Sei sulla pagina 1di 16

Ing.

Gabriele MONTI 1999-2007

Hardware

www.ingmonti.it

1 Hardware
In que to !a"itolo mettiamo a "unto qual!#e dettaglio ed aggiungiamo qual!#e !on!etto ri "etto a !i$ !#e % !ontenuto nel !a"itolo "re!edente.

L'incredibile sviluppo delle tecnologie microelettroniche


Non % que to il te to do&e o!!u"ar i in dettaglio dello &ilu""o della mi!roelettroni!a' ma % intere ante "endere al!une "arole ul "i( grande )enomeno te!nologi!o della )ine del e!ondo millennio. *#i #a eguito "er "i( di un anno lo &ilu""o dei !om"uter i % tu"ito della &elo!it+ !on !ui *,- nuo&e e molto "i( "otenti o titui !ono quelle "re!edenti. In &erit+ negli ultimi trent.anni lo &ilu""o delle te!nologie mi!roelettroni!#e #a )atto raddo""iare' a "arit+ di dimen ioni e !o to' ogni anno e me//o la "oten/a delle *,- e degli altri !ir!uiti integrati. -n !ir!uito integrato % una "i!!ola "ia trina di ili!io ulla quale' attra&er o !om"le i "ro!e i !#imi!o-)i i!i &engono !reati dei di "o iti&i !#e ono in grado di memori//are ed elaborare bit di in)orma/ione. 0ue ti di "o iti&i 1tran i tor2 "o ono e ere tanto "i!!oli da e ere me i in grandi quantit+ in una ingola !#eggia di ili!io 13!#i"32. 4. "o ibile 3integrare3 de!ine di milioni di tran i tor in un ingolo !ir!uito. -n !ir!uito !#e in!lude molti tran i tor &iene detto 3 circuito integrato3. Nel !or o del tem"o il numero dei tran i tor !#e le !a e "roduttri!i ono tate in grado di mettere u un ingolo !#i" % aumentato !on &elo!it+ traordinaria. Il nome 3!#i"3' !#e igni)i!#erebbe la ola "ia trina di ili!io' "e o &iene u ato im"ro"riamente an!#e "er indi!are tutto il !ir!uito integrato' !ontenitore 13"a!5age32 e "iedini 13"in32 in!lu i. 0ual % la ragione della em"re in!redibile &elo!it+ di &ilu""o della mi!roelettroni!a6 Il tru!!o % !#e la 3)ilo o)ia3 di ba e della mi!roelettroni!a % em"re la te a' non !.% bi ogno di 3 alti3 !ulturali o nelle te!ni!#e di ba e "er )ar "rogredire le "re ta/ioni dei di "o iti&i. 7i tratta 3 olo3 di migliorare le te!nologie' di ra))inare i modi di "rodu/ione dei !ir!uiti integrati' !o 8 da reali//are tran i tor em"re "i( "i!!oli. Tran i tor "i!!oli "ermettono di !on!iliare e igen/e !#e in molti altri !am"i della te!ni!a ono in&e!e in !ontraddi/ione. *ome nel &e!!#io detto' % un "o. !ome a&ere la botte "iena e la moglie ubria!a. 9ediamo "er!#:; a&endo tran i tor "i!!oli e ne "o ono mettere di "i( ul !#i"' ottenendo !ir!uiti !#e "o ono &olgere )un/ioni "i( !om"le e' o""ure &olgere le te e )un/ioni "i( ra"idamente. In ieme a que to &antaggio !.% an!#e l.altro &antaggio !#e i !ir!uiti !ambiano di tato "i( ra"idamente' "er!#: de&ono muo&ere meno elettroni "er elaborare i bit. Muo&ere meno elettroni igni)i!a erogare minori !orrenti elettri!#e' e "er!i$ a&ere minor !on umo di energia e minor ri !aldamento del !#i". ,er !ui' in un !ir!olo &irtuo o imile ad una retroa/ione negati&a' % "o ibile metterne di "i( en/a bru!iare il !ir!uito. In inte i !on la ola diminu/ione della dimen ione dei tran i tor i ottengono !ir!uiti integrati "i( 3den i3 di tran i tor' e quindi "i( "otenti' "i( &elo!i' !#e !on umano di meno e !#e !aldano di meno. <etto que to' non !.% da mera&igliar i del )atto !#e in trent.anni la dimen ione dei tran i tor ia andata da 10 mm a 0'1 m=

1.1 Tipi di computer


,er ragioni tori!#e e "rati!#e i !om"uter ono di tinti in di&er i ti"i. 7i !#iamano 3 mainframe3 i gro i e !o to i !om"uter !entrali' u ati da de!ine o da !entinaia di utenti' !#e ri iedono nei *entri di *al!olo. Trent.anni )a erano l.uni!a alternati&a' in quanto ogni !om"uter era tanto !o to o da do&er e ere !ondi&i o )ra molti utenti "er "oterne giu ti)i!are la "e a. Gli utenti utili//ano i main)rame !ollegando i !on 3terminali3' di "o iti&i di Ingre o > - !ita !#e non "o ono &olgere al!una elabora/ione. Oggi i main)rame' !#e #anno o)tware !ollaudato ed a))idabile' &engono u ati o"rattutto "er la getione degli ar!#i&i molto grandi. 7i de)ini !ono 3workstation3 !om"uter !#e "o ono er&ire !ontem"oraneamente "i( di un utente' !ollegato !on terminali' ma !#e ono di dimen ioni e !o to minore di quello dei main)rame ed #anno una minore !a"a!it+ di ar!#i&ia/ione. ?n!#e e % "o ibile l.utili//a/ione da "arte di molti utenti le wor5 tation &engono "e o utili//ate da una ola "er ona. @.u o "i( ti"i!o delle wor5 tation % "er quelle a""li!a/ioni !#e ri!#iedono una grande "oten/a di elabora/ione dedi!ata ad un gru""o ri tretto di "er one' !ome il *?<' la "rogetta/ione' la imula/ione o la !om"uter gra)i!a. 7i de)ini !ono 3personal computer3 quei i temi "en ati e "rodotti "er l.u o da "arte di una ola "er ona' e !#e non ono "er!i$ de tinati a &olgere elabora/ioni "er "i( di un utente. ? que to "ro"o ito &ogliamo )are una "re!i a/ione ulla terminologia. Nel eguito e di que to e degli altri &olumi delle 3 erie3 quando i u er+ il termine 3"er onal !om"uter3 intender+ trattare di tutti quei !om"uter !#e non ono de tinati ad e ere !ondi&i i )ra le "er one' mentre quando i u er+ la igla PC i intender+ "arlare di un !om"uter 100A !om"atibile !on la linea dei "rimi "er onal !om"uter della IBM' !#iamata ,*. 7"e o quando i "arla di !om"uter di&er i i u a un termine brutto in lingua italiana' ma !#e #a un igni)i!ato "e!i)i!o in gergo in)ormati!o. 4 o % 3piattaforma3 1"lat)orm2. In In)ormati!a "er 3"iatta)orma3 i intende uno "e!i)i!o ti"o di !om"uter 1non olo di *,-2. *ome e em"io i "o ono "rendere i ,*' !#e #anno *,- della )amiglia CDE o le wor5 tation 7un' !#e #anno *,- della )amiglia 7"ar!. *om"uter di&er i !on la te a *,-' !ome erano "er e em"io ?miga e Ma!into #' ono due "iatta)orme di&er e. 7"e o oltre all.#ardware i "arla di "iatta)orma !on iderando an!#e il o)tware !#e 3ri&e te3 un !erto #ardware' "er e em"io i "u$ "arlare di 3"iatta)orma Findow 3 !on iderando i ,* !#e u ano Findow !ome i tema o"erati&o o di 3"iatta)orma @inuG3 !on iderando i ,* !#e in&e!e u ano @inuG. 0H Hardware.odt 9er. 0.D.2 2007-10-20 ". 1 di 1E

Ing. Gabriele MONTI

www.ingmonti.it

Computer general purpose o dedicati


-n !om"uter dedicato 13 "e!ial "ur"o e32 % "en ato e !o truito "er &olgere un !om"ito "e!i)i!o' mentre uno 3 general purpose3 1a !o"o generale2 % )atto' !ome ben di!e il nome' "er e ere adattato )a!ilmente agli !o"i "i( &ari' !ambiando olamente il "rogramma in e e!u/ione. I !om"uter dedi!ati ono u ati in due !a i; quando la !om"le it+ del "roblema da ri ol&ere % talmente grande !#e ne!e itano olu/ioni 3 "e!iali3 e non ba ta un !om"uter general "ur"o e o""ure quando il numero dei di "o iti&i da "rodurre % talmente alto !#e "i!!oli imi ri "armi ull.#ardware igni)i!ano &antaggi e!onomi!i igni)i!ati&i. ,ertanto il "rimo ti"o di !om"uter dedi!ato % im"iegato "er e em"io nella !om"uter gra)i!a molto a&an/ata o nella imula/ione di )enomeni !om"le i' !ome la meteorologia. Il e!ondo ti"o % u ato nei i temi 3 embedded3' !io% quei "i!!oli i temi !#e !om"rendono una *,- e !#e in!ontriamo em"re "i( "e o nella &ita di tutti i giorni' !ome il tele)ono mobile' la !arta del "ar!#eggio 3intelligente3 o il )orno a mi!roonde !on il quale !i i "u$ !ollegare ad Internet.

1.1.1

Organi//a/ione di un !om"uter

*ome gi+ detto in ogni !om"uter i di tinguono )i i!amente una 3 !atola3' detta 3unit+ !entrale3' ed altri di "o iti&i detti 3"eri)eri!#e3. 9ediamo !o a % !ontenuto nell.unit+ !entrale' )a!endo ri)erimento all.ar!#itettura di un ,* ma non dimenti!ando !#e tutti i ti"i di !om"uter del giorno d.oggi ono "iutto to imili. ?ll.interno dell.-nit+ *entrale' oltre all.alimentatore' tro&iamo una !#eda elettroni!a' detta 3 scheda madre3 13mot#erboard32 ed al!une !#ede 3)iglie3 13daug#ter board32 !#e &engono !ollegate a "eri)eri!#e interne ed e terne. 7ono in)atti "re enti' )i i!amente dentro l.unit+ !entrale' an!#e al!une unit+ "eri)eri!#e quali l.#ard di !' il )lo""I di ! ed il *<JOM 1&edi do"o2.

Scheda madre
Tutti i !om"uter #anno una !#eda madre. 4. la !#eda ulla quale ta la *,-' !#e !ontiene an!#e la memoria "rin!i"ale ed i bu di i tema 1addre bu ' data bu ed e&entuali altri bu 2. In una !#eda madre ono in!lu i molti otto i temi. ,eraltro' e la !#eda % moderna' oltre alla *,- tro&iamo "o!#i altri !ir!uiti integrati im"ortanti' !#e indi&iduiamo )a!ilmente "er!#: #anno molti "iedini. 0ue ti !ir!uiti &engono uniti otto il nome di 3chipset3 della !#eda e !on!entrano una miriade di )un/ioni di&er e' !#e un tem"o erano reali//ate da molti !ir!uiti integrati e"arati. @e )un/ioni !#e il !#i" et reali//a ono relati&e al )un/ionamento della totalit+ del !om"uter.
-n !#i" et moderno !ontiene la logi!a digitale !#e reali//a; timer e !ontatori "er la tem"ori//a/ione delle o"era/ioni del o)tware e dell.#ardware' logi!a "er la ge tione della memoria J?M' "er il !ontrollo delle interru/ioni e del <M? 1&edi 9olume 2 di que to teto2' i !ontroller dell.#ard di ! e del )lo""I di !' "orte di !omuni!a/ione eriali e "arallele' ge tione del bu di e "an ione.

