Sei sulla pagina 1di 234

MicroStation V8

Guida rapida
DAA020920-5/0001

Marchi registrati
AccuDraw, Bentley, il logo "B" di Bentley, MDL, MicroStation, MicroStation/J, MicroStation MasterPiece, MicroStation Modeler, MicroStation PowerDraft, MicroStation Review, MicroStation SE, MicroStation Vault, PowerScope, QuickVision, SmartLine e TeamMate sono marchi registrati; Bentley SELECT un marchio del servizio di Bentley Systems, Incorporated o Bentley Software, Inc. Java e tutti i loghi e i marchi basati su Java sono marchi o marchi registrati di Sun Microsystems, Inc. negli Stati Uniti e in altri paesi. Adobe, il logo di Adobe, Acrobat, il logo di Acrobat, Distiller, Exchange e PostScript sono marchi di Adobe Systems Incorporated. Windows un marchio registrato di Microsoft Corporation. I nomi di altri prodotti e marche sono i marchi dei rispettivi proprietari.

Numeri di brevetto USA 5,815,415 e 5,784,068.

Copyrights
2000 Bentley Systems, Incorporated. MicroStation 1998 Bentley Systems, Incorporated. IGDS file formats 1981-1988 Intergraph Corporation. Intergraph Raster File Formats 1993 Intergraph Corporation. Portions 1992-1994 Summit Software Company. Portions 1992-1997 Spotlight Graphics, Inc. Portions 1993-1995 Criterion Software Ltd. e relativi licenziatori. Portions 1992-1998 Sun MicroSystems, Inc. Portions Unigraphics Solutions, Inc. Icc 1991-1995 by AT&T, Christopher W. Fraser e David R. Hanson. Tutti i diritti riservati. Portions 19971999 HMR, Inc. Tutti i diritti riservati. Portions 19921997 STEP Tools, Inc. Sentry Spelling-Checker Engine 1993 Wintertree Software Inc. Versione non commercializzata . diritti riservati dalle leggi sul copyright in vigore negli Stati Uniti e in altri paesi. Tutti i diritti riservati.

Guida rapida di MicroStation

Guida rapida di MicroStation

Sommario
Parte I: Guida introduttiva 1. Requisiti di sistema
Considerazioni sullinstallazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Leggere i file read1st e readme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Opzioni di installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Requisiti di spazio su disco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Installazione di QuickTime VR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Requisiti hardware e software . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Supporto per il browser Engineering Links . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dispositivi di input . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dispositivi di output . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
11 11 12 12 12 13 14 14 14

2. Struttura di directory
La directory Home . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La directory Documentation . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La directory Program . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La directory Workspace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Struttura di directory di un progetto di esempio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
21 21 22 22 23

3. Nozioni fondamentali
Avvio di MicroStation . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Utilizzo dei file DGN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32 Compressione del file DGN aperto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36 Salvataggio e backup . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37 Salvataggio con nome e creazione di copie di backup . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37 Registrazione della cronologia di disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310 Visualizzazione e modifica delle propriet di un file . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 312 Utilizzo di MicroStation Manager . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 314 Unione di file DGN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319 Chiusura di MicroStation . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321 Guida rapida di MicroStation i

Sommario
MicroStation e input grafico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321 Input grafico con il mouse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321 Utilizzo di un mouse con rotella di scorrimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 322 Input grafico con la tavoletta di digitalizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324 Riassegnazione dei pulsanti ............................................................................................. 324 Utilizzo degli strumenti di disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325 Icone degli strumenti senza contorno ............................................................................ 327 Mostrare e nascondere gli strumenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327 Strumenti colorati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 328 Utilizzo dei menu degli strumenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 329 Aggancio dei menu degli strumenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 332 Movimento dei menu degli strumenti agganciati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 333 Individuazione e selezione degli strumenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 334 Utilizzo dello strumento selezionato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 337 Impostazione degli strumenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 337 Impostazione strumenti, finestra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 338 Controllo dei messaggi sulla barra di stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 338 Punti dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 341 Operazione di reset . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 342 Gestione degli errori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 343 Digitazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 344 Digitazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 345 Ricerca e creazione di digitazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 346 Ripetizione di digitazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 347 Modifica delle digitazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 348 Operazioni preliminari per il disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349 File seme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349 Ambiente di disegno DGN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 351 Unit di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 352 Impostazione delle risoluzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 353 Formati utilizzati per esprimere le unit di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 353 Impostazione dellorigine globale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 354 Lettura coordinate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 354 Salvataggio delle impostazioni dei file DGN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 355 Modelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 356 Creazione di modelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 357 Riferimenti ai modelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 360 Celle e modelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 360 Importazione e copia di modelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 361 Eliminazione di modelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 362 Utilizzo della Guida in linea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 363 Utilizzo della Guida in un ambiente di rete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 367

ii Guida rapida di MicroStation

Sommario

4. Visualizzazione dei disegni


Disposizione delle finestre delle viste . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41 Gruppi di viste . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45 Utilizzo dei contorni di ridimensionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47 Utilizzo dei controlli della vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49 Controlli della vista e modalit di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 410 Individuazione e selezione dei controlli della vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 410 Barra dei controlli della vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 412 Aggiorna vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 414 Zoom avanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 415 Zoom indietro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 416 Area della finestra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 417 Adatta vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 419 Ruota vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 420 Effettua traslazione della vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 422 Visualizza precedente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 424 Visualizza successiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 425 Metodi di selezione alternativi alle barre dei controlli della vista . . . . . . . . . . . . . . . 426 Lalternativa del menu degli strumenti Controllo vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 427 Lalternativa del menu di scelta rapida dei controllo della vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . 427 Copia vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 428 Allineamento vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 429 Impostazione degli attributi della vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 429 Selezione e controllo della visualizzazione di unimmagine di sfondo . . . . . . . . . . . . . . 430 Altri attributi della vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 431 Utilizzo di viste salvate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 432

5. Preferenze utente
Impostazione delle Preferenze utente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51 Categorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52 Procedura generica Per impostare le preferenze utente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 519 Conversione degli spessori di linea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 520

Parte II: Esercitazione 6. Prima sessione


Avvio di MicroStation . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61 Guida rapida di MicroStation iii

Sommario
Utilizzo di uno strumento di disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65 Posizionamento di spezzate e cerchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69 Posizionamento di testo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 613 Informazioni della Guida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 614 Eliminazione di elementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 617 Utilizzo delle digitazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 620 Salvataggio di un file DGN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 622 Chiusura della sessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 623

7. Nozioni di base sul flusso di lavoro


Creazione di una copia di backup di un file DGN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71 Adattamento del modello attivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73 Visualizzazione di aree del modello in finestre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74 Zoom e traslazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79 Interruzione di uno strumento di disegno per utilizzare un controllo della vista . . . 711

iv Guida rapida di MicroStation

Parte I: Guida introduttiva

Requisiti di sistema
In questo capitolo sono elencati i requisiti hardware e software per lesecuzione di MicroStation.

Considerazioni sullinstallazione
Per istruzioni relative allinstallazione, consultare il documento HTML MicroStation QuickInstall (quickinstall_microstaton_v8.0.htm ) presente sul CD My Select. Per informazioni sulla configurazione e lutilizzo di una tavoletta di digitalizzazione, consultare il documento Bentley Digitizer Tablet Interface (BDTI) for Windows (bdtidoc.html) fornito al momento dellinstallazione dellutilit Bentley Digitizer Tablet Interface insieme al prodotto.

Leggere i file read1st e readme


Il documento HTML "read1st" situato nella directory principale del CD di MicroStation contiene informazioni utili per linstallazione, che possono essere visualizzate con un browser. Dopo avere inserito il CD di MicroStation, verr avviato automaticamente il browser predefinito del sistema.

Il documento HTML "readme" contiene informazioni relative a MicroStation che potrebbero non essere incluse nella documentazione stampata o in linea. Dopo linstallazione, questo file ( "readme_microstation_v8.0.htm") viene salvato nella cartella \\Programmi\Bentley\Program\MicroStation.

Guida rapida di MicroStation

11

Requisiti di sistema
Opzioni di installazione

Opzioni di installazione
Prima di avviare linstallazione di MicroStation, occorrer pianificare il percorso e le modalit desiderate per linstallazione. La destinazione predefinita per la directory principale di MicroStation c:\Programmi\Bentley\.

Requisiti di spazio su disco


Lo spazio su disco richiesto per linstallazione varia a seconda delle opzioni di installazione scelte. Per informazioni sui requisiti di spazio su disco consigliati, fare riferimento alle finestre di dialogo o alle schermate del programma di installazione. I requisiti di spazio su disco possono variare da sistema a sistema in presenza di diverse configurazioni dellunit disco rigido. I file DGN di MicroStation V8 occupano generalmente il 2550% di spazio in meno rispetto ai file DGN delle versioni di MicroStation precedenti alla 8 la percentuale effettiva dipende dal tipo di dati. La destinazione predefinita per linstallazione di MicroStation corrisponde allultima cartella in cui stato installato. Se viene installato per la prima volta, la cartella di destinazione predefinita C:\Programmi\Bentley\. possibile modificare la cartella di destinazione. Tuttavia, per maggiore chiarezza, nel presente documento i riferimenti ai nomi delle cartelle verranno indicati come ..\Bentley\.

Installazione di QuickTime VR
Per attivare la funzionalit QuickTime VR, necessaria uninstallazione completa di QuickTime. QuickTime disponibile gratuitamente sul sito di Apple Computer allindirizzo http://www/apple.com/quicktime/dowload/. Dopo avere scaricato QuickTime, installare TUTTI i componenti selezionando lopzione di installazione Custom e facendo clic sul pulsante Select All. Affinch Salva panorama sia in grado di utilizzare i formati QuickTime VR, necessario che nella cartella system32 di Windows siano presenti

12

Guida rapida di MicroStation

Requisiti di sistema
Requisiti hardware e software
le librerie QTJavaNative.dll e QuickTime.qts. Se il programma di installazione di QuickTime non consente di installare QuickTime per Java, significa che nel computer in uso non presente Java 2 Runtime Environment. Java 2 Runtime Environment disponibile allindirizzo http://java.sun.com/j2se/1.3/jre/download-windows.html. Seguire le istruzioni per il download e installare Java 2 Runtime Environment, Standard Edition, dopo avere chiuso linstallazione di QuickTime. Una volta installato Java 2 Runtime Environment, il programma di installazione di QuickTime dovrebbe consentire di installare QuickTime per Java.

Requisiti hardware e software


Di seguito indicata la configurazione minima di sistema consigliata per lesecuzione di MicroStation:
Hardware PC o workstation con processore Intel Pentium o AMD AthlonTM Software Microsoft Windows NT 4 (consigliato SP6) Windows 98 (Windows Me per uso residenziale) Windows 2000

inoltre necessario disporre di quanto segue: Mouse o tavoletta di digitalizzazione (la tavoletta di digitalizzazione su Windows richiede un driver WINTAB fornito dal produttore o la Digitizer Tablet Interface di Bentley questultima inclusa nellinstallazione di MicroStation). MicroStation supporta tutte le periferiche di output supportate da Windows. Scheda grafica supportata. La grafica a doppio schermo supportata con driver forniti dal produttore per Windows NT 4. Le configurazioni multi-monitor sono supportate con Windows 98 e Windows 2000. 128 MB di RAM (con una quantit superiore si ottengono generalmente prestazioni migliori).

Guida rapida di MicroStation

13

Requisiti di sistema
Supporto per il browser Engineering Links
Almeno 200 MB di spazio libero sul disco in cui installato MicroStation. Unit CD o accesso a Internet per linstallazione del prodotto. Microsoft Internet Explorer 5.

Per ulteriori informazioni sui requisiti hardware e software e per gli ultimi aggiornamenti sui sistemi operativi supportati, visitare il nostro sito Web allindirizzo http://microstation.bentley.com.

Supporto per il browser Engineering Links


Per utilizzare MicroStation V8, la Guida in linea o Raster Manager, necessario che nel computer in uso siano presenti alcune DLL di Windows. Assicurarsi che sia installato Microsoft Internet Explorer (versione 5 o successiva). Non necessario modificare il browser predefinito, purch sia installato Internet Explorer. Per ulteriori informazioni su questo browser, fare riferimento alla home page di Microsoft Internet Explorer.

Dispositivi di input
MicroStation accetta input da un mouse compatibile Microsoft o da una periferica o penna utilizzata con una tavoletta di digitalizzazione, nonch dalla tastiera. Per informazioni sullinstallazione e lutilizzo di una tavoletta di digitalizzazione, consultare il documento Bentley Digitizer Tablet Interface (BDTI) for Windows (bdtidoc.html) fornito con linstallazione dellutilit Bentley Digitizer Tablet Interface.

Dispositivi di output
Il sistema di stampa di MicroStation genera output in formati supportati dalla maggior parte dei plotter e delle stampanti. Insieme a MicroStation vengono forniti quattro tipi di file di parametri PLT: template generici (CAL907.PLT, HPGL2.PLT, ecc.)

14

Guida rapida di MicroStation

Requisiti di sistema
Dispositivi di output
file di parametri personalizzati (CAL524xx.PLT, HP650C.PLT, ecc.) PRINTER.PLT, utilizzato in combinazione con il driver della stampante di sistema fornito dal produttore della periferica di output. MicroStation V8 pu utilizzare un RIP (Raster Image Processor) per gestire il processo di stampa. Sono forniti un driver di stampa RIP in scala di grigi, "ripwin32_gray8.plt", e un driver RIP a colori, "ripwin32_rgb24.plt".

Tutti i file di parametri di driver di plottaggio forniti con MicroStation fanno riferimento a driver che creano informazioni di plottaggio nei formati standard del settore, quali HPGL/2, HPGL/RTL, ESC/P, TIFF e CGM. Se non esiste un file PLT specifico per la periferica in uso, pu essere necessario crearne uno. Per informazioni sui dispositivi di output pi diffusi e i relativi file PLT consigliati, visitare il sito Web di Bentley. Bentley non predilige alcuna periferica hardware: plotter, stampanti, schede video o dispositivi di input. Per creare un nuovo file PLT, aprire uno dei modelli generici di file PLT forniti che producono output in un formato supportato dal dispositivo in uso. quindi possibile personalizzare il file in base alle esigenze specifiche della periferica aggiungendo o modificando le istruzioni PLT supportate e salvarlo nella directory \Bentley\Workspace\Standards\plotdrv. MicroStation utilizza i driver video di Windows. Per i driver video pi aggiornati e per informazioni sulla configurazione video, rivolgersi al produttore della scheda grafica in uso. MicroStation non controlla la visualizzazione primaria e secondaria in Windows. In questi ambienti, il sistema operativo e la scheda grafica gestiscono la visualizzazione in configurazioni mono e multi-schermo.

Guida rapida di MicroStation

15

Requisiti di sistema
Dispositivi di output

16

Guida rapida di MicroStation

Struttura di directory
La struttura di directory per V8 semplifica gli aggiornamenti e riduce il rischio di sovrascrittura dei dati durante la reinstallazione di MicroStation.

La directory Home
La cartella \Bentley\Home il percorso di memoria locale per alcuni dati dei prodotti Bentley specifici di un determinato computer o di una determinata workstation. La posizione di questa cartella definita dalla variabile _USTN_HOMEROOT (in base allimpostazione predefinita, si trova allo stesso livello di ..\Program\, ..\Workspace\, ..\Documentation\). In base allimpostazione predefinita, i file delle preferenze dellutente e dfltuser.cfg, il file contenente il nome dellarea di lavoro corrente, vengono creati e memorizzati nella cartella \Bentley\Home\prefs.... consigliato condividere i file di preferenze tra pi utenti. Sebbene sia possibile e auspicabile che pi utenti utilizzino la stessa area di lavoro e gli stessi file di configurazione in rete, opportuno che \Bentley\Home\ risieda su ciascun computer o workstation locale.

La directory Documentation
Questa directory contiene i nuovi file della documentazione del prodotto.
Nome directory Bentley Documentation Contiene tutti i file della documentazione sul programma e il linguaggio Descrizione

Guida rapida di MicroStation

21

Struttura di directory
La directory Program

La directory Program
Questa directory contiene i file necessari per il funzionamento di MicroStation con la configurazione predefinita. In questa directory vengono installati i file di sistema di MicroStation, i file di gestione delle licenze e, se installato, i file di sistema di Engineering Configuration, ad esempio gli eseguibili di GeoGraphics, Modeler o TriForma.
Nome directory Bentley Programma MicroStation config database docs jmdl mdl mdlapps mdlsys temp

La directory Workspace
La directory workspace consente agli utenti di creare e gestire standard e progetti in un ambiente di rete. Per condividere i dati dei progetti e sviluppare, gestire e attivare luso di standard di disegno e laspetto di MicroStation sul desktop, necessario che i file di dati degli utenti siano memorizzati nella directory Workspace o in una risorsa di rete condivisa. Nella directory Workspace sono presenti: La directory Projects, in cui vengono generalmente memorizzati i dati specifici del progetto.

22

Guida rapida di MicroStation

Struttura di directory
Struttura di directory di un progetto di esempio
La directory Standards, in cui il responsabile CAD o lamministratore del sistema memorizza e conserva gli standard aziendali. In questa directory possibile spostare i dati di progetto che possono essere utilizzati per pi progetti. La directory System, che viene aggiornata da Bentley. I dati utente inseriti in questa directory verranno sovrascritti in caso di successive installazioni o aggiornamenti del software.

Struttura di directory di un progetto di esempio


I progetti devono essere creati nella directory \Workspace\projects. MicroStation offre un insieme di progetti di esempio nella directory \Workspace\projects\examples.

Gli utenti possono creare i progetti utilizzando le corrispondenti convenzioni di denominazione standard. Questi file possono essere installati in un punto qualsiasi della rete impostando la radice della variabile ambientale _ustn_workspace prima di avviare MicroStation.
Nome directory Bentley Workspace interfaces fkeys MicroStation Descrizione Predefinito Predefinito Predefinito Menu di tasti funzione Predefinito File di risorse default mde newuser Projects Examples Architectural File di risorse File di risorse File di risorse Predefinito Predefinito File e sottodirectory architettonici

Guida rapida di MicroStation

23

Struttura di directory
Struttura di directory di un progetto di esempio
Nome directory Borders Civil General Mapping Mechanical Structural Visualization untitled dgnlib data dgn out seed symb Standards dgnlib Descrizione File di bordi non specifici di alcuna applicazione File e sottodirectory di ingegneria civile File e sottodirectory generali File e sottodirectory di mapping File e sottodirctory di disegno meccanico File e sottodirectory strutturali File e sottodirectory di visualizzazione Il progetto seme da copiare Librerie di celle senza titolo del progetto File di dati senza titolo del progetto File DGN senza titolo del progetto Directory di uscita senza titolo del progetto File seme senza titolo del progetto File di risorse senza titolo del progetto Standard aziendali (condivisi da tutti i progetti) Librerie di celle standard aziendali (condivise da tutti i progetti) File di dati standard aziendali (condivisi da tutti i progetti)

data

24

Guida rapida di MicroStation

Struttura di directory
Struttura di directory di un progetto di esempio
Nome directory dgn macros materials mdlapps plotdrv Descrizione File dgn standard aziendali (condivisi da tutti i progetti) Macro standard aziendali (condivisi da tutti i progetti) Materiali standard aziendali (condivisi da tutti i progetti) mdlapps standard aziendali (condivisi da tutti i progetti) File driver di plottaggio standard aziendali (condivisi da tutti i progetti) File seme standard aziendali (condivisi da tutti i progetti) File symb standard aziendali (condivisi da tutti i progetti) File di tabelle standard aziendali (condivisi da tutti i progetti) File di Visual Basic Standard Bentley, non inserire dati utente in questa directory. Standard Bentley, non inserire dati utente in questa directory. Standard Bentley, non inserire dati utente in questa directory. Standard Bentley, non inserire dati utente in questa directory. Standard Bentley, non inserire dati utente in questa directory.

seed symb tables

VBA System

dgnlib

data

image

macros

Guida rapida di MicroStation

25

Struttura di directory
Struttura di directory di un progetto di esempio
Nome directory bump Descrizione Standard Bentley, non inserire dati utente in questa directory. Standard Bentley, non inserire dati utente in questa directory. Standard Bentley, non inserire dati utente in questa directory. Standard Bentley, non inserire dati utente in questa directory. Standard Bentley, non inserire dati utente in questa directory.

menus

plotdrv

seed

symb

tables

Standard Bentley, non inserire dati utente in questa directory. Standard Bentley, non inserire dati utente in questa directory. Rimossa in V8.

VBA Users

File di Visual Basic File di configurazione dellutente

26

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
In questo capitolo verranno illustrate le procedure relative alle principali funzioni di MicroStation, tra cui: avvio MicroStation (vedere pagina 3-1) utilizzo dei file DGN (vedere pagina 3-2) utilizzo di MicroStation Manager (vedere pagina 3-14) chiusura MicroStation (vedere pagina 3-21) immissione input grafico (vedere pagina 3-21) utilizzo degli strumenti di disegno (vedere pagina 3-25) digitazioni (vedere pagina 3-44) operazioni preliminari per il disegno (vedere pagina 3-49) modelli (vedere pagina 3-56) uso della Guida in linea (vedere pagina 3-63)

Avvio di MicroStation
Esistono diversi modi per iniziare ad utilizzare MicroStation. Al termine dellinstallazione di MicroStation, riavviare il sistema prima di avviare MicroStation per la prima volta.

Per avviare MicroStation


1. Nel gruppo di programmi MicroStation, fare doppio clic sullicona di MicroStation. o In Esplora risorse, fare doppio clic sullicona di un file

Guida rapida di MicroStation

31

Nozioni fondamentali
Utilizzo dei file DGN
DGN (con estensione ".dgn"). o Trascinare licona di un file DGN da Esplora risorse e rilasciarla sullicona di MicroStation. o In Esplora risorse, fare doppio clic sullicona relativa al file "ustation.exe".

Utilizzo dei file DGN


I documenti di MicroStation sono denominati file DGN. Ogni file DGN costituito da uno o pi modelli (vedere pagina 3-56) , ciascuno dei quali rappresentato mediante elementi quali linee, archi e forme. Il menu File di MicroStation contiene comandi che consentono di creare, aprire e salvare file DGN. Queste e altre operazioni di gestione dei file possono essere eseguite anche utilizzando la finestra di dialogo MicroStation Manager (vedere Utilizzo di MicroStation Manager (vedere pagina 3-14) ).

Menu File di MicroStation (area di lavoro predefinita)

32

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Utilizzo dei file DGN
In MicroStation non possibile tenere aperti pi file DGN contemporaneamente. Se un file DGN viene aperto quando gi aperto un altro file, questultimo viene chiuso automaticamente. comunque possibile visualizzare i modelli contenuti in altri file DGN allegandoli come riferimenti al modello attivo nel file DGN aperto.

Quando si crea un file DGN, MicroStation crea una copia di uno dei template o dei file DGN seme forniti. Il file seme viene copiato con un nuovo nome che possibile specificare nella finestra di dialogo Nuovo.

Per aprire un file DGN


1. Scegliere Apri dal menu File. Viene visualizzata la finestra di dialogo Apri.

2. Scegliere File DGN MicroStation [*.dgn] dal menu di opzioni Elenca file di tipo, se non gi selezionato. Il filtro predefinito File CAD [*.dgn, *.dwg, *.dxf]. Nella casella di riepilogo File vengono visualizzati solo i nomi di file con estensione .dgn. 3. (Facoltativo) Per cambiare il filtro, selezionare il filtro desiderato dal menu di opzioni. Ad esempio, selezionando il filtro Tutti i file [*.*] verranno

Guida rapida di MicroStation

33

Nozioni fondamentali
Utilizzo dei file DGN
visualizzati tutti i file presenti nella directory corrente. 4. (Facoltativo) Per impostare ununit disco di origine differente, selezionare lunit desiderata dal menu di opzioni Unit. 5. (Facoltativo) Per selezionare una directory di origine differente, utilizzare la casella di riepilogo Directory. 6. Selezionare il file DGN desiderato dalla casella di riepilogo File. o Nel campo File digitare il nome del file DGN desiderato. 7. (Facoltativo) Per aprire il file in sola lettura, la modalit che non consente di salvare le modifiche su disco, selezionare lopzione Sola lettura. 8. Fare clic su OK. In base allimpostazione predefinita, al momento del salvataggio del file DGN viene creata unanteprima di tale file. Questa immagine viene visualizzata nella finestra di anteprima delle finestre di dialogo MicroStation Manager e Apri. Per disattivare la creazione delle anteprime, impostare la variabile di configurazione MS_THUMBNAIL su NONE (tutto maiuscolo). Se un file DGN non mai stato aperto in MicroStation, nella finestra di anteprima viene visualizzata limmagine Bentley. Se il file DGN stato salvato in formato MicroStation ma non stata creata unanteprima, nel campo di anteprima viene visualizzata limmagine MicroStation. Per informazioni sullimpostazione di MS_THUMBNAIL e di altre variabili di configurazione, vedere Utilizzo delle variabili di configurazione nel Manuale dellamministratore.

Per aprire un file di disegno remoto


1. Scegliere Apri URL dal menu File. Viene visualizzata la finestra di dialogo Seleziona

34

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Utilizzo dei file DGN
file di disegno remoto.

2. Nel campo URL specificare il percorso del file di disegno remoto. 3. (Facoltativo) Regolare tutte le altre impostazioni necessarie. 4. Fare clic su OK.

Per creare un file DGN e aprirlo


1. Dal menu File, scegliere Nuovo. Verr visualizzata la finestra di dialogo Nuovo. Il filtro predefinito File DGN MicroStation [*.dgn].

Nella sezione File seme viene visualizzato il file

Guida rapida di MicroStation

35

Nozioni fondamentali
Compressione del file DGN aperto
DGN seme predefinito. 2. (Facoltativo) Per modificare il filtro, selezionare la voce corrispondente dal menu di opzioni Elenca file di tipo. 3. (Facoltativo) Per selezionare un file DGN seme differente, fare clic sul pulsante di selezione e utilizzare la finestra di dialogo Seleziona file seme (vedere File seme nel Manuale dellamministratore). 4. (Facoltativo) Per selezionare una diversa unit di destinazione, scegliere lunit desiderata dal menu di opzioni Unit. 5. (Facoltativo) Per selezionare una diversa directory di destinazione, scegliere la directory desiderata dalla casella di riepilogo Directory. 6. Nel campo File, digitare il nome che si desidera assegnare al nuovo file DGN. Lelenco di file risulta utile per assicurarsi che il nuovo nome di file non sia gi assegnato a un file esistente o per selezionare un nome di file esistente e modificarlo. Sebbene lestensione .dgn venga spesso utilizzata per indicare un file DGN di MicroStation, possibile ometterla o utilizzare qualsiasi estensione. 7. Fare clic su OK.

Per chiudere il file DGN aperto


1. Aprire un altro file DGN. o Scegliere Chiudi dal menu File oppure premere Ctrl-W. Nel secondo caso, viene visualizzata la finestra di dialogo MicroStation Manager.

Compressione del file DGN aperto


Durante una sessione di progettazione o disegno, gli elementi eliminati non vengono rimossi dal file DGN aperto ma vengono semplicemente contrassegnati come eliminati. La compressione riduce la dimensione

36

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Salvataggio e backup
di un file DGN rimuovendo effettivamente gli elementi eliminati.

La compressione del file di disegno aperto impedisce lannullamento delle modifiche effettuate precedentemente.

Affinch MicroStation possa comprimere automaticamente il file DGN aperto al momento della chiusura, selezionare lopzione Comprimere file alluscita nella finestra di dialogo Preferenze visualizzata scegliendo Preferenze dal menu Area di lavoro.

Per comprimere il file DGN aperto


1. Scegliere Comprimi disegno Disegno dal menu File. Per ulteriori informazioni sulla compressione dei disegni, vedere Comprimi disegno nel Manuale di riferimento in linea.

Salvataggio e backup
In MicroStation la procedura di salvataggio molto pi semplice rispetto alla maggior parte delle altre applicazioni. MicroStation consente infatti di modificare rapidamente il modello attivo nel file DGN aperto, ossia il disegno. Sar necessario salvare manualmente solo le modifiche apportate alle impostazioni dei file DGN. Per ulteriori informazioni, vedere Operazioni preliminari per il disegno (vedere pagina 3-49) . Per modificare le impostazioni di MicroStation relative al salvataggio delle modifiche apportate ai disegni e alle relative impostazioni, possibile utilizzare la finestra delle preferenze utente.

Salvataggio con nome e creazione di copie di backup


Lopzione Salva con nome del menu File consente di salvare il file DGN attivo con un nome diverso, in una directory o su ununit differente. Il file DGN aperto viene chiuso e viene aperto il file DGN appena salvato.

Guida rapida di MicroStation

37

Nozioni fondamentali
Salvataggio e backup

BACKUP una digitazione di MicroStation. Per ulteriori informazioni sulle digitazioni, vedere Digitazioni a pagina 3-44. possibile specificare un diverso valore predefinito in modo che, digitando BACKUP, venga creata una copia di backup in unaltra directory o unit o su ununit collegata a un altro sistema della rete. Di seguito sono riportati alcuni esempi:
Per (impostazione predefinita) Creare copie di backup nella directory /temp Assegnare alle copie di backup lestensione .tmp Impostare la variabile di configurazione MS_BACKUP su /temp

.tmp

Qualsiasi parte di una specifica di file inclusa in una digitazione BACKUP sostituisce la parte corrispondente in MS_BACKUP. Per informazioni sullimpostazione di MS_BACKUP e di altre variabili di configurazione, vedere Utilizzo delle variabili di configurazione nel Manuale dellamministratore.

38

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Salvataggio e backup

Per salvare con nome


1. Dal menu File, scegliere Salva con nome. Viene visualizzata la finestra di dialogo Salva con nome.

2. Dalla casella di riepilogo Elenca file di tipo, selezionare la voce File DGN MicroStation [*.dgn], se non gi selezionata. 3. (Facoltativo) Per selezionare una directory o ununit di destinazione differente, selezionare lopzione desiderata dalla casella di riepilogo Directory. 4. (Facoltativo) Per salvare il file DGN aperto con un altro nome, digitare il nuovo nome nel campo File. 5. Fare clic su OK.

Per creare una copia di backup del file DGN aperto


1. Dal menu Varie, scegliere Digita. Viene visualizzata la finestra Digita. 2. Nel campo di digitazione della finestra, digitare BACKUP [specifica_file]. SPECIFICA_FILE corrisponde al percorso e alla directory in cui salvare la copia di backup. Se SPECIFICA_FILE viene omesso,

Guida rapida di MicroStation

39

Nozioni fondamentali
Registrazione della cronologia di disegno
viene salvata una copia del file DGN aperto con estensione .bak nella stessa directory in cui si trova il file DGN aperto. Il file DGN aperto non viene chiuso.

Registrazione della cronologia di disegno

Quando si utilizzano modelli in un file DGN, possibile creare una Cronologia disegno per il file DGN. Potrebbe non essere mai necessario inizializzare una Cronologia disegno per un file in quanto essa viene generalmente inizializzata dallamministratore del sistema al momento della creazione del file. La Cronologia disegno consente di tenere traccia di tutte le modifiche apportate a un determinato file DGN in base a numero di revisione, elementi modificati, tipo di revisione e altri parametri. Se necessario, possibile ripristinare uno stato precedente degli elementi annullando o ripetendo le modifiche a livello di cronologia. possibile tenere traccia delle modifiche anche a livello di singoli elementi. Per agevolare il controllo delle revisioni, a ciascuna di esse associato un numero, unora e una data, il nome dellautore e una descrizione. Quando si applica una revisione, viene registrata la differenza tra lo stato corrente del modello e lultima revisione salvata.

Attraverso la Cronologia disegno possibile procedere a ritroso nel tempo e ripristinare oggetti eliminati, riportare oggetti nella loro posizione originaria e rimuovere oggetti non ancora rimossi.

310

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Registrazione della cronologia di disegno

Per inizializzare la Cronologia disegno


1. Scegliere Cronologia disegno dal menu Strumenti. Verr visualizzato il menu degli strumenti Cronologia disegno. 2. (Facoltativo) Agganciare il menu degli strumenti. 3. Nel menu degli strumenti Cronologia disegno, selezionare lo strumento Inizializza cronologia file. Questo strumento disponibile (attivo) solo se non mai stata inizializzata la cronologia per il file DGN. Ai file DGN creati da un file seme con la Cronologia disegno inizializzata sar sempre associata una cronologia disegno.

Le modifiche apportate a un disegno possono essere applicate come revisione. La frequenza di applicazione delle revisioni pu variare a seconda delle preferenze dellutente o delle esigenze organizzative. Quando si apportano modifiche a un file DGN, il pulsante Applica modifiche diventa attivo e rimane tale fino allapplicazione delle modifiche.

Per applicare le modifiche come revisione


1. Fare clic sullicona Applica modifiche come revisione del file posta allestrema sinistra del menu degli strumenti Cronologia disegno. Verr visualizzata la finestra di dialogo Applica modifiche. 2. Nella casella di testo inserire una nota descrittiva delle revisioni. LAutore delle modifiche la persona che ha applicato le modifiche. 3. Fare clic su OK. La revisione viene aggiunta alla cronologia disegno. Mediante la finestra di dialogo Cronologia disegno possibile analizzare tutte le revisioni precedenti di un file DGN.

Guida rapida di MicroStation

311

Nozioni fondamentali
Visualizzazione e modifica delle propriet di un file

Visualizzazione e modifica delle propriet di un file


possibile visualizzare diverse propriet del file DGN nella finestra di dialogo Propriet e modificare le propriet del disegno nella scheda Riepilogo. Questa scheda contiene campi di testo nei quali possibile immettere le seguenti informazioni: Titolo Consente di assegnare al file un titolo diverso dal nome file presente nel file system. Soggetto Consente di immettere una descrizione del contenuto del file. Cliente Consente di specificare il nome del cliente che ha creato il file. Parole chiave In questo campo possibile inserire le parole chiave che possono essere utilizzate in un database per limpostazione dei criteri di ricerca. Commenti In questo campo possibile inserire commenti relativi al file. Manager Consente di registrare il nome del responsabile del progetto.

Molte delle informazioni contenute nella scheda Riepilogo, oltre ad essere accessibili da MicroStation, possono essere visualizzate anche in Esplora risorse facendo clic con il pulsante destro mouse sul nome del file e scegliendo Propriet. La finestra di dialogo delle propriet del file pu essere visualizzata selezionando File > Propriet nella finestra di dialogo MicroStation Manager o nel sistema di menu di MicroStation. Per ulteriori informazioni sulle propriet dei file, vedere la sezione Propriet nel Manuale di riferimento.

312

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Visualizzazione e modifica delle propriet di un file Finestra di dialogo Propriet, scheda Riepilogo.

Guida rapida di MicroStation

313

Nozioni fondamentali
Utilizzo di MicroStation Manager

Utilizzo di MicroStation Manager

Quando si avvia MicroStation senza definire lapertura automatica di un file DGN, la prima finestra di dialogo che viene visualizzata la finestra MicroStation Manager.

MicroStation pu essere utilizzato per eseguire numerose operazioni di gestione dei file quali creazione di copie di backup, copia, eliminazione, compressione, unione, ridenominazione e apertura di file di disegno, nonch creazione di nuove directory e creazione di copie di backup di intere directory. Queste operazioni vengono eseguite scegliendo le voci corrispondenti dai menu File e Directory di MicroStation Manager, che contengono comandi non disponibili in altre finestre di dialogo. MicroStation Manager pu essere utilizzato anche per selezionare i vari componenti dellarea di lavoro. Per area di lavoro si intende un ambiente o una configurazione personalizzata di MicroStation. Per ulteriori informazioni, Nozioni fondamentali sulle aree di lavoro nel Manuale dellamministratore.

314

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Utilizzo di MicroStation Manager

Per creare un nuovo file DGN con MicroStation Manager


1. Scegliere Nuovo dal menu File di MicroStation Manager. Verr visualizzata la finestra di dialogo Nuovo. Si tratta della stessa finestra di dialogo utilizzata per creare un nuovo file DGN quando si sceglie Nuovo dal menu File di MicroStation. Per ulteriori informazioni, vedere Per creare un file DGN e aprirlo a pagina 3-5.

Per creare una copia di backup di un file con MicroStation Manager


1. Selezionare il file dalla caselle di riepilogo File di MicroStation Manager. 2. Scegliere Copia dal menu File di MicroStation Manager. Viene visualizzata la finestra di dialogo Copia file. Il nome del file selezionato viene visualizzato nel campo Da, mentre nel campo A viene visualizzato <nomefile>.bak : 3. Fare clic su OK per salvare la copia di backup del file come <nomefile>.bak. In questo modo viene creata una copia di backup del file, viene chiusa la finestra di dialogo Copia file e il file rimane selezionato per lapertura nella casella di riepilogo File di MicroStation Manager.

