
delineto nell legge n. -/0 del 10/1 rispetto lle esigen"e di
ccert*ento c%e si pongono llTinterno del siste* di respons#ilit$
degli enti. Poic%N lTillecito penle 2 !no dei pres!pposti dell
respons#ilit$5 occorre disporre di t!tti i necessri str!*enti di
ccert*ento di c!i 2 pro((isto il procedi*ento penle5 nett*ente
piB incisi(i e penetrnti rispetto llTrsenle di poteri istr!ttori
conte*plto nell legge -/0M10/1.

Per ltro (erso5 l nt!r penle6**inistrti( degli illeciti dellTente5
doc!*entt dllTpplic#ilit$ di penetrnti sn"ioni interditti(e
deri(te dllTr**entrio penlistico e dll stess (icinn" con il
DAR8N COSTA
3tto6reto5 rende necessrio pre3ig!rre !n siste* di grn"ie *olto
piB e33icce rispetto :!ello5 per (ero scrno5 dell legge -/0. Di
conseg!en"5 si 2 deciso di e:!iprre sostn"il*ente lTente
llTi*p!tto5 cosL d *etterlo nell condi"ione di poter 3r!ire di t!tte le
grn"ie c%e spettno :!estT!lti*o.

1+.1. Co*peten"5 ri!nione e sepr"ione dei processi. Csi di
i*procedi#ilit$

Il siste* process!le per lTccert*ento degli illeciti **inistrti(i
degli enti esordisce con !n disposi"ione5 :!ell dellTrticolo &-5 in c!i
si st#ilisce c%e il gi!dice penle co*petente conoscere gli illeciti
dellTente 2 :!ello co*petente per i reti c!i ccede lTillecito
**inistrti(o. Poic%N :!estT!lti*o5 co*e 3ttispecie co*pless5
pres!ppone lTesisten" di !n 3tto6 reto5 l scelt opert dl Go(erno
in p!nto di co*peten" si stgli ll streg! di !n pre(edi#ile
corollrio.

C (T2 di piB. L nor* dellTrticolo &/5 co** 15 pre(ede5 co*e
regol generle5 ispirt d int!i#ili rgioni di e33etti(it$5 di o*ogeneit$
e di econo*i process!le5 il si*!ltne!s process!s< il processo nei
con3ronti dellTente do(r$5 cio25 ri*nere ri!nito5 per :!nto possi#ile5
l processo penle c%e % d oggetto il reto pres!pposto dell
respons#ilit$ dellTente. O((i*ente5 l regol non p!> (lere in ogni
cso< di conseg!en"5 nel co** 2 dell stess disposi"ione5 (engono
indi(id!ti i csi in c!i occorre procedere ll sepr"ione5 sen" c%e
:!est scissione del procedi*ento co*porti !n 3rtt!r con i principi
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
161

generli del siste* c%e5 co*e 2 noto5 st#ilisce l pien !tono*i
dell respons#ilit$ dell person 3isic rispetto :!ell dellTente. L
disposi"ione dellTrticolo &. pre(ede c%e nei con3ronti dellTente non si
poss procedere :!ndo lT"ione penle ris!lt i*procedi#ile per l
*ncn"5 originri o sopr((en!t5 di !n condi"ione di
procedi#ilit$. L nor* non *erit prticolri co**enti5 (ist l s!
coeren" con i principi generli del siste* e delle rel"ioni c%e
intercorrono 3r i d!e tipi di illecito.

1+.2. L rppresentn" dellTente nel processo.

LTente non p!> prtecipre l processo se non ttr(erso !n person
3isic c%e l rppresenti< il pro#le* 2 :!ello dell nt!r dell
prtecip"ione.

In ltre esperien" gi!ridic%e il r!olo del rppresentnte (iene
ccostto :!ello del testi*one5 pre(edendosi5 d ese*pio nell
legisl"ione 3rncese5 c%e non poss essere sottoposto d lc!n
*is!r coerciti( di(ers d :!elle pplic#ili l testi*one. Tle
ccost*ento pres!ppone c%e il rppresentnte p!> essere costretto
co*prire in gi!di"io con l 3or" p!##lic e p!> essere condnnto l
pg*ento di !n *!lt in cso di *nct co*pri"ione. Si trtt di
!n sol!"ione c%e % pro(octo lc!ni Vi*#r""iV nell
gi!rispr!den" 3rncese c%e5 in !n cso5 % riten!to c%e il
rppresentnte legle di !n societ$ in:!isit non do(esse prestre
gi!r*ento co*e testi*one5 disponendo c%e 3osse sentito solo co*e
person in3or*t dei 3tti.
DAR8N COSTA
Tli esperien"e sono sinto*tic%e di !n o#ietti( di33icolt$
considerre il rppresentnte dell person gi!ridic co*e testi*one5
dl *o*ento c%e l s! posi"ione 2 piB (icin :!ell di !n i*p!tto5
se##ene s!i generis5 in :!nto d esso spett il co*pito di ssic!rre le
prerogti(e di3ensi(e ll person gi!ridic5 c%e 2 il (ero i*p!tto del
processo.

In relt$5 l pri3ic"ione llTi*p!tto (iene e33ett!t con ri3eri*ento
llTente in :!nto tle5 non l rppresentnte legle5 per il :!le 2
pre(isto !n regi*e pec!lire c%e non lo escl!de dlle grn"ie
riser(te llTi*p!tto5 * in tl!ni csi lo consider nc%e !n
testi*one 1(. rt. ))7.

Ed 2 proprio l pec!lirit$ dell rel"ione c%e5 con ri3eri*ento
llT*#ito process!le5 leg il rppresentnte llTente c%e % portto
delinere !n specile 3or* di prtecip"ione nel processo d prte
dellTente.

LTrt. &0 pone il principio #se5 secondo c!i lTente prtecip l
procedi*ento penle con il proprio rppresentnte legle5 pre(edendo
inoltre !n 3or*li"""ione dell prtecip"ione c%e ric%i* i *odi di
prtecip"ione l processo delle ltre prti pri(te5 pi!ttosto c%e
dellTi*p!tto. In3tti5 lTente c%e intend prtecipre l procedi*ento
de(e costit!irsi depositndo !n dic%ir"ione contenente l
deno*in"ione dellTente5 le generlit$ del rppresentnte legle e del
di3ensore5 l dic%ir"ione o lTele"ione di do*icilio; 2 inoltre pre(isto
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
163

c%e ll dic%ir"ione si llegt l proc!r con3erit nelle 3or*e di
c!i llTrt. 1'' c.p.p.

L prtecip"ione l procedi*ento 2 in ogni cso ini#it l
rppresentnte legle c%e si i*p!tto del reto d c!i dipende
lTillecito **inistrti(o. In tle ipotesi5 lTente c%e (ogli prtecipre
!g!l*ente l procedi*ento do(r$ no*inre !n rppresentnte per il
processo e indicrlo nell dic%ir"ione di c!i llTrt. &0 co** 2.

Perltro5 nc%e il *odo in c!i lTente 2 presente nel processo si
di33eren"i dll nlog sit!"ione pre(ist per lTi*p!tto< in3tti5
:!lor il rppresentnte legle dellTente regolr*ente costit!ito non
si presente non si (eri3ic nN !n ipotesi di cont!*ci5 nN di ssen"5
* lTrt. &0 co** ) pre(ede c%e lTente si rppresentto dl
di3ensore. =iene :!indi propost !n 3or* di prtecip"ione non
eccessi(*ente oneros per lTente5 c%e potr$ scegliere le *odlit$ e i
te*pi di prtecip"ione5 sen" rin!ncire d lc!n delle grn"ie c%e
gli deri(no dll s! pri3ic"ione llTi*p!tto. L cont!*ci si (r$
per lTente solo in *ncn" dell costit!"ione 1rt. )17.

Inoltre5 si pre(ede c%e llTente pri(o di di3ensore ne (eng no*into
!no di !33icio e c%e lTente c%e non si costit!isce 2 dic%irto nell 3se
process!le cont!*ce 1rtt. )' e )17.

Per :!nto ttiene le (icende *odi3icti(e dellTente5 2 c%irito c%e il
processo co*!n:!e proseg!e nei con3ronti dellTente o degli enti
DAR8N COSTA
ris!ltnti dlle stesse c%e inter(engono nell 3se in c!i processo si
tro( 1rt. )27.

1+.&. Noti3ic"ioni llTente.

LTrt. )& disciplin le *odlit$ delle noti3ic"ioni llTente. Si ric%i*no
le regole c%e lTrt. 1+) co** & c.p.p. pre(ede per le noti3ic%e lle
p!##lic%e **inistr"ioni e lle persone gi!ridic%e5 rin(indo ll
disciplin st#ilit per il processo ci(ile 1rtt. 1))5 1)+ c.p.c.7. Al 3ine di
e(itre dis3!n"ioni nelle noti3ic%e5 si 2 st#ilito espress*ente c%e l
noti3ic eseg!it *edinte consegn l legle rppresentnte5 nc%e se
i*p!tto del reto d c!i dipende lTillecito **inistrti(o5 2
co*!n:!e (lid. In cso di dic%ir"ione o di ele"ione di do*icilio si
osser(no le disposi"ioni generli di c!i llTrt. 1-1 c.p.p.

En disciplin prticolre si 2 in(ece pre(ist nel cso di
Virreperi#ilit$V dellTente. Non p!> escl!dersi5 in3tti5 c%e l noti3ic non
riesc d ndre #!on 3ine per l di33icolt$ di rintrccire il legle
rppresentnte o((ero per l i*possi#ilit$ di c:!isire in3or*"ioni
s!ll sede dell societ$ o dellTente< in tli csi il co** ) dellTrt. )&
i*pone llT!torit$ di disporre n!o(e ricerc%e5 * se :!este do(essero
dre esito negti(o non si proceder$ d !n i*pro##ile dic%ir"ione
di irreperi#ilit$ dellTente5 c%e perltro potre##e nc%e non esistere piB5
* il gi!dice sospender$ il procedi*ento. In sostn"5 per lTente 2
**esso il processo cont!*cile5 * nello stesso te*po si escl!de
c%e poss essere cele#rto !n processo sen" l pro( c%e lTente ne
##i (!to !n e33etti( conoscen".
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
165

1-. Inco*pti#ilit$ con lT!33icio di testi*one.

L nor* dellTrticolo )) sncisce lTinco*pti#ilit$ dellT!33icio di
testi*one delle persone i*p!tte del reto d c!i dipende lTillecito
dellTente nonc%N dell person c%e rppresent lTente nel
procedi*ento penle5 e c%e ne er rppresentnte l *o*ento dell
co**issione del reto d c!i lTillecito dipende.

LTinco*pti#ilit$ sncit nel pri*o cso si 3ond s! rgioni 3cil*ente
int!i#ili< le persone c%e %nno co**esso il reto potre##ero (ntre
interessi in con3litto con :!elli dellTente 1si pensi d !n **inistrtore
c%e tende scricre l respons#ilit$ s!llTente o (ice(ers7. L
second ipotesi di inco*pti#ilit$ discende dll circostn" c%e
llTente 2 riconosci!t l condi"ione di i*p!tto nel procedi*ento e5
pertnto5 l person 3isic c%e lo rppresent( l *o*ento dell
co**issione del reto c%e rdic l respons#ilit$ **inistrti( e
contin! rppresentrl nel processo non p!> essere ss!nt co*e
teste. In :!esto secondo cso5 perltro5 l posi"ione del rppresentnte
2 e:!iprt :!elle dellTi*p!tto in procedi*ento connesso e
pertnto potr$ essere sentito ed es*into negli stessi csi e con i
*edesi*i e33etti di :!esti.
1.. Cis!re c!telri.
LTesigen" di pprestre !n siste* di c!tele con ri3eri*ento
llTillecito i*p!t#ile ll person gi!ridic !##idisce !n d!plice
scopo< e(itre l dispersione delle grn"ie delle o##lig"ioni ci(ili
deri(nti dl reto; Vprli""reV o rid!rre lTtti(it$ dellTente :!ndo l
DAR8N COSTA
prosec!"ione dellTtti(it$ stess poss ggr(re o protrrre le
conseg!en"e del reto o((ero ge(olre l co**issione di ltri reti.

Si trtt di esigen"e c%e possono essere soddis3tte ricorrendo gli
str!*enti del se:!estro conser(ti(o e pre(enti(o5 * 2 ind!#it#ile
lTopport!nit$ di !n regol*ent"ione !tono* c%e teng conto dell
speci3icit$ dellTinter(ento.

L legge deleg se*#r 3r ri3eri*ento *eccnis*i di pplic"ione
nticipt dell sn"ione5 dl *o*ento c%e conte*pl co*e *is!re
c!telri le stesse sn"ioni pre(iste dll lett. l7 dellTrt. 11. T!tt(i5
nc%e in consider"ione del tenore letterle del criterio di deleg5 c%e
prl di sn"ioni pplic#ili in sede c!telre 1rt. 11 lett. o75 si 2
pre3erito operre l scelt 3(ore dellTintrod!"ione di !n siste*
propri*ente c!telre5 con lc!ni corretti(i. DTltr prte5 lTesigen"
di nticipre lc!ni e33etti dell decisione de3initi( c%e rig!rdno
lTente5 ttr(erso il ricorso lle *is!re c!telri5 2 in 3!n"ione
dellTe33etti(it$ dellTccert*ento gi!risdi"ionle. Anc%e per
lTccert*ento dell respons#ilit$ dellTente5 le *is!re c!telri si
crtteri""no per l loro str!*entlit$ e pro((isoriet$5 in :!nto
destinte Vser(ireV l decisione de3initi(; inoltre lTinseri*ento
dellTccert*ento dellTillecito **inistrti(o nel processo penle
deter*in lTestensione del processo di gi!risdi"ionli"""ione delle
*is!re c!telri nc%e 3(ore dellTente.

S!ll scelt delle *is!re c!telri l deleg non % lscito lc!no
sp"io l legisltore delegto ed in3tti lTrt. )+ dello sc%e* di decreto
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
167

si li*it ric%i*re lTrt. 05 c%e *en"ion i di(ersi tipi di sn"ioni
interditti(e pplic#ili5 llTesito del procedi*ento5 llTente. Si 2 cosL
opert !n sostn"ile so(rpposi"ione tr le sn"ioni interditti(e e le
*is!re c!telri5 tt!ndo l diretti( conten!t nell legge6deleg.
Perltro5 non t!tte le sn"ioni dell lett. l7 se*#rno prestrsi in *odo
deg!to s(olgere 3!n"ioni di c!tel5 in prticolre l p!##lic"ione
dell senten" 1c%e lTrt. 0 non *en"ion tr le sn"ioni interditti(e7 2
pprs sn"ione intrinsec*ente inidone d essere !tili""t per
esigen"e c!telri c!s dell 3orte (len" 33litti( e stig*ti""nte
dell condott post in essere5 per c!i si 2 pre3erito escl!derl dl
no(ero delle *is!re c!telri. Dest :!lc%e perplessit$ nc%e
lTincl!sione dell sn"ione del di(ieto di p!##lici""re #eni o ser(i"i5
t!tt(i non se*#r potersi escl!dere l possi#ilit$ di !n s!
!tili"""ioni per 3inlit$ c!telri. In ogni cso si ri*ette l Prl*ento
ogni e(ent!le indic"ioni l rig!rdo.

Per lTpplic"ione delle *is!re5 lTrt. )+ ric%iede l s!ssisten" di !n
serie di pres!pposti5 in prte *!t!ti dll corrispondente disciplin
codicistic. Innn"it!tto5 si pre(ede c%e de##no s!ssistere Vgr(i
indi"iV s!ll respons#ilit$ dellTente per lTillecito **inistrti(o5
replicndo in prte l disposi"ione s!lle condi"ioni generli di
pplic#ilit$ delle *is!re di c!i llTrt. 2.& c.p.p. L (st csistic
relti( gli ele*enti c%e possono trs3or*rsi in indi"i dell
respons#ilit$ dellTente gi!sti3icnti lTdo"ione di !n *is!r
c!telre5 (iene #ilncit dl ri3eri*ento ll gr(it$5 c%e rid!ce
lT*#ito pplicti(o di *is!re c%e5 nt!rl*ente5 non %nno d oggetto
il #ene dell li#ert$ personle. In ogni cso5 per indi(id!re il
DAR8N COSTA
connotto dell gr(it$ potr$ 3rsi ricorso ll gi!rispr!den"
3or*tsi con il n!o(o codice5 secondo c!i l (len" pro#tori dei
gr(i indi"i p!> essere in3eriore :!ell necessri per gi!sti3icre il
gi!di"io di#tti*entle o lT33er*"ione dell respons#ilit$5 nel senso
c%e de(e trttrsi co*!n:!e di indi"i c%e de(ono essere (l!tti
nellTottic di !n gi!di"io prognostico per (eri3icre 6 llo stto degli tti
6 il 3!*!s co**issi delicti5 cio2 !n pro##ilit$ di colpe(ole"" lt5
:!li3ict5 rgione(ole e cpce di resistere d interpret"ioni
lternti(e 1Css.5 se". !n.5 21 prile 100+5 Costntino; Css.5 & *r"o
10025 Bicc; Css.5 2- gennio 100)5 D*ini7. Il re:!isito dell
gr(it$ p!nt!li"" l cpcit$ di*ostrti( del dto rispetto l t%e*
pro#nd!*5 con l conseg!en" dell in!tili""#ilit$ dellTindi"io l
:!le si ttri#!i#ile !n signi3icto di(erso d :!ello di in3eren". Ci>
signi3ic c%e pri* de(e essere (eri3ict l s!ssisten" dell
circostn" pro#tori5 escl!dendo c%e l *is!r poss 3ondrsi s! !n
*ero sospetto o !n congett!r5 per poi indi(id!re il diretto
colleg*ento con lToggetto dellTccert*ento.

