Sei sulla pagina 1di 393

Appunti di Metodi Matematici

Fabio Ortolani
19 febbraio 2013

Indice
1 Funzioni olomorfe 1.1 Il piano complesso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.1.1 Una curiosit` a: i quaternioni . . . . . . . . . . . . . . . 1.2 Funzioni di variabile complessa . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2.1 Lesponenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2.2 Funzioni trigonometriche . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2.3 Funzioni iperboliche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2.4 Dierenziabilit` a ed olomorsmo . . . . . . . . . . . . . 1.2.5 Condizioni di olomorsmo . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2.6 Curve e domini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2.7 Integrali di contorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.3 Teorema di Cauchy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.3.1 Rappresentazione integrale di Cauchy . . . . . . . . . . 1.3.2 Rappresentazioni integrali . . . . . . . . . . . . . . . . 1.3.3 Teorema di Morera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.3.4 La serie di Taylor. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.3.5 La serie di Laurent. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.3.6 Zeri e punti singolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.3.7 Comportamento locale di una funzione analitica . . . . 1.4 Residui. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.4.1 Teorema dei residui . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.4.2 Calcolo dei residui . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.4.3 Residuo allinnito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.4.4 Indicatore logaritmico . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.4.5 Calcolo di integrali deniti col metodo dei residui . . . 1.4.6 Poli semplici in prossimit` a del cammino di integrazione. 1.5 Cenni sulle funzioni polidrome. . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.5.1 Logaritmo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.5.2 La radice quadrata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.5.3 Calcolo di integrali che coinvolgono funzioni polidrome. 1.6 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.6.1 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 Topologia. 2.1 Spazi topologici. . . . . . 2.1.1 Insiemi aperti . . 2.1.2 Insiemi chiusi . . 2.1.3 Topologia indotta 1 1 7 12 13 14 16 17 19 23 26 31 35 39 42 43 45 49 52 54 57 58 60 62 64 71 79 79 83 85 91 95

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . e

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . topologia generata iii

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

113 . 113 . 114 . 116 . 118

iv

INDICE

2.2 2.3

2.4 2.5 2.6

2.1.4 Punti interni, esterni, di frontiera 2.1.5 Sistemi fondamentali di intorni . Spazi metrici. . . . . . . . . . . . . . . . Propriet` a topologiche . . . . . . . . . . . 2.3.1 Insiemi compatti . . . . . . . . . 2.3.2 Spazi di Hausdor . . . . . . . . 2.3.3 Densit` a e separabilit` a. . . . . . . Continuit` a . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.4.1 Continuit` a e compattezza . . . . Successioni. . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5.1 Completezza. . . . . . . . . . . . Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.6.1 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . .

119 121 125 131 131 132 137 140 145 147 153 162 164 171 171 173 176 177 186 192 199 203 203 207 210 213 219 221 226 228 232 235 238 241 246 259 259 259 263 268 268

3 Spazi lineari. 3.1 Strutture algebriche. . . . . . . . . . . . . . . 3.1.1 Spazi vettoriali . . . . . . . . . . . . . 3.1.2 Sottospazi . . . . . . . . . . . . . . . . 3.1.3 Dipendenze lineari e basi. . . . . . . . 3.2 Applicazioni lineari. . . . . . . . . . . . . . . . 3.3 Somme dirette. . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.3.1 Dualit` a. . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4 Spazi normati. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.1 Norme. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.2 Spazi di Banach. . . . . . . . . . . . . 3.4.3 Serie innite di vettori . . . . . . . . . 3.4.4 Applicazioni lineari tra spazi normati. . 3.4.5 Norma operatoriale . . . . . . . . . . . 3.4.6 Norme equivalenti. . . . . . . . . . . . 3.5 Spazi Lp . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.5.1 Disuguaglianza di H older . . . . . . . . 3.5.2 Disuguaglianza di Minkowski . . . . . 3.5.3 Spazi lp . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.5.4 Appendice: lim sup e lim inf . . . . . . 3.6 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.6.1 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Spazi di Hilbert. 4.1 Prodotti scalari . . . . . . 4.1.1 Forme sesquilineari 4.1.2 Prodotto scalare . 4.2 Geometria di uno spazio di 4.2.1 Ortogonalit` a. . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . Hilbert . . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

INDICE

4.3

4.4

4.2.2 Decomposizione in sottospazi ortogonali 4.2.3 Duale topologico . . . . . . . . . . . . . Sistemi ortonormali. . . . . . . . . . . . . . . . 4.3.1 Basi hilbertiane . . . . . . . . . . . . . . 4.3.2 Serie di Fourier. . . . . . . . . . . . . . . 4.3.3 Polinomi ortogonali. . . . . . . . . . . . Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.4.1 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

. . . . . . . .

270 274 277 283 288 296 305 307

5 Operatori 5.1 Applicazioni lineari limitate tra spazi normati. . . . 5.1.1 Convergenza forte di applicazioni continue. . 5.1.2 Estensione continua di applicazioni continue. 5.2 Serie operatoriali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2.1 Serie esponenziale . . . . . . . . . . . . . . . 5.2.2 Serie di Neumann . . . . . . . . . . . . . . . 5.2.3 Serie di potenze di un operatore . . . . . . . 5.3 Operatore aggiunto . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.3.1 Operatori autoaggiunti . . . . . . . . . . . . 5.3.2 Operatori unitari . . . . . . . . . . . . . . . 5.3.3 Operatori di proiezione . . . . . . . . . . . . 5.4 Trasformate di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . 5.4.1 Convoluzione di funzioni. . . . . . . . . . . . 5.4.2 Funzioni a decrescenza rapida. . . . . . . . . 5.4.3 Formula di inversione. . . . . . . . . . . . . 5.4.4 Trasformate di Fourier in L2 . . . . . . . . . 5.5 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.5.1 Soluzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

315 . 315 . 320 . 327 . 329 . 333 . 335 . 336 . 338 . 342 . 343 . 346 . 350 . 353 . 357 . 361 . 365 . 371 . 374

vi

INDICE

Capitolo 1. Funzioni olomorfe


1.1 Il piano complesso

Lestensione dal sistema dei numeri reali al sistema dei numeri complessi ` e molto importante sia in matematica che in sica. Larea della sica dove i numeri complessi sono praticamente indispensabili ` e la meccanica quantistica, in quanto la funzione donda associata ad un sistema sico ` e generalmente a valori complessi. In matematica il loro uso ` e diuso in quasi tutte le aree. Non vogliamo trattare le teorie algebriche che introducono i numeri complessi in maniera astratta, ma li consideriamo come una estensione naturale dei numeri reali, basata sullesistenza di un numero, lunit` a immaginaria, che indicheremo sempre con la lettera i e che soddisfa la regola algebrica: i2

 1 .

(1.1)

La qualica immaginaria denota la natura puramente matematica di tale numero, in quanto nessuna esperienza sica fornisce come risultato di una misura il numero i, ma sempre uno o pi` u numeri reali. Combinando aritmeticamente (cio` e tramite le operazioni elementari: addizione, sottrazione, moltiplicazione e divisione) lunit` a immaginaria con gli ordinari numeri reali otteniamo linsieme dei numeri complessi. Possiamo allora assumere che un numero complesso z ` e univocamente determinato da una coppia di numeri reali x, y ed useremo la notazione (forma cartesiana): z

 x iy,

x, y

R.

(1.2)

Con tale rappresentazione le operazioni con i numeri complessi sono eseguite con le usuali regole aritmetiche, tenendo per` o sempre presente la convenzione (1.1) precedente. Non ci sono novit` a sostanziali nella struttura algebrica dei numeri complessi rispetto a quella dei numeri reali. Lunit` a moltiplicativa rimane lunit` a reale 1, lelemento neutro additivo coincide lo zero reale 0. Dati due numeri complessi: z1

 x1 i y1 ,

z2

 x2 i y2 ,

la somma e la moltiplicazione risultano:

 px1 x2q i py1 y2q , z1 z2  px1 x2 y1 y2 q i px1 y2 x2 y1 q .


1

z1 z2

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Lasciamo come esercizio per il lettore la determinazione della dierenza e della divisione tra due numeri complessi. I numeri reali x e y della rappresentazione (1.2) sono detti rispettivamente parte reale e parte immaginaria di z e indicati anche con:
5

Dato un numero complesso z

 x i y, il numero complesso: z  x iy,


6 9 9 8

x mz  y.
ez

(1.3)

(1.4)

viene detto complesso coniugato di z , o semplicemente coniugato e indicato a volte con z . Algebricamente abbiamo: ez 1 2 pz zq

9 9 7 mz

1 pz zq . 2i

(1.5)

Linsieme di tutti i numeri complessi viene indicato tradizionalmente con il simbolo C (in analogia con la notazione R per i numeri reali). Chiaramente C risulta isomorfo a R2 e i numeri x e y della forma cartesiana possono essere visti come coordinate cartesiane ortogonali di un punto del piano, per cui si ` e soliti visualizzare i numeri complessi con un 1 piano, detto piano complesso o di Gauss , oppure di Argand2 . In tale piano possiamo identicare i numeri reali (del tipo x i 0) con lasse x (asse reale) e i numeri immaginari puri (del tipo 0 i y ) con lasse y (asse immaginario).
Carl Friedrich Gauss (Braunschweig, 30 aprile 1777 Gottinga, 23 febbraio 1855) ` e stato un matematico, astronomo e sico tedesco, che ha fornito contributi determinanti allanalisi matematica, teoria dei numeri, calcolo numerico, geometria dierenziale, geodesia, magnetismo e ottica. Talvolta denito il pi` u grande matematico della modernit` a in contrasto ad Archimede, che egli stesso considerava il pi` u grande dei matematici per quanto riguardava lantichit` a, e il principe della matematica, Gauss ` e ricordato tra i pi` u importanti matematici della storia, avendo contribuito in modo decisivo allevoluzione delle scienze matematiche, siche e naturali. Jean-Robert Argand (Ginevra, 18 luglio 1768 Parigi, 13 agosto 1822) ` e stato un matematico svizzero non professionista. Nel 1806, mentre era il gestore di una libreria a Parigi, pubblic` o a proprie spese un libro in cui veniva esposta lidea dellinterpretazione geometrica dei numeri complessi, oggi nota come diagramma di Argand. Tra i suoi contributi occorre anche ricordare una dimostrazione (non completamente corretta) del Teorema fondamentale dellalgebra; Argand sembra essere stato il primo a trattare il caso in cui i coecienti di un polinomio possono anche essere numeri complessi.
2 1

1.1 Il piano complesso

C
z

......r ...... ...... . . . . . . ...... ...... ....... . . . . . ...... ...... ....... . . . . . ...... ....... ...... . . . . . .... ...... ....... ... . . . . . . . ... ... . ...... . . . . . ......

Figura 1.1: Il piano complesso. La visualizzazione geometrica dei numeri complessi permette di introdurre in maniera naturale la forma polare di un numero complesso, considerando le coordinate polari nel piano (Fig. 1.1):
5

 sin 5  x2 y 2  arctanpx, y q .
y e quindi: z

x  cos

, .  pcos i sin q .

0,

(1.6)

(1.7)

(1.8)

viene detto il modulo del numero complesso z , e viene indicato con |z |, mentre ` e detto argomento o fase di z . Risulta chiaro che la fase ` e in realt` a determinata a meno di un multiplo intero di 2 per la periodicit` a delle funzioni trigonometriche, e largomento propriamente detto risulta: arg z

 2k,

 0, 1, 2, . . .

(1.9)

se lo consideriamo compreso tra e . Generalmente si indica la scelta (oppure 0 arg z 2 ) come determinazione principale dellargomento.

arg z

Osservazione. Si noti che la funzione arctan px,yq non coincide esattamente con la funy zione arcotangente della trigonometria arctan x , intesa come funzione inversa della tangente. La funzione arctanpx, y q ` e sensibile al quadrante in cui si trova il punto px, y q y e restituisce un angolo allinterno di un intervallo di ampiezza 2 , mentre arctan x

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

restituisce un angolo in un intervallo di ampiezza . Ad esempio: arctanp1, 1q  arctan 1 1 4

2n,  arctan

arctanp1, 1q 

1   tan1p1q  n 1 4

3 4

2n

Notiamo inoltre che lunico punto in cui non ` e denita arctanpx, y q ` e lorigine p0, 0q, y mentre formalmente arctan x non ` e denita per x  0 (anche se il limite per x 0 esiste quando y $ 0). Il modulo di un numero complesso gode di propriet` a simili al modulo o valore assoluto di un numero reale. Una scrittura alternativa per il modulo di z  x i y ` e:

|z|  |x i y| 
ed ` e facile vericare che:

x2 y 2

zz

(1.10)

|z1 z2|  |z1| |z2| |z1 z2| |z1| |z2| ,

(1.11) (disuguaglianza triangolare) (1.12)

Il modulo costituisce anche un caso particolare del concetto di norma (di un vettore in uno spazio normato) che vedremo pi` u avanti. Osservazione. Un numero reale x si pu` o sempre pensare come numero complesso con una parte immaginaria nulla e le denizioni di modulo, sia come numero reale, sia come numero complesso, sono consistenti tra loro:

| x| 

x2

x2 02

 |x i 0| ,

xR

Ci` o porta alla nomenclatura di valore assoluto di un numero complesso per indicare il suo modulo, come estensione del concetto di valore assoluto introdotto nei numeri reali. Tornando alla rappresentazione polare e ricordando gli sviluppi in serie delle funzioni trigonometriche (convergenti per ogni valore di ): 2k cos  p1q p2 kq! k0
k

sin 

V 

k 0

p1qk p2 k 1q!

2k 1

1.1 Il piano complesso

abbiamo formalmente: cos i sin 

V
k 0

 

 V

i p1qk p2 k q! piq2k p2 k q! n!
2k

2k

V
k 0

V
k 0

p1qk p2 k 1q!
2k 1

2k 1

k 0

 V pi qn 

piq2k1 p2 k 1q!

ei

n 0

Vedremo in seguito come denire in generale lesponenziale di un numero complesso e la convergenza della corrispondente serie. La relazione sopra, che pu` o essere assunta come denizione di ei con reale, ` e nota come formula di Eulero3 : ei

 cos i sin ,  

p realeq

(1.13)

e sono garantite le usuali propriet` a algebriche della funzione esponenziale. Per un numero complesso abbiamo quindi la seguente scrittura in forma polare: z Si pu` o facilmente vericare che: z ei . ei . (1.14) (1.15)

Formalmente, data una espressione complessa, loperazione di coniugazione equivale a cambiare ogni occorrenza dellunit` a immaginaria col suo opposto: i i . Mentre la rappresentazione cartesiana (1.2) risulta molto comoda quando si eseguono addizioni e sottrazioni tra numeri complessi, la forma polare risulta invece utile per eseguire moltiplicazioni e divisioni.
5

 z2 
z1

i1

i2 2e

6 9 8 z1 z2 9 7
2

 z1  z

1 1 2

eip1 2 q

ei p1 2 q

Leonhard Euler (Basilea, 15 aprile 1707 San Pietroburgo, 18 settem` bre 1783) noto in Italia come Eulero, ` e stato un matematico e sico svizzero. E considerato il pi` u importante matematico dellIlluminismo. Allievo di Johann Bernoulli, ` e noto per essere tra i matematici scienticamente pi` u prolici di tutti i tempi. Ha fornito contributi storicamente cruciali in svariate aree: analisi innitesimale, funzioni speciali, meccanica razionale, meccanica celeste, teoria dei numeri, teoria dei gra. Complessivamente esistono 886 pubblicazioni di Eulero. Buona parte della simbologia matematica tuttora in uso ` e stata introdotta da Eulero, per esempio come simbolo per la sommatoria, f(x) per indicare una funzione, la lettera per indicare il numero pi greco.

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

La formula di Eulero pu` o essere invertita fornendo le seguenti relazioni: cos  sin  ei ei 2 ei ei 2i

(1.16)

Inoltre abbiamo la seguente relazione (formula di De Moivre4 ): cospn q i sinpn q  ei n

ei

 pcos i sin qn

(1.17)

per cui, sviluppando la potenza del binomio ed eguagliando tra loro le parti reali e le parti immaginarie otteniamo facilmente le espressioni per i seni e i coseni dei multipli di un angolo. Ad esempio: cosp3q i sinp3q  pcos i sin q3

 cos3 3 cos sin2 i p3 cos2 sin sin3 q ,

cos 3  cos3 3 cos sin2  4 cos3 3 cos ,

sin 3  3 cos2 sin sin3  4 sin3 3 sin . Avendo identicato linsieme dei numeri complessi con i punti del piano complesso le usuali nozioni topologiche ed insiemistiche in R2 si trasportano in maniera ovvia su C. Notiamo inoltre che la distanza euclidea tra due punti px1 , y1 q, px2 , y2 q diviene semplicemente il modulo della dierenza tra i corrispondenti numeri complessi:

|z1 z2|  px1 x2q2 py1 y2q2 ,

z1

 x1 i y1 ,

z2

 x2 i y2 .

La topologia in C permette quindi i concetti di punto di accumulazione, punto interno ed esterno ad un insieme, come pure i concetti di convergenza per una successione o per una serie. Osservazione. Risulta chiaro, dalla relazione fondamentale della trigonometria, che ei (con reale) rappresenta un numero complesso a modulo uno, o unitario:
i e
4

cos2 sin2  1 ,

(1.18)

Abraham de Moivre (Vitry-le-Fran cois, 26 maggio 1667 Londra, 27 ` noto novembre 1754) ` e stato un matematico francese, amico di Isaac Newton. E per la formula di de Moivre (che collega i numeri complessi con la trigonometria), i suoi lavori sulla distribuzione normale e la teoria della probabilit` a, nonch e scopr` (anche se in forma incompleta) lapprossimazione di Stirling. Questultima venne usata nel 1733 da de Moivre per derivare la variabile casuale normale come una approssimazione della variabile casuale binomiale. Successivamente de Moivre accredit` o a James Stirling i miglioramenti apportati alla formula.

1.1 Il piano complesso

ed in particolare si ha: 1  ei 0 , i  ei 2 ,

1  ei ,

i  ei

3 2

Notiamo inoltre che, dato un numero complesso z , la moltiplicazione per un fattore di fase ei , con reale, z ei , ruota il punto z di un angolo nel piano complesso attorno allorigine.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

i r

i re ...... . . . . . ...... ...... ....... . . . . . ...... ....... ...... . . . . . .. r .......

Figura 1.2: Il cerchio unitario.

1.1.1

Una curiosit` a: i quaternioni

Ci potremmo chiedere a questo punto il perch` e di tutte queste puntualizzazioni e denizioni; sembra alla ne che abbiamo fornito solo delle ricette di cucina utilizzando cose abbastanza ovvie. In realt` a una ragione per tutto questo ` e data dal fatto che si pu` o procedere ulteriormente nel considerare tipi ancora pi` u generali di campi di numeri, in cui alcune delle propriet` a algebriche elementari cessano di valere (lunit` a immaginaria, ad esempio, viola la positivit` a del quadrato di un numero). Diventa allora molto importante formalizzare la trattazione in maniera adeguata in modo che sia chiaro che cosa ` e vero e che cosa non lo ` e. Ad esempio, la successiva estensione del concetto di numero oltre ai

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

numeri complessi ` e data dai quaternioni, introdotti da Hamilton5 nel 1843 ed applicati con successo alla meccanica nello spazio tridimensionale. La costruzione dei quaternioni ` e basata sullassunzione di tre indipendenti unit` a immaginarie, indicate di solito con i, j e k , che violano la propriet` a commutativa della moltiplicazione (caratteristica dei numeri reali e complessi) e soddisfano le regole algebriche: i2 ij

 j i  k ,
q

 j 2  k2  1 , j k  k j  i ,

k i  i k

j

(1.19)

Un quaternione q ` e allora una quantit` a della forma:

 q0 q1 i q2 j q3 k ,

(1.20)

Il modulo |q | di un quaternione ` e un numero reale non negativo, denito come la radice quadrata di: 2 2 2 2 q1 q2 q3 , (1.22) | q | 2  q q  q q  q0

con q0 , q1 , q2 e q3 numeri reali. Questa costruzione ci permette di identicare i quaternioni con lo spazio R4 , e viene usata la notazione H per indicarne anche la struttura algebrica. La componente q0 viene identicata con la parte reale del quaternione (o parte scalare, con una terminologia sica), mentre la parte rimanente ` e detta parte immaginaria (o parte vettoriale dai sici). Hamilton le identicava rispettivamente come quaternione scalare e quaternione proprio. Possiamo introdurre una operazione di coniugazione, in cui i segni di i, j e k sono cambiati: q  q0 q1 i q2 j q3 k . (1.21)

e chiaramente si annulla solo se q  0. Ci possiamo ora chiedere quali delle propriet` a tipiche dei numeri complessi sono valide anche per i quaternioni. La risposta non ` e cos` ovvia ed occorre procedere con veriche opportune. Per rendere la cosa facile ` e necessario formalizzare bene la struttura matematica e la risposta sostanzialmente ` e data dalla sola perdita della commutativit` a moltiplicativa, I I cio` e in generale q q $ q q . Per` o viene mantenuta una propriet` a moltiplicativa importante:

|q qI|  |q| |qI| ,


Sir William Rowan Hamilton (Dublino, Irlanda, 4 agosto 1805 Dublino, Irlanda, 2 settembre 1865) fu un matematico accreditato della scoperta dei quaternioni, la prima algebra non commutativa. Egli invent` o anche nuovi metodi in meccanica e per questo la funzione che rappresenta lenergia e regola la dinamica viene chiamata Hamiltoniana in suo onore. Lo studio della dinamica di Hamilton fu signicativo per lo sviluppo delloperatore hamiltoniano in meccanica quantistica. Hamilton mostr` o il suo immenso talento in et` a precoce, come not` o John Breinkley, astronomo e vescovo di Cloyne, nel 1823, quando Hamilton aveva diciotto anni: Questo giovane, non dico sar` a, ma ` e, il matematico migliore della sua et` a.
5

(1.23)

1.1 Il piano complesso

vericabile in base alle denizioni precedenti. La non commutativit` a della moltiplicazione pone qualche problema nella denizione della divisione tra quaternioni. In eetti questo problema ` e stato proprio quello che ha portato Hamilton alla costruzione dei quaternioni. Egli aveva notato che lisomorsmo tra i numeri complessi e il piano permetteva di costruire una struttura aritmetica (le quattro operazioni: addizione, sottrazione, moltiplicazione e divisione) tra vettori bidimensionali e voleva generalizzare tali operazioni elementari per i vettori dello spazio tridimensionale. Ebbe lintuizione che tale possibilit` a esisteva per vettori a quattro dimensioni mentre passeggiava con la moglie e scrisse lequazione fondamentale dei quaternioni: i2

 j 2  k2  i j k  1

(1.24)

equivalente alle relazioni (1.19) su un lato del ponte Brougham (noto ora come Broom Bridge) a Dublino. La propriet` a (1.22) permette la costruzione in maniera univoca del reciproco di un quaternione: q 1 per cui: q 1 q

 |qq|2

(1.25)

 q q 1  1

e permette di denire una divisione tramite il prodotto con il reciproco. Occorre per` o distinguere tra una divisione sinistra, q 1 q I , ed una divisione destra, q I q 1 , in generale distinte tra loro per la non commutativit` a della moltiplicazione (non ha quindi senso la divisione ordinaria q I {q , in cui non risulta specicato se si tratta di una divisione destra o di una divisione sinistra). I quaternioni ammettono non solo una rappresentazione tramite lo spazio R4 , ma anche tramite matrici. In eetti moltiplicando le matrici:

0 1 1 0

c0

c  1 ,
0

1 0

0 1

(1.26)

per 1, otteniamo tre matrici c che soddisfano le relazioni fondamentali dei quaternioni. Abbiamo usato la notazione 1 per distinguere lunit` a immaginaria dei numeri complessi dal quaternione proprio i. In questa rappresentazione un quaternione ` e rappresentato dalla matrice complessa:
 c c 1 q3 1 q1 q2 q c c 1 q1 q2 q0 1 q3

q0

(1.27)

10

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

con lalgebra derivante dallusuale somma e moltiplicazione tra matrici (con la conseguente non validit` a della propriet` a commutativa). Le matrici (1.26) sono note come matrici di 6 Pauli . Ricordando che la moltiplicazione per un numero complesso a modulo unitario corrisponde ad una rotazione nel piano, per cui lunit` a immaginaria esprime una rotazione di 90o , i quaternioni i, j , k possono essere visti come rotazioni piane di 90o in uno spazio quadridimensionale. Si pu` o dare anche una rappresentazione dei quaternioni tramite matrici reali a quattro dimensioni: 1 0 q  q0 0 0

0 1 0 0

0 0 1 0

0 0 1 0  0 q 1 0 0 0 1 0 0 0 1 0 0 1 0 0 0 1 q2 q3 q0 q1 1 0 0 0 0 0  1 q 0 0 3 0 0 1
 

0 0  1 0 0 0 1 0 0 1 0 0 1 0  0 0


0 0 q2 1 0 q0 q1  q2 q3

(1.28)

q1 q0 q3 q2

q3 q2   q1 q0

Luso dei quaternioni suscit` o notevoli controversie. Alcuni dei sostenitori di Hamilton si opposero veementemente allo sviluppo di settori emergenti quali lalgebra lineare e il calcolo vettoriale (sviluppato principalmente dai sici), aermando che i quaternioni orivano una notazione migliore. A Dublino costituisce ancora una materia desame ed in alcune universit` a americane costituisce lunico argomento di matematica avanzata.
Wolfgang Ernst Pauli (Vienna, 25 aprile 1900 Zurigo, 15 dicembre 1958) ` e stato un sico austriaco. Fu fra i padri fondatori della meccanica quantistica. Suo ` e il principio di esclusione nel 1924 che gli valse il Premio Nobel nel 1945, secondo il quale due elettroni in un atomo non possono avere tutti i numeri quantici uguali. Nato da Wolfgang Joseph Pauli e Berta Camilla Sch utz, Pauli, sin dal nome era destinato alla strada della sica: il suo secondo nome, infatti, gli ` e stato dato dal padre in onore di Ernst Mach. Nel 1926, dopo la pubblicazione da parte di Heisenberg del formalismo matriciale della teoria quantistica, Pauli lo utilizz` o per derivare lo spettro dellatomo di idrogeno. Nel 1927 introdusse le matrici di Pauli come basi per le operazioni sugli spin; questo lavoro inuenz` o Dirac per formulare lomonima equazione sugli elettroni relativistici. Nel 1931 propose lesistenza di una particella senza carica e senza massa per spiegare lo spettro del decadimento beta: nel 1934 Fermi incorpor` o nella sua teoria sul decadimento tale particella che chiam` o neutrino. La prima evidenza sperimentale della sua esistenza avvenne nel 1959. Nel 1940 dimostra il teorema sulla statistica degli spin, che stabilisce che una particella a spin semi-intero ` e un fermione, mentre una a spin intero un bosone.
6

1.1 Il piano complesso

11

Dalla ne del XIX secolo lanalisi vettoriale ha rimpiazzato i quaternioni permettendo di esprimere gli stessi concetti in maniera pi` u semplice ed intuitiva. Oggi sappiamo che i quaternioni sono una struttura molto particolare, che non ore molte generalizzazioni in altre dimensioni (se si escludono gli ottanioni in dimensione otto) e, pur mantenendo un posto al caldo nel cuore dei matematici, non sono utilizzati in teorie generali. Attualmente i quaternioni vengono utilizzati principalmente nella rappresentazione di rotazioni e direzioni nello spazio tridimensionale. Hanno applicazione nella graca 3D computerizzata, nella teoria del controllo, nellelaborazione dei segnali, nel controllo dellassetto in sica e in astrodinamica. Ad esempio, ` e comune per i veicoli spaziali un sistema di controllo dellassetto comandato mediante quaternioni. La ragione ` e che la combinazione di molte trasformazioni descritte da quaternioni ` e pi` u rapida e stabile numericamente della combinazione di molte trasformazioni matriciali.

12

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

1.2

Funzioni di variabile complessa

Denire una funzione su un insieme D C equivale a dare una legge che ad ogni punto z D (linsieme D costituisce il dominio di denizione della funzione) associa un unico numero complesso w: f : D C , w  f pz q . (1.29) Secondo tale denizione una funzione risulta univoca, o ad un sol valore, detta anche monodroma (vedremo in seguito la nozione di funzione multivoca o a molti valori, detta anche polidroma). Se si separano in una funzione f e nel suo argomento z la parte reale ed immaginaria possiamo scrivere: f pz q  upx, y q i v px, y q , z

 x iy,

(1.30)

con u, v funzioni reali degli argomenti reali x e y . Risulta evidente che la teoria delle funzioni di variabile complessa rientra nella teoria pi` u generale delle trasformazioni da R2 a R2 (alla coppia px, y q associamo la coppia pu, v q). Noi saremo interessati in particolare ad una classe pi` u ristretta, quella delle funzioni analitiche, che soddisfano opportune richieste di regolarit` a o, pi` u specicatamente, di dierenziabilit` a. Spiegheremo tra breve cosa ci` o signichi ma possiamo gi` a dire che, sebbene le condizioni richieste impongano limitazioni, si ottiene una teoria elegante e estremamente potente in pratica. Risulta semplice introdurre i concetti di limite e continuit` a per funzioni complesse, deducendoli dai corrispondenti concetti per le trasformazioni da R2 a R2 . Def. 1.1 (Limite) Se f ` e denita in un intorno di un punto a C, escluso al pi` u il punto a, diremo che A C ` e il limite di f per z che tende ad a e scriviamo:
z

lim f pz q  A

(1.31)

se per ogni intorno UA del punto A esiste un intorno Va di a tale che per ogni z UA , z $ a, si ha f pz q UA . Equivalentemente, per ogni 0 esiste un 0 tale che: 0 |z a|

|f pzq A|

(1.32)

Notiamo che, in generale, il numero reale dipender` a da

e dal punto a:

Lasciamo al lettore lestensione del concetto di limite ai casi a questo caso si pu` o parlare di divergenza della funzione). Risulta facile vericare che f tende a A se e solo se convergono separatamente le parti reale ed immaginaria di f alle corrispondenti parti reale ed immaginaria di A. Grazie alla evidente somiglianza della denizione di limite con quella del caso reale, i teoremi elementari sui limiti si estendono automaticamente al caso complesso ed eviteremo di enunciarli e dimostrarli. Se si riesaminano tutti i risultati studiati per funzioni reali ci si rende conto che erano

 pa, q.  V o A  V (in

1.2 Funzioni di variabile complessa

13

Figura 1.3: Parte reale e parte immaginaria della funzione esponenziale complessa ez . basati sullutilizzo del valore assoluto e delle sue propriet` a, che pu` o essere sostituito esattamente dal modulo nel caso complesso. Def. 1.2 Sia f una funzione denita in un intorno di un punto a C. Diremo che f ` e continua in a se: lim f pz q  f paq . (1.33)
z

Per le stesse ragioni precedenti, i teoremi elementari sulle funzioni continue noti nel caso reale si estendono pari pari al caso complesso.

1.2.1

Lesponenziale

Generalmente le funzioni di variabile complessa elementari sono estensioni delle corrispondenti funzioni di variabile reale e denite in modo tale che valgano le stesse propriet` a note nel caso reale. Per denire tali funzioni spesso si usa lo sviluppo in serie di potenze noto nel caso reale, sostituendo formalmente la variabile reale con una variabile complessa. Occorre quindi provare che lo sviluppo formale ottenuto ` e convergente in un opportuno dominio (generalmente un disco nel piano complesso), e con le funzioni elementari spesso si ha convergenza in tutto il piano complesso. Un esempio ` e fornito dalla funzione esponenziale. Nel caso reale sappiamo che: e
x

V xn
n 0

 n!

x R,

14

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

e la sua estensione al caso complesso ` e denita da:


z

V zn
n 0

 n!

C.

(1.34)

Aermare la convergenza di tale serie signica che la successione delle ridotte: SN pz q 


N zn n 0

 n!

denisce una successione di punti nel piano complesso che risulta convegente ad un punto denito come ez . In eetti la successione SN soddisfa il criterio di convergenza di Cauchy:

|SN SM | 
(abbiamo assunto N

|z |n zn n! nM 1 n! nM 1
N

0 N,M V

M ) in quanto la serie (in R):


e|z|

V z
n 0

 n!

| |n ,

` e convergente per ogni |z |. Poich` e il criterio di Cauchy ` e necessario e suciente in R2 (e quindi in C), la serie esponenziale (1.34) ` e convergente per ogni z . Si pu` o scomporre lesponenziale nella sua parte reale ed immaginaria (z  x i y ): ez da cui:

 exi y  ex ei y  ex cos y i ex sin y ,


ez

|ez |  |ex cos y i ex sin y|  ex  e


Funzioni trigonometriche

1.2.2

Analogamente si deniscono il seno ed il coseno di un numero complesso:

sin z

V  V

k 0

p1qk p2z , k 1q!

2k 1

(1.35)

z 2k , cos z  p1qk p2 k q! k 0

1.2 Funzioni di variabile complessa

15

Figura 1.4: Parte reale e parte immaginaria della funzione trigonometrica complessa cos z .

Figura 1.5: Parte reale e parte immaginaria della funzione trigonometrica complessa sin z . che risultano serie convergenti. Dalla manipolazione algebrica di tali serie ` e facile dedurre una generalizzazione delle formule di Eulero: ei z

 cos z i sin z ,

(1.36)

cos z

iz ei z e , 2 ei z ei z sin z  ,

(1.37)

2i

ed ` e immediato vericare la relazione fondamentale della trigonometria: sin2 z cos2 z

 1,

(1.38)

16

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Figura 1.6: Parte reale e parte immaginaria della funzione iperbolica complessa cosh z . con tutte le conseguenze algebriche che essa comporta. Analogamente si possono estendere al caso complesso tutte le altre funzioni trigonometriche, tangente, cotangente, ecc. Mediante gli sviluppi in serie, in maniera non sempre agevole, ` e possibile dimostrare tutte le propriet` a algebriche fondamentali dellesponenziale e delle funzioni trigonometriche.

1.2.3

Funzioni iperboliche

Anche le funzioni iperboliche possono essere estese al piano complesso mediante una estensione del loro sviluppo in serie oppure, pi` u semplicemente, tramite le relazioni:
z e z e , 2 e z e z sinh z  ,

cosh z

(1.39)

da cui ` e facile vericare la relazione fondamentale: cosh2 z sinh2 z e le relazioni con le funzioni trigonometriche:
5

 1,

(1.40)

coshpi z q  cos z ,

sinhpi z q  i sin z ,

cospi z q  cosh z .

sinpi z q  i sinh z ,

(1.41)

1.2 Funzioni di variabile complessa

17

Figura 1.7: Parte reale e parte immaginaria della funzione iperbolica complessa sinh z . Ponendo z

 x i y, abbiamo anche, ad esempio: sin z  sin x cosh y i cos x sinh y , cos z  cos x cosh y i sin x sinh y , sinh z  sinh x cos y i cosh x sin y , cosh z  cosh x cos y i sinh x sin y .

Osservazione. Dalle espressioni sopra vediamo che le funzioni seno e coseno mantengono la caratteristica di periodicit` a lungo la direzione dellasse reale (pf pz q  f pz 2 nq, n intero), ma divergono esponenzialmente nella direzione dellasse immaginario (y V). Viceversa, le corrispondenti funzioni iperboliche sono caratterizzate da una periodicit` a lungo la direzione immaginaria (f pz q  f pz i 2 nq, n intero) e divergono esponenzialmente lungo la direzione reale (x V). Per le fuzioni inverse dellesponenziale o delle funzioni trigonometriche e iperboliche occorrono particolari cautele. Si tratta in realt` a di invertire delle trasformazioni non banali da R2 a R2 , ed in generale non ` e possibile farlo in maniera univoca.

1.2.4

Dierenziabilit` a ed olomorsmo

Poniamoci ora il problema della dierenziabilit` a di una funzione complessa di variabile complessa. Poich` e questa pu` o essere vista come una applicazione da R2 a R2 ricordiamo dapprima il concetto di dierenziabilit` a per funzioni di due variabili reali, a valori in un insieme arbitrario. Def. 1.3 Sia un aperto di R2 e sia f px, y q una funzione denita su . Si dice che f ` e dierenziabile in un punto px0 , y0 q se esiste una forma lineare

18

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

del tipo h k , con , nello stesso insieme dei valori assunti dalla funzione f , detta dierenziale, nelle variabili h e k , tale che: f px0 h, y0 k q f px0 , y0 q  h k ph, k q h2 k 2 , con: ph, k q 0.
h,k

(1.42)

Cio` e la dierenza tra lincremento f px0 h, y0 c kq f px0, y0q e lespressione lineare hk ` e un innitesimo di ordine superiore a h2 k 2 per ph, k q p0, 0q. Se f ` e dierenziabile nel punto px0 , y0 q sappiamo che e sono determinate in maniera unica e coincidono con le derivate parziali: f f fx px0, y0q 9 ff px , y q 9 7  fy 0 0
6 9 9 8

ma notiamo che, viceversa, lesistenza delle derivate parziali di f nel punto px0 , y0 q non ` e in generale suciente anch` e la funzione sia dierenziabile in tale punto, ma occorre qualcosa in pi` u, ad esempio che le derivate parziali esistano in tutto un intorno del punto e che siano continue nel punto px0 , y0 q. In eetti lesistenza pura e semplice delle derivate parziali fornisce indicazioni di dierenziabilit` a solo lungo le direzioni degli assi coordinati (k  0, oppure h  0), lungo una sola dimensione alla volta, mentre la condizione (1.42) ` e globale a due dimensioni. Veniamo ora al caso particolare delle funzioni complesse di una variabile complessa z  x i y (x, y reali). La richiesta di dierenziabilit` a (1.42) ` e perfettamente lecita ( e risultano quantit` a complesse), ma saremo interessati alle funzioni dierenziabili con una richiesta ulteriore sulla forma dellespressione lineare h k , cio` e che in essa h e k compaiano solo nella combinazione w  h i k . Def. 1.4 Una funzione complessa f denita su un aperto di C ` e detta olomorfa in un punto z0 se esiste C tale che: f pz0 wq f pz0 q  w pwq |w| , con: pw q 0.
w

(1.43)

Chiaramente, ponendo z0  x0 i y0 , w  h i k , la condizione di olomorsmo in un punto implica la dierenziabilit` a di f , intesa come funzione delle variabili reali x e y , ma

1.2 Funzioni di variabile complessa

19

con una condizione ulteriore sui coecienti e , ottenuta da un confronto tra le relazioni (1.42) e (1.43): 5  (1.44)  i cio` e e devono essere espressi tramite ununica quantit` a . Considerando lespressione (1.43) con w  h i k $ 0, abbiamo: f pz0 wq f pz0 q w

| pwq ,  |w w

il rapporto |w|{w ` e un numero complesso a modulo unitario, per cui risulta evidente che la richiesta di olomorsmo ` e equivalente a richiedere lesistenza del limite del rapporto incrementale nel punto z0 , cio` e la derivabilit` a di f in tale punto: f pz0 wq f pz0 q df w lim  f I pz0 q  pz0q . 0 w dz (1.45)

Notiamo che il limite (1.45) ` e in eetti un limite doppio, nel senso che sia la parte reale di w che quella immaginaria devono tendere a zero. La richiesta ` e quindi che tale limite esista e sia indipendente dal modo in cui w tende a zero. La denizione di olomorsmo si trasporta naturalmente da un punto a tutto un sottoinsieme del piano complesso. Diremo che f ` e olomorfa in un sottoinsieme D di C se ` e olomorfa in ogni punto z D.

1.2.5

Condizioni di olomorsmo

Vediamo ora di determinare delle condizioni pratiche che ci permettano di vericare lesistenza della derivata per un funzione f pz q in un punto z  x i y . La condizione (1.44) ci fornisce la risposta. Dobbiamo avere sostanzialmente la derivabilit` a di f rispetto a x e y e le derivate devono vericare: f f fx  9 ff  i 9 7  fy
6 9 9 8

cio` e:

ff i ff  0 . fx fy
f pz q  upx, y q i v px, y q , z

(1.46)

Separando la parte reale e la parte immaginaria di f :

 x iy,

(1.47)

20

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

con upx, y q e v px, y q funzioni reali delle variabili reali x, y , ed operando la medesima separazione nella (1.46), otteniamo le condizioni di olomorsmo di Cauchy-Riemann:
6 u 9 9 9 8 x

f  fv f fy 9 fu  fv 9 9 7 fy fx

(1.48)

Come sottoprodotto delle relazioni precedenti abbiamo anche (valida solo per funzioni olomorfe): ff . df  (1.49) dz fx Per capire meglio il signicato delle relazioni (1.48) di Cauchy7 Riemann8 forniamo qualche ulteriore manipolazione. Considerando le relazioni:
5

 x iy z  x iy

6 9 9 8x 9 9 7y

1 2 pz zq

1 pz zq 2i

(1.50)

possiamo considerarle formalmente come un semplice cambio algebrico di variabili nel piano R2 (non ` e un vero cambio di coordinate nel piano a causa dei fattori complessi i)
Augustin-Louis Cauchy (Parigi, 21 agosto 1789 Sceaux, 23 maggio 1857) ` e stato un matematico e ingegnere francese. Ha avviato il progetto della formulazione e dimostrazione rigorosa dei teoremi dellanalisi innitesimale basato sullutilizzo delle nozioni di limite e di continuit` a. Ha dato anche importanti contribuiti alla teoria delle funzioni di variabile complessa e alla teoria delle equazioni dierenziali. La sistematicit` a e il livello di questi suoi lavori lo collocano tra i padri dellanalisi matematica. Notiamo che, sebbene Cauchy abbia insegnato il rigore ai matematici, i suoi risultati si basavano spesso sullintuizione, senza essere rigorosi, incorrendo talvolta in contestazioni e controesempi da parte dei colleghi.
8 7

Georg Friedrich Bernhard Riemann (Breselenz, Germania, 17 Settembre 1826 Selasca, ora Verbania, Italia, 20 Luglio 1866) ` e stato un matematico tedesco. Egli forn` importanti contributi allanalisi e alla geometria dierenziale, alcuni dei quali spianarono la strada per lo sviluppo della relativit` a generale. Rimane non dimostrata lIpotesi di Riemann legata alla struttura dei numeri primi: tutti gli zeri complessi della funzione Zeta hanno parte reale 1/2. Lipotesi di Riemann costituisce lottavo problema di Hilbert, tra quelli elencati da Hilbert nel 1900 come oggetti di studio del XX secolo, ed ` e lunico rimasto irrisolto alla ne del secolo, per cui ` e stato inserito tra i Problemi per il Millennio.

1.2 Funzioni di variabile complessa

21

ed otteniamo formalmente la corrispondente trasformazione per le derivate:

f  1 ff i ff  f 2 fx fy  9 f f 1 f f f f 9 9 7 fz  2 fx i fy
6 f 9 9 9 8 z

(1.51)

Le condizioni di olomorsmo si possono esprimere formalmente in forma compatta come:

ff  0 . fz

(1.52)

Possiamo quindi capire subito se una funzione ` e un buon candidato per essere olomorfa: non deve dipendere esplicitamente da z , ma solo da z . In altri termini le variabili reali x e y devono comparire esplicitamente solo nella combinazione z  x i y . Risulta chiaro che le operazioni aritmetiche elementari non distruggono la propriet` a di olomorsmo. Se due funzioni f pz q e g pz q sono olomorfe (cio` e derivabili) in un punto z0 , anche la loro somma f pz q g pz q, la dierenza f pz q g pz q, e il loro prodotto f pz q g pz q, sono funzioni olomorfe in z0 . Se g pz0 q $ 0, anche il rapporto f pz q{g pz q ` e olomorfo in z0 (notiamo che se g pz0 q  0, il rapporto non ` e denito in z0 , cio` e z0 non appartiene al dominio del rapporto). La denizione data di funzione olomorfa viene spesso assunta come denizione di funzione analitica. In realt` a il concetto di analiticit` a` e diverso e riconducibile alla sviluppabilit` a in serie. Per la precisione diremo che una funzione f pz q a valori reali o complessi, di una variabile reale o complessa z , denita in un aperto , ` e analitica in se, per tutti i punti z0 , f pz q ` e sviluppabile in serie di potenze di pz z0 q, cio` e esiste un reale pz0 q 0 e una serie di potenze con raggio di convergenza pz0 q tale che: f pz q 

V
n 0

an pz z0 qn

per |z z0 | pz0 q .

(1.53)

In realt` a dimostreremo che tutte le funzioni olomorfe su un aperto sono anche analitiche (sviluppabili in serie). Viceversa, ogni funzione analitica in risulter` a anche olomorfa. Quindi, per le funzioni di una variabile complessa, si ha equivalenza tra i concetti di olomorsmo e analiticit` a. Il concetto di analiticit` a si pu` o porre anche per funzioni di variabile reale, mentre quello di olomorsmo ` e denito solo per funzioni di variabile complessa (a valori complessi). Nel caso di funzioni di pi` u variabili complesse la cosa si complica ed occorre fare molta attenzione, ma poich` e ci` o esula dai nostri scopi, non tratteremo qui il problema. Vediamo ora qualche semplice esempio di funzione olomorfa. Esempio 1.1 Polinomi. La pi` u semplice, sebbene banale, funzione olomorfa ` e la funzione costante: p0 pz q  cost. la cui derivata esiste ed ` e ovviamente nulla.

22

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Consideriamo ora la funzione Chiaramente si ha

p1 p z q  z .

p1 pz z q p1 pz q z z z  z z dp1 pz q  1. dz Consideriamo ora una potenza z n ; abbiamo z 1

 1,

n  pz zqn zn  nzn1 n pzqk1znk nzn1 , k 2

con manipolazioni algebriche perfettamente identiche a quelle che dimostrano la derivata della funzione reale di variabile reale xn . Daltra parte z n verica le condizioni di CauchyRiemann. Infatti, posto z  x iy : zn

fpznq i fpznq  npx iyqn1p1 i2q  0 . fx fy


Possiamo cos` dire che ogni polinomio in z , essendo combinazione lineare di monomi, esprime una funzione olomorfa in tutto il piano complesso.

fpznq  npx iyqn1 , fx fpznq  i npx iyqn1 , fy

 px iyqn ,

Esempio 1.2 Potenze negative. Consideriamo la funzione: f pz q  se z 1 z 1 z

$ 0,

 x iy allora:
f pz q 

ff i ff  1 p1 i2q  0 , fx fy px iyq2 per cui f risulta olomorfa per z $ 0, e: ff  1  1 , z $ 0 . df  dz fx px iyq2 z2

x iy  , x iy x2 y 2

1.2 Funzioni di variabile complessa

23

1.2.6

Curve e domini

Dopo il concetto di dierenziabilit` a, o meglio, quello di derivabilit` a per una funzione vogliamo vedere quello di integrabilit` a. Poich` e tratteremo principalmente lintegrazione lungo una curva nel piano complesso, vediamo prima il concetto di curva. Sostanzialmente una curva ` e denita (ed usata) tramite una parametrizzazione, ma dobbiamo fare una piccola precisazione in quanto, quando ci riferiamo ad una curva, siamo interessati principalmente allaspetto geometrico, mentre una parametrizzazione contiene informazioni ulteriori, non strettamente necessarie. Fisicamente una parametrizzazione descrive sia la traiettoria (la curva in senso stretto), sia il modo in cui tale traiettoria viene percorsa (lequazione oraria o cammino). Def. 1.5 Si chiama cammino una applicazione continua di un intervallo r, s dellasse reale in C. I punti a  pq e b  p q sono detti estremi. Il cammino ` e detto chiuso se pq  p q. Un cammino ` e denito da una particolare parametrizzazione continua tramite una variabile reale che varia su un intervallo (che assumiamo nito). La curva rappresenta il luogo dei punti descritto dalla equazione z  ptq e per ridurre la sua dipendenza dalla scelta della parametrizzazione occorre stabilire quando due cammini descrivono lo stesso luogo di punti. Diremo che due cammini: 1 : r1 , 1 s

sono equivalenti (e scriveremo se esiste una funzione continua, suriettiva e strettamente crescente: su : r1 , 1 s r2, 2s ,

C , 1  2 )

2 : r2 , 2 s

C ,

tale che 1 ptq  2 p ptqq per ogni t r1 , 1 s. In altri termini una parametrizzazione si ottiene dallaltra mediante un opportuno cambio di variabile. Si verica facilmente che tale relazione tra cammini ` e una relazione di equivalenza matematica e porta al concetto astratto di curva come classe di equivalenza. In pratica una curva ` e individuata solamente dal suo percorso geometrico (la traiettoria) e non dal modo in cui viene percorsa. Def. 1.6 Si chiama curva una classe di cammini equivalenti secondo la relazione di equivalenza precedente .

Una curva ` e quindi un insieme di punti ordinati con continuit` a dai valori crescenti di un parametro. Non ha importanza in che modo viene percorsa, ma ha comunque importanza il verso di percorrenza. Abbiamo infatti richiesto che il cambio di variabile sia espresso tramite una funzione crescente, che mantiene lordine dei punti lungo la curva, e risulta quindi implicito un orientamento della curva. La continuit` a richiesta nella parametrizzazione esprime il concetto che la curva pu` o essere tracciata senza staccare la penna dal foglio.

24

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Un cammino ` e detto semplice se la parametrizzazione ` e continua e biiettiva allinterno dellintervallo di variabilit` a del parametro ( t , con le convenzioni precedenti). In pratica la semplicit` a equivale a richiedere che la curva non si autointersechi, cio` e non presenti nodi o altri punti che si ottengono per due o pi` u valori distinti del parametro (a parte gli estremi nel caso di curve chiuse). Un cammino semplice e chiuso viene detto di Jordan (la biettivit` a` e persa solo sugli estremi). Un cammino ` e detto dierenziabile, oppure regolare, se la parametrizzazione ammette una derivata I ptq continua e non nulla in ogni punto. Vogliamo cio` e che in ogni punto della curva sia ben denita una direzione tangente alla curva. Fisicamente vogliamo escludere il caso in cui percorriamo la curva fermandoci in un suo punto (senza velocit` a non conosciamo la direzione del moto), oppure che vi sia pi` u di una direzione tangente. Un cammino ` e detto retticabiI le se ptq  xptq i y ptq ammette quasi ovunque una derivata ptq con valore assoluto integrabile, cio` e esiste: L

| Iptq| dt 

rxIptqs2 ryIptqs2 dt ,

(1.54)

che denisce la lunghezza del cammino. Risulta chiaro che se un cammino ` e dierenziabile a tratti ` e anche retticabile. La lunghezza non dipende dalla parametrizzazione scelta (lasciamo al lettore la dimostrazione) ed ` e quindi una propriet` a della curva, cio` e comune a tutti i cammini equivalenti tra loro. Le medesime condizioni e denizioni si estendono alle curve, denendo in maniera ovvia i concetti di curva di Jordan9 , regolare, retticabile, con una precisazione ulteriore per il concetto di regolarit` a. Per non violare la richiesta di dierenziabilit` a nel cambio di parametrizzazione dobbiamo richiedere che il cambio di variabile risulti una funzione dierenziabile con continuit` a e con derivata strettamente positiva. Saranno utili in seguito anche alcune caratterizzazioni che potremo dare per un sottoinsieme dei numeri complessi. In particolare considereremo regioni del piano complesso che sono aperte e connesse per archi, cio` e due punti qualunque a, b D possono essere collegati da un cammino di estremit` a a e b tutto contenuto in D. La connessione per archi risulta un caso particolare del concetto di insieme connesso, cio` e costituito essenziamente da una sola parte.

Marie Camille Ennemond Jordan (Lione, 5 gennaio 1838 Milano, 22 gennaio 1922) ` e stato uno fra i pi` u importanti matematici francesi. Jordan lavor` o in unampia variet` a di settori, contribuendo praticamente ad ogni argomento matematico studiato nel suo periodo: nella sua opera troviamo lavori sui gruppi niti, sullalgebra lineare e sullalgebra multilineare, sulla teoria dei numeri, sulla topologia dei poliedri, sulle equazioni dierenziali, sulla meccanica.

1.2 Funzioni di variabile complessa

25

0.5

0 0.2 -0.5 0.4 0.6 0.8 1

-1

Figura 1.8: Insieme connesso ma non connesso per archi.

Def. 1.7 Un insieme M ` e detto connesso se non pu` o essere ripartito in due parti non vuote N1 e N2 , cio` e non esistono due parti N1 , N2 , non vuote, tali che M  N1 N2 con N1 N2  r e N1 N2  r.

Osservazione. Notiamo che si richiede che nessuna delle due parti abbia punti di aderenza per laltra, ma non resta esclusa la possibilit` a che le chiusure si intersechino, cio` e N1 N2 $ r. Notiamo inoltre che un insieme connesso per archi ` e connesso, ma il reciproco ` e 2 generalmente falso. Un esempio ` e dato dal sottoinsieme di R (Fig. 1.8): M

 tp0, yq ; |y| 1u

1 x, sin x

; x0

connesso, ma non connesso per archi. Le due nozioni sono per` o equivalenti nel caso di insiemi aperti. Diremo inoltre che un sottoinsieme D C ` e semplicemente connesso se il suo bordo fD ` e un insieme connesso (in caso contrario lo diremo molteplicemente connesso). Si veda la gura 1.9 per un esempio di dominio semplicemente connesso ed un esempio di dominio molteplicemente connesso.

26

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. .

Figura 1.9: Regioni semplicemente e molteplicemente connesse.

1.2.7

Integrali di contorno

Veniamo ora alla integrazione vera e propria. Sia f pz q una funzione della variabile complessa z  x iy e consideriamo una curva nel piano complesso, che supponiamo regolare, nel senso che pu` o essere espressa mediante una equazione parametrica: z

 zptq  xptq iyptq

t1

t t2

(1.55)

dove t ` e un parametro reale e xptq, y ptq sono funzioni univoche, reali, continue e derivabili, con derivate prime continue (possiamo considerare pi` u in generale, curve regolari a tratti).

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

zn

z1

z2 z3

z0

Figura 1.10: Integrazione.

1.2 Funzioni di variabile complessa

27

Come mostrato in gura 1.10, dapprima suddividiamo larco a b (se a, b sono i punti terminali della curva) in n intervalli, introducendo n 1 punti sulla curva: z0

 a, z1, ... zn1, zn  b . 


n k 1

Quindi su ogni arco zk1 zk scegliamo un ulteriore punto k e consideriamo la somma In

e valutiamo il limite per n V con la condizione:

f pk qpzk zk1 q ,

|zk zk1| 0

per ogni k .

Questo limite, nel caso esista, e che sia indipendente dal modo in cui sono scelti i punti zk e k , ` e detto integrale di contorno di f pz q lungo la curva e indicato con: I
b

f pz qdz .

(1.56)

A volte si scrive anche a f pz qdz ma la notazione ` e imprecisa poich` e il valore dellintegrale dipende in generale dal percorso, cio` e dalla curva scelta per congiungere i punti a e b. Nel caso che la curva sia chiusa, i punti terminali coincidono (a  b), si scrive: I

f pz qdz .

(1.57)

Separando f pz q e z nelle loro parti reale ed immaginaria, lintegrale curvilineo pu` o essere espresso anche come (f  u i v , z  x i y ): I

 pudx vdyq i pvdx udyq ,


(1.58)

e questo a sua volta pu` o considerarsi come un integrale ordinario rispetto ad una variabile reale t con cui ` e parametrizzata la curva
6 9 9 8 dx 9 9 7 dy

 dx dt dt  dy dt dt
tb
ta

dz

 dz dt , dt


tb
ta

dx u dt

v dy dt

dt i

dx v dt

u dy dt

dt 

tb
ta

f pz ptqq

dz ptq dt . dt

Osservazione. In ultima analisi possiamo dire che lintegrale curvilineo ` e denito tramite integrazioni su un intervallo reale. Le formule date che deniscono lintegrazione lungo un

28

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

cammino sono ben poste, nel senso che non dipendono dalla parametrizzazione della curva. La denizione iniziale serve solo per mettere in evidenza il fatto che lintegrale dipende dalla curva, intesa come luogo di punti, e non dal modo in cui viene percorsa. Scegliendo un altro cammino equivalente per la medesima curva si ottiene lo stesso risultato in base al teorema del cambio di variabile nellintegrazione noto dai corsi di analisi. Si lascia al lettore interessato la verica come esercizio. Notiamo inoltre che una curva ` e un insieme ordinato di punti, cio` e implicito nella sua costruzione ` e inteso anche un orientamento. Questo ` e particolarmente importante nel caso di curve chiuse in cui non esplicitiamo un punto iniziale e un punto nale particolare. Le propriet` a fondamentali degli integrali di contorno sono analoghe a quelle degli integrali ordinari, cio` e:

af pz qdz

a

f pz qdz

con a costante , g pz qdz , f pz qdz ,

(1.59) (1.60) (1.61)

rf pzq gpzqs dz 

1 2

f pz qdz

f pz qdz

f pz qdz

con le due curve 1 e 2 senza parti in comune (escluso eventualmente gli estremi o, in ogni caso, intersezioni a misura nulla, cio` e punti singoli). Se invece una curva ` e percorsa in senso inverso (diremo che percorriamo la curva o ), avremo:

Notiamo che se z  ptq, con t , ` e una parametrizzazione della curva , una possibile parametrizzazione della curva ` e data da z  p p qq con 0 1. Possiamo considerare anche un cambio di variabile (complessa) tramite una trasformazione: z  z p q , (1.63) e scrivere:

f pz qdz

f pz qdz .

(1.62)

f pz q dz

f pz p qq

dove le curve e I sono una immagine dellaltra tramite la trasformazione (1.63):  z p I q. Ovviamente la trasformazione (1.63) deve essere un valido cambio di coordinate nel piano, cio` e invertibile con Jacobiano non nullo, in pratica la funzione z p q deve essere una funzione olomorfa con derivata non nulla (almeno lungo la curva I ). Supponiamo ora che in una regione R (aperta) del piano complesso che contiene la curva la funzione f pz q possa essere espressa come la derivata di unaltra funzione F pz q (che risulter` a quindi olomorfa in R). In tal caso F pz q ` e detta primitiva di f pz q: f pz q  dF pz q , dz (1.65)

dz p q d , d

(1.64)

1.2 Funzioni di variabile complessa

29

e, parametrizzando la curva , abbiamo: f pz ptqq dz ptq dt dz ptq d  dF p z ptqq  F pz ptqq , dz dt dt

Se la funzione f pz q ` e continua possiamo aermare:

f pz qdz

dF pz q dz dz

tb
ta

dF pz ptqq dt  F pbq F paq , dt

(1.66)

che esprime il cosiddetto teorema fondamentale del calcolo integrale (in questo caso lintegrale non dipende dal percorso, ma solo dai punti estremi a e b). In particolare, prendendo un percorso chiuso : dF pz q (1.67) f pz qdz  dz  0 dz

essendo gli estremi coincidenti a  b. Inoltre, se esistono tutte le derivate e queste sono continue: d dg pz q df pz q p f pz qg pz qq  f pz q dz gpzq , dz dz

df pz q g pz q dz dz

 pq pq

z b f z g z za

dg pz q f pz q dz . dz

(1.68)

Notiamo che abbiamo richiesto la continuit` a delle funzioni e delle loro derivate ma, come vedremo, nel caso di funzioni olomorfe la continuit` a delle derivate ` e conseguenza dellolomorsmo stesso e pu` o essere omessa come ipotesi. ` spesso molto utile poter avere delle maggiorazioni di certi integrali di contorno. E Consideriamo lintegrale: I

con curva regolare a tratti e |f pz q| limitata su . Allora lintegrale stesso risulta il limite, per n V, della somma: In
n k 1

f pz qdz ,

k 1 n k 1

pzk zk1qf pk q ,

|In|

|f pk q||zk zk1| sup |f pzq|

|zk zk1| sup |f pzq|L ,

con L lunghezza della curva . Otteniamo cos` , per n V:


f z dz

pq

sup |f pzq| L

(1.69)

30 detta disuguaglianza di Darboux10 .

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Jean Gaston Darboux (N mes, Francia, 14 agosto 1842 Parigi, 23 febbraio 1917) fu un matematico francese. Contribu` in modo signicativo alla geometria e allanalisi matematica, in particolare nel campo delle equazioni dierenziali. Fu il biografo di Henri Poincar e. Ricevette la laurea dalla Ecole Normale Sup erieure nel 1866. Nel 1884, fu eletto alla Acad emie des Sciences e nel 1900 fu nominato presidente permanente dellAccademia.

10

1.3 Teorema di Cauchy

31

1.3

Teorema di Cauchy

Abbiamo visto che quando dobbiamo integrare una funzione f pz q lungo un percorso in una regione in cui f pz q ammette una primitiva il valore dellintegrale dipende solo dai punti estremi. In generale una generica funzione di variabile complessa non possiede una primitiva univoca, e lintegrale di contorno dipende inevitabilmente dal cammino scelto che congiunge i due punti. Daltra parte le funzioni analitiche hanno una propriet` a fondamentale: allinterno di regioni opportune, queste possiedono una primitiva univoca (a meno di una costante additiva), ed il risultato della loro integrazione non dipende dal percorso. Tutto ci` o` e una conseguenza del teorema di Cauchy, che gioca un ruolo centrale nella teoria delle funzioni olomorfe. Si possono dare diverse versioni del teorema, ma tutte aermano in ogni caso lannularsi dellintegrale di una funzione olomorfa su un percorso chiuso, e si distinguono solo per la forma topologica della regione aperta del piano complesso che contiene la curva (con implicazioni sulle possibili forme della curva stessa). Per i nostri scopi possiamo dare la seguente formulazione: Teo. 1.1 (Teorema integrale di Cauchy) Sia f pz q olomorfa in una regione aperta semplicemente connessa D, allora se ` e una curva chiusa semplice, regolare a tratti, contenuta in D, si ha:

f pz qdz

 0.

(1.70)

Notiamo che laermazione ` e molto semplice e generale con ipotesi minime e, come spesso avviene in questi casi, la sua dimostrazione ` e molto laboriosa. In eetti questa procede dal particolare al generale, coinvolgendo la verica nei casi particolari di risultati che vedremo in seguito come conseguenza del teorema stesso, per cui la omettiamo, rimandando chi fosse interessato ai testi pi` u importanti sulle funzioni analitiche. Nella sua forma originale il teorema richiedeva una ipotesi supplementare, cio` e non solo che f pz q fosse derivabile, ma anche che tale derivata fosse continua (vedi esercizio 1.6). Successivamente Goursat11 si ` e accorto che la derivata di una funzione olomorfa ` e sempre continua ed ha mostrato che la continuit` a della derivata non ` e necessaria. In base a ci` o il teorema ` e noto anche come teorema di Cauchy-Goursat. Sostanzialmente Goursat ` e
Edouard JeanBaptiste Goursat (Lanzac, 21 maggio 1858 Parigi, 25 novembre 1936) ` e stato un matematico francese, ricordato principalmente per il suo Cours danalyse math ematique (1902-13). Questo corso stabil` uno standard per linsegnamento dellanalisi matematica, in particolare dellanalisi complessa. Goursat ` e anche ricordato per aver dato una dimostrazione del Teorema di Cauchy (D emonstration du th eor` em de Cauchy, 1884) che superava i problemi formali della dimostrazione standard no ad allora conosciuta.
11

32

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

'

'

'

'

Figura 1.11: Procedimento di Goursat. riuscito a dimostrare il risultato in un caso molto semplice, quando la curva ` e un semplice rettangolo, con una tecnica molto ingegnosa ed elegante, usando solo la condizione di olomorsmo. Ripercorriamo velocemente le sue idee. Se la curva ` e un rettangolo R nel piano complesso possiamo dividere ogni lato a met` a e costruire quattro nuovi rettangoli (con dei lati in comune) R1 , R2 , R3 , R4 , orientati concordemente con il rettangolo originario (vedi gura 1.11). Lintegrale originale pu` o essere composto come somma degli integrali sui quattro rettangoli (i tratti interni sono percorsi due volte in sensi opposti): J pRq 

f pz q dz

4 k 1

f pz q dz

4 k 1

Rk

J pRk q

|J pRq|

4 k 1

|J pRk q| 4 maxt|J pRk q|u  4|J pR1q|

assumendo il primo rettangolo R1 quello con contributo maggiore in valore assoluto. Notiamo che se L ` e il perimetro del rettangolo originale R, ognuno dei quattro sottorettangoli ha perimetro L{2. Possiamo procedere iterativamente nella suddivisione ripetendo il ragionamento per R1 e selezionare il sottorettangolo con contributo maggiore, e cos` via, generando una sequenza di rettangoli, ognuno contenuto nel precedente, R1 , R2 , . . . , Rn , con perimetro 2n L, e: |J pRq| 4n |J pRnq| La sequenza di rettangoli converge chiaramente ad un rettangolo degenere di ampiezza nulla, cio` e ad un punto z0 , interno al rettangolo originario R o sul bordo stesso f R (i centri dei vari rettangoli formano una successione convergente a z0 ) e se z Rn abbiamo:

|z z0| 2n L ,

Rn

(1.71)

Finora abbiamo solo supposto che i vari integrali esistano, per cui ` e suciente che la ` funzione f pz q sia continua. E a questo punto che entra in gioco lipotesi di olomorsmo (e niente altro) nel punto z0 . Tramite una verica diretta abbiamo che, per ogni rettangolo:

dz
Rn

 0,

z dz
Rn

0

1.3 Teorema di Cauchy

33

per cui: J pRn q 

Rn

f pz q dz


Rn

df f pz q f pz0 q pz z0 q pz0 q dz

dz

Lolomorsmo di f pz q in z0 ci dice che lintegrando precedente ` e un innitesimo di ordine superiore a z z0 , per cui, per ogni 0:
f z

df q f pz0q pz z0q dz pz0q |z z0|

quando |z z0 | con un opportuno . Scegliendo n abbastanza grande in modo che 2n L possiamo applicare la disuguaglianza di Darboux:

|J pRnq|
cio` e, essendo arbitrario:

z Rn

sup f z

df q f pz0q pz z0q dz pz0q LRn

z Rn

sup |z z0 | 2n L

2n L

|J pRq|
J pRq 

L2

(1.72)

f pz q dz

0

(1.73)

Sfruttando questo risultato ` e stato poi possibile formulare il teorema di Cauchy per qualsiasi curva chiusa contenuta in una regione circolare (o ellittica) per giungere poi al caso generale da noi considerato utilizzando le conseguenze del teorema stesso in tali regioni. Attualmente si preferisce seguire un ragionamento analogo utilizzando triangoli al posto dei rettangoli, permettendo immediatamente la formulazione del teorema di Cauchy per regioni convesse (un insieme ` e convesso se contiene tutto il segmento congiungente due punti qualsiasi dellinsieme). Una conseguenza immediata del teorema integrale di Cauchy ` e che lintegrale di contorno tra due punti in un dominio di olomorsmo semplicemente connesso non dipende dal percorso scelto che collega i due punti. Siano infatti C1 e C2 due curve arbitrarie che collegano due estremi ssi a e b (vedi gura 1.12). Allora lunione dei due cammini, di cui uno percorso in senso inverso, forma una curva chiusa e: 0
C1

tC2 u

f pz qdz
b

C1

f pz qdz

C2

f pz qdz

In questo caso ha senso parlare di a f pz qdz in quanto lintegrale non dipende dal percorso. La formulazione data del teorema richiede lolomorsmo in una regione semplicemente connessa. Questa condizione pu` o essere indebolita prendendo in considerazione anche

34

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

rb

...

.. ..

r a

C2

Figura 1.12: Indipendenza dal cammino. regioni multiplamente connesse che si rendono semplicemente connesse mediante la formazione di barriere, linee di taglio. In tal caso occorre per` o fare attenzione alla orientazione della curva su cui si integra, o meglio, alla orientazione relativa delle varie curve che compongono la curva totale. Le varie curve devono avere un orientamento relativo tra loro tale che, da una loro medesima parte (in genere si intende a sinistra per curve orientate positivamente) racchiudano una regione connessa in cui la funzione ` e olomorfa. Osservazione. Una curva chiusa semplice divide il piano in due regioni separate, una delle quali si pu` o pensare interna, o a sinistra, mentre laltra esterna o a destra, rispetto allorientamento prescelto sulla curva (teorema di Jordan). Si pu` o cos` generalizzare il teorema di Cauchy dicendo che se f pz q ` e olomorfa in una regione D (che possiamo supporre connessa) e ` e una curva chiusa in D, orientata in modo tale che il suo interno sia tutto contenuto nella regione di olomorsmo della funzione, allora:

f pz qdz

 0.

Lidea sostanziale di tale estensione ` e data dal fatto che mediante opportuni tagli la regione considerata pu` o essere resa semplicemente connessa e la curva resa equivalente ad una curva chiusa semplice, regolare a tratti, compresa in tale regione semplicemente connessa. Cerchiamo di chiarire (senza entrare nella dimostrazione generale) con una gura di esempio. Sia D un dominio aperto come in gura 1.13 (a) in cui una funzione f pz q risulta olomorfa e  1 2 . Lorientamento ` e tale che le curve 1 , 2 hanno in comune alla loro sinistra una regione tutta contenuta in D. Modichiamo le curve 1 e 2 aprendole e aggiungendo dei tratti orientati che congiungono le due curve formando ununica curva chiusa (vedi gura 1.13 (b)). Sostanzialmente abbiamo scelto due punti vicini A, AI su 1 , ottenendo larco C1 , due punti vicini B e B I su 2 , con il conseguente arco C2 , e aggiunto i segmenti AB e B I AI . Senza variare gli orientamenti precedenti abbiamo ottenuto ununica curva chiusa, regolare a tratti, che racchiude una regione

1.3 Teorema di Cauchy

35

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

'

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

'

C1

E2

B I E AI ' B A

(a)

(b)

Figura 1.13: Modica del percorso di integrazione. semplicemente connessa in cui f pz q ` e analitica: 0

f pz qdz

C1

AB

C2

B I AI

f pz qdz .

Facendo ora tendere A e B verso AI e B I rispettivamente, gli integrali lungo i segmenti si annullano tra loro e gli integrali sugli archi tendono agli integrali sulle curve chiuse 1 , 2 : 

f z dz

pq 

f pz qdz

 0.

1.3.1

Rappresentazione integrale di Cauchy

Dal teorema di Cauchy ` e possibile derivare una formula integrale che ` e molto importante per lo sviluppo della teoria, nonch` e per una ampia variet` a di applicazioni in problemi sici. Teo. 1.2 (Rappresentazione integrale di Cauchy) Sia f pz q una funzione olomorfa in una regione aperta semplicemente connessa D, e sia una curva semplice chiusa, regolare a tratti, contenuta in D, allora, se z non appartiene a , si ha: 1 2i

f pz I q I dz zI z

f pz q se z ` e interno a 0 se z ` e esterno a

(1.74)

dove lintegrazione lungo si deve prendere in senso antiorario (positivo).