Creazione di una copia di backup di un file con MicroStation Manager

Per aprire una copia di un file con MicroStation Manager


1. Selezionare il file dalla caselle di riepilogo File di

Guida rapida di MicroStation

315

Nozioni fondamentali
Utilizzo di MicroStation Manager
MicroStation Manager. 2. Scegliere Copia dal menu File di MicroStation Manager. Viene visualizzata la finestra di dialogo Copia file. Il nome del file selezionato viene visualizzato nel campo Da, mentre nel campo A viene visualizzato <nomefile>.bak : 3. Modificare il nome del file nel campo A e cambiare lestensione .bak con una qualsiasi altra estensione (ad esempio . dgn). In questo modo viene creata una copia del file selezionato, viene chiusa la finestra di dialogo Copia file e la copia del file rimane selezionata per lapertura nella casella di riepilogo File di MicroStation Manager.

Per ridenominare un file con MicroStation Manager


1. Selezionare il file dalla caselle di riepilogo File di MicroStation Manager. 2. Scegliere Rinomina dal menu File di MicroStation Manager. Viene visualizzata la finestra di dialogo Rinomina file. Il nome del file selezionato viene visualizzato nel campo Da, mentre il campo A vuoto. 3. Digitare un nome di file nel campo A : MicroStation Manager non aggiunge automaticamente lestensione .dgn al nome del file. Se il filtro impostato su *.dgn e il nuovo nome file non termina in .dgn, esso non viene visualizzato automaticamente nella casella di riepilogo File di MicroStation Manager. 4. Fare clic su OK. In questo modo il file viene rinominato, la finestra di dialogo Rinomina file viene chiusa e il file appena rinominato rimane selezionato per lapertura nella casella di riepilogo

316

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Utilizzo di MicroStation Manager
File di MicroStation Manager.

Ridenominazione di un file con MicroStation Manager

Per eliminare un file con MicroStation Manager


1. Selezionare il file dalla caselle di riepilogo File di MicroStation Manager. 2. Scegliere Elimina dal menu File di MicroStation. Viene visualizzata una finestra di avviso con il percorso e il nome del file selezionato in cui viene chiesto di confermare leliminazione. 3. Per eliminare il file, scegliere OK.

Per comprimere un file con MicroStation Manager


1. Selezionare il file dalla caselle di riepilogo File di MicroStation Manager. 2. Scegliere Comprimi dal menu File di MicroStation. Il file selezionato viene compresso.

Per creare una nuova sottodirectory con MicroStation Manager


1. Scegliere Nuovo dal menu Directory di MicroStation Manager. Viene visualizzata la finestra di dialogo Crea directory. 2. Nel campo Dir, digitare un nome di sottodirectory valido. 3. Fare clic su OK. La nuova sottodirectory viene creata e visualizzata nella

Guida rapida di MicroStation

317

Nozioni fondamentali
Utilizzo di MicroStation Manager
casella di riepilogo Directory.

Creazione di una nuova sottodirectory con MicroStation Manager

Per copiare i file DGN in una nuova directory con MicroStation Manager
1. (Facoltativo) Impostare Elenca file di tipo su *.* o su un altro filtro se tutti i file da copiare non hanno estensione .dgn. 2. Scegliere Copia dal menu Directory di MicroStation Manager. Viene visualizzata la finestra di dialogo Copia directory. Nel campo Dir, vengono visualizzati ed evidenziati il percorso e la directory correnti. 3. Modificare il percorso e la directory nel campo Dir : 4. Fare clic su OK. I file la cui estensione coincide con quella impostata vengono copiati nella directory specificata. Se la directory non esiste, viene visualizzato un messaggio di errore durante la copia dei file.

Per comprimere tutti i file di disegno inclusi in una directory


1. Dalla casella di riepilogo Directory di MicroStation Manager, selezionare la directory desiderata o sceglierne una dal menu Directory. 2. Impostare Elenca file di tipo sul filtro desiderato. 3. Scegliere Comprimi dal menu Directory di MicroStation Manager. 4. Scegliere OK nella finestra di avviso visualizzata. Ogni file di disegno corrispondente al filtro impostato viene compresso.

318

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Unione di file DGN

Unione di file DGN


Lunione di file DGN consiste essenzialmente nel copiare tutti i modelli (vedere pagina 3-56) da uno o pi file DGN (file di origine) a un altro (file di destinazione). Oltre alla copia dei modelli, lunione comporta le seguenti operazioni: Le definizioni di set di tag vengono copiate dai file di origine al file di destinazione. I numeri dei gruppi di disegno, dei nodi di testo, degli ID degli elementi e degli stili di linea impostati nei file di origine vengono associati ai numeri disponibili nel file di destinazione. Le definizioni di cella o di insieme di tag doppie non vengono trasferite dal file di origine.

anche possibile eseguire il programma di utilit Unisci dal prompt dei comandi DOS. in modo da eseguire le operazioni di unione in modalit batch.

Per unire file DGN con MicroStation Manager


1. Scegliere Unisci dal menu File di MicroStation Manager. Viene visualizzata la finestra di dialogo Unisci.

Guida rapida di MicroStation

319

Nozioni fondamentali
Unione di file DGN

2. Nella sezione File da unire, fare clic sul pulsante Selez. Viene visualizzata la finestra di dialogo Selezionare file da unire. 3. Dalla casella di riepilogo, selezionare il file di origine. 4. (Facoltativo) Per selezionare altri file di origine, tenere premuto il tasto <Ctrl>. 5. Fare clic sul pulsante Aggiungi. Il file viene visualizzato nellelenco dei file. 6. Fare clic sul pulsante Chiudi. Viene chiusa la finestra di selezione dei file e lo stato attivo torna sulla finestra di dialogo Unisci, in cui i file selezionati sono visualizzati nella casella di riepilogo File da unire. 7. Nella sezione Unisci in, fare clic sul pulsante Seleziona. Viene visualizzata la finestra di dialogo Selezionare file di destinazione. 8. Dalla casella di riepilogo, selezionare il file di destinazione. 9. Fare clic su OK. La finestra di dialogo Selezionare file di destinazione viene chiusa e la finestra di dialogo Unisci diventa nuovamente attiva. 10. Fare clic sul pulsante Unisci. Al termine delloperazione di unione, la finestra di dialogo Unisci viene chiusa e viene attivata la finestra MicroStation Manager.

Per eseguire il programma di utilit Merge dalla riga di comando del sistema
1. Al prompt del sistema, digitare: msbatch merge <nomefile_destinazione> <nomefile_origine_1> [ <nomefile_origine_n>] Ad esempio: msbatch merge destination.dgn source1.dgn source2.dgn source3.dgn

320

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Chiusura di MicroStation

Chiusura di MicroStation
Durante la lavorazione, MicroStation salva su disco tutte le modifiche apportate al file DGN aperto (purch non sia stata deselezionata lopzione predefinita Salvare immediatamente le modifiche al disegno in Area di lavoro > Preferenze > Operativit). Una volta chiuso il file DGN, non pi possibile annullare le modifiche apportate utilizzando il comando Annulla di MicroStation. Assicurarsi quindi di annullare tutte le modifiche che non si desidera salvare nel file DGN prima di uscire da MicroStation.

Per chiudere MicroStation


1. Dal menu File, scegliere Esci. o Dal menu della finestra dellapplicazione (se disponibile), scegliere Esci. o Fare clic su Annulla nella finestra di dialogo MicroStation Manager.

MicroStation e input grafico


Per immettere input grafico in MicroStation possibile utilizzare un mouse, una tavoletta di digitalizzazione o un dispositivo di puntamento analogo. I pulsante del mouse o della tavoletta di digitalizzazione sono configurati per linvio di diversi tipi di input grafico a MicroStation. Queste assegnazioni dei pulsanti sono dette pulsanti di MicroStation. Ad esempio, premendo il pulsante assegnato come pulsante Dati di MicroStation, viene inviato a MicroStation un tipo di input denominato punto dati (vedere pagina 3-41) .

Input grafico con il mouse


Se il mouse dotato di tre pulsanti, ognuno di essi assegnato a uno dei tipi pi comuni di input grafico per MicroStation.

Guida rapida di MicroStation

321

Nozioni fondamentali
Input grafico con il mouse
Se il mouse dotato di due pulsanti, il terzo pulsante viene simulato facendo clic contemporaneamente sui due pulsanti esistenti.

Di seguito sono indicate le assegnazioni predefinite per i pulsanti del mouse:


Pulsante MicroStation Dati Tentativo Reset Dati 3D Tentativo 3D Richiamato da Pulsante sinistro Sequenza Pulsante sinistroPulsante destro Pulsante destro Alt-pulsante sinistro Sequenza Alt-Pulsante sinistro-Pulsante destro

Le impostazioni predefinite sono appropriate per un mouse a due pulsanti. Se si utilizza un mouse a tre pulsanti, per accelerare le operazioni opportuno fare in modo che Tentativo utilizzi un unico pulsante (anzich la sequenza a due pulsanti). Per il riconoscimento corretto di alcuni mouse a tre pulsanti, sono necessari interventi supplementari di configurazione in Windows. Ulteriori informazioni sono disponibili tramite MicroStation sul Web (scegliere MicroStation sul Webdal menu Guida).

Utilizzo di un mouse con rotella di scorrimento


Per agire sulle barre di scorrimento delle finestre di visualizzazione e delle finestre di dialogo di MicroStation possibile utilizzare un mouse dotato di rotella di scorrimento. Lo stesso tipo di mouse pu essere utilizzato anche per effettuare lo zoom avanti e indietro nei disegni e inserire punti tentativo (cattura).

necessario che nel sistema siano gi installati i driver necessari. Per ottenere risultati ottimali con un mouse con funzionalit di scorrimento in MicroStation, effettuare le seguenti operazioni (solo una volta).

322

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Input grafico con il mouse

Per configurare un mouse a scorrimento in MicroStation


1. Fare clic sul pulsante di avvio di Window, scegliere Impostazioni, quindi Pannello di controllo. 2. Fare doppio clic sullicona Mouse. 3. Nella finestra di dialogo Propriet - Mouse, fare clic sulla scheda Risparmia passaggi. 4. Assicuarsi che lopzione Attiva una finestra quando si posiziona il puntatore sulla relativa barra del titolo sia deselezionata. Allapertura di MicroStation, possibile decidere se accettare o modificare le impostazioni predefinite per la rotellina del mouse.

Per configurare le impostazioni della rotellina


1. Scegliere Preferenze dal menu Area di lavoro di MicroStation. Viene visualizzata la finestra di dialogo Preferenze. 2. Nella casella di riepilogo Categoria, selezionare Mouse. 3. Modificare le impostazioni necessarie. 4. Scegliere OK per confermare le modifiche o Annulla per chiudere la finestra di dialogo senza salvare le modifiche.

Per impostare la rotellina anche come pulsante


1. Fare clic sul pulsante di avvio di Window, scegliere Impostazioni, quindi Pannello di controllo. 2. Fare doppio clic sullicona Mouse. 3. Nella finestra di dialogo Propriet - Mouse, fare clic sulla scheda Rotellina. 4. Nella casella di gruppo Pulsante rotellina, selezionare la casella di controllo Attiva il pulsante rotellina. 5. Nel menu a discesa Assegnazione pulsante, selezionare Predefinito.

Guida rapida di MicroStation

323

Nozioni fondamentali
Input grafico con la tavoletta di digitalizzazione
Dopo avere impostato la rotellina anche come pulsante centrale del mouse, possibile assegnarle un tipo di input grafico, ad esempio Dati. Per ulteriori informazioni, vedere Riassegnazione dei pulsanti (vedere pagina 3-24) .

Input grafico con la tavoletta di digitalizzazione


La maggior parte dei cursori delle tavolette dispone di almeno quattro pulsanti. Nella figura illustrato il layout dei pulsanti per i cursori tipici di una tavoletta di digitalizzazione. Il pulsante di comando consente di selezionare i comandi sul menu di una tavoletta di digitalizzazione. Di seguito sono indicate le assegnazioni predefinite per i pulsanti della tavoletta di digitalizzazione in MicroStation:
Pulsante MicroStation Dati Tentativo Reset Comando Cursore 1 / Dati 3D Cursore 2 / Tentativo 3D Cursore 3-12 Pulsante sul cursore della tavoletta 1 3 4 2 5 6 7-16

Per informazioni sullinstallazione e lutilizzo di una tavoletta di digitalizzazione, consultare il documento Bentley Digitizer Tablet Interface (BDTI) for Windows (bdtidoc.html) fornito con linstallazione dellutilit Bentley Digitizer Tablet Interface.

Riassegnazione dei pulsanti


Mediante la finestra di dialogo Assegnazione di pulsanti (Area di lavoro > Assegnazione di pulsanti), possibile assegnare diverse combinazioni di pulsanti: Pulsante singolo.

324

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Utilizzo degli strumenti di disegno
Pulsante singolo, tenendo premuto il tasto Alt. Due pulsanti contemporaneamente (solo mouse). Due pulsanti contemporaneamente, tenendo premuto il tasto Alt (solo mouse).

Per confermare le assegnazioni dei pulsanti sul sistema o per ripetere loperazione, utilizzare la finestra di dialogo Assegnazione di pulsanti (menu Area di lavoro > Assegnazione di pulsanti).

Per riassegnare i pulsanti in MicroStation


1. Dal menu Area di lavoro, scegliere Assegnazione di pulsanti. Verr visualizzata la finestra di dialogo Assegnazione di pulsanti. 2. Dalla casella di riepilogo, selezionare il pulsante per cui desidera modificare lassegnazione. 3. Posizionare il puntatore nellarea sotto la casella di riepilogo in cui sono visualizzate le istruzioni. 4. Fare clic sul pulsante o la combinazione di pulsanti da assegnare al pulsante selezionato. La nuova assegnazione viene visualizzata nella casella di riepilogo.

Utilizzo degli strumenti di disegno


In MicroStation sono disponibili numerosi strumenti di disegno che sono organizzati in menu degli strumenti per consentirne una rapida selezione. Un menu degli strumenti visualizzato sullo schermo allinterno della propria finestra viene definito mobile. possibile modificare la disposizione degli strumenti allinterno di un menu degli strumenti mobile, modificando le dimensioni della relativa finestra.

Menu degli strumenti Elementi lineari (mobile)


Gli strumenti sono visualizzati allinterno dei menu come icone.

Guida rapida di MicroStation

325

Nozioni fondamentali
Utilizzo degli strumenti di disegno
Per semplicit, il termine strumento viene utilizzato per indicare sia lo strumento che licona ad esso associata.

Quando si avvia MicroStation per la prima volta, vengono visualizzati automaticamente il menu degli strumenti Principale, il menu degli strumenti Attributi, il menu Strumenti principali e il menu degli strumenti Standard. In base alle impostazioni predefinite, il menu degli strumenti Principale agganciato al margine sinistro della finestra di MicroStation, mentre i menu degli strumenti Attributi, Strumenti principali e Standard sono agganciati al margine superiore.

Menu degli strumenti Principale

Menu degli Strumenti principali Menu degli strumenti Standard Menu degli strumenti Attributi

326

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Icone degli strumenti senza contorno Menu degli strumenti Attributi, Strumenti principali e Standard agganciati
Le voci contrassegnate da segni di spunta nel menu Strumenti indicano i menu degli strumenti aperti.

Icone degli strumenti senza contorno

In base allimpostazione predefinita, le icone sono senza contorno in MicroStation. Licona associata a uno strumento viene visualizzata senza contorno, a meno che lo strumento non sia selezionato o non si trovi sotto il puntatore. Per visualizzare il contorno delle icone, disattivare lopzione Icone senza contorno nella categoria Interfaccia della finestra di dialogo Preferenze (Area di lavoro > Preferenze).

Menu degli strumenti Elementi lineari (icone senza contorno)

Mostrare e nascondere gli strumenti


possibile attivare e disattivare a piacere la visualizzazione di singoli strumenti nei menu degli strumenti.

Per nascondere o visualizzare uno strumento


1. Aprire il menu degli strumenti contenente licona dello strumento. 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse allinterno

Guida rapida di MicroStation

327

Nozioni fondamentali
Strumenti colorati
del menu degli strumenti. Verr visualizzato un menu di scelta rapida. Gli strumenti attivati sono contrassegnati da segni di spunta. 3. Dal menu di scelta rapida, scegliere la voce corrispondente allo strumento che si desidera nascondere o visualizzare. Per informazioni sulla rimozione di uno strumento da un menu degli strumenti, vedere Menu degli strumenti nel Manuale dellamministratore.

Strumenti colorati

Gli strumenti sono colorati in base a una tavola di 16 colori.

Preferenze colori strumenti

possibile personalizzare la tavola dei colori utilizzando la finestra di dialogo Colori strumento. Tale finestra viene visualizzata facendo clic sul pulsante Colori strumento nella categoria Interfaccia della finestra di dialogo Preferenze (Area di lavoro > Preferenze). Per iniziare la personalizzazione, scegliere i colori desiderati utilizzando i menu di opzioni nella sezione Colori strumento personalizzati della finestra di dialogo Colori strumento. possibile personalizzare i colori delle singole icone utilizzando nella finestra di dialogo Inserisci/Modifica strumento, a cui si accede dalla scheda Menu degli strumenti della finestra di

328

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Utilizzo dei menu degli strumenti
dialogo Personalizza (Area di lavoro > Personalizza). Lopzione Solo strumenti evidenziati nella categoria Interfaccia della finestra di dialogo Preferenze (Area di lavoro > Preferenze) influisce sullaspetto dei colori degli strumenti. Se questa preferenza attivata, tutti gli strumenti vengono visualizzati in tonalit di grigio ad eccezione dello strumento selezionato e delleventuale strumento situato sotto il puntatore. In base allimpostazione predefinita, questa opzione disattivata.

Utilizzo dei menu degli strumenti


possibile selezionare uno strumento allinterno di un menu senza spostare il menu stesso. Questo consente di selezionare facilmente gli strumenti senza sovrapporre i menu degli strumenti al disegno.

Il menu degli strumenti Principale un esempio di menu degli strumenti che contiene menu degli strumenti secondari. possibile aprire i menu degli strumenti e selezionare lo strumento desiderato direttamente dal menu degli strumenti principale. Nel menu degli strumenti Principale viene visualizzato uno strumento per ogni menu degli strumenti secondario. Ad esempio, nella colonna di destra del menu degli strumenti Principale viene sempre visualizzato come secondo strumento uno dei componenti del menu degli strumenti Elementi lineari: Posiziona SmartLine o lo strumento selezionato per ultimo. Nella nuova interfaccia utente non possibile accedere a pi menu degli strumenti. possibile aprire pi menu degli strumenti contemporaneamente attivando le caselle di controllo corrispondenti nella finestra di dialogo Menu degli strumenti.

Per aprire (e sganciare) un menu degli strumenti


1. Dal menu Strumenti o da uno dei relativi sottomenu, attivare la voce corrispondente al menu degli strumenti che si desidera aprire. Ad esempio, per aprire il menu degli strumenti Elementi

Guida rapida di MicroStation

329

Nozioni fondamentali
Utilizzo dei menu degli strumenti
lineari, selezionare la voce Elementi lineari nel sottomenu Principale del menu Strumenti.

Metodo alternativo Per aprire (e sganciare) un menu degli strumenti


1. Dal menu Strumenti, scegliere Menu degli strumenti. Viene visualizzata la finestra di dialogo Menu degli strumenti con una casella di riepilogo contenente una voce per ogni menu degli strumenti disponibile. La casella di controllo accanto ad ogni voce indica se il menu degli strumenti aperto.

2. Nella casella di riepilogo, selezionare la casella di controllo corrispondente al menu degli strumenti che si desidera aprire, quindi scegliere OK. o Nella casella di riepilogo, fare doppio clic sulla voce corrispondente al menu degli strumenti che si desidera aprire.

Per aprire un sottomenu del menu degli strumenti Principale


1. Nel menu degli strumenti Principale, fare clic sullo strumento rappresentativo del sottomenu (tenendo premuto il pulsante Dati). Per individuare la posizione del pulsante Dati sulla periferica di input grafico in uso, fare riferimento a Input

330

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Utilizzo dei menu degli strumenti
grafico con il mouse (vedere pagina 3-21) e Input grafico con la tavoletta di digitalizzazione (vedere pagina 3-24) . Ad esempio, per aprire il menu degli strumenti Elementi lineari, fare clic sul secondo strumento nella colonna di destra del menu degli strumenti Principale (Posiziona SmartLine nella configurazione predefinita). Il menu degli strumenti Elementi lineari rimane aperto fino a quando si tiene premuto il pulsante Dati. Per selezionare uno strumento possibile trascinare il puntatore sul menu degli strumenti. Al rilascio del pulsante Dati, il menu degli strumenti viene chiuso e lo strumento selezionato viene visualizzato nel menu degli strumenti Principale.

Il menu degli strumenti Elementi lineari aperto dal menu degli strumenti Principale

Per aprire e sganciare un sottomenu del menu degli strumenti Principale


1. Nel menu degli strumenti Principale, fare clic sullo strumento del sottomenu e trascinare questultimo al di fuori del menu degli strumenti Principale. Per sganciare il sottomenu, necessario trascinare il puntatore fino a una certa distanza dal menu degli strumenti Principale. Quando il puntatore si trova a una distanza sufficiente, i contorni del menu degli strumenti vengono visualizzati in modo dinamico. o Utilizzare il menu Strumenti (per ulteriori informazioni, vedere Per aprire (e sganciare) un menu degli strumenti a pagina 3-29). o Utilizzare la finestra di dialogo Menu degli strumenti (per ulteriori informazioni, vedere Per aprire (e sganciare) un

Guida rapida di MicroStation

331

Nozioni fondamentali
Utilizzo dei menu degli strumenti
menu degli strumenti a pagina 3-29).

Trascinamento e sganciamento del menu degli strumenti Elementi lineari

Ad esempio, per aprire e sganciare il menu degli strumenti Elementi lineari con il primo metodo, fare clic sul secondo strumento nella colonna di destra del menu degli strumenti Principale e trascinare il menu degli strumenti Elementi lineari al di fuori del menu degli strumenti Principale. In alcuni menu degli strumenti sono contenuti dei controlli della vista che vengono utilizzati per modificare la parte di disegno visualizzata nelle finestre delle viste. Per ulteriori informazioni, vedere Utilizzo dei controlli della vista (vedere pagina 4-9) .

Aggancio dei menu degli strumenti

possibile agganciare i menu degli strumenti ai lati della finestra di MicroStation. Quando un menu degli strumenti viene agganciato, la barra del titolo corrispondente non viene visualizzata e il contorno pi sottile. In base allimpostazione predefinita, il menu degli strumenti Principale agganciato al margine sinistro della finestra di MicroStation, mentre i menu degli strumenti Attributi, Strumenti principali e Standard sono agganciati al margine superiore. Se si desidera, possibile sganciare questi menu dalle loro posizioni predefinite.

332

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Utilizzo dei menu degli strumenti

Movimento dei menu degli strumenti agganciati

Per sganciare e riagganciare un menu degli strumenti sufficiente ununica operazione di trascinamento. Se un menu degli strumenti agganciato quando viene chiuso, viene automaticamente agganciato quando viene aperto nuovamente. Le seguenti finestre possono essere agganciate (solo nella parte superiore o inferiore della finestra MicroStation): Finestra Digita (per ulteriori informazioni, vedere Digitazioni (vedere pagina 3-44) ) Finestra Gruppi di viste (per ulteriori informazioni, vedere Per aprire una finestra della vista nel Manuale di riferimento in linea.) Finestra AccuDraw (per ulteriori informazioni, vedere AccuDraw nel Manuale dellutente) Barra pulsanti Modalit di cattura (per ulteriori informazioni, vedere Cattura di punti sugli elementi nel Manuale dellutente)

Per spostare, senza agganciarlo, un menu degli strumenti o una qualsiasi altra finestra agganciabile, tenere premuto il tasto Ctrl e trascinare la barra del titolo.

Per agganciare un menu degli strumenti mobile


1. Tenere premuto il pulsante Dati e trascinare la barra del titolo del menu degli strumenti verso il lato della finestra di MicroStation su cui si desidera agganciare il menu. Quando il puntatore si avvicina al lato, il contorno del menu degli strumenti visualizzato dinamicamente viene modificato per indicare la dimensione del menu nel caso in cui venga agganciato. 2. Quando il contorno si trova nella posizione di aggancio desiderata, rilasciare il pulsante Dati.

Guida rapida di MicroStation

333

Nozioni fondamentali
Utilizzo dei menu degli strumenti

Per sganciare un menu degli strumenti


1. Posizionare il puntatore sul bordo sottile o su unarea vuota del menu e allontanarlo dal lato della finestra di MicroStation. 2. Quando il contorno del menu degli strumenti visualizzato dinamicamente si trova nella posizione desiderata, rilasciare il pulsante Dati.

Individuazione e selezione degli strumenti


possibile selezionare un solo strumento per volta. Il nome dello strumento selezionato viene visualizzato sulla barra di stato e lo strumento viene evidenziato allinterno del menu degli strumenti. In base allimpostazione predefinita, lo strumento selezionato Selezione dellelemento.

Per individuare uno strumento


1. Posizionare il puntatore su uno strumento del menu degli strumenti. La descrizione dello strumento viene visualizzata allinterno di un rettangolo giallo sotto il puntatore. Questa descrizione dello strumento ne identifica il nome. (che pu essere abbreviato). Una descrizione dello strumento viene visualizzata anche sulla barra di stato. 2. Spostare il puntatore sul menu dei singoli strumenti per leggere la descrizione degli strumenti visualizzata sotto il puntatore o sulla barra di stato. possibile impostare la selezione degli strumenti su bloccata o per singolo uso:

Uno strumento bloccato rimane selezionato anche dopo il relativo utilizzo. possibile continuare a utilizzare lo strumento senza doverlo selezionare nuovamente, fino a quando non ne viene selezionato un altro.

334

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Utilizzo dei menu degli strumenti

Quando uno strumento viene selezionato per singolo uso, pu essere utilizzato una sola volta. Dopo il completamento delloperazione, viene selezionato automaticamente lo strumento predefinito, se disponibile.

Per selezionare uno strumento che si trova in un sottomenu del menu degli strumenti Principale, sufficiente fare clic sullo strumento visibile del sottomenu, trascinare il puntatore sullo strumento desiderato e rilasciare il pulsante Dati. Durante il trascinamento la descrizione dello strumento non viene visualizzata n sulla barra di stato n sotto il puntatore. Tuttavia, sulla barra di stato vengono visualizzati i nomi degli strumenti. possibile configurare la selezione degli strumenti utilizzando limpostazione della preferenza utente Singolo clic nella categoria Interfaccia della finestra di dialogo Preferenze (Area di lavoro > Preferenze). Impostando Singolo clic su: Singolo uso possibile selezionare uno strumento per singolo uso con un unico clic o selezionare e bloccare lo strumento con un doppio clic. Bloccato possibile selezionare e bloccare uno strumento con un unico clic o selezionarlo per un singolo uso con un doppio clic.

Per ulteriori informazioni sullimpostazione delle preferenze utente, vedere Preferenze dellutente (vedere pagina 5-1) .

Per selezionare uno strumento da un menu degli strumenti (Singolo clic impostato su Bloccato)
1. Fare clic sullo strumento. Lo strumento rimane attivo fino a quando non ne venga selezionato un altro.

Guida rapida di MicroStation

335

Nozioni fondamentali
Utilizzo dei menu degli strumenti

Per selezionare uno strumento da un menu degli strumenti (Singolo clic impostato su Singolo uso)
1. Fare clic sullo strumento. Dopo avere utilizzato (una volta) lo strumento, viene ripristinato lo strumento predefinito.

Per selezionare uno strumento da un menu degli strumenti per un singolo uso (Singolo clic impostato su Bloccato)
1. Fare doppio clic sullo strumento. Dopo avere utilizzato (una volta) lo strumento, viene ripristinato lo strumento predefinito.

Per selezionare e bloccare uno strumento da un menu degli strumenti (Singolo clic impostato su Singolo uso)
1. Fare doppio clic sullo strumento. Lo strumento rimane attivo fino a quando non ne venga selezionato un altro. possibile decidere se attivare o disattivare la visualizzazione delle descrizioni degli strumenti.

Per attivare o disattivare la visualizzazione della descrizione degli strumenti


1. Dal menu Guida, scegliere Descrizione pulsanti.

336

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Utilizzo dello strumento selezionato

Metodo alternativo Per attivare o disattivare la visualizzazione della descrizione degli strumenti
1. Dal menu Strumenti, scegliere Menu degli strumenti. Viene visualizzata la finestra di dialogo Menu degli strumenti 2. Fare clic sulla casella di controllo Mostra descrizione pulsanti. 3. Fare clic su OK.

Utilizzo dello strumento selezionato

In MicroStation sono disponibili numerosi supporti per lutilizzo degli strumenti. Le impostazioni che influenzano il funzionamento di uno strumento possono essere controllate dalla relativa finestra delle impostazioni. Sulla barra di stato posta nella parte inferiore della finestra di MicroStation vengono visualizzati i prompt e i messaggi relativi allo strumento selezionato. Per ulteriori informazioni sullutilizzo dello strumento selezionato, vedere Barra di stato nel Manuale di riferimento.

Impostazione degli strumenti


Le impostazioni degli strumenti influiscono sul funzionamento di determinati strumenti. Ad esempio, limpostazione Metodo determina la modalit di disegno di un rettangolo con lo strumento Posiziona rettangolo. In un sottomenu degli strumenti collegato al menu principale (non mobile), igli strumenti a cui sono associate ulteriori impostazioni sono contraddistinti da un triangolo.

Le impostazioni dello strumento rimangono attive fino a quando non vengono modificate. In questo modo si evita di dover definire le impostazioni di uno strumento ogni volta che lo si seleziona. Questa funzionalit, se da un lato ottimizza le prestazioni di MicroStation, dallaltro comporta la necessit di ricordare o di visualizzare sullo schermo le impostazioni dello strumento attivo.

Guida rapida di MicroStation

337

Nozioni fondamentali
Utilizzo dello strumento selezionato

Impostazione strumenti, finestra


La finestra Impostazione strumenti consente di modificare le impostazioni degli strumenti. Se ad esempio selezionato lo strumento Posiziona rettangolo, nella finestra vengono visualizzati i controlli che consentono di definire le impostazioni dello strumento, quali Metodo, Area, Tipo riempim., Colore riempim., mentre sulla barra del titolo della finestra viene visualizzato il nome dello strumento. Una volta chiusa, la finestra viene visualizzata automaticamente selezionando uno strumento a cui sono associate delle impostazioni.

Nella finestra delle impostazioni dello strumento vengono visualizzate le impostazioni specifiche dello strumento selezionato. Non tutte le impostazioni sono specifiche di determinati strumenti. Ad esempio, quelle relative agli attributi di un elemento e ai bloccaggi influenzano il posizionamento degli elementi con diversi strumenti. Quando la finestra delle impostazioni dello strumento chiusa, non possibile visualizzare le impostazioni relative allo strumento selezionato. che continuano, tuttavia, a influenzare il funzionamento dello strumento.

Controllo dei messaggi sulla barra di stato

Si consiglia controllare con una certa frequenza la barra di stato situata nella parte inferiore della finestra dellapplicazione o dello schermo. Sulla barra di stato, infatti, vengono visualizzate numerose informazioni utili, tra cui prompt, messaggi e il nome dello strumento selezionato. Per verificare lo stato corrente dellutilizzo di uno strumento, leggere le indicazioni riportate sulla barra di stato.

338

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Utilizzo dello strumento selezionato
La barra di stato divisa in due sezioni

Sezione sinistra della barra di stato

Sulla sezione sinistra, in genere, viene visualizzato il nome dello strumento (o controllo vista) selezionato, seguito dal simbolo di maggiore (>) e dal testo del messaggio. Il testo che segue il carattere > rappresenta il promp dello strumento selezionato. Tali prompt agevolano lesecuzione delle operazioni con uno strumento.

Quando si sposta il puntatore sugli strumenti di un menu, sulla barra di stato viene visualizzata la descrizione dello strumento che si trova sotto il puntatore, anzich il nome dello strumento selezionato o il testo del messaggio ad esso associato. Questa funzionalit ha lo scopo di fornire una sorta di aiuto in linea.

Se si verificato un errore relativo allo strumento corrente, al posto del nome dello strumento selezionato e del messaggio ad esso associato viene visualizzato il messaggio di errore. Se ad esempio si sta utilizzando lo strumento Copia elemento e si inserisce un punto dati in una parte vuota della vista anzich identificare un elemento, viene visualizzato il messaggio Nessun elemento trovato.

Subito a destra rispetto alla sezione dello strumento sulla barra di stato presente licona della finestra Centro messaggi e larea del messaggio, in cui sono visualizzati vari messaggi di errore, avviso e informazioni. Facendo clic sullicona Centro messaggi viene visualizzata la finestra Centro messaggi, che consente di scorrere i messaggi precedentemente visualizzati sulla barra di stato.

Guida rapida di MicroStation

339

Nozioni fondamentali
Utilizzo dello strumento selezionato

Quando si inserisce un punto tentativo (vedere Utilizzo dei punti tentativo) o si richiedono informazioni sulle misure ad esempio misure di distanze o angoli con gli strumenti nel menu degli strumenti Misura i valori vengono riportati nei campi della sezione a destra dellicona Centro messaggi, che possono essere consultati anche nella finestra Centro messaggi. Per ulteriori informazioni sui punti cattura tentativo, vedere Utilizzo dei punti tentativo nel Manuale dellutente.

Sezione destra della barra di stato

La sezione destra, in genere, composta da una serie di campi. Da sinistra verso destra, i campi visualizzano le seguenti informazioni di stato:

Impostazione della modalit di cattura. Licona Bloccaggi non consente di visualizzare informazioni sullo stato. Selezionando questa icona possibile accedere al

340

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Utilizzo dello strumento selezionato
sottomenu Bloccaggi del menu Impostazioni. Impostazione del livello attivo. Numero degli elementi selezionati (per ulteriori informazioni, vedere Selezione di elementi nel Manuale dellutente). Questo campo vuoto quando non selezionato alcun elemento. Presenza di eventuali fence posizionate (vedere Utilizzo della fence per la manipolazione e la modifica di elementi). Questo campo vuoto quando non posizionata alcuna fence. Per ulteriori informazioni sullutilizzo della fence per la manipolazione e la modifica di elementi, vedere Utilizzo della fence per la manipolazione e la modifica di elementi nel Manuale dellutente. Se la variabile di configurazione MS_WORKMODE impostata su DGN Capacity (Capacit DGN) o DWG Restricted (Limitazione DWG). Nel primo caso, il campo vuoto. Nel secondo caso, il campo contiene una croce su sfondo rosso. Presenza di modifiche al file DGN aperto non salvate. Questo campo vuoto se non sono state apportate modifiche da salvare. Se il campo contiene unicona raffigurante un disco floppy nero, significa che nel disegno sono presenti modifiche non salvate. Se nel campo visualizzata unicona rossa a forma di disco floppy barrata con una X, il file DGN aperto in sola lettura.

Per informazioni sullimpostazione di MS_WORKMODE e di altre variabili di configurazione, vedere Utilizzo delle variabili di configurazione nel Manuale dellamministratore.

Punti dati

Per punto dati si intende un input grafico che, in base al contesto, pu avere uno dei seguenti effetti: Identificare un punto in un disegno (ad esempio, per il posizionamento o la selezione di un elemento). Identificare la vista in cui viene inserito (ad esempio, per

Guida rapida di MicroStation

341

Nozioni fondamentali
Utilizzo dello strumento selezionato
ladattamento o laggiornamento della vista). Accettare unoperazione (ad esempio, leliminazione di un elemento) invece di rifiutarla.

In MicroStation, tutte le finestre delle viste aperte sono attive. Non quindi necessario selezionare la vista in cui si desidera lavorare ed possibile posizionare e manipolare gli elementi in qualsiasi vista aperta. Questa funzionalit avanzata di MicroStation consente anche di iniziare il posizionamento di un elemento in una vista e terminarlo in unaltra. Per ulteriori informazioni sullutilizzo delle viste, vedere Visualizzazione di disegni (vedere pagina 4-1) . sono disponibili numerose altre tecniche per inserire punti dati con la massima precisione. Per informazioni su queste tecniche, vedere Utilizzo dei punti tentativo e AccuDraw nel Manuale dellutente.

Per inserire un punto dati


1. Posizionare il puntatore sulla parte di vista desiderata. 2. Fare clic con il pulsante Dati.

Operazione di reset
Loperazione di reset in MicroStation ha un effetto analogo a quello che produce il tasto Esc in alcuni programmi. Ad esempio, per terminare la maggior parte delle procedure di MicroStation composte da diversi passi possibile resettare. Se stato selezionato un controllo della vista, possibile resettare (1 o 2 volte) per deselezionare il controllo della vista e selezionare nuovamente lo strumento di disegno precedentemente attivo.