Oltre ad altri "i!!oli !om"onenti elettroni!i' !#e &anno otto il bu))o nome di 3glue logi!3 1logi!a 3!#e )a da !olla32' i notano la memoria di la&oro di ti"o J?M' alloggiata in moduli a )orma di barretta' !om"rendenti D o 9 !ir!uiti integrati' e quella di ti"o JOM' !o tituita dai !ir!uiti integrati u !ui % in!ollata un.eti!#etta !on la igla 3BIO73 1o qual!o a del genere2. *.% da dire !#e al!uni !om"uter #anno olo la !#eda madre. *i$ a!!ade quando non % "re&i ta l.e "an ione del i tema durante la ua &ita utile e e ne &ogliono limitare al ma imo i !o ti.

Figura 1 !componenti di una scheda madre!

"us Bus in multiplex


In un !om"uter alla 9on Neumann "rima di !ambiare un qual ia i dato % ne!e ario emettere ull.addre bu l.indiri//o della lo!a/ione di memoria !#e % intere ata dallo !ambio. ,er tutto il tem"o dello !ambio del dato quell.indiri//o &iene mantenuto ull.addre bu . <ato !#e !omunque l.indiri//o &iene em"re eme o ,JIM? al!une *,- )anno u o degli te i "iedini ia "er il data bu !#e "er l.addre bu . <urante la "rima )a e dell.a!!e o alla memoria la *,- emette l.indiri//o' "oi' ugli te i "iedini !ri&e o legge il dato !orri "ondente a quell.indiri//o. In que to modo la *,- "u$ a&ere meno "iedini. Naturalmente ar+ ne!e ario aggiungere dei !ir!uiti elettroni!i e terni 13lat!#32 !#e 3ri!ordano3 l.indiri//o eme o durante la "rima )a e dell.a!!e o in memoria e lo

". 2 di 1E

2007-10-20

0H Hardware.odt

Ing. Gabriele MONTI 1999-2007

Hardware

www.ingmonti.it

!ontinuano a mantenere )ino alla )ine dell.o"era/ione. 0uando data bu e addre bu u ano gli te i "iedini della *,- i di!e !#e ono 3in multi"leG3 1multi"liGed2 o""ure' !on brutto neologi mo' 3multi"leGati3.

Bus di espansione
@a maggior "arte dei !om"uter general "ur"o e "re&ede l.aggiunta di )un/ionalit+ attra&er o l.in er/ione di !#ede in o""ortuni 3slot d'espansione3 1in Ingle e lot igni)i!a )e ura2. @e !#ede di e "an ione #anno un 3"ettine3 !on !onduttori elettri!i' !#e i &anno ad a!!o""iare !on gli omolog#i !ontatti !ontenuti nel !onnettore delle lot. ,er!#: la !#eda "o a !omuni!are !on la *,- gli lot de&ono "re&edere l.a!!e o ai bu di i tema. 7ui !onnettori degli lot de&ono e ere ri"ortati i egnali elettri!i relati&i al bu dati ed al bu indiri//i u ati dalla *,- del !om"uter. 7ono inoltre "re enti egnali di !ontrollo 1!ontrol 3bu 32' di tem"ori//a/ione 13!lo!532 e in!roni//a/ione 13 trobe32' !#e "ermettono di e))ettuare lo !ambio di in)orma/ioni )ra la *,- e la !#eda di e "an ione. Il !#i" et della !#eda madre a&r+ an!#e l.im"ortante !om"ito di )ar )un/ionare in ieme il bu d.e "an ione ed i bu di i tema.

1.1.2

,aralleli mo

Molte delle )un/ioni di un !om"uter ono &olte in "arallelo' !io% !ontem"oraneamente. Tanto maggiore % il numero delle )un/ioni &olte in "arallelo tanto "i( &elo!e "u$ e ere un !om"uter. Naturalmente !i$ ne !om"li!a la truttura e quindi igni)i!a un aumento del uo !o to. 7i "arla di 3parallelismo! "er indi!are !on quante unit+ in !ontem"oranea ono &olte al!une )un/ioni.

Parallelismo del #ata "us


4. detto "aralleli mo del <ata Bu il numero di bit tra )eriti in "arallelo )ra *,- e memoria di la&oro attra&er o il <ata Bu ' !io% il uo numero di )ili. ,i( il <ata Bu % 3largo3' maggiore % il numero di bit !#e "o ono e ere tra )eriti alla *,- !on un ingolo a!!e o alla memoria. ?bbiamo a&uto modo di !a"ire !ome l.a!!e o alla memoria ia uno )ra i )attori "i( im"ortanti !#e limitano la &elo!it+ dei !om"uter' "er !ui % !#iaro !#e la tenden/a dello &ilu""o dei !om"uter % em"re tata quella di aumentare il "aralleli mo del <ata Bu . ,er e em"io i "u$ !itare una re!ente &er ione IBM della *,- ,ower,*' de tinata ad e ere u ata nei main)rame. 4 a #a un data bu di 12D BIte. ,er le !omuni!a/ioni !on la memoria !a!#e 1&edi do"o "er la de)ini/ione di !a!#e2 il "aralleli mo di quel bu "e!iali//ato % addirittura di 2KE Bit=

Parallelismo dell'$ddress "us


0uanto "i( alto % il numero di bit dell.?ddre Bu tanto maggiore % il numero di di&er e lo!a/ioni di memoria !#e i "o ono indiri//are. Nel !or o degli anni il !o to "er bit della memoria !entrale % andato diminuendo ad una &elo!it+ !#e !ontinua a tu"ire an!#e !#i a que te !o e % abituato. *o 8' e nel 197D' quando l.D0DE )u introdotto' il uo ?ddre Bu !on "aralleli mo di 20 bit' !#e gli "ermette&a una ma ima memoria di 1 MBIte embra&a e ageratamente &a to' oggi i !omin!ia a !on iderare in u))i!iente la quantit+ di memoria indiri//abile da un HDE - ,entium' !#e #a un ?ddre Bu di H2 bit 1L GBIte di memoria "rin!i"ale2= 0uindi an!#e la dimen ione dell.?ddre Bu % andata aumentando nel !or o del tem"o' )atto non giu ti)i!ato direttamente dall.aumento delle "re ta/ioni dei !om"uter' ma "iutto to dalla !omodit+ di a&ere molta memoria. Il "aralleli mo dei bu &iene indi!ato negli !#emi !on una )re!!ia !#e "unta al numero di linee del bu 1&edi Migura 22.

Figura % parallelismo nel microprocessore &'&( Non #a en o de)inire un "aralleli mo del !ontrol 3bu 3' dato !#e % !o tituito da tanti )ili 3 ingoli3 o&e le in)orma/ioni non &iaggiano in "arallelo.

Parallelismo della CP)


Il "aralleli mo della *,- % il numero di bit !#e e a "u$ elaborare in "arallelo. *ome tale !orri "onde gro omodo al "aralleli mo della ?@-' an!#e e nelle *,- moderne' !#e #anno di&er e ?@-' la !o a non % "i( automati!a. 0H Hardware.odt 9er. 0.D.2 2007-10-20 ". H di 1E

Ing. Gabriele MONTI

www.ingmonti.it

Il "aralleli mo della *,- !orri "onde an!#e alla dimen ione dei uoi regi tri generali. @.aumento del "aralleli mo della *,- d+ luogo ad un grande aumento di "re ta/ioni an!#e e ri!#iede molti imi tran i tor in "i( ul !#i". Nel !or o del tem"o % quindi tato un )enomeno lento ma !o tante e i % "a ati dai "rimi mi!ro"ro!e ori da L od D bit a 1E' H2' e re!entemente a EL bit. Il "aralleli mo della *,- % il "arametro di !ui i "arla quando i di!e !#e 3il EK02 % un mi!ro"ro!e ore da D bit'3 o il ED000 % da 1E bit3 o an!#e 3?l"#a % da EL bit3. Nome del "ro!e ore L00L D0D0 EK02 P D0 ED000 D0DE D02DE D0HDE - LDE ,entium MI,7 7,?J* -ltra7,?J* ,ower,* ?l"#a Itanium ?nno 1971 197L 197K 197E 1979 197D 19D2 19DK 1HDE2 19DE 19D7 1990 1992 2000 ,arall. *,1n. bit2 L D D D H2 1E 1E H2 H2 "oi EL H2 EL H2 "oi EL EL EL ,arall. ?ddre Bu 12 1E 1E 1E 2L 20 2L H2 ,arall. <ata Bu L D D D 1E 1E 1E EL *om"uter !#e lo #a u ato *al!olatri!i elettroni!#e 1,rima *,- ingle !#i"2 ?ltair DD00 1il "rimo ,er onal *om"uter2 ?""le NO' *ommodore ,4T e *EL ,er onal !om"uter *,>M ?""le Ma!into #' *ommodore ?miga' Oli&etti M20 IBM ,* CT 1D0DD2' Oli&etti M2L IBM ,* ?T ,* !om"atibili IBM' wor5 tation non ,*

da H2 a 12D

*abella 1 parallelismo di alcuni microprocessori @a &era de)ini/ione di 3word3 -n tem"o era !#iamato 3word3 il numero di bit in "arallelo !#e "o ono e ere elaborati da una *,-. *o 8 e i te&ano !om"uter !on la 3"arola3 da D bit' altri da 1E' H2 o da EL. ?n!ora oggi la de)ini/ione do&rebbe e ere que ta' ma nel )rattem"o le !o e ono !ambiate. *ome abbiamo gi+ illu trato i regi tri generali e la ?@- dell.D0DE )un/iona&ano 1E bit. ,er !ui "er l.D0DE una 3word3 era da 1E bit' ed erano !#iamate i tru/ioni u word quelle da 1E bit. ,er !om"atibilit+ !on il !odi!e e i tente quelle i tru/ioni ono tate mantenute an!#e nelle *,- u!!e i&e' !#e "ure "ote&ano elaborare numeri da H2 bit. ,er !ui nel mondo D0GDE la "arola 3word3 #a !omin!iato ad a umere il igni)i!ato di 3numero di 1E bit3. @a 3de&a tante3 u"rema/ia di mer!ato delle *,- D0CDE #a )atto 8 !#e l.u o i generali//a e ed ora quando i di!e 3word3 i intende qua i em"re 1E bit. In al!uni !a i i % in&e!e mantenuta la &e!!#ia de)ini/ione' !ome nelle *,,ower,* in !ui la word #a H2 bit 1"eraltro attualmente la "rima de)ini/ione non &ale "i( nean!#e "er il ,ower,*' "er!#: le "rime *,- ,ower,* la&ora&ano a H2 bit e la loro 3"arola3 era giu tamente di H2 bit' ma le nuo&e &er ioni ono a EL bit ma' "er !om"atibilit+' la nomen!latura "arla an!ora di 3word3 a H2 bit2.

1.1.H

Mi!ro"ro!e ori

7ia la *,- !#e la memoria "o ono e ere !o tituiti da uno o "i( !ir!uiti integrati. ?l giorno d.oggi la qua i totalit+ delle *,- % reali//ata u un olo !om"onente' mentre la memoria di olito % )atta !on di&er i !#i". -na *,- reali//ata in un olo !ir!uito integrato &iene detta 3 microprocessore3 1mi!ro"ro!e or2. @a "rima *,- 3on !#i"3' )u l.Intel L00L' un !ir!uito integrato da 2 H00 tran i tor !o truito nel 1972 "er equi"aggiare una !al!olatri!e ta !abile. ,er !ontro le *,- attuali o "itano de!ine di milioni di tran i tor. ?l giorno d.oggi i mi!ro"ro!e ori integrano an!#e di "o iti&i !#e un tem"o non ne )a!e&ano "arte' !ome "er e em"io le unit+ a &irgola mobile.

