Sei sulla pagina 1di 39

Il Bilancio Partecipativo Canegrate Partecipa!

in%o&democrazia-partecipativa"org

Quest' opera distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione on commerciale - Condividi allo stesso modo !"# $nported

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

Il Bilancio Partecipativo Canegrate Partecipa!


report realizzato da 'te%ano 'tortone(

Quale cittadino non vorrebbe contribuire nel maggior - ma anc)e nel pi* %acile modo possibile a rendere migliore e pi* vivibile la propria citt+, la propria vita e -uella della comunit+ con cui vive, valutando e decidendo -uali scelte prioritarie compiere. Il Bilancio Partecipativo Canegrate Partecipa! un progetto innanzitutto culturale, di incentivo ad una cittadinanza attiva, e al tempo stesso un valido strumento amministrativo, di gestione e%%icace ed e%%iciente delle risorse comuni" Attraverso la semplice compilazione di sc)ede cartacee individuali, da imbucare nelle varie urne distribuite su tutto il territorio, l/utilizzo di una piatta%orma di voto online ed assemblee pubblic)e, i cittadini possono organizzarsi, apprendere e scegliere direttamente come utilizzare una -uota del bilancio comunale, individuando ogni anno le priorit+ di spesa e di investimento, come ad esempio la ristrutturazione del centro sportivo comunale e la realizzazione di un nuovo parco vicino alle scuole"

Prima di essere un bilancio partecipativo, Canegrate Partecipa 0CP1 un progetto culturale c)e )a l/obiettivo di sperimentare e %ar sperimentare nuove pratic)e di democrazia e di cittadinanza attiva e di %ar maturare una nuova coscienza civica tra la popolazione di Canegrate, in grado di generare autonomamente e dal basso partecipazione alla vita comunitaria" CP il risultato di un virtuoso incontro tra amministrazione, societ+ civile e ricerca universitaria, laddove la volont+ politica di una classe dirigente illuminata si sposata con le competenze tecnic)e, l/esperienza e la passione di esperti esterni provenienti dal mondo accademico e associativo " 3razie alla
2

( Il report stato realizzato nel 4#22 appena concluso il III anno di sperimentazione e non pi* aggiornato" 5rattasi pertanto di un dra%t ancora incompleto nell/analisi complessiva del progetto"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

combinazione di -uesti elementi concreti nato e si sta sviluppando un progetto %orte e ambizioso c)e sta incontrando nel suo cammino una risposta pronta e vibrante da parte di molti cittadini canegratesi, i veri attori protagonisti"

Quadro generale Canegrate un Comune del 6egnanese in Provincia di 7ilano, al con%ine con la Provincia di 8arese" 9a 24!:# abitanti pi* o meno e-uamente distribuiti tra uomini e donne 0rispettivamente ;<,#=> e =#,<=>1, circa ;4## nuclei %amiliari ed un corpo elettorale di 2##?# persone" 6e %asce di et+ della popolazione sono sostanzialmente in linea con le medie lombarde e italiane 05abella 21 "
4

et et
0-15 16-25 26-35 36-45 46-55 56-65 +65 Tot

maschi
--559 795 1140 864 729 1113 5200

femmine
--520 732 1103 887 771 1455 5468

totale
1692 1079 1527 2243 1751 1500 2568 12360

%
13,7 8,7 12,4 18,1 14,2 12,1 20,8 100

5abella 2@ distribuzione della popolazione di Canegrate per %asce di et+ 0%onte@ $%%icio Anagra%e A rilevazione del !2"24"#<1

'ul piano urbanistico, la citt+ non )a una suddivisione in -uartieri, anc)e se puB essere approssimativamente pensata in = zone dai con%ini comun-ue non ancora ben delineati@ Centro, Baggina, Cascinette, 8al 8erde e 'anta Colomba"

Per citazioni ed ulteriori usi A e per ogni in%ormazione A si c)iede gentilmente di contattare l/autore all/indirizzo@ ste%ano"stortone&gmail"com"
2

Il progetto Canegrate Partecipa proposto e attuato dall/Associazione Centro 'tudi

Cemocrazia Partecipativa, sotto il coordinamento scienti%ico del Presidente 'te%ano 'tortone, dottore di ricerca in Istituzioni e Politic)e ed esperto di processi partecipativi, e con il %ondamentale contributo di 7auro Dicotti, gra%ico pubblicitario e Eeb designer"
4

I dati sono stati %orniti dall/$%%icio Anagra%e e %anno ri%erimento ad una rilevazione del !2"24"#<"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

&

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

Il Bilancio del Comune si aggira mediamente tra i 2! ed i 2= milioni di euro l/anno " Al netto delle spese correnti, a %ronte di !"4##"### euro non disponibili
!

per via del patto di stabilit+, le risorse disponibili nel corso del 4#2# per opere di investimento sono state di :#F mila euro, di cui 2##"### riservate alle decisioni dei cittadini attraverso il bilancio partecipativo" attraverso il bilancio partecipativo" el 4#22, le risorse a disposizione sono circa ;##"### di cui 2=#"### destinate alle opere scelte

Storia ed evoluzione del Bilancio Partecipativo Come strumento principale di coinvolgimento diretto della cittadinanza, il bilancio partecipativo stato sin da subito oggetto di discussione durante la preparazione delle elezioni amministrative del 4##? e parte del programma elettorale dell/attuale maggioranza di centro-sinistra" Anc)e e soprattutto per tale motivo, stato c)iamato un tecnico esterno a svolgere il ruolo di Assessore al Bilancio c)e A non a caso A anc)e alla Partecipazione " Attorno a -uesti
;

temi politici non vi mai stata molta eu%oria, %orse per colpa dei precedenti tentativi andati a vuoto e, generalmente, per la scarsa risposta da parte della cittadinanza@ oltre al pensiero dominante, secondo cui la democrazia rappresentativa pi* c)e su%%iciente, comun-ue sempre di%%icile coinvolgere i cittadini, a maggior ragione -uando si parla dello strumento di bilancio" 6e assemblee pubblic)e %atte negli anni precedenti avevano ric)iamato un pubblico davvero limitato@ dai ! ai ? cittadini, praticamente tutti addetti ai lavori"

6a partecipazione stata sempre vista piuttosto come presenza"


'i doveva pur tuttavia %are -ualcosa per riallacciare il dialogo con la gente, ormai cosG lontana 0spesso a ragione1 dalle Istituzioni e pi* in generale dalla Politica, e il bilancio sembrava potesse essere lo strumento migliore per cercare -uesto riavvicinamento, poic)H attraverso di esso si decide su in%rastrutture e servizi ai cittadini"

el 4#2# il Bilancio stato di circa 2; milioni, mentre -uest'anno di circa 24 milioni di euro" 'alvatore Amura, Assessore alle Politic)e economico-%inanziarie,dell/in%ormazione e della

partecipazione"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

Copo la vittoria elettorale nel 4##?, si intraprende sin da subito -uesta strada e si organizzano subito assemblee decentrate sul territorio, ma i risultati non sono a%%atto incoraggianti@ nel complesso si %anno vivi solamente :< cittadini, esclusi gli addetti ai lavori 0Consiglieri, Assessori, rappresentanti politici locali, eccetera1"

- I anno
Il secondo anno si cerca una soluzione alternativa e si a%%ida l/organizzazione del processo partecipativo ad un/associazione specializzata 0Centro 'tudi Cemocrazia Partecipativa1" asce u%%icialmente Canegrate Partecipa" Il percorso prevede -uesta volta una modalit+ totalmente di%%erente, c)e consiste in sc)ede--uestionario da somministrare ai cittadini a cui viene c)iesto di indicare -uali siano le aree tematic)e prioritarie su cui investire maggiormente 0Iigura 21" J evidente c)e in una societ+ dove la partecipazione stata spesso abusata e illusa, sarebbe di%%icile c)iedere ai cittadini di compiere lo s%orzo anc)e minimo di uscire e partecipare ad assemblee per discutere A in termini generali e indicativi A di cosa deve %are l/amministrazione" A -uesto si aggiunga anc)e il carattere meramente consultivo di tali momenti, in cui manca -ualsiasi meccanismo in grado di costruire e %ar emergere delle proposte collettive tra le tante istanze individuali o particolari" Pertanto, si prova ad imbastire un percorso pi* di larga scala, con l/obiettivo di intercettare -uanti pi* cittadini possibili e trasmettere loro un primo germe di cosa vuol dire vera partecipazione" 8engono distribuite -uasi =### sc)ede direttamente nelle case e pi* di 2### nei banc)etti organizzati in citt+ " 'i cerca
=

di lavorare al %ine di %ar emergere le aree prioritarie ed alcune proposte collettive , attraverso dei meccanismi di calcolo aritmetico delle pre%erenze
:

individuali e dei semplici inviti ad organizzarsi " I cittadini possono cosG %ornire
?

liberamente due tipologie di indicazioni@ le sole priorit+ da una lista completa di aree di competenza comunale, pi* eventuali proposte c)e avessero avuto in
=

'i veda il reportK2" el -uestionario si c)iede espressamente se tali proposte provengono da individui o da gruppi 6e %ormule matematic)e e l/uso di indicatori c)e lavorino le singole pre%erenze sono una

organizzati"
?

