Sei sulla pagina 1di 12

Archive All Download Newest

Open Source
Open ERP lERP Open Source | ProgettiCloud co! progetticloud ch Dionidrea! " #a $iloso%ia &open source' ovvero( ca!)iare il paradig!a per un %uturo !igliore* di )enessere e prosperit+ dionidrea! co! Open source " ,i-ipedia it wi-ipedia org

Archive All Download Newest


Open ERP lERP Open Source | ProgettiCloud.com

progetticloud ch .o!e/ Open ERP lERP Open Source SPEC0A#102A3E"http(44progetticloud ch4wp" content4uploads4et1te!p4openerp"5678961568:568 png"REP#ACE12E Open ERP lERP Open Source Open ERP ; uno dei pochissi!i ERP open source* co!pleto dal punto di vista %un<ionale* personali<<a)ile per %ar %ronte alle esigen<e delle i!prese* con una co!unit+ di sviluppatori interna<ionali che ne i!ple!entano le %un<ionalit+ a livello %iscale e nor!ativo delle singole na<ioni= ; un prodotto !ulti"lingua* !ulti"valuta e supporta la gestione conte!poranea di pi> a<iende Dal punto di vista gestionale* i nu!erosi !oduli disponi)ili rendono ?uesto prodotto so%tware uno dei pi> co!pleti nel !ondo dei gestionali Open Source e non solo #elenco dei !oduli disponi)ili si co!pone in%atti di alcuni pi> tradi<ionali e altri che sono di%%icili da trovare anche in solu<ioni ERP di tipo enterprise 0n%atti OpenERP ha una struttura !odulare che per!ette di scegliere ?uali %un<ionalit+ attivare in )ase alle esigen<e delli!presa* potendo scegliere tra @endite* CR2* Ac?uisti* Produ<ione* 2aga<<ino* Conta)ilit+* $inan<e* Servi<i* ProAect 2anage!ent* Pos* 2ar-eting* Business 0ntelligence* BP2* E"Co!!erce e altri !oduli verticali per speci%iche realt+ di i!prese private e pu))liche SPEC0A#102A3E"http(44progetticloud ch4wp"content4uploads456C54684openerpC png" REP#ACE12E openerpC E leggero e puD essere %acil!ente installato scegliendo solo i !oduli real!ente necessari* sia in a!)iente ,indows che #inu:= in alternativa ; possi)ile se!plice!ente a))onarsi ad una versione o%%erta via &cloud' Sul %ronte tecnologico non !ancano tutte le caratteristiche per de%inirlo un so%tware davvero innovativo( " #inguaggio di sviluppo PEthon Fo)Aect"orientedG " Esporta<ione dati tra!ite ,e) Services " Editor H2# per generare codice PEthon in auto!atico " $acile personali<<a<ione di Report* @iste* ,or-%low* Dash)oards e A<ioni " 3estione delle co!unica<ioni tra!ite ,e)!ail e avvisi " Colla)ora<ione e condivisione delle in%or!a<ioni tra!ite il ,i-i " 0ntegra<ione con siste!i @O0P " 0nter%accia ,e) @olete !aggiori in%or!a<ioniI Contattateci progetticloud ch

Dionidream - La Filosofia open source! o""ero# cam$iare il paradigma per un futuro migliore% di $enessere e prosperit&