Famiglie di microprocessori
@e )amiglie di *,- "i( 3)amo e3 ono quelle indi!ate in tabella; Mamiglia D0CDE' detta an!#e CDE ED000' detta an!#e ED5 ,?-JI7* MI,7 7,?J* ". L di 1E ?nno 197D 1979 19DE 19DE 19D7 *om"uter o&e % u ata ,* IBM e !om"atibili Tutti i "rimi ?""le Ma!into #' ?miga For5 tation H, For5 tation 7ili!on Gra"#i! For5 tation 7un 2007-10-20 7i temi O"erati&i ti"i!i M7-<O7' Findow 1tutti2' -niG' @inuG ?""le O7 H,--C 1-niG H,2' Findow NT IJIC 1-niG 7ili!on Gra"#i! 2 7olari 1-niG 7un2' @inuG 0H Hardware.odt

Ing. Gabriele MONTI 1999-2007 ?l"#a ,ower,* Itanium 1992 199H 2000

Hardware For5 tation e mini!om"uter <igital Ma!into #' IBM JI7*' main)rame IBM ,* !om"atibili

www.ingmonti.it <igital -niG' 9M7' Findow NT' @inuG ?""le O7' ?IC 1-niG IBM2' O7>2' @inuG' O7>HE Findow

*abella % alcune famiglie di CP)

1.1.L

Mi!ro!ontrollori

I mi!ro!ontrollori ono !ir!uiti integrati !#e )anno da *,- ad un !om"uter' ma ono "rodotti "er !o"i "e!iali' !ome "er e em"io "er !ontrollare un di "o iti&o 3intelligente3' !ome l.?B7 di un.automobile' il i tema di !ontrollo di una ma!!#ina )otogra)i!a o un regolatore di tem"eratura. I mi!ro!ontrollori' oltre alla *,-' integrano ullo te o !#i"; una quantit+ u))i!iente di memoria tale da "ermettere di e eguire la maggior "arte dei "rogrammi !#e "otr+ e eguire &ariati di "o iti&i di I>O' molti mi!ro!ontrollori "o ono e ere !on iderati dei &eri i "ro"ri 3!om"uter on !#i"3' !io% un olo di "o iti&o di ili!io !#e !ontiene tutti i otto i temi ne!e ari a )are un !om"uter. Nella letteratura te!ni!a i mi!ro!ontrollori ono "e o indi!ati !ome 3M*-3 1+i!rocontroller )nit2. I "roduttori di que ti !ir!uiti "o ono integrare nello te o !#i"' oltre alla *,-' altri di "o iti&i di I>O' !#e "o iedono in 3librerie3 nei loro i temi *?< 1*om"uter ?ided <e ign2 e "o ono &ilu""are ra"idamente in una miriade di &er ioni' !on !ombina/ioni di&er e di !ontatori' memoria J?M o 4,JOM' !on&ertitori ?>< e <>?' inter)a!!e eriali' i temi di I>O digitale' di "o iti&i di !omuni!a/ione ed altri. 9olendo' ed e endo in grado di ordinare milioni di unit+' il "roduttore "u$ reali//are 3 u ordina/ione3 un mi!ro!ontrollore' in!ludendo la *,- ed i di "o iti&i !elti dal !liente. *on la miriade di tran i tor !#e la te!nologia attuale mette a di "o i/ione a !o ti em"re "i( ba i la di tin/ione )ra mi!ro!ontrollore e mi!ro"ro!e ore general "ur"o e % em"re meno de)inita' dato !#e an!#e i mi!ro"ro!e ori tradi/ionali in!or"orano an!#e un numero em"re maggiore di di "o iti&i di I>O.

$ volte ritornano
<i&er i mi!ro"ro!e ori del "a ato' quando non #anno "i( tro&ato a""li!a/ione !ome *,- "er i "er onal !om"uter' #anno a&uto una e!onda &ita !ome "arte ne&ralgi!a 13!ore32 di mi!ro!ontrollori. Oggi an!#e le *,- )anno "arte delle librerie dei "roduttori di mi!ro!ontrollori !#e le "o ono aggiungere !on molta ra"idit+ ai loro "rodotti. Molti mi!ro!ontrollori ono "er!i$ !om"atibili !on i linguaggi ma!!#ina di *,- im"ortanti del "a ato. In que to modo i "rogetti ti di o)tware #anno !ontinuato ad utili//are le loro !ono !en/e riguardo alla *,- an!#e "er i i temi embedded. 7i "o ono "ortare tre e em"i nominando lo P D0' il EK02 ed an!#e l.D0DE nella ua &er ione D01DE. 7egue una tabella !#e indi!a al!une )amiglie di mi!ro!ontrollori ti"i!i; Mi!ro!ontrollore ,aralleli mo. *,- ?ddre bu 1bit2 <ata bu D0K1 D 1E D P - 1D0 D 1E D EDH*11 D 1E D EK*02 D 1E D 7TE D 1E D 7T9 D 22 D ,I* 1E>17 D 1E D D01DE 1E 2L 1E 7T,* ==== ==== MI,7 i9E0 ?JM H2 EL H2 H2 EL Note Ba ato u a!!umulatore' ar!#itettura Har&ard *om"atibile !on P - D0 *om"atibile !on ED00 *om"atibile !on EK02 Ba ato u a!!umulatore Ba ato u regi tri' ar!#itettura Har&ard Ma "arte della )amiglia CDE ,* !on KDE 3on !#i"3' !om"leto di I>O ,laI tation ,laI tation 2 Nintendo EL ?r!#itettura JI7* load> tore

*abella , alcune famiglie di microcontrollori

1.1.K

*lo!5

<ue *,- identi!#e' !on gli te i tran i tor di "o ti nello te o modo' ma !on )requen/a di !lo!5 di&er a a&ranno &elo!it+ di elabora/ione di&er a. 7e una delle due #a )requen/a di !lo!5 do""ia dell.altra andr+ a &elo!it+ do""ia. 0H Hardware.odt 9er. 0.D.2 2007-10-20 ". K di 1E

Ing. Gabriele MONTI

www.ingmonti.it

Naturalmente que to ri!#ieder+ memorie "i( &elo!i' e quindi il !om"uter in !ui &iene im"iegata la e!onda *,- % "i( !o to o' )ino al limite "er !ui non e i tono memorie abba tan/a &elo!i. 7i !a"i !e "er!i$ !ome la tenden/a delle !a e !o truttri!i nel !or o del tem"o ia tata quelle di aumentare la )requen/a di !lo!5 alla quale i nuo&i mi!ro"ro!e ori "ote&ano la&orare. Naturalmente que to igni)i!a !#iedere "re ta/ioni ele&ate an!#e a tutto il re to del !om"uter' "er que to i !elgono olu/ioni di !om"rome o e i reali//ano !lo!5 di&er i "er i di&er i di "o iti&i !#e ono all.interno del !om"uter.

- clock di un computer
Nei !om"uter "o ono e ere "re enti di&er i egnali di !lo!5. ?l!uni "o ono e ere a )requen/e ba e' "er )ar )un/ionare orologi e>o !ontatori utili al i tema. ?ltri a )requen/e non molto minori di quella della *,-' "er in!roni//are i di"o iti&i ul bu di e "an ione' altri alla )requen/a !#e &iene "ortata an!#e alla *,-' "er l.a!!e o alla memoria "rin!i"ale e !ome egnale "er la in!roni//a/ione delle atti&it+ interne alla *,-. ,er que t.ultimo !o"o molti ime *,odierne u ano una )requen/a an!ora "i( alta' !ome "iegato nel "ro imo "aragra)o.

Moltiplicazione della frequenza di clock nelle CPU


@a te!nologia della molti"li!a/ione del !lo!5 na!que quando )u "ro"o ta la *,- LDE <C2 !#e do&e&a o tituire mi!ro"ro!e ori di te!nologia "re!edente 1LDE<C2 ulla te a !#eda madre. ,er!#: que to )o e "o ibile le due *,- do&e&ano a""arire del tutto identi!#e ai loro "iedini e terni. ,er )un/ionare "i( &elo!emente le *,- della erie <C2 in!lude&ano un molti"li!atore di )requen/a. @a *,- "i( moderna ri!e&e&a in ingre o il &e!!#io egnale di !lo!5 e lo molti"li!a&a internamente "er due o "er tre. In que to modo internamente )un/iona&a "i( &elo!emente' mentre e ternamente era identi!a alla "re!edente. Naturalmente ogni a!!e o ai bu e terni era e attamente identi!o a "rima' "er !ui e que ta *,- era due o tre &olte "i( &elo!e nei !al!oli' non altrettanto i "ote&a dire dell.a!!e o alla memoria. 0ue to ti"o di a""ro!!io a molti"li!a/ione di )requen/a al giorno d.oggi % generali//ato e &iene adottato da molte delle *,- "i( "o tenti' !#e )un/ionano internamente a )requen/e di !lo!5 molto "i( alte di quelle !on !ui i "re entano all.e terno.

1.1.E

Memoria

Trattiamo ora in un !erto dettaglio i &ari ti"i di memoria "re enti in un !om"uter' integrando le in)orma/ioni date nel "re!edente !a"itolo.

+emoria principale
Dimensione della locazione
Nono tante il )atto !#e al giorno d.oggi ogni tra )erimento )ra memoria e *,- ia almeno a H2 bit' !on !a i da 12D bit' l.unit+ minima di in)orma/ione !ui i #a a!!e o !on un indiri//o 1!io% la lo!a/ione2' rimane em"re il BIte' !ome ai tem"i del EK02. @.uni!a "iega/ione "lau ibile % legata alla memori//a/ione delle tring#e. 4 e ono an!ora memori//ate !ome equen/e di !odi!i ?7*II o ?N7I a D bit' !#e ri iedono in lo!a/ioni u!!e i&e di memoria. <ato !#e % "e o ne!e ario utili//are un !arattere qual ia i di una tringa' )a !omodo "oter indiri//are indi&idualmente un qual ia i BIte della memoria.

Memorizzazione dei numeri


@a gran "arte delle *,- #a lo!a/ioni di D bit' mentre il "aralleli mo del data bu % di olito u"eriore. 7e !on una *,i "o ono tra )erire numeri "i( grandi della dimen ione della lo!a/ione % ne!e ario !#e il numero ia 3 "e//ato3 in di&er e lo!a/ioni !ontigue di memoria. ,er tornare al modello della !a ettiera' illu trato nel !a"itolo "re!edente' % !ome e un ingolo !a etto' a!!e ibile u ando un olo indiri//o' !ontene e due o "i( !om"artimenti. @a Migura H illu tra que to modello e mette an!#e in e&iden/a la !aratteri ti!a della *,- D0DE di "oter )are tra )erimenti a D o a 1E bit.
?l riguardo "o iamo gi+ anti!i"are qual!o a' !on l.a&&erten/a !#e "er tutto il dettaglio i de&e attendere i !a"itoli ull.? emblI. Nella )igura ono illu trate due i tru/ioni dell.D0DEQ quella a ini tra tra )eri !e nel regi tro ?H il !ontenuto di una ola lo!a/ione di memoria mentre quella a de tra tra )eri !e nel regi tro a 1E bit di nome ?C due lo!a/ioni in un olo a!!e o. 7i noti !#e le "arente i quadre ra!!#iudono em"re un indiri//o' mentre !i$ !#e 3)uori3 dalle "arente i quadre % il dato !ontenuto nel 3!a etto3.