36

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

z t

Figura 1.14: Rappresentazione di Cauchy. Dim. 1.2 Se z ` e esterno alla curva il risultato ` e immediato in quanto la funzione I integranda (come funzione di z ): f pz I q g pz I q  I z z risulta olomorfa in tutto linterno della curva , sia sulla curva, sia in un intorno opportuno della curva, quindi in una regione semplicemente connessa che contiene e, per il teorema integrale di Cauchy: g pz I qdz I

 0,

in accordo con la (1.74). Se invece z ` e interno alla curva consideriamo il rapporto: f pz I q f pz q zI z Poich ef` e olomorfa, essa ` e anche continua (conseguenza della derivabilit` a) quindi, ssato , abbiamo: |f pzIq f pzq| quando |zI z| p q ,

con p q opportuno. Sia allora un cerchio contenuto in D, di centro z e raggio r p q (possiamo assumere il raggio r abbastanza piccolo in modo che il cerchio sia interno a ). Parametrizziamo il cerchio in direzione antioraria: z I pq  z rei allora, per z I 0

2 ,

f zI zI

p q f pzq  |f pzIq f pzq| , z r r

1.3 Teorema di Cauchy

37

per cui, utilizzando la disuguaglianza di Darboux:


f zI zI

p q p q

f z I dz z

r 2r  2  0,

lim

f pz I q f pz q I dz zI z

(si noti che dipende da

tramite r

p q). Possiamo allora dire che:


1 irei d i re

f pz q I dz zI z f pz I q I dz zI z

 f pzq  lim 0

2
0

 2if pzq

lim

f pz I q f pz q I dz lim 0 zI z

f pz q I dz zI z

 2if pzq .

Daltra parte, compiendo ragionamenti analoghi a quelli del paragrafo precedente, lintegrale sulla circonferenza ` e uguale allintegrale sulla curva :

f pz I q I dz zI z

f pz I q I dz zI z

in quanto la funzione integranda risulta olomorfa in ogni punto z I di D diverso da z . In questo modo il parametro sparisce e abbiamo:

f pz I q I dz zI z

 2if pzq ,

(1.75)

che conclude la prova del teorema.

Notiamo come qualsiasi percorso possa essere modicato a piacere (senza per` o variare le sue caratteristiche topologiche) con continuit` a, con lunica condizione che le sue variazioni avvengano rimanendo sempre allinterno della regione di olomorsmo della funzione integranda. Osservazione. Il teorema non dice nulla quando il punto z appariene alla curva . In eetti se z lintegrando presenta in generale una singolarit` a (a meno che f pz I q non si I annulli per z z ) e lintegrale in generale non esiste. Sarebbe come integrare 1{x su un intervallo contenente lorigine x  0. Osservazione. Poich e la maggior parte dei risultati sono basati sulla formula integrale di Cauchy, per evitare ambiguit` a, dora in poi adottiamo la convenzione che ogni integrazione

38

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

lungo un percorso chiuso avvenga in senso antiorario, a meno di specicare il contrario. Pi` u in generale sceglieremo sempre il verso sulla curva chiusa in modo tale che la regione interna si trovi alla sinistra della curva. Ogni integrazione in senso opposto comporta un cambiamento di segno. La (1.75) ` e nota anche sotto il nome di formula integrale di Cauchy, ed esprime un risultato veramente potente, ricco di conseguenze. Una prima conseguenza della formula integrale ` e che la derivata di una funzione olomorfa in un aperto ` e a sua volta derivabile, cio` e olomorfa. Infatti possiamo scrivere: f pz q  1 2i

f pz I q I dz , zI z

(1.76)

dove ` e una curva regolare chiusa che racchiude il punto z al suo interno, e nessuna altra singolarit` a di f pz I q. Vediamo ora come sia possibile derivare la (1.76) quante volte si voglia sotto il segno di integrale, sfruttando la continuit` a di f pz I q: f pz z q f pz q z

1 2i

f pz I q z I z z

f pz I q zI z

dz I z

f pz qdz  21 i pz I z q2

Inoltre:
4 f zI z z I z

1 2i

f pz I q z I z z

f pz I q zI z

f pz I q z pzI zq2

dz I , z

p p p

B q f pz I q f pz I q I dz zq zpzI zq pzI zq2

zI

f pz I q I dz 0, z 0 zq2pzI z zq |z|

in quanto z non appartiene a e lintegrando ` e limitato. Ci` o prova che anche per la derivata di f pz q vale una rappresentazione integrale: df 1 p zq  dz 2i

f pz I q dz I , I 2 pz zq

(1.77)

1.3 Teorema di Cauchy

39

e si pu` o proseguire nella derivazione sotto il segno di integrale, per cui derivabile, olomorfa e in generale: dn f n! p z q  dz n 2i

df dz

` e a sua volta

f pz I q dz I I n 1 pz z q

(z interno a )

(1.78)

Questo risultato ` e molto importante e non ha una sua controparte nelle funzioni di variabile reale. Nel caso di variabili reali la derivabilit` a non implica aatto che le derivate siano a loro volta continue e derivabili ulteriormente. Per le funzioni di variabile complessa ` e suciente avere la derivabilit` a una volta per avere la continuit` a e derivabilit` a ad ogni ordine con conseguenze di regolarit` a altissime. Le funzioni olomorfe sono quindi molto dolci e nel loro dominio di olomorsmo non presentano irregolarit` a di alcun genere. (salti, cuspidi, ecc.)

1.3.2

Rappresentazioni integrali

La rappresentazione integrale di Cauchy ` e un esempio del concetto pi` u generale di rappresentazione integrale. Si dice in generale che si ha una rappresentazione integrale per una funzione f pz q se si pu` o scrivere: f pz q 

K pz, z I q g pz I q dz I ,

(1.79)

con curva semplice, che assumiamo di lunghezza nita. Nellintegrando (1.79) la variabile z gioca il ruolo di un parametro ed in generale la rappresentazione sar` a valida solo quando z D, con D opportuno dominio del piano complesso. La funzione K pz, z I q prende il nome di kernel o nucleo integrale della rappresentazione. Quando il kernel assume la forma: 1 , K pz, z I q  I z z

si parla di rappresentazione spettrale della funzione f pz q: f pz q  g pz I q I dz , zI z (1.80)

e la funzione g pz I q viene detta funzione spettrale. Abbiamo a proposito il seguente teorema: Teo. 1.3 Qualsiasi funzione f pz q per la quale si possa dare una rappresentazione spettrale del tipo (1.80), dove ` e una curva regolare (aperta o chiusa) di lunghezza I nita, e g pz q ` e una funzione continua su , ` e una funzione olomorfa per ogni z .

40

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Osservazione. Se ` e una curva chiusa e g pz I q olomorfa, ritroviamo sostanzialmente la rappresentazione integrale di Cauchy, che viene a denire due diverse funzioni, una per z interna alla curva , ed una per z esterna alla curva . Dim. 1.3 La dimostrazione ripercorre sostanzialmente quanto gi` a visto a proposito della rappresentazione integrale di Cauchy per la derivata di una funzione olomorfa, mostrando che si pu` o derivare la (1.80) rispetto a z sotto il segno di integrale. Consideriamo la quantit` a: f pz z q f pz q g pz I q I ,  dz I 2 z p z z q

con z e z z non appartenenti a . Operando le medesime manipolazioni algebriche la (1.80) comporta che: 
z

g pz I q I dz pzI zq2 pzI z zq ,

e per ipotesi la funzione integranda risulta continua e quindi limitata su (a sua volta di lunghezza nita). Pertanto lintegrale risulta limitato e il fattore esplicito z comporta che: 0 , e f pz q risulta derivabile, cio` e olomorfa, quando z d f pz q dz
z

:
z

g pz I q I pzI zq2 dz ,

(1.81)


Iterando il procedimento possiamo derivare ulteriormente sotto il segno di integrale ottenendo in generale: dn f dz n

 n!

g pz I q I pzI zqn1 dz ,

(1.82)

Osservazione. Rimarchiamo ulteriormente che non richiediamo in generale che la funzione g pz I q sia olomorfa, ma semplicemente che essa sia continua sulla curva . Tornando ora alla rappresentazione integrale generale (1.79), possiamo dimostrare che ` e lecito derivare sotto il segno di integrale. Teo. 1.4 Se per una funzione f pz q vale una rappresentazione integrale: f pz q 

k pz, z I q g pz I q dz I ,

(1.83)

con curva regolare di lunghezza nita e z appartenente ad un dominio D, che assumiamo aperto e semplicemente connesso, e valgono le seguenti ipotesi:

1.3 Teorema di Cauchy

41

a) per z a ;

D la funzione kpz, zIq ` e una funzione olomorfa di z per ogni z I appartenente

b) per ogni z

D la funzione kpz, zIq gpzIq ` e una funzione continua di z I , quando z I ; allora la funzione f pz q ` e olomorfa in D e: fkpz, zIq gpzIq dzI , z D . df pz q  (1.84) dz fz

Dim. 1.4 Lipotesi a) permette di scrivere una formula integrale di Cauchy per k pz, z I q: 1 k pz, z I q 

2 i

k pt, z I q pt zq dt ,

con C curva chiusa contenuta in D e che racchiude il punto z al suo interno. Introducendo tale espressione nella (1.83) e scambiando lordine delle integrazioni (cosa lecita per la continuit` a della funzione integranda, come per gli integrali ordinari un integrale al contorno pu` o sempre essere ricondotto ad un integrale ordinario), si ha: f pz q  La funzione: 1 2 i

dt
C

k pt, z I q g pz I q dz I tz

k pt, z I q g pz I q dz I

` e chiaramente una funzione continua di t, e lipotesi b) del teorema ci permette di poter derivare sotto il segno di integrale nellintegrazione lungo C (abbiamo un caso particolare del teorema precedente con una rappresentazione spettrale): df dz

1 2 i

dt
C

k pt, z I q g pz I q dz I

pt zq2

Scambiando di nuovo lordine di integrazione e notando che (sempre in virt` u del teorema precedente): fkpz, zIq  1 dt kpt, zIq , fz 2 i pt zq2
C

otteniamo lequazione (1.84) che ci fornisce esplicitamente la derivabilit` a e quindi lolomorsmo di f pz q nel dominio D.

42

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

1.3.3

Teorema di Morera

Veniamo ora allimportante teorema di Morera12 che fornisce sostanzialmente linverso del teorema di Cauchy. Teo. 1.5 (Morera) Se lintegrale

f pz qdz

di una funzione continua in una regione aperta e connessa D si annulla per ogni curva chiusa, semplice e regolare a tratti, interna alla regione D, allora f pz q ` e olomorfa in D. Dim. 1.5 Lannullarsi:

f pz qdz

 0,

per ogni curva qualsiasi, implica che lintegrale di f pz q non dipende dal percorso, per cui, scelto un punto z0 D possiamo denire: F pz q 
z
z0

f pz I qdz I ,

con z variabile in D. Vediamo ora che F pz q ` e olomorfa con derivata f pz q, per cui essendo la derivata di una funzione olomorfa, avremo che f ` e olomorfa. Abbiamo: F pz z q F pz q z

 

1 z 1 z

z z z z
z z0

z
z0

f pz I qdz I
z z
z

1 f pz I qdz I 
z z
z

pf pzq f pzIq f pzqq dzI

1  f pzq z
12

pf pzIq f pzqqdzI .

Giacinto Morera (Novara, 18 luglio 1856 Torino, 8 febbraio 1909) ` e stato un matematico italiano. Si laure` o a Torino in ingegneria ed in matematiche pure. Docente di meccanica allUniversit` a di Torino, svilupp` o un teorema sulla teoria delle funzioni di variabile complessa, il Teorema di Morera.

1.3 Teorema di Cauchy

43

Scegliendo un tratto rettilineo tra z e z z , per la disuguaglianza di Darboux, abbiamo:


z z 1 f zI z
z

rp

q f pzqs dzI

z I z,z z

r s

max

|f pzIq f pzq| 0, z 0

per la continuit` a di f , per cui il limite del rapporto incrementale di F esiste e possiamo scrivere: dF pzq  f pzq dz per cui F pz q e f pz q sono olomorfe. Osservazione. Questo teorema non ` e esattamente linverso del teorema di Cauchy in quanto non abbiamo alcuna ipotesi sullaperto D che deve essere solamente un aperto connesso, mentre nel teorema di Cauchy richiediamo che la regione sia semplicemente connessa.

1.3.4

La serie di Taylor.

Le funzioni olomorfe hanno la prerogativa molto importante della sviluppabilit` a in serie 13 di Taylor . Supponiamo infatti che f pz q sia una funzione olomorfa allinterno di un disco D centrato in z  z0 , e raggio . Allora se z D, abbiamo: f pz q  1 2i

f pz I q I dz , zI z

dove ` e una circonferenza centrata in z0 , contenuta nel disco D, e che racchiuda anche z al suo interno. Allora possiamo scrivere: zI z 1 1 1  pzI z q  I pz z q z z
0 0

 zI z
1
13

V 

0 n 0

z z0 z I z0

n

1 pz z0q pzI z0q

Brook Taylor (Edmonton, Inghilterra, 18 agosto 1685 Londra, Inghilterra, 29 dicembre 1731) ` e stato un matematico inglese, il quale aggiunse alla matematica una nuova branca oggi conosciuta come calcolo delle dierenze nite, invent` o lintegrazione per parti e scopr` la famosa formula nota come espansione di Taylor.

44
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

z t0

zt

tz I

Figura 1.15: Serie di Taylor. dove lo sviluppo in serie geometrico ` e giusticato in quanto (vedi gura 1.15)
z zI

z0 1 . z0

Pertanto f pz q  1 2i

V f pz I q I n dz I z0 qn1 pz z0 q , p z n0

e poich e ogni serie di potenze ` e uniformemente convergente allinterno del suo raggio di convergenza, possiamo integrare termine a termine ottenendo uno sviluppo in serie di Taylor per f pz q: f pz q  an

V 

an pz z0 qn ,

1 2i

n 0

f pz I q dz I I n 1 pz z0q

1 dn f pz0q , n! dz n

(1.85)

ricordando la formula integrale di Cauchy per le derivate. Sorge ora spontanea una questione. Quale ` e il raggio di convergenza della serie? La risposta ` e fornita direttamente dalla formula (1.85) su cui si basa lespansione in serie di Taylor. Sostanzialmente tale formula cessa di valere quando il cerchio incontra una singolarit` a (cio` e un punto di non olomorsmo) per f pz q. Notiamo inoltre che nella espressione (1.85) per i coecienti possiamo rilassare la condizione che la curva sia una circonferenza centrata in z0 , e questa pu` o essere deformata in una qualsiasi curva chiusa a patto di non includere punti singolari della funzione ed avere sempre z0 al suo interno. Il risultato mostra come ogni funzione olomorfa sia quindi anche analitica (sviluppabile in serie di potenze), e viceversa, ` e una semplice conseguenza del teorema di Morera vedere come ogni funzione analitica sia anche olomorfa. Infatti se f ` e sviluppata in serie di

1.3 Teorema di Cauchy

45

potenze in un intorno dellorigine (non ` e restrittivo considerare lorigine), allora allinterno del disco di convergenza: f pz q 

V 

an z n

|z | ,
V
n 0

n 0

e la convergenza risulta uniforme, per cui integrando la serie su una curva chiusa e interna al disco di convergenza, possiamo integrare termine a termine:

f pz qdz

5 V

n 0

an z

dz

an

z n dz

 0,

in quanto z n ` e olomorfa per ogni n. f pz q verica quindi il teorema di Morera e allinterno del disco di convergenza risulta olomorfa. Ricordiamo che una funzione viene detta olomorfa in un punto z0 se in tale punto essa risulta derivabile, e in tal caso diremo anche che essa ` e analitica in tale punto. Linsieme dei punti del dominio in cui una funzione ` e olomorfa ` e detto dominio di analiticit` a della funzione. Se il dominio di analiticit` a coincide con tutto il piano complesso, la funzione viene detta intera (chiaramente essa risulta sviluppabile in serie di potenze in un intorno di ogni punto con raggio di convergenza innito). Un punto in cui la funzione risulta olomorfa si dice anche punto regolare della funzione. Se una funzione non ` e olomorfa in un punto, tale punto viene detto punto singolare della funzione. Pu` o capitare che una funzione sia regolare in tutto un intorno di un dato punto escluso il punto stesso. In questo caso il punto viene detto punto singolare isolato per la funzione.

1.3.5

La serie di Laurent.

Abbiamo visto che se una funzione ` e olomorfa in un punto z0 e in tutto un suo intorno circolare, allora ` e sviluppabile in serie di Taylor attorno a quel punto. Pu` o capitare spesso che una funzione f pz q sia olomorfa in tutta una regione anulare, cio` e a forma di corona circolare, attorno a un punto z0 (il centro della corona), senza per questo essere necessariamente olomorfa per z  z0 . In tal caso vale ancora uno sviluppo in serie di potenze di z z0 per f pz q, ma in generale con potenze sia positive che negative, cio` e: f pz q  anche con n 0.

V

an pz z0 qn ,

(1.86)

Osservazione. La serie (1.86) ` e da intendersi come somma di due serie distinte, la serie costituita da potenze positive e quella formata da potenze negative. La parte di potenze negative si pu` o scrivere:

n 0

an pz z0 q

V
n 1

a n

z z0

n

46

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

e sar` a convergente allesterno di un opportuno raggio di convergenza (anzi, in tal caso, uniformemente convergente). La serie (1.86) risulter` a convergente (uniformemente) allinterno di una corona circolare, centrata in z0 e di raggi r1 e r2 . Il risultato notevole ` e il seguente. Teo. 1.6 (Serie di Laurent) Se f pz q ` e olomorfa in una regione a corona circolare di centro z0 e compresa tra due raggi r1 , r2 , r1

|z z0| r2 ,

allora f pz q ` e sviluppabile in serie di Laurent attorno a z0 , cio` e esprimibile mediante la serie uniformemente convergente: f pz q 
n

V V

an pz z0 qn ,

(1.87)

in ogni punto z interno alla corona, con: an

1 2i

f pz I q dz I , I n 1 pz z0q

(1.88)

e` e una qualsiasi curva chiusa semplice interna alla corona circolare e che contiene z0 al suo interno. Notiamo che la relazione (1.88) per esprimere i coecienti della serie di Laurent14 ` e la stessa dello sviluppo in serie di Taylor. Nel caso del teorema di Taylor avevamo in pi` u lespressione del coeciente n-esimo, per n 0, anche tramite la derivata n-esima di f pz q nel punto z0 (ci` o non ` e pi` u vero per i coecienti della serie di Laurent). Dim. 1.6 Sia z interno alla corona circolare e sia C la curva in gura 1.16 composta dalle due circonferenze 1 e 2 , dal cerchio e dai tratti di segmenti orientati. C racchiude una regione di olomorsmo semplicemente connessa per f pz q per cui:

C
14

f pz I q I dz zI z

 0.

Pierre Alphonse Laurent (Parigi, 18 luglio 1813 Parigi, 2 settembre 1854) ` e stato un matematico francese meglio noto come lo scopritore della serie di Laurent, unespansione di una funzione in una serie di potenze innita, generalizzando lespansione in serie di Taylor. Il suo risultato venne sottoposto a giudizio per il Grand Prize dellAcad emie des Sciences nel 1843, ma la sua tesi venne consegnata dopo la data di scadenza cos` che non venne pubblicata e mai considerata per il premio. Il suo lavoro venne pubblicato solo dopo la sua morte.

1.3 Teorema di Cauchy

47
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

'

E
z q

qz

'

'

Figura 1.16: Serie di Laurent. Eliminando i segmenti,

f pz I q I dz zI z

f pz I q I dz zI z

f pz I q I dz zI z

0

f pz I q I dz zI z

f pz I q I dz zI z 1 2i

f pz I q I dz zI z

f pz q 

1 2i

f pz I q I dz zI z

f pz I q I 1 dz I z z 2i

f pz I q I dz zI z

Il primo integrale pu` o essere espresso in potenze positive di z z0 esattamente come nel caso della serie di Taylor, in quanto: zI z zI z 1 1  zI z 1 1 z z0 z I z0

 zI z0 pz z0q , V z z n V pz z qn 1 0 0  zI z  I I z z0 pz z0qn1 , 0 n0 n0


z zI

grazie al fatto che, con z I

2, abbiamo: z0 1 . z0

48

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Pertanto: 1 2i

f pz I q I dz zI z

n 0

an pz z0 qn

an

1 2i

f pz I q I pzI z0qn1 dz ,

in perfetta analogia con la serie di Taylor. Per lintegrale su 1 abbiamo invece:


I z z

z0 1 , z0

e possiamo allora sviluppare il denominatore: 1 1   zI z z zI z z0 pz I z0 q 1

 pz z q
1
0

pzI z0qn  1 pz z0qn . n 1 I n1 p z z q p z z q 0 0 n0 n0


(

1 z I z0 z z0

 z z
1

V 

0 n 0

z I z0 z z0

n

In questo modo si ottiene una serie uniformemente convergente per cui si pu` o integrare termine a termine e si ha: 1 2i

f pz I q I 1 ! f pz I q I ) pz z qn  a pz z qn dz  dz n 0 0 zI z 2i n0 pzI z0qn1 n0 1

an

1 2i

f pz I q I pzI z0qn1 dz .

Otteniamo cos` la serie di Laurent: f pz q 


n n

V V

an pz z0 qn ,

e poich e le curve di integrazione nella regione di olomorsmo possono essere variate a piacere, possiamo unicare 1 e 2 in una unica curva chiusa (che racchiuda z0 al suo interno): 1 f pz I q an  dz I . 2i pz I z0 qn1

1.3 Teorema di Cauchy

49


Osservazione. Dalla dimostrazione precedente risulta chiaro il signicato dei raggi r1 e r2 che delimitano la corona circolare. r1 delimita un disco nel piano complesso allesterno del quale la serie di potenze negative risulta convergente, e non ` e proibito che risulti r1  0 (la funzione ` e olomorfa in un intorno di z0 , escluso al pi` u z0 stesso). r2 individua un disco allinterno del quale la serie di potenze positive risulta convergente, e non ` e escluso il caso r2  V nel caso che la funzione sia olomorfa ovunque (escluso al pi` u z0 o un intorno di z0 ).

1.3.6

Zeri e punti singolari

Diamo una nomenclatura relativa a punti particolari di una funzione. Zeri Se una funzione f pz q si annulla in un punto z  z0 allora tale punto ` e detto zero di f pz q. Diremo che tale zero ` e di ordine n se f ` e olomorfa in z0 e: f pz0 q  ma: dn1 f df p z0 q  . . .  n1 pz0 q  0 , dz dz (1.89)

dn f pz0q $ 0 . (1.90) dz n In questo caso se f ` e olomorfa in un intorno di z0 (compreso z0 ) possiamo svilupparla in serie di Taylor con i primi n coecienti a0 , a1 , ... an1 nulli (essendo proporzionali alle derivate): f pz q  an pz z0 qn an1 pz z0 qn1

 pz z0qn

V 

ank pz z0 qk

 pz z0qngpzq ,

k 0

con g pz q regolare e non nulla per z  z0 , e per continuit` a non nulla in tutto un intorno di z0 . Questo comporta che esiste tutto un intorno di z0 in cui, a parte il punto z  z0 , la funzione f pz q ` e non nulla. Il punto z0 risulta quindi uno zero isolato. Se non possiamo individuare lordine dello zero, cio` e, pur essendo f pz q olomorfa in un intorno, tutte le derivate sono nulle, allora la sviluppabilit` a in serie di Taylor impone che f pz q sia identicamente nulla in tale intorno. Questo implica che gli zeri di una funzione analitica sono isolati, cio` e formano un insieme discreto (privo di punti di accumulazione), allinterno del dominio di olomorsmo della funzione stessa. Se un punto z0 ` e un punto di accumulazione di zeri per una funzione f pz q, allora esso sar` a necessariamente un punto non di olomorsmo della funzione, per

50

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

cui ` e un punto singolare. Lunica eccezione permessa ` e data dalla funzione identicamente nulla (chiaramente olomorfa) nel suo dominio di denizione. Una conseguenza importante di questo fatto ` e che se due funzioni olomorfe f1 pz q e f2 pz q coincidono su un insieme di punti il quale abbia anche un solo punto di accumulazione interno al campo di olomorsmo di entrambe, esse sono necessariamente identiche. Infatti linsieme degli zeri della dierenza f1 pz q f2 pz q presenta un punto di accumulazione regolare, e ci` o` e possibile solo se f1 pz q f2 pz q ` e identicamente nulla. Questa considerazione, apparentemente banale, ` e molto importante per poter estendere in maniera analitica una funzione su un dominio pi` u vasto quando questa, per motivi tecnici, ` e denita originariamente su una regione limitata (ad esempio, tramite uno sviluppo in serie allinterno di un disco di raggio nito). Punti singolari isolati Supponiamo ora che f pz q abbia una singolarit` a isolata in un punto z  z0 e sia analitica allinterno di un disco centrato in quel punto, escluso quindi z0 . Possiamo allora sviluppare in serie di Laurent la funzione attorno al punto z0 : f pz q 

V 

an pz z0 qn

n 0

a 1 z z0

a 2 pz ... z q2
0

` chiaro dallespansione che se f pz q ` E e singolare in z0 , almeno uno dei coecienti an ` e non nullo. Se il coeciente an ` e non nullo, mentre tutti i successivi (relativi alle potenze negative) sono nulli: apn1q

 apn2q   apnkq   0 ,

` e detta parte principale di f pz q in z  z0 . Se n  1, cio` e a1 $ 0 mentre tutti gli altri coecienti delle potenze negative sono nulli, allora z0 ` e detto polo semplice. Se f pz q ha un polo di ordine n possiamo scrivere: a1 a2 a n f pz q  ak pz z0 qk 2 z z0 pz z0 q pz z0qn k 0

allora il punto z0 ` e detto un polo di ordine n, e in tal caso la somma: a2 a n a 1 z z0 pz z0 q2 pz z0qn

 

1 n1 a a p z z q ak pz z0 qnk n 1 0 pz z0qn k 0

'

pzq ,  pz h z qn
0

V 1 k pz z0qn k0 ank pz z0q

1.3 Teorema di Cauchy

51

con hpz q regolare e non nulla in z0 (e per continuit` a in tutto un intorno). Risulta quindi facile vericare se una funzione ha un polo di ordine n, in quanto in tal caso la funzione reciproca 1{f pz q ha uno zero di ordine n nel medesimo punto. Una funzione che sia analitica in una regione (aperta) del piano complesso, escluso al pi` u un insieme di punti dove la funzione ha dei poli, ` e detta meromorfa in tale regione. Quando nella espansione di Laurent attorno ad un punto singolare isolato si presentano un numero innito di coecienti non nulli ak per le potenze negative, il punto z0 viene detto una singolarit` a essenziale isolata. La caratteristica pi` u importante di una singolarit` a essenziale ` e fornita dal seguente teorema di Weierstrass15 (che non dimostriamo). Teo. 1.7 (Weierstrass) Se una funzione f pz q ha una singolarit` a essenziale isolata in un punto z0 , allora per qualsiasi 0 e 0, e per ogni numero complesso a si ha:

|f pzq a|
per qualche punto z con |z z0 | .

(1.91)

Esprimendo tale risultato in maniera diversa possiamo dire che in un qualsiasi intorno di una singolarit` a essenziale isolata la funzione varia cos` rapidamente e ampiamente che assume qualsiasi valore (complesso). Punto allinnito Fino ad ora ci siamo limitati a considerare il comportamento di una funzione analitica in un generico punto z  z0 , supposto al nito. Tuttavia le considerazioni fatte sono immediatamente estensibili allo studio del comportamento di una funzione analitica f pz q nellintorno del punto allinnito. Infatti, operando la sostituzione: 1 (1.92) z , e denendo:  1 p q  f , (1.93)
Karl Theodor Wilhelm Weierstrass (Ostenfelde, Germania, 31 ottobre 1815 Berlino, Germania, 19 febbraio 1897) ` e stato un matematico tedesco spesso chiamato padre dellanalisi moderna. Si occup` o di denire rigorosamente i fondamenti dellanalisi, dando per primo lesempio di una funzione continua ovunque ma non derivabile. Il suo nome ` e legato al Teorema di Weierstrass, al Teorema di Bolzano-Weierstrass e al criterio di Weierstrass per la convergenza uniforme delle serie.
15

52

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

possiamo studiare il punto allinnito per f pz q esaminando il punto  0 per p q. Diremo cos` che z  V ` e uno zero di ordine n, un polo di ordine n, o una singolarit` a essenziale isolata, se  0 ` e uno zero di ordine n, un polo di ordine n, o una singolarit` a essenziale isolata, rispettivamente, per p q.

1.3.7

Comportamento locale di una funzione analitica

Consideriamo una funzione f pz q analitica in un aperto D contenente z0 e sia una circonferenza di raggio r contenuta in D con centro z0 . La circonferenza pu` o essere parametrizzata come: z pq  z0 rei 0 2 , e possiamo scrivere: f pz0 q  f pz0 q  1 2 1 2i
2
0

f pz q dz z z0

1 2i

2
0

f pz0 rei q i ire d , rei

f pz0 rei qd ,

(propriet` a della media)

(1.94)

La relazione sopra dice sostanzialmente che il valore di una funzione analitica in un punto regolare eguaglia il valore medio della funzione su una circonferenza centrata nel punto e interna al suo dominio di analiticit` a. Come conseguenza abbiamo che:

|f pz0q| max |f pzq| , z

(1.95)

per cui in qualsiasi punto interno al dominio non si pu` o avere un massimo locale per il modulo di f pz q a meno che f pz q non sia costante (principio del massimo modulo). Si pu` o mostrare anche che |f pz q| non pu` o avere un minimo in un punto regolare interno z0 al dominio di analiticit` a, a meno che non f pz0 q  0 o f costante. Infatti, se f pz0 q $ 0 sia 1 1 il reciproco risulta regolare in z0 e non pu` o avere un massimo locale. f pz q f pz q Un risultato analogo vale sia per la parte reale che la parte immaginaria di una funzione analitica, come si pu` o vedere considerando le funzioni ef pzq , ef pzq , eif pzq , eif pzq

che hanno lo stesso dominio di analiticit` a di f pz q, e abbiamo


f pz q e

 e

ef z

pq

if pz q e

 e

mf z

p q.

1.3 Teorema di Cauchy

53

Unaltra conseguenza della formula integrale di Cauchy ` e costituito dal seguente teo16 rema dovuto a Liouville : Teo. 1.8 (Liouville) Una funzione intera (olomorfa in tutto C) e limitata deve essere costante. Infatti, per la derivata abbiamo
df z dz

pq 

1 f zI 2i zI z

p q p q

I dz 2

| f pz I q| C, max
zI

dove ` e una circonferenza di raggio R, centrata in z , per cui, per R V: df dz

 0,

f pz q  cost. .

Joseph Liouville (Saint-Omer, 24 marzo 1809 Parigi, 8 settembre 1882) ` e stato un matematico francese. Liouville ha pubblicato in diversi ambiti della matematica, tra cui la teoria dei numeri, lanalisi complessa, la geometria dierenziale. Resta ancora celebre il teorema di Liouville, risultato oggi ampiamente studiato in analisi complessa.

16

54

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

1.4

Residui.

Sia f pz q una funzione analitica in una regione D (aperta) escluso un punto z0 interno a D, dove f pz q pu` o avere una singolarit` a isolata. Allora, se ` e una curva chiusa semplice, regolare a tratti, contenuta in D, che racchiude z0 , lintegrale ( ` e supposta orientata in senso antiorario, positivo): 1 f pz qdz , 2i

che si annulla se z0 ` e un punto regolare, non si annulla in generale. Tale quantit` a denisce il residuo di f pz q nel punto z0 :
Res f z zz

pq

1 2i

f pz qdz ,

(1.96)

(ovviamente lintegrale non dipende dalla scelta della curva che circonda il punto, purch e essa sia semplice, cio e compia un solo giro attorno al punto z0 , sia contenuta allinterno del dominio di analiticit` a della funzione e non racchiuda altre singolarit` a allinfuori di z  z0 ). Osservazione. La denizione di residuo viene generalmente data nel caso che il punto z0 sia un punto singolare isolato per la funzione f pz q, ma possiamo accettare la denizione anche per un punto regolare, per il quale il residuo ` e nullo in conseguenza del teorema di Cauchy. Il valore del residuo di una funzione in un punto singolare determina, in un certo senso, limportanza della singolarit` a. Vediamo un esempio sico che ci fornisce una interessante analogia. Consideriamo il moto di un uido in un piano e sia: V  Vpx, y q il campo di velocit` a del uido (lassunzione di moto in un piano sottointende che la velocit` a non abbia componente in direzione ortogonale al piano e non dipenda dalla coordinata ortogonale al piano). Allora ` e noto dalla dinamica dei uidi che in ogni regione priva di sorgenti o pozzi il moto ` e solenoidale, cio` e a divergenza nulla:

fVy  0 , x V  ffV x fy

inoltre, se in una regione non sono presenti vortici, il moto ` e irrotazionale, cio` e:

V  0.

In un moto piano il rotore del campo di velocit` a ha solo una componente (ortogonale al piano) per cui: fVx fVy  0 . fy fx

1.4 Residui.

55

Figura 1.17: Campi di velocit` a corrispondenti alla funzioni 1{z (sinistra, con residuo reale) e i{z (destra, con residuo immaginario puro). Se poniamo: upx, y q  Vx px, y q , v px, y q  Vy px, y q ,

` e immediato riconoscere che le funzioni u e v soddisfano le condizioni di Cauchy-Riemann e sono identicabili con la parte reale e la parte immaginaria di una funzione complessa f , della variabile complessa z  x i y , olomorfa nella regione in cui il moto del uido ` e solenoidale e irrotazionale. Per descrivere il moto la funzione f pz q e il campo di velocit` a V sono perfettamente equivalenti. Dove la funzione f pz q risulta regolare non possono esistere sorgenti, pozzi, o vortici. Un punto che sia sorgente o vortice corrisponde ad una singolarit` a della funzione f pz q (ad esempio un polo). Se un punto z  z0 ` e una singolarit` a isolata allora questa pu` o essere una sorgente o un vortice. Lintensit` a della sorgente o vortice ` e una informazione contenuta nel residuo della funzione in tale punto. Se ` e una curva chiusa che racchiude z0 (e nessuna altra singolarit` a), allora il residuo R di f pz q nel punto z0 ` e dato dalla relazione:

f pz q dz

 2iR.

Separando le parti reali ed immaginarie di tale relazione abbiamo:

pu dx v dyq  2 pu dy v dxq 

mR,

2 e R ,

56

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Figura 1.18: Campo di velocit` a corrispondente alla funzione non olomorfa f pz q (vortice forzato, rigido).

 i z.

e quindi, riesprimendo tali integrali al contorno tramite il corrispondente campo di velocit` a:

pVx dx Vy dyq  pVx dy Vy dxq 

V ds  2 m R , V n ds 

2 e R ,

con e n i versori rispettivamente tangente e normale (rivolto verso lesterno) alla curva . Tali relazioni mostrano che m R ` e proporzionale allintensit` a del vortice posto in z  z0 (con il segno che individua il verso di rotazione), mentre la parte reale del residuo ` e proporzionale alla intensit` a di emissione della sorgente o di assorbimento del pozzo (a seconda del segno di e R) situato in z  z0 . Nella gura 1.17 viene mostrato un esempio di moto uido piano corrispondente alle funzioni 1{z e i{z . Nel primo caso abbiamo una sorgente di uido nellorigine, mentre nel secondo caso abbiamo un esempio di vortice. Tale tipo di vortice viene detto libero, caratterizzato da una velocit` a tangenziale inversamente proporzionle alla distanza dal centro: 1 V  , r e rappresenta molto bene il vortice che si crea in un lavandino quando si toglie il tappo. La sua caratteristica ` e quella di avere una densit` a di momento angolare uniforme: r V

 const.

1.4 Residui.

57

In contrapposizione abbiamo un altro tipo di vortice, detto forzato (gura 1.18), o rigido, che si ottiene ad esempio imprimendo ad un secchio pieno di uido un moto rotatorio attorno allasse. Questo movimento, in condizioni di equilibrio, viene trasferito al uido con un usso rotatorio caratterizzato da una velocit` a tangenziale proporzionale alla distanza dal centro di rotazione (tipica del moto rotatorio di un corpo rigido): V

 r. 
i z risulta non analitica

In questo caso la corrispondente funzione complessa f pz q (ovunque).

1.4.1

Teorema dei residui

Supponiamo ora di volere integrare una funzione f pz q lungo una curva chiusa che racchiuda, invece di una sola singolarit` a isolata, un certo numero m (nito) di singolarit` a, sempre isolate, di f pz q. Possiamo procedere nello stesso modo usato per derivare lespansione di Laurent. Racchiudiamo ogni singolarit` a zj (j  1, ... m) allinterno di una circonferenza j che contenga solo zj (e nessuna altra singolarit` a) e colleghiamo ogni circonferenza con la curva mediante coppie di segmenti innitesimamente separati che facciamo tendere a coincidere. In pratica deformiamo la curva , trasformandola in una sequenza di circonferenze j , senza attraversare punti singolari di f pz q. Fissando il verso di integrazione su ogni circonferenza j concordemente con la curva arriviamo al risultato:
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 . . . . . . . . . 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

'

'

'

r z

r z

'

r z

Figura 1.19: Teorema dei residui.

m j 1

f pz qdz

f pz qdz .

58

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Dalla denizione di residuo abbiamo quindi

f pz qdz

 2i

m j 1

Res f pz qzzj

(1.97)

Tale relazione esprime limportante teorema dei residui. Malgrado lapparente banalit` a di tale teorema, la sua portata ` e in realt` a straordinaria, come si avr` a occasione ` sul calcolo dei residui che si basa la possibilit` di rilevare in seguito. E a di valutare un grande numero di integrali deniti che sarebbero assolutamente inattaccabili con i metodi elementari del calcolo integrale acquisiti nei corsi di analisi. ` importante che le singolarit` Osservazione. E a siano tutte isolate per poterle racchiudere ognuna, da sola, allinterno di una circonferenza. Questo non ` e possibile se abbiamo un punto di accumulazione di singolarit` a in quanto una qualsiasi circonferenza centrata in tale punto conterrebbe inevitabilmente innite singolarit` a.

1.4.2

Calcolo dei residui

Il problema di calcolare degli integrali di contorno per una funzione che abbia solo delle singolarit` a isolate si riduce quindi al calcolo dei residui di tale funzione. Vediamo quindi come eseguire il calcolo di tali residui, a seconda del tipo di singolarit` a (evitando di calcolare gli integrali che deniscono i residui stessi). Polo di ordine n Consideriamo dapprima il caso in cui z in un intorno di z0 , possiamo scrivere:

 z0 sia un polo di ordine n per f pzq. In tal caso,


g pz q pz z0qn , 1 2i

f pz q 
Res f z zz

(1.98)

con g pz q funzione regolare e non nulla in z0 ; allora:

pq

g pz q pz z0qn dz

con che racchiude solo il polo z0 . Ricordando la rappresentazione integrale di Cauchy per le derivate, abbiamo: Res f pz qzz0  Res f pz qzz0 
dn1 g pz qzz0 , n 1 pn 1q! dz

dn1 pn 1q! zz0 dzn1 1 lim

rpz z0qnf pzqs

(polo di ordine n).

(1.99)

Lequazione (1.99) fornisce un metodo per valutare i residui in singolarit` a di tipo polare, basato su semplici operazioni di derivazione e di limite.

1.4 Residui.

59

Polo semplice Nel caso, particolarmente importante, in cui il punto z f pz q  la (1.99) diviene semplicemente: Res f pz qzz0  lim pz z0 qf pz q .
z

 z0 sia un polo semplice, per cui:


(1.100)

g pz q , z z0

z0

(1.101)

Generalmente un polo semplice deriva dallannullarsi di un denominatore, cio e: f pz q  ppz q q pz q q pz0 q  0 , (1.102)

con ppz q regolare in z0 , mentre q pz q ha uno zero semplice in z0 ; allora la (1.100) porta a: Res f pz qzz0

pz z0qppzq  zlim z q pz q
0

 zlim z

pz z0q ppzq  ppz0q q pz q q pz0 q q I pz0 q

(1.103) (polo semplice)

che risulta una formula molto pratica. Metodo della serie di Laurent Se f pz q ha una singolarit` a isolata in z0 ` e olomorfa in una regione circolare (a corona circolare) attorno al punto z0 ed ` e sviluppabile in serie di Laurent (la corona circolare degenera in un disco privato del solo centro). Esaminando lespressione per i coecienti an osserviamo in particolare che: a 1

1 2i

f pz qdz ,

(1.104)

quindi il coeciente a1 dello sviluppo in serie di Laurent fornisce direttamente il residuo della funzione: a 1

 Res f pzqzz

(1.105)

La precedente relazione pu` o costituire una denizione alternativa per il residuo di una funzione f pz q in un punto singolare isolato.

60

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

1.4.3

Residuo allinnito

Abbiamo visto che anche allinnito pu` o essere studiato il comportamento di una funzione olomorfa ma il problema di un eventuale residuo allinnito merita una trattazione a parte. Assumiamo che, data una funzione f pz q, il punto allinnito, z  V, sia isolato rispetto alle singolarit` a al nito della funzione f pz q. In altre parole, il punto allinnito non ` e un punto di accumulazione di singolarit` a, ed ` e quindi possibile costruire una curva V , semplice, chiusa, che racchiude tutte le eventuali sigolarit` a al nito della funzione f pz q. Tale curva (che possiamo assumere una circonferenza centrata nellorigine con raggio sucientemente elevato) pu` o essere interpretata come una curva attorno al punto z  V e permette di denire un residuo anche per il punto allinnito. La curva va intesa per` o percorsa in senso orario (in modo da avere il punto allinnito alla sua sinistra, che risulta al suo interno). Avremo quindi, per denizione:
Res f z zV

pq

1 2 i

1 f pz q dz  2 i

f pz q dz ,

(1.106)

dove, mantenendo per V lordinario orientamento antiorario, abbiamo messo in evidenza con i segni, il verso di percorrenza della curva. Il modo pi` u semplice per valutare il precedente integrale (1.106) ` e quello di operare il cambio di variabile complessa: 1 z mediante cui il punto z  V viene a corrispondere col punto  0 e la curva V si trasforma in una curva 0 che racchiude lorigine  0, percorsa per` o in verso opposto (V si trasforma in realt` a in 0 ), per cui, considerando che: dz d

 12 .


abbiamo (con un triplo segno negativo):


Res f z zV

pq

1  2 i

f
0

d , 2

mantenendo sempre convenzionalmente il verso antiorario come orientamento anche per la curva 0 . Pertanto il calcolo ` e ricondotto alla valutazione di un residuo nellorigine della nuova variabile,  0:
Res f z zV

pq

 Res

4 

1 2

(1.107)

` opportuno a questo punto notare esplicitamente che esistono delle funOsservazione. E zioni che, pur essendo regolari allinnito, hanno tuttavia un residuo non nullo allinnito.

1.4 Residui.

61

Lesempio classico ` e fornito dalla semplice funzione: f pz q  1 , z

il cui unico punto singolare ` e il punto z  0, un polo del primo ordine, con residuo unitario, in base alla (1.105). Il punto allinnito ` e un punto regolare (posto z  1{ , il punto  0 ` e un punto regolare di f p1{ q  ), ma si ha dalla (1.107): 1 Res z zV

 1 .

In generale si pu` o dire che, se nellintorno del punto allinnito una funzione f pz q ammette uno sviluppo in serie di Laurent: f pz q 
k

V V

ak z k

1 a a z a z 2 a z 3  az33 az22 az 0 1 2 3

(assumiamo tale sviluppo valido in una corona circolare r |z | V, con r opportuno), allora:  a1 a0 a1 1 1 f  a 3 a 2 2 3 2 e quindi, dalla (1.107): Res f pz qzV  a1 .

Il residuo di una generica funzione f pz q nel punto z  V coincide quindi con lopposto del coeciente di 1{z nello sviluppo asintotico di f pz q nellintorno di z  V. Tenendo conto delleventuale residuo allinnito, possiamo aermare il seguente risultato. Teo. 1.9 Se una funzione olomorfa f pz q ha solo singolarit` a isolate (senza punti di accumulazione al nito e allinnito), la somma di tutti i residui, tenuto conto anche delleventuale residuo non nullo allinnito, ` e uguale a zero. Dim. 1.9 La funzione f pz q ` e olomorfa in tutto il piano complesso ad esclusione di un numero nito di singolarit` a isolate (deve risultare isolato anche il punto allinnito, sia che esso risulti singolare oppure regolare). Consideriamo allora una generica curva semplice chiusa , orientata in senso positivo, che non passi per nessuna singolarit` a di f pz q. Una parte delle singolarit` a di f pz q cadranno quindi allinterno della curva e una parte allesterno (compreso il punto allinnito). Per il teorema dei residui possiamo dire che: 1 f pz q dz  Res f pz q , (1.108) 2 i interni

62

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

ma possiamo pensare la curva come percorsa in senso negativo rispetto allesterno, e che circonda la parte esterna del piano, incluso il punto allinnito, per cui, tenedo conto del verso di percorrenza, includendo nel calcolo anche il punto allinnito: 1 2 i

f pz q dz

esterni

Res f pz q .

(1.109)

Allora la somma di tutti i residui (compreso il residuo allinnito), interni ed esterni alla curva si annulla: Res f pz q  0 . (1.110)
totale


1.4.4 Indicatore logaritmico
Lpz q  f I pz q , f pz q (1.111) Consideriamo ora la funzione:

con f pz q olomorfa in un aperto D (f I pz q indica la derivata di f pz q per cui Lpz q ` e la derivata logaritmica di f pz q). Osserviamo che, se in un punto z0 la funzione f pz q ha uno zero di ordine m, in un suo intorno sar` a esprimibile come: f pz q  pz z0 qm g pz q ,

 z0, e per la derivata abbiamo: f I pz q  m pz z0 qm1 g pz q pz z0 qm g I pz q . Pertanto la funzione Lpz q avr` a, nellintorno del punto z  z0 , un andamento del tipo: m g I pz q Lpz q  gpzq , z z0 cio` e presenta un polo semplice con residuo m (il secondo termine ` e regolare per z  z0 ). Se la funzione f pz q ha in un punto z  z0 un polo di ordine n, in un suo intorno abbiamo: hpz q f pz q  pz z0qn , con hpz q olomorfa e non nulla in z  z0 . Allora: hpz q hI pz q f I pz q  n pz z0qn1 pz z0qn , e, nellintorno di z  z0 : n hI pz q Lpz q  pz z q hpzq ,
0

con g pz q olomorfa, regolare e non nulla in z

1.4 Residui.

63

presenta un polo semplice con residuo n (il secondo temine ` e regolare per z  z0 ). Se ora consideriamo lintegrale di Lpz q lungo una curva chiusa nel dominio di olomorsmo D di f pz q, che racchiuda un numero nito di zeri e di poli di f pz q, si ottiene il cosidetto indicatore logaritmico della funzione f pz q rispetto alla curva : 1 2 i

f I pz q dz f pz q

 pm1 m2 mk q pn1 n2 nl q ,

(1.112)

dove supponiamo che allinterno della curva cadano k zeri di f pz q con molteplicit` a m1 , m2 , . . . mk , e l poli di ordine n1 , n2 , . . . nl . Se conveniamo di contare uno zero di ordine m come m zeri ed un polo di ordine n come n poli possiamo dare la seguente proposizione. Teo. 1.10 (indicatore logaritmico) Data una curva chiusa , che non passi per nessuno zero e nessuna singolarit` a di una funzione f pz q, e tale che al suo interno siano situati un certo numero di zeri ed un certo numero di poli, ma nessuna singolarit` a essenziale, allora lintegrale della derivata logaritmica di f pz q lungo la curva eguaglia la dierenza tra il numero degli zeri e quello dei poli interni alla curva, moltiplicata per 2 i (vedi equazione (1.112)). Osservazione. Il ragionamento fatto per un punto al nito pu` o essere ripetuto, con le dovute precauzioni, anche per il punto allinnito, z  V. Se il punto allinnito ` e uno zero di ordine m per f pz q, avremo asintoticamente: f pz q  g pz q , zm m z

Lpz q 

pzq , g g pz q
I

con g pz q regolare, non nulla e nita per z  V, per cui Lpz q, pur essendo regolare allinnito, ha residuo m (si veda la (1.107)), molteplicit` a dello zero. Analogamente se z  V ` e un polo di ordine n allora asintoticamente: f pz q  z n hpz q , Lpz q  con hpz q regolare, non nulla e nita per z residuo n allinnito. n z

pzq , h hpz q
I

 V, per cui Lpzq ` e regolare, ma presenta un

Una semplice conseguenza della proposizione sullindicatore logaritmico si ottiene osservando che se una funzione f pz q ` e razionale (quindi senza singolarit` a essenziali) anche la

64

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

funzione Lpz q ` e razionale e, includendo leventuale residuo non nullo allinnito, abbiamo:

totale

Res Lpz q  0 .

Pertanto, considerando lintero piano complesso, incluso il punto allinnito, una funzione razionale f pz q ha tanti zeri quanti poli:

zeri zs

ms

poli zp

np .

(1.113)

Se consideriamo in particolare un polinomio di grado n, che ha solamente un polo di ordine n in z  V, abbiamo che il numero degli zeri deve essere uguale a n (contando le eventuali molteplicit` a). Abbiamo riottenuto il teorema fondamentale dellalgebra (una equazione algebrica di grado n ha esattamente n radici, in generale complesse).

1.4.5

Calcolo di integrali deniti col metodo dei residui

Ci proponiamo ora di calcolare alcuni integrali deniti senza esplicitare una funzione primitiva della funzione integranda, ma deducendo il valore dellintegrale tramite una somma di residui relativi ai punti singolari di una funzione olomorfa scelta in maniera opportuna. Non esiste per` o un metodo generale che permetta di trattare il problema e ci limiteremo a considerare qualche classe di integrali, indicando, per ognuna di esse, quale procedimento permetta di ricondurre lintegrazione ad un calcolo di residui. Assumeremo anche in generale integrandi relativamente semplici in quanto siamo interessati a fornire una tecnica di calcolo. Ovviamente, caso per caso, occorre vericare le ipotesi dei teoremi che vengono usati per poter estendere le tecniche a casi meno semplici.

Funzioni di seno e coseno. Consideriamo un integrale della forma:

I1

2
0

Rpcos t, sin tqdt ,

(1.114)

con Rpx, y q funzione razionale (rapporto di due polinomi) priva di singolarit` a sul cerchio 2 2 x y  1 (per non avere singolarit` a lungo il percorso di integrazione). Poniamo: z

 eit ,

0 t 2 ,

1.4 Residui.

65

quando t varia tra 0 e 2 il punto z descrive una circonferenza unitaria nel piano complesso. Abbiamo: cos t  sin t  dz
1 it 1 e eit  2 2

1 it 1 e eit  2i 2i

1 z

1 z

 ieitdt  izdt

1 dz , iz Quindi I1 pu` o pensarsi come ottenuto dalla parametrizzazione di un integrale di contorno rpz q: sul cerchio |z |  1 di una opportuna funzione R I1

dt 

|z|1

1 R iz

1 2

1 z

1 , 2i

1 z



dz

|z|1

rpz qdz . R

(1.115)

rpz q, essendo R una funzione razionale, ` Lintegrando R e ancora una funzione razionale in z , pertanto olomorfa, escluso al pi` u un numero nito di poli, che possono essere interni od esterni alla circonferenza (ma non sulla circonferenza |z |  1, in quanto ci` o comporterebbe 2 2 una singolarit` a di Rpx, y q per x y  1, e lintegrale non esisterebbe, contrariamente alle ipotesi fatte). Pertanto, per il teorema dei residui:

I1

 2i

|zp |1

r Res R z

p q zz

,
p

(1.116)

dove la somma ` e estesa a tutti i poli zp contenuti allinterno della circonferenza di raggio unitario (si veda lesercizio 1.10 come esempio). Integrazione su tutto lasse reale Consideriamo integrali della forma: I2
V

Rpxqdx ,

(1.117)

con Rpxq funzione razionale di x senza singolarit` a per x reale. Anch` e tale integrale risulti convergente si deve avere: lim xRpxq  0 . (1.118) Lintegrale I2 si pu` o pensare come il limite per L V: I2

|x|V
L

 Llim V

Rpxqdx  lim I2 pLq .


L

(1.119)

66

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Consideriamo allora la complessicazione di Rpxq sostituendo largomento reale x con una variabile complessa z  x iy ; Rpz q risulta una funzione razionale (rapporto di due polinomi) e presenter` a un numero nito di singolarit` a di tipo polare in punti zk al di fuori dellasse reale. La condizione di convergenza nulla allinnito si estende ovviamente su tutto il piano complesso: lim z Rpz q  0 . (1.120)

|z|V

Sia L il cammino chiuso nel piano complesso come in gura 1.20, ottenuto aggiungendo al segmento lungo lasse reale (tra L e L) una semicirconferenza CL di raggio L nel semipiano superiore. Se L ` e sucientemente grande la curva racchiude tutti i poli (sono

T
..' ......................... ..................................... ........... ......... . . . . . . . ...... ..... ..... ..... . ..... . . . . . .... . . . .... . . . . ... . . . ... . . ... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .......................................................................................................................E . . ....................................... .

Figura 1.20: Integrale I2 . in numero nito) del semipiano superiore

mz

0. Pertanto:
Res Rpz qzz .
k

Rpz qdz

 2 i

m zk 0

Daltra parte:

Rpz qdz

 I2pLq

CL

Rpz qdz

Come vedremo fra poco la condizione z Rpz q 0 ci garantisce che:

|z|V

lim

CL

Rpz qdz

 0,
Res Rpz qzz .
k

(1.121)

per cui otteniamo: I2

 Llim V

Rpz qdz

 2i

m zk 0

(1.122)

Si veda lesercizio 1.11 come esempio. Vediamo ora come garantire il risultato (1.121).

1.4 Residui.

67

Lem. 1.11 Sia f pz q una funzione denita in un settore circolare: z

 |z| ei , 
2

2 ,
@

e sia Cr larco di circonferenza di raggio r in tale settore (gura 1.21):

Allora, allangolo:

 r ei , 1 2 . se z f pz q tende a zero in tale settore per |z | V,


Cr z
r

uniformemente rispetto (1.123)

lim sup |z f pz q|  0 ,

lintegrale di f pz q sullarco di circonferenza Cr di raggio r si annulla per r

V zCr

V:
(1.124)

Cr

f pz qdz

0. rV

T
. . . . . r .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . 1 . . . . .

........ ...... C ..... ..... .... .... .... ... .

Figura 1.21: Lemma del grande cerchio. Dim. 1.11 Posto:

M prq  sup |f pz q|
z Cr

lestremo superiore di |f pz q| su Cr , abbiamo, per il teorema di Darboux:


f z dz

Cr

pq

r M prq p2 1q ,

ma per la (1.123) rM prq 0, da cui il risultato. rV

68

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Osservazione. Notiamo che, se la (1.123) veniva sostituita con un analogo limite per r 0, allora (1.124) vale anche per r 0. Questo signica che f pz q pu` o anche divergere nellorigine, ma non troppo rapidamente. Lem. 1.12 Sia f pz q una funzione denita in un settore circolare: z

 |z| ei , 
2

2 ,
@

e sia Cr larco di circonferenza di raggio r in tale settore: Cr z

Allora, se z f pz q tende a zero in allangolo: lim sup |z f pz q|  0 ,


r

 r ei , 1 2 . tale settore per |z | 0,

uniformemente rispetto (1.125)

lintegrale di f pz q sullarco di circonferenza Cr di raggio r si annulla per r

0 zCr

0:
(1.126)

Cr

f pz qdz

0. r 0

I due lemmi precedenti sono a volte noti rispettivamente come lemma del grande cerchio e lemma del piccolo cerchio. Notiamo che non abbiamo richiesto che la funzione f pz q sia olomorfa, per cui i lemmi sono validi in condizioni molto generali. Lemma di Jordan Ci proponiamo ora di studiare integrali della forma: I3

f pxqeix dx ,

(1.127)

dove supponiamo che lestensione complessa f pz q sia olomorfa nel semipiano m z 0, escluso al pi` u un numero nito di singolarit` a che supponiamo non essere situate sullasse reale. In particolare vogliamo studiare lintegrale: Ir

f pxqeix dx ,

(1.128)

nel limite per r V. La convergenza di Ir non implica in generale la convergenza di I3 , ma nel caso che I3 sia convergente, allora I3  limrV Ir . Lidea ` e quella di procedere come nel caso precedente considerando il percorso della gura 1.22, formato dal segmento reale tra r e r e dalla semicirconferenza Cr di raggio r e centro lorigine.

1.4 Residui.

69

T
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

'

.......................................................................................................................E .......................................

Figura 1.22: Integrale I3 . In tal caso:

f pz qe dz
iz

f pxqe dx
ix

Cr

f pz qe dz
iz

 Ir

Cr

f pz qeiz dz

(1.129)

e lintegrale su r pu` o essere valutato col teorema dei residui. Se possiamo dire che lintegrale su Cr tende ad un valore (possibilmente nullo), allora abbiamo una ricetta per studiare la convergenza dellintegrale Ir . Ovviamente se la funzione f pz q verica il lemma precedente (1.123) nel semipiano superiore il gioco ` e fatto, in quanto il fattore eiz non disturba:
iz e

ma proprio la presenza di tale fattore (che si annulla per m z  y V) potrebbe permettere una condizione meno restrittiva su f pz q. Consideriamo lintegrale di f pz q su un arco di circonferenza di raggio r, centro nellorigine tra due angoli 1 e 2 (vedi gura 1.21). Posto M prq lestremo superiore di |f prei q| su tale arco: M prq  sup |f pz q| , abbiamo (supponiamo 0 1

Cr

 eipxiyq  ey 1

py 0q ,

f z e dz

2 , nel semipiano superiore):


2 i irei i f re e ire d
1

z Cr

pq

iz

q q

2
1

f rei rer sin d

M prq

2
1
2

rer sin d

M pr q

rer sin d

 2M prq

rer sin d .

Nellultima uguaglianza sfruttiamo la simmetria della funzione sin rispetto al centro dellintervallo  {2: sinp q  sin .

70 Ora, se 0

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

(vedi gura 1.23):

y
1

y=

2 y=

Figura 1.23: La funzione y 2


2

2 e la tangente y  .  sin ` e compresa tra la corda y 

sin 1

r
0

er sin

r er sin d

2 re r d 

ex dx 

p 1 er q . 2 2

Quindi abbiamo:

ed ` e quindi suciente che M prq tenda a zero. Quindi, vericato che per la semicirconferenza Cr nel semipiano superiore lestremo M prq tende a zero per r V, possiamo risolvere lintegrale I3 col teorema dei residui: I3

Cr

f z e dz

pq

iz

M prq ,

 rlim V

f pz q eiz dz

 2i

m zk 0

Res f pz q eiz zz .


k

(1.130)

In pratica abbiamo dimostrato il seguente lemma di Jordan. Lem. 1.13 (Jordan) Se f pz q ` e una funzione denita nel semipiano superiore m z

1.4 Residui.

71

e se:

|z|V

lim f pz q  0 ,

(1.131)

uniformemente rispetto allangolo in un settore 0 larco di circonferenza in tale settore: Cr si ha che:

1 arg z 2 , detto Cr
@

 r ei , 1 2
f pz qeiz dz

Cr

0. rV

(1.132)

Analogamente si pu` o mostrare che se:

|z|0
allora:

Cr

lim f pz q  0 ,

(1.133)

f pz qeiz dz

0. r 0

(1.134)

Osservazione. Se, invece di avere:


V

V
avessimo avuto: I 
3

f pxqeix dx , f pxqeix dx ,

cio e un coeciente negativo allesponente, il fattore eiz con z complesso ` e divergente nel semipiano superiore mentre al contrario tende a zero nel semipiano inferiore ( m z 0) per |z | V. In tal caso occorre chiudere con un semicerchio nel semipiano inferiore ottenendo una curva r orientata in senso negativo (gura 1.24). Questo comporta un cambiamento di segno e il calcolo dei residui nel semipiano inferiore. Si pu` o mostrare, con ragionamenti analoghi, che il lemma di Jordan vale ancora anche nel semipiano inferiore (col cambiamento di segno nellesponente). In generale, in presenza di un fattore ez con complesso, occorre considerare il semipiano per cui |ez | 1.

(1.135)

1.4.6

Poli semplici in prossimit` a del cammino di integrazione.

Pu` o capitare a volte che la funzione integranda f pz q possieda un punto singolare lungo il cammino di integrazione ed occorra evitare la singolarit` a con un percorso che passi vicino. Nel caso di poli semplici esiste una formula generale per dedurre il contributo allintegrazione.

72
T ....r r ....................................................................................................................E ....................................... .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... . .. ... ... ... .... ... . . .... .. ..... .... ..... .... . . . ....... . ... ......... ......... ............ ........... ..........................' ..........................

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

. Figura 1.24: Integrale I3


Supponiamo, per semplicit` a, che f pxq abbia un polo semplice in un punto reale x  x0 e consideriamo lintegrale di f pz q su un percorso semicircolare (orientato positivamente) come in gura 1.25, di raggio attorno a x0 e vediamo di valutare:

f pz qdz

per

0.

.......................... ..... ........... .... ..... ... ... . . . . . . . . . . . . . . r .

'

x0

Figura 1.25: Contorno di un polo semplice. Essendo x0 un polo semplice possiamo scrivere (in un intorno di x0 , e non ` e restrittivo supporre che tale intorno contenga la semicirconferenza ): a1 gpzq , (1.136) f pz q  z x0 con g pz q regolare in x0 ,
z

lim pz x0 qg pz q  0 .

x0

(1.137)

In questo modo possiamo dire che (lemma del piccolo cerchio):

lim

g pz qdz

 0,  x0
ei (0

(1.138)

mentre, considerando su la parametrizzazione z

):

a 1 dz z x0

 a 1

id

 ia1 .

1.4 Residui.

73

Quindi ricordando il signicato di a1 :

lim

f pz qdz

 i Res f pzqzx

(polo semplice) .

(1.139)

Osservazione. Notiamo che il ragionamento fatto vale anche per un arco di circonferenza diverso da una semicirconferenza, ma che sottende un angolo diverso da . In tal caso il fattore ` e sostituito dallampiezza dellangolo sotteso. Consideriamo un caso importante che si presenta a volte nello studio di fenomeni sici, precisamente un integrale del tipo:
V

f pxq dx , V x x0

(1.140)

dove x0 ` e un punto reale e supponiamo che f pxq sia regolare per ogni x reale e che tenda a zero per x V in modo da non avere problemi di divergenza dellintegrale per x V.
E ...................... ..... ...... ......... .... ..... . . ... ... . . . . . . . C . . . . ............................................................E E r ......................................... ............................................................................. ..........................................................

.. E ......................................... ..............................................................................
C

x0

r .......................................................... ............................................................E . . . . . . . . . x ... . 0 . . .... ..... .... ........... ..... .. ...................... E

Figura 1.26: Singolarit` a sul cammino di integrazione. Notiamo subito che se f px0 q $ 0 allora lintegrale (1.140) in senso stretto non esiste (lintegrando non ` e integrabile in un intorno del punto x0 ). Si pu` o cercare per` o, sfruttando le considerazioni precedenti ed assumendo che la complessicazione f pz q risulti una funzione olomorfa in tutto un intorno dellasse reale (il punto x0 costituisce allora un polo semplice dellintegrando), di attribuire un signicato a tale integrale considerando un percorso opportuno nel piano complesso che coincida sostanzialmente con lasse reale, ma eviti la singolarit` a passandole vicino a piacere. Possiamo allora scegliere un cammino C che passi sopra il punto singolare, circondandolo con una semicirconferenza di raggio 0 (che faremo poi tendere a zero), oppure un cammino C che passi sotto il punto singolare (vedi gura 1.26). Abbiamo:

f pz q dz C z x0 f pz q dz C z x0

 

x0 x0

V V

V f pxq f pxq f pz q dx dx dz , x x0 x0 x x 0 z x0 V f pxq f pxq f pz q dx dx dz , x x0 x0 x x 0 z x0

74

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Nel limite per 0 i primi due integrali, comuni a secondo membro delle relazioni sopra, deniscono la parte principale (secondo Cauchy) dellintegrale (1.140): f pxq P dx  lim 0 V x x0
V  x0

& V f pxq f pxq dx dx . x x0 x0 x x 0

(1.141)

f pz q dz  i f px0 q , 0 z x0 tenendo conto del verso di percorrenza delle semicirconferenze. Pertanto abbiamo: lim

In base alle considerazioni precedenti, gli integrali sulle semicirconferenze e , sempre nel limite per 0, sono dati da:

V f pxq f pz q lim dz  P dx i f px0 q . (1.142) 0 C z x0 V x x0 Questa non ` e per` o la forma solita per esprimere tale relazione, ma possiamo operare una ulteriore trasformazione di percorso sulle curve C . Consideriamo lintegrale sulla curva C . Lintegrale ( ` e piccolo ma nito) ` e da intendersi come un limite:
E ..................... ... .... ...... .. ... . . . . . . . ........... r r r E E . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . x0 R R

R i ................E E R i ..................................................................................................................................................................................................... ............................ . . . .


x0 R R V i E E ............ ............ ................. .................................................................................................................................................................................................... ............................V ...................... ........ i
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . .r T

. .c . . . r . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

x0

E E ......................................... .................................................................................................................................................................................................... ..........................................................

x0 i Figura 1.27: Deformazione del percorso C .

f pz q C z x0

 Rlim V  Rlim V

 x0 

Ri f pz q f pR iy q i dy dz R x0 iy R i z x0

& R f p xq f pxq f pz q dx dx dz x x0 x0 x x 0 z x0 0

f pR iy q i dy , R x0 iy

&

1.4 Residui.

75

dove abbiamo trasformato la curva C tra R e R in un percorso rettangolare a distanza dallasse reale. Operando il limite per R V gli integrali sui segmenti verticali (di ampiezza nita ) si annullano (la funzione tende a zero in prossimit` a dellasse reale per x V) e possiamo dire:

f pz q dz C z x0

Vi

Vi

f pz q dz z x0

f px i q dx . V x x0 i

Abbiamo supposto che la funzione sia olomorfa in tutto un intorno della retta reale, per cui risulta continua e, nel limite per 0 possiamo sostituire f px i q con f pxq:

f pz q dz C z x0

f pxq dx . V x x0 i

Sostanzialmente siamo tornati ad un integrale sullasse reale ma abbiamo spostato la singolarit` a sotto lasse reale, nel punto x0 i (in ogni caso fuori dal cammino di integrazione). Un ragionamento analogo vale anche per il percorso C ed equivale semplicemente a scambiare con (la singolarit` a viene spostata sopra lasse reale in x0 i ). Possiamo allora riscrivere la relazione (1.142) nella maniera comunemente ricordata:

V f pxq f p xq dx  P lim dx i f px0 q . 0 V x x0 i V x x0

(1.143)

Osservazione. Poich` e tale relazione ` e valida per una vasta classe di funzioni, si tende ad eliminare la menzione della funzione f pxq. Occorre per` o introdurre una funzione 17 (impropria) px x0 q, detta funzione delta di Dirac , denita, in maniera puramente operativa, dalla propriet` a:
V

V
17

px x0 q f pxq dx  f px0 q ,

(1.144)

Paul Adrien Maurice Dirac (Bristol, 8 agosto 1902 Tallahassee, Florida, 20 ottobre 1984) ` e stato un sico e matematico britannico, che viene annoverato tra i fondatori della sica quantistica. Ricevette una educazione rigida e dura a causa delle tendenze autoritarie del padre, per` o evidenzi` o sin da piccolo una ottima predisposizione per la matematica. Nel 1926 svilupp` o una formalizzazione della meccanica quantistica basata sullalgebra non commutativa di operatori. Nel 1933 ricevette il premio Nobel assieme a Schr odinger per la scoperta di nuove forme della teoria atomica. Seppur considerato uno scapolo predestinato, nel 1937 si spos` o con Margit Wigner, sorella del sico magiaro Eugene Wigner. Tra le sue passioni, vanno annoverati i viaggi e le passeggiate in montagna. Pi` u di qualunque altro sico contemporaneo, assegn` o al concetto di bellezza matematica un ruolo preminente tra gli aspetti fondamentali instrinseci della natura no al punto di sostenere che una teoria includente una bellezza matematica ha pi` u probabilit` a di essere giusta e corretta di una sgradevole che venga confermata dai dati sperimentali. In suo onore fu bandito il Premio Dirac.

76

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

valida per qualsiasi funzione f pxq (con propriet` a di regolarit` a sucientemente buone). Allora possiamo riscrivere formalmente la relazione (1.143) in una forma molto utile da un punto di vista mnemonico: 1 x x0 i

P

x x0

i px x0q .

(1.145)

Notiamo che in realt` a non esiste alcuna funzione ordinaria che possa agire come la funzione . Essa rientra nella categoria delle funzioni generalizzate o distribuzioni, la cui trattazione esula per ora dai nostri scopi. Parte principale Vediamo ora di chiarire il signicato della denizione (1.141) di parte principale di un integrale. Se la funzione ` e regolare (non ha singolarit` a) e tende a zero allinnito, tale limite risulta ben denito. Notiamo che presi singolarmente, i due integrali che entrano nella denizione della parte principale sono in generale divergenti (logaritmicamente):
x0

0 V V f pxq dx  f px0 q ln V 0 x0 x x 0
ma le due divergenze si compensano. Possiamo vedere ci` o nella seguente maniera:
x0 V f pxq f p xq dx dx V x x0 x0 x x 0

f pxq dx  f px0 q ln x x0

 

V f p x0 xq f p x0 xq dx dx x x V

f px0 xq f px0 xq dx x

e questultimo integrale non presenta in generale singolarit` a nellorigine in quanto: lim

f p x0 xq f p x0 xq x
V
0

 2 f I p x0 q .

Potremmo in realt` a denire la parte principale dellintegrale nella seguente maniera: f pxq P dx  V x x0
V

f px0 xq f px0 xq dx x

(1.146)

senza rendere esplicito un limite per 0, ma si preferisce utilizzare la denizione (1.141) che si estende in maniera ovvia anche al caso di estremi di integrazione diversi da V.

