Sei sulla pagina 1di 3

Gestione delle risorse in Moodle 2

Il flusso di lavoro di Moodle 2.0 paragonato con quello di Moodle 1.x


I file in Moodle 1.x Nelle versioni precedenti alla 2.0 di Moodle tutti i file caricati in Moodle erano memorizzati in una cartella effettivamente esistente sul disco del server che rappresentava l'area dei "file del corso" identificata nell'ambito del corso dal collegamento "File". In quest'area il docente poteva caricare files che sarebbero entrati a far parte dei contenuti del corso in quest'area per! era memorizzato anche tutto ci! che era caricato dagli studenti come i compiti e gli allegati dei forum. "uesti "file di attivit#" erano memorizzati in una sotto$cartella dedicata denominata "moddata" con una struttura che consentiva ai moduli di attivit# di tenere traccia dei propri file. Tipico flusso di lavoro in Moodle 1.x %ll'area dei "file del corso" il docente accedeva in due modi& '. %ttraverso il collegamento "Files" nel blocco "%mministrazione del corso" 2. "uando il file era richiesto in altre posizioni del corso( come ad esempio una risorsa o un allegato "uando si pubblicava un file come "risorsa"( ad esempio un file )*F( il docente poteva& '. +aricare il file nell'area dei file del corso con tutti gli altri file che intendeva utilizzare nel corso 2. %ggiungere una "risorsa" nel corso ,. -eleziona il file )*F dall'area dei file del corso per associarlo alla risorsa .li studenti non avevano accesso diretto all'area dei file del corso. +i! che potevano fare era scaricare i file che erano stati collegati a risorse e caricare file associati ad "attivit#". Un flusso di lavoro meno usuale in Moodle 1.x '. /tilizzare F0) per caricare direttamente i file nell'area dei file del corso sul server 2. %ggiungere risorse al corso( selezionando i file dall'area del corso. ,. Mantenere aggiornate le risorse aggiornando i file direttamente sul server tramite F0) "uesto flusso richiede utenti esperti e con diritti di accesso al server che ospita Moodle. I problemi del modello 1.x di Moodle -e il file originale veniva eliminato dall'area dei file del corso( oppure rinominato oppure spostato in un'altra sotto$cartella dell'area i collegamenti alle risorse in cui era stato precedentemente utilizzato risultavano interrotti. 1a memorizzazione diretta su disco portava a limitazioni sui nomi che potevano essere assegnati ai file. I file non potevano essere riutilizzati in diversi corsi lo stesso file doveva essere ricaricato in ogni area dei file di ogni corso. I bac2up dovevano contenere 0/00I i file del corso( nel caso in cui venissero successivamente utilizzati( anche se il bac2up conteneva solo una attivit# 1e immagini ed altri componenti multimediali potevano apparire correttamente ai docenti ma altri potevano non essere in grado di vederle 3ad esempio nelle descrizioni dei corsi4 Importando le attivit# da un corso ad un altro( 0/00I i file del corso veniva importati( perch5 era impossibile determinare quali file erano necessari.

I file in Moodle 2.0 In Moodle 2.0 i file funzionano secondo un modello 6eb 2.0( molto simile ad esempio al funzionamento di Faceboo2 e .oogle *ocs. 7gni attivit# ed ogni risorsa ha una propria area per i file( ed i file sono associati direttamente con la posizione in cui essi sono usati. )er esempio un file allegato ad un messaggio di forum e memorizzato con il messaggio di forum e diventa sottoposto esattamente alle stesse restrizioni di accesso del messaggio.

Il modo in cui i file sono gestiti in Moodle 2.0 8 cambiato rispetto alle versioni precedenti. .li studenti ed i docenti ora usano il "File )ic2er" per caricare ed organizzare i loro file in aree chiamate "*epositi" 39epositor:4. I *epositi possono essere all'interno del sito di Moodle oppure possono esterni. In precedenza( se un file era usato in corsi diversi( veniva duplicato. In Moodle 2.0 i file sono memorizzati solo una volta risparmiando spazio sul disco. I files non sono pi; semplicemente "caricati nel corso". 7ra i file sono associati al particolare contenuto di Moodle 3risorsa o attivit#4 che li usa 3%d esempio un file pu! appartenere ad una risorsa di tipo "File"( ad un messaggio di "Forum" o ad una pagina di "6i2i"4 1a struttura di corso di Moodle 2.0 quindi non prevede pi; un "*eposito di corso" nel quale raccogliere sia i file utilizzati nel corso sia quelli non ancora utilizzati ma che si prevede di utilizzare ma raccoglie invece i contenuti che formano il corso 3visibili o non visibili agli studenti4 con i relativi file associati. <sistono invece molti tipi di "*eposito"( visibili in tutta la piattaforma di Moodle( in modo indipendente dal corso e accessibili attraverso lo stesso "File )ic2er" che consente di sfogliare i "*epositi" e scegliere un file per utilizzarlo in un contenuto 3risorsa o attivit#4. In generale i "*epositi" sono la strada del futuro per la gestione dei contenuti la maggior parte dei sistemi di tipo 6eb 2.0 sono in effetti dei "*epositi di dati" di dati dotati di varie intefacce di gestione. <' anche disponibile per ogni utente una area privata per i files in cui l'utente pu! archiviare documenti per il proprio uso personale. "uest'area 8 utile per sia per gli studenti che per i docenti( e rende semplice il riutilizzo dei file attraverso l'intero sito Moodle. -olo l'utente pu! accedere ai propri file personali ma i file dell'area personale possono essere usati per generare attivit# e risorse da parte del docente ed attivit# da parte dello studente. 1'uso dell'area dei "file di corso" in Moodle 2.0 8 fortemente sconsigliato e non 8 abilitato per default a causa dei problemi descritti in precedenza. "uando un sito viene aggiornato da '.=( tutti le aree di file dei corsi sono migrate in nuove aree 3File legac: del corso4 e le vecchie aree sono nascoste. I corsi nuovi creati in Moodle 2.0 senza importazioni da corsi ereditati da '.= sono privi dell'area "File legac: del corso". Tipico flusso di lavoro Moodle 2.0 '. -i edita una risorsa o una attivit# 2. -i usa il "File )ic2er" per selezionare un file da un qualsiasi "*eposito" locale o remoto. Il file viene copiato in Moodle e memorizzato in modo sicuro associato alla risorsa o attivit# Un flusso di lavoro alternativo in Moodle 2.0 '. -i edita una risorsa o un'attivit# 2. -i usa il "File )ic2er" per selezionare un file da un qualsiasi "*eposito" locale o remoto scegliendo l'opzione "collegamento" 3lin24. 1'/91 del file viene inserito nella risorsa o attivit# e quando viene visualizzato il file proviene direttamente dal "*eposito" di origine. "uesta opzione 8 possibile solo in alcuni contesti.