RMI@4S due"o ti.MHK R>MI@4S Figura , cassetti a due posti <unque le *,-' "ur a&endo lo!a/ioni di D bit' "o ono tra )erire ed elaborare numeri binari "i( grandi in una ingola o"era/ione. 0ue ti numeri de&ono "er )or/a e ere "e//ati in di&er e lo!a/ioni. ,er!#: le !o e )un/ionino bi ogna !#e la *,- u i una !on&en/ione !oerente "er a"ere !on !#e ordine quel numero &iene "e//ato' !io% e le "arti ba e dei numeri grandi &anno memori//ate agli indiri//i alti o a quelli ba i. ". E di 1E 2007-10-20 0H Hardware.odt

Ing. Gabriele MONTI 1999-2007 *,- 3little endian3 e *,- 3big endian3

Hardware

www.ingmonti.it

@e *,- 3little endian3 memori//ano agli indiri//i ba i i BIte ba i dei numeriQ le *,- 3big endian3 )anno il !ontrario. 7i di!e big endian "er!#: la 3)ine grande3 1t#e big end2' !io% la "arte alta del numero' &iene "er "rima in memoria 1t#e big end !ome )ir t2. @a )amiglia CDE % little endian' ma e i tono "ro!e ori igni)i!ati&i 1Motorola ED52 !#e ono big endian. <i&er e *,- moderne "o ono e ere im"o tate "er memori//are i numeri !ome &uole il "rogrammatore 1,ower,*' ?l"#a Memoria .. 52h Abh 4Bh B0h .. CPU little endian Indirizzi 2305 2306 2307 2308 Memoria .. B0h 4Bh ABh 52h .. CPU big endian Indirizzi 2305 2306 2307 2308

Figura . ordine di memori//a/ione del numero "'."$"0%h con CP) little endian o big endian
Nella )igura "re!edente la memoria #a lo!a/ioni di D bitQ il numero di H2 bit B0LB?BK2# "arte in entrambi i !a i dall.indiri//o 2H0K' ma nel !a o little endian ai "rimi indiri//i !orri "ondono i BIte ba i del numero' il !ontrario a!!ade !on la *,- big endian.

?l!uni trumenti di &ilu""o' !ome i debugger' )anno &edere il !ontenuto della memoria !on i numeri e ade!imali' mettendoli in )ila da ini tra a de tra all.aumentare del loro indiri//o. -no trumento del genere &i uali//erebbe il numero della Migura L in que to modo;
2305 2305 52 AB 4B B0 B0 4B AB 52 !er "na CPU little endian !er "na CPU big endian

Allineamenti in memoria
Il )atto !#e la dimen ione della lo!a/ione ia minore del numero di bit tra )eribili !on una ola i tru/ione "u$ !au are un altro "roblema' detto di 3allineamento3 1alignment2. 7"ieg#iamo!i !on un e em"io. 7u""oniamo !#e l.i tru/ione; MO9 ?C' OH1KN *ari!#i dalla lo!a/ione di indiri//o H1K un numero a 1E bit o lo memori//i nel regi tro ?C. ?l!une *,-' !ome "er e em"io l.D0DE' "o ono ri!#iedere due o"era/ioni in memoria "er !ari!are quel numero' "er!#: nella "rima !ari!ano H1L e H1K' !artando H1L e nella e!onda H1E e H17' !artando H17. *i$ a!!ade "er!#: la lettura a 1E bit non % 3allineata3. ,er e))ettuare il tra )erimento !on un olo a!!e o alla memoria l.indiri//o a&rebbe do&uto e ere allineato alla "arola 13word aligned32' !io% e ere un numero "ari. Generali//ando il !on!etto' i "u$ dire !#e u!!ede "e o' ed in tutte le *,-' !#e e l.indiri//o d.ini/io di un numero "i( grande della lo!a/ione non % allineato l.e e!u/ione dell.i tru/ione ia ine))i!ienteQ al!une *,-' !ome "er e em"io quelle della )amiglia ED000' &anno in !ondi/ione d.errore e l.a!!e o alla memoria non % allineato. <a quanto detto i !a"i !e !#e i "o ono ottenere aumenti di "re ta/ioni an!#e note&oli em"li!emente allineando i dati in memoria !ome la *,- u ata li "re)eri !e. Gli allineamenti ti"i!i ono l.allineamento 3a word3' in !ui l.indiri//o d.ini/io di un numero de&e e ere multi"lo di 2 1de&e e ere "ari' o ia a&ere 0 nel bit meno igni)i!ati&o2' l.allineamento 3a double word3' "er numeri a H2 bit' nel quale l.indiri//o de&e e ere multi"lo di L' !io% a&ere le ultime due !i)re uguali a /ero' l.allineamento 3a quad word3' "er numeri di EL bit' !on ultime tre !i)re /ero 1multi"lo di D2. ?ltri ti"i di allineamento ono "e!i)i!i dell.ar!#itettura della ingola *,- 1".e . l.allineamento a 3"aragra)o3 dell.D0DE2 e #anno i nomi e le lung#e//e !#e l.ar!#itettura di quella "e!i)i!a *,- im"one 1".e . l.allineamento a word % di&er o nelle )amiglie CDE e ,ower,* "er!#: % di&er a la de)ini/ione di 3word3 nelle due ar!#itetture2. Memoria Memoria H1L H1K H1E H17 1umero L 2parte bassa3 1umero H 2parte alta3 "rimo a!!e o alla memoria e!ondo a!!e o alla memoria H1L H1K H1E H17 1umero L 2parte bassa3 1umero H 2parte alta3 uni!o a!!e o alla memoria

Numero non allineato a word

Numero allineato a word

0H Hardware.odt

9er. 0.D.2 2007-10-20

". 7 di 1E

Ing. Gabriele MONTI Figura 0 accesso a numeri di 1( bit allineati a word o no

www.ingmonti.it

1.1.7

In"ut>Out"ut

Processori di -45
*ome abbiamo &i to tutte le "eri)eri!#e e gli altri di "o iti&i !ollegati ad un !om"uter i 3ma !#erano3 da memorie "er "oter !omuni!are !on la *,-. 7"e o )ra la *,- ed il di "o iti&o !.% una &era e "ro"ria *,- "e!iali//ata' !#e olle&a quella del !om"uter da elabora/ioni !#e #anno a !#e )are !on l.I>O u quel di "o iti&o. ,o iamo !#iamare que ti !om"uter dedi!ati 3processori di -453. -n di "o iti&o !#e !ontiene un "ro!e ore di I>O non #a quindi olo la )un/ione di leggere o !ri&ere dati e terni "er la *,-' ma #a an!#e &ere e "ro"rie )un/ioni di elabora/ione e &olge !al!oli !#e la *,- del !om"uter "u$ e&itare di )are. 0ue to rende il !om"uter' nella ua globalit+' "i( &elo!e. 7"e o i "ro!e ori di I>O ono detti an!#e 3!ontroller3.
Po##ono $on#iderar#i !ro$e##ori di I%&' la CPU $onten"ta in ogni #tam!ante gra(i$a "na #$heda gra(i$a a$$eleratri$e i $hi! !er l)elaborazione dei #egnali a"dio nelle #$hede #onore il $ontroller dell)hard di#*. +!e##o le CPU $onten"te nei !ro$e##ori di I%& non #ono normali mi$ro!ro$e##ori general !"r!o#e ma $hi! dedi$ati !rogettati #olo !er lo #$o!o #!e$i(i$o $"i #ono de#tinati.

1.2

Memorie

4 tendiamo ora il !on!etto di memoria' ri "etto a quanto &i to in "re!eden/a. *on ideriamo 3memoria3 un qual ia i di "o iti&o o u""orto in grado di mantenere "er il tem"o &oluto una equen/a di bit. *on que ta de)ini/ione an!#e un )lo""I di 5 o un )oglio di !arta % una 3memoria3. Naturalmente "er tra )erire alla *,i bit !ontenuti in un )lo""I di 5 e i de&ono "a are "er un di "o iti&o di I>O e "er il data bu . ,er )ar !i$ de&ono e ere trattati da un "rogramma !#e !ontrolla tutto il "ro!e o della lettura dal )lo""I. *i$ non !i im"edi !e di !on iderare il )lo""I di 5' !orredato dall.#ardware e del o)tware "er la ua lettura e !rittura' !ome una memoria. 4 tendendo la de)ini/ione di memoria % ne!e ario e tendere an!#e quelle di indiri//o e di lo!a/ione. 3@o!a/ione3 % la minima quantit+ di bit !#e i ottiene !on un ingolo a!!e o a quel ti"o di 3memoria3' 3indiri//o3 % il numero !#e i u a "er di tinguere quella 3lo!a/ione3 dalle altre. Naturalmente i nomi !#e &engono dati a que te 3lo!a/ioni3 ed 3indiri//i3 ono di&er i in ba e al ti"o di 3memoria3.

1.2.1

?!!e o equen/iale o a!!e o diretto

I di&er i ti"i di memoria #anno di&er i modi di leggere e !ri&ere le in)orma/ioni !ontenute al loro interno. ?l!uni ti"i di memorie ono )atte in modo !#e l.a!!e o ad una qual ia i delle in)orma/ioni % "o ibile olo leggendo "rima tutte quelle !#e la "re!edono )i i!amente. 7i "en i "er e em"io ad una !a etta mu i!ale; non i "u$ a !oltare direttamente la ter/a !an/one' ma bi ogna "rima "a are "er la "rima e la e!onda. @e 3memorie3 !#e )un/ionano in queto modo &engono dette 3ad a!!e o se6uen/iale3. In altri ti"i di memorie % "o ibile a&ere a!!e o direttamente alle in)orma/ioni !#e de ideriamo' en/a "a are "er quelle !#e non intere ano. *ome modello "o iamo "rendere un libro' nel quale "o iamo altare alla "agina &oluta en/a do&er leggere "rima le altre. 0ue to ti"o di memorie &iene detto 3ad a!!e o diretto3. @a memoria "rin!i"ale di un !om"uter % ne!e ariamente ad a!!e o diretto. @.indiri//o % il modo "er tabilire quale "arte della memoria "rin!i"ale i &uole u are.

1.2.2

Memorie &olatili o non &olatili

?l!uni ti"i di memoria' di olito i "i( &elo!i' #anno lo &antaggio di !an!ellar i in a en/a di alimenta/ione. 0ue te memorie &engono dette 3&olatili3 1e&a"orano' !ome l.al!ool Q-2. @e memorie non &olatili in&e!e mantengono l.in)orma/ione !#e #anno memori//ata "er tem"i molto lung#i' an!#e do"o "ente. -na memoria &olatile &a alimentata in !ontinua/ione "er tutto il tem"o !#e la i u a.

1.2.H

3,rin!i"io3 di lo!alit+

?bbiamo gi+ &i to !ome un "rogramma ia !o tituito da una erie di i tru/ioni !#e &anno e eguite in equen/a e !ome que te i tru/ioni iano )i i!amente "re enti in memoria !entrale' in lo!a/ioni u!!e i&e. 0ue to igni)i!a !#e e i a!!ede in )a e di )et!# alla lo!a/ione 1000 % molto "robabile !#e i debba a!!edere an!#e alla lo!a/ione 1001. 0ue to non a!!ade olo "er le aree di memoria !#e !ontengono i tru/ioni' ma an!#e "er le aree !#e !ontengono dati. I dati in)atti ono em"re i temati uno &i!ino all.altro ed a!!ade "e o !#e alle aree di dati i )a!!ia a!!e o in equen/a. 0uanto detto !orri "onde a quello !#e &iene !#iamato 3"rin!i"io di localit7 dei "rogrammi nello spa/io3' !#e i "u$ enun!iare in modo in)ormale !o 8; 3 e un "rogramma a!!ede ad una lo!a/ione di memoria allora % "robabile !#e debba a!!edere an!#e a quelle &i!ine3.