Per resettare
1. Premere il pulsante Reset.

342

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Gestione degli errori

Gestione degli errori


MicroStation supporta un numero illimitato di annullamenti, permettendo di annullare le operazioni di disegno per rimediare a un errore. Analogamente, possibile utilizzare i controlli Visualizza precedente e Visualizza successiva per scorrere fino a otto operazioni di visualizzazione per ogni vista.

Per annullare lultima operazione


1. Dal menu Modifica, scegliere Annulla <operazione> (o premere Ctrl-Z). Ad esempio, se stato cancellato un elemento utilizzando lo strumento Elimina elemento, possibile annullare questa operazione selezionando Annulla elimina elemento dal menu Modifica.

Dopo aver annullato questa operazione, possibile annullare loperazione immediatamente precedente. quindi possibile annullare una serie di operazioni scegliendo ripetutamente Annulla dal menu Modifica. possibile annullare un numero illimitato di operazioni durante una sessione di disegno. Lunico limite del buffer per undo dato dallo spazio disponibile sul disco. Un altro limite rappresentato dallimpossibilit di annullare le operazioni eseguite prima dellultima chiusura o compressione del file di disegno. Quando un file di disegno viene chiuso o salvato con nome, il buffer per undo viene svuotato. Per comprimere un file DGN, scegliere Comprimi disegno dal menu File.

Per annullare tutte le operazioni registrate nel buffer per undo


1. Dal sottomenu Annulla altro del menu Modifica, scegliere Tutto.

Guida rapida di MicroStation

343

Nozioni fondamentali
Digitazioni

Metodo alternativo Per annullare tutte le operazioni registrate nel buffer per undo
1. Se la preferenza Salvare immediatamente modifiche al disegno disattivata, chiudere il file DGN aperto senza salvare le modifiche. Per impostare questa preferenza, utilizzare la sezione Operazione della finestra di dialogo Preferenze (Area di lavoro > Preferenze).

Per annullare lultima operazione di annullamento


1. Dal menu Modifica, scegliere Ripeti <operazione> (o premere Ctrl-R).

Digitazioni
Le digitazioni sono istruzioni immesse nella finestra Digita per

344

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Digitazione
attivare controlli o funzionalit di MicroStation. Quasi tutte le digitazioni possono essere sostituite dalla selezione degli strumenti dellinterfaccia grafica utente. Tuttavia, lutilizzo della digitazione pu essere pi rapido, anche in considerazione del fatto che MicroStation riconosce le abbreviazioni. MicroStation consente di assegnare digitazioni ai tasti funzione da F1 a F12, nonch combinazioni di tali tasti con i tasti Maiusc, Alt e Ctrl. Tali assegnazioni vengono memorizzate nei menu di tasti funzione.

Per aprire la finestra Digita


1. Dal menu Varie, scegliere Digita. o Dal menu Guida, scegliere Digita.

Digitazione
Prima di immettere una digitazione, necessario che la finestra Digita sia attiva. Una volta attivata la finestra Digita, il cursore lampeggia nellarea di digitazione e la barra del titolo (se visibile) evidenziata.

MicroStation riconosce le digitazioni abbreviate. Ad esempio, la digitazione MDL LOAD <NOME_APPLICAZIONE> pu essere abbreviata a MDL L <NOME_APPLICAZIONE>. Labbreviazione non deve essere ambigua, ovvero deve essere univoca.

Per completare automaticamente la parola chiave selezionata in una

Guida rapida di MicroStation

345

Nozioni fondamentali
Ricerca e creazione di digitazioni
casella di riepilogo, premere la barra spaziatrice.

Per conservare lo spazio disponibile sullo schermo, possibile ridimensionare la finestra Digita in modo da visualizzarne solo il campo di digitazione (o il campo di digitazione e le caselle di riepilogo delle parole chiave) oppure agganciare la finestra trascinandola sulla parte superiore o inferiore della finestra MicroStation. Se viene agganciata, la finestra Digita viene ridimensionata automaticamente e viene visualizzato solo il campo di digitazione. Per sganciare e ingrandire contemporaneamente la finestra Digita, scegliere Digita dal menu Guida.

Per selezionare uno strumento o un controllo della vista tramite una digitazione
1. Nel campo della finestra Digita, immettere il testo della digitazione corrispondente. Durante limmissione del testo, i caratteri vengono abbinati alle parole chiave nella lingua dei comandi delle digitazioni. Quando il testo corrisponde a una parola chiave, questa viene automaticamente selezionata dalla casella di riepilogo sotto il campo di digitazione. 2. Se necessario, modificare la digitazione. Per ulteriori informazioni sulla modifica delle digitazioni, vedere Modifica delle digitazioni a pagina 3-48 nel Manuale di riferimento. 3. Al termine, fare clic sul pulsante Digita o premere Invio. La digitazione viene immessa. Se non viene visualizzato alcun risultato, leggere il messaggio riportato sulla barra di stato.

Ricerca e creazione di digitazioni


Le caselle di riepilogo della finestra Digita possono essere utilizzate anche per cercare e creare digitazioni. possibile scorrere le prime parole delle digitazioni e selezionarne una, quindi scorrere le parole che possono seguire la parola selezionata e selezionarne una e cos via. Al termine, inviare la digitazione a MicroStation.

346

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Ripetizione di digitazioni

Per ulteriori informazioni sulle digitazioni che corrispondono a determinati strumenti e controlli della vista, vedere le sezioni di riferimento per i menu degli strumenti della guida. Per cercare digitazioni, possibile consultare la guida in linea, in particolare, il Manuale di riferimento in linea.

Per creare una digitazione


1. Nella prima casella di riepilogo a sinistra della finestra Digita, selezionare una parola chiave. La parola chiave selezionata viene visualizzata nel campo di digitazione e le parole chiave di secondo livello associate vengono visualizzate nella casella di riepilogo adiacente. 2. Se necessario, selezionare altre parole chiave, una per ogni casella di riepilogo proseguendo da sinistra a destra, fino a quando non si ottiene la digitazione desiderata. 3. Per elaborare la digitazione creata, fare clic sul pulsante Digita o premere Invio.

Ripetizione di digitazioni
MicroStation memorizza le digitazioni immesse in un buffer per consentirne un successivo utilizzo e, se necessario, la modifica. Questa funzionalit simile a quella degli editor della riga di comando disponibile in alcuni sistemi operativi. Quando il buffer pieno, le prime digitazioni immesse vengono eliminate per creare lo spazio necessario alla memorizzazione delle pi recenti.

Per richiamare ed elaborare una digitazione, fare doppio clic su di essa nella casella di riepilogo della cronologia.

Per richiamare una digitazione


1. Premere ripetutamente il tasto fino a quando non viene visualizzata la digitazione desiderata nellapposito campo della finestra Digita. o

Guida rapida di MicroStation

347

Nozioni fondamentali
Modifica delle digitazioni
Selezionare la digitazione desiderata nella casella di riepilogo della cronologia delle digitazioni nella parte inferiore della finestra Digita.

Modifica delle digitazioni


Per modificare il testo nella finestra Digita, possibile utilizzare i tasti base disponibili per la modifica del testo in MicroStation, sia quando il testo stato richiamato da una digitazione precedente sia quando stato immesso direttamente. Per ulteriori informazioni sulle procedure per la modifica del testo, vedere Funzioni di base per la modifica del testo nel Manuale per la generazione di disegni.

Per spostare il punto di inserimento nel campo di digitazione


1. Fare clic sulla posizione in cui si desidera spostare il punto di inserimento.

Per cancellare il testo nel campo di digitazione


1. Premere i tasti Canc o Backspace.

Per cancellare una parte di testo nel campo di digitazione


1. Selezionare il testo con il puntatore 2. Premere il tasto Canc.

Per cancellare tutto il testo nel campo di digitazione


1. Resettare o premere Esc.

348

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Operazioni preliminari per il disegno

Per sostituire una parte di testo nel campo di digitazione


1. Selezionare il testo con il puntatore (se il testo costituito da una parola intera, possibile selezionarla facendo doppio clic su di essa). 2. Digitare il nuovo testo.

Operazioni preliminari per il disegno


Ad eccezione delle preferenze utente, non esistono impostazioni predefinite in MicroStation. Le impostazioni descritte nelle seguenti sottosezioni possono essere salvate nel file DGN. Per memorizzare le modifiche apportate alle impostazioni del file DGN durante le sessioni, necessario salvare le impostazioni utilizzando appositi comandi. Vedere Salvataggio delle impostazioni dei file DGN a pagina 3-55.

File seme
Quando si crea un nuovo file DGN, necessario identificare un file seme come template per il file DGN. Inizialmente, infatti, il nuovo file DGN una copia del file seme.

I file seme non contengono (necessariamente) elementi ma, analogamente ad altri file DGN, contengono almeno un modello (predefinito), impostazioni e configurazioni della vista. La possibilit di disporre di un file seme con impostazioni personalizzate evita la necessit di modificare le impostazioni per ogni file DGN creato. Se si desidera, possibile disporre di un file seme per ciascun tipo di disegno.

Oltre ai file seme generici, quali seed2d.dgn e seed3d.dgn, infatti, MicroStation fornisce numerosi file seme specifici di diverse discipline. Per ulteriori informazioni sulla creazione di file seme personalizzati, vedere File DGN seme nelManuale dellamministratore.

Guida rapida di MicroStation

349

Nozioni fondamentali
File seme

Per selezionare un file seme


1. Dal menu File, scegliere Nuovo. Verr visualizzata la finestra di dialogo Nuovo. 2. Nella sezione File seme, fare clic sul pulsante Selez. Viene visualizzata la finestra di dialogo Seleziona file seme. Il filtro predefinito File DGN MicroStation [*.dgn].

3. (Facoltativo) Per visualizzare lelenco di tutti i file o dei file AutoCAD nella casella di riepilogo File, scegliere Tutti i file [*.*] o File di disegno AutoCAD [*.dwg] dal menu di opzioni Elenca file di tipo. 4. (Facoltativo) Per impostare ununit disco di origine differente, selezionare lunit desiderata dal menu di opzioni Unit. 5. (Facoltativo) Per selezionare una directory di origine differente, utilizzare la casella di riepilogo Directory. 6. Dalla casella di riepilogo File, selezionare il file seme desiderato. o Nel campo File, digitare il nome del file seme desiderato. 7. Fare clic su OK.

350

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Ambiente di disegno DGN

Ambiente di disegno DGN


Nel disegno 2D, il piano di disegno di MicroStation equivale a un normale foglio da disegno. A differenza di un foglio da disegno, per, il piano di disegno (o cubo in 3D) in un file DGN estremamente ampio e consente quindi di disegnare modelli in scala intera. Per disegnare vari elementi nel modello, inserire i punti dati. Ogni punto dato inserito sul piano di disegno associato a una coordinata X (orizzontale) e a una coordinata Y (verticale). Il piano di disegno, quindi, semplicemente un sistema di coordinate cartesiane su cui viene tracciato il disegno.

Le coordinate sono espresse nella forma (X,Y). Nei file seme (vedere pagina 3-49) forniti con larea di lavoro predefinita di MicroStation, il punto denominato origine globale corrisponde al centro esatto del piano di disegno ed associato alle coordinate 0,0. I punti a destra dellorigine globale hanno un valore X positivo, mentre quelli a sinistra hanno un valore X negativo. I punti al di sopra dellorigine globale hanno un valore Y positivo, mentre quelli sottostanti hanno un valore Y negativo.

Sebbene lorigine globale preimpostata nei file seme possa essere utilizzata per la maggior parte delle operazioni, possibile modificarne la posizione o le coordinate. Ad esempio, possibile che un architetto debba utilizzare esclusivamente coordinate con valori positivi, mentre un topografo o un geometra debbano rispettare una griglia stabilita da unagenzia governativa per definire tutte le posizioni rispetto a un determinato punto. Per ulteriori informazioni, vedere Impostazione dellorigine globale a pagina 3-54.

Quando si inserisce un punto dati, le coordinate vengono salvate nel formato a virgola mobile IEEE a 64 bit. Il cubo di disegno 3D analogo al piano di disegno 2D, con laggiunta di un terzo asse Z (profondit). I punti dei modelli 2D vengono memorizzati come valori di coordinate espressi nella forma (X,Y), mentri quelli dei modelli 3D vengono memorizzati nella forma (X,Y,Z).

Guida rapida di MicroStation

351

Nozioni fondamentali
Unit di lavoro

Unit di lavoro

Le unit di lavoro corrispono alle unit reali utilizzate durante il disegno o la creazione di modelli in un file DGN. Le unit di lavoro vengono generalmente definite nei file DGN seme utilizzati come base per la creazione dei file DGN di lavoro. Di norma non richiedono regolazioni.

possibile scegliere le unit principali e secondarie utilizzando il nome corrispondente, ad esempio Piedi e pollici o Metri e centimetri. La modifica dei nomi delle unit di lavoro non influenza la dimensione geometrica nel modello. Riepilogo: Le unit di lavoro sono espresse in unit principali (le unit pi grandi utilizzate per il disegno, ad esempio metri) e unit secondarie frazionarie (lunit pi piccola da utilizzare, ad esempio centimetri o millimetri). Le unit secondarie non possono essere pi grandi delle Unit principali. Modificando le unit di lavoro, non si modifica la dimensione degli elementi del disegno. In altre parole, possibile disegnare in metri e centimetri e passare successivamente a piedi e pollici per ottenere le misure inglesi.

Per selezionare i nomi di unit per le unit di lavoro


1. Scegliere Disegno dal menu Impostazioni. Viene visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni file DGN. 2. Dallelenco Categoria, selezionare Unit di lavoro. 3. Scegliere il tipo di unit principale desiderato dal menu di opzioni corrispondente. Passando dalle unit metriche a quelle anglosassoni per le unit principali, vengono modificate di conseguenza anche le unit secondarie. Allo stesso modo, specificando ununit principale pi piccola rispetto allunit secondaria corrente, questultima viene

352

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Unit di lavoro
modificata in ununit adeguata. 4. (Facoltativo) Scegliere il tipo di unit secondaria desiderato dal menu di opzioni corrispondente.

Impostazione delle risoluzione


Nella finestra di dialogo Impostazioni unit avanzate presente limpostazione Risoluzione, che determina la precisione del piano di disegno influisce sulla dimensione degli elementi esistenti in un modello. Prima di modificare limpostazione della risoluzione, opportuno rivolgersi allamministratore.

In un file DGN, limpostazione Risoluzione consente di impostare il livello minimo di precisione per lambiente di disegno, che si raggiunge solo al margine estremo dellarea di lavoro (massima). Se ad esempio si utilizza una precisione minima di 0,0001 metri, la dimensione del piano/cubo di disegno sar di 900 milioni di chilometri su ciascun asse. Il livello effettivo di precisione molti milioni di volte superiore quando si disegna in prossimit dellorigine del piano di disegno, la situazione pi comune. Nella maggior parte dei casi, pertanto, non necessario modificare limpostazione relativa alla risoluzione.

Formati utilizzati per esprimere le unit di lavoro


Le distanze immesse nei file DGN sono generalmente espresse in due forme: Con un numero decimale standard, ad esempio 1,275 Con due numeri separati da due punti (:), indicanti MU:SU. Ad esempio, 3:4 significa tre unit principali (MU) e quattro unit secondarie (SU).

Nella tabella seguente sono illustrati alcuni esempi di distanze espresse in questultima forma.

Guida rapida di MicroStation

353

Nozioni fondamentali
Lettura coordinate
Unit di lavoro Piedi / Pollici Miglia / Iarde Metri / Centimetri Millimetri / Micrometri MU:SU 120:10 350:65 5:25 0:500 oppure :500 Distanza 120 piedi, 10 pollici 350 miglia, 65 iarde 5 metri, 25 centimetri Mezzo millimetro

Impostazione dellorigine globale


Per impostare lorigine globale viene utilizzata la digitazione ACTIVE ORIGIN (GO=), che consente di impostare la lettura delle coordinate di 0,0 su qualsiasi punto nel modello contrassegnato (con un punto dati).

Lettura coordinate
La lettura delle coordinate limpostazione che definisce il formato e la precisione con cui MicroStation visualizza coordinate, distanze e angoli sulla barra di stato e nelle finestre di dialogo. Limpostazione della lettura delle coordinate non influisce sulla precisione dei calcoli ma solo sulla precisione con cui vengono visualizzati i risultati.

Per impostare la modalit di lettura delle coordinate


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Disegno. Viene visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni file DGN. 2. Dalla casella di riepilogo Categoria, selezionare Lettura coordinate. Vengono visualizzati cinque menu di opzioni per limpostazione

354

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Salvataggio delle impostazioni dei file DGN
della lettura delle coordinate.

Finestra di dialogo Impostazioni file DGN (categoria Lettura coordinate)

3. Scegliere Unit principali, Unit secondarie o Unit di lavoro dal menu di opzioni Formato nella sezione Lettura coordinate. 4. Dal menu di opzioni Precisione, selezionare il numero di posizioni decimali (1-6) o il denominatore delle frazioni (2-64) in cui vengono visualizzate le frazioni delle unit selezionate dal menu di opzioni Formato. 5. Dal menu di opzioni Formato della sezione Angoli, selezionare GG.GGGG per la lettura decimale degli angoli o GG MM SS per la lettura degli angoli in gradi, minuti e secondi. 6. Scegliere Normale, Azimuth o Bearing dal menu di opzioni Modalit. 7. Dal menu di opzioni Precisione, selezionare il numero di posizioni decimali (0-8) con cui visualizzare la dimensioni delle frazioni di angolo. 8. Fare clic su OK.

Salvataggio delle impostazioni dei file DGN


Per memorizzare le modifiche apportate alle impostazioni del file DNG, quali unit di lavoro e lettura coordinate, per tutte le sessioni lavoro, necessario salvare le impostazioni utilizzando appositi comandi.

Guida rapida di MicroStation

355

Nozioni fondamentali
Modelli

Per salvare su disco le impostazioni correnti del file DGN aperto


1. Dal menu File, scegliere Salva impostazioni (o premere Ctrl-F).

Modelli
Quando si disegna o si inseriscono elementi in un file DGN di MicroStation, si crea un modello. Un modello pu essere 2D o 3D e viene memorizzato come oggetto discreto allinterno del file DGN. Ciascun file DGN, pertanto, contiene uno o pi modelli, 2D o 3D. Pu essere utile considerare un file DGN come una scatola contenente oggetti 3D e 2D modelli che possono essere visualizzati singolarmente. La prima volta che si crea un nuovo file DGN da uno dei file seme, esso fornisce allimpostazione del contenitore vuoto un modello predefinito pronto per la creazione del disegno. Se si utilizza un file seme 2D, limpostazione predefinita 2D, mentre per un file seme 3D limpostazione predefinita 3D. In entrambi i casi, possibile creare modelli 2D e 3D nel file DGN aperto.

Ogni modello dispone di un insieme di otto viste. Il modello visualizzato o disponibile per la visualizzazione il modello attivo.

possibile creare due tipi di modelli: disegno e foglio. Il modello disegno pu essere in 2D o 3D ed costituito dalla geometria del disegno. Il modello di foglio viene utilizzato per collegare referimenti (vedere pagina 3-60) per la composizione dei disegni.

Ciascun modello dispone di un proprio sistema di unit. I livelli, invece, sono specifici del file DGN e non del modello.

La finestra di dialogo Modelli (File > Modelli),consente di creare modelli e di passare rapidamente da uno allaltro in un file DGN. Per ulteriori

356

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Creazione di modelli
informazioni sulla finestra di dialogo Modelli, vedere Finestra di dialogo Modelli nel Manuale di riferimento in linea.

Se si definisce almeno un gruppo di viste (vedere pagina 4-5) per ogni modello in un file DGN, possibile utilizzare anche la finestra Gruppi di viste per passare rapidamente da un modello a un altro. Nella casella di riepilogo presente nella finestra Gruppi di viste indicato il modello a cui associato il gruppo di viste.

Creazione di modelli
Utilizzando i modelli di disegno, possibile creare con la massima semplicit uno o pi modelli discreti allinterno di un unico file DGN. Utilizzando la finestra di dialogo Modellli, possibile passare rapidamente da un modello a un altro nel file DGN.

Analogamente, possibile creare modelli di foglio per comporre il disegno. I disegni sono generalmente costituiti da referimenti a pagina 3-60 dei modelli di disegno. I riferimenti possono essere tratti dal file DGN aperto o da altri file DGN memorizzati. Come per i modelli di disegno, possibile utilizzare la finestra di dialogo Modelli per passare da un modello di foglio a un altro. Sia per i modelli foglio che per i modelli disegno, non possibile visualizzare pi di un modello attivo per volta.

La prima volta che si crea un file DGN, esso dispone di un modello di disegno predefinito pronto per linserimento di elementi. Nella finestra di dialogo Modelli, il modello predefinito denominato Predefinito e la sua Descrizione Modello principale. possibile utilizzare questo modello e, se necessario, specificare un nome e una descrizione pi appropriati.

Guida rapida di MicroStation

357

Nozioni fondamentali
Creazione di modelli

Per creare un nuovo modello Disegno o Foglio


1. Scegliere Modelli dal menu File. Verr visualizzata la finestra di dialogo Modelli.

2. Nella finestra di dialogo Modelli, fare clic sullicona Crea un nuovo modello.

Viene visualizzata la finestra di dialogo Crea modello.

3. Selezionare Diseno o Foglio dal menu di opzioni Tipo. 4. Per il tipo Disegno, scegliere 2D o 3D dal menu di opzioni a destra. 5. Nel campo Nome, digitare il nome richiesto. 6. (Facoltativo) Nel campo Descrizione, digitare una

358

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Creazione di modelli
breve descrizione del modello. 7. Per utilizzare il modello come cella, selezionare lopzione Pu essere posizionato come cella. 8. (Facoltativo) Per creare un gruppo di viste per il modello, selezionare lopzione Crea un gruppo di viste. Se si crea un gruppo di viste, sar possibile modificare i modelli anche mediante la finestra Gruppi di viste. 9. Fare clic su OK.

Per cambiare il nome e/o la descrizione di un modello


1. Nella finestra di dialogo Modelli, fare clic sullicona Modifica propriet modello.

Viene visualizzata la finestra di dialogo Propriet modello.

2. Apportare le modifiche desiderate nei campi Nome e Descrizione. 3. Se necessario, attivare o disattivare lopzione Pu essere posizionato come cella. 4. Fare clic su OK.

Guida rapida di MicroStation

359

Nozioni fondamentali
Riferimenti ai modelli

Riferimenti ai modelli
In molti casi, soprattutto nei progetti di grandi dimensioni, possibile che un disegno sia costituito dal modello attivo e da uno o pi referimenti ad altri modelli. Tali riferimenti possono rappresentare altri modelli presenti nel file DGN aperto o modelli contenuti in altri file DGN.

Quando nel modello attivo vengono inseriti riferimenti ad altri modelli, viene mantenuto comunque il collegamento al modello originale. In altre parole, le modifiche apportate al modello originale avranno effetto anche nei riferimenti. Luso dei riferimenti consente a pi progettisti di lavorare contemporaneamente a uno stesso progetto. Ad esempio, un progettista civile pu lavorare sul modello di movimenti terra, un architetto sul modello delledificio e un disegnatore meccanico sul modello dellimpianto. Ognuno pu disporre di riferimenti agli altri modelli nel proprio modello, cos da essere sempre aggiornato sulle variazioni apportate nelle altre discipline.

Celle e modelli
Quando si creano modelli in un file DGN, possibile specificare che il modello Pu essere posizionato come cella. Quando questa opzione viene attivata, il modello pu essere indicato come modello o posizionato come cella. In questultimo caso, il collegamento al modello originale viene eliminato.

Per selezionare un modello come cella


1. Dal menu Elemento, scegliere Celle. Viene visualizzata la finestra di dialogo Libreria di celle. 2. Scegliere Collega dal menu File della finestra di dialogo Libreria di celle. Viene visualizzata la finestra di dialogo Collega libreria di celle. 3. Selezionare il file DGN contenente il modello richiesto (da posizionare come cella), quindi scegliere OK. La finestra di dialogo viene chiusa e il file DGN viene caricato

360

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Importazione e copia di modelli
come libreria di celle. I modelli che possono essere posizionati come celle sono visualizzati in questa casella di riepilogo. 4. Selezionare il modello desiderato e fare clic su Posiziona per impostarlo come cella attiva. 5. Utilizzare lo strumento Posiziona cella per posizionare il modello come cella.

Importazione e copia di modelli


Oltre a creare riferimenti ai modelli, possibile importare un modello da un altro file DGN nel file DGN aperto. In questo caso, il collegamento al modello originale viene eliminato e il modello importato diventa un modello distinto nel file DGN aperto.

Analogamente, possibile effettuare una copia di un modello esistente nel file DGN aperto.

Per importare un modello


1. Nella finestra di dialogo Modelli, fare clic sullicona Importa.

Viene visualizzata la finestra di dialogo Importa modello da file. 2. Utilizzare i controlli nella finestra di dialogo per selezionare il file DGN desiderato. 3. Fare clic su OK. Viene visualizzata la finestra di dialogo Copia modello.

Guida rapida di MicroStation

361

Nozioni fondamentali
Eliminazione di modelli

4. Scegliere il modello desiderato dal menu di opzioni Modello da copiare. 5. (Facoltativo) Digitare un nuovo nome e una descrizione per il modello. 6. Fare clic su OK.

Per copiare un modello


1. Nella finestra di dialogo Modelli, fare clic sullicona Copia modello.

Viene visualizzata la finestra di dialogo Copia modello. 2. Scegliere il modello desiderato dal menu di opzioni Modello da copiare. In base allimpostazione predefinita, il nome del modello viene visualizzato nel campo Nome, associato a un numero incrementale (ad esempio Piano-1). 3. (Facoltativo) Digitare un nuovo nome e una descrizione. 4. Fare clic su OK.

Eliminazione di modelli
possibile eliminare qualsiasi modello da un file DGN, eccetto il modello Predefinito presente al momento della creazione del file DGN.

362

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Utilizzo della Guida in linea

Per eliminare un modello in un file DGN aperto


1. Nella finestra di dialogo Modelli, selezionare il modello da eliminare. 2. Fare clic sullicona Elimina modello.

Loperazione di eliminazione di un modello pu essere annullata.

Utilizzo della Guida in linea

Tramite il menu Guida e la finestra della Guida di MicroStation possibile accedere alla Guida in linea completa di MicroStation. disponibile anche una guida in linea sensibile al contesto. La funzionalit opzionale di collegamento consente inoltre di visualizzare le informazioni della guida sullo strumento selezionato. I collegamenti ipertestuali, contrassegnati da testo colorato e sottolineato quando si sposta il puntatore su di essi, consentono di accedere rapidamente ad argomenti correlati. Per utilizzare la Guida in linea necessari oche nel computer in uso siano presenti alcune DLL di Windows. Assicurarsi che sia installato Microsoft Internet Explorer (versione 5 o successiva). Non necessario modificare il browser predefinito, purch sia installato Internet Explorer. Per ulteriori informazioni su Internet Explorer, fare

Guida rapida di MicroStation

363

Nozioni fondamentali
Utilizzo della Guida in linea
riferimento alla home page di Microsoft Internet Explorer. Il segno di spunta accanto alla voce Collegamento nel menu Guida indica se attivata o disattivata la funzionalit di collegamento.

Per aprire la finestra Guida


1. Dal menu Guida, scegliere Sommario. o Digitare HELP. Viene aperta la finestra della Guida e viene visualizzato il Sommario.

La finestra della Guida composta da due riquadri: il riquadro di spostamento a sinistra e il riquadro del contenuto a destra. Nel riquadro di spostamento sono presenti le seguenti schede: Sommario per esplorare gli argomenti. Indice indice del contenuto della Guida. Cerca per effettuare ricerche complete nel contenuto della Guida. Preferiti elenco personalizzabile di argomenti preferiti.

364

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Utilizzo della Guida in linea

Per visualizzare le informazioni della guida per ogni strumento selezionato o per attivare il collegamento
1. Nel menu Guida, attivare la voce Collegamento. 2. Durante la sessione di lavoro, nella finestra Guida vengono visualizzate le informazioni della Guida su ogni strumento selezionato.

Per visualizzare le informazioni della guida per i controlli delle finestre di dialogo o per attivare la guida sensibile al contesto
1. Attivare il controllo della finestra di dialogo (casella di controllo, menu di opzioni, casella di riepilogo, campo e cos via) per il quale si desidera visualizzare le informazioni della guida. Il controllo attivo evidenziato da un rettangolo, definito indicatore di controllo attivo. 2. Premere il tasto F1 (a meno che la digitazione HELP non sia stata assegnata a un tasto funzione diverso). Viene aperta la finestra Guida (se non era gi aperta) e vengono visualizzate le informazioni relative al controllo attivato.

Per esplorare gli argomenti mediante la scheda Sommario


1. Nella scheda Sommario, fare clic sul simbolo accanto a un libro (ad esempio Manuale dellutente, Manuale di riferimento) per espandere il relativo contenuto. 2. Continuare ad espandere le cartelle fino a individuare largomento desiderato. 3. Selezionare un argomento per visualizzarne il contenuto nel riquadro a destra.

Guida rapida di MicroStation

365

Nozioni fondamentali
Utilizzo della Guida in linea

Per utilizzare lindice del contenuto della Guida


1. Fare clic sulla scheda Indice. 2. Nel campo di ricerca, digitare la parola da cercare. o Scorrere lindice utilizzando la barra di spostamento per individuare la voce che interessa. 3. Selezionare la voce desiderata e fare clic sul pulsante Visualizza. o Fare doppio clic sulla voce desiderata. Il contenuto a cui fa riferimento la voce di indice selezionata viene visualizzato nel riquadro a destra. Se la voce selezionata contiene sottoargomenti, viene visualizzata una finestra di dialogo che consente di selezionare il sottoargomento desiderato. In questo caso, selezionare il sottoargomento e fare clic sul pulsante Visualizza.

Per cercare un testo particolare allinterno della Guida


1. Fare clic sulla scheda Cerca. 2. Nel campo di ricerca, digitare la parola o la frase da cercare. 3. Fare clic sul pulsante Argomenti. I risultati della ricerca vengono visualizzati nella casella posta sotto il campo di ricerca. 4. Selezionare largomento desiderato e fare clic sul pulsante Visualizza. o Fare doppio clic sullargomento desiderato. I risultati della ricerca variano in base ai criteri di ricerca specificati nellapposito campo. Una maggiore precisione nella definizione di tali criteri determina un restringimento del campo di ricerca e consente di ottenere risultati migliori. Una parola, ad esempio, considerata un gruppo di caratteri alfanumerici contigui. Una frase costituita da un gruppo di parole e dalla punteggiatura. La stringa di ricerca la parola o frase da cercare.

366

Guida rapida di MicroStation

Nozioni fondamentali
Utilizzo della Guida in un ambiente di rete
Vengono individuati gli argomenti che contengono tutte le parole di cui composta la stringa di ricerca. possibile ottimizzare la ricerca racchiudendo tra virgolette la stringa di ricerca. In questo modo verranno restituiti solo gli argomenti che contengono lesatta stringa posta tra virgolette.

Per aggiungere un argomento della Guida a un elenco di argomenti preferiti


1. Selezionare largomento desiderato nella scheda Sommario, Indice o Cerca. 2. Fare clic sulla scheda Preferiti. Largomento selezionato verr visualizzato automaticamente nel campo Argomento corrente nella parte inferiore della scheda. 3. Fare clic sul pulsante Aggiungi.

Per visualizzare un argomento dallelenco dei Preferiti


1. Fare clic sulla scheda Preferiti. 2. Selezionare largomento desiderato dalla casella di riepilogo, quindi fare clic sul pulsante Visualizza. o Fare doppio clic sullargomento desiderato. Il contenuto dellargomento selezionato viene visualizzato nel riquadro di destra. La Guida in linea viene periodicamente aggiornata e pubblicata sul sito Web contenente la documentazione dei prodotti Bentley. disponibile per il download allindirizzo http://docs.bentley.com/. Tramite questo sito anche possibile consultare il contenuto della Guida corrente relativa a questo e ad altri prodotti Bentley.

Utilizzo della Guida in un ambiente di rete


Se si utilizza MicroStation in un ambiente di rete, possibile configurare MicroStation per la consultazione della Guida in linea da un file server sul quale installato il file corrispondente. In questo

Guida rapida di MicroStation

367

Nozioni fondamentali
Utilizzo della Guida in un ambiente di rete
modo si ridurr il carico operativo del sistema locale.

Per configurare MicroStation per la richiesta della guida in linea da un file server
1. Dal menu Area di lavoro, scegliere Configurazione. Viene visualizzata la finestra di dialogo Configurazione. 2. Selezionare MS_HELPLOAD_SERVER dalla casella di riepilogo. 3. Fare clic sul pulsante Modifica. Viene visualizzata la finestra di dialogo Modifica variabile di configurazione. 4. Digitare il percorso della directory sul file server contenente il file della guida. Non specificare il nome del file. 5. Fare clic sul pulsante OK. 6. Nella finestra di dialogo Configurazione, scegliere File > Salva per salvare le modifiche al file di configurazione per lutente corrente. 7. Fare clic sul pulsante OK. 8. (Facoltativo) Per applicare immediatamente la modifica, chiudere e riavviare MicroStation. Dopo aver configurato MicroStation per la ricerca del file della guida su un file server, per visualizzare il contenuto della Guida in linea senza eseguire MicroStation sar necessario creare o modificare il collegamento alla documentazione di MicroStation in modo che faccia riferimento alla directory del file server specificata nella variabile di configurazione MS_HELPLOAD_SERVER.

368

Guida rapida di MicroStation

Visualizzazione dei disegni


Indipendentemente dalle dimensioni delle finestre delle viste della schermata di MicroStation, possibile utilizzare al meglio le risorse del sistema. Per ottenere le massime prestazioni, possibile configurare le finestre delle viste in base alle caratteristiche del sistema, al tipo di progetto e alla modalit di lavoro scelta.

In questo capitolo verranno illustrate le procedure relative alle principali funzioni di visualizzazione, tra cui: Disposizione delle finestre delle viste (vedere pagina 4-1) Utilizzo dei controlli della vista (vedere pagina 4-9) Utilizzo della barra dei controlli della vista Impostazione degli attributi della vista (vedere pagina 4-29) Utilizzo di viste salvate (vedere pagina 4-32)

Disposizione delle finestre delle viste


MicroStation consente di tenere aperte fino a otto finestre delle viste contemporaneamente. Consente inoltre di personalizzare la disposizione delle finestre delle viste allinterno della finestra dellapplicazione.

Per aprire una finestra della vista


1. Dal menu Finestra, selezionare il sottomenu Viste e scegliere il numero della vista che si desidera aprire. I segni di spunta accanto ai numeri del sottomenu indicano le finestre delle viste aperte.

Guida rapida di MicroStation

41

Visualizzazione dei disegni


Disposizione delle finestre delle viste

Metodo alternativo Per aprire una finestra della vista


1. Dal menu Finestra, selezionare il sottomenu Viste e scegliere Finestra di dialogo. Verr visualizzata la finestra Gruppi di viste. In base allimpostazione predefinita, viene agganciata alla parte inferiore della finestra. I pulsanti numerati evidenziati indicano le viste aperte.

Finestra Gruppi di viste


2. Per aprire una finestra di vista chiusa, fare clic sul pulsante numerato corrispondente.

Per aprire o chiudere pi finestre di viste nella finestra Gruppi di viste


1. Nella finestra Gruppi di viste, fare clic e trascinare su una serie di pulsanti corrispondenti alle viste. Lapertura o la chiusura di una vista dipende dallo stato della prima finestra. Se ad esempio sono chiuse le viste 3 e 5 ed aperta la vista 4, trascinando il puntatore nella finestra di dialogo dal pulsante 3 al pulsante 5 verranno aperte le viste 3 e 5 ma non verr chiusa la Vista 4.

42

Guida rapida di MicroStation

Visualizzazione dei disegni


Disposizione delle finestre delle viste

Per chiudere una finestra della vista


1. Dal menu Finestra, selezionare il sottomenu Viste e scegliere il numero della vista che si desidera chiudere. o Fare clic sul pulsante di chiusura posto allestremit destra della barra del titolo della finestra oppure fare doppio clic sul pulsante del menu della finestra allestremit sinistra. o Dal menu di controllo della finestra della vista, che viene visualizzato facendo clic sul pulsante allestremit sinistra della barra del titolo, scegliere Chiudi.