modalit+ tipica di -uei processi partecipativi di massa, in grado di coinvolgere un largo strato delle popolazione"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

mente" Con ri%erimento alle aree, ogni selezione avrebbero ricevuto un punteggio in ordine alla priorit+ assegnata 02,4,!, etc"1 entro un massimo per ogni sc)eda individuale 0Iigura 41" 6a somma complessiva raggiunta dalle indicazioni di tutti i cittadini coinvolti avrebbe costituito la griglia delle priorit+ e dun-ue un/indicazione di massima su come distribuire le risorse di bilancio "
F

6a consultazione partita il 2= dicembre 4##F per concludersi il !# marzo 4##<, con l/approvazione del bilancio di previsione" 'in da -uest/anno sono predisposti dei report dettagliati c)e da un lato permettono di compiere un/analisi statistica e teorica dei dati e dall/altra %orniscono all/Amministrazione e agli stessi cittadini uno strumento per comprendere meglio le dinamic)e, il bilancio e gli eventuali limiti da migliorare" 6a risposta non a%%atto positiva, avendo partecipato solo 2?2 cittadini@ si tratta di un risultato migliore dell/anno precedente, ma -ualitativamente in%eriore A non stata una partecipazione %isica in assemblea, ma %atta attraverso la semplice risposta ad un sondaggio A e sicuramente insu%%iciente, nonostante non si potesse certo %are meglio" In%atti, i %ondi a disposizione sono stati su%%icienti per retribuire un piccolo
<

sta%% c)e promuovesse l/iniziativa in citt+ e per realizzare tutto il materiale per la
2#

comunicazione e la partecipazione 0sito internet, autoportanti, sc)ede, etc" 1"


22

In realt+, il meccanismo e lo stesso -uestionario si sono rivelati %in troppo complessi per una on badando A o non

compilazione non assistita come puB avvenire durante -ualsiasi assemblea e cio attraverso una sc)eda c)e sarebbe stata distribuita capillarmente a tutti i cittadini" comprendendo A alle istruzioni riportate sulla sc)eda, in%atti, i cittadini si sono espressi in maniera molto libera indicando le pre%erenza talvolta con numeri progressivi, talaltra semplicemente con delle crocette" Il conteggio matematico stato cosG adattato alle risposte, assegnando un punteggio massimo per ciascuna sc)eda e suddividendolo in maniera razionale secondo le modalit+ di indicazione utilizzate 0ad esempio ogni area indicata con la crocetta riceveva lo stesso punteggio, rispetto a -uello numerate1"
<

=## euro di sponsorizzazione della Provincia di 7ilano e ="### euro da parte 8enivano calendarizzati periodicamente dei banc)etti e delle uscite in occasione di eventi

dell/Amministrazione"
2#

pubblici o in luog)i e durante momenti di aggregazione come scuole, supermercati, bibliotec)e, etc" a cui spesso %acevano parte 4 ragazzi assunti, oltre ai rappresentanti dell/Associazione C'CP"
22

'i puB dire c)e -uesto anno sia stato utilizzato pi* come test e come investimento per gli anni

successivi"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

Inoltre, il tempo a disposizione stato anc)/esso minimo e non )a permesso di conoscere bene la citt+ e la cittadinanza" In%ine, la cittadinanza stata c)iamata a partecipare su un bilancio c)e nelle sue grandi linee era gi+ stato deciso e soprattutto in un lasso di tempo troppo breve per poter essere realmente coinvolta" Il prodotto %inale stato in%atti una comparazione tra le 0tuttavia comun-ue poco rappresentative1 indicazioni emerse dalla cittadinanza e le scelte gi+ operate sul bilancio comunale 0Iigura !1" Insomma, la partecipazione non gode ancora di alcun incentivo oggettivo e concreto c)e possa stimolare un minimo s%orzo@ si ancora %ermi alla classica consultazione ed i cittadini A c)e non )anno ancora sperimentato un e%%ettivo potere deliberativo A )anno agito di conseguenza"

Iigura 2@ sc)eda--uestionario 4##FL#<

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

Iigura 4@ calcolo delle priorit+ 0%onte@ reportK2 4##FL#<1

Iigura !@ comparazione priorit+ cittadine e bilancio di previsione 4##< 0%onte@ reportK4, 4##<L4#2#1

Alcuni problemi sono stati evidenziati dall/opposizione in merito al diritto alla privacM dei cittadini c)e compilavano la sc)eda" Con un comunicato stampa, l/Amministrazione viene accusata di sc)edare i cittadini a cui verrebbe c)iesta addirittura l/appartenenza politica" N%%ettivamente, ai cittadini stato c)iesto di

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

inserire i propri dati personali, sia per un controllo anagra%ico e di residenza c)e per ragioni statistic)e e di valutazione -ualitativa della partecipazione, ma non stata inserita alcuna domanda riguardante la propria appartenenza religiosa, politica o altro" Inoltre, la tutela dei dati personali era espressamente garantita nei termini di legge" Curante -uest/anno, si appro%itta altresG della visita di Dita Borsellino alla citt+ e alle scuole , per organizzare un mini-bilancio partecipativo con i ragazzi delle
24

scuole medie " In una mattinata, vengono %atti sperimentare tutti gli aspetti pi*
2!

importanti della partecipazione e della deliberazione pubblica a partire dalla indicazione delle priorit+, dalla %ormulazione delle proposte, dalla discussione pubblica %ino alla scelta di un/opera condivisa " $na collaborazione, -uella con
2;

le scuole, c)e avr+ il suo seguito"

- II anno
Canegrate Partecipa, sperimenta il salto di -ualit+ l/anno seguente, dopo aver potuto osservare, analizzare e comprendere il contesto in cui ci si muove, grazie ad un aumento dei %inanziamenti per la realizzazione del progetto e,
2=

soprattutto, per opera di un cambiamento netto a livello metodologico e pratico" 8engono poste delle rigide condizioni imprescindibili per la realizzazione del progetto e cio@ 24

de%inizione di un budget certo sul -uale i cittadini avrebbero decisoO individuazione di un/area tematica per le proposteO

6a palestra della scuola media A c)e tra l/altro risulter+ vincitrice del bilancio partecipativo Per ragioni di tempo e risorse, sono state coinvolte solo le classi di !P media" 6a sperimentazione consiste in una preliminare partecipazione nelle rispettive classi A viste

dell/anno successivo, ndr A intitolata al %ratello Paolo e a 3iovanni Ialcone"


2! 2;

come micro-comunit+ A ed in una successiva assemblea generale A in aula magna A dove sono stati presentati i vari progetti e si discusso -uali e come votare" I progetti scelti sono stati portati all/Amministrazione Comunale, come istanze rappresentative dell/intero gruppo di ragazzi scuola" 'i veda il -uestionario sempli%icato, c)e servito come primo strumento per %ar emergere le priorit+ e le istanze individuali da aggregare tra tutte e da cui partire per la discussione e la scelta %inale delle proposte pi* condivise" Per un ulteriore appro%ondimento, si rimanda al reportK4"
2=

Il costo del progetto stato di 2:"F## euro lordi c)e includeva la retribuzione dello sta%% per il

lavoro organizzativo 0progettazione, realizzazione, uscite, veri%ica, reportistica, etc"1 e le spese vive di organizzazione"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

'

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

de%inizione preliminare di regole del gioco c)iare e certe@ il metodo della partecipazione, promessa %atta ai cittadini c)e l/opera da essi decisa sarebbe stata realizzataO coinvolgimento della cosiddetta societ+ civileO

6e ragioni alla base di -ueste conditio sine -ua non sono semplici@ i cittadini )anno bisogno di sapere se realmente decidono, su cosa, per cosa e come" 'olo con -uesta certezza, in%atti, possibile %ormulare proposte concrete e livellare la partecipazione su in%ormazioni e obiettivi noti a tutti" 8iene cosG stabilito un budget di 2##"### euro, pienamente a disposizione dei cittadini, per %inanziare cio le proposte pi* condivise c)e emergeranno dal processo partecipativo" 6e proposte dovranno ricadere all/interno dell/area dei lavori pubblici e per sole opere di investimento perc)H le risorse saranno attinte dall/avanzo di amministrazione c)e previsto per l/anno in corso" 6a scelta di operare all/interno dell/avanzo di bilancio deriva semplicemente dalla necessit+ di ovviare ad una partenza ritardata del progetto non allineata ai momenti di discussione e approvazione del bilancio consuntivo" J una scelta i cui costi sono in%eriori ai bene%ici, se si considera c)e i bilanci partecipativi raramente riguardano anc)e la 0pur rilevante1 -uota di spesa corrente" 'i crea altresG un coordinamento ad )oc A una cabina di regia con cui condividere tutte le decisioni strategic)e A composta dal 'indaco, dallo sta%%, dagli assessori al bilancio e ai lavori pubblici e da alcuni %unzionari del Comune " 6o sta%% rimane tuttavia il garante ultimo del %unzionamento e
2:

soprattutto della neutralit+ del processo" Inoltre, per la natura culturale del progetto A il cui auspicio c)e sia compreso, portato avanti e promosso sempre pi* dalla cittadinanza A sono coinvolte sin da subito le associazioni riunite nelle ! Consulte 0dello 'port, della Cultura, del 8olontariato1" Nsse, in%atti, sono considerate in -uanto nodi importanti della societ+ canegratese e c)iamate ad essere promotrici di istanze collettiveO all/interno d/esse si %orma solitamente la maggiore progettualit+ cittadina e, tramite esse, possibile raggiungere pi* naturalmente la maggior

