Sei sulla pagina 1di 499
Euisione a ewa di Eugenio Lecadano ¢ Enrico Misretto Inrodusione di Eugenio Leculdano Mario Dal Pra Umberto Fort F. Lscldano ¢ F, Mista Everio Lesa Envios Mario Mina Git Pra “Tradationi i Traore, sulla natura wane, ib. 1 Suitntttio“ erisone dE. ale eo © Ease Era Trt cle ma me fa" Dialogh sulla relgone, nti [icercasalalleua mano," Rice sin dle le So UH fevear (part Lae THe TV, evi vie itn ea Stora natal dele rligione (evisione 81 Paolo Cai, Sul sulla. evi te di Pro Cain iio sulla macs aman b, 1 Sule pte ib 1 Sul morale Sone! mora. poche letra (per ee ome: AU vit SVT Song! Sia, Lumina deena {doe Deion te pin ete am. Hi, XXL, XXD, Lar mia wie Soagh mora, poli © letter (par win, ‘Seagi moral, police Jererari (pa wen, ont, Sein. xiv SKN Xx David Hume OPERE volume primo Editori Laterza - Bari 1971 INTRODUZIONE Propritdltteraria risereata ins, Latersa & Fig 8.p. An, Bari, Via Dante, 51 cL 20-007 Gli Home di Ninewells costtuivano una delle tante fa- tiglie della piceola nobilta scozzese che, pur possedendo un piccolo teritorio, doveva comunque impegnarsi anche in tuna. professione, dato il modico usufrutio che ricavava dai soi posses, Gli Home, 0 Hume, come preferi chiamarsi i flosofo, per tradizione evviavano i loro rampolli alla pro- fessione della legge. Lo stesso padre di Hume, Joseph, aveva ‘gli inini del XVIII secalo studiato legge in Scoziae, nel 1704, Sera perfino recato alla Universita di Utrecht per perfezio. natsi seguendo le lezioni dei giusisti olandesi, Nel breve corso della sua vita, Joseph Home fu solito trascorrere il periods invernale « Edimburgo, dove svolgeva la sua pro- [essione di avvocato, mentre nel periodo estivo si prendeva * Per larga parted eid che serivo ho utlizztoj avo dl bio- af ah Humes ho eon Ienato peesnte di... Greve, David ‘ue. Londra 198; main prime Toop Topers del asso Biopato ‘slo tonzese, EC. Mossuen Ia momamentale The Life of David ‘ame, Londes 1954. Ricco diferent sulla ‘iae gi eit dela scovsese 8 anche Vepitlatio raccoon}. YT. GREG. The Letters of Davi ume, ol 2, Oxord 1932, ia B- Keinanskr EC. Mossxra, New Letes of Dara Hume, Londte i954. Namerose notzc salle ‘pst di Hume alla fro fortuna sono reaate da volume di TE Tssce, A Biltoprphy of David Hume an of Scoush Philosophy Jno France Hutoseson 10 Lord Balfour. Londra 1938, dalla isi. bata dE. Rosesers, Sibliografa Turina al 1957 of 1966. in Riva rica di Storia dels Flo anno XXU (1967), fs. 1V, 1p. 195500 Per Invited Hume & da tncre presente anche in clasen pera di}. H. Burra, Lile and. Correspondence of David Huse “G2, dinburgo 1846 stamp anacstien Aan 1963, ve Inroticione cura dei suoi possedimenti di Ninewells a nove miglia da Berwick, Sard Ia stessa vita che condursa il suv figlio primo- ‘enito John, al quale oltre Ninewells spotters pot anche il titolo di Lord Halkerton, ‘Non poteva essere questa invece Ia vita di David, nato 426 aprile del 1711 a Edimburgo, wn anno dopo I sorella Katherine. Il petrimonio che a Iui sarebbe spot, come terzogenito secondo le consuetudini del puese, sarcbbe stato ‘molto esiguo e dungue pitt vitale diventava la ricerca di una professione. Anche nelle tradizioni della fami Ja professione della legge era 1a pitt comune; il nonno ma- temo Sir David Falconer era stato presidente del Collegio di Giustiia: non doveite quindi essere difficile per la madre 4di Hume, Katherine Falconer, morto prematuramente jl ma- 1715, prendere la decisione di avviare i fig John stud La prime formazione di Hume dovette svolgersi nella stessa Ninewells dove eit visse fino ai dieei anni, Proba- bilmente il piccolo David attinse largamente alla biblioteca di casa, se bisogna tener fede a quanto seriveva nel 1754 al dottor Arbuthnot: « Fin dalla mia prima infanzia provai luna forte