Metodo alternativo Per chiudere una finestra della vista


1. Dal menu Finestra, selezionare il sottomenu Viste e scegliere Finestra di dialogo. Verr visualizzata la finestra Gruppi di viste. In base allimpostazione predefinita, viene agganciata automaticamente alla parte inferiore della finestra. I pulsanti numerati evidenziati indicano le viste aperte. 2. Per chiudere una finestra di vista aperta, fare clic sul pulsante numerato corrispondente.

Per disporre le finestre delle viste aperte in modo da ridurre al minimo la parte di schermo non utilizzata
1. Dal menu Finestra, scegliere Disponi.

Per sovrapporre le finestre delle viste aperte


1. Dal menu Finestra, scegliere Sovrapponi. Ad ogni finestra della vista aperta viene assegnata una uguale porzione di spazio sullo schermo, ma solo la finestra della vista con il numero pi basso viene visualizzata interamente. Le altre finestre aperte vengono poste dietro la finestra attiva, con la sola barra del titolo visibile.

Guida rapida di MicroStation

43

Visualizzazione dei disegni


Disposizione delle finestre delle viste

Per portare in primo piano la finestra di una vista nascosta da quella attiva, fare clic sulla barra del titolo corrispondente. Se la barra del titolo non visibile, posizionare il puntatore su uno dei bordi delle finestre in modo da visualizzare una doppia freccia di ridimensionamento, quindi fare clic.

Per affiancare le finestre delle viste aperte


1. Dal menu Finestra, scegliere Affianca. Le finestre delle viste aperte vengono disposte in ordine crescente dallangolo superiore sinistro della finestra di MicroStation verso destra e ad ognuna di esse viene assegnata una uguale porzione di spazio sullo schermo. Le finestre vengono disposte su due file, se sono presenti pi di tre viste aperte. Se le viste sono aperte su pi schermi, le relative finestre vengono affiancate su ciascuno schermo in modo indipendente.

Per visualizzare interamente una finestra di vista aperta senza cambiarne le dimensioni o la posizione
1. Dal menu Finestra, scegliere la finestra che si desidera visualizzare (nella parte inferiore del menu Finestra vengono elencate le finestre aperte).

Per ingrandire una finestra della vista


1. Fare clic sul pulsante Ingrandisci della finestra della vista. o Dal menu di controllo della finestra della vista, scegliere Ingrandisci.

44

Guida rapida di MicroStation

Visualizzazione dei disegni


Gruppi di viste

Per ridurre a icona una finestra della vista


1. Fare clic sul pulsante Riduci a icona della finestra della vista. o Dal menu di controllo della finestra della vista, scegliere Riduci a icona.

Per ripristinare la dimensione precedente di una finestra della vista


1. Fare clic sul pulsante Ingrandisci o Riduci a icona della finestra della vista. o Dal menu di controllo della finestra di vista, scegliere Ripristina.

Per spostare una finestra con il puntatore


1. Posizionare il puntatore sulla barra del titolo della finestra della vista. 2. Tenere premuto il pulsante Dati. 3. Trascinare la finestra di vista nella posizione desiderata.

Gruppi di viste
Per gruppo di viste si intende un insieme di layout di finestre di viste applicabile a un modello (vedere pagina 3-56) allinterno del file DGN aperto. I gruppi di viste semplificano quindi laccesso e lo spostamento tra i diversi modelli. I gruppi di viste consentono di configurare la sessione di MicroStation in modo da visualizzare le preferenze dellutente riguardo le finestre delle viste, quali il numero delle viste aperte, le dimensioni delle viste e lorientamento. Inoltre, la definizione di un gruppo di viste comprende gli attributi per ciascuna vista (vedere pagina 4-29) e le relative impostazioni per la visualizzazione del livello.

Utilizzando i gruppi di viste, possibile passare rapidamente da una configurazione a unaltra. In alcune fasi del processo di disegno, ad esempio, pu essere preferibile disporre lo schermo in modo che la Vista 1 utilizzi la vista isometrica e copra i due terzi dello schermo,

Guida rapida di MicroStation

45

Visualizzazione dei disegni


Gruppi di viste
mentre le Viste 2, 3 e 4 condividono in uguale misura la parte restante dello schermo e mostrino rispettivamente le viste frontale, dal basso e da destra. In altre fasi, pu essere utile disporre di un ununica vista isometrica che copra lintera area di lavoro. In base allimpostazione predefinita, la finestra Gruppi di viste aperta e agganciata appena sopra la barra di stato. Contestualmente al salvataggio delle impostazioni (File > Salva impostazioni), vengono salvati anche i gruppi di viste modificati.

Per creare un nuovo Gruppo di viste


1. Impostare le finestre delle viste nella configurazione preferita per le finestre delle viste. 2. Nella finestra Gruppi di viste, fare clic sullicona Gestisci gruppi di viste. Viene visualizzata la finestra di dialogo Gestisci gruppi di viste.

3. Fare clic sullicona Crea gruppo di viste. Viene visualizzata la finestra di dialogo Crea gruppo di viste. 4. Compilare i campi Nome e Descrizione. Nella finestra di dialogo gi indicato il modello a cui associato il gruppo di viste. 5. Fare clic su OK. Viene creato il nuovo gruppo di viste.

Per modificare il gruppo di viste attivo


1. Dal menu di opzioni della finestra Gruppi di viste, selezionare

46

Guida rapida di MicroStation

Visualizzazione dei disegni


Utilizzo dei contorni di ridimensionamento
un gruppo di viste differente. o Nella finestra di dialogo Gestisci gruppi di viste, selezionare il Gruppo di viste e fare clic su Applica. In alternativa, sufficiente fare doppio clic sul gruppo di viste desiderato. Lo schermo verr aggiornato con la nuova configurazione di visualizzazione.

Per modificare un gruppo di viste


1. Nella finestra Gruppi di viste, fare clic sullicona Gestisci gruppi di viste. Viene visualizzata la finestra di dialogo Gestisci gruppi di viste. 2. Fare clic su Modifica le popriet del gruppo di viste selezionato. Viene visualizzata la finestra di dialogo Propriet gruppo di viste. 3. Apportare le modifiche desiderate nei campi Nome e Descrizione. 4. Fare clic su OK.

Per eliminare un gruppo di viste


1. Nella finestra Gruppi di viste, fare clic sullicona Gestisci gruppi di viste. Viene visualizzata la finestra di dialogo Gestisci gruppi di viste. 2. Selezionare il gruppo di viste desiderato. 3. Fare clic sullicona Elimina gruppo di viste. Il gruppo di viste evidenziato viene eliminato.

Utilizzo dei contorni di ridimensionamento


I quattro lati di una finestra di vista vengono chiamati bordi di ridimensionamento poich possono essere utilizzati per ridimensionare la finestra. Ad esempio, trascinando il bordo di ridimensionamento destro o sinistro, possibile modificare la larghezza della finestra della vista. Analogamente, trascinando il bordo di ridimensionamento superiore o inferiore, possibile modificare laltezza della finestra della vista. Trascinando un angolo del bordo di ridimensionamento,

Guida rapida di MicroStation

47

Visualizzazione dei disegni


Utilizzo dei contorni di ridimensionamento
possibile modificarne sia laltezza che la larghezza. Il puntatore indica le direzioni nelle quali possibile trascinare il bordo o langolo. Anche altre finestre di MicroStation (ad esempio la finestra Seleziona impostazioni) possono essere ridimensionate in questo modo. Le procedure indicate di seguito possono essere diverse su alcuni sistemi. In caso di problemi con una procedura o se si ritiene che una procedura non sia in linea con una convenzione del sistema in uso, fare riferimento alla documentazione del sistema relativa ai controlli delle finestre.

Per ridimensionare una finestra di vista con il puntatore


1. Posizionare il puntatore su uno dei contorni o degli angoli di ridimensionamento della finestra di vista.
Per modificare Altezza Posizionare il puntatore su Bordo di ridimensionamento superiore o inferiore Doppia freccia verticale Larghezza Bordo di ridimensionamento destro o sinistro Doppia freccia orizzontale Laltezza e la larghezza contemporaneamente Qualsiasi angolo Il puntatore assume la forma di

Doppia freccia obliqua

2. Tenere premuto il pulsante Dati. 3. Trascinare il bordo o langolo per ridimensionare la finestra di vista nel modo desiderato.

48

Guida rapida di MicroStation

Visualizzazione dei disegni


Utilizzo dei controlli della vista

Utilizzo dei controlli della vista


I controlli della vista consentono di manipolare una vista, ossia la parte di disegno visualizzata nella finestra della vista. possibile selezionare i controlli della vista utilizzati pi frequentemente dalla barra dei controlli della vista situata nella parte sinistra del bordo inferiore di ogni finestra di vista.

Di seguito sono riportati alcuni controlli della vista di uso pi frequente:

Il controllo della vista Aggiorna vista (vedere pagina 4-14) consente di aggiornare una vista in modo da visualizzare il risultato di unoperazione di modifica. Ad esempio, una volta eliminato un elemento che si sovrappone parzialmente a un altro, possibile che la parte dellelemento precedentemente nascosta non venga visualizzata automaticamente.

Area della finestra (vedere pagina 4-17) , utilizzato per ingrandire unarea nella vista selezionata o in unaltra.

Adatta vista (vedere pagina 4-19) , utilizzato per visualizzare lintero modello, soprattutto di grandi dimensioni, allinterno di una vista oppure per individuare nuovamente le coordinate.

Ruota vista (vedere pagina 4-20) , utilizzato per ruotare una vista.

Guida rapida di MicroStation

49

Visualizzazione dei disegni


Controlli della vista e modalit di funzionamento

Visualizza precedente (vedere pagina 4-24) , utilizzato per annullare fino a otto operazioni di visualizzazione (svolge una funzione analoga al comando Annulla).

Controlli della vista e modalit di funzionamento


I controlli della vista seguono le stesse modalit di funzionamento degli strumenti di disegno. Inoltre, per la maggior parte dei controlli possibile definire delle impostazioni.

Linterazione tra i controlli della vista e gli strumenti di disegno consente di rendere pi rapide e intuitive le operazioni svolte durante una sessione di lavoro. 1 . Una volta selezionato, il controllo della vista viene immediatamente attivato e tutte le operazioni di disegno in corso vengono sospese. 2 . Al termine dellutilizzo del controllo della vista, viene nuovamente attivato lo strumento precedentemente selezionato ed possibile riprendere la creazione del disegno dal punto in cui stata interrotta.

Per deselezionare un controllo della vista e riprendere unoperazione di disegno sospesa


1. Resettare. Se stato selezionato un controllo della vista per lutilizzo del quale devono essere effettuate pi operazioni, ad esempio Area della finestra, necessario resettare una seconda volta.

Individuazione e selezione dei controlli della vista


Di seguito viene illustrata la disposizione dei controlli della vista: Se nel menu Finestra attiva la voce Barre di scorrimento, nella parte sinistra del bordo inferiore di ogni finestra di

410

Guida rapida di MicroStation

Visualizzazione dei disegni


Individuazione e selezione dei controlli della vista
vista viene visualizzata una barra dei controlli della vista contenente i controlli di uso pi frequente.

Tutti i controlli della vista sono comunque disponibili nel menu degli strumenti Controllo vista. La procedura per lindividuazione di un controllo della vista in un menu identica a quella utilizzata per lindividuazione di uno strumento in un menu degli strumenti (per ulteriori informazioni, vedere Individuazione e selezione degli strumenti a pagina 3-34).

La modalit di funzionamento di un controllo della vista dipende dal modo in cui il controllo stato selezionato. Se si seleziona un controllo della vista dalla barra di controllo di una determinata vista, le operazioni verranno eseguite proprio su tale vista. Se si seleziona un controllo da un menu degli strumenti, la finestra attiva quella in cui viene inserito il primo punto dati utilizzando il controllo della vista.

Per ulteriori informazioni sulle procedure di controllo delle viste, vedere Barra dei controlli della vista (vedere pagina 4-12) .

Per selezionare un controllo della vista


1. Da una barra o menu degli strumenti di controlli della vista, fare clic sullicona corrispondente al controllo da utilizzare.

Guida rapida di MicroStation

411

Visualizzazione dei disegni


Barra dei controlli della vista

Barra dei controlli della vista


I controlli della vista sono disposti sulla barra corrispondente situata nellangolo inferiore sinistro di tutte le finestre delle viste, come illustrato di seguito:
Per Sulla barra dei controlli della vista su cui si effettua loperazione, selezionare

Aggiornare (ridisegnare) una o pi viste.

Aggiorna vista (vedere pagina 4-14)


Aumentare lingrandimento di una vista.

Zoom avanti (vedere pagina 4-15)


Diminuire lingrandimento di una vista.

Zoom indietro (vedere pagina 4-16)


Racchiudere larea di una vista in una finestra.

Area della finestra (vedere pagina 4-17)


Visualizzare tutti gli elementi possibili nel file di disegno attivo e nei riferimenti collegati in una vista.

Adatta vista (vedere pagina 4-19)

Ruotare la vista.

Ruota vista (vedere pagina 4-20)

412

Guida rapida di MicroStation

Visualizzazione dei disegni


Barra dei controlli della vista
Per Sulla barra dei controlli della vista su cui si effettua loperazione, selezionare

Visualizzare una parte diversa del disegno senza modificare lingrandimento della vista.

Effettua traslazione della vista (vedere pagina 4-22)

Annullare lultima operazione effettuata sulla vista.

Visualizza precedente (vedere pagina 4-24)


Ripetere lultima operazione annullata sulla vista.

Visualizza successiva (vedere pagina 4-25)


(solo viste 3D) Modificare langolo prospettico di una vista 3D.

Cambia prospettiva della vista1


(solo viste 3D) Impostare la modalit di visualizzazione della vista.

Imposta modalit di visualizzazione della vista


(solo viste 3D) Spostare la vista prospettica nella vista 3D attiva.

Sposta vista prospettica2


1 Il controllo Cambia prospettiva della vista viene visualizzato nella barra dei controlli della vista solo se il file di disegno attivo 3D. 2 Il controllo Sposta vista prospettica presente sulla barra dei controlli della vista solo se il file di disegno attivo 3D.

Per informazioni sullutilizzo di questi controlli della vista in 3D, consultare Procedure di visualizzazione 3D simili alle procedure 2D.

Digitazione:

VIEW ON 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8

Guida rapida di MicroStation

413

Visualizzazione dei disegni


Aggiorna vista

Aggiorna vista

Questo controllo consente di aggiornare il contenuto di una o pi finestre di vista.

ImEffetto postazione strumento

Aggiorna tutte le viste

Aggiorna il contenuto di tutte le finestre di vista

Per aggiornare una vista


1. Selezionare il controllo Aggiorna vista. 2. Se questo controllo viene selezionato dal menu degli strumenti Controllo vista ed aperta pi di una finestra di vista, selezionare le viste da aggiornare oppure fare clic sul pulsante Aggiorna tutte le viste per aggiornarle tutte. Per interrompere un

414

Guida rapida di MicroStation

Visualizzazione dei disegni


Zoom avanti
aggiornamento in corso sufficiente resettare.

Digitazione:

UPDATE VIEW EXTENDED view_window_number

Per ulteriori informazioni sullaggiornamento delle viste, consultare Regolazione della sequenza di aggiornamento file.

Zoom avanti

Questo controllo consente di ingrandire una finestra di vista in modo da far apparire pi grandi gli elementi in essa contenuti.

ImEffetto postazione strumento

Rapporto di zoom

Imposta il valore in base al quale vengono ingrandite la vista e le dimensioni del rettangolo dinamico. Il valore predefinito 2.0. Lintervallo valido compreso tra 1 e 50.

Guida rapida di MicroStation

415

Visualizzazione dei disegni


Zoom indietro

Per effettuare uno zoom avanti di una vista


1. Selezionare il controllo Zoom avanti. Muovendo il puntatore allinterno della vista, viene visualizzato un rettangolo dinamico che indica i nuovi margini della vista. 2. Inserire un punto dati per definire il centro dellarea della finestra di vista da visualizzare. 3. Inserire un nuovo punto dati per effettuare un ulteriore zoom in avanti. Se Zoom avanti stato selezionato dal menu degli strumenti Controllo vista, possibile effettuare lo zoom in unaltra finestra di vista. o Resettare o selezionare un altro strumento.

Digitazione:

ZOOM IN EXTENDED

Per effettuare lo zoom avanti partendo dal centro di una o pi viste, digitare ZOOM IN CENTER e selezionare le viste desiderate. Per effettuare lo zoom avanti o indietro, possibile utilizzare anche la rotellina di un mouse a scorrimento (vedere pagina 3-22) .

Zoom indietro

Questo controllo consente di ridurre lingrandimento di una vista in modo da far apparire pi piccoli gli elementi in essa contenuti.

416

Guida rapida di MicroStation

Visualizzazione dei disegni


Area della finestra

ImEffetto postazione strumento

Rapporto di zoom

Imposta il valore in base al quale la vista viene ridotta. Il valore predefinito 2.0. Lintervallo valido compreso tra 1 e 50.

Per effettuare lo zoom indietro in una vista


1. Selezionare il controllo Zoom indietro. Se Zoom indietro stato selezionato sulla barra dei controlli della vista di una finestra, lo zoom indietro della vista avviene rispetto al centro e in base al rapporto di zoom. Se Zoom indietro stato selezionato dal menu degli strumenti Controllo vista, selezionare una o pi viste in corrispondenza del punto del quale si desidera effettuare lo zoom.

Digitazione:

ZOOM OUT EXTENDED [zoom_ratio]

Per effettuare lo zoom indietro partendo dal centro di una o pi viste, digitare ZOOM OUT CENTER e selezionare le viste desiderate. Per effettuare lo zoom indietro o avanti, possibile utilizzare anche la rotellina di un mouse a scorrimento (vedere pagina 3-22) .

Area della finestra

Guida rapida di MicroStation

417

Visualizzazione dei disegni


Area della finestra

Questo controllo consente di impostare i contorni di unarea rettangolare nel disegno da visualizzare allinterno di una vista.

ImEffetto postazione strumento

Applica alla finestra

Se questa opzione attivata, imposta la finestra di vista di destinazione. Viene visualizzata la finestra di vista desiderata, se necessario.

Per indicare unarea rettangolare da visualizzare in una vista


1. Sulla barra dei controlli della vista di destinazione, selezionare il controllo Area della finestra. Nella vista di destinazione viene visualizzato un puntatore a forma di croce che consente di posizionare con esattezza il primo angolo dellarea. 2. Inserire un punto dati in una vista qualsiasi per definire il primo angolo. Viene visualizzato un rettangolo che indica il nuovo contorno della vista. Questo rettangolo possiede sempre lo stesso rapporto di rappresentazione della vista di destinazione. 3. Inserire un punto dati in una vista qualsiasi per definire il primo angolo.

418

Guida rapida di MicroStation

Visualizzazione dei disegni


Adatta vista

Metodo alternativo Per indicare unarea rettangolare da visualizzare in una vista


1. Dal menu degli strumenti Controllo della vista, selezionare il controllo Area della finestra. 2. Inserire un punto dati per definire un angolo dellarea della finestra. 3. Inserire un punto dati per definire laltro angolo dellarea.

Digitazione:

WINDOW AREA EXTENDED

Adatta vista

Questo controllo consente di modificare lingrandimento della vista in modo che questa comprenda lintero modello.

Guida rapida di MicroStation

419

Visualizzazione dei disegni


Ruota vista
ImEffetto postazione strumento

File

Imposta lambito delloperazione di adattamento Tutti: visualizza tutti gli elementi visualizzabili nel file del modello attivo e gli eventuali riferimenti collegati. Attivo: visualizza tutti gli elementi visualizzabili nel file del modello attivo. Riferimento: visualizza tutti gli elementi visualizzabili nei riferimenti collegati. Raster: visualizza tutti gli elementi visualizzabili nei riferimenti raster collegati.

Per adattare il disegno in una vista


1. Selezionare il controllo Adatta vista. 2. Se stato selezionato il controllo Adatta vista dal menu degli strumenti Controllo vista ed esistono pi viste, selezionare la vista o le viste da adattare. Lorigine e lingrandimento della vista vengono modificati in modo da visualizzare tutti gli elementi sui livelli attivi. Gli elementi presenti sui livelli non attivi vengono ignorati.

Digitazione:

FIT VIEW EXTENDED

Per informazioni sullutilizzo di Adatta vista in 3D, vedere Adattamento di viste in 3D nel Manuale di riferimento.

Ruota vista

420

Guida rapida di MicroStation

Visualizzazione dei disegni


Ruota vista

Questo controllo consente di ruotare una vista.

ImEffetto postazione strumento

Metodo

Imposta la rotazione della vista nei modi seguenti 2 punti: consente di specificare interattivamente lorigine e langolo di rotazione. Non ruotato: consente di effettuare lorientamento standard non ruotato (Alto).

Per ruotare una vista in base a due punti


1. Selezionare il controllo Ruota vista . 2. Impostare Metodo a 2 punti. 3. Inserire un punto dati per selezionare la vista da ruotare e definire lorigine dellasse X della vista. Lorigine, insieme a una linea dinamica indicante la direzione positiva dellasse X della vista, viene visualizzata in tutte le viste in cui questo possibile. Inoltre viene visualizzato un rettangolo che indica i nuovi limiti della vista. 4. Inserire un punto dati per definire la direzione positiva dellasse X della vista.

Guida rapida di MicroStation

421

Visualizzazione dei disegni


Effettua traslazione della vista

Per ruotare una vista da allineare con gli assi del piano di disegno
1. Selezionare il controllo Ruota vista . 2. Impostare Metodo a Non ruotato. 3. Selezionare le viste.

Digitazione:

ROTATE VIEW EXTENDED

Per informazioni sullutilizzo di Ruota vista in 3D, vedere Rotazione di viste in 3D.

Effettua traslazione della vista

Questo controllo consente di visualizzare una porzione differente del disegno senza modificare il fattore di ingrandimento della vista.

422

Guida rapida di MicroStation

Visualizzazione dei disegni


Effettua traslazione della vista
ImEffetto postazione strumento

Visualizzazione dinamica

Consente di effettuare la traslazione degli elementi visualizzando dinamicamente il risultato della traslazione. Se disattivato, interviene la grafica per agevolare loperazione di traslazione. Se la proiezione della vista parallela, la grafica costituita da una freccia, come in 2D. Se attiva unaltra proiezione della vista prospettica, viene visualizzato un cubo per agevolare loperazione di traslazione. Se questa opzione attivata, il punto di osservazione si sposta quando viene effettuata la traslazione della vista. Se disattivata, il punto di osservazione rimane fermo quando la proiezione della vista traslata non parallela. Negli altri casi, la vista passa alla proiezione Un punto durante la traslazione.

Sposta vista prosp.

Per effettuare la traslazione di una vista


1. Selezionare il controllo Effettua traslazione della vista. 2. Inserire un punto dati per selezionare la vista di cui effettuare la traslazione e per definire lorigine della traslazione stessa. Tra lorigine e il puntatore viene visualizzata una freccia dinamica che indica la distanza e la direzione dello spostamento della vista. 3. Inserire un punto dati per definire nella vista la posizione dellorigine definita al passaggio 2.

Per scorrere una vista di un determinato fattore


1. Digitare MOVE <DOWN | LEFT | RIGHT | UP> [fattore]. Il FATTORE corrisponde allampiezza dello scorrimento della vista. Se si omette il FATTORE, viene utilizzato il fattore predefinito 0.25 (un quarto di vista). 2. Selezionare le viste.

Guida rapida di MicroStation

423

Visualizzazione dei disegni


Visualizza precedente

Per effettuare una traslazione dinamica di una vista con il mouse


1. Premere il tasto Maiusc e tenerlo premuto. 2. Posizionare il puntatore nella vista e tenere premuto il pulsante Dati. La posizione del puntatore definisce il punto di ancoraggio della traslazione. 3. Trascinare il puntatore dal punto di ancoraggio verso la parte del disegno che si desidera spostare allinterno della vista. Non appena la traslazione ha inizio, rilasciare il tasto Maiusc. Per aumentare la velocit della traslazione, allontanare ulteriormente il puntatore dal punto di origine. Per modificare la direzione della traslazione in una direzione differente, spostare il puntatore oltre il punto di ancoraggio verso unaltra direzione. 4. Per interrompere la traslazione, rilasciare il pulsante Dati.

Digitazione:

PAN VIEW

possibile effettuare una traslazione dinamica in una vista anche quando selezionato uno strumento per il disegno o un controllo della vista. Per ulteriori informazioni sulla traslazione dinamica di una vista con una tavoletta di digitalizzazione, vedere Traslazione durante la digitalizzazione nel Manuale dellutente. Per effettuare la traslazione, possibile utilizzare anche la rotellina di un mouse a scorrimento (vedere pagina 3-22) . Per informazioni sullutilizzo Effettua traslazione della vista in 3D, vedere Traslazione delle viste in 3D.

Visualizza precedente

424

Guida rapida di MicroStation

Visualizzazione dei disegni


Visualizza successiva

Questo controllo consente di annullare lultima operazione relativa ai controlli della vista o alla modifica degli attributi di una vista.

Per annullare loperazione precedente relativa alle viste


1. Selezionare il controllo Vista precedente. 2. Se il controllo Vista precedente stato selezionato dal menu degli strumenti Controllo vista, selezionare la vista per cui si desidera annullare loperazione. Dopo aver annullato unoperazione relativa alle viste, possibile anche annullare loperazione precedente a quella annullata. 3. possibile annullare una serie di operazioni precedenti, fino a un massimo di otto per ciascuna vista, nel modo seguente: Selezionare il controllo dalla barra dei controlli della vista nella finestra desiderata. o Se il controllo stato selezionato dal menu degli strumenti Controllo vista, selezionare le viste desiderate.

Digitazione:

VIEW PREVIOUS

Per annullare unoperazione di disegno, scegliere Annulla (operazione) dal menu Modifica.

Visualizza successiva

Guida rapida di MicroStation

425

Visualizzazione dei disegni


Metodi di selezione alternativi alle barre dei controlli della vista

Ripete lultima operazione annullata sulla vista.

Per ripetere lultima operazione annullata sulla vista


1. Selezionare il controllo Visualizza successiva. 2. Se il controllo Visualizza successiva stato selezionato dal menu degli strumenti Controllo vista, selezionare la vista desiderata.

Digitazione:

VIEW NEXT

Per ripetere unoperazione di disegno, selezionare Ripeti (operazione) dal menu Modifica.

Metodi di selezione alternativi alle barre dei controlli della vista


Talvolta, per ingrandire larea di disegno, pu essere necessario disattivare la visualizzazione delle barre dei controlli della vista e delle barre di scorrimento. Per accedere ai controlli della vista, possibile utilizzare anche il menu degli strumenti dei controlli della vista (vedere pagina 4-27) e il menu di scelta rapida dei controlli della vista (vedere pagina 4-27) .

Per attivare o disattivare la visualizzazione delle barre dei controlli della vista e delle barre di scorrimento
1. Dal menu Finestra, scegliere Barre di scorrimento. La visualizzazione delle barre dei controlli della vista e

426

Guida rapida di MicroStation

Visualizzazione dei disegni


Lalternativa del menu degli strumenti Controllo vista
delle barre di scorrimento viene attivata (o disattivata se la voce stata deselezionata).

Lalternativa del menu degli strumenti Controllo vista

I controlli della vista presenti nelle barre dei controlli della vista sono disponibili anche nel menu degli strumenti Controllo della vista.

In questo menu degli strumenti sono presenti i controlli della vista Copia vista e Applica volume di ritaglio (vedere pagina 4-28) (in 2D, questo controllo della vista applica un contorno di ritaglio), nonch molti altri controlli che vengono attivati solo quando il file DGN aperto tridimensionale. Per ulteriori informazioni sugli strumenti Controllo vista, vedere menu degli strumenti Controllo vista nel Manuale dellutente.

Lalternativa del menu di scelta rapida dei controllo della vista


Il menu di scelta rapida consente di velocizzare le operazioni di selezione dei controlli della vista.

Per selezionare un controllo della vista utilizzando il menu di scelta rapida


1. Posizionare il puntatore in una vista tenendo tenere

Guida rapida di MicroStation

427

Visualizzazione dei disegni


Copia vista
premuto il tasto Maiusc. 2. Fare clic sul pulsante Reset (pulsante destro del mouse).

Menu di scelta rapida dei controlli della vista

Il menu di scelta rapida viene visualizzato in corrispondenza della posizione del puntatore. 3. Scegliere la voce corrispondente al controllo della vista che si desidera attivare. Il controllo della vista viene selezionato.

Copia vista

Il controllo della vista Copia vista del menu degli strumenti Controllo vista 2D consente di copiare il contenuto e gli attributi di una vista in altre viste.

Per copiare una vista e i relativi attributi


1. Selezionare il controllo Copia vista. 2. Selezionare la vista di origine. 3. Selezionare una o pi viste di destinazione in cui

428

Guida rapida di MicroStation

Visualizzazione dei disegni


Allineamento vista
copiare la vista di origine.

Digitazione:

COPY VIEW

Allineamento vista
La digitazione ALIGN (vista) consente di allineare tutto il contenuto di una vista in modo che venga visualizzata la stessa area presente nella vista di origine selezionata.

Per allineare due viste


1. Digitare ALIGN. 2. Selezionare la vista di origine. 3. Selezionare una o pi viste da allineare alla vista di origine. Nella seconda vista viene visualizzata la stessa area contenuta nella vista di origine. Lorientamento della seconda vista non viene modificato.

Digitazione:

ALIGN

Impostazione degli attributi della vista


A ogni vista sono associati numerosi attributi che possono essere impostati in ciascuna finestra di vista. Mediante alcune impostazioni degli attributi delle viste possibile specificare se devono essere visualizzate determinate parti del modello, ad esempio elementi su particolari livelli, testo, riempimenti e strumenti di disegno quali la griglia. Altri consentono di specificare le caratteristiche di visualizzazione del modello, ad esempio con o senza immagine di sfondo o con aggiornamento automatico. Molti di questi attributi non sono accessibili dallinterfaccia utente dellarea di lavoro Nuovo utente.

Guida rapida di MicroStation

429

Visualizzazione dei disegni


Selezione e controllo della visualizzazione di unimmagine di sfondo

Selezione e controllo della visualizzazione di unimmagine di sfondo


possibile selezionare unimmagine in uno qualsiasi dei formati di immagine supportati e specificare se limmagine deve essere visualizzata sullo sfondo di ciascuna finestra della vista.

Per selezionare unimmagine di sfondo e controllarne la visualizzazione


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Disegno. Viene visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni file DGN. 2. Nella casella di riepilogo Categoria, selezionare Viste.

Nella sezione principale della finestra di dialogo vengono visualizzati una serie di controlli e il pulsante Immagine di sfondo. 3. Fare clic sul pulsante Immagine di sfondo. Viene visualizzata la finestra di dialogo Visualizzare file di immagine. 4. Selezionare il file di immagine desiderato e fare clic su OK. La finestra di dialogo Visualizzare file di immagine viene chiusa e la finestra di dialogo Impostazioni file DGN viene nuovamente attivata. 5. Per attivare la visualizzazione dellimmagine selezionata in una finestra di vista, selezionare il numero della finestra desiderata dal menu di opzioni Vista e selezionare la casella di controllo Sfondo. 6. Fare clic su OK. La finestra di dialogo viene chiusa e le immagini di sfondo

430

Guida rapida di MicroStation

Visualizzazione dei disegni


Altri attributi della vista
vengono applicate alle viste selezionate.

Altri attributi della vista


Ad eccezione della visualizzazione del livello, tutti gli attributi della vista vengono impostati nella finestra di dialogo Attributi della vista. Alcuni controlli impostano la visualizzazione di parti del modello e degli strumenti di disegno. Altri impostano la modalit di visualizzazione del file DGN.

Per attivare o disattivare altri attributi della vista


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Attributi vista o premere il tasto Ctrl-V. o Dal menu di controllo di qualsiasi altra finestra di vista, scegliere Attributi vista. Viene visualizzata la finestra di dialogo Attributi della vista.

2. Dal menu di opzioni Numero vista, selezionare il numero della vista di cui si desidera modificare gli attributi. 3. Attivare o disattivare gli attributi desiderati selezionando le

Guida rapida di MicroStation

431

Visualizzazione dei disegni


Utilizzo di viste salvate
caselle di controllo a sinistra delle relative voci. 4. Fare clic sul pulsante Applica.

Per applicare gli stessi attributi a tutte le viste


1. Dal menu Impostazioni, scegliere Attributi vista o premere il tasto Ctrl-V. o Dal menu di controllo di qualsiasi altra finestra di vista, scegliere Attributi vista. Viene visualizzata la finestra di dialogo Attributi della vista. 2. Dal menu di opzioni Numero vista, selezionare la vista contenente gli attributi da applicare alle altre viste. 3. (Facoltativo) Attivare o disattivare gli attributi desiderati selezionando le caselle di controllo a sinistra delle relative voci. 4. Fare clic sul pulsante Tutte.

Utilizzo di viste salvate


Per vista salvata si intende la definizione di una vista che comprende la visualizzazione del livello per il modello attivo e i riferimenti, il volume di ritaglio e altri attributi della vista (vedere pagina 4-31) . Tale definizione viene salvata nel file DGN con un nome specifico. possibile creare una definizione impostando e salvando una vista di origine come template. La vista salvata pu essere richiamata in una finestra di vista di destinazione. La finestra di dialogo Viste salvate consente di salvare, richiamare, eliminare e assegnare un nome alle viste. La finestra di dialogo Viste salvate non accessibile dallinterfaccia utente dellarea di lavoro Nuovo utente. Per ulteriori informazioni sulle specifiche modalit di utilizzo delle viste salvate in ambiente 3D, vedere Utilizzo di viste salvate in 3D nel Manuale dellutente.

432

Guida rapida di MicroStation

Visualizzazione dei disegni


Utilizzo di viste salvate

Per assegnare un nome a una vista e salvarla


1. Impostare, come vista di origine, la vista con gli attributi e la parte di disegno desiderati. 2. Dal menu Varie, scegliere Viste salvate. o Dal menu di controllo di qualsiasi finestra di vista, scegliere Salva/richiama vista. Viene visualizzata la finestra di dialogo Viste salvate.

3. Nella finestra di dialogo Viste salvate, fare clic sullicona Salva vista (la prima a sinistra). Viene visualizzata la finestra di dialogo Salva vista. 4. Nel campo Nome, digitare un nome per la vista. Per il nome possibile utilizzare un massimo di 511 caratteri; sono validi i caratteri alfabetici e numerici e i caratteri $, . e _. Le lettere minuscole sono interpretate come lettere maiuscole. 5. (Facoltativo) Nel campo Descrizione, digitare una descrizione. 6. Dal menu di opzioni Vista, selezionare il numero della vista di origine. 7. Fare clic su OK.

Guida rapida di MicroStation

433

Visualizzazione dei disegni


Utilizzo di viste salvate

Per richiamare una vista salvata


1. Dal menu Varie, scegliere Viste salvate. o Dal menu di controllo di qualsiasi finestra di vista, scegliere Salva/richiama vista. Viene visualizzata la finestra di dialogo Viste salvate. 2. Dal menu di opzioni Vista, selezionare il numero corrispondente alla vista di destinazione. 3. Dalla casella di riepilogo, selezionare la vista salvata da richiamare. 4. Fare clic sul pulsante Applica.

Per eliminare una vista salvata


1. Dal menu Varie, scegliere Viste salvate. o Dal menu di controllo di qualsiasi finestra di vista, scegliere Salva/richiama vista. Viene visualizzata la finestra di dialogo Viste salvate. 2. Dalla casella di riepilogo, selezionare la vista salvata che si desidera eliminare. 3. Fare clic sul pulsante Elimina.

434

Guida rapida di MicroStation

Preferenze utente
Le preferenze definite dallutente di un gruppo di lavoro sono impostazioni che controllano il funzionamento di MicroStation sul sistema specifico dellutente, indipendentemente dagli altri membri del gruppo. Ad esempio, tali preferenze influiscono sulla modalit di utilizzo della memoria del sistema dellutente, sulla modalit di visualizzazione delle finestre, sulla disposizione e lutilizzo degli oggetti presenti sullo schermo, sulla modalit predefinita per il collegamento di riferimenti e cos via. Come indicato dal nome stesso, lutente pu modificare queste impostazioni in base alle proprie esigenze.

Impostazione delle Preferenze utente


Per impostare le preferenze utente, utilizzare la finestra di dialogo Preferenze.

Per visualizzare la finestra di dialogo Preferenze


1. Dal menu Area di lavoro, scegliere Preferenze.

Linsieme attivo di preferenze utente costituisce uno dei tre componenti dellarea di lavoro attiva, ovvero la specifica configurazione

Guida rapida di MicroStation

51

Preferenze utente
Categorie
dellambiente di MicroStation. Le aree di lavoro vengono in genere utilizzate per personalizzare lambiente di MicroStation in base alle specifiche esigenze di progetto. Nel passaggio a unaltra area di lavoro, pu essere utile mantenere lo stesso insieme di preferenze, per utilizzare sempre la configurazione di MicroStation in base alle proprie esigenze. Per assicurarsi che lo stesso insieme di preferenze rimanga attivo, cambiare larea di lavoro selezionando o personalizzando soltanto i componenti dellarea di lavoro del progetto e dellinterfaccia utente. Per ulteriori informazioni sulle aree di lavoro e sui relativi componenti, vedere Componenti dellarea di lavoro nel Manuale dellamministratore.