2:

I dirigenti e i dipendenti comunali coinvolti sono stati sin da subito il Desponsabile Area

Cittadino e l/$DP"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

*/

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

parte dei cittadini" Per le stesse ragioni, si coinvolge per tutta la durata del processo anc)e un gruppo di ragazzi e ragazze residenti" In sintesi, solo l/entusiasmo degli stessi cittadini, in maniera trasversale, avrebbe potuto rendere credibile un progetto e soprattutto un processo c)e si %onda sulla partecipazione" Per il carattere sperimentale del progetto, non importa tanto la ci%ra o l/area tematica di ri%erimento, ma piuttosto costruire un processo c)e %acesse decidere realmente i cittadini in maniera democratica e %ar vedere dun-ue, e al pi* presto, c)e tutto -uesto era realmente possibile" Questa volta non si puB sbagliare" 8iene realizzato anc)e un sito-Eeb in modalit+ mes)-up e cio in grado di aggiornarsi automaticamente di tutte le in%ormazioni c)e sarebbero circolate su internet e c)e provengono dagli altri canali di comunicazione virtuali 0%acebooQ, tEitter, Moutube, google calendar, sito del Comune, etc"1" Ca -ui sar+ possibile anc)e votare online"

Iigura ;@ )ome page del sito internet

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

**

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

Il bilancio partecipativo si presenta ai cittadini con una veste nuova e ben pi* concreta@ non si pi* c)iamati ad indicare in maniera sommaria e generica le priorit+ e le rispettive proposte, ma -uesta volta si )a il potere di decidere concretamente su una parte del bilancio in una modalit+ pi* creativa e costruttiva" Come. Attraverso delle sc)ede pi* semplici e comprensibili 0e soprattutto pi* colorate!1 distribuite capillarmente , il voto online e un percorso
2?

trasparente basato sempre pi* concretamente sul concetto del pi* siamo, pi* decidiamo@ le proposte %attibili e maggiormente condivise dai cittadini A cio proposte da pi* cittadini individualmente attraverso la propria sc)eda rossa 0Iigura =: scheda proposta 20 01 A diventeranno priorit+ cittadine e -uindi inserite successivamente all/interno di un/ulteriore sc)eda A di colore blu 0Iigura

:1 A attraverso la -uale -uesta volta si sceglier+ direttamente A invece c)e


proposto A tra un numero de%inito di opere"

Iigura =@ sc)eda proposta 4#2#

2?

8engono state stampate ?"### sc)ede nella prima %ase e 2#### nella seconda, tutte distribuite

tramite il porta a porta, le uscite in citt+ e il collocamento nei luog)i pubblici strategici"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

*(

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

Iigura :@ sc)eda priorit+ 4#2#

Il processo viene in -uesto modo articolato in -uattro %asi di cui due momenti principali di partecipazione @
2F

la I %ase di raccoltaLconsultazione 0sc)eda rossa1O la II %ase di valutazione delle proposte emerse la III %ase di votazione delle priorit+ 0sc)eda blu1 la I8 %ase di realizzazione dell/opera scelta"

Rgni %ase intervallata e introdotta da assemblee, in cui, rispettivamente, si presenta e si avvia il progetto 0%ase I1, si presentano i risultati della %ase di consultazione e le priorit+ al voto 0%ase II1 ed in%ine si votano de%initivamente le opere prioritarie del 4##<L2# 0%ase III1" 3razie a -uesto meccanismo, ora i cittadini )anno un incentivo ad organizzarsi concretamente per portare avanti delle istanze speci%ic)e e reali, diversamente dalla precedente ric)iesta di partecipazione individuale e sostanzialmente consultiva" Autorganizzazione e concretezza sono i nuovi re-uisiti c)e %aranno da volano al nuovo bilancio partecipativo"
2F

Canegrate Partecipa iniziato il 2= Cicembre 4##< e terminato il 24 Aprile 4#2#" Per

l/articolazione dell/intero processo si guardi la 3uida Pratica distribuita ai cittadini a Cicembre in sovracopertina al giornale comunale 0allegato 2#1"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

*&

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

6a %ase II l/unica completamente interna allo sta%% e all/amministrazione c)e aggrega le proposte %rammentate secondo l/area tematica di ri%erimento e ne valuta la %attibilit+ tecnica 0competenze e -uadro normativo %avorevole1 ed economica" 6e altre due %asi 0I e III1 sono riservate esclusivamente alla libera espressione della cittadinanza" Rltre ad essere indispensabili per giungere ad un processo deliberativo 0-uasi1 completo , esse servono altresG per allargare il
2<

bacino dei partecipanti" 'e %are una proposta ric)iede tempo e competenze, il semplice voto su opzioni predeterminate in%atti universalmente accessibile e percepito come pi* e%%icace e rilevante"
4#

essuna delle due %asi puB tuttavia e

dun-ue escludere l/altra @ senza la prima, i cittadini sarebbero c)iamati a

decidere su opere proposte dall/altoO senza la seconda conterebbero solamente i gruppi pi* organizzati capaci di %ar sottoscrivere la propria proposta a -uante pi* persone possibili"
Per sempli%icare l/atto del voto e per il ridotto budget a disposizione, si
42

optato di %ar esprimere la pre%erenza per una sola priorit+ "


44

6e sc)ede possono essere ritirate, compilate e imbucate presso i vari punti raccolta sparsi in citt+ , negli esercizi commerciali 0supermercati, %armacie, bar,
4!

mense, etc"1, presso locali pubblici 0il 7unicipio, la Biblioteca, il Centro Anziani, le Poste, la 'tazione, etc"1" Rppure, su%%iciente collegarsi sul sito e votare
2<

In realt+, mancano i momenti pi* deliberativi c)e, come verr+ spiegato meglio in seguito,

ric)iedono una predisposizione maggiore alla partecipazione %isica in assemblea e c)e per -uesto si scelto di sacri%icarli in %avore di un coinvolgimento pi* semplice e di%%uso"
4#

el lungo periodo, ed in una societ+ matura, -uesto lavoro di progettazione viene %atto al di 6a votazione a distanza, cio non in assemblea, diminuisce la capacit+ da parte

%uori dei tempi partecipativi e spesso si traduce in una partecipazione mirata e gi+ organizzata"
42

dell/amministrazione di spiegare come votare correttamente ed aumenta pertanto anc)e il risc)io di sc)ede nulle, a causa spesso della leggerezza con la -uale i cittadini A non ancora consapevoli dell/importanza e del %unzionamento del processo A compilano le proprie sc)ede"
44

Pur avendo comun-ue un solo voto a disposizione, in realt+, le opere %inanziate sarebbero

state le prime sino al raggiungimento dei 2##"###" Rvviamente si sono classi%icate prime le opere pi* grandi e dun-ue pi* corpose" 6a molteplicit+ di proposte e la disparit+ di costo A assieme alla disponibilit+ di un budget pi* sostanzioso A )a portato -uest/anno ad introdurre come novit+ la votazione di due priorit+, una pi* grande per la citt+ e un/altra per la propria zona di abitazione"
4!

Nrano state predisposte delle urne molto semplici, ricavate da contenitori per risme di carta

rivestiti con materiale gra%ico c)e ric)iamasse al progetto" 6e urne A e i punti di raccolta A erano in totale 2; "

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

*,

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

attraverso un %orm online" 7emori delle critic)e emerse l/anno precedente riguardanti la tutela della privacM dei cittadini, possibile anc)e votare in %orma anonima, cio recandosi in 7unicipio, presso -ualsiasi u%%icio aperto al pubblico, con un documento di identit+ valido@ si ricever+ una sc)eda vidimata dal Comune attraverso cui votare senza dover necessariamente inserire i propri dati anagra%ici" 'e l/obiettivo %avorire la partecipazione e garantire i diritti di ciascuno, -uesta iniziativa importante per includere anc)e coloro c)e, %orse, altrimenti non voterebbero "
4;

Iigura ?@ punti raccolta e urne 0%onte@ tratto dalla presentazione preparata per le assemblee pubblic)e 4#2#L221

6o s%orzo %atto enorme, certi c)e se non si riuscisse a rompere l/incantesimo dell/inazione, %orse non lo si sarebbe %atto pi*" Canegrate Partecipa viene spiegato e promosso durante molteplici eventi pubblici 0%este, scuola, solennit+ religiose, etc"1, nelle strade, in stazione tra i pendolari in attesa del proprio treno e su internet" 'i potenzia il pro%ilo %acebooQ attraverso cui comunicare pi* di%%usamente e celermente e stare in maggiore contatto con i cittadini presenti in rete"

4;

Alla %ine, i cittadini c)e si sono avvalsi di tale opportunit+ sono stati realmente poc)i e meno di

una decina"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

*)