inclinazione per i libri e le lettre»? Oltre la Bibbia e il catechismo, aleuni classic} Tatini © greci, era ‘quali Cicerone, Virgilio e Livio, qualche lassico cexse, autori inglesi come Shakespeare, Millon, Dryden © Pope, fascicoli delle viviste Tatler » © « Spectator » qualche testo di legge, dovevano essere a disposizione del giovane David per il suo primo nutrimento letteario’. Erano questi gli anni in eui Hume, seguendo le tendenze cal: iche proprie della sua famiglia e della Scozia del tem- po, oltre © una intensa partecipazione alle cerimonie eccle- 2 Si ttta della famosa eters del marzo © epile 1734 in cut ‘Hume nara Ta storia deli fun vitae chide congo per una cra per Il suo eaurimento. La letters probabmene non fu mal sped Cleertes ie typ 13, S.C. Mossw. The Life. eit, p50; JY." Grete, Dod Home cit. po siostiche nella sua parrocchia, metteva alle prova il proprio orattere coafrontandolo con 'Telenco dei vizi e delle viet Sonenuto in un volumetto, The Whole Duty of Man, com: perso anonimo nel 1658, ¢ si sforzava in particolare Frenare qualsiasi tendenza allorgoglio e alla vanita. Nelfautunno del 1721 pli Home si trasferivano a Edim- bburgo, principalmente per permettere a John e David di fre- quentarvi Universita, In realth st trattava di un'istuzione tunversitaria che poco o nulla aveva a che fare con quella codierna; lo stesso Hume, infati, precisava in-una leitera al- csuni anni dopo: « La nostea educazione nel College scozzese ron va molto oltre Jo studio delle lingue, e di solito termina {quando not abbiamo circa 14 0 15 anni >’, Malgrado la rmitatezza dei curricula, a frequenze ai corsi del College fu csiremamente sigifcativa per lo sviluppo intellettuale del giovane scozzese. Dj certo questi anni furono decisivi, ad tesempio, tanto nello spingere Hume ad abbandonare le’ sue pprecedenti convinziont religiose, quanto nell'aivtarlo a ma turare le sue ambiziont letrarie, Inolte gli insegnanti del College di Edimburgo allargarono di gran Tunga Vorizzonte intelletuale del giovane David, attraverso lo. studio di importanti esponenti della cultura. scientifica € filosofca, Cosi Colin Drummond, insognante di logica e metafsia, fark conoscere Locke e Newton: T'analist della conoscenza termini di idee e la nuova impostazione metodologica della Filosofia naturale divenivano percid familiar al giovane scoz- ‘ese, ed epli non melti anni dopo se ne sarebbe servito come + sulla sus xpesionze religios povanle Hume stesso sl sofermd 'n un inconio com Tames Bosvell {7 Tugio 1776: a rlasione che Hoswell ha fata quitofnconiza sp legeee in Private Papers of fames Boswell, vl. XI, pp 225232, New York 1931. Queso te io viene effete anche Je” N. KEMP Soni in appendee al Inodusione alla sua edizione dei Dialogues concerning Nature Re- Uigon fndianapais Now York 1947, pp. 7680. N. Kemp Seis core, ita Tal, di rcoavre Tonnso dela formasione calvin ule c Gi Tune rlaivamente all eligone e conclude che 1 sex ‘ema humiane pub considrast proprio uni Feazone a queso bie stodo' dell Scoia ealvnita (lr pp. § 28) Nella ata feera al douor Avbutint In Letters et, 8p. 13, x Iriredecine sfondo al suo Trattalo sulle natura umana. Anche Robert Ste- wart, professore di filosofia naturale, contribul a ‘doveva specialmente approfondire gli spunti metodologici. Ma oltre a questi avtori, altri, 2 facile ipotizzarlo®, venivano av- vicinati dal giovane studente, e non si trattava solo di clas- fick come Cicerone © Marco Aurel come Bacone, Pufendort © Grozio, ddoveva introdurlo William Li 4 Edimburgo, inoltre, risen Rankenian Club, al quale molti dei suoi insegnanti davano 4 oro contributo, ¢ attraverso la mediszione di questo cen- tro di diffusione culturale Hume dovette completare 1a sus iniziazione alla cultura inglese di quello