dionidrea! co! SPEC0A#102A3E"http(44www dionidrea! co!4wp"content4uploads4open"source Apg"REP#ACE12E open source di #uciano Saporito L'()* SPEC0A#102A3E" http(44upload wi-i!edia org4wi-ipedia4co!!ons4thu!)4848J4Ku: svg4556p:"Ku: svg png" REP#ACE12E la $iloso%ia &open source' nasce ini<ial!ente nell a!)ito in%or!atico #inu:* il siste!a operativo per co!puter* estre!a!ente potente e %lessi)ile* ha avuto origine proprio da ?uesto spirito di colla)ora<ione e di condivisione* )asato sul we)* proprio della $iloso%ia &open source' Centinaia e !igliaia di Persone lavorando e colla)orando li)era!ente online* hanno creato #inu:L Si tratta di uno dei siste!i operativi per co!puter pi> %lessi)ili al 2ondo* evoluto e per%or!ante Muesta !eraviglia ; a disposi<ione di KuttiL Ed essendo il suo codice sorgente disponi)ile a tutti il progra!!a stesso puD essere continua!ente li)era!ente !igliorato N Kutti possono li)era!ente usare #inu: e trarne vantaggio dal suo uso #a $iloso%ia &open source' ; or!ai un !odo di essere Provia!o ad i!!aginare ?uali vantaggi potre))e generare ?uesta !odalit+ &open source' se applicata ad altri settori della Societ+* della Scien<a e della Kecnologia* dell Econo!ia* Ftutte a !isura d Ho!oLG* e della vita H!ana pi> in generale Sare))e possi)ile reali<<are ?uel risultato positivo ottenuto in ca!po in%or!atico con #inu: anche in altri settori e contestiI Penso proprio di siL Per ese!pio attraverso la colla)ora<ione e la li)era condivisione dei risultati conseguiti in ca!po Scienti%ico e Kecnologico* sare))e possi)ile !igliorare le condi<ioni di vita delle Persone* dei Popoli e anche salvaguardare il pianeta KerraL +','PED'- SPEC0A#102A3E"http(44upload wi-i!edia org4wi-ipedia4co!!ons4O4O84,i-ipedia" logo png"REP#ACE12E Hn altro )ellissi!o ese!pio di %or!ida)ile reali<<a<ione &open source' ; costituito da wi-ipedia* la nota enciclopedia online Si tratta di un contenitore %or!ida)ile* ipertestuale* di saperi Non esiste pressochP alcun argo!ento o soggetto che non venga trattato in ?uesta &enciclopedia' online attraverso i contenuti !essi a disposi<ione da !igliaia di appassionati Scrittori che li)era!ente prestano la loro opera !ettendo a disposi<ione di tutti i propri articoli sotto %or!a di &voci' )(- ()O.- ECO(O/'- SPEC0A#102A3E"http(44www dionidrea! co!4wp" content4uploads4open")usiness"!odel Apg"REP#ACE12E open )usiness !odel Attraverso la $iloso%ia &open source' sare))e per ese!pio possi)ile )Epassare anche gli ostacoli deter!inati dal possesso dei )revetti alla distri)u<ione delle nuove Kecnologie energetiche* dei prodotti industriali* Fco!e per ese!pio i %ar!aciG Muesta pratica virtuosa deter!inere))e un contrasto %orte della povert+ e un !igliora!ento auto!atico delle condi<ioni di vita di !ilioni di Persone* eccN Si parla allora* e a ragione* di &Open Source Econo!E' )(- ()O.- ECOLO0'- SPEC0A#102A3E" http(44the)igcloudproAect %iles wordpress co!456C54654open1source1ecologE1logoC Apg" REP#ACE12E Si parla anche di &Open Source EcologE'* intendendo una !odalit+ di sviluppo dell H!anit+ che ha co!e o))iettivo la prosperit+ dell Ho!o* che sia sosteni)ile e in ar!onia con l a!)iente e la natura Certa!ente tutto ?uesto richieder+ un salto di ?ualit+ da parte delle Persone e l a))andono della !odalit+ egoistica individuale* che perD al!eno in )una parte* credo* sia dovuta alla %onda!entale paura e all insicure<<a derivanti dalla possi)ile scarse<<a di ci)o e di )eni* e ?uindi di una povert+ e di una insicure<<a dell esisten<a* percepite* co!e possi)ili* e co!e se!pre in agguato* nelle Nostre societ+ conte!poranee Ci sare))e nella $iloso%ia &open source'* gra<ie allo spirito di colla)ora<ione a%%er!ato* anche il risultato del supera!ento della paura del diverso* del ra<<is!o* della violen<a* e perchP noI