". D di 1E

2007-10-20

0H Hardware.odt

Ing. Gabriele MONTI 1999-2007

Hardware

www.ingmonti.it

-n altro "rin!i"io' mai mentito dai )atti' !#e riguarda il )un/ionamento dei "rogrammi % il !o iddetto 3"rin!i"io di localit7 dei "rogrammi nel tempo3' !#e i "u$ enun!iare !o 8 3 e un "rogramma a!!ede ad una lo!a/ione di memoria in un dato i tante allora % "robabile !#e a!!eder+ di nuo&o alla te a lo!a/ione )ra "o!o tem"o3. @a !on tata/ione di que te due &erit+ "orta all.in&en/ione delle gerar!#ie di memoria.

1.2.L

@i&elli di memoria

I &ari ti"i di memoria i "o ono organi//are gerar!#i!amente' in 3li&elli3' "er que tioni e!onomi!#e. @a itua/ione ideale arebbe memori//are ogni dato di !ui i #a bi ogno nel ti"o di memoria "i( &elo!e !#e i #a a di"o i/ione' ma "oi!#: la memoria "i( &elo!e !o ta milioni di &olte "i( di altri ti"i di memoria' i !eglie di trutturare la memori//a/ione delle in)orma/ioni u di&er i u""orti. I u""orti dei "rimi li&elli ono !o tituiti da ti"i di memoria molto &elo!i e molto !o to i' mentre gli ultimi ono lenti e a buon mer!ato. In ordine di &elo!it+ de!re !ente "o iamo indi!are; regi tri' !a!#e' memoria di la&oro' #ard di 5' memorie otti!#e' )lo""I di 5' na tri. ,o iamo indi&iduare tre ti"i di te!nologie "er la memori//a/ione; le memorie elettroni!#e' quelle magneti!#e e quelle otti!#e.

Memorie elettroniche
@e memorie elettroni!#e ono ba ate u emi!onduttori. 7ono le memorie "i( &elo!i. @e te!ni!#e utili//ate "er la memori//a/ione ono di&er e' "er !ui e i tono molti ti"i di memorie elettroni!#e. ? e!onda del ti"o "o ono e ere ia &olatili !#e non &olatili. 0ua i em"re ono ad a!!e o diretto' ma e i tono an!#e memorie elettroni!#e ad a!!e o equen/iale 1 #i)t regi ter2. ? e!onda del ti"o "o ono e ere ia &olatili !#e non &olatili' an!#e e il "rimo !a o % di gran lunga il "i( )requente. 0ua i em"re ono ad a!!e o diretto' ma e i tono an!#e memorie elettroni!#e ad a!!e o equen/iale 1 #i)t regi ter2.

Memorie magnetiche
Nelle memorie magneti!#e la memori//a/ione a&&iene )ruttando la magneti//a/ione di un ub trato en ibile ai !am"i magneti!i' !#e &iene 3 "almato3 ul u""orto di memori//a/ione. 0ue to materiale i magneti//a !ome una !alamita e "u$ a umere due tati' uno in !ui la magneti//a/ione % in un &er o e l.altro !on il &er o !ontrario 1!ome i "oli Nord e 7ud di una !alamita2. Ogni "i!!ola area magneti//abile "u$ "er!i$ !ontenere un bit d.in)orma/ione. -na &olta e))ettuata la memori//a/ione e a i mantiene "er anni' a "atto naturalmente di non e "orre il u""orto a !am"i magneti!i molto grandi. @e memorie magneti!#e ono em"re non &olatili e "o ono e ere ad a!!e o diretto o equen/iale.

Memorie ottiche
Nelle memorie otti!#e le in)orma/ioni ono regi trate in modo !#e un raggio di lu!e ia ri)le o o meno. -n en ore elettroni!o di lumino it+ ri&ela la "re en/a o meno del raggio ri)le o' leggendo in que to modo numeri !odi)i!ati in binario. @e memorie otti!#e ono non &olatili e ad a!!e o diretto.

8erarchia di memori//a/ione
9ediamo ora la gerar!#ia della memoria in maggiore dettaglio' in ordine de!re !ente di &elo!it+.

Registri
<ei regi tri abbiamo gi+ trattato e a""iamo !#e )un/ionano alla &elo!it+ della *,-. ,eraltro i regi tri ono em"re "o!#i e non i "o ono aumentare' a meno di non !ambiare *,-. @.indiri//o di un regi tro % il uo nome od il numero nel ban!o di regi tri da !ui lo i &uole "rele&are.

Cache
@a !a!#e % una memoria elettroni!a imile alla normale memoria !entrale' ma !o truita !on te!nologie !#e la rendono "i( &elo!e. @a ragione dell.e i ten/a della !a!#e ta nel "rin!i"io di lo!alit+. In)atti nella !a!#e i memori//ano le ultime lo!a/ioni !ui la *,- #a a!!eduto ed i loro 3dintorni3. Ogni &olta !#e la *,- de&e a!!edere ad una lo!a/ione di memoria !ontrolla "rima e e a % gi+ "re ente nella !a!#e. 7e la lo!a/ione !.% ne legge il !ontenuto dalla !a!#e' !#e % molto "i( &elo!eQ e non !.% )a a!!e o alla memoria normale' e tra )eri !e il !ontenuto di quella lo!a/ione an!#e nella !a!#e. ,oi' nei momenti morti in !ui non !.% bi ogno di u are la memoria' "ro&&ede a !ari!are nelle !a!#e an!#e le lo!a/ioni &i!ine a quella a""ena u ata' in modo !#e e la *,- ne #a bi ogno le tro&i gi+ nella !a!#e. Naturalmente ogni &olta !#e !ri&e qual!o a nella !a!#e do&r+ o&ra !ri&ere qual!#e in)orma/ione !#e !.era "rima. @a ge tione di una !a!#e % quindi un "ro!e o !om"li!ato ul quale "er ora non % il !a o di andare "i( a )ondo. @e *,- moderne #anno molti tran i tor da utili//are e qual!#e de!ina di migliaia da dedi!are alla ge tione delle !a!#e i tro&ano em"re. @a "re en/a di una !a!#e !ontribui !e !o 8 tanto a )ar migliorare le "re ta/ioni dei !om"uter !#e &iene a ua &olta di&i a in li&elli. 0H Hardware.odt 9er. 0.D.2 2007-10-20 ". 9 di 1E

Ing. Gabriele MONTI 9ari li&elli di !a!#e

www.ingmonti.it

In una !a!#e organi//ata "er li&elli la *,- !er!a il !ontenuto della lo!a/ione !#e intere a "rima nelle memorie "i( &elo!i' "oi' &ia &ia in quelle "i( lente. 0uindi il "rimo "o to o&e la *,- !er!a le in)orma/ioni % la !a!#e di "rimo li&ello. 7e non tro&a la lo!a/ione !#e !er!a' "ro&a nella !a!#e di e!ondo li&ello' "oi in quella di ter/o li&elloQ in)ine !er!#er+ nella memoria !entrale. @a giu ti)i!a/ione di que ta !om"li!a/ione ri iede nel )atto !#e la !a!#e % tanto "i( &elo!e quanto % "i( "i!!ola' "er !ui la !a!#e di "rimo li&ello i tro&a di olito dentro lo te o !#i" della *,- e non "u$ !ontenere molte in)orma/ioni. @a !a!#e di e!ondo li&ello "u$ e ere 3on !#i"3 o u un !ir!uito integrato e"arato. In al!uni !a i % u un !#i" e"arato aldato al mi!ro"ro!e ore ed in!lu o nello te o !ontenitore 13"a!5age32. 1e em"io; ,entium ,ro2. @a !a!#e di ter/o li&ello % una normale memoria tati!a' "i( &elo!e delle memorie dinami!#e !#e !o titui !ono la memoria !entrale' ed % em"re e"arata dalla *,- e "o i/ionata ulla !#eda madre.

Tutte le te!nologie di !a!#e elettroni!#e ono &olatili. Il !on!etto di !a!#e % e ten ibile a tutti i ti"i di memoria' al giorno d.oggi non riguarda quindi olo le memorie elettroni!#e.

Memoria principale
4. !o tituita "er la gran "arte di J?M dinami!a. 0ui non i &uole entrare nei dettagli elettroni!i e i )a olo notare !#e il nome J?M 139andom $!!e +emorI32 % im"ro"rio. 0ue to ti"o di memoria in)atti non )a a!!e o a !a a!!io 1random T !a uale2. Il nome 3memoria ad a!!e o diretto3 arebbe "i( adatto "er indi!are il )atto !#e l.a!!e o non % equen/iale. @a J?M % &olatile. ,er memori//are il "rimo "rogramma !#e &iene e eguito dal !om"uter all.a!!en ione de&e e i tere un ti"o di memoria !entrale non &olatile. In realt+ ne e i tono di&er i ti"i. <ato !#e qui non % il !a o di entrare nei dettagli elettroni!i' elen!#eremo em"li!emente i ti"i' !on un bre&e !ommento; JOM 19ead 5nlI +emorI2' memoria a ola lettura' "rodotta in )abbri!a gi+ !ritta !ome &uole il !liente ,JOM 1Programmable 95+2' memoria a ola lettura' !ritta una ola &olta direttamente dall.utente 4,JOM 1:ra able P95+2' memoria elettroni!amente a ola lettura' !an!ellabile mediante e "o i/ione a raggi ultra&ioletti 1il !#i" &a tolto dalla !#eda in !ui i tro&a2. ,u$ e ere "rogrammata e !an!ellata direttamente dall.utente. Il numero di !an!ella/ioni % limitato. @e 4,JOM i di tinguono "er!#: #anno una )ine tra tra "arente' attra&er o la quale % &i ibile il !#i"' !#e er&e "er la !an!ella/ione. Nelle a""are!!#iature 3)inite3 la )ine tra % olitamente !o"erta !on un ade i&o. 44,JOM 1o 42,JOM; :le!tri!allI :ra able P95+2' memoria non &olatile a lettura e !rittura' !an!ella/ione !on te!nologia elettri!a' en/a rimuo&ere la memoria dal !ir!uito in !ui % im"iegata. 7!rittura molto "i( lenta della lettura. Numero di !ritture limitato. @e 44,JOM "i( moderne; 3)la # memorie 3 1"i( &elo!i e !o to e delle altre 44,JOM2.