1.4 Residui.

77

Relazioni di dispersione Torniamo alla relazione (1.143), valida quando la funzione ` e regolare in tutto un intorno dellasse reale (e tende a zero per x V), e proviamo a richiedere condizioni pi` u stringenti di regolarit` a. Supponiamo che f pz q sia olomorfa anche in tutto il semipiano superiore ( m z 0) e che tenda a zero per |z | V, uniformemente rispetto alla fase di z . In pratica f pz q soddisfa le condizioni del lemma di Jordan e f pz q{pz x0 q soddisfa le condizioni del lemma del grande cerchio. Nelle relazioni (1.142) possiamo valutare gli integrali sulle curve C e C richiudendole con una semicirconferenza nel semipiano superiore (dove assumiamo f pz q olomorfa ovunque):

f pz q dz C z x0 f pz q dz C z x0

 

V V

f p xq dx  0 , V x x0 i

f p xq dx  2 i f px0 q . V x x0 i

Sostituendo nella (1.142), otteniamo lequazione:


V

f pxq dx  i f px0 q , V x x0

(1.147)

che si pu` o spezzare in una coppia di equazioni, dette trasformazioni di Hilbert18 : e f px0 q 

V e f pxq 1 m f p x0 q  P dx . V x x0

V m f pxq 1 P dx , V x x0

(1.148)

Se invece supponiamo che f pz q risulti olomorfa in tutto il semipiano inferiore ( m z 0), possiamo ancora valutare gli integrali lungo i percorsi C e C , chiudendo il percorso con una semicirconferenza allinnito nel semipiano inferiore (percorsa quindi in senso
David Hilbert (K onigsberg, 23 gennaio 1862 Gottinga, 14 febbraio 1943) ` e stato uno dei pi` u eminenti ed inuenti matematici del periodo a cavallo tra il XIX secolo e il XX secolo. Ha inventato e sviluppato una vasta classe di idee fondamentali, lassiomatizzazione della geometria e, con la nozione degli ` conosciuto spazi di Hilbert, ha posto le fondamenta dellanalisi funzionale. E anche come il fondatore della teoria della prova, della logica matematica e della distinzione tra matematica e meta-matematica. Hilbert era un personaggio quantomeno singolare: era donnaiolo ed insoerente al conservatorismo della vita universitaria, alle regole e ai divieti sociali. Si racconta che durante gli anni venti, come tecnica di corteggiamento, al ristorante chiedesse alle signore pi` u eleganti ed avvenenti di prestargli il loro boa piumato per ripararsi dagli spieri.
18

78

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

negativo) e otteniamo:

f pz q dz C z x0 f pz q dz C z x0
V

 2 i f px0q ,  0.

con un conseguente cambio di segno sostituendo nelle (1.142): P f pxq dx  i f px0 q , V x x0


e nelle analoghe trasformazioni di Hilbert:

V m f pxq 1 e f px0 q  P dx , V x x0
m f p x0 q 

V e f pxq 1 P dx . V x x0

(1.149)

Le equazioni (1.148) e (1.149) sono esempi delle cosidette relazioni di dispersione, che collegano la parte reale e la parte immaginaria di una grandezza sica. Il nome deriva dal fatto che sono state introdotte la prima volta per collegare la dipendenza dalla frequenza della parte reale dellindice di rifrazione (indice di rifrazione eettivo) a quella immaginaria (coeciente di assorbimento) nello studio della dispersione della luce in un materiale. Osservazione. Notiamo che, per avere la validit` a delle relazioni di dispersione, occorre assicurarsi che la funzione f pz q sia olomorfa in tutto un semipiano (inferiore o superiore) e che tenda a zero allinnito in tale semipiano. Fortunatamente, per le quantit` a di interesse sico, questa ipotesi ` e spesso garantita dal principio di causalit` a, la propriet` a intuitiva che la risposta ad una sollecitazione operata su un sistema sia successiva a questa (leetto avviene dopo la causa, oppure la causa precede leetto).

1.5 Cenni sulle funzioni polidrome.

79

1.5

Cenni sulle funzioni polidrome.

La teoria delle funzioni analitiche sviluppata no ad ora era basata sullassunzione che le funzioni considerate, e le loro derivate fossero ad un sol valore. A prima vista sembra che le funzioni a pi` u valori debbano essere trattate in modo completamente dierente. Fortunatamente la teoria delle funzioni analitiche pu` o essere estesa in modo da includere una vasta classe di funzioni a pi` u valori usando una ingegnosa costruzione geometrica nota come supercie di Riemann. Vedremo ci` o con qualche esempio, mediante funzioni elementari.

1.5.1

Logaritmo.

Poniamoci il problema di voler denire il logaritmo naturale di un numero complesso z . Sappiamo che nel caso reale il logaritmo di un numero ` e denito come lesponente che si 19 deve dare al numero di Nepero e per ottenere il numero assegnato (` e la funzione inversa dellesponenziale): y  log x ey  x . Poich` e sappiamo valutare lesponenziale nel caso complesso, possiamo impostare lequazione: ew  z , (1.150) con z complesso, assegnato, e w complesso, incognito, e assumiamo che questa equazione denisca w come il logaritmo di z . Ponendo: w e z in forma polare: z
5

 u iv pu, v realiq ,
 |z | , euiv 0

 ei ,

2 ,

 eiv  ei
eu

 ei , 5 u  log  log |z | , v  2k, k  0, 1, 2, ...

John Napier (1550, Merchiston Castle, Scozia 4 Aprile 1617, Edimburgo, Scozia) noto come Giovanni Nepero o semplicemente Nepero, ` e stato un matematico, astronomo e sico scozzese, celebre per lintroduzione del logaritmo naturale, dei bastoncini (o ossi) di Nepero un ingegnoso abaco di calcolo e anche per aver sostenuto luso delle frazioni decimali e del punto come separatore decimale. Non era un matematico di professione, bens` un ricco proprietario terriero scozzese di nobile famiglia che riusciva a condurre i suoi poderi con ecace razionalit` a. Della sua vita non si hanno molte notizie e in particolare non ` e chiaro dove abbia potuto ricevere una buona educazione umanistica e matematica; si pu` o solo congetturare che abbia frequentato una universit` a europea, forse quella di Parigi.

19

80

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Pertanto vediamo che non esiste una soluzione unica del problema, e risulta denita una funzione a pi` u valori in corrispondenza ad uno stesso punto z . Siamo cio` e in presenza di una funzione polidroma. Possiamo scrivere: log z

 log |z| i arg z ,

(1.151)

dove la polidromia ` e racchiusa nelle possibili scelte per arg z . Ad ogni scelta corrisponde una determinazione del logaritmo. Se vogliamo mettere maggiormente in evidenza tutti i possibili valori del logaritmo scriveremo anche: log z

 log |z| i arg z 2ki ,


z

Z,

(1.152)

(notiamo che la funzione arg z ` e essa stessa una funzione polidroma denita dalla relazione:

 |z| ei arg z ,
arg z

analoga a quella che denisce il logaritmo). Scegliendo 0 cosidetta determinazione principale del logaritmo: log z

2 si ottiene la

 log |z| i

 arg z 2 .

Notiamo inoltre che, con le dovute precauzioni, continuano a valere le propriet` a dei logaritmi: log z1 z2

 log |z1z2| i argpz1z2q 2ki  log |z1| log |z2| i arg z1 i arg z2 2kIi  log z1 log z2 2ni ,

cio` e, a meno di multipli di 2i il logaritmo del prodotto ` e la somma dei logaritmi. In genere si opera una scelta per la determinazione del logaritmo, ottenendo una funzione ad un sol valore, ma in ogni caso la peculiarit` a del logaritmo pu` o essere visualizzata considerando un percorso semplice chiuso C attorno allorigine (gura 1.28). Supponiamo di scegliere un punto iniziale z0 su tale curva, di ssare una determinazione del logaritmo, cio` e una soluzione dellequazione (1.150), con z  z0 , e seguiamo idealmente la soluzione facendo variare z con continuit` a lungo la curva (scegliendo in ogni punto la soluzione pi` u vicina alla soluzione del punto precedente) no a tornare al punto di partenza. La funzione log z cos` ottenuta varia con continuit` a lungo la curva, ma dopo il completamento di un giro, abbiamo incrementato il logaritmo di 2i:

plog z0qnale  plog z0qiniziale 2i ,


cio e non siamo tornati allo stesso valore. In generale un punto del piano complesso per il quale, dopo aver fatto un giro completo attorno ad esso, una data funzione f pz q non ritorna al valore iniziale, ` e detto punto di

1.5 Cenni sulle funzioni polidrome.

81

........................ ...................' ........... ............. ......... ......... . . . . ....... . . . . . . ..... . . . . . .... . . . . .... .. . t . .. . ... z0 . . . ... . . ... . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . ... . . ... .. ... .. .... ... . . . .... ... ..... ..... ..... ..... ........ . . . . . . .......... ...... .............. ........... ......... ................................... E

Figura 1.28: Percorso attorno allorigine. diramazione (branch point) della funzione. Il punto risulta anche un punto singolare per la funzione. Pertanto il punto z  0 ` e un punto di diramazione per f pz q  log z (in eetti lorigine ` e I un punto singolare, nemmeno nel caso reale si pu` o denire log 0). Considerando f p1{z q  logp1{z I q  log z I troviamo analogamente che anche il punto allinnito ` e un branch point. Si pu` o vericare che non ci sono altri punti di diramazione per log z . Supponiamo ora di tracciare una curva che congiunge i due punti di diramazione z  0 e z  V, cio` e da z  0 no allinnito, ed eliminiamo dal dominio della funzione tutti i punti di tale curva (generalmente si sceglie una semiretta uscente dallorigine), dicendo che abbiamo tagliato il piano complesso lungo un taglio di diramazione (branch line). Nel dominio cos` ottenuto deniamo una successione di funzioni continue ad un sol valore fn pz q che risolvono lequazione (1.150). Ad esempio assumiamo un taglio lungo il semiasse reale negativo e deniamo le funzioni: fn pz q  fn pr, q  log r ip 2nq z

 rei

In questo modo otteniamo funzioni analitiche. Questo pu` o essere visto considerando in 1 tale dominio la funzione analitica z ed integrandola tra un punto iniziale (arbitrario) z0 e un punto nale z : z dz I g pz q  I . z0 z

82

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

.........................................................................................

Figura 1.29: Taglio del logaritmo. Lintegrale, indipendente dal percorso (a cui impediamo lattraversamento del semiasse reale negativo), pu` o essere calcolato esplicitamente secondo il percorso di gura 1.30:
T
..... ..... ..... .... .... .... ... b . ...... r . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...... ......... ........ r ..

z r .. .......

z0
.........................................................................................

Figura 1.30: Il logaritmo. g pz q 


b
z0

dz I zI

z
b

dz I zI

r
r0

ei0 drI I i0 re

irei dI reiI

r
r0

drI rI

dI

 log r i plog r0 i0q

 fnpzq fnpz0q ,
da cui, essendo g pz q analitica (` e una primitiva di 1{z ), lo ` e anche fn pz q. Ogni funzione fn pz q risulta discontinua lungo il taglio, nel senso che:

rf pr, lim n
0
Daltra parte notiamo che: lim f pr, n

q fnpr, qs  2i . q
lim f pr, n1

q.

1.5 Cenni sulle funzioni polidrome.

83

Questo suggerisce la seguente costruzione geometrica. Consideriamo il piano complesso come sovrapposizione di inniti piani, ognuno dei quali corrispondente ad un valore di n (n  0, 1, 2, ...) e colleghiamo piani adiacenti lungo il taglio, in modo che il bordo superiore del taglio sul piano n ` e collegato col bordo inferiore del taglio nel piano n 1. Il punto di diramazione z  0 ` e comune a tutti i piani. Pertanto attraversare il taglio equivale ad un passaggio da un piano allaltro. La supercie geometrica ottenuta da questa sovrapposizione ad elica ` e chiamata supercie di Riemann ed ogni piano ` e detto una falda di Riemann per la funzione log z . In questo modo, mediante una sequenza di funzioni ad un sol valore denite su un singolo piano, otteniamo una funzione continua ad un sol valore denita sulla supercie di Riemann. Lunico punto in cui la funzione risulta non analitica ` e nei punti di diramazione.

Figura 1.31: Supercie di Riemann del logaritmo.

Si pu` o dare una classicazione dei punti di diramazione per una funzione. Un punto di diramazione ` e di ordine n se facendo n 1 giri (ma non meno) completi attorno ad esso la funzione ritorna al valore originale. Altrimenti il punto ` e detto di ordine innito (come nel caso del logaritmo). I punti di diramazione sono punti singolari per la funzione, ma di un carattere diverso da un polo o da una singolarit` a essenziale.

1.5.2

La radice quadrata.

Un altro esempio ` e fornito dalla radice di un numero complesso. Supponiamo di impostare lequazione: w2

 z;

84

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

ponendo z

 |z|ei , w  |w|ei, dobbiamo avere: |w|2e2i  |z|ei , |w |  |z | c i z  |z | e


2

k .
k

k i

(1.153)

Abbiamo quindi due valori distinti di w:

 |z|ei w  |z |ei
w

2 2

 |z | ei

che corrispondono alle due determinazioni possibili della radice z . In questo caso z  0 ` e un punto di diramazione (di ordine 1) ed ` e possibile scegliere una supercie di Riemann a due falde scegliendo un taglio (arbitrario tra z  0 e z  V) a partire da z  0. Questo pu` o essere scelto sul semiasse reale positivo, denendo due funzioni di:

 ei 0 2 , c ei  f p , q f1 pz q  1 c f2 pz q  ei  f2 p , q .
z
2 2

Abbiamo:

Figura 1.32: Supercie di Riemann della radice. lim f p , q  lim f2 p , q 1

lim f1 p , q  lim f p , q , 2

2 0

1.5 Cenni sulle funzioni polidrome.

85

e quindi scegliendo una supercie di Riemann come in gura otteniamo una funzione ad un sol valore denita per tutti i punti della supercie. Con laiuto della supercie di Riemann otteniamo una descrizione unica di funzioni a molti valori. Il trucco consiste essenzialmente nel rimpiazzare una funzione a molti valori denita su un insieme semplice (il piano complesso originario) con una funzione ad un sol valore denita su una struttura geometrica complicata (la supercie di Riemann). In pratica, ` e spesso suciente focalizzare la propria attenzione su una falda particolare della supercie di Riemann, trattando tale parte della supercie come un piano complesso con un taglio. I valori della funzione corrispondono ad una particolare determinazione valida per la falda considerata. Da un punto di vista generale non c` e alcun motivo per preferire una falda rispetto ad unaltra, e il taglio pu` o essere scelto in modo arbitrario (solo i punti terminali sono vincolati ad essere punti di diramazione). Nelle applicazioni siche si d` a una preferenza a certi particolari tagli, per ragioni puramente siche, che, in generale, non hanno nulla a che fare con la matematica.

1.5.3

Calcolo di integrali che coinvolgono funzioni polidrome.


V
0

Consideriamo integrali del tipo: I4

Rpxq dx x

0 1,

(1.154)

e supponiamo che Rpxq sia una funzione razionale senza poli per x 0 e che tenda a zero allinnito in modo da avere garantita la convergenza dellintegrale.
x

lim Rpxq  0 .

In tale integrale abbiamo la presenza del fattore x che comporta qualche problema nella sua generalizzazione nel campo complesso. z ` e una funzione a molti valori come la c funzione z discussa in precedenza. Notiamo che per x reale abbiamo: x e generalizzando al caso complesso: z

 e log x ,

 e log z  e log |z|i2ki  |z|eip2kq ,

i valori interi di k corrispondono a diverse determinazioni della potenza generica z (per 1  2 ritroviamo la denizione precedente di radice). Occorre quindi precisare quale determinazione si sceglie per z , e dove si opera il taglio. Per calcolare il nostro integrale scegliamo il taglio proprio sul semiasse reale positivo su cui si integra (!). In questo modo z ` e ben denita per: z

ei ,

86

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

............................... .........................' .............. ................ ........... ........... . . . . ......... . . . . . . . . . ........ . . . . . . . ........ . . . . . . ..... CR . . . . . ..... . . . . . .... . .... .... . . . .... .... .... . . . ... . . . ... . . ... . . . ... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . E . . . . . . . . . . . . . . . . . ..... L . .. . . . . . . .. . . . . . . E . . . . . . . . . . . ' . . . . . . .... . . . . . . . . ............ . . . . .......... .' . . . . . . . . . . . L . . . . . . . . . . . . . . .. . . .. ... .. ... . . ... .. ... ... ... . . . ... .. .... .... .... .... . .... . . ..... .... ...... .... ....... ..... . . . . . ........ . ...... ......... ......... .......... ............. .......... . . . . . . . . . . . . ..................... . .....E ...........................................

Figura 1.33: Integrazione polidroma. (estremi esclusi) da z

e consideriamo lintegrale sulla curva chiusa in gura 1.33 di Rpz q{z :

 |z| ei ,  2i

z 0

Rpz q dz pR, q z

Res

R pz q . z

Daltra parte, essendo: Rpz q |z|V z lim z

0

|z|0

lim z

R pz q z

 0,

(Rpz q ` e razionale col denominatore di grado pi` u alto del numeratore), gli integrali su CR e tendono a zero per R V e 0 per cui rimangono gli integrali su L e L . L ` e un pelo sopra il taglio, per cui: Rpz q z

pxq ,  Rx

 xei0
z

mentre L ` e un pelo sotto:

R pz q z

pxq e2i ,  Rx

 xei2 ,

1.5 Cenni sulle funzioni polidrome.

87

abbiamo (in pratica sfruttiamo la discontinuit` a della funzione polidroma lungo il taglio): Rpz q 2i Res z z $0

p 

L V 0

zq dz q Rzp

V Rpxq Rpxq 2i dx e dx x x 0 V
0

 p1 e2iq
I4

Rpxq dx x

 1 2ei 2i
V
0

z 0

Res

R pz q . z

(1.155)

Si veda lesercizio 1.17 a titolo di esempio. Vediamo ora integrali del tipo: I5

Rpxq log xdx ,

(1.156)

dove Rpxq ` e una funzione razionale senza poli per x 0 e tale che:
x

lim xRpxq  0 ,

(in modo da avere la convergenza dellintegrale). Consideriamo lo stesso percorso pR, q dellintegrale precedente e scegliamo la determinazione del logaritmo con largomento di z compreso tra 0 e 2 (0 2 ), estremi esclusi. log z  log |z | i , 0  arg z 2 , e consideriamo lintegrale della funzione Rpz q log2 pz q lungo tale percorso. log2 z non ha singolarit` a interne alla curva pR, zRpz q log2 z

q e:

0 |z|V

uniformemente ,

in quanto Rpz q ` e una funzione razionale con un denominatore di grado superiore di almeno 2 rispetto al numeratore. Inoltre, essendo Rpz q regolare nellorigine: zRpz q log2 z Pertanto possiamo scrivere: 2i

z 0

0. z |0

Res Rpz q log z


2

p

qRpzq log2 z dz .

88 Ora, su L , z mentre su L : pertanto:

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

 xei0 , abbiamo:
log z

 log x i0  log x ,  log x i2 ,


V
0

log z

qRpzq log pzqdz 


2

Rpxq log2 x plog x 2iq2 dx


$

V
0 2

Rpxq
V
0

4i log x 42
V
0

dx

 4

z 0

Rpxqdx 4i
V
0

Rpxq log xdx .


V
0

Abbiamo quindi una formula risolutiva: 2i Res Rpz q log z


2

 4

Rpxqdx 4i

Rpxq log xdx .

(1.157)

che ci permette il calcolo dellintegrale richiesto. Con le ipotesi fatte i due integrali sopra sono reali:
V
0

Rpxq log xdx 


V
0

1 e 2

z 0

Res Rpz q log2 z

1 Rpxqdx  m 2

z 0

Res Rpz q log2 z

Si veda per un esempio di applicazione lesercizio 1.19. Se invece di considerare la funzione Rpz q log2 z consideriamo Rpz q log z avremmo avuto: 2i

z 0

RespRpz q log z q 

V
0

Rpxqplog x log x 2iqdx  2i

V
0

Rpxqdx

Per cui abbiamo un altro modo per eseguire un integrale (che non contiene un termine logaritmico):
V
0

Rpxqdx 

z 0

Il metodo precedente si pu` o applicare, in certi casi, anche quando Rpxq presenta un polo semplice per x  1. In questo caso:
V
0

RespRpz q log z q .

(1.158)

Rpxq log xdx

1.5 Cenni sulle funzioni polidrome.

89

esiste ancora in quanto log x si annulla (in maniera lineare) per x  1 (zero semplice). In questo caso occorre per` o modicare il percorso di integrazione, in particolare il tratto L (infatti, a causa della determinazione scelta per il logaritmo, lungo L non abbiamo pi` u uno zero semplice per x  1 per cui Rpz q log z risulterebbe singolare per z  |z |ei2  1). Tale singolarit` a viene allora evitata con una semicirconferenza di raggio (vedi gura 1.34).

' ............................... ................. .............. .................... ........... ............. . . . . . . . . ......... . . . . . . . . . ........ . . . . . . . ........ . . . . . . ..... CR . . . . ..... ..... . .... . . .... .... . .... . . . . .... . . . ... . . . ... . . . ... . . ... . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . E . . . . . . . . . .. ........ . . . . L . . . . . . ... . . . . . . . E . . . . . t . . . . . . ' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..... . ...... ..... . . . . ...................... ........ ' ... . . . . . . . . . . . . . . . L . . . . . . . . . . . C1 . . .. . . .. ... . . . ... . ... .. ... ... ... . . ... .. .... ... .... .... . . .... . ..... .... .... ..... .... ....... . . . . . . ........ ....... ......... ........ .......... ......... . . ............. . . . . . . . . . .................... ...... .......E ..........................................

Figura 1.34: Integrazione logaritmo.

In tal caso abbiamo

z 0,1

2i

Res Rpz q log pz q


2

V
0

Rpxqplog xq2 dx

1
0

V 

1
0

V 
1 1

Rpxqplog x 2iq dx

2

p q C1
2

Rpz q log2 zdz

C1

Rpxq log x plog x 2iq dx

pq

Rpz q log2 zdz ,

90 lungo C1 p

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

q abbiamo  1 ei log z  logp1


z

lim

C1

pq

Rpz q log zdz


2

 4

2 ei q  2i Op q

C1

lim

pq

Rpz qdz

 42iRes Rpzq|z1 ,
V
0

da cui la formula 2i

z 0,1

Res pRpz q log z q  4 P


2 2

V
0

Rpxqdx 4i

Rpxq log xdx

(1.159)

43iRes pRpzqqz1 .
Dove: P
0

Rpxq dx  lim

4 1
0

Rpxq dx

V
1

Rpxq dx

(1.160)

viene detta parte principale dellintegrale. Notiamo che, in presenza di una singolarit` a (di tipo polare) nel punto x  1, lintegrale (ordinario) di Rpxq non esiste (cio` e non converge), ma per un polo semplice il limite sopra esiste ed ` e nito (come esempio si consideri lesercizio 1.20).

1.6 Esercizi

91

1.6

Esercizi

Esercizio 1.1 Esprimere i seguenti numeri complessi in forma polare esponenziale:

1,

i,

1 i,

3 2

1 i. 2

Esercizio 1.2 Esprimere ciascuno dei seguenti numeri complessi nella forma cartesiana a i b: 1 , p1 iq3 , |4 3 i| . e3i 2 , 1i

Esercizio 1.3 Trovare le radici complesse delle seguenti equazioni: z3

 1 ,

z4

 1,

z 4 2z 2 2  0 .

Esercizio 1.4 Vericare i seguenti risultati:

zw |z| |w| |z w| e z |z | |w z w z | 2 |w z |


Esercizio 1.5 Si consideri nel piano complesso il rettangolo: R  tz

zw

 x iy;

a x b,

cy

du

con a, b, c, d reali e si calcoli lintegrale sul bordo f R, orientato in senso antiorario, delle seguenti funzioni: f1 pz q  1 ,

f2 pz q  z ,

f3 pz q  z 2 ,

f4 pz q  |z |2 .

92

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Esercizio 1.6 Mostrare la validit` a del teorema di Cauchy assumendo lipotesi di contidf nuit` a della derivata (suggerimento: si usi il teorema di Green). dz

Esercizio 1.7 Determinare lo sviluppo in serie di Laurent delle seguenti funzioni, relativamente ai punti indicati: f1 pz q  e2z pz 1q3 ; z0

 1,
1


f2 pz q  pz 3q sin f3 pz q  z sin z ; z3

z2

z0

 2 ,

0
z0 z

Esercizio 1.8 Determinare lo sviluppo in serie di Laurent della funzione: f pz q  attorno al punto z0

 2.
f pz q 

pz 1qpz 2q , pz 1qpz 3q
1

Esercizio 1.9 Espandere:

in serie di Laurent valida nei seguenti casi: 1) 1 |z | 3 2) |z | 3 3) 0 |z 1| 2 4) |z | 1 Esercizio 1.10 Vericare che:
2
0

dt a sin t
V
0

c2 2 a 1 dx 1 x6

a1

Esercizio 1.11 Mostrare che:

 . 3

1.6 Esercizi

93

Esercizio 1.12 Vericare che: I

V
0

cos x dx  . 2 x 1 2e

Esercizio 1.13 (Tema desame proposto il 30 giugno 2003) Si calcoli il seguente integrale: F p q 
V
0

cospxq dx, x2 2

Rzt0u .

Esercizio 1.14 (Tema desame proposto il 4 settembre 2002) Calcolare il seguente integrale: V ei x dx , R. I  V p1 ixqp1 2ixq

Esercizio 1.15 Vericare che:

V
0

sin x dx  , x 2
eiz . z

utilizzando il cammino in gura 1.35 e la funzione


T

' ............................... ......... .............. ......................... ............. ........... . . . . . . . . . . . ......... . . . . . . . . ........ ........ ....... . . . . . . . ...... . . . . . ..... . . . . . .... . . . .... . . . . .... . . . . ... . . . ... . . ... . . . ... . . . ... . . ... . . E . . ............................... . ..... . . . . . . . . . . . . . . . . . ....... . . . . . . . . . . . ..... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... . . . . . . . ... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........................................................................... . E .................................... . ......................................

Figura 1.35: Percorso di integrazione per lesercizio 1.15.

94

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Esercizio 1.16 (Tema desame proposto il 13 gennaio 2005) Calcolare la parte principale del seguente integrale: I

P

sin x dx V px 1qpx iq
4 1

 lim 0

B V sin x sin x dx dx . V px 1qpx iq 1 px 1qpx iq

Esercizio 1.17 Vericare: I e, in particolare:

V
0

dx x p1 xq
V
0

 sin

0 1,

dx 1 c  x1x
V
0

Esercizio 1.18 (Tema desame proposto il 13 giugno 2003) Calcolare il seguente integrale: I

dx px iqcx .

Esercizio 1.19 Mostrare che:


V V
0 0

log x 1 dx  3 p 1 xq 2

p 1 xq
3 0

dx 

1 . 2

Esercizio 1.20 Si verichi: I

log x 2 dx  . x2 1 4 dx

Vericare anche il risultato (non ovvio):


V

P
0

x2 1

 0.

1.6 Esercizi

95

1.6.1

Soluzioni

Soluzione 1.1 Abbiamo:

1  cospq i sinpq  ei , i  cosp{2q i sinp{2q  ei  ei c 1i c c 1 i  2 c  2 ei  2 ei 2 c 3 1 2 i  cosp{6q i sinp{6q  ei 2


2 4

3 2

7 4

, .

Soluzione 1.2

Soluzione 1.3

 e3 rcosp{2q i sinp{2qs  i e3 , 1i 1i 1 1 1    i , 1i p1 iqpi iq 2 2 2 p1 iq3  1 3 i 3 i2 i3  2 2 i , c |4 3 i|  16 9  5 . Consideriamo lequazione z 3  1. Ponendo: z  ei , 0 2,

e3i 2

abbiamo: 3 e3 i per cui si deve avere: 3 3

 1  ei ,
 1,

 2 k , k  0, 1, 2, . . . z  ei , ei  1, ei ,
3 5 3

 1,

che costituiscono le tre soluzioni distinte dellequazione. Analogamente, per lequazione z 4  1: z

 ei , 0 2 , 4 ei 4  1  ei 2 k , k  0, 1, . . .  1, k , 2
z

 1, i .

96 Per lultima equazione, z 4 2 z 2 2  0, abbiamo: z2 z

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

1
8

121i

2 ei 4 ,
7 8

 21{4 ei

, 21{4 ei 8 , 21{4 ei

7 8

, 21{4 ei

Le soluzioni corrispondono ai vertici di un rettangolo.

Soluzione 1.4 Ponendo z zw

 x i y, w  u i v:

 px uq ipy vq  x u i py vq  px i yq pu i vq  z w , |z|  |z w w| |z w| |w| |z| |w| |z w| , |w|  |w z z| |z w| |z| |w| |z| |z w| , c e z  x |x|  x2 x2 y 2  |z | , |w z w z|  |pu ivq px iyq pu ivq px iyq|  |2 u x 2 v y|  2 |u x v y| , pu x v yq2  u2 x2 v2 y2 2 u v x y u2 x2 v2 y2 u2 y2 v2 x2  pu2 v2q px2 y2q , c |u x v y| u2 v2 x2 y2 .
Soluzione 1.5 Lintegrale di una funzione f pz q sul bordo f R si compone di quattro integrazioni distinte sui lati del rettangolo (indichiamo i vertici con A, B, C, D):

fR

f pz q dz

 

AB

f pz qdz

BC

f pz qdz
d
c

CD

f pz qdz

CA

f pz qdz

b
a

f px icq dx
a
b

f pb iy q i dy
c
d


b
a

f px idq dx

f pa iy q i dy

rf px icq f px idqs dx
d
c

rf pb iyq f pa iyqs dy

1.6 Esercizi

97

Quindi:

fR

f1 pz q dz f2 pz q dz

 p1 1qdx i p1 1qdy  0
a c

fR

 px ic x idqdx i pb iy a iyqdy
a c

 ipd cqpb aq ipb aqpd cq  0


f3 pz q dz

fR

b
a

px icq2 px idq2
d
c

dx
$

i 
b
a

pb iyq2 pa iyq2
$

dy

2ipc dqx d2 c2 dx
d
c

b2 a2 2ipb aqy dy

 ipc dqpb2 a2q pb aqpd2 c2q ipb2 a2qpd cq pb aqpd2 c2q 0


f4 pz q dz

fR

b
a

px2 c2q px2 d2q


d
c

dx
$

i
b
a 2

py2 b2q py2 a2q


d
c

dy

 pc d q dx i pb2 a2qdy
2

 pb aqpc2 d2q ipb2 a2qpd cq  pb aqpd cqpc d ia ibq

98

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Soluzione 1.6 Il teorema di Green20 aerma sostanzialmente che se due funzioni (reali) ppx, y q e q px, y q, denite su una regione semplicemente connessa D R2 , sono continue e derivabili con derivate continue in tutto linsieme D, compresa la frontiera f D, che assumiamo descritta da una curva semplice, chiusa e regolare a tratti, allora:

fD

ppx, y qdx q px, y qdy


D

fq px, yq fp px, yq& dxdy . fx fy

(1.161)

dove la curva f D che delimita D ` e orientata in senso antiorario. Utilizzando tale risultato diventa molto semplice vericare il teorema di Cauchy. Separando in una funzione olomorfa f pz q la parte reale u e la parte immaginaria v : z

 x iy,

f pz q  upx, y q i v px, y q

abbiamo che u e v sono continue con derivate continue per lipotesi fatta sulla funzione complessa f , per cui:

fD

f pz qdz

 

fD

u dx v dy i u fv f fy fx

fD

v dx u dy

D

dx dy i

fu fv  dx dy  0 fx fy

George Green (Sneinton, Nottinghamshire, Inghilterra, 14 luglio 1793 Nottingham, Nottinghamshire, Inghilterra, 31 maggio 1841), matematico e sico inglese, scrisse nel 1828 un saggio An Essay on the Application of Mathematical Analysis to the Theories of Electricity and Magnetism che introdusse molti concetti importanti, tra cui un teorema simile al moderno teorema di Green, lidea della funzione potenziale usata in sica, ed il concetto di ci` o che ora ` e nota come funzione di Green. La storia della sua vita ` e notevole in quanto fu praticamente un autodidatta. Figlio di un mugnaio nella cittadina di Sneiton, ora un sobborgo di Nottingham, nellinfanzia frequent` o la scuola solo per un anno (allet` a di otto e nove anni) e nellet` a adulta lavor` o nel mulino a vento del padre (il mulino ` e ora un museo scientico dedicato a George Green). Non ` e chiaro come riuscisse a studiare con protto la matematica ed essere aggiornato sui progressi della sica del tempo, in quanto la sua cittadina non aveva praticamente alcuna attivit` a culturale e lunica persona che conosceva la matematica era il direttore della High School di Nottingham. Il suo saggio del 1828 fu sostenuto dalla sottoscrizione di 51 suoi concittadini (che probabilmente non comprendevano aatto quanto cera scritto). Fu per` o acquistato dal ricco matematico e possidente terriero Edward Bromhead, che incoraggi` o Green nei suoi studi e gli permise di entrare come studente allUniversit` a di Cambridge allet` a di 40 anni. La sua carriera accademica fu eccellente e si occup` o con successo di problematiche siche e matematiche, anticipando concetti e metodologie che saranno usate in seguito. Einstein, durante una visita a Nottingham, aerm` o che Green era avanti di 20 anni rispetto al suo tempo. Purtroppo Green mor` poco tempo dopo aver conseguito la laurea.

20

1.6 Esercizi

99

in virt` u delle condizioni di Cauchy-Riemann. Questa semplice dimostrazione ` e stata formulata nel 1848 da Stokes21 , che generalizz` o il teorema di Green a superci dello spazio. Notiamo che, in ultima analisi, il contenuto concettuale dei teoremi di Green, di Stokes e della divergenza di Gauss ` e lo stesso, sono tutti una generalizzazione del teorema fondamentale del calcolo integrale.

Soluzione 1.7 f1 pz q  e2z pz 1q3

e2z pz 1q3 ; z0  1 Conviene porre z 1  u, z  1 u,

e2u e2 3 u
2

e2 u3

B p 2uq2 p2uq3 ... 1 2u

2!

3!

e 2e 2e 4e 2e  pz 3 2 1q pz 1q pz 1q 3 3 pz 1q ... , z

1` e un polo di ordine 3 (polo triplo).  1 ; z0  2 . f2 pz q  pz 3q sin z2 pz 3q sin

z2

z 2  u;

u2  pu 5q

1  pu 5q sin u

1 u

1 3! u3

1 5! u5

...

5 5 1 1 1 u 61 ... 2 3 4 u 6u 120u 24u5 5 1 5 1 1 z ... , 2 3 2 6pz 2q 6pz 2q 120pz 2q4 Il punto z

 2 ` e una singolarit` a essenziale e la serie converge per ogni valore di z $ 2. z sin z f3 pz q  ; z0  0 . z3

George Gabriel Stokes (Skreen, County Sligo, Irlanda, 13 agosto 1819 Cambridge, Inghilterra, 1 febbraio 1903) ` e stato un sico e matematico irlandese. Possiamo dire che si occupava di tematiche poco amate dai sici-matematici dellepoca che arontava con abilit` a sia sperimentalmente che teoricamente. Ha stabilto la legge della resistenza incontrata da una sfera in moto in un uido viscoso (legge di Stokes) e studiato il fenomeno della uorescenza prodotta da raggi ultravioletti. A suo nome ` e stata intitolata lunit` a di misura della viscosit` a dinamica (Stokes, simbolo St). Il teorema di Stokes ` e un esempio notevole della sua abilit` a matematica.

21

100

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

z sin z z3

1 z3

z z
2 4

z3 3!

z5 5!

...

B

z  0 ` e una singolarit` a removibile e la serie (eettivamente una serie di Taylor) ` e convergente per ogni z .

z z 1 ... , 6 5! 7!

Soluzione 1.8 u2 2u 1   pz 1qpz 2q pu 1qu u 1u  2 u t1 u u2 u3 . . . u z u 1 t2 u 2u u2 2u2 u3 2u3 u4 . . . u u 1 u t2 u u2 u3 u3 . . . u 2 u 1 u u2 . . . 2 2 1  z 1 pz 2q pz 2q2 . . .  2 z2 z1 z2u z

u2

 2 ` e un polo di ordine 1 (polo semplice) e la serie converge per 0 |z 2| 1.


f pz q  1 1 1 1  pz 1qpz 3q 2 pz 1q 2 pz 3q 1

Soluzione 1.9 1. Se |z | 1:

1 1 2 z1

 

2z 1 1 2z

1 1 z 1 z

 

1 z2

1 z3

1 ,  21z 21 2 z 2z 3

1.6 Esercizi

101

Inoltre, se |z | 3: 2pz 3q pertanto, se 1 |z | 3: f pz q  Notiamo che z 1

1 1 61 z 3

1 6

z 3

z2 9

z3 27

1 z z 1 1 1 21 4 3 2 z 2z 2z 2z 6 18 54

 0 non ` e una singolarit` a di f pz q.


1

2. Se |z | 3 possiamo scrivere: 2pz 3q

1 1  3 2z 1 z

1 2z

3 z

9 z2

27 z3

9 27  21z 23 , 2 3 z 2z 2z 4 pertanto: 3. Poniamo z 1  u: 1 1 1   pz 1qpz 3q upu 2q 2u 1 u 1 f pz q  1 z2

z43 13 . z4

1 2u

u 2

u2 4

u3 8

u u  21u 1 4 8 16 1 pz 1q pz 1q2  2pz 1 1q 4 8 16 . 4. |z | 1: 2pz 1q 1

1 1 p 1 z z2 z3 q  2 2 f pz q  1 3


z 2

z2 2

z3 2

13 40 4 z z2 z3 , 9 27 81

che ` e in realt` a una serie di Taylor (z

0` e un punto regolare).

102

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Soluzione 1.10 Abbiamo:


0

dt a sin t

 

|z|1 a 2i z z
1

dz iz

|z|1

2dz z 2 2iaz 1

Lintegrando ha due poli semplici in: Notando che se a 1 allora: z

 ipa

a2 1q , a1

a2 2 a a2 2 ,

pa 1q2 a2 1 , c a a2 1 1 , 
2
2 i a

a2 1

abbiamo che il polo z ` e situato allinterno della circonferenza unitaria (z ` e chiaramente esterno), e il residuo dellintegrando vale: R da cui il risultato. Soluzione 1.11 Abbiamo: V dx 1 V dx  2 1 x6 6 V 0 1x z6 2z
z z

 c

1 i a2 1

 i

m zk 0

Res

6 z

z zk

Le singolarit` a sono le soluzioni dellequazione:

 1  ei ,
Rk

zk

 ei p2 k1q{6 ,

 0, . . . , 5 .

Sono poli semplici con residuo: 1 i p2k1q 5{6  61  e 5 z 6


k

e quindi:

V
0

dx 1 x6

 i 6  . 3

ei 5{6 ei 15{6 ei 25{6

 i pi 2 i sinp {6qq  i p2 iq 6 6

1.6 Esercizi

103

Soluzione 1.12 Notando che lintegrando ` e una funzione pari, abbiamo:

1 r cos x 1 V cos x dx  lim dx rV 2 r x2 1 2 V x2 1


r 1 eix  rlim e dx  e i Res V 2 r x2 1

ei z ei 2z

z i

.  e2  2 e

z2

ei z

 1

z i

Soluzione 1.13 La funzione f pz q  ei z z 2 2

ha due poli semplici in z  i|| e soddisfa il lemma di Jordan in m z 0 per 0 e in m z 0 per 0. Integriamo la funzione sul percorso di gura quando 0:

T
............................... ........................' .............. ................. ........... ........... . . . . . ......... . . . . . . . . . ........ . . . . . . . . ....... . . . . . . ...... CR . . . . . ..... . . . . . .... . .... .... . . . .... . ... ... . . ... . . . ... . . t i ... . . ... . . . ... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....................................................................................................................................................................................... . . E .....................................................

Figura 1.36: Percorso nel semipiano superiore.

104
0

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

ei x dx R x2 2
R
0

R
0

F pq  i Res f pz qzi ,
Res f z zi

cospxq dx  2 i Res f p z q z i x2 2

ei x dx  2 i Res f p z q z i x2 2

0,

pq

ei z  zlim pz iq pz iqpz iq i e , 2
2

e 2i

F pq  Poich` e F pq  F pq abbiamo: F pq  e globalmente: F pq 

0.

e , 2 pq
2

0,

e , 2 | |
2

$ 0.

Il caso 0 pu` o essere visto anche utilizzando un percorso nel semipiano inferiore come in gura 1.37. CR
T t

i | |

..R R E ..................................................................................................................................................................................... .....................................................


. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... .. ... .. ... .. t i . ... . ... ... ... ... .... ... . . . .... ... .... .... ..... .... ...... . . . . ....... ....... ........ ....... ......... ........ . . . ........... . . . . . . .............. ..... ............. ............................... ' ................................

| |

Figura 1.37: Percorso nel semipiano inferiore.

1.6 Esercizi

105
R

2
0

e F p q  , 2
2

cospxq x2 2

 2iRes f pzqzi|| ,
iz

0.

ha poli semplici in z1  i e z2  Per 0 soddisfa il lemma di Jordan in m z 0, per 0 in m z 0. Per  0 soddisfa il lemma del grande cerchio. Applicando il teorema dei residui e il lemma di Jordan si ottiene (per 0, gura 1.38):
i . 2

Soluzione 1.14 La funzione ei z f pz q  p1 izqp1 2izq

 ipz eiq2ipz i q  2pz eiqpz i q


2 2

iz

' .............................. .................. .............. .................... ........... ............. . . . . . . ......... . . . . . . . . . ........ . . . . . . . ....... . . . . . . . ...... CR . . . . . . ..... . . . . .... . . . . .... . . . .... .... ... . . . ... . . . ... . . ... . . ... . . . ... . . . . . . . . . . i . . . . . t 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . E ....................................................................................................................................................................................... .....................................................

R Figura 1.38: Esercizio 1.14, 0. I


Res f z


z

2iRes f z

pq

i 2

pq
I

Nel caso 0 consideriamo invece il percorso della gura 1.39:

i 2

e  lim 2pe  z iq 3i
z
i 2

iz


i

2iRes f z

pq

Res f z

i

pq

e e  zlim  , i i 2pz q 3i
2

iz

106

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

..R R E ..................................................................................................................................................................................... .....................................................


T
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... . .. ... .. ... ... ... . . ... .. i t ... ... .... ... . . .... . ... .... ..... ..... ...... .... . . . . . ....... CR ...... ........ ....... ......... ........ . ........... . . . . . . . . .. .............. .............. ............................... ' .................................

Figura 1.39: Esercizio 1.14, 0. Riassumendo (per  0 la scelta tra i due percorsi ` e indierente): 3 I  9 2 9 7 e 3
6 2 9 9 e 2 8

0, 0.

Soluzione 1.15 Abbiamo, sfruttando la parit` a dellintegrando: I

V
0

sin x x

 lim 0

sin x dx x

1 2
iz

lim
r

La funzione ez verica il lemma di Jordan per |z | V e presenta un polo semplice nellorigine, per cui considerando la curva ,r della gura 1.35, non abbiamo singolarit` a interne al cammino di integrazione e, nel limite 0, r V: 0

0 V

eix dx |x|r x

ei z dz z

,r

eix eiz lim dx iRes 0 |x|r x z z 0 rV

eix lim dx  i eiz z0 0 x rV |x|r I . 2

 i

1.6 Esercizi

107

Soluzione 1.16 Possiamo scrivere:

V ei x ei x 2i I  P dx P dx  I I V px 1qpx iq V px 1qpx iq
I

 Rlim V
0

4 1

R B
1

e i x px 1qpx iq dx

Considerando gli integrandi come funzioni (complesse) della variabile complessa z : f pz q  questi presentano due poli semplici in z ei z pz 1qpz iq ,

 1 e z  i e:

e i z Res pz 1qpz iq z1

e i z Res pz 1qpz iq zi

 ie 1
i

 1e i  ie 1

Per lintegrale I consideriamo il percorso in gura 1.40:


T
............................... .....................' .............. .................. ........... ............ . . . . . . ......... . . . . . . . . . ........ . . . . . . . ....... . . . . . . . ...... CR . . . . . . ..... . . . . .... . . . . .... . . . .... .... ... . . . ... . . . ... . . ... . . . ... . . ... . . . t i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . E . . . . . . . . . . . . . . . . . .. ....... . . . . . . . . . . ... . . . . . . . . . . . . . . E t .....................E ................................................... ................................................................................................. .......................................

R
E

1 Figura 1.40: Esercizio 1.16.

 2i

e 1 i1

i i 1

ei

Per lintegrale I consideriamo invece il percorso di gura 1.41:

108 1

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

..R ..................................................................................................................................................
T

E t . ..................................................... ....... . . . . . . . . . . . ... . . . . . ........ ......... . . . . . . ........ E . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... . .. ... .. ... ... ... . . ... .. ... ... .... ... . . .... . ... .... ..... ..... ...... .... . . . . . ....... CR ...... ........ ....... ......... ........ . ........... . . . . . . . . .. .............. .............. ............................... ' .................................

R
E

Figura 1.41: Esercizio 1.16. ei I  i i1




2iI

2ie1 i1

iei i1 I

i 2ie1 2i ie  i1 i1 i1 1 e cosp1q . i1

 ie i1

ei ei 2

Soluzione 1.17 Ripetendo il ragionamento discusso in generale: I

2i 1 Res 1 e2 i z p1 z q z1

i 1  1 2e 2 i e i  e, in particolare, con  1 : 2
V
0

i 1  1 2 e2 i z z1 2 i  i i e e sinpq dx 1 c  x1x 1 pz iqcz

Soluzione 1.18 La funzione

f pz q 

ha un polo semplice in z  c i e un punto di diramazione in z  0. Scegliendo la determinazione principale per z e il taglio di diramazione lungo lasse reale positivo, si pu` o considerare il percorso come in gura 1.42. Per il teorema dei residui:

1.6 Esercizi

109

............................... .........................' .............. ................ ........... ........... . . . . ......... . . . . . . . . . ........ . . . . . . . ........ . . . . . . ..... CR . . . . . ..... . . . . . .... . .... .... . . . .... .... .... . . . ... . . . ... . . ... . . . ... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . E . . . . . . . . . . . . . . . . . ..... L . .. . . . . . . .. . . . . . . E . . . . . . . . . . . ' . . . . . . .... . . . . . . . . ............ . . . . .......... .' . . . . . . . . . . . L . . . . . . . . . . . . . . .. . . .. ... .. ... . . ... .. ... ... ... . . . i t ... .. .... .... .... .... . .... . . ..... .... ...... .... ....... ..... . . . . . ........ . ...... ......... ......... .......... ............. .......... . . . . . . . . . . . . ..................... . .....E ...........................................

Figura 1.42: Esercizio 1.18.

f pz qdz

f pz qdz

f pxqdx

f pxqdx  2iRes f pz qzi

f pxq 

1 px iqcx ,

f pxq 

px iqpcxq
1

f pxq f pxq 

2 px iqcx

Res f pz qzi  lim

1 c  ei z i z

3 4

f pz qdz

f pz qdz

rf pxq f pxqsdx  2ei

Poich` e

|zf pzq| 0 RV
0

110

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

risultano vericati i lemmi del grande cerchio e del piccolo cerchio e:


V

2
0

iq .  ei  p1c
4

dx px iqcx

 2ei
2

Soluzione 1.19 Utilizzando la formula risolutiva (1.157) abbiamo: 4


2

V
0

 

d2 2 log z i dz 2

p1 xq3 dx 4 i
1
z

V
0

1 log z 2 i z2

1 1

d log z 2 i dz z

log x p1 xq3 dx  2 i Res

log2 z p1 zq3


z

1

1

 2 ip1 iq  2 2 2 i
Da cui i risultati richiesti.

procedimento discusso in generale: log2 z 2 i Res 2 z 1 z1

Soluzione 1.20 Lintegrando ` e singolare in x  1 (escludendo la singolarit` a nellorigine del logaritmo, comunque integrabile). I punti x  1 sono poli semplici e, applicando il  4
2

P
0

1 x2

log2 z 2 i z 1

1

 4

1 3 4 i Res 2 z 1 z1 V

dx 4 i

V
0

log x dx x2 1

P
0

x2

i  4 P
3 2 3

V
0 2

1 x2

i  4

V
0

1 3 4 i z 1 z1 V

dx 4 i

V
0

log x dx x2 1

dx 4 i 1

log x dx 2 3 i x2 1
V
0

x2

dx 4 i

log x dx x2 1

1.6 Esercizi

111

da cui:
V V
0

log x 2 dx  , x2 1 4 1 x2

P
0

1 dx  0 .

112

Capitolo 1 Funzioni olomorfe

Capitolo 2. Topologia.
2.1 Spazi topologici.

La topologia pu` o essere denita, in prima approssimazione, come lo studio dei concetti di intorno di un punto, passaggio al limite e continuit` a. Queste nozioni esprimono sostanzialmente il concetto di vicinanza tra oggetti matematici. Uno studio preliminare della topologia in astratto ` e importante per stabilire un linguaggio corretto per la formulazione dei risultati matematici. Le denizioni rigorose dei concetti di insieme aperto, insieme chiuso, di intorno, di limite e continuit` a, risultano molto importanti nel caso di spazi a dimensione innita, pi` u di quanto non lo siano negli spazi nito dimensionali. Possiamo individuare ad esempio due ragioni. 1) Nel caso di Cn esiste essenzialmente un solo modo in cui una successione di vettori o una successione di matrici possono tendere ad un limite. Le relazioni:
m

lim vpmq

lim Apmq

 v,  A,

vpmq , v

Cn ,

Apmq , A matrici complesse n n,

possono signicare indierentemente una convergenza numerica delle singole componenti dei vettori o delle matrici:
m

lim vi

pmq  v , i pmq  A , ij

i  1, 2, . . . n , i, j

lim Aij

 1, 2, . . . n ,

oppure, usando la norma dei vettori:

V lim |pApmq Aqv|  0 , mV


m

lim |vpmq v|  0 ,

per ogni v Cn .

Invece nel caso generale ci` o non ` e pi` u vero. Possono esistere diversi modi non equivalenti tra di loro in cui si pu` o tendere ad un limite. Ad esempio quando aermiamo che una successione di funzioni fn converge ad una funzione limite f possiamo intendere un semplice limite puntuale: lim fn pxq  f pxq dx ,
n

113

114

Capitolo 2 Topologia.

oppure una convergenza in media:

lim

V R

|fnpxq f pxq| dx ,

a seconda del contesto e delle necessit` a, e i due modi non sono, in generale, equivalenti tra loro. Stabilire un contesto univoco per la denizione di limite denisce la topologia in cui si opera. 2) Nel caso di spazi nito dimensionali lanalogia con lo spazio ordinario R3 ` e ancora abbastanza stretta, per cui si vede abbastanza bene il signicato della frase x vicino a y. Invece in spazi a dimensioni innite risulta dicile farsi una idea geometrica intuitiva dei concetti in questione ed occorre appellarsi al ragionamento ed a denizioni rigorose.

2.1.1

Insiemi aperti

Alla base della topologia si trova il concetto di insieme aperto. Tramite gli insiemi aperti vengono stabiliti infatti i concetti di continuit` a e di limite. Solitamente si introducono dapprima le nozioni fondamentali degli spazi metrici (in cui cio` e si denisce una distanza tra i punti), quindi, basandosi sulle propriet` a della distanza, si deniscono gli insiemi aperti. Si pu` o del resto agire altrimenti, senza introdurre una metrica, ma denire in un dato insieme un sistema di insiemi aperti in maniera assiomatica richiedendo solo le propriet` a essenziali. Questo metodo garantisce una maggiore libert` a dazione e conduce alla classe degli spazi topologici nei confronti dei quali gli spazi metrici rappresentano un caso particolare. Def. 2.1 (Spazio topologico) Sia X un insieme non vuoto (il supporto della topologia), una topologia su X ` e una famiglia A di sottoinsiemi A X , detti aperti con le seguenti caratteristiche: i) Linsieme vuoto e tutto il supporto sono aperti:

r A,
Ai con I insieme di indici.

A.

i I

(2.1)

ii) Lunione di una collezione arbitraria di insiemi aperti ` e un insieme aperto:

A , i I

Ai

A,

(2.2)

iii) Lintersezione di una collezione nita di insiemi aperti ` e un insieme aperto: Ai

A , i  1, 2, . . . , N (nito)

N i 1

Ai

A.

(2.3)

Linsieme X con la topologia A in esso assegnata, cio` e la coppia pX, Aq, viene detto spazio topologico.

2.1 Spazi topologici.

115

Osservazione. Osserviamo che, in base alla denizione assiomatica data, il concetto di aperto non ` e necessariamente una propriet` a dellinsieme in s` e, ma dipende da come sono deniti globalmente tutti i possibili insiemi aperti. Preso singolarmente non possiamo dire a priori se un insieme ` e aperto oppure no, tale propriet` a dipende dalle sue relazioni con gli altri insiemi aperti, cio` e dal contesto topologico in cui operiamo. Le propriet` a essenziali degli insiemi aperti sono individuate nelle operazioni insiemistiche di unione e intersezione. Una topologia ` e una collezione chiusa rispetto a tali operazioni. Tramite lappartenenza di diversi elementi di X al medesimo sottoinsieme aperto o ad aperti distinti si formalizzano le nozioni intuitive di vicinanza o lontananza tra essi, senza ricorrere ad una valutazione di natura metrica. Esempio 2.1 Consideriamo nellinsieme R dei numeri reali (la retta reale) la nozione (quasi intuitiva) di insieme aperto. Dato un sottinsieme A dei numeri reali, verichiamo la sua apertura se, preso un qualsiasi punto p A, possiamo trovare un intervallo (sottinteso aperto) del tipo: sa, br  t x R ; a x b u , a b ,

con a p b, tutto contenuto in A: sa, br A. Questa verica sembra denire un aperto in maniera intrinseca, ma proprio le propriet` a di tali insiemi hanno fornito il modello per una loro astrazione. Possiamo dare una denizione ugualmente elementare di insiemi aperti della retta reale: un aperto ` e un qualsiasi sottoinsieme della retta che risulti unione ` immediato controllare (arbitraria) di intervalli del tipo sa, br, oppure linsieme vuoto r. E la validit` a delle propriet` a della denizione 2.1. Riguardo allultima propriet` a osserviamo che lintersezione di inniti intervalli aperti del tipo:

a x a

con a positivo ma arbitrario,

risulta costituito dal solo punto tx  0u che non ` e un insieme aperto. Si pu` o allora capire che ` e necessario limitare lintersezione ad un numero nito di aperti per avere ancora un aperto.

Esempio 2.2 Se X $ r, possiamo denire come aperto un qualsiasi sottoinsieme di X (compreso X stesso e linsieme vuoto r). La topologia risultante viene detta discreta oppure massimale. La denominazione discreta deriva dal fatto che con questa topologia ogni punto ` e separato dagli altri ed ` e vicino solo a s` e stesso.

Esempio 2.3 Sia X un insieme arbitrario e deniamo come soli aperti linsieme vuoto r e X stesso: A  tr, X u . Otteniamo in questo modo la topologia detta banale o minimale e si ottiene uno spazio di punti incollati (la topologia non riesce a distinguere tra un punto e laltro, tutti i punti

116

Capitolo 2 Topologia.

sono vicini tra loro, non ` e possibile trovare due punti diversi appartenenti ad aperti distinti).

I due esempi precedenti non forniscono delle topologie veramente utili in pratica, la loro importanza ` e solo teorica, di esistenza. Comportano che ` e sempre possibile denire una topologia in un qualsiasi insieme non vuoto e costituiscono degli estremi entro cui delimitare qualsiasi topologia. Il seguente esempio ci permette di aermare che possiamo denire una topologia anche in un insieme discreto. Esempio 2.4 Sia X aperti:

 ta, b, cu costituito da soli tre elementi e deniamo la famiglia di


A  tr, X, tau, ta, buu .

Le propriet` a della denizione 2.1 sono vericabili direttamente.

2.1.2

Insiemi chiusi

Una volta deniti gli aperti possiamo denire gli insiemi chiusi in maniera banale come i loro complementari. Def. 2.2 Gli insiemi del tipo C  X zA, complementari di insiemi aperti A in uno spazio topologico X sono detti chiusi: C chiuso X zC aperto. Dagli assiomi sugli aperti, utilizzando le relazioni di dualit` a: 1) il complementare dellunione ` e uguale allintersezione dei complementari: Xz

(2.4)

 pX zWq ;

(2.5)

2) il complementare dellintersezione ` e uguale allunione dei complementari: Xz


 pX zWq ;

(2.6)

si ottengono facilmente le propriet` a dei chiusi (notiamo che nelle relazioni di dualit` a non viene richiesta alcuna restrizione alle unioni ed intersezioni e le relazioni sono valide per collezioni arbitrarie di insiemi W ).

2.1 Spazi topologici.

117

Teo. 2.1 Sia X uno spazio topologico. Allora la famiglia C costituita dagli insiemi chiusi in X gode delle seguenti propriet` a: i) Linsieme vuoto

r e tutto X sono chiusi: r C, X


Ci

C.

(2.7)

ii) Lintersezione di una collezione arbitraria di insiemi chiusi ` e un insieme chiuso:

C , i I

i I

Ci

C,

(2.8)

con I insieme di indici. iii) Lunione di un numero nito di insiemi chiusi ` e un insieme chiuso: Ci

C , i  1, 2, . . . , N (nito)

N i 1

Ci

C.

(2.9)

Osservazione. Risulta evidente che la topologia poteva essere denita tramite i chiusi e le loro propriet` a, denendo in seguito gli aperti come i loro complementari e deducendone le propriet` a mediante le relazioni di dualit` a. Riguardo alla necessit` a che per garantire la chiusura occorre limitare lunione di chiusi ad un numero nito, si consideri il seguente esempio sulla retta reale. Lunione di inniti intervalli chiusi del tipo:

tx ;

1 n

x 1u ,

n N, n 0,

risulta lintervallo 0 x 1, non chiuso. Notiamo che non ` e proibito avere insiemi contemporaneamente sia aperti che chiusi. Nel caso della topologia discreta tutti i sottoinsiemi di X sono sia aperti che chiusi. Esempio 2.5 Riprendendo lesempio 2.4 i chiusi sono costituiti dagli insiemi: C
2

r, X, tb, cu, tcu tbu , ta, cu .

e si possono vericare direttamente le relative propriet` a. Rimangono esclusi dalla famiglia degli aperti e da quella dei chiusi i seguenti sottoinsiemi:

118

Capitolo 2 Topologia.

2.1.3

Topologia indotta e topologia generata

Una volta denita una topologia in un insieme X , un qualsiasi suo sottoinsieme Y X pu` o essere considerato uno spazio topologico denendo in Y la topologia indotta da X in questo modo: Def. 2.3 Un sottoinsieme O O A Y.

` e aperto in Y se esiste un aperto A di X tale che

e, come conseguenza, abbiamo che W Y ` e chiuso in Y se e solo se esiste un chiuso C ` di X tale che W  C Y . E semplice vericare che gli insiemi aperti in Y cos` deniti vericano le condizioni degli aperti per cui Y diviene uno spazio topologico a tutti gli eetti. Mediante il concetto di topologia indotta si vuole mettere in evidenza la compatibilit` a tra la topologia di Y e quella di X . Notiamo per` o che Y stesso risulta contemporaneamente sia aperto che chiuso (Y  X Y ) nella topologia indotta senza essere necessariamente aperto o chiuso nella topologia di X . Analogamente non possiamo aermare in generale che se O ` e aperto in Y esso risulti (come sottoinsieme di X ) aperto anche nella topologia di X . Supponiamo ora che su un medesimo insieme di supporto X non vuoto siano denite due topologie T1 e T2 , cio` e due collezioni di insiemi che vericano le richieste della denizione 2.1. Risultano allora deniti due spazi topologici pX, T1 q e pX, T2 q. Si pone immediatamente il problema della confrontabilit` a delle due topologie. Def. 2.4 Si dice che la topologia T2 ` e pi` u forte o pi` u ne di T1 se ogni aperto di T1 ` e anche un aperto di T2 . Possiamo anche dire in tal caso che T1 ` e pi` u debole di T2 . In pratica ci` o signica che la topologia pi` u forte ha un numero di aperti maggiore di quella pi` u debole. Confrontando le collezioni di aperti abbiamo insiemisticamente T1 T2 . Non ` e detto in generale che due topologie siano confrontabili tra loro, comunque la collezione di tutte le topologie possibili in X risulta parzialmente ordinata in modo naturale (la topologia T1 precede T2 se T1 ` e pi` u debole di T2 , cio` e T1 T2 ). Tale collezione di topologie possibili ha per` o un elemento massimale, identicabile con la topologia in cui tutti gli insiemi sono aperti (topologia discreta) che risulta ovviamente pi` u forte di qualsiasi altra topologia, ed un elemento minimale, cio` e la topologia banale in cui sono aperti solo il vuoto e X (topologia dei punti incollati). Teo. 2.2 Lintersezione di un insieme qualsiasi di topologie: T

in X ` e ancora una topologia e risulta pi` u debole di ciascuna topologia T .

2.1 Spazi topologici.

119

` chiaro che lintersezione T contiene sia X che il vuoto r. Inoltre, dal Dim. 2.2 E fatto che ciascuna topologia T ` e chiusa rispetto a unioni arbitrarie e ad intersezioni nite, risulta che anche lintersezione T gode di tali propriet` a. Come conseguenza abbiamo che se B ` e una famiglia qualsiasi di sottoinsiemi di X allora esiste una topologia minimale in X contenente B (lesistenza di topologie contenenti B` e garantita dal fatto che nella topologia discreta tutti gli insiemi sono aperti), e tale topologia coincide con lintersezione di tutte le topologie contenenti B. Def. 2.5 Sia B una famiglia di insiemi in uno spazio X . Lintersezione di tutte le topologie contenenti B ` e detta topologia generata dal sistema B e la indicheremo con pBq.

2.1.4

Punti interni, esterni, di frontiera

Mediante gli aperti ` e possibile caratterizzare i punti relativamente ad un insieme. Sia quindi X uno spazio topologico, A un suo sottoinsieme, e diamo le seguenti denizioni. Def. 2.6 Un punto x A ` e detto interno ad A se esiste un aperto O contenente x e tutto contenuto in A: x O A. Linsieme dei punti interni ad A viene detto interno di A e indicato con IntpAq oppure A .

Def. 2.7 Un punto x ` e detto di aderenza ad A se per ogni aperto O contenente x si ha O A $ r. Linsieme dei punti di aderenza costituisce la chiusura di A e viene indicato con A . Con tali denizioni si comincia a formalizzare la nozione di vicinanza. Intuitivamente infatti i punti interni sono quelli che hanno come vicini solo punti dellinsieme e sono separati, cio` e lontani, dal complementare. Quelli di aderenza risultano invece i punti che hanno vicino a s` e elementi dellinsieme. Notiamo che un punto di aderenza per A non deve necessariamente appartenere ad A. Come conseguenza delle denizioni poste abbiamo che: Teo. 2.3 IntpAq rappresenta laperto pi` u grande (massimale rispetto alla relazione dordine di inclusione insiemistica) contenuto in A, e coincide con lunione di tutti gli aperti contenuti in A: A  O, pO apertoq. (2.10)

O A inoltre se A ` e aperto si ha A  A , cio` eA` e aperto se e solo se tutti i suoi punti sono

interni.

120

Capitolo 2 Topologia.

La chiusura A risulta invece linsieme chiuso pi` u piccolo (minimale rispetto alla relazione dordine di inclusione insiemistica) contenente A, e coincide con lintersezione di tutti i chiusi contenenti A: A

C A

C,

pC chiusoq.

(2.11)

e se A ` e chiuso allora A  A , cio` eA` e chiuso se e solo se tutti i suoi punti di aderenza appartengono a A.

Dim. 2.3 La caratterizzazione dellinterno ` e immediata. Infatti se x ` e interno ad A (x A ), allora esiste un aperto O contenente x e contenuto in A per cui x appartiene allunione di tutti gli aperti contenuti in A. Viceversa, se x appartiene a tale unione (x OA O), x apparterr` a ad almeno un aperto contenuto in A, per cui x ` e interno ad A. Questo prova la relazione (2.10), ed in particolare A risulta aperto. Chiaramente si ha sempre A A, e se A ` e aperto allora esso stesso ` e un aperto contenuto in A e quindi contenuto in A (equazione 2.10), per cui A  A . Per quanto riguarda la caratterizzazione della chiusura, consideriamo un punto x di aderenza per A e sia C un qualsiasi chiuso contenente A. Se, per assurdo x non appartenesse a C , allora x apparterrebbe al complementare X zC , aperto e ad intersezione vuota con A, e ci` o contraddice lipotesi che x sia di aderenza. Viceversa se x appartiene a tutti i chiusi C contenenti A, consideriamo un aperto O contenente x. Se, per assurdo, fosse O A  r, allora il complementare di O risulterebbe un chiuso contenente A ma non x, che contraddice lipotesi fatta su x. Pertanto O A $ r e x ` e di aderenza. Ci` o prova la relazione (2.11) e che A ` e un insieme chiuso. Chiaramente per ogni insieme A si ha A A , e se A ` e chiuso egli stesso forma uno dei chiusi contenenti A, per cui (vedi lequazione 2.11) A A, e A  A . Altre caratteristiche relative tra un punto ed un insieme danno luogo alle seguenti denizioni. Def. 2.8 Sia A un insieme in uno spazio topologico X . Allora un punto x X` e detto di accumulazione per A se per ogni aperto O contenente x si ha pOztxuq A $ r. Linsieme dei punti di accumulazione per un insieme A viene detto derivato di A e lo indicheremo con DpAq.

Def. 2.9 Se x A e x non ` e di accumulazione per A allora x ` e detto punto isolato di A. In caso contrario, se x A e x ` e di accumulazione per A, viene detto non isolato.

2.1 Spazi topologici.

121

Osservazione. Notiamo che un punto di accumulazione risulta anche di aderenza. Lunica distinzione nella dierenza tra le denizioni di punto di aderenza e punto di accumulazione ` e di togliere x dallaperto che lo contiene, per cui si prescinde dallappartenenza o meno di x allinsieme. Un punto di accumulazione deve avere vicino punti dellinsieme diversi da s` e stesso. Chiaramente aggiungendo ai punti di accumulazione i punti dellinsieme stesso otteniamo tutti i punti di aderenza per cui se A ` e un insieme possiamo dire: A  A DpAq . (2.12) Inoltre possiamo dire che A ` e chiuso se contiene tutti i suoi punti di accumulazione: A  A

DpAq A .

(2.13)

Def. 2.10 Sia A un insieme in uno spazio topologico X . Allora un punto x X ` e detto esterno per A se ` e interno al complementare di A. x ` e detto di frontiera per A se x non ` e n` e interno n` e esterno per A. Mediante gli aperti si possono denire gli intorni di un punto. Def. 2.11 Sia X uno spazio topologico e x X . Deniamo un intorno di x un qualsiasi insieme U che contiene un aperto O della topologia contenente il punto x: x O  O U . Sostanzialmente un intorno di x ` e un qualsiasi insieme contenente x al suo interno. Non imponiamo che un intorno sia aperto o chiuso, ma solo il fatto che un intorno debba contenere un aperto, cio` e che x risulti un punto interno. Ci` o permette spesso di poter usare gli intorni alla stessa maniera degli aperti, senza preoccuparsi del fatto che un intorno possa essere non aperto. Nelle denizioni precedenti avremmo potuto usare intorni al posto di aperti. Potremmo ad esempio denire che un punto ` e interno ad un insieme se esiste un intorno del punto tutto contenuto nellinsieme. Quando sar` a necessario si specicher` a che lintorno ` e aperto, e in tal caso si indicher` a in pratica un aperto contenente il punto.

2.1.5

Sistemi fondamentali di intorni

Come si ` e visto, assegnare una topologia nello spazio X vuol dire assegnarvi un sistema di insiemi aperti. Nei problemi concreti ` e comodo assegnare non tutta la topologia ma solo una famiglia di insiemi aperti in base alla quale si determina la collezione di tutti gli insiemi aperti. Questo porta alla denizione di base di uno spazio topologico come una famiglia B di insiemi aperti tale che ogni aperto di X possa esprimersi come unione di insiemi di B. Volendo essere pi` u formali possiamo dare la seguente denizione equivalente:

122

Capitolo 2 Topologia.

Def. 2.12 Una famiglia B di insiemi ` e una base per una topologia su X se valgono le seguenti condizioni: i) Il vuoto ` e un elemento della base:

r B.
ii) Il supporto X si ottiene dalla base:

B B

(2.14)

X.

(2.15)

iii) Se B1 e B2 appartengono alla famiglia B, la loro intersezione si ottiene dalla base stessa: B1 B2  B (2.16) per un opportuno sottoinsieme B B.
B B

Le basi di una topologia costituiscono spesso lo strumento principe per considerare propriet` a relative ai singoli punti x X , per cui forniscono dei sistemi fondamentali di intorni per lo studio delle propriet` a topologiche. Mostriamo ora che la denizione ` e ben posta, cio` e che una base secondo la denizione 2.12 denisce eettivamente una topologia. Teo. 2.4 Sia X un insieme e B una base per una topologia su X . Poniamo UB cio` e: U

 tU X ;

U unione di elementi di Bu , U

UB

B BU

con BU B collezione di insiemi della base. Allora UB ` e una topologia su X , coincidente con la topologia pBq generata da B: pBq  UB . (2.18)

B,

(2.17)

Dim. 2.4 Linsieme UB denisce una topologia su X . Infatti: Il vuoto r B, per cui r UB , mentre, per la propriet` a ii) della denizione 2.12 di base, X stesso risulta unione di elementi di B, per cui X UB .

2.1 Spazi topologici.

123

Se V UB allora risulta

V V

V V

B BV

r B B

B,

con BV collezione di insiemi della base che compongono V , e:


r  B
V V

BV ,

per cui la propriet` a di chiusura rispetto allunione ` e vericata. La propriet` a di chiusura rispetto alla intersezione nita si dimostra facilmente per induzione utilizzando la propriet` a iii) della denizione 2.12 di base. Risulta inoltre evidente che pBq  UB . Infatti, essendo UB una topologia contenente gli insiemi di B, ` e sicuramente pi` u ne della topologia minimale pBq: pBq UB . Daltra parte, se U UB allora U ` e unione di elementi di B e deve appartenere a qualsiasi topologia contenente B, per cui UB pBq. Sostanzialmente una topologia pu` o essere denita specicando una famiglia di insiemi che vericano la denizione 2.12. Mediante tali insiemi di base, che risultano ovviamente aperti, costruiamo qualsiasi altro aperto. Ad esempio sulla retta reale gli intervalli aperti s a, b r  tx R; a x bu costituiscono la base naturale per la topologia ordinaria dei numeri reali. Se abbiamo due basi B1 , B2 per due topologie su X allora le due basi si dicono equivalenti se generano la stessa topologia UB1  UB2 . Teo. 2.5 Sia X un insieme e B1 , B2 basi per due topologie su X . Le due basi sono equivalenti se e solo se: i) Per ogni x X ed ogni B1 x B2 B1 . ii) Per ogni x X ed ogni B2 x B1 B2 .

B1 con x B1 esiste un aperto B2 B2 tale che B2 con x B2 esiste un aperto B1 B1 tale che

Dim. 2.5 Assumiamo dapprima come ipotesi che le due basi siano equivalenti e sia x B1 B1 . Allora B1 UB1  UB2 , per cui: B1

B2 ,

r2 B2 B

r 2 B2 , per cui, dato x B1 , possiamo selezionare un per un opportuno sottoinsieme B r 2 che verica la propriet` elemento B2 pxq B a i) del teorema. Analogamente si dimostra la propriet` a ii).