Pro)a)il!ente anche delle guerreN Si passere))e dall attuale %or!a capitalistica di produ<ione e distri)u<ione delle ricche<<a * Foggi prevalente!ente nelle !ani di poche )anche e !ultina<ionali* e dei ricchiG* alla !odalit+ &open source'* dove il !eglio sare))e di Kutti e a disposi<ione di KuttiL Si tratta di un utopiaI $orse* !a gi+ oggi ?uesto !odello operativo ; a disposi<ione degli gli Ho!ini di )uona volont+L Nel contesto di ?uesta nuova $iloso%ia &open source' ECO.'LL-00'# )( ()O.O S1'LE D' .'1- SPEC0A#102A3E" http(44!5 paper)log co!4i4COJ4COJ9CC74gli"ecovillaggi"co!unita"e"autarchia"dei"nost"#"%#B-7R Apeg" REP#ACE12E Si possono i!!aginare co!unit+ di Persone* villaggi eco solidali* che avendo a disposi<ione la !igliore Kecnologia gratuita!ente* e nuovi !odelli di econo!ia e di crea<ione se!pre &open source' della ricche<<a stessa* potre))ero essere autosu%%icienti e %loride* e agire anche nel rispetto dell a!)iente Si possono i!!aginare !igliaia di i!prenditori* produttori* ingegneri* sparsi per tutto il pianeta che condividono e praticano lo spirito &open source' 0n so!!a l o))iettivo sare))e ?uello di un i!presa distri)uita che generere))e un )enessere )asato sulla Scien<a e sulla Kecnologia* anch esse li)era!ente distri)uite* che potre))e essere garantito a se!pre pi> Persone nell a!)ito della nuova $iloso%ia di vita &open source' 2a )isogna ca!)iare il paradig!aL Avere la consapevole<<a di essere parte di un villaggio glo)ale Bisogna li)erarsi al pi> presto degli sche!i co!porta!entali egoistici del passato* poichP inutili in ?uesta nuova prospettiva di )enessere e di a))ondan<a Ora sia!o nell era di internet e del villaggio glo)ale* e la li)era colla)ora<ione 57 ore su 57* )asata su internet* consente di !igliorare le conoscen<e* i prodotti e i servi<i* attraverso il contri)uto volontario di tutti* distri)uendo ?uindi )enessere per Kutti Decentrare allora conoscen<e* Kecnologie e servi<i diventa %acil!ente possi)ile tra!ite la rete Bisogna guardare ad una new econo!E sosteni)ile e condivisa* che non sia saccheggio delle risorse della Kerra* !a rispettosa della natura* e i!prontata ai valori della vita e della %elicit+* del rispetto e della salvaguardia dell Ho!o* degli Ani!ali e del pianeta Kerra #i)era di%%usione della cultura e del sapere tecnologico* e del saper %are Bisogna orientarsi ad uno sviluppo sosteni)ile* associato anche ad una decrescita %elice* ciD ; indispensa)ile per la sopravviven<a %uturaL Hn econo!ia e uno sviluppo non )asato sul consu!is!o* spesso inutile e s%renato* !a volta a dare risposte sane* possi)ili ed ecologica!ente e?uili)rate* ai )isogni delle Persone Muesta !odalit+ &open source' potre))e rivelarsi decisiva anche nella scoperta e inven<ione di nuove Kecnologie energetiche )asate sulla &%usione %redda'* #ENR( nuove energie econo!iche* inesauri)ili e pulite* solo aderendo co!pleta!ente alla nuova $iloso%ia &open source'* le cui parole chiave* per concludere* sono( Altruis!o* Disponi)ilit+* Co!passione* $elicit+* Spiritualit+* Rispetto e A!oreL Aderite anche @oi a ?uesta nuova $iloso%ia &open source'L #uciano Saporito Lin2s per approfondire http(44www ted co!4tal-s4lang4it4!arcin1Aa-u)ows-i ht!l http(44opensourceecologE org4 https(44www %ace)oo- co!4OpenSourceEcologE http(44opensourceecologE it4 https(44it"it %ace)oo- co!4OpenSourceEcologE0talia http(44www %a)la)italia it4a)outQ HaniuED0Ri? http(44www vene<ia56C5 it4 http(44www solar%lower org4 http(44www hEdro)etatron org S5O total views* 5 views todaE SPEC0A#102A3E"http(44www dionidrea! co!4wp"content4uploads4hEdro)etatron png" REP#ACE12E hEdro)etatron dionidrea! co!

Open source - +i2ipedia

it wi-ipedia org Open source Fter!ine inglese che signi%ica codice sorgente apertoG* in in%or!atica* indica un so%tware i cui autori Fpi> precisa!ente i detentori dei dirittiG ne per!ettono e %avoriscono il li)ero studio e lTapporto di !odi%iche da parte di altri progra!!atori indipendenti Muesto ; reali<<ato !ediante lTapplica<ione di apposite licen<e dTuso 0l %eno!eno ha tratto grande )ene%icio da 0nternet* perchP esso per!ette a progra!!atori geogra%ica!ente distanti di coordinarsi e lavorare allo stesso progetto Alla %iloso%ia del !ovi!ento open source si ispira il !ovi!ento open content Fcontenuti apertiG( in ?uesto caso ad essere li)era!ente disponi)ile non ; il codice sorgente di un so%tware !a contenuti editoriali ?uali testi* i!!agini* video e !usica ,i-ipedia ; un chiaro ese!pio dei %rutti di ?uesto !ovi!ento Attual!ente lTopen source tende ad assu!ere rilievo %iloso%ico* consistendo di una nuova conce<ione della vita* aperta e re%rattaria ad ogni oscurantis!o* che lTopen source si propone di superare !ediante la condivisione della conoscen<a Negli anni ?uaranta la condivisione del codice non succedeva spesso* in ?uanto esistevano pochi* seppur pri!ordiali* tipi di co!puter tra loro co!pati)ili* e le poche organi<<a<ioni che li utili<<avano utili<<avano standard non co!uni nP condivisi #e conoscen<e di progra!!a<ione erano pertanto li)era!ente condivisi)ili in ?uanto pi> si!ili alle conoscen<e scienti%iche che a conoscen<e tecnologiche @erso la %ine degli anni cin?uanta* e soprattutto negli anni sessanta* ; stato possi)ile riusare lo stesso codice e distri)uirlo anche se in !odo oggi ritenuto piuttosto artigianale* ovvero con nastri e schede per%orate Muesto %eno!eno diventD evidente soprattutto ?uando si a%%er!D il vantaggio di usare una stessa por<ione di codice* il che presupponeva di avere !acchine uguali e pro)le!i si!ili $ino a tutti gli anni settanta* anche se in !isura decrescente* la co!ponente principale e costosa di un co!puter era lThardware* il ?uale era co!un?ue inutile in assen<a di so%tware Da ciD la scelta dei produttori di hardware di vendere il loro prodotto acco!pagnato da pi> so%tware possi)ile e di %acilitarne la di%%usione* %eno!eno che rendeva pi> utili le loro !acchine e dun?ue pi> concorren<iali 0l so%tware* tra lTaltro* non poteva avvantaggiare la concorren<a in ?uanto %un<ionava solo su un preciso tipo di co!puter e non su altri* neanche dello stesso produttore #Tintrodu<ione dei siste!i operativi rese i progra!!i se!pre pi> porta)ili* in ?uanto lo stesso siste!a operativo veniva o%%erto dal produttore di diversi !odelli di hardware #a presen<a di siste!i operativi %un<ionanti per !acchine di di%%erenti produttori hardware a!pliava ulterior!ente le possi)ilit+ di usare lo stesso codice in !odo relativa!ente indipendente dallThardware usato Hno di ?uesti siste!i operativi era Hni:* ini<iato nel C9O9 co!e progetto allTinterno di unTi!presa delle teleco!unica<ioni* la AKUK Hna %a!osa causa antitrust contro la AKUK le vietD di entrare nel settore dellTin%or!atica Muesto %ece sV che Hni: venisse distri)uito ad un pre<<o si!)olico a )uona parte delle istitu<ioni universitarie* le ?uali si ritrovarono ad avere una piatta%or!a co!une* !a sen<a alcun supporto da parte del produttore Si creD spontanea!ente una rete di colla)ora<ioni attorno al codice di ?uesto siste!a operativo* coordinata dallTHniversit+ di Ber-eleE* da dove sare))e poi uscita la versione BSD di Hni:* che diventa da un lato un centro di sviluppo ed innova<ione* dallTaltro ; la )ase di parten<a per nu!erosi %orConsiderato che la condivisione del codice ; nata insie!e allTin%or!atica* piuttosto che di origini dellTOpen Source potre))e essere pi> appropriato parlare* invece* di origine del software proprietario* ed esa!inare il contesto storico in cui ?uesta origine ha avuto luogo #Tutilit+ principale delle licen<e restrittive consiste nella possi)ilit+ di rivendere un progra!!a pi> volte* se necessario con alcune !odi%iche purchP non rilevanti Muesto presuppone che esistano clienti diversi con esigen<e si!ili* oltre che lTesisten<a di pi> co!puter sul ?uale poter %ar eseguire il