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

3razie a -uesto s%orzo, gi+ durante la I %ase si registra una partecipazione di ;4: cittadini con :;! proposte complessive " 5utte le proposte vengono
4=

catalogate singolarmente e per ciascuna d/esse viene data una valutazione da parte degli amministratoriO tutto messo in rete a disposizione di c)iun-ue" 6e proposte passate alla %ase di voto si suddividono in proposte collettive A le stesse %atte da pi* cittadini in maniera organizzata A e proposte aggregate A proposte non organizzate e scarsamente condivise, ma parte di un/area tematica indicata da molti come sensibile" Quelle collettive riguardano la realizzazione o manutenzione di parc)i, la sistemazione di un centro sportivo e di un centro giovanile, la realizzazione di nuove strutture comunali" 6e ric)ieste pi* %rammentate riguardava invece, ovviamente, strade, marciapiedi e piste ciclabili "
4:

ello speci%ico, le opere c)e si contendono i 2##"### sono, in ordine di

pre%erenze, le seguenti 0a lato la stima del costo di realizzazione1@

C!"#$% &I '(($!(')I%"! (I%*'"I+! ,S'"#' C%+%-B'.


progettazione e adeguamento normativo degli impianti, ristrutturazione dei servizi igienici, superamento barriere arc)itettonic)e, risanamento muri e sistemazione area esterna

2##"### euro

P'$C% &I *I' &!I P'$#I(I'"I


progettazione e realizzazione di una nuova area verde attrezzata dedicata a bambini, %amiglie ed anziani

=#"### euro

C!"#$% SP%$#I*% /0'+C%"! ! B%$S!++I"%/


manutenzione straordinaria dei servizi igienici e degli spogliatoi della palestra comunale

2##"### euro

P'$C% &I *I' #!$"I


progettazione e manutenzione dell/area verde attrezzata gi+ esistente per il ri%acimento dell/impianto di illuminazione, la sostituzione dei gioc)i e dell/arredo urbano

=#"### euro

4=

onostante %osse stato indicato il vincolo di una sola proposta, molti cittadini )anno s%ruttato

l/occasione per %ar sentire la propria voce e buttare gi* pi* di una necessit+" 5rattandosi di una %ase di consultazione, e non di votazione, sono state considerate tutte le proposte per non disperdere nessuna indicazione preziosa proveniente dal basso"
4:

Per un/analisi pi* dettagliata delle proposte emerse, si rimanda al reportK4 e alla valutazione-

proposte"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

*+

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

C%+%""' +1-I"%S' &I PI'))' -'##!%##I


rimozione e sostituzione con altro centro luminoso da integrare con l/arredo della piazza

4="### euro

-'$CI'PI!&I *I' -'(!"#'


progettazione, realizzazione e sistemazione dei marciapiedi in via 7agenta

2##"### euro

-'$CI'PI!&I *I' #%#I


progettazione, realizzazione e sistemazione dei marciapiedi in via 5oti

2##"### euro

Come previsto, la partecipazione esplode letteralmente durante la III %ase, ora c)e possibile scegliere tra opere c)iare e gi+ individuate, piuttosto c)e indicarne una" 6o s%orzo compiuto, assieme soprattutto ai meccanismi del processo ed ai messaggi comunicati, ottiene %inalmente i suoi meritati risultati@ :?# cittadini partecipano compilando la sc)eda e -uasi 2## 0dei -uali :; votanti1 popolano la 'ala Consiliare durante l/assemblea conclusiva, dove la presenza premiata con la possibilit+ di votare una seconda volta" 'i tratta di un risultato c)e lascia tutti stupiti, dal momento in cui A visti i precedenti A gli obiettivi erano decisamente al ribasso e si puntava almeno ad un raddoppio dei cittadini partecipanti" 6a partecipazione si caratterizza altresG per un/e-ua distribuzione tra uomini e donne cosG come tra le varie %asce di et+ 0reportK!1" Nra previsto altresG c)e le pre%erenze si concentrassero prevalentemente solo sulle ! opere c)e godono del supporto di un comitato promotore o comun-ue di cittadini attivi c)e si sono spesi in prima persona" Alla %ine, le proposte pi* votate sono le seguenti @
4?

4?

5rattasi dei risultati de%initivi e c)e includono anc)e il voto in assemblea sommato a -uello

proveniente dalle sc)ede" Per le %oto e le descrizioni delle priorit+ al voto e l/analisi dei risultati parziali si veda l/allegato 4# e il reportK! 0allegato 421"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

*-

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

Iigura F@ la classi%ica delle priorit+ 0%onte@ tratto dalla presentazione %atta in Assemblea il 24 Aprile 4#2#1

Come si puB notare, le prime tre proposte costituiscono da sole -uasi il ?=> delle pre%erenze complessive" on trattandosi ancora di un/iniziativa con una partecipazione di%%usa, ovvio c)e siano emerse le proposte con una maggiore organizzazione alle spalle" Questo puB essere un limite, certo, ma rientra nelle normali condizioni di avvio@ ciB c)e conta il meccanismo abilitato c)e A a pieno regime A non dovr+ %ar prevalere per sempre -ueste dinamic)e" 'e si puB %are un paragone, -uesto processo puB essere pensato come un varco c)e al momento attraversato da poc)i ma c)e comun-ue aperte ed abbastanza largo da %arci passare in %uturo potenzialmente c)iun-ue" CiB c)e stato piacevole notare il carattere generale e non particolare A o legate ad un singola zona A delle opere prioritarie 0parco, centro sportivo e centro giovanile1 oltre al target prioritario per i cittadini@ bambini e i giovani" 6/Assemblea %inale A ed il meccanismo di incentivo inserito A )a avuto un ruolo determinante in tutti i sensi" Come gi+ detto, al %ine di incentivare la partecipazione in assemblea A per %ar uscire i cittadini dalle case e %ar sperimentare loro anc)e dei momenti deliberativi A stato concesso a c)i )a presenziato di votare una seconda volta, dopo averlo %atto con la sc)eda" Questo )a spinto molte persone ad essere presenti nella speranza c)e A non conoscendo nH la partecipazione complessiva, nH i risultati parziali dei voti A ciB

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

*.

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

potesse incidere sul risultato %inale, come in%atti avvenuto con il superamento del Centro 'portivo a discapito del Parco "
4F

Questa assemblea )a avuto anc)e una %unzione %ormativa, cio di sperimentazione di dinamic)e deliberative" Ai promotori delle diverse proposte stata in%atti data l/opportunit+ di di%enderle pubblicamente per cercare di convincere la cittadinanza a sostenerle" 'i tratta, -uesto, di un momento importante del processo deliberativo A seppur non l/unico e minimo A e per -uesto stato %atto di tutto perc)H potesse essere sperimentato" onostante la maggior parte dei cittadini avesse gi+ c)iaro in mente cosa votare, -ualcuno )a e%%ettivamente cambiato idea ed modi%icato in corsa la propria pre%erenza sulla sc)eda "
4<

- III anno
Iorti della grande partecipazione e del successo ottenuto, Canegrate Partecipa potuto ripartire con una marcia in pi* e salendo un ulteriore gradino verso una maggiore completezza" 6o sc)ema di %ondo rimane ovviamente lo stesso, ma si arricc)isce di elementi nuovi c)e lo rendono sempre pi* un processo strutturato e ampio" Innanzitutto, l/Amministrazione non si trova pi* a dover solo promettere, ma deve attuare delle decisioni gi+ prese" 'e i cittadini )anno %inora partecipato sulla parola dell/Amministrazione, -uest/anno devono toccare con mano e vedere la promessa mantenuta@ bisogna dimostrare c)e l/opera scelta l/anno precedente sar+ realizzata, -uanto prima" 'i posticipa l/avvio del progetto a %ine 3ennaio per approvare il %inanziamento dell/opera e lo stanziamento delle risorse , cercando al tempo stesso di spiegare le ragioni 0burocratic)e e non1,
!#

4F

6a manutenzione straordinaria del Centro 'portivo Ialcone e Borsellino stato indicato su

2=4 sc)ede e da 44 cittadini in assemblea, mentre il Parco di %ronte alla scuola )a avuto il consenso di 2=F cittadini, ma di soli : sostenitori in assemblee"
4<

6a sc)eda vidimata dal comune e consegnata all/atto della registrazione in Assemblea A

dun-ue compilabile in maniera anonima A era gi+ stata compilata da molti cittadini c)e erano venuti con le idee piuttosto c)iare" Proprio in previsione di -uesto cambiamento, in seguito alla discussione delle priorit+, stato concesso di annullare il voto precedente e poter esprimere la nuova pre%erenza"
!#

Il 4<

ovembre il Consiglio )a deliberato l/applicazione dell/avanzo di bilancio del 4##<

0allegato 4=1, mentre il 2 Cicembre la 3iunta )a votato la variazione del Piano Nsecutivo di

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

*'

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

riuscendolo ad inserire sia nei mani%esti pubblici 0Iigura <1 c)e nelle guide pratic)e stampate e distribuite porta a porta 0Iigura 2#1"
!2

Il budget a disposizione salito a 2=#"### euro, nonostante le scarse risorse a disposizione, i vincoli imposti dal %inanziamento di altre opere urgenti e dal patto di stabilit+ interno " 'eppur con limitati margini di manovra, -uesto
!4

permette di migliorare il processo dando ai cittadini la possibilit+ di portare avanti e votare due proposte invece di una@ speci%icamente, una per la citt+ e un/altra per la propria zona di residenza 0o comun-ue un Aintervento minore1220Iigura 22@ la scheda proposta 20 1" In%ine, tutte le date e le scadenze delle tre %asi sono rese note gi+ all/avvio del processo e comunicate sulla guida, %acilitando ulteriormente il processo di autorganizzazione sociale" 'uddividere il budget e le proposte per due tipologie di intervento A e prevedere, dun-ue, due voti di pre%erenza A permette di includere nella competizione anc)e proposte 0e -uindi gruppi1
!!