124

Capitolo 2 Topologia.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

q x

Figura 2.1: Equivalenza di topologie. Viceversa supponiamo valide le propriet` a i) e ii) e sia B1 B1 . Allora, per la propriet` a i), per ogni x B1 esiste B2 pxq B2 tale che B2 pxq B1 . Possiamo dire che: B1

x B1

B2 pxq B1 ,

cio` e B1 ` e unione di insiemi della base B2 : B1

x B1

B2 pxq ,

da cui B1 UB2 e UB1 UB2 . Nello stesso modo la propriet` a ii) del teorema implica che UB2 UB1 e quindi UB1  UB2 . Esempio 2.6 In R2 possiamo denire una base come la collezione di dischi aperti:

tpx, yq R2 ; px x0q2 py y0q2 r2u ,


oppure possiamo denire una base tramite i rettangoli aperti:

tpx, yq R2 ;

x1

x x2 ,

y1

y y2 u .

Le due basi sono evidentemente equivalenti in quanto ogni cerchio lo possiamo pensare interno ad un rettangolo ed ogni rettangolo lo possiamo pensare incluso allinterno di una circonferenza (vedi gura 2.1).

2.2 Spazi metrici.

125

2.2

Spazi metrici.

Vediamo ora un caso importante di spazi topologici, i cosidetti spazi metrici, nei quali ha senso parlare di distanza tra i punti.

Def. 2.13 Sia X un insieme in cui sia denita una applicazione:

X R , che goda delle seguenti propriet` a (x, y, z X ):


d : X ` una funzione positiva: i) E 0 dpx, y q V . dpx, y q  0 ` una funzione simmetrica: iii) E (2.19)

` strettamente denita positiva: ii) E

x  y .

(2.20)

dpx, y q  dpy, xq . dpx, y q dpx, z q dpz, y q .

(2.21)

iv) Verica la disuguaglianza triangolare: (2.22)

Allora lapplicazione d ` e detta distanza e si dice che nello spazio X ` e denita una metrica. La coppia pX, dq denisce uno spazio metrico, o pi` u semplicemente che X ` e uno spazio metrico.

z s d d d d d d d s ds

Figura 2.2: Disuguaglianza triangolare.

126 Esempio 2.7 Nello spazio Rn la distanza usuale ` e denita da: dpx, y q 
g f n f e xj
j 1

Capitolo 2 Topologia.

p yj q2 . yj | .
yT

(2.23)

Una distanza alternativa pu` o essere invece: dpx, y q  max |xj


1 j n

(2.24)

................................. ...... ..... . . . ... ... . . . . . . . . . .r E . . . . . x . . . ... . . . .... ...... .... ...................................

yT

rE x

ax

y2  r

max

t|x|, |y|u  r

Figura 2.3: Distanze in R2 . Notiamo che con la distanza (2.23) in R2 abbiamo lusuale rappresentazione geometrica delle circonferenze di dato raggio, mentre la distanza (2.24) da luogo a circonferenze di forma quadrata coi bordi paralleli agli assi coordinati (gura 2.3). Esempio 2.8 Sia X un insieme qualsiasi e consideriamo linsieme FpX q delle funzioni limitate su X : 4 B F pX q  f : X

R ; sup |f pxq| V
x X

e deniamo in FpX q la distanza:

(2.25)

dpf, g q  sup |f pxq g pxq| ,


x X

(la condizione di limitatezza imposta nella costruzione di FpX q ci garantisce lesistenza di tale estremo superiore per ogni scelta di f e g ). Lunica propriet` a non immediata ` e la disuguaglianza triangolare. Dalle propriet` a del valore assoluto in R sappiamo che: per ogni x X , per cui considerando lestremo superiore al variare di x X otteniamo la disuguaglianza triangolare per la distanza in FpX q: sup |f pxq g pxq| sup |f pxq hpxq| sup |hpxq g pxq| .
x X

(2.26)

|f pxq gpxq| |f pxq hpxq| |hpxq gpxq|

x X

x X

2.2 Spazi metrici.

127

Esempio 2.9 Sia X un insieme arbitrario (non vuoto) e deniamo in X la metrica discreta: 5 1 se x $ y , dpx, y q  (2.27) 0 se x  y . Questa denizione verica banalmente le propriet` a di distanza, ma in pratica distingue solamente i punti tra di loro.

Notiamo che dalla propriet` a iv) della denizione 2.13 abbiamo anche:

|dpx, zq dpz, yq| dpx, yq d x, y, z .


Infatti:

(2.28)

dpx, zq dpz, yq dpx, yq , dpz, y q dpz, xq dpx, y q dpz, y q dpx, z q dpx, y q ,


e si formalizza un risultato di base della geometria: ogni lato di un triangolo ` e minore della somma e maggiore della dierenza degli altri due lati. La propriet` a dei triangoli iv) pu` o essere estesa per induzione a sequenze (nite) di punti nello spazio (cio` e a un poligono): dpx, y q
n j 0

dpx, z q dpx, y q dpy, z q

dpxj , xj 1 q , con x0

 x,

xn1

y

e xk arbitrari, k

 1, ..., n.

Vediamo ora come costruire una topologia tramite la distanza. Deniamo la sfera (aperta) centrata in un punto x e raggio r, e tramite le sfere, deniamo gli insiemi aperti: Def. 2.14 Sia x X con X spazio metrico, r un numero reale (positivo). Deniamo la sfera (aperta) di centro x e raggio r linsieme: S px, rq  ty e diciamo che un sottoinsieme O di sfere del tipo S px, rq:

X : dpx, yq ru ,
S px , r q ,

(2.29)

X (metrico) ` e aperto se risulta vuoto oppure unione


O

(2.30)

con A opportuno insieme di indici.

128

Capitolo 2 Topologia.

Osservazione. Abbiamo ristretto i possibili raggi a numeri positivi. Potevamo anche lasciare arbitrario il raggio, facendo rientrare nella denizione di sfera anche linsieme vuoto, ma vogliamo garantirci che quando diremo esiste una sfera questa sia non vuota (conterr` a almeno il suo centro) ed abbia un raggio nito e positivo. Questo implica linserzione esplicita del vuoto stesso nella costruzione della topologia costruita con le sfere. Occorre mostrare che la denizione posta ha senso, cio` e che la famiglia di aperti di cui sopra denisce una topologia. Ovviamente linsieme vuoto r risulta aperto mentre X stesso si pu` o ottenere considerando lunione di tutte le possibili sfere con un raggio pressato (ad esempio 1): X

x X

S px, 1q .

Se consideriamo una collezione arbitraria di aperti O , essendo ognuno di essi una unione di sfere, anche la loro unione ` e ancora una unione di sfere, per cui la propriet` a dellunione ` e banalmente soddisfatta.

S px2 , r2 q ............................... ...... ......................................... ............ . . . . ...... ...... ... ..... .... ....... .... . . . . . ... .. ......................... . ... . . . ....... ........ . . . . . . . . . .  . . . . . . . r . . . . . . . . . . . . . . .  . . . . . . . . . . . . . . . . r .  . . . . r  . . . . . . . . . x1 x2 . . . . . . . . . . . . . . . ... .. .. ... . . . . . ... .... ... .. .... ........ ..... . ..... . . . . . . . ....... .. ... ... ............................................ ................................... S px1 , r1 q

Figura 2.4: S1

S2

x S1

S2

S px, pxqq.

Per mostrare la propriet` a dellintersezione cominciamo col mostrare che lintersezione di due sfere ` e un aperto (cio` e a sua volta unione di sfere). Siano S1  S px1 , r1 q, S2  S px2 , r2 q due sfere a intersezione non vuota (in caso contrario abbiamo che il vuoto ` e un insieme aperto), e sia x S1 S2 , allora dpx, x1 q r1 , dpx, x2 q r2 , ed esiste un numero positivo pxq tale che dpx, x1 q pxq r1 ,

dpx, x2 q pxq r2 ,

2.2 Spazi metrici.

129

allora tutta la sfera S px, pxqq ` e sicuramente contenuta nellintersezione S1 se z S px, pxqq: dpx2 , z q dpx2 , xq dpx, z q dpx2 , xq pxq r2 . Lintersezione risulta allora unione delle sfere cos` costruite: S1

S2 , infatti,

dpx1 , z q dpx1 , xq dpx, z q dpx1 , xq pxq r1 ,

S2

x S1

S px, pxqq
S2

ed ` e quindi un aperto secondo la denizione data. Supponiamo ora di avere un numero nito di aperti Oj , j costruito come unione di sfere: Oj Abbiamo O1

 1, . . . , N , ognuno dei quali

Aj

S px , r q .

O2

 

1 A1


1 ,2

S px1 , r1 q

2 A2

S px1 , r1 q

S px2 , r2 q

S px2 , r2 q ,

ma abbiamo visto che lintersezione di due sfere ` e un aperto, per cui anche lintersezione O1 O2 risulta un aperto. Per induzione otteniamo che lintersezione di un numero nito N di aperti ` e ancora un aperto. In pratica abbiamo vericato che le sfere aperte costituiscono una base per la topologia di uno spazio metrico. Potremmo ridenire un insieme aperto se per ogni suo punto x esiste una sfera aperta centrata nel punto e tutta contenuta nellinsieme. Infatti se x appartiene ad un aperto O come denito sopra, allora x apparterr` a ad una sfera centrata in un punto y e raggio r e contenuta nellaperto O: dpx, y q r , allora scelto un numero reale r1 , positivo e inferiore a r dpx, y q:

r dpx, yq , tutta la sfera S px, r1 q risulta contenuta in S py, rq e nellinsieme O.


r1 Con la denizione di distanza ordinaria (esempio 2.7) tra elementi in Rn ritroviamo lusuale topologia degli aperti in Rn , mentre con la distanza discreta (esempio 2.9) determiniamo la topologia discreta.

130

Capitolo 2 Topologia.

Abbiamo puntualizzato nella denizione di sfera (2.29) come questa sia aperta (ancora prima di denire gli aperti) per distinguerla dalla denizione di sfera chiusa: Sc px, rq  ty

X : dpx, yq ru ,

(2.31)

che risulta un insieme chiuso. Sia infatti z appartenente al complementare di Sc px, rq; allora dpz, xq r, e, scelto un numero reale positivo r1 dpz, xq r, la sfera (aperta) di raggio r1 e centro z ` e tutta contenuta nel complementare di Sc px, rq. Infatti se y S pz, r1 q abbiamo

dpy, xq dpz, xq r1

dpz, xq dpy, xq dpz, y q dpy, xq r1 ,

Scpx, rq .

Esempio 2.10 Notiamo che possono esistere delle metriche in cui vi sono degli insiemi che sono contemporaneamente sia aperti che chiusi. Consideriamo ad esempio la metrica discreta dellesempio 2.9. Abbiamo S px, rq  Sc px, rq 
5

tx u
X

tx u

1 r1 r1 r1
r

e qualsiasi insieme in X risulta contemporaneamente aperto e chiuso (essendo il suo complementare aperto). Tale esempio mostra anche che non ` e detto che S px, rq  Sc px, rq, oppure che Sc px, rq  S px, rq. Infatti con la metrica discreta abbiamo:

 t xu Sc px, 1q  X S px, 1q  txu Sc px, 1q  X


La metrica permette di dare un signicato al concetto di insieme limitato. Infatti possiamo denire un insieme come limitato se esiste una sfera (di raggio nito) che contiene tutto linsieme.

S px, 1q

2.3 Propriet` a topologiche

131

2.3

Propriet` a topologiche

Vediamo quali propriet` a possono presentare i possibili sottoinsiemi o tutto lo spazio in conseguenza della scelta di una topologia.

2.3.1

Insiemi compatti

Def. 2.15 Sia Y un insieme di uno spazio topologico X . Una collezione di insiemi R  tA , Au ` e detto un ricoprimento di Y se Y

A ,

e il ricoprimento ` e detto nito se linsieme degli indici A ` e nito. Se il ricoprimento ` e formato con insiemi aperti in X allora il ricoprimento ` e detto ricoprimento aperto. Analogamente possiamo denire un ricoprimento chiuso. Se R  tA , Au ` e un ricoprimento di Y , RI R, e RI ` e esso stesso un I ricoprimento di Y , si dice che R ` e un sottoricoprimento. Def. 2.16 Sia X uno spazio topologico e Y X . Y ` e detto compatto se da ogni ricoprimento aperto: Y O , O aperto ,

` e possibile estrarre un sottoricoprimento nito: Y

N i 1

Oi .

In particolare se questo ` e vero per tutto lo spazio topologico X diremo che X ` e uno spazio topologico compatto. In questo caso linclusione sopra ` e in realt` a unuguaglianza (non abbiamo sovrabbondanza): X

N i 1

Oi ,

O aperto.

Abbiamo immediatamente il seguente risultato: Teo. 2.6 Sia X uno spazio topologico compatto. Allora ogni sottoinsieme chiuso C di X` e compatto.

132

Capitolo 2 Topologia.

Dim. 2.6 Supponiamo di avere un ricoprimento aperto di C : C

O ,

gli insiemi O , assieme al complementare di C , X zC , formano un ricoprimento aperto di ` allora possibile estrarre un sottoricoprimento nito (che non ` X. E e restrittivo assumere che contenga anche X zC ) di X : X

N i 1

Eliminando X zC (sicuramente C non ` e sottoinsieme del suo complementare) otteniamo un ricoprimento nito di C . Il viceversa (cio` e che un insieme compatto sia anche chiuso) non ` e immediato e vedremo in seguito sotto quali condizioni vericare ci` o.

pO q pX zC q .
i

2.3.2

Spazi di Hausdor

Essendo i punti distinti la loro distanza ` e non nulla, dpx, y q 0, e basta allora scegliere e positivi e tali che dpx, y q. In questo modo ` e impossibile trovare un punto z appartenente allintersezione delle due sfere perch` e in tal caso si avrebbe: dpx, y q dpx, z q dpz, y q

Osserviamo ora che se siamo in uno spazio metrico M , possiamo denire una topologia, ma la struttura dello spazio risulta molto pi` u ricca di un semplice spazio topologico. Ad esempio, grazie alla nozione di distanza, possiamo sempre separare nettamente tra loro i punti. Se abbiamo x, y M con x $ y allora esistono due sfere aperte S px, q, S py, q a intersezione vuota: S px, q S py, q  r .

in contraddizione con la scelta operata. Questa semplice propriet` a di separazione tra i punti pu` o essere generalizzata come una propriet` a (individuata da Hausdor1 ) che uno spazio topologico pu` o o non pu` o avere.
Felix Hausdor (Breslau, Germania, 8 novembre 1868 Bonn, Germania, 26 gennaio 1942) ` e stato un matematico tedesco. Si laure` o presso lUniversit` a di Leipzig e ottenne il dottorato di ricerca nel 1891. Ivi insegn` o matematica no al 1910, nch e non ottenne la stessa cattedra allUniversit` a di Bonn. In questo periodo forn` grandi contributi alla teoria dei gruppi. Tra i fondatori della topologia moderna, contribu` in modo signicativo anche alla teoria degli insiemi e allanalisi funzionale. Den` e studi` o gli insiemi parzialmente ordinati, gli spazi di Hausdor e le dimensioni di Hausdor. Elabor` o il principio di massimalit` a di Hausdor e la soluzione a ci` o che ora viene denito il problema del momento di Hausdor. Pubblic` o anche testi letterari e losoci con lo pseudonimo di Paul Mongr e.
1

2.3 Propriet` a topologiche

133

Def. 2.17 (Assioma di Hausdor ) Uno spazio topologico X ` e detto spazio separato o spazio di Hausdor, se per ogni x, y X con x $ y esistono un intorno Ox di x e un intorno Oy di y disgiunti tra loro: Ox

Oy

 r,

x Ox , y

Oy .

Vediamo con qualche esempio che la propriet` a di Hausdor pu` o non essere vericata da una scelta di topologia. Esempio 2.11 Sulla retta reale deniamo come aperti le semirette: Sy

 tx R ; x yu .

Le propriet` a degli aperti sono banalmente vericate, ma non ` e possibile trovare due aperti disgiunti. Se consideriamo due punti distinti x, y , con x y ad esempio, scelto z in posizione intermedia, x z y , allora y appartiene a Sz , intorno aperto di y non contenente x (ma non possiamo trovare un intorno aperto di x che non contenga y ). Questo esempio mostra tuttavia una debole separazione tra i punti, nel senso che, dati due punti distinti x, y , ` e possibile trovare un intorno di x che non contiene y , oppure un intorno di y che non contiene x. Si parla in questo caso di uno spazio topologico di Kolmogorov2 .

Esempio 2.12 Sia X un insieme innito e deniamo gli aperti come la famiglia: O  tr, X, pX zF q, con F sottoinsieme nito di X u , cio` e un insieme ` e aperto se si ottiene da X togliendo un numero nito di punti. Potremmo dire che abbiamo denito un insieme chiuso come un insieme discreto formato da un numero nito di punti. Chiaramente sono vericate le propriet` a dei chiusi e gli aperti, loro complementari, deniscono una topologia. In tale topologia, dati due punti distinti x e y , ` e possibile determinare un intorno di x che non contiene y , e un intorno di y che non contiene x (propriet` a che denisce uno
2 Andrej Nikolaevi c Kolmogorov (Tambov, 25 aprile 1903 Mosca, 20 ottobre 1987) ` e stato un matematico russo che comp` importanti progressi in diversi campi accademici: tra questi la teoria delle probabilit` a, la topologia, la logica intuizionista, la turbolenza, la meccanica classica e la complessit` a computazionale.

134 spazio topologico di Fr` echet3 ): Ox  X zty u, Oy modo che tali intorni siano disgiunti.

Capitolo 2 Topologia.

 X ztxu.

Non ` e possibile per` o fare in

Osservazione. In uno spazio topologico di Fr` echet un punto singolo costituisce un insieme chiuso. Infatti se x $ y esiste un intorno Oy di y non contenente x, per cui Oy ` e tutto contenuto nel complementare dellinsieme txu. Tale complementare ` e quindi aperto (ogni punto ` e interno). Ricordiamo che un intorno di un punto deve contenere un aperto contenente il punto. Vale anche il viceversa, cio` e se la topologia ` e tale che linsieme costituito da un solo punto txu ` e chiuso per ogni x allora vale lassioma di Fr echet. Infatti se y $ x il complementare di txu ` e un intorno di y non contenente x e il complementare di ty u ` e un intorno di x non contenente y . La propriet` a di Hausdor, che per quanto visto sopra ` e vericata dagli spazi metrici, garantisce il seguente risultato che completa sostanzialmente il teorema 2.6. Teo. 2.7 Sia X uno spazio di Hausdor, allora ogni sottoinsieme K compatto risulta anche chiuso. Dim. 2.7 Basta mostrare che il complementare di K ` e aperto, cio` e che per ogni x K esiste un aperto (o un intorno) Ux contenente x e a intersezione vuota con K . Essendo X di Hausdor per ogni y K esistono due insiemi aperti e disgiunti Uy e Vy contenenti x e y rispettivamente (x lo teniamo sso e costruiamo gli aperti Uy e Vy al variare di y K ): Uy Vy  r .

La famiglia di insiemi tVy ; y K u ` e un ricoprimento aperto di K (non contenente x). K ` e compatto per cui possiamo considerare un sottoricoprimento nito tVyi ; i  1, . . . , nu di K non contenente x: n K

Considerando i corrispondenti insiemi Uyi , i  1, . . . , n, e la loro intersezione: Ux


3

i 1

Vyi .

n i 1

Uyi ,

Maurice Ren e Fr` echet (Maligny, 2 settembre 1878 Parigi, 4 giugno 1973) ` e stato un matematico francese. Diede fondamentali contributi in ambito topologico e nello studio di spazi astratti. Comp` i suoi studi allEcole di Parigi, conseguendo ottimi risultati in ambito accademico e stupendo gli eruditi dellepoca con le sue brillanti ed ardite congetture. Porta il suo nome la Variabile casuale di Fr echet.

2.3 Propriet` a topologiche

135

Ux risulta un aperto contenente x e a intersezione nulla con K : Ux

Ux

Vyi

 r.

Per larbitrariet` a di x K , K risulta chiuso.

Da tale dimostrazione, considerando gli insiemi aperti Ux (contenente x) e il ricoprimento di K : n V

i 1

Vyi ,

aperto e chiaramente disgiunto da Ux possiamo dedurre anche il seguente risultato. Teo. 2.8 Sia X uno spazio di Hausdor, allora per ogni punto x e compatto K disgiunti, cio` e x K , esistono due aperti Ux , V disgiunti, contenenti x e K rispettivamente: Ux

 r,

x Ux ,

V .

Questa separazione pu` o essere estesa a coppie di compatti: Teo. 2.9 Sia X uno spazio di Hausdor, allora dati due compatti disgiunti H , K , H K  r, esistono due aperti U e V disgiunti e contenenti H e K rispettivamente: U

 r,

U,

V .

Dim. 2.9 Per ogni x H possiamo trovare Ux e Vx aperti tali che (teorema 2.8): x Ux , K

Vx ,

Ux

Vx

 r.

La collezione degli insiemi Ux al variare di x in H ` e quindi un ricoprimento per H da cui possiamo estrarre un sottoricoprimento nito: H

n j 1

Uxj

U.

Considerando ora i corrispondenti aperti Vxj , ognuno contenente K , abbiamo che la loro intersezione: n V

j 1

V xj ,

136

Capitolo 2 Topologia.

` e disgiunta da U e contiene K .

Siamo ora in grado di mostrare un importante risultato relativo agli spazi metrici a dimensioni nite: Teo. 2.10 Un insieme in Rn ` e compatto se e solo se ` e chiuso e limitato. Osservazione. La nozione di limitatezza ` e legata alla nozione di distanza e un insieme pu` o essere limitato in una metrica ma non in unaltra. La limitatezza ` e una nozione metrica e non topologica. Dim. 2.10 Consideriamo un compatto K in Rn . Sappiamo che Rn ` e uno spazio metrico con la distanza ordinaria (esempio 2.7) per cui risulta uno spazio topologico separato. In uno spazio di Hausdor ogni insieme compatto risulta anche chiuso (teorema 2.7). Occorre mostrare che ` e anche limitato. Supponiamo per assurdo che non sia limitato, allora per ogni m intero positivo possiamo trovare un elemento xm K con dp0, xm q  |xm | m. Consideriamo linsieme S  txm , m  1, 2, . . .u. Esso ` e un insieme chiuso in quanto il suo complementare ` e aperto: infatti allinterno di ogni sfera (di raggio perci` o nito) centrata in un punto non appartenente a S possiamo trovare al pi` u un numero nito di punti di S e quindi possiamo restringere ulteriormente la sfera in modo che non contenga alcun punto di S . Il centro della sfera risulta quindi un punto interno al complementare di S . Essendo S chiuso e sottoinsieme del compatto K , anche S ` e compatto. Se ora consideriamo il ricoprimento di S formato mediante sfere centrate nei punti di S , e ognuna con un proprio raggio j : S

xj S

S p xj ,

q,

ogni sfera potr` a contenere al massimo un numero nito di punti di S e quindi non ` e possibile ricoprire S con un numero nito di tali sfere. Questo assurdo porta a concludere che K deve essere limitato, oltre che chiuso. Supponiamo ora di avere un insieme K Rn chiuso e limitato e vediamo che deve essere compatto. Intanto se ` e limitato deve essere contenuto in un poli-intervallo (o poli-rettangolo) chiuso: K

B  tx  px1, . . . , xnq Rn ;

aj

x j bj u .

Se mostriamo che B ` e compatto anche K , essendo chiuso (in Rn e quindi anche in B secondo la topologia indotta su B ), ` e compatto. Sia quindi: O O ,

un ricoprimento arbitrario di B , e supponiamo per assurdo che non esista un sottoricoprimento nito. Bisecando ogni spigolo del polirettangolo (siamo in n dimensioni) possiamo

2.3 Propriet` a topologiche

137

costruire 2n sottorettangoli di cui almeno uno di questi, B1 , non ` e ricoperto da un sotp 1q p 1q toricoprimento nito. Siano aj , bj le coordinate degli estremi di tale sottorettangolo (j  1, . . . , n), allora: aj

apj1q bpj1q bj ;

bj

p1q ap1q  bj aj , j
2

ed ` e chiaro che B1 B . Possiamo reiterare il ragionamento bisecando ulteriormente B1 , costruendo B2 non compatto e di lati con ampiezza: bj

p2q ap2q  bj aj . j 2
2

Proseguendo su questa via possiamo costruire una successione decrescente (secondo linclusione) di polirettangoli Bm Bm1 : Bm

 tx Rn ;

aj

pmq x

bjpmqu ,

bj

pmq apmq  bj aj , j m
2

di dimensioni sempre pi` u ridotte. In particolare otteniamo una successione aj , m  1, 2, . . ., monotona crescente (e limitata da bj ), ed una successione monotona decrescente pmq bj , m  1, 2, . . ., convergenti ad un certo cj comune: aj

pmq

pmq c

bjpmq ,

aj

pmq c

bjpmq ,

Si viene quindi a denire un punto c B che sar` a contenuto in un aperto O del ricoprimento, e quindi in una sfera di raggio opportuno , S pc, q O . Tale sfera, essendo c il limite comune delle successioni di estremi, conterr` a uno almeno (e quindi tutti i successivi) dei polirettangoli Bm , che risultano ricoperti da un solo O . Ci` o contraddice il fatto che Bm non sia compatto, per cui B deve essere compatto.

2.3.3

Densit` a e separabilit` a.

Spesso risulta complicato dimostrare direttamente una propriet` a per tutti gli elementi di un insieme ma pu` o risultare pi` u facile la verica per quasi tutti gli elementi e poi trasportarla su tutto linsieme. Il concetto di quasi tutti gli elementi pu` o essere formalizzato nel concetto di densit` a. Def. 2.18 Siano A e B due insiemi in uno spazio topologico X con A B . Allora A ` e detto denso in B se B A .

138

Capitolo 2 Topologia.

Sostanzialmnte questo signica che per ogni punto b B possiamo trovare un elemento a A vicino topologicamente a b, cio` e in ogni intorno di b possiamo trovare un elemento a A (b ` e un punto di aderenza per A). Spesso gli elementi su cui vericare una propriet` a sono caratterizzati da interi, cio` e costituiscono un insieme numerabile. Questo porta al concetto di separabilit` a (da non confondere con la separazione discussa in precedenza). Def. 2.19 Uno spazio topologico X ` e detto separabile se esiste un sottoinsieme denso in X e numerabile: txn X , n  1, 2, . . . u  X . (2.32) Topologicamente abbiamo visto come le basi di aperti permettano di determinare tutta la topologia dello spazio. Una base di aperti ` e in generale un insieme innito e pu` o essere comodo averla indicizzata tramite interi. Questo ` e strettamente connesso con la separabilit` a dello spazio, per lo meno in uno spazio metrico. Teo. 2.11 Sia X uno spazio metrico. Allora X ` e separabile se e solo se esiste una base di aperti numerabile. Dim. 2.11 Consideriamo prima laermazione diretta e poi linversa. Separabilit` a base numerabile. Sia X separabile, allora abbiamo un insieme numerabile Y  txj u denso in X . Consideriamo le sfere di centro xj e raggio 1{n: Sj,n 1 q,  S p xj , n j, n  1, 2, . . . , (2.33)

(le coppie di numeri interi formano un insieme numerabile) e mostriamo che queste formano una base di aperti. Per fare ci` o basta mostrare che qualsiasi sfera S px, q (mediante le sfere costruiamo la topologia in uno spazio metrico) ` e unione di sfere del tipo (2.33). Sia y appartenente ad una sfera S px, q, dpx, y q , allora, essendo Y denso (in X ), in ogni intorno di y , in particolare una sfera S py, q di raggio arbitrario , posso trovare un elemento xj Y : dpxj , y q ,

e y S pxj , q. Scegliendo  1{n in modo da rimanere sempre allinterno della sfera originaria S px, q, anche con la sfera S pxj , q: 2 dpx, y q 

2 dpy, xq , n ottengo xj S px, q, y Sj,n , con Sj,n S px, q. Questo dimostra che allinterno di S px, q troviamo delle sfere Sj,n in corrispondenza ad ogni punto e che: S px, q 

Sj,n S x,

p q

Sj,n .

2.3 Propriet` a topologiche

139

Base numerabile separabilit` a. Supponiamo lesistenza di una base numerabile di aperti O  tOn u. Scegliamo un punto xn in ogni aperto On (escludendo linsieme vuoto che possiamo assumere coincidente con O0 ). Otteniamo in questo modo un insieme Y  txn u denso in X . Infatti se x X e W ` e un intorno aperto di x, W ` e unione di aperti della base numerabile W  Oni ,
i

e in corrispondenza ad ogni Oni troviamo un elemento xni per Y .

Y.

x` e quindi di aderenza

Notiamo che la metrica ` e stata usata solo nella dimostrazione dellaermazione diretta (separabilit` a base numerabile). Per la validit` a dellaermazione inversa (base numerabile separabilit` a) tale richiesta pu` o essere omessa.

140

Capitolo 2 Topologia.

2.4

Continuit` a

Veniamo ora ad una delle motivazioni principali per la costruzione di una topologia, il concetto di continuit` a. Riprendiamo la denizione di funzione continua da R in R che possiamo esprimere nel seguente modo. Sia f : R R, allora f ` e continua in x0 se per ogni 0 esiste pq 0 tale che:

|x x0| p q |f pxq f px0q|

Possiamo esprimere pi` u in generale questa denizione in termini di spazi topologici. Def. 2.20 Siano X e Y due spazi topologici e f :X

Y .

Sia x0 X , allora f ` e detta continua in x0 se per ogni aperto V contenente f px0 q esiste un aperto U contenente x0 tale che U f 1 pV q, o equivalentemente f pU q V , con limmagine e la retroimmagine di insiemi denite rispettivamente da: f pU q  ty

Y ; y  f pxq con x U u , f 1 pV q  tx X ; f pxq V u .

(2.34) (2.35)

Osservazione. Notiamo che, in base alle denizioni di immagine e retroimmagine di un insieme, queste esistono sempre indipendentemente dalla invertibilit` a della trasformazio 1 ne, ma in generale, se A X , allora A f pf pAqq che non coincide necessariamente con A, mentre ` e sempre vero che A  f pf 1 pAqq, con A Y . Ovviamente si ha anche: AB

X f pAq f pB q Y , A B Y f 1 pAq f 1 pB q X , A B Y .

ma sulle implicazioni in senso contrario possiamo aermare solamente: f 1 pAq f 1 pB q X

La denizione precedente ` e equivalente a dire che: Teo. 2.12 f ` e continua in x0 se e solo se per ogni intorno W di f px0 q, la sua retroimmagine f 1 pW q ` e un intorno di x0 .

2.4 Continuit` a

141

Dim. 2.12 Supponiamo f continua in x0 e sia W un intorno di f px0 q, allora esiste un aperto V contenente f px0 q, con V W . Pertanto: f 1 pW q f 1 pV q U , con U aperto contenente x0 , per cui f 1 pW q ` e un intorno di x0 . Viceversa, possiamo scegliere come intorno W un aperto V e abbiamo f 1 pV q intorno di x0 , per cui esiste un aperto U contenente x0 tale che f 1 pV q U . Def. 2.21 f ` e detta continua se ` e continua in tutti i suoi punti. Abbiamo diversi modi per vericare la continuit` a. Teo. 2.13 Siano X , Y spazi topologici e f : X sono equivalenti: i) f ` e continua. ii) Per ogni aperto O, con O iii) iv)

Y . Allora le seguenti aermazioni

Y , si ha che f 1pOq ` e un aperto di X . Per ogni chiuso C , con C Y , si ha che f 1 pC q ` e un chiuso di X . Per ogni insieme A X si ha che A f 1 pf pAq q, oppure equivalentemente: f pA q f pAq .

Dim. 2.13 Vediamo con ordine le equivalenze tra le varie aermazioni. i) ii) Sia f continua e O un aperto in Y . Se x f 1 pOq si ha che f pxq O, per cui esiste un aperto U contenente x tale che f pU q O, cio` e U f 1 pf pU qq f 1 pOq che risulta quindi aperto.

i) Deriva direttamente dalla denizione di continuit` a. ii) iii) Sono equivalenti in maniera ovvia, considerando che un chiuso ` e il complemenii) tare di un aperto e che: X zf 1 pAq  f 1 pY zAq ,

dAY .

iii) iv) Linsieme f pAq ` e chiuso, quindi f 1 pf pAq q ` e chiuso e contiene A, A 1 1 f pf pAq q  f pf pAq q , allora secondo la denizione di chiusura come il pi` u piccolo 1 chiuso contenente A, abbiamo A f pf pAq q.

142

Capitolo 2 Topologia.

iv) iii) Se C ` e un chiuso di Y allora considerando vera lipotesi per linsieme A 1 f pC q, abbiamo:

f 1pf pAqq f 1 pC q f 1 pC q  f 1 pC q f 1 pC q  f 1 pC q .
Per cui f 1 pC q ` e chiuso. Lequivalenza nella seconda parte dellultima aermazione deriva dalle considerazioni fatte nellosservazione precedente. Infatti:

f 1pf pAqq f pAq f pf 1pf pAqqq  f pAq , f pA q f pAq A f 1 pf pA qq f 1 pf pAq q , ragionando con gli insiemi A e f pAq .
Osservazione. Osserviamo che limmagine diretta di insiemi aperti non ` e necessariamente aperta. Consideriamo ad esempio la seguente funzione: f : R r0, Vr , Abbiamo che limmagine dellintervallo aperto f f pxq  x2 .

s 1, 1r non ` e aperto: : s 1, 1r r0, 1r .

Linsieme di partenza ` e aperto, quello di arrivo no. Osservazione. Abbiamo visto come, dati due spazi topologici, possiamo vericare se una funzione ` e continua o meno. Viceversa, data una funzione f : X Y , con Y spazio topologico, possiamo costruire in X una topologia tale che f risulti continua. Basta prendere in X la topologia generata dalle retroimmagini degli aperti in Y . Un esempio di ci` o si ha nella costruzione di una topologia per il prodotto cartesiano di due spazi topologici. Esempio 2.13 Siano X1 , X2 due spazi topologici e consideriamo il prodotto cartesiano:

 tpx1, x2q ; x1 X1, x2 X2u . Possiamo denire allora le funzioni pj : X1 X2 Xj , j  1, 2, denite da: pj px1 , x2 q  xj , j  1, 2 ,

X1 X2

(2.36)

(2.37)

che danno le componenti dei punti nel prodotto cartesiano. Le retroimmagini di insiemi aperti in X1 e X2 (sono delle strisce) costituiscono una collezione di insiemi che generano

2.4 Continuit` a

143

X2 O2

1 p 1 pO1 q

O1 O2

1 p 2 pO2 q

O1

X1

Figura 2.5: Prodotto cartesiano di topologie. una topologia nel prodotto cartesiano. Risulta chiaro che in tale topologia le funzioni pj sono continue. Questa topologia pu` o essere vista come generata dai rettangoli aperti del tipo O1 O2 . Ad esempio in R2 un aperto ` e una unione di rettangoli ta1 x1 b1 , a2 x2 b2 u. In maniera analoga al prodotto cartesiano di due spazi topologici si pu` o denire una topologia nel prodotto cartesiano di una arbitraria collezione di spazi topologici X , con A insieme di indici, ma in generale non risulta espressa tramite polirettangoli, se non nel caso che gli spazi topologici X siano in numero nito. Il motivo consiste nel fatto che possiamo intersecare le strisce aperte solo in numero nito per avere un aperto, cio` e possiamo considerare intervalli aperti solo lungo un numero nito di dimensioni.

Osservazione. Considerando lesempio 2.13 con due copie di uno spazio metrico X , la cui topologia ` e sostanzialmente determinata dalla metrica, possiamo vedere che la distanza d risulta una funzione continua da X X a R.
y x 2222s s 2 e e e

s x0

es y0

Figura 2.6: Continuit` a della distanza. Siano infatti px0 , y0 q, px, y q due punti nel prodotto cartesiano X

X.

Abbiamo,

144

Capitolo 2 Topologia.

applicando la disuguaglianza triangolare: dpx, y q dpx, x0 q dpx0 , y q dpx, x0 q dpx0 , y0 q dpy0 , y q , e analogamente (partendo da dpx0 , y0 q): dpx, y q dpx0 , y0 q dpx, x0 q dpy0 , y q , dpx0 , y0 q dpx, y q dpx0 , xq dpy, y0 q .

Cio` e:

|dpx, yq dpx0, y0q| dpx, x0q dpy, y0q . (2.38) Allora per ogni intorno V di dpx0 , y0 q R, che possiamo assumere un intervallo aperto di raggio , possiamo scegliere come intorno U di px0 , y0 q linsieme aperto: U  S px0 , q S py0 , q , 2 2

ottenendo la continuit` a della distanza come funzione. Ricordiamo ora che se abbiamo tre spazi topologici X , Y e Z e due funzioni f : X Y , g : Y Z , possiamo costruire la funzione composta g f : X Z , denita da: pg f qpxq  gpf pxqq . (2.39) Se f e g sono entrambe continue allora anche la funzione composta g f ` e continua. Sia infatti V un aperto di Z , allora, essendo g continua abbiamo che g 1 pV q ` e un aperto in Y , e, per la continuit` a di f , f 1 pg 1 pV qq  pg f q1 pV q ` e un aperto di X . Def. 2.22 Sia f : X Y . Se f pxq  f pxI q implica che x ` e iniettiva o 1 1 (a volte ` e detta anche semplicemente in). Se f pX q  Y diremo che f ` e suriettiva o semplicemente su.

 xI allora diremo che f

Se f ` e 1 1 e suriettiva ` e detta biiettiva o una biiezione, e, in tal caso, esiste ununica 1 funzione inversa f tale che f 1 f  idX , e f f 1  idY : f 1 pf pxqq  x

d xX;

f pf 1 py qq  y

dyY .

(2.40)

Con idX e idY denotiamo le applicazioni identiche in X e Y rispettivamente. Osservazione. Se f ` e continua ed esiste linversa, non ` e detto che linversa sia continua. Notiamo inoltre che f : X Y ` e invertibile se possiamo applicare f 1 a qualsiasi elemento di Y . Consideriamo ad esempio la semplice identit` a id in R, ma pensata tra R con la topologia discreta (come spazio di partenza) e R con la topologia ordinaria (come spazio di arrivo): id : x x . (2.41)

2.4 Continuit` a

145

Con lidentit` a ogni insieme coincide con la sua immagine e con la sua retroimmagine (indipendentemente dalla topologia). Con le topologie introdotte lidentit` a risulta continua (la retroimmagine di un aperto ` e aperto in quanto, nella topologia discreta, tutti gli insiemi sono aperti), ma la sua inversa (che ` e ancora lidentit` a) non ` e continua in quanto nella topologia ordinaria un qualsiasi insieme non ` e necessariamente aperto.

Def. 2.23 Siano X , Y due spazi topologici. Una biiezione di X su Y ` e detta un 1 omeomorsmo se sia f che f sono continue. Due spazi topologici sono detti omeomor se esiste fra loro un omeomorsmo. In pratica occorre poter mutare ogni aperto di uno spazio in un aperto dellaltro spazio e i due spazi sono, da un punto di vista topologico, la stessa cosa.

2.4.1

Continuit` a e compattezza

Consideriamo ora una importante connessione tra continuit` a e compattezza. Teo. 2.14 Siano X e Y due spazi topologici e f : X Y una funzione continua e suriettiva tra i due spazi. Allora se X ` e compatto anche Y ` e compatto.

Dim. 2.14 Consideriamo un ricoprimento aperto di Y : Y

O ,

allora le retroimmagini f 1 pO q formano un ricoprimento aperto di X . Possiamo selezionarne quindi un numero nito: X

N i 1

f 1 pOi q ,

ed essendo f suriettiva e f pf 1 pO qq  O , otteniamo che gli aperti Oi formano un sottoricoprimento nito di Y che risulta compatto. Come conseguenza abbiamo: Cor. 2.15 Se f : X Y ` e continua e X ` e compatto, allora limmagine f pX q ` e un insieme compatto di Y .

146

Capitolo 2 Topologia.

Osservazione. Le funzioni continue sui compatti trasportano le informazioni di compattezza in avanti (dallo spazio di partenza allo spazio di arrivo). Invece le propriet` a di chiusura o apertura sono trasportate allindietro (la retroimmagine di un aperto (chiuso) tramite una funzione continua ` e un aperto (chiuso)). Anche la propriet` a di Hausdor ha conseguenze sulla continuit` a. In particolare come conseguenza del corollario 2.15 e del precedente risultato abbiamo il teorema di Weierstrass: Teo. 2.16 Se f ` e una funzione reale e continua su un compatto allora f ammette massimo e minimo. ` una conseguenza immediata del fatto che f muta compatti in compatti e Dim. 2.16 E un compatto in R ` e un insieme chiuso e limitato, quindi dotato di massimo e minimo. Teo. 2.17 Se f ` e una trasformazione continua tra uno spazio topologico compatto X e uno spazio di Hausdor Y allora f trasforma insiemi chiusi in insiemi chiusi. Dim. 2.17 Sia C chiuso in X , allora C risulta compatto (vedi teorema 2.6) e il suo trasformato f pC q ` e compatto (corollario 2.15). Poich` e siamo in uno spazio di Hausdor f pC q ` e chiuso.

2.5 Successioni.

147

2.5

Successioni.

Def. 2.24 Sia X uno spazio topologico e t xn , n  1, 2, . . . u una successione di elementi di X . Diremo che xn converge verso x se per ogni intorno U di x esiste un intero npU q tale che xn U per ogni n npU q, e scriveremo: x  lim xn ,
n

(2.42)

oppure: xn

x per n V ; xn x. nV

(2.43) (2.44)

In pratica signica che da ogni intorno di x risultano esclusi solo un numero nito di elementi della successione, e gli elementi della successione si avvicinano sempre pi` ua x. Il concetto di limite ` e quindi strettamente legato alla topologia dello spazio. Quando esiste il limite siamo abituati a pensare che tale limite sia unico, ma tale propriet` a` e una prerogativa garantita solo negli spazi separati di Hausdor. Teo. 2.18 Sia X uno spazio topologico di Hausdor. Se xn ` e una successione convergente, allora il limite ` e unico. Dim. 2.18 Infatti se xn x e contemporaneamente xn y (cio` e sia x che y vericano la denizione 2.24 di limite), allora da un certo punto in poi i punti xn si troveranno sia in un intorno arbitrario di x che in un intorno arbitrario di y , ma se x $ y ci` o non ` e possibile perch` e possiamo scegliere gli intorni disgiunti. Pertanto si deve avere x  y . Il concetto di convergenza di una successione ` e molto simile al concetto di continuit` a per una funzione. Abbiamo in eetti il seguente risultato. Teo. 2.19 Se f : X Y ` e una trasformazione fra due spazi topologici X e Y ed ` e continua in un punto x, allora per ogni successione xn convergente a x abbiamo che f pxn q ` e una successione in Y convergente a f pxq:
n

lim f pxn q  f

lim xn ,

(2.45)

(possiamo scambiare lordine operativo tra il limite e la funzione).

148

Capitolo 2 Topologia.

Dim. 2.19 Sia U un intorno di f pxq. Per la continuit` a f 1 pU q ` e un intorno di x, per cui 1 xn f pU q per n npU q, e f pxn q U . In generale, per spazi topologici arbitrari, il viceversa non ` e vero, cio` e la convergenza per successioni non implica la continuit` a. Per avere ci` o occorre aggiungere delle ipotesi opportune sulla struttura topologica degli intorni di un punto. Essendo interessati alla convergenza e continuit` a in un singolo punto x, consideriamo il concetto di base di intorni di un punto. Def. 2.25 Sia X uno spazio topologico e x X . Chiameremo base di intorni di x una famiglia di intorni di x tale che ogni intorno (arbitrario) di x contiene un intorno della famiglia. Osservazione. Se X ` e uno spazio metrico, allora ogni punto x possiede una base di intorni numerabile. Basta considerare le sfere Sn 1 q.  S px, n

Supponiamo che un punto x ammetta una base di intorni tUn u numerabile. Allora ` e possibile costruire la base di intorni tVn u in modo tale che sia ordinata rispetto allinclusione (in senso decrescente): V1 V2 V3 . Basta denire: V1

 U1 , V2  U1 U2 ,
. . .

Vn . . .

 U1

U2

Un ,

Lesistenza di una base numerabile di intorni ` e la propriet` a topologica necessaria per far discendere la continuit` a generale dalla continuit` a per convergenza di successioni. Teo. 2.20 Siano X , Y spazi topologici. x X possieda una base di intorni numerabile e sia f : X Y una applicazione fra i due spazi. Se ` e vero che per ogni successione xn convergente a x si ha che f pxn q converge a f pxq: xn allora f ` e continua in x.

x f pxnq f pxq ,

(2.46)

2.5 Successioni.

149

Osservazione. Sostanzialmente nel caso di spazi topologici con basi di intorni numerabili si pu` o studiare la continuit` a per mezzo della convergenza di successioni. Dim. 2.20 Se, per assurdo, f non ` e continua in x esiste un intorno U di f pxq tale che 1 f pU q non ` e un intorno di x. Questo implica che, avendo costruito un base numerabile, decrescente, di intorni Vj Vj 1 di x, f 1 pU q non contiene nessun intorno Vj , e per ogni Vj possiamo trovare xj Vj con xj f 1 pU q, cio` e f pxj q U . Questo comporta che f pxj q non converge a f pxq (altrimenti U dovrebbe contenere f pxj q da un certo punto in poi). Daltra parte xj converge verso x. Infatti se W ` e un intorno arbitrario di x esso conterr` a un intorno della base Vj e tutti i successivi (essendo essi decrescenti), quindi conterr` a xj e tutti i successivi punti della successione. Lipotesi del teorema asserisce di conseguenza che f pxj q converge a f pxq. Da tale contraddizione abbiamo che f deve essere continua in x. Tramite lesistenza di basi di intorni numerabili possiamo dare unaltra caratterizzazione alla chiusura di un insieme A. Teo. 2.21 Sia X uno spazio topologico tale che ogni suo punto ammetta una base di intorni numerabile e sia A un sottoinsieme di X . Allora vale A

x X ; x  lim xn , con xn
n

(2.47)

Se x A allora per ogni U intorno di x esiste y A U . Consideriamo gli intorni Vj della base e sia yj A il corrispondente punto in Vj . Chiaramente otteniamo una successione yj A convergente a x. Viceversa sia xn x, con xn A. Allora per ogni intorno U di x abbiamo xj U da un certo punto in poi. Ma xj A per cui x ` e di aderenza per A. Notiamo che questo ` e sempre vero, indipendentemente dallesistenza della base numerabile. Il limite di una successione convergente ` e sempre un punto di aderenza per la successione e linsieme di appartenenza della successione. Mediante le successioni si pu` o costruire una nozione leggermente diversa di compattezza, quella di sequenziale compattezza. Def. 2.26 Un sottoinsieme K di uno spazio topologico X ` e detto sequenzialmente compatto se da ogni successione di elementi di K ` e possibile estrarre una sottosuccessione convergente.

Dim. 2.21 Ricordiamo che abbiamo denito la chiusura come linsieme dei punti di aderenza: A  tx X ; ogni intorno Ux di x contiene punti di Au .

150

Capitolo 2 Topologia.

Osservazione. Notiamo che non ` e necessario che la sottosuccessione sia convergente nellinsieme K , ` e importante che esista il limite in X . Se K ` e chiuso allora possiamo dire che il limite appartiene a K . Nella pratica, quando abbiamo a disposizione una metrica, le due denizioni, di compattezza e di sequenziale compattezza, sono equivalenti (a parte la chiusura). Infatti abbiamo il seguente risultato. Teo. 2.22 Sia X uno spazio metrico. Allora un sottoinsieme K ` e compatto se e solo se K ` e chiuso e sequenzialmente compatto. Dim. 2.22 Sia K compatto. Essendo X metrico e quindi di Hausdor, K risulta chiuso. Supponiamo per assurdo che K non sia sequenzialmente compatto, allora esiste una successione di elementi xn di K che non ha alcuna sottosuccessione convergente. Tale successione deve avere quindi inniti elementi diversi tra loro (in caso contrario otterremo una sottosuccessione stazionaria e convergente). Se prendo un generico punto x dello spazio deve esistere un suo intorno (aperto) contenente al pi` u un numero nito di punti della successione (non possiamo convergere con una sottosuccessione da nessuna parte, per cui x non verica la denizione di limite). Tramite gli intorni di ogni punto cos` costruiti formiamo quindi un ricoprimento aperto di K . Ogni collezione nita di aperti pu` o contenere quindi al massimo un numero nito di elementi della successione e quindi (essendo la successione in K ), non pu` o formare un ricoprimento di K . Ci` o contraddice lipotesi per cui K deve risultare sequenzialmente compatto. Viceversa sia K chiuso e sequenzialmente compatto. Mostriamo innazitutto che K ` e separabile costruendo un suo sottoinsieme denso e numerabile. Anticipiamo prima un risultato che approfondiremo in seguito. Se abbiamo una successione xn convergente in uno spazio metrico, cio` e esiste il limite: x  lim xn ,
n

allora necessariamente si ha (criterio di Cauchy): dpxn , xm q dpxn , xq dpx, xm q Consideriamo allora un punto x0

m,nV

0.

K e sia: 0  sup dpx, x0 q .


x K

Lestremo superiore esiste ed ` e nito. Infatti se non lo fosse potremmo scegliere y1 tale che: dpy1 , x0 q 1 , poi y2 in modo tale che: dpy2 , x0 q dpy1 , x0 q 1 ,

2.5 Successioni.

151

e cosi via: per cui: e, in generale:

dpyn , x0 q dpyn1 , x0 q 1 , dpyn , yn1 q |dpyn , x0 q dpyn1 , x0 q| 1 , dpyn , x0 q dpym , x0 q pn mq , dpyn , ym q pn mq , dpynj , ynk q |nj n m,

dn m .

Allora per ogni sottosuccessione estratta da tyn u si avrebbe:

nk | 1 ,

e la sottosuccessione non pu` o convergere. Ci` o costituisce una contraddizione per cui 0 esiste ed ` e nito. In pratica la sfera S px0 , 0 q ` e la sfera di ampiezza minore che racchiude tutto K (toccando K sul bordo, vedi gura 2.7).

.... ............. ......... . . . q . . . .... q .........................

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . x x . . 1 0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . x2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . x0 x1. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.... ............. ...q...... . . . q . . . .... q .........................

Figura 2.7: Costruzione di un sottoinsieme denso di un compatto. Appurata lesistenza di


0,

scegliamo un punto x1
0

K tale che:

dpx1, x0q

Dati i due punti x0 , x1 consideriamo la funzione (limitata): d1 pxq  mintdpx, x0 q, dpx, x1 qu dpx, x0 q per cui, posto:
1 0

 sup d1pxq
x K

possiamo selezionare x2 tale che:


1

d 1 p x2 q

152

Capitolo 2 Topologia.

Di nuovo abbiamo racchiuso linsieme K nellunione delle due sfere centrate in x0 e x1 di raggio comune e minimo possibile 1 (gura 2.7). Procedendo per ricorsione costruisco una successione di punti xn , e una successione di reali n tale che:
n 1

0min dpxn , xj q j n1  sup


x K

n 1

0 j n

min dpx, xj q

,
n 1

La successione n ` e decrescente per cui convergente. Essa deve tendere a zero. Infatti, se ci` o non fosse vero, esisterebbe 0 tale che:
n 1

0min dpxn , xj q j n1

n 1

e non sarebbe possibile estrarre una sottosuccessione convergente dalla successione xn . Ci` o` e assurdo per cui n 0. Allora mediante i punti xn possiamo approssimare qualsiasi x K . Dato e scelto n abbiamo, per ogni x K :
0 j n

min dpx, xj q

per cui esiste xj (j

n) tale che:

dpx, xj q .

K risulta quindi separabile. Essendo K uno spazio metrico, ammette una base di aperti numerabile tVj u, con Vj aperto in K e: K

Vj .

Supponiamo ora di avere un ricoprimento aperto di K : K K

O ,

I, O

I O

 O

K.

I ` Sappiamo che ogni aperto O e unione di elementi della base numerabile tVj u. Costruiamo linsieme di indici: I u, J  tj ; h , Vj O
allora: K

I O

j J

Vj .

2.5 Successioni.

153

Infatti ogni Vj , con j J, ` e contenuto, per la scelta fatta, in almeno uno degli aperti I si ottiene come unione di aperti I O , e quindi nella loro unione. Daltra parte, ogni O I , per cui deve della base Vj , e gli aperti che concorrono a tale unione sono contenuti in O esistere un sottoinsieme JI di J, tale che:

I O

j JI

Vj ,

JI

J,

I ` e lunione di tutti gli aperti O e contenuta nellunione degli aperti Vj , j J. Possiamo ora rinumerare linsieme numerabile di aperti tVj ; j Ju, ottenendo sempre (non ` e pi` u, in generale, una base di aperti):

Vj

I O

K;

I tale che: Per ogni j possiamo ora scegliere O pj q


Vj

I O , O pj q pj q

per cui abbiamo estratto un sottoricoprimento numerabile: K

Vj

Opj q .

Vediamo ora che possiamo estrarre un sottoricoprimento nito. Se per assurdo non fosse possibile, possiamo costruire una successione xn tale che:

K, x2 K ,
x1 . . . xn

Op1q , x2 Op1q Op2q ,


x1 xn

K,

n j 0

Opj q ,

realizzando una successione in K tale che ogni Opj q contiene solo un numero nito di punti. Non ` e quindi possibile estrarre una sottosuccessione convergente in K . Di nuovo un assurdo per cui deve esistere un sottoricoprimento nito e K ` e compatto.

2.5.1

Completezza.

Come abbiamo visto nella dimostrazione del teorema 2.22, se abbiamo una successione convergente in uno spazio metrico, la distanza tra gli elementi della successione deve tendere a zero. Tale propriet` a` e detta di Cauchy.

154

Capitolo 2 Topologia.

Def. 2.27 Sia X uno spazio metrico. Allora una successione txn u ` e detta di Cauchy se per ogni 0 esiste un n tale che: dpxn , xm q

d n, m n

(2.48)

Se abbiamo una successione xn convergente a x sappiamo che per ogni determinare n tale che se n n : dpxn , xq per cui, se n, m n : 2 ,

possiamo

dpxn , xm q dpxn , xq dpxm , xq .

Il viceversa non ` e vero in generale, e quando le propriet` a dello spazio metrico X sono tali da vericare ci` o ci troviamo in presenza di uno spazio completo. Def. 2.28 Uno spazio metrico X ` e detto completo se ogni successione di Cauchy ammette un limite in X . In pratica in uno spazio completo la condizione di Cauchy diventa un criterio di convergenza non solo necessario ma anche suciente. Esempi di spazi completi sono Rn e Cn in cui ` e noto che il criterio di Cauchy ` e il metodo principale per vericare la convergenza di una successione. Vediamo subito una semplice applicazione del concetto di completezza. Def. 2.29 Sia X uno spazio metrico e f : X X una trasformazione in tale spazio. f ` e detta una contrazione se esiste una costante , con 0 1, tale che: dpf pxq, f py qq dpx, y q . Se ci troviamo in uno spazio metrico completo possiamo garantire allora che: Teo. 2.23 In uno spazio metrico completo ogni contrazione ammette un unico punto sso, cio` e un punto x tale che: f p xq  x . (2.50) Dim. 2.23 Lunicit` a` e immediata. Supponiamo esistano due punti x, y tali che f pxq  x, f py q  y , allora: dpf pxq, f py qq dpx, y q , dpx, y q dpx, y q , (2.49)

2.5 Successioni.

155

con 1 si giunge ad un assurdo se x $ y , per cui il punto sso ` e unico (indipendentemente dalla completezza). Vediamo ora lesistenza della soluzione dellequazione (2.50). Sia x0 un qualsiasi punto (un guess iniziale per la soluzione), e costruiamo la successione: xn Allora abbiamo: dpxn , xm q  dpf pxn1 q, f pxm1 qq dpxn1 , xm1 q

 f pxn1q ,

n  1, 2, . . .

2 dpxn2, xm2q m dpxnm, x0q ,


q 1 j 0

pn mq ,

dpxq , x0 q

dpxqj , xqj 1 q


q 1 j 0

qj 1 dpx1 , x0 q

q 1 j 0

dpx1 , x0 q 

1 q dpx1 , x0 q , 1

dpxn , xm q m

e, notando che 1 0, m 0 per m V, abbiamo che la successione xn ` e di Cauchy. Essendo lo spazio completo, abbiamo lesistenza del limite, xn x, ed essendo ovvio che una contrazione ` e anche una funzione continua:

m 1 nm dpx1 , x0 q dpx1 , x0 q , 1 1

 f pxn1q nV x  f pxq ,
xn provando il risultato. Osservazione. Dalla relazione: dpxn , xm q m 1 nm dpx1 , x0 q 1 m dpx1 , x0 q , 1

mandando n allinnito a ssato m, abbiamo:


n

lim dpxn , xm q

e, poich` e la distanza ` e essa stessa una funzione continua: dpx, xm q m dpf px0 q, x0 q , 1

156

Capitolo 2 Topologia.

ottenendo una stima (anche se rozza) della rapidit` a di convergenza. Unaltra stima la otteniamo con un ragionamento gi` a fatto, notando che: dpxnp , xn q
p j 1

dpxnj , xnj 1 q

p j 1

j dpxn , xn1 q

da cui, passando al limite per p V:

dpxn , xn1 q , 1 dpx, xn q dpxn , xn1 q .

In uno spazio metrico, possiamo ranare ulteriormente il concetto di continuit` a. Def. 2.30 Siano X e Y due spazi metrici dotati di distanze dX e dY rispettivamente. Diremo che f : X Y ` e uniformemente continua se per ogni 0 esiste p q tale che: dY pf pxq, f py qq ogni volta che con p dX px, y q p q ,

q indipendente dalla scelta dei punti x e y in cui si verica la continuit` a.

Osservazione. Notiamo che la nozione di continuit` a uniforme ` e un concetto metrico, non topologico, in quanto esprime una propriet` a della misura degli intorni coinvolti nella denizione di continuit` a. Teo. 2.24 Siano X e Y spazi metrici, con X compatto e f : X f ` e uniformemente continua.

continua. Allora

Dim. 2.24 Se f non fosse uniformemente continua allora esisterebbe un successioni xn , yn tali che: dY pf pxn q, f pyn qq , dX pxn , yn q 1 . n

0 e due

Ora, per la compattezza di X e la sua sequenziale compattezza, esiste una sottosuccessione xnj x. Allora anche ynj x: dX pynj , xq dX pynj , xnj q dX pxnj , xq 1 n

dX pxn , xq .
j

2.5 Successioni.

157

Siccome f ` e continua, si deve avere f pxnj q relazione iniziale dY pf pxn q, f pyn qq .

f pxq e f pyn q f pxq, che contraddice la


j

La nozione di uniforme continuit` a` e importante ai ni del prolungamento continuo di applicazioni continue fra due spazi metrici. Teo. 2.25 Siano X e Y due spazi metrici, D un sottoinsieme denso di X e f una applicazione continua da D a Y . Se Y ` e completo e f uniformemente continua, allora r esiste una unica applicazione f da X a Y , uniformemente continua, detta estensione continua, che prolunga f , cio` e:
rpxq f pxq  f

d x D.

(2.51)

Dim. 2.25 Sia x X , allora esiste una successione xn D tale che xn x (x potrebbe non appartenere a D). Ora, per la continuit` a uniforme, f pxn q risulta di Cauchy: dY pf pxn q, f pxm qq se dX pxn , xm q p q ,

(con p q indipendente da xn e xm ), che ` e vericata se n e m sono abbastanza grandi. Essendo Y completo f pxn q converge ad un limite Y : f pxn q . Consideriamo ora unaltra possibile successione in D convergente verso x, yn x, allora f pyn q ` e di Cauchy e converge verso un limite . Abbiamo (per la continuit` a della distanza): dY p, q  lim dY pf pxn q, f pyn qq .
n

Siccome xn x, e yn x, la distanza dX pxn , yn q pu` o essere resa piccola a piacere e di conseguenza, per luniforme continuit` a di f anche la distanza dY pf pxn q, f pyn qq pu` o essere resa piccola a piacere. Pertanto  indipendente dalla scelta della successione rpxq per ogni convergente a x. Abbiamo denito quindi in maniera univoca una funzione f x X: rpxq  lim f pxn q , f con xn x. Se x D possiamo considerare una successione stazionaria txn  xu, per la quale f pxn q  r` f pxq f pxq, per cui f e una estensione di f . r Vediamo ora che f ` e uniformemente continua. Sia 0, allora tramite f (uniformemente continua in D) possiamo trovare un p q tale che: dX px, y q p q, x, y
n

dY pf pxq, f py qq .

158

Capitolo 2 Topologia.

Siano allora x, y dX allora:

X , e xn, yn D, tali che: px, yq p q , d px, x q p q ,


3
X n

dX py, yn q

p q ; 3

dpxn , yn q dpxn , y q dpy, xq dpx, xn q p e passando al limite per n V:

q dY pf pxnq, f pynqq

rpxq, f rpy qq , dY pf r risulta uniformemente continua. per cui f r. Infatti se Lunicit` a dellestensione ` e garantita dalla continuit` a uniforme di f e di f x X , esiste una successione xn D tale che xn x, e qualunque estensione (continua) r deve vericare f pxn q  f rpxn q f rpxq unico per lunicit` f a del limite.

Osservazione. Una applicazione non si sa estendere con continuit` a se Y non ` e completo. Sia X qualsiasi con D denso in X e Y  D, con f pxq  x. Se potessimo prolungare con continuit` a giungeremmo ad un assurdo, malgrado lidentit` a sia uniformemente continua. r Se esiste f allora per ogni x X esiste una successione xn x in X e xn  f pxn q  rpxn q f rpxq Y  D, ma allora x  f rpxq D che ` f e assurdo. Osservazione. Se Y ` e completo, ma f non ` e uniformemente continua, pu` o succedere che il prolungamento non esista. Si consideri il seguente esempio: X

 r 0, 1 s ,
1 , x

 s 0, 1 s ,

 R,

f pxq 

x D,

che non pu` o essere estesa a tutto linervallo r 0, 1 s. Il fatto che una successione di Cauchy possa non convergere pu` o lasciare perplessi essendo abituati a considerare tale condizione un criterio di convergenza fondamentale. In eetti si pu` o sempre fare in modo che il criterio di Cauchy sia suciente aggiungendo, in un certo senso, allo spazio anche i punti limite delle successioni di Cauchy. Per vedere ci` o introduciamo prima il concetto di isometria. Def. 2.31 Una applicazione f da uno spazio metrico X ad uno spazio metrico Y ` e detta isometrica se lascia invariate le distanze: dY pf px1 q, f px2 qq  dX px1 , x2 q , (2.52)

e i due spazi sono detti isometrici quando esiste una applicazione isometrica tra loro.

2.5 Successioni.

159

Chiaramente lapplicazione isometrica fra i due spazi risulta una applicazione iniettiva e continua, anzi uniformemente continua e, da un punto di vista metrico (e quindi anche topologico) lo spazio X e la sua immagine f pX q sono perfettamente identicabili fra loro. Def. 2.32 Sia X uno spazio metrico non completo, diremo che lo spazio metrico r ` completo X e un completamento di X , se esiste una applicazione isometrica di X in r r. X , tale che limmagine di X ` e densa in X

r . Inoltre Teo. 2.26 Ogni spazio metrico X non completo ammette un completamento X due qualsiasi completamenti sono tra loro omeomor tramite una isometria, cio` e il completamento ` e unico a meno di isometrie.

Dim. 2.26 Vediamo subito lunicit` a del completamento. Siano X1 e X2 i sottoinsiemi r1 , X r2 , isometrici a X . densi dei completamenti X Allora siano fj : X Xj , j  1, 2 le due corrispondenti applicazioni isometriche (che sono su sulle loro immagini Xj ). Esse sono invertibili e:

1 : f1 f2

1 : X f2 f1 1

X2 , X2 X1

1 ` sono una linversa dellaltra e isometriche. Ora f2 f1 e prolungabile univocamente in 1 ` r r una applicazione T : X1 X2 continua e quindi isometrica. Analogamente f1 f2 e r r prolungabile univocamente in una applicazione S : X2 X1 continua e isometrica. r1 , allora esiste una successione xj in X1 con xj x in X r1 . Vale: Sia ora x X

pS f2 f11qpxj q  xj ,
e passando al limite per j

V si ha:
S pT pxqq  x .

Analogamente:

T pS pz qq  z ,

r2 . dzX

Le distanze sono preservate per cui T e S sono le isometrie (una linversa dellaltra) r1 e X r2 che rendono i due spazi omeomor. richieste fra X Vediamo ora come individuare un completamento. Si consideri linsieme delle successioni di Cauchy in X . Su questo insieme poniamo una relazione di equivalenza:

txnu  tynu

se

lim dpxn , yn q  0 .

160

Capitolo 2 Topologia.

` chiaro che si tratta di una relazione di equivalenza che divide linsieme delle successioni E r linsieme di queste classi. Possiamo di Cauchy in classi di equivalenza r txn u s. Sia X r: costruire una corrispondenza fra X e un sottoinsieme di X pxq 

r txu s ,  xu e tutte le successioni


n

che associa sostanzialmente a x la successione stazionaria txn equivalenti. La corrispondenza ` e 1-1 perch` e: pxq  py q

r txu s  r tyu s

x  lim x  lim y
n

 y.

r di una metrica. Siano txn u e tyn u due successioni di Cauchy. Abbiamo: Dotiamo ora X

dpxn , yn q dpxn , xm q dpxm , ym q dpym , yn q ,

|dpxn, ynq dpxm, ymq| dpxn, xmq dpyn, ymq . Essendo le successioni di Cauchy, anche la successione, in R, tdpxn , yn qu ` e di Cauchy e
quindi convergente (R ` e completo), cio` e esiste:
r  lim dpxn , yn q . d

I u, allora: Se txn u  txIn u e tyn u  tyn I q| dpx , xI q dpy I , y q . |dpxn, ynq dpxIn, yn n n n n
r` Per cui d e indipendente dalle successioni scelte allinterno delle classi di equivalenza, ma dipende solo dalle classi r txn u s e r tyn u s. Deniamo allora: r d pr txnu s, r tynu sq  lim dpxn, ynq ,
n

I q dpy I , y q , dpxn , yn q dpxn , xIn q dpxIn , yn n n

r risulta metrico. Infatti possiamo vericare le propriet` e lo spazio X a metriche: r d pr txnu s, r tynu sq 0 . r d pr txnu s, r tynu sq  0

lim dpxn, ynq  0 txnu  tynu r txnu s  r tynu s . r r d pr txnu s, r tynu sq  d pr tynu s, r txnu sq . r d pr txnu s, r tynu sq  lim dpxn, ynq lim dpxn, znq lim dpzn, ynq r r d pr txnu s, r tznu sq d pr tznu s, r tynu sq .

2.5 Successioni.

161

Considerando X1

 pX q, ` e chiaro che ` e una isometria:


r d ppxq, pyqq  lim dpx, yq  dpx, yq .
n

r . Sia Vediamo ora che X1 ` e denso in X

r , abbiamo: r txnu s X
n

r d pr txnu s, pxmqq  lim dpxn, xmq .

Essendo txn u di Cauchy, dato da cui:

0, possiamo imporre dpxn, xmq


r d pr txnu s, pxmqq ,

per n, m

N p q,

(ogni successione di Cauchy ` e approssimata dai suoi elementi). r . Sia x r . Per rn una successione di Cauchy in X Rimane da vedere la completezza di X ogni n intero e positivo possiamo scegliere xn X tale che:
r rn , pxn qq d px

1 . n

Gli elementi xn formano essi stessi una successione di Cauchy:


r r r r rn q d rn , x rm q d rm , pxm qq dpxn , xm q  d ppxnq, pxmqq d ppxnq, x px px

1 1 r rn , x rm q . m d px n
r  r txn u s costituisce proprio il limite della successione x rn : E abbiamo che x r r r rn , x rq d rn , pxn qq d rq d px px ppxnq, x

1 n

klim dpx , x q 0. V n k nV

r risulta completo. Essendo x rn una successione di Cauchy arbitraria, X

162

Capitolo 2 Topologia.

2.6

Esercizi

Esercizio 2.1 Si dia un esempio di spazio metrico che contiene due sfere S px, r1 q e S py, r2 q, con x $ y e r1 r2 , tali che la sfera di raggio minore contenga la sfera di raggio maggiore: S px, r1 q S py, r2 q . Esercizio 2.2 Sia pX, dq uno spazio metrico. Si dimostri che: a) la funzione dI px, y q  dpx, y q , 1 dpx, y q

denisce unaltra metrica su X che rende X limitato; b) ogni spazio metrico ` e omeomorfo ad uno spazio metrico limitato.

Esercizio 2.3 Si consideri lo spazio delle successioni limitate: E

x  txn uV n0 ; sup |xk | V ,


k

a) Si dimostri che E ` e uno spazio metrico completo con la distanza: dpx, y q  sup |xk yk | .
k

b) Sia dato il sottoinsieme S E formato dalle succesioni x i cui elementi xk possono assumere solo i valori interi positivi 0, 1, . . . , 9. Si calcoli la minima e la massima distanza tra due punti distinti di S e si dimostri che S non ` e denso in E . Esercizio 2.4 Siano X , Y due spazi metrici e tfn unN una successione di funzioni continue da X a Y tale che fn converge uniformemente ad una funzione f : X Y . Si dimostri che: a) f ` e continua; b) se xn

Esercizio 2.5 Si consideri lo spazio delle funzioni continue C pra, bsq su un intervallo ra, bs e a valori reali (o complessi).

x in X quando n V, allora fnpxnq f pxq in Y .

2.6 Esercizi

163

a) Si dimostri che la seguente funzione denisce una metrica su di esso: dpf, g q  sup |f pxq g pxq| ,
x a,b

r s

e che lo spazio ` e completo. b) Si stabilisca se il seguente sottoinsieme ` e aperto o chiuso e se ` e denso in C pra, bsq:
2 @

C pra, bsq ; f px0q  k , essendo x0 un punto dellintervallo ra, bs e k un numero reale (complesso) ssati. Esercizio 2.6 Si consideri lo spazio metrico completo C 0 pr1, 1sq delle funzioni continue dallintervallo r1, 1s a valori complessi, con la distanza: dpf, g q  sup |f pxq g pxq| .
M f

1x1

a) Si determini se la successione di funzioni: fn pxq 

1 n2

x2 ,

n  1, 2, . . .

` e di Cauchy. Si dica poi se ` e convergente e, in caso aermativo, se ne determini il limite. b) Si determini se il sottospazio C 1 pr1, 1sq delle funzioni derivabili con derivata prima continua nellintervallo r1, 1s ` e chiuso.

