Sei sulla pagina 1di 11

MANUALE BL

per la manutenzione
della tua piscina





Sommario
AVVIAMENTO ..................................................................................................................................................................... 3
MANUTENZIONE ORDINARIA..................................................................................................................................... 4
POSSIBILI PROBLEMI: CAUSE E SOLUZIONI ......................................................................................................... 5
FILTRAZIONI ...................................................................................................................................................................... 6
REGOLAZIONE DEL PH .................................................................................................................................................. 7
DISINFEZIONE ................................................................................................................................................................... 8
FLOCCULAZIONE .............................................................................................................................................................. 8
TRATTAMENTO INVERNALE ...................................................................................................................................... 9
VALORI CHIMICI IN ACQUA DI PISCINE ................................................................................................................. 9
MESSA A RIPOSO ........................................................................................................................................................... !






AVVIAMENTO
In primavera e comunque dopo un periodo di inattivit, necessario ripristinare le
condizioni ottimali per un corretto utilizzo della piscina.
- Se presente, rimuovere la copertura invernale. Distenderla e pulirla accuratamente
su entrambi i lati con acqua normale ed eventualmente un po' di detergente.
Risciacquare accuratamente e lasciare asciugare. Ripiegarla e riporla in un luogo
coperto ed asciutto.
- Togliere eventuali galleggianti antighiaccio, i tappi dalle bocchette e le protezioni
degli skimmer.
- Nel caso di svuotamento della vasca pulire eventuali incrostazioni calcaree con
l'apposito prodotto e rimuovere eventuali depositi formatisi sul fondo.
- Riempire la piscina e portare laltezza dell'acqua a livello prima di avviare l'impianto.
- Rimontare gli accessori (scaletta, trampolino...).
- Riattivare l'impianto elettrico, rimontare la pompa se rimossa durante il periodo di
messa a riposo e dopo aver controllato tutte le saracinesche e provveduto al
riempimento del filtro e dell'impianto, eseguire un controlavaggio del filtro e lasciarlo
in funzione.
- Eseguire una clorazione shock (vedi pagina 5).
- Dopo qualche giorno eseguire un test dei valori dell'acqua: durezza, pH e alcalinit
dell'acqua eventualmente correggendoli utilizzando gli appositi prodotti.




MANUTENZIONE ORDINARIA
- Eseguire l'analisi sui valori dell'acqua ed eventualmente provvedere alla correzione
degli stessi.
- Settimanalmente fermare l'impianto ed eseguire un controlavaggio al fine di ripulire
il filtro (vedi pagina 7).
- Verificare i valori di cloro e pH (vedi pagina 7 e 8).




POSSIBILI PROBLEMI: CAUSE E SOLUZIONI
- Si irritano occhi e pelle (pH errato): regolare il pH tra 7,2 e 7,6 con gli appositi
prodotti.
- C un forte odore di cloro: regolare il pH tra 7,2 e 7,6 con gli appositi prodotti.
- Macchie di calcare: usare un detergente acido adatto per piscine.
- Torbida (troppi contaminanti organici o insufficiente disinfettante): controlavare il
filtro e lasciarlo funzionare 2 giorni. Regolare il pH con gli appositi prodotti,
aggiungere il disinfettante e collocare nello skimmer il flocculante. Se non basta
realizzare una clorazione durto
1
.
- Acqua verde con alghe: controlavare il filtro, regolare il pH con gli appositi prodotti
a 7,2 ed effettuare una clorazione durto
1

- Pareti e fondo scivolosi (alghe aderite): regolare il pH tra 7,2 e 7,6 ed effettuare
una clorazione durto
1

- Sporcizia scura sulla linea dellacqua (polveri dellaria, abbronzanti e cosmetici):
usare un detergente per bordi alcalino.

1
1 CLORAZIONE DURTO: aggiungere cloro a scioglimento rapido in acua in !un"ione di 1#$ %g ogni 1&& m
'

dacua(




FILTRAZIONI
Tutte le operazioni descritte nel seguente capitolo si effettuano tramite la valvola
selettrice del filtro.
N.B. Quando si passa da una funzione allaltra, ruotando la maniglia della valvola ( ),
necessario sempre spegnere la pompa.