geogra%icamente

tematicamente minoritarie A rispetto a -uelle di rilevanza cittadina A ma non per -uesto meno importanti o di interesse pubblico " In -uesto modo si amplia il ventaglio delle identit+ e degli interessi coinvolti e di conseguenza anc)e la partecipazione "
!;

3estione e l/inserimento del Centro 'portivo tra le opere su cui intervenire 0allegato 4:1O il !2 Cicembre vi stato l/impegno di spesa della somma stanziata da parte del responsabile tecnico dei lavori pubblici"
!2

Per via dei normali tempi burocratici e per attendere altresG la c)iusura delle attivit+ scolastic)e

e sportive, la manutenzione straordinaria del Centro 'portivo Ialcone e Borsellino sarebbe partita solo a met+ giugno 4#22"
!4

Il patto di stabilit+ interno un atto interno allo 'tato italiano c)e regolamenta le %inanze locali

sulla base dei vincoli imposti dal Patto di 'tabilit+ e Crescita vigente a livello di 'tati membri dell/$nione Nuropea, Sesprimendo gli obiettivi programmatici per gli enti territoriali ed i corrispondenti risultati ogni anno in modi di%%erenti, alternando principalmente diverse con%igurazioni di saldi %inanziari a misure sulla spesa per poi tornare agli stessi saldiT 0%onte@ sito del 7inistero dell/Interno, )ttp@LLbit"lMLi=UI$81"
!!

Alcune opere sono rilevanti anc)e per la loro trasversalit+ 0scuola, sport, etc"1, rispetto ad altre

di dimensione pi* territoriale 0strade e marciapiedi1, e per -uesto )anno solitamente un bacino di consensi superiore" Prevedendo un solo voto, lo scorso anno molte opere minoritarie sono state inevitabilmente escluse"
!;

Rvviamente, la partecipazione dipende da altri indicatori, come le risorse a disposizione per

l/organizzazione del progetto, l/interesse delle associazioni e del Comune, il lavoro dello sta%%, eccetera"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

(/

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

Iigura <@ il 7ani%esto u%%iciale di Canegrate Partecipa 4#2#L22

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

(*

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

Iigura 2#@ la guida pratica di Canegrate Partecipa 4#2#L22

Iigura 22@ la sc)eda proposta 4#22

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

((

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

$n altro cambiamento importante, in vista di una maggiore strutturazione del processo ed interiorizzazione da parte della societ+ civile canegratese, l/ampliamento dei momenti assembleari e l/inclusione nei processi organizzativi di re%erenti del mondo dell/associazionismo e dei genitori appartenenti al consiglio scolastico" Anc)e se si sono rivelate poco partecipate , le assemblee
!=

preliminari di zona A introdotte per la prima volta A )anno avuto l/obiettivo di aggiungere nella pratica canegratese un nuovo tassello del complesso mosaico dei processi partecipativi@ l/opportunit+ per i cittadini di incontrare l/Amministrazione perc)H renda conto dell/operato compiuto %ino a -uel momento A e, viceversa, l/opportunit+ per l/Amministrazione di comunicare ai cittadini le azioni compiute A conoscere il %unzionamento della macc)ina amministrativa e la %attibilit+ delle proprie proposte" on a caso, il canale online di %acebooQ potenziato ulteriormente A con la creazione di aree di discussione A e l/$%%icio $DP garantisce una %inestra in%ormativa durante la settimana allo scopo di %ornire ai cittadini eventuali spiegazioni e metterli in contatto con l/Amministrazione"

Giunta Comunale

Consulta Cultura

Consulta Cultura

Consulta Volontariato

Consiglio Scuola

Coordinamento del Bilancio Partecipativo

staff
Iigura 24@ lo sc)ema del coordinamento del bilancio partecipativo 4#2#-22"

!=

Anc)e -uesto risultato era previsto, poic)H A oltre a non esserci alcun incentivo democratico,

come il voto A non vi ancora una societ+ civile abituata e intenzionata a con%rontarsi con l/Amministrazione e in%ormarsi sulla %attibilit+ di eventuali proprie proposte@ la progettualit+ ric)iede uno s%orzo ulteriore e ben maggiore anc)e delle proposte"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

(&

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

Iigura 2!@ sportello $DP e contatti internet 0%onte@ estratto dalla 3uida Pratica1"

Iigura 2;@ le assemblee di zona 0%onte@ estratto dalla 3uida Pratica1"

Rvviamente, -ueste assemblee devono essere ben moderate e basate sul principio di neutralit+@ pertanto, non devono essere organizzate e dirette dalla stessa Amministrazione ma devono dare -uanto pi* spazio possibile alla cittadinanza e alle sue domande e pretese" 'i tratta di uno spazio di cittadinanza e non di un mega%ono dell/Amministrazione" Accanto ad esse, inoltre, la partecipazione puB e dovrebbe assumere altre %orme pi* articolate c)e diano, ad esempio, anc)e l/opportunit+ di e%%ettuare processi di progettazione partecipata e di stimolo alla conoscenza delle iniziative in corso in citt+"

- risultati
Come gi+ accennato, i risultati di -uesta edizione di bp sono stati eccezionali su molti %ronti, un po/ meno su alcuni altri, con%ermando comun-ue la sua %orza moltiplicatrice" 6/inizio stato sin da subito un indicatore del trend c)e si sarebbe prospettato a seguire@ molti cittadini ed alcune associazioni erano gi+ pronti ai nastri di partenza prima ancora dell/avvio della nuova edizione di Canegrate Partecipa" 6/esperienza vissuta lo scorso e le porte concrete c)e si aprivano con il bilancio partecipativo )anno spinto molti cittadini e gruppi ad organizzarsi per poter concorrere con i propri progetti e le proprie necessit+ con

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

(,

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

la certezza, ora, c)e se realmente si %osse partecipato attivamente, la propria proposta avrebbe avuto reali possibilit+ di essere %inanziata e realizzata" Alcuni gruppi )anno seguito l/esempio di c)i gi+ lo scorso )anno si dato da %are, mentre altri gruppi si sono costituiti in maniera %ormale per poter agire pi* concretamente all/interno del progetto@ il caso, ad esempio, del Comitato genitori delle scuole elementari c)e nato contestualmente al bilancio partecipativo e c)e aveva come primo punto dell/ordine del giorno della loro prima riunione l/azione scuola partecipa, cio come meglio organizzarsi per portare avanti proposte utili per le proprie scuole ed i propri bambini" Rppure, il caso della Dadio Illusioni Parallele c)e da anni ric)iedeva invano all/amministrazione un supporto logistico alla costituenda radio locale
!:

Dispetto allo scorso anno, -uasi tutte le proposte avevano alle spalle un comitato spontaneo di cittadini o associazioni 0Iigura 2=@ proposte passate

alla 2ase di votazionee Iigura 2:@ la scheda priorit3 20

1" 'icuramente il loro

attivismo, unito alle proposte realmente sentite dalla cittadinanza ed una di%%usa conoscenza del progetto, )anno portato ad avere un incremento della partecipazione del =#> durante la %ase di proposta, passando da ;4: a :=# cittadini proponenti, maggiormente coagulata attorno alle proposte passate poi ai voti"

P$%P%S#! CI##'&I"!
C!"#$% SP%$#I*% /S4P!$#I"I/ 7anutenzione degli impianti di via 5erni

P$%P%S#! &I )%"'


C'-P% &I B%CC! c5o C!"#$% '")I'"I Di-uali%icazione campo di bocce di via 3aribaldi

S#')I%"! 0!$$%*I'$I' Intervento di ri-uali%icazione dell/area C!"#$% (I%*'"I S4 C%+%-B' Intervento di messa a norma e ristrutturazione

P'$C% (I%C6I C'SCI"!##! Dealizzazione di un/area verde attrezzata -'"1#!")I%"! *I' PI'*! Di-uali%icazione asse viario dell/area

!:

Il repertorio di azione di -uesta radio stato molteplice A dalla raccolta %irme alla presenza

%isica in assemblea comunale A e con il bp essa )a trovato uno strumento concreto per raggiungere dei risultati"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

()

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

C%$P% -1SIC'+! CI##'&I"% Ac-uisto di nuovi strumenti e divise SC1%+' !+!-!"#'$! '4 -%$% Ac-uisto di nuovi arredi scolastici

-'$CI'PI!&I *I' -'(!"#' Di-uali%icazione dei tratti pedonali dell/area P'$C% *I' $!&IP1(+I' Di-uali%icazione dell/area verde attrezzata

Iigura 2=@ proposte passate alla %ase di votazione

Iigura 2:@ la sc)eda priorit+ 4#22

6a partecipazione alla %ase di votazione invece addirittura raddoppiata rispetto allo scorso anno 0:F!1@ oltre 2!## persone )anno espresso le proprie scelte sulle = proposte" CiB stato dovuto alla %acilit+ di scelta 0! opzioni su = alternative1 e alla concreta importanza degli interventi ric)iesti, oltre al gi+ citato ruolo propulsore dei cittadini attivi" el complesso circa 2?## abitanti di Canegrate )anno partecipato tra la prima e la seconda %ase"

Pregi ed ele7enti distintivi di Canegrate Partecipa! 6a presenza di ricercatori e tecnici esterni )a garantito un supporto esperto al processo, sia in %ase di progettazione c)e in %ase di conduzione e di veri%ica"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

(+

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

Rgni anno il processo accompagnato da report c)e ne descrivono l/andamento ed i risultati, riportando elaborazioni statistic)e e osservazioni con taglio teorico sulla -uantit+ e la -ualit+ della partecipazione "
!?

