Sei sulla pagina 1di 4

La Banca centrale europea (BCE, con sede a Francoforte, in Germania) gestisce l'euro, la moneta unica dell'UE, e garantisce la stabilit

dei prezzi nell'UE. La BCE contribuisce anche a definire e attuare la politica economica e monetaria dell'UE.

Obiettivo
La Banca centrale europea (BCE) una delle istituzioni dell'UE. I suoi obiettivi principali sono:

mantenere la stabilit dei prezzi (tenendo sotto controllo l'inflazione) specialmente nei paesi dell'area dell'euro mantenere stabile il sistema finanziario, assicurandosi che i mercati finanziari e le istituzioni siano controllati in modo appropriato.

La Banca lavora in collaborazione con le banche centrali dei 28 paesi dell'UE. Insieme costituiscono il Sistema europeo delle banche centrali (SEBC). Ne deriva cos una cooperazione tra le banche centrali dell'area dell'euro, detta anche eurozona, ovvero i 17 paesi dell'UE che hanno adottato la moneta unica. La cooperazione all'interno di questo gruppo di banche chiamata Eurosistema.

Compiti
Rientra tra i compiti della BCE:

fissare i tassi d'interesse di riferimento per l'area dell'euro e controllare la massa monetaria gestire le riserve in valuta estera dell'area dell'euro e comprare o vendere valute quando si presenta la necessit di mantenere in equilibrio i tassi di cambio accertarsi che le istituzioni e i mercati finanziari siano adeguatamentecontrollati dalle autorit nazionali, e che i sistemi di pagamento funzionino correttamente autorizzare le banche centrali dei paesi dell'area dell'euro a emettere banconote in euro monitorare le tendenze dei prezzi valutando il rischio che ne deriva per la stabilit dei prezzi nell'area dell'euro

Struttura
Gli organi decisionali della BCE sono:

Il comitato esecutivo, che coordina la gestione quotidiana. Ne fanno parte sei membri (un presidente, un vicepresidente e altri quattro membri), nominati per un mandato di otto anni dai leader dell'area dell'euro. Il consiglio direttivo, che stabilisce la politica monetaria dell'eurozona e fissa i tassi di interesse applicabili ai prestiti erogati dalla Banca centrale alle banche commerciali. composto dai membri del comitato esecutivo e dai governatori delle 17 banche centrali nazionali dell'area dell'euro. Il consiglio generale, che concorre all'adempimento delle funzioni consultive e di coordinamento della BCE e ai preparativi necessari per l'allargamento futuro dell'area dell'euro. Comprende il presidente e il vicepresidente della BCE e i governatori delle banche centrali nazionali dei 28 paesi dell'UE.

La BCE totalmente indipendente. La BCE non pu, al pari delle banche centrali nazionali dell'Eurosistema e dei membri dei rispettivi organi decisionali, sollecitare o accettare istruzioni da organismi esterni. Tutte le istituzioni dell'UE e i governi degli Stati membri devono rispettare questo principio.

La BCE stata istituita in base al Trattato sull'Unione europea e allo "statuto del sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea", il 1 giugno 1998; mentre ha iniziato ad essere funzionale dal 1 gennaio 1999, quando tutte le funzioni di politica monetaria e del tasso di cambio delle allora undici banche centrali nazionali sono state trasferite alla BCE. Nella stessa data sono stati sanciti irrevocabilmente i tassi di conversione delle monete nazionali rispetto all'euro. Inoltre, ai sensi del diritto pubblico internazionale, la Banca ha propria personalit giuridica autonoma.

Scopo della BCE[modifica | modifica sorgente]


Scopo principale della Banca centrale europea quello di mantenere sotto controllo l'andamento dei prezzi mantenendo il potere d'acquisto nell'area dell'euro. La BCE esercita, infatti, il controllo dell'inflazione nell'"area dell'euro" badando a contenere, tramite opportune politiche monetarie (controllando la base monetaria o fissando i tassi di interesse a breve), il tasso di inflazione di medio periodo a un livello inferiore (ma tuttavia prossimo) al 2%. Un ruolo analogo di contenimento dell'inflazione svolto in America dalla Federal Reserve; quest'ultima [3] per, a differenza della Bce, deve contemporaneamente perseguire l'obiettivo politico del pieno impiego .