Funzione filter: loperazione per cui aspirando dallo skimmer la miscela
acqua/impurit e convogliando il tutto attraverso lelemento filtrante (sabbia di quarzo),
vengono assicurate sia limmissione in piscina di acqua limpida che il rimescolamento
dellintero volume della piscina. La durata di questa operazione dipende dalla
temperatura dellacqua e quindi dalla stagione. Con temperature dellacqua sino a
25C, il filtro dovrebbe stare in funzione per il tempo sufficiente a far circolare attraverso
di esso lintero volume dellacqua da 1 a 2 volte al giorno. Tempo medio impiegato circa
8 ore. Con temperature dellacqua superiori e/o con luso di prodotti chimici delicati,
come ad esempio lossigeno attivo, conveniente prolungare il tempo di filtrazione.
Funzione controlavaggio (back wash): loperazione per cui viene aspirato dallo
skimmer un quantitativo di acqua, utilizzato per lavare le impurit trattenute




nellelemento filtrante (effettuarlo almeno una volta ogni 8 giorni o quando il manometro
del filtro si trovi nella zona rossa). Questa operazione ha una durata di 12 minuti.
Durante questa operazione bisogna aprire (se presente) la valvola a sfera dello scarico.
REGOLAZIONE DEL PH
Mantenere il pH corretto ha una speciale importanza nella manutenzione dellacqua
della piscina. Il suo valore ideale tra 7,2 e 7,6. Nellacqua della piscina difficilmente il
pH stabile, poich con il riscaldarsi dellacqua il suo valore normalmente aumenta. Ci
si deve correggere mediante laggiunta di un riduttore di pH acido.
Dato che per esperienza, le fluttuazioni del pH sono pi intense allinizio della stagione,
durante le prime settimane sarebbe raccomandabile controllare il pH ogni 2/3 giorni.
Che succede se il pH tropo alto?
- riduzione dellefficacia del cloro;
- odore di cloro dovuto al cloro combinato;
- irritazione delle mucose;
- eliminazione dello strato di acido di protezione naturale della pelle;
- nessun effetto di flocculazione;
- precipitazioni di calcio.





Che succede se il pH troppo basso?
Un pH basso si verifica raramente. Se il pH inferiore a 7,0 si produce corrosione delle
parti metalliche ed iniziano ad essere attaccate le guarnizioni. Viene inoltre inibita la
flocculazione.
DISINFEZIONE
In ogni seduta di bagno sintroducono nellacqua batteri, germi e virus. Anche se solo
una parte di essi patogena, questi microrganismi possono intorbidire lacqua e
produrre rivestimenti viscosi e poco piacevoli.
Cloro a dissoluzione lenta. Come prodotto disinfettante si utilizza il cloro in tavolette
da 200 g. Per evitare lo sbiancamento del telo, le tavolette vengono collocate nello
skimmer, avendo cura di assicurare il buono stato del filtro, poich, se il filtro
sporco, si pu perdere gran parte dellefficacia del disinfettante.
Cloro a dissoluzione rapida. Questo tipo di cloro granulare si utilizza:
- per la disinfezione durto, in caso problemi quali: lacqua torbida o con alghe si pu
risolvere quasi sempre con una clorazione durto. Si dosa mediante lo skimmer o
sciolto in un secchio dacqua e distribuito uniformemente sulla superficie della
piscina. Dose 15 g/m
3
(grammi per metro cubo di acqua).
- per il trattamento iniziale(allapertura della piscina) e il trattamento finale (alla
chiusura invernale della piscina).
FLOCCULAZIONE
La flocculazione aiuta a mantenere lacqua pi limpida e allo stesso tempo permette di
risparmiare disinfettante. Dato che i filtri possono trattenere le particelle solo a partire da
determinate dimensioni, alcune particelle pi piccole possono passare attraverso il filtro