Memorie di massa
@e memorie non elettroni!#e &engono an!#e !#iamate 3memorie di ma a3 1ma torage2. Min dall.ini/io della toria dei !om"uter ono tate ti"i!amente in te!nologia magneti!a. In tem"i relati&amente re!enti i % a i tito all.ingre o di di"o iti&i in te!nologia otti!a o mi ta 1magneto - otti!a2. Il nome di que to ti"o di memorie &iene dal )atto !#e' e endo il loro !o to "er bit molto "i( ba o di quello delle memorie elettroni!#e' ono em"re tate u ate "er memori//are' a ba a &elo!it+ ed a ba o !o to' grandi 3ma e3 di dati. <ato !#e i dati da memori//are ono molti non % "en abile "erderli tutti allo "egnimento del !om"uter. ,er!i$ le te!ni!#e "er le memorie di ma a ono em"re non &olatili. <i eguito &engono "re entati i di&er i ti"i di memorie di ma a' dalla "i( &elo!e alla "i( lenta. Hard di 5 @.#ard di 5 % una "ila di "iatti metalli!i "o ti in ra"ida rota/ione. 7ui di !#i &iene de"o itato un ottili imo trato di materiale magneti!o. -na o "i( te tine magneti!#e' in grado di leggere e !ri&ere le in)orma/ioni binarie ul di !o' i "o ono muo&ere radialmente 1lungo un raggio del "iatto2. In que to modo i "u$ a!!edere ad in)orma/ioni ituate a di&er e di tan/e dal !entro del di !o. RMI@4S di !o.MHK R>MI@4S Migura E; 1a2 #ard di 5 !on D "iatti 1b2 "iatto !on due te tine @e in)orma/ioni ono memori//ate magneti!amente in !er!#i !on!entri!i' detti 3!ilindri3 1!Ilinder2 o tra!!e' "e o un bit "er ogni "iatto. In que to modo % "o ibile leggere o !ri&ere tanti bit !ontem"oraneamente quanti ono il do""io dei "iatti 1"o ono e ere utili//ate entrambe le u"er)i!i2. Ogni !ilindro % uddi&i o in 3 ettori3' !ia !uno dei quali !ontiene delle in)orma/ioni "er la in!roni//a/ione' !io% una erie di bit' !ritti ulla u"er)i!ie del di !o' !#e indi!ano all.elettroni!a di lettura e !rittura quando % il momento "er leggere in)orma/ioni igni)i!ati&e. ,er !reare i ettori ulla u"er)i!ie del di !o i de&e e eguire quella !#e i !#iama 3)ormatta/ione a ba o li&ello3. ?ttualmente la )ormatta/ione a ba o li&ello &iene )atta direttamente dal "roduttore. ". 10 di 1E 2007-10-20 0H Hardware.odt

Ing. Gabriele MONTI 1999-2007

Hardware

www.ingmonti.it

I ettori &engono raggru""ati dal o)tware di i tema 17i tema O"erati&o2 in 3 cluster3 1 igni)i!a 3ma//o3 o 3gra""olo3' ma non &iene mai tradotto2. Il 7i tema O"erati&o del !om"uter numera i !lu ter !omin!iando da /ero ed u a il numero di !lu ter !ome 3indiri//o3 delle in)orma/ioni !ontenute nell.#ard di 5. @a )ormatta/ione ordinaria' !ome "otrebbe e ere MOJM?T *; in M7<O7' !rea i !lu ter ul di !o rigido. @.#ard di 5 % un or"rendente "e//o di te!nologia me!!ani!a !#e i % e&oluto ad una &elo!it+ !#e non #a nulla da in&idiare !on le em"re in!redibili &elo!it+ dell.inno&a/ione elettroni!a. @e ue due "e!i)i!#e "i( im"ortanti ono la &elo!it+ di a!!e o e la !a"ien/a' !io% il numero di BIte !#e &i i "o ono memori//are. @a ra"idit+ dell.e&olu/ione % do&uta an!#e al )atto !#e' !ome nella mi!roelettroni!a' la miniaturi//a/ione d+ &antaggi ia di &elo!it+ !#e di den it+ di memori//a/ione. 7e l.area in !ui i memori//a un bit % "i( "i!!ola' nello te o di !o "otranno tare "i( dati ma !ontem"oraneamente' e ogni bit "rende meno "o to' a "arit+ di &elo!it+ di rota/ione del di !o nello te o tem"o "a ano "i( bit. 4. an!#e !#iaro !#e "i( &elo!e gira un #ard di 5 "i( ra"ido ar+ l.a!!e o alle in)orma/ioni in e o memori//ate. 0ue to #a "ortato all.aumento delle &elo!it+ di rota/ione ed ai "roblemi te!nologi!i ad e a !orrelati' quali la re i ten/a me!!ani!a e la de)ormabilit+ dei "iatti do&uta alla )or/a !entri)uga. @.altro "arametro !#e in)luen/a la &elo!it+ di a!!e o % la ra"idit+ !on !ui la te tina i muo&e )ra un !ilindro e l.altro. -n.altra "e!i)i!a !#e ri!#iede alta te!nologia % la den it+ di memori//a/ione dell.in)orma/ione. 4 a di"ende dalla enibilit+ della te tina ai !am"i magneti!i e dalla ua &i!inan/a alla u"er)i!ie. Nelle te tine ono tati "erimentati materiali !#e "re entano e))etti )i i!i trani' l.ultimo % la 3magneto tritti&it+3 1Iu5= D-2' !#e "ermettono di reali//arle molto "i!!ole e en ibili. ,er!#: la te tina "o a e ere molto &i!ina alla u"er)i!ie e a &iene agomata !on una )orma aerodinami!a in modo !#e l.aria !#e le o))ia intorno 1in &erit+ % il di !o !#e gira' ma tutto % relati&o2' dia un e))etto "ortante !#e )a al/are la te tina alla giu ta alte//a' !ome un aereo. 0ue t.alte//a % !o 8 "i!!ola !#e un granello di "ol&ere arebbe !ome un enorme ma o e e do&e e im"attare !on la te tina "otrebbe di truggerla.

@o te o e))etto a&rebbe una rugo it+ o re idui di la&ora/ione ulla u"er)i!ie dei "iatti' !#e ono gli oggetti !on la "i( o)i ti!ata la&ora/ione me!!ani!a !#e e i tono. O&&io !#e la "rodu/ione a&&iene in ambienti di !amera bian!a' o&e l.abbattimento delle "ol&eri de&e e ere e tremo. ?ll.interno di un #ard di 5 &iene !reata un.atmo )era rare)atta' la "re ione % ba a "er diminuire gli attriti ed aumentare la &elo!it+' ma non % un &uoto "into' "er "oter )ar olle&are la te tina. <ata la grande &elo!it+ di rota/ione 1da H000 a 10000 giri>min2 e la ne!e it+ di la&ora/ioni u"er)i!iali molto )ini' il materiale di !ui % !o truito un #ard di 5 de&e e ere rigido. 4!!o il "er!#: del nome 3di !o rigido3' an!#e in !ontra to !on il 3di !o mo !io3' )lo""I di 5.

CDROM
@e te!nologie otti!#e di memori//a/ione originano dallo )or/o te!nologi!o !#e l.indu tria dell.elettroni!a di !on umo "ro)u e "er la reali//a/ione dell.audio digitale e !#e i !on!reti//$ nel *om"a!t <i 5 1*<2. ?lla ua u !ita il *< era un e em"io di te!nologia o)i ti!ata a ba o !o to' ed a&e&a molte !aratteri ti!#e !#e a quel tem"o erano a olutamente allo 3 tato dell.arte3. Il uono % regi trato in un *< audio in )orma numeri!a. -n lettore di *< audio de&e "er!i$ !om"rendere un !on&ertitore digitale U analogi!o dato !#e il egnale onoro )inale % di ti"o analogi!o' mentre la ua memori//a/ione a&&iene in )orma digitale. <o"o di&er i anni dallo tandard "er i *< audio &enne emanata una normati&a an!#e "er i *< dati 119DL2' !#e "re&ede&a la ola lettura del u""orto. ,er que to i di !#i *< dati &ennero !#iamati *<JOM. -n *<JOM "u$ !ontenere EL0 MBIte di dati. @a norma I7O 9EE0 tabili !e quale de&e e ere il )ormato dei dati memori//ati u un *<JOM. I dati in un *< audio ono memori//ati in una tra!!ia a "irale' analoga a quella dei di !#i audio in &inile. In que to ono di&er i dagli #ard di 5' nei quali le tra!!e ono !ir!olari. I lettori "er *<JOM ono !om"atibili !on i "re!edenti *< audio' "er !ui le tra!!e ono a "irale. -n *< % !o tituito da un u""orto in materiale "la ti!o tra "arente u un lato del quale % in!ollata una "elli!ola di materiale metalli!o' ulla quale &engono memori//ati i numeri. @a u"er)i!ie della "elli!ola "u$ e ere di&i a in miliardi di "i!!oli "unti' !#e "o ono memori//are un bit !ia !uno. @a memori//a/ione % de)initi&a e "u$ a&&enire !on grande denit+. 0H Hardware.odt 9er. 0.D.2 2007-10-20 ". 11 di 1E

Ing. Gabriele MONTI

www.ingmonti.it

@a memori//a/ione a&&iene )a!endo in modo !#e egmenti di tra!!ia ri)lettano una lu!e in)raro a' di una lung#e//a d.onda 7D0 nm' eme a da un la er. ?ltri tratti della tra!!ia in&e!e a orbono quella lu!e' rendendo "o ibile la !odi)i!a binaria di numeri. @e "arti della tra!!ia in !ui il ub trato % ri)lettente &engono detti 16666land o "it66662' quelli in !ui % a orbente 16666"it o land66662
@a !odi)i!a e))etti&a dei numeri % un "o. trana. Il &alore del bit a 1 % ra""re entato da una tran i/ione' ia da "it a land !#e da land a "it' mentre la lung#e//a dei egmenti di "it o di land indi!a il numero degli /ero.

,er molto tem"o l.uni!o modo di "rodurre i *<JOM era lo te o u ato "er i *< audio; "rodu/ione di una !o"ia 3mater3' !on a""are!!#iature del !o to di milioni di V e ri"rodu/ione dal ma ter di molte !o"ie da "o!#i !ente imi l.una. In tem"i u!!e i&i % di&enuto "o ibile reali//are *<JOM !on a""are!!#iature dal "re//o abbordabile "er tutte le "er one. <ato !#e que ti di "o iti&i "rodu!ono una !o"ia ma ter' &engono detti 3ma teri//atori3. -n di !o otti!o !ri&ibile &iene detto *<-J' o&e J ta "er 3re!ordable3 1regi trabile2. Il la er di un ma teri//atore "u$ )un/ionare !on due "oten/e. ?lla "oten/a minore )un/iona !ome lettore' alla "oten/a maggiore % in grado di degradare la u"er)i!ie di un ub trato dorato' !#e i deteriora in modo irre&er ibile nei "unti o&e il la er &iene 3 "arato3 !on maggiore "oten/a. In que to modo &engono 3 !a&ati3 i 6666"it o land666' nei "unti o&e il laer #a o"erato a maggiore "oten/a la u"er)i!ie non % "i( ri)lettente. <o"o i *<-J ono tati introdotti *< dati ri !ri&ibili 1*<-JF2. In que to !a o il la er "u$ )un/ionare ad una ter/a "oten/a' intermedia' alla quale % in grado di !an!ellare il u""orto' !#e "oi "u$ e ere ri !ritto rimettendo il la er alla ua ma ima "oten/a. @o )or/o u!!e i&o dell.indu tria dell.elettroni!a di !on umo % tato la reali//a/ione di di !#i !#e !ontengano' in di !#i della te a dimen ione del *<' ia audio !#e &ideo. <o"o una lunga battaglia ugli tandard' i % giunti alla de)ini/ione del <9< 1<igital 9er atile <i 52' !#e e i te ia in )orma JOM !#e J?M. I <9<-J?M "o ono !ontenere )ino a K'2 GBIte' mentre i <9<-JOM 17 GBIte. 4 i tono di&er i )ormati' a ingola e a do""ia )a!!ia' !#e #anno di&er e !a"a!it+. ,er oddi )are le ne!e it+ di memori//a/ione di quantit+ di dati molto grandi e i tono i 3Wu5e boG3 di *<JOM 1o di <9<2' !#e "o ono !ontenere !entinaia di *< !ari!abili in modo totalmente automati!o' "er !ui % "o ibile l.a!!e o 3in linea3 a molti TBIte di dati. @.e&olu/ione "i( re!ente nel !am"o delle te!nologie di memori//a/ione otti!a % tata l.introdu/ione dei di !#i 3Blue JaI3' nei quali un la er di !olore blu' e quindi di )requen/a maggiore' "ermette di !a&are "it molto "i( "i!!oli. *i$ igni)i!a !#e la !a"a!it+ di que ti di !#i' identi!i nella )orma' % maggiore. @e "rime &er ioni di di !#i in te!nologia 3Blue raI3 ono in grado di memori//are 2H' 2K o 27 GBIte di dati. Mlo""I di 5 Il nome di que to di "o iti&o &iene dal )atto !#e il u""orto magneti!o % di "la ti!a' ed % morbido. 9iene tam"ato e ri&e tito di materiale magneti!o en/a ubire altre la&ora/ioni e !o ta quindi molto "o!o. @a &elo!it+ di rota/ione di un )lo""I di ! % di HE0 giri>min. 4. il !la i!o u""orto "er lo !ambio dei dati )ra i "er onal !om"uter. Jimane un "o. !ome un dino auro &i&ente' dato !#e "er oltre die!i anni non #a ubito e&olu/ioni te!nologi!#e. Oggi l.uni!o )ormato "er i )lo""I di 5 u ato e te amente % quello !#e "ermette di memori//are 1'L MBIte di dati. 4 i tono di&er i altri ti"i di di !#i' !#e non #anno ra!!olto !on en o o""ure !#e ono tati &enduti da un olo "roduttore e quindi non ono di&enuti tandard. I "i( rile&anti ono i )lo""I 3gro i3 !ome lo Pi" 1!a"a!it+ 120 MBIte2 o gli #ard di 5 rimo&ibili !ome i X?P 1!a"a!it+ 2 GBIte2. Na tri I na tri magneti!i ono tati la memoria di ma a dei "rimi !om"uter. Hanno il grande &antaggio dell.a!!e o equen/ialeQ "er leggere un.in)orma/ione qual ia i % ne!e ario leggere "rima tutte quelle !#e la "re!edono )i i!amente ul natro. Il !o to "er bit dei na tri % an!ora il "i( ba o' "er !ui &engono an!ora u ati' o"rattutto "er il al&ataggio di i!ure//a dei dati degli #ard di 5' o"era/ione !#e &iene detta 3 backup3. 7"e o i na tri "er il ba!5u" &engono detti 3 data streamer3 ed #anno molti )ormati' !ome "er e em"io il <?T' an!#.e o di "ro&enien/a audio digitale 1in)atti la igla igni)i!a <igital ?udio Ta"e2. @a "arola 3stream3 i ritro&a "e o in In)ormati!aQ letteralmente igni)i!a 3!orrente3 1di un !or o d.a!qua2' in gergo i u a "er indi!are un in ieme di dati !#e )lui !e !ontinuamente' en/a interru/ioni igni)i!ati&e' da una orgente ad una de tina/ione.