Categorie
Nella finestra di dialogo Preferenze, le preferenze utente sono suddivise in categorie, ad esempio Disegno, Input, Uso della memoria, Testo e cos via, per facilitare lindividuazione delle impostazioni da modificare. Nella tabella riportata di seguito sono presentate in modo sintetico le preferenze di MicroStation e sono indicate le impostazioni predefinite per ciascuna di esse. Allinterno della tabella compaiono numerosi termini che non sono stati ancora definiti Per ulteriori informazioni sulla compressione dei disegni, vedere Comprimi disegno nel Manuale di riferimento in linea.
Categoria Database Preferenza Usare singole tabelle AE/MSFORMS Descrizione Se questa opzione attivata, vengono mantenute le tabelle AE e MSFORMS. Predefinito Disattivato

52

Guida rapida di MicroStation

Preferenze utente
Categorie
Categoria Input Preferenza Analizzare le digitazioni da tastiera Descrizione Se questa opzione attivata, allavvio di MicroStation viene attivata la funzione di analisi. Se questa opzione attivata, quando il puntatore posizionato nelle viste le operazioni di trascinamento mediante il pulsante Dati vengono ignorate. Imposta le dimensioni dellarea di ricerca attorno al puntatore per la selezione di un elemento. Consente di posizionare un elemento solido o una superficie chiusa utilizzando un punto di inserimento allinterno dellelemento e non solo sugli spigoli. Imposta le dimensioni del puntatore a croce. Imposta il tipo di incrocio del puntatore. Predefinito Attivato

Disatt operazioni di trascinamento

Disattivato

Tolleranza selez

10

Posiziona per faccia

Solo viste con rendering

Dimens. puntat. Tipo di puntat.

Normale Ortogonale

Guida rapida di MicroStation

53

Preferenze utente
Categorie
Categoria Interfaccia Preferenza Singolo clic Descrizione Imposta la modalit di selezione degli strumenti quando si fa clic con il pulsante Dati. Imposta lo strumento che viene selezionato automaticamente al completamento di una funzione per la cui esecuzione necessario un solo comando. Imposta il colore con il quale vengono evidenziati gli strumenti per indicarne la selezione bloccata. Imposta le dimensioni dei menu degli strumenti. Imposta le dimensioni delle icone degli strumenti. Imposta la dimensione del testo, in punti, nelle finestre di dialogo. Consente di impostare la dimensione del testo, in punti, sui bordi della finestra. Se questa opzione attivata, quando viene selezionato uno strumento a cui sono associate impostazioni specifiche il punto dinserimento si sposta automaticamente nella finestra di impostazione corrispondente. Predefinito Bloccato

Strumento predefinito

Selezione (Selezione dellelemento) Grigio

Evidenziazione

Layout Dim. strumento

Normale Piccolo

Font finestra di dialogo Font margine

12 pti.

12 pti.

Attivazione finestra impostazione strumenti

Attivato

54

Guida rapida di MicroStation

Preferenze utente
Categorie
Categoria Interfaccia Preferenza Icone senza contorno Descrizione Licona associata a uno strumento viene visualizzata senza contorno, a meno che lo strumento non sia selezionato. Consente di modificare la visualizzazione dei colori dello strumento. Se questa opzione attivata, tutte le icone degli strumenti vengono visualizzate in tonalit di grigio ad eccezione dello strumento selezionato. Consente di visualizzare la finestra di dialogo Colori strumento e di impostare lo schema di colori dello strumento. Predefinito Attivato

Solo strumenti evidenziati

Disattivato

Colori strumenti

Predefinito

Guida rapida di MicroStation

55

Preferenze utente
Categorie
Categoria Mouse Preferenza Mouse Descrizione Consente di impostare lo zoom avanti e indietro del mouse per impostazione predefinita. Consente di impostare la traslazione su e gi del mouse per impostazione predefinita. Consente di impostare la traslazione sinistra e destra del mouse per impostazione predefinita. Consente di impostare lincremento del rapporto di traslazione per ogni spostamento del mouse. Consente di impostare lincremento del rapporto di zoom per ogni spostamento del mouse. Predefinito Zoom avanti/indietro Trasla su/gi

Ctrl + Mouse

Maiusc + Mouse

Trasla sinistra/destra 2.000

Rapporto traslazione

Rapporto di zoom

2.000

56

Guida rapida di MicroStation

Preferenze utente
Categorie
Categoria Operazione Preferenza Aprire due finestre di applicazione Descrizione Se questa opzione attivata, possibile aprire due finestre dellapplicazione MicroStation consentendo lutilizzo del programma su un sistema a doppio schermo. Se questa opzione attivata, gli elementi selezionati vengono visualizzati nel colore devidenziazione invece che con gli handle. Se questa opzione attivata, MicroStation salva automaticamente le modifiche sul file DGN. Se questa opzione attivata, le impostazioni di disegno vengono salvate automaticamente nel file DGN alla chiusura. Se questa opzione attivata, al momento della chiusura gli elementi eliminati vengono rimossi automaticamente dal file DGN attivo. Se questa opzione attivata, allavvio di MicroStation viene creato e aperto automaticamente un file di disegno untitled.dgn. Predefinito Disattivato

Disattivare gli handle di modifica

Disattivato

Salvare immediatamente modifiche al disegno Salvare impostazioni in uscita

Attivato

Disattivato

Comprimere disegno in uscita

Disattivato

Aprire disegno senza titolo

Disattivato

Guida rapida di MicroStation

57

Preferenze utente
Categorie
Categoria Operazione Preferenza Visualizza associazioni interrotte con simbologia differente Descrizione Se questa opzione attivata, vengono identificati automaticamente gli elementi che perdono lassociativit modificandone spessore e stile. Se questa opzione attivata, lesecuzione del Reset durante la manipolazione di una fence determina linterruzione delloperazione. Se questa opzione disattivata, durante la manipolazione del contenuto di una fence viene ignorata limpostazione dellopzione Blocc. livello. Se questa opzione attivata, mantiene figure, forme e superfici chiuse durante il ritaglio. Se questa opzione attivata, il livello attivo viene visualizzato in tutte le viste. Imposta la quantit di memoria, in KB, riservata alle risorse lette dai file di risorse di MicroStation e dellapplicazione. Predefinito Attivato

Reset annulla operazioni fence

Attivato

Applicazione Blocc. livello a operazioni fence

Attivato

Ritaglio fence ottimizzato

Attivato

Visualizza livello attivo in tutte le viste Cache di risorsa

Attivato

1024

58

Guida rapida di MicroStation

Preferenze utente
Categorie
Categoria Operazione Preferenza Cache font Descrizione Imposta la dimensione massima, in KB, della sezione di memoria riservata ai dati utilizzati per visualizzare gli elementi di testo. Se questa opzione attivata, limmagine raster selezionata viene evidenziata nelle viste. Se questa opzione attivata, le informazioni del file georeference sono prioritarie rispetto al collegamento. Se questa opzione attivata, le informazioni sulla posizione solo per i formati che non supportano georeference vengono salvate in un file secondario (formato HGR o ESRI). Se questa opzione attivata, i file raster vengono aperti in modalit di sola lettura. Se questa opzione attivata, la variabile di configurazione MS_RFDIR viene aggiornata con il percorso del collegamento raster disponibile, diverso dal percorso specificato nella definizione di MS_RFDIR. Predefinito 256

Raster manager

Visualizza bordo attorno a raster selezionato File Georeference prioritario quando si carica raster Salva informazioni posizione nel file secondario se richiesto

Attivato

Disattivato

Disattivato

Apri file raster in sola lettura

Attivato

Aggiorna automaticamente MS_RFDIR per collegamenti raster

Disattivato

Guida rapida di MicroStation

59

Preferenze utente
Categorie
Categoria Raster manager Preferenza Utilizza Geokey definizione unit se presente (sostituisci unit PCS) Descrizione Se questa opzione attivata, lunit PCS (Projected Coordinate System) viene sostituita con Geokey definizione unit per il file raster Geotiff. Se attiva lopzione Utilizza Geokey definizione unit se presente (sostituisci unit PCS), definisce ciascuna unit di misura Geotiff. Definisce lunit di misura da utilizzare con il file secondario World (TFW). Specifica il numero di nomi di file, da 1 a 10, elencati nel file File di Raster Manager. Se questa opzione attivata, possibile identificare elementi in un particolare riferimento quando questo collegato. Se questa opzione attivata, possibile posizionarsi su determinati elementi in modalit di cattura allinterno di un particolare riferimento quando questo collegato. Predefinito Attivato

Unit predefinita Geotiff

1 Unit = 1 Metri

Unit predefinita file World Lelenco dei file recenti contiene

1 Unit = 1 Metri 4

Riferimento

Selezione attiva quando collegato

Attivato

Cattura attiva quando collegato

Attivato

510

Guida rapida di MicroStation

Preferenze utente
Categorie
Categoria Riferimento Preferenza Usare tavola dei colori Descrizione Se questa opzione disattivata, in MicroStation viene ignorata qualsiasi tavola dei colori collegata a un riferimento ai fini della visualizzazione. Se questa opzione attivata, quando si copiano gli elementi, vengono utilizzati i colori con labbinamento pi vicino nella tavola dei colori dei file principale. Se questa opzione disattivata, viene disattivata la memorizzazione nella cache dei riferimenti che non sono visualizzati. Se questa opzione disattivata, quando un file DGN viene chiuso e ne viene aperto un altro, se possibile, i riferimenti memorizzati nella cache vengono mantenuti in memoria. Se questa opzione disattivata, le modifiche apportate ai riferimenti diventano immediatamente permanenti. Predefinito Attivato

Rimappa colori sulla copia

Attivato

In cache se visualizzazione inattiva

Disattivato

Ricaricare cambio dei file

Disattivato

Salvare impost. per salvare modifiche

Disattivato

Guida rapida di MicroStation

511

Preferenze utente
Categorie
Categoria Riferimento Preferenza Ignorare sequenza di aggiornamento Descrizione Se questa opzione attivata, nel menu Impostazioni della finestra di dialogo Impostazioni dei collegamenti la voce Sequenza di aggiornamento non risulta attiva. Se questa opzione attivata, possibile modificare gli elementi dei riferimenti autocollegati e le modifiche verranno visualizzate incrementalmente. Consente di ignorare (Nessun annidamento), di aggiornare in tempo reale (Annidamento in diretta) o copiare i collegamenti annidati. Imposta il numero di livelli dei collegamenti annidati che vengono inclusi durante il collegamento di un riferimento. Predefinito Disattivato

Consenti modifica riferimenti automatici

Attivato

Annidamento predefinito

Nessun annidamento

Annidamento

512

Guida rapida di MicroStation

Preferenze utente
Categorie
Categoria Ortografia Preferenza Maiuscole/minuscole Descrizione Le parole scritte con una diversa combinazione di maiuscole-minuscole vengono considerate diverse. Vengono segnalate le parole che sarebbe opportuno dividere in due parole. Vengono segnalate le parole che compaiono due volte su una stessa riga. Vengono ignorate le parole che sembrano nomi di domini Internet. Vengono ignorate le parole con una combinazione insolita di lettere maiuscole e minuscole. Un esempio di parola con lettere maiuscole e minuscole disposte in modo regolare MicroStation. Un esempio di parola contenente un combinazione insolita di maiuscole e minuscole MiCroSTAtioN.. Vengono ignorate le parole che contengono una miscela di lettere, numeri o altri simboli. Vengono ignorate le parole contenenti solo lettere maiuscole. Predefinito Attivato

Suggerisci parole divise

Attivato

Segnala parole doppie Ignora nomi dominio Ignora lettera maiuscola/minuscola

Attivato

Disattivato Attivato

Ignora parole con numeri

Attivato

Ignora parole MAIUSCOLE

Disattivato

Guida rapida di MicroStation

513

Preferenze utente
Categorie
Categoria Ortografia Preferenza Ignora parole che cominciano con lettera maiuscola Lingua Descrizione Vengono ignorate le parole che iniziano con una lettera maiuscola. Consente di impostare la lingua supportata utilizzata dal Controllo ortografico. Predefinito Disattivato

AmericanEnglish

514

Guida rapida di MicroStation

Preferenze utente
Categorie
Categoria Tag Preferenza Prompt nel caso di insiemi di tag duplicati Descrizione Se questa opzione attivata, quando nel file DGN presente un insieme di tag che ha lo stesso nome di un insieme di tag di una libreria di celle contenente una cella da posizionare, viene visualizzata una finestra di avviso in cui viene chiesto di confermare la sostituzione della versione dellinsieme di tag del file DGN con quella della libreria di celle. Se questa opzione attivata, gli insiemi di tag presenti nel file DGN non possono essere sostituiti da quelli con lo stesso nome presenti nelle librerie di celle dalle quali le celle vengono posizionate. Se questa opzione attivata, quando un insieme di tag viene collegato a un elemento, tutti i tag dellinsieme diventano parte dello stesso gruppo di disegno2. Predefinito Attivato

Usare insiemi tag file di disegno in base allimpostazione predefinita

Disattivato

Posizionare tag nello stesso gruppo di disegno.

Attivato

Guida rapida di MicroStation

515

Preferenze utente
Categorie
Categoria Testo Preferenza Visualizzare testo con stili linea Descrizione Se questa opzione disattivata, il testo nei font tradizionali di MicroStation viene visualizzato con lo stile di linea continua standard. Se questa opzione disattivata, in MicroStation il testo viene adattato mediante la riduzione o lingrandimento delle dimensioni dei caratteri per consentirne il corretto posizionamento tra due punti dati. Se questa opzione disattivata, la spaziatura tra i caratteri viene calcolata dalla fine di un carattere allinizio di quello successivo. Se questa opzione attivata, qualunque testo posizionato come nodo di testo rimane tale anche se viene ridotto a una sola riga. Predefinito Disattivato

Adattamento testo inserendo spazio

Disattivato

Spaziatura caratteri a larghezza fissa

Disattivato

Conservare nodi di testo

Disattivato

516

Guida rapida di MicroStation

Preferenze utente
Categorie
Categoria Testo Preferenza Allineamento campi inserim. dati come IGDS Descrizione Se questa opzione disattivata, in un campo di inserimento dati giustificato al centro che contiene un numero dispari di caratteri di spaziatura, il carattere di spaziatura in eccesso viene inserito allinizio del campo. Imposta il carattere di testo che denota ciascun carattere in un campo di inserimento dati. Imposta, in pixel, la dimensione minima di testo consentita. Imposta la distanza, espressa come percentuale dellaltezza del testo, tra la base dei caratteri che non hanno tratti discendenti e la sottolineatura. Imposta il carattere ASCII utilizzato per visualizzare il simbolo di grado ( ). Imposta il tipo di interfaccia di modifica del testo: Elaboratore di testi, Finestra di dialogo, WYSIWYG o Digitazione. Predefinito Disattivato

Carattere ED

_ (carattere di sottolineatura) 4

Testo minimo

Spaz. sottolineatura (%)

20

Caratt. visual. grado

176

Stile editor di testo

Elaboratore di testi

Guida rapida di MicroStation

517

Preferenze utente
Categorie
Categoria Opzioni vista Preferenza Barre di scorrimento in finestre di vista Descrizione Se questa opzione attivata, le finestre di vista vengono visualizzate con i contorni, comprese le barre di scorrimento e le barre dei controlli. Se questa opzione attivata, il colore di sfondo della vista, se impostato a nero, viene visualizzato in bianco. Se questa opzione disattivata, quattro viste vengono affiancate come in IGDS. Se questa opzione attivata, MicroStation tenta di aprire le viste in base al rapporto di rappresentazione delle viste dellultima versione salvata. applicabile solo se stata modificata la dimensione dellarea dellapplicazione di MicroStation dal salvataggio del file. Imposta la frequenza (in secondi) di aggiornamento dello schermo durante il rendering. Controlla la luminosit delle immagini con rendering. Predefinito Attivato

Sfondo nero -> Bianco

Disattivato

Affiancare contatore in senso orario Conservare rapporto di rappresentazione delle viste

Disattivato

Disattivato

Frequenza aggiornamento (sec)

0.5

Correzione gamma

1.00

518

Guida rapida di MicroStation

Preferenze utente
Categorie
Categoria Opzioni vista Preferenza Mass. punti griglia/Vista Descrizione Imposta il numero massimo di punti orizzontali della griglia visibili in una vista. Imposta il numero massimo di riferimenti orizzontali della griglia visibili in una vista. Imposta la larghezza di visualizzazione (in pixel) per ciascuno dei 32 spessori di linea. Predefinito 90

Mass. rif. griglie/Vista

40

Spessori linea

1:1

Procedura generica Per impostare le preferenze utente


1. Dal menu Area di lavoro, scegliere Preferenze. Viene visualizzata la finestra di dialogo Preferenze. Nella casella di riepilogo Categoria risulta selezionata la categoria Database.

2. Per facilitare lidentificazione di tutte queste preferenze come un unico componente dellarea di lavoro, digitare una descrizione delle preferenze nel campo adiacente alla parte superiore della casella di riepilogo Categoria. 3. Dalla casella di riepilogo, selezionare la categoria contenente

Guida rapida di MicroStation

519

Preferenze utente
Conversione degli spessori di linea
la preferenza che si desidera impostare. Nella finestra di dialogo vengono visualizzati i controlli per limpostazione delle preferenze nella categoria selezionata. 4. Utilizzare i controlli per impostare le preferenze desiderate. Facendo clic sul pulsante Spessori linea nella categoria Opzioni vista viene visualizzata una finestra di dialogo che consente di impostare le larghezze di visualizzazione degli spessori di linea degli elementi. Per ulteriori informazioni sullimpostazione di tali preferenze, vedere Conversione spessori di linea (vedere pagina 5-20) . 5. Ripetere i passaggi 3 e 4 per impostare tutte le preferenze desiderate. 6. Fare clic sul pulsante OK.

Per impostare tutte le preferenze ai valori predefiniti dellinterfaccia utente dellarea di lavoro attiva
1. Fare clic sul pulsante Predefiniti nella categoria Database della finestra di dialogo Preferenze. 2. Fare clic sul pulsante OK.

Conversione degli spessori di linea


Per la visualizzazione dello spessore di linea degli elementi possibile selezionare uno qualsiasi dei 32 valori consentiti. Le larghezze di visualizzazione vengono misurate in pixel (punti dello schermo).

Per impostare le larghezze di visualizzazione degli spessori di linea degli elementi


1. Nella categoria Opzioni vista della finestra di dialogo Preferenze,

520

Guida rapida di MicroStation

Preferenze utente
Conversione degli spessori di linea
fare clic sul pulsante Spessori linea. Viene visualizzata la finestra di dialogo Conversione spess. di linea.

2. Se si dispone di un sistema a doppio schermo, nel gruppo di opzioni Schermo, selezionare lo schermo per il quale si desidera impostare le larghezze di visualizzazione: Destra(principale), Sinistra(secondario). 3. Per ogni spessore di linea riportato nella colonna Disegno del quale si desidera modificare la larghezza di visualizzazione, digitare la larghezza desiderata, in pixel, allinterno del campo Visualizza corrispondente. o Per impostare i valori Disegno: Visualizza a un rapporto di 1:1 ratio, fare clic sul pulsante 1:1. o Per impostare i valori Disegno: Visualizza a un rapporto di 1,5:1 ratio, fare clic sul pulsante 1,5:1. o Per impostare i valori Disegno: Visualizza a un rapporto di 2:1 ratio, fare clic sul pulsante 2:1. 4. (Facoltativo) Per impostare le larghezze di visualizzazione per il secondo schermo, selezionarlo dal gruppo di opzioni

Guida rapida di MicroStation

521

Preferenze utente
Conversione degli spessori di linea
Schermo e ripetere il passaggio 3. 5. Fare clic sul pulsante Applica per salvare le modifiche senza chiudere la finestra di dialogo. 6. Fare clic sul pulsante OK per salvare le modifiche e chiudere la finestra di dialogo. Viene nuovamente visualizzata la finestra di dialogo Preferenze. Le modifiche effettuate avranno effetto indipendentemente dallutilizzo del pulsante OK o Annulla in tale finestra.

522

Guida rapida di MicroStation

Parte II: Esercitazione

Prima sessione
Questi esercizi offrono una panoramica delle procedure di base di MicroStation.

Avvio di MicroStation
Questo esercizio illustra lavvio di MicroStation e fornisce unintroduzione ai concetti fondamentali. Prima di iniziare, se si tratta della prima sessione di MicroStation e non ancora stato riavviato il sistema dopo linstallazione di MicroStation, riavviare il computer adesso. In seguito si torner a questa esercitazione.

Avviare MicroStation
1. Aprire il gruppo di programmi MicroStation in Program Manager di Windows. 2. A seconda della configurazione del sistema operativo, fare clic o doppio clic sullicona di MicroStation nel gruppo di programmi MicroStation. Una volta avviato MicroStation, viene visualizzata la finestra

Guida rapida di MicroStation

61

Prima sessione
Avvio di MicroStation
di dialogo MicroStation Manager.

La finestra di dialogo MicroStation Manager pu essere utilizzata per molte operazioni di gestione dei file. In questo caso, si illustrer come creare un nuovo file DGN. Quando si crea un nuovo file DGN in MicroStation, viene copiato un file seme a cui si assegner il nome specificato dallutente. Con MicroStation dotato in origine di numerosi file seme. In base allimpostazione predefinita, il sistema configurato per lutilizzo del file seme seed2D.dgn che adatto per il disegno 2D.

Creare un file DGN


1. Aprire il menu File di MicroStation Manager facendo clic su File sulla barra dei menu.
Se si utilizza Mouse Il pulsante Dati Il pulsante del mouse (generalmente il pulsante sinistro)

62

Guida rapida di MicroStation

Prima sessione
Avvio di MicroStation
Se si utilizza Cursore di tavoletta Il pulsante Dati Per ulteriori informazioni, vedere Input grafico con una tavoletta di digitalizzazione. a pagina 3-24

2. Scegliere Nuovo dal menu File facendo clic su tale voce di menu. Fare clic su una voce di un menu, un pulsante o unicona significa posizionare il puntatore su tale elemento e premere il pulsante dati del mouse. Verr visualizzata la finestra di dialogo Nuovo. Si noti che al file seme associato il nome del file seme predefinito, ossia seed2D.dgn. In caso contrario, fare clic sul pulsante di selezione e selezionare seed2d.dgn dalla finestra di dialogo Seleziona file seme, quindi fare clic su OK.

3. Nel campo di testo File, digitare il nome del nuovo file DGN mydesign. In base allimpostazione predefinita, viene aggiunta lestensione .dgn. 4. Fare clic su OK. La finestra di dialogo Nuovo viene chiusa e nella finestra

Guida rapida di MicroStation

63

Prima sessione
Avvio di MicroStation
di dialogo MicroStation Manager viene visualizzato il nome mydesign.dgn nel campo File. Il file anche selezionato (evidenziato) nella casella di riepilogo File.

5. Fare clic su OK. 6. La finestra di dialogo MicroStation Manager viene chiusa e viene aperto il file DGN mydesign.dgn. La schermata risultante dovrebbe essere analoga alla seguente:

64

Guida rapida di MicroStation

Prima sessione
Utilizzo di uno strumento di disegno

Utilizzo di uno strumento di disegno


Un modello di MicroStation, in un file DGN, costituito da elementi quali linee, ellissi e archi.

Posizionare un elemento linea con lo strumento Posiziona linea


1. Posizionare il puntatore sullo strumento Posiziona SmartLine nel menu degli strumenti Principale e premere il pulsante Dati senza rilasciarlo. Sul mouse, il pulsante

Guida rapida di MicroStation

65

Prima sessione
Utilizzo di uno strumento di disegno
Dati corrisponde al pulsante sinistro.

Lo strumento Posiziona SmartLine viene selezionato e da esso emergono altri strumenti collegati. 2. Sempre tenendo premuto il pulsante Dati, trascinare il puntatore verso il centro della finestra della vista 1. Man mano che si trascina, viene visualizzato un contorno rettangolare intorno degli strumenti aggiuntivi. 3. Rilasciare il pulsante Dati.

Il contorno rettangolare si trasforma nel menu degli strumenti Elementi lineari in cui sono presenti diversi strumenti, fra cui Posiziona SmartLine. stato estratto il menu degli strumenti Elementi lineari dal menu degli strumenti Principale. 4. Nel menu degli strumenti Elementi lineari, posizioare il puntatore sullo strumento Posiziona linea (accanto allo strumento Posiziona

66

Guida rapida di MicroStation

Prima sessione
Utilizzo di uno strumento di disegno
SmartLine) e fare clic (premere e rilasciare) sul pulsante Dati.

Ora selezionato lo strumento Posiziona linea. possibile notare diversi effetti visibili: sulla barra di stato viene visualizzato il nome dello strumento e sulla barra del titolo della finestra di impostazioni compare Posiziona linea. Posiziona linea prende il posto di Posiziona SmartLine nel menu degli strumenti Principale. Spostando il puntatore nella finestra della vista 1, la freccia allestremit si trasforma in un cursore a croce. 5. Premere e tenere premuto il pulsante Dati mentre si sposta il puntatore nella finestra della vista 1. Il puntatore si trasforma in una X e viene creata una linea che parte dal punto in cui stato premuto il pulsante Dati. Trascinando il puntatore, la linea che si sta posizionando viene visualizzata dinamicamente come se fosse collegata al puntatore mediante un elastico. Questo effetto detto aggiornamento dinamico o linea elastica. 6. Rilasciare il pulsante Dati per finire di posizionare la linea. Se la linea risulta frastagliata, non un problema. possibile che lo schermo non contenga un numero di punti (pixel) sufficiente per visualizzare con precisione questa particolare linea. Una volta plottata, la linea sar dritta (come nella figura).

I punti in cui si preme e si rilascia il pulsante Dati sono detti "punti dati". Tali punti dati, etichettati 1 e 2 nella figura riportata sopra, indicano le estremit della linea. Lo strumento Posiziona linea ancora selezionato, come indicato sulla barra di stato. Lo strumento bloccato. Per inserire altre linee, sufficiente ripetere i passaggi 5 (vedere pagina 6-7) e 6 (vedere ) indicati sopra. Gli utenti con maggiore esperienza

Guida rapida di MicroStation

67

Prima sessione
Utilizzo di uno strumento di disegno
preferiscono bloccare gli strumenti per aumentare lefficienza. Per selezionare gli strumenti senza bloccarli, possibile fare doppio clic su di essi. In altre parole, posizionare il puntatore su di essi e fare clic due volte sul pulsante Dati in rapida successione. Torniamo al posizionamento di elementi. Per inserisce una serie di punti dati in sequenza, possibile premere (e rilasciare) il pulsante Dati per ogni punto. Questo metodo di disegno pu risultare pi semplice rispetto al trascinamento.

Posizionare una linea premendo il pulsante Dati per immettere i singoli punti dati, anzich trascinare
1. Premere (e rilasciare) il pulsante Dati per immettere un punto dati nella finestra della vista 1. In questo modo viene definito il primo punto della riga, che segue dinamicamente gli spostamenti del puntatore. 2. Premere (e rilasciare) per inserire un secondo punto dati nella finestra della vista 1 per completare la linea.

Spostando il puntatore a croce, viene visualizzata dinamicamente una nuova linea. La linea dinamica parte dalla fine della linea appena posizionata. 3. Immettere un altro punto dati nella finestra della vista 1 per posizionare una seconda linea collegata. Anche in questo caso, la linea dinamica parte dalla fine della nuova linea appena posizionata. Continuando a inserire altri punti dati, si otterrebbero diverse linee collegate. Si tratterebbe di elementi separati con estermi in comune. Si supponga di voler iniziare una nuova linea in un altro punto.

Posizionare una nuova linea in un altro punto


1. Premere il pulsante Reset. Sul mouse, Reset corrisponde

68

Guida rapida di MicroStation

Prima sessione
Posizionamento di spezzate e cerchi
generalmente al pulsante destro. Questa azione detta appunto resettare. Si noti che non pi visibile la linea dinamica dallultimo punto dati alla posizione del puntatore. 2. Inserire un punto dati nella finestra della vista 1. 3. Inserire un secondo punto dati per posizionare la nuova linea. Lo strumento Posiziona linea, come la maggior parte degli strumenti di posizionamento elementi, consente di immettere una serie di uno o pi punti dati. Per immettere i singoli punti dati, possibile utilizzare la tecnica del trascinamento e/o premere il pulsante Dati. Per scegliere unaltra posizione per linizio della linea, possibile resettare. Ora che si sono apprese queste tecniche, esercitarsi nel posizionare altre linee, quindi passare allesercizio successivo.

Posizionamento di spezzate e cerchi


Si appena visto quanto sia semplice inserire una serie di elementi lineari collegati (ossia un elemento lineare con estremi in comune) con lo strumento Posiziona linea. tuttavia preferibile posizionare i segmenti lineari collegati con ununica spezzata cos da consentire la manipolazione dellintero gruppo (copia, spostamento, eliminazione e cos via). Per posizionare una spezzata, necessario utilizzare lo strumento Posiziona SmartLine. Il posizionamento di una spezzata con Posiziona SmartLine analogo al posizionamento di una serie di elementi lineari collegati. Un punto dati definisce infatti ciascun vertice (angolo) della spezzata. Al termine della definizione dei vertici, inserire un Reset.

Posizionare una spezzata


1. Nel menu degli strumenti Elementi lineari selezionare lo strumento Posiziona SmartLine (collocare il puntatore sullo

Guida rapida di MicroStation

69

Prima sessione
Posizionamento di spezzate e cerchi
strumento e fare clic con il pulsante Dati).

Lo strumento Posiziona SmartLine selezionato. Sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio Posiziona SmartLine > Inserisci primo vertice. 2. Inserire un punto dati (premere e rilasciare il pulsante Dati) nella finestra della vista 1 per definire un vertice. Il primo segmento della spezzata viene visualizzato dinamicamente mentre si sposta il puntatore a croce. 3. Inserire altri punti dati per definire altri vertici.

4. Resettare (premere il pulsante destro del mouse). La spezzata stata posizionata. Lo strumento Posiziona SmartLine uno dei pochi con i quali non possibile utilizzare la funzione Reset per reiniziare da unaltra posizione. Una spezzata, infatti, pu essere composta da diversi segmenti e il Reset consente di indicare a MicroStation che la spezzata completa.

Posizionare un cerchio a partire dal centro


1. Dal menu degli strumenti Principale selezionare lo strumento Posiziona cerchio.

610

Guida rapida di MicroStation

Prima sessione
Posizionamento di spezzate e cerchi

2. Nella finestra di impostazioni dello strumento, intitolata ora Posiziona cerchio, assicurarsi che il Metodo sia impostato su Centro. Se non impostato su Centro, spostare il puntatore sul menu di opzioni Metodo, fare clic sul pulsante Dati, quindi scegliere Centro. Sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio Posiziona cerchio per il centro > Identificare punto centrale. 3. Inserire un punto dati nella finestra della vista 1 per definire il centro del cerchio. Il puntatore si trasforma in una croce. Spostando il puntatore a croce, viene visualizzato dinamicamente il cerchio. 4. Inserire un punto dati per definire il margine e posizionare il cerchio.

Posizionare un cerchio a partire dal centro

Esistono altri modi per posizionare un cerchio, ad esempio disegnando da margine a margine, come si vedr fra breve. Per la maggior parte degli elementi, infatti, esistono molti modi per eseguire il posizionamento.

Guida rapida di MicroStation

611

Prima sessione
Posizionamento di spezzate e cerchi

Posizionare un cerchio a partire da 3 punti


1. Nella finestra di impostazione dello strumento, impostare Metodo a 3 punti. Posizionare il puntatore sul menu di opzioni Metodo, fare clic con il pulsante Dati, quindi scegliere 3 punti.

Sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio Posiziona cerchio per tre punti > Identificare punto su cerchio. 2. Inserire un punto dati (premere e rilasciare il pulsante Dati) nella finestra della vista 1 per definire un punto sul margine del cerchio. 3. Inserire un secondo punto dati per definire un altro punto sul margine del cerchio. Entrambi i punti sono contrassegnati da quadratini. Viene visualizzato dinamicamente un cerchio che passa per entrambi i punti e la posizione del puntatore. 4. Inserire un punto dati per definire un terzo punto e posizionare il cerchio.

Posizionare un cerchio a partire da 3 punti

Posizionare altri cerchi. Provare a inserire i punti dati sia con il metodo del trascinamento, sia facendo clic. Dato che questo metodo richiede linserimento di tre punti dati, non

612

Guida rapida di MicroStation

Prima sessione
Posizionamento di testo
possibile trascinare per inserirli tutti.

Posizionamento di testo
Mediante il testo possibile inserire annotazioni ed etichette in un modello, visualizzare i numeri delle parti, indicare le tolleranze geometriche, visualizzare i dati associati agli elementi grafici, includere istruzioni o spiegazioni per altri membri di un gruppo di lavoro e comunicare altre informazioni che non possono essere trasmesse comodamente in modo grafico.

Posizionare un elemento testuale


1. Dal menu degli strumenti Principale selezionare lo strumento Posiziona testo (icona con la lettera A).

Viene visualizzata la finestra Editor di testo. 2. Nella finestra Editor di testo, digitare il testo che si desidera inserire.

Guida rapida di MicroStation

613

Prima sessione
Informazioni della Guida

Finestra Editor di testo, con lo Stile editor di testo impostato su Elaboratore di testi nella categoria Testo della finestra delle preferenze relative allarea di lavoro (scegliere Preferenze dal menu Area di lavoro)
3. Spostare il puntatore nel punto in cui si desidera inserire il testo nella finestra della vista 1. Il testo inserito nella finestra Editor di testo viene visualizzato dinamicamente mentre si sposta il puntatore. Anche se troppo grande per la finestra della vista 1, il testo verr posizionato comunque. 4. Inserire un punto dati (premere e rilasciare il pulsante Dati) per posizionare il testo. Una copia del testo inserito rimarr collegata al puntatore.

5. Premere il pulsante Reset per cancellare il testo (dal puntatore).

Informazioni della Guida


MicroStation dotato di una Guida in linea completa con

614

Guida rapida di MicroStation

Prima sessione
Informazioni della Guida
collegamenti ipertestuali tra i vari argomenti. possibile impostare il sistema in modo da ottenere informazioni della Guida su ogni strumento selezionato. possibile esplorare gli argomenti della guida e cercare nomi di argomenti. anche possibile stampare singoli articoli della guida.

Esplorare gli argomenti della guida


1. Nel menu degli strumenti Standard sotto la barra dei menu principale, fare clic sullicona ? (Guida). o Dal menu Guida, scegliere Sommario.

Viene aperta la finestra della Guida e viene visualizzato il Sommario. La finestra della Guida divisa in due riquadri. Quello di sinistra, o Sommario, contiene lelenco degli argomenti disponibili. Quello di destra, invece, contiene il testo associato allargomento selezionato.

Guida rapida di MicroStation

615

Prima sessione
Informazioni della Guida

2. Nella finestra del Sommario, fare clic sullargomento di interesse. Viene visualizzato un elenco di argomenti secondari. 3. Continuare ad espandere lelenco di sottoargomenti fino a individuare largomento desiderato. Nella scheda Sommario, selezionare largomento della guida desiderato. Nel riquadro di destra verr visualizzato larticolo corrispondente. Nellarticolo stesso sono contenuti collegamenti ipertestuali.

Trovare lo strumento giusto per creare uno smusso


1. Fare clic sulla scheda Cerca. 2. Nel campo Cerca, digitare creare uno smusso. 3. Fare clic sul pulsante Argomenti. Nella casella di riepilogo compare un elenco di argomenti. Il titolo Costruisci smusso corrisponde allargomento pi vicino a ci che si sta cercando. 4. Selezionare largomento Costruisci smusso dalla casella di riepilogo, quindi fare clic sul pulsante Visualizza. Nel riquadro di destra viene visualizzato larticolo della Guida relativo allo strumento Costruisci smusso. La funzionalit di collegamento consente di trovare informazioni della guida relative allo strumento selezionato. Questo metodo consente di trovare rapidamente informazioni su uno strumento altrimenti irreperibili mediante i menu. Ogni volta che si seleziona uno strumento, nella finestra della Guida viene visualizzato automaticamente largomento corrispondente.

616

Guida rapida di MicroStation

Prima sessione
Eliminazione di elementi

Attivare la funzione di collegamento e selezionare lo strumento Posiziona rettangolo per visualizzare informazioni della guida su di esso.
1. Dal menu Guida scegliere Collegamento.