Nt!rl*ente l (eri3ic dei gr(i indi"i ri3eriti llTpplic#ilit$ delle
*is!re de(e considerre l prticolre nt!r e str!tt!r dellTillecito
**inistrti(o in :!estione5 per c!i l respons#ilit$ dellTente 2 per
cosL dire Vderi(tV d :!ell dellTi*p!tto6person 3isic. Pertnto5 l
gr(it$ degli indi"i do(r$ rig!rdre il co*plesso *eccnis*o di
i*p!t"ione dell respons#ilit$ llTente di c!i llTrt. +< in sostn"5 l
(l!t"ione in ordine ll s!ssisten" dei gr(i indi"i ndr$ ri3erit l
reto posto in essere5 ll (eri3ic dellT interesse o del (ntggio
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
169

deri(nte llTente e l r!olo dei soggetti indicti nelle lett. 7 e #7 del
citto rt. +.

LTccert*ento del 3!*!s relti(o ll s!ssisten" dellTillecito de(e
essere cco*pgnto dll (eri3ic del peric!l!* e5 :!indi5 delle
esigen"e c!telri c%e gi!sti3icno lTdo"ione di !n *is!r. LTrt. )+
ric%i* i pres!pposti per lTpplic"ione5 con l senten" di condnn5
delle sn"ioni interditti(e 1rt. 1& co** 175 dttndoli ll 3se dell
c!tel. Gli ele*enti c%e possono gi!sti3icre !n prognosi di
peric!l!* de(ono essere 3ondti e speci3ici. Il ri3eri*ento ll
concrete"" del pericolo ri(el lTesigen" di !n pro##ilit$ e33etti( ed
tt!le5 riscontrt ttr(erso ele*enti oggetti(i e speci3ici5 circ il
(eri3icrsi dell co**issione di illeciti dell stess indole di :!ello per
c!i si procede. Il ri3eri*ento 2 ll pericolosit$ dellTente5 des!nt dll
condott recidi(nte. In :!esto cso le esigen"e di c!tel de(ono
considerre l Vpersonlit$V dellTente5 o *eglio l s! politic
i*prenditorile< in presen" di reiter"ione degli illeciti si gi!sti3ic
lTdo"ione di !n *is!r. Pres!pposto 2 nc%e :!i !n pericolo
concreto5 inteso non co*e reli"""ione delitt!os in itinere5 * co*e
dto d des!*ere d 3tti e condotte gi$ ccd!ti o posti in essere.

Per il procedi*ento pplicti(o si 2 replicto il siste* pre(isto dl
codice di rito per le *is!re c!telri nei con3ronti dell person 3isic5
con i necessri dtt*enti. ET il gi!dice c%e5 s! ric%iest del p!##lico
*inistero5 p!> disporre con ordinn" l *is!r c!telre. LTordinn"
2 :!ell dellTrt. 202 c.p.p.5 nor* c%e (iene ric%i*t espress*ente
nellTrt. )+ e c%e tro( pplic"ione nc%e per :!nto rig!rd l
DAR8N COSTA
n!llit$ di c!i l co** 26ter. Inoltre5 in consider"ione dell nt!r
delle *is!re5 si 2 pre(isto c%e de##no esserne indicte nc%e le
*odlit$ pplicti(e5 nonc%N c%e il gi!dice poss5 in l!ogo dell *is!r
interditti(5 pro((edere ll no*in di !n co**issrio gi!di"ile
nor* dellT rt. 1+ per !n periodo pri ll d!rt dell sn"ione
pplic#ile in (i c!telre.

Se5 sotto il pro3ilo dellTindi(id!"ione del gi!dice legitti*to ll
pplic"ione dell *is!r c!telre5 lTrt. ). non ipoti"" sostn"ili
no(it$ rispetto l siste* codicistico5 (isto c%e ssegn il co*pito dell
deli#er"ione l gi!dice c%e procede5 o((ero5 in 3se di indgini5 l
gi!dice delle indgini preli*inri5 operndosi inoltre !n esplicito
ric%i*o llTrt. 01 del d. lgs. 2/ l!glio 10/05 n. 2.15 !n consistente
inno("ione 2 d riconnettere d ltro spetto dell proced!r
pplicti( dell c!tel. Si ll!de :!nto pre(isto dl co** 2 dellT
rt. ). c%e introd!ce5 in *teri5 !n 3or* di contrddittorio
nticipto s!llTpplic"ione dell *is!r5 per certi (ersi nlog
:!ell pre(ist dl (igente rt. 2/05 co** 25 c.p.p. e5 di conseg!en"5
indi(id! i *odi ttr(erso i :!li esso 2 dep!tto reli""rsi
*edinte !n ric%i*o lle disposi"ioni5 dttte5 dellTrt. 12. c.p.p.
Ris!lt5 cosL5 c%irito c%e lTpplic"ione dell *is!r c!telre nei
con3ronti delle persone gi!ridic%e ((iene se*pre in !dien"5
do(endosi5 :!i5 disting!ere escl!si(*ente tr !dien" p!##lic
o((ero c*erle.

Nel siste* delle *is!re c!telri personli5 lTori""onte conosciti(o del
gi!dice5 i 3ini dell decisione5 2 de3inito dll ric%iest del p!##lico
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
171

*inistero e le VrgioniV dell person rggi!nt dl pro((edi*ento
coerciti(o tro(no ingresso nel procedi*ento ttr(erso
lTinterrogtorio nor* dellTrt. 20) c.p.p.5 3!n"ionle ll (eri3ic
s!llTesisten" delle condi"ioni c%e ne %nno legitti*to lTdo"ione. Ne
deri(5 pertnto5 c%e l decisione del gi!dice s!ll ric%iest del
p!##lico *inistero non costit!isce lTesito di !n procedi*ento in
contrddittorio; l contrrio5 le deter*in"ioni delle prti si
dispiegno ttr(erso di(erse scnsioni te*porli< dppri* il
p!##lico *inistero pone il te* c!telre indicndo le rgioni c%e
*ilitno per lTccogli*ento dell do*nd5 dndo conto nc%e degli
ele*enti 3(ore(oli llTindgto; solo *is!r dottt5 :!estT!lti*o
potr$ 3r (lere le proprie di3ese nel contesto di !n interrogtorio Vdi
grn"iV diretto d ccertre l per*nen" dei pres!pposti c%e
(e(no legitti*to lTdo"ione del pro((edi*ento de plno.

Il co** 2 dellTrt. ). dello sc%e* *!o(e5 in(ece5 dll con(in"ione
c%e proprio l nt!r e le crtteristic%e dellTente gi!sti3icno il ricorso
l pre(io contrddittorio in (ist dell decisione s!ll do*nd del
p!##lico *inistero. L dilettic tr le prti costit!isce lo str!*ento
piB e33icce per porre il gi!dice nell condi"ione di dottre !n *is!r
interditti(5 c%e p!> (ere conseg!en"e prticolr*ente incisi(e s!ll
(it dell person gi!ridic; in :!esto *odo5 l ric%iest c!telre del
p!##lico *inistero (iene *is!rrsi con l prospett"ione di ipotesi
lternti(e dirette prli""re o tten!re lTini"iti( cc!stori5 con
lTe33etto di *plire lTor#it cogniti( del gi!dice e di e(itre i risc%i di
!n decisione dottt s!ll scort del *terile !nilterle.

DAR8N COSTA
A(n"t l ric%iest5 il gi!dice 2 c%i*to decidere secondo i criteri
nor*ti(*ente indi(id!ti dllTrt. )-< #en (edere5 si trtt di
criteri di scelt delle *is!re non dissi*ili d :!elli c%e il codice di rito
disciplin con ri3eri*ento lle c!tele personli5 con gli opport!ni
dtt*enti. Il pri*o criterio c%e (iene in consider"ione5 d!n:!e5 2
:!ello di idoneit$5 do(endo il gi!dice (l!tre l speci3ic 3!n"ionlit$
dell *is!r ric%iest scongi!rre i peric!l s!ssistenti nel cso
concreto; in secondo l!ogo5 l (l!t"ione del gi!dice do(r$ essere
g!idt d !n criterio di propor"ione rispetto l 3tto contestto ed ll
sn"ione per esso pplic#ile llTente in (i de3initi(; in3ine5 si do(r$
tener conto dellTdeg!te"" dell c!tel5 con ri3eri*ento
llTinterdi"ione dllTeserci"io dellTtti(it$. L gr(it$ di :!estT!lti*
sn"ione e l s! ttit!dine d incidere s!ll stess (it dellTente
gi!sti3ic l s! possi#ilit$ di pplic"ione co*e eOtre* rtio5
rppresentndo5 per trslto5 il *ssi*o grdo di c!tel pplic#ile
nell specie5 co*e lo 2 l c!stodi c!telre nei con3ronti dellTi*p!tto
person 3isic. Pl!si#ile ppre in3ine l pre(isione5 ten!to conto
ncor !n (olt dell Vconsisten"V delle c!tele5 c%e :!este non
possno essere pplicte congi!nt*ente.

E*ess l *is!r5 si trtter$ di c!rrne gli spetti esec!ti(i. D tl
p!nto di (ist l disciplin pre(ist dllTrt. )/ si ispir lle
corrispondenti pre(isioni codicistic%e; lTesec!"ione del pro((edi*ento
2 in3tti c!rt dl p!##lico *inistero5 c%e pro((ede noti3icre
llTente lTordinn" pplicti( dell *is!r.

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
173

LTssen" di ogni ri3eri*ento l gi!dice c%e % e*esso il
pro((edi*ento si gi!sti3ic s!ll scort dell consider"ione c%e tle
orgno non 2 c%i*to s(olgere5 :!i5 :!egli de*pi*enti Vdi
grn"iV nor*l*ente riconnessi llTpplic"ione delle c!tele
personli e5 segnt*ente5 lTinterrogtorio del soggetto sottoposto ll
*is!r personle5 c%e ppre ipotesi non riproponi#ile 6per e(identi
rgioni di co*pti#ilit$6 nell *teri in :!estione.

Per :!nto ttiene ll V(itV dell *is!r5 (engono in gioco le
disposi"ioni conten!te negli rtt. +' e +1. L pri* nor* pre(ede i
csi di re(oc e sostit!"ione dell c!tel< co*e nei csi di pplic"ione
delle *is!re coerciti(e personli5 nc%e :!i il 3eno*eno estinti(o o
tten!ti(o dell *is!r 2 espressione degli stessi criteri c%e
go(ernno il *o*ento introd!tti(o dell c!tel *edesi*. Si 2
riten!to5 perltro5 opport!no disting!ere tr l re(oc to!t co!rt dell
c!tel pplict e l s! *er tten!"ione. Nel pri*o cso5 i c!i
pres!pposti risiedono nel (enir *eno5 nc%e per 3tti sopr((en!ti5
delle condi"ioni di pplic#ilit$ dell c!tel o dell possi#ilit$ di
pplic"ione delle sn"ioni interditti(e :!ndo ricorrno i pres!pposti
elencti nellTrt. 1-5 si 2 riconosci!t l gi!dice l possi#ilit$ di
re(ocre o33icios*ente il pro((edi*ento5 3er* restndo5
o((i*ente5 l 3colt$ delle prti di sollecitrne lTinter(ento in tl
senso5 nc%e *edinte lleg"ione5 pp!nto5 di :!ei V3tti
sopr((en!tiV c%e non necessri*ente de(ono essere conosci!ti
dllTorgno gi!dicnte. Si 2 in(ece pre(isto c%e l *eno drstic ipotesi
di sostit!"ione dell *is!r5 c%e ppre prtic#ile lddo(e (i si !n
corrispondente tten!"ione delle esigen"e c!telri5 o((ero o(e l
DAR8N COSTA
*is!r in tto si ri(eli spropor"iont rispetto llTentit$ del 3tto o
dell sn"ione c%e si ritiene poss essere pplict5 il gi!dice de##
procedere s! ric%iest di prte. LTrt. +15 in(ece5 disciplin i ter*ini di
d!rt *ssi* delle *is!re c!telri disting!endo tr d!e ipotesi< in
ssen" di !n pro((edi*ento di *erito c%e 33er*i l respons#ilit$
dell person gi!ridic in pri*o grdo5 l d!rt dell *is!r p!>
estendersi negli stessi li*iti te*porli dell sn"ione pplict5 sl( l
pre(isione di !n ter*ine *ssi*o; se l decisione non 2 ncor
inter(en!t5 l *is!r non p!> in(ece s!perre l *et$ del ter*ine
indicto nellTrt. 1&5 co** 2. Per :!nto rig!rd poi il decorso del
ter*ine di d!rt delle *is!re c!telri5 :!esto 2 3issto5 in sintoni
con :!nto sT2 (isto in te* di esec!"ione del pro((edi*ento
c!telre5 con l dt di noti3ic del tle pro((edi*ento.
In3ine5 il co** ) dellTrt. +1 pre(ede c%e si teng conto dell d!rt
delle c!tele nel co*p!to dell d!rt delle sn"ioni pplicte in (i
de3initi(.

Collegto llTrgo*ento in :!estione5 * in !n prospetti( del t!tto
originle5 si colloc lTrt. )0 c%e pre(ede il cso dell sospensione delle
*is!re c!telri secondo cden"e procedi*entli cosL riss!*i#ili< se
lTente c%iede di poter reli""re gli de*pi*enti c%e5 nor* dellTrt.
1-5 i*plicno lTescl!sione dell pplic"ione delle sn"ioni interditti(e5
il gi!dice c%e riteng di ccogliere l ric%iest dispone l sospensione
dell *is!r in tto5 deter*in l c!"ione d prestre5 e 3iss !n
ter*ine per l reli"""ione delle condotte riprtorie; il t!tto5 pre(io
prere del p!##lico *inistero. In tl cso5 se le condotte riprtorie
(engono poste in essere reli""ndo le condi"ioni di c!i llTrt. 1-5 l
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
175

*is!r (iene re(oct ed il gi!dice dispone l restit!"ione dell
c!"ione 1se (i 2 stt iscri"ione di ipotec ne (iene dispost l
cncell"ione e5 se si 2 prestt 3idei!ssione5 :!est si esting!e7.
F!lor in(ece le tti(it$ non (engno eseg!ite nel ter*ine 3issto5
o((ero (engno eseg!ite in *odo inco*pleto o ine33icce5 si reli""
!n ripristino dell *is!r e l c!"ione 2 de(ol!t ll Css delle
**ende.

F!nto l regi*e delle i*p!gn"ioni delle *is!re c!telri5 lTrt. +2
pre(ede !n !nico str!*ento ((erso t!tti i pro((edi*enti c!telri
e*essi nei con3ronti di enti. Si trtti o *eno di pro((edi*enti
introd!tti(i dell c!tel stess5 o((ero c%e incidono in second
#tt!t sopr !n c!tel gi$ in tto5 il *e""o di i*p!gn"ione
pre(isto5 si per l prte p!##lic c%e per lTente5 2 :!ello dellTppello
con indic"ione contest!le dei *oti(i. Cedinte il ric%i*o llTrt.
&226#is co**i 16#is e 2 c.p.p.5 si c%irisce poi c%e lTorgno dep!tto
conoscere di tle i*p!gn"ione 2 il tri#!nle VcircondrileV in
co*posi"ione collegile e c%e le regole di s(olgi*ento di
:!ellTincidente sono le *edesi*e5 in :!nto co*pti#ili5 c%e
go(ernno lTppello in *teri di *is!re c!telri reli. Contro le
decisioni e*esse dl tri#!nle VcircondrileV 2 poi **esso ricorso
per css"ione per (iol"ione di legge secondo le *odlit$ e l
disciplin di c!i llTrt. &2+ del codice di proced!r penle5 l c!i
pplic"ione 2 espress*ente ric%i*t dl co** 2 dellTrt. --.

Discorso se stnte *eritno5 in3ine5 le pre(isioni di c!i gli rtt. +& e
+). F!este introd!cono d!e ipotesi di c!tele !tono*e rispetto
DAR8N COSTA
llTpprto di *is!re interditti(e irrog#ile lle persone gi!ridic%e.
Per :!nto non espress*ente pre(isto dll legge deleg5 si 2
r((ist l necessit$ di disciplinre le ipotesi di se:!estro pre(enti(o
scopo di con3isc e del se:!estro conser(ti(o5 posto c%e l loro
operti(it$ in rgione del generle rin(io lle regole process!li
ordinri*ente (igenti 6:!esto espress*ente pre(isto dll deleg6
non si sre##e pot!t *ettere seri*ente in disc!ssione in rgione di
!n inco*pti#ilit$ con le sn"ioni interditti(e irrog#ili nei con3ronti
delle persone gi!ridic%e5 in relt$ non r((is#ile se non in rel"ione l
se:!estro pre(enti(o in senso proprio5 c%e pertnto 2 d ritenersi
ipotesi non pplic#ile nell specie. D :!i l disciplin sopr
ric%i*t c%e consente il se:!estro pre(enti(o in 3!n"ione di con3isc
con conseg!ente ric%i*o di prte dell disciplin codicistic5 nonc%N
lTltr pre(isione5 c%e pp!nto rende possi#ile il se:!estro
conser(ti(o 6nc%e :!i con ric%i*o dell disciplin codicistic in
:!nto pplic#ile6 dei #eni o delle so**e do(!te o c%e grntiscno
il pg*ento dell sn"ione pec!niri5 delle spese del procedi*ento e
di ogni ltr so** do(!t llTerrio.

1/. Indgini preli*inri e !dien" preli*inre.
Lo s(olgi*ento dell proced!r di ccert*ento dell respons#ilit$ 25
in prte5 conseg!en" dell scelt di e:!iprre l posi"ione dellTente
:!ell dellTi*p!tto. Pertnto5 nell se"ione =5 si sono disciplinte
soprtt!tto le derog%e rispetto ll disciplin in *teri di indgini e
di !dien" preli*inre.

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
177

Per :!nto rig!rd le indgini5 lTrt. ++ pone crico del p!##lico
*inistero lTonere di nnotre i**edit*ente nel registro di c!i
llTrt. &&+ c.p.p. l noti"i dellTillecito **inistrti(o dipendente d
reto5 reli""ndo !n disposi"ione nlog :!ell pre(ist dl codice
di rito. DllTnnot"ione decorre il ter*ine per lTccert*ento
dellTillecito **inistrti(o5 c%e lTrt. +- indi(id! in rel"ione l
ter*ine per lo s(olgi*ento delle indgini del reto d c!i lTillecito
stesso dipende5 co*prese le prorog%e. In :!esto *odo5 lTccert*ento
dellTillecito **inistrti(o deri( l s! d!rt dirett*ente dl reto
c%e rppresent il s!o pres!pposto. Nel registro do(r$ essere nnotto
lTillecito **inistrti(o5 l c!i str!tt!r co*pless co*port nc%e
lTindic"ione del reto d c!i dipende; inoltre5 si 3r$ *en"ione degli
ele*enti identi3icti(i dellTente e5 se possi#ile5 delle generlit$ del
legle rppresentnte.