". 12 di 1E

2007-10-20

0H Hardware.odt

Ing. Gabriele MONTI 1999-2007 @i&ello Nome Tem"o di a!!e o 9elo!it+ di tra )erimento 1GBIte> 2 Ge tito da Ji!o"iato in; 1 Jegi tri 2-Kn L - H2 *om"ilatore *a!#e

Hardware 2 *a!#e H - 10 n 0'D - K Hardware Memoria "rin!i"ale H Memoria "rin!i"ale D - L00 n 0'L - 2 7i tema O"erati&o <i !#i

www.ingmonti.it L <i !#i Km 0'000L - 0'0H2 7.O. o utente )inale Na tri o *<JOM

*abella . tabella riepilogativa dei vari livelli della memoria

1.2.K

,ro "etti&e delle memorie di ma a

Nuo&e te!nologie non elettroni!#e i "re"arano a "rendere il "o to dell.elettroni!a !on&en/ionale quando e a ar+ i ar+ "inta ai uoi limiti )i i!i. ,er le memorie di ma a i tanno tudiando i temi in tre dimen ioni' !ome gli ologrammi' !#e "o ono aumentare la den it+ di memori//a/ione di molte migliaia di &olte. @e "i( alte den it+ di in)orma/ione "otranno e ere raggiunte !on l.elettroni!a mole!olare o l.elettroni!a quanti!a' in grado di memori//are i bit nei ingoli atomi. 4 i tono i temi "erimentali !#e ono in grado di reali//are 3regi tri3 di quattro bit !on atomi. 7e que ti ri ultati !ienti)i!i daranno il &ia ad una erie di nuo&e te!nologie' e e "otranno "ingere la den it+ di memori//a/ione )ino a 1012 bit>mm2' !#e igni)i!a il !ontenuto di H0 #ard di 5 da L GBIte nello "a/io di un.ung#ia 1di un bambino2. @a &elo!it+ !on !ui i ri ultati della ri!er!a di ba e &engono !on&ertiti in "rodotti !ommer!iali//abili % em"re im"re&edibile' "er !ui non i "u$ a"ere e e quando que te "ro "etti&e i !on!reti//eranno.

1.3 1.H.1

Unit di ingresso e uscita Ta tiera

-na ta tiera % una matri!e di !ontatti eletti!i. Indi&iduando quale !ontatto elettri!o &iene !#iu o i a quale ta to % tato "remuto. Nelle ta tiere ordinarie il !ontatto % un normale interruttore' !#e "u$ "re entare qual!#e "roblema di u ura' dato !#e "o ono !o!!are "i!!ole !intille !#e nel lungo "eriodo "o ono danneggiare il !ontatto. @e migliori ta tiere ono indutti&e' en/a !ontatto elettri!oQ la "re ione del ta to "inge un "i!!olo magnete "ermanente in me//o ad un giogo magneti!o' !#e ne rile&a la "re en/a e !#iude un !ontatto elettroni!amente' en/a u ura do&uta a !intille od all.a/ione me!!ani!a. 4 i tono "arti!olari ta tiere "er ambienti indu triali' ermeti!#e alle "ol&eri ed ai liquidi ed altre 3anti&andali mo3 !#e #anno an!#e una "arti!olare robu te//a. In que ti !a i di olito la "re ione del dito )a !ambiare la re i ten/a della u"er)i!ie del ta to' !#e % em"re "er!or a da una "i!!oli ima !orrente. 9edendo do&e !ambia la !orrente i a quale ta to % tato "remuto. @e ta tiere dei ,* ono a er&ite ad un "i!!olo mi!ro!ontrollore !#e indi&idua il ta to e "edi !e al !om"uter un !odi!e 3gi+ "ronto3 del !arattere "remuto.

1.H.2

Mou e

Il mou e % )atto !on una "allina !#e )a ruotare due rulli' uno le !oordinate C' l.altro "er le Y. @a rota/ione dei rulli &iene mi urata da un en ore di angolo' di olito di ti"o otti!o. @.elettroni!a all.interno del mou e ra!!oglie la &aria/ione di angolo dai due en ori e ne "edi !e un !odi!e al !om"uter attra&er o un.inter)a!!ia eriale.

1.H.H

7!anner

@o !anner % una tele!amera a immagine )i a !ollegata al !om"uter. @.immagine del )oglio da ri"rodurre &iene "roiettata u un "arti!olare !ir!uito integrato en ibile alla lu!e 1**<' C#arg#e Cou"led #e&i!e2. Il **< )orni !e un )lu o di numeri binari !#e !orri "ondono all.inten it+ lumino a di !ia !uno dei uoi "unti. In que to modo l.immagine &iene !on&ertita da una )irma analogi!a ad una numeri!a. Il )lu o di dati digitali &iene "edito al !om"uter' !#e li "u$ &i uali//are ed elaborare.

1.H.L

@ettori di !odi!i a barre

Il !odi!e a barre % il "i( ti"i!o i tema "er l.identi)i!a/ione degli oggetti. 0ue to libro #a un !odi!e a barre !#e lo identi)i!a. Il !odi!e a barre % !o tituito da una erie di rig#e nere in !am"o bian!o' !#e &engono 3 "a//olate3 da un raggio' eme o da una orgente la er o @4<. -n en ore )otoelettri!o mi ura quanta della lu!e eme a dalla orgente torna indietro ri)le a. 0uando la lu!e ri)le a % nulla od % "o!a' iamo in !orri "onden/a di una riga nera' e la lu!e !#e torna % molta iamo o"ra ad un )ondo bian!o. @a larg#e//a delle rig#e nere e la di tan/a )ra di e e % di&er a in ba e al !arattere !odi)i!ato. *o 8' a umendo una &elo!it+ di !an ione delle barre relati&amente !o tante' % "o ibile leggere !i$ !#e % !ritto inter"retando il egnale On - O)) !#e "ro&iene dal en ore di lumino it+.

0H Hardware.odt

9er. 0.D.2 2007-10-20

". 1H di 1E

Ing. Gabriele MONTI

www.ingmonti.it

4 i tono !odi!i a barre in due dimen ioni' !#e ono in grado di !odi)i!are molte "i( in)orma/ioni ulla te a area. *on i !odi!i a barre a due dimen ioni % "o ibile memori//are ull.eti!#etta non olo il numero dell.oggetto' ma an!#e un bre&e te to !#e lo riguarda. 4 i tono di&er i tandard !#e tabili !ono !ome de&ono e ere )atte le eti!#ette' di olito i lettori di !odi!i a barre ono in grado di !a"ire automati!amente quale tandard egue il !odi!e e ad inter"retare !o 8 il uo !ontenuto. *ome e em"io non i "u$ )are a meno di !itare i lettori di !odi!i a barre !#e tanno alla !a a dei u"ermer!ati "i( tra))i!ati 1la er !anner2. 7ono i temi a la er ro o' !#e "arano il raggio 3da""ertutto3 e ono in grado di ri&elare la ri)le ione an!#e in ambienti !on molta lu!e e !on l.eti!#etta in "o i/ione ben di&er a da quella ideale.

Figura ; codice a barre ad una e due dimensioni<

$ltri sistemi per l'identifica/ione degli oggetti


Il !odi!e a barre ri!#iede !#e il lettore e l.oggetto iano in &i ta. 7e !i$ non % "o ibile bi ogna ri!orrere ai JMI< 19adio Frequen!I -denti)i!ation I tem2 -n i tema JM % !o tituito da un 3lettore3' !#e % o tan/ialmente una radio ri!etra mittente' e da un "i!!olo 3 transponder3 !#e &iene me o ull.oggetto. Il tran "onder' !#e normalmente rimane "ento' #a una "i!!ola antenna integrata' tramite la quale lo )a a!!endere quando "a a in "ro imit+ del lettore. -na &olta 3 &eglio3 il tran "onder !omuni!a &ia radio al lettore un numero' !#e la !a a !o truttri!e !ri&e quando "rodu!e il di "o iti&o e !#e garanti !e !ome uni&o!o. In que to modo il lettore "otr+ identi)i!are' en/a "o ibilit+ di !ontra))a/ione' l.oggetto !#e gli "a a &i!ino. Il tran "onder JM "rende l.alimenta/ione elettri!a !#e gli "ermette di )un/ionare dallo te o egnale di atti&a/ione' !#e gli "ro&iene dal lettore. In que to modo i "u$ an!#e e&itare di dotarlo di una batteria. 7i temi di identi)i!a/ione JM ono u ati "er mi urare i tem"i ul giro delle M1 1a!!o""iati ad un traguardo la er2' nei itemi antita!!#eggio dei u"ermer!ati' "er mi urare e attamente i tem"i di tutti gli 3atleti3 della maratona di @ondra 11K0 000=2' "er identi)i!are i bidoni della "a//atura' in modo da )ar "agare la ta a ri)iuti in )un/ione della "a//atura "rodotta.

1.H.K

Monitor

Il monitor % la "eri)eri!a gra)i!a attra&er o la quale &iene e "re a la gran "arte degli out"ut di un !om"uter. Nei !om"uter moderni i monitor ono di "o iti&i in grado di mo trare o)i ti!ate immagini a !olori' ma nella toria dell.In)ormati!a non % tato em"re !o 8Q "er lungo tem"o il monitor % tato un di "o iti&o in bian!o e nero !#e &i uali//a&a un in ieme di !aratteri ri tretto e non a&e&a "o ibilit+ gra)i!#e.