'e si dovessero sintetizzare gli aspetti pi* importanti di un bilancio partecipativo A e cosG -uelli di Canegrate Partecipa A si potrebbero individuare i seguenti punti@ certezza deliberativa, c)iarezza economica, c)iarezza processuale, %acilit+, %elicit+, in%ormazione e trasparenza, autorganizzazione"

I cittadini devono essere sicuri c)e il loro coinvolgimento abbia un esito certo e stabilito da regole predeterminate A e non da un atto discrezionale dell/Amministrazione A c)e permetta altresG loro di organizzarsi dovutamente" Nssi devono altresG conoscere i termini della partecipazione, cio su -uanto e per cosa sono c)iamati a decidere" 6e regole del gioco devono essere dun-ue c)iare ma altresG semplici e intuitive e il processo partecipativo il pi* %acile e inclusivo possibile@ la democrazia un sistema politico deciso dalla collettivit+ in %unzione propria e sarebbe assurdo concepirlo come un vestito brutto e scomodo" 6a semplicit+ un obiettivo da perseguire per raggiungere la

massima e soprattutto la migliore partecipazione con il minimo s%orzo possibile"


Ca -uesta convinzione partita l/idea delle sc)ede cartacee e di internet, oltre al lavoro di raccolta e di analisi delle proposte, pur non rinunciando alle assemblee e ai processi pi* complessi di %ormazione delle decisioni collettive" 6/aspetto -ualitativo della partecipazione riguarda invece il processo di %ormazione delle decisioni e di emersione delle priorit+"

!?

'i vedano tutti i report allegati" Alla %ine di ogni %ase del processo viene solitamente garantita la

produzione di report"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

(-

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

- processo deli8erativo cittadino


elle sue applicazioni pi* avanzate, il bilancio partecipativo generalmente un processo istituzionalizzato ed universale di decisione pubblica" Canegrate Partecipa si colloca pienamente in -uesta visione" on si %onda dun-ue su esperimenti di partecipazione ristretta e best practices deliberative A %orum, tavoli di progettazione partecipata, etc" A inevitabilmente limitate nel numero di cittadini coinvolti A ma si colloca sul piano del processo decisionale di%%uso e universale rivolto all/intera cittadinanza" Rltre al A e a di%%erenza del A voto -uin-uennale di delega, in%atti, Canegrate Partecipa d+ potere diretto a tutta la cittadinanza indistintamente su speci%ic)e scelte di bilancio e non solo un ruolo consultivo %unzionale all/attivit+ dell/Amministrazione di turno@ centrale il principio una testa, un voto" Questo processo permette altresG di aggirare certe restrizioni legislative, dando anc)e ai minori a partire dai 2: anni e agli immigrati residenti il diritto di partecipare 6o scopo non tuttavia soltanto %ar partecipare i cittadini, ma %arlo secondo

certi principi e con certe %inalit+ democratic)e" Cun-ue, il compito degli


organizzatori di un bilancio partecipativo anc)e -uello di agire in modo da %avorire certi processi piuttosto c)e altri" el caso di Canegrate Partecipa, esso riconosce l/importanza e stimola processi aggregativi orizzontali e relazionali" Canegrate Partecipa un processo c)e non si limita a recepire le pre%erenze individuali di ogni cittadino, ma attraverso i suoi meccanismi partecipativi, vuole incentivare un percorso 0virtuoso1 di riavvicinamento e ricostruzione di una comunit+ territoriale attorno a temi di interesse generale" 6/interesse generale non innato ma si costruisce sulla base delle relazioni esistenti tra i cittadini" Questa %orma di bilancio partecipativo mira a stimolare cosG una partecipazione comunitaria ed un percorso di costruzione condivisa delle decisioni politic)e, nella misura in cui si %onda su una regola basilare per cui solo le speci%ic)e proposte pi* votate A dun-ue condivise A vengono realizzate, su una partecipazione su larga scala c)e ric)iede un ampio coinvolgimento della cittadinanza e A specie in un contesto di scarsit+ di risorse A la pi* ampia unione possibile tra gruppi, oltre c)e un/estrema %acilit+ per i cittadini di votare al riparo dalle pressioni di gruppi organizzati" 6a suddivisione del processo in due %asi partecipative A una di proposta e l/altra di votazione A e la distribuzione capillare degli strumenti di voto, servono proprio ad evitare c)e

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

(.

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

le decisioni possano essere prese direttamente dai gruppi pi* organizzati, pi* o meno politicizzati, senza c)e essi possano essere contraddetti da una reale maggioranza "
!F

All/interno di -uesto contesto si colloca anc)e la -uestione della deliberazione, cio della scelta consapevole come risultato di uno scambio orizzontale e paritario di opinioni" Per -uesto motivo le assemblee sono importanti e non possono essere sostituite dalle sole sc)edeO tuttavia, esse sono al tempo stesso limitate, poic)H non saranno mai in grado di raccogliere tutti i cittadini e dun-ue garantire un/e%%ettiva deliberazione universale" 'e si vuole costruire un processo partecipativo ampio e istituzionalizzato, pertanto inevitabile partire dal presupposto c)e esso non potr+ mai basarsi su un percorso guidato di %ormazione dell/opinione pubblica e dun-ue delle priorit+ cittadine" Il bilancio partecipativo puB solo cercare di %avorire alcune pratic)e rispetto ad altre, stimolare lo sviluppo di best practices deliberative in grado di raggiungere scelte condivise, attraverso i valori c)e incarna il suo assetto istituzionale ed i suoi meccanismi partecipativi" 6a deliberazione non puB mai essere considerata un percorso eterodiretto verso risultati prevedibili" Nssa e deve rimanere all/interno delle libere dinamic)e sociali, mai elemento centrale e strutturale del bilancio partecipativo" In altri termini, bene prevedere parallelamente dei corsi di %ormazione, delle simulazioni di processi deliberativi e delle assemblee vere e proprie per cercare di giungere a decisioni condivise" 7a tutto deve essere compito e %rutto della volont+ della societ+ civile e -uindi esterno ad un processo partecipativo c)e deve limitarsi a stabilire il processo decisionale e la %orma istituzionale, cio delle regole procedurali generali ed universali, ovverosia le condizioni strutturali %avorevoli ad un/ampia ed e%%ettiva deliberazione"

!F

8i sono altri strumenti c)e devono essere messi in campo e c)e attenuano le logic)e

maggioritarie a tutela degli interessi e dei bisogni delle minoranze" Ad esempio, la suddivisione delle proposte non solo territoriale, ma anc)e tematica, oppure la ponderazione del voto per privilegiare categorie o zone svantaggiate 0sia in termini di popolazione c)e in termini di benessere1"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

('

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

- la co7unicazione
Per il carattere sperimentale e valoriale dell/iniziativa, ed il contesto sociale in cui si opera, la comunicazione un aspetto strategico@ da un lato, %ondamentale c)e i cittadini siano in%ormati e conoscano cosa %a l/Amministrazione e cosa avviene in citt+O dall/altro, bene c)e i messaggi alla base del progetto siano comunicati propriamente, per evitare manipolazioni e stimolare soprattutto una ri%lessione su una pratica nuova con dei signi%icati nuovi e talvolta alternativi a -uelli tradizionaliO dun-ue, per una partecipazione consapevole e per la -ualit+ del processo deliberativo" 6a necessit+ di comunicare inversamente proporzionale alla conoscenza di%%usa e alla cultura di una societ+, cosicc)H -uando certe pratic)e sono gi+ patrimonio collettivo A come le elezioni in democrazia A non poi cosG necessario spiegarne il senso" 5uttavia, -uando si tratta di nuove pratic)e %ondamentale spiegarne bene signi%icato e %unzionamento, per ridurre il gap tra c)i pi* o meno in%ormato e dun-ue in grado di muovervisi" Il gap in%ormativo riguarda altresG il %unzionamento della macc)ina amministrativa, i costi reali e i dati economici del proprio Comune, per cui spesso la partecipazione poco consapevole anc)e di %ronte ad una conoscenza del processo democratico, con dirette conseguenze sull/e%%icacia di -uest/ultimo e sull/e%%ettivo esercizio di tale diritto" 6e assemblee compensano -uesto de%icit, ma riducono notevolmente la partecipazione" Al contrario, l/uso delle sc)ede raggiunge molti pi* cittadini, ma diminuisce ovviamente la capacit+ in%ormativa ed una maggiore articolazione del processo" 6a scorsa tornata )a registrato un errore pari -uasi al 2;> di sc)ede raccolte@ in alcune mancavano i dati personali, in altre la %irma, in altre ancora venivano espresse pi* pre%erenze di -uelle permesse" 6e assemblee sono sempre strategic)e, ma lo ancora di pi* la comunicazione periodica via email e attraverso le locandine e le sc)ede , per
!<

non parlare del crescente ruolo dei social netEorQ@ anc)e Canegrate Partecipa si adatta ai cambiamenti e alle nuove modalit+ di comunicazione e relazione c)e oggi sono rappresentate da %acebooQ e tEitter" 'e il secondo poco