La funzione di collegamento attivata. Quando attiva la funzione di collegamento, nella finestra della Guida vengono visualizzate informazioni relative allo strumento selezionato. 2. Dal menu degli strumenti Poligoni del menu degli strumenti Principale, selezionare lo strumento Posiziona rettangolo.

Nella finestra della Guida vengono visualizzate informazioni su Posiziona rettangolo. 3. Al termine, chiudere la finestra della Guida (fare clic sul pulsante X nella parte superiore destra della finestra della Guida). 4. Per disattivare la funzione di collegamento, scegliere di nuovo Collegamento dal menu Guida.

Eliminazione di elementi
In questo momento nella finestra della vista 1 sono presenti molti elementi, pertanto si proceder ad eliminarne qualcuno. Il

Guida rapida di MicroStation

617

Prima sessione
Eliminazione di elementi
metodo utilizzato per effettuare questa operazione varia a seconda della configurazione del sistema, dellattivazione o disattivazione della funzione AccuSnap, e dallimpostazione dellopzione Identifica elementi automaticamente. AccuSnap una funzione di MicroStation che consente di individuare gli elementi in modo intelligente. In questo esempio gli elementi verranno eliminati con la funzione AccuSnap attivata e disattivata.

Per disattivare la funzione AccuSnap


1. Scegliere Cattura del menu Impostazioni, quindi fare clic su AccuSnap nel sottomenu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni AccuSnap. 2. Se nella casella di controllo Attiva AccuSnap presente un segno di spunta, fare clic su di essa per eliminarlo. La funzione AccuSnap viene disattivata. Se non visualizzato alcun segno di spunta, significa che la funzione gi disattivata nel sistema. 3. Dal menu degli strumenti Principale, selezionare lo strumento Elimina elemento. 4. Posizionare il puntatore su uno degli elementi e inserire un punto dati. Lelemento viene evidenziato, a indicare che selezionato. 5. Immettere un secondo punto dati in una parte vuota della vista. Lelemento viene eliminato.

Per eliminare una linea


1. Dal menu degli strumenti Principale selezionare lo strumento Elimina elemento.

2. Selezionare la linea da eliminare posizionando il puntatore su

618

Guida rapida di MicroStation

Prima sessione
Eliminazione di elementi
di essa e premendo (e rilasciando) il pulsante Dati. La linea viene evidenziata per indicare che selezionata. Se stato selezionato lelemento sbagliato, immettere un Reset. Se non stato selezionato alcun elemento, riprovare. 3. Immettere un secondo punto dati in una parte vuota della vista per completare leliminazione. Ora verr illustrato come eliminare gli elementi quando sono attive le funzioni AccuSnap e di indentificazione automatica degli elementi.

Attivare AccuSnap
1. Scegliere Cattura del menu Impostazioni, quindi fare clic su AccuSnap nel sottomenu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Impostazioni AccuSnap. 2. Attivare Enable AccuSnap facendo clic sulla voce o sulla corrispondente casella di controllo. Verr visualizzato un segno di spunta accanto allimpostazione. 3. Se necessario, selezionare lopzione Identifica elementi automaticamente. 4. Chiudere la finestra Impostazioni AccuSnap. 5. Dal menu degli strumenti Principale selezionare lo strumento Elimina elemento. 6. Spostando il puntatore allinterno della finestra della vista si noter che gli elementi vengono evidenziati quando il puntatore passa su di essi. 7. Spostare il puntatore sullelemento da eliminare quindi, quando viene evidenziato, inserire un punto dati. Lelemento viene eliminato. A differenza dellesercizio precedente, questa volta stato necessario un solo punto dati poich lelemento stato identificato e evidenziato automaticamente dalla funzione AccuSnap. Per individuare lelemento non necessario inserire prima un punto dati.

Se stato eliminato lelemento sbagliato, possibile

Guida rapida di MicroStation

619

Prima sessione
Utilizzo delle digitazioni
annullare loperazione.

Annullare la cancellazione dellelemento


1. Premere Ctrl-Z. (In altre parole, tenere premuto il tasto Ctrl e premere il tasto Z.) Questo comando equivale a scegliere Annulla dal menuModifica. Ctrl-Z lacceleratore per tale voce di menu. Lelemento torna nella posizione in cui si trovava prima delleliminazione. 2. Ripetere il passaggio 1 per annullare leliminazione della linea. Le operazioni di posizionamento, manipolazione e modifica possono essere annullate. possibile annullare pi operazioni in MicroStation. La prima operazione annullabile riportata accanto alla voce Annulla nel menu Modifica. Analogamente, la prima operazione ripetibile riportata accanto alla voce Ripeti nello stesso menu. Un elemento eliminato rimane nel file DGN anche se non visibile.

Utilizzo delle digitazioni


Gli strumenti possono essere selezionati facendo clic su di essi oppure immettendo una digitazione nella finestra Digita. Per digitazione si intende limmissione di testo nellapposito campo della finestra Digita seguita dalla pressione del tasto INVIO o da un clic sul pulsante Digita. Alcune funzioni di MicroStation, in particolare linsieme di utilit dette digitazioni speciali, possono essere attivate solo in questo modo.

Aprire la finestra Digita


1. Dal menu Varie, scegliere Digita. (Istruzione abbreviata per Posizionare il puntatore sulla voce Varie della barra dei menu principale, fare clic sul pulsante Dati per aprire il

620

Guida rapida di MicroStation

Prima sessione
Utilizzo delle digitazioni
menu, quindi fare clic sulla voce Digita.) Viene visualizzata la finestra Digita.

Se si utilizza la tastiera, il testo digitato viene inserito nella finestra corrispondente allelemento attivo. La barra del titolo della finestra attiva evidenziata. Se attiva una finestra di dialogo quando si immette una digitazione nella finestra Digita, necessario dapprima passare lo stato attivo sulla finestra Digita. Per eseguire questa operazione, premere Esc o fare clic nella finestra Digita. Il MicroStation linguaggio di digitazione costituito da una gerarchia di parole chiave in lingua inglese. Ad esempio, digitando PLACE CIRCLE CENTER CONSTRAINED viene selezionato lo strumento Posiziona cerchio e il Metodo dello strumento viene impostato su Centro, digitando PLACE CIRCLE EDGE CONSTRAINED, la propriet Metodo dello strumento Posiziona cerchio viene impostata su 3 punti, mentre digitando DELETE ELEMENT viene attivato lo strumento Elimina elemento. La digitazione usata per selezionare gli strumenti riportata nel Manuale dellutente. Una potente funzionalit delle digitazioni consiste nella capacit del software MicroStation di riconoscere e completare i comandi. Se, ad esempio, si digitano le lettere ACC seguite da uno spazio, verr completata automaticamente la parola ACCUDRAW.

possibile abbreviare le digitazioni ad esempio, PLACE CIRCLE CENTER CONSTRAINED pu essere abbreviato in PLA CI C C e PLACE

Guida rapida di MicroStation

621

Prima sessione
Salvataggio di un file DGN
CIRCLE EDGE CONSTRAINED in PLA CI E C. Per abbreviare le digitazioni, sufficiente omettere le lettere finali delle parole, purch esser siano univoche per consentire a MicroStation di riconoscere le abbreviazioni utilizzate. Non necessario utilizzare lettere maiuscole.

Selezionare Posiziona cerchio e impostare il Metodo su Centro mediante una digitazione


1. Attivare la finestra Digita, digitare PLA CI C C (digitare il testo e premere INVIO). Sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio Posiziona cerchio per il centro > Identificare punto centrale. Mentre attiva larea di digitazione della finestra Digita, possibile richiamare digitazioni precedenti permendo il tasto (freccia su). In alternativa, possibile selezionare una digitazione precedente dalla casella di riepilogo posta nella parte inferiore della finestra. Nella presente documentazione, a seconda del contesto, listruzione digitare viene utilizzata anche per indicare limmissione di testo in altre finestre, ad esempio nelle finestre di dialogo.

Salvataggio di un file DGN


Per salvare il file DGN attivo si utilizzano i comandi standard Salva e Salva con nome presenti nel menu File di MicroStation.

Salvare (e rinominare) il file DGN attivo


1. Dal menu File, scegliere Salva con nome. Viene visualizzata la finestra di dialogo Salva con nome. 2. Digitare un nuovo nome di file nel campo File. Lestensione predefinita per i file DGN .dgn. 3. Nella casella di riepilogo Directory selezionare la directory di destinazione. 4. Utilizzare il menu di opzioni Unit per specificare

622

Guida rapida di MicroStation

Prima sessione
Chiusura della sessione
lunit disco di destinazione. 5. Fare clic su OK. Il file viene salvato. Sulla barra del titolo della finestra di MicroStation viene visualizzato il nome assegnato al file.

Chiusura della sessione


Una volta terminata la sessione di disegno, possibile chiudere il file DGN e uscire da MicroStation con ununica operazione.

Uscire da MicroStation
1. Dal menu File, scegliere Esci. o Nella finestra Digita, digitare EXIT. o Nella finestra Digita, digitare QUIT. o Premere Alt-F4. (Alt corrisponde al tasto logico Alt. o Premere Alt-F, quindi premere X.

Guida rapida di MicroStation

623

Prima sessione
Chiusura della sessione

624

Guida rapida di MicroStation

Nozioni di base sul flusso di lavoro


In questa esercitazione sono illustrati i concetti basilari sullutilizzo dei controlli delle viste per gli spostamenti allinterno dei modelli. Offre inoltre unindicazione sul flusso di MicroStation. Si osserver, ad esempio, come possibile interrompere uno strumento di disegno per utilizzare un controllo della vista e riprendere poi a utilizzare lo strumento di disegno nel punto esatto in cui stato interrotto il lavoro.

Questa esercitazione suddivisa in una serie di esercizi che devono essere eseguiti in successione. Verranno fornite informazioni sulle seguenti operazioni: Creazione di una copia di backup di un file DGN (vedere pagina 7-1) Adattamento del modello attivo (vedere pagina 7-3) Visualizzazione di aree del modello in finestre (vedere pagina 7-4) Zoom e traslazione (vedere pagina 7-9) Interruzione di uno strumento di disegno per utilizzare un controllo della vista (vedere pagina 7-11)

In questo esercizio si presume che sia stato completato lesercizio precedente.

Creazione di una copia di backup di un file DGN


In questa esercitazione viene utilizzata una copia del file DGN Office.dgn. Il file verr rinominato off_bak.dgn e si proceder utilizzato il file rinominato. Il file originale rimane inalterato per consentirne lutilizzo in un esercizio successivo.

Aprire il file DGN Office.dgn


1. Avviare MicroStation oppure, se gi in esecuzione,

Guida rapida di MicroStation

71

Nozioni di base sul flusso di lavoro


Creazione di una copia di backup di un file DGN
scegliere Apri dal menu File. Viene visualizzata la finestra di dialogo MicroStation Manager o Apri. 2. Nella casella di riepilogo Directory, aprire le cartelle Workspace\projects\examples\Architectural\dgn di Bentley, se tale percorso non gi visualizzato. 3. Dalla casella di riepilogo File, selezionare "Office.dgn". 4. Fare clic su OK. Nella finestra 1 viene visualizzata la scrivania di una reception in un ingresso. Il modello 2D comprende la pianta di un intero piano di un palazzo di uffici.

Creare il file di backup


1. Dal menu File, scegliere Salva con nome. Viene visualizzata la finestra di dialogo Salva con nome.

2. Nel campo File, digitare off_bak.dgn. 3. Fare clic su OK. Ill file di backup off_bak.dgn viene creato e aperto come file DGN attivo. Ricordare che il nome del file DGN attivo visualizzato sulla barra del titolo della finestra di MicroStation.

72

Guida rapida di MicroStation

Nozioni di base sul flusso di lavoro


Adattamento del modello attivo

Tutti i file di esempio forniti con MicroStation sono memorizzati sul supporto originale. Se si desidera riprendere la versione originale di un file, reinstallare i file di esempio. Se si desidera che alcuni file di esempio non vengano riscritti durante la reinstallazione, rinominarli o spostarli in unaltra directory.

Adattamento del modello attivo


Anche se le finestre delle viste vengono spostate sullo schermo, il loro contenuto rimane inalterato. Per modificare la visualizzazione di un modello in una vista, utilizzare i controlli della vista. Tali controlli sono situati sulla barra dei controlli posta sul bordo inferiore di ogni finestra della vista.

Visualizzare lintero modello nella finestra della vista 1


1. Selezionare il controllo Adatta vista facendo clic su di esso sulla barra dei controlli della vista.

Lintero modello viene adattato alla grandezza della finestra della vista 1. Si noti che il controllo Adatta vista rimane selezionato. 2. Al centro del modello collocare la scrivania della reception nellingresso. Questa posizione verr utilizzata pi avanti in questa esercitazione.

Guida rapida di MicroStation

73

Nozioni di base sul flusso di lavoro


Visualizzazione di aree del modello in finestre

Se durante lutilizzo dei controlli della vista si dovesse perdere di vista il modello e ci si trovasse di fronte una vista vuota, utilizzare il controllo Adatta vista per individuare il modello.

Visualizzazione di aree del modello in finestre


Nellambito di questo esercizio si utilizzer la finestra della vista 1 per visualizzare linsieme dellambiente e si aprir una seconda vista per esaminare i dettagli. Alla fine dellesercizio, le due finestre

74

Guida rapida di MicroStation

Nozioni di base sul flusso di lavoro


Visualizzazione di aree del modello in finestre
aperte risulteranno analoghe a quanto segue:

Ridimensionare la finestra della vista 1 e adattare il modello in base alla sua dimensione
1. Posizionare il puntatore sullangolo inferiore destro del bordo della finestra della vista 1. Quando il puntatore si trova esattamente sullangolo del bordo della finestra, si trasforma in una doppia freccia obliqua.

Guida rapida di MicroStation

75

Nozioni di base sul flusso di lavoro


Visualizzazione di aree del modello in finestre

2. Quando il puntatore assume la forma di una doppia freccia obliqua, premere (e tenere premuto) il pulsante Dati, quindi trascinare langolo verso lalto e verso sinistra per fare in modo che la finestra della vista occupi solo il settore superiore sinistro dello schermo. 3. Selezionare nuovamente il controllo Adatta vista per ripristinare la visualizzazione del modello intero nella finestra della vista 1. Una volta adattato lintero modello, si noter che comprende un bordo e linee di riferimento che si estendono ben oltre larea dellambiente. Non necessario visualizzarle completamente nella finestra della vista 1.

Posizionare in una finestra larea contenente la pianta del piano


1. Selezionare il controllo della vista Area della finestra. Il controllo Area della finestra consente di ingrandire una parte del modello affinch occupi lintera finestra della vista. Il puntatore si trasforma in una grande X. Nella finestra di impostazioni dello strumento, lopzione Applica alla finestra impostata su (finestra della vista) 1.

2. Posizionare il puntatore allinterno della finestra della vista

76

Guida rapida di MicroStation

Nozioni di base sul flusso di lavoro


Visualizzazione di aree del modello in finestre
1 appena sopra e a sinistra rispetto alla pianta del piano, quindi premere (e rilasciare) il pulsante Dati per inserire un punto dati in tale posizione. Spostando il puntatore, viene visualizzato un riquadro rettangolare dinamico che indica larea da adattare.

3. Posizionare il puntatore appena sotto e a destra rispetto alla pianta del piano, quindi inserire un altro punto dati. Il riquadro sparisce e larea definita riempie la vista.

Aprire la finestra di unaltra vista in cui visualizzare un dettaglio del modello


1. Dal menu Finestra, selezionare il sottomenu Viste e

Guida rapida di MicroStation

77

Nozioni di base sul flusso di lavoro


Visualizzazione di aree del modello in finestre
scegliere la finestra della vista 2.

Viene visualizzata la finestra della vista 2. 2. Spostare e ridimensionare la finestra della vista 2 trascinando la barra del titolo e i bordi di ridimensionamento, in modo che occupi la met destra dello schermo. Si noti che il controllo della vista Area della finestra rimane selezionato. 3. Nella finestra di impostazioni dello strumento, selezionare lopzione Applica a finestra e scegliere (finestra della vista) 2 dal menu di opzioni. 4. Inserire due punti dati nella finestra della vista 1 per definire larea intorno al tavolo da conferenza nel quadrante superioe sinistro della pianta. possibile premere il pulsante Dati per ciascun punto dati o trascinare il puntatore tenendo premuto il pulsante Dati. Si noti che larea della finestra ha il rapporto di rappresentazione della finestra della vista 2 poich questa la finestra in cui lo strumento applica il nuovo parametro di visualizzazione. Larea definita viene visualizzata nella finestra della vista 2. 5. Ripetere il passaggio 4 per esaminare altri dettagli del modello (ad esempio una scala o una postazione di lavoro). Pi piccola larea definita nella finestra della vista 1, maggiore lingrandimento nella finestra della vista 2. 6. Ripetere il passaggio 4 per inserire in una finestra la scrivania della reception. La scrivania della reception si trova tra due fasci nella parte inferiore dellingresso centrale delledificio.

78

Guida rapida di MicroStation

Nozioni di base sul flusso di lavoro


Zoom e traslazione

Zoom e traslazione
Anche i controlli Zoom indietro e Zoom avanti consentono di aumentare o ridurre la scala utilizzata per visualizzare un modello in una vista. I controlli zoom producono effetti analoghi a quelli di una lente zoom su una fotocamera, ingrandendo o rimpicciolendo unimmagine.

Provare a utilizzare i controlli Zoom indietro e Zoom avanti


1. Sulla barra dei controlli posta sul bordo della finestra della vista 2, selezionare il controllo Zoom avanti (icona con il segno +). Si noti che il Rapporto di zoom impostato su 2.00.
2. Nella finestra della vista 2, inserire un punto dati al centro della tastiera sulla scrivania della reception. Utilizzando lo zoom, la vista viene centrata in corrispondenza del punto dati inserito. Viene quindi visualizzato il centro della tastiera al centro della finestra della vista 2 e la dimensione di ogni elemento viene raddoppiata. 3. Sulla barra dei controlli posta sul bordo della finestra della vista 2, selezionare il controllo Zoom indietro (icona con il segno ).

La dimensione degli elementi visualizzati viene dimezzata. In altre parole, vengono ripristinate le dimensioni precedenti allingrandimento.
4. Selezionare di nuovo Zoom indietro. La dimensione degli elementi visualizzati viene di nuovo dimezzata.

Annullare e ripetere lultima operazione di zoom


1. Sulla barra dei controlli posta sul bordo della finestra della vista 2, selezionare il controllo Visualizza precedente (icona

Guida rapida di MicroStation

79

Nozioni di base sul flusso di lavoro


Zoom e traslazione
con freccia curva rivolta verso sinistra).

Viene ripristinato lo stato della finestra della vista 2 precedente allultima operazione di zoom.

2. Selezionare il controllo Visualizza successiva, posto subito a destra rispetto a Visualizza precedente sulla barra dei controlli della vista.

Viene ripristinato lo stato della finestra della vista 2 precedente allutilizzo di Visualizza precedente. Per cambiare la parte di modello visualizzata in una vista senza modificare lingrandimento, possibile anche effettuare una traslazione dinamica in una vista.
La traslazione dinamica non si presta a una spiegazione passo passo, quindi si consiglia di leggere tutta la procedura che segue prima di eseguirla.

Effettuare una traslazione dinamica nella Vista 2


1. Posizionare il puntatore in prossimit del centro della finestra della vista 2. 2. Tenere premuto il tasto Maiusc premendo e tenendo premuto il pulsante Dati per definire il punto di ancoraggio. possibile rilasciare il tasto Maiusc ma continuare a tenere premuto il pulsante Dati. Il punto di ancoraggio un punto nella finestra della vista, non nel modello. Esso non viene visualizzato. 3. Tenendo premuto il pulsante Dati, trascinare il puntatore leggermente a destra rispetto al punto di ancoraggio. La finestra della vista inizia a traslare (spostarsi) sul modello nella direzione in cui stato trascinato il puntatore. Pi il puntatore viene allontanato dal punto di ancoraggio, pi veloce sar loperazione di traslazione. Per controllare la direzione della traslazione, possibile trascinare anche il puntatore. Si immagini una freccia che parte dal punto di ancoraggio e finisce nel punto il cui viene

710

Guida rapida di MicroStation

Nozioni di base sul flusso di lavoro


Interruzione di uno strumento di disegno per utilizzare un controllo della vista
trascinato il puntatore. La traslazione segue la direzione di questa freccia immaginaria e la velocit di traslazione aumenta in base alla lunghezza della freccia immaginaria. Per interrompere la traslazione, rilasciare il pulsante Dati.

Interruzione di uno strumento di disegno per utilizzare un controllo della vista


Si supponga di voler disegnare una linea obliqua che attraversa tutta la pianta, partendo dalla trave di acciaio a I nellangolo superiore sinistro fino alla trave a I nellangolo inferiore destro. Le travi I sono piccole rispetto alla distanza che le separa e sono circondate da altri elementi nel modello. Se si dovesse disegnare una linea in una vista singola, non sarebbe possibile posizionare con precisione le estremit della linea sulle travi I. Con MicroStation, il problema viene risolto interrompendo il disegno per utilizzare i controlli delle viste.

Visualizzare un dettaglio della trave a I in alto a sinistra nella finestra della vista 2 e iniziare a posizionare una linea
1. Utilizzare il controllo Area della finestra per visualizzare un piccolo rettangolo contenente langolo superiore sinistro della pianta nella finestra della vista 2.

La trave a I di colore grigio ed situata allintersezione delle due linee verdi tratteggiate subito allinterno della pianta. Se non visibile, utilizzare il controllo Zoom indietro per aumentare la porzione di modello visibile nella finestra della vista 2. Una volta individuata, utilizzare il controllo Zoom avanti per aumentare di nuovo lingrandimento e visualizzare la trave a I al centro della finestra della vista.

Guida rapida di MicroStation

711

Nozioni di base sul flusso di lavoro


Interruzione di uno strumento di disegno per utilizzare un controllo della vista

2. Dal menu degli strumenti Elementi lineari, selezionare lo strumento Posiziona linea. 3. Inserire un punto dati in corrispondenza dellintersezione delle due linee verdi che attraversano la trave a I. Sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio

712

Guida rapida di MicroStation

Nozioni di base sul flusso di lavoro


Interruzione di uno strumento di disegno per utilizzare un controllo della vista
Inserire punto finale.

4. Spostare il puntatore su entrambe le finestre senza premere il pulsante Dati. Man mano che si sposta il puntatore, viene visualizzata in modo dinamico una linea tra la trave a I e la posizione del puntatore. Tuttavia, se si posiziona il puntatore direttamente sul bordo di ridimensionamento della finestra di una vista, la linea scompare e il puntatore si trasforma in una doppia freccia. Anche se selezionato lo strumento Posiziona linea ed stato inserito il primo punto della riga, possibile interrompere il disegno della linea per eseguire altre operazioni, ad esempio ridimensionare la finestra, modificare le impostazioni e utilizzare i controlli della vista. Una volta ultimate queste attivit, possibile resettare per tornare al disegno della linea, come indicato di seguito.

Inserire in una finestra la trave a I in basso a destra e finire di posizionare la linea


1. Con lo strumento Posiziona linea ancora attivo, selezionare il controllo della vista Area della finestra. 2. Utilizzare il controllo Area della finestra per visualizzare

Guida rapida di MicroStation

713

Nozioni di base sul flusso di lavoro


Interruzione di uno strumento di disegno per utilizzare un controllo della vista
un piccolo rettangolo contenente langolo inferiore destro della pianta nella finestra della vista 2. Quando selezionato il controllo Area della finestra, la finestra di impostazioni intitolata Area della finestra. 3. Resettare. (Il pulsante di Reset corrisponde al pulsante destro del mouse.) Il controllo della vista Area della finestra viene deselezionato e viene riselezionato lo strumento Posiziona linea, nel punto esatto in cui ci si trovava prima di utilizzare il controllo della vista Area della finestra. 4. Finire di posizionare la linea: Nella finestra della vista 2, inserire un punto dati in corrispondenza dellintersezione delle due linee verdi sulla trave a I nellangolo inferiore destro della pianta.

5. Resettare per terminare.

Annullare il posizionamento della linea


1. Sul menu degli strumenti Standard, fare clic sullicona Annulla (questa icona molto simile a quella associata al controllo Visualizza precedente).

714

Guida rapida di MicroStation

Nozioni di base sul flusso di lavoro


Interruzione di uno strumento di disegno per utilizzare un controllo della vista

La linea scompare e sulla barra di stato viene visualizzato il messaggio Posiziona linea > <Posiziona linea> Annullato.

Guida rapida di MicroStation

715

Nozioni di base sul flusso di lavoro


Interruzione di uno strumento di disegno per utilizzare un controllo della vista

716

Guida rapida di MicroStation

Glossario
A
accettare Fare clic sul pulsante Dati per confermare il posizionamento di un punto dati in corrispondenza di un punto tentativo o per confermare lidentificazione di un elemento evidenziato. Strumento per il disegno che consente di applicare precisione alla geometria senza compromettere il flusso di disegno o sacrificare linterattivit offerta dallaggiornamento dinamico. Modalit di cattura che pu essere impiegata da sola o in combinazione con AccuDraw per ridurre il numero di pulsanti da utilizzare durante una sessione di disegno. AccuSnap fornisce ausilio grafico un puntatore intelligente per la cattura sugli elementi. Operazione di visualizzazione che consiste nellespande larea visibile in una vista in modo da includere tutti gli elementi su tutti i livelli attivati nella vista. Disporre viste e menu degli strumenti in modo che non si sovrappongano. Visualizzazione che si sposta insieme al puntatore e contenente elementi o modifiche in atto prima del loro inserimento nel disegno. Ridisegnare il contenuto di una o pi finestre di una vista. Stringa di caratteri costituita da lettere, numeri e alcuni simboli, quali @, $ e i segni di punteggiatura. Impostazione che consente di visualizzare in una vista la stessa area (in 2D) o lo stesso volume (in 3D) di unaltra vista. Impostazione che determina laltezza del testo al momento del posizionamento. Lorientamento secondo cui lasse X positivo punta verso destra e lasse Y positivo punta verso lalto. Impostazione che determina langolo in base al quale viene posizionata la cella di campitura attiva mediante Campisci area, langolo delle linee posizionate tramite Tratteggia area o due impostazioni che determinano gli angoli delle linee posizionate utilizzando Tratteggia a incrocio larea. Impostazione che prevede il salvataggio di un punto campionato a mano se langolo formato dal punto campionato e i due punti campionati pi di recente supera il suo valore.

AccuDraw

AccuSnap

adattamento

affiancare aggiornamento dinamico aggiornare alfanumerico allineamento vista altezza di testo attiva alto angoli di campitura attivi

angolo a mano libera

Guida rapida di MicroStation G1

Glossario
A
angolo attivo angolo iniziale asse Angolo, espresso in gradi, utilizzato con gli strumenti di posizionamento di celle e testo che richiedono la specifica di un angolo. Insieme allincremento dellasse, questa impostazione determina i possibili assi per i punti dati quando attiva lopzione Bloccaggio asse. Se, ad esempio, lincremento dellasse 60 gradi e langolo di inizio dellasse 30 gradi, gli assi possibili sono 30, 90, 150, 210, 270 e 330 gradi. Quando una porzione di una cella viene utilizzata come parte di unaltra cella. Non si tratta di una luce nel senso tradizionale, quanto piuttosto di un controllo che entra in azione quando si utilizza la luce solare, parallela e leffetto atmosfera. Consente di creare soluzioni pi realistiche per le ambientazioni interne illuminate da un effetto atmosfera o da luce solare che penetra attraverso unapertura, ad esempio un lucernario, una finestra o una porta. Il tempo di elaborazione inferiore in quanto la verifica delle ombre viene effettuata in direzione delle aperture anzich sullintero cielo. Lapplicazione MDL attiva quando non aperto un file DGN. Nello scambio di file, indica lapplicazione con cui stato creato il file da importare in MicroStation. Nello scambio di file, lapplicazione in cui verr importato un file esportato da MicroStation. Elemeno aperto a curvatura regolare con raggio costante intorno a un singolo punto centrale. Ambiente o configurazione personalizzata di MicroStation. Impostazione che prevede il salvataggio di un punto campionato a mano se larea del triangolo formato dal punto campionato a mano e i due punti salvati pi di recente supera il suo valore. Elenco di aree per cui sono disponibili articoli della guida. Viene visualizzato nella finestra della Guida. Testo visualizzato nella finestra della Guida per illustrare particolari concetti, caratteristiche e procedure in MicroStation. Per il posizionamento di elementi, lasse relativo alla vista.

annidamento apertura cielo

applicazione di avvio applicazione di origine applicazione ricevente arco are di lavoro area a mano libera

argomenti della guida articoli della guida asse della vista

G2 Guida rapida di MicroStation

Glossario
A
asse di rivoluzione Lasse intorno al quale ruota un oggetto in base ai comandi per la creazione di superfici e volumi di rivoluzione. Questo concetto utilizzato nei disegni 3D. Limpostazione relativa che determina il posizionamento di una cella grafica allo stesso livello utilizzato al momento della creazione. Operazione che consiste nel modificare lo stato di un controllo di attivazione/disattivazione. Questultimo dispone di due soli stati, come un interruttore acceso-spento. Colore, stile e spessore della linea e colore del riempimento (per gli elementi chiusi). Impostazione che determina il colore, lo stile e lo spessore di linea di un elemento al momento del posizionamento. Informazioni memorizzate in un gestore di database e collegate a un particolare elemento in un file DGN. Impostazioni per tutti i componenti degli elementi di quota, quali testo (colore, spessore, font, altezza e larghezza), linee (colore, stile, spessore, e alternative) e livello. Colore, stile di linea, spessore di linea, classe, livello e riempimento. Altri attributi riguardano solo determinati tipi di elementi. Colore, spessore, font, altezza e larghezza del testo. Attributo che indica se unarea di tipo solido o vuoto. Strumento che consente linserimento automatico di annotazioni testuali nei disegni. Gli attributi sono memorizzati un database sottostante e vengono inseriti nei nodi testuali del disegno che svolgono la funzione di segnaposto

assoluto attivare/disattivare

attributi attributi attivi attributi del database attributi della quota

attributi dellelemento attributi di testo attributo di area attributo visualizzabile

B
barra dei controlli della vista barra di separazione Barra situata sul bordo inferiore di ogni finestra di vista da cui possibile selezionare i controlli di uso pi frequente. Linea orizzontale che suddivide le voci di un menu secondo un criterio logico.

Guida rapida di MicroStation G3

Glossario
B
barra di stato La striscia posta nella parte inferiore della finestra dellapplicazione (o dello schermo) in cui vengono visualizzati messaggi, prompt e informazioni di stato. Larea dello schermo in cui vengono visualizzati messaggi quali prompt degli strumenti, errori e lo stato corrente delle impostazioni di MicroStation (catture, livelli, selezione di elementi e stato del file DGN). Dati (raster) basati su pixel. Le bitmap vengono create catturando unimmagine sullo schermo (hardware) oppure possono essere generate mediante un algoritmo (software). Impostazioni che possono essere attivate o disattivate in modo selettivo. I bloccaggi influiscono sullinterpretazione e la gestione degli input in MicroStation. Il blocco che impone il posizionamento dei punti dati su assi che si trovano a specifici angoli dal punto dati o punto tentativo pi recente, vincolando il momento degli elementi o il posizionamento a multipli del valore dellincremento asse e dellangolo di inizio dellasse. Questa impostazione determina la creazione di associazioni tra elementi quando viene effettuata la cattura su un elemento durante lutilizzo di Posiziona linea multipla, di uno strumento di quota o di uno strumento di posizionamento celle (con lopzione Usa celle condivise attivata). Attivando questa impostazione, MicroStation tenter di individuare un elemento o unintersezione di elementi da catturare quando viene immesso un punto tentativo. Per ulteriori informazioni, vedere anche modalit di cattura punto chiave. Impostazione che induce MicroStation a tentare di trovare un punto sul piano XY del sistema di coordinate ausiliarie attivo su cui effettuare la cattura quando viene immesso un punto tentativo. Questo blocco valido solo per i file 3D. Quando attiva questa impostazione, tutti i punti dati immessi graficamente vengono posizionati sul punto della griglia pi vicino al punto specificato.

bitmap

bloccaggi

bloccaggio asse

bloccaggio associazione

bloccaggio cattura

Bloccaggio cattura piano SCA

bloccaggio griglia

G4 Guida rapida di MicroStation

Glossario
B
bloccaggio gruppo di disegno Quando questa impostazione attivata, ogni volta che viene manipolato un membro di un gruppo di disegno vengono manipolati tutti gli elementi di tale gruppo. Se, ad esempio, viene eliminato un elemento di un gruppo di disegno quando attiva lopzione Gruppo di disegno, vengono eliminati anche tutti gli altri elementi che fanno parte del gruppo. Attivando queste impostazione, ogni punto dati viene collocato forzatamente sul piano di disegno isometrico. Questa impostazione impedisce la selezione o la manipolazione di qualsiasi elemento che non si trova al livello attivo. Quando questa impostazione attiva, il testo inserito successivamente viene collegato forzatamente a nodi di testo vuoti. In assenza di nodi vuoti disponibili, non viene inserito alcun testo. Impostazione che determina il posizionamento forzato di ciascun punto dati sul piano XY del sistema di coordinate ausiliarie attivo, impostando tutte le coordinate Z su zero. Questo concetto valido solo per i file 3D. Impostazione che consente di localizzare qualsiasi elemento nei pressi di una boreline nella posizione del puntatore. Quando lopzione Bloccaggio puntatore deselezionata, possibile localizzare solo gli elementi vicini alla profondit attiva. Questo concetto valido solo per i file 3D. Impostazione in base alla quale tutti i punti dati immessi graficamente vengono spostati sul punto pi vicino che sia un multiplo intero della distanza unit dallorigine globale nelle direzioni X, Y e (nei file 3D) Z. Una forma rettangolare. Parte di un menu su carta (di comandi o a matrice) che indica unarea selezionata per lesecuzione di una specifica attivit. La cornice che circonda ogni vista, che ne consente il ridimensionamento. Una volta posizionato sul bordo di ridimensionamento, il puntatore assume la forma di una doppia freccia e pu essere trascinato in modo da ingrandire o rimpicciolire la vista.

bloccaggio isometrico bloccaggio livello bloccaggio nodo di testo Bloccaggio piano SCA

bloccaggio puntatore

Bloccaggio unit

blocco blocco di menu bordo di ridimensionamento

Guida rapida di MicroStation G5

Glossario
B
boreline Quando viene inserito un punto tentativo 3D in una vista particolare, viene creata una linea di riferimento perpendicolare al piano di tale vista. La boreline imposta le coordinate del piano nel quale definita la cattura in altre viste. Nelle viste in cui la boreline visualizzata come riga, pertanto, viene catturato un punto dati su una posizione della boreline, ignorando la profondit attiva. B-spline che inizia in corrispondenza del primo polo e finisce sullultimo; le due estremit non si incontrano. Curva complessa che inizia e termina nello stesso punto, racchiudendo quindi unarea.