Il co** 2 dellTrt. ++ consente l co*!nic"ione dellTnnot"ione
llTente c%e ne 3cci ric%iest negli stessi li*iti in c!i 2 possi#ile l
co*!nic"ione delle iscri"ioni dell noti"i di reto5 rin(indo5 in
sostn"5 ll disciplin di c!i llTrt. &&+ co**i & e &6#is c.p.p. CosL5 d
ese*pio5 :!lor il p!##lico *inistero5 i sensi dellTrt. &&+ co** &6
#is c.p.p.5 ##i disposto il segreto s!lle iscri"ioni rig!rdnti il reto5 l
segret"ione spieg%er$ e33etto nc%e s!ll co*!nic"ione
dellTnnot"ione dellTillecito **inistrti(o.

LTrt. +. contiene !n se*plice integr"ione l conten!to
dellTin3or*"ione di grn"i c%e5 i sensi dellTrt. &-0 c.p.p.5 de(e
essere in(it llTente. Si pre(ede5 in3tti5 c%e de## necessri*ente
DAR8N COSTA
contenere lTin(ito dic%irre o((ero d eleggere il do*icilio per le
noti3ic"ioni5 con lT((erti*ento c%e lTe(ent!le prtecip"ione l
procedi*ento do(r$ ((enire ttr(erso il deposito dell dic%ir"ione
di c!i llTrt. &0 co** 2.

Nello sc%e* n!ll si dice s!ll possi#ilit$ di sottoporre d
interrogtorio lTente ttr(erso il proprio rppresentnte legle5
t!tt(i de(e ritenersi c%e tle e(enien" si del t!tto pl!si#ile5 dl
*o*ento c%e 2 stt opert !n pien pri3ic"ione dellTente
llTi*p!tto. Il rppresentnte legle sr$ sottoposto d interrogtorio
Vper conto dellTenteV5 con t!tte le 3colt$ ed i diritti riconosci!ti
llTi*p!tto5 co*pres l 3colt$ di non rispondere< l pri3ic"ione del
rppresentnte ll 3ig!r dellTi*p!tto % co*e conseg!en" :!ell
dell pplic#ilit$ delle regole pre(iste dllTrt. -& c.p.p. ET o((io c%e
:!nto piB l person gi!ridic sr$ ((icint ll 3ig!r
dellTi*p!tto5 tnto *ggiori srnno le grn"ie di c!i potr$ godere.

Gli rtt. +/6-1 disciplinno gli epilog%i delle indgini preli*inri5
concl!sione delle :!li il p!##lico *inistero de(e scegliere se disporre
lTrc%i(i"ione o ric%iedere il gi!di"io dellTente.

Per lTrc%i(i"ione si 2 pre(isto !n procedi*ento se*pli3icto sen"
controllo del gi!dice5 s!llTese*pio di :!nto pre(ede lTrt. 1/ co** 2
legge -/0M10/1. Si trtt5 in3tti5 di !n illecito **inistrti(o5 per il
:!le non s!ssiste lTesigen" di controllre il corretto eserci"io
dellT"ione penle d prte del p!##lico *inistero. ET se*#rt5
pertnto5 del t!tto estrne :!est *teri l proced!r di
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
179

rc%i(i"ione codicistic. Le esigen"e di (eri3ic dellToperto del
p!##lico *inistero in rel"ione ll contest"ione di :!este (iol"ioni
sono ssic!rte ttr(erso !n *eccnis*o *eno rticolto5 c%e
pre(ede !n co*!nic"ione l proc!rtore generle5 il :!le p!>
sostit!irsi l p!##lico *inistero e contestre dirett*ente lTillecito
**inistrti(o.

Per il cso non de## procedersi d rc%i(i"ione5 lTrt. +0 pre(ede c%e
il p!##lico *inistero 3or*li""i l contest"ione dellTillecito
**inistrti(o dipendente d reto llTente. L contest"ione de(e
contenere5 o((i*ente5 t!tti gli ele*enti idonei d identi3icre lTente5
nonc%N lTen!nci"ione5 in 3or* c%ir e precis5 del 3tto c%e si
dde#it5 con lTindic"ione del reto dl :!le lTillecito stesso dipende e
delle 3onti di pro( crico. L contest"ione s(olge l stess 3!n"ione
dellTi*p!t"ione rispetto ll person 3isic< dde#itre d !n soggetto
colletti(o !n illecito **inistrti(o str!tt!r co*pless5 con lo
scopo di de3inire lToggetto del processo5 deli*itndo i con3ini
dellTccert*ento del gi!dice5 e di *ettere in grdo lTente di esercitre
il diritto di di3es.

Si 2 pre(isto c%e l contest"ione dellTillecito si se*pre 3or*li""t
in !no degli tti indicti dllTrt. )'+ co** 1 c.p.p. con c!i il p!##lico
*inistero esercit lT"ione penle5 nc%e nel cso in c!i si proced
soltnto nei con3ronti dellTente< in :!estT!lti* ipotesi5 perltro5 non (i
sr$ eserci"io dellT"ione penle e lTtto conterr$ solo l contest"ione
dellTillecito **inistrti(o. Pertnto5 nei csi in c!i si ric%iest
lT!dien" preli*inre lTtto contestti(o sr$ conten!to nell ric%iest
DAR8N COSTA
di rin(io gi!di"io; :!lor5 in(ece5 si trtti di illecito ttrtto nell
co*peten" del gi!di"io *onocrtico sen" !dien" preli*inre5 lTtto
di contest"ione sr$ conten!to nel decreto di cit"ione dirett
gi!di"io; per i gi!di"i specili l contest"ione sr$5 nc%e :!i5
conten!t nei di(ersi tti ttr(erso c!i si esercit lT"ione penle.

LTrt. -' pre(ede !n ter*ine 3inle per lTeserci"io d prte del p!##lico
*inistero del potere di contestre llTente lTillecito **inistrti(o
dipendente d reto5 decorso il :!le non p!> piB procedersi ll
contest"ione stess.

L legge deleg non % 3ornito in *erito precise indic"ioni5
pre(edendo solo c%e le relti(e sn"ioni **inistrti(e si prescri(ono
decorsi cin:!e nni dll co**issione del reto pres!pposto e c%e
lTinterr!"ione dell prescri"ione 2 regolt i sensi del codice ci(ile
1lett. r7.

T!tt(i5 2 pprs opport!n lTintrod!"ione nc%e di !n speci3ic
ipotesi di decden".

In(ero5 nc%e l legge 2) no(e*#re 10/15 n. -/05 c%e5 co*e 2 noto5
en!cle l disciplin generle dellTillecito **inistrti(o5 conte*pl5
ccnto ll prescri"ione dell sn"ione 1rt. 2/75 regolt in *odo del
t!tto nlogo l criterio di deleg5 lTestin"ione dellTo##lig"ione del
pg*ento dell so** do(!t titolo di sn"ione per l person nei
c!i con3ronti non (iene eseg!it5 nei ter*ini ssi #re(i i(i pre(isti5 l
contest"ione dell (iol"ione **inistrti( 1rt. 1)5 !lti*o co**7.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
181

En disposi"ione di tl genere5 c%e (esse 3tto dipendere
lTi*procedi#ilit$ dllTo*ess contest"ione entro !n ter*ine rigido 1e
(erosi*il*ente #re(e75 (re##e t!tt(i 3r!strto lTesigen" di poter
s(olgere indgini ppro3ondite (olte (eri3icre lTipotesi di
respons#ilit$ crico dellTente.

Inoltre5 in t!tti i csi di procedi*ento c!*!lti(o per il reto e per
lTillecito dellTente5 l necessit$ di contestre l respons#ilit$
**inistrti( in te*pi rpidi 6 non coincidenti con l d!rt delle
indgini in ordine l reto 6 pote( deter*inre lTe33etto di i*porre l
p!##lico *inistero !n 3or"t disco(erK nticipt con ricd!te nc%e
per l posi"ione dellTi*p!tto.

Perltro5 lTesigen" di st#ilire te*pi di contest"ione dellTillecito
tenden"il*ente piB ridotti rispetto :!elli di prescri"ione dell
sn"ione5 e(itndo c%e 3tti ssi rislenti potessero co*!n:!e dr
l!ogo l procedi*ento di ccert*ento crico dellTente5 2 pprs
*erite(ole di !n pposit pre(isione nor*ti(.

Ten!to conto dell str!tt!r #ino*ic dellTillecito 1co*posto d !n
3tto reto e dll possi#ilit$ di i*p!t"ione del *edesi*o llTente75 si
2 riten!to di indi(id!re proprio nel ter*ine di prescri"ione del reto
pres!pposto5 :!ello oltre il :!le5 in ssen" di contest"ione5 non
se*#r rgione(ole c%e il procedi*ento per lTccert*ento dellTillecito
poss essere proseg!ito.

DAR8N COSTA
In sostn"5 !n (olt c%e si estinto per prescri"ione il reto d c!i
lTillecito dipende sen" c%e llTente :!estT!lti*o si stto contestto5
(iene *eno l potest$ sn"iontori **inistrti(.

Non (i 25 dTltronde5 totle so(rpposi"ione tr :!est pre(isione e l
nor* c%e regol l prescri"ione dellTillecito **inistrti(o.

In3tti5 l ric%iest di pplic"ione dell *is!r c!telre 1c%e i sensi
dellTrt. 225 co** 25 interro*pe l prescri"ione dellTillecito7 non d$
l!ogo contest"ione. Pertnto5 in ssen" di !n disposi"ione s!ll
decden" dll contest"ione5 sre##e possi#ile e(itre l
prescri"ione dellTillecito con reiterte ric%ieste di pplic"ione di
*is!re c!telri5 3or*!lte pri* del *t!rrsi del n!o(o ter*ine
:!in:!ennle5 sen" *i contestre lTillecito llTente.

Inoltre5 l contest"ione dellTillecito in te*pi non eccessi(*ente
lontni dl 3tto 2 nc%e 3!n"ionle consentire llTente il pieno
eserci"io delle proprie 3colt$ di3ensi(e e(itndo5 nel conte*po5
rile(nti di33icolt$ in ordine ll ricostr!"ione degli ele*enti c%e
rdicno l respons#ilit$ **inistrti(.

D!n:!e5 i sensi dellTrt. -'5 non 2 possi#ile procedere ll
contest"ione :!ndo il reto d c!i dipende lTillecito **inistrti(o
dellTente 2 estinto per prescri"ione.

LTrt. -1 indic i pro((edi*enti c%e possono essere ss!nti
nellT!dien" preli*inre. Innn"it!tto5 si consider lTipotesi in c!i il
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
183

gi!dice pron!nci senten" di non l!ogo procedere5 replicndo5 in
prte5 il conten!to dellTrt. )2+ c.p.p. =engono in es*e i csi di
estin"ione o di i*procedi#ilit$ dellTillecito **inistrti(o5 nonc%N
lTipotesi #se in c!i lTillecito **inistrti(o si riten!to ins!ssistente
1per lT*#ito pplicti(o di :!est 3or*!l si rin(i l co**ento s!#
rt. --7. Inoltre5 (iene ccolto il principio5 conten!to nelle disposi"ioni
di c!i llTrt. )2+ c.p.p.5 secondo c!i llTesisten" dell pro( di Vnon
colpe(ole""V (iene e:!iprt l *ncn" dell pro( di
Vrespons#ilit$V5 nel senso c%e se il p!##lico *inistero non %
de*pi!to llTonere di di*ostrre lTesisten" di ele*enti idonei
sostenere in gi!di"io l respons#ilit$ dellTente5 il gi!dice5 3er* l
possi#ilit$ di indicre !lteriori indgini o di procedere llTtti(it$ di
integr"ione pro#tori5 2 ten!to pron!ncire l senten" di non
l!ogo procedere. Per :!nto rig!rd i re:!isiti dell senten" (iene
operto !n integrle rin(io lle disposi"ioni dellTrt. )2- c.p.p. Il
decreto c%e dispone il gi!di"io5 pre(isto dl co** 25 2 e*esso nei csi
in c!i il gi!dice non pron!nci l senten" di non l!ogo procedere.
Co*e per lTrt. )20 c.p.p.5 non (iene indicto il pr*etro in #se l
:!le si procede ll e*issione del decreto5 * lo si des!*e5
indirett*ente5 di criteri pre(isti per l senten" di non l!ogo
procedere. Conseg!ente*ente5 il gi!dice disporr$ il rin(io gi!di"io
dellTente :!ndo gli ele*enti 3orniti dl p!##lico *inistero sostegno
dell ric%iest e le pro(e e(ent!l*ente c:!isite nel corso
dellT!dien" preli*inre di*ostrino l necessit$ del di#tti*ento.
F!lor do(esse ri*nere !n d!##io s!ll ttendi#ilit$ e credi#ilit$
degli ele*enti di cc!s5 opp!re se :!esti do(essero ri(elrsi
contrddittori5 il gi!dice potr$ respingere l ric%iest ed e*ettere l
DAR8N COSTA
senten" di non l!ogo procedere. Il decreto de(e contenere5 pen di
n!llit$5 t!tti gli ele*enti dell contest"ione dellTillecito
**inistrti(o dipendente d reto 1en!nci"ione del 3tto5 nonc%N
lTindic"ione del reto5 degli rticoli di legge e delle 3onti di pro(75 e gli
ele*enti identi3icti(i dellTente.

10. Procedi*enti specili.
Nell se"ione =I sono disciplinti i procedi*enti specili. Nel silen"io
dell deleg5 c%e non dett speci3ici criteri l rig!rdo5 si 2 riten!to5
nc%e in rgione dell essen"ile 3!n"ione de3ltti(5 di *ntenere5
dttndoli l procedi*ento di ccert*ento dell respons#ilit$
**inistrti( dipendente d reto5 i riti lternti(i disciplinti nel
codice di proced!r penle.

In prticolre5 non sono se*#rti di ostcolo nN l pre(isione dell
deleg 1lett. g7 c%e escl!de il pg*ento in *is!r ridott per le
sn"ioni pec!nirie5 nN il prticolre istit!to5 delineto ll lett. n.

F!nto l pri*o pro3ilo5 il preciso criterio di deleg c%e i*pedisce il
pg*ento in *is!r ridott per le sn"ioni pec!nirie5 se escl!de il
ricorso d istit!ti *odellti s!llTo#l"ione 1specie o##ligtori5 c%e
co*port l rid!"ione del pg*ento di !n so** s!ll #se dell
se*plice (olont$ dellTinteressto75 non se*#r potere coin(olgere
di33erenti istit!ti5 di nt!r prett*ente process!le5 c%e collegno d
esigen"e de3ltti(e e di rpidit$ nellTccert*ento rid!"ioni dell
sn"ione d pplicrsi.

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
185

DTltro cnto5 il generle criterio 1lett. :75 in #se l :!le per il
procedi*ento di ccert*ento degli illeciti **inistrti(i dipendenti
d reto de(ono osser(rsi5 nei li*iti dell co*pti#ilit$5 le
disposi"ioni del codice di proced!r penle5 depone nel senso dell
possi#ile estensione dei riti lternti(i l di#tti*ento.

Per :!nto poi concerne l disciplin c!i 3 ri3eri*ento l lett. n75 in
#se ll :!le lTdo"ione d prte degli enti di co*port*enti idonei
d ssic!rre !nTe33icce ripr"ione o reintegr"ione rispetto
llTo33es reli""t deter*in l rid!"ione delle sn"ioni pec!nirie e
lTescl!sione di :!elle interditti(e5 l stess si ri3erisce d !n cso di
di*in!"ione dell respons#ilit$ 1e dell sn"ione75 (ente d!n:!e
nt!r sostn"ile.

Gli istit!ti process!li in oggetto5 in(ece5 ssol(ono d !n di(ers
3!n"ione e non co*portno5 co*e si (edr$5 lc!n trs3or*"ione dell
sn"ione d pplicre5 * solo !n s! rid!"ione.

In prticolre5 lTrt. -2 disciplin il gi!di"io ##re(ito ric%iesto
dllTente.

Per l cele#r"ione del gi!di"io si osser(no regole process!li
ordinrie< e d!n:!e le disposi"ioni conten!te nel titolo I del li#ro sesto
del codice di proced!r penle 1rtt. )&/ ss. c.p.p.7 in :!nto
pplic#ili5 o((ero5 se *nc lT!dien" preli*inre5 le regole dettte
per il procedi*ento *onocrtico dgli rticoli +++ co** 2 e ++..

DAR8N COSTA
T!tt(i5 di33eren" del gi!di"io ##re(ito 6 **esso5 dopo le
*odi3ic%e process!li pportte dll legge n. ).0 del 10005 nc%e per
i procedi*enti relti(i reti p!niti con l pen dellTergstolo 6 si 2 :!i
espress*ente pre(isto 1co** )7 c%e il rito lternti(o non 2
consentito se il gi!dice de## pplicre in (i de3initi( !n sn"ione
interditti(. In tle ipotesi5 in3tti5 l trs3or*"ione dell sn"ione d
de3initi( te*porne 3r!strere##e lTesigen" 3ond*ento dell
pre(isione dell de3initi( ini#i"ione di tti(it$ di enti c%e ##ino
co**esso5 in (i reitert5 gr(issi*i illeciti.

Al co** & 2 in(ece c%irito co*e de## essere e33ett!t l
di*in!ente process!le in cso di riconosci!t respons#ilit$ dellTente
per lTillecito dipendente d reto.

Co*e per l pen irrogt in ordine l reto5 l rid!"ione i sensi
dellTrticolo ))2 co** 2 del codice di proced!r penle sr$ opert
s!ll d!rt dell sn"ione interditti( e s!llT**ontre dell
sn"ione pec!niri.

Il rito lternti(o non sr$5 co*e detto5 **issi#ile5 e non si pone
d!n:!e !n pro#le* di trs3or*"ione dell sn"ione5 lddo(e si
pplic#ile5 in (i de3initi(5 !n sn"ione interditti(.