!<

6e sc)ede vengono in%ormalmente de%inite 4"# dal momento in cui un lato rivolto alla

comunicazione top-doEn e dall/altra alla decisione bottom-up"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

&/

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

utilizzato A come in generale lo in Italia A il primo sicuramente il %ulcro delle attuali relazioni online" Per -uesto motivo, la promozione e l/utilizzo del pro%ilo %acebooQ diventato strategico, prima ancora del sito o di -ualsiasi %orum online creato ad )oc" 'olo dopo aver ac-uisito autorevolezza agli occ)i della cittadinanza e continuit+ nella pratica, sar+ semmai possibile implementare %orme partecipative online pi* adatte alle speci%ic)e esigenze del processo" 6a pagina raccoglie oggi oltre <## contatti ed un ottimo canale A assieme agli
;#

indirizzi email A di comunicazione e dialogo" 6o strumento online utilizzato anc)e per le procedure di proposta e voto, nella speranza c)e in %uturo essa possa sostituire completamente le sc)ede cartacee e rendere cosG il processo pi* eco-%riendlM" 6a comunicazione deve dun-ue essere di%%usa e bottom-up, cio partire inizialmente dai luog)i di e%%ettiva e reale aggregazione 0bar, circoli, palestre, negozi, supermercati, internet1 e solo dopo giungere %inalmente nei luog)i %ormali e istituzionali"

Iigura 2?@ screens)ot della pagina %acebooQ 0)ttp@LLon"%b"meLg3V6It1

;#

$na met+ d/essi probabilmente non residente e solo supporter e %olloEer dell/iniziativa"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

&*

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

Iigura 2F@ %orm di votazione online 0%onte@ tratto dal sito u%%iciale, ultimo accesso@ aprile 4#2#1

Criticit3 di Canegrate Partecipa!41

- il coinvolgi7ento dei cittadini


Come ovvio e naturale in tutti i progetti di carattere sociale e sperimentali, il bilancio partecipativo Canegrate Partecipa presenta ancora molti limiti, alcuni strutturali, altri congiunturali" I primi riguardano la ancora scarsa partecipazione e, in generale, la cultura politica dominante" I secondi, invece, riguardano il periodo di attuazione e le ancor poc)e risorse messe a disposizione" Per ciB c)e concerne la partecipazione, essa ancora molto scarsa in sede assembleare, soprattutto -uando -uesta )a una %unzione meramente

;2

'i ringrazia il responsabile area servizi al cittadino del Comune di Canegrate, 7aria Angela

Castiglioni, per i contributi %orniti alla compilazione di -uesta sezione"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

&(

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

in%ormativa e non decisionale" Per -uesto motivo le assemblee preliminari di zona sono state poco %re-uentate, a di%%erenza di -uella %inale dove stato possibile votare" In realt+, rispetto ad altre esperienze di bilancio partecipativo, Canegrate )a avuto un coinvolgimento molto elevato, anc)e e soprattutto nonostante la sua recente costituzione@ la partecipazione di -uasi 2### cittadini A e la presenza di un centinaio di loro in Assemblea A in una citt+ di 24"### abitanti, di cui 2#"### elettori, sicuramente un ottimo risultato" 5uttavia, per l/universalit+ a cui il processo ambisce, -uesta partecipazione ancora molto bassa e ric)iede ancora molto lavoro" 7a Canegrate Partecipa un progetto culturale, prima ancora c)e un vero e proprio processo di bilancio partecipativo" In -uanto tale, parte gi+ con la consapevolezza di agire in un contesto democratico poco %avorevole A dove %orte la tendenza alla delega di responsabilit+ A da modi%icare, in cui si colloca in maniera altamente innovativa e inusuale" Come la democrazia, si tratta di un/invenzione sociale e in -uanto tale soggetta inevitabilmente ad un processo costante di progettazione-implementazione-veri%ica" Nssa dipende dalla cultura sociale e politica della societ+ e dun-ue dalle motivazioni c)e spingono gli inventori a metterla in atto" on a caso, i bilanci partecipativi assumono solitamente una %lessibilit+ ed una variet+ di modelli c)e dipendono dal grado di consapevolezza collettiva" Anc)e Canegrate Partecipa si modella in maniera graduale e %lessibile sulla base del livello di ricettivit+ della popolazione, del coinvolgimento e delle indicazioni c)e provengono da essa, puntando preliminarmente a %ar sperimentare pratic)e ed esperienze c)e dimostrino c)e ci sono altri modi di concepire e esercitare la democrazia@ dimostrare c)e una popolazione puB partecipare direttamente su temi importanti come le decisioni di bilancio e c)e possibile %arlo in maniera condivisa" 'e vero c)e non possibile avere un modello standard di bilancio partecipativo da applicare ad ogni contesto, nH c)e esiste un modo corretto e impeccabile di coinvolgimento democratico, pur vero c)e la mentalit+ e le motivazioni di c)i lo persegue e lo attua possono e devono essere sono ben c)iare e delineate e c)e vi siano dei tratti imprescindibili nel processo partecipativo@ deve esserci una c)iara e sincera volont+ a coinvolgere i cittadini nella maniera pi* democratica, cio pi* ampia e autonoma possibile e la

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

&&

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

convinzione c)e ciB sia l/unico modo per giungere a risultati positiviO -uesto deve altresG essere accompagnato dall/altrettanto %orte spinta a costruire una societ+ giusta ed e-ua con una giusta redistribuzione delle risorse comuni" 5utto -uesto permette di gestire la transizione nel modo migliore e di compiere le modi%ic)e pi* appropriate nel corso della sperimentazione" 'i tratta di un e-uilibrio c)e va costantemente cercato, ma anc)e di indicatori c)e vanno preliminarmente individuati" Cun-ue, non tutti i tipi di partecipazione sono uguali, ma ciascuno esprime una visione di%%erente di societ+, portando ovviamente a diversi risultati e a diversi livelli di empoEerment della cittadinanza@ possibile avere molta partecipazione ma con un %orte ruolo direttivo da parte della politica, oppure di alcuni interessi rispetto ad altri" 7olto dipende anc)e da c)i il promotore, cio c)i in tal momento )a il potere costituente@ l/implementazione di un bilancio partecipativo per molti aspetti pi* di%%icile se nasce dall/Amministrazione piuttosto c)e dalla ric)iesta della societ+ civile, ma per altri invece molto pi* semplice" J pi* di%%icile per un intrinseco con%litto di interessi A la politica deve comun-ue cedere -uote di potere A per i risc)i insiti in un coinvolgimento top-

doEn A non garantita la continuit+ nel tempo ed il processo puB venire in ogni
momento condizionato da dinamic)e esogene A e per il de%icit in%ormativo c)e ne deriva A l/amministrazione dovr+ investire molto nella comunicazione e %ormazione ad una cittadinanza attiva" J invece pi* %acile perc)H puB stimolare e %acilitare la partecipazione attraverso il potere politico a disposizione, inteso come disponibilit+ e controllo di risorse sia economic)e c)e legislative" Alla luce di tutto -uanto %inora detto, possibile spiegare e comprendere alcune scelte e%%ettuate ed accettare alcuni limiti su cui si %ondano le critic)e" Ad esempio, uno degli aspetti pi* opinabili la possibilit+ per i cittadini c)e partecipano all/Assemblea %inale deliberativa di votare ancora una volta e contare dun-ue di pi*" Questo elemento assegna un peso democratico maggiore ad alcuni ed in%eriore ad altri, potendo di %atto distorcere il risultato elettorale " 6a critica sarebbe pi* c)e solida nel caso non si predisponessero
;4

;4

Questo ciB c)e avvenuto lo scorso anno -uando, grazie alla elevata partecipazione

all/Assemblea deliberativa dei suoi sostenitori, il Centro 'portivo stato in grado di superare per consensi aggregati il Parco di %ronte alle scuole c)e, invece, aveva ottenuto pi* voti dalla raccolta delle sc)ede"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

&,

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

tutti gli strumenti per abbattere le barriere ad una piena partecipazione in Assemblea 0impegni %amiliari, di%%icolt+ di spostamento, eccetera1" 7a se cosG non %osse, il discrimine si gioc)erebbe esclusivamente tra c)i liberamente sceglie di partecipare e c)i no" In ogni modo, se la partecipazione dovesse diventare realmente universale, allora l/assemblea di%%icilmente potrebbe rivelarsi rilevante se non in caso di proposte con il medesimo consenso" 6/uso delle sc)ede serve proprio ad ovviare i limiti della partecipazione diretta nella %orma assembleare, anc)e se essa rimane centrale e sicuramente da potenziare, per l/importanza c)e essa ricopre come momento di incontro e scambio tra la cittadinanza e tra -uesta e l/Amministrazione" 6/uso della metodologia delle sc)ede porta a porta )a dei grandi limiti legati alla privacM dei cittadini c)e si trovano a dover %ornire i propri dati personali per poter convalidare il voto" J necessario predisporre sempre nuove soluzioni per ovviare a -uesto vincolo, attingendo magari alle potenzialit+ degli strumenti in%ormatici, come il voto elettronico"