B-spline aperta B-spline chiusa

C
CALS Acronimo di Computer-aided Acquisition and Logistic Support, uniniziativa del Ministero della Difesa degli Stati Uniti creata al fine di integrare e standardizzare tutti i dati digitali ricevuti dai fornitori del Ministero della Difesa. MicroStation garantisce la compatibilit CALS fornendo file di impostazioni corrispondenti. Per ulteriori informazioni, vedere campitura di area. Componente dello stile di linea costituito tratti di lineetta e tratti di gap. Posizionamento della cella di campitura attiva (in base ai valori di angolo, scala e spaziatura di campitura attivi) in unarea delimitata da una forma, ellisse, cerchio, fence o forma complessa. La cella viene ripetituta in una matrice rettangolare il numero di volte necessario per riempire larea. Inserimento ripetuto della cella di campitura attiva lungo un elemento di linea, spezzata, forma, arco, cerchio, ellisse o curva. Area di una finestra di dialogo in cui possibile inserire un nome di file o digitare altri input. In un database non grafico, corrisponde a una colonna. Uno o pi segnaposto contenenti caratteri che prenotano uno spazio allinterno di un elemento di testo per futuri input. Il carattere sottolineato che caratterizza ogni nome e voce di menu.

campitura campitura del tratto campitura di area

campitura lineare campo

campo di inserimento dati carattere di accesso rapido

G6 Guida rapida di MicroStation

Glossario
C
carattere speciale nel campo di inserimento dati caratteristiche dei materiali casella di controllo Il carattere utilizzato durante limmissione di testo per contrassegnare la posizione di un carattere in un campo di inserimento dati. Informazioni per il mapping di indici e livelli di colore nelle caratteristiche della superficie, quali riflettivit, finitura e colore. Casella quadrata in una finestra di dialogo o di impostazione che pu essere selezionata per attivare o disattivare limpostazione a cui associata. Area rettangolare in cui sono riportati elenchi di file, directory o altri elementi per riferimento o per consentirne la selezione. Elemento complesso aperto costituito da una serie di elementi aperti, quali linee, spezzate e archi. Uso di un punto tentativo per collocare un punto dati in una posizione esatta sullelemento di destinazione. I punti tentativo vengono posizionati su un elemento in modalit di cattura quando attiva lopzione Bloccaggio cattura. Elemeno complesso costituito da un gruppo di elementi primitivi o altri complessi, memorizzato in una libreria di celle per consentirne il posizionamento ripetuto. La cella posizionata con gli strumenti per il posizionamento celle. Impostazione che determina la cella utilizzata per la campitura. Cella i cui segmenti vengono memorizzati una sola volta nel file DGN, indipendentemente dalla frequenza con cui la cella viene posizionata. Qualunque modifica apportata a unistanza di una cella condivisa viene applicata a tutte le altre istanze della stessa cella. Cella in un disegno che deriva da una cella parametrica. Cella in una libreria di celle che contiene le specifiche informazioni necessarie per un menu su carta. Cella posta alla fine dellelemento aperto, orientata in direzione dellelemento. In genere corrisponde a una punta di freccia collocata alla fine del segmento di linea. Cella contenente una sorgente di luce.

casella di riepilogo catena complessa cattura

cella

cella attiva cella campitura attiva cella condivisa

cella derivata cella di menu cella finale

cella luminosa

Guida rapida di MicroStation G7

Glossario
C
cella non condivisa cella parametrica Cella di cui viene inserita una definizione nel file DGN ogni volta che viene posizionata. Cella che pu essere posizionata in qualsiasi punto di un disegno e che si regola dinamicamente in base alle relazioni definite al momento della sua creazione. Cella con un unico punto catturabile. Le celle punto vengono generalmente impiegate per i simboli e per definire punti di riferimento. Il punto catturabile in una cella punto corrisponde allorigine della cella. I punti cella vengono posizionati sempre in relazione al livello attivo con la simbologia attiva. Acronimo di Computer Graphics Metafile, uno standard ANSI indipendente dal dispositivo e dallambiente per lo scambio di dati di immagine tra diverse applicazioni grafiche. La colonna MSLINK in un database con collegamenti. Ogni riga pu essere specificata in modo univoco solo mediante il corrispondente valore nella colonna MSLINK. Chiave di codifica/decodifica nota solo alle parti coinvolte direttamente in uno scambio di messaggi. Con una chiave privata derivata dalla chiave pubblica possibile crittografare efficacemente i messaggi con una firma digitale. Elementi nei quali larea risulta completamente racchiusa allinterno dei contorni. Elemento conico nel quale i cerchi che definiscono ciascuna estremit hanno raggio uguale. Attributo di un elemento, generalmente principale o costruzione. La classe (principale o costruzione) di un elemento al momento del posizionamento. I file DGN sono generalmente composti da elementi principali. Gli elementi di costruzione sono utilizzati solitamente per agevolare il posizionamento di elementi principali e non vengono plottati. Modo per collegare un riferimento allineando le coordinate del corrispondente piano di disegno a quelle del file DGN attivo, senza alcuna rotazione, scala o offset.

cella punto

CGM

chiave primaria

chiave privata chiave pubblica chiuso cilindro classe classe attiva

coincidente

G8 Guida rapida di MicroStation

Glossario
C
collegamento Attivare un menu su carta, un menu dei pulsanti del cursore o un menu laterale. Definire una libreria di celle, una tavola colori o un riferimento da utilizzare con un file DGN. Relazione che consente il trasferimento di dati tra un elemento e una tabella di database. Se un riferimento viene collegato in modo coincidente, esiste una corrispondenza uno-a-uno tra il suo piano di disegno e quello del file DGN attivo. Se le impostazioni delle unit di lavoro e lorigine globale sono identiche nei due file, sono identiche anche le coordinate in unit di lavoro. Testo visualizzato a colori nella Guida in linea, che, una volta selezionato, consente di passare da un argomento a un altro. Per ulteriori informazioni, vedere collegamento al database. Collegamenti a cui non associata alcuna riga nel database. I collegamenti di riferimenti annidati offerti da MicroStation rappresentano unalternativa rispetto allappiattimento di tutti i collegamenti ai riferimenti nel modello attivo. Quando questa opzione attiva, le modifiche apportate ai collegamenti di riferimenti in disegni a cui fanno riferimento altri disegni vengono attivate al successivo aggiornamento delle viste del modello attivo o alla successiva riapertura del file. Un riferimento collegato in modo non coincidente sfalsato, ruotato o scalato dal file DGN attivo. In una tabella o file di database, una colonna o campo rappresenta le propriet degli oggetti, rappresentati mediante record o righe. Impostazione che determina il colore di un elemento al momento del posizionamento. Colore con cui viene visualizzato un elemento identificato per la manipolazione. Una gamma rappresentativa di colori equidistanti sullo spettro dei colori.

collegamento al database collegamento di riferimento coincidente

collegamento ipertestuale collegamento Oracle collegamento orfano collegamento riferimenti annidati

collegamento riferimento non coincidente colonna colore attivo colore evidenziazione colori bilanciati

Guida rapida di MicroStation G9

Glossario
C
comando Istruzione che indica a MicroStation quali operazioni effettuare. I comandi vengono attivati mediante strumenti presenti in menu degli strumenti, menu a discesa, finestre di impostazioni o di dialogo, digitazioni e tasti funzione. Tutti i comandi possono essere attivati mediante una digitazione. Il comando attivato pi di recente da un menu degli strumenti, menu o digitazione. Qualsiasi propriet di uno stile di linea, quali campiture, simboli del punto e componenti composti. Gruppi di impostazioni che comprendono il gruppo delle impostazioni del disegno. I tipi di componenti sono: lineare, testo, cella, punto, campitura area, tratteggio, quota e linea multipla. Metodo in cui le viste del modello sono collegate a un modello foglio come riferimenti. possibile anche creare file del foglio con riferimenti in modo indipendente rispetto a un file modello di disegno in modo da consentirne laccesso da parte di pi persone. La disposizione delle finestre delle viste sullo schermo e larea del modello visualizzata in ciascuna vista. Elemento composto da due cerchi posti su piani paralleli con una superficie di collegamento tra i due. Un cono pu essere un elemento solido (chiuso su entrambe le estremit) o piano (non chiuso). Gli elementi e le parti di elementi su cui si agisce utilizzando gli strumenti fence indicati mediante la modalit di selezione fence. Questi elementi possono essere racchiusi, esterni o sovrapposti alla fence. Parti di una finestra di dialogo, quali campi di testo, caselle di controllo e menu di opzioni. Controllo gestiti graficamente che influiscono sulla porzione di disegno o sullorientamento delle informazioni in una vista. Posizione di un punto sul piano di disegno lungo gli assi X (orizzontale), Y (verticale) e Z (profondit [solo 3D]) rispetto allorigine globale. Le coordinate utilizzate in un sistema di coordinate sferico (ausliario) o in AccuDraw per specificare distanze e angoli. Indicatori di tolleranze geometriche nel disegno.

comando attivo componente dello stile di linea componenti

composizione del disegno

configurazione delle viste cono

contenuto fence

controlli controlli della vista coordinata coordinate polari cornici di tolleranza geometrica

G10 Guida rapida di MicroStation

Glossario
C
costruzione criteri di ricerca cronologia disegno Tipo di elemento posizionato come guida di base per la composizione degli elementi veri e propri, compreso un disegno. Attributi degli elementi da cercare in MicroStation. Registrazione storica delle modifiche apportate al file DGN. Consente di ripristinare versioni precedenti di un file DGN file. Quando si crea una revisione, nella cronologia del disegno viene catturato lo stato del file DGN in quel momento. Lo spazio in cui vengono creati gli elementi in un disegno 3D. La parte del cubo del disegno presente in una vista. In un disegno 3D, corrisponde al volume del disegno che appare in una vista. Cursore della tavoletta a mano. Detto comunemente cursore della tavoletta. Curva B-spline il cui numero di poli coincide con lOrdine. Curva a forma libera definita mediante parametri, nella quale ogni polo (vertice) incide su un determinato intervallo della curva. Tipo di curva la cui forma non controllata da alcuna impostazione.

cubo del disegno cubo della vista cubo di visualizzazione cursore curva Bezier curva B-spline curva per punti

D
database database non grafico Per ulteriori informazioni, vedere database relazionale, database non grafico. Insieme di tabelle che rappresentano oggetti che, a differenza degli elementi di file DGN, non possono essere rappresentati adeguatamente con rendering. Pacchetto software in cui vengono memorizzate e manipolate le informazioni non grafiche e in cui vengono generati report su tali informazioni. Agisce su insiemi di tabelle o file che rappresentano oggetti, le relative propriet e le relazioni tra di essi. Programma che gestisce le funzioni database eseguito parallelamente a MicroStation. Nello scambio di file, informazioni grafiche che descrivono un disegno.

database relazionale

database server dati di definizione dei prodotti

Guida rapida di MicroStation G11

Glossario
D
dati di immagine definizione dei materiali definizione dello stile di linea definizione di cella definizione di cella condivisa definizione di un insieme di tag delineato delta a mano libera Nello scambio di file, le informazioni grafiche necessarie per disegnare unimmagine. Attributi relativi a colore, texture, trasparenza e finitura che possono essere applicati alle superfici. Nome di uno stile di linea corrispondente ai componenti dello stile di linea memorizzati nellapposita libreria. Gli elementi grafici che compongono una cella. Gli elementi che compongono la cella condivisa. Informazioni che specificano diversi attributi per ciascun tag di un insieme, ad esempio se il tag viene visualizzato e leventuale valore predefinito. Tipo di riempimento in base al quale le linee vengono visualizzate con il colore attivo, formando una vista wireframe dellelemento chiuso. Impostazione che definisce quando la posizione del puntatore un punto campionato. Se la distanza tra il punto campionato in precedenza e la posizione corrente del puntatore supera il delta a mano libera, il punto viene campionato e vengono analizzate le impostazioni relative a angolo a mano libera, area a mano libera e tolleranza di mano libera per stabilire se il punto deve essere registrato come punto dati. Lestensione della vista lungo i corrispondenti assi orizzontale e verticale, espressa nelle unit di lavoro. Relazione tra il colore di un elemento e il colore, la riflettivit e la rugosit di una superficie. Per ulteriori informazioni, vedere anche tabelle dei materiali. Il processo di codifica di informazioni grafiche da supporti cartacei (ad esempio una mappa o altri disegni) in un file DGN utilizzando unapposita tavoletta. Istruzione immessa nella finestra Digita per controllare MicroStation. Alla maggior parte delle digitazioni corrispondono controlli GUI equivalenti. Metodo rapido per immettere un comando digitato. Ad esempio, AA= una digitazioe alternativa per ACTIVE ANGLE.

delta della vista descrizione di una superficie digitalizzazione

digitazione

digitazione alternativa

G12 Guida rapida di MicroStation

Glossario
D
digitazioni per input di precisione distanza unit dithering Metodo per immettere punti dati in posizioni precise specificando le coordinate oppure la distanza dal pi recente punto dati o punto tentativo. Impostazione che specifica la spaziatura tra i punti a cui sono limitati i punti dati quando attiva lopzione Bloccaggio unit. Processo che consiste nellalternare due o pi colori pixel per pixel su tutto lo schermo in modo da creare un terzo colore non disponibile nella tavolozza dei colori. Dividere in due aree la tavoletta di digitalizzazione. Impostazione che determina il posizionamento dei punti chiave su segmenti lineari. Il numero di punti chiave per segmento superiore di ununit rispetto al divisore cattura. Se il divisore cattura uno, solo i punti finali di un segmento linerare saranno punti chiave. Se il divisore cattura due o un multiplo di due, anche il punto centrale sar un punto chiave. Il numero di punti chiave su ciascun segmento di un elemento lineare, aumentato di uno. Acronimo di Drawing eXchange Format, un formato supportato dalla maggior parte dei pacchetti CAD. Con MicroStation possibile leggere e scrivere file DXF. Un file DXF file aperto e modificato in MicroStation viene salvato automaticamente con estensione DXF.

dividere in partizioni divisore cattura

divisore del bloccaggio cattura DXF

E
elementi di vuoto elementi primitivi elementi principali elemento elemento attivo elemento complesso elemento dello schermo Elementi il cui attributo Area impostato su Vuoto, anzich su Solido. Il tipo pi semplice di elemento. Elementi il cui attributo di classe principale, anzich costruzione. Una delle entit che compongono un file DGN. Per ulteriori informazioni, vedere elemento grafico. Controllo di una finestra di impostazioni o di dialogo sul quale avr effetto la successiva immissione da tastiera. Elemento creato combinando diversi elementi primitivi. Una delle parti che compongono linterfaccia grafica di MicroStation, ad esempio il desktop, il bordo di una finestra o un pulsante.

Guida rapida di MicroStation G13

Glossario
E
elemento di campitura elemento di costruzione elemento di linea multipla Elemento il cui attributo di classe campitura. Pu essere posizionato solo con uno strumento di campitura. Per ulteriori informazioni, vedere classe attiva. Insieme di due o pi linee parallele considerate come un unico oggetto, solitamente utilizzato per disegnare i muri nei disegni architettonici. In un elemento di linea multipla possibile definire fino a 16 linee, associando a ognuna una specifica simbologia, livello e classe. Elemento che contiene tutte le linee, gli archi, gli estremi e il testo in una quota. Nei file DGN di MicroStation il testo viene collocato come tipo di elemento a s. Componente grafico del disegno. Nella documentazione indicato semplicemente come elemento. Sezione trasversale planare di un elemento che pu essere proiettata o ruotata per disegnare lelemento finale. Particolare tipo di elemento lineare privo di lunghezza. Rimuovere uno o pi elementi dal file DGN. Lunit di dati fondamentale in un file DWG, DXF, IGES o CGM. In genere, le entit equivalgono agli elementi di MicroStation. La riga nella tabella di database collegata a un elemento grafico quando viene eseguito il collegamento a un database. Suffisso di caratteri separato dalla parte principale di un nome di file mediante un punto (.). Le estensioni sono utilizzate generalmente per indicare il tipo di file. Lestensione .dgn, ad esempio, viene utilizzata comunemente per rappresentare un file DGN. Modalit di selezione fence con cui vengono selezionati gli elementi o le parti di elementi che si trovano allesterno della fence e non al suo interno. Modalit che prevede che solo gli elementi completamente esterni alla fence e le parti di elementi esterne o sovrapposte ad essa possono far parte del contenuto della fence.

elemento di quota elemento di testo elemento grafico elemento profilo elemento puntiforme eliminare entit entit attiva estensione

esterno

esterno-ritaglio

G14 Guida rapida di MicroStation

Glossario
E
esterno-sovrapp. estremi della linea della quota estremo Modalit che prevede che solo gli elementi esterni o sovrapposti alla fence possono far parte del contenuto della fence. Simboli collocati allestermit delle linee di quota che illustrano il significato delle quote. Per ulteriori informazioni, vedere estremi della linea della quota o cella finale.

F
fare clic Premere una volta il pulsante sinistro del mouse o un cursore; premere un pulsante o selezionare una casella di controllo in una finestra di dialogo. Premere due volte in rapida successione un pulsante del mouse o un cursore oppure premere due volte in rapida successione su un elemento in una casella di riepilogo allinterno di una finestra di dialogo. Impostazione che determina il valore di scala applicato a una cella al momento del posizionamento, agli elementi selezionati o al contenuto fence quando si utilizza lo strumento Scala. I fattori di scala nelle direzioni X, Y o Z possono essere uguali o diversi fra loro. Contorno poligonale che racchiude pi elementi da manipolare contemporaneamente utilizzando gli strumenti fence. Elemeno complesso chiuso costituito da una serie di elementi primitivi aperti. File contenente le informazioni necessarie per generare file di plottaggio per un particolare tipo di dispositivo di output. Il nome di questi file termina con lestensione PLT. Documento di MicroStation che contiene uno o pi modelli. Questi modelli possono essere modelli disegno o modelli foglio. Il file DGN attualmente aperto per la visualizzazione e/o modifica. File DGN creato rimuovendo le linee nascoste ai margini. File DGN di MicroStation in cui vengono create celle di menu per i menu personalizzati.

fare doppio clic

fattori di scala attivi

fence figura complessa file del driver del plotter file DGN file DGN attivo file DGN con margini visibili file DGN menu

Guida rapida di MicroStation G15

Glossario
F
file DGN seme file di comandi file di configurazione dellutente file di descrizione superfici file di impostazioni File template contenente le impostazioni e gli attributi predefiniti appropriati. File di testo contenente unistruzione SQL. Il file che contiene i componenti dellarea di lavoro attiva. Il file che contiene le descrizioni delle superfici per uno o pi colori di elemento. In MicroStation, questo file viene utilizzato per lombreggiatura delle superfici. File di importazione o esportazione in cui vengono memorizzate tutte le impostazioni relative a una particolare conversione cos come si trovavano al momento della creazione o dellultimo salvataggio del file di impostazioni. Inoltre, tipo di dati modulare (file .stg) che specifica le impostazioni attive e le selezioni degli strumenti di disegno. Viene utilizzato con la finestra Seleziona impostazioni. Il file generato da MicroStation che contiene i comandi di plottaggio da inviare al dispositivo di output affinch venga stampata la parte desiderata del piano di disegno. File di testo che registrano gli output di MicroStation. File contenente le specifiche predefinite per le finestre di dialogo. File binari di AutoCAD che possono essere aperti direttamente in MicroStation. File DGN 3D a cui sono collegate viste del/i file modello, compresi i margini visibili e le sezioni. Criterio che determina linclusione in un elenco dei soli nomi di file che lo soddisfano. Ad esempio, *.dgn. Criterio (istruzione SQL SELECT) basato su dati non grafici associati agli elementi che pu essere utilizzato per limitare gli elementi selezionati per le operazioni fence. Filtrando le voci relative ai livelli nelle caselle di riepilogo presenti nelle finestre di dialogo Visualizzazione livello e Gestore livelli, possibile cercare e ordinare tali voci. Area rettangolare sullo schermo contenente un menu degli strumenti, una finestra di dialogo, una vista o un menu laterale.

file di plottaggio

file di report file di risorse file DWG file foglio filtro filtro di fence

filtro livelli

finestra

G16 Guida rapida di MicroStation

Glossario
F
finestra della vista finestra di dialogo Finestra di digitazione Finestra in cui visualizzata una vista. Finestra visualizzata in cui sono presenti diversi controlli che consentono di impostare valori che verranno utilizzati da MicroStation. Finestra che consente di scorrere elenchi di digitazioni, creare digitazioni e inviarle a MicroStation. Per visualizzare questa finestra, scegliere Digita dal menu Varie. La finestra in cui sono contenuti i controlli che consentono di regolare le impostazioni relative allo strumento selezionato. Consente di regolare le impostazioni attive e selezionare uno strumento di disegno. Immagine bitmap (elemento raster) con o senza messaggio decrittivo utilizzata per annotare in un disegno promemoria o suggerimenti per modifiche future. Stile dei caratteri. I font sono identificati da un numero e da un nome. Impostazione che determina il tipo di carattere di un elemento testuale al momento del posizionamento. Font utilizzato per visualizzare un elemento testuale nel disegno quando impossibile trovare il font con cui lelemento stato posizionato in origine. Font utilizzati per visualizzare il testo sulla barra di stato, nelle finestre di dialogo, nei menu degli strumenti e sulla barra del titolo delle finestre delle singole viste. Font che contengono costruzioni geometriche di uso speciale anzich caratteri alfanumerici. In genere vengono utilizzati per gli estremi delle linee di quota e per i segni di quota, nonch per le tolleranze geometriche. Elemento primitivo chiuso costituito da segmenti lineari. Quote conformi alle convenzioni impiegate in campo architettonico, ingegneristico ed edile. Quote conformi alle convenzioni di disegno meccanico.

finestra di impostazioni dello strumento finestra Seleziona impostazioni flag

font font attivo font predefinito

font raster

font simbolo

forma formato quota AEC formato quota meccanico

Guida rapida di MicroStation G17

Glossario
G
geometria geometria del disegno giunti gradi di libert grafica griglia Tipo di entit che definisce forme fisiche, quali punti, curve, superfici, solidi e relazioni (insiemi di entit strutturate). La geometria costruttiva e i vincoli di cui composto un disegno completo. Intersezioni di linee multiple. Libert di variare il posizionamento dei vincoli rispetto al modello. Tipo di cella in cui la simbologia (colore, stile linea e spessore linea) viene determinata al momento della creazione. Matrice di punti griglia (punti) e riferimenti griglia (elementi orizzontali) posizionati a intervalli definiti dallutente, utilizzata quale supporto visivo o in combinazione con lopzione Bloccaggio griglia per ottenere maggiore precisione nel disegno. Elemento complesso (cella senza nome) non definito in una libreria di celle. I gruppi vengono creati per mantenere uniti pi elementi o per copiarli pi volte in un disegno. Raggruppamento permanente di elementi (primitivi o complessi). Un elemento non pu far parte di pi gruppi contemporaneamente. Insieme di livelli che possono essere manipolati e visualizzati insieme. Infieme di layout delle finestre delle viste valido per un modello allinterno del file DGN aperto. Per gruppo di viste si intende anche un insieme di viste collocate su un file di foglio in un modello di foglio.

gruppo

gruppo di disegno gruppo di livelli gruppo di viste

H
handle Quadratini che vengono tracciati su/vicino a elementi per indicare che sono stati selezionati. Si tratta di unalternativa rispetto allevidenziatura.

I
identificare IGDS Immettere un punto dati su un elemento per distinguerlo per la manipolazione o modifica. Acronimo di Interactive Graphics Design Software, il software eseguito su sistemi CAD basati su Intergraph VAX.

G18 Guida rapida di MicroStation

Glossario
I
IGES Acronimo di Initial Graphics Exchange Specification, un formato di file neutro di pubblico dominio basato sullo standard ANSI pensato come standard internazionale per lo scambio di dati di definizione dei prodotti tra diversi sistemi CAD/CAM. Sorgente di luce situata nella posizione della vista prospettica, che illumina tutti gli oggetti visibili. Valori che determinano il modo in cui vengono visualizzati gli input dellutente su un disegno o sugli handle in MicroStation. Impostazioni speciali valide per determinati strumenti, ad esempio limpostazione relativa alla lunghezza e allangolo per lo strumento Posiziona linea. Impostazioni che influiscono sulla presentazione delle informazioni in una vista. Le impostazioni che specificano le unit di lavoro e la risoluzione di lavoro. Nellimplementazione corrente, MicroStation utilizza la memorizzazione a virgola mobile a 64 bit IEEE, che permette un alto grado di precisione e un volume di lavoro con assi di dimensioni 2 milioni di volte superiori rispetto a V7. Impostazioni da regolare per controllare la proiezione quando si utilizza la vista prospettica. Insieme allangolo di inizio asse, questa impostazione determina i possibili assi per i punti dati quando attiva lopzione Bloccaggio asse. Se, ad esempio, lincremento dellasse 45 gradi e langolo di inizio dellasse 0 gradi, gli assi possibili sono 0, 45, 90, 135, 180, 225, 270 e 315 gradi. Il rettangolo punteggiato che indica lo stato attivo nelle finestre di dialogo. Durante il rendering di una vista, possibile visualizzare le informazioni relative allora solare e alla data corrente. In questo modo possibile creare studi solari con indicazione, ad esempio, dellora e della data. Una speciale cella, SLRTIM, contiene campi di inserimento dati nei quali possibile immettere variabili che saranno sostituite dalle informazioni richieste che verranno poi visualizzate in fase di rendering. Trovare un elemento in un file DGN.

illuminazione artificiale impostazioni impostazioni degli strumenti impostazioni dipendenti dalla vista impostazioni relative alle unit di lavoro

impostazioni vista prospettica incremento dellasse

indicatore di controllo attivo indicazione ora solare

individuare

Guida rapida di MicroStation G19

Glossario
I
informazioni di controllo menu ingrandita insieme di lavoro Informazioni specificate mediante comandi utente che determinano la modalit di esecuzione delle azioni associate ai menu quando vengono selezionate le opzioni dei menu. Quando una finestra o una finestra di dialogo viene ingrandita alle massime dimensioni possibili per il tipo di carta selezionato. Raggruppamento temporaneo di elementi che non devono necessariamente essere uniti. Gli strumenti di manipolazione delle fence agiscono su insiemi di lavoro. Gruppo di elementi selezionati. Gli elementi selezionati sono racchiusi tra handle. Gruppo di tag associati. Punto in cui vengono memorizzati i dati associati in un database relazionale separato collegato agli elementi nel file DGN. Interfaccia utente personalizzata (definita nei file di risorse per le modifiche nelle sottodirectory dellinterfaccia utente dellarea di lavoro di MicroStation). Gli elementi completamente racchiusi in una fence si trovano allinterno della fence. Periodo di attesa inserito nelloutput di plottaggio per i dispositivi di output che non sono in grado di gestire correttamente le comunicazioni utilizzando velocit di trasmissione pari o superiori a 9600 baud. La vista standard che consente di visualizzare il lato superiore, sinistro e frontale di un disegno. La vista che mostra la faccia superiore, destra e frontale di un cubo. Occorrenza di una cella condivisa posizionata in un disegno. Metodo per lutilizzo di MicroStation che consiste nel selezionare uno strumento prima di identificare lelemento nel disegno sul quale si desidera agire.

insieme di selezione insieme di tag interfaccia di database interfaccia utente

interno intervallo ritardo

isometrica isometrica destra istanza istruzione-nome

L
larghezza di testo attiva Impostazione che determina la larghezza del testo al momento del posizionamento.

G20 Guida rapida di MicroStation

Glossario
L
lettura coordinate Formato e precisione con cui vengono visualizzati i dati relativi a coordinate, misure e angoli sulla barra di stato e nelle finestre di impostazioni e di dialogo. Per ulteriori informazioni, vedere libreria di celle. File in cui vengono memorizzate le celle. Per accedere alle celle in una libreria di celle, necessario che la libreria sia collegata al file DGN attivo, salvo limpiego della finestra di dialogo Selettore di celle. File contenente i font utilizzati da MicroStation o da altre applicazioni. Questi font comprendono i formati TTF e SHX. In MicroStation viene impiegato il termine "libreria di celle" per fare riferimento a quella che in altre applicazioni denominata "libreria di simboli". Contorno (tracciato mediante una fence o da una vista con nome) che separa la parte visibile di un riferimento dalla parte nascosta. La linea di un elemento a linee multiple che collegata al puntatore durante il posizionamento. Componente lineare di una quota generalmente parallelo e di uguale lunghezza rispetto alloggetto da quotare. Per ulteriori informazioni, vedere aggiornamento dinamico. Metodo di rendering che genera un modello piano. Per ulteriori informazioni, vedere linea nascosta in filled. Tipo di rendering eseguito da MicroStation. Modalit di rendering che genera un modello piano in cui ogni superficie visibile riempita con il colore dellelemento. Per ulteriori informazioni, vedere linee di estensione. Componente delle quote costituito da linee che si estendono dai punti quotati alla linea di quota. Consente di rappresentare il codice macro un sottolinguaggio BASIC con estensioni specifiche di MicroStation.

libreria libreria di celle

libreria di font libreria di simboli

limite di ritaglio linea di lavoro linea di quota linea elastica linea nascosta linea nascosta di poligono linea nascosta in filled linee delimitatrici linee di estensione linguaggio macro

Guida rapida di MicroStation G21

Glossario
L
livello Nel formato di file DGN di MicroStation, il numero di livelli illimitato e il numero minimo 1. possibile eliminare i livelli inutilizzati. A tutti i livelli associato un nome e un set di colori, spessori di linea e stili di linea predefiniti, che costituiscono la base per numerosi miglioramenti. Un vantaggio importante del sistema di livelli consiste nella possibilit di standardizzare le strutture di livelli per tutti i file DGN. Impostazione che determina il livello al quale viene posizionato un elemento. Luce emanata da tutte le direzioni e che illumina pertanto tutte le superfici allo stesso modo, indipendentemente dallorientamento. Tipo di cella luminosa che proietta la luce in ununica direzione. Tipo di cella luminosa che irradia la luce in tutte le direzioni partendo da un unico punto. Illuminazione che imita in modo approssimativo la luce solare. MicroStation consente di approssimare la luce solare a qualsiasi ora del giorno tra lalba e il tramonto, in qualsiasi data e a qualsiasi latitudine. Tipo di cella luminosa che proietta un fascio di luce conico.

livello attivo luce ambiente luce parallela luce puntiforme luce solare

luce spot

M
macro manipolare manipolazione di elementi manipolazione di fence mappa delle ombre Programma che automatizza una sequenza di operazioni di uso frequente, generalmente breve. Copiare, spostare, ruotare, scalare, specularizzare o eliminare un elemento o gruppo di elementi. Eliminare, copiare, spostare, ruotare, specularizzare o scalare elementi grafici esistenti nel disegno. Strumenti che agiscono sul contenuto fence. File contenente unimmagine creata nel primo passaggio del rendering delle ombre. Consente di determinare se le superfici sono illuminate o in ombra. Tipo di rendering in cui i margini delle superfici sono resi visibili. Area non visibile di un riferimento.

margine visibile maschera

G22 Guida rapida di MicroStation

Glossario
M
maschera di ritaglio Utilizzata con gli strumenti Raster Manager o Riferimenti, la maschera di ritaglio consente di eliminare una parte dellimmagine mediante ritaglio. Le maschere possono essere utilizzate, ad esempio, per eliminare il contenuto di unarea per la visualizzazione del testo. Linsieme delle copie di un elemento posizionate su una campitura circolare nel disegno. Metodo per attivare un comando di MicroStation, che include menu a discesa, menu degli strumenti, menu di tasti funzione e menu su carta. Menu su carta (montati sulla superficie di una tavoletta di digitalizzazione) contenenti blocchi di menu di dimensione fissa organizzati a righe e colonne. Menu a icone visualizzato sullo schermo, da cui possibile selezionare strumenti e controlli della vista. Menu degli strumenti che contiene altri sottomenu. Carta montata sulla superficie di un menu di digitalizzazione con blocchi di varie forme e dimensioni. Menu che viene visualizzato facendo clic sul pulsante del menu della finestra posto allestremit sinistra della barra del titolo. Menu in una finestra di dialogo che consente di selezionare solo un valore. Metodo per assegnare unazione a ciascun tasto funzione presente sulla tastiera. Menu visualizzato in cui i comandi disponibili per la selezione sono presentati in forma testuale organizzata gerarchicamente. Sebbene siano ancora supportati, i menu laterali sono stati sostituiti dai menu degli strumenti. Insieme di azioni assegnate ai pulsanti sul cursore di una tavoletta. Menu stampati su supporto cartaceo o montati sulla superficie di una tavoletta di digitalizzazione. Per selezionare una voce di questo menu viene utilizzato il pulsante di comando sul cursore della tavoletta. Menu a discesa, strutture, finestre di dialogo e menu laterali.

matrice polare menu menu a matrice

menu degli strumenti menu degli strumenti principale menu di comandi menu di controllo della finestra menu di opzioni menu di tasti funzione menu laterale

menu pulsanti del cursore menu su carta

menu su schermo

Guida rapida di MicroStation G23

Glossario
M
MicroStation Development Language (MDL) mobile Consente ai programmatori di eseguire codice il linguaggio C allinterno di MicroStation. Finestra di dialogo, menu degli strumenti o altra parte dellinterfaccia grafica di MicroStation che pu essere posizionata liberamente sullo schermo. Impostazione che determina il modo in cui lentit attiva viene gestita quando ad essa viene collegato un elemento grafico. Le impostazioni possibili sono Nuovo ( necessaria una riga univoca per ogni collegamento), Duplica (viene utilizzata la stessa riga per tutti i collegamenti), Informazioni (quando lelemento viene copiato o eliminato, non viene creata o eliminata alcuna riga dalla tabella) e Nulla (non possibile creare alcun collegamento). Quando attiva questa modalit, un punto tentativo immesso in prossimit di un elemento determina il suo inserimento sul punto chiave dellelemento stesso. MicroStation supporta due modalit di lavoro: la modalit predefinita Capacit DGN ("DGN"), in cui sono attivate tutte le funzionalit di MicroStation e la modalit Limitazione DWG ("DWG"), in cui alcune funzionalit sono disattivate per impostazione predefinita per consentire a MicroStation di creare solo informazioni che possono essere memorizzate nel formato DWG. In modalit di lavoro Capacit DGN ("DGN") sono attivate tutte le funzionalit di MicroStation. e la modalit Limitazione DWG ("DWG"), in cui alcune funzionalit sono disattivate per impostazione predefinita per consentire a MicroStation di creare solo informazioni che possono essere memorizzate nel formato DWG. Impostazione che determina il contenuto della fence. Determina se il rendering del contenuto di una vista deve essere eseguito in modo continuo e, in questo caso, il tipo di rendering. Quando attiva, i nuovi caratteri vengono immessi in corrispondenza del punto di inserimento.

modalit collegamento

modalit di cattura punto chiave modalit di lavoro

modalit di lavoro Capacit DGN modalit di lavoro Limitazione DWG

modalit di selezione della fence modalit di visualizzazione modalit Inserimento

G24 Guida rapida di MicroStation

Glossario
M
modalit sovrascrittura modello Modalit di immissione di testo in cui i nuovi caratteri sostituiscono quelli esistenti. Componente di un file DGN che contiene elementi. I modelli di disegno possono essere 2D o 3D ma risultano pi utili nella forma 3D. I modelli foglio, piatti e utilizzati per la composizione foglio, sono generalmente 2D. In base allimpostazione predefinita, le finestre delle viste di un modello disegno sono su sfondo nero, mentre quelle di un modello foglio sono su sfondo bianco. Un modello un contenitore per elementi. I modelli possono essere 2D o 3D ma risultano pi utili nella forma 3D. Un file DGN pu essere considerato come un mazzo di carte, dove ogni carta rappresenta un modello. Ogni modello dispone di un insieme di otto viste. Il modello visualizzato o disponibile per la visualizzazione il modello attivo. File seme da cui vengono creati i modelli di foglio. Definisce linterazione tra MicroStation, un pacchetto di database e il database server. Propriet che possono essere applicate a uno stile di linea affinch venga modificato man mano che vengono posizionati gli elementi, senza richiedere apposite definizioni. Struttura di sottodirectory nella directory di MicroStation in cui sono contenuti i file di dati nelle aree di lavoro di esempio. Tabella che deve essere presente in tutti i database non grafici, contenente i collegamenti agli elementi. MSCATALOG contiene informazioni associate a ogni tabella utilizzata dal database server. Termine architettonico riferito a un muro non pieno.

modello di disegno

modello di foglio seme modello server modificatori dello stile di linea modulo MSCATALOG

muro cavo

N
nebbia nodo nodo di testo Tipo di effetto atmosferico per cui le immagini in ombra si dissolvono nella nebbia man mano che si allontanano dal punto di osservazione. Abbreviazione di nodo di testo. Pu indicare anche un computer in una rete. Insieme di pi elementi di testo raggruppati in un elemento complesso. Quando viene inserito un testo su pi righe, viene creato automaticamente un nodo di testo.