L senten" e*ess in sede di gi!di"io ##re(ito 25 per il resto5 in
t!tto e:!iprt ll senten" pplicti( delle sn"ioni5 d ecce"ione
del regi*e delle i*p!gn"ioni5 co*e c%irito piB innn"i.

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
187

PiB co*pless l disciplin dettt per lTpplic"ione llTente dell
sn"ione s! ric%iest 1rt. -&7 istit!to *odellto5 con gli opport!ni
dtt*enti c%e si ndrnno d e(iden"ire5 s!ll 3lsrig del
procedi*ento di c!i llTrt. ))) c.p.p.

Nel regolre i pres!pposti di **issi#ilit$5 si sono do(!te considerre
tl!ne pec!lirit$. An"it!tto si 2 riten!to di consentire l de3ini"ione
ttr(erso il rito lternti(o in t!tti i csi in c!i lTillecito dipendente d
reto ris!lti5 in concreto5 sn"ionto solo in (i pec!niri. Trttsi dei
csi di c%e non ri(estono *ggiore gr(it$ e5 dTltro cnto5
lTpplic"ione dell pen s! ric%iest 2 consentit sen" li*iti nei csi
dell sol pen dell *!lt o dellT**end.

=ice(ers5 non 2 se*#rto possi#ile trsporre !to*tic*ente il
li*ite edittle di pen detenti( c%e consente l de3ini"ione del
processo nei con3ronti dellTi*p!tto tr*ite il ptteggi*ento 1d!e
nni di recl!sione7 in !n nlogo li*ite di sn"ione interditti(
pre(ist per lTillecito di c!i risponde lTente.

Ne sre##e deri(to !n siste* *cc%inoso e poco coerente5 specie se
si consider c%e nel processo penle il li*ite dei d!e nni di pen
detenti( indi(id! !n ctegori di reti5 l c!i *odest gr(it$ 2
*ni3estt dll possi#ilit$ di concedere per essi l sospensione
condi"ionle dell pen in3litt.

Si 25 in(ece5 percors !n strd di(ers.
DAR8N COSTA
In3tti5 l di 3!ori dei csi di illecito **inistrti(o per il :!le 2
pre(ist l sol sn"ione pec!niri5 l ric%iest di pplic"ione 2
co*!n:!e **ess se il procedi*ento penle (ente d oggetto il
reto pres!pposto dellTillecito 2 de3inito o de3ini#ile ttr(erso il
ptteggi*ento.

D!n:!e tnto nellTipotesi in c!i5 in concreto5 il gi!di"io nei con3ronti
dellTi*p!tto 2 stto de3inito nor* dellTrticolo ))) del codice di
proced!r penle; :!nto nellTipotesi in c!i 6 p!r non ddi(enendosi5
per le piB (rie rgioni5 i(i co*pres l cele#r"ione del gi!di"io solo
crico dellTente5 l ptteggi*ento 6 per il reto d c!i dipende lTillecito
**inistrti(o il gi!dice 1s!ll #se degli ele*enti llegti dllTente
stesso7 riteng c%e non (i sre##ero rgioni per rigettre l ric%iest
eO rt. ))) c.p.p..

In tl *odo5 d !n lto si $ncor lT**issi#ilit$ l rito lternti(o d !n
dto oggetti(o 1l ridott gr(it$ del reto pres!pposto5 c%e si ri3lette
in !n concret *inore gr(it$ dellTillecito dllo stesso dipendente7
deri(nte dll disciplin positi(5 dllTltro lto5 si incenti( l
de3ini"ione c!*!lti( 1del reto e dellTillecito **inistrti(o7
ttr(erso l contest!le pplic"ione concordt dell pen e dell
sn"ione **inistrti(.

Per il resto5 si osser(no le disposi"ioni del codice di proced!r penle5
in :!nto pplic#ili. In prticolre5 restno i**!tti i ter*ini per l
present"ione dell ric%iest 1di(ersi se 2 cele#rt lT!dien"
preli*inre o((ero :!est *nc75 nonc%N i poteri del gi!dice in
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
189

ordine ll ric%iest concordt. D!n:!e5 se dgli tti ris!lt c%e non
s!ssiste lTillecito contestto llTente5 il gi!dice do(r$ pron!ncer$ l
relti( senten". Perltro5 il gi!dice lddo(e riteng pplic#ile l
sn"ione interditti( in (i de3initi( do(r$ rigettre l ric%iest5 c%e
p!> (ere d!n:!e d oggetto5 oltre sn"ioni pec!nirie5 solo sn"ioni
interditti(e te*pornee.

Allo scopo di e(itre possi#ili d!##i interpretti(i5 2 se*#rto
opport!no c%irire c%e in cso di pplic"ione dell sn"ione5 l
di*in!ente process!le di c!i llTrticolo ))) co** 1 del codice di
proced!r penle do(r$ operre s!ll d!rt dell sn"ione
interditti( e s!llT**ontre dell sn"ione pec!niri5
concret*ente irrogte.

En i*portnte pro3ilo pre*ile del rito 1c%e o*olog il n!o(o istit!to
l ptteggi*ento disciplinto nel codice process!le penle7 2 l non
iscri"ione dell senten" nel certi3icto rilscito dllTngr3e
n"ionle delle sn"ioni **inistrti(e s! ric%iest dellTente 1(. rt. /1
co** )7.

AllTrt. -) 2 dettt l disciplin del decreto pplicti(o dell sn"ione
pec!niri.
Il p!##lico *inistero5 se ritiene c%e per lTillecito dipendente d reto di
c!i de## rispondere lTente si5 in concreto5 pplic#ile l sol sn"ione
pec!niri 1trttndosi5 d!n:!e5 di !n 3tto di non eccessi( gr(it$7
p!> presentre l gi!dice per le indgini preli*inri5 ric%iest
DAR8N COSTA
*oti(t di e*issione del decreto di pplic"ione dell sn"ione
pec!niri5 indicndone l *is!r.

L ric%iest de(e essere presentt nel ter*ine 1d ritenersi
co*!n:!e ordintorio5 tteso lTorient*ento dell Css"ione in
ordine llTo*olog disciplin dettt per il decreto penle di
condnn7 di sei *esi dll dt dellTnnot"ione dellTillecito
**inistrti(o nel registro di c!i llTrt. ++ e cco*pgnt dll
trs*issione del 3scicolo.

Nell ric%iest5 il p!##lico *inistero p!> c%iedere lTpplic"ione di !n
sn"ione pec!niri di*in!it sino ll *et$ rispetto l *ini*o
dellTi*porto pplic#ile nel cso concreto5 e d!n:!e ten!to conto dei
csi di di*in!"ione dell respons#ilit$ dellTente.

Di 3ronte ll ric%iest di decreto5 il gi!dice per le indgini preli*inri
*ntiene gli stessi poteri pre(isti nel procedi*ento per decreto penle
di condnn.
P!> :!indi ccogliere l ric%iest5 e*ettendo decreto *oti(to
pplicti(o dell sn"ione pec!niri nell *is!r ric%iest dl
p!##lico *inistero.

Se5 in(ece5 dgli tti ris!lt c%e non s!ssiste lTillecito contestto
llTente5 pron!ncer$ l relti( senten" c*erle. Altri*enti 1d
ese*pio ritenendo l sn"ione pec!niri ric%iest non congr!5 per
eccesso o per di3etto5 o lTillecito non sn"ion#ile solo in (i pec!niri5
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
191

o5 in3ine5 necessri !lteriori ccert*enti7 restit!ir$ gli tti l p!##lico
*inistero per lT!lteriore corso del procedi*ento.

CosL co*e per l senten" pplicti( dell sn"ione s! ric%iest5 nc%e
per il decreto in oggetto 2 pre(ist 1rt. /25 co** )7 l non iscri"ione
nel certi3icto dellTngr3e n"ionle delle sn"ioni ric%iesto dllTente.

Per il resto 1e d!n:!e nc%e per il gi!di"io di opposi"ione7 si osser(5
in :!nto co*pti#ile5 lTordinri disciplin process!le dettt per il
decreto penle di condnn 1in prticolre5 le disposi"ioni del titolo =
del li#ro sesto c.p.p.5 o((ero dellTrticolo ++. del codice di proced!r
penle se il procedi*ento per lTccert*ento dellTillecito dipendente
d reto seg!e le cden"e del procedi*ento *onocrtico7.

Per :!nto rig!rd il gi!di"io i**edito e il gi!di"io direttissi*o non
sono stte dettte regole prticolri.
In cso di processo si*!ltneo5 :!lor s!ssistno 1nei con3ronti
dellT!tore del reto e dellTente7 i pres!pposti per lTccesso tli
gi!di"i e non de## disporsi l sepr"ione dei procedi*enti5 nc%e l
posi"ione dellTente in ordine llTillecito dipendente d reto (err$
(l!tt secondo i relti(i *od!li process!li.

NellTipotesi5 in(ece5 di ccert*ento dell sol respons#ilit$ dellTente5
cert*ente prtic#ile sr$ il gi!di"io i**edito5 3ondto
s!llTe(iden" pro#tori c%e rende in!tile lT!dien" preli*inre. Per
:!nto concerne il gi!di"io direttissi*o lo stesso sr$ pplic#ile
nellTipotesi in c!i lTente 6 *e""o del proprio rppresentnte 6 ##i
DAR8N COSTA
con3essto l co**issione dellTillecito dipendente d reto5 *entre5
o((i*ente5 non potr$ 3rsi ri3eri*ento i csi di direttissi*o
conseg!ente d rresto.

2'. Gi!di"io.
Nell se"ione =II sono conten!te le regole pec!liri dettte per il
gi!di"io5 per il resto tro(ndo pplic"ione5 nei li*iti dell
co*pti#ilit$5 le disposi"ioni del codice di proced!r penle.

NellTrt. -+ 2 dettt l disciplin relti( ll concessione5 d prte del
gi!dice5 di !n ter*ine 3!n"ionle consentire llTente di pprestre le
condotte riprtorie delle conseg!en"e del reto.
In prticolre5 il gi!dice5 s! ric%iest dellTente il :!le dic%iri di (oler
pro((edere lle tti(it$ di c!i llTrt. 1-5 p!> disporre l sospensione
del processo.

Pres!pposto per lT**issi#ilit$ dell ric%iest 2 c%e l stess (eng
3or*!lt pri* dellTpert!r del di#tti*ento di pri*o grdo.

Tle ter*ine costit!isce l ces!r tr il *o*ento process!le dep!tto
ll risol!"ione delle :!estioni preli*inri e lTini"io dellTistr!"ione
di#tti*entle e d !n lto e(it lo s(olgi*ento di tti(it$ pro#torie
c%e potre##ero esser rese in!tili dll ripr"ione5 dllTltro consente
llTente !n deg!to spti!* te*poris per l ric%iest5 specie o(e si
per(eng ll 3se process!le in ssen" di !dien" preli*inre.

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
193

Inoltre5 lTente de(e di*ostrre di essere stto nellTi*possi#ilit$ di
e33ett!re le condotte riprtorie in !n *o*ento precedente.

De(e trttrsi di (er i*possi#ilit$5 e non nc%e di di33icolt$ in :!lc%e
*odo s!per#ili. Si (!ole5 cio25 c%e lT!lteriore ter*ine di gr"i con
conness sospensione del processo5 si ccordto non llTente c%e
##i 3tto spirre il ter*ine ordinrio per scelt o per negligen"5 *
solo se5 per rgioni o#ietti(e5 non si stto possi#ile reli""re le
condotte riprtorie te*pesti(*ente.
Il gi!dice5 se ritiene di poter ccogliere l ric%iest5 deter*in !n
so** di denro titolo di c!"ione. In ordine ll so**
deter*int :!le c!"ione si osser( l stess disciplin dettt per l
c!"ione i*post in sede c!telre 1rt. )07.

E5 d!n:!e5 il pri*o e33etto dell decisione positi( del gi!dice sr$ l
sospensione dell *is!r c!telre interditti( e(ent!l*ente
pplict llTente.

Inoltre5 l so**5 d depositre presso l Css delle **ende5 non
potr$ co*!n:!e essere in3eriore ll *et$ dell sn"ione pec!niri
pre(ist per lTillecito per c!i si procede.

Anc%e in tl cso5 llo scopo di e(itre llTente i**o#ili""i di so**e
cospic!e5 2 consentit5 l posto del deposito5 l prest"ione di !n
grn"i *edinte ipotec o 3idei!ssione solidle. Lddo(e si (eri3ic%i
!n *nct5 inco*plet o ine33icce esec!"ione delle tti(it$
riprtori nel ter*ine 3issto5 il processo riprender$.
DAR8N COSTA
Inoltre5 l 3ine di grntire l seriet$ dell ric%iest ed e(itre
str!*entli sospensioni del processo e dil"ioni dei te*pi dell
decisione5 l *is!r c!telre (err$ ripristint5 con de(ol!"ione ll
Css delle **ende dell so** depositt o per l :!le 2 stt
dt grn"i. Al contrrio5 il gi!dice5 (eri3ict l reli"""ione delle
condotte riprtorie5 ordiner$ l restit!"ione dell so** depositt o
l cncell"ione dellTipotec e l 3idei!ssione prestt si esting!e.

L disciplin conten!t negli d -- .' 2 relti( lle pron!nce
ter*inti(e del gi!di"io nei con3ronti dellTente in ordine llTillecito
**inistrti(o dipendente d reto.

Rispetto llTrticol"ione delle 3or*!le ssol!torie del processo penle5
nel procedi*ento nei con3ronti dellTente (i 2 sp"io per !n sol
tipologi di senten"5 con l :!le il gi!dice escl!de l s!ssisten" dell
respons#ilit$ 1rt. --7. Tle c!s decidendi5 in3tti5 rico*prende
t!tte le ipotesi di escl!sione dell respons#ilit$ **inistrti(5 c%e
incidono si s!llTele*ento reto5 si s!i pro3ili relti(i llTi*p!t#ilit$
dellTillecito llTente. Nt!rl*ente5 il gi!dice de(e pron!ncire l
senten" di escl!sione dell respons#ilit$ dellTente5 oltre c%e nei csi
in c!i e*erg l pro( positi( dellTins!ssisten" dellTillecito5 nc%e
:!ndo5 contrrio5 *nc%i5 o si ins!33iciente o contrddittori l
pro( dell respons#ilit$ dellTente.

L regol di gi!di"io 6 nlog :!ell conten!t nel secondo co**
dellTrt. +&' c.p.p.6 2 dTltronde codi3ict nc%e in sede di gi!di"io di
opposi"ione llTordinn" ingi!n"ione per gli illeciti **inistrti(i<
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
195

lTrt. 2& dell legge 2) no(e*#re 10/15 n. -/05 pre(ede in3tti c%e
lTopposi"ione 2 ccolt :!ndo non (i sono pro(e s!33icienti dell
respons#ilit$ dellTopponente.
NellTrt. -. sono in(ece disciplinte le ipotesi in c!i ostcoli
process!li non consentono l gi!dice di pron!ncirsi s!ll
respons#ilit$ dellTente.

Trttsi5 d !n lto5 del cso in c!i l contest"ione si 3or*!lt
:!ndo il reto pres!pposto er gi$ estinto per prescri"ione5 o((ero
non p!> procedersi llTccert*ento dellTillecito **inistrti(o in
:!nto lT"ione penle relti( llT!tore del reto pres!pposto non
p!> essere ini"it o proseg!it per *ncn" di !n condi"ione di
procedi#ilit$ 1il ri3eri*ento 2 llT!tori"""ione procedere per i reto
co**essi llTestero< rt. )7; dllTltro5 dellTipotesi di inter(en!t
prescri"ione dell sn"ione **inistrti(. Se ricorrono :!este
condi"ioni il gi!dice pron!ncer$ senten" di non do(ersi procedere.

Ten!to conto dei principi generli in ordine ll pre(len" delle
pron!nce ssol!torie nel *erito5 lddo(e5 p!r s!ssistendo i
pres!pposti per !n declrtori di non do(ersi procedere5 il gi!dice
rile(i dgli tti lTins!ssisten" dellTillecito **inistrti(o do(r$
pron!ncire senten" di escl!sione dell respons#ilit$5 piB 3(ore(ole
per lTente.

In t!tte le ipotesi di escl!sione dell respons#ilit$ e di non do(ersi
procedere il gi!dice nell senten" dic%ir 1rt. -/7 l cess"ione delle
*is!re c!telri e(ent!l*ente disposte nei con3ronti dellTente. Se5
DAR8N COSTA
in(ece5 llTesito del gi!di"io5 :!esti ris!lt respons#ile dellTillecito
**inistrti(o contestto5 il gi!dice pron!ncer$ senten" di
condnn5 con l :!le pplic le sn"ioni pre(iste dll legge5
condnnndo ltresL lTente l pg*ento delle spese process!li 1rt.
-07.

Allo scopo di indi(id!re con precisione lToggetto delle sn"ioni
interditti(e e di e(itre :!estioni in sede esec!ti(5 l co** 2 si 2
st#ilito c%e il gi!dice de(e se*pre indicre lTtti(it$ o le str!tt!re
oggetto delle *edesi*e sn"ioni. Nt!rl*ente5 nel decidere :!li
sn"ioni pplicre5 nonc%N lT**ontre delle sn"ioni pec!nirie e il
n!*ero e l d!rt di :!elle interditti(e5 il gi!dice terr$ conto dei
di(ersi criteri conten!ti nell disciplin sostn"ile.

LTrt. .' disciplin lTe33icci dell senten" in cso di e(enti
*odi3icti(i dellTente 1trs3or*"ione5 3!sione o scissione7 inter(en!ti
nel corso del processo.