progra!!a Mueste condi<ioni co!inciano a deter!inarsi negli anni sessanta* gra<ie al %atto che esisteva un !aggior nu!ero di utili<<atori con esigen<e standardi<<a)ili co!e lo erano ?uelle delle organi<<a<ioni econo!iche nellTarea della conta)ilit+* la logistica o delle statistiche #Tintrodu<ione dei siste!i operativi rese inoltre possi)ile lTutili<<o dello stesso progra!!a anche su hardware di%%erente au!entando cosV le possi)ilit+ di riutili<<o dello stesso codice e dun?ue lTutilit+ nellTi!pedire la duplica<ione non autori<<ata dei progra!!i #a suddivisione della AKUK in 5O societ+* le cosiddette Ba)E Bell* per!ise alla AKUK di usare logiche pretta!ente co!!erciali nella distri)u<ione del suo siste!a operativo Hni:* innal<ando notevol!ente i costi delle licen<e e i!pedendo la pratica delle patch 0l C9W5 %u anche lTanno della divisione delle diverse versioni co!!erciali di Hni:* portate avanti dai singoli produttori di hardware Muesti ulti!i* e%%ettuando delle piccole !odi%iche alla propria versione del siste!a operativo* i!pedirono ai propri utenti lTutili<<o di altri siste!i* %acendo in !odo che i progra!!i scritti per la propria versione di Hni: non %un<ionassero su versioni concorrenti Al 20K la sostitu<ione dei co!puter %ece sV che i progra!!atori non potessero accedere al sorgente del nuovo driver di una sta!pante Xero: per i!ple!entarvi una %un<ionalit+ gradita in passato( la segnala<ione auto!atica che vi erano pro)le!i con la carta inceppata Conte!poranea!ente* societ+ private co!inciarono ad assu!ere diversi progra!!atori del 20K* e si di%%use la pratica di non rendere disponi)ili i sorgenti dei progra!!i %ir!ando accordi di non divulga<ione Fin inglese( NDA* ovvero Non"Disclosure Agree!entG 0n ?uesto contesto !olti progra!!atori " %ra i ?uali Richard Stall!an che sare))e diventato il porta)andiera del so%tware li)ero " si ri%iutarono di lavorare per una societ+ privata Stall!an %ondD nel C9WJ la $ree So%tware $oundation F$S$G* una organi<<a<ione sen<a %ini di lucro per lo sviluppo e la distri)u<ione di so%tware li)ero 0n particolare lo sviluppo di un siste!a operativo co!pleto* co!pati)ile con HN0X* !a distri)uito con una licen<a per!issiva* con tutti gli stru!enti necessari altrettanto li)eri Si tratta del progetto nato lTanno precedente* ovvero 3NH* acroni!o ricorsivo per conte!poranea!ente collegarsi e distinguersi da HN0X* ovvero "GNU's Not UNIX" YL'obiettivo principale di GNU era essere software libero. Anche se GNU non avesse avuto alcun vantaggio tecnico su UNIX, avrebbe avuto sia un vantaggio sociale, per ettendo agli utenti di cooperare, sia un vantaggio etico, rispettando la loro libert!./ Kale progetto* %inan<iato dalla $S$* venne pertanto prodotto da progra!!atori apposita!ente stipendiati 0 principali contri)uti vennero da Stall!an stesso( il co!pilatoregcc e lTeditor di testoE!acs $urono sviluppate anche altre co!ponenti di siste!a HN0X* alle ?uali si sono aggiunte applica<ioni per veri e propri giochi Muesti progra!!i %urono distri)uiti per circa CJ6Z che oltre a coprire i costi di riprodu<ione garantivano un servi<io di supporto al cliente #Tunica condi<ione era che tutte le !odi%iche eventual!ente e%%ettuate su tali progra!!i venissero noti%icate agli sviluppatori 3li anni ottanta sono caratteri<<ati da alcuni eventi i!portanti* tra i ?uali lTintrodu<ione nel !ercato di ?uello che verr+ chia!ato Personal Co!puter FPCG* ovvero un ela)oratore con un proprio processore concepito per essere utili<<ato da un solo utente alla volta 0l prodotto di !aggior successo* il PC della 0B2* si di%%eren<iava dai progetti precedenti in ?uanto non utili<<ava co!ponenti 0B2* !a sia per il so%tware che per lThardware si a%%idava alla produ<ione da parte di ter<i CiD rese possi)ile da un lato ad altre i!prese di clonare il PC 0B2* a))attendone notevol!ente i costi* dallTaltro per!ise a parecchie societ+ di produrre dei so%tware applicativi standard* in concorren<a gli uni con gli altri* )asandosi su un unico siste!a operativo* anche se ini<ial!ente i principali produttori di so%tware erano identi%ica)ili con prodotti per speci%iche applica<ioni 0l notevole a!plia!ento del !ercato rese possi)ili econo!ie di scala e si instaurD una sorta di sinergia tra ?uelli che sare))ero diventati i principali attori del settore( il produttore dei processori 0ntel e il produttore del siste!a operativo e di applicativi per u%%icio 2icroso%t #a !aggiore poten<a dei processori rese possi)ile lo sviluppo di progra!!i pi> co!plessi* la !aggiore co!plessit+ degli