164

Capitolo 2 Topologia.

2.6.1

Soluzioni
2 @

Soluzione 2.1 Si consideri come spazio metrico la semiretta positiva dellasse reale con lordinaria distanza tra numeri reali:

R  x R ; x 0 ,
dpx, y q  |x y | . Considerando le due sfere: S p0, 2q  S p1, 3{2q 

4 4

x R ; dpx, 0q 2 3 x R ; dpx, 1q 2

B B

 

0x2 0x 5 2

,
B

abbiamo eettivamente S p0, 2q S p1, 3{2q.

Soluzione 2.2 a) La funzione dI denisce una metrica in quanto:

` e denita positiva:

dI px, y q 0,

dI px, y q  0 x  y ,

poich` e il denominatore ` e sempre una quantit` a strettamente positiva, mentre il numeratore e maggire o uguale a zero e si annulla solo quando x  y ; ` e simmetrica: dI px, y q  dI py, xq ,

in quanto rapporto di funzioni simmetriche; soddisfa la disuguaglianza triangolare. Infatti, essendo d una metrica, abbiamo: dpx, y q dpx, z q dpz, y q , 1 1 dpx, y q dpx, y q 1 1 dpx, y q 1 1 dpx, y q 1 1 dpx, zq , dpz, y q

1 1 dpx, z q dpz, y q 1

px, zq dpz, yq dpd x, z q dpz, y q 1

dpz, y q px, zq  dpx, zq d dpz, yq 1 dpx, zq dpz, yq 1

px, zq dpz, yq , dpd x, z q 1 dpz, y q 1

2.6 Esercizi

165 dI px, y q dI px, z q dI pz, y q .

Inne osserviamo che:

dI px, y q 1

d x, y X ,

per cui tutto lo spazio ` e contenuto nella sfera unitaria. ` E sucente mostrare che gli spazi pX, dq e pX, dI q sono tra loro omeomor tramite la trasformazione identica: f : x x , chiaramente invertibile e coincidente con la sua inversa. Essa ` e un omeomorsmo se 1 sia f che f sono continue. Ragionando con gli aperti questo equivale a dire che un insieme aperto nello spazio topologico pX, dq ` e aperto anche nello spazio topologico I pX, d q e viceversa. Le due topologie sono costruite a partire dalle sfere aperte con centro un punto qualunque x0 X e raggio arbitrario:
2 @ S I px0 , rq  x X ; dI px0 , xq r ,

S px0 , rq  x X ; dpx0 , xq r ,

e le topologie sono equivalenti se, data una sfera S px0 , rq pX, dq, possiamo determinare I q S I px0 , rI q nello spazio topologico pX, dI q tali che: due sfere S I px0 , r1 2 Notiamo innanzitutto che dI px, y q dpx, y q, quindi, se x S px0 , rq, allora dI px0 , xq I  r. ` quindi suciente prendere r2 dpx0 , xq r e x S I px0 , rq. E dpx0 , xq  ` quindi suciente imporre: E r dI px0 , xq 1 dI px0 , xq r1  1 , rI
1

I q S px , rq S I px , rI q . S I px0 , r1 0 0 2

I q, allora: Daltra parte, se x S I px0 , r1

r1 1 . rI
1

I r1

Soluzione 2.3 dpx, y q denisce una metrica in quanto, per ogni x, y, z

 1r .
r

x  y , dpx, y q  sup |xk yk |  sup |yk xk |  dpy, xq ,


k k k k

dpx, y q 0 ,

dpx, y q  0

E:

dpx, y q  sup |xk yk |  sup |xk zk zk yk |

sup |xk zk | sup |zk yk |  dpx, zq dpz, yq .


k k

166

Capitolo 2 Topologia.

Per dimostrare che E ` e completo consideriamo in esso una successione di Cauchy txpnq unN : dpxpmq , xpnq q ,

d m, n n ,
pnq u
n

(n dipende solo da ). Per ogni k , la successione di numeri (reali o complessi) txk (k ssato), ` e di Cauchy in quanto:

|xpkmq xpknq| sup |xpkmq xpknq|  dpxpmq, xpnqq


k

m, n n .

Ne segue che, essendo R (o C) spazi completi, esiste per ogni k il limite:


n

lim xk

pnq  x , k

che denisce una successione txk uV k0 . Inoltre, prendendo il limite per n anche: |xpkmq xk | , d m n , e, prendendo lestremo superiore al variare di k : dpxpmq , xq , mn

V, abbiamo

questo comporta che x ` e una successione limitata (x E ) e: x  lim xpmq ,


m

nella topologia dello spazio E . Consideriamo ora il sottoinsieme S . Se x, y S , ovvero xk , yk possono assumere solo un numero nito di valori, lo stesso vale per le dierenze xk yk , e deve esistere almeno un k tale che: dpx, y q  sup |xk yk |  |xk yk | . Inoltre |xk yk | assume valore minimo 1 (dobbiamo avere x $ y ) e valore massimo 9: dmin
k

 1,

dmax

 9.

Ricordiamo che S ` e denso in E se e solo se ogni intorno di un punto arbitrario x0 E contiene almeno un punto di S . Il fatto che la distanza minima tra i punti di S distinti ` e nita comporta che S non pu` o essere denso in E : prendiamo ad esempio x0  p1{2, 0, 0, . . .q e come intorno la sfera S px0 , 1{4q che non contiene alcun punto di S . Notiamo, per inciso, che S ` e un insieme con cardinalit` a innita e non numerabile in quanto i suoi elementi possono essere posti in corrispondenza biunivoca con lintervallo reale r0, 1s (scrivendo un numero in forma decimale, la sequenza dei decimali denisce una successione in S ).

Soluzione 2.4

2.6 Esercizi

167

a) Ricordiamo che fn

f per n V uniformemente se: sup dY pfn pxq, f pxqq d n n,


x X

e che la convergenza uniforme implica quella puntuale: f n p xq

f pxq d x X .

Per la disuguaglianza triangolare si ha: dY pf pxq, f px0 qq dY pf pxq, fn pxqq dY pfn pxq, fn px0 qq dY pfn px0 q, f px0 qq . Daltra parte, se n n abbiamo: dY pf pxq, fn pxqq , dY pfn pxq, fn px0 qq dY pfn px0 q, f px0 qq , se dX px, x0 q ,

in quanto fn converge puntualmente (e uniformemente) a f , e: ( pu` o dipendere dal punto x0 e da ), essendo fn continua per ipotesi. Pertanto dY pf pxq, f px0 qq pu` o essere resa piccola a piacere e f ` e continua. b) Per la disuguaglianza triangolare si ha: dY pfn pxn q, f pxqq dY pfn pxn q, f pxn qq dpf pxn q, f pxqq . Ora, poich` e fn converge puntualmente e uniformemente a f abbiamo: dY pfn pxn q, f pxn qq e, essendo f continua: dY pf pxn q, f pxqq con dipendente da se dX pxn , xq , se n n (indipendente da xn ) ,

e x in generale. Risulta quindi vericata laermazione.

Soluzione 2.5 dpf, g q denisce una metrica poich` e per ogni f, g, h, dpf, g q  sup |f pxq g pxq|  sup
x a,b

C pra, bsq:

dpf, g q 0 ,

dpf, g q  0
x a,b

r s

r s

f  g ; |gpxq f pxq|  dpg, f q ,

dpf, g q  sup |f pxq g pxq|  sup |f pxq hpxq hpxq g pxq|


x a,b

r s

x a,b

r s

x a,b

sup |f pxq hpxq| sup |hpxq g pxq|  dpf, hq dph, g q .

r s

x a,b

r s

168

Capitolo 2 Topologia.

Per dimostrare che C pra, bsq ` e completo consideriamo in esso una successione di Cauchy tfnunN: dpfm , fp q , d m, p n . Per ogni x ra, bs, la successione di numeri reali (o complessi) tfn pxqunN ` e di Cauchy:

|fmpxq fppxq|

t a,b

r s

sup |fm ptq fp ptq|  dpfm , fp q

d m, p n .

Ne segue che essendo R (o C) completi, fn pxq ` e convergente e denisce una funzione f : f pxq  lim fn pxq .
n

Operando il limite per p V abbiamo anche che:

|fmpxq f pxq|
dpfm , f q

dmn

(n non dipende da x) e prendendo lestremo superiore nellintervallo ra, bs:

d m n,

pertanto fn converge uniformemente a f grazie alla metrica introdotta in C pra, bsq e la funzione f pxq ` e limitata. Resta da mostrare la continuit` a. Abbiamo:

|f pxq f px0q|  |f pxq fnpxq fnpxq fnpx0q fnpx0q f px0q| |f pxq fnpxq| |fnpxq fnpx0q| |fnpx0q f px0q| .
Daltra parte, per ogni x ra, bs abbiamo |f pxq fn pxq| se n n (indipendente da x) e |fn pxq fn px0 q| quando |x x0 | , essendo fn pxq una funzione continua su un intervallo chiuso ra, bs (e quindi uniformemente continua). Considerando la parte (b) ricordiamo che se una successine fn di funzioni in C pra, bsq converge uniformemente (ovvero nella topologia denita dalla metrica qui usata) ad una funzione f C pra, bsq allora essa converge anche puntualmente: fn pxq f pxq per ogni x ra, bs. Per vedere se M ` e aperto o chiuso, consideriamo una successione di Cauchy tfn unN di funzioni in M , ovvero tali che fn px0 q  k . Per quanto visto in (a), tale successione converge ad una funzione f C pra, bsq. Daltra parte la successione numerica fn px0 q ` e stazionaria, fn px0 q  k per ogni n, e quindi necessariamente anche la funzione limite soddisfa f px0 q  k , cio` e f appartiene a M che ` e quindi un insieme chiuso (contiene i suoi punti di accumulazione). Linsieme M non pu` o essere denso in C pra, bsq, in quanto possiamo considerare una funzione g C pra, bsq con g px0 q $ k e questa non pu` o appartenere alla chiusura M  M (non pu` o essere limite di funzioni in M ).

2.6 Esercizi

169

fn(x)
1

0.8

0.6

0.4

0.2

n=2 n=4 n=8 n=16 n=


0 0.5 1

0 -1 -0.5

Figura 2.8: Esercizio 2.6. Soluzione 2.6 La successione ` e di Cauchy in quanto (vedi gura 2.8): dpfn , fm q  sup
1 n2

1x1


x2

1 m2

2 x

1 n

1 0. m n, mV

` quindi convergente perch` E e lo spazio C 0 pr1, 1sq ` e completo. In eetti il limite puntuale coincide con il limite uniforme e la successione converge alla funzione: f pxq 

x2

 |x| .

La successione del punto (a) ` e una successione di Cauchy di funzioni derivabili con derivata continua. Questa successione converge per` o ad una funzione che non ` e derivabile in x  0. Il sottospazio in questione non ` e quindi chiuso.

170

Capitolo 2 Topologia.

Capitolo 3. Spazi lineari.


3.1 Strutture algebriche.

Vogliamo ora generalizzare le buone propriet` a degli spazi Rn e Cn al caso di spazi vettoriali astratti, deniti assiomaticamente. In particolare, gli spazi vettoriali che deniremo possono avere un numero arbitrario di dimensioni. Questa generalizzazione ` e di grande interesse per le applicazioni siche in quanto ` e spesso necessario considerare spazi a dimensioni innite per la descrizione matematica di un sistema. Un esempio ` e fornito dalla trattazione quantistica dellatomo di idrogeno, che pur costituendo un sistema molto semplice, implica la costruzione di uno spazio vettoriale innito-dimensionale. Per giungere alla denizione di spazio vettoriale ripercorriamo la costruzione delle varie strutture algebriche astratte, senza soermarci troppo su di esse. Def. 3.1 (Gruppo) Sia X un insieme in cui sia denita una operazione binaria (detta anche legge di composizione) che ad ogni coppia di elementi a, b X associa un elemento di X indicato con a b, o semplicemente a b:

: pa, bq a b.
i) Vale la legge associativa:

(3.1)

Allora linsieme X si chiama gruppo se loperazione binaria verica le condizioni:

d a, b, c X ,

pa bq c  a pb cq . d aX.

(3.2)

ii) Esiste un elemento neutro u X tale che: a u  u a  a, (3.3)

iii) Ogni elemento a X ammette lelemento inverso a1 tale che: a a1

 u  a 1 a .

(3.4)

Per mettere in evidenza la legge di composizione binaria il gruppo viene a volte indicato con la coppia pX, q.

171

172

Capitolo 3 Spazi lineari.

Def. 3.2 Un gruppo X si dice abeliano se vale la legge commutativa, cio` e se: abba

d a, b X .

(3.5)

Osservazione. Quando X ` e un gruppo abeliano, spesso loperazione binaria viene detta addizione e indicata con . In tal caso lelemento neutro viene detto zero e indicato con 0. Linverso viene indicato con a (detto opposto) e si pone (per convenzione): a b  a pbq . Il gruppo X viene anche detto, in questo caso, gruppo additivo. Def. 3.3 Una applicazione f : X Y da un gruppo X ad un altro Y si chiama omomorsmo se preserva loperazione: f pa bq  f paq f pbq ,

d a, b X .

(3.6)

Se f ` e anche biiettiva allora f viene detta un isomorsmo e i due gruppi X e Y sono detti isomor. Def. 3.4 Se f : X Y ` e un omomorsmo, allora il nucleo di f ` e denito come linsieme degli elementi di X che si trasformano, tramite f , nellelemento neutro u di Y: Npf q  ta X ; f paq  u u . (3.7)

Def. 3.5 (Anello) Sia A un insieme non vuoto in cui siano denite due operazioni binarie, una detta addizione (o a volte somma) , e una detta moltiplicazione (o anche prodotto) :

: A A A ,

: A A A ,

pa , bq a b , pa , bq a b  a b .

(3.8) (3.9)

A viene detto anello se sono vericate le propriet` a:


i) A ` e un gruppo abeliano rispetto alla addizione. ii) Vale la propriet` a associativa per la moltiplicazione:

p a bq c  a p b c q

d a, b, c A .

(3.10)

3.1 Strutture algebriche.

173

iii) Vale la propriet` a distributiva della moltiplicazione rispetto alla addizione: a p b cq  a b a c

pb cq a  b a c a

d a, b, c A .

(3.11)

Spesso lanello viene indicato con la notazione pA, , q per mettere in evidenza le operazioni binarie della sua struttura.

Def. 3.6 Un anello A ` e detto commutativo se la propriet` a commutativa vale anche per la moltiplicazione: abba d a, b A . (3.12) Un anello A ` e detto unitario se esiste un elemento neutro, detto unit` a e indicato con 1, per la moltiplicazione:

h1A;

1xx1x

d x A.

(3.13)

Def. 3.7 (Campo) Un anello commutativo e unitario K ` e denito campo se ogni elemento a K, con a diverso dallelemento neutro additivo (lo zero), a $ 0, ammette un inverso a1 rispetto alla moltiplicazione:

d a K , a $ 0 h a 1 K ,

a a 1

 a 1 a  1 .

(3.14)

1 , Linverso moltiplicativo a1 di a viene spesso detto reciproco e indicato anche con a per distinguerlo dallinverso additivo, detto opposto e indicato con a.

Osservazione. Esempi importanti di campi sono linsieme dei numeri reali R e linsieme dei numeri complessi C. In pratica saranno gli unici campi che useremo in seguito.

3.1.1

Spazi vettoriali

Dopo queste premesse giungiamo alla denizione vera e propria di spazio vettoriale. Def. 3.8 (Spazio vettoriale) Sia K un campo, i cui elementi sono detti scalari, V un gruppo abeliano additivo, i cui elementi sono detti vettori. Se esiste una applicazione, detta moltiplicazione per uno scalare (per la quale non useremo alcun simbolo particolare): K V V , (3.15) pk, xq k x ,

174

Capitolo 3 Spazi lineari.

tale che: i) vale la propriet` a distributiva della moltiplicazione per uno scalare rispetto alla somma tra vettori: k pu v q  k u k v ,

d k K, u, v V ;

(3.16)

ii) vale la propriet` a distributiva della moltiplicazione per uno scalare rispetto alla somma tra scalari:

pk hq u  k u h u ,
iii) vale la propriet` a associativa:

d k, h K, u V ; d k, h K, u V ; duV ;

(3.17)

pk hq u  k ph uq ,
1u  u,

(3.18)

iv) lunit` a 1 di K risulta elemento neutro anche per la moltiplicazione per uno scalare: (3.19)

allora V viene detto spazio vettoriale o spazio lineare sul campo K. Se K  R lo spazio vettoriale viene detto spazio vettoriale reale, mentre se K  C, lo spazio ` e detto spazio vettoriale complesso. Abbiamo usato le stesse notazioni per indicare sia la somma tra vettori che la somma tra scalari, come pure le stesse notazioni per la moltiplicazione tra scalari e la moltiplicazione per uno scalare. Risulta evidente che si tratta di operazioni distinte, ma compatibili tra loro, e risulter` a sempre chiaro dal contesto di quale operazione si tratta. Osservazione. Notiamo che nella denizione di spazio vettoriale non si fa uso del fatto che K sia un anello commutativo dotato di inverso per ogni elemento non nullo. In eetti si potrebbero richiedere esattamente le stesse propriet` a con un anello unitario K invece di un campo. In questo modo si otterrebbe una struttura nota come Kmodulo, che rappresenta una generalizzazione del concetto di spazio vettoriale (gli scalari appartengono ad un anello invece che ad un campo). Osservazione. La moltiplicazione di un vettore per uno scalare ` e denita con lo scalare a sinistra del vettore, ma ` e convenzione comune dare signicato anche al prodotto con lo scalare a destra del vettore assumendo: vh  hv h K, v

V ,

ottenendo in ogni caso il multiplo del vettore v secondo il fattore scalare di proporzionalit` a h.

3.1 Strutture algebriche.

175

Vediamo qualche esempio di spazio vettoriale. Esempio 3.1 Sia V  Rn formato dalle n-uple di numeri reali px1 , . . . , xn q, xj R, j  1, 2, . . . , n. Rn diviene uno spazio vettoriale reale denendo la somma tra vettori e la moltiplicazione per uno scalare tramite le relazioni:

px1, x2, . . . , xnq py1, y2, . . . , ynq  px1 y1, x2 y2, . . . , xn ynq , px1 , x2 , . . . , xn q  p x1 , x2 , . . . , xn q, R. Esempio 3.2 Sia Cn formato dalle n-uple di numeri complessi pz1 , . . . , zn q, esso diviene
uno spazio vettoriale complesso denendo la somma tra vettori e la moltiplicazione per uno scalare formalmente nella stessa maniera di Rn :

px1, x2, . . . , xnq py1, y2, . . . , ynq  px1 y1, x2 y2, . . . , xn ynq , pz1 , z2 , . . . , zn q  p z1 , z2 , . . . , zn q, C.
Se lo scalare viene ristretto a R, mantenendo sempre come vettori gli elementi di Cn , si ottiene ancora uno spazio vettoriale, reale anzich` e complesso (ma di dimensione doppia).

Esempio 3.3 Sia Y un insieme qualsiasi (non vuoto) e consideriamo linsieme delle funzioni da Y a R: RY  tf : Y Ru . Esso diviene uno spazio vettoriale reale se lo strutturiamo con le usuali operazioni algebriche tra funzioni:

pf gqpyq  f pyq gpyq , p f qpyq  f pyq , R .


Osservazione. Con la notazione B A , con A e B insiemi, si denota linsieme di tutte le applicazioni da A a B , e la notazione deriva dal fatto che se A e B sono niti, anche linsieme delle possibili applicazioni da A a B ` e nito, e la sua cardinalit` a#` e proprio espressa dalla relazione: #pB A q  p#B q#A Esempio 3.4 Sia K  R oppure C, a scelta. Deniamo X come linsieme delle sequenze (innite) px1 , x2 , . . . , xn , . . .q di elementi di K in cui solo un numero nito di elementi xj ` e non nullo. Con le denizioni abituali di somma e moltiplicazione per uno scalare, X diviene uno spazio vettoriale su K. Si possono vericare come esercizio tutte le propriet` a di spazio vettoriale.

176

Capitolo 3 Spazi lineari.

Essendo uno spazio vettoriale un gruppo abeliano additivo, il suo elemento neutro viene indicato con il simbolo 0, oppure, quando si vuole mettere in evidenza la sua natura vettoriale, con i simboli 0 o 0, distinguendolo dallelemento neutro additivo del campo K, indicato sempre con 0. Osservazione. Risulta banale vericare che uno spazio costituito dal solo vettore nullo, t0u, costituisce uno spazio vettoriale, denotato come spazio nullo, ma in seguito, quando considereremo uno spazio vettoriale, assumeremo generalmente uno spazio non nullo, a meno di non menzionare esplicitamente il fatto che sia uno spazio nullo. Le denizioni di campo di scalari e spazio vettoriale comportano alcune conseguenze di natura algebrica intuitive. A) Gli elementi neutri (sia additivi che moltiplicativi) sono unici e per ogni coppia di vettori x, y esiste un unico vettore z tale che: x  yz, e vale: z (3.20)

 xy.
0  0.

(3.21)

B) Per ogni vettore x e per ogni scalare : 0x  0, C) La relazione ( scalare, x vettore): x  0, implica che o  0, oppure x  0. ` ovvio inoltre che la somma di un numero qualsiasi (nito) di elementi (sia per gli E scalari che per i vettori) ` e univocamente denita indipendentemente dallordine con il quale eseguire le operazioni. (3.23) (3.22)

3.1.2

Sottospazi

La struttura di spazio vettoriale pu` o indurre tale propriet` a anche su un sottoinsieme, che pu` o divenire spazio vettoriale se strutturato con le medesime operazioni, e per il quale si parla di sottospazio vettoriale. Non ` e per` o necessario vericare tutte le propriet` a di spazio vettoriale per il sottoinsieme, ma ` e suciente garantire la chiusura dellinsieme rispetto alle operazioni di addizione tra vettori e di moltiplicazione per uno scalare. Tutte le propriet` a di spazio vettoriale risultano automaticamente vericate in quanto valide per lo spazio totale. Possiamo allora dare la seguente denizione equivalente di sottospazio:

3.1 Strutture algebriche.

177

Def. 3.9 Un sottoinsieme L di uno spazio vettoriale X su un campo K ` e un sottospazio vettoriale (o sottospazio lineare) se verica le propriet` a: 1. chiusura (algebrica) rispetto alla addizione fra vettori: x, y

xy

L;

(3.24)

2. chiusura (algebrica) rispetto alla moltiplicazione per uno scalare: K, x L

x L.

(3.25)

Osservazione. La chiusura algebrica di cui sopra non ` e da confondere con la chiusura in senso topologico. Non abbiamo ancora introdotto alcuna topologia in uno spazio lineare. Le propriet` a di spazio vettoriale per il sottoinsieme L sono garantite in pratica se L ` e chiuso rispetto alle combinazioni lineari (nite), cio` e possiamo inglobare le condizioni (3.24) e (3.25) in una unica condizione: ,

K , x , y L

xy

L.

(3.26)

` immediato vericare che se abbiamo due sottospazi vettoriali L1 e L2 di un medesimo E spazio vettoriale V , la loro intersezione (non vuota in quanto contiene almeno il vettore nullo) risulta un sottospazio. Al massimo lintersezione contiene solo il vettore nullo, e diremo che i due sottospazi sono disgiunti, ma risulta in ogni caso un sottospazio. Per quanto riguarda lunione, in generale lunione di sottospazi non ` e pi` u un sottospazio, ma si pu` o sempre costruire un sottospazio che la contenga.

3.1.3

Dipendenze lineari e basi.

Tramite le operazioni denite nello spazio vettoriale si possono costruire combinazioni lineari di vettori, generando nuovi vettori dipendenti dai precedenti. Sorge allora il problema di determinare dei criteri per stabilire se un vettore pu` o essere o non essere esprimibile come combinazione lineare di altri vettori assegnati. Questo porta alla denizione rigorosa del concetto di dipendenza o indipendenza tra vettori. Def. 3.10 Sia X uno spazio vettoriale sul campo K. Un insieme non vuoto X di vettori non nulli ` e detto linearmente indipendente se lannullarsi di una combinazione lineare nita di vettori arbitrari di implica che i corrispondenti coecienti della combinazione sono nulli (xj , j K , j  1, . . . , N ):
N j 1

j xj

 0

 0 , j  1, . . . N .

(3.27)

178

Capitolo 3 Spazi lineari.

Cio` e lannullarsi dei coecienti di una combinazione lineare non ` e solo una condizione suciente ma anche necessaria per ottenere il vettore nullo. In caso contrario abbiamo un insieme di vettori dipendenti fra di loro. Def. 3.11 Sia X uno spazio vettoriale sul campo K. Un insieme non vuoto X di vettori non nulli ` e detto linearmente dipendente se non ` e linearmente indipendente, cio` e se esiste un numero nito di vettori xj , j  1, . . . N , tali che:
N j 1

j xj

 0,

con j

$ 0 , j  1, . . . N .

(3.28)

Osservazione. Notiamo che non abbiamo posto alcuna condizione sulla cardinalit` a dellinsieme , questo pu` o quindi essere nito, innito, numerabile o non numerabile, ma in ogni caso la verica della dipendenza o indipendenza lineare coinvolge sempre un numero nito N di vettori. Chiaramente in un sistema di vettori linearmente indipendenti questi sono non nulli e distinti fra loro. Infatti, se x1  x2 , abbiamo x1 x2  0, e quindi troviamo una combinazione lineare nulla con coecienti non nulli: 1  1, 2  1. Considerando i possibili sistemi di vettori linearmente indipendenti possiamo distinguere due situazioni: 1. esistono dei sistemi di vettori linearmente indipendenti formati da un numero arbitrariamente grande di vettori; 2. oppure in ogni sistema di vettori linearmente indipendenti il numero di vettori che ne fanno parte ` e limitato, cio` e il numero massimo di vettori linearmente indipendenti ` e nito. Nel secondo caso diremo che lo spazio ` e nito dimensionale e il numero massimo n di vettori linearmente indipendenti viene chiamato dimensionalit` a dello spazio. Ci` o signica che i gradi di libert` a sono in numero nito ed ogni elemento dello spazio pu` o essere espresso tramite un numero nito di parametri. Per convenzione assumiamo inoltre che lo spazio nullo abbia dimensione zero. Nel primo caso abbiamo invece a che fare con uno spazio vettoriale detto a innite dimensioni. Def. 3.12 Sia X uno spazio vettoriale su un campo K. Un insieme di vettori X ` e detto una base se ` e un insieme linearmente indipendente massimale, ovvero tale che non pu` o essere ingrandito con laggiunta di ulteriori vettori (senza perdere la propriet` a di indipendenza lineare).

3.1 Strutture algebriche.

179

Teo. 3.1 Un sistema di vettori ` e una base per uno spazio vettoriale X se e solo se ` e formato da vettori linearmente indipendenti ed ogni x X ` e esprimibile in maniera univoca come combinazione lineare nita di elementi di : x

c x ,

F nito ,

(3.29)

Dim. 3.1 Se ` e una base allora ` e formata per denizione da vettori linearmente indipen denti, e se aggiungiamo un vettore non nullo x X , x , txu non ` e pi` u linearmente indipendente. Pertanto esistono degli scalari d, d , non tutti nulli ed in numero nito, tali che: d x d x  0 , x .

La combinazione lineare ` e, in base alle denizioni di dipendenza e indipendenza lineare, nita, e il coeciente d di x ` e non nullo (in caso contrario avremmo solo una combinazione lineare nulla di x , indipendenti tra loro, a coecienti obbligatoriamente nulli). Pertanto: pd q c x . x  x d Chiaramente, se x , la relazione (3.29) ` e banalmente vericata (un solo termine, x  x), mentre se x  0, i coecienti c  0 vericano immediatamente e univocamente la relazione. La combinazione lineare (3.29) che esprime x ` e inoltre unica. Assumiamo lesistenza di due combinazioni lineari nite che esprimano il medesimo elemento x: x

a x b x

pA nitoq pB nitoq,

con x , x , A, B. Gli insiemi di vettori di , tx , Au, tx , Bu, sono niti e considerando lunione dei due insiemi (che risulta ancora nito) possiamo estendere le somme su un medesimo insieme nito di indici C  A B: x dove abbiamo posto a

a x

b x ,

 0 se A, e analogamente b  0 se B, per cui:


0

a x

b x

 pa b q x .
C

180

Capitolo 3 Spazi lineari.

Ma i vettori x sono linearmente indipendenti per cui a  b e le espansioni del tipo (3.29) sono univocamente determinate da x. Viceversa, se ` e linearmente indipendente ed ogni vettore x X si pu` o sviluppare univocamente come: x c x ,

con al pi` u un numero nito di termini non nulli, allora ` e massimale, perch` e laggiunta di un qualsiasi elemento non nullo e distinto da distrugge lindipendenza dellinsieme. Osservazione. Notiamo che, in base alle denizioni poste, lo sviluppo (3.29) ` e una somma nita, quindi senza problemi di convergenza. Non possiamo considerare somme innite, cio` e serie, no a quando non introduciamo una topologia nello spazio mediante la quale poter stabilire la convergenza. In seguito, dopo avere introdotto una topologia, potremo modicare il concetto di base, ammettendo anche un numero innito di termini nelle somme. I coecienti scalari c dello sviluppo (3.29) sono detti componenti di x lungo x . Sorge ora il problema dellesistenza di una base e, nel caso di spazi vettoriali a dimensione nita, se basi distinte abbiano la stessa cardinalit` a. Nel caso di uno spazio vettoriale a dimensioni nite il problema ` e facilmente risolubile. Ricordiamo che X ha dimensione n se il numero massimo di vettori linearmente indipendenti ` e n (nito). Teo. 3.2 Sia X uno spazio vettoriale nito dimensionale di dimensione n. Allora X ammette almeno una base formata da n vettori ed ogni altra base ha lo stesso numero n di elementi. Inoltre se te1 , e2 , . . . , ek u, con k n, ` e un sistema di vettori linearmente indipendenti, si possono aggiungere n k vettori opportuni ek1 , . . . , en , formando una base te1 , . . . , en u. ` immediato vedere che esiste una base di n elementi. Essendo lo spazio Dim. 3.2 E di dimensione n, esiste, per denizione, un insieme te1 , e2 , . . . , en u di vettori linearmente indipendenti. Essendo n il massimo numero di vettori linearmente indipendenti nello spazio, questo forma automaticamente una base. Chiaramente una qualsiasi base di X non pu` o avere pi` u di n elementi, altrimenti tale base costituirebbe un insieme di vettori linearmente indipendenti che contraddice lipotesi fatta sulla dimensionalit` a di X . Se avessimo anche una base tf1 , f2 , . . . , fm u con m n, allora, per il teorema precedente, potremmo sviluppare i vettori della base precedente nella nuova base: ej

k 1

jk fk ,

 1, . . . , n ,

3.1 Strutture algebriche.

181

con coecienti jk non tutti nulli. Considerando ora il sistema omogeneo di m equazioni nelle n incognite cj :
n j 1

essendo m n, tale sistema ammette una soluzione non nulla, cio` e cj non tutti nulli. Ci` o porta ad un assurdo in quanto otterremmo una combinazione nulla dei vettori ej (linearmente indipenenti), con coecienti non nulli:
n j 1

cj jk

 0,

 1, . . . , m ,

cj e j

n m j 1k 1

 

cj jk fk

 0.

per cui si deve avere necessariamente n  m, e tutte le basi hanno lo stesso numero di elementi. Si forma quindi una base scegliendo una qualsiasi n-upla di vettori linearmente indipendenti. Il fatto che un sistema di vettori linearmente indipendenti possa essere completato per dare una base ` e ora ovvio. Se tale sistema ` e formato da k vettori, con k n, non essendo un sistema massimale, esiste un vettore dello spazio linearmente indipendente che possiamo aggiungere al sistema, e possiamo proseguire aggiungendo un vettore dopo laltro no ad ottenere una base (il procedimento necessariamente nisce quando abbiamo n vettori linearmente indipendenti). Nel caso innito dimensionale non possiamo invocare lo stesso ragionamento (basato sostanzialmente sullalgebra lineare) e le cose si complicano. Lesistenza di una base ` e ancora garantita, ma trovarla pu` o non essere semplice. Teo. 3.3 Ogni spazio vettoriale non nullo X ammette una base. Ogni sistema di vettori linearmente indipendenti, se non forma una base pu` o essere completato in modo da formare una base. Dim. 3.3 La dimostrazione ` e basata su una propriet` a generale delle relazioni dordine nota come lemma di Zorn1 . Ricordiamo che, dato un insieme S non vuoto, una relazione dordine parziale ` e una relazione denita nellinsieme S che verica le propriet` a:
Max August Zorn (6 Giugno 1906, Krefeld, Germania 9 Marzo 1993, Bloomington, Indiana, Stati Uniti) era un matematico americano di origine te` famoso per desca esperto in algebra, teoria dei gruppi e analisi numerica. E il lemma di Zorn, scoperto nel 1935, un risultato di notevole importanza della teoria degli insiemi e applicabile ad unampia classe di costruzioni matematiche. Il lemma viene detto anche Lemma di Kuratowski-Zorn: in eetti esso fu scoperto da Kazimierz Kuratowski nel 1922 e riscoperto indipendentemente in seguito da Max Zorn.
1

182

Capitolo 3 Spazi lineari.

i) riessiva: x x, ii) antisimmetrica: x y , y x , x, y iii) transitiva: x y , y z , x, y, z

dxS; S , S ,
x  y;

(3.30)

(3.31)

x z.

(3.32)

Se in S risulta denita una relazione dordine parziale allora S ` e detto parzialmente ordinato o semi-ordinato. La qualica parziale deriva dal fatto che non ` e richiesto che due elementi di S siano necessariamente in relazione tra loro. Un sottoinsieme S I S ` e detto linearmente I ordinato se due qualsiasi elementi di S sono in relazione (cio` e confrontabili) tra loro: x, y

S I

xy

oppure y x .

(3.33)

Se S I S , si dice che S I ` e limitato superiormente se esiste b S , detto limite superiore, tale che a b per ogni a S I . Un limite superiore s per S I ` e detto estremo I superiore per S se ogni altro limite superiore b verica s b. Un elemento m S I ` e detto un massimale per S I se le ipotesi in contemporanea, I p S e m p, implicano m  p, cio` e non esiste un elemento di S I distinto da m che sia successivo a m secondo la relazione dordine. Osservazione. Notiamo che non ` e detto che un elemento massimale (secondo tale denizione) sia anche un limite superiore o un estremo superiore, in quanto potrebbero esistere degli elementi di S I non confrontabili col massimale. Un limite superiore, e in particolare un estremo superiore, deve essere confrontabile con tutti gli elementi di S I . Inoltre possono esistere pi` u elementi massimali. Il massimale non ` e quindi da conI fondere con il massimo, cio` e un elemento di S che risulta anche estremo superiore, cio` e I confrontabile con tutti gli elementi di S e successivo ad essi secondo la relazione dordine. Quando esiste il massimo questo ` e unico per la propriet` a antisimmetrica della relazione I I dordine (se abbiamo m e m massimi appartenenti a S , allora necessariamente m mI , e mI m, per cui m  mI ). Con una relazione dordine parziale vale il seguente risultato. Lem. 3.4 (Lemma di Zorn) Se in un insieme S (non vuoto) ` e denita una relazione dordine parziale, ed ogni sottoinsieme linearmente ordinato risulta limitato superiormente, allora esiste un elemento massimale m S per tutto linsieme S .

3.1 Strutture algebriche.

183

A seconda di come si imposta assiomaticamente la teoria degli insiemi, il lemma di Zorn pu` o essere assunto come postulato, oppure derivabile in ultima analisi dallassioma della scelta di Zermelo2 : Data una famiglia non vuota di insiemi non vuoti esiste una funzione che ad ogni insieme della famiglia fa corrispondere un suo elemento. Per non addentrarci nei meandri dei fondamenti della matematica, assumiamo il lemma di Zorn come assioma equivalente a quello di Zermelo. Siamo ora in grado di provare lesistenza di una base, notando che tra insiemi la relazione di inclusione costituisce proprio una relazione dordine. Consideriamo allora come S linsieme di tutti i sistemi linearmente indipendenti, con la relazione di inclusione (tra insiemi). Sicuramente S non ` e vuoto in quanto ogni sistema costituito da un solo vettore non nullo ` e linearmente indipendente. Se consideriamo un sottoinsieme S I S linearmente ordinato, esso ` e limitato superiormente dal sistema:

S I

che si pu` o provare facilmente essere linearmente indipendente, quindi un elemento di S . Allora possiamo applicare il lemma di Zorn ed asserire lesistenza di un sistema m , massimale per S . Questo costituisce quindi una base in quanto non pu` o pi` u essere aumentato senza distruggere la sua indipendenza lineare (in caso contrario non sarebbe un massimale). Analogamente si pu` o dimostrare la seconda aermazione sul completamento di un qualsiasi sistema di vettori linearmente indipendenti, considerando linsieme S formato da tutti i sistemi linearmente indipendenti contenenti il sistema dato. Osservazione. Notiamo che la dimostrazione non ore alcuno spunto costruttivo per la ` come determinazione della base, che pu` o costituire un notevole problema in molti casi. E il problema dei numeri trascendenti, si sa che sono la maggioranza dei numeri reali, ma ` e dicilissimo provare che un numero sia trascendente.
Ernst Friedrich Ferdinand Zermelo (Berlino, 27 luglio 1871 Friburgo, 21 maggio 1953) ` e stato un matematico e losofo tedesco, reso celebre dai suoi contributi allo sviluppo della teoria assiomatica degli insiemi.
2

184

Capitolo 3 Spazi lineari.

Esempio 3.5 Gli esempi 3.1 (Rn ) e 3.2 (Cn ) sono esempi di spazi vettoriali nito dimensionali e una base si ottiene considerando le n-uple:

 p0, 0, . . . , 0, 1, 0, . . . , 0q , con lelemento non nullo posto nella posizione j , j  1, 2 . . . , n. Le combinazioni lineari dei
ej

vettori ej a coecienti reali generano tutto Rn , mentre le combinazioni lineari complesse generano Cn . Pensando Cn come spazio vettoriale reale una base ` e invece fornita dalle n-uple:

 p0, 0, . . . , 0, 1, 0, . . . , 0q , c e2j  p0, 0, . . . , 0, i, 0, . . . , 0q , i  1 , sempre con lelemento non nullo in posizione j , j  1, . . . , n. Si ottengono 2n vettori
e2j 1

linearmente indipendenti le cui combinazioni lineari a coecienti reali esprimono qualsiasi elemento di Cn .

Esempio 3.6 Lesempio 3.3 pu` o essere nito dimensionale se la cardinalit` a di Y ` e nita, oppure innito dimensionale se la cardinalit` a di Y ` e innita. In questo ultimo caso risulta dicile stabilire una base per tutto lo spazio, mentre nel primo caso si pu` o operare in analogia con Rn .

Esempio 3.7 Nellesempio 3.4 dellinsieme delle sequenze con un numero nito di elementi non nulli, una base pu` o essere costruita mediante le sequenze:

 p0, 0, . . . , 0, 1, 0, . . . q , sempre con lunico elemento non nullo in posizione j , j  1, 2 . . ..


ej

Considerando le combinazioni lineari (nite) di tali vettori si ottengono tutti i vettori dello spazio (sequenze con un numero nito di termini non nulli).

Sia ora S un sottoinsieme non vuoto di uno spazio vettoriale X . Se S non ha la struttura di spazio vettoriale, cio` e S non ` e un sottospazio vettoriale, possiamo ricercare il minimo sottospazio lineare di X che contenga S , ottenendo il cosidetto sottospazio lineare generato da S : Def. 3.13 Sia S X , con X spazio vettoriale sul campo K. Deniamo sottospazio lineare generato da S il minimo sottospazio LpS q, intersezione di tutti i sottospazi contenenti S : Lp S q  L L sottospazio lineare di X . (3.34)
L S

3.1 Strutture algebriche.

185

Una denizione alternativa ` e quella di denire LpS q come linsieme delle combinazioni lineari nite di elementi di S : LpS q  tx X ; x 
N j 1

cj x j , c j

K , x j S , N Nu .

(3.35)

Infatti linsieme delle combinazioni lineari nite ` e sicuramente un sottospazio lineare contenente S e rientra tra i sottospazi L di cui si opera lintersezione. Daltra parte ogni sottospazio contenente S deve (essendo algebricamente chiuso) contenere una qualsiasi combinazione lineare nita di elementi di S . La caratterizzazione (3.35) risulta quindi il minimo sottospazio contenente S . Se linsieme S ` e nito, S  tx1 , x2 , . . . , xn u (n nito), allora ` e ovvio che il sottospazio generato Ltx1 , x2 , . . . , xn u risulta nito-dimensionale e contiene al pi` u n vettori linearmente indipendenti. Se S ` e innito, ma in S possiamo trovare al pi` u un numero nito n di vettori linearmente indipendenti, allora LpS q risulta ovviamente a dimensioni nite. Per mettere in evidenza la generazione del sottospazio mediante combinazioni lineari di elementi di S si usa anche la notazione Span pS q per linsieme (3.35).

186

Capitolo 3 Spazi lineari.

3.2

Applicazioni lineari.

Introduciamo ora le trasformazioni tra spazi vettoriali che mantengono la struttura algebrica. Def. 3.14 Siano X e Y due spazi vettoriali sul medesimo campo K, allora una applicazione: A : X Y , che associa ad ogni x X un (unico) elemento A x Y ` e lineare oppure un omomorsmo se verica ladditivit` a e lomogeneit` a: Apx y q  A x A y Ap xq  A x

d x, y X , d K, x X . d , K, d x, y X .

(3.36) (3.37)

Indicheremo inoltre con LpX, Y q linsieme delle applicazioni lineari da X a Y . Possiamo riassumere le relazioni precedenti in una richiesta unica: Ap x y q  A x A y (3.38)

Nel caso particolare di una applicazione lineare da X al campo stesso K (che pu` o essere visto come spazio vettoriale unidimensionale): : X

K , d x, y X , d K, x X , d , K, d x, y X .
(3.39) (3.40)

px y q  pxq py q , p xq  pxq ,

parliamo pi` u propriamente di funzionale lineare. Anche in questo caso la condizione di linearit` a pu` o essere espressa in una forma pi` u compatta: p x y q  pxq py q , (3.41)

Esempio 3.8 In Rn consideriamo una n-upla di numeri reali ssati: a1 , a2 , . . . , an . Allora lapplicazione: pxq 
n j 1

aj x j ,

x  px1 , x2 , . . . , xn q ,

risulta lineare, anzi un funzionale lineare.

3.2 Applicazioni lineari.

187

Nel caso di spazi vettoriali complessi pu` o aver senso denire unaltro tipo di trasformazioni, quelle antilineari. Def. 3.15 Una trasformazione A : X detta antilineare se verica le propriet` a: Ap xq  A x

Y , tra due spazi vettoriali complessi, ` e d x, y X , d C, x X ,


(3.42) (3.43)

Apx y q  A x A y ,

dove denota il complesso coniugato di . Nel caso che Y coincida con C, allora il funzionale : X omogeneo o semplicemente antilineare se: px y q  pxq py q , p xq  pxq ,

C, ` e detto coniugato
(3.44) (3.45)

d x, y X , d C, x X .

Esempio 3.9 Considerando lo spazio vettoriale Cn , in analogia e con le stesse notazioni dellesempio 3.8, il funzionale: pxq 
n j 1

aj x j ,

risulta un funzionale coniugato omogeneo (possiamo assumere in generale aj

C).

Notiamo che una trasformazione lineare (o antilineare) potrebbe essere denita anche solo su un sottoinsieme D X di uno spazio vettoriale X , che viene detto dominio e indicato con DpAq, ma le condizioni di linearit` a richiedono che D abbia una struttura di spazio vettoriale, cio` e dati x, y in D, anche la somma x y e i loro multipli x, y , appartengono al dominio della trasformazione (in caso contrario possiamo estendere la sua denizione, proprio tramite le relazioni di linearit` a o antilinearit` a, a tutto il sottospazio generato da D). Non ` e quindi restrittivo supporre che una trasformazione lineare sia denita su tutto uno spazio vettoriale X , cio` e che il dominio di denizione sia uno spazio vettoriale, comprendendo in questo modo anche il caso in cui il dominio sia un sottospazio proprio (che ha, in ogni caso, una struttura di spazio vettoriale) di uno spazio vettoriale pi` u vasto. A volte risulta per` o necessario specicare il dominio come sottospazio (proprio o improprio) di uno spazio vettoriale X , in particolare se si intendono studiare le caratteristiche del dominio, come sottoinsieme di X , oppure si vogliono confrontare tra loro due trasformazioni tra i medesimi spazi vettoriali. Per dire che due trasformazioni coincidono, non ` e suciente vericare che la loro azione (algebrica) coincide, ma devono coincidere anche

188

Capitolo 3 Spazi lineari.

i domini di denizione: AB

Ax  Bx,

DpAq  DpB q ,

d x DpAq .

(3.46)

Questo risulta particolarmente importante in spazi a dimensione innita. Se consideriamo spazi a dimensione nita, una trasformazione lineare si pu` o pensare equivalente ad una trasformazione lineare associata ad una matrice di scalari, e pu` o essere estesa senza particolari problemi a tutto lo spazio. Nel caso particolare di applicazioni lineari in cui lo spazio di arrivo coincide sostanzialmente con lo spazio di partenza parliamo di operatori lineari agenti in tale spazio. Pi` u propriamente: Def. 3.16 Sia X uno spazio vettoriale. Una applicazione lineare tra un sottospazio D di X , e X stesso: A : D X , (3.47) ` e detta operatore lineare dello spazio X . Il sottospazio D dei vettori per i quali ` e denita lapplicazione costituisce il dominio DpAq delloperatore A, per cui possiamo scrivere: A : DpAq X , DpAq X (3.48)

Osservazione. Abbiamo formalmente distinto la denizione di operatore lineare da quella di applicazione lineare, ma compiremo spesso un abuso di linguaggio chiamando operatori lineari anche le applicazioni lineari tra spazi vettoriali distinti. Risulter` a chiaro dal contesto se si tratta di veri operatori (deniti su un unico spazio), oppure pi` u in generale, di applicazioni lineari. Vedremo tra poco che in realt` a possiamo sempre pensare due spazi distinti come sottospazi di un medesimo spazio vettoriale pi` u vasto e la distinzione tra operatore e applicazione lineare viene sostanzialmente meno. Data una trasformazione lineare A : X Y , linsieme dei punti y di un qualche punto x X ` e detto range di A e indicato con RpAq: RpAq  ty

immagini

; y

 A x , x Xu .

(3.49)

Essendo A lineare ` e facile vedere che RpAq forma un sottospazio lineare. La dimensione del sottospazio RpAq ` e detta rango di A. Chiaramente una trasformazione lineare risulta suriettiva sul suo range: A : DpAq eA` e detta suriettiva o su se RpAq  Y .
su RpAq ,

(3.50)

3.2 Applicazioni lineari.

189

Per una applicazione lineare A risulta un sottospazio (sempre a causa della linearit` a) anche il suo nucleo, detto anche kernel: NpAq  tx X ; A x  0u . (3.51)

Se il nucleo ` e non banale, cio` e esiste x $ 0 tale che A x  0, allora A ` e detta singolare, mentre ` e detta non singolare se il kernel risulta coincidente con il sottospazio nullo, cio` e: Ax  0

x  0.

(3.52)

Una applicazione lineare iniettiva, cio` e tale che: A x1

 A x2 x1  x2 ,

(3.53)

risulta necessariamente non singolare e viceversa. Il nucleo NpAq ci fornisce quindi informazioni sulla iniettivit` a della trasformazione. Se A ` e iniettiva allora per ogni y RpAq esiste un unico x X tale che y  A x, cio` e risulta denita univocamente una applicazione B : RpAq X , tale che: BAx  x

dxX.

(3.54)

Tale applicazione risulta anchessa 1 1, infatti:

RpAq y  A x , x X , 0  B y  B A x  x , y  A x  0 . Allora, se y RpAq, y  A x, x X , allora B , denita dalla (3.54), verica: AB y  AB Ax  Ax  y,


By y per cui si ha anche: ABy ` chiaro che se RpAq  Y , cio` E eA` e suriettiva (oltre che iniettiva), allora B risulta denita su tutto Y , A ` e invertibile, e B ` e detta linversa di A e indicata con A1 . Essendo A 1 lineare anche A ` e lineare e A risulta un isomorsmo tra i due spazi vettoriali. Osservazione. Notiamo che solo dopo aver asserito liniettivit` a e suriettivit` a della trasformazione lineare A abbiamo potuto denire una trasformazione inversa A1 , con: DpA1 q  Y , tale che: A1 A x  x A A1 y RpA1 q  X , (3.56)

0

y

d y RpAq .

(3.55)

y

dxX, dyY .

(3.57)

190

Capitolo 3 Spazi lineari.

In generale, se non abbiamo informazioni sulla iniettivit` a e suriettivit` a di A, per avere 1 linvertibilit` a, ` e necessario determinare una trasformazione A (identicabile poi con linversa) che verichi entrambe le relazioni (3.57) (e di conseguenza abbiamo liniettivit` a 1 e suriettivit` a di A e A ). Nel caso che X e Y coincidano con un medesimo spazio a dimensioni nite, per cui le trasformazioni sono rappresentabili da matrici quadrate, ` e suciente vericare una sola delle due equazioni (3.57), per avere linvertibilit` a. Infatti in questo caso possiamo dire che il determinante di A (e di A1 ) ` e non nullo, la trasformazione A ` e non singolare e vale anche laltra relazione. A dimensioni innite non possiamo invocare tale ragionamento, tipico dellalgebra lineare, il determinante ` e privo di signicato in generale. Considerando spazi vettoriali a dimensione nita, possiamo stabilire un confronto tra essi, basato sulla dimensionalit` a. Teo. 3.5 Due spazi vettoriali (sul medesimo campo) nito-dimensionali sono isomor se e solo se hanno la stessa dimensione.

Dim. 3.5 Siano X e Y i due spazi isomor tramite una applicazione invertibile A, e sia te1 . . . enu una base di X . Allora i vettori tf1  A e1, . . . , fn  A enu generano RpAq  Y . Essi sono linearmente indipendenti in quanto A ` e 1-1. X ed Y hanno quindi la stessa dimensione n. Viceversa se X ed Y hanno la stessa dimensione, siano te1 , . . . , en u, tf1 , . . . , fn u due basi per X e Y rispettivamente, e deniamo la trasformazione lineare A tramite la richiesta che A ej  fj , j  1, . . . , n: x Ax 
n j 1 n j 1

xj e j ,

xj

K,
(3.58) xj f j .

xj A ej

n j 1

Allora chiaramente RpAq  Y e A x  0

x  0, per cui A ` e un isomorsmo.


Y, A lineare .
@

Linsieme di tutte le trasformazioni lineari tra due spazi vettoriali X e Y viene indicato con LpX, Y q: LpX, Y q  A : X
2

(3.59)

Se non specichiamo il contrario assumiamo che tutte le applicazioni siano denite su tutto lo spazio X , dominio comune di tutte le trasformazioni. Date due trasformazioni A e B , denite ognuna sul proprio dominio (sottospazi di un medesimo spazio vettoriale X ), e col medesimo codominio Y , possiamo denire lapplica-

3.2 Applicazioni lineari.

191

zione somma A B e la moltiplicazione per uno scalare :

pA B q x  A x B x d x DpAq DpB q  DpA B q , p Aq x  pA xq d x DpAq .

(3.60) (3.61)

Chiaramente tali operazioni introducono una struttura vettoriale nellinsieme delle applicazioni lineari e, in particolare, possiamo aermare che LpX, Y q forma uno spazio vettoriale sul medesimo campo K degli spazi X e Y .

192

Capitolo 3 Spazi lineari.

3.3

Somme dirette.

Abbiamo visto che lintersezione di due sottospazi vettoriali L1 ed L2 costituisce a sua volta un sottospazio vettoriale (eventualmente nullo), ma generalmente lunione non ` e un sottospazio. Possiamo per` o determinare in generale il sottospazio generato dallunione stessa. Risulta importante il caso in cui i due (o pi` u) sottospazi sono disgiunti o meglio indipendenti, per i quali si pu` o parlare di somma diretta. Def. 3.17 Sia X uno spazio vettoriale e E , F due suoi sottospazi. Diremo che X ` e la somma diretta di E e F , e scriveremo: X

EF ,
xef.

(3.62)

se ogni elemento x X pu` o esprimersi univocamente come somma di un elemento e E e di un elemento f F :

d x X h! e E ,f F ;

(3.63)

In questo caso diremo anche che E ed F sono ciascuno un sottospazio supplementare dellaltro. Osservazione. Il fatto che e ed f debbano essere univocamente determinati da x implica necessariamente che i due sottospazi siano disgiunti, cio` e che la loro intersezione concida con lo spazio nullo: E F  t0u. Infatti se, per assurdo, avessimo un vettore x non nullo nellintersezione, avremmo: x0xx0 con le possibili scelte (tra innite scelte):
5

x 2

x , 2
6 9 8e 9 7f

e0 f

x

ex f

0

x 2 x 2  t0u, e ogni x X lo

che distruggono lunivocit` a. Viceversa se abbiamo due sottospazi E ed F disgiunti: E F possiamo decomporre come: xef, xef e E ,f e, eI

F,
f, f I

allora la decomposizione ` e unica. Se infatti abbiamo due decomposizioni:

 eI f I ,

E,

F,

3.3 Somme dirette.

193

allora le dierenze:

e eI e eI

 fI f ,

appartengono a entrambi i sottospazi e devono essere nulle:

 0  fI f .

Pertanto possiamo dire che X

 E F.

allora e  f e sia e che f appartengono allo stesso sottospazio, intersezione dei due sottospazi. Essendo il vettore nullo lunico elemento dellintersezione, devono essere nulli sia e che f . Viceversa se:

Due sottospazi E , F a intersezione nulla sono anche detti linearmente indipendenti, intendendo con ci` o la propriet` a che lannullarsi della somma di due vettori appartenenti ad E ed F rispettivamente comporta lannullarsi dei vettori stessi. Infatti, se E e F sono disgiunti e: e f  0, eE, f F ,

F e  f  0 , allora se x E F , la somma x x  0, pensando x E e x F , comporta x  0.


f Ovviamente la decomposizione di uno spazio nella somma diretta di due sottospazi pu` o essere estesa alla somma diretta di pi` u sottospazi E1 , . . . , En : X

ef

 0,

eE,

 E1 E2 En ,

(3.64)

allorquando ogni vettore x dello spazio pu` o essere decomposto in maniera unica come somma di vettori nei sottospazi: x
n j 1

xj ,

xj

Ej , j  1, . . . , n ,

(3.65)

e i vari sottospazi devono essere disgiunti tra loro. Se invece abbiamo degli spazi vettoriali Ej , j  1, . . . , n, non necessariamente sottospazi di un medesimo spazio vettoriale, ma deniti sul medesimo campo K, possiamo costruire uno spazio vettoriale che sia sostanzialmente la somma diretta degli spazi Ej . Deniamo infatti nel prodotto cartesiano: X

 E1 E2 En
(3.66) (3.67)

una struttura di spazio vettoriale mediante le operazioni:

px1, . . . , xnq py1, . . . , ynq  px1 y1, . . . , xn ynq , p x1 , . . . , x n q  p x 1 , . . . , x n q .

194

Capitolo 3 Spazi lineari.

Lo spazio X ` e detto (in analogia con le denizioni precedenti) somma diretta degli spazi Ej , e indicato di nuovo con:
n j 1

Ej

 E1 E2 En ,

in quanto ` e immediato vedere che esiste una corrispondenza biunivoca tra Ej e il sottospazio: I  tp0, . . . , 0, x , 0, . . . , 0q ; x E u , j  1, . . . , n . Ej j j j In questo modo possiamo costruire nuovi spazi vettoriali in maniera gerarchica. Risulta immediato vericare che se E1 , . . . , En hanno dimensione nita, lo stesso vale per la loro somma diretta, e la dimensione risulta la somma delle dimensioni dei singoli spazi: dim
n j 1

Esempio 3.10 Sia X  RR lo spazio vettoriale formato dalle funzioni reali di variabile reale, e deniamo i sottospazi:

Ej

n j 1

dim Ej .

(3.68)

 tf Vd  tf
Vp

: R R ; f pxq  f pxqu ,

: R R ; f pxq  f pxqu .

Vp e Vd sono costituiti dalle funzioni pari e dispari rispettivamente, e sono chiaramente disgiunti (solo la funzione identicamente nulla ` e contemporaneamente pari e dispari). Ora, se f ` e una funzione arbitraria, possiamo decomporla come: f p xq  f pxq f pxq 2

f pxq 2f pxq ,

ottenendo la decomposizione dello spazio vettoriale nei suoi sottospazi:

RR  Vp Vd .

Abbiamo visto come vericare se uno spazio vettoriale sia esprimibile come somma diretta di suoi sottospazi vettoriali, o come costruire la somma diretta di spazi (e sottospazi) vettoriali. Sorge ora la questione dellesistenza o meno di sottospazi la cui somma diretta generi lo spazio vettoriale. Pi` u precisamente ci poniamo la questione: dato uno spazio vettoriale X e un suo sottospazio Y , ` e possibile determinare un sottospazio Z , disgiunto da Y , che ne sia il supplementare, cio` e: X

Y Z.

La risposta ` e aermativa, e vediamo quindi come costruire tale sottospazio.

3.3 Somme dirette.

195

Sia Y un sottospazio di uno spazio vettoriale X . Cominciamo col costruire lo spazio quoziente X {Y . Nello spazio X introduciamo una relazione di equivalenza  denita da (x, xI X ): x  xI x xI Y . (3.69) Questa relazione ` e di equivalenza in quanto, grazie alla struttura di gruppo additivo del sottospazio Y , sono vericate le propriet` a: riessiva: simmetrica: x  xI transitiva: x  xI , x I xx0Y

x  x ;
xI x Y

x xI Y

xI

 x;

 xP x xI Y , xI xP Y x xP  px xIq pxI xPq Y x  xP .


X {Y

Lo spazio vettoriale X risulta allora decomposto in classi di equivalenza distinte e si denisce insieme quoziente X {Y la collezione di tali classi:

 tx  rxs ; x X u

(3.70)

Possiamo dotare linsieme quoziente di una struttura di spazio vettoriale denendo la somma e la moltiplicazione per uno scalare:

rxs rys  rx ys , rxs  r xs .

(3.71) (3.72)

Occorre per` o vericare che le denizioni (3.71) e (3.72), basate sulle operazioni tra i rappresentativi interni alle classi, siano ben poste, cio` e indipendenti dalla scelta dei rappresentativi. Ci` o` e assicurato dalla struttura di sottospazio vettoriale di Y . Se x  xI , I y  y , e K, allora:

px yq pxI yIq  px xIq py yIq Y px yq  pxI yIq , x xI Y x  xI .


Le propriet` a di spazio vettoriale dellinsieme quoziente sono facilmente vericabili e abbiamo cos` costruito lo spazio vettoriale quoziente. Notiamo che il sottospazio Y costituisce da solo una classe di equivalenza che denisce lelemento nullo dello spazio quoziente

196

Capitolo 3 Spazi lineari.

(ogni elemento di Y ` e equivalente allo zero). Inoltre abbiamo anche una corrispondenza lineare tra X e X {Y : : X

una sorta di proiezione che associa a x la sua classe di appartenenza rxs . La corrispondenza ` e chiaramente suriettiva in quanto ogni classe di equivalenza ammette un elemento rappresentativo in X , la cui immagine secondo ` e la classe stessa. La linearit` a` e conseguenza immediata della consistenza della struttura vettoriale introdotta nello spazio quoziente (, K, x, y X ): p x y q  r x y s pxq  0

X {Y , x pxq  rxs ,

xX,

(3.73)

 rxs rys  pxq pyq .


T

Inoltre si annulla sul sottospazio Y che costituisce il suo nucleo: xY .

Z 

 f   e q  Y   0     E     

Figura 3.1: Esistenza del supplementare. Siamo ora in grado di costruire un supplementare Z del sottospazio Y . Essendo X {Y uno spazio vettoriale, questo ammette una base tf , u, formata ovviamente da classi di equivalenza. Allora per ogni scegliamo un e X nella corrispondente classe di equivalenza, cio` e: e

1pfq ,

pe q  f .

I vettori e sono linearmente indipendenti in quanto: c e

 0

c pe q  0 c f

 0

 0 d .

3.3 Somme dirette.

197

Osservazione. Notiamo che tale ragionamento mostra come tramite le immagini inverse di una applicazione lineare possiamo costruire vettori linearmente indipendenti. Mediante limmagine diretta ` e necessaria invece liniettivit` a. Mediante i vettori e possiamo generare un sottospazio vettoriale: Z

 L te ; u ,

che costituisce proprio un supplementare di Y . Sia infatti x X e consideriamo la sua classe di equivalenza pxq, allora in maniera univoca abbiamo lo sviluppo: pxq  c f

c pe q .

Una volta determinate le componenti c , abbiamo: x e quindi, essendo

c e

 0

c e

yY .

 z Z , abbiamo la decomposizione di x: x  yz, y Y , z Z. Inoltre i due sottospazi Y e Z sono disgiunti. Infatti se x Y Z , si ha che pxq  0 perch` e xY, e x c e ,
c e

in quanto x Z . Ma allora: 0  p xq 

c pe q 

c f

 0,

per cui x  0, e i due spazi sono vettorialmente disgiunti. Concludendo, Z ` e proprio il sottospazio cercato: X Y Z. Ovviamente il supplementare non ` e unico in quanto dipende in ultima analisi dalla scelta del vettore e per ogni classe di equivalenza f di base per lo spazio quoziente. Tale scelta determina la direzione dei vettori che individuano il sottospazio Z . Sostanzialmente abbiamo mostrato il seguente risultato: Teo. 3.6 Ogni sottospazio Y di uno spazio vettoriale X ammette un sottospazio supplementare Z tale che: X Y Z.

198

Capitolo 3 Spazi lineari.

Vediamo ora unaltra applicazione del concetto di insieme quoziente. Supponiamo di avere una trasformazione lineare tra due spazi vettoriali E ed F : A : E e sia N un sottospazio di E tale che: Ax  0

F , dxN,

cio` e N ` e un sottospazio del nucleo di A. Allora esiste una unica applicazione lineare p : E {N F , tale che: A p AA dove ` e la corrispondenza (3.73), vista in precedenza, tra un elemento di E e la sua classe di equivalenza in E {N . A E
p A c E 

E {N Figura 3.2: Decomposizione della applicazione A

Sia infatti

E {N , allora esiste x E tale che pxq  , e deniamo:


p A

 Ax.
A xI
p .  Ax  A

La denizione ` e ben posta, perch` e se consideriamo xI nella stessa classe di equivalenza di x, allora x xI N : A px xI q  0 Pertanto, per ogni x E :

p pxq  A x . A

3.3 Somme dirette.

199

p` Lunicit` a dellapplicazione A e una conseguenza immediata della suriettivit` a dellapplicap zione . Infatti se esistesse unaltra applicazione B tale che: p  B p per ogni E {N . allora A Se in pi` u imponiamo che N coincida esattamente con il nucleo di A, N p risulta anche iniettiva: lapplicazione A p A p pxq  B p pxq Ax  A

dxE

 NpAq, allora

Abbiamo costruito in questo modo un isomorsmo tra linsieme quoziente E {NpAq e RpAq, e di conseguenza, ricordando il teorema precedente di esistenza del supplementare, un isomorsmo tra un sottoinsieme di E , supplementare di NpAq, e RpAq. Nel caso che E sia nito dimensionale abbiamo immediatamente il seguente risultato. Teo. 3.7 Siano E ed F spazi vettoriali, con E nito dimensionale, e sia A : E F una applicazione lineare tra i due spazi. Allora, indicando con dim la dimensione di uno spazio o sottospazio lineare: dimpNpAqq dimpRpAqq  dim E . (3.74)

 0,

 pxq

Ax  0

x NpAq

 0.

3.3.1

Dualit` a.

Abbiamo visto che nel caso di applicazioni lineari tra uno spazio vettoriale X ed il suo campo di denizione K, queste sono dette funzionali lineari. Linsieme di tali funzionali costituisce uno spazio vettoriale detto duale. Def. 3.18 Sia X uno spazio vettoriale sul campo K. Linsieme di tutti i funzionali lineari f : X K, costituisce uno spazio vettoriale detto duale, o meglio duale algebrico, di X , e indicato con X : X

 LpX, Kq .

(3.75)

Osservazione. La qualica algebrico ` e stata messa per distinguere tale spazio duale dal cosidetto duale topologico, che deniremo una volta introdotta una topologia nello spazio vettoriale. Una volta denito lo spazio duale, essendo questo uno spazio vettoriale posso considerare il suo duale pX q  X , e cos` via. In pratica la catena si arresta molto presto, perch` e lo spazio di partenza X pu` o essere identicato con un sottospazio dello spazio X (da cui la parola duale).

200

Capitolo 3 Spazi lineari.

Teo. 3.8 Sia X uno spazio vettoriale sul campo K. Allora esiste una corrispondenza iniettiva e lineare J : X X , tale che:

pJ pxqq pf q  f pxq ,

d f X .

(3.76)

Dim. 3.8 Sia f un funzionale lineare su X per cui f pxq x X . Allora, a ssato x, lapplicazione Tx : X K: f risulta lineare (,
T f pxq ,
x

K` e ben denito per ogni

K, f, g X ): p f gqpxq  f pxq gpxq Tx p f g q  Tx f Tx g ,

Chiaramente la corrispondenza x J pxq ` e lineare. Per ogni f x, y X , si ha:

e Tx X . Pertanto, considerando ora x variabile, lequazione (3.76) denisce un elemento del biduale: J pxq  Tx .

X , e per ogni , K,

pJ p x yqq pf q  f p x yq  f pxq f pyq  pJ pxqqpf q pJ pyqqpf q  p J pxq J pyqq pf q .


La corrispondenza J risulta anche iniettiva, infatti:

J px1qpf q  J px2qpf q d f X f px1q  f px2q d f X f px1 x2q  0 d f X . Ma questo equivale a dire che x1  x2 . Infatti se x1 x2 $ 0, possiamo costruire il
J px1 q  J px2 q sottospazio unidimensionale non nullo: L  ty

X ; y  p x 1 x 2 q , Ku , considerare un suo supplemento M , X  L M , e denire un funzionale lineare f0 X : f0 p px1 x2 q mq  , mM, che non si annulla in px1 x2 q (in eetti f0 px1 x2 q  1). Pertanto la trasformazione J risulta iniettiva e permette di identicare X con il sottospazio J pX q, immagine di X in
X .

3.3 Somme dirette.

201

Osservazione. Spesso lespressione f pxq, con f X e x notazione: xf , xyX X ,

X , viene indicata con la

per mettere in evidenza laspetto di dualit` a tra i due spazi vettoriali e poterla pensare sia come applicazione lineare tra X e K, cio` e come elemento di X : X x X f ` facile vedere che: E Teo. 3.9 Sia X uno spazio vettoriale nito dimensionale di dimensione n. Allora anche X ` e nito dimensionale di dimensione n. Dim. 3.9 Sia te1 , . . . , en u una base per X , per cui ogni x nella base: n x

k 1

che come applicazione lineare tra X e K, cio` e come elemento di X :

K , xf , xy

X ,

K , xf , xy

X .

pu` o essere sviluppato (3.77)

Se f

X ` e un funzionale lineare, allora (tralasciando i sussi relativi alla dualit` a): xf , xy 


n k 1

xk e k .

xk xf , ek y , Consideriamo allora i

e f risulta denito dai valori assunti sugli elementi di base. funzionali lineari j , deniti sulla base tek u dalle relazioni:
j

pek q  x j , ek y  j k ,
j

j, k

 1, . . . , n .

Chiaramente abbiamo, usando lo sviluppo (3.77):

pxq  xj ,
n k 1

f pxq  f

f pek q f pek q

pxq ,
n k 1

n k 1

k 

xf , ek y

202

Capitolo 3 Spazi lineari.

I funzionali indipendenti (j

generano quindi X (essendo f arbitraria), ed essendo linearmente K):


j j

 0
e i

0

j j

,x

n j 1

j x j , x y 

n j 1

j xj ,

d xj K

 0,

 1, . . . , n .

essi risultano una base per X , con la stessa cardinalit` a nita delle basi di X .

Chiaramente, nel caso nito dimensionale, anche X ha la stessa dimensionalit` a di X e quindi di X . Pertanto nel caso nito dimensionale X e X sono isomor e perfettamente identicabili tra loro.

3.4 Spazi normati.

203

3.4

Spazi normati.

Vogliamo ora arricchire la struttura degli spazi vettoriali introducendo in essi una topologia. La struttura di spazio vettoriale e la struttura topologica non devono essere arbitrarie, ma compatibili tra loro. Le due strutture devono essere tali da interferire in modo costruttivo ed armonico nello sviluppo della teoria. In questo modo si ottiene uno spazio lineare topologico. Def. 3.19 Un insieme X ` e detto spazio lineare topologico se: i) X ` e uno spazio lineare. ii) X ` e uno spazio topologico di Hausdor. iii) La somma x y di due vettori x, y

X ` e una funzione continua di x e y .

iv) Il prodotto c x di un vettore x X per uno scalare c ` e una funzione continua di c e x. In particolare X si dir` a reale o complesso se lo spazio vettoriale risulta reale o complesso rispettivamente. Non discuteremo in generale gli spazi lineari topologici, ma introdurremo subito negli spazi vettoriali delle particolari topologie, sostanzialmente derivate da una metrica e discuteremo le loro propriet` a, ma ovviamente molti risultati, specialmente se di natura prettamente topologica, saranno in generale validi in un qualsiasi spazio vettoriale topologico. Inoltre, se non specicheremo il campo degli scalari su cui ` e denito uno spazio vettoriale, sottointenderemo il campo dei numeri complessi.

3.4.1

Norme.

Introduciamo il concetto di norma, mediante la quale renderemo lo spazio vettoriale uno spazio metrico, e quindi topologico. La norma corrisponde al concetto intuitivo di lunghezza di un vettore. Quando, in sica, si introducono in maniera pratica le grandezze vettoriali, si dice che sono caratterizzate da tre grandezze: intensit` a, direzione e verso. Lintensit` a, o modulo, del vettore si generalizza in maniera astratta nel concetto di norma. La norma di un vettore costituisce anche una generalizzazione del valore assoluto di un numero reale o complesso, e i campi dei numeri reali e complessi costituiscono degli esempi elementari di spazi normati, metrici, e quindi topologici. Def. 3.20 Uno spazio lineare reale o complesso X ` e detto normato se ad ogni elemento xX ` e associato un numero reale (detto norma) di x: x tale che:

}x} R ,

(3.78)

204 i) }x} ` e una funzione non negativa:

Capitolo 3 Spazi lineari.