=engono distinte d!e ipotesi. Se gli enti interessti d tli (icende
%nno prtecipto l processo5 o co*!n:!e il gi!dice % noti"i di tli
e(enti5 l senten" (err$ pron!ncit nei con3ronti dellTente ris!ltnte
dll trs3or*"ione o 3!sione o((ero #ene3icirio dell scissione
dellTente originri*ente respons#ile5 indicndo :!estT!lti*o. In tl
cso (i 2 d!n:!e per3ett si**etri tr prti del processo e soggetti
nei c!i con3ronti l pron!nci 2 e*ess.
F!lor5 in(ece5 gli enti ris!ltnti dll trs3or*"ione5 dll 3!sione5
ecc.5 non %nno prtecipto l processo5 nN si 2 (!t conoscen" delle
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
197

(icende *odi3icti(e dellTente5 e d!n:!e l senten" (eng dl gi!dice
pron!ncit nei con3ronti dellTente originrio5 :!est nondi*eno (r$
e33icci nc%e nei loro con3ronti. F!est disposi"ione 1c%e in :!lc%e
si ispir l principio generle conten!to nellTrt. 20'. del codice ci(ile7
2 (olt d e(itre c%e ttr(erso il *eccnis*o dell *nct
prtecip"ione l gi!di"io d prte di enti5 l c!i esisten"
(erosi*il*ente sr$ perlopiB ignot l gi!dice e llo stesso p!##lico
*inistero5 poss essere 3cil*ente el!so il gi!dicto.

DTltr prte5 ttes l sostn"ile contin!it$ del soggetto ris!ltnte
dlle predette (icende *odi3icti(e5 non p!> dirsi c%e lT*#ito
soggetti(o degli e33etti dell senten" con3ig!ri !n 3eno*eno di res
inter lios ct. In ogni cso5 l possi#ilit$ per gli enti c%e non sino
inter(en!ti 1c%e co*!n:!e secondo l disciplin ci(ilistic s!ccedono
nelle o##lig"ioni dellTente originrio5 i(i co*prese :!elle deri(nti d
illecito **inistrti(o dipendente d reto7 di ottenere l con(ersione
dell sn"ione interditti( in sede esec!ti( 1rt. ./7 se*#r c!tel
s!33iciente d e(itre ingi!ste penli"""ioni.

21. I*p!gn"ioni.
L disciplin delle i*p!gn"ioni delle senten"e relti(e ll
respons#ilit$ **inistrti( dellTente5 conten!t nell presente
se"ione5 % ten!to conto di d!e distinti pro3ili.
D !n lto5 lTesigen" di e(itre5 3in do(e possi#ile5 lTinsorgere di !n
possi#ile contrsto di gi!dicti tr lTccert*ento penle e :!ello
relti(o llTillecito **inistrti(o dipendente dl *edesi*o reto5
DAR8N COSTA
*od!lndo l possi#ilit$ di i*p!gnre dellTente in *odo si**etrico
rispetto :!ell riconosci!t llTi*p!tto.

DllTltro lto5 l necessit$ di grntire llTente 6 prescindere dlle
3colt$ c%e lTordin*ento riconosce llTi*p!tto del reto pres!pposto
dellTillecito **inistrti(o 6 l piB *pi possi#ilit$ di i*p!gnre
pron!nce pplicti(e delle sn"ioni interditti(e.

S!ll #se di :!esti pr*etri5 lTi*p!gn"ione dellTente 1rt. .17 2 stt
cosL str!tt!rt.

An"it!tto5 nei con3ronti dell senten" c%e pplic sn"ioni
**inistrti(e di(erse d :!elle interditti(e5 lTente p!> proporre
i*p!gn"ione nei csi e nei *odi st#iliti per lTi*p!tto del reto dl
:!le dipende lTillecito **inistrti(o. L pre(isione copre tnto il
cso di procedi*ento c!*!lti(o5 per il reto e per lTillecito dellTente5
ed llor nellTi*p!gn"ione potr$ essere de(ol!to lTintero oggetto del
gi!di"io5 :!nto lTipotesi di trtt"ione dell sol respons#ilit$
dellTente 1deri(nte d sepr"ione5 o in cso di procedi*ento #
origine relti(o l solo illecito **inistrti(o7.

Inoltre5 nei con3ronti dell senten" c%e pplic !n o piB sn"ioni
interditti(e5 lTente p!> co*!n:!e proporre ppello. E ci> nc%e se il
gr(*e non 2 consentito per lTi*p!tto del reto dl :!le dipende
lTillecito **inistrti(o. Si potre##e o#iettre c%e l disciplin
deter*ini5 in rel"ione llo stesso 3tto di reto5 !n si**etri nelle
3colt$ di i*p!gnre5 (ntggio dellTente c%e in 3in dei conti risponde
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
199

di !n illecito **inistrti(o. T!tt(i5 nel cso in c!i lTi*p!tto poss
proporre solo ricorso per css"ione e lTente5 in(ece5 poss ppellre l
senten"5 tro(er$ pplic"ione il disposto dellTrt. +/' c.p.p. D!n:!e5 il
ricorso dellTi*p!tto si con(ertir$5 eO lege5 in ppello< in tl *odo5 si
p!re di ri3lesso5 ris!ltno *pli3icte nc%e le possi#ilit$ di
i*p!gn"ione riconosci!te llTi*p!tto.

Ceno co*pless l disciplin relti( lle i*p!gn"ioni d prte del
p!##lico *inistero

Contro l senten" c%e rig!rd lTillecito **inistrti(o5 lTorgno
dellTcc!s p!> proporre le stesse i*p!gn"ioni consentite per il reto
d c!i lTillecito **inistrti(o contestto llTente dipende. Se*pre llo
scopo di e(itre il piB possi#ile il contrsto di gi!dicti eterogeneo5
ossi tr l pron!nci relti( l reto pres!pposto e :!ell c%e ttiene
llTillecito dellTente5 2 stt dettt !n pposit disposi"ione c%e
ttiene llTestensione degli e33etti delle i*p!gn"ioni presentte di
di(ersi soggetti 1rt. .27.Precis*ente5 le i*p!gn"ioni proposte
dllTi*p!tto del reto d c!i dipende lTillecito **inistrti(o e :!elle
proposte dllTente gio(no5 rispetti(*ente5 llTente e llTi*p!tto. Il
li*ite llTe33etto estensi(o dellTi*p!gn"ione 25 nt!rl*ente5
rppresentto dll circostn" c%e le stesse non de(ono essere
3ondte s! *oti(i escl!si(*ente personli. Il c%e (!ol dire 6 ten!to
conto dell str!tt!r co*pless dellTillecito dellTente 6 c%e le doglin"e
dellTi*p!tto5 c%e non ttengono ll s!ssisten" del 3tto illecito o i
pro3ili dello stesso c%e (lgono d escl!dere l respons#ilit$ dellTente5
o((ero relti(e llTestin"ione del reto per c!se di(erse dllT*nisti
DAR8N COSTA
o dll re*issione dell :!erel5 non possono ri(er#errsi (ntggio
dellTente. Eg!l*ente5 ri*rrnno con3inte nell s3er dell rile(n"
solo penle le i*p!gn"ioni relti(e llTentit$ e ll specie dell pen
in3litt5 lle circostn"e del reto5 ll concessione dei #ene3ici di legge5
etc.

Per con(erso5 lTi*p!gn"ione dellTente5 nell :!le non si contestino i
pro3ili relti(i l reto5 * ci si dolg dellTi*p!t"ione del 3tto di reto
llTente o si in(oc%i lTinter(en!t prescri"ione dell sn"ione5 o((ero si
c%ied !n *!t*ento dell sn"ione pplict5 non prod!rr$ e33etti nei
con3ronti dell stt!i"ione relti( llTi*p!tto.

Nonostnte l disciplin introdott5 2 p!r se*pre possi#ile c%e si
(eri3ic%i !n contrsto di gi!dicti in rel"ione llTccert*ento dell
respons#ilit$ penle dell person 3isic e dell respons#ilit$
**inistrti( dellTente. Per tle ipotesi5 lTrt. .& pre(ede5
espress*ente5 l possi#ilit$ di re(isione delle senten"e pron!ncite
nei con3ronti dellTente. F!nto i pres!pposti e l procedi*ento5 2
stt ric%i*t l relti( disciplin process!le penle5 nei li*iti di
co*pti#ilit$.

Onde e(itre possi#ili d!##i interpretti(i5 si 2 c%irito5 in3ine5 c%e l
procedi*ento di ccert*ento dell respons#ilit$ **inistrti(
dellTente non sono pplic#ili le disposi"ioni del codice di proced!r
c%e regolno l ripr"ione dellTerrore gi!di"irio 1c%e pres!ppongono
l nt!r penle dell condnn e5 perlopiB5 lTespi"ione sen" gi!sto
titolo di !n pen detenti( o di !n *is!r di sic!re""7.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
2&1

22. LTesec!"ione.
L disciplin dellTesec!"ione ss!*e5 nel procedi*ento per
lTccert*ento dell respons#ilit$ degli enti per illeciti dipendenti d
reto5 !n r!olo prticolr*ente signi3icti(o.

Nel dettre le regole per l 3se esec!ti( sono stte prese in
consider"ioni d!e di(erse esigen"e< ssic!rre l rpidit$ ed e33icci
dellTesec!"ione delle sn"ioni; pprestre5 in con3or*it$ l criterio di
deleg5 !n concret t!tel gi!risdi"ionle nc%e in eOec!ti(is.

Inoltre5 considerti i te*pi nc%e l!ng%i c%e possono intercorrere tr
l senten" pplicti( delle sn"ioni e lTe33etti( esec!"ione dell
stesse5 2 proprio in :!est 3se c%e do(r$ essere (eri3ict l tt!lit$
dell concret pplic"ione del dict!* del gi!dice5 in ri3eri*ento gli
e(enti c%e si sino *edio te*pore (eri3icti.

D !n lto5 possono in3tti (enire in rilie(o (icende oggetti(e5 do(!te
*odi3ic"ioni s!#ite dllTente o l (enir *eno dellToggetto dell
sn"ione interditti(5 c%e ne rend i*possi#ile lTpplic"ione.

DllTltro lto5 co*e si (edr$5 lTintento di incenti(re nell *is!r piB
*pi possi#ile il co*pi*ento d prte dellTente dellTtti(it$
riprtori % s!ggerito di pprestre !n prticolre *eccnis*o per
l con(ersione dell sn"ione interditti( nc%e nell 3se esec!ti(.

22.1 Gi!dice e procedi*ento di esec!"ione
DAR8N COSTA
LTrt. .) dett le regole relti(e llTindi(id!"ione del gi!dice
dellTesec!"ione e l relti(o procedi*ento5 *!t!ndo l disciplin
dellTesec!"ione penle. Pertnto5 co*petente conoscere
dellTesec!"ione delle sn"ioni **inistrti(e dipendenti d reto 2 il
gi!dice indicto nellTrticolo --+ del codice di proced!r penle. Il
ric%i*o ll nor* codicistic consente di concentrre nello stesso
gi!dice lTesec!"ione delle pene e delle sn"ioni per illeciti dipendenti
d reto irrogte contest!l*ente. Al 3ine di e(itre possi#ili
incerte""e interpretti(e5 si 2 st#ilito espress*ente c%e il gi!dice
dellTesec!"ione 2 nc%e co*petente per i pro((edi*enti relti(i ll
cess"ione dellTesec!"ione delle sn"ioni nei csi pre(isti dllTrt. &5
ossi in cso di #rogtio dellTillecito **inistrti(o o del reto
pres!pposto5 nonc%N per lTestin"ione del reto pres!pposto per
re*issione dell :!erel o per *nisti5 c%e sino inter(en!te dopo
lTirre(oc#ilit$ dell senten" nei con3ronti dellTente; per l
deter*in"ione dell sn"ione **inistrti( pplic#ile nellTipotesi
di c!*!lo delle sn"ioni5 nonc%N per l con3isc e l restit!"ione delle
cose se:!estrte. Nt!rl*ente5 in (irtB del rin(io generle lle
disposi"ioni codicistic%e5 il gi!dice dellTesec!"ione sr$ nc%e
co*petente in ordine i pro((edi*enti in te* di pl!rlit$ di senten"e
1rt. --0 c.p.p.7 e s!l titolo esec!ti(o 1rt. -.' c.p.p.7.

Per :!nto concerne il procedi*ento di esec!"ione5 sono stte
ric%i*te le disposi"ioni di c!i llTrticolo --- del codice di proced!r
penle5 c%e disciplin l proced!r ordinri in c*er di consiglio
pre(io contrddittorio. Il li*ite dell co*pti#ilit$ escl!de o((i*ente
le nor*e c%e %nno rig!rdo llo stt!s detentionis del condnnto. L
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
2&3

proced!r c*erle do(r$ pplicrsi nc%e lle decisioni in ordine
llTinter(en!t #rogtio e l c!*!lo delle sn"ioni in eOec!ti(is 1cosL
co*e per gli o*olog%i pro((edi*enti in sede penle7.

In(ece 6 nc%e :!i in *odo spec!lre rispetto llTesec!"ione penle 6
per l cess"ione dellTesec!"ione delle sn"ioni per inter(en!t
estin"ione del reto c!s di *nisti e re*issione dell :!erel e
per l con3isc e restit!"ione5 si osser(er$ l proced!r se*pli3ict di
c!i llTrt. --. co** ) del codice di proced!r penle 1ordinn"
e*ess de plno5 con s!ccessi(o5 e(ent!le contrddittorio innn"i l
*edesi*o gi!dice7. LTindict proced!r se*pli3ict 2 pplic#ile
nc%e i csi in c!i5 essendo in corso di esec!"ione l sn"ione dell
interdi"ione dllTtti(it$5 lTente ric%ied l gi!dice lT!tori"""ione l
co*pi*ento di tti di gestione ordinri c%e non co*portino l
prosec!"ione dellTtti(it$ interdett 1si pensi5 titolo di ese*pio5
*erce deperi#ile c%e si stt in preceden" lient e de## essere
consegnt llTc:!irente5 o((ero d tti(it$ di conser("ione degli
i*pinti7.

22.2. LTesec!"ione delle sn"ioni.
LTesec!"ione delle sn"ioni pplicte llTente per lTillecito dipendente
d reto 2 stt delinet in *odo si*ile llTesec!"ione delle pene
pec!nirie e delle pene ccessorie5 ossi ttr(erso lTinter(ento del
p!##lico *inistero e del gi!dice.

LTrt. .+ 2 dett l disciplin dellTesec!"ione delle sn"ioni pec!nirie.

DAR8N COSTA
Il procedi*ento 2 scndito dlle stesse regole st#ilite per lTesec!"ione
delle pene pec!nirie5 e d!n:!e ttr(erso il siste* dell riscossione
*e""o dei r!oli esttorili. Perltro5 l 3ine di pprestre !n
*eccnis*o piB d!ttile c%e coin(olg in :!est 3se lT**inistr"ione
3inn"iri5 si 2 st#ilito c%e il pg*ento rtele5 l dil"ione del
pg*ento e l sospensione dell riscossione delle sn"ioni
**inistrti(e pec!nirie sono disciplinte dlle disposi"ioni di c!i
gli rticoli 10 e 106#is del decreto del Presidente dell Rep!##lic 20
sette*#re 10.&5 n. -'25 co*e *odi3icto dllTrticolo . del decreto
legislti(o 2- 3e##rio 10005 n. )-.

Anc%e lTesec!"ione dell sn"ione dell p!##lic"ione dell senten"
c%e riconosce l respons#ilit$ dellTente 2 regolt dlle stesse nor*e
pre(iste per lTesec!"ione dellTo*olog pen ccessori 1rt. .-7. In3tti5
l p!##lic"ione 2 eseg!it spese dellTente nei c!i con3ronti 2 stt
pplict l sn"ione e si osser(no le disposi"ioni dellTrt. -0) co**i
25 & e )5 c.p.p.

Di(erso5 in(ece5 il procedi*ento per lTesec!"ione delle sn"ioni
interditti(e 1rt. ..7.

L co*peten" d eseg!ire tli sn"ioni5 c%e incidono in *is!r piB
rile(nte s!llTente5 2 33idt l p!##lico *inistero. LTorgno
dellTesec!"ione5 c:!isito lTestrtto dell senten" irre(oc#ile c%e %
disposto lTpplic"ione di !n sn"ione interditti(5 pro((ede
noti3icrl llTente. Nt!rl*ente5 per tle noti3ic"ione si
osser(ernno le disposi"ioni5 di crttere generle5 dettte dllTrt. )&.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
2&5

L noti3ic"ione dellTestrtto5 nel :!le sono indicte le sn"ioni
interditti(e pplicte e il loro speci3ico oggetto 1(. lTrt. -075 2
s!33iciente per dre esec!"ione lle sn"ioni interditti(e.

In3tti5 d !n lto5 il rppresentnte dellTente5 (en!to conoscen"
dellTinterdi"ione5 sr$ pssi#ile5 in cso di (iol"ione del di(ieto
conten!to in senten"5 dell sn"ione penle pre(ist dllTrt 2&.

DllTltro lto5 lTiscri"ione dell sn"ione nellTngr3e n"ionle
consentir$ lle p!##lic%e **inistr"ioni ed enti incricti di p!##lico
ser(i"io5 c%e de##no (ere rpporti con lTente5 di ccertrsi
dellTe(ent!le interdi"ione.

L nor* precis in3ine il ter*ine ini"ile di decorren" delle sn"ioni
interditti(e 1rile(nte nc%e i 3ini dell s!ssisten" del reto di
(iol"ione delle sn"ioni interditti(e7. PiB precis*ente5 si % rig!rdo
ll dt dell noti3ic"ione dellTestrtto dell senten".

22.&. L con(ersione in sede esec!ti( delle sn"ioni interditti(e e l
no*in del co**issrio gi!di"ile.
Co*e si 2 gi$ ccennto5 !n delle crtteristic%e del procedi*ento per
lTesec!"ione delle sn"ioni pplicte llTente 2 l possi#ilit$ di
con(ertire nc%e in :!est 3se l sn"ione interditti( pplict nel
gi!di"io di cogni"ione. Perltro5 di33eren" dellTordinri
con(ersione5 :!ell dispost in eOec!ti(is deter*in !n !*ento dell
sn"ione pec!niri. Ci> dipende dllTo((i necessit$ di non
DAR8N COSTA
incenti(re condotte str!*entli dellTente5 c%e potre##e ltri*enti
*oneti""re costo "ero l sn"ione *ggior*ente 33litti(.

LTrt. ./ disciplin l con(ersione delle sn"ioni interditti(e dopo il
pssggio in gi!dicto dell senten" c%e ne dispone lTpplic"ione.