applicativi e del siste!a operativo richiesero processori pi> potenti instaurando in un certo !odo un circolo vi<ioso di aggiorna!enti continui Sia il siste!a operativo che gli applicativi %urono su)ito caratteri<<ati dallTessere destinati ad utenti con conoscen<e in%or!atiche relativa!ente scarse e dallTavere licen<e dTuso stretta!ente co!!erciali* vietando da un lato agli utenti di %arne delle copie* dallTaltro agli sviluppatori di vedere o !odi%icare il codice Se!pre negli anni ottanta vennero introdotte le wor-station* ovvero un siste!a )asato su ter!inali Fi clientG e co!puter centrali Fi serverG Si tratta di siste!i derivati concettual!ente dai !ain%ra!e e )asati essen<ial!ente su siste!i operativi HN0X proprietari #Thardware stesso varia sul lato server dai !ain%ra!e ai PC* !entre su lato client vengono i!piegati soprattutto i PC CiD %avorV lo sviluppo di so%tware sia per i client* utili<<ati spesso da persone con scarse conoscen<e in%or!atiche* che per i server* il cui %un<iona!ento viene solita!ente garantito da personale in%or!atico particolar!ente ?uali%icato BenchP 0nternet avesse visto la luce gi+ negli anni settanta* ; soltanto agli ini<i degli anni novanta* con la di%%usione del protocollo .KKP e la nascita dei pri!i )rowser* che 0nternet co!inciD ad essere di%%uso pri!a in a!)ito accade!ico e poi in !odo se!pre pi> capillare anche tra se!plici privati AllTini<io degli anni novanta* il progetto 3NH non aveva ancora raggiunto il suo o)iettivo principale* !ancando di co!pletare il -ernel del suo siste!a operativo F.HRDG Per sopperire a tale !ancan<a* ,illia! e #Enne Rolit< riuscirono ad e%%ettuare il porting di HN0X BSD su piatta%or!a 0ntel 8WO nel C99C Purtroppo* negli anni successivi tale porting si trovD ad a%%rontare pro)le!i di natura legale HS# v BSDi che ne ritardarono te!poranea!ente lo sviluppo Nello stesso anno* #inus Korvalds* studente al secondo anno di in%or!atica presso lTHniversit+ di .elsin-i* decise di sviluppare un proprio siste!a operativo i!itando le %un<ionalit+ di Hni: su un PC con un processore 0ntel 8WO Kale processore venne scelto per il suo !inor costo e per la sua !aggiore di%%usione rispetto alle piatta%or!e hardware per le ?uali erano disponi)ili i siste!i operativi Hni: Korvalds era spinto dallTinsoddis%a<ione riguardante alcuni applicativi di 2ini: Fun siste!a Hni:"li-e su piatta%or!a PCG* dal desiderio di appro%ondire le proprie conoscen<e del processore 0ntel 8WO* e dallTentusias!o per le caratteristiche tecniche di Hni: Korvalds distri)uV il proprio lavoro tra!ite 0nternet e ricevette i!!ediata!ente un a!pio riscontro positivo da parte di altri progra!!atori* i ?uali apportarono nuove %un<ionalit+ e contri)uirono a correggere errori riscontrati Nac?ue cosV il -ernel #inu:* il ?uale %u su)ito distri)uito con una licen<a li)erale 0nternet dal canto suo* rende possi)ile la co!unica<ione tra persone !olto distanti in te!pi rapidi e a )asso costo 0noltre rende possi)ile la distri)u<ione di so%tware diretta!ente dalla rete* riducendo ulterior!ente i costi di duplica<ione e le di%%icolt+ a reperire il so%tware stesso #a di%%usione dei CD"RO2 co!e supporto privilegiato di raccolte di so%tware rese possi)ile il %eno!eno delle cosiddette distri)u<ioni #inu: puD essere considerato co!e il pri!o vero progetto [open source[ cio; co!e il pri!o progetto che %aceva a%%ida!ento essen<ial!ente sulla colla)ora<ione via 0nternet per progredire= %ino ad allora* in%atti* anche i progetti di so%tware li)ero co!e E!acs erano stati sviluppati in !aniera centrali<<ata seguendo un progetto presta)ilito da un ristretto nu!ero di persone* in )ase cio; ai principi TstandardTdi ingegneria del so%tware Si assu!eva valida anche per i progetti open source la Tlegge di Broo-sT* secondo cui [aggiungere sviluppatori a un progetto in corso di i!ple!enta<ione in realt+ rallenta il suo sviluppo[* legge che ovvia!ente non ; applica)ile a un progetto di sviluppo open source Agli ini<i degli anni novanta* lTidea delle licen<e li)erali era rappresentata soprattutto da Richard Stall!an e la sua $S$* ovvero le licen<e li)erali per eccellen<a erano la 3P# e la #3P# che