}x} 0 d x X .
ii) }x} ` e strettamente denita positiva:

(3.79)

}x}  0
iii) La norma ` e omogenea in valore assoluto:

x  0.

(3.80)

} x}  || }x} d K ,
iv) Vale la disuguaglianza triangolare:

xX.

(3.81)

}x y} }x} }y} d x, y X .

(3.82)

Osservazione. La condizione ii) della denizione di norma ` e cruciale per poter denire una topologia di Hausdor nello spazio vettoriale. Se tale condizione ` e eliminata e sostituita dalla: x  0 }x}  0 , che ` e una conseguenza della condizione iii) con seminorma e indicata generalmente con ppxq.

0, allora la funzione }x} ` e detta

Ovviamente la disuguaglianza triangolare pu` o essere estesa, procedendo ricorsivamente, ad una somma di pi` u vettori xk X , k  1, . . . , n:
  n     x  k  
k 1

n k 1

}xk } .

(3.83)

Inoltre, sempre dalla disuguaglianza triangolare, ` e possibile dedurre la validit` a della relazione: | } x} } y } | } x y } , (3.84) valida per ogni coppia di vettori x, y nello spazio normato. Esempio 3.11 Lo spazio Cn ` e ovviamente uno spazio normato, con la norma ordinaria denita da: g

}x} 

f n f e xj 2 ,
j 1

| |

x  px1 , . . . , xn q Cn

(3.85)

3.4 Spazi normati.

205

Esempio 3.12 Lo spazio C pra, bsq delle funzioni (reali o complesse) continue nellintervallo ra, bs, diviene uno spazio normato con la norma denita da:

}f } 
detta anche norma uniforme.

t a,b

r s

sup |f ptq| ,

2 x2 1 x2 ,

Esempio 3.13 Nello spazio R3 si pu` o denire una seminorma nel modo seguente: ppxq  x  px1 , x2 , x3 q R3 .

` allora chiaro che tutti i vettori del tipo p0, 0, x3 q hanno seminorma nulla. E

Teo. 3.10 Se ppxq ` e una seminorma in uno spazo vettoriale X , linsieme N dei vettori ` possibile denire una norma x tali che ppxq  0 forma un sottospazio vettoriale. E nello spazio vettoriale quoziente X {N assegnando ad ogni classe di equivalenza rxs la funzione numerica: }rxs}  ppxq , x rxs . (3.86) Dim. 3.10 Se x, y

N , si ha:

ppxq  ppy q  0 . p p x q  | | p p xq  0 ,

Ma allora, se ` e uno scalare: 0 ppx y q ppxq ppy q  0 . Pertanto x e x y appartengono a N che risulta un sottospazio. Vediamo ora che la denizione (3.86) ` e ben posta, cio` e che denisce una funzione della classe, indipendente dalla scelta del rappresentante di cui si calcola la seminorma. Siano infatti x, y appartenenti alla stessa classe di equivalenza, per cui la loro dierenza appartiene a N : ppx y q  ppy xq  0 ; allora abbiamo: ppxq  ppy x y q ppy q ppx y q  ppy q , per cui ppxq  ppy q e la denizione ` e ben posta. ppy q  ppx y xq ppxq ppy xq  ppxq ,

206

Capitolo 3 Spazi lineari.

a i), iii), iv) della denizione di La funzione }rxs} eredita immediatamente le propriet` norma e seminorma. Rimane da vericare la propriet` a della positivit` a stretta. Abbiamo che: }rxs}  ppxq  0 rxs  N , ma N costituisce proprio lelemento nullo dello spazio quoziente X {N . Mediante una norma ` e possibile introdurre in uno spazio vettoriale una metrica. Deniamo infatti la distanza tra due vettori x, y in uno spazio normato X tramite la formula: dpx, y q  }x y } , (3.87) ed ` e immediato vericare le propriet` a della denizione di distanza. Lo spazio normato diviene immediatamente uno spazio topologico, metrico, e di Hausdor. Osservazione. Notiamo che mediante una norma ` e sempre possibile denire una distanza, ma non ` e vero il viceversa, in quanto uno spazio metrico pu` o non essere lineare. Inoltre la condizione di omogenit` a: dp x, y q  || dpx, y q , che vale in conseguenza della denizione (3.87), non ` e in genere richiesta da una distanza. Con la metrica e la conseguente topologia indotta nello spazio vettoriale questo risulta in eetti uno spazio lineare topologico. Teo. 3.11 Uno spazio normato X risulta uno spazio lineare topologico.

Dim. 3.11 Le condizioni di spazio vettoriale e di spazio topologico di Hausdor sono gi` a vericate per costruzione (la topologia ` e indotta dalla metrica). Rimangono da vericare le condizioni di compatibilit` a tra la struttura vettoriale e la struttura topologica, cio` e la continuit` a della somma tra vettori e della moltiplicazione per uno scalare. Se consideriamo gli intorni di due punti x0 e y0 : S p x0 , S py0 , e x S px0 , q, y

q  tx X ; }x x0} u , q  ty X ; }y y0} u ,
.

S py0, q, abbiamo: }px yq px0 y0q} }x x0} }y y0} 2

da cui la continuit` a della somma.

3.4 Spazi normati.

207

Inoltre, se x S px0 , q, e | 0 | :

} x 0 x0}  } x 0 x 0 x 0 x0}  }p 0q px x0 x0q 0 px x0q} | 0| }x x0} | 0|}x0} |0|}x x0} 2 p}x0} |0|q ,
che, essendo }x0 } |0 | 0, pu` o essere reso piccolo a piacere scegliendo opportunamente . Otteniamo quindi anche la continuit` a della moltiplicazione per uno scalare. Lintroduzione di una topologia tramite la norma comporta immediatamente che la norma stessa, intesa come funzione tra X e R, risulta una funzione continua. Infatti, se x e x0 appartengono a X , allora:

| }x} }x0} | }x x0} ,


e f p xq  } x} ` e vicino a f px0 q  }x0 } (nella topologia dei reali) ogni volta che x ` e vicino a x0 (nella topologia di X ). Notiamo che la continuit` a risulta inoltre uniforme ( p q  , indipendentemente da x0 e x) su tutto lo spazio.

3.4.2

Spazi di Banach.

Avendo introdotto una topologia tramite la norma dei vettori, sorge ora immediata la questione della completezza dello spazio. Si denisce cos` il concetto di spazio di Banach3 . Def. 3.21 Uno spazio lineare normato completo ` e detto spazio di Banach. Esempio 3.14 Lo spazio C pra, bsq dellesempio 3.12, con la norma uniforme denita da:

}f }V 
3

t a,b

r s

sup |f ptq| ,

(3.88)

Stefan Banach (Cracovia, 30 marzo 1892 Leopoli, 31 agosto 1945) ` e stato un matematico polacco, uno degli animatori della Scuola matematica di Lwow nella Polonia tra le due guerre. Egli era sostanzialmente un autodidatta in matematica e il suo genio fu scoperto accidentalmente da Hugo Steinhaus. Banach viene considerato il fondatore dellanalisi funzionale, argomento del quale avvi` o una trattazione sistematica sviluppando i risultati precedenti sulle equazioni integrali di Vito Volterra, Eric Ivar Fredholm e David Hilbert. Egli diede anche importanti contributi alla teoria degli spazi vettoriali topologici, alla teoria della misura, alla teoria degli insiemi e alla teoria dei polinomi ortogonali.

208

Capitolo 3 Spazi lineari.

costituisce uno spazio di Banach. Notiamo infatti che la norma (3.88), e la corrispondente distanza: dpf, g q  sup |f ptq g ptq| ,
t a,b

tra funzioni continue nellintervallo (chiuso) ra, bs, equivalgono ad imporre la convergenza uniforme delle successioni di funzioni, ed ` e un risultato noto dallanalisi che il limite di una successione uniformemente convergente di funzioni continue, nellintervallo ra, bs, ` e una funzione continua nellintervallo ra, bs. Potevamo dotare invece lo spazio C pra, bsq con la norma:

r s

}f }1 

b
a

|f ptq|dt ,

(3.89)

ottenendo ancora uno spazio normato, ma con una topologia diversa dalla precedente, e lo spazio non risulta pi` u completo. Infatti, consideriamo ad esempio lintervallo r1, 1s e la successione di funzioni continue:
6 9 9 9 9 9 9 8 9 9 9 9 9 9 7

1
nt

1 1 t n 1 1 n t n 1 t 1 n n  1, 2, . . . .

fn ptq 

fn risulta di Cauchy (con la norma

} }1):
T
fnk

7 7 fn 7 7 7 7 1 1 7 n k n 7 7 7 7 7

Figura 3.3: Una successione in C pra, bsq. 1 1 k 1 }fnk fn}1  n n  nV 0 k npn k q n

d k,

3.4 Spazi normati.

209

ma il limite puntuale f ptq: f ptq 

6 9 9 8 9 9 7

1
0

1t0 t0 0t1

che eventualmente vericherebbe la denizione di limite della successione fn , non ` e una funzione continua, per cui la successione di Cauchy non converge nello spazio C pra, bsq. Notiamo che nella topologia della norma uniforme la successione fn non risulta neanche di Cauchy: k }fnk fn}V  n k (non tende a zero in maniera indipendente da k per n V).

Abbiamo visto che uno spazio metrico non completo pu` o sempre essere completato considerando linsieme delle successioni di Cauchy. Uno spazio normato risulta metrico, per cui esiste un completamento anche per uno spazio normato. In pi` u, essendo lo spazio originale normato, ` e possibile rendere normato anche il completamento. Teo. 3.12 Uno spazio normato non completo X ammette sempre come completamento r. uno spazio di Banach X Dim. 3.12 Abbiamo visto in precedenza come costruire il completamento tramite linsieme delle successioni di Cauchy in X , con una relazione di equivalenza tra le successioni. r dedotta dalla r con una distanza d In questo modo abbiamo ottenuto uno spazio metrico X distanza in X . Tale costruzione rimane valida anche in uno spazio normato. Nel completamento risulta per` o denita una distanza (con relativa topologia), e non una norma, ma si pu` o intuire che questa possa essere denita estendendo la norma denita in X . Per avere che tale spazio sia uno spazio di Banach occorre mostrare che:
r ` 1) X e uno spazio lineare; r ` 2) X e uno spazio normato completo secondo la topologia denita dalla sua norma.

La prima aermazione ` e praticamente immediata introducendo una ovvia struttura vetr toriale nello spazio X . Se txn u e tyn u sono due successioni di Cauchy in X allora anche la successione somma txn yn u ` e di Cauchy, in virt` u della disuguaglianza triangolare:

}pxn ynq pxm ymq} }xn xm} }yn ym} .


e si pu` o vedere facilmente che tale nozione di somma ` e in realt` a una nozione di classe, cio` e: Iu I u. txnu  txInu , tynu  tyn txn ynu  txIn yn

210

Capitolo 3 Spazi lineari.

Analogamente, possiamo provare che t xn u, con scalare, ` e di Cauchy al pari di txn u, e denisce una operazione di classe. Le operazioni cos` introdotte vericano facilmente tutte le propriet` a di spazio vettoriale per cui otteniamo uno spazio lineare. r ` Per mostrare che X e uno spazio normato, notiamo innanzitutto che la distanza d in X , denita tramite la norma (equazione (3.87)), verica le propriet` a di omogeneit` a ed invarianza per traslazione: dpx z, y z q  dpx, y q , dp x, y q  || dpx, y q , (3.90) (3.91)

Sicuramente tale denizione estende la norma di X , infatti se x X , ed ` e identicato col r corrispondente elemento di X , abbiamo:
r }x}  d px, 0q  dpx, 0q  }x} .

valide per ogni x, y, z X e C, e per continuit` a, tali propriet` a vengono a valere anche r r per la distanza d in X . Allora possiamo introdurre la seguente norma nel completamento r: X r r. }x}  d px, 0q , x X (3.92)

}x}

` e una funzione chiaramente positiva e le propriet` a della norma sono ovviamente r vericate (x, y, X , K):
r }x}  d px, 0q  0 x  0 r r } x}  d p x, 0q  || d px, 0q  || }x} , r r r }x y }  d px y, 0q d px y, yq d py, 0q r r d px, 0q d py, 0q  }x} }y} .

Inoltre, la relazione:

r r }x y}  d px y, 0q  d px, yq ,

implica immediatamente che la topologia indotta dalla norma coincide con la topologia r r ` indotta dalla metrica d , e X e uno spazio di Banach, con la topologia indotta proprio dalla sua norma.

3.4.3

Serie innite di vettori

Mediante una topologia abbiamo ovviamemente ben denito il concetto di convergenza, ed in particolare possiamo denire la convergenza di una serie di vettori in uno spazio normato:

V 

xk

 x1 x2 xn

k 1

3.4 Spazi normati.

211

tramite la convergenza della successione delle ridotte della serie: s con: sn

V
k 1

xk

}s sn} 0, nV 
n k 1

(3.93)

xk .

(3.94)

Ovviamente, se siamo in uno spazio di Banach, il criterio di Cauchy diviene suciente per garantire la convergenza, detta convergenza in norma per mettere in evidenza la sottostante struttura topologica. Per una serie possiamo anche parlare di assoluta convergenza. Def. 3.22 Una serie: x1 x2 xk ,

` e detta assolutamente convergente se ` e convergente la serie numerica in R:

}x1} }x2} }xk } .


Se ci troviamo in uno spazio di Banach, la disuguaglianza triangolare garantisce che una serie assolutamente convergente converge in norma. Infatti se consideriamo il criterio di Cauchy per la serie, abbiamo (assumendo n m):
 n   xk  
k 1

m k 1

   xk  

  n     xk    
k m 1

n k m 1

}xk } ,

che tende a zero in R per n, m V. Osservazione. Possiamo osservare che, in uno spazio di Banach, lassoluta convergenza di una serie di vettori comporta che il limite della serie non dipende dallordine dei termini (in perfetta analogia col caso di serie numeriche assolutamente convergenti in R). Siano infatti:

V 

xk ,

V 

xppkq ,

k 1

k 1

due serie (assolutamente convergenti) ottenute luna dallaltra cambiando lordine dei termini (indicata con una permutazione p degli indici). Chiaramente le serie numeriche delle norme sono indipendenti dallordine:

V
k 1

}xppkq} 

V
k 1

}xk } V ,

212

Capitolo 3 Spazi lineari.

e le due serie sono entrambe convergenti. Lassoluta convergenza ci dice che, per ogni 0, esiste un intero m tale che:

V
k m 1

} xk }

Sia n abbastanza grande in modo che i vettori x1 , x2 , . . . , xm siano un sottoinsieme dei vettori riordinati xpp1q , xpp2q , . . . , xppnq . Se M m e N n, abbiamo allora:
 N   xppkq  
k 1

M k 1

   xk  

V
k m 1

}xk }

e, prendendo il limite per M

 N   xppkq  
k 1

V:
V
k 1

   xk  


V
k 1

per N

n,
(3.95)

cio` e le due serie coincidono:

V
k 1

xppkq

xk .

Il legame tra la convergenza assoluta e la convergenza (semplice, vettoriale) per le serie di vettori pu` o in realt` a costituire un criterio di convergenza alternativo a quello di Cauchy. Teo. 3.13 Uno spazio normato X ` e completo, cio` e di Banach, se e solo se ogni serie assolutamente convergente risulta convergente. Dim. 3.13 Abbiamo gi` a visto che se X ` e uno spazio di Banach, cio` e il criterio di Cauchy ` e suciente per la convergenza, allora ogni serie assolutamente convergente risulta anche convergente (semplicemente) in X . Viceversa occorre mostrare che lassunzione che ogni serie assolutamente convergente risulta convergente comporta che ogni successione di Cauchy converge nello spazio X . Lidea di base ` e fondata sul fatto che, come ogni serie ` e in realt` a una successione delle sue ridotte, ogni successione xn pu` o essere interpretata come una serie: xn

 x1 px2 x1q px3 x2q pxn xn1q ,

ma occorre controllare i singoli termini per avere una serie assolutamente convergente. Assumiamo quindi di avere una successione xn X , n  1, 2, . . ., che verichi il criterio di Cauchy: } xn xm } 0.
n, m

3.4 Spazi normati.

213

Possiamo allora dire che esiste n1 intero tale che:

}xn xn } 1 , 2
1

d n n1 . d n n2 , d n nk ,

Determiniamo quindi n2

n1 tale che: }xn xn } 212 ,


2

e cos` via, possiamo costruire una sottosuccessione xnk :

}xn xn } 21k ,
k

con nk

nk1, e in particolare abbiamo: }xn xn } 21k .


k 1 k

La serie delle dierenze xnk1

xn , k  1, 2, . . ., risulta assolutamente convergente:


k

V
k 1

}xn xn }
k 1 k

V 1
2k k1

 1,

e, per ipotesi, esiste la serie vettoriale:

V
k 1

pxn xn q  klim p x xn q , V n
k 1 k k 1 1

cio` e esiste il limite in X :

x  lim xnk
k

X.

Chiaramente x, sempre per la condizione di Cauchy, risulta anche il limite della successione xn , cio` e: }xn x} }xn xnk } }xnk x} pu` o essere reso piccolo a piacere.

3.4.4

Applicazioni lineari tra spazi normati.

Con lintroduzione di una topologia abbiamo la possibilit` a di trasformazioni continue tra spazi normati. In particolare siamo interessati alle trasformazioni lineari. Se A ` e una trasformazione lineare tra due spazi normati X e Y (sul medesimo campo reale o complesso): A : X Y ,

214

Capitolo 3 Spazi lineari.

possiamo dire che A ` e continua (secondo le topologie indotte negli spazi X e Y dalle corrispondenti norme vettoriali) in un punto x0 X , se per ogni 0 esiste p q tale che:

}x x0} p q }Ax Ax0}

In linea di principio pu` o dipendere anche dal punto x0 in cui si verica la continuit` a, ma la linearit` a dellapplicazione rende indipendente dal punto x0 , e la continuit` a stessa risulta una propriet` a globale indipendente dal punto, come sar` a messo in evidenza tra poco. Osservazione. Ovviamente le norme sono da intendersi nel corrispondente spazio normato. Se x X , }x} esprime la norma nello spazio X , mentre }Ax} esprime la norma dello spazio Y , che, anche in caso di coincidenza fra i due spazi, pu` o risultare denita in modo diverso. Risulter` a chiaro in generale dal contesto quale norma debba essere considerata, senza bisogno di speciche ulteriori. Per le trasformazioni lineari tra spazi normati ` e utile introdurre anche unaltra propriet` a. Def. 3.23 Una applicazione lineare A : X Y tra due spazi normati ` e detta limitata se esiste una costante reale (nita) C , tale che:

}Ax} C }x} d x X .

(3.96)

Notiamo che la costante C (ovviamente non negativa) della (3.96) deve essere indipendente da x. Osservazione. La nozione di limitatezza per una trasformazione lineare ` e diversa dalla nozione usuale di funzione limitata. A causa della linearit` a non ha senso dire che, come funzione, una applicazione lineare possa essere limitata. La condizione di omogeneit` a: Ap xq  A x , comporta la non limitatezza ordinaria, per cui si ` e modicata la denizione, e vedremo come questa risulta molto utile in pratica. Sostanzialmente la condizione (3.96) ci dice che la pendenza della trasformazione lineare ` e limitata. Questo fatto risulta naturale in spazi vettoriali di dimensioni nite dove una trasformazione lineare ` e rappresentata da una matrice di scalari che forniscono le possibili pendenze lungo le varie direzioni. Essendo le direzioni indipendenti in numero nito esiste sicuramente una pendenza massima e nita. Se la dimensionalit` a degli spazi vettoriali ` e innita questo ragionamento cessa di valere e la limitatezza diventa una caratteristica che una trasformazione lineare pu` o avere o non avere. Osservazione. Ovviamente i concetti di continuit` a e limitatezza sono validi anche nel caso di funzionali lineari f : X C, in quanto C stesso pu` o essere visto come spazio normato con la norma denita dalloperazione di modulo o valore assoluto.

3.4 Spazi normati.

215

Il concetto di limitatezza e di continuit` a per trasformazioni lineari sono in realt` a coincidenti, infatti abbiamo il seguente risultato generale: Teo. 3.14 Siano X e Y spazi normati e sia A : X Y una applicazione lineare tra i due spazi. Allora le seguenti aermazioni sono equivalenti: 1. A ` e continua (in ogni punto). 2. A ` e continua nellorigine. 3. A muta insiemi limitati in insiemi limitati. 4. A ` e limitata. 5. Esiste (nito) lestremo superiore:

}x}1
Inoltre, se A ` e continua:

sup }Ax}  M

V.

(3.97)

}x}1

sup }Ax}  sup }Ax}  sup

}Ax} x$ 0 } x } }x}1  inf tC R ; }Ax} C }x} dx X u .

(3.98)

Notiamo che in uno spazio normato possiamo dire che un insieme ` e limitato se ` e contenuto in una sfera centrata nellorigine. Dim. 3.14 Vediamo le varie equivalenze, una alla volta. 1q 2q. Se A ` e continua in ogni punto, a maggior ragione lo sar` a nellorigine. 2q 1q. A risulta continua nellorigine, per cui, se 0, esiste tale che:

}A x} d x con }x} }A x A x0}  }A px x0q} d x con }x x0} ,

a piacere:

} b} R d b B . Ma possiamo scalare ogni vettore b B allinterno di una sfera (aperta) di raggio piccolo
       2R b

e A risulta continua in qualsiasi punto x0 (inoltre non dipende da x0 , essendo stato scelto in riferimento allorigine). 2q 3q. Sia B un insieme limitato in X , per cui esiste R 0 tale che:

2 ,

216

Capitolo 3 Spazi lineari.

rendendo piccola a piacere, per la continuit` a nellorigine, la sua immagine:


    A b   2R 

}Ab} 2 R .

Ci` o mostra la limitatezza dellimmagine ApB q. 3 4q. Sia: B  tx X ; }x} 1u ,

allora, per ipotesi, esiste un raggio R 0 per una sfera contenente limmagine di B :

}x} 1 }A x} R .
Sia ora x qualsiasi e non nullo. Lo posso sempre ridurre in B :

} }  1 } } R }A x} R}x} , per cui A ` e limitata. Se x  0 la relazione ` e banalmente vericata per ogni R positivo. 4q 2q. Sia C una costante tale che: }A x} C }x} d x .
Allora:

   x     x 

   x  A   x 

}x} }A x} C ,
0 }Ax} C

che pu` o essere resa piccola a piacere, per cui A ` e continua nellorigine. 4q 5q. Come conseguenza della limitatezza tramite una costante C 0, abbiamo:

d x tale che }x} 1 . Pertanto linsieme numerico t}A x} ; }x} 1u ` e limitato ed esiste lestremo superiore. 5q 4q. Sappiamo che }A x} M se }x} 1. Allora se x ` e arbitrario e non nullo:
   x     x 

} }  1

    x A   x 

} } M }A x} M }x} ,

(di nuovo se x  0 la verica ` e banale). Abbiamo cos` chiuso il ciclo delle cinque equivalenze. Assumendo A continua, vediamo di ottimizzare la costante C della denizione di limitatezza. Dalla dimostrazione precedente 4q 5q risulta chiaro che M C , per ogni costante C che verica la condizione di limitatezza: M inf tC ; }A x} C }x}u . Dalla dimostrazione 5q 4q notiamo invece che M costituisce una delle possibili costanti C che vericano la limitatezza: }A x} M }x} ,

3.4 Spazi normati.

217

pertanto:

}x}1

sup }Ax}  inf tC

R ; }Ax} C }x} dx X u .

Possiamo restringere la ricerca dellestremo superiore fra i vettori di lunghezza unitaria. Poniamo: M  sup }A x} , M I  sup }A x} , ed ` e immediato che M I M (essendo M I un estremo su un insieme pi` u ristretto). Daltra parte se x $ 0 e }x} 1:     A x   }A x} }A x} ,  }x}  }x} (abbiamo aumentato il denominatore), e considerando lestremo superiore della parte sinistra (dove A ` e applicato ad un vettore unitario): MI

}x}1

}x}1

}A x}

d x con }x} 1 , M , e:

e quindi, operando ora lestremo superiore della parte destra, M I

}x}1
    E risulta ovvio che (essendo  }x x} 

sup }A x}  sup }A x} .

}x}1

 1): }A x} , }x}$0 }x}

}x}1

sup }A x}  sup

completando in questo modo la verica delle relazioni (3.98). La condizione che A ` e continua se e solo se muta insiemi limitati in insiemi limitati viene spesso usata per vericare la non continuit` a, nel senso che si cerca una successione di vettori xn limitata, cio` e }xn } C per ogni n, per la quale risulta }A xn } divergente. Esempio 3.15 Vediamo un esempio di applicazione lineare che pu` o essere continua oppure non continua, a seconda della scelta di un parametro. Sia X linsieme dei polinomi (complessi) in una variabile reale: X

 tp

: R

C ; ppxq polinomio nella variabile xu .

Chiaramente linsieme dei polinomi forma uno spazio vettoriale (a dimensioni innite se non restringiamo il grado dei polinomi). Dotiamo X della seguente norma uniforme nellintervallo r0, 1s: }p}  sup |pptq| .
0 t 1

218

Capitolo 3 Spazi lineari.

Essa verica facilmente le propriet` a della norma, ed in particolare:

}p}  0

pptq  0 d t ,

in quanto lannullarsi identicamente nellintervallo r0, 1s comporta, per il principio di identit` a dei polinomi, lannullarsi identicamente ovunque. Notiamo che la restrizione della variabile indipendente allintervallo r0, 1s vale solo nel calcolo della norma, mentre il polinomio ` e denito ovunque sullasse reale. Sia ora A : X C lapplicazione denita da: A p  p p x0 q , con x0 pressato. La trasformazione A ` e chiaramente lineare: A p p q q  p p q qpx0 q  ppx0 q q px0 q  A p A q , con , C, e p, q polinomi arbitrari. Abbiamo: }A p}  }p}

ed ` e chiaro che, se x0 appartiene allintervallo r0, 1s, lespressione sopra risulta limitata da una costante unitaria C  1, e la trasformazione A ` e continua. Se invece |x0 | 1, non ` e possibile limitare tale espressione. Basta considerare i monomi: pn pxq  xn , e lespressione:

0 x 1

|ppx0q|  , sup |ppxq|

}pn } 

0 x 1

sup xn

 1,

cazione A non risulta continua. Lasciamo al lettore lo studio del caso

}A pn}  |x |n , 0 }pn } pu` o essere resa grande a piacere (|x0 | 1) scegliendo n in maniera opportuna, e lappli1 x0 0.

Esempio 3.16 Sia ancora X linsieme dei polinomi dellesempio precedente, con la medesima norma uniforme nellintervallo r0, 1s. Deniamo ora loperatore lineare:

X , pA pqpxq  x ppxq .
A : X Allora:

}A p}  sup |x ppxq| sup |ppxq|  }p} ,


r0,1s r0,1s

3.4 Spazi normati.

219

per cui A ` e limitato e continuo.

X ,

Esempio 3.17 Sempre nel medesimo insieme X dei polinomi con la norma uniforme nellintervallo r0, 1s, consideriamo loperatore lineare: A : X

dp pA pqpxq  d pxq , x che associa ad un polinomio la sua derivata. Otteniamo ancora un polinomio, ma la trasformazione, pur essendo lineare, non ` e continua. Basta considerare di nuovo i monomi pn pxq  xn , n  1, 2, . . ., per mostrare la non limitatezza:

}pn}  1 ,

}A pn}  sup |n xn1|  n .


r0,1s

3.4.5 Norma operatoriale


Linsieme degli operatori lineari e continui tra due spazi normati X e Y , viene indicato con Lc pX, Y q: Lc pX, Y q  tA : X Y ; A continuou (3.99)

oppure con BpX, Y q, dallinglese bounded, per mettere in evidenza il carattere di limitatezza delle applicazioni. Chiaramente Lc pX, Y q risulta uno spazio vettoriale, sottospazio di LpX, Y q, inoltre pu` o essere dotato di una norma denendo la norma operatoriale:

}A}  inf tC R ; }Ax} C }x} d x X u Ax} .  sup }Ax}  sup }Ax}  sup }} x} x$ 0 }x}1 }x}1

(3.100)

La norma }A} ` e sostanzialmente la migliore costante utilizzabile per maggiorare uniformemente }A x}: }A x} }A} }x} . (3.101) Teo. 3.15 Siano X e Y due spazi normati. Allora: 1. Lc pX, Y q ` e uno spazio normato, con la norma denita dalla relazione (3.100). 2. Se Y ` e uno spazio di Banach, anche Lc pX, Y q ` e uno spazio di Banach.

220

Capitolo 3 Spazi lineari.

Dim. 3.15 Per la prima aermazione si tratta di vericare che la corrispondenza (3.100) verica le propriet` a di una norma. Chiaramente }A} 0 e, (per ogni A, B Lc pX, Y q, C):

}A}  0 }A x}  0, d x X A x  0, d x X A  0 , } A}  sup } A x}  || sup }A x}  || }A} ,


}x}1 }x}1

Quindi, per ogni x X :

che Y sia completo (indipendentemente dalla completezza o meno del dominio X ). Sia An una successione di Cauchy di applicazioni continue, allora per ogni 0 esiste np q tale che: }An Am} d n, m np q .

}pA B q x}  }A x B x} }A x} }B x} p}A} }B }q }x} d x X }A B } }A} }B } . Per la seconda aermazione dobbiamo vedere che Lc pX, Y q ` e completo, nellipotesi

}An x Am x} }An Am} }x} }x} ,


V

(3.102)

e la successione An x ` e di Cauchy in Y , per cui converge (Y ` e completo per ipotesi) ad un punto y Y : y  lim An x . Il limite y dipende linearmente da x per cui denisce una trasformazione A : X Y . A` e lineare come conseguenza del fatto che il limite della somma ` e uguale alla somma dei limiti: An x An xI A x A xI ,
n n

cio` e abbiamo la continuit` a della somma nella topologia indotta dalla norma. Analogamente la moltiplicazione per uno scalare: An x Ax,
n

conseguenza di nuovo della compatibilit` a richiesta tra la struttura topologica e la struttura algebrica. La relazione (3.102), valida per ogni x X , passando al limite per m V, ci fornisce inoltre linformazione che loperatore An A ` e continuo:

}An x A x} }x} ,

3.4 Spazi normati.

221

per cui A ` e proprio il limite della successione An nella topologia di Lc pX, Y q. Osservazione. La condizione:

per cui, essendo An continuo, anche A  An pAn A Lc pX, Y q. Inoltre: }An A}

Aq ` e continuo (e limitato), cio` e

}An A} 0, nV

(3.103)

esprime il concetto di convergenza in norma degli operatori, e si dice che A ` e il limite in norma della successione An . A volte viene anche detta convergenza uniforme degli operatori, essendo la norma esprimibile tramite un estremo superiore. Tale nozione di convergenza ` e spesso molto stringente, per cui si introdurranno in seguito nozioni di convergenza meno restrittive per successioni di operatori. Notiamo che la nozione di norma operatoriale si pu` o porre solo per le trasformazioni lineari continue (o limitate). Pertanto solo linsieme Lc pX, Y q forma uno spazio vettoriale normato, mentre linsieme pi` u generale LpX, Y q ha solo la struttura di spazio vettoriale, pur contenendo al suo interno, come sottospazio, Lc pX, Y q.

3.4.6

Norme equivalenti.

Su un medesimo spazio vettoriale possiamo introdurre diverse norme, ognuna delle quali determina una propria metrica e una corrispondente topologia. Se le due topologie sono uguali (ogni aperto di una topologia ` e un aperto anche dellaltra) allora le due norme sono dette equivalenti. Def. 3.24 Sia X uno spazio vettoriale. Due norme su X sono dette equivalenti se inducono la medesima topologia. Ci si pu` o porre il problema di individuare un criterio per stabilire se due norme sul medesimo spazio vettoriale X sono equivalenti. Siano }}1 , }}2 le due norme e indichiamo con X1 , X2 rispettivamente i due spazi topologici risultanti, col medesimo supporto X . Per vedere se un aperto in X1 ` e aperto anche in X2 e viceversa, consideriamo la trasformazione identica: id : X1

X2 , idpxq  x .

e le sue propriet` a di continuit` a. Chiaramente id ` e lineare, iniettiva e suriettiva, cio` e invertibile (linversa coincide con lidentit` a stessa). Ricordando che la continuit` a` e vericabile tramite lapertura delle retroimmagini di aperti, e che tramite lidentit` a ogni insieme ` e immagine e retroimmagine di se stesso, possiamo dire che:

222

Capitolo 3 Spazi lineari.

id ` e continua se e solo se ogni aperto in X2 ` e aperto in X1 . id1 ` e continua se e solo se ogni aperto in X1 ` e aperto in X2 . Ma la continuit` a` e equivalente alla limitatezza per cui id ` e continua se e solo se esiste una costante C tale che: }x}2  }idpxq}2 C }x}1 , d x X . Analogamente id1 ` e continua se e solo se esiste una costante C I tale che:

Ovviamente le costanti C e C I sono non nulle, essendo le norme non identicamente nulle. In denitiva: Teo. 3.16 Due norme } }1 , } }2 , denite sul medesimo spazio vettoriale X , sono equivalenti, cio` e inducono la stessa topologia, se e solo se esistono due costanti D e C positive, tali che: D }x}1 }x}2 C }x}1 , dxX. (3.104) Come conseguenza immediata di ci` o abbiamo che in uno spazio a dimensione nita tutte le norme sono equivalenti. Notiamo infatti che se } }1 ` e equivalente a } }2 e } }2 ` e equivalente a } }3 allora } }1 ` e equivalente a } }3 (si lascia la dimostrazione al lettore come esercizio). Teo. 3.17 In uno spazio vettoriale nito-dimensionale X e sempre possibile denire una norma, e tutte le norme sono equivalenti tra loro. Dim. 3.17 Sia te1 , e2 , . . . , en u una base di X (n riferimento. Se: n x

j 1

}x}1  }id1pxq}1 C I }x}2 ,

dxX.

 dim X ), e costruiamo una norma di


xj

xj e j ,

C,
2

poniamo:

}x}2 
Sia ora

n j 1

} } una norma qualsiasi denita in X . Allora: }x} 


  n     x e  j j j 1 
n j 1

| xj | 2

1

n j 1

|xj | }ej } }ej }


1
2

| xj |

1
2

n j 1

 C }x}2 ,

3.4 Spazi normati.

223

dove abbiamo fatto uso della disuguaglianza di Schwarz4 in Rn (il prodotto scalare di due vettori ` e minore del prodotto delle lunghezze dei vettori). Dobbiamo ora provare laltra disuguaglianza della equivalenza tra norme, cio` e che esiste C I tale che }x}2 C I }x}. A questo proposito costruiamo la funzione: : Cn

R ,

px1 , . . . , xn q  risulta una funzione continua. Infatti:

  n     xj ej  .  j 1 

|px1, . . . , xnq py1, . . . , ynq| 


 n   xj  j 1
n j 1

p q

   yj ej  
2

  n     xj ej   j 1 

  n     yj ej   j 1 

n j 1 n j 1

|xj yj | }ej }
1
2

| xj y j | 2

1

}ej }2

n j 1

| xj y j | 2

1
2

da cui la continuit` a in Cn (la continuit` a` e inoltre uniforme). Consideriamo ora in Cn la supercie sferica di raggio unitario:
n j 1

| xj | 2  1 ,

che costituisce un insieme chiuso e limitato, cio` e compatto. Ma una funzione continua su un insieme compatto ammette massimo e minimo, per cui esiste in particolare un punto di minimo px r1 , . . . x rn q su tale supercie, e per ogni punto sulla sfera unitaria: px1 , . . . , xn q px r1 , . . . , x rn q  .
Karl Hermann Amandus Schwarz (Hersdorf, 25 gennaio 1843 Berlino, 30 novembre 1921) ` e stato un matematico tedesco, noto per i suoi contributi allanalisi complessa. Schwarz fu inizialmente studente di chimica a Berlino, e successivamente avvicinato alla matematica da Kummer e Weierstrass. La sua ricerca ha riguardato lanalisi funzionale, la geometria dierenziale ed il calcolo delle variazioni.
4

224

Capitolo 3 Spazi lineari.

Il valore del minimo non pu` o essere nullo:


r1 , . . . , x rn q  0 px

  n     x j ej    j 1

0
j

x j

 0,

 0, . . . , n ,

e la n-upla nulla non appartiene alla supercie sferica unitaria. Pertanto essendo lespressione della norma }x} come funzione delle componenti di x, abbiamo:

}x} 0
Sia ora x arbitrario e non nullo:
   x     x 

se

}x}2  1 .

}x} }x} 1 }x} , 2 } }2 }x}2

e abbiamo completato lequivalenza tra le norme. Una conseguenza immediata di questo risultato ` e che in uno spazio vettoriale nitodimensionale la nozione di continuit` a non dipende dalla norma scelta. Inoltre: Teo. 3.18 Se X e Y sono spazi vettoriali a dimensioni nite allora ogni applicazione lineare A : X Y risulta continua. Dim. 3.18 Sia infatti te1 , e2 , . . . , en u una base nello spazio X . La continuit` a` e conseguenza di: x

n j 1

xj e j

Ax 

n j 1

n j 1

xj A ej
1
2

n j 1

}A x}

n j 1

|xj | }A ej }

|xj |2

}A ej }2

1

K }x}2 .


Osservazione. La disuguaglianza di Schwarz in Rn pu` o essere vista come una conseguenza della banale disuguaglianza: 2

2 2 ,

(3.105)

3.4 Spazi normati.

225

valida per ogni , R, e derivante dalla non negativit` a del quadrato della dierenza tra due numeri. Infatti, se abbiamo due n-uple di numeri reali, abbiamo:

n j 1

2

aj b j

 

n j 1 n j 1 n j 1

aj b j

n k 1

ak b k




n j 1

2 a2 j bj

1 j k n

2aj bk ak bj

2 a2 j bj

1 j k n 2 a2 j bj n j k 1

paj bk q2 pak bj q2 

n j 1

$ 

$

2 a2 j bk

a2 j

n k 1

b2 k

dove abbiamo usato la disuguaglianza (3.105) con  aj bk e  ak bj . Pertanto, estraendo la radice quadrata, otteniamo la disuguaglianza di Schwarz usata nelle dimostrazioni precedenti:
n aj b j j 1

n j 1

1
2

a2 j

n k 1

1

b2 k

(3.106)

226

Capitolo 3 Spazi lineari.

3.5

Spazi Lp.

Vogliamo ora discutere un importante esempio di spazi normati, quello delle funzioni psommabili. Sia un aperto di Rn (eventualmente coincidente con tutto Rn ) e sia p positivo, 0 p V. Consideriamo la totalit` a delle funzioni f : C, misurabili e tali che:

|f pxq|p d x V ,

(3.107)

tale insieme, se strutturato con la usuale somma tra funzioni e con la moltiplicazione per uno scalare, diviene uno spazio vettoriale. Una funzione misurabile che verica la condizione (3.107) ` e detta psommabile. Lunica dicolt` a nella verica della struttura di spazio vettoriale consiste nel mostrare che la somma di due funzioni psommabili ` e ancora psommabile. Ci` o diviene evidente, per p 1, considerando la validit` a della disuguaglianza: (3.108) |f pxq gpxq|p 2p1 p|f pxq|p |gpxq|pq , conseguenza della convessit` a della funzione tp per t 0. Infatti (vedi gura 3.4), se a e b tp T
.. ... .. . . .. .. .. . . ... ... . . ... ... .... . . . .. ........ ...............
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

b t

Figura 3.4: Convessit` a della potenza. sono numeri positivi, la convessit` a della potenza p-esima comporta che tale funzione nel punto medio sia inferiore alla media dei valori agli estremi:

ab 2

p

p bp a 2

da cui la disuguaglianza (3.108) quando p 1. Una disuguaglianza meno stringente, ma valida anche per 0 p 1, e utile allo stesso scopo ` e:

|f pxq gpxq|p 2p p|f pxq|p |gpxq|pq ,


ab 2

(3.109)

conseguenza semplicemente dalla monotonicit` a della potenza p-esima (a, b positivi):

maxta, bu

ab 2

p

pmaxta, buqp ap bp .

3.5 Spazi Lp .

227

In ogni caso le disuguaglianze (3.108) e (3.109) ci garantiscono che se |f pxq|p e |g pxq|p sono integrabili su , allora lo ` e pure |f pxq g pxq|p : la somma di due funzioni p-sommabili ` e p-sommabile. In quanto segue saremo interessati principalmente al caso p 1, per il quale riusciremo a costruire uno spazio di Banach. Lavorando con le funzioni psommabili si opera principalmente mediante lintegrazione sullinsieme e sappiamo che un integrale non dipende dal valore assunto dallintegrando in un punto particolare. Ci` o` e particolarmente vero se si intende lintegrazione secondo 5 Lebesgue , per cui ad esempio due funzioni f e g danno luogo allo stesso integrale (3.107) se dieriscono fra loro solo in un insieme di misura nulla. Conviene pertanto identicare le funzioni uguali fra loro quasi dappertutto introducendo una relazione di equivalenza tra le funzioni sommabili: f dove la qualica q.d. ` e una abbreviazione per quasi dappertutto, e indica che f pxq  g pxq per ogni x zN con N insieme a misura nulla. La relazione  suddivide linsieme delle funzioni psommabili in classi disgiunte e due funzioni appartenenti a classi distinte allora chiaro che: sono eettivamente diverse ai ni dellintegrazione. E

g

f pxq  g pxq q.d. ,

(3.110)

|f pxq|

dx 

|f pxq| d x
p

e lintegrale (3.107) risulta in realt` a una funzione della classe rf s cui appartiene f . Linsieme delle classi di equivalenza pu` o essere dotato di una struttura di spazio vettoriale e p viene indicato con L pq. La struttura ` e uguale a quella di uno spazio quoziente vista in precedenza. Infatti linsieme delle funzioni psommabili e nulle quasi ovunque:

|gpxq|p d x  |gpxq|p d x ,

|f pxq|pd x

 0 q.d.u forma un sottospazio vettoriale e f  g se e solo se f g N. }rf s}p  }f }p 

N  tf : C ; f

Essendo lintegrale (3.107) una funzione di classe deniamo:

|f pxq|p d x

1

(3.111)

5 Henri L` eon Lebesgue (Beauvais, Francia, 28 giugno 1875 Parigi, Francia, 26 luglio 1941) ` e stato un matematico francese, famoso soprattutto per i suoi contributi alla moderna teoria dellintegrazione, per i quali ` e considerato il pi` u grande matematico francese. La teoria dellintegrazione di Lebesgue fu pubblicata per la prima volta nella sua tesi, Int` egrale, longueur, aire (Integrale, lunghezza, area), allUniversit` a di Nancy nel 1902.

228

Capitolo 3 Spazi lineari.

Abbiamo immediatamente che:

}rf s}p  0

rf s  0 .

Cio` e la classe rf s coincide con il sottospazio N, elemento nullo dello spazio quoziente. In genere si omette la notazione della classe rf s e si indicano gli elementi con f sottointendendo, quando serve, lintera classe di equivalenza contenente f . A volte la notazione Lp viene usata per indicare linsieme delle funzioni psommabili, senza la divisione in classi di equivalenza, e si evince dal contesto di quale struttura si parla, cio` e se un risultato ` e una propriet` a di classe o di una singola funzione. La nozione di spazio Lp pu` o essere estesa anche al caso p  V, denendo lo spazio V L pq, come linsieme delle funzioni misurabili su e limitate quasi ovunque:

tf

: C ; f misurabile e limitata q.d.u ,

(3.112)

suddiviso a sua volta in classi di equivalenza. Dire che f ` e limitata quasi dappertutto signica che esiste una costante K tale che |f pxq| K quasi ovunque. In questo modo possiamo denire la funzione di classe:

}f }V  inf tK R ; |f pxq| K q.d.u .


Con le dovute cautele possiamo anche scrivere formalmente:

(3.113)

}f }V  sup |f pxq| ,
x

dove per` o tale estremo superiore ` e da intendersi quasi ovunque, escludendo linsieme a misura nulla in cui f pu` o non essere limitata. Il signicato esatto ` e da intendersi tramite la relazione (3.113) e viene detto estremo superiore essenziale:

}f }V  ess sup |f pxq| ,


x

e in ogni caso abbiamo:

|f pxq| }f }V

q.d. .

(3.114)

3.5.1

Disuguaglianza di H older

Vogliamo ora mostrare che la quantit` a }f }p denisce in eetti una norma e che Lp pq risulta uno spazio normato, anzi di Banach. Notiamo che la suddivisione in classi di equivalenza ` e necessaria per avere la positivit` a stretta della norma. In caso contrario lespressione (3.107) denisce solo una seminorma. La propriet` a non banale da provare ` e la disuguaglianza triangolare. A tale scopo premettiamo un utile lemma e unimportante disuguaglianza.

3.5 Spazi Lp .

229

Lem. 3.19 Siano a, b due numeri reali non negativi, a, b 0, p, q reali, con 1 p, q V, tali che: 1 1  1. (3.115) p q Allora vale la disuguaglianza: ab 1 p 1 q a b p q (3.116)

e luguaglianza vale solo se ap

 bq .
f paq 

Dim. 3.19 Consideriamo la funzione: 1 p 1 q a b ab, p q

con a variabile, b sso, e 1 p

1 1 q

p  p 1

p

q1

Compiendo un rapido studio di tale funzione, abbiamo: f p aq T


. . .. . . . . . . ... .. ... .. .. ... . . ... ... ... .. ... . . . .... ..... .... ................... E

Figura 3.5: Disuguaglianza di Holder. f I paq  ap1 b , f I paq  0

b  ap1 f P paq  pp 1q ap2 0 da


f pb p q 
q

bq 0,


0,

ap ,

1 p

1 q

bq b p 1
q

b q bq

per cui f paq 0 per ogni a non negativo, e risulta dimostrata la disuguaglianza (3.116) con il corrispondente caso di uguaglianza.

230

Capitolo 3 Spazi lineari.

Siamo ora in grado di mostrare la cosidetta disuguaglianza di H older6 . Teo. 3.20 (Disuguaglianza di H older) Siano p, q , con 1 p, q 1 p Allora, se f

V, tali che:
(3.117)

1  1. q

Lppq e g Lq pq, il prodotto f g L1pq, e vale la disuguaglianza: }f g}1 }f }p }g}q .


(3.118)

Dim. 3.20 Per il lemma precedente 3.19 sappiamo che, per ogni x : 1 |f pxq gpxq| p |f pxq|p 1 |gpxq|q , q se 1 p V. Ma questa disuguaglianza implica la sommabilit` a del prodotto f g , cio` e 1 f g L pq. Inoltre, integrando su otteniamo:

|f pxq gpxq| d x

1 p

|f pxq|

dx

1 q

|gpxq|q dx ,

1 }f g}1 p p}f }pqp 1 p}g}q qq , q che possiamo applicare alle funzioni normalizzate a uno:
  f   f 

} }p

g   }g}q 1

1 1 p q 1

da cui la disuguaglianza di H older (3.118). Se p  1, e quindi q  V, come pure nel caso p  V, q  1, laermazione risulta ovvia in base alla discussione precedente sulla relazione (3.114).
Otto Ludwig H older (Stoccarda, 22 dicembre 1859 Lipsia, 29 agosto ` famoso per aver enunciato la disu1937) ` e stato un matematico tedesco. E guaglianza di H older. Otto H older ha completato i suoi studi nelluniversit` a di Berlino, conseguendo poi il dottorato di ricerca alluniversit` a di Tubinaga nel 1882. Il titolo della sua tesi dottorale fu Beitr age zur Potentialtheorie (Contributi a una teoria potenziale). Lavor o alluniversit` a di Lipsia no al 1899, anno nel quale si ritir` o in pensione.
6

3.5 Spazi Lp .

231

Osservazione. Spesso la disuguaglianza di H older viene scritta in forma integrale:

|f pxq gpxq| d x

|f pxq|

 1 p

dx

|gpxq|

1
q
q

dx

e nel caso p  q

2` e nota anche col nome di disuguaglianza integrale di Schwarz. Lp pq, con 0 pj V, j  1, . . . , n.
j

La disuguaglianza di H older pu` o essere generalizzata al prodotto di pi` u funzioni sommabili. Cor. 3.21 Siano date n funzioni fj n r j 1 fj L pq, dove: Allora (3.119)

1 r e vale la disuguaglianza:

n 1 j 1

 pj
n j 1

  n     fj   j 1 

}fj }p

(3.120)

Dim. 3.21 Possiamo procedere ricorsivamente. Se f1 determinato r2 in modo tale che: 1 r2 possiamo considerare le funzioni: g1 g2

Lp1 pq, f2

Lp2 pq, allora,

 p1 p1
1
1

 |f1|r Lq
2 2

, ,

q1 q2 q1 , q2

1 p , r 2

 |f2|r Lq q1  1 ,
2

p2 , r2

1 q1 e il prodotto g1 g2

1,

L1pq, con:
1 2 2

}g1 g2}1 }g1}q }g2}q , pertano il prodotto f1 f2 Lr pq, e: } |f1 f2|r }1 } |f1|r }q } |f2|r }q , p}f1 f2}r qr p}f1}p qr p}f2}p qr , }f1 f2}r }f1}p }f2}p .
2 2 2 1 2 2 2 2 2 1 2 2 1 2

232

Capitolo 3 Spazi lineari.

Abbiamo cos` dimostrato il risultato per n  2. Procedendo ora per induzione, assumiamo valido il corollario per n 1 funzioni, per cui il prodotto f1 fn1 Lrn1 pq, con: 1 p1

p1  r 1
n 1

n 1

1 di conseguenza il prodotto f1 fn
  n     fj    j 1 

 1    n    fj fn    j 1 

Lr pq, e:
r

rn1

p1  1 , r
n

 1  n    fj    j 1 

}fn}p
n

n j 1

rn1

}fj }p

Osservazione. Notiamo che non abbiamo dovuto imporre la condizione pj 1, j  1, . . . , n, e abbiamo generalizzato la disuguaglianza di H older anche quando 0 pj 1.

3.5.2

Disuguaglianza di Minkowski

Siamo ora in grado di mostrare la disuguaglianza triangolare:

}f g}p }f }p }g}p , (3.121) valida per ogni f, g Lp pq, con 1 p V, e che prende il nome di disuguaglianza di
Minkowski7 . Se p  V, oppure p  1, la disuguaglianza ` e banale e deriva dal fatto che il modulo della somma di due numeri ` e minore o uguale alla somma dei due moduli. Sia pertanto 1 p V e f, g Lp pq, per cui sappiamo che f g Lp pq, e:

|f pxq gpxq|

dx 

|f pxq gpxq| |f pxq gpxq|p1 dx .


1 q 1 p  1.

Ma se |f

g| Lppq allora |f g|p1 Lq pq, con:


q pp 1q  p ,

Hermann Minkowski (Aleksotas, 22 giugno 1864 G ottingen, 12 gennaio 1909) ` e stato un matematico tedesco. Nato in Lituania da una famiglia di origine ebraica, Hermann Minkowski frequent` o in Germania lUniversit` a di Berlino e lUniversit` a di K onigsberg, dove consegu` la laurea nel 1885. A Zurigo, fu uno degli insegnanti di Albert Einstein. Egli svilupp` o la teoria geometrica dei numeri ed utilizz` o metodi geometrici per risolvere impegnativi problemi della teoria dei numeri, della sica matematica e della teoria della relativit` a.

3.5 Spazi Lp .

233

Allora, possiamo applicare la disuguaglianza di H older:

}f g}
p p

|f pxq| |f pxq gpxq| dx


p 1 p 1

|gpxq| |f pxq gpxq|p1 dx


1
q

}f }p} |f g|  p}f }p }g}pq  p}f }p }g}pq

}q }g}p} |f g|p1}q

|f pxq gpxq|pp1qq dx |f pxq gpxq|


p
p

 p 1

dx

p 1  p}f }p }g}pq }f g}p .

Da cui, semplicando il fattore comune, la disuguaglianza triangolare, nota in questo contesto come disuguaglianza di Minkowski, specialmente nella sua forma integrale:

|f pxq gpxq|

1
p

dx

|f pxq|

1
p

dx

|gpxq|

1
p

dx

(3.122)

Il risultato precedente ci garantisce che gli spazi Lp sono spazi vettoriali normati, ma possiamo dire qualcosa in pi` u, essi sono completi. Teo. 3.22 Sia un aperto di Rn , e 1 p V. Allora Lp pq ` e uno spazio di Banach. Dim. 3.22 Consideriamo prima il caso p LV pq. Allora, quasi ovunque abbiamo:

 V.

Sia un una successione di Cauchy in

|unpxq| }un}V , q.d. |unpxq umpxq| }un um}V q.d. . pertanto, quasi ovunque, un pxq converge uniformemente ad una funzione upxq. Come limite quasi ovunque di funzioni misurabili, anche il limite upxq ` e misurabile e siccome }un}V converge (forma una successione di Cauchy in R), allora anche il limite puntuale upxq risulta una funzione limitata quasi ovunque, cio` e u LV pq, con: }un u}V nV 0 . Sia ora 1 p V, e un una successione di Cauchy in Lp pq. Allora }un um }p pu` o
essere resa piccola a piacere e operiamo nel seguente modo. Scegliamo n1 in modo tale che: 1 }un un1 }p 2 d n n1 ,

234

Capitolo 3 Spazi lineari.

Poi determiniamo n2

n1 tale che: }un un }p 212


2

d n n2 , d n nk .
j

e cos` via:

}un un }p 21k
k

Otteniamo allora una successione unj che verica: 1 , }un un }p 2 j


j 1 j

 1, 2, . . . ,
j

Poniamo ora: vm pxq  per cui vm

m j 1

Lppq e la sua norma ` e limitata: }vm}p


m 1

|un pxq un pxq| ,


j 1

2j j 1

d m.
p vm pxq d x 1 .

Per il lemma di Fatou8 , sappiamo che:

lim inf

p vm

pxq d x lim inf mV

p La successione vm , monotona crescente e formata da funzioni positive (per cui il limite inferiore coincide con il limite), converge quindi quasi ovunque ad una funzione (nita) appartenente a Lp pq. Considerando la successione:

unm1

 un pun un q pun
1 2 1

m 1

un q ,
m

vista come serie, ` e assolutamente convergente quasi ovunque, per cui ` e puntualmente convergente quasi ovunque ad una funzione misurabile u. Ora abbiamo anche (sempre per il lemma di Fatou):

lim inf |unj pxq unk pxq|p


j

lim inf p}un un }p qp , j V


j k j k

p}u un }pqp limj inf p}un un }pqp .


k

Pierre Joseph Louis Fatou (Lorient, Francia, 28 febbraio 1878 Pornichet, Francia, 10 agosto 1929) ` e stato un matematico francese. Egli ` e noto sprattutto per i suoi lavori nel campo dei sistemi dinamici e dellanalisi complessa. Egli fu tra i primi a denire un frattale che sar` a in seguito noto come insieme di Mandelbrot.

3.5 Spazi Lp .

235

Essendo un di Cauchy, per ogni

0, esiste N p q tale che se n, m N p q: }un um}p


,

allora, se nk

N p q:

Pertanto, u unk

}u un }p , Lppq, come pure u  un u un . Ma, se m N p q:


k k k

}u um}p }u un }p }un um} 2


k k

quindi lintera successione um , e non solo la sottosuccessione unk , converge a u nella topologia di Lp pq, che risulta completo, cio` e di Banach.

Lppq

3.5.3

Spazi lp

A completamento degli spazi Lp , introduciamo una versione discretizzata, considerando al posto delle funzioni le successioni (una successione pu` o essere vista come una funzione denita su numeri naturali), con opportune condizioni. Sia p R , 1 p V e deniamo: lp

x  txn unN ; xn

C d n,

V 

| xn | p V

(3.123)

n 1

Gli elementi della successione devono dar luogo ad una serie (assolutamente) convergente quando se ne considerano le potenze p-esime e diremo che una tale successione ` e p sommabile. Tale insieme diviene uno spazio normato completo con la norma:

}x}p 

V
n 1

|xn|p

1{p

x lp .

(3.124)

Sostanzialmente abbiamo sostituito lintegrale con la somma di una serie. Per mostrare che lo spazio lp ` e uno spazio di Banach potremmo ripercorrere lo stesso tipo di ragionamento fatto per gli spazi Lp pq, sostituendo sostanzialmente gli integrali con somme, ma, a titolo di utile esercizio, verichiamo le propriet` a di tali spazi in maniera pi` u diretta. Risulta ovvio che se x lp , }x} ` e una applicazione ben denita e positiva e si annulla solo per la successione identicamente nulla x  0. Analogamente ` e immediato vericare lomogeneit` a (in valore assoluto) rispetto alla moltiplicazione per uno scalare :

} x}p  || }x}p .
La propriet` a cruciale ` e data dalla disuguaglianza triangolare:

}a b}p }a}p }b}p ,

a, b lp ,

236

Capitolo 3 Spazi lineari.

che ci garantisce anche la struttura di spazio vettoriale di lp (cio` e la chiusura algebrica di p l rispetto alloperazione di somma). Consideriamo quindi due successioni psommabili a  tan u, b  tbn u, e poniamo (assumiamo due successioni non nulle):  }a}p , per cui }aI }p aI bI

 

21 21

| an |

 }b}p ,

| bn |

 }bI}p  1. Allora:
p p

|an bn| p|an| |bn|q


con:

 p aI


bI qp  p qp
n

 p qp r aIn p1 q bInsp ,

aI

bI

p

, 0 1. La convessit` a della funzione t tp ci fornisce lulteriore disuguaglianza:

|an bn|p p qp
e sommando su n:

aIn p p1 q bIn p ,

p}a b}pqp 

| an b n | p
 p

p qp

aIn p p1 q bIn p
$

 p q p}aI}pqp p1 q p}bI}pqp  p qp  p}a}p }b}pqp .


Con questo risulta vericata la struttura di spazio vettoriale normato per lp . Notiamo che abbiamo provato la disuguaglianza di Minkowski (per le somme) evitando la disuguaglianza di H older, che in realt` a continua a valere (non ripetiamo la dimostrazione perfettamente analoga al caso integrale):

}a b}1 }a}p }b}q ,


con: a
p

1 p

1  1, q

p, q

1,

a lp , b lq ,

(3.125)

Per vedere la completezza di lp consideriamo una successione di Cauchy txpnq unN in l , cio` e una successione a due indici, xn,k che verica:

b  tan bnunN l1 .

k

|xn,k |p V ,

|xm,k xn,k |p

1{p

0. n,mV

3.5 Spazi Lp .

237

Dobbiamo mostrare lesistenza del limite di xn,k per n V e che tale limite denisce (al variare di k ) una successione ancora psommabile. Assegnato un 0, la condizione di Cauchy garantisce lesistenza di un intero n tale che:

V
k 1

|xm,k xn,k |p
1{p

1{p

d m, n n d N N,

e quindi, essendo tutti i termini della serie positivi, abbiamo in particolare:

N k 1

|xm,k xn,k |p

d m, n n
,

|xm,k xn,k |
xk

d m, n n

d k N.

La completezza di C implica allora lesistenza, per ogni k , del limite:

 nlim x , d k N, V n,k
,

con la convergenza uniforme rispetto a k (n dipende solo da ). Eseguendo il limite per m V nelle relazioni precedenti, abbiamo:

|xk xn,k |

N k 1

|xk xn,k |p

N k 1

1{p

dnn
,

d k N.
,

dnn

N k 1

d N N,
1{p

N k 1

| xk | p

1{p

|xn,k |p |xn,k |p

1{p

N k 1

1{p

|xk xn,k |p
,

e quindi (operando il limite per N V) abbiamo che la successione limite xk denisce un elemento di lp , limite nella norma } }p della successione di Cauchy xpnq :

dnn

d N N,

}x}p 

V
k 1

| xk | p

1{p

V
k 1

}x xpnq}p 
lV

|xn,k |p

1{p

V dnn
,

V
k 1

Come per gli spazi Lp , possiamo generalizzare anche al caso p  V, denendo lo spazio delle successioni limitate lV :

|xk xn,k |p

1{p

dnn
@

x  txn unN ; xn

C d n,

sup |xn | V ,
n

(3.126)

238

Capitolo 3 Spazi lineari.

strutturato con la norma uniforme:

}x}V  sup |xn| ,


n

x lV .

(3.127)

Il lettore pu` o vericare (vedi esercizio 3.7) che anche lV costituisce un esempio di spazio di Banach. Ovviamente la disuguaglianza di H older si estende anche al caso p  V, q  1, oppure p  1, q  V, in quanto moltiplicando termine a termine una serie assolutamente convergente per una successione limitata, abbiamo ancora una serie assolutamente convergente.

3.5.4

Appendice: lim sup e lim inf

I concetti di lim sup e lim inf possono risultare non famigliari, per cui li ricordiamo. Sia A R un insieme contenente inniti elementi. Se A ammette dei punti di accumulazione, allora il maxlimite, o limite sup, di A ` e denito come: lim sup A  suptx R ; x di accumulazione per Au , e analogamente si denisce il minlimite, o limite inf , per A: lim inf A  inf tx R ; x di accumulazione per Au . (3.129) (3.128)

Se A ` e limitato (e innito) allora linsieme dei suoi punti di accumulazione ` e chiaramente non vuoto e la denizione ha senso. Nel caso che A sia illimitato superiormente estendiamo la denizione accettando linnito come punto di accumulazione, e denendo lim sup A  V. Se A ` e limitato superiormente, e non ha punti di accumulazione (per cui essendo innito deve essere illimitato inferiormente), poniamo lim sup A  V. Chiaramente estensioni analoghe si pongono per il lim inf. Sostanzialmente si accettano come punti di accumulazione anche i punti allinnito, e qualsiasi insieme non nito ammette un massimo limite ed un minimo limite. Possiamo dare la seguente caratterizzazione, che non dimostriamo, per il lim sup (e analoga per lim inf): Teo. 3.23 Sia A un insieme contenente inniti punti, b  lim sup A. Allora, per ogni 0, linsieme ta A ; a b u ` e nito (o vuoto), mentre linsieme ta A ; a b u ` e innito. Con ovvie modiche nel caso di estensioni allinnito. La denizione viene spesso usata quando A consiste in una successione di numeri reali an . In tal caso la denizione viene leggermente estesa per poter comprendere anche le successioni stazionarie (o in generale quando non si hanno inniti elementi distinti nella successione). Si considerano cio` e tutti i possibili punti b che sono limite di una qualche sottosuccessione ank , comprendendo come limiti eventuali anche V e V, poi si ricercano lestremo superiore e lestremo

3.5 Spazi Lp .

239

inferiore, denendo il massimo limite ed il minimo limite, rispettivamente. Questi punti limite b comprendono quindi tutti i punti di accumulazione della successione, intesa come insieme, ma si accettano anche i punti limite di sottosuccessioni stazionarie che non sono necessariamente di accumulazione per la successione. Ricordiamo che otteniamo una sottosuccessione selezionando una successione di interi nk , k  1, 2, . . ., con nk V per k V, e considerando poi la successione ank . Allora possiamo dire che b ` e un punto limite per la successione an , se per ogni N ed ogni , esiste un n N con |b an | . Lestremo superiore dellinsieme di tali punti limite (includendo anche linnito) ` e detto lim supnV an , mentre lestremo inferiore ` e detto lim inf nV an . Osserviamo che tale caratterizzazione signica che pb, Vq ` e un punto di accumulazione per le coppie pan, nq R N. In questo modo ritroviamo una denizione solo in termini di punti di accumulazione. Per una successione il massimo limite ed il minimo limite possono essere valutati tramite le relazioni: lim sup an
n

 

lim lim

V V

sup am


, .

(3.130) (3.131)

m k

lim inf an
n

m k

inf am

Risulta chiaro che (comprendendo i casi di limiti inniti) il massimo limite e il minimo limite di una successione esistono sempre (al massimo divergono). Chiaramente, se una successione ` e convergente, lunico punto limite ` e il limite stesso della successione, per cui possiamo dire che una successione ` e convergente se il lim sup e lim inf coincidono con un numero nito. Possiamo dire che valgono le seguenti propriet` a (tutte valide nel caso di insiemi limitati, alcune anche con insiemi non limitati): lim suppan bn q
n

lim sup an lim sup bn , nV nV lim sup an bn plim sup an q plim sup bn q , nV nV nV lim suppc an q  c lim sup an c 0, nV nV lim suppc an q  c lim inf an c 0, nV
n

Il cosidetto lemma di Fatou viene espresso proprio tramite i concetti di maxlimite e minlimite. Lem. 3.24 (Lemma di Fatou) Se fn ` e una successione di funzioni sommabili, fn e non negative, fn pxq 0, e se: lim inf }fn }1
n

L1 ,

V,

allora:

f pxq  lim inf fn pxq ,


n

240

Capitolo 3 Spazi lineari.

` e una funzione sommabile e:

}f }1 lim inf }fn }1 . nV


Notiamo che nulla viene detto sulla dierenza }f fn }1 , e sulla sua eventuale convergenza.

3.6 Esercizi

241

3.6

Esercizi

Esercizio 3.1 Data una base te1 , e2 u di vettori in R2 , si denisca la norma euclidea di un vettore qualunque x  x1 e1 x2 e2 come:

}x}0 

2 x2 1 x2 .

Si deniscano inoltre le seguenti applicazioni da R2 a R:

a)

cartesiano la sfera unitaria centrata nellorigine per tutte e tre le metriche: Sj p0, 1q  x R2 ; }x}j
2

}x}1  |x1| |x2| , }x}2  max t|x1|, |x2|u . Si dimostri che sia } }1 che } }2 deniscono una norma e si rappresenti nel piano 1
@

 0, 1, 2 .

I b) Ricordando che tutte le metriche in R2 sono equivalenti si calcolino le costanti Cj , Cj (j  1, 2), per cui: }x}0 Cj }x}j , }x}j CjI }x}0 .
Esercizio 3.2 Sia X uno spazio vettoriale su cui sono denite due norme mpxq e npxq. Si dimostri che sono norme anche le seguenti applicazioni: a) ppxq  maxtmpxq, npxqu b) q pxq  mpxq npxq dove , c) rpxq 

0 non simultaneamente nulle

mpxq2 npxq2 .

Esercizio 3.3 Si consideri lo spazio vettoriale A delle funzioni f : R R analitiche ovunque, tali cio` e che la serie di Taylor nelle derivate n-esime della funzione, calcolate in zero: V f pnq p0q xn , f pxq  n! n0 ha raggio di convergenza innito. a) Si dimostri che il sottoinsieme: E  f : R R ; |f pnq p0q| n f,
2

dn

con f costante positiva (che non dipende da n ma pu` o essere dipendente dalla funzione f ), ` e un sottospazio vettoriale di A.

242

Capitolo 3 Spazi lineari.

b) Si dimostri che il sottoinsieme: PN

f : R R ; f pnq p0q  0 , n N ,

` e un sottospazio vettoriale di A di dimensione nita e se ne determini una base. Esercizio 3.4 Sia C pr0, 1sq linsieme delle funzioni continue dallintervallo r0, 1s ai valori reali. a) Si dimostri che C pr0, 1sq ` e uno spazio vettoriale su R. b) Si mostri che lapplicazione:

}f } 

x 0,1

sup |f pxq| ,

denisce una norma su C pr0, 1sq che lo rende uno spazio di Banach. c) Si determini quali dei seguenti sottoinsiemi di C pr0, 1sq sono sottospazi lineari chiusi: i) i polinomi di grado esattamente uguale a 3; ii) i polinomi di grado minore o uguale a 3; iii) le funzioni f tali che f p0q  2 f p1q; v) le funzioni non negative; vi) le funzioni tali che f pxq  f p1 xq. Esercizio 3.5 Si consideri lo spazio di Banach C pr0, 1sq delle funzioni continue dallintervallo r0, 1s a valori reali con la norma: iv) le funzioni f tali che f p0q  f p1q 1;

r s

}f } 
a) Si dimostri che il sottoinsieme: X

x 0,1

sup |f pxq| .

r s

C pr0, 1sq ; f p0q  f p1q  0

` e un sottospazio lineare chiuso.


r , con: b) Si dimostri che C pr0, 1sq si scrive come somma diretta di X e di X r X

C pr0, 1sq ; f pxq  a x b , a, b R

3.6 Esercizi

243

Esercizio 3.6

Nello spazio di Banach L2 pr0, 1sq si consideri loperatore lineare: V : f pxq V pxqf pxq , d f L2pr0, 1sq ,
V p xq 
6 9 9 8x 9 9 71

dove:

0x

1 , 2

1 2

x 1.

a) Si dimostri che V ` e limitato. b) Si calcoli la norma di V .

Esercizio 3.7 Si considerino i seguenti spazi di successioni: cK

a  tan unN ; an lV lp

C , an $ 0 solo per un numero nito di elementi 2 @ c0  a  tan unN ; an C , lim an  0 , nV 


2

a  tan unN ; an

C,

sup |an | V ,
n

a  tan unN ; an

C,

|an|p V

1 p V.

a) Si dimostri che cK , c0 , lV sono spazi normati con la norma:

}a}  sup |an| ,


n

e si dimostri che cK non ` e completo, mentre c0 e lV sono di Banach. b) Si dimostri che, se 1 p q

V: cK l p l q c0 l V ,

dove le inclusioni valgono strettamente.

Esercizio 3.8 Si considerino i seguenti spazi vettoriali di funzioni di variabile reale a valori complessi: KpRq  f : R L0 pRq  f
2 2

C ; f ` e limitata q.d. con supporto compatto @ : R C ; f ` e limitata q.d. e f pxq 0 , |x|V

244

Capitolo 3 Spazi lineari.

dove il supporto di una funzione ` e denito come la chiusura dellinsieme in cui la funzione ` e non nulla: Supp f  t x R ; f pxq $ 0 u , per cui: KpRq L0 pRq LV pRq .

a) Si dimostri che KpRq e L0 pRq sono spazi normati con la norma:

}f }V  sup |f pxq| ,
x

e mostrare che KpRq non ` e completo, mentre L0 pRq ` e di Banach. b) ii) Si dia un esempio di una funzione f LV pRqzL0 pRq e di una funzione g L0 pRq tali che f, g Lp pRq (provando in questo modo che n` e lo spazio delle funzioni limitate, n` e quello delle funzioni limitate che si annullano allinnito sono contenuti in Lp pRq). i) Si dimostri che KpRq Lp pRq, per ogni p 1.

iii) Si dia un esempio di una funzione h Lp pRq non limitata (mostrando che Lp pRq non pu` o essere contenuto n` e in LV pRq, n` e in L0 pRq). iv) Se 1 p q V, si dia un esempio di una funzione f Lp pRq tale che f e di una funzione g Lq pRq che non appartenga a Lp pRq.