Pres!pposto dell con(ersione5 di co*peten" del gi!dice
dellTesec!"ione5 2 c%e lTente5 c%e ##i posto in essere le condotte
riprtorie di c!i llTrt. 1-5 trdi(*ente 1ossi oltre il ter*ine dell
dic%ir"ione di pert!r del di#tti*ento di pri*o grdo75 *
t!tt(i entro (enti giorni dll noti3ic dellTestrtto dell senten"5
3cci ric%iest di con(ersione dell sn"ione **inistrti(
interditti( te*porne in sn"ione pec!niri. Con l ric%iest de(e
essere presentt l doc!*ent"ione c%e co*pro(i lT((en!t
esec!"ione degli de*pi*enti ric%iesti dllTrt. 1-5 nel ter*ine
indicto. Perltro5 ttes l rile(n" del rigetto dell ric%iest5 si 2
pre(isto c%e s!ll stess de## necessri*ente esplicrsi il
contrddittorio delle prti< entro dieci giorni dll present"ione dell
ric%iest5 il gi!dice de(e :!indi 3issre lT!dien" in c*er di consiglio5
dndone ((iso lle prti e i di3ensori. Inoltre5 per e(itre pregi!di"i
llTente5 si 2 pre(isto c%e il gi!dice5 :!lor l ric%iest non ppi
*ni3est*ente in3ondt5 poss sospendere lTesec!"ione dell
sn"ione. Il ri3eri*ento ll non *ni3est in3ondte"" dell ric%iest
e(iden"i c%e il gi!dice de(e disporre l sospensione se e*erge nc%e
!n se*plice 3!*!s di ccogli*ento dell ric%iest. L sospensione 2
dispost con decreto *oti(to5 non i*p!gn#ile5 * re(oc#ile nel
s!ccessi(o corso del procedi*ento.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
2&7

Se il gi!dice ritiene c%e l ric%iest di con(ersione (d ccolt5
dispone5 con ordinn" 1nt!rl*ente *oti(t5 i sensi dellTrt. 12+
c.p.p.75 l con(ersione delle sn"ioni interditti(e. L nor* precis c%e
lTi*porto dell sn"ione pec!niri d deter*inre in seg!ito dell
con(ersione5 de(e consistere in !n so** non in3eriore :!ell dell
sn"ione pec!niri in3litt con l senten" 1c%e5 co*e 2 noto5 de(e
se*pre essere irrogt in cso di riconosci!t respons#ilit$ dellTente7
e non s!periore l doppio dell stess. In tl *odo5 lTde*pi*ento
trdi(o degli o##lig%i di ripr"ione co*porter$ !n rile(nte
ggr(*ento dell so** co*plessi( d pgre 1ten!to conto
dellToriginri sn"ione pec!niri c%e si ggi!nge :!ell ris!ltnte
dll con(ersione7. Perltro5 il gi!dice nel deter*inre lTi*porto dell
so** do(!t per l con(ersione5 terr$ conto5 d !n lto dell gr(it$
dellTillecito riten!to in senten"5 dllTltro delle rgioni c%e %nno
deter*into il trdi(o de*pi*ento delle condi"ioni di c!i llTrt. 1-.
In tl *odo5 sr$ possi#ile deg!re lTggr(*ento sn"iontorio ll
condott dellTente5 do(endosi disting!ere i csi di o#ietti( di33icolt$
del te*pesti(o de*pi*ento5 d :!elli c%e e(iden"ino l (olont$
dellTente di ritrdre il piB possi#ile il *o*ento dell do(eros
ripr"ione.
In3ine5 lTrt. .0 disciplin l proced!r per l no*in del co**issrio
gi!di"ile5 dispost con l senten" pplicti( dell sn"ione
interditti(5 c%e5 nel conte*po ##i consentito l prosec!"ione
dellTtti(it$ dellTente i sensi dellTrt. 1+. L no*in del co**issrio
gi!di"ile 2 di co*peten" del gi!dice dellTesec!"ione5 il :!le (i
pro((ede sen" 3or*lit$ e s! ric%iest del p!##lico *inistero.

DAR8N COSTA
LTtti(it$ del co**issrio 2 3inli""t5 d !n lto5 ll reli"""ione
dei *odelli orgni""ti(i5 dllTltro lto5 consentire l con3isc del
pro3itto deri(nte dllTillecito.

Concl!so lTincrico5 pertnto5 il co**issrio do(r$ trs*ettere
!nTpposit rel"ione5 nell :!le dr$ conto dellTtti(it$ s(olt5
indicndo in prticolre le *odlit$ ttr(erso le :!li sono stti
tt!ti i *odelli orgni""ti(i e lTentit$ del pro3itto d sottoporre
con3isc.

S!ll con3isc il gi!dice pro((ede de plno5 con e(ent!le
contrddittorio s!ccessi(o5 i sensi dellTrticolo --. co** ) del
codice di proced!r penle.

L nor* precis5 in3ine5 c%e le spese relti(e llTtti(it$ s(olt dl
co**issrio e l s!o co*penso sono poste crico dellTente.
22.). LTngr3e delle sn"ioni **inistrti(e.
Negli rtt. d /' /2 2 conten!t l disciplin relti( llTngr3e
n"ionle delle sn"ioni **inistrti(e.

L legge deleg % pre(isto5 nell lett. s7 dellTrt. 115 lTistit!"ione5 sen"
n!o(i o *ggiori oneri crico del #ilncio dello Stto5 di !nTngr3e
n"ionle delle sn"ioni **inistrti(e irrogte nei con3ronti degli
enti.

L 3!n"ione dellTngr3e5 cosL co*e delinet nel presente sc%e* di
decreto5 2 :!ell di ssic!rre5 deter*inte condi"ioni5 !n siste* di
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
2&9

conosci#ilit$ delle senten"e irre(oc#ili crico degli enti. In tl *odo5
d !n lto sr$ possi#ile per lT!torit$ gi!di"iri e per le p!##lic%e
**inistr"ioni (ere !n :!dro co*pleto dei precedenti
**inistrti(i dipendenti d reto; dllTltro lto5 si consentir$ gli
interessti di poter ottenere dllTente *edesi*o lTttest"ione dell
s! posi"ione in ri3eri*ento l siste* di ccert*ento di detti illeciti.

Preli*inr*ente5 2 stto necessrio indi(id!re do(e collocre
lTngr3e5 destint 3!ngere d VrccoglitoreV di t!tte le sn"ioni
pplicte i sensi del presente decreto. L scelt 2 cd!t s!l csellrio
gi!di"ile centrle 1c%e5 co*e 2 noto5 2 insedito presso il Cinistero
dell gi!sti"i7 per !n d!plice ordine di *oti(i.

An"it!tto5 dl *o*ento c%e il procedi*ento di ccert*ento dell
respons#ilit$ dellTente 2 di co*peten" del gi!dice penle ed 2
regolto5 si p!r con lc!ne derog%e5 dll disciplin process!le
penle5 2 pprso nt!rle c%e lTngr3e si str!tt!rl*ente inserit
nel csellrio centrle. In tl *odo5 inoltre5 ris!lter$ se*pli3icto il
siste* di co*!nic"ione delle iscri"ioni d prte delle cncellerie del
gi!dice co*petente per gli illeciti dellTente5 c%e gi$ si tro(no
Vcollo:!ireV con il csellrio centrle per i pro((edi*enti in *teri
penle.

Inoltre5 poic%2 l legge deleg pre(ede espress*ente c%e lTistit!"ione
dellTngr3e non de(e co*portre oneri per il #ilncio dello Stto5
lT!tili"""ione di !n str!tt!r preesistente e gi$ collegt con gli !33ici
DAR8N COSTA
gi!di"iri consentir$ di e(itre oneri ggi!nti(i5 non co*pti#ili con il
criterio di deleg.

In3ine5 il siste* delineto e(iden"i lTinseri*ento llTinterno dell
gi!risdi"ione5 con t!tte le conseg!enti grn"ie per lTente5 del siste*
di iscri"ione delle sn"ioni **inistrti(e dipendenti d reto.

Per :!nto rig!rd l concret disciplin dettt per lTngr3e delle
sn"ioni **inistrti(e5 ess riclc sostn"il*ente :!ell del
csellrio gi!di"ile. NellTngr3e 1rt. /'7 sono d!n:!e iscritti t!tte le
senten"e e i decreti5 irre(oc#ili5 c%e %nno pplicto llTente sn"ioni
**inistrti(e per illeciti dipendenti d reto.
Inoltre5 (nno iscritti nellTngr3e nc%e i pro((edi*enti non piB
soggetti d i*p!gn"ione e*essi dgli orgni gi!risdi"ionli
dellTesec!"ione 1e non :!indi dl p!##lico *inistero7. L regol5
nlog :!ell dettt per i pro((edi*enti penli 1rt. -/-5 lett. 5 n.
25 c.p.p.75 consente di iscri(ere i pro((edi*enti relti(i l c!*!lo delle
sn"ioni in eOec!ti(is5 ll cess"ione delle sn"ioni per inter(en!t
*nisti o re*issione dell :!erel5 e :!elli c%e co*!n:!e incidono
s!ll respons#ilit$ **inistrti( dipendente d reto.

Il co** & disciplin lTeli*in"ione delle iscri"ioni.

F!esto istit!to5 presente nc%e nel rito penle5 2 3!n"ionle
contenere nel te*po l conosci#ilit$ del precedente5 in *odo d non
penli""re in *odo ingi!sti3icto le esigen"e collegte llTtti(it$
dellTente.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
211

Pri*o pres!pposto co*!ne per lTeli*in"ione delle iscri"ioni 2 c%e l
sn"ione ##i (!to esec!"ione. In tl *odo5 si incenti( lTe33etti(
esec!"ione delle sn"ioni irrogte5 dll stess decorrendo il ter*ine
ini"ile per lTeli*in"ione del precedente dllTngr3e. Di(ersi sono i
te*pi c%e de(ono trscorrere d tle esec!"ione per 3rsi l!ogo
llTeli*in"ione< cin:!e nni per i pro((edi*enti c%e %nno pplicto
sol*ente l sn"ione pec!niri 1e c%e d!n:!e connotno 3tti *eno
gr(i7; dieci nni per :!elli di :!li deri( nc%e lTpplic"ione di !n
sn"ione di(ers 1interditti( o p!##lic"ione dell senten"7.
Elteriore pres!pposto5 (olto consentire lTeli*in"ione del precedente
solo nei csi in c!i lTente non ##i di*ostrto5 ttr(erso !n
reiter"ione dell condott illecit5 !n politic di i*pres procli(e ll
(iol"ione dell legge5 2 c%e nei periodi indicti non si stto
co**esso !n !lteriore illecito **inistrti(o. L reiter"ione5 c%e
costit!isce !nTipotesi di *ggior gr(it$ dellTillecito5 i*pedisce d!n:!e
lTeli*in"ione dellTiscri"ione5 con i conseg!enti e33etti negti(i in te*
di per*nente stig*ti"""ione dellTente.

LTrt. /1 rec le regole relti(e l rilscio dei certi3icti dellTngr3e
n"ionle5 nc%e in tl cso ispirndosi ll disciplin dei certi3icti
penli.

Si pre(edono d!n:!e d!e distinti certi3icti. Il pri*o5 rilscito
ric%iest dellT!torit$ gi!di"iri co*petente in ordine ll
respons#ilit$ **inistrti( dellTente dipendente d reto e delle
p!##lic%e **inistr"ioni ed enti incricti di !n p!##lico ser(i"io
1se*pre c%e il certi3icto si necessrio per pro((edere d !n tto
DAR8N COSTA
delle loro 3!n"ioni75 co*prende t!tte le iscri"ioni esistenti nei
con3ronti dellTente 1non5 o((i*ente5 :!elle c%e sino stte eli*inte i
sensi dellTrticolo precedente7.

Il secondo5 rilscito llTente5 sen" lc!n onere di *oti("ione5 non
riport le iscri"ioni relti(e lle senten"e di pplic"ione delle sn"ioni
**inistrti(e s! ric%iest e i decreti di pplic"ione delle sn"ioni
pec!nirie. =iene cosL in rilie(o !no dei piB signi3icti(i #ene3ici
pre*ili collegti ll scelt dei citti riti lternti(i.

In3ine5 lTrt. /2 deline il *eccnis*o di t!tel gi!risdi"ionle per t!tte
le contro(ersie inerenti le iscri"ioni 1o((i*ente co*prensi(e delle
:!estione connesse llTeli*in"ione delle stesse7 e i certi3icti
dellTngr3e. Anc%e in :!esto cso55 *!t!ndo l disciplin
process!le penle 1rt. -0' c.p.p.75 si pre(ede l co*peten" del
tri#!nle di Ro* 1l!ogo o(e si tro( lTngr3e n"ionle75 c%e decide
in co*posi"ione *onocrtic osser(ndo le disposi"ioni s!l
procedi*ento di esec!"ione.

Il ric%i*o ll disciplin esec!ti( ssic!r c%e nei con3ronti
dellTordinn" e*ess dl tri#!nle 2 co*!n:!e esperi#ile ricorso
innn"i ll Css"ione.

2&. Disposi"ioni di tt!"ione.
Il Cpo I=5 in3ine5 contiene lc!ne disposi"ioni5 3!n"ionli llTtt!"ione
dell disciplin process!le relti( llTccert*ento dellTillecito
dipendente d reto.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
213

Si rppresent c%e il decreto legislti(o non co*port oneri di spes
crico dello Stto.

I= 6 RELA?IONE TECNICO6NORCATI=A

Il presente decreto legislti(o 2 dottto in esec!"ione dell legge 20
sette*#re 2'''5 n. &''5 c%e contiene nor*e di rti3ic ed esec!"ione di
Atti intern"ionli el#orti in #se llTrticolo W & del Trttto
s!llTEnione e!rope5 e segnt*ente dell Con(en"ione s!ll t!tel
degli interessi 3inn"iri delle Co*!nit$ e!ropee5 3tt Br!Oelles il 2-
l!glio 100+5 nonc%N dell Con(en"ione relti( ll lott contro l
corr!"ione nell :!le sono coin(olti 3!n"ionri delle Co*!nit$
e!ropee o degli Stti *e*#ri dellTEnione e!rope5 3tt Br!Oelles il
2- *ggio 100. e dell Con(en"ione OCSE s!ll lott ll corr!"ione
dei p!##lici !33icili strnieri nelle oper"ioni econo*ic%e
intern"ionli. L citt legge 20 sette*#re 2'''5 n. &''5 contiene5
inoltre5 !n deleg con3erit l Go(erno (ente d oggetto l disciplin
dell respons#ilit$ **inistrti( delle persone gi!ridic%e e delle
societ$5 ssoci"ioni od enti pri(i di personlit$ gi!ridic c%e non
s(olgono 3!n"ioni di rilie(o costit!"ionle5 d esercitre secondo i
principi e criteri diretti(i conten!ti nellTrticolo 11.

In de3initi(5 d!n:!e5 lTinter(ento nor*ti(o ppre gi!sti3icto dll
necessit$ di esercitre l deleg s!ddett e si pone in sintoni con
lTordin*ento Co*!nitrio5 le c!i linee di tenden" ri*rcno pp!nto
lTesigen" di pre(edere 3or*e di respons#ilit$ delle persone
gi!ridic%e.
DAR8N COSTA
In tle dire"ione5 e nel rispetto dei criteri 3or*!lti dl legisltore
delegnte5 il decreto legislti(o pre(ede l respons#ilit$ delle persone
gi!ridic%e co*e conseg!en" di deter*inte ctegorie di reto poste
in essere s!o (ntggio d soggetti c%e ri(estono incric%i di
rppresentn" o **inistr"ione dellTente ttri#!endo il co*pito del
relti(o ccert*ento l gi!dice penle5 di regol nellT*#ito dello
stesso procedi*ento nel :!le (iene ccertt l s!ssisten" o *eno
del reto pres!pposto.

L prospetti(5 del t!tto originle5 nell :!le si *!o(e il decreto
legislti(o5 c%irisce lTe33etto dellTi*ptto dell regol*ent"ione s!ll
disciplin5 process!le e sostn"ile5 tt!l*ente (igente c%e
contin!er$ d (ere5 rispetto l settore in es*e5 (len" pplicti(
generle5 ris!ltndone in(ece derogt per i pec!liri spetti
disciplinti dl presente testo nor*ti(o.

Per le stesse rgioni il decreto legislti(o non present spetti di
inter3eren" o di inco*pti#ilit$ con le co*peten"e costit!"ionli delle
regioni.

= 6 =ALETA?IONE DI ICPATTO ACCINISTRATI=O

Il presente decreto legislti(o5 c%e 2 e*nto in esec!"ione dell legge
deleg 20 sette*#re 2'''5 n. &''5 % lTo#ietti(o 6oltre c%e di dre
esec!"ione :!nto disposto dl legisltore delegto6 di pprestre
3or*e di t!tel nei con3ronti di pec!liri ctegorie di reti :!ndo ne
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
215

sino !tori i rppresentnti o i respons#ili di enti c%e si
((ntggino dell condott illecit.

Pre(edendo l n!o( nor*ti( !n 3or* di respons#ilit$ degli enti
c%e (iene ccertt dl gi!dice penle nellT*#ito del procedi*ento
per il reto co**esso dll person 3isic5 il presente decreto
legislti(o non i*plic *odi3ic%e dellTpprto **inistrti(o
esistente e :!indi lc!n onere orgni""ti(o ggi!nti(o rispetto
llTesistente.

L pre(isione di !n respons#ilit$5 sepp!re **inistrti(5 in cpo
lle persone gi!ridic%e5 c%i*te rispondere delle (iol"ioni
conseg!enti i 3tti illeciti sopr indicti con sn"ioni pec!nirie
o((ero interditti(e5 i*plic !n certo onere orgni""ti(o 3!n"ionle
predisporre le str!tt!re dellTente secondo *od!li idonei d escl!dere5
d prte dei soggetti (enti respons#ilit$ di **inistr"ione o
rppresentn"5 l co**issione di deter*inte ctegorie di reti 1rtt.
- e ss.7.