perD venivano ritenute [contagiose[* in ?uanto a partire da un codice licen<iato con la 3P# ?ualsiasi ulteriore !odi%ica deve avere la stessa licen<a #e idee stesse di Stall!an venivano viste con sospetto dallTa!)iente co!!erciale statunitense* il che non %acilitava la di%%usione del so%tware li)ero Per %avorire dun?ue lTidea delle licen<e li)erali nel !ondo degli a%%ari* Bruce Perens* Eric S RaE!ond* Oc-!an e altri co!inciarono nel C99S a pensare di creare una sorta di lo))E a %avore di una ride%ini<ione ideologica del so%tware li)ero* eviden<iandone cio; i vantaggi pratici per le a<iende e coniarono il ter!ine ["pen #ource[ CiD anche al %ine di evitare lTe?uivoco dovuto al doppio signi%icato di %ree nella lingua inglese* visto che spesso veniva interpretato co!e [gratuito[ invece che co!e [li)ero[ #Tini<iativa venne portata avanti soprattutto da parte di RaE!ond che* in occasione della li)erali<<a<ione del codice sorgente di Netscape* voleva utili<<are un tipo di licen<a !eno restrittivo per le a<iende di ?uanto %osse il 3P# #a scelta a %avore dellTOpen Source da parte di alcune i!portanti i!prese del settore co!e la Netscape* lT0B2* la Sun 2icrosEste!s e lT.P* %acilitarono inoltre lTaccetta<ione del !ovi!ento Open Source presso lTindustria del so%tware* %acendo uscire lTidea della [condivisione del codice[ dalla cerchia ristretta nella ?uale era ri!asta relegata %ino ad allora @enne cio; accettata lTidea che lTopen source %osse una !etodologia di produ<ione so%tware e%%icace* nonostante nel suo %a!oso saggio #a cattedrale e il )a<aar* Eric S RaE!ond avesse esplicita!ente criticato i tradi<ionali !etodi di ingegneria del so%tware* !etodi che %ino a ?uel !o!ento avevano dato )uoni %rutti @a notato co!e i pri!i progra!!i Tli)eriT* co!e il 3CC* seguivano ancora il !odello a cattedrale= solo successiva!ente progetti co!e E3CS adottarono il !odello a )a<aar #Tattivit+ della &Co!!issione per il so%tware a codice sorgente aperto nella Pu))lica A!!inistra<ione'* detta anche &Co!!issione 2eo'* ha prodotto* nel !aggio 5668* la pu))lica<ione dellT[0ndagine conoscitiva sul so%tware open source[ che* accanto ad un ?uadro generale* contiene interessanti proposte per la di%%usione del so%tware open source nella PA italiana #a pi> rilevante tra le proposte ; che le PP AA non devono vietare nP penali<<are lTutili<<o di pacchetti open source( il criterio che deve valere al !o!ento della sele<ione di una ?ualsivoglia solu<ione so%tware ; ?uello del &value %or !oneE' Frapporto ?ualit+"pre<<oG Mueste conclusioni hanno %orte!ente orientato il legislatore italiano #a pri!a ricaduta legislativa* esito diretto dellTindagine conoscitiva sui progra!!i in%or!atici a codice sorgente aperto* ; la cosiddetta &Direttiva Stanca'( il C9 dice!)re 5668 lTallora 2inistro per lT0nnova<ione e le Kecnologie* On Stanca* adottava la direttiva &Sviluppo ed utili<<a<ione dei progra!!i in%or!atici da parte delle pu))liche a!!inistra<ioni' il cui contenuto sostan<iale veniva successiva!ente tras%uso nel D #gs W546J FCodice dellTa!!inistra<ione digitaleG con lTinten<ione di co!portare vantaggi nella scelta dei progra!!i pi> e%%icienti e convenienti* !a anche rispar!i derivanti dalla condivisione conseguente al riuso allTinterno delle a!!inistra<ioni pu))liche 0 principali contenuti della [Direttiva Stanca' sono i seguenti Fin particolare derivanti dagli articoli 8* 7 e SG( Oltre alla Direttiva !en<ionata* altri sono gli interventi legislativi che considerano lTOpen Source co!e !eritevole di atten<ione econo!ica e tecnica co!e* ad ese!pio* il gi+ citato Decreto #egislativo S !ar<o 566J* n W5* art OW* co!!a C* lettera dG &Codice dellTa!!inistra<ione digitale' e le successive integra<ioni e !odi%ica<ioni FDecreto #egislativo 7 aprile 566O* n CJ9 &Disposi<ioni integrative e correttive al decreto legislativo S !ar<o 566J* n W5* recante codice dellTa!!inistra<ione digitale'G e* recente!ente* la #egge 5S dice!)re 566O* n 59O " Disposi<ioni per la %or!a<ione del )ilancio annuale e pluriennale dello Stato Flegge %inan<iaria 566SG MuestTulti!a istituiva un $ondo di C6 !ilioni di Euro Fco!!a W95G al %ine di sostenere la reali<<a<ione di progetti per la societ+ dellTin%or!a<ione* la cui destina<ione prioritaria era rivolta a progetti che [utili<<ano o sviluppano applica<ioni so%tware a codice aperto[ 0 lavori della Co!!issione* presieduta dal pro% 2eo* si sono svolti essen<ial!ente in !odalit+

