Sei sulla pagina 1di 5

TRATTAMENTO DEI TENDER POINTS CRANIALI.

TENDER POINTS CORONALI E SAGITTALI. Il T.P. Coronale si trova sullosso parietale ad 1 cm. Dallangolo mediale anteriore dove le suture coronale e sagittale si incontrano. I T.P. Si possono anche trovare su ambo i lati della sutura sagittale tra bregma e lambda.

Il paziente supino mentre loperatore si siede dietro il paziente. Il T.P. monitorato mentre delicatamente si applica una pressione caudale sul punto controlaterale no a quando il T.P non si spegne. Si mantiene la pressione per 90.

T.P. INFRAORBITALE O MASCELLARE. Il T.P infraorbitale situato vicino allemergenza del nervo infraorbitale. Il dolore normalmente associato ai sintomi del mal di testa (localizzato sui seni). Il paziente supino mentre loperatore alla sua testa. Le dita intrecciate delloperatore sono posizionate sul volto del paziente di modo che la parte mediale del palmo delle mani riposi sopra gli zigoni. applicata una leggera pressione diretta obliquamente, medialmente e posteriormente. Il paziente potrebbe lamentare un certo fastidio. Questa pressione deve essere mantenuta no a quando non si riscontra una sensazione di decongestionamento accompagnata ad un sollievo rispetto alla sensazione di compressione dietro il naso che derivava dalla compressione delloperatore. DISFUNZIONE LAMBDOIDALE.

Il T.P della disfunzione lambdoidale giace sulloccipite: medialmente alla sutura lambdoidea, circa 2,5 cm sotto lambda, leggermente superiore e laterale rispetto a inion Il trattamento applicato attraverso una leggera e precisa compressione sul punto controlaterale no a quando il disconfort svanisce dal T.P. La direzione della compressione pu variare da anteriore a mediale a seconda di quale delle due spinte produca un rilassamento sullarea del T.P. Per rendere pi facile laccesso al T.P il paziente pu essere prono o seduto.

TP COMMISSURA PALPEBRALE ESTERNA. Il TP giace nella fossa temporale a 2 cm dalla commissura. Loperatore si trova dallo stesso lato del TP e il paziente supino. La mano cefalica delloperatore si pone sul frontale con il pollice che riposa sul TP in modo da monitorarlo. Leminenza tenar della mano caudale contatta losso zigomatico ed il processo zigomatico del mascellare La mano cefalica mantiene una leggera pressione sullosso frontale in direzione dello zigono andando a concentrare la densit nella zona. Si deve variare la direzione della forza no a quando la dolorabilit del TP non diminuisce in maniera marcata. La posizione mantenuta per 90. TP MASSETERE. Il TP del massetere giace sul bordo anteriore del ramo ascendente della mandibola e pu essere coinvolto nelle disfunzioni temporo-mandibolari e nelle nevralgie mandibolari Il paziente supino con la bocca aperta di circa 1cm. Loperatore dal lato opposto al TP. La mano caudale delloperatore giace sulla guancia del paziente e con lindice monitora il TP. La mano cefalica giace sulla zona parieto-temporale del lato disfunzionale e le dita sono sullo zigomatico. La mani cefalica applica attraverso le dita una spinta sullo zigomo indirizzando le forze verso il TP.

TP DISFUNZIONE NASALE.

Il TP si trova da un lato delle ossa nasali. Per il trattamento bisogna applicare una leggera forsa sul lato controlaterale al TP indirizzandola verso il TP stesso. TP OCCIPITOMASTOIDEO. Il TP giace in una depressione verticale, mediamente rispetto al processo mastoideo, 3 cm al di sopra della sua punta. Il paziente supino. Loperatore tiene la testa del paziente tra le mani e posiziona un dito sul TP. Viene applicata una leggera forza (una mano in senso orario, laltra mano in senso antiorario) no a quando la sensibilit del TP svanisce. La controrotazione applicata in questa maniera cerca di fare in modo che il temporale ruoti nella direzione opposta attorno al proprio asse trasverso. Per denire da quale lato applicare la rotazione oraria/antioraria si dovr testare il TP. Trovata la posizione si mantiene per 90

TP AURICOLARE POSTERIORE.

Il TP giace in una depressione 4 cm dietro alla pinna dellorecchio appena sotto il suo bordo superiore. Il paziente sdraiato su un anco, con la testa appoggiata su un cuscino. Si applica una leggera pressione sul parietale