Lq pRq,

Esercizio 3.9 Si consideri la seguente successione di funzioni da R a valori complessi: fn ptq  con n N e cn
5

cn , 0 t n , 0, altrove ,

C.

a) Si determini quali condizioni devono soddisfare i valori cn anch` e fn converga alla funzione nulla, per n V, nei seguenti spazi di Banach: ii) L1 pRq; i) LV pRq;

iii) L2 pRq.

b) Determinare se ` e possibile trovare un esempio in cui la successione fn converge alla funzione nulla ii) in L1 pRq ma non in LV pRq, n` e in L2 pRq, i) in LV pRq ma non in L1 pRq, n` e in L2 pRq,

3.6 Esercizi

245

iii) in LV pRq e in L2 pRq, ma non in L1 pRq, iv) in tutti e tre gli spazi. Esercizio 3.10 Sia C 1 pr0, 1sq lo spazio delle funzioni continue in r0, 1s, a valori complessi, dotate di derivata continua in r0, 1s (compresi gli estremi). a) Si spieghi per quale motivo le funzioni: mpuq  |up0q| , npuq 
1
0

|uIpxq|2 dx
1{2

1{2

con u C 1 pr0, 1sq, non deniscono una norma, mentre risulta una norma lapplicazione:

}u}0  |up0q|
2

1
0

|uIpxq|2 dx

b) Si mostri che ogni successione di funzioni convergente con la norma anche uniformemente.

} }0

converge

246

Capitolo 3 Spazi lineari.

3.6.1

Soluzioni

Soluzione 3.1 a) Lapplicazione }x}1 ` e una norma in quanto:

}x}1 0 , }x}1  0 x1  x2  0 , } x}1  | x1| | x2|  || p|x1| |x2|q  || }x}1 , }x y}1  |x1 y1| |x2 y2| |x1| |x2| |y1| |y2|  }x}1 }y}1 . Analogamente, }x}2 ` e una norma in quanto: }x}2 0 , }x}2  0 x1  x2  0 , } x}2  max t| x1|, | x2|u  || max t|x1|, |x2|u  || }x}2 , }x y}2  max t|x1 y1|, |x2 y2|u max t|x1| |y1|, |x2| |y2|u max t|x1 |, |x2 |u max t|y1 |, |y2 |u  }x}1 }y }1 .
Le sfere unitarie sono rappresentate in gura 3.6. ............................... ....... ..... . . . ... .... .. . . . . . . . . . .1 E . . . . x1 . . . . ... . . .... .... ...... ..................................
x2 T x2 T x2 T

ax

.... ..... ........ . . ..... .. ..... ..... . . ..... . . . . .. .1E .. ..... ... x1 ..... . . . ..... ... ..... ... . . . ..... ... .....

1E x1

2 1

x2 2 1

|x1 | |x2 | 1
Figura 3.6: Sfere in R2 .

max

t|x1 |, |x2 |u 1

b) Abbiamo:
2 2 2 2 2 2 }x}2 0  x1 x2 x1 x2 2 |x1 | |x2 |  p|x1 | |x2 |q  }x}1 , 2 2 2 2 2  2 }x}2 }x}2 2, 0  x1 x2 2 max tx1 , x2 u  2 max t|x1 |, |x2 |u c da cui C1  1, C2  2. Viceversa, per j  1, 2: }x}j  }x1 e1 x2 e2}j |x1| }e1}j |x2| }e2}j

2 x2 1 x2

2 2 }e1}2 }e1}2 j }e2 }j  j }e2 }j }x}0 ,

3.6 Esercizi

247
2  }e1}2 j }e2 }j 

I da cui Cj

2, essendo, per j

 0, 1, 2, }e1}j  }e2}j  1.

Soluzione 3.2 a) La funzione ppxq ` e una norma in quanto:

mpxq  npxq  0 x  0 , pp xq  max tmp xq, np xqu  max t|| mpxq, || npxqu   || max tmpxq, npxqu  ||ppxq . ppx y q  max tmpx y q, npx y qu max tmpxq mpy q, npxq npy qu max tmpxq, npxqu max tmpyq, npyqu  ppxq ppyq .
b) La funzione q pxq ` e una norma in quanto (ricordiamo che e sono positivi): q pxq 0 , q pxq  0

ppxq 0 ,

ppxq  0

x  0 , q p xq  mp xq np xq  || mpxq || npxq  || p mpxq npxqq  || qpxq q px y q  mpx y q npx y q pmpxq mpy qq pnpxq npy qq  p mpxq npxqq p mpyq npyqq  qpxq qpyq .
oppure entrambi nulli c) Per la funzione rpxq abbiamo: rpxq 0 ,

mpxq  0 oppure npxq  0

mpxq  npxq  0 x  0 , rp xq  mp xq2 np xq2  ||2 mpxq2 ||2 npxq2  || mpxq2 npxq2  || rpxq .
rpx y q rpxq rpy q ,

rpxq  0

Per mostrare la disuguaglianza triangolare:

essendo la norma sempre una quantit` a positiva, ` e suciente vericare: rpx y q2

rrpxq rpyqs2 .

248 Usando la denizione di rpxq si ottiene: rpx y q2

Capitolo 3 Spazi lineari.

 mpx yq2 npx yq2 rmpxq mpyqs2 rnpxq npyqs2  mpxq2 mpyq2 2mpxqmpyq npxq2 npyq2 2npxqnpyq rrpxq rpyqs2  rpxq2 rpyq2 2 rpxq rpyq  mpxq2 npxq2 mpyq2 npyq2 2 mpxq2 npxq2 mpyq2 npyq2 , mpxqmpy q npxqnpy q mpxq2 npxq2 mpy q2 npy q2 , 2 mpxq mpy q npxq npy q mpxq2 npy q2 mpy q2 npxq2 , rmpxqnpyq mpyqnpxqs2 0 , E: | |f pnqp0q| |x n!
n

la quale ` e sempre vericata. Soluzione 3.3 a) Chiaramente E A poich` e se f


V n x f pnq 0 n0 n!

pq

V
n 0

V
n 0

Inoltre ` e un sottospazio lineare in quanto, se f, g f sono tali che:

E, e R, allora le funzioni f g e

pf |x|qn  e
n!

| x| .

b) PN sottospazio vettoriale generato dalla base dei monomi (cardinalit` a N ): 1, x, x2 , . . . , xN 1 .

n n |f pnqp0q gpnqp0q| |f pnqp0q| |gpnqp0q| n f g pf g q , 5 p|| f qn , se || 1 , p nq n | f p0q| ||f n f se || 1 . ` e chiaramente il sottoinsieme dei polinomi di grado al pi` u N 1, che forma un

Soluzione 3.4 a) C pr0, 1sq ` e uno spazio vettoriale su R in quanto la funzione somma di due funzioni continue ` e continua e se f ` e continua a valori reali, anche la funzione f , con reale, ` e continua e a valori reali. b) Verichiamo che lapplicazione }f } ` e una norma. Chiaramente essa ` e sempre positiva e: }f } 0 , }f }  0 f  0 ,

3.6 Esercizi

249

essendo lestremo superiore di una quantit` a positiva che si annulla solo se la funzione ` e identicamente nulla in r0, 1s. Se moltiplichiamo la funzione f per uno scalare:

} f }  }f g } 

x 0,1

sup | f pxq|  || sup |f pxq|  || }f } .

r s

x 0,1

r s

La disuguaglianza triangolare risulta facilmente soddisfatta:


x 0,1

sup |f pxq g pxq| sup

r s

x 0,1

r s

p|f pxq| |gpxq|q

x 0,1

sup |f pxq| sup |g pxq|  }f } }g } .

r s

x 0,1

r s

Il fatto che C pr0, 1sq sia uno spazio di Banach segue dal fatto che tale spazio ` e completo rispetto alla metrica indotta dalla norma: dpf, g q  sup |f pxq g pxq| ,
x 0,1

r s

come abbiamo gi` a visto nellesercizio 2.5 nel caso di un intervallo nito arbitrario. c) Esaminiamo i vari sottoinsiemi. i) Il vettore f

 0 non appartiene al sottoinsieme, che non risulta un sottospazio.

ii) Le operazioni algebriche di somma e moltiplicazione per uno scalare tra polinomi di grado minore o uguale a 3 mantengono il carattere di polinomio (il grado al pi` u diminuisce). Abbiamo quindi un sottospazio vettoriale, generato dai monomi: 1, x, x2 , x3 , quindi nito dimensionale e chiuso. iii) Se abbiamo due funzioni f1 , f2 , che soddisfano le condizioni: f1 p0q  2 f1 p1q, allora, se , sono reali: f1 p0q f2 p0q  2 f1 p1q 2 f2 p1q pertanto il sottoinsieme ` e un sottospazio. Risulta chiuso in quanto se una successione fn di funzioni continue che soddisfano la condizione richiesta converge, anche la funzione limite soddisfa la condizione richiesta. iv) Il sottoinsieme non risulta un sottospazio perch` e non ` e chiuso algebricamente rispetto alla somma: f1 p0q f2 p0q  f1 p1q f2 p1q 2 . pur essendo un sottoinsieme topologicamente chiuso. f2 p0q  2 f2 p1q ,

250

Capitolo 3 Spazi lineari.

v) Il sottoinsieme delle funzioni continue non negative non ` e chiuso algebricamente rispetto alla moltiplicazione per un numero reale negativo. vi) La propriet` a di simmetria rispetto al centro dellintervallo r0, 1s si mantiene anche per le combinazioni lineari e per i limiti di successioni, formando quindi un sottospazio vettoriale topologicamente chiuso.

Soluzione 3.5 Se f e g appartengono a X , e si annullano agli estremi, allora anche una loro combinazione lineare si annulla agli estremi, per cui X forma un sottospazio vettoriale. Per mostrare che X ` e chiuso consideriamo una successione di funzioni fn X convergente in generale ad una funzione f C pr0, 1sq. f appartiene alla chiusura di X (` e di aderenza), ma poich` e la convergenza uniforme in C pr0, 1sq implica la convergenza puntuale, si ha anche che le successioni di numeri fn p0q  0 e fn p1q  0 convergono a f p0q e f p1q rispettivamente. Pertanto si deve avere f p0q  f p1q  0, cio` ef X eX ` e chiuso. Per la parte (b) si verica facilmente che ogni funzione f C pr0, 1sq pu` o essere scritta come: f pxq  f0 pxq a x b , con: a  f p1q f p0q , b  f p0q ,

f0 pxq  f pxq pa x bq X . Ne segue che C pr0, 1sq  X se e solo se a  b  0.


r . Inoltre X X r  t0u in quanto a x b appartiene a X X

L2pr0, 1sq:
1
2 0

Soluzione 3.6 a) Loperatore ` e limitato in quanto per ogni f

}V f } 
2

1
0

|V pxqf pxq|

dx sup |V pxq|
x 0,1

r s

1 }f }2 . |f pxq|2 dx  4

b) Per quanto visto in (a) si ha: }V } 1{2. Daltro canto, per ogni f L2 pr0, 1sq con }f }  1, si ha anche }V f }2 }V }2}f }2  }V }2. Consideriamo allora la seguente famiglia di funzioni in L2 pr0, 1sq: f pxq 
6 9 9 80 9 1 9 7

1 |x 2 | 2,

|x 1 | 2, 2

3.6 Esercizi

251

che vericano (per

1): }f } 
2

1
0

dx |f pxq|

1
2 1

dx

 1. |V pxq|2 
1 4

Si ha:

}V f } 
2

1
0
2

dx |V pxqf pxq|

1
2 1 1 2 1

dx


Allora:

1 2 1

x dx
2

1
1 2

p1 xq
2

dx 

x dx 
2 2

}V } }V f } 
2 1 2

1 4

Quindi si ha anche }V }

e quindi }V }  1 . 2

1 0 4

Soluzione 3.7 a) La corrispondenza che associa ad una successione a il supn |an | ` e chiaramente una V norma negli insiemi cK , c0 , l , infatti:

}a}  sup |an| 0 ,


n

}a}  0

sup |an |  0
n n

an

 0 d n

a  0,

} a}  sup | an|  || sup |an|  || }a} , }a b}  sup |an bn| sup |an| sup |bn|  }a} }b} .
n n n

Lo spazio cK non ` e completo. Infatti, la successione tapN q uN N di elementi di cK con: 1 1 apN q  1, , . . . , , 0, 0, . . . 2 N ` e una successione di Cauchy:


}apN q apM q}  max


ma la successione limite: a

1 N

0, N, M V 1 , M 1 1


1 1 1 1, , . . . , , , ... 2 N N 1

252

Capitolo 3 Spazi lineari.

non appartiene a cK . c0 e lV sono invece spazi di Banach. Consideriamo infatti una successione tapN q uN N di Cauchy di elementi di c0 o lV :

}apN q apM q}  sup |aN,n aM,n|


n

N, M

con 0 arbitrario e N dipendente solo da . Allora, per ogni n, la successione taN,n uN N ` e di Cauchy nellinsieme C, completo, e quindi convergente ad un numero complesso an : an

 Nlim a , V N,n

d n.

La successione tan unN risulta il limite nella topologia di c0 o lV , in quanto operando il limite per M V nella condizione di Cauchy precedente abbiamo:

}apN q a}  sup |aN,n an|


n

dN N

Se apN q appartiene a lV allora anche il limite a ` e una successione limitata:

|an| |aN,n| |an aN,n| sup |aN,n| sup |aN,n an|


n n

 }apN q} }apN q a} }apN q} V ,


mentre se apN q appartiene a c0 , anche il limite vi appartiene:

N
,

|an| |aN,n an| |aN,n| |aN,n| ,

e per n sucientemente grande aN,n ` e piccolo a piacere. ` ovvio che cK lp in quanto se a cK la serie che denisce }a}p : b) E

}a}p 

| an | p

1{p

ha un numero nito di termini non nulli, quindi convergente. Inoltre lp c0 in quanto il termine nesimo di una serie assolutamente convergente tende sicuramente a 0. Linclusione ` e propria in quanto qualsiasi serie assolutamente convergente con un numero innito di termini non ` e un elemento di cK , mentre possiamo facilmente trovare una successione convergente a zero la cui serie diverge assolutamente: an .  n1 1{p

Linclusione c0 lV ` e garantita dal fatto che una successione convergente ` e necessariamente limitata e linclusione ` e propria in quanto una successione stazionaria non nulla an  cost.  b $ 0 ` e limitata ma non in c0 .

3.6 Esercizi

253

Notiamo inne che se una successione a  tan unN lp , allora |an | deve tendere a zero pi` u rapidamente di 1{n , con 1{p. Quindi, se p q si ha anche 1{q , e q a l , lp lq . Linclusione ` e propria in quanto, ad esempio, la successione an  1{n , con 1{q 1{p, appartiene a lq ma non a lp .

Soluzione 3.8 a) KpRq e L0 pRq sono chiaramente algebricamente chiusi rispetto alle operazioni di somma e moltiplicazione per uno scalare, in quanto se due funzioni appartengono a tali isiemi anche una loro combinazione lineare verica le medesime condizioni. Pertanto sono sottospazi vettoriali e normati di LV pRq. Il sottospazio L0 pRq risulta topologicamente chiuso, quindi di Banach. Infatti, consideriamo una successione di Cauchy fn L0 pRq convergente (in maniera uniforme) ad una funzione f LV pRq (essendo questultimo spazio di Banach). Allora vale anche la convergenza puntuale: |f pxq fnpxq| 0, e, sapendo che fn pxq

0, si ha: |x|V
x

lim |f pxq|  lim |f pxq fn pxq|

|x|V

0, nV

per cui f L0 pRq che risulta chiuso. Il sottospazio KpRq invece non ` e chiuso, come mostrato dal seguente contro-esempio. Si consideri la successione di funzioni, con n N, in KpRq: gn pxq 
5

e x 0

nxn
altrove
2

che converge (nella norma uniforme) alla funzione g pxq  ex :

}gn g}  sup |gnpxq gpxq|  en 0, nV


2

eg

L0pRq ma non appartiene a KpRq. rK, K s con V.

Consideriamo ora la parte b). i) Sia f KpRq, per cui il suo supporto sar` a contenuto in un intervallo K 0 opportuno. Allora, se 1 p V:

|f pxq|p dx 

|f pxq|p dx

rK,K s

sup

|f pxq|

p K

dx  2 K }f }p V

ii) Fissato un valore di p (1 p V), si prenda la funzione costante f pxq  1, che chiaramente sta in LV pRqzL0 pRq ma non in Lp pRq in quanto il suo integrale diverge. Si

254 consideri quindi la funzione in L0 pRq (K g pxq 

Capitolo 3 Spazi lineari.

6 1 9 8 9 7

0): |x| K ,
1
1 p

| x|

|x| K .
 $V 1 dx  2 K 2 ln x K x

Questa funzione non appartiene a Lp pRq in quanto:

|gpxq|

dx  2

K
0

dx 2

V
K

 V.

iii) Con p ssato (1 p V), e

0 (piccolo):
6 9 8 7

hpxq  |x| 9
1 p

| x| K . | x| K ,
1

che non ` e limitata (in un intorno dellorigine) ma appartiene a Lp pRq in quanto:

|hpxq|

dx  2

K
0

x1

dx  2

V.

LppRq per un p opportuno, allora: Se tende a zero allinnito, vi deve tendere almeno come 1{|x| con 1{p. Se diverge in un punto x0, deve divergere al pi` u come 1{|x x0 | , con 1{p. Allora, se 1 p q V, la funzione:
iv) Notiamo che se una funzione f

|x| |x| K . con 1 1 , 9 q p 7 0 | x| K , appartiene a Lp pRq ma non a Lq pRq. Viceversa la funzione: 6 | x| K , 9 81 1 1 g pxq  con , 1 9 q p 7 | x| | x| K . appartiene a Lq pRq ma non a Lp pRq.
f pxq  Soluzione 3.9 a) Nei casi richiesti abbiamo:

6 1 9 8

3.6 Esercizi

255

i. in LV pRq:

}fn}V  sup |f ptq|  |cn| 0 nV


t

cn

0, nV

ii. in L1 pRq:

}fn}1 
iii. in L2 pRq:

|fnptq| dt  |cn| n 0 nV

n cn

0, nV

} } 
fn 2 2 b) Abbiamo:

|fnptq|2 dt  |cn|2 n 0 nV

n cn

0, nV

i) un esempio pu` o essere dato da: cn 1 c , n

ii) non ` e possibile fornire un esempio in quanto: n cn

0 nV

cn

0, nV

iii) ` e possibile dare il seguente esempio: cn 1 n ,

iv) un esempio ` e fornito da: cn 1 n . 2

Soluzione 3.10 a) Sia mpuq che npuq sono positive, ma non strettamente denite positive, in quanto mpuq  0 implica lannullarsi di u solo nellorigine, up0q  0, ma non necessariamente identicamente, mentre npuq  0 ` e vericato per tutte le funzioni costanti nellintervallo r0, 1s, ma non necessariamente nulle. Tutte le altre propriet` a di norma sono vericate.

256

Capitolo 3 Spazi lineari.

Infatti se u, v

C 1pr0, 1sq, e C: mp uq  | up0q|  || |up0q|  || mpuq ,


np uq
2

1
0

| upxq|

dx  ||

1
0

|upxq|2 dx  ||2 npuq2 ,

mpu v q  |up0q v p0q| |up0q| |v p0q|  mpuq mpv q , npu v q 


1
0

|uIpxq vIpxq|2 dx |uIpxq|2 dx


1{2

1{2 1{2

1
0

1
0

|uIpxq|2 dx

 npuq npvq ,

dove abbiamo usato la disuguaglianza di Minkowski per le funzioni uI pxq e v I pxq, per cui mpuq e npuq deniscono due seminorme. Lespressione }u}0 denisce invece una norma in quanto:

` e sempre positiva: e si annulla solo se:

}u}0 0 ,
u I p xq  0 , up0q  0 ,

` e assolutamente omogenea rispetto alla moltiplicazione per uno scalare C:


d

ovvero se e solo se upxq  cost.  up0q  0;

} u}0  | up0q|
2

1
0

| uIpxq|2 dx |uIpxq|2 dx  || }u}0 ;

 || |up0q|2
vale la disuguaglianza triangolare:

1
0

}u v}0  mpu vq2 npu vq2 rmpuq mpvqs2 rnpuq npvqs2 mpuq2 npuq2 mpvq2 npvq2  }u}0 }v}0 .
per quanto visto in precedenza.

b) Supponiamo ora di avere una successione tun unN di funzioni in C 1 pr0, 1sq convergenti nella norma } }0 ad una funzione upxq. Essendo in uno spazio vettoriale, per linearit` a, possiamo supporre u  0 (possiamo ridenire la successione vn  un u). Allora:

}un}0 0 nV

un p0q 0,
n

1
0

|uInpxq|2 dx 0. nV

3.6 Esercizi

257

Possiamo inoltre scrivere: un pxq  un p0q da cui:


x
0

uIn py q dy ,
x
0

|unpxq| |unp0q| |unp0q|


x 0,1

x I un y dy 1
0 0

pq

|unp0q|

|uInpyq| dy

|uInpyq| dy ,
1
0

sup |un pxq| |un p0q|

r s

|uInpyq| dy
0

|unp0q|

|uI pyq|2 dy
n

1{2

0. nV
1{2

Lultima disuguaglianza deriva dal fatto che uIn H older:


1
0

L2 pr0, 1sq e dalla disuguaglianza di


1{2

|uInpyq| 1 dy

1
0

|uI pyq|2 dy
n

1{2 1

1 dy
0

1
0

|uI pyq|2 dy
n

258

Capitolo 3 Spazi lineari.

Capitolo 4. Spazi di Hilbert.


4.1 Prodotti scalari

Vogliamo ora parlare di una categoria di spazi molto importanti dal punto di vista delle applicazioni alla meccanica quantistica: i cosidetti spazi di Hilbert, in cui si pu` o denire un prodotto scalare che rende tali spazi geometricamente simili agli spazi vettoriali nitodimensionali.

4.1.1

Forme sesquilineari

Iniziamo discutendo il concetto generale di forma sesquilineare. Def. 4.1 Sia E uno spazio vettoriale sul campo K (K  R o C). Una applicazione: q : EE

K,
(4.1) (4.2)

` e detta una forma sesquilineare se q px, y q ` e lineare in y e antilineare in x: q px, y1 y2 q  q px, y1 q q px, y2 q , q p x1 x2 , y q  q px1 , y q q px2 , y q ,

con , K, x, x1 , x2 , y, y1 , y2 E e dove , denotano i complessi coniugati di e . Nel caso K  R lantilinearit` a` e sostituita dalla linearit` a semplice e la forma q ` e detta anche semplicemente una forma bilineare. Una forma sesquilineare q su E ` e detta hermitiana se: q px, y q  q py, xq

d x, y E .
x  0.

(4.3)

Se K  R una forma hermitiana ` e detta pi` u semplicemente simmetrica. Una forma sesquilineare q su E ` e detta non degenere se: q px, y q  0 In caso contrario ` e detta degenere.

d y E

(4.4)

259

260

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

Osservazione. Occorre fare attenzione alle convenzioni usate, specie se si consultano testi diversi. Possiamo capire se un testo ` e stato scritto da un matematico, oppure da un sico: i matematici operano una scelta diversa, assumono la linearit` a di una forma sesquilineare q px, y q rispetto al primo argomento (x) e lantilinearit` a rispetto al secondo argomento (y ), mentre i sici, probabilmente in seguito alle impostazioni sviluppate da Dirac, seguono le convenzioni eneunciate sopra. Entrambe le convenzioni sono valide, ma ` e necessario mantenere coerentemente le convenzioni in tutto quello che segue. Esempio 4.1 Supponiamo E uno spazio vettoriale nito dimensionale sul campo dei complessi, e tej u1j n una sua base. Allora, se: x
n j 1

xj ej ,

n j 1

yj ej ,

per una qualsiasi forma sesquilineare q , usando le propriet` a di linearit` a e antilinearit` a: q px, y q 
n j,k 1

xj yk q pej , ek q ,

e la forma sesquilineare ` e completamente determinata dai valori assunti sui vettori di base, e non degenere cio` e dalla matrice jk  q pej , ek q. Se q ` e hermitiana si ha jk  kj , e se q ` la matrice jk ` e invertibile. Viceversa, assegnata una base tej u1j n ed una matrice quadrata n n di numeri complessi o reali, posso costruire una forma sesquilineare tramite la formula: q px, y q 
n j,k 1

xj yk jk ,

e lhermiticit` a della matrice e la sua invertibilit` a comportano rispettivamente lhermiticit` a e la non degenerazione della forma sesquilineare. Sostanzialmente, sfruttando lequivalenza di uno spazio vettoriale nito-dimensionale con lo spazio Cn , le propriet` a di una forma sesquilineare sono riconducibili alle caratteristiche di una matrice.

Teo. 4.1 Sia q una forma sesquilineare su E , spazio vettoriale sul campo K. 1. Sia K  C. Allora: a) q ` e completamente determinata dai suoi valori diagonali q px, xq al variare di x E.

b) q ` e hermitiana se e solo se q px, xq R per ogni x E .

4.1 Prodotti scalari

261

2. Sia K  R. Allora se q ` e simmetrica ` e completamente determinata dai suoi valori diagonali q px, xq al variare di x E . Dim. 4.1 Per la prima parte (caso K  C) si pu` o vericare direttamente (usando le propriet` a di linearit` a e antilinearit` a) la validit` a (per ogni forma sesquilineare q ) della seguente identit` a di polarizzazione: q px, y q  1 tqpx y, x yq qpx y, x yq 4

i qpx i y, x i yq i qpx i y, x i yqu , da cui si provano direttamente le aermazioni paq e pbq.


q px, y q  identicamente per ogni x, y 1 tqpx y, x yq qpx, xq qpy, yqu , 2

(4.5)

La seconda parte ` e conseguenza del fatto che se q ` e simmetrica si ha, ad esempio: (4.6)

E.

Osservazione. Laermazione p1aq non ` e vera in generale se K  R. Ad esempio in R2 consideriamo la forma antisimmetrica: q px, y q  x1 y2 x2 y1 , abbiamo q px, xq  0 per ogni x R2 ma q non ` e identicamente nulla, come suggerito invece dalla identit` a di polarizzazione. Per avere una identit` a simile alla identit` a di polarizzazione deve essere appunto richiesta esplicitamente la simmetria nel caso reale. Def. 4.2 Una forma sesquilineare hermitiana ` e detta positiva se verica q px, xq 0 per ogni x E , e denita positiva se q px, xq 0 per ogni x $ 0 (quindi q px, xq  0 x  0). Sia K  C, la positivit` a di q px, xq implica lhermiticit` a, in quanto ` e sottinteso che un numero positivo ` e anche reale, mentre se K  R lipotesi di simmetria non ` e deducibile dalla positivit` a, per cui deve essere richiesta esplicitamente. Teo. 4.2 Sia E uno spazio vettoriale sul campo K, e q una forma sesquilineare hermitiana positiva su E . Allora: i) Vale la seguente disuguaglianza di Schwarz:

|qpx, yq| qpx, xq qpy, yq


1 2

1 2

d x, y E .

(4.7)

262

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

Se q ` e denita positiva vale luguaglianza se e solo se i vettori x e y sono luno multiplo dellaltro: x  y , K. ii) Vale la seguente disuguaglianza: q px y, x y q 2
1

qpx, xq qpy, yq
1 2

1 2

d x, y E .

(4.8)

Se q ` e denita positiva luquaglianza vale se e solo se i vettori x e y sono lineamente dipendenti: x  y , con 0 (assumendo y non nullo). Dim. 4.2 Sia che si tratti di uno spazio reale o complesso la positivit` a implica che: 0 q px y, x y q  q px, xq 2 e t q px, y qu ||2 q py, y q , per ogni x, y

E e K. Posto:
 ei arg qpx,yq ,

con reale ed arbitrario, otteniamo la seguente disuguaglianza in R vericata per ogni : q px, xq 2 |q px, y q| 2 q py, y q 0 . Se q py, y q  0, la validit` a della precedente relazione per ogni valore reale di comporta che q px, y q  0, e la disuguaglianza di Schwarz ` e banalmente vericata. Se invece q py, y q $ 0 la condizione di postivit` a implica la negativit` a del discriminante:  4 |q px, y q|2 4 q px, xq q py, y q 0 , da cui la disuguaglianza di Schwarz. Chiaramente se x e y sono proporzionali tra loro vale luguaglianza nella (4.7). Supponendo ora la forma denita positiva, con y $ 0, se, x non ` e proporzionale a y , allora x y non potr` a mai essere nullo, per cui si deve avere, ripetendo il ragionamento precedente: q px, xq 2 |q px, y q| 2 q py, y q 0 , per ogni reale e di conseguenza 0, per cui non pu` o valere luguaglianza nella (4.7). Consideriamo ora la seconda disuguaglianza. Quadrando entrambi i membri, questa ` e equivalente alla disuguaglianza: q px y, x y q q px, xq q py, y q 2q px, xq 2 q py, y q 2 ,
1 1

e, sviluppando algebricamente: e q px, y q q px, xq 2 q py, y q 2 ,


1 1

4.1 Prodotti scalari

263

garantita a sua volta dalla precedente disuguaglianza di Schwarz: e q px, y q |q px, y q| q px, xq 2 q py, y q 2 ,
1 1

Sia ora q denita positiva, per avere luguaglianza: e q px, y q  q px, xq 2 q py, y q 2 ,
1 1

devo avere anche la validit` a delluguaglianza nella disuguaglianza di Schwarz, per cui x e y sono proporzionali tra loro, x  y , con opportuno (assumendo, senza essere restrittivi, y non nullo). Inoltre deve valere anche luguaglianza: e q px, y q  |q px, y q| , e q py, y q  || q py, y q possibile solo se ` e reale con 0. Viceversa, se x  y , con 0, possiamo vericare direttamente luguaglianza:

 p 1q qpy, yq q px, xq q py, y q  p 1q q py, y q


1 1 2 1 2

q px y, x y q 2

1 2 1 2


4.1.2 Prodotto scalare

Una forma sesquilineare denita positiva costituisce quello che si chiama un prodotto scalare. Def. 4.3 Si denisce prodotto scalare una forma sesquilineare (hermitiana) denita positiva. Nel caso di uno spazio vettoriale complesso la forma ` e detta pi` u propriamente un prodotto scalare hermitiano. Nel caso di uno spazio reale la dizione esatta ` e prodotto scalare euclideo. In generale risulter` a chiaro dal contesto di quale caso si tratti ed useremo la forma semplicata di prodotto scalare.

Spesso si usa indicare il prodotto scalare di due vettori x e y mediante la notazione x x, y y (che adotteremo in seguito) con le parentesi angolari (come per i funzionali lineari dello spazio duale algebrico), oppure mediante le parentesi semplici p x, y q. Unaltra notazione ` e x x | y y, introdotta da Dirac e usata frequentemente nei testi di meccanica quantistica. La parte |y y indica formalmente un vettore (come la notazione

264

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

y ) detto ket, con propriet` a algebriche lineari di composizione, analogo di un vettore colonna:  y1  y2  , .  .  . yn in Cn , mentre x x|, detto bra, viene identicato con il trasposto complesso coniugato di |x y, analogo di un vettore riga:

p x1 , x2 , . . . xn q ,
con conseguenti propriet` a antilineari di composizione, ed il prodotto scalare ` e il prodotto di un bra con un ket: braket (dal termine inglese per parentesi), con propriet` a analoghe al prodotto (matriciale) delle precedenti matrici riga e colonna. In denitiva possiamo dire che un prodotto scalare denito su uno spazio vettoriale E (in generale complesso) ` e una applicazione: EE

K , px, yq x x , yy , dxE,
(4.9) (4.10)

che gode delle seguenti propriet` a:

xx, xy 0, x x , x y  0 xy, xy  xx, yy, xx, yy  xx, yy, x x , y1 y2 y  x x , y1 y x x , y2 y , x x, y y  x x, y y , x x1 x2 , y y  x x1 , y y x x2 , y y ,


x  0,

d x, y E , d x, y E, K , d x, y1, y2 E . d x, y E, K , d x1 , x 2 y E .

(4.11) (4.12) (4.13)

Notiamo che la condizione di hermiticit` a (4.11), combinata con le propriet` a di linearit` a rispetto al ket, fornisce le propriet` a di antilinearit` a rispetto al bra: (4.14) (4.15)

Def. 4.4 Uno spazio vettoriale E su K dotato di prodotto scalare ` e detto pre-hilbertiano oppure euclideo.

4.1 Prodotti scalari

265

Come conseguenza immediata del teorema 4.2 abbiamo che se q ` e una forma se1 2 squilineare denita positiva, allora q px, xq denisce una norma, per cui uno spazio pre-hilbertiano risulta uno spazio normato con la norma indotta dal prodotto scalare:

}x}  x x , x y .

(4.16)

In eetti la (4.9) ci garantisce che }x} ` e un numero reale positivo e la (4.10) che }x}  0 solo se x  0. Le propriet` a di linearit` a e antilinearit` a forniscono lomogeneit` a assoluta della norma. Il teorema 4.2 esprime la disuguaglianza triangolare

}x y} }x} }y} .
La disuguaglianza di Schwarz diviene in uno spazio pre-hilbertiano:

(4.17)

|x x , y y| }x} }y} ,

(4.18)

con luguaglianza valida solo quando i due vettori x, y sono linearmente dipendenti tra loro. Uno spazio pre-hilbertiano risulta quindi anche uno spazio normato, metrico e topologico, e sorge quindi naturale chiedersi se sia completo. Essendo il prodotto scalare una qualsiasi forma sesquilineare hermitiana e denita positiva, la completezza non ` e in generale assicurata, per cui ` e una propriet` a aggiuntiva che eventualmente deve essere richiesta. Quando si ha completezza si parla pi` u propriamente di uno spazio di Hilbert. Def. 4.5 Uno spazio vettoriale H ` e detto spazio di Hilbert se verica le seguenti condizioni: 1. H ` e uno spazio pre-hilbertiano (ovvero in H ` e denito un prodotto scalare x x, y y tra due arbitrari vettori x, y di H). 2. H ` e completo come spazio metrico con la metrica indotta dalla norma, a sua volta indotta dal prodotto scalare: dpx, y q  }x y } 

x x y, x y y ,

(4.19)

cio` e H ha la struttura di spazio di Banach. Osservazione. In origine (ed ancora per i puristi) nella denizione di spazio di Hilbert veniva richiesta anche la condizione che le dimensioni dello spazio vettoriale H fossero innite. In eetti uno spazio vettoriale a dimensioni nite ` e identicabile con Cn , in cui si introduce il prodotto scalare ordinario:

x x, y y 

n j 1

xj yj ,

266

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

e Cn ` e completo. Per distinguere questa situazione, in un certo senso banale, si imponeva la dimensionalit` a innita, ma in sica ` e prevalso luso di prescindere da tale condizione e si considerano spazi di Hilbert anche spazi vettoriali a dimensioni nite. Ultimamente tale convenzione ` e adottata anche dai matematici in quanto i risultati pi` u importanti non si avvalgono della richiesta di una dimensionalit` a innita. Esempio 4.2 Un esempio importante di spazio di Hillbert ` e costituito dallo spazio L2 pq, in cui si pu` o denire il prodotto scalare:

x f, g y  da cui si ottiene la norma in L2 pq: }f }2 

f pxq g pxq dx ,
1
2

(4.20)

|f pxq|

dx

 x f, f y

e sappiamo che con tale norma lo spazio ` e completo. Notiamo che lesistenza dellintegrale (4.20) ` e garantita dal teorema 3.20 con p  q  2, e la disuguaglianza di H older (3.118) coincide con la disuguaglianza di Schwarz (4.18).

V 

Esempio 4.3 Analogamente allo spazio precedente, risulta di Hilbert anche lo spazio l2 in cui si denisce il prodotto scalare:

x x, y y 

xj yj .

(4.21)

Vediamo subito un aspetto importante della topologia introdotta tramite il prodotto scalare, la continuit` a stessa del prodotto scalare rispetto ai suoi argomenti. Lem. 4.3 Sia E uno spazio pre-hilbertiano. Allora lapplicazione: : HH

j 1

K , px, yq x x, y y ,

` e continua. Dim. 4.3 Per la disuguaglianza di Schwarz abbiamo:

|px, yq px0, y0q|  |x x, y y x x0, y0 y|  |x x0 x x0, y0 y y0 y x x0, y0 y|  |x x0, y y0 y x x x0, y0 y x x x0, y y0 y| }x0} }y y0} }x x0} }y0} }x x0} }y y0}

4.1 Prodotti scalari

267

che pu` o essere reso piccolo a piacere quando }x x0 } 0 e }y y0 } 0. Una conseguenza immediata di tale lemma ` e data dal fatto che uno spazio prehilbertiano pu` o essere completato in uno spazio di Hilbert. Teo. 4.4 Ogni spazio pre-hilbertiano E ammette come completamento uno spazio di Hilbert H. Dim. 4.4 Ricordando il risultato generale sul completamento di uno spazio metrico, sappiamo costruire il completamento mediante le classi di equivalenza di successioni di Cauchy in E . Occorre mostrare che in tale spazio H ` e possibile denire un prodotto scalare coerente con il prodotto scalare denito in E . Siano x e y gli elementi del completamento individuati dalle successioni di Cauchy txn u e tyn u, e poniamo:

x x, y y  nlim xx , y y. V n n
` immediato vericare che i numeri x xn , yn y formano una successione di Cauchy e pertanE to convergenti. Poich` e il prodotto scalare risulta una funzione continua dei suoi argomenti la denizione sopra ` e indipendente dalla scelta delle successioni txn u e tyn u mediante le quali approssimiamo gli elementi x e y , e inoltre, sempre per continuit` a, valgono tutte le propriet` a del prodotto scalare. Pertanto la denizione ` e ben posta, e la norma e la distanza in H sono esprimibili tramite il prodotto scalare test` e denito. Non ci soermeremo oltre sulle propriet` a degli spazi pre-hilbertiani, ma assumeremo in quanto segue di avere sempre uno spazio di Hilbert, anche se alcuni risultati (se non coinvolgono la completezza) possono essere validi pi` u in generale in uno spazio pre-hilbertiano.

268

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

4.2

Geometria di uno spazio di Hilbert

La disuguaglianza di Schwarz permette di introdurre delle nozioni di carattere geometrico in uno spazio di Hilbert. Consideriamo due vettori non nulli x e y , allora i vettori }x , y x} } y } individuano due direzioni (o sottospazi unidimensionali) in tale spazio, e, nel caso di uno spazio di Hilbert reale, la disuguaglianza di Schwarz comporta che:

x x, y y 1 1 } x} }y }
con le uguaglianze possibili quando i due vettori sono collineari, cio` e proporzionali luno con laltro. Questo permette di denire un angolo compreso tra i due vettori, o meglio il coseno dellangolo tra i due vettori: cos

x x, y y . } x} }y }

(4.22)

Eettivamente i due vettori x e y , se indipendenti, individuano una variet` a lineare a due dimensioni, cio` e un piano e la relazione (4.22) denisce una valutazione dellangolo geometrico tra i due vettori. Con la denizione (4.22) ritroviamo la denizione elementare di prodotto scalare come prodotto dei moduli per il coseno dellangolo compreso tra i vettori: x x, y y  }x} }y} cos , (4.23) Nel caso di uno spazio reale lespressione (4.22) denisce un angolo reale che pu` o essere scelto nellintervallo r 0, s, mentre nel caso complesso la relazione (4.22) perde di signicato (non determina un angolo complesso), anche se la quantit` a:

|x x, y y| , }x} }y}
compresa rigorosamente tra 0 e 1 (compresi gli estremi), pu` o servire a denire un angolo (nellintervallo r 0, {2 s) tra le direzioni dei due vettori.

4.2.1

Ortogonalit` a

La scelta di un prodotto scalare viene quindi a denire una geometria nello spazio ed in particolare introduce il concetto di ortogonalit` a tra vettori. Def. 4.6 Due vettori sono detti ortogonali se ` e nullo il loro prodotto scalare: xuy

x x, y y  0 .

(4.24)

4.2 Geometria di uno spazio di Hilbert

269

Osservazione. La denizione ha senso geometricamente quando i vettori sono non nulli, ma la possiamo considerare estesa anche al caso di vettori nulli, notando che il vettore nullo risulta in questo modo ortogonale a qualsiasi vettore dello spazio. Con il concetto di ortogonalit` a ritroviamo un fondamento della geometria euclidea, il 1 teorema di Pitagora . Infatti, se x e y sono non nulli e ortogonali tra loro, ` e immediato vericare che:

x x, y y  0 , }x y}2  }x y}2  }x}2 }y}2 , dove interpretiamo geometricamente la norma }x y }, o }x y }, come lipotenusa del triangolo rettangolo di cateti }x} e }y } (Figura 4.1).
rr r 2 }x y} rr r rr r rrr

}y }2

}x}2

Figura 4.1: Teorema di Pitagora. Il concetto di ortogonalit` a si pu` o estendere anche a sottoinsiemi formati da pi` u vettori.

Pitagora (Samo, c. 575 a.C. Metaponto, c. 495 a.C.) ` e stato un matematico, legislatore e losofo greco antico secondo quanto tramandato dalla tradizione. La gura storica di Pitagora, messa in discussione da diversi studiosi, si mescola alla leggenda narrata nelle numerose Vite di Pitagora, composte nel periodo del tardo neoplatonismo e del neopitagorismo dove il losofo viene presentato come glio del dio Apollo, autore di miracoli e profeta, guaritore e mago. La storia di Pitagora ` e avvolta nel mistero, di lui sappiamo pochissimo e la maggior parte delle testimonianze che lo riguardano sono di epoca pi` u tarda. Alcuni autori antichi o suoi contemporanei come Senofane, Eraclito ed Erodoto ci danno testimonianze tali da far pensare alla eettiva esistenza storica di Pitagora pur se inserita nella tradizione leggendaria. Quasi sicuramente Pitagora non lasci` o nulla di scritto e quindi le opere attribuitegli vanno ascritte piuttosto ad autori sconosciuti che le scrissero in epoca cristiana o di poco antecedente. Il teorema per cui il losofo ` e famoso era gi` a noto agli antichi Babilonesi ma alcune testimonianze riferiscono che Pitagora ne avrebbe intuito la validit` a, mentre si deve a lui avere indicato come sostanza primigenia larmonia determinata dal rapporto tra i numeri e gli accordi musicali.

270

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

Def. 4.7 Sia F un sottoinsieme di uno spazio di Hilbert H. Deniamo il complemento ortogonale F u come linsieme dei vettori ortogonali a tutti gli elementi di F : Fu

H ; x y, x y  0 d x F 

2
x F

H ; x y, x y  0

(4.25)

Ricordando che la variet` a lineare LpF q generata da un insieme di vettori F ` e costituita dalle combinazioni lineari nite di elementi di F , abbiamo: Lem. 4.5 Se F ` e un sottoinsieme di uno spazio di Hilbert H, linsieme F u costituisce un sottospazio vettoriale chiuso e: Fu

 pF qu  LpF qu  LpF q

(4.26)

Dim. 4.5 Sia x F ssato, allora linsieme ty H ; x y, x y  0u, formato dai vettori ortogonali a x forma un sottospazio (conseguenza immediata delle propriet` a di linearit` ae antilinearit` a del prodotto scalare) chiuso di H. La chiusura ` e conseguenza della continuit` a del prodotto scalare, in particolare della continuit` a della applicazione y x y, x y, in quanto tale insieme risulta la retroimmagine, mediante una applicazione continua dellinsieme chiuso t0u K. La seconda parte della (4.25) nella denizione di complemento ortogonale comporta che F u ` e chiuso in quanto intersezione di insiemi chiusi. In generale, se A B ` e chiaro che B u Au per cui pLpF qqu F u . Daltra parte se un vettore y ` e ortogonale ai vettori di F , per la linearit` a del prodotto scalare, risulta ortogonale anche a qualsiasi combinazione lineare nita di elementi di F :

x y,

N j 1

per cui F u LpF qu e F u  LpF qu . Vediamo ora le chiusure dei vari insiemi. Chiaramente F F per cui pF qu F u . Sia ora y ortogonale ad ogni elemento di F e sia x0 F . Allora esiste una successione xn di elementi di F convergente a x0 . Per la continuit` a del prodotto scalare: 0  x y, xn y per cui y ` e ortogonale a x0 , cio` e Fu

j xj y 

N j 1

j x y, xj y  0 ,

pF qu, e valgono le uguaglianze anche nella (4.26).

x y, x0 y , nV

4.2.2

Decomposizione in sottospazi ortogonali

Una propriet` a utile negli spazi vettoriali a dimensioni nite ` e costituita dal fatto che se M ` e un sottospazio di uno spazio vettoriale E , allora si pu` o considerare il sottospazio

4.2 Geometria di uno spazio di Hilbert

271

complemento ortogonale M u e tutto lo spazio E pu` o decomporsi nella somma diretta u di M e M . Ci proponiamo ora di generalizzare tale risultato al caso di uno spazio a dimensione innita. La dierenza cruciale tra i due casi ` e costituita dal fatto che in uno spazio a dimensione nita ogni sottospazio risulta anche chiuso, mentre questo non ` e pi` u garantito a dimensioni innite, anche se ci troviamo in uno spazio di Hilbert, cio` e completo. La propriet` a di chiusura ` e importante e la decomposizione ` e garantita quando sappiamo che il sottospazio ` e chiuso. Teo. 4.6 Sia H uno spazio di Hilbert e M un suo sottospazio chiuso. Allora vale: HM

Mu .

(4.27)

cio` e ogni vettore di H ` e decomposto in maniera univoca come somma di un vettore di u M e un vettore in M .

Dim. 4.6 Notiamo subito che se esiste la decomposizione questa ` e unica, in quanto: M

Mu

 t0u .

Sia ora x H. Se x M allora x  x 0 fornisce la decomposizione richiesta (0 M u ). Assumiamo quindi che x M , e deniamo: dpx, M q  inf }y x} .
y M

Vogliamo mostrare che esiste un elemento yM M in cui si raggiunge il valore dpx, M q, cio` e tale che: dpx, M q  }yM x} , yM M . Per denizione stessa di estremo inferiore possiamo determinare una successione yn in M tale che si approssimi sempre pi` u lestremo inferiore, cio` e: dpx, M q  lim }yn x} .
n

Allora, usando la denizione di norma derivante dal prodotto scalare, ` e facile vericare che:

}pyn xq pym xq}2 }pyn xq pym xq}2  2 }yn x}2 2 }ym x}2

ym 2 } }yn ym}2  2 }yn x}2 2 }ym x}2 4 }x yn 2

2 }yn x}2 2 }ym x}2 4 dpx, M q2 n,mV

0.

272

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

La successione minimizzante yn ` e quindi di Cauchy, per cui (H ` e di Banach) convergente. Essendo M chiuso il limite deve appartenere a M stesso: yM

 nlim y M, V n

dpx, M q  }yM

x} .

Riusciamo quindi a dimostrare il teorema se yu un qualsiasi elemento y M :

 x yM ` e ortogonale a M . Consideriamo

}yu y}2  }x pyM yq}2 dpx, M q2  }yu}2 , ||2 }y}2 2 e t x yu, yyu 0 , d K .
Scegliendo dapprima reale, poi immaginario puro, ci si rende conto che ci` o` e possibile solo se x yu , y y  0, per cui yu M u e: x  yM

yu ,

yM

M,

yu

Mu .

Notiamo che non dobbiamo supporre che il complemento ortogonale M u del sottospazio M sia a sua volta chiuso, in quanto questo ` e sempre vericato, indipendentemente dalla chiusura di M . Dato un sottospazio chiuso M di uno spazio di Hilbert H, per ogni x H risulta quindi univocamente determinato un vettore yM M con la propriet` a di avere distanza minima dal vettore x, e tale che x si pu` o decomporre in componenti ortogonali tra loro: x  yM

yu

yM

x yM , y u y  0 .

(4.28)

La componente yM viene detta proiezione ortogonale di x sul sottospazio M (analogamente yu ` e la proiezione ortogonale sul complemento ortogonale M u ) e denisce un operatore lineare PM : PM x  yM , (4.29) detto proiettore ortogonale su M . Osservazione. Durante la dimostrazione del teorema abbiamo usato la relazione valida in uno spazio di Hilbert H:

}a b}2 }a b}2  2}a}2 2}b}2 ,

d a, b H ,

(4.30)

che esprime una propriet` a geometrica dei parallelogrammi (la somma dei quadrati delle diagonali eguaglia la somma dei quadrati dei lati). Tale propriet` a, derivabile direttamente dalla denizione di norma tramite un prodotto scalare, non ` e una propriet` a di tutte le norme in generale, e quindi non vale in generale per uno spazio normato, ma ` e una caratteristica propria degli spazi di Hilbert. In eetti, se abbiamo uno spazio di Banach (pertanto normato e completo) la cui norma soddisfa la regola del parallelogramma (4.30), questo diviene uno spazio di Hilbert introducendo il prodotto scalare tramite

4.2 Geometria di uno spazio di Hilbert

273

lidentit` a di polarizzazione nel caso di uno spazio complesso (la norma }x}2 denisce x x x y): 2 @ } x y }2 }x y }2 i }x i y }2 i }x i y }2 , (4.31) x x, y y  1 4 oppure, nel caso di uno spazio reale, tramite la relazione: 1 x x, y y  4 p}x y}2 }x y}2q . (4.32)

Si lascia al lettore il compito di mostrare che in questo modo si denisce in effetti un prodotto scalare, quando si assume come ipotesi la validit` a della regola del parallelogramma. Teo. 4.7 Sia F un sottoinsieme di uno spazio di Hilbert H, allora:

pF uqu  LpF q .
Dim. 4.7 Chiaramente si ha: F

pertanto pF u qu ` e un sottospazio chiuso che contiene anche tutte le combinazioni lineari di elementi di F , ed essendo chiuso, contiene anche la loro chiusura: LpF q

pF uqu ,

pF uqu .

Consideriamo pF u qu come spazio di Hilbert (tutte le propriet` a sono vericate, compresa la completezza, conseguenza del fatto che ` e chiuso). Allora, per il teorema precedente pu` o essere decomposto: pF uqu  pLpF qq K ,

con K complemento ortogonale di pLpF qq . Se k K allora k ` e ortogonale a LpF q e u u u a F stesso, k F . Daltra parte k pF q per cui k deve essere ortogonale anche a s` e stesso: x k, k y  0 , k  0 .

K risulta quindi il sottospazio nullo e:

pF uqu  pLpF qq .
Come conseguenza immediata dei risultati precedenti abbiamo il seguente corollario.

274

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

Cor. 4.8 Sia M un sottospazio chiuso di uno spazio di Hilbert H, allora M

 pM uqu .

4.2.3

Duale topologico

Sia H uno spazio di Hilbert (che assumiamo in generale complesso), x consideriamo lapplicazione: H y

H ssato, e

C , x x, y y ,

questa ` e lineare (per la linearit` a del prodotto scalare), e continua, cio` e limitata, per la disuguaglianza di Schwarz:

|x x, y y| }x} }y}  C }y} ,


con C  }x}, indipendente da y . Pertanto per ogni elemento x risulta denito un elemento appartenente a Lc pH, Cq  H , detto duale dello spazio H, o, pi` u precisamente duale topologico, per distinguerlo dal duale algebrico visto in precedenza, in cui non era richiesta la continuit` a. In generale per spazio duale si sottointende quello topologico (sottoinsieme del duale algebrico), in quanto lassenza della continuit` a non comporta alcun risultato o applicazione importante. Sostanzialmente, tramite il prodotto scalare, abbiamo costruito una corrispondenza J tra H e il suo duale H : J x Jx H con Jx funzionale lineare e continuo denito da: Jx py q  x x, y y . (4.33)

Essendo un funzionale continuo, cio` e limitato, possiamo valutare anche la sua norma (in senso operatoriale): y y| }Jx}  sup |x x, }y} . y $0 Sappiamo che, per ogni x, y , con y

$ 0 (disuguaglianza di Schwarz): |x x, y y| }x} , }y} }Jx} }x} ,

per cui:

4.2 Geometria di uno spazio di Hilbert

275

ma se x  y , o pi` u in generale, se x e y sono proporzionali tra loro, vale luguaglianza. Questo signica che lestremo superiore ` e raggiunto quando y  x e tale limitazione ` e la migliore possibile al variare di y : }Jx}  }x} . Quindi J : H H ` e una applicazione che preserva la norma, cio` e isometrica. Vediamo inoltre che la trasformazione J (come dipendenza da x) ` e antilineare (lineare nel caso di uno spazio di Hilbert reale): J1 x1 2 x2 py q  x 1 x1 2 x2 , y y  1 x x1 , y y 2 x x2 , y y J1 x1 2 x2 e iniettiva: Jx1

 1 Jx pyq 2 Jx pyq ,  1 Jx 2 Jx ,
1 2 1 2 2

1 , 2

C,

x1 , x 2 , y

H,

 Jx

x x1, y y  x x2, y y d y H , x x1 x2, y y  0 d y H .


x1

Scegliendo in particolare: y

 x1 x2 }x1 x2}2  0

 x2 . H esiste un
(4.34)

Ma il risultato pi` u importante ` e costituito dal fatto che lapplicazione J risulta suriettiva. Teo. 4.9 (Fischer-Riesz) Per ogni funzionale lineare e continuo f unico elemento x H tale che: f py q  x x, y y,

d y H.

Sostanzialmente tale teorema aerma che il prodotto scalare costituisce il pi` u generale funzionale lineare e continuo denito su uno spazio di Hilbert. Questo risultato costituisce appunto il motivo per luso delle medesime notazioni per indicare sia i funzionali lineari (e continui) che il prodotto scalare. Inoltre permette di identicare lo spazio duale topologico di uno spazio di Hilbert con lo spazio di Hilbert stesso. Possiamo riformulare il teorema aermando che ogni spazio di Hilbert coincide con il suo duale topologico: H  H . Dim. 4.9 Se f  0 (funzionale identicamente nullo) basta prendere x consideriamo il sottospazio lineare: N  ty

 0.

Se f

$0

H ; f pyq  0u

276

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

(si vede facilmente per la linearit` a di f che N ` e un sottospazio) che risulta chiuso essendo la retroimmagine dellinsieme chiuso t0u in C tramite una funzione continua. Essendo f non nullo N non coincide con H ed esiste x0 Nu con f px0 q $ 0. Sia ora y H arbitrario:

f p y q x0 f px0 q

yq  f pyq ffppx q f px0q  0


0

y y

f py q x0 f py q x0 y f px0 q f p x0 q

f py qx0 f px0 q

N,


Nu N .

Solo la componente in Nu contribuisce al prodotto scalare di x0 con y , per cui: yq x x0, y y  ffppx } x0 }2 , q
0

f py q  x x

f p x0 q }x0}2 x0 ,

f px0 q }x0}2 x0, y y ,

Lunicit` a deriva dalla iniettivit` a della corrispondenza J discussa in precedenza. Questo teorema, noto anche come teorema di rappresentazione per uno spazio di Hilbert, ` e opera dei matematici Fischer2 e Riesz3 .
Ernst Sigismund Fischer (Vienna, 12 Luglio 1875 Colonia, 14 November, 1954) lavor` o a anco sia di Mertens che di Minkowski alle Universit` a di Vienna e di Zurigo, rispettivamente. In seguito divent` o professore allUniversit` a di Erlangen, dove lavor` o con Emmy Noether. La sua principale area di ricerca fu lanalisi matematica, in particolare le serie ortonormali di funzioni che gettarono le basi per lapparizione del concetto di spazio di Hilbert.
2

Frigyes Riesz (Gy or, 22 gennaio 1880 Budapest, 28 febbraio 1956) ` e stato un matematico ungherese. Fu rettore e professore dellUniversit` a di ` il fratello maggiore del matematico Marcel Riesz. Riesz svilupp` Szeged. E o parte del lavoro fondamentale dello sviluppo dellanalisi funzionale e la sua opera possiede diverse importanti applicazioni in sica. Il suo lavoro si bas` o sulle idee introdotte da Fr echet, Lebesgue, Hilbert e altri. Ha fornito pure importanti contributi in altre aree, inclusa la teoria ergodica, ove ha dato una dimostrazione elementare del Teorema ergodico.

4.3 Sistemi ortonormali.

277

4.3

Sistemi ortonormali.

Discutiamo ora alcune nozioni sugli insiemi di vettori ortonormalizzati, cio` e normalizzati allunit` a e ortogonali tra loro. Def. 4.8 Un insieme di vettori tx uA appartenenti ad uno spazio di Hilbert H ` e detto un sistema ortonormale se i vettori x soddisfano la relazione:

x x , x y 

1 0

, $,

d , A .

(4.35)

Osservazione. Notiamo che nella denizione linsieme degli indici A ` e arbitrario, e non ` e detto che sia numerabile, per cui la denizione rimane valida anche per famiglie di vettori dipendenti da un parametro continuo. In ogni caso un sistema ortonormale di vettori risulta linearmente indipendente. Infatti, se consideriamo una combinazione lineare nita e nulla di vettori del sistema:
N j 1

cj x j

 0,

cj

C, 

moltiplicando scalarmente per i vettori xk , k coecienti: 0  x x k ,


N j 1

1, . . . , N , otteniamo lannullarsi dei

cj x j y 

j 1

cj x xk , xj y  ck .

Un sistema pu` o essere nito o innito, il caso interessante si ha quando i vettori sono inniti. Vediamo una prima conseguenza della denizione per un sistema numerabile (possiamo assumere A  N). Lem. 4.10 Sia txj u, j N, un sistema ortonormale numerabile in uno spazio di Hilbert H, allora la serie (vettoriale): cj x j
j

` e convergente se e solo se:

|cj |2 V , 

e in questo caso:

 2     cj x j    
j

| cj | 2 .

(4.36)

278

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

Quando c` e la convergenza la somma della serie termini.

N cj xj non dipende dallordine dei

Dim. 4.10 Consideriamo la successione delle ridotte: sN

N j 1

cj x j ,

e consideriamo il criterio di Cauchy. Assumiamo M , N interi con M

}sM sN }2    

 M   cj x j  j 1
M k N 1 M k N 1 M j 1

N j 0

2   cj x j  
M j N 1

 M     q

j N 1

2   cj x j  
M M

N:

ck x k ,

cj x j

k N 1 j N 1

 

ck cj x x k , x j y

ck ck




M k N 1

|ck |2

| cj |
2

N j 1

| cj | 2 ,

per cui la convergenza di una serie ` e garantita dalla convergenza dellaltra serie (ricordiamo che sia lo spazio di Hilbert H, sia C sono completi, per cui vale il criterio di Cauchy). In maniera analoga, sfruttando lortogonalit` a dei vettori xj (teorema di Pitagora):
 2     cj x j    
j

| cj | 2 .

Mostriamo ora che la somma della serie vettoriale non dipende dallordine dei termini. Siano: x

V 

cj x j ,

V 

cppj q xppj q ,

con ppj q una permutazione degli indici. Il sistema txppj q u ` e ancora un sistema ortonormale in quanto p : N N ` e iniettiva e suriettiva, e:

j 1

j 1

}x} 
2

V 

| cj | 
2

V 

|cppjq|2  }y}2

j 1

j 1

(le serie numeriche assolutamente convergenti non dipendono dallordine dei termini). Abbiamo: }x y}2  }x}2 x x, y y x y, x y }y}2 ,

4.3 Sistemi ortonormali.

279

e, sfruttando la continuit` a del prodotto scalare:

x x, y y  Nlim V x xj , y y  M lim V
M k 1

N j 1

cj x x j , y y .

Ogni indice j risulta la permutazione di un unico indice k , j

 ppkq, per cui:  cj ,

cppkq x xj , xppkq y  cppk q

x x, y y  x y, x y  }x y}2  0 ,

V
j 1

|cj |2  }x}2 ,
x  y.


Nel corso della dimostrazione abbiamo sostanzialmente visto che, con un sistema ortonormale numerabile, posto: x si ha: cj

V 

cj x j ,

j 1

Ci chiediamo ora cosa possiamo dire con un sistema ortonormale generale tx uA con A non necessariamente numerabile. Lequazione precedente pu` o essere generalizzata e vale 4 la disuguaglianza di Bessel . Teo. 4.11 (Disuguaglianza di Bessel) Sia tx uA un sistema ortonormale (non necessariamente numerabile) in uno spazio di Hilbert H e sia x H. Allora i numeri x x , x y sono non nulli al pi` u per una innit` a numerabile di indici e vale la
4 Friedrich Wilhelm Bessel (Minden, 22 luglio 1784 K onigsberg, 17 marzo 1846) ` e stato un matematico e astronomo tedesco, sistematizzatore delle funzioni di Bessel (le quali, nonostante il nome, furono scoperte da Daniel Bernoulli). Nato in Westfalia, Friedrich Bessel era contemporaneo di Carl Gauss, anchesso matematico ed astronomo. Bessel ` e ricordato soprattutto perch e fu ` anche il primo ad usare la parallasse per misurare la distanza di una stella. E dovuto a Bessel il metodo rigoroso di calcolo delle circostanze topocentriche delle eclissi e delle occultazioni. Nonostante non ebbe unistruzione universitaria, Bessel fu una gura di primaria importanza nellastronomia dei suoi tempi.

 x xj , x y .

280

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

disuguaglianza di Bessel

|x x, x y|2 }x}2 ,

(4.37)

dove la somma ` e estesa allinnit` a numerabile di valori dellindice per cui x x , x y $ 0. Inoltre la serie: x x x , x y (4.38)
A

(sempre con le medesime restrizioni sugli indici della somma) risulta convergente e indipendente dallordine dei termini non nulli, e converge alla proiezione ortogonale di x sulla chiusura del sottospazio generato dal sistema tx u. Dim. 4.11 Consideriamo un qualsiasi sottoinsieme nito di indici j A, j  1, . . . , N , i corrispondenti vettori del sistema ortonormale txj u generano un sottospazio nito dimensionale (quindi chiuso) L. Se x H possiamo ricercare la sua proiezione ortogonale su tale sottospazio minimizzando:
   x 

N j 1

2   cj x j  

 }x}
2

N j 1

| cj | 2
2
j

N j 1

cj x x j , x y

 }x}2
N 2 j 1

N j 1

|x x , x y|2
j

|x x , x y|2 |cj |2 2
N j 1

e cj x x j , x y

 }x}2


|x x , x y|2
j

N cj j 1

x x , x y2
j

0.

Da tale espressione risulta chiaro che la minima distanza si raggiunge quando: cj


N

 x x , x y ,
j

per cui si annulla lultima somma precedente, ed il corrispondente vettore: xL

 xx
j 1

, x y x j , j

}xL}2 

N j 1

|x x , x y|2 ,
j

costituisce la proiezione ortogonale di x su tale sottospazio. La positivit` a della distanza tra x e la sua proiezione ortogonale (valutabile con il teorema di Pitagora): 0 }x xL }2

 }x}2 }xL}2 ,

4.3 Sistemi ortonormali.

281

comporta la validit` a della disuguaglianza di Bessel nel caso di un sistema ortonormale nito:

}x}
2

j 1

Questultima relazione, valida per ogni N comporta che i prodotti scalari x x , x y siano

|x x , x y| 0 ,
2
j

j 1

|x x , x y|2 }x}2 .
j

 0      L   xL B      E

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . .. . . . . . . . . .. . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Figura 4.2: Proiezione ortogonale. non nulli al pi` u per una ininit` a numerabile di termini. Consideriamo infatti i sottoinsiemi di indici: A1 A2 . . . An . . . Ognuno di tali insiemi deve essere nito altrimenti, con inniti termini a disposizione, potremmo sceglierne un numero N (arbitrario), 1 , . . . , N An , con:
N j 1

 t A ; |x x, x y| 1u ,
1  t A ; 1 |x x, x y| 2 u,

1 1  t A ; n |x x , x y| u , 1 n

|x x , xy|2
j

N 1 j 1

N  , n2 n2

282

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

grande a piacere, mentre sappiamo che tale somma deve essere limitata da }x}2 . Essendo ogni An nito, linsieme: A0

 t A ; x x, x y $ 0u 

V
n 1

An ,

` e numerabile ed essendo valida la disuguaglianza di Bessel per ogni sottoinsieme nito di indici, vale per tutto linsieme numerabile A0 :
A0

|x x, x y|2 }x}2 ,

e ha senso considerare la serie:

A0

x x x , x y ,

che risulta convergente indipendentemente dallordine dei termini e converge ad un elemento della chiusura pLptx uqq . Vediamo ora che questo vettore ` e proprio la proiezione ortogonale su tale sottospazio mostrando che ci` o che rimane ` e ortogonale a esso. Considerando lidentit` a: x x

A0

abbiamo visto che x x , x y $ 0 solo se A0 e il vettore: y

x x x , x y

'

A0

x x x , x y ,

x

A0

x x x , x y

risulta ortogonale ad ogni x del sistema ortonormale:


g

x , x Infatti, se

A0

A0, allora:

x x x , x y

 x x , x y M lim V
j

M j 1

x x , x y x x , x y  0 .
j j

mentre se A0 , allora nella somma precedente (per M grande) sopravvive solo lunico termine con j  e si ottiene

x x , x y  0 ,

x x , x y  0 ,

x x , x y x x , x y  0 . Abbiamo quindi che il vettore y pLptx uqqu  pLptx uq qu , cio` e: x x x , x y  P x


A0

` e la proiezione ortogonale di x su Lptx uq .

4.3 Sistemi ortonormali.

283

4.3.1

Basi hilbertiane

Vediamo ora come possiamo estendere il concetto di base tramite i sistemi ortonormali. Def. 4.9 Un sistema ortonormale in uno spazio di Hilbert H ` e detto completo se ` e massimale, cio` e se non pu` o essere esteso ulteriormente con laggiunta di ulteriori vettori. In questo caso esso viene detto anche base hilbertiana oppure base ortonormale. Lutilit` a delle basi hilbertiane ` e espressa dal seguente teorema che fornisce sostanzialmente delle denizioni equivalenti di base hilbertiana, e trasforma la disuguaglianza di Bessel in una uguaglianza (di Parseval5 ) Teo. 4.12 Sia tx uA un sistema ortonormale in uno spazio di Hilbert H. Allora le seguenti aermazioni sono equivalenti. 1. tx uA ` e una base ortonormale. 2. Il sistema ortonormale genera tutto H, nel senso che:

pLptx , Auqq  H .
3. Ogni vettore x H pu` o essere decomposto secondo la relazione: x

(4.39)

x x , x y x ,

(4.40)

dove la somma ` e estesa ai valori di (al pi` u numerabili) per cui x x , x y $ 0. 4. Per ogni x H vale la seguente relazione di Parseval:

}x}2 

|x x, x y|2 ,

(4.41)

dove la somma, come nel caso precedente, risulta estesa al pi` u ad una innit` a numerabile di termini non nulli. 5. Per ogni x, y H vale la seguente relazione di completezza (con le medesime convenzioni sulla somma):

x x, x y x x, y y  x x, y y .

(4.42)

Marc-Antoine Parseval des Ch enes (Rosi` eres-aux-Salines, Francia, 27 aprile 1755 Parigi, 16 agosto 1836) ` e stato un matematico francese, famoso per il teorema noto come Teorema di Parseval, che anticipa alcune propriet` a delle trasformate di Fourier.

284

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

Dim. 4.12 Poniamo, per semplicare le notazioni: M

 pLptxuqq . Mu ,

(1) (2). Se il sistema ortonormale ` e completo non possiamo aggiungere ad esso alcun vettore ortogonale e quindi, decomponendo lo spazio di Hilbert: HM

il complemento ortogonale M u deve essere nullo (in caso contrario potremmo allargare il sistema ortonormale), e M  H. (2) (1). Poich` e M  H, se il sistema non fosse completo (cio` e massimale) potremmo trovare un nuovo vettore ortonormale agli altri, cio` e un vettore non nullo ortogonale a M , ma ci` o contraddice lipotesi. (2) (3). La somma x x , x y x converge alla proiezione ortogonale di x su M , e, essendo M  H, tale proiezione coincide con x stesso. (3) (4). Risulta ovvia per la continuit` a del prodotto scalare:

}x}2  x x, x y  Nlim V
(4)

N j 1

x x , x yx x, x y 
j j

|x x, x y|2 .

(2). Decomponiamo un vettore x secondo M e il suo complemento ortogonale: x  xM xu , xM M, xu M u , x x , x y x , xM 

allora, per il teorema di Pitagora:

}x}2  }xM }2 }xu}2 

|x x, x y|2 }xu}2  }x}2 }xu}2 ,

da cui }xu }2  0, e, per larbitrariet` a di x, M u  t0u. (3) (5). Se: x x x , x y x , y  x x , y y x ,


allora, per la continuit` a del prodotto scalare:

x x, y y  Nlim V
(5)

N j 1

x x, x y x x , y y .
j j

(3). Basta considerare il caso x  y.

4.3 Sistemi ortonormali.

285

Osservazione. Notiamo che nella denizione di base hilbertiana non viene pi` u richiesto che un vettore sia espresso come combinazione lineare nita degli elementi di base. Ci` o costituisce una generalizzazione del concetto di base reso possibile dal fatto che uno spazio di Hilbert risulta topologico, e abbiamo garantito la convergenza della serie che rappresenta lo sviluppo. Osservazione. In uno spazio di Hilbert H, possiamo vericare che un sottospazio D ` e denso in H osservando se il suo complemento ortogonale ` e nullo: D

 H

Du

 t0u .

Ci potremmo porre ora il problema dellesistenza di basi hilbertiane. Essendo queste denite come sistemi ortonormali massimali, possiamo ripetere lo stesso tipo di ragionamento (molto astratto e non costruttivo), basato sul lemma di Zorn, che ha condotto allesistenza di una base per un qualsiasi spazio vettoriale, ottenendo quindi come risposta che ogni spazio di Hilbert ammette una base ortonormale. Notiamo inoltre che se lo spazio di Hilbert ha dimensioni nite, una base ortonormale risulta anche una base ordinaria. Nel caso di spazi vettoriali a dimensioni nite avevamo anche limportante risultato che due basi diverse hanno la stessa cardinalit` a. Questo risultato lo si pu` o estendere anche alle basi hilbertiane di uno spazio di Hilbert, anche a dimensione innita. Il confronto ` e eettuato stabilendo una corrispondenza biunivoca (iniettiva e suriettiva) tra le due basi. La costruzione di tale corrispondenza, che pu` o risultare alquanto laboriosa con basi non numerabili, permette di aermare quando due basi hanno la stessa cardinalit` a. In molte situazioni si ha a disposizione un insieme numerabile di vettori, cio` e una successione di vettori, che generano un sottospazio di uno spazio di Hilbert, e pu` o sorgere la necessit` a di costruire un sistema ortonormale che generi il medesimo sottospazio, ottenendo una base ortonormale del sottospazio. Esiste a tale scopo un procedimento standard, detto metodo di Gram-Schmidt. Teo. 4.13 Sia data una successione di vettori txj uV j 1 (quindi un insieme numerabile) in uno spazio di Hilbert H. Allora esiste un sistema ortonormale numerabile tyk uV k 1 , tale che: 1. Ogni vettore xn ` e combinazione lineare dei vettori y1 , y2 , . . . , yn , con n  1, 2, . . . 2. Il sottospazio generato dai vettori xj , coincide col sottospazio generato dai vettori yk : Lptxj uq  Lptyk uq . (4.43) Dim. 4.13 Eliminiamo dapprima dalla successione x1 , . . . , xn , . . . i vettori che dipendono linearmente dai precedenti, per cui resteranno dei vettori (una sottosuccessione della successione originale) xn1 , . . . , xnk , . . . (nk k ) linearmente indipendenti tra loro.