scorcio del XVIII secolo. Large parte dellforizonts filosoico dellepoca do- vyeva cosl presentatsi a Hume in qu ‘anni di studio Edimburgo, e un ruolo non indiferente in questo so primo contatto con Ia filosofia & probabile avesseo, accanto a Ber- Keeley, moralisti come Shaftesbury, Clarke, Mandeville © Butler. Nasceva cosi una personaliticulturaie che, ben lon- tana dallesere del tutto isolate e dungue destinata a solitarie meditazioni’, avrebbe avuto a disposizione conoscenze suff cient per presentare una filosofia che filtava tutto un humus le proprio della Scozia e dell'Inghilterra del suo tempo. del College rieale anche il primo tentativa let wane David. Naturalmente non & ta legge cara alla tradizione familie ad essere oggetto della sua trata zione, ma un tema che prelude alle ponderose pubblicazioni storiche della maturita, Cosi, nel manoscrtto incompleto di ‘otto pagine in evi sviluppava An Hisiorical Essay on Chi vualry and Modem Honour’, Hume esponeva un concetto «Salle Ioture df Home al College si vede in panialare F.C Mossyr. The Life ei. pp #1 5 Come & oto di aia una nterpretaiene eaonice di Hume paricolreme difass ‘ne secoloscotso © declamentesostensI3 0a G' Counuins, La pllowophie de David Hume, Pag 1872 se ae veda if testo. pubbicato cura di E. C, Mossven in ‘Modern Pillony», XLV, 147, pp. 5460, che riptendera nel 1762 in una appendice al volume dell Sua Storia d'inghilterra allora pubblicato*, ovvero la tesi di tina decadenza dalle viet classiche nel medioevo sostituite sila nascita dell falsa cavalleriagotiea, Una tesi che peratro faceva nist repose buia del medioevo. Nel 1725 0 nel 1726 David Hume lascerd il College di Edimburgo per tonare a Ninewells. La permanenza alla Universita di Edimburgo ha fatto sorgere in lui la voca- ione per gli studi filosofcte letterari, ha dato a questa vo- ‘azione una pitt concreta colorazione con i primi confronti con aleuni testi base del suo tempo. Questi anni di College hans inoltre contribuite ad_allontanare defiitivamente Hume dal calvinismo caro alla tradizione familie: in tale direzione Vaveva spinto in particolare ta lettura di Locke © Clarke®. La sua inclinazione a identiicarsi con una post zone seettica, pet quanto riguarda le convinzioni religise, sarebbe stata’ dungue radicata in conclusion’ raggiunt th glovanil, Si traterd di una inclinazione che spesso contro a sua volonth e che epli cercheri di contrastare in primo luogo in quei Dialoghi sulla rligione naturale, la cui pubblicazione, come vedremo ", sari fonte di tante frustr- Zioni. Nei Dialoghi, ifatt, Hume cercherd di proporre una conelusione equilibrata e moderata dopo avere abbattto, nel corso della tattazione, tante convinzioni comunemente acset- tate, Una inclinazione allo sceticismo che Hume era pronto @ sslare 0-8 misconoscere ¢ che, comungue, gia dalladolescenza aveva dovuto dare {stoi primi frutt, tanto & vero che il filo sefo, oramai maturo, confesseva nel 1751 di avere appena brusiato un veechio quaderao manoscrtto, composto prima ‘ki venti anni, che contenevs, pagina dopo pagina, il graduale ssiluppa dei suoi pensierisullargomento, Hume cominciava ‘con un’ansiosa ricerca di argomenti che consolidassero la * 51 ede lt avant, sextne 1X "& quanto to sso Hume dichiard neinconio con lames Boswell, s'veds Private Popes i val. XIN, p27 st veda pla avanti, Sezione XI fopinione comune: dei dubbi si presentavano furtivamente, venivano cacciati,ritornavano, erano nuovamente dissolti. Si trattavainsomma di una Jia continua di una inquicta im- ‘maginazione contro l'inclinazione, forse conto la ragione » ® Tomato a Ninewells, Hume nel suci studi si orient sempre di pit verso Ia cultura flosoica e letteraria, dopo avere forse fatto qualche stanco tentative di frequentare i corsi di legge all Universita di Fdimburgo. Era questo il periodo in cui, mentre i familiari andavano convincendosi cche la sua « disposizione allo studio », «le sobrictt » ¢ «" 4 i vedo pis aval quanto ai dik propaito del Ritrato di Si Robert Walpole. 