Guida rapida di MicroStation G25

Glossario
N
nodo di testo di attributi visualizzabili I nodi di testo di attributi visualizzabili consentono di inserire in un file DGN, sotto forma di testo, una copia di alcuni o di tutti gli attributi di database relativi a un elemento. Gli attributi selezionati vengono caricati nel nodo di testo per attributi visualizzabili in base a unistruzione SQL SELECT. Stringa utilizzata per richiamare un file generico. Metodo per lutilizzo di MicroStation che consiste nel selezionare un elemento nel disegno prima di selezionare uno strumento con cui elaborarlo. Acronimo di Non-Uniform Rational B-splines (B-spline razionali non uniformi).

nome file nome-istruzione

NURBs

O
offset In un componente di stile di linea composto, questo valore specifica la distanza misurata perpendicolarmente dalla linea di lavoro al punto in cui visualizzato il componente. Processo di creazione di unimmagine realistica in cui le superfici visibili sono riempite con colori calcolati in base alle descrizioni delle superfici e alle sorgenti di luce ambiente e puntiforme. Per ulteriori informazioni, vedere ombreggiatura delle superfici. Per ulteriori informazioni, vedere ombreggiatura omogenea. Ombreggiatura di unimmagine sopposta a rendering effettuata calcolando il colore dei poligoni in corrispondenza dei contorni e miscelando tali colori allinterno del poligono. Metodo di ombreggiatura di unimmagine sottoposta a rendering in cui il colore di ogni pixel viene ricalcolato nellimmagine finale. Con lombreggiatura Phong si ottengono immagini di qualit elevata ma si allungano i tempi necessari per le operazioni di rendering. Un metodo efficace in termini di memoria e tempo per ombreggiare unimmagine sottoposta a rendering utilizzando solo un colore per poligono. Il colore di ciascun poligono viene calcolato solo una volta dalla configurazione della superficie e sorgente di luce, producendo un effetto affiancato nellimmagine finale.

ombreggiatura delle superfici ombreggiatura delle superfici visibili ombreggiatura Gouraud ombreggiatura omogenea ombreggiatura Phong

ombreggiatura uniforme

G26 Guida rapida di MicroStation

Glossario
O
opaco ordine Tipo di riempimento visualizzato come forma piena del colore attivo. Valore intero associato a una B-spline che determina lomogeneit della B-spline e il numero di punti nel poligono di controllo, incidendo sul percorso della curva in un dato punto. Maggiore lordine, pi omogenea sar la curva e pi punti nel poligono di controllo incideranno sul percorso della curva. Per ulteriori informazioni, vedere origine della cella o origine globale. Lorigine del sistema di coordinate del piano di disegno. Il punto, specificato durante la creazione della cella, intorno al quale viene posizionata la cella (lorigine corrisponde al punto dati quando la cella viene collocata nel disegno). La posizione sul piano di disegno corrispondente allangolo inferiore sinistro di una vista. Posizione dellorigine del sistema di coordinate cartesiane sulle coordinate del piano di disegno. Se le posizioni sul piano di disegno sono specificate o riportate in unit di lavoro, esse sono relative allorigine globale. Costruito con angoli retti o linee perpendicolari. Una forma ortogonale contiene solo angoli retti.

origine origine del piano di disegno origine della cella

origine della finestra origine globale

ortogonale

P
palette dei materiali parabola parallelepipedo parametro partizione dello schermo Contiene le definizioni dei materiali, fra cui mappe di campitura e/o di lavorazioni superficiali. Curva del piano generata da un punto che si muove in modo tale da rimanere equidistante da un punto fisso o da una retta fissa. Volume di proiezione con sezione trasversale rettangolare. Per ulteriori informazioni, vedere impostazioni. Larea di una tavoletta di digitalizzazione in cui il cursore della tavoletta controlla il puntatore sullo schermo, normalmente sullo schermo intero. Per ulteriori informazioni, vedere partizione, cfr. partizione di digitalizzazione.

Guida rapida di MicroStation G27

Glossario
P
partizione di digitalizzazione Larea della tavoletta di digitalizzazione nella quale il cursore della tavoletta controlla il puntatore solo nella parte del disegno sulla quale si sta effettuando il mapping delle caratteristiche della copia su carta. Per ulteriori informazioni, vedere partizione, partizione dello schermo. Selezione di uno strumento per un unico impiego effettuata mediante un doppio clic. Larea in cui vengono creati gli elementi in un disegno 2D. Piano sul quale vengono visualizzati in anteprima i punti dati con AccuDraw. In 3D tutti i punti dati saranno collocati su questo piano, a meno che non siano forniti mediante la cattura di punti tentativo o la digitazione di input di precisione. Piano che definisce la parte anteriore o posteriore del cubo della vista, la parte di un disegno 3D visualizzata in una vista. Processo che prevede il collegamento di una vista su a un asse ortogonale di una linea definita da due punti dati. Elemento che, anzich essere visualizzato come semplice profilo, colorato allinterno dei contorni dellelemento piano. Visualizzazione dinamica del contenuto di una vista con la proiezione prospettica. Acronimo di PICture ELement, il pi piccolo punto di luce che un monitor in grado di visualizzare. Poligono i cui vertici, insieme allordine B-spline, definiscono la forma di una curva B-spline. Vertice di una curva B-spline. Funzionalit che impedisce la visualizzazione della finestra di impostazioni dello strumento selezionato al termine della regolazione dei relativi controlli. PopSet consente di ottimizzare lo spazio sullo schermo e ridurre il movimento del puntatore. Lo strumento che consente di posizionare una linea, una spezzata, una forma, un arco o un cerchio o una combinazione di questi elementi. Strumenti utilizzati per posizionare o costruire elementi grafici nel disegno.

per singolo uso piano di disegno piano di disegno

piano di ritaglio piegatura pieno piramide di visualizzazione pixel poligono di controllo polo PopSet

posiziona SmartLine posizionamento di elementi

G28 Guida rapida di MicroStation

Glossario
P
posizione vista prospettica PowerSelector preferenze preferenze utente profondit attiva Punto dal quale viene visualizzato il modello quando si utilizza la vista prospettica. Strumento che semplifica il processo di definizione dei criteri di selezione degli elementi in base ad attributi. Impostazioni che consentono di personalizzare MicroStation in base al computer in uso o alla modalit di funzionamento desiderata. Per ulteriori informazioni, vedere preferenze. Profondit allinterno del cubo della vista del piano sul quale vengono immessi i punti dati. Il piano perpendicolare allasse Z della vista. Ad ogni vista associata una profondit attiva. Insieme della parte frontale e posteriore del cubo della vista. Tipo di variabile di configurazione che viene impostata da un responsabile di settore o di progetto per agevolare lutilizzo di MicroStation in gruppi di lavoro. Un progetto pu essere costituito anche dalle aree di lavoro dei componenti e dai file di dati utilizzati per una determinata disciplina o un particolare compito. Tipo di azione che pu essere effettuata su un elemento di profilo planare ottenuto mediante lestrusione di una spezzata, curva, figura, ellisse, catena complessa o figura complessa per creare una superficie di proiezione. Vista di un disegno 3D in cui ciascun elemento viene proiettato sullo schermo lungo una linea parallela allasse Z della vista. Cfr. proiezione prospettica. Vista di un disegno 3D in cui ogni elemento viene proiettato sullo schermo lungo una linea che interseca il punto di osservazione. Gli elementi pi distanti dalla parte anteriore della vista appaiono pi piccoli. Cfr. proiezione parallela. File di testo utilizzato per fornire lintestazione a un file PostScript. Testo visualizzato sulla barra degli strumenti che indica le operazioni successive da compiere. Criterio per la ricerca di elementi, ad esempio lattributo relativo allarea (Solido o Vuoto), se lelemento catturabile, se bloccato o se stato modificato.

profondit di visualizzazione progetto

proiezione

proiezione parallela

proiezione prospettica

prologo prompt propriet

Guida rapida di MicroStation G29

Glossario
P
prospettica pulsante dati Qualunque vista in cui attiva la vista prospettica (proiezione prospettica). Pulsante sul mouse o sulla tavoletta di digitalizzazione che viene premuto per immettere punti dati, identificare elementi da manipolare, accettare unazione precedente, selezionare strumenti e agire sui controlli nelle finestre di dialogo. Il pulsante del mouse o il cursore di una tavoletta di digitalizzazione che viene premuto per selezionare un blocco di menu in un menu su carta. Il pulsante del mouse o del cursore di una tavoletta di digitalizzazione da premere per inviare un comando di reset. Il pulsante che viene premuto per immettere un punto dati tentativo. Il pulsante tentativo consente anche di spostare la posizione della selezione AccuSnap. Aree nelle finestre di dialogo che consentono di iniziare, salvare o annullare unoperazione. Piccola icona sullo schermo che si muove in base agli input dellutente e indica il punto di inserimento dellinput in MicroStation. La croce situata sul cursore della tavoletta di digitalizzazione utilizzata come target di posizionamento per la selezione di un blocco di menu da un menu su carta. Il puntatore a croce sullo schermo viene utilizzato con gli strumenti di posizionamento degli elementi. Variabili utilizzate da MicroStation e da altre applicazioni per posizionare, individuare ed elaborare elementi nel file DGN. Punti equidistanti sul piano di disegno posizionati a una distanza dallorigine globale corrispondente a multipli interi di unit della griglia. Per ulteriori informazioni, vedere punto dati, punto tentativo o punto attivo. Impostazione che determina se mediante lo strumento per il posizionamento dei punti viene tracciata una cella, un simbolo o una linea di lunghezza zero. Punti su un elemento su cui si inserisce un punto tentativo quando viene attivata lopzione Bloccaggio cattura in modalit Punto chiave.

pulsante di comando

pulsante reset pulsante tentativo

pulsanti puntatore puntatore a croce

puntatori punti griglia

punto punto attivo

punto chiave

G30 Guida rapida di MicroStation

Glossario
P
punto dati punto dati 3D Input immesso mediante il dispositivo di puntamento che identifica un punto nel disegno. Metodo per immettere un punto dati in un disegno 3D che consiste nel tracciare dapprima una boreline in una vista, selezionando poi una posizione lungo la boreline da unaltra vista non parallela. Questa combinazione di operazioni identifica un punto univoco in un cubo di disegno. Punto creato effettuando la cattura durante lutilizzo di Posiziona linea multipla, di uno strumento di quota o di uno strumento di posizionamento celle (con lopzione Usa celle condivise attivata) quando viene attivato il Bloccaggio associazione. Un punto di associazione non dispone di coordinate proprie ma viene posizionate utilizzando le coordinate del punto a cui associato. Il punto, rappresentato da una barra verticale, in cui vengono inseriti i nuovi caratteri. Punto in cui due linee parallele si intersecano o si intersecherebbero se venissero allungate. Un fondamenale punto noto nel piano di disegno. I punti di riferimenti consentono di orientare i riferimenti. Input grafico che consente di visualizzare in anteprima la posizione del successivo punto dati, di definire un punto di riferimento e/o di creare un punto di associazione. I punti tentativo possono essere visualizzati con AccuSnap. Metodo per immettere un punto tentativo in un disegno 3D che consiste nel tracciare dapprima una boreline in una vista, selezionando poi una posizione lungo la boreline da unaltra vista non parallela. Questa combinazione di operazioni identifica un punto univoco in un cubo di disegno.

punto di associazione

punto di inserimento punto di intersezione punto di riferimento punto tentativo

punto tentativo 3D

Q
quota quote associate quote in parallelo Etichetta posizionata in un disegno che indica la misura lineare, angolare o radiale. Quote che si aggiornano automaticamente ogni volta che viene modificato lelemento a cui si riferiscono. Gruppo di quote che hanno almeno una linea delimitatrice in comune.

Guida rapida di MicroStation G31

Glossario
R
raccordo rapporto di rappresentazione record rendering Arco costruito tra due linee convergenti e tangente ad esse. Altezza diviso larghezza. Lequivalente di una riga in una tabella di database, che rappresenta un singolo oggetto. Produrre unimmagine di un modello 3D con effetto pi realistico rispetto a unimmagine wireframe. Comprende lombreggiatura delle linee e delle superfici nascoste. Azione di posizionamento che, con la maggior parte degli strumenti, esegue il backup di unoperazione. In alcuni casi viene completata unazione. In altri casi, viene annullata unazione o rifiutato un determinato elemento. Inserire un reset. Matrice rettangolare di vertici che, insieme allordine B-spline, definiscono la forma di una superficie B-spline. Particolare versione di un file DGN salvato. Ogni volta che viene salvato un file, nella cronologia viene memorizzato lo stato corrente del file DGN mediante la registrazione di ID utente, data e ora corrente, modifiche incrementali apportate agli elementi del disegno e commenti facoltativi. Se applicato a un elemento chiuso, questo attributo indica larea racchiusa dellelemento come una figura piena a colori. Per ulteriori informazioni, vedere riempimento. Croci di riferimento posizionate sulla griglia con intervalli di spaziatura definiti dallutente. Modello collegato al modello attivo e visualizzato insieme ad esso per la stampa e la creazione di disegni. Un riferimento non pu essere modificato. possibile collegare come riferimento un modello presente nel file DGN aperto o in un altro file DGN. Quadrato o cerchio utilizzato per indicare lorigine del piano di disegno di AccuDraw, gli assi e il sistema di coordinate. Segni hash con codifica a colori indicano gli assi X e Y positivi. Per ulteriori informazioni, vedere record.

reset

resettare rete di controllo revisione

riempimento a colori riempimento area riferimenti griglia riferimento

riferimento

riga

G32 Guida rapida di MicroStation

Glossario
R
rilsciare elementi complessi rimozione di linee nascoste rimozione di linee nascoste di margini risoluzione Ripristinare lo status originario degli elementi primitivi che compongono un elemento complesso. Processo di eliminazione delle linee nascoste da superfici in un disegno 3D. Per ulteriori informazioni, vedere rimozione di linee nascoste di margini. Crea un file DGN in cui vengono eliminate le linee nascoste da superfici (nella vista da cui stato generato il file di margini). Numero di punti supportati su una data area. La risoluzione della periferica di output, ad esempio, misurata in righe per pollice, mentre la risoluzione dello schermo viene generalmente espressa mediante due numeri che indicano il numero di pixel di larghezza e di altezza dellimmagine massima visualizzabile. Le specifiche predefinite per i menu e la finestre di dialogo. Dividere unarea, elementi o parti di elementi di un disegno dal resto per gestirli o visualizzarli separatamente. Tipo di azione che pu essere effettuata su un elemento di profilo planare ottenuto mediante la rotazione di una spezzata, curva, figura, ellisse, curva B-spline, catena complessa o figura complessa.

risorsa ritagliare rivoluzione

S
salvate SCA SCA cilindrico SCA rettangolare SCA sferico scala campitura attiva Le impostazioni, quali le unit di lavoro e la configurazione delle viste, che vengono mantenute per pi sessioni. Per ulteriori informazioni, vedere sistema di coordinate ausiliarie. Sistema di coordinate ausiliario in cui le posizioni sono descritte mediante due grandezze (R e Z) e un angolo. Un sistema di coordinate ausiliario che utilizza gli assi standard (cartesiani). Sistema di coordinate ausiliario in cui i punti sono definiti mediante una grandezza e due angoli. Impostazione che determina la scala utilizzata per il posizionamento della cella di campitura attiva durante la campitura di unarea e la campitura lineare.

Guida rapida di MicroStation G33

Glossario
S
scalare Ridimensionare uno o pi elementi in base ai fattori di scala attivi. Nel plottaggio indica il rapporto tra la distanza nelle unit principali del file DGN e la distanza rappresentata dal dispositivo di output. Per ulteriori informazioni, vedere segno di quota. Simbolo posizionato insieme al testo della quota per chiarirne il significato. Distinguere un elemento, identificare una casella di riepilogo sui cui agire oppure attivare uno strumento o un controllo della vista. Per ulteriori informazioni, vedere tolleranza selezione. Il periodo in cui un file DGN attivo. Parte di un disegno che mostra dettagli interni troppo complessi per essere visibili chiaramente in una vista wireframe. Vista della parte interna di un oggetto tagliato lungo un piano. Immagine bitmap che pu essere utilizzata come sfondo per il rendering. Tipo di componente dello stile di linea. Carattere posizionato a partire da un font simbolo di MicroStation. Per ulteriori informazioni, vedere simbologia dellelemento, simbologia del livello o attributi. Impostazione della vista che prevede la visualizzazione di tutti gli elementi su un determinato livello con la stessa simbologia di elemento. Il colore, lo stile di linea e lo spessore di linea di un elemento. Collocare una finestra immediatamente sotto la vista inferiore. Tipo di variabile di configurazione. Sistema di coordinate con origine e orientamento specificati dallutente che pu essere definito, attivato, salvato e richiamato durante una sessione di disegno. Il sistema di coordinate (Rettangolare o Polare) che definisce lorientamento del piano di disegno.

segno segno di quota selezionare selezione intervallo sessione di disegno Sezione sezione trasversale sfondo raster simboli del punto simbolo simbologia simbologia del livello simbologia dellelemento sink sistema sistema di coordinate ausiliario (SCA) sistema di coordinate del piano di disegno

G34 Guida rapida di MicroStation

Glossario
S
sito Tipo di variabile di configurazione che viene impostata da un responsabile di sistema o di settore per agevolare lutilizzo di MicroStation in gruppi di lavoro. Per ulteriori informazioni, vedere posiziona SmartLine. Tagliare una linea tra due elementi lineari, collegando gli elementi e modificando uno o entrambi gli elementi originari. Software che consente di ottimizzare lesecuzione di specifiche operazioni con MicroStation. Esempi di applicazioni: applicazioni MDL, script di digitazione e macro. Tipo di elemento complesso specifico dei disegni 3D, insieme alle superfici. Solido che viene creato spostando una forma planare chiusa lungo una traiettoria lineare fino a un secondo piano parallelo. La forma sul piano di destinazione viene ruotata in base allangolo attivo e scalata in base al fattore di scala attivo. Gli elementi profilo sono collegati in corrispondenza dei relativi punti dati mediante elementi di regola lineari. Solido che viene creato ruotando un elemento planare chiuso su un asse di rivoluzione. Gli elementi profilo sono collegati in corrispondenza dei relativi punti dati mediante elementi di regola circolari ad arco. Luce proveniente da un punto. Le sorgenti di luce puntiforme illuminano le superfici in modo diverso a seconda dellorientamento. Punto non visibile in un disegno che proietta una luce visibile in una vista ombreggiata. Modalit che consente di sostituire la modalit di cattura attiva. La disposizione di finestre o viste una sullaltra in ordine numerico, in base alla quale risulta visibile per intero la vista con il numero pi basso e, per tutte le altre viste, la barra del titolo. Modalit di selezione della fence che comprende solo gli elementi che si trovano allinterno della fence o sovrapposti ad essa. Distanza/e tra celle di campitura adiacenti posizionate utilizzando Campisci area. Distanza/e tra le linee posizionate utilizzando Tratteggia area o Tratteggia a incrocio larea.

SmartLine smussare software applicativo

solido solido di proiezione

solido di rivoluzione

sorgente luce puntiforme sorgente luminosa sostituzione sovrapposizione

sovrapposizione spaziatura campitura attiva

Guida rapida di MicroStation G35

Glossario
S
specularizzazione spessore di linea Manipolazione che inverte la geometria di elementi grafici su una linea orizzontale, verticale o una linea specificata arbitrariamente. Valore compreso tra 0 e 31 che indica lo spessore delle linee utilizzate per tracciare o plottare un elemento grafico. Ad ogni elemento associato uno spessore di linea specifico. Impostazione che determina lo spessore di linea per un elemento al momento del posizionamento. Elemento grafico aperto costituito da segmenti di linea uniti ai vertici. Acronimo di Standard Query Language, un linguaggio semplice e potente che diventato lo standard di riferimento nel settore per laccesso a database e la manipolazione di dati. Definizione di linea multipla o insieme di attributi di quotatura che possono essere salvati in un file di impostazioni per consentirne lutilizzo in un secondo tempo. Parte della simbologia di un elemento che indica, ad esempio, se la linea continua, costituita da lineette, punti e lineette e cos via. A ogni elemento possibile associare uno specifico stile di linea e una simbologia particolare. possibile creare stili di linea personalizzati. Impostazione che determina lo stile di linea di un elemento al momento del posizionamento. composto da un insieme di attributi di testo, quali il tipo, la larghezza, laltezza e il colore del font. Gli stili del testo consentono di inserire del testo in un file modello in modo coerente ed automatico. MicroStation supporta in modo nativo i font True Type e AutoCAD (.shx) Definisce lazione eseguita da MicroStation quando viene selezionato uno strumento o viene scelta una voce di menu. Funzione di disegno o la corrispondente icona rappresentativa di tale funzione in un menu degli strumenti. Organizzazione gerarchica di livelli raggruppati. Per ulteriori informazioni, vedere estensione. Costruzione geometrica 3D che pu dividere lo spazio in partizioni ma non pu racchiudere un volume.

spessore di linea attivo spezzata SQL

stile

stile di linea

stile di linea attivo stile di testo

stringa di operazione strumento struttura livelli suffisso superficie

G36 Guida rapida di MicroStation

Glossario
S
superficie B-spline superficie di proiezione Superficie a forma libera definita mediante parametri, nella quale ogni polo (vertice) incide su un determinato intervallo della superficie. Superficie che viene creata spostando un profilo planare lungo una traiettoria lineare fino a un secondo piano parallelo. Il profilo sul piano di destinazione viene ruotato in base allangolo attivo e scalato in base al fattore di scala attivo. Gli elementi profilo sono collegati in corrispondenza dei relativi punti dati mediante elementi di regola lineari. Superficie che viene creata ruotando un profilo planare su un asse di rivoluzione. Gli elementi profilo sono collegati in corrispondenza dei relativi punti dati mediante elementi di regola circolari ad arco.

superficie di rivoluzione

T
tabella di assegnazione dei materiali tabella di attributi visualizzabili tabella di controllo tabella di report Assegna un materiale agli elementi su uno o pi livelli con uno o pi colori nel disegno. Specifica il formato di visualizzazione per ciascun tipo di nodo di testo di attributi visualizzabili. Tabella speciale in ciascun database verso la quale vengono stabiliti dei collegamenti, detta anche MSCATALOG. File contenente gli attributi di database degli elementi presenti in unarea racchiusa da una fence. La struttura di una tabella di report identica a quella della tabella principale da cui sono stati tratti i dati. File che contengono le caratteristiche dei materiali. Le tabelle dei materiali consentono di simulare texture o materiali semplici, quali metallo o plastica, nel contesto di un rendering finale. Attributi non grafici che possono essere collegati agli elementi inseriti nei disegni. Punto in cui i dati associati vengono memorizzati nel file DGN con gli elementi grafici. I tag consentono di associare dati non grafici a elementi nel file DGN se i dati sono relativamente semplici o se necessario assicurare la compatibilit con altri pacchetti CAD che prevedono la memorizzazione dei dati allinterno dei file di disegno. I dati dei tag associati possono essere copiati dal tag, caricati in un database e collegati nuovamente al tag. Tasti programmabili situati nella parte superiore della tastiera.

tabelle dei materiali

tag tag elemento

tasti funzione

Guida rapida di MicroStation G37

Glossario
T
tasto di modifica tavola colori attiva I tasti Ctrl, Alt e Maiusc che, utilizzati insieme ai tasti funzione, consentono di creare nuove definizioni di tasti funzione. Linsieme massimo di 256 colori dal quale possibile selezionare il colore attivo. Per modificare, collegare e salvare la tavola colori attiva, viene utilizzata la finestra di dialogo Tavola dei colori. In un file DGN, la tavola dei colori determina la corrispondenza tra i valori di attributo a 256 colori e i colori visualizzati. Viene visualizzata in una finestra di dialogo. Unarea di memoria dati globale in cui MicroStation memorizza le impostazioni. Elemento di testo visualizzato con il corrispondente angolo di posizionamento, indipendentemente dal grado di rotazione della vista. Impostazione che determina la grandezza dei poligoni in cui le superfici curve vengono scomposte per il rendering. Impostazione che prevede il salvataggio di un punto campionato a mano se la distanza tra il punto campionato e il punto salvato pi di recente supera il suo valore. Specifica quanto un oggetto pu differire dalla geometria mostrata nel disegno. Impostazione che determina la dimensione dellarea che circonda il puntatore di selezione o identificazione di un elemento in cui vengono individuati gli elementi in MicroStation. Fornisce soluzioni di illuminazione fotorealistiche. Rappresenta una valida alternativa rispetto alla tradizionale soluzione di radiosit, con requisiti di memoria decisamente inferiori. Operazione che consiste nel far scorrere un vista sul piano di disegno. Operazione che consiste nel costruire un insieme di linee equidistanti in unarea chiusa. Operazione che consiste nel costruire due insiemi di linee equidistanti in unarea chiusa delimitata da una forma complessa, da un elemento chiuso o da una fence in base alle impostazioni della campitura attiva relative a angoli e spaziatura.

tavola dei colori

Terminal Control Block (TCB) testo indipendente dalla vista tolleranza del tratto tolleranza di mano libera tolleranza geometrica tolleranza selezione

tracciamento particelle traslazione tratteggio tratteggio a incrocio

G38 Guida rapida di MicroStation

Glossario
T
Triade SCA Nel momento in cui viene definito il sistema di coordinate ausiliarie, MicroStation visualizza questa rappresentazione a tre frecce (in 3D) per indicare gli assi X e Y e lorigine. Routine SQL che carica dal database un form con le informazioni corrette quando lutente analizza gli attributi e carica gli attributi visualizzabili.

trigger

U
unit della griglia unit di lavoro unit principali unit secondarie Impostazioni che specificano la distanza tra punti griglia adiacenti e il numero di punti griglia tra riferimenti griglia. Unit reali configurate per il piano di disegno. Le unit pi grandi utilizzate in un modello. Unit in cui vengono divise le unit principali nella definizione delle unit di lavoro. Se, ad esempio, le unit principali sono i piedi, pu essere utile impostare i pollici come unit secondarie. Nella definizione delle unit di lavoro sono specificati il numero di unit secondarie per unit principale e uno o due caratteri di abbreviazione per il nome dellunit secondaria. Tipo di variabile di configurazione che determina quale file di configurazione del progetto viene elaborato.

utente

V
variabile di configurazione del percorso variabili di configurazione Tipo di variabile di configurazione che indica a MicroStation la directory in cui si trovano i file, ad esempio MS_DEF. Stringhe di equivalenza che indicano a MicroStation dove cercare determinati file o classi di file. Le variabili di configurazione sono strumenti che consentono di personalizzare lambiente di lavoro di MicroStation. La variabile di configurazione MS_RFDIR, ad esempio, specifica la directory o lelenco di directory (separate mediante punto e virgola) in cui devono essere cercati i riferimenti. La sommit o apice di una figura, lintersezione di linee o curve o il punto finale di un elemento. I vincoli che definiscono le quote esatte di una costruzione.

vertice vincoli di quota

Guida rapida di MicroStation G39

Glossario
V
visione binoculare La vista umana percepisce la distanza mediante il confronto tra limmagine percepita dallocchio destro e quella percepita dallocchio sinistro. MicroStation in grado di riprodurre questo effetto rappresentando due diverse immagini catturate da due posizioni leggermente sfalsate della vista prospettica, quindi sovrapponendo le due immagini sullo schermo con colori diversi. Osservata con occhiali 3D, limmagine cos composta sembrer dotata di profondit. Nome che identifica collettivamente la parte del modello attivo (compresi i riferimento ad esso collegati) visualizzata in una finestra della vista e lorientamento della visualizzazione. Vista che mostra tutti gli elementi sui livelli attivati nella vista. Vista che pu essere designata per il collegamento di attributi salvati e visualizzazioni da una vista di origine. Vista creata, configurata e salvata per limpiego come vista di un modello. Vista standard in un disegno 3D in cui le facce superiore, sinistra e frontale di un cubo ortogonale agli assi del cubo di disegno hanno la stessa inclinazione rispetto alla superficie dello schermo. Come per le funzioni di una fotocamera tradizionale, la vista prospettica in MicroStation definisce la porzione di disegno visualizzata quando si utilizza la proiezione prospettica. Il punto di osservazione pu essere posizionato e orientato a piacere. Sono disponibili diverse lenti per modificare limmagine risultante. Definizione di vista con nome che viene salvata in un file DGN per consentirne il riutilizzo o il collegamento a un altro file modello come riferimento. Le otto viste di uso pi frequente in un disegno 3D (isometrica, isometrica destra, dallalto, dal basso, da sinistra, da destra, frontale e posteriore). Rappresentazione temporanea che si sposta insieme al puntatore e che viene visualizzata in MicroStation fino a posizionamento ultimato.

vista

vista adattata vista di destinazione vista di origine vista isometrica (Iso)

vista prospettica

vista salvata

viste standard

visualizzazione dinamica

G40 Guida rapida di MicroStation

Glossario
V
visualizzazione veloce Impostazione degli attributi di una vista in base alla quale le informazioni vengono presentate in forma abbreviata rispetto alla visualizzazione normale. La natura delle informazioni nel disegno rimane invariata; cambia soltanto il modo in cui vengono presentate nella vista. La visualizzazione veloce pu essere selezionata per celle, curve, testo e font. Qualsiasi controllo presente in una finestra di dialogo, ad esempio un campo di testo, una casella di controllo o un menu di opzioni. Qualunque elemento di un elenco di opzioni in un menu a discesa. Il volume visualizzato in una vista 3D. Per ulteriori informazioni, vedere solido di proiezione. Per ulteriori informazioni, vedere solido di rivoluzione.

voce voce di menu volume della vista volume di proiezione volume di rivoluzione

W
windowing wireframe Metodo per selezionare nuovi contenuti da inserire in una vista. Modalit di visualizzazione in cui le superfici sono visualizzate con i relativi contorni e gli elementi che si trovano in secondo piano rispetto alle superfici sono visualizzati come se queste ultime non esistessero. Visualizzazione di rendering analoga a quella wireframe, con la differenza che le superfici vengono rappresentate mediante una mesh poligonale per ottenere un effetto di maggiore realismo.

wiremesh

Z
zoom Strumento che consente di ingrandire o ridurre la parte del disegno visualizzata in una vista.

Guida rapida di MicroStation G41

Glossario

G42 Guida rapida di MicroStation

Indice
A Adatta disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 419 vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 419 Vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73 Adattamento vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 419 Affianca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44 Aggancio menu degli strumenti . . . . . . . . 333 Aggiorna Vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49 Aggiorna vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 414 aLine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65 Annulla . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 343 buffer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 343 effetto della compressione di file DGN . 343 operazione di visualizzazione . . . . . . . . 424 tutte le operazioni nel buffer per undo . 343 Apertura vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41 Apri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 file DGN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 menu degli strumenti . . . . . . . . . . . . . . . 330 Attivazione finestra . . . . . . . . . . . . . . . . . . 620 Attributi della vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . 429 Attributi vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 431 B BACKUP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39 Barra dei controlli della vista . . . . . . . . . . 412 Blocco simbolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 C Cattura oggetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Cerchio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69 Chiudi file DGN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36 Chiusura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42 Collegamento ipertestuale . . . . . . . . . . . . . 615 Comprimi disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37 Coordinate lettura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 354 Copia vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 428 COPY VIEW . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 428 Crea file DGN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 Creazione file DGN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 314 Cronologia disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310 Cursore menu pulsanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 schermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 D Digirazione WINDOW AREA EXTENDED . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 419 Digitazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 620, 344 modifica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 348 richiamo precedente . . . . . . . . . . . . . . . . 347 digitazione FIT VIEW EXTENDED . . . . . 420 Digitazione MOVE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 423 Digitazione PAN VIEW . . . . . . . . . . . . . . . 424 Digitazione ROTATE VIEW EXTENDED 422 Digitazione UPDATE VIEW EXTENDED 415 Digitazione VIEW NEXT . . . . . . . . . . . . . . 426 Digitazione VIEW ON . . . . . . . . . . . . . . . . 413 Digitazione VIEW PREVIOUS . . . . . . . . . 425 Digitazione ZOOM IN CENTER . . . . . . . . 416 Digitazione ZOOM IN EXTENDED . . . . . 416 Digitazione ZOOM OUT CENTER . . . . . . 417 Digitazione ZOOM OUT EXTENDED . . . 417 Disponi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43 E Effettua traslazione della vista . . . . . . . . . Elemento eliminazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . eliminazione cancellazione . . . . . . . . . . . Selezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

422 617 617 619

Guida rapida di MicroStation i1

Indice
Elevazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Elimina Elemento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 614 Esci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321, 623 Escludi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Esplosione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 EXIT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 623 F File compressione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317 File DGN apertura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 apertura remoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 backup . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39 chiusura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36 compressione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37 Crea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 creazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 314 creazione copia di backup . . . . . . . . . . . . 39 impostazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . 430, 354 salvataggio con nome per la creazione di una copia di backup . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38 seme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349 unione di pi file . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319 File di disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 salvataggio con nome per la creazione di una copia di backup . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72 File seme disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349 File, menu Salva impostazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . 355 Finestra area . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 417 Area . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76 menu . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41 vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 417 Finestra di dialogo File di disegno . . . . . . 430 G Guida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 363 argomenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 615 collegamento . . . . . . . . . . . . . . . . . 614, 364 collegamento ipertestuale . . . . . . . . . . . 615 esplorazione . . . . . . . . . . . . . . . . . 614, 364 finestra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ricerca di parole chiave . . . . . . . . . . . . . sensibilit al contesto . . . . . . . . . . . . . . . sommario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Guida in linea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 616 614 365 616 617 363

H HELP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 364 I Icone senza contorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327 Icone degli strumenti senza contorno . . . . 327 Impostazione area della finestra area . . . . . . . . . . . . . 417 Impostazione strumenti . . . . . . . . . . . . . . . 337 Impostazioni menu . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349 Impostazioni strumenti finestra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 337 Impugnatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Ingrandisci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 415 Inizializzazione cronologia di disegno . . . . 310 Input attivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Istruzioni per linstallazione . . . . . . . . . . . . 11 L Lavoro, unit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 352 unit posizionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 351 unit principali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 352 unit secondarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 352 Lettura coordinate formato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 355 precisione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 355 Libreria di celle unione di pi librerie . . . . . . . . . . . . . . . 319 Linea eliminazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 617 Livello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 M Menu scelta rapida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31

i2 Guida rapida di MicroStation

Indice
Menu Area di lavoro Preferenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51, 519 Menu degli strumenti . . . . . . . . . . . . . . . . 325 aggancio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 332 apertura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 329 Controllo della vista . . . . . . . . . . . . . . . . 427 mobile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 329 Principale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325 selezione strumento . . . . . . . . . . . . . . . . 334 sganciamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 333 Menu di scelta rapida controllo della vista . . . . . . . . . . . . . . . . 427 Menu File . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Apri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 Comprimi disegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37 Esci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321, 623 Nuovo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35, 349 Salva con nome . . . . . . . . . . . . . . . . . 72, 38 Menu Finestra Affianca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44 Disponi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43 Sovrapponi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43 Menu Guida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Sommario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 364 Menu Impostazioni Attributi della vista . . . . . . . . . . . . . . . . 431 File di disegno . . . . . . . . . . . . . . . . 430, 354 Menu Modifica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 MicroStation Manager . . . . . . . . . . . . . . . . 314 compressione di file . . . . . . . . . . . . . . . . 317 copia di file . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 315 creazione di un file di DGN . . . . . . . . . . 314 eliminazione di file . . . . . . . . . . . . . . . . . 317 ridenominazione di un file . . . . . . . . . . . 316 unione di file DGN . . . . . . . . . . . . . . . . . 319 unione di librerie di celle . . . . . . . . . . . . 319 Modifica, menu Annulla . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 343 Annulla altro > Tutto . . . . . . . . . . . . . . . 343 Ripeti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 344 N Nuovo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 file . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349 O Operazioni in batch unione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 320 P Piano di disegno risoluzione di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . 352 Posiziona Cerchio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69 Linea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65, 712 Spezzata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69 Posiziona testo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 613 Preferenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51, 519 categorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52 impostazione valori predefiniti . . . . . . . 520 insieme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52 predefinite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52 spessore linee . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 520 Pulsante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Reset . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68 Pulsante Dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 342 Punto dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65 Q QUIT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 623 R Registrazione cronologia di disegno . . . . . 310 Requisiti di sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11 Reset . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 342 pulsante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68, 342 Ridisegna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31, 414 Ripeti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 344 Ruota vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 420 S Salva con nome . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72, 38 Salvataggio impostazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 355 Scala per la visualizzazione del modello . . . . . . 79 Scegli elemento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 pulsante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31

Guida rapida di MicroStation i3

Indice
punto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Selezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 617 Sommario della Guida in linea . . . . . . . . . . . . . . . . 364 Sovrapponi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43 Spessore linea conversione per la visualizzazione . . . . 520 spessore visualizzato . . . . . . . . . . . . . . . 520 Spezzata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69 Strumento descrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 334 impostazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325 individuazione nel menu degli strumenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 335 selezione bloccata . . . . . . . . . . . . . . . . . . 334 selezione da menu degli strumenti . . . . 334 selezione per singolo uso . . . . . . . . . . . . 334 T Tastiera attivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Tipo di linea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 U Unit di lavoro MU SU PU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 353 Utilit unione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319 V Variabili di configurazione MS_BACKUP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37 Vista aggiornamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 414 annullamento operazione . . . . . . . . . . . . 424 apertura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41 area della finestra . . . . . . . . . . . . . . . . . 417 attributi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 429 bordi di ridimensionamento . . . . . . . . . . . 47 cambiamento della parte di disegno visualizzata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49 chiusura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42 controlli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49 copia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 428 ingrandimento . . . . . . . . . . . . . . . . 44, 415 menu di scelta rapida . . . . . . . . . . . . . . . 427 precedente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 425 Riduci a icona . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44 rotazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 420 salvataggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 432 sfondo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 430 Sposta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45 traslazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 422 zoom avanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 415 zoom indietro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 416 Viste salvate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 432 collegamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 433 descrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 434 Visualizza ingrandimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79 successiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 425 Z Zoom avanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 415 Avanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79 fattore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 415 indietro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 416 Indietro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79 rapporto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 415

i4 Guida rapida di MicroStation