C9*
I monitor u uali ono tubi a raggi !atodi!i 1Cat#ode 9aI *ube2. In un tubo riem"ito di ga rare)atto 1a "re ione ba i ima' qua i &uoto2 un 3raggio3 !o tituito di elettroni' "rodotto da un )ilamento ri !aldato' "u$ e ere 3 "o tato3 "er me//o di un 3giogo3 magneti!o 1Io5e2. ?lla )ine del uo "er!or o il 3"ennello3 di elettroni !ol"i !e il ri&e timento interno del !ine !o"io' !#e % ri!o"erto da una o tan/a )luore !ente 13)o )ori32. I )o )ori a orbono l.energia degli elettroni !#e li !ol"i !ono e la riemettono otto )orma di lu!e. ,ilotando elettroni!amente il giogo % "o ibile )ar di egnare al raggio rig#e ul !ine !o"io. 4. "oi "o ibile "ilotare l.energia del )a !io di elettroni' in modo !#e i )o )ori i a!!endano !on l.inten it+ lumino a &oluta. *on molte rig#e entro le quali l.inten it+ lumino a !ambia a "ia!imento i "o ono )ormare le immagini &olute. I monitor a !olori #anno tre ti"i di )o )ori. In)atti i !olori &engono generati ommando la lu!e eme a da tre "untini dei !olori "rimari 3additti&i3; Jo o' 9erde' e Blu 1JGB 9ed' 8reeen' "lue2.

LC#

1.H.E

7tam"anti

9erranno "re entate in ordine di qualit+ di tam"a' !#e % an!#e un ordine 3&agamente3 !ronologi!o.

Stampanti ad impatto
@e tam"anti ad im"atto )un/ionano !ome una ma!!#ina "er !ri&ere. -n na tro in!#io trato !#e ta o"ra al )oglio di !arta &iene !ol"ito da un 3martello3 !#e #a la )orma del !arattere da tam"are. In que to modo l.in!#io tro &iene tra )erito al )oglio.

". 1L di 1E

2007-10-20

0H Hardware.odt

Ing. Gabriele MONTI 1999-2007

Hardware

www.ingmonti.it

@e &arie te!nologie &engono di tinte "er il 3martello3 !#e im"atta !on il na tro in!#io trato. @e tam"anti 3a marg#erita3 od 3a rullo3 #anno un elemento im"rimente di&er o "er ogni !arattere' mentre le tam"anti a matri!e di ag#i #anno una "i!!ola griglia di ag#i molto )ini !#e "o ono e ere 3 "arati3 o meno ul na tro in!#io trato' reali//ando 3a "untini3 il !arattere da tam"are. @e tam"anti a marg#erita od a rullo #anno la migliore qualit+' mentre quelle a matri!e di ag#i ono "i( e!onomi!#e e &elo!i 1meno lente=2. <ato !#e i !aratteri ono reali//ati 3a "unti3 le tam"anti ad ag#i "o ono e ere utili//ate an!#e "er tam"are gra)i!a' ba ta !#e il o)tware !ontrolli gli ag#i della tam"ante "er reali//are' a )or/a di "untini' il di egno !#e i &uole. *on na tri a tre o quattro !olori le tam"anti a matri!e di ag#i "o ono tam"are a !olori. ,er la lente//a e la rumoro it+ le tam"anti ad im"atto ono u ate al giorno d.oggi olo in quei ettori nei quali % indi"en abile ottenere "i( !o"ie di un do!umento in una ola "a ata. 7i "en i "er e em"io alla tenuta della !ontabilit+ delle a/iende' "er la quale la legge ri!#iede !#e iano tam"ate di&er e !o"ie 3in !arta !arbone3 dello te o originale. Nelle tam"anti 3termi!#e3' tam"anti non "ro"riamente 3ad im"atto3' !.% una matri!e di "unti in!ande !enti !#e 3bru!ia3 il )oglio di !arta' !#e quindi de&e e ere termo en ibile. ,er quanto !i ia lo &antaggio im"ortante !#e la 3!arta termi!a3 tende a !an!ellar i !on il tem"o' le tam"anti termi!a ono molto e!onomi!#e e robu te' "er !ui ono an!ora u ate' "er e em"io nei regi tratori di !a a o nelle bilan!e elettroni!#e.

Stampanti a getto
*ome le tam"anti a matri!e di ag#i' an!#e le tam"anti a getto reali//ano i !aratteri 3a "untini3. @a te tina di una tam"ante a getto #a molte !entinaia di mi!rougelli' di dimen ioni "i!!oli ime. *ia !un ugello % otto il !ontrollo della *,- della tam"ante' !#e "u$ de!idere in ogni i tante e da ogni ugello de&e e ere 3 "utata3 una mi!rogo!!ia di in!#io tro. @a te tina i muo&e ul )oglio e &i la !ia milioni di go!!e d.in!#io tro' nei "unti giu ti' in modo !#e &engano reali//ati i !aratteri e la gra)i!a de iderati. <ato !#e gli ugelli di una tam"ante a getto "o ono e ere !entinaia di &olte "i( "i!!oli degli ag#i di una tam"ante ad ag#i' la tam"a a getto d.in!#io tro 1in5 Wet2 d+ ri ultati di una qualit+ enormemente u"eriore. *on te tine !#e !ontengono in!#io tro a tre o quattro !olori % "o ibile tam"are a !olori. Nelle tam"anti i !olori di ba e u ati de&ono e ere di&er i da quelli dei *JT. In)atti il "ro!e o di !olora/ione % di&ero. Il "igmento !#e &iene de"o itato ul )oglio ri)lette la lu!e' non la emette !ome nei *JT. ,er e em"io' il "igmento ro o ri)lette olo la lu!e ro a' "er !ui !i$ !#e % ri!o"erto di quel "igmento a""are ro o. ,er!i$ "er generare tutti i !olori bi ogna me !olare i tre !olori "rimari 3 ottratti&i3; *iano 1a//urro2' Magenta 1ro oU &iola2 e Giallo 1*MY CIan' +agenta =ellow2. Me !olando la ma ima quantit+ di !iano' magenta e giallo &iene il nero. <ato "er$ !#e il nero "rodotto in que to modo % un "o. biadito ed % 3!o to o3 "er!#: u a la ma ima quantit+ di in!#io tro !olorato' "e o le tam"anti #anno an!#e un in!#io tro nero' !#e u ano nelle "arti di te to nero ed in quelle a !olori !ure 1*MYZ CIan' +agenta =ellow' Bla!k2. @e tam"anti a getto d.in!#io tro #anno' ri "etto alle tam"anti la er' lo &antaggio dell.alto !o to "er )oglio tam"ato e della lente//a di tam"a. Inoltre il )oglio tam"ato % oggetto a ra"ido deterioramento e e "o to alla lu!e diretta del ole e l.in!#io tro i !ioglie e il )oglio &iene bagnato. Il &antaggio % !#e #anno un minore !o to d.a!qui to e "o ono "rodurre tam"e a !olori. ?ltre te!nologie di !aratteri ti!#e analog#e a quelle delle in5 Wet ono il getto di !era' ed il tra )erimento termi!o' !#e "rodu!e e!!ellenti ma !o to i ime tam"e a !olori' dato !#e "er ogni tam"a &engono u ate quattro "elli!ole !olorate !#e &engono 3)u e3 ul )oglio in modo da reali//are tutti i !olori "o ibili.

Stampanti laser
-na tam"ante la er % una )oto!o"iatri!e !ontrollata da un !om"uter. In)atti il "ro!e o di tam"a % identi!o a quello di una )oto!o"iatri!e' !ambia olo 3!o a3 i tam"a. @.in!#io tro di una )oto!o"iatri!e' detto 3toner3' % )atto in modo da "oter e ere nebuli//ato in mi!ro"arti!elle )ini ime ed % en ibile ai !am"i elettro tati!i. @a lu!e !#e "ro&iene dal "iano di e "o i/ione' do&e !.% l.originale' &iene mandata u un rullo elettro tati!o' )oto en ibile' detto 3tamburo3 1drum' a""unto2. Il tamburo i !ari!a di elettri!it+ tati!a nei "unti in !ui l.originale % nero' mentre rimane !ari!o do&e e o % bian!o. ,oi il tamburo gira e "a a o"ra al erbatoio del toner 1in!#io tro nero2. Il toner i atta!!a al tamburo olo nei "unti do&e e o % im"re ionato 1"unti neri dell.originale2. Nel tamburo !.% quindi l.immagine dell.originale 3)atta di toner3. ? que to "unto il tamburo !ontinua il uo giro ed in!ontra il )oglio. Il toner &iene tra )erito dal tamburo al )oglio' !o 8 !#e ora ul )oglio !.% l.immagine dell.originale. Il la&oro non % )inito' "er!#: il toner % ul )oglio ma % in tabile' ba terebbe un o))io "er )arlo &olare &ia. Il )oglio' !on la ua immagine )atta di toner' &iene quindi mandato dentro ad un )orno' in !ui raggiunge "er un bre&i imo i tante la tem"eratura di 200 gradi. *on il ri !aldamento il toner i )i a in modo de)initi&o al )oglio e la )oto!o"ia "u$ e ere e "ul a !alda !alda. Il tamburo % "ronto "er )are un altro giro e tra )erire un.altra immagine. Nella tam"ante la er la lu!e' in&e!e di "ro&enire dal "iano di e "o i/ione della )oto!o"iatri!e' "ro&iene da un la er !#e' !ontrollato dalla *,- della tam"ante' 3di egna3 ul tamburo tutti i "unti del )oglio !#e &uole tam"are in nero. -na &olta !#e il tamburo % tato im"re ionato il re to del "ro!e o % identi!o a quello della )oto!o"iatri!e. -na tam"ante la er "rodu!e tam"e in bian!o e nero di e!!ellente qualit+ e !#e non 3temono3 l.a!qua' la lu!e ed i gra))i' dato !#e l.in!#io tro % tato )i ato a !aldo ul )oglio. Inoltre "u$ e ere &elo!i ima. 0H Hardware.odt 9er. 0.D.2 2007-10-20 ". 1K di 1E

Ing. Gabriele MONTI

www.ingmonti.it

Ji "etto ad una tam"ante a getto d.in!#io tro % "i( !o to a !ome "re//o di a!qui to' ma #a !o ti di e er!i/io minori e i )anno molte tam"e' dato !#e la !arta ed il toner !o tano meno "er )oglio tam"ato. ?l!une tam"anti di que to ti"o in&e!e di u are un la er "er im"re ionare il tamburo u ano una )ila di @4<. 4 i tono an!#e tam"anti la er a !olori' !#e olo da "o!o danno ri ultati !om"arabili !on quelle a getto d.in!#io tro' ma ad un !o to di a!qui to de!i amente u"eriore 1an!#e in que to !a o i !o ti di e er!i/io ono minori2.

1.H.7

,eri)eri!#e multimediali

Oggi em"re "i( il "er onal !om"uter % un di "o iti&o multimediale' !#e de&e a!!ettare i uoi ingre i e "rodurre le ue u !ite u una grande quantit+ di "eri)eri!#e quali "er e em"io il mi!ro)ono e la !#eda onora' tramite i quali i "o ono im"artire al !om"uter !omandi &o!ali' la tele!amera o la Feb U *am "er le tele!on)eren/e' la ma!!#ina )otogra)i!a digitale' la !#eda gra)i!a. Mamiglia CDE ED5 *om"uter o&e % u ata 7i temi O"erati&i ti"i!i M7-<O7' Findow ' -niG ?""le O7 ?""le O7' ?IC' O7>2 H,--G' Findow NT 7olari <igital -niG' 9M7' Findow NT <imen . lo!a/ione D bit D bit <imen . 3word3 1E bit H2 bit

,* IBM e !om"atibili Tutti i "rimi ?""le Ma!into # ,ower,* Ma!into # nuo&i' IBM JI7* ,?-JI7* For5 tation H, 7,?J* For5 tation 7un ?"#a For5 tation e mini!om"uter <igital

:sempio finale Problemi ed esercita/ioni #omande

". 1E di 1E

2007-10-20

0H Hardware.odt