9. XXXTN hin, vel Lp 7 > Lattra o Hleiy Home del 2 dcembee 1857. fn New Letrers fits Iontcome = sc tin «i Hao Sarre Soa es ee Hume si rivolgei, enon solo in quest'eceasfone, per avere hg earl ttre cess Mate teteor area ce ss hie ne ca cena ee Sifter ntrnieet at aa eae ecules eins seem Cp aul tn mace ee ore Sim eer foe Sars epee an See at Seniesa ee coe er edith get cn mares a ee a sinc Toons eae een at Aodecine amici. Sfamava anche Uncontr con Butler, nessona stort Ficonosciuta tnlerveniva quindi per dissolvere i timo del row autre Finalmente jl 26 selembre 1738 David Hume fimava i contrato con Veditore John Nooi di Londra per la pubbli farlone dal I ¢ del TI bro del Trotto sulla natura wmana. {Le condizioni » cui teneva Tautore vonivano rispettate; per it resto si sarebbero fate mille copie de primi due iri del Traitao.¢ Hume avrebbe atenuto cinguantasterline, una ck fra certo non esorbitante, ma neanche modesta per un esor Giente. Gli ultimi mest del 1758 sono dediati quind alla torreione delle bozre ed ecco, alla fine di gennaio dl 1739, compari anonimi | ibe del rata sulla natura umana de- ica a un’anclstdelVitlleto e delle passioni®: una Tunga ‘icenda era appena comincat Ik 1A PUBBLICAZIONE DEL IIL LIBRO DEL TRATTATO, FORTUNA E SFORTUNA DEL CAPOLAVORO GIOVANILE Cuando nel gennio ds 1759 prin debi det Trt to Turon props al pubblice, Hume ee consapevole che si sauna fun opeta die che guind non svrebbe po fx avr unecogene ofl pr tate loves prendre proposiont pia mpc el previo ‘Gre consequent fu evidenicmente mato fore se nal 1776 Io, endo un cnn da i evs reaver dels sepa povasile che a eat Frvatowe propio abort dl sampa salts dl Hume tere asin ae pbictions dl Tratato fa asia © tetenodiga tte 1739. 1740 froma apes nel segue Piao del esione del suo Hiro. Rkorato 2 Ninewells A Treatise of Homan Natures being aw Attempt 0 Introduce the Experiment ‘Method of Reasoning into Mord Subjects, 8. Soil, 2 Toh Noon, Londsa 1759, Vin mia ita ea, vl. Hp. 96, Irn sam fin dal marzo del 1739, Hume si impegnava nella revisione {el terzo libro del Traitato,dedicato ai problemi della morale, Gia appena poche settimane dopo la pubblicazione del print due Wibri del Trattato, Hume scriveva all'amico Henry Home, lamentando il « dubbio successo » del suo libro e di- condos! convinto che tale doveva rimanere a lungo, in quanto “coloro che sono abituati a riflettere su argomenti astratti come questi sono di solito pieni di pregiudizi, e coloro che sono privi di pregiudizi non hanno alcuna farailiaith con i sagionamenti metafisicl. T miei principi, inoltte, sono cost Tontani dalle opinioni volgari su questi argomenti, che se ssi avessero successo produrrebbero quasi un totale muta- mento in flosofia, © voi sapete come non sia facile che s| \erfichino rivoluzioni del genere. Sono abbastanza. giovane per vedere cose accadra, ma temo che le principal ppensa che avrd per un certo tempo sard il piacere di studiare questi importanti argomenti € Vapprovazione di pochi_giu- ici». Certo non era i successo economico quello che Hume 8 aspeitava dal suo Tratato, né forse una larga popolarté: tutto quello a cui teneva era una vendita moderate ¢ il giu- Lizio positivo di pocht giudict qualificati. Eccolo quindi prece- cuparsi di inviereegli stesso il libro au! amici e a persons Ai prestigio, come ad! esempio Joseph Butler. Nellaprile del 1759 Hume inviava i primi due libri del Trattato anche 8 Pierre Desmaizeaux, pregandolo di fargli sapere se Ii tro- ‘ava suffciemtemente comprensibili », « veri » e « accel bili dal punto di vista dello stile e del Linguaggio »,e invitan- solo inolire a indicargi tuti gli errori che vi avesse rile vato?, I parere delle persone qualificate si faceva attendere; suche gli amici pid streti come Henry Home, per leggere il Trattato, dovevano esservi obbligati a viva forza; lo scoz- 2sse aveva Vimpressione che una cortina di sllenzio cicon- 4asse il suo libro. Nel giugno del 1759, concludeva che Vin- > fate a Hey Home, a Lond, det 15 Febbraio 175, in rs pile 158, in Lewes it, 9p. 29 oa Involve successo della sua opera ers pitt che evidente e aggiungeva filsoficamente: « in definitiva mi rendo conto della mia scem- piaggine nel provare insoddisfazione, 0 ancor pit dispera- one, per questo insuccesso; infatti non avret dovuto asper- tarmi niente di pia da ragionamenti astra div questo jenere, né di fatto mi ripromettevo molto di pil Il mio tra- sporto ‘per quelle che ritenevo delle nuove scoperte mi ha fatto perders di vista tute le abituali egole di prudenaa; e vendo goduto della soddisfazione consueta a chi crea qual cosa di nuovo, & pit che giusto che io vada incontro anche alle delusioni che abitualmente ne consoguono »*. ‘Malgrado Tinsuceesso, Hume riprenderd nel 1759, nella tranquillid di Ninewells, il suo lavoro fllosofico, tanto. co- rincindo la stesura di aleuni saggi che pubblichert nel 1741, {quanto ripulendo per le pubblicazione il ter20 Hbro del Trat- tato, Nel corso di questa revisione Hume si rivolger8 a Fran- cis Hutcheson, professore di filosofia morale a Glasgow, chiedendogli un parere preciso su aleune parti del suo libro. Ala critica, sollevata da Hutcheson, di eccessiva freddezza nella trattazione dei problemi morali, Hume ribadira Ia sua convinzione dellopportunita di evitare un tono di declama- ione nel trattare tali questioni: pit) che un pittore della natura umana, 2 owvio, Hume vuole esserne un’anstomista, A parte questo, ped, egli si dird pronto a seguite i consigli 4 Hutcheson «nel cambiore la maggior parte di quei pass siudicatidifetios' dal punto di vista della prudenza », anche se doveva confessare che il morelista gli sembrava « un po! troppo delicato »*. Anche in questo caso "invto alla prudenza verra di buon grado aecettato dallo scozzese; si tratta di‘una costante del suo comportamento e, quasi sempre, pur non condividendo i timori deg amici, si pieghera ai loro inviti. In questa tendenza eonciliante bisogner® individuare Vorigine di “Loner a Henry Home del 4 giugno 1798, ia New Levers. iorobicione wer Hume sottoporra i suoi seritti nelle “aie edizioni, del rinvio della pubblicazione delle sue consi- racoli, della vicenda dei sagsi sul suicidio © sulN immortal delV’anima e dei dialoghi sulla religione natu- sale. Lontana da Hume qualsiasi tentazione estremisies, egl moderati, dei quali abbrac- lis principio e coreher’ di giv indicandone Ie ragioni a favore. Cosi suo editore: « Per quanto riguarda le'mie opinion, sappiate non ne difendo nessuna positivamente;,propongo sola- mente 1 miei dubbi ne casi in cui sono tanto sfortunato da nom avere Ie stesse convinzioni del resto dell umanith» 7. Ane cora nel 1764 affermera: « Signliea concedere un eccessivo Fispeto al volgo e alle sue superstizioni farsi un vanto della sineeriti a questo proposito. Si 8 mai considerato un punto \Vonore il dite la verith ai bambini o ai folli? Se la faccenda eritsse di essere trattata con seriethrisponderei che Vora- colo della Pizis, approvato da Senofonte, consi! Ai adorare gli dei secondo le usanze dela propria cits, Desi- iro comungue che mi sia ancora concesso di essere un'ipo- crits su tali question’ »*. Certo, al tempo di queste lettere tmolta strada era stata fatia per abbandonare il tono esse ‘rio della prima opera; ma un segno della fesibilita propria