Ne discende !n conseg!ente onere 3inn"irio c!i5 o((i*ente5 (
ggi!nto :!ello dirett*ente deri(nte dllTpplic"ione5 nei con3ronti
dellTente5 delle sn"ioni pre(iste in cso di (iol"ione.
DAR8N COSTA
Trib(n"le Mil"no < Se0ione VIII Ci#ile
Senen0" .2 Febbr"io ,--:= N+ .994
:6



REPEBBLICA ITALIANA
IN NOCE DEL POPOLO ITALIANO
IL TRIBENALE DI CILANO
SE?IONE =III CI=ILE
Co*posto di Signori *gistrti<
Dott. 4. CIACPI 6 Presidente reltore
Dott. E. 4ERRARIS , Gi!dice
Dott. =. PERO??IELLO , Gi!dice
% pron!ncito i sensi degli rtt. 1-5 D.Lgs. n. +M2''& e 2/16se7ies
c.p.c.5 l seg!ente
SENTEN?A
Nell c!s ci(ile iscritt l n!*ero di r!olo generle sopr riportto5
ss!nt in decisione
llT!dien" odiern5 pro*oss con tto di cit"ione redtto i sensi
dellTrt. 25 D.Lgs. n. +M2''&;
DA
9 SPA
PARTE ATTRICE
eletti(*ente do*icilit in Cilno presso lo st!dio dellTA((. TI?IO dl
:!le 2 rppresentt e
di3es per deleg

/-
S!
@@@.con3ind!stri.itMAreeMlineeg.ns3M'M'13e+&/3+31.1&'c12+.)d#''+-2-c)M[
4ILEMTri#.Y2' CilnoY2'n.Y2'1..)Y2'6Y2'1&.'2.'/.pd3.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
217

CONTRO
A.D. J
PARTE CON=ENETA
eletti(*ente do*icilit in Cilno presso lo st!dio dellTA((. CAIO dl
:!le 2 rppresentt e
di3es per deleg
OGGETTO< A?IONE RESPONSABILIT\
AllT!dien" i Proc!rtori delle prti %nno disc!sso l (erten"
IN 4ATTO ED IN DIRITTO
Gi!dic il Collegio c%e l do*nd ttore si pr"il*ente 3ondt e
*eriti5 :!indi5 di essere ccolt nei ter*ini di c!i ppresso.
Si disc!te in gi!di"io dellTss!nt respons#ilit$ del con(en!to
**inistrtore con ric%iest in :!est sede5 di !n condnn solo
generic 1sen" ((ers resisten" s!l p!nto7.
Ris!lt pci3ico5 tr le prti<
17 c%e il con(en!to si stto Presidente del C.d.A. ed A**inistrtore
Delegto dell societ$ ttrice dl 20.'-.1002 l 1/ *ggio 2'');
27 c%e l societ$ ttrice si stt sottopost d indgine per *nct
predisposi"ione5 nel s!ddetto periodo di te*po5 di !n deg!to
*odello orgni""ti(o e gestorio i sensi del D.Lgs. n. 2&1M2''1 ed
##i5 in proposito5 ptteggito ed ssolto !n sn"ione di e!ro
-).'''5'';
&7 c%e il con(en!to si stto processto per reti di corr!"ione5
t!r#ti( dTst e tr!335 co**essi nellT*#ito dell s!ddett posi"ione
**inistrti( ed5 in tle contesto5 ##i ptteggito e s!#ito !n
condnn pen detenti(.
DAR8N COSTA
Tle essendo il :!dro dei 3tti pci3ici in gi!di"io si contro(erte5 poi5
tr le prti stesse5 n"it!tto5 circ lTss!nto di prte ttrice secondo c!i
il con(en!to sre##e incorso in respons#ilit$ per indeg!t tti(it$
**inistrti( e do(re##e5 in :!est sede5 s!#ire l condnn
generic l risrci*ento dei cgionti dnni.
Ritiene :!esto Gi!dice c%e !n si33tto ss!nto si 3ondto nei li*itti
ter*ini di c!i ppresso.
= detto5 n"it!tto5 c%e l respons#ilit$ del con(en!to per gli illeciti di
c!i lle penli i*p!t"ioni s!ddette 1e c%e5 cert*ente5 integrno
nc%e gli estre*i di !n V*l gestioV rile(nte i 3ini ci(ilistici7
e*erge c%ir*ente d pl!ri*i e concordi ele*enti<
6 in pri*o l!ogo5 le dic%ir"ioni rese in sede penle5 in c!i il
con(en!to % riconosci!to c%e V... Per :!nto rig!rd il denro
consegnto ?. e l ]. in prte lT%o prele(to dll css 9 SPA .... Ao
poi pro((ed!to rec!perre :!nto prele(to dll css 9 SPA
ttr(erso i depositi del cd. VSc%eletroV;
6 inoltre l ric%iest del ptteggi*ento5 poi otten!to;
6 in3ine 1Vlst5 #!t no lestV75 l stess posi"ione ss!nt in :!est sede5
nell :!le i 3tti dde#ittigli non sono stti5 in #!on sostn"5
contestti dl con(en!to5 il :!le si 2 di3eso escl!si(*ente con
c%i*te in correit$ 1c%e5 cert*ente5 non escl!dono l s!
respons#ilit$7 e con rilie(i di di3etto di dnno 1di c!i si dir$ ppresso7.
=5 perltro5 nc%e detto c%e5 secondo il decidente Collegio5 in concorso
con lT"ione dnnos del con(en!to si 2 posto5 co*e conc!s dei
l*entti dnni5 nc%e il co*port*ento dell societ$ ttrice 1rt.
122. c.c.75 l :!le5 per l!ngo te*po ed ttr(erso lT"ione coll!sori di
t!tti gli ltri s!oi orgni si decisionli 1di diritto o di 3tto7 c%e di
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
219

controllo5 %5 pri*5 creto !n siste* di V3ondi neriV per 3inn"ire
illecite tti(it$ ed %5 poi5 s(olto *pi*ente tli tti(it$5 #ene3icindo
dei correlti(i ris!ltti t!tto sen" "ionre l respons#ilit$ degli ltri
soggetti coll!si.
A(!to rig!rdo5 :!indi5 lle pec!lirit$ del cso di specie5 gi!dic il
Collegio c%e tli concorrenti respons#ilit$ di prti con(en!t ed
ttrice ##ino (!to !nTe33icien" c!sle pritri 1+'Y e +'Y7 nell
prod!"ione del l*entto dnno.
Detto ci>5 in generle5 circ lT San debeaturS e pssndo5 or5 llTnlisi
dei singoli dde#iti ttorei ( detto5 poi5 se*pre e solo nel contesto
dell cogni"ione di generic condnn c%e 2 stt ric%iest in :!est
sede5 c%e<
7 per :!nto ttiene llTo*ess do"ione di !n deg!to *odello
orgni""ti(o5 d !n lto5 il dnno ppre incontest#ile in rgione
dellTes#orso per l concordt sn"ione e5 dllTltro5 ris!lt ltrettnto
incontest#ile il concorso di respons#ilit$ di prte con(en!t c%e5
:!le A**inistrtore Delegto e Presidente del C.d.A.5 (e( il do(ere
di tti(re tle orgno5 ri*sto inerte l rig!rdo;
#7 per :!nto ttiene i prelie(i inde#iti dlle csse socili essi5 co*e
sopr detto5 sono stti riconosci!ti in sede penle e spetter$5 :!indi5
lle prti nel gi!di"io relti(o l SquantumS di di*ostrrne
lT**ontre o((ero lT((en!to rig!rgito;
c7 per :!nto ttiene l dnno corrispondente ll di*in!"ione del
3tt!rto ed ll ss!nt i perdit di SchancesS5 per !n (erso5 non ne 2
stt 3ornit l p!r generic pro( necessri in :!est sede e5 per
ltro (erso5 !n si33tt di*in!"ione ppre il portto piB c%e nt!rle
DAR8N COSTA
dell cess"ione delle precedenti prtic%e di illecit c:!isi"ione del
3tt!rto stesso.
F!este consider"ioni %nno con(into il Tri#!nle dell pr"ile
3ondte"" dell do*nd e ne gi!sti3icno lTccogli*ento nei
soprdetti ter*ini e cio2 solo per l *et$ dei dnni s!#iti in
connessione con lTo*ess do"ione di !n deg!to *odello
orgni""ti(o e per i prelie(i inde#iti dlle csse socili.
L condnn l pg*ento delle spese di gi!di"io seg!e l
socco*#en" 1rt. 01 c.p.c7 < si ritiene e:!o li:!idre tli spese5
3(ore di prte ttrice5 in E!ro &215/& per es#orsi ed E!ro 1'.'''5''
per diritti e per onorri e di porne il relti(o onere s! prte con(en!t5
in rgione dell socco*#en" solo pr"ile5 per !n :!rto.
P+>+M+
Il Tri#!nle5 de3initi(*ente pron!ncindo s!ll do*nd5 respint
ogni ltr ric%iest ed ecce"ione;
ccoglie pr"il*ente l propost do*nd ttore e5 per lTe33etto5
condnn5 generic*ente5 l prte con(en!t risrcire ll prte
ttrice !n *e""o dei dnni d :!estT!lti* s!#iti in connessione con
lTo*ess do"ione di !n deg!to *odello orgni""ti(o e per i
prelie(i inde#iti dlle csse socili;
condnn l prte con(en!t ri*#orsre ll prte ttrice !n :!rto
delle spese del presente gi!di"io co*plessi(*ente li:!idto in e!ro
2./&'5)+5 oltre I.=.A. e C.P.A.


LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
221

Co$i%e "nim"?i" !er le im!re&e
:9


Proposta
88
elaborata da
Pier Luigi Vigna
89
, Giovanni Fiandaca
90
, Donato Masciandaro
91



atura e !inalit"
1. Il Codice nti*3i per li*pres ^CODICE_ costit!isce !no
str!*ento !lteriore di gestione e controllo 1governance7 delli*pres5
proposto lle i*prese c%e operno5 nc%e in prte5 llinterno di
territori d lto tsso di cri*inlit$5 l 3ine di 3ronteggire e rid!rre i
risc%i di in3iltr"ione d prte delle orgni"""ioni cri*inli.
2. Il CODICE p!> essere ss!nto nc%e d Associ"ioni i*prenditorili
o di ctegori5 le :!li possono 3rlo proprio o inserirlo in regol*enti
relti(i lltti(it$ delle i*prese ssocite.

/.
S! @@@.co*plince"iendle.co*.
//
Il testo costit!isce l #o""5 pert ll disc!ssione5 3or*!lt dl gr!ppo di
esperti ed oggetto di
!n preli*inre con3ronto con lc!ne !torit$ istit!"ionli5 c%e %nno contri#!ito
con consigli e s!ggeri*enti.
Il gr!ppo di esperti 2 stto indi(id!to d ITALCECENTI S.P.A.5 c%e ne % sosten!to
ltti(it$.
T!tt(i il testo 2 stto el#orto in co*plet !tono*i dgli esperti *edesi*i5
c%e lo propongono lltten"ione delle Associ"ioni di Ctegori5 dei Sindcti5
delle Istit!"ioni P!##lic%e e delle 4or"e dellOrdine5 per l!lteriore con3ronto e per
!n dilogo circ le piB opport!ne 3or*e di ss!n"ione e do"ione.
/0
Cgistrto dl 10+0. Dl 100. l 2''+ % ricoperto lincrico di Proc!rtore
N"ionle Anti*3i.
0'
Pro3essore ordinrio di Diritto penle presso lEni(ersit$ degli St!di di Pler*o.
01
Pro3essore Ordinrio di Econo*i Politic e titolre dell Cttedr di Econo*i
dell
Regol*ent"ione 4inn"iri presso lEni(ersit$ Bocconi di Cilno.

DAR8N COSTA
&. Il CODICE % !n 3!n"ione co*ple*entre d ltri codici di
governance 1codici etici5 *odelli redtti i sensi del d. lgs. 2&1M2''15
regol*ent"ione intern e proced!re75 oltre c%e lle 3onti pri*rie di
regol"ione delltti(it$ di*pres.
). Nelldo"ione ed tt!"ione del CODICE sono se*pre 3tte sl(e le
nor*ti(e generli o di settore5 c%e possono rig!rdre ltti(it$
delli*pres ed i rpporti con i s!oi di(ersi interloc!tori 1d es. Stt!to
dei L(ortori5 nor*ti( s!ll %rivacO ecc.7.
+. L pre(en"ione del risc%io di in3iltr"ione cri*inle perseg!e !n
d!plice o#ietti(o<
. prote"ione ed incre*ento dellintegrit$ "iendle5 3(orendo l
cre"ione di (lore econo*ico per l singol i*pres;
#. contri#!to ll t!tel dellordine p!##lico econo*ico ed ll di3es
dell leglit$5 3(orendo l cre"ione di (lore socile per l co*!nit$
nel s!o co*plesso.
-. L singol i*pres inserisce le regole del CODICE nell s! disciplin
intern5 (endo c!r di e(itre d!plic"ioni ed ppesnti*enti
#!rocrtici5 c%e incidere##ero negti(*ente s!lle possi#ilit$ di
e33etti( tt!"ione del CODICE.
.. Rispetto ll co*plessi( re di tti(it$ delli*pres5 lpplic"ione
del CODICE p!> essere territoril*ente li*itt "one speci3ic%e5
deter*inte in #se ll ricogni"ione del risc%io di in3iltr"ione d
prte dell cri*inlit$ orgni""t.
/. Il CODICE consider t!tti i soggetti coin(olti nello s(olgi*ento
delltti(it$ di*pres< risorse umane" ornitori" clienti" istituzioni ed
altri attori collettivi" territoriali od esponenziali.

LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
223

Doveri di in!orma#ione e strumenti di conoscen#a del risc$io
criminale
0. Ldo"ione del CODICE pres!ppone l ricogni"ione5 d prte
delli*pres5 del risc%io di in3iltr"ione dell cri*inlit$ orgni""t o
di conttti con ess nell*#ito delltti(it$ di*pres5 in !n
deter*int re o in !no speci3ico contesto.
1'. 1. A tl 3ine 2 necessrio s(olgere !nnlisi pre(enti( e contin!
del territorio o del contesto5 ri(olt d indi(id!re e (l!tre il pericolo
c%e
le orgni"""ioni cri*inli5 locl*ente insedite5 possno condi"ionre
ltti(it$ di*pres5 str!*entli""ndol per il conseg!i*ento di
(ntggi illeciti.
2. F!lor li*pres5 per le s!e di*ensioni o crtteristic%e5 non si in
grdo di s(olgere !tono**ente :!est nlisi5 ess p!> ((lersi
dell!silio conosciti(o e del s!pporto o33erto d istit!"ioni p!##lic%e5
ssoci"ioni di ctegori o di (olontrito.
11. Al 3ine e33ett!re lnlisi pre(enti( del territorio5 2 preli*inre l
rccolt del *ggior n!*ero possi#ile di dti e di in3or*"ioni !tili per
l conoscen" degli ttori opernti nel territorio.
12. E !spic#ile tl 3ine , o(e ne s!ssistno le condi"ioni , !n
pre(i interloc!"ione con !torit$ p!##lic%e e soggetti rppresentti(i
locl*ente co*petenti 1pre3etti5 :!estori5 3or"e di poli"i5 sindci5
ssoci"ioni ind!strili5 ssoci"ioni sindcli di ri3eri*ento od
e(ent!li soggetti 3!n"ionl*ente ssi*il#ili5 ssoci"ioni
(olontrie75 dirett d c:!isire dti5 indic"ioni5 circostn"e rile(nti
i 3ini dell rile("ione degli indici di tten"ione o dei criteri di
(l!t"ione.
DAR8N COSTA
1&. Per e33ett!re lnlisi pre(enti( del territorio possono essere
presi in consider"ione<
. i pro((edi*enti o doc!*enti gi!di"iri o di poli"i o(e disponi#ili;
#. le rel"ioni periodic%e5 o(e ccessi#ili5 di istit!"ioni p!##lic%e
co*petenti;
c. le rile("ioni degli ispettorti del l(oro;
d. le sttistic%e ISTAT;
e. gli st!di sociologici e cri*inologici disponi#ili o ric%iesti d esperti
:!li3icti;
3. le rile("ioni ed el#or"ioni delle C*ere di Co**ercio5 delle
ssoci"ioni i*prenditorili e sindcli5 delle ssoci"ioni antirac:et5
nonc%N di ogni ltro soggetto p!##lico o pri(to s(olgente 3!n"ioni
si*ilri nell*#ito dei di(ersi contesti territorili;
g. le inc%ieste e le cronc%e giornlistic%e.
1). Le in3or*"ioni ed i dti di conoscen" c:!isiti possono ris!ltre
!tili nc%e per l sele"ione dei di(ersi interloc!tori territorili<
dipendenti5 coll#ortori5 pro3essionisti5 3ornitori.
1+. L pre(en"ione del risc%io di in3iltr"ione cri*inle co*port !n
(l!t"ione di 33id#ilit$ dei di(ersi soggetti 1persone 3isic%e od
enti
02
7 c%e %nno rpporti con li*pres.
1-. A tl 3ine possono essere !tili""ti indici di tten"ione e tr :!esti<
. sottoposi"ione procedi*ento per lpplic"ione di *is!re di
pre(en"ione5 i sensi dell nor*ti( nti*3i 1rt & ss. L. 1)2& del
10+-; rt. 1' L. +.+ del 10-+7;
#. pplic"ione di *is!re c!telri coerciti(e nell*#ito di !n
procedi*ento penle o pron!nci di senten" di condnn5 ncorc%N

02
Nel senso di c!i llrt. 1 co** 2I d. lgs. 2&1M2''1.
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
225

non de3initi(5 co*pres :!ell pre(ist dllrt. ))) c.p.p.5 nei
con3ronti di i*prenditori5 soci5 **inistrtori o dipendenti di i*prese5
per reti c%e incidono s!ll33id#ilit$
pro3essionle e5 tr :!esti5 per i delitti contro l P!##lic
A**inistr"ione5 per prtecip"ione o concorso esterno nei reti
ssociti(i5 per i delitti di !s!r5 estorsione5 ricett"ione5 riciclggio5
i*piego di #eni pro(enienti d delitti e per ltre 3ig!re delitt!ose c%e
ss!*ono rilie(o nell*#ito dell cri*inlit$
orgni""t;
c. pplic"ione di *is!re c!telri nell*#ito di !n procedi*ento
penle e pron!nci di senten" di condnn5 ncorc%N non de3initi(5
co*pres :!ell e*ess s! ric%iest delle prti5 nei con3ronti di enti5 i
sensi del d. lgs. 2&1M2''15 per reti contro l P!##lic
A**inistr"ione5 reti contro l person5 reti di riciclggio e di
ssoci"ione delin:!ere di nt!r trnsn"ionle5 e per ltre 3ig!re di
reto c%e ss!*ono rilie(o nell*#ito dell cri*inlit$ orgni""t;
d. costit!"ione di enti nei :!li 3ig!rno5 co*e soci5 **inistrtori o
gestori5 persone 1o prossi*i congi!nti7 c%e prtecipno o ##ino
prtecipto lle i*prese od enti nelle sit!"ioni indicte sub 75 #7 e c75
o((ero *ni3est*ente spro((isti5 per et$ o 3or*"ione5 dei re:!isiti
indispens#ili per leserci"io delltti(it$ i*prenditorile;
e. i*prese c%e sino d ritenere5 s!ll #se di ele*enti di 3tto5
costit!ite soltnto llo scopo di occ!ltre o 3(orire soggetti
pprtenenti gr!ppi cri*inli o5 co*!n:!e5 di el!dere di(ieti nello
s(olgi*ento di tti(it$ i*prenditorili;
3. i*prese od enti c%e ris!ltino pri(i di rpporti con "iende di credito;
DAR8N COSTA
g. inter(ento5 nelle trttti(e co**ercili5 di persone od enti pri(i di
legitti*"ione d interlo:!ire nelle trttti(e *edesi*e;
%. *nct consegn5 :!lor ric%iest5 del certi3icto penle generle5
del certi3icto dei cric%i pendenti5 del certi3icto nti*3i5 o di
!tocerti3ic"ione sostit!ti( co*e de3init l p!nto 22;
i. *nct esi#i"ione di doc!*enti co*pro(nti liscri"ione d l#i5
ordini5 elenc%i5 :!lor liscri"ione si re:!isito necessrio per lo
s(olgi*ento delltti(it$.
1.. Lccert*ento delle sit!"ioni di c!i l p!nto precedente incide
negti(*ente s!ll (l!t"ione di 33id#ilit$ pro3essionle5 *eno
c%e lesito 3(ore(ole dei procedi*enti o processi o le gi!sti3ic"ioni
ddotte di soggetti interessti sino tli d ne!trli""re il gi!di"io
negti(o.
1/. Le in3or*"ioni s!i risc%i di in3iltr"ione cri*inle rccolte d
Istit!"ioni p!##lic%e od Orgni"""ioni pri(te sono *esse
disposi"ione degli i*prese od enti presenti nellre5 i :!li ne
grntiscono respons#il*ente l!tili"""ione i soli 3ini indicti dl
presente CODICE.