Il sistema europeo delle banche centrali (SEBC) e l'eurosistema[modifica | modifica sorgente]

La sede della Banca centrale europea, comunemente chiamata "Euro Tower" a Francoforte

Il Sistema europeo delle banche centrali (SEBC) comprende, a norma dell'articolo 106 delTrattato sull'Unione europea (il Trattato di Maastricht), la Banca centrale europea e le banche centrali nazionali dei 28 stati membri dell'Unione europea a prescindere dall'adozione della moneta unica; solo i governatori delle banche nazionali dei paesi appartenenti all'"eurozona", per, prendono parte al processo decisionale e attuativo della politica monetaria della BCE. Il cosiddetto eurosistema infatti composto dalla BCE e dalle banche centrali nazionali dei paesi che hanno introdotto la moneta unica; le banche centrali nazionali dei paesi al di fuori della "zona euro" sono invece abilitate a condurre una politica monetaria nazionale autonoma. Fintanto che vi saranno stati membri dell'Unione europea non appartenenti all'"area dell'euro" vi sar l'inevitabile coesistenza tra eurosistema e SEBC (l'eurosistema non era stato previsto dai trattati in quanto, diversamente da quello che si poi verificato, si dava per scontata la partecipazione di tutti i paesi dell'Unione europea alla moneta unica). Secondo l'articolo 105, paragrafo 1, del Trattato sull'Unione europea, oltre all'obiettivo principale del mantenimento della stabilit dei prezzi il SEBC "sostiene le politiche economiche generali nella Comunit al fine di contribuire alla realizzazione degli obiettivi della Comunit" agendo "in conformit del principio di un'economia di mercato aperta e in libera concorrenza". Tali obiettivi (definiti dall'articolo 2 del Trattato di Maastricht) sono: uno sviluppo armonioso ed equilibrato delle attivit economiche nell'insieme della Comunit una crescita sostenibile, non inflazionistica, che rispetti l'ambiente il raggiungimento e il mantenimento di un elevato livello di occupazione e di protezione sociale la coesione economica e sociale la solidariet tra stati membri.

Il paragrafo 2 del medesimo articolo 105 del Trattato indica inoltre quelle che sono le funzioni fondamentali del SEBC: definire e attuare la politica monetaria per l'area dell'euro svolgere le operazioni sui cambi detenere e gestire le riserve ufficiali dei paesi dell'area dell'euro promuovere il regolare funzionamento dei sistemi di pagamento.

Tra le altre funzioni della Banca si possono inoltre elencare: il diritto esclusivo di autorizzare l'emissione di banconote all'interno dell'area dell'euro la possibilit di acquisizione delle informazioni statistiche necessarie per lo svolgimento dei propri compiti dalle autorit nazionali competenti (gli istituti di statistica, l'ISTAT in Italia) o direttamente dagli operatori economici la possibilit di intrattenere relazioni operative con istituzioni e organi dell'Unione europea, e al di fuori dell'Unione europea, negli ambiti di competenza dell'eurosistema.

Gli strumenti della BCE[modifica | modifica sorgente]


Compito della Banca centrale regolare l'offerta di moneta [8] rifinanziamento o tasso di sconto .
[7]

e fissare il tasso di interesse, detto tasso di

La SEBC regola l'offerta di moneta e trasmette la politica monetaria alle banche mediante questi strumenti: Operazioni di mercato aperto Operazioni su iniziativa delle controparti, per la gestione giornaliera della liquidit Modifiche del coefficiente di riserva obbligatorio delle banche

Le operazioni di mercato aperto si svolgono tramite acquisto (o vendita) di titoli in cui si crea (o assorbe) base monetaria. Solitamente sono operazioni a pronti contro termine, cio temporanee, in cui ad esempio nel primo periodo si compra una certa quantit di titoli e in un periodo successivo si vende la stessa o una diversa quantit dello stesso titolo, in modo tale da permettere una certa flessibilit nell'azione della banca centrale. Questo tipo di operazione si inserisce nel principio di libero mercato adottato dall'Unione Europea. Le operazioni di rifinanziamento principale sono le operazioni pi importanti della BCE: infatti la maggior parte della base monetaria offerta fornita tramite questa modalit. Un altro strumento sono le operazioni di rifinanziamento a pi lungo termine. Le operazioni su iniziativa delle controparti sono due tipi di operazioni che rispettivamente iniettano o assorbono liquidit overnight (dal pomeriggio alla mattina del giorno dopo) il rifinanziamento marginale in cui una banca chiede un prestito ad un tasso prestabilito dalla banca centrale, dietro garanzia, per una necessit di liquidit. il deposito marginale in cui una banca deposita solitamente un eccesso di liquidit ad un certo tasso stabilito dalla Banca centrale.

La differenza tra il tasso di rifinanziamento marginale e il tasso di deposito marginale d luogo al cos detto "corridoio" in cui fluttua il tasso di interesse interbancario. Un terzo strumento la riserva obbligatoria, attualmente del 2%. una percentuale dei depositi, titoli di debito e titoli del mercato monetario con scadenza inferiore ai due anni che le banche devono depositare presso la banca centrale. Quello che conta che nel mese considerato sia tenuta in media la percentuale

richiesta con la possibilit quindi per le banche di mobilizzare la riserva per necessit di liquidit senza dover richiedere liquidit al mercato interbancario.