on"line supportati dallTOsservatorio OSS del CN0PA Si sono svolte anche attivit+ di audi<ione* in particolare la Co!!issione ha supportato lTorgani<<a<ione del convegno Open Source Open 0deas %or Pu)lic Ad!inistration " OSPA 566W pro!osso dallTAssocia<ione Concreta"2ente NellTaprile 566W la Co!!issione ha prodotto una pri!a )o<<a di Rela<ione \C] Nel 566S il te!a dellTopen source ; stato portato autorevol!ente presso il Parla!ento italiano #a co!!issione cultura della Ca!era ha ascoltato* nella %or!a di una audi$ione* il pro% Arturo Di Corinto* Richard Stall!an e Bruce Perens \5] in unTaudi<ione u%%iciale dalla co!!issione cultura della Ca!era dei deputati Anche il convegno %ondividi la conoscen$a Forgani<<ato in pi> edi<ioniG ha tentato di allargare la )ase di adesione del !ondo accade!ico sullTopen source e sullTOpen content con lTo)iettivo di %are ascoltare la propria voce anche dal !ondo politico #o sviluppo opensource ha tra le sue caratteristiche ?uello di essere ?uasi se!pre gratuito* tanto da creare con%usione tra alcuni che credono che opensource e gratuito siano sinoni!i Ci si potre))e chiedere perchP delle persone si dedichino allo sviluppo di progetti talvolta se!plici* talvolta i!pegnativi e co!plessi* sen<a una re!unera<ione 0n realt+* ci possono essere delle %or!e di guadagno Fnon se!preG e si puD ricorrere ad una o pi> strategie per ?uesto scopo Nella seguente lista* con [sviluppatore[ si puD intendere sia uno o pi> privati* sia unTa<ienda che crea ed eventual!ente si occupa di !igliorare il progra!!a o prodotto so%tware( dona3ioni( lo sviluppatore d+ la possi)ilit+ di %are delle dona<ioni non o))ligatorie a chi usa il suo progra!!a* co!e ringra<ia!ento o co!e incoraggia!ento per un ulteriore sviluppo ser"i3io di supporto a pagamento( il progra!!a ; gratuito !a si paga per avere il supporto dello sviluppatore= se il supporto prevede dona<ioni* si puD ritenere si!ile al punto precedente sponsori33a3ione( il progra!!a o il sito che lo ospita puD contenere il no!e o altro tipo di pu))licit+ ad unTa<ienda che supporta econo!ica!ente lo sviluppatore= puD anche succedere che unTa<ienda si occupi dello sviluppo di un progra!!a gratuito e conti sulla pu))licit+ che riscuoter+ da esso per %arsi conoscere guadagni gra<ie alla didattica( se il prodotto creato ; particolar!ente co!plesso* spesso si tratta di un linguaggio di progra!!a<ione nuovo o una li)reria Fo %ra!ewor- ecc G con scopi particolari per un linguaggio di progra!!a<ione* lo sviluppatore puD guadagnare gra<ie allTorgani<<a<ione di corsi di apprendi!ento del prodotto* la vendita di li)ri eccetera Muesto tipo di guadagno puD risentire della concorren<a di guide che sono o saranno pu))licate gratuita!ente in rete da parte di utenti* e puD dar vita ad una strategia di !ercato piuttosto co!plessa Nei casi di li)rerie Fo %ra!ewor-G che vogliono %are concorren<a a prodotti esistenti* si deve convincere che essi siano e%%icaci e pi> %acili degli altri prodotti disponi)ili PuD anche essere che il produttore !etta in rete delle introdu<ioni allTapprendi!ento del proprio prodotto che perD non coprono tutte le poten<ialit+ dello stesso Allo stesso te!po si cerca di creare una co!unit+ di supporto e conte!poranea!ente un gergo che lTacco!uni 0l gergo puD %ar uso di ter!ini nuovi che ri!pia<<ano ?uelli in uso* giusti%icati con !otiva<ioni diverse Fad ese!pio* le %un<ioni in Rava sono chia!ate !etodi nonostante co!piano a<ioni o restituiscano un risultato dopo unTela)ora<ione che in !ate!atica ed in%or!atica sono chia!ate %un<ioniG Kalvolta puD dar vita ad una serie di acroni!i che rendono ?uasi criptico il linguaggio Fvedasi il %ra!ewor- SpringG 0n tal !odo si riesce a %ar di!inuire il nu!ero degli autodidatti che i!parano in rete* spingendo chi vuole apprendere a co!prare li)ri per lTapprendi!ento e le pratiche otti!ali da seguire e4o seguire corsi ed allo stesso te!po si crea una co!unit+ di sviluppatori %edele nel te!po* spesso unita anche da una [%iloso%ia[ di progra!!a<ione OSPA FOpen Studies %or Pu)lic Ad!inistrationG ; un gruppo di lavoro dellTAssocia<ione Concreta"2ente orientato a studiare il te!a dellTinnova<ione organi<<ativa e tecnologica nella Pu))lica A!!inistra<ione 0ntegra co!peten<e verticali di origine accade!ica e pro%essionale con lTo)iettivo di %or!ulare proposte concrete e presentarle ai decisori istitu<ionali nel contesto di eventi pu))lici 0l gruppo di lavoro OSPA organi<<a annual!ente dal 566W un convegno nel ?uale sono presentati e