- il rapporto con i rappresentanti politici


Per lo stesse suddette ragioni, in attesa di una partecipazione universale, tollerato anc)e il limite rappresentativo degli esiti decisionali, risultato di una percentuale ancora bassa di cittadini" In realt+, poic)H si tratta di un processo supportato dalla 3iunta e dalla maggioranza politica, ogni decisione c)e viene prodotta e accolta puB de%inirsi rappresentativa nella misura in cui essa viene con%ermata dagli attori politici universalmente legittimati" Questo aspetto ci introduce altri due ostacoli allo sviluppo del bilancio partecipativo@ uno legato al cittadino e l/altro, pi* strutturale, legato al ruolo della rappresentanza politica" Per -uanto riguarda il primo aspetto, necessario scal%ire la mentalit+ della delega totale, c)e %a vedere il bilancio partecipativo come un modo per l/Amministrazione di deresponsabilizzarsi e scaricare il peso delle scelte sui cittadini@ se li )o votati per amministrare, perc)H ora devo decidere io. C)e lo %acessero loro" N bene! In realt+, come accade a Canegrate, di %ronte all/esercizio di un tale potere e%%ettivo, i cittadini di%%icilmente giungono a tale conclusione, anzi, apprezzano l/iniziativa" Il secondo aspetto pi* complesso e contiene degli elementi di contraddizione strutturale@ per la sua pretesa decisionale, e in assenza di una

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

&)

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

%orte volont+ politica, il bilancio partecipativo si pone in%atti in c)iara con%littualit+ con la rappresentanza politica nel suo tradizionale ruolo decisionale@ -uanto pi* la somma a disposizione dei cittadini, tanto pi* la -uota di sovranit+ e rappresentativit+ rubata ad Assessori e Consiglieri" 6a rappresentanza si esplicita anc)e e soprattutto attraverso le scelte strategic)e di bilancio, utili per realizzare i progetti e le idee presenti e presentati agli elettori nel programma elettorale" Cosa succederebbe, in%atti, se nei cin-ue anni di bilancio partecipativo, molte linee programmatic)e venissero smentite dalle decisioni dirette dei cittadini. In realt+, nonostante -uesto sia uno degli aspetti pi* problematici presenti in ogni bilancio partecipativo attuato nel mondo A e c)e li rende sempre instabili e soggetti agli esiti elettorali e alle maggioranze di turno A ciB puB essere invece visto come una s%ida positiva per la classe politica di concepirsi diversamente rappresentativa, ovverosia un %acilitatore della partecipazione dei rappresentati, promotore e collettore di istanze c)e A invece di essere di%ese in sede consiliare A si esprimono nelle %orme e nei modi di un processo partecipativo, cio in costante rapporto con la cittadinanza" 'i tratta anc)e di un modo A utile soprattutto per i cittadini A per misurare la reale rappresentativit+ del consigliere e delle sue speci%ic)e scelte@ delegare completamente oppure

interagire costantemente. - il ruolo della societ3 civile


6o stesso discorso vale per la societ+ civile, abituata a ragionare attorno a dei tavoli di rappresentanza" Anc)e per essa, il bilancio partecipativo puB esser visto come una dislocazione del momento decisionale al di %uori di -uelle consulte e di -uegli osservatori in cui solitamente coinvolta nelle sue %orme organizzate, a prescindere dal loro reale potenziale rappresentativo@ Sallora a cosa servono le Consulte. Perc)H non decidere direttamente noi come spendere -uesti soldi.T la risposta tipica c)e spesso emersa" Il bilancio partecipativo va contro ogni logica corporativa, dove invece conta il carattere %ormale del momento associativo e non la reale rappresentativit+, c)e puB invece risiedere in gruppi in%ormali e spontanei, capaci di esprimere progetti e idee %ortemente condivisi tali da meritare l/accesso al %inanziamento ed essere attuati"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

&+

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

- la durata e la 9uota di 8ilancio


Per -uanto riguarda i limiti congiunturali, uno di essi sicuramente il poco tempo a disposizione e l/intervento sull/avanzo di amministrazione" 'olitamente i bilanci partecipativi contribuiscono a costruire il bilancio di previsione" Per -uesto motivo durano solitamente tutto l/anno e sono ciclici, in linea con i tempi dell/amministrazione" A Canegrate la partecipazione s%asata rispetto a -uesti tempi e si concentra invece sull/avanzo di amministrazione c)e viene previsto" Questo puB generare un po/ di con%usione nei cittadini, poic)H si trovano a decidere su risorse ancora virtuali" 6/utilizzo dell/avanzo di amministrazione presenta altresG dei %orti vincoli legislativi, dal momento in cui puB essere utilizzato per sole spese di investimento" In realt+, il BP lavora solitamente sulle spese di investimento, dal momento in cui la maggior parte delle altre spese sono spesso inevitabili 0il pagamento di utenze e stipendi del personale, eccetera1" 5uttavia, -uesto puB avere delle ricadute negative sulla -ualit+ della partecipazione A poic)H non permette di incidere su molti altri aspetti della vita pubblica prioritari A e dun-ue sulla stessa percezione da parte dei cittadini dell/utilit+ e dell/e%%icacia del processo" 'i tratta tuttavia di una scelta contingente e non strategica e c)e potr+ essere dun-ue modi%icata" Per includere -uesti altri aspetti necessario mettere su un processo ben pi* complesso c)e A per gli obiettivi preposti, la novit+ dell/iniziativa e le poc)e risorse a disposizione A ancora troppo presto per essere realizzato" 6o stanziamento di un budget superiore ai 2=#"### euro sarebbe stato sicuramente pi* e%%icace, vista l/ampia partecipazione e la probabilit+ c)e emergano molteplici proposte parimenti condivise, o una partecipazione attorno ad opere di consistenza maggiore , ed
;!

avrebbe agito da moltiplicatore" Il patto di stabilit+ in primis )a impedito -uesto passo"

- il rapporto con la 7acchina a77inistrativa


6a collaborazione di tutta la macc)ina amministrativa %ondamentale per %acilitare il processo e soprattutto renderlo pi* economico" Ad esempio, il coinvolgimento diretto degli u%%ici tecnici del Comune %ondamentale per la valutazione delle proposte e per la rapidit+ delle procedure di esecuzione, oltre
'ono state numerose e condivise alcune ric)ieste superiori alla ci%ra a disposizione, come la

;!

costruzione di un centro poli%unzionale, di una piscina e la ristrutturazione di edi%ici storici"

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

&-

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

c)e per l/organizzazione di ogni tipo di evento negli spazi comunali" $n maggior QnoE-)oE interno alla pubblica amministrazione 0i cui costi sono gi+ inclusi tra le spese correnti1 A unito all/attivismo dei cittadini c)e, poic)H direttamente interessati, agiscono volontariamente A ridurrebbe drasticamente i costi, c)e oggi servono principalmente per retribuire operatori esterni 0coordinatori, %acilitatori ed esperti1" 'ul piano amministrativo, l'in%luenza del processo sull'attivit+ del Comune non appare di per sH rilevante, in -uanto si tratta semplicemente per gli u%%ici di dare attuazione ad una delle tante linee di indirizzo dell'Amministrazione Comunale, c)e costituisce il loro il lavoro -uotidiano" 5uttavia, a causa di una cultura organizzativa del tutto %rammentata, c/ il risc)io c)e gli u%%ici possano percepire -uesto progetto comun-ue come un appesantimento del lavoro standard con ricadute negative anc)e nell/accettazione dell/idea stessa di bilancio partecipativo" 6a loro presenza durante le assemblee sarebbe altresG utile per %ar percepire ai cittadini il carattere realmente neutro e non politico del processo" 5uttavia, -uesto coinvolgimento diretto e A per certi aspetti A eWtra-lavorativo puB essere vissuto come imbarazzante dai tecnici perc)H interpretabile come segno di prossimit+ all/Amministrazione di turno e dun-ue al suo colore politico"

in%o&democrazia-partecipativa"org

Quest' opera distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione on commerciale - Condividi allo stesso modo !"# $nported

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

&.

associazione CENTRO STUDI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

+in: utili
;e8
- sito@ - email@ - %acebooQ 0pro%ilo1@ - %acebooQ 0pagina1@ - tEitter@ )ttp@LLEEE"canegratepartecipa"org sta%%&canegratepartecipa"org )ttp@LLEEE"%acebooQ"comLpro%ile"p)p.re%XnameYidX2:2!##4=;4 )ttps@LLEEE"%acebooQ"comLpagesLCanegrate-PartecipaL=F2<?4<=2!< )ttp@LLtEitter"comLcanegrate

presentazioni
- 'cuola di Alt0r1a Amministrazione 04=-4: 7arzo 4#221 - ICR AL$niversit+ 'tatale di 7ilano 0< giugno 4#221 - Domascienza 044 giugno 4#221 )ttp@LLbit"lMLcp-saa )ttp@LLbit"lMLcp-icona )ttp@LLbit"lMLcp-romascienza )ttp@LLbit"lMLcp-romascienza-ppt )ttp@LLbit"lMLcp-romascienza-mp!

pre7i
- Comunicami 4#2# 0Prov" 7ilano1 )ttp@LLbit"lMLcp-comunicami

contatti info@democrazia- arteci ati!a"or# $ %&' &'( )* '* &+&

&'