%riteri di sele#ione del personale
10. L sele"ione del personle5 di :!l!n:!e li(ello5 de(e essere
e33ett!t in *odo trsprente e s!ll #se dei soli criteri di<
. pro3essionlit$ speci3ic rispetto llincrico o lle *nsioni;
#. !g!glin" di trtt*ento;
c. 33id#ilit$ rispetto l risc%io di in3iltr"ione cri*inle.
Inormazioni preventive
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
227

2'. Nell (l!t"ione pre(enti( delle risorse !*ne in ter*ini di
pro3essionlit$ ed 33id#ilit$ 2 !tile l pre(i interloc!"ione con
!torit$ p!##lic%e e soggetti rppresentti(i locl*ente co*petenti.
21. Ai 3ini dell (l!t"ione di 33id#ilit$ si de(e tenere ltresL conto
degli spetti rel"ionli dei presttori di l(oro cndidti
llss!n"ione con l*#iente di pprtenen"5 se*pre c%e ss!*no
signi3icto sinto*tico.
22. Per l prtecip"ione lle proced!re di sele"ione de(ono essere
prodotti dllinteressto<
6 il certi3icto penle generle;
6 il certi3icto dei cric%i pendenti5 non nteriore tre *esi.
In alternativa5 linteressto p!> rilscire !n !tocerti3ic"ione nell
:!le dic%ir di non (er s!#ito condnn5 nN di (ere procedi*enti
in corso per i seg!enti reti< ssoci"ione delin:!ere 1rt. )1- c.p.75
ssoci"ione per delin:!ere di tipo *3ioso 1rt. )1- 6 bis c.p.75
sc*#io elettorle politico *3ioso 1rt. )1- 6 ter c.p.75 ricett"ione
1rt. -)/ c.p.75 riciclggio 1rt. -)/ 6 bis c.p.75 i*piego di denro5 #eni o
!tilit$ di pro(enien" illecit 1rt. -)/ 6 ter c.p.7.
Inormazioni continuative
2&. 4er*i gli o##lig%i e(ent!l*ente ss!nti nell*#ito di Protocolli
di leglit$5 i Respons#ili di cisc!n str!tt!r "iendle od !nit$
prod!tti( de(ono trs*ettere ll Pre3ett!r5 entro trent giorni5 i
no*inti(i dei l(ortori ss!nti5 :!lsi(ogli titolo5 con lindic"ione
delle *nsioni5 nonc%N i trs3eri*enti e le cess"ioni dl rpporto di
l(oro.
2). Il l(ortore5 di :!l!n:!e li(ello5 de(e co*!nicre ll societ$ o
lli*pres le(ent!le inter(en!t sottoposi"ione procedi*ento di
DAR8N COSTA
pre(en"ione o((ero procedi*ento penle per reti di cri*inlit$
orgni""t o per reti c%e co*!n:!e incidno s!i re:!isiti di
pro3essionlit$ ed 33id#ilit$ 1c3r. supra" p!nto 1- e 227.
3ormazione
2+. Il personle delle str!tt!re o !nit$ territorili 2 in3or*to5 c!r
dell Dirigen" "iendle nc%e decentrt5 circ i risc%i di in3iltr"ione
d prte dell cri*inlit$ orgni""t5 *edinte l di33!sione di
conoscen"e e noti"ie s!lle 3or*e di cri*inlit$ presenti nel territorio.
2-. L Dirigen" "iendle predispone corsi di 3or*"ione5 c%e
incl!dono lggiorn*ento s!lle(ol!"ione dei risc%i di in:!in*ento
d cri*inlit$ e led!c"ione ll leglit$5 :!le co*ponente
3ond*entle delletic pro3essionle e pres!pposto indispens#ile per
!n sn e d!rt!r crescit econo*ic.
2.. Le i*prese c%e5 per di*ensioni o crtteristic%e5 non sono
!tono**ente in grdo di grntire !ndeg!t in3or*"ione i loro
dipendenti5 possono c%iedere !silio d istit!"ioni p!##lic%e5
ssoci"ioni pro3essionli o di (olontrito.
2/. L p!nt!le osser(n" delle regole conten!te in :!esto CODICE
costit!isce !n ele*ento positi(o i 3ini dell (l!t"ione di
pro3essionlit$.

%riteri di sele#ione di !ornitori e clienti
Selezione dei ornitori
20. Lo#ietti(o di pre(enire il pericolo di in3iltr"ioni cri*inli de(e
essere perseg!ito !tili""ndo il *ssi*o n!*ero possi#ile di 3onti
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
229

in3or*ti(e5 si l *o*ento dell sele"ione o del pri*o conttto con i
3ornitori signi3icti(i
0&
5 si nell (l!t"ione delle s!ccessi(e condotte.
&'. Le proced!re di sele"ione dei 3ornitori signi3icti(i de(ono essere
ispirte i criteri e principi seg!enti<
. trspren" delle proced!re di sele"ione;
#. pri opport!nit$ di ccesso;
c. pro3essionlit$;
d. 33id#ilit$;
e. econo*icit$.
Il principio di econo*icit$ non p!> *i pre(lere s!gli ltri criteri.
&1. Li*pres de3inisce5 se possi#ile5 liste di iducia di 3ornitori
:!li3icti 1vendor list)" nelle :!li iscri(ere le "iende 3ornitrici in
possesso dei re:!isiti c%e soddis3no i criteri indicti sub &'.
&2. Lccert*ento dei re:!isiti 2 e33ett!to l pri*o conttto con il
3ornitore od l *o*ento dellincl!sione nell list 1se esistente7.
&&. Lesi#i"ione del certi3icto nti*3i 2 se*pre c%iest l *o*ento
delliscri"ione nell list; p!> essere c%iest nc%e l *o*ento dell
concl!sione dei contrtti di 3ornit!r e nel corso dell d!rt dei
contrtti *edesi*i.
&). Nell*#ito dell de3ini"ione dei re:!isiti necessri per le liste di
3id!ci5 l prte contrente con li*pres dic%ir nel contrtto5 sotto
l propri respons#ilit$5 c%e gisce in no*e proprio o((ero indic l
person 3isic o gi!ridic titolre o #ene3iciri e33etti( del rpporto5
3ornendo doc!*ent"ione idone consentirne lidenti3ic"ione.

0&
Li*pres o le Associ"ioni di ctegori de3iniscono pr*etri di*ensionli o
:!litti(i per
deter*inre l signiicativit5 nc%e rispetto d *#iti locli.


DAR8N COSTA
&+. L prte contrente de(e5 ltresL5 doc!*entre il possesso dei
re:!isiti ric%iesti dll nor*ti( nti*3i. Le 3otocopie sono
**issi#ili solo se cco*pgnte d !tocerti3ic"ione di con3or*it$
lloriginle.
&-. Sono escl!si dllccert*ento dei re:!isiti di 33id#ilit$ i 3ornitori
c%e operno in settori sottoposti (igiln" p!##lic5 o((ero iscritti d
Al#i per i :!li il re:!isito di 33id#ilit$ 2 condi"ione i*prescindi#ile.
&.. E contrtt!l*ente i*posto l 3ornitore di co*!nicre sen"
ind!gio le sit!"ioni di c!i l precedente p!nto 1-5 nonc%N ogni ltr
circostn" sopr((en!t c%e poss in3l!ire s!l *nteni*ento dei
re:!isiti.
&/. F!lor il 3ornitore s(olg !ntti(it$ per l :!le 1o per prte dell
:!le7 sino necessrie !tori"""ioni5 per*essi5 licen"e o concessioni
ed il rpporto d inst!rre con li*pres ricd nell*#ito delle
tti(it$ c!i le !tori"""ioni5 i per*essi5 le licen"e o le concessioni si
ri3eriscono5 l consegn dell doc!*ent"ione corrispondente
costit!isce re:!isito indispens#ile per linst!r"ione di :!lsi(ogli
rpporto e per liscri"ione nell list dei 3ornitori :!li3icti.
&0. F!lor il 3ornitore operi s!ll #se di !n contrtto di pplto 1di
:!lsi(ogli genere75 il 3ornitore de(e prod!rre5 oltre c%e lindic"ione
no*inti( degli ddetti llpplto5 lttest"ione dell regolrit$
retri#!ti( e contri#!ti( per t!tti gli ddetti i*pegnti.
)'. Se li*pres pplttrice intende ((lersi di :!lsisi 3or* di
s!#pplto o co*!n:!e di inter(ento o coll#or"ione d prte di ltre
i*prese5 de(e pre(enti(*ente drne co*!nic"ione lli*pres
co**ittente e prod!rre doc!*ent"ione delli*pres s!#pplttrice
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
231

1o inter(eniente d ltro titolo7 dll :!le ris!lti ldesione ll regole
di :!esto CODICE.
)1. L dic%ir"ione di dti 3lsi od inco*pleti co*port l risol!"ione
del contrtto.

Selezione dei clienti
)2. De(ono essere c:!isite t!tte le in3or*"ioni ccessi#ili relti(e i
clienti5 d !tili""re5 oltre c%e per l nor*le (l!t"ione di tipo
co**ercile5 nc%e per l (eri3ic di possi#ili rpporti con soggetti ed
tti(it$ ricond!ci#ili d orgni"""ioni cri*inli.
)&. Lc:!isi"ione e l rccolt di in3or*"ioni relti(e i clienti
signi3icti(i de(ono essere e33ett!te si nell((io c%e d!rnte lo
s(olgi*ento del rpporto.
)). Le 3ornit!re i clienti de(ono essere i**edit*ente sospese
:!lor ris!ltino concreti ele*enti di risc%io di in3iltr"ione cri*inle5
nc%e ten!to conto degli indici di tten"ione di c!i l p!nto 1-5 opp!re
del (eri3icrsi5 in ssen" di gi!sti3ic"ioni econo*ic%e o
i*prenditorili5 di<
. *!t*enti repentini o reiterti nell co*pgine socile o negli
orgni socili;
#. *!t*enti signi3icti(i del settore di tti(it$;
c. *!t*enti repentini rig!rdo lle di*ensioni delltti(it$5 l
ptri*onio5 lle ric%ieste di 3ornit!re.
)+. Ai clienti si pplicno5 in :!nto co*pti#ili5 le pre(isioni c%e
:!esto CODICE pre(ede per i 3ornitori.

Pagamenti ed altre transa#ioni !inan#iarie
DAR8N COSTA
)-. T!tti i pg*enti o le trns"ioni 3inn"irie de(ono essere
e33ett!ti tr*ite inter*ediri !tori""ti5 in *odo c%e ne si grntit
l trcci#ilit$ s!ll #se di idone doc!*ent"ione.
).. Non sono **esse cessioni del credito o del de#ito ter"i5 sotto
:!lsi(ogli 3or*.
)/. In derog :!nto pre(isto l p!nto )-5 sono **essi pg*enti
in contnti per so**e non s!periori d Z 2'''5 con il di(ieto di
3r"ionre pg*enti di oper"ioni !nitrie.
)0. Non sono **essi pg*enti con ssegni li#eri.

Misure di sicure##a, obblig$i di segnala#ione, !orme di
collabora#ione con poli#ia e magistratura
+'. I respons#ili delle str!tt!re territorili5 s!ll #se di regole
st#ilite dlli*pres5 grntiscono !ne33icce (igiln"5 tle d
consentire lccesso llre delli*pres soltnto persone o *e""i
!tori""ti.
+1. A :!esto scopo5 se possi#ile5 de(ono essere tti(ti siste*i
in3or*tici e di (ideosor(eglin" idonei d ssic!rre l registr"ione
degli ingressi nellre di*pres; lccesso :!est de(e essere
li*itto soltnto lle persone ed i *e""i pro((isti di doc!*ento
identi3icti(o e*esso dlli*pres *edesi* o !tori""ti per iscritto
dll Dire"ione dell str!tt!r.
+2. Il doc!*ento identi3icti(o de(e essere esi#ito ric%iest del
personle di (igiln"; in cso di diniego5 2 i*pedito lingresso e ne 2
dt in3or*"ione ll Dire"ione dell str!tt!r.
+&. E 3tto di(ieto t!tti i presttori di l(oro delli*pres di
sottostre ric%ieste estorsi(e di :!lsisi tipo 1pi""o5 *ess posto5
LA RESPONSABILITA PENALE DELLE SOCIETA
233

o33erte ecc.75 d c%i!n:!e 3or*!lte; il presttore di l(oro 2 in ogni
cso ten!to d in3or*re l!torit$ di poli"i.
+). Nel cso di ttentti i #eni "iendli o di *incce5 2 3tto o##ligo
t!tti i presttori di l(oro di in3or*re i**edit*ente le !torit$ di
poli"i5 3ornendo sen" reticen" e con pieno spirito di coll#or"ione5
t!tte le in3or*"ioni e le noti"ie possed!te5 non solo in rel"ione gli
e(enti lesi(i speci3ici5 * nc%e in ordine d e(ent!li nte3tti e
circostn"e rile(nti i 3ini delle indgini.
++. 1. E ltresL i**edit*ente segnlto llOrgnis*o di =igiln"
0)
5
d prte di c%i!n:!e ne (eng conoscen"5 ogni !lteriore 3tto od
ele*ento d c!i si poss des!*ere il pericolo di inter3eren"e cri*inli
s!lltti(it$ delli*pres.
2. LOrgnis*o di =igiln"5 in (i !tono*5 ne in3or* sen" ritrdo
l Pre3ett!r co*petente.
&. F!lor lente o li*pres non ##i costit!ito lOrgnis*o di
=igiln"5 l segnl"ione 2 e33ett!t dllinteressto dirett*ente ll
Pre3ett!r.
+-. Lo##ligo di segnl"ione non escl!de l!lteriore o##ligo di
den!nci ll co*petente !torit$ gi!di"iri o d ltr !torit$ c%e
:!ell ##i lo##ligo di ri3erire.
+.. Sono grntiti l riser(te"" e5 nei li*iti del possi#ile5 lnoni*to5
coloro c%e de*piono gli o##lig%i di segnl"ione o den!nci5 con il
pieno s!pporto5 nc%e di ssisten" legle5 grntito dll Dire"ione.
+/. Li*pres (eri3ic c%e non sino reli""te tti(it$ di ritorsione5 di
:!lsi(ogli nt!r5 nei con3ronti del soggetto den!ncinte ed in3or*

0)
Istit!ito i sensi del d. lgs. 2&1M2''1.
DAR8N COSTA
le !torit$ co*petenti per le(ent!le tti("ione di deg!te *is!re
di prote"ione.
+0. Per l segnl"ione5 nc%e in 3or* noni*5 di risc%i concreti di
in3iltr"ione cri*inle5 sr$ nc%e tti(to !n n!*ero (erde.
Ltti("ione del n!*ero (erde5 *!nito di i*pinto !to*tico di
registr"ione5 2 res not *edinte e33icci 3or*e di p!##licit$.
-'. L *nct osser(n" d prte dei presttori di l(oro5
dipendenti5 dirigenti e **inistrtori5 degli o##lig%i di segnl"ione
relti(i i risc%i concreti di in3iltr"ione cri*inle5 costit!isce gr(e
illecito disciplinre.

&ltri soggetti
-1. Nell*#ito delltti("ione di !n siste* di reti territorili5 de(e
essere concret*ente 3(orit l prtecip"ione protocolli d+intesa 1o
ptti si*ilri7 tr soggetti p!##lici5 i*prese5 ssoci"ioni di ctegori
ed orgni"""ioni sindcli5 (olti pre(enire le in3iltr"ioni cri*inli
ed pro*!o(ere s(il!ppo e leglit$ nell*#ito di ree territorili5
speci3ic*ente de3inite5 do(e li*pres si tro(i d operre con ltre
i*prese o gr!ppi.