discussi con interlocutori di diverse estra<ioni i risultati delle ricerche sullTinnova<ione nelle Pu))liche A!!inistra<ioni Ad oggi ha coinvolto nelle sue attivit+( O Hniversit+ e Centri di Ricerca Na<ionali* pi> di J6 a<iende del settore privato* oltre 5J6 A!!inistra<ioni Pu))liche sia locali che centrali OSPA 566W ; stato il pri!o !o!ento in 0talia di incontro e con%ronto tra PA* i!prese e universit+ sul te!a dellTopen source nelle Pu))liche A!!inistra<ioni #Tini<iativa dei convegni OSPA ; poi proseguita negli anni successivi A partire dagli spunti raccolti nel corso della pri!a edi<ione* il convegno OSPA 5669 ; stato dedicato a veri%icare lTesisten<a di interrela<ioni tra ca!)ia!ento organi<<ativo e ado<ione di solu<ioni open in CO diverse a!!inistra<ioni* e ad appro%ondirne la natura 0 casi di studio esa!inati* i risultati della ricerca e le discussioni attivate sono stati raccolti nel volu!e Open Source nella Pu))lica A!!inistra<ione " OSPA T69* che ; anche possi)ile scaricare gratuita!ente #Tedi<ione OSPA 56C6\S] ; stata orientata allTappro%ondi!ento verticale su due te!i di grande rilevan<a per la pro!o<ione e valuta<ione dellTinnova<ione nella PA( il Riuso di solu<ioni so%tware tra a!!inistra<ioni diverse* e il Kotal Cost o% Ownership* co!e stru!ento per supportare le decisioni di ado<ione Anche in ?uesto caso* i risultati delle ricerche presentati al convegno e le ri%lessioni degli esperti intervenuti sono stati raccolti in un volu!e* OSPA C6 " Stru!enti per lT0nnova<ione nella PA * che si puD anche scaricare gratuita!ente 0 so%tware open source attual!ente pi> di%%usi sono $ire%o:* @#C* 3i!p* S"^ip* oltre ad un gran nu!ero di progetti rivolti non allTutente %inale !a ad altri progra!!atori \8] Sono inoltre degne di nota le %a!iglie di siste!i operativiBSD* 3NH* Android e il -ernel #inu: i cui autori e %autori hanno contri)uito in !odo %onda!entale alla nascita del !ovi!ento #a co!unit+ open source ; !olto attiva* co!prende decine di !igliaia di progetti*\7] nu!ero tenden<ial!ente in crescita it wi-ipedia org _ Archive All Download Newest