Perc ! Moodle 2.0 " meglio#


Integrit$ -e un messaggio di un forum con file allegati 3ad esempio una immagine4 viene importato in un altro corso i file allegati si muovono con esso. +hiunque nel nuovo corso pu! vedere anche i file allegati. "uesto rende le attivit# pi; portabili e riusabili. I file non vengono effettivamente duplicati nel *eposito interno di Moodle ma continuer# ad esistere un file solo che viene visto da due posizioni diverse. -e due attivit# usano lo stesso file e una delle due attivit# viene cancellata( l'attivit# rimanente non viene influenzata e non perde i suoi file allegati. 1a gestione degli allegati 8 meno problematica e dovrebbe mostrarsi pi; amichevole per i docenti e totalmente trasparente per gli studenti. %icure&&a 1a gestione dei file 8 ora governata esattamente nello stesso modo in cui sono gestite le risorse ed attivit# a cui sono allegati. 0utti i file son ora controllati da impostazioni

nell'interfaccia di Moodle compresi i ruoli ed i diritti di accesso. 'iusabilit$ <' ora veloce e facile riusare i file attraverso i corsi di Moodle. /sando il "File pic2er"( si pu! riutilizzare un file precedentemente usato mediante l'opzione "File recenti" o un file proveniente da un qualsiasi corso in cui l'utente ha accesso. Il file viene "logicamente" copiato nella nuova risorsa ed appare come parte della nuova risorsa nel nuovo corso anche se il file non viene materialmente duplicato. (ac)up I bac2up delle attivit# sono piccoli ed accurati perch5 Moodle sa esattamente quali file includere. Interna&ionali&&a&ione Non ci sono pi; restrizioni sui nomi dei file( neppure con i file con nomi in giapponese. Non viene pi; fatta la trasformazione automatica dei nomi file in presenza di caratteri speciali come ad esempio gli spazi. *epositi Il mondo dell'informatica si sta spostando verso una pi; efficace gestione remota dei file ed un minore "scaricamento" di file sui dischi. Moodle interagisce con molte soluzioni di archiviazione che si consentono una efficace gestione dei file. +ome duplicare le fun&ionalit$ di Moodle 1.x nella versione 2.0 -e si vuole imitare il vecchio flusso di lavoro in Moodle 2.0 ci sono due possibilit#& '. +ollegamenti a un *eposito esterno& i file sono depositati in un *eposito esterno a Moodle che viene visto da Moodle attraverso il "File )ic2er" dal quale 8 possibile collegare i file da mostrare in Moodle. Il *eposito esterno viene gestito 3upload( cancellazione4 con una interfaccia indipendente da Moodle 36eb*%>( %lFresco4. %l momento attuale nessuna risorsa di *eposito esterno 8 accessibile agli utenti di %M)1I72. 2. /so del File legac:& nei corsi importati dalla precedente piattaforma '.= 8 accessibile dal File )ic2er la cartella File 1egac: i file in essa contenuti possono essere associati a risorse ed attivit# del corso. +,-.,T& 1a cartella File 1egac: 8 associata al corso quindi i file in essa contenuti sono disponibili solo in quel corso questa impostazione vanifica le nuove propriet# di integrit# e riusabilit# di Moodle 2.0 8 quindi fortemente scoraggiato l'uso della cartella legac: in particolare non 8 sicuramente conveniente( sebbene sia possibile( mettere nuovi file in questa cartella. Nei nuovi corsi non ereditati da corsi della precedente piattaforma "File legac:" non 8 presente. In future versioni di Moodle "File legac:" potrebbe non essere pi; disponibile quindi 8 opportuno un progressivo abbandono dell'uso di questa cartella. -i deve tenere presente che in fase di importazione i file della vecchia cartella "File" che erano effettivamente allegati a una risorsa o attivit# sono stati collegati a quella attivit# quindi la loro presenza nella cartella "File legac:" 8 irrilevante 3si possono anche cancellare dal deposito File legac:4 il file legac: 8 quindi utile solo( in fase transitoria( per file depositati nella vecchia cartella "File" ma non usati in alcuna risorsa?attivit#.