e tornare nellacqua. Utilizzando un flocculante, queste particelle aumentano di
dimensione formando piccoli aggregati che possono essere trattenuti dal filtro. La
formazione di questo strato di flocculi sulla superficie superiore del filtro aumenta la
qualit della filtrazione.
Dopo la flocculazione necessario effettuare un lavaggio del filtro.
Con la flocculazione lacqua rimane cristallina, dato che le piccole particelle vengono
trattenute dal filtro. Per ottenere un effetto di flocculazione ottimale, fondamentale un
corretto valore di pH: i flocculi si possono formare correttamente solo con un pH tra 7,0
e 7,4.
TRATTAMENTO INVERNALE
Quando giunge linverno, nelle piscine scoperte, il livello dellacqua va abbassato al di
sotto delle bocchette dentrata e vanno svuotati il filtro e i tubi. Nelle piscine scoperte
interrate si dovrebbe lasciare lacqua nella piscina per compensare la pressione e
prevenire le colorazioni dovute, ad esempio, alle foglie che cadono nella piscina.
In pratica: portare il pH tra 7,2 e 7,6 ed effettuare una clorazione durto, far funzionare la
filtrazione per 12 ore, pulire il filtro, abbassare il livello dellacqua sotto gli skimmer,
svuotare filtro e pompe, coprire la piscina con un telo invernale.
VALORI CHIMICI IN ACQUA DI PISCINE
ANALISI REAGENTE VALORE MIN VALORE MAX
Cloro libero PDP 1 0,6 1,0
pH phenolred 7,2 7,6






Cloro
- mantenere il valore di cloro libero tra 0,6 a 1 ppm (mg/l);
- per aumentare di 0,6 ppm (mg/l) il valore del cloro in piscina,
- aggiungere 100 g di cloro al 60% in 100 m
3
dacqua.
Acido
Il pH deve essere tra 7,2 e 7,6
- pH ottimale vuol dire minore consumo di cloro, acqua cristallina, nessun odore
sgradevole e riduzione del rischio di alghe;
- per diminuire di 0,1 il valore di pH in piscina aggiungere 750 g di riduttore pH per
100 m
3
.
Antialga
Aggiungere una volta alla settimana 1000 g di antialga per 100 m
3
.
MESSA A RIPOSO
Svuotare o non svuotare la vasca?
Lo svuotamento completo della vasca rappresenta una soluzione veloce ed in grado di
evitare appariscenti problemi (pulizia dell'acqua, ristagno, pericolo dato dal ghiaccio,
etc.), ma comporta tre fondamentali inconvenienti:
- Spinte del terreno sulla struttura della piscina;
- Rischio di cadute accidentali nella vasca vuota;
- Onerose operazioni di riassetto e pulizia vasca all'avvio di stagione e di
riempimento.
La soluzione migliore senz'altro lasciare la vasca piena. In questo caso si consiglia di:
- Pulire il fondo vasca;
- Rimuovere, se possibile tutti gli accessori (trampolino, scalette...) avendo cura di
asciugarli ed imballarli;




- Eseguire un lungo controlavaggio del filtro e svuotarlo (vedi pagina 7). Se a sabbia
lasciare aperta la valvola di scarico. Se a diatomea estrarre la piastra collettore
delle candele, pulirle da grassi e calcare.
- Chiudere l'impianto elettrico e quello idraulico che andr anche svuotato;
- Imballare i quadri elettrici ed eventuali elettropompe e se possibile portarli in luogo
asciutto;
- Pulire il cestello del prefiltro della pompa, svuotarla pompa ed eventualmente
rimuoverla del locale tecnico se particolarmente umido;
- Eliminare le incrostazioni di calcare dal dosatore di cloro;
- Chiudere le saracinesche;
- Verificare, se presente, lo stato di efficienza della pompa sommersa;
- Se la piscina a skimmer, abbassare il livello dell'acqua in modo da scoprire gli
skimmer e, se possibile, alcune bocchette, permettendo cos alle condutture di
svuotarsi;
- Chiudere gli skimmer;
- Chiudere le bocchette con gli appositi tappi;
- Immettere in acqua un prodotto svernante;
- Inserire in acqua i galleggianti antighiaccio;
- Coprire la vasca con il telo di protezione invernale avendo cura di stenderlo ed
ancorarlo correttamente per evitare che si scoperchi in caso di maltempo.