286

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

Consideriamo ora la seguente costruzione: u1 u2 . . . uk . . . Sostanzialmente, scelto un primo vettore xn1 , questo viene normalizzato fornendo direttamente y1 , e i due vettori sono proporzionali tra loro. Successivamente, a ogni vettore xnk viene sottratta la sua proiezione ortogonale nel sottospazio generato dai precedenti vettori y1 , . . . , yk1 , e il vettore residuo uk risulta ortogonale a tale sottospazio e individua la direzione yk . Risulta allora evidente che i vettori y1 , y2 , . . . sono ortogonali tra loro ed essendo normalizzati formano un sistema ortonormale. Inoltre, le relazioni precedenti possono essere invertite:

 xn

y1
2

1  }u , u} 1 2  }u , u} 2

 xn x y1, xn y y1 ,
2

y2

 xn
k

k 1 j 1

x yj , xn y yj ,
k

yk

k .  }u u } k

xnk

 }uk } yk

k 1 j 1

x yj , xn y yj 
k

k j 1

x yj , x n y yj ,
k

a della prima e il vettore xnk risulta combinazione lineare di y1 , y2 , . . . , yk , da cui la validit` aermazione (ricordiamo che nk k ). Lindipendenza lineare dei vettori xnk ci garantisce che i vettori residui uk sono non nulli (e quindi normalizzabili) altrimenti xnk risulterebbe combinazione lineare dei precedenti vettori y1 , . . . , yk1 , cio` e xn1 , . . . , xnk1 . Inoltre il sottospazio generato da xn1 , . . . , xnk coincide col sottospazio generato da y1 , . . . , yk , per ogni k , per cui: Lptxn uq  Lptxnk uq  Lptyj uq .


Osservazione. La selezione dei vettori xn1 , xn2 , . . . linearmente indipendenti tra loro pu` o essere operata in corso dopera. Seguendo lordine originario, un vettore xn risulta dipendente dai precedenti quando il corrispondente vettore residuo un si annulla. In questo caso xn pu` o essere scartato dalla successione e si prosegue col procedimento.

4.3 Sistemi ortonormali.

287

Ricordando la denizione di spazio separabile, abbiamo una immediata conseguenza del procedimento di ortonormalizzazione di Gram6 -Schmidt7 . Teo. 4.14 Sia H uno spazio di Hilbert. Allora H ` e separabile se e solo se H ha una base ortonormale numerabile. Dim. 4.14 Supponiamo che H ammetta una base hilbertiana numerabile e1 , . . . , en , . . ., e consideriamo il sottoinsieme formato dalle combinazioni lineari nite a coecienti razionali (intendendo, nel caso di numeri complessi, che sia la parte reale che la parte immaginaria sono razionali). Le combinazioni lineari nite formano ovviamente un insieme denso nello spazio di Hilbert, ed ognuna di esse pu` o essere approssimata con una corrispondente combinazione lineare a coecienti razionali. Otteniamo quindi un sottoinsieme numerabile e denso in H. Viceversa, supponiamo che H sia separabile, per cui esiste un suo sottoinsieme denso e numerabile tx1 , x2 , . . . , u. Con i vettori xj , possiamo costruire un sistema ortonormale tyk u che genera il medesimo sottospazio generato dai vettori xj : Lptxj uq  Lptyk uq . Daltra parte: H  txj u

pLptxj uqq  pLptyk uqq

per cui i vettori yk formano un sistema ortonormale completo.


Jrgen Pedersen Gram (Nustrup, 27 Giugno 1850 Copenhagen, 29 Aprile 1916) ` e stato un attuario e matematico danese. Tra i suoi articoli importanti si trovano Sugli sviluppi in serie determinati col metodo dei minimi quadrati e Ricerca del numero di primi minori di un dato numero. Il processo che porta il suo nome, il metodo di Gram-Schmidt, fu pubblicato per la prima volta nellarticolo precedente, nel 1883. La sua carriera di matematico rappresent` o sempre un equilibrio tra la matematica pura e applicazioni molto pratiche. Il suo lavoro sulla probabilit` a e lanalisi numerica lo condussero in maniera naturale a studiare problemi astratti nella teoria dei numeri. Erhard Schmidt (Dorpat, oggi Tartu, Estonia, 13 Gennaio, 1876 6 Dicembre, 1959) ` e stato un matematico tedesco. Il suo consigliere fu David Hilbert e gli fu assegnato il dottorato dallUniversit` a Georg-August di G ottingen nel 1905. Insieme a Hilbert ` e ritenuto uno dei fondatori della moderna analisi funzionale astratta.
7 6

288

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

La condizione di separabilit` a, molto utile in pratica, era allinizio inclusa nella denizione stessa di spazio di Hilbert, ma con lo sviluppo della teoria ci si rese conto che molti risultati non dipendevano da tale condizione e la richiesta venne eliminata dalle assunzioni di base. In sica, e in particolare in meccanica quantistica, si utilizza pesantemente tale condizione, per cui viene richiesta (molte volte solo sottointesa) e si assume che lo spazio degli stati sici quantistici costituisca uno spazio di Hilbert separabile.

4.3.2

Serie di Fourier.

Dato un sistema ortonormale tx u in uno spazio di Hilbert H ed un vettore x H, i numeri x x , x y sono detti coecienti di Fourier8 del vettore x. La terminologia deriva dalla cosidetta serie di Fourier o serie trigonometrica:

V
n

V

cn e i n x ,

r, s ,

(4.44)

mediante cui si ` e soliti esprimere una funzione periodica di periodo 2 . Vogliamo ora discutere alcune propriet` a della serie trigonometrica (4.44), con particolare riguardo al suo comportamento come elemento dello spazio di Hilbert L2 p s , rq. Osservazione. La scelta dellintervallo s , r non ` e restrittiva in quanto mediante una trasformazione lineare qualsiasi intervallo s a, b r pu` o essere mappato nellintervallo s , r e viceversa. La scelta fatta rende solo pi` u semplici le notazioni in quanto ` e lintervallo naturale di denizione delle funzioni trigonometriche. Notiamo subito che le funzioni: n pxq 

c1

ei nx ,

n Z,

(4.45)

Jean Baptiste Joseph Fourier (Auxerre, 21 marzo 1768 Parigi, 16 maggio 1830) ` e stato un matematico e sico francese. Partecip` o alla Rivoluzione francese, rischiando di essere ghigliottinato durante il Terrore, salvato dalla caduta di Robespierre. Succedette a Laplace nel ruolo di professore alla Ecole Polytechnique nel 1797. Tra i suoi maggiori contributi gurano la teorizzazione della serie di Fourier e la conseguente trasformata di Fourier in matematica, e la formulazione dellequazione generale della conduzione termica, denominata legge di Fourier, in termodinamica. Il cratere Fourier sulla Luna ` e intitolato a lui.

4.3 Sistemi ortonormali.

289

formano un sistema ortonormale in L2 p s , r q. Infatti, abbiamo esplicitamente:

x n, m y 

9
9 9 7

6 1 9 9 dx 9 8 2

1 i pmnq x e dx 2

 1,  0,

mn m$n

 i pmnq x $x 1 e x 2i pm nq

Sia ora f

L2p s , rq, allora possiamo considerare i coecienti di Fourier: x n , f y 


c1 ei nx f pxq dx , 2

Questo integrale, tuttavia, ha senso anche quando f L1 p s , rq. Notiamo in eetti che, essendo lintervallo s , r limitato, anche la funzione costante 1 ` e in L2 p s , rq, per cui f  1 f appartiene a L1 p s , rq e:

c }f }1  }1 f }1 }1}2 }f }2  2 }f }2 , per cui L2 p s , rq L1 p s , rq. Se f L1 p s , rq deniamo il coeciente di Fourier di f di ordine n:


rn f

p q

1 i nx e f pxq dx , 2

(4.46)

ed associamo a f la serie di Fourier:

V
n

Osservazione. Ci possiamo porre il problema della convergenza di tale serie. Se f L2 p s , rq lortonormalit` a delle funzioni (4.45) ci garantisce che la serie ` e sicuramente convergente in L2 p s , rq e in maniera indipendente dallordine dei termini, e si pone la questione se tale serie converga eettivamente alla funzione f che denisce i suoi coecienti. In generale, se f non appartiene necessariamente a L2 p s, rq, si pone invece anche la questione di come intendere la convergenza, ad esempio possiamo richiedere la convergenza della successione: n

V

rpnq ei nx . f

(4.47)

pSn f qpxq  pq

n V

rpk qei kx , f

(4.48)

oppure separatamente delle due serie:

V
k 0

r k ei kx , f

k 0

rpk qei kx . f

290

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

Ci sono inoltre diverse possibilit` a di convergenza: puntualmente (anche solo quasi dappertutto), uniformemente, secondo la norma in L1 , secondo la norma in L2 , ed altre ancora. Aronteremo di seguito solo alcuni aspetti di questi problemi senza avere la pretesa di essere esaurienti. Se f

L1p s , rq, consideriamo la primitiva F pxq denita da:


F pxq 
x

f ptq dt ,

x r , s .

Chiaramente F risulta una funzione continua ed il suo annullarsi identicamente nellintervallo r, s comporta lannullarsi quasi ovunque della funzione f : F pxq  0

d x r , s r , s:
y
x

f pxq  0 q.d.

Infatti abbiamo che, per ogni x, y

f ptq dt  F py q F pxq ,

per cui se F

 0 identicamente, allora si annulla:

f ptq dt

su ogni sottoinsieme (misurabile) B di r , s ed ` e noto dalla teoria dellintegrazione che questo implica lannullarsi quasi ovunque dellintegrando f . La primitiva F pxq, essendo continua e limitata risulta anche sommabile nellintervallo r , s, per cui possiamo calcolare i suoi coecienti di Fourier e legarli (quando possibile) a quelli di f . Sia n $ 0, abbiamo:
r n F

p q  

x 1 i nx 1 e F pxq dx  dx dt ei nx f ptq 2 2

1 dt 2 1 2 i n

1 dx ei nx f ptq 

dt f ptq

i i n e ei nt n 

ei nt f ptq dt p1qn1

f ptq dt

 i1n

rpnq p1qn1 f rp0q . f

4.3 Sistemi ortonormali.

291

dove abbiamo usato il teorema di Fubini per poter scambiare lordine di integrazione. Per rp0q, non abbiamo un legame altrettanto diretto: quanto riguarda il coeciente F
rp0q  F
x 1 1 F pxq dx  dx dt f ptq 2 2

dt

1 1 dx f ptq  dtf ptq p tq 2 2

 p q
r0 f

1 t f ptq dt . 2

Il vantaggio della funzione primitiva F ` e costituito dalla sua continuit` a. Operando con funzioni continue otteniamo con relativa facilit` a alcuni semplici risultati. Lem. 4.15 Sia f : r , s rpnq $ 0. n Z tale che f

C una funzione continua.

Allora se f p0q

$ 0 esiste

Dim. 4.15 Supponiamo di aver dimostrato il risultato quando f ` e a valori reali. Poich` e sia la parte reale che la parte immaginaria di f sono funzioni continue a valori reali, almeno una delle due ` e non nulla nellorigine, ed esiste n tale che il corrispondente coeciente ` e non nullo. Si vede facilmente che: 1 r rpnq f pnq f p e f qpnq  2 1 r r p m f qpnq  2 i f pnq f pnq e di conseguenza (il determinante della suddetta trasformazione lineare 2 2 ` e non nullo) rpnq e f rpnq deve essere non nullo. almeno un coeciente tra f Vediamo ora la validit` a del risultato nel caso di una funzione f a valori reali. Possiamo supporre c  f p0q 0 (in caso contrario consideriamo f ). Essendo f continua esiste un intervallo r , s dove f pxq c{2, e 0 . Poniamo: hpxq ` e una funzione pari e strettamente decrescente nellintervallo r0, s. In particolare, se x : hpxq  hp|x|q hp q  cosp q 1 , al di fuori dellintervallo hpxq  1 cospxq cosp q .

s , r:

mentre allinterno dellintervallo

s , r: hpxq hp q  1 .

hpxq hp q  1 ,

292

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

T
.................... ....... q ........... ..... ..... . . . . .... h .... .... 1 . . . . ... ... ... c . . . . . . . . . . . . . . . . . ............ . . . . . ... . . . . . . . . ........f . ........ ... . . . . . ... . . . . . c .... . ... . . ... ... . 2 . . ... . . . ... . . . ... . . ... . . . .. . E . . . ...... . . . . . . . . . ..... 2 2 2 2 ... ..... ..... ...... ..... . . ............. . . . . . . . . . ...

Figura 4.3: La funzione hpxq. Poniamo: q e sia m N tale che Allora: qm


f x dx

 hp 2 q 1.

4 c

r,s

sup |f pxq| .

|x|

phpxqq p q
m

|x|

|hpxq|m |f pxq| dx

phpxqq f pxq dx 
m

r,s

sup |f pxq|
m

|x|

dx 2 sup |f pxq| ,

r,s

phpxqq f pxq dx phpxqq f pxq dx


m

|x|

phpxqqm f pxq dx phpxqq p q


m

|x| r,s

f x dx

phpxqqm f pxq dx 2

sup |f pxq| .

Sullintervallo r, s abbiamo phpxqqm f pxq 0, per cui possiamo continuare la catena di disuguaglianze e:

phpxqq f pxq dx
m

phpxqqm f pxq dx 2
r,s

r,s

sup |f pxq|

2c qm 2

sup |f pxq| 0 .

4.3 Sistemi ortonormali.

293

ei x ei x 2 , 2 ` e combinazione lineare nita delle funzioni n pxq, e lo stesso vale per phpxqqm : hpxq  1 cos

Osserviamo ora che:

phpxqq 
m

p j 0

cj ei nj x ,

cj

$ 0.

Pertanto:

0$

1 rpnj q , p hpxqqm f pxq dx  cj f 2 j

Notiamo ora che se una funzione f appartiene a L1 p s , rq la possiamo pensare come la restrizione di una funzione (che indicheremo ancora con f ) denita su tutto R e periodica di periodo 2 . In questo modo possiamo traslare la funzione (spostando quindi lorigine in un qualsiasi punto) di una quantit` a a:

rpnq deve essere non nullo. e qualche coeciente f

pTa f qpxq  f px aq  fapxq e considerandone la restrizione allintervallo s , r, possiamo calcolare i suoi coecienti
di Fourier:

Ta f n

qp q  

1 i nx e f px aq dx 2 ei n a i nx rpnq . e f pxq dx  ei n a f 2

Con il trucco della traslazione possiamo generalizzare il risultato precedente a qualsiasi punto (la continuit` a impone per` o anche condizioni periodiche). Cor. 4.16 Sia f : r , s C una funzione continua che soddisfa la condizione rpnq  0 per ogni n Z si ha che f pxq  0 per ogni ai bordi f p q  f p q. Allora se f x r , s. Dim. 4.16 Possiamo prolungare f ad una funzione continua e periodica (di periodo 2 ) a tutto lasse reale, che indicheremo ancora con f . Sia a appartenente allintervallo r , s e sia Ta f la funzione traslata (ancora continua e periodica di periodo 2 ). Essa ha tutti i coecienti di Fourier nulli, per cui, in base al lemma precedente, deve necessariamente essere nulla nellorigine: 0  pTa f qp0q  f paq .

294

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

Per larbitrariet` a di a, otteniamo lannullarsi della funzione originaria f in tutto lintervallo r , s.

Siamo ora in grado di stabilire un importante risultato in tutto lo spazio L1 p s , rq.

Teo. 4.17 Sia f q. d.

L1p s , rq. Allora, se frpnq  0 per ogni n Z, si ha che f pxq  0

Dim. 4.17 Lavoriamo con le primitive della funzione f . F pxq 


x

f ptq dt ,

rp0q , Gpxq  F pxq F

Allora Gpxq risulta una funzione continua e:


rp0q  Gp q  F p q F

rp0q  F rp0q  2frp0q F  Gpq , r 0 G

rp0q f ptq dt F

p q

rp0q F rp0q  0 , F rpnq  F rpnq  0 , G n $ 0.

1 1 r rp0q pF pxq F p0qq dx  2 F pxq dx F 2

Per il corollario precedente, si deve avere: Gpxq  0 , e, in particolare, per x  :


rp0q . 0  Gp q  F

d x r , s ,

Allora:

da cui, per quanto detto in precedenza, f pxq  0 quasi ovunque. I risultati ottenuti non dicono nulla in generale sulla convergenza della serie di Fourier, ma sono basati sulle propriet` a dei singoli coecienti di Fourier. Se ci poniamo in L2 p s , rq, sappiamo per` o che la serie di Fourier risulta convergente e lultimo teorema ci

F pxq  Gpxq  0 ,

d x r , s ,

4.3 Sistemi ortonormali.

295

fornisce informazioni anche sul limite. In eetti, essendo L2 p s , rq L1 p s , rq, se f L2 p s , rq ha tutti i coecienti di Fourier nulli, come vettore risulta f  0, cio` e esso risulta nullo. se f ` e ortogonale a tutte le funzioni del sistema ortonormale tn uV nV Ma allora il complemento ortogonale di tale sistema ` e nullo e il sistema ` e completo. Teo. 4.18 Il sistema ortonormale in L2 p s , rq: n pxq 

c1

ei nx ,

n Z,

(4.49)

forma un sistema ortonormale completo. Osservazione. Se invece dello spazio di Hilbert L2 p s , rq abbiamo lo spazio di Hilbert L2 p sa, b rq relativo ad un intervallo limitato s a, b r della retta reale, il sistema ortonormale completo risulta: 2 1 ei ba n x . (4.50) n pxq  c ba e i coeciendi di Fourier di una funzione f L1 p sa, b rq sono espressi da:
rn f

p q ba
1

b
a

ei ba n x f pxq dx .
2

(4.51)

Come abbiamo detto, nulla garantisce la convergenza della serie di Fourier quando, in generale, f L1 p s , rq, e spesso si studia la convergenza della successione (4.48) rpnq e f rpnq, ottenendo la Sn f , in cui si considerano assieme i coecienti di Fourier f cosidetta serie trigonometrica. Quando tale successione converge in L1 si pu` o mostrare che converge proprio a f . Teo. 4.19 Siano f, g

L1p, q. Se }Sn f g}1 0, nV

allora f pxq  g pxq quasi dappertutto Osservazione. Questo risultato ci dice sostanzialmente che, se Sn f converge (nella topologia di L1 ), il limite ` e proprio f , ma non ci garantisce nulla sulla convergenza. Dim. 4.19 Considerando i coecienti di Fourier del limite g e del termine generico della successione Sp f , entrambi appartenenti a L1 p s , rq, possiamo dire che:
rn g

p qp

Sp f n

qp q 

1 ei n x pg pxq pSp f qpxqq dx 2 1 }g Sp f }1 0, pV 2

296

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

cio` e si ha una convergenza puntuale dei corrispondenti coecienti di Fourier:


rpnq  lim p g Sp f qpnq .
p

Daltra parte, appena p |n|, si ha:

Sp f n

qp q   

1 i nx e pSp f qpxq dx 2

p 1 r f pk q ei pknq x dx 2 kp
p k

p

rpk q k,n f

 frpnq ,

pertanto per ogni n si ha:

La dierenza f g L1 p s , rq ha quindi tutti i coecienti di Fourier nulli e, per il teorema 4.17 possiamo dire che f pxq  g pxq q.d.

rpnq . rpnq  f g

4.3.3

Polinomi ortogonali.

Una volta costruito un sistema ortonormale completo risulta facile costruirne altri, e di particolare importanza risultano i sistemi ortonormali costruiti mediante polinomi. Nelle applicazioni pratiche si usa spesso sviluppare una funzione in serie di potenze di un qualche parametro, sperando che la serie risulti convergente in qualche senso. Le approssimazioni ottenute troncando la serie sono delle espressioni polinomiali in tale parametro. Lavorando con funzioni appartenenti ad uno spazio di Hilbert risulta allora naturale chiedersi se ` e possibile costruire una base ortonormale formata da polinomi. Ogni polinomio ` e combinazione lineare nita di monomi, per cui la tecnica usualmente adottata ` e quella di considerare i monomi e da questi mediante una procedura di ortonormalizzazione di Gram-Schmidt, ottenere delle funzioni polinomiali con buone propriet` a ai ni dellintegrazione. Poniamoci nello spazio di Hilbert L2 p sa, b rq con s a, b r intervallo limitato della retta reale. Abbiamo il seguente risultato. Teo. 4.20 Il sistema ortonormale costruito, mediante il processo di ortonormalizzazione di Gram-Schmidt, dai monomi t1, x, x2 , . . . , xn , . . .u costituisce un sistema ortonormale completo in L2 p sa, b rq, con a e b niti, V a b V.

4.3 Sistemi ortonormali.

297

Dim. 4.20 Notiamo innanzitutto che i monomi, intesi come elementi di L2 p sa, b rq, costituiscono un sistema di vettori linearmente indipendenti. Infatti lannullarsi di una loro combinazione lineare nita equivale ad aermare che un polinomio risulta identicamente nullo: a0 a1 x aN xN  0 d x s a, b r , e per il principio di identit` a dei polinomi, tutti i coecienti devono essere nulli: a0

 a1   aN  0 .

I sottospazi generati dai monomi (linsieme formato dai polinomi) e dal sistema di polinomi ortonormali generati col procedimento di Gram-Schmidt coincidono per cui ` e suciente mostrare che il loro complemento ortogonale ` e nullo. Cio` e` e suciente vericare che; uL
2

p sa, b rq ,

b
a

xn upxq dx  0 d n

upxq  0 q.d.

Assumiamo quindi lortogonalit` a di u L2 p sa, b rq a qualsiasi monomio e consideriamo le onde piane j pxq (4.50) viste in precedenza, che costituiscono un sistema ortonormale completo. Abbiamo:
b
a

j pxq upxq dx 

b
a

b
a n

lim

2 dx ei ba jx upxq c ba

V k0

i b a j
2

k

dx xk upxq c . k! ba

Vediamo ora che possiamo portare il limite fuori dallintegrale determinando una maggiorazione per lintegrando uniforme in n e sommabile:
k k n 2 x i j u x b a k ! k 0

pq

n k 0

V 2 k x k b a j k! u x k0

ba
2 b a

k

|x|k |upxq|
k!

| | | p q|  e
2

|j x| |upxq| .

La sommabilit` a` e garantita dal fatto che sia e ba |j x| che |upxq| appartengono a L2 p sa, b rq, per cui, per H older, il loro prodotto appartiene a L1 p sa, b rq. La maggiorazione risulta abbastanza brutale, ma permette lapplicabilit` a del teorema di Lebesgue (scambio del limite con lintegrale), ottenendo:
b
a

j pxq upxq dx  lim


n

V k0

i b a j
2

k b
a

xk dx upxq c k! ba

 0.

u risulta quindi ortogonale al sistema di onde piane, completo, per cui, per quanto visto nel paragrafo precedente, upxq  0 quasi ovunque. Il sottospazio generato dai monomi, e dai

298

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

polinomi ortogonali, risulta quindi denso in L2 p sa, b rq e il sistema di polinomi ortogonali risulta completo. Vediamo ora che, assegnato lo spazio funzionale di Hilbert, il sistema di polinomi ortonormali ` e sostanzialmente unico. Consideriamo ad esempio lo spazio L2 pa, bq e supponiamo di aver determinato in qualche modo due sistemi ortonormali di polinomi tpn u e tqnu, con la propriet` a che sia pn che qn hanno grado n, allora pn e qn coincidono a meno di una costante di proporzionalit` a di modulo unitario: pn pxq  n qn pxq , Tale relazione pu` o essere vista per induzione. relazione risulta ovvia:

|n|  1 . (4.52) Per n  0 i polinomi sono costanti e la


q0 pxq  c2 ,

c }q0}  |c2| b a  1 , p0 pxq c1 q pxq  c  1 0 2 Supponiamo quindi la relazione (4.52) valida per k  0, 1, . . . , n 1 e mostriamo che vale per k  n. I polinomi tp0 , p1 , . . . , pn u (linearmente indipendenti) generano lo stesso sottospazio generato dai monomi t1, x, . . . , xn u, per cui possiamo dire che: c }p0}  |c1| b a  1 , c1 p0 pxq  , q0 pxq c2
p n p x q  an x n
n 1 k 0

p 0 p x q  c1 ,

k pk pxq ,

con an non nullo, essendo il grado esattamente n. Lortonormalit` a permette di deteminare i coecienti k : 0  x p j , p n y  an x p j , x n y
n 1 k 0

 an x pj , x y j , j  an x pj , xn y ,
n

pn pxq  an xn

 0, 1, . . . , n 1 , j  0, 1, . . . , n 1 ,
j

k x pj , pk y

n 1 k 0

x pk , xn y pk pxq

Analogamente il medesimo ragionamento porta a: q n p x q  bn

xn

n 1 k 0

x qk , xn y qk pxq

4.3 Sistemi ortonormali.

299

con bn $ 0 coeciente in qn del monomio di grado pi` u elevato xn . Per ipotesi i polinomi pk e qk (k  0, 1, . . . , n 1) sono proporzionali tra loro mediante delle costanti k a modulo unitario, per cui: pn pxq  an xn

n 1

 an

xn

 n 1
k 0 k 0

k x qk , xn y k qk pxq


n q n p xq . x qk , xn y qk pxq  a b n

I polinomi pn e qn sono quindi proporzionali tra loro e la normalizzazione dei polinomi impone che la costante di proporzionalit` a sia a modulo unitario:
an b
n

pn } } }q }  1 .
n

Polinomi di Legendre Quanto sopra mostra sostanzialmente che non ha importanza il modo in cui si costruiscono i polinomi e questi sono distinti tra loro dal grado. Se consideriamo lo spazio L2 p s 1, 1 rq i corrispondenti polinomi ortogonali sono detti polinomi di Legendre9 , e, a meno di un fattore di normalizzazione, sono di solito espressi dalla relazione: 1 dn rpx2 1qn s . 2n n! dxn I primi polinomi di Legendre sono dati da: Pn p x q  P1 pxq  x , 3 P2 pxq  x2 2 5 P3 pxq  x3 2
9

(4.53)

P0 pxq  1 ,

1 , 2 3 x, 2

Adrien-Marie Legendre (Parigi, 18 settembre 1752 Parigi, 10 gennaio 1833) ` e stato un matematico francese. Discepolo di Eulero e Lagrange, ha ` pubblicato un lavoro ormai classico sulla geometria, Elements de g` eom` etrie. Ha anche dato signicativi contributi nelle equazioni dierenziali, nel calcolo, nella teoria funzionale e in teoria dei numeri. Ha poi ridotto gli integrali ellittici in tre forme standard, ma la loro inversione diretta, dovuta ad Abel e a Jacobi ha reso inutile il suo lavoro. Ha anche inventato i polinomi di Legendre nel 1784 mentre studiava lattrazione degli sferoidi. Nella teoria dei numeri, ha dimostrato linsolubilit` a dellultimo teorema di Fermat nel caso n  5 e dimostrato lirrazionalit` a di 2 .

300 P4 pxq  35 4 15 2 3 x x . 8 4 8


Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

Con un p` o di algebra si pu` o vedere che:

` e data da (sempre a meno di un fattore di normalizzazione): Qn pxq 

p2 j q! x2jn , (4.54) p2 j nq! dove le potenze negative sono eliminate ponendo, per convenzione, pk q!  V. Nel caso di un intervallo nito r a, b s, una possibile espressione per i polinomi ortogonali
Pn p x q  1 nj n p 1 q 2n n! j 0 j
n

d dx

n

rpx aqpx bqsn

(4.55)

che, a parte una costante moltiplicativa, concidono con i polinomi di Legendre quando r a, b s coincide con r 1, 1 s. Lasciamo al lettore la verica (basata sullintegrazione per parti) della ortogonalit` a dei polinomi:
b
a

Qn pxq Qm pxq dx  0 ,

n $ m.

Eseguendo il calcolo diretto dellintegrale precedente nel caso n  m, si pu` o calcolare una costante di normalizzazione per i polinomi. A meno di un fattore di fase, i polinomi ortonormalizzati risultano: n pxq 

2n 1 1 dn , 2 2n n!

rpx2 1qns ,
dxn

nel caso dellintervallo r 1, 1 s, mentre, per un intervallo generico r a, b s la normalizzazione comporta: n 2n 1 1 d n pxq  rp x aqpx bqsn . n b a pb aq n! dx Polinomi di Chebyshev Il concetto di polinomio ortogonale dipende direttamente dalla denizione di prodotto scalare. Ad esempio, possiamo modicare la misura dellintegrazione considerando lo spazio di Hilbert L2 p s 1, 1 r, dq, con la misura denita da:
1

f pxq dpxq 
1

dx . f pxq c 1 x2 1

In tale spazio il prodotto scalare risulta denito da:

x f, g y 

dx f pxq g pxq c , 1 x2 1

4.3 Sistemi ortonormali.

301

e i polinomi ortogonali secondo tale prodotto scalare sono detti polinomi di Chebyshev10 . A meno di una costante di normalizzazione questi possono essere espressi dalla relazione: Tn pxq  cos n cos1 pxq ,

n  0, 1, 2, . . .

(4.56)

Utilizzando la trigonometria ` e facile convincersi che tale espressione denisce un polinomio. I primi polinomi di Chebyshev risultano: T0 pxq  1 , T1 pxq  x ,

T2 pxq  2 x2 1 ,

T3 pxq  4 x3 3 x ,
6 8

e si pu` o vericare che soddisfano la condizione di ortogonalit` a:


1

Tm pxq Tn pxq c

dx 1 x2

m, n  2  7 2

m  n,

0 m $ n.

(4.57)

I polinomi di Chebyshev sono usati ad esempio nella ricerca di buone interpolazioni polinomiali per una funzione. Nella approssimazione polinomiale di una funzione denita nellintervallo r 1, 1 s: f p xq 
n m 0

am Tm pxq ,

i coecienti am possono essere espressi dalla relazione: am

2 1 dx Tm pxq f pxq c 1 1 x2

f pcos q cospm q d .

Lapprossimazione risulta generalmente buona nel senso che risulta molto piccola la differenza massima (in valore assoluto) tra f pxq e lo sviluppo in polinomi di Chebyshev, troncato ad un certo ordine pressato.
Pafnutij Lvovi c Ceby s ev (Borovsk, 16 maggio 1821 San Pietroburgo, 8 dicembre 1894) ` e stato un matematico e statistico russo. Egli ` e considerato uno dei padri fondatori della grande scuola matematica russa. Tra i suoi allievi presso lUniversit` a di San Pietroburgo vanno menzionati Dmitrij Grave, Aleksandr Korkin, Aleksandr Ljapunov, Egor Zolotar ev, Andrej Markov padre e Konstantin Posse. I polinomi di Chebyshev gli devono il nome, cos` come ` esiste una famiglia di ltri elettronici analogici chiamati ltri di Chebyshev. E altres` noto per i propri lavori nellambito della probabilit` a e della statistica, dove tra laltro riscopr` , indipendentemente da Bienaym e (di cui per` o divenne amico), la disuguaglianza di Chebyshev.
10

302

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

Polinomi di Hermite Possiamo ora chiederci cosa succede se al posto di un intervallo nito r a, b s avessimo avuto tutto lasse reale. In L2 pRq i polinomi non sono sommabili (e neppure quadratosommabili), ma possono contribuire alla costruzione di un sistema ortonormale completo. Consideriamo le funzioni: n pxq  xn e 2 ,
x2

n  0, 1, 2 . . .

che, grazie al fattore esponenziale, deniscono degli elementi di L2 pRq. Queste funzioni, una volta ortonormalizzate, vengono a denire un sistema ortonormale completo in L2 pRq. Il procedimento di ortonormalizzazione di Gram-Schmidt coinvolge combinazioni lineari di n e poich` e il fattore gaussiano compare in tutti i termini, ` e possibile fattorizzarlo ottenedo dei polinomi, detti polinomi di Hermite11 , moltiplicati per il fattore gaussiano. In meccanica quantistica si ritrovano tali funzioni nella discussione delloscillatore armonico quantistico. Teo. 4.21 Il sistema ortonormale costruito ortonormalizzando le funzioni (linearmente indipendenti): forma un sistema ortonormale completo in L2 pRq. n pxq  xn e 2 ,
x2

n  0, 1, 2 . . .

La dimostrazione di tale teorema (che omettiamo) ` e completamente analoga al caso 2 di L p sa, b rq visto in precedenza. Lunica dierenza consiste nel fatto che al posto delle onde piane discrete: 2 e i b a n x , n Z, denite nellintervallo s a, b r, occorre considerare la versione continua: ei k x , k

R,

denite in tutto lasse reale (non sono per` o funzioni sommabili o quadrato-sommabili su tutto R). Tutto ` e basato su un risultato delle trasformate di Fourier che vedremo pi` u
Charles Hermite (Dieuze, 24 dicembre 1822 Parigi, 14 gennaio 1901) ` e stato un matematico francese che diede rilevanti contributi a campi quali teoria dei numeri, forme quadratiche, teoria degli invarianti, polinomi ortogonali, funzioni ellittiche e algebra. Egli fu il primo a dimostrare che la costante e, base dei logaritmi naturali, ` e un numero trascendente. I suoi metodi furono usati successivamente da Ferdinand von Lindemann per dimostrare il suo celebre teorema secondo il quale ` e trascendente.
11

4.3 Sistemi ortonormali.

303

avanti: f

L pRq ,
1

ei k x f pxqdx  0

dkR

f pxq  0 q.d.

e che costituisce lanalogo del teorema 4.17 visto in precedenza. Notiamo che, se u 2 L2 pRq, allora, essendo expp x q L2pRq, il prodotto upxq expp x22 q appartiene a L1pRq. 2 Il sistema di funzioni ortogonali in L2 pRq viene indicato con: Hn pxq e 2 ,
x2

dove Hn pxq ` e il polinomio di Hermite: Hn pxq  p1qn ex


2

d n x2 e , dxn

(4.58)

(si vede facilmente che tale espressione d` a luogo ad un polinomio). I polinomi di grado inferiore risultano: H0 pxq  1 ,

H1 pxq  2 x ,

H2 pxq  4 x2 2 ,

H3 pxq  8 x3 12 x ,

H4 pxq  16 x4 48 x2 12 , Lortogonalit` a dei polinomi di Hermite ` e espressa dallequazione:


V

ex Hn pxq Hm pxq dx  2n n! n, m .
2

(4.59)

da cui ` e possibile dedurre il fattore di normalizzazione per rendere il sistema ortonormale.

Polinomi di Laguerre Se invece di considerare tutto lasse reale, consideriamo una semiretta reale, L2 ps 0, V rq, si considera generalmente il sistema ortonormale ottenuto dalle funzioni: xn ex ,

304

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

dente per x 0. Il procedimento di ortonormalizzazione di Gram-Scmidt porta ai cosidetti polinomi di Laguerre12 Ln pxq moltiplicati per il fattore esponenziale ex : Ln pxq  ex I primi polinomi sono dati da: L1 pxq  1 x , L0 pxq  1 , dn n x x e . dxn (4.60)

L3 pxq  6 18x 9x2 x3 ,

L2 pxq  2 4 x x2 ,

L4 pxq  24 96x 72x2 16x3 x4 .

Si lascia al lettore, come esercizio, il calcolo della costante di normalizzazione di tali polinomi.

Edmond Nicolas Laguerre (Bar-le-Duc, Francia, 9 aprile 1834 Barle-Duc, Francia, 14 agosto 1886), matematico francese, oggi noto soprattutto per la introduzione dei polinomi che portano il suo nome. Laguerre n dalla giovinezza ha una salute cagionevole che ostacola le sue attivit` a. Sceglie la carriera militare e dal 1854 al 1864 come uciale di artiglieria viene distaccato a Mutzig, vicino a Strasburgo, presso una fabbrica di armamenti. In questo periodo riesce a continuare gli studi matematici e nel 1864 riesce a tornare come tutore allEcole Polytechnique; qui rimane quasi no alla morte. I suoi migliori risultati hanno riguardato vari aspetti della geometria e dellanalisi.

12

4.4 Esercizi

305

4.4

Esercizi

Esercizio 4.1 Sia C0 pRq linsieme delle funzioni complesse di variabile reale, continue e che si annullano allesterno di un intervallo nito. Mostrare che tale insieme forma uno spazio pre-hilbertiano con il prodotto scalare:

xf ,gy 

f pxq g pxq dx .

Esercizio 4.2 Sia E  C1 pra, bsq lo spazio delle funzioni (a valori complessi) derivabili con continuit` a nellintervallo ra, bs, e si denisca:

x f, g y 
a) Lespressione

b
a

f I pxq g I pxq dx ,

dove f I pxq indica la funzione derivata di f pxq.

x , y denisce un prodotto scalare in E ?


F

b) Sia F il sottospazio di E :

C1pra, bsq ; f paq  0

lespressione

x , y denisce un prodotto scalare in F ? }x y}  }x z} }z y} ,

Esercizio 4.3 Mostrare che in uno spazio pre-hilbertiano vale:

se e solo se: z con r0, 1s.

 x p1 q y , } } che

Esercizio 4.4 Mostrare che uno spazio di Banach complesso con una norma verica la regola del parallelogramma:

}x y}2 }x y}2  2 }x}2 2 }y}2 ,


diviene uno spazio di Hilbert con il prodotto scalare: 1 }x y}2 }x y}2 i }x i y}2 i }x i y}2 x x, y y  4
2 @

306

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

Esercizio 4.5 Si mostri che in uno spazio pre-hilbertiano vale la seguente identit` a di 13 Apollonio :  x y  2 }x z }2 } z y }2  1 } x y }2 2 z  . 2 2 Esercizio 4.6 Trovare a, b, c C che minimizzano il valore dellintegrale:
1

3 x

a b x c x22 dx .

Esercizio 4.7 Mostrare che la seguente collezione di funzioni:

1 ,

2 cos x ,

2 cos 2 x ,

2 cos 3 x , . . .

` e un sistema ortonormale completo in L2 p0, q.

Esercizio 4.8 Mostrare che la seguente collezione di funzioni:

2 sin x ,

2 sin 2 x ,

2 sin 3 x , . . .

` e un sistema ortonormale completo in L2 p0, q.

Apollonio di Perga (Perga, 262 a.C. Murtina, 190 a.C.) ` e stato un matematico e astronomo greco antico, famoso per le sue opere sulle sezioni coniche e lintroduzione, in Astronomia, degli epicicli e deferenti. Fu Apollonio che diede alla ellisse, alla parabola e alla iperbole i nomi con i quali da allora queste curve sono identicate. Apollonio utilizz` o le sue conoscenze geometriche anche per una applicazione pratica, la costruzione di una meridiana in cui lombra viene valutata su una supercie conica in modo da fornire una accuratezza maggiore delle meridiane con supercie piana. Il carattere innovativo della sua metodologia e della sua terminologia, specialmente nellarea delle sezioni coniche, hanno inuenzato molti studiosi dei secoli successivi e tra questi Tolomeo, Pierre de Fermat, Cartesio e Isaac Newton.

13

4.4 Esercizi

307

4.4.1

Soluzioni

Soluzione 4.1 Notiamo innanzitutto che C0 pRq forma uno spazio vettoriale (sottospazio dellinsieme pi` u generale delle funzioni complesse di variabile reale). Infatti se abbiamo due funzioni continue f pxq e g pxq che si annullano allesterno di un intervallo nito anche la loro somma risulta una funzione continua che si annulla allesterno di un intervallo nito. La moltiplicazione di f pxq per una qualsiasi costante complessa non altera la continuit` a della funzione e lannullarsi al di fuori di un intervallo nito. Lespressione sesquilineare:

xf ,gy 

f pxq g pxq dx

risulta ben denita in quanto il prodotto di due funzioni continue che sono non nulle solo allinterno di intervalli limitati risulta una funzione continua non nulla solo allinterno di un intervallo nito. Lintegrale precedente non ` e quindi in realt` a esteso a tutto lasse reale, ma solo ad un intervallo nito (dipendente dalla scelta delle funzioni f e g ):

xf ,gy  x f, f y 

b
a

f pxq g pxq dx ,

a, b R ,

e soddisfa tutte le propriet` a di un prodotto scalare.

x f, f y  0 |f pxq|  0 quasi ovunque, e, essendo f continua, si annulla ovunque: f pxq  0. x g, f y  x f, g y 

|f pxq|2 dx 0

d f C0pRq ,

g pxq f pxq dx 

f pxq g pxq dx  x f, g y , C,

f pxq g pxq dx 

R R

f pxq g pxq dx  x f, g y

x f, g1 g2 y 

f pxq g1 pxq dx

f pxq g2 pxq dx  x f, g1 y x f, g2 y .

x f, g y 
b
a

Soluzione 4.2 La forma sesquilineare:

f I pxq g I pxq dx ,

risulta ben denita in quanto la continuit` a delle derivate garantisce lesistenza dellintegrale, ma non ` e vericata la positivit` a in senso stretto:

x f, f y 

b
a

|f Ipxq|2 dx  0 ,
f I p xq  0

C1pra, bsq ,
f pxq  costante ,

308

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

non necessariamente nulla. Se imponiamo la condizione ulteriore che la funzione si deve annullare allestremo a (f F ), allora lunica costante possible ` e la costante nulla, per cui f pxq  0 identicamente nellintervallo ra, bs. Tutte le altre propriet` a del prodotto scalare sono banalmente vericate come nellesercizio 4.1 (sostituendo alle funzioni le loro derivate), per cui E non costituisce uno spazio pre-hilbertiano, mentre F ` e uno spazio pre-hilbertiano.

Soluzione 4.3 Dobbiamo avere:

}x z z y}  }x z} }z y} , }x z z y}2  }x z}2 }z y}2 2 }x z} }z y} , x x z z y, x z z y y  }x z}2 }z y}2 2 }x z} }z y} , e x x z, z y y  }x z } }z y } ,


e, per la disuguaglianza di Schwarz: Pertanto nella disuguaglianza di Schwarz vale luguaglianza e i due vettori x z , z y sono proporzionali tra loro: z y  px z q , Inoltre si deve avere: e x x z, px z q y  }x z } } px z q}

}x z} }z y} 

e x x z, z y y |x x z, z y y| }x z } }z y } .

 | | }x z}2 e  | |  e 0 ,

e }x z }2

pertanto, risolvendo rispetto a z la proporzionalit` a precedente: 1 x y  x p1 q y , z 1 1 con: 0 1. 1

Soluzione 4.4 Dobbiamo vericare le varie propriet` a del prodotto scalare. Ponendo y  x abbiamo: @ 12 x x, x y  4 }x x}2 }x x}2 i }x i x}2 i }x i x}2 @ 12 4 4 i |1 i|2 i |1 i|2 }x}2

 }x}2 ,

4.4 Esercizi

309

pertanto: Inoltre:

x x, x y 0 ,
2 2 2

x x, x y  0

x  0.
@ @

x y, x y  1 }y x}2 }y x}2 i }y i x}2 i }y i x}2 4


1 }x y}2 }x y}2 i }x i y}2 i }x i y}2 4

1 }x y}2 }x y}2 i }i px i yq}2 i } ipx i yq}2 4


@

 x x, y y ,
Vericare la linearit` a ` e meno banale. Notiamo che la regola del parallelogramma pu` o essere letta come: 1 }a}2 }b}2  2 p}a b}2 }a b}2q , con a, b vettori arbitrari, per cui:
2

x x, y1 y x x, y2 y  1 }x y1}2 }x y2}2 }x y1}2 }x y2}2 4


2

i }x i y1}2 i }x i y2}2 i }x i y1}2 i }x i y2}2

i }2 x i y1 i y2}2 i }i y2 i y1}2 @ i }2 x i y1 i y2}2 i }i y1 i y2}2 4  1  y1 y2  y1 y2   2  2  x  x 


2 2 2

1 }2 x y1 y2}2 }y2 y1}2 }2 x y1 y2}2 }y1 y2}2 8

2
Ora, ponendo y2 particolare:
e

  i x

x,

y1 y2 i . 2

B  y1 y2  y1 y2  2  2 i 2  i x i 2 

 0 (notando che si ha banalmente x x, 0 y  0), e y1  y, abbiamo in x x, y y  2


e

x,

yi , 2

e quindi:

x x, y1 y x x, y2 y  x x, y1 y2 y .

310

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

Per induzione, con m, n interi: yi  x x, y y , n e yi 1 x,  n x x, y y , n e m i m x, y  x x, y y . n n n x, Pertanto, per ogni razionale e positivo: m x x, y y  x x, m y y ,


e

x x, y y  x x, y y ,
2

Q ,

e, per la continuit` a della norma possiamo estendere la sua validit` a (i razionali sono densi nei reali) a tutti i numeri reali 0. Notando ora che: 1 }x y}2 }x y}2 i }x i y}2 i }x i y}2 x x, y y  4
@

 x x, y y ,
2 2

1 x x, i y y  4 }x i y}2 }x i y}2 i }x y}2 i }x y}2

@ @

 i x x, y y ,

1 i4 i }x i y}2 i }x i y}2 }x y}2 }x y}2

abbiamo la validit` a per ogni complesso:

x x, y y  x x, y y , }x}  x x, x y
abbiamo uno spazio di Hilbert (cio` e completo).

C.

Notiamo inne che, se lo spazio normato risulta completo, dalla relazione:

Soluzione 4.5 Lidentit` a di Apollonio pu` o essere vericata direttamente, considerando che la norma ` e denita tramite il prodotto scalare:

}x}  x x, x y ,
oppure, come conseguenza della regola del parallelogramma:

}a b}2 }a b}2  2 }a}2 2 }b}2 ,

4.4 Esercizi

311

considerando i vettori a  x z , b  z y : 1 }x z}2 }z y}2  1 } x z z y }2 }x z z y }2 2 2  1 y z 2 2 }x y }2 2  z  . 2

Soluzione 4.6 Le funzioni: f0 pxq  1 , f2 pxq  x2 , f 3 p xq  x3 , f1 pxq  x ,

deniscono degli elementi dello spazio di Hilbert L2 p1, 1q e lintegrale da minimizzare rappresenta il quadrato dalla distanza tra f3 e un generico elemento del sottospazio (chiuso) generato da f0 , f1 , f2 . La soluzione a b x c x2 rappresenta la proiezione di f3 su tale sottospazio. Abbiamo:

x f0 , f 3 y  x f3 , f 0 y  x f2 , f 3 y  x f3 , f 2 y  x f1 , f 0 y  x f0 , f 1 y  x f1 , f 2 y  x f2 , f 1 y 

1 1 1

1 1

x3 dx  0 , x5 dx  0 , x dx  0 , x3 dx  0 .

1 1 1

Pertanto le funzioni dispari sono ortogonali alle funzioni pari per cui f3 avr` a proiezione nulla sul sottospazio generato da f0 , f2 e quindi: a  c  0. Rimane da trovare la proiezione sul sottospazio unidimensionale generato da f1 che sar` a data da: x f1 , f 3 y f1  x f1 , f 3 y f  b f P f3  1 }f1} }f1} }f1}2 1 Abbiamo: 1 2 x f1 , f 3 y  x4 dx  , 5 1

}f1} 
2

1
3 . 5

x2 dx 

2 , 3

b

312

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

Soluzione 4.7 Le funzioni: c0 pxq  cn pxq 

1 , 2 cos n x , n  1, 2, . . .

formano chiaramente un sistema ortonormale in quanto una verica diretta mostra che: cospn xq cospm xq dx 

1 2

rcospn mq x cospn mq xs dx  0 ,

n $ m,

dx  ,

cos2 pn xq dx 

, 2

Per dimostrare la completezza in L2 p0, q delle funzioni cn possiamo utilizzare il fatto che il sistema di onde piane: k pxq 

c1

ei k x ,

 0, 1, 2, . . . L2p0, q, possiamo

formano un sistema ortonormale completo in L2 p, q. Infatti se f denire una funzione sul segmento r, s, ponendo per x 0: f pxq  f pxq , che risulta chiaramente quadrato sommabile su f pxq 
k

r, s e sviluppabile in serie di Fourier:

V V

ak ei k x ,

(la convergenza della serie ` e da intendersi in media, nella topologia di L2 p, q), con: ak

1 ei k x f pxq dx , 2

Sfruttando la simmetria imposta rispetto allorigine, abbiamo: ak

1 2

$ 1 ei k x ei k x f pxq dx 

cospk xq f pxq dx  ak

pertanto lo sviluppo di Fourier risulta: f p x q  a0

V
n 1

an

$ ei n x ei n x  a

V
n 1

2 an cospn xq ,

4.4 Esercizi

313

ed ` e facile vedere (sfruttando la simmetria rispetto allorigine) che la convergenza in 2 L p, q implica la convergenza della serie suddetta in L2 p0, q. Pertanto una qualsiasi funzione in L2 p0, q ammette lo sviluppo nel sistema delle funzioni ortonormali cn : f

V 

x cn , f y cn ,

n 0

che pertanto forma un sistema ortonormale completo. Soluzione 4.8 Le funzioni: sn pxq 

2 sin n x ,

n  1, 2, . . .

formano chiaramente un sistema ortonormale in quanto una verica diretta mostra che: sinpn xq sinpm xq dx  1 2

rcospn mq x cospn mq xs dx  0 ,
0

n $ m,

sin2 pn xq dx 

, 2

Per dimostrare la completezza in L p0, q delle funzioni sn possiamo utilizzare il fatto che il sistema di onde piane:
2

k pxq 

c1

ei k x ,

 0, 1, 2, . . . L2p0, q, possiamo

formano un sistema ortonormale completo in L2 p, q. Infatti se f denire una funzione sul segmento r, s, ponendo per x 0: f pxq  f pxq , che risulta chiaramente quadrato sommabile su f pxq 
k

V V

r, s e sviluppabile in serie di Fourier:

bk ei k x ,

1 bk  ei k x f pxq dx , 2 Sfruttando la simmetria imposta rispetto allorigine, abbiamo:


b0 bk

(la convergenza della serie ` e da intendersi in media, nella topologia di L2 p, q), con:

1 2

1 f pxq dx  0 , 2

$ i ei k x ei k x f pxq dx 

sinpk xq f pxq dx  bk ,

$ 0,

314

Capitolo 4 Spazi di Hilbert.

pertanto lo sviluppo di Fourier risulta: f p xq 

V
n 1

bn

V $ inx inx e e  2 i bn sinpn xq , n1

ed ` e facile vedere (sfruttando la simmetria rispetto allorigine) che la convergenza in 2 L p, q implica la convergenza della serie suddetta in L2 p0, q. Pertanto una qualsiasi funzione in L2 p0, q ammette lo sviluppo nel sistema delle funzioni ortonormali sn : f

V 

x sn , f y sn ,

n 1

che pertanto forma un sistema ortonormale completo.

Capitolo 5. Operatori
5.1 Applicazioni lineari limitate tra spazi normati.

Abbiamo visto che linsieme delle applicazioni lineari continue forma uno spazio vettoriale normato. In generale, per le trasformazioni non risulta solo denita una struttura algebrica di natura vettoriale, ma possiamo considerare anche unaltra operazione, quella di composizione. Nel caso di applicazioni lineari la composizione denisce ancora una trasformazione lineare, per cui ` e lecito porsi la questione sulla continuit` a o meno della applicazione composta. Teo. 5.1 Siano X, Y, Z spazi normati, A composizione B A Lc pX, Z q, e:

Lc pX, Y q, B

Lc pY, Z q. Allora la (5.1)

}B A} }B } }A} .

Dim. 5.1 La continuit` a` e ovvia in quanto ` e noto che la composizione di funzioni continue ` e ancora una funzione continua. Lo stesso vale per la linearit` a, inoltre, se x X :

}B A x} }B } }A x} }B } }A} }x} ,
da cui:

}B A} }B } }A} .

Consideriamo ora una semplice conseguenza del teorema del punto sso in uno spazio di Banach. Sia X uno spazio di Banach e consideriamo loperatore identit` a in tale spazio:

1 : X

X.

Chiaramente lidentit` a 1 risulta un operatore lineare, continuo, (}1}  1), iniettivo, suriettivo e quindi invertibile, con inversa continua. Supponiamo ora che un operatore sia vicino allidentit` a nella topologia degli operatori continui, ci possiamo aspettare che abbia anchesso le medesime propriet` a. In eetti sia: T : X

X,

315

316

Capitolo 5 Operatori

una applicazione lineare, continua e tale che:

}T } 1 ,
allora loperatore 1 T ` e abbastanza vicino allidentit` a da godere delle stesse propriet` a di continuit` a e invertibilit` a. Infatti loperatore 1 T risulta iniettivo, biettivo e quindi invertibile. Liniettivit` a` e conseguenza del teorema del punto sso e del fatto che T , essendo a norma minore di uno, risulta una contrazione:

}T x T y} }T }}x y} ,
T x  x.

}T } 1 .

In uno spazio di Banach una contrazione ammette un unico punto x tale che:

Essendo T lineare, lequazione precedente ammette la soluzione nulla che risulta quindi unica, e loperatore 1 T risulta iniettivo:

p1 T q x  0

x  0.

Il fatto che un operatore sia iniettivo non implica in generale la suriettivit` a, ma consideriamo nel nostro caso lequazione (nellincognita x): y con y

 p1 T q x  x T x ,

X . Allora, con y sso, lapplicazione: f pxq  y T x , }f pxq f pxIq}  }T x T xI} }T } }x xI} ,

risulta una contrazione:

per cui esiste un unico punto sso di tale trasformazione, cio` e un unico punto x tale che: x  y T x. (5.2)

Essendo y un elemento arbitrario di X , ci` o dimostra la suriettivit` a della applicazione 1T , che risulta invertibile. Formalmente, risolvendo lequazione (5.2) precedente, abbiamo denito loperatore inverso: x  p1 T q1 y , (5.3) per ogni y

X . Abbiamo anche: }x}  }y T x} }y} }T x} }y} }T } }x} , p1 }T }q }x} }y} ,

(5.4)

5.1 Applicazioni lineari limitate tra spazi normati.

317

e lapplicazione inversa risulta limitata (e quindi continua):

}x}  p1 T q1 y 1 1}T } }y} ,


 

p1 T q1 1 1}T } .

Ricordando il procedimento seguito per determinare il punto sso (vedi pagina 154), partendo da un guess iniziale x0 arbitrario:

 y T x0 , x2  y T x1  y T y T 2 x0 ,
x1 . . . xn . . . Sapendo che T n x0 converge al punto sso di T , che ` e nullo, abbiamo dato un signicato operativo di convergenza alla serie operatoriale, detta anche serie di Neumann1 :

 y T xn1  y T y T 2 y T n1 y T n x0

T2 Tn , come espressione delloperatore inverso p1 T q1 , quando }T } 1. Questa serie estende


il concetto di serie geometrica con ragione reale, nota dagli studi di analisi matematica, ad una serie con ragione operatoriale. Possiamo riassumere quanto sopra nel seguente risultato: Teo. 5.2 Sia X uno spazio di Banach e T : X

1T

X un operatore limitato tale che:


(5.5)

}T } 1 .

Allora loperatore 1 T risulta lineare, continuo, iniettivo, biettivo, quindi invertibile, con inverso continuo. Inoltre, vale la seguente limitazione sulla norma delloperatore
Carl Gottfried Neumann (K onigsberg, Prussia, 7 maggio 1832 27 marzo 1925) ` e stato un matematico tedesco. Neumann era glio del mineralogista, sico e matematico Franz Ernst Neumann (1798-1895). Neumann lavor` o sul principio di Dirichlet e pu` o essere considerato uno degli iniziatori della teoria delle equazioni integrali. Presero il suo nome la serie di Neumann, che rappresenta lanalogo della serie geometrica per matrici innite, e la condizione al contorno di Neumann per certe equazioni dierenziali ordinarie e alle derivate parziali.
1

318

Capitolo 5 Operatori

inverso:

}p1 T q1} 1 1}T } .

(5.6)

Esempio 5.1 Nello spazio L2 p, q consideriamo la seguente equazione integrale: 1 f p xq  g p xq cospx y qf py q dy , 2 con g L2 p, q assegnata, ed f L2 p, q funzione incognita. Notiamo che, come funzione di y , cospx y q appartiene a L2 p, q, e per la disuguaglianza di H older, 2 il prodotto cospx y q f py q, con f L p, q, ` e sommabile nellintervallo s , r. Denendo loperatore T : L2 p, q L2 p, q tramite la relazione:

pT f qpxq 
abbiamo una equazione del tipo:

1 cospx y qf py q dy , 2

p1 T q f  g .
Per la disuguaglianza di H older:

|pT f q xq|
dove abbiamo usato le notazioni:

1 | cospx yq f pyq| dy 2 1 1 } cospx q} }f }  c }f } , 2 2

} cospx q} 
Pertanto:

cos2 px y q dy

 .

}T f } 
2

|pT f qpxq|

1 }T f } c }f }

1 1 dx } f }2 dx  }f }2 , 4 2 1 }T } c 1, 2

per cui T verica le ipotesi del teorema 5.2 precedente (in realt` a si pu` o dimostrare che 1 }T }  2 ). Tornando ad esaminare lequazione integrale, possiamo scrivere: f p xq  g p xq
1 cospxq cospy q f py q dy 2

 gpxq cospxq sinpxq ,

1 sinpxq sinpy q f py q dy 2

5.1 Applicazioni lineari limitate tra spazi normati.

319

con e , dipendenti dalla scelta della funzione f , ma indipendenti dal punto x s , r . Sostituendo questa ultima espressione nellequazione originaria: g pxq cospxq sinpxq  g pxq
1 cospy q rg py q cospy q sinpy qs dy cospxq 2

e sapendo che:

1 sinpxq sinpy q rg py q cospy q sinpy qs dy , 2

cos py q dy
2

 ,

sin2 py q dy

 ,

abbiamo:

cospy q sinpy q dy
4

 0,
B

cospxq sinpxq  cospxq

sinpxq
6 9 9 9 8 9 9 9 7

1 sinpy q g py q dy 2 2
6 9 9 9 8 9 9 9 7

1 cospy q g py q dy 2 2
B

Essendo cospxq e sinpxq funzioni linearmente indipendenti in L2 p, q:

 

1 cospy q g py q dy 2 2 1 sinpy q g py q dy 2 2

 

1 cospy q g py q dy 1 sinpy q g py q dy

ottenendo una espressione delle costanti e come dipendenti dalla funzione g . In questo modo possiamo esprimere in maniera univoca la soluzione f come dipendente dal termine noto g . Essendo la funzione g arbitraria in L2 p, q, otteniamo una espressione esplicita delloperatore inverso p1 T q1 : f p xq  g p xq

1 1 cospxq cospy qg py q dy sinpxq sinpy qg py q dy

p1 T q1 g pxq

 gpxq

1 cospx y q g py q dy .

Notiamo che, accidentalmente:

p1 T q1  1 2 T ,

320

Capitolo 5 Operatori

per cui loperatore T verica lequazione: T2 Inoltre: 1 2 T.

}p1 T q1}  }1 2T } 1 2}T } 1


1 1

2,

che risulta una stima migliore di: 1 1 }T }

2 2

2

2.

Anche per loperatore inverso si pu` o dare una valutazione esatta della norma, e in realt` a si ha }1 2 T }  2.

5.1.1

Convergenza forte di applicazioni continue.

Supponiamo di avere una successione di operatori fra due spazi normati X e Y , ed assumiamo che per ogni x X , An x converga in Y ad un vettore y , chiaramente dipendente linearmente da x. La sequenza An x viene quindi a denire, per n V, un operatore lineare A fra X e Y e si dice che An converge fortemente a A: Def. 5.1 Una successione di applicazioni lineari An : X Y tra due spazi normati X e Y converge fortemente se, per ogni x X , esiste il limite in Y della successione An x, ed in questo caso il limite denisce una trasformazione lineare A: A x  lim An x ,
n

dxX.

(5.7)

Osservazione. Notiamo che tale nozione di convergenza risulta pi` u debole della convergenza in norma. Anche se assumiamo che gli operatori siano continui, nulla garantisce che questi siano convergenti in norma. Viceversa la convergenza in norma di una sequenza di operatori continui implica la convergenza forte:

}An A} 0 }An x A x} }An A} }x} 0, d x X . nV nV


Il termine convergenza forte viene riservato generalmente per una convergenza vettoriale, stabilita mediante luso dei vettori nella topologia dello spazio di appartenenza di tali vettori. La questione che ci poniamo ora ` e proprio quella di stabilire se tale convergenza possa denire una trasformazione A continua, assumendo ovviamente che tutte le trasformazioni lineari An siano continue. La risposta sar` a aermativa se lavoriamo in spazi di Banach, cio` e se X e Y sono spazi completi. Per arrivare a ci` o occorrono per` o delle conoscenze preliminari.

5.1 Applicazioni lineari limitate tra spazi normati.

321

Teo. 5.3 (Baire) Sia X uno spazio metrico completo e tFj uV j 1 una collezione numerabile di sottoinsiemi chiusi di X tali che: X

V
j 1

Fj .

(5.8)

Allora esiste un chiuso Fn0 della famiglia che contiene un aperto. Notiamo che laermazione non ` e banale perch` e possiamo avere degli insiemi chiusi talmente magri da non riuscire a contenere alcun aperto. Si pensi in R2 ad un insieme rappresentato da un segmento rettilineo, compresi gli estremi. Il risultato precedente viene anche detto teorema delle categorie di Baire2 . Dim. 5.3 Consideriamo il primo chiuso F1 . Se F1  X allora F1 risulta anche aperto e siamo a posto. Se F1 $ X , allora il suo complementare ` e aperto ed esiste un punto x1 e una sfera S px1 , 1 q tale che tutta la chiusura della sfera ` e contenuta nel complementare:

 r. A questo punto si presentano due casi: o S px1 , 1 q F2 e il risultato ` e provato, oppure esiste una sfera S px2 , 2 q contenuta in S px1 , 1 q, la cui chiusura non interseca F2 : S px2 , 2 q S px1 , 1 q , S px2 , 2 q F2  r ,
F1 e possiamo supporre (eventualmente restringendo 2 ) che: 2

S px1 , 1 q

Se S px2 , 2 q F3 , il risultato ` e dimostrato, altrimenti il procedimento pu` o essere iterato per F3 , F4 , . . ., costruendo una sequenza di sfere con le propriet` a: S pxj , j q S pxj 1 , j 1 q, j

21 . j1

S pxj , j q

Fj

 r.

Il processo deve avere termine per un certo valore n0 , altrimenti abbiamo costruito una successione di centri delle sfere xj che risulta di Cauchy: dpxn , xm q m
2

1 m ,

d n m,

Ren e-Louis Baire (Parigi, 21 gennaio 1874 Chamb ery, 5 luglio 1932) ` e stato un matematico francese, noto per i suoi lavori sulla continuit` a, sui numeri irrazionali e sul concetto di limite. Baire ha alternato la ricerca universitaria allinsegnamento nei licei, ed ha eettuato solo un numero limitato di pubblicazioni, sebbene di notevole rilevanza. La sua carriera accademica ` e stata resa dicile anche dalla sue cattive condizioni di salute. Diverse strutture topologiche portano il suo nome. Fra laltro, si deve a Baire lintroduzione della nozione di continuit` a per funzioni a valori reali, ottenuta dalla simultaneit` a di semicontinuit` a inferiore e superiore.

322

Capitolo 5 Operatori

r X che deve appartenere alla e quindi, essendo X completo, convergente ad un punto x chiusura di ogni sfera (la successione potrebbe avvicinarsi sempre pi` u al bordo di qualche sfera, per cui abbiamo richiesto la non intersezione fra i vari Fj e le chiusure delle sfere corrispondenti): r S pxm , m q , d m , x

ed ogni sfera chiusa non interseca il corrispondente Fm . Ma allora x r non pu` o appartenere ad alcun Fj , e nemmeno alla loro unione, ma ci` o` e assurdo in quanto gli insiemi Fj formano un ricoprimento di X . Pertanto deve esistere almeno un chiuso Fn0 contenente una sfera aperta, cio` e un aperto. Siamo ora in grado di mostrare il seguente risultato noto come principio di uniforme limitatezza. Teo. 5.4 (Principio di uniforme limitatezza) Sia tA ; u una famiglia di applicazioni lineari e continue tra due spazi di Banach X e Y , A Lc pX, Y q, tali che:

dxX

sup }A x}  M pxq V .

(5.9)

Allora anche le norme delle applicazioni sono uniformemente limitate: sup }A } V .


(5.10)

Osservazione. Di nuovo abbiamo una aermazione non banale, perch` e dalluniformit` a (rispetto a ) per ogni vettore abbiamo luniformit` a sulle norme operatoriali, indipendenti dal vettore a cui si applicano le trasformazioni. Dim. 5.4 Consideriamo linsieme ( e n N ssi):

tx X ; }A x} nu ,
pxq  }A x} .

e lapplicazione:

` e continua in quanto composizione di A e della norma che sono applicazioni continue. Linsieme di cui sopra, retroimmagine di un chiuso, ` e quindi chiuso, e chiusa risulta lintersezione: Fn  tx X ; }A x} nu . Vediamo ora che gli insiemi Fn , n N, formano un ricoprimento chiuso e numerabile di X . Infatti, utilizzando lipotesi (5.9), sia x X arbitrario, se n M pxq allora x Fn . Essendo M pxq nito, un tale n esiste, e quindi: X

Fn .

5.1 Applicazioni lineari limitate tra spazi normati.

323

X ` e di Banach, pertanto metrico e completo, per il risultato precedente esiste un intero n0 e una sfera (aperta) S px0 , 0 q contenuta in Fn0 , cio` e:

}x x0} 0 }A x} n0 d .
Consideriamo allora un punto y in un intorno sferico dellorigine:

}y} 0 x  x0 y S px0, 0q , }A y} }A x} }A x0} 2n0 .


Sia ora z non nullo ed arbitrario in X . Mediante una trasformazione di scala (omotetia) opportuna possiamo ricondurci allintorno sferico dellorigine di raggio 0 :
   z 0     z 2

}}

 20 0 , }A} 4n0 .
0

e, per ogni :

    A z 0   z 2

}}

2n0 ,

}A z} 4n0 }z} ,
0

Essendo 4 n0 {0 una costante indipendente da abbiamo luniforme limitatezza delle norme operatoriali. Questo risultato permette di rispondere aermativamente al quesito precedente sulla continuit` a del limite forte. Teo. 5.5 Sia An una successione di applicazioni lineari e continue fra due spazi di Banach X , Y : An Lc pX, Y q. Allora, se per ogni x X esiste il limite:
n

lim An x Y ,

questo limite denisce una applicazione lineare e continua A Lc pX, Y q. Dim. 5.5 La denizione basata sullesistenza del limite forte: A x  lim An x .
n

comporta immediatamente la linearit` a di A. Infatti, ad esempio: An x An y


D Ax Ay F nV
n

A n px y q A px yq E

A px y q  A x A y .

324

Capitolo 5 Operatori

Per quanto riguarda la continuit` a sappiamo che se una successione ha limite allora questa ` e limitata (da un certo punto in poi gli elementi della successione sono vicino al limite, quelli prima sono in numero nito, per cui limitati). Allora }An x} (essendo convergente) ` e limitata, cio` e: sup }An x}  M pxq V ,
n

e, per il teorema precedente di uniforme limitatezza, esiste una costante C tale che:

}An} C V , d n , }An x} C }x} , d n . Passando al limite per n V: }An x} }A x} , }A x} C }x} , nV


eA` e continuo.

La continuit` a forte non implica necessariamente la convergenza in norma. Vediamolo con un esempio. Esempio 5.2 Consideriamo come spazio vettoriale completo linsieme lp delle successioni psommabili: lp con la norma:

x  px1 , x2 , . . . , xn , . . .q ; xn

C,
1
p
p

V
j 1

|xj |p V

(5.11)

}x}p 

V
j 1

In tale spazio (1 p V) deniamo, per ogni n, loperatore di shift An : An : px1 , x2 , . . .q pxn1 , xn2 , . . .q . e vediamo che la successione An converge fortemente ma non in norma. Analizziamo la norma }An x}:

| xj |

(5.12)

}An x} 

V
j n 1

| xj | p

1

1 Questa risulta il resto n-esimo (a parte lesponente p ) della serie:

V
j 1

| xj | p ,

5.1 Applicazioni lineari limitate tra spazi normati.

325

che ` e convergente per ipotesi. Quindi, per ogni x lp (lestrazione di radice p-esima ` e una funzione continua):

V
j n 1

|xj |p 0, nV
V
j n 1

An x 0
n

An

0 nV

fortemente .

Notiamo inoltre che:

| xj | p

V
j 1

|xj |p , }An x} }x} , }An} 1 ,

per cui An ` e continuo (come pure loperatore limite forte, identicamente nullo). Vediamo maggiormente in dettaglio la norma delloperatore An . Sappiamo gi` a che se x $ 0:

}An x} 1 , }x}

e vogliamo far vedere che esistono dei vettori x per i quali vale luguaglianza (a ssato n). Prendiamo un vettore non nullo x con le prime n componenti nulle. Allora si ha:

}x} 
p

V
j 1

| xj | 
p

V
j n 1

| xj | p ,

e quindi:

}An x}  }x} , x1  x2   xn  0 , sup }An x}  1 , }An}  1 .


}x}1
Sulla base di questo fatto possiamo dire che An non pu` o convergere in norma. Infatti se, per assurdo, An convergesse in norma ad un operatore B , si avrebbe: i) An ii)

B fortemente. }An} }B } per la continuit` a della norma stessa, in quanto: | }An} }B } | }An B } . 0 fortemente, per cui dovrebbe essere B  0, che contraddice

Nel nostro caso An }An}  }B }  1.

La richiesta che gli spazi siano completi pu` o essere cruciale per le propriet` a del limite forte di una successione di applicazioni lineari e continue. Possiamo vedere cosa succede se An x ` e una successione convergente per ogni x appartenente ad un sottospazio D non completo, per il quale possiamo anche assumere che sia denso in uno spazio completo X :

326

Capitolo 5 Operatori

D  X . Linformazione di convergenza vettoriale dei vettori An x risulta troppo povera per la mancanza di completezza dellinsieme di denizione (anche se x ` e un punto pressato che non varia con n, per cui non ` e richiesta alcuna convergenza nel dominio), in quanto viene a mancare linformazione di uniforme limitatezza sulle norme delle applicazioni. Vediamo con un esempio cosa pu` o succedere. Esempio 5.3 Consideriamo di nuovo lo spazio lp come nellesempio precedente, e sia D linsieme dei vettori in lp con solo un numero nito di componenti non nulle (il numero di componenti non nulle pu` o essere arbitrario, ma nito per ogni elemento di D): D

 tx  px1, x2, . . .q lp ; h N N tale che xj  0 d j N u . p V) deniamo gli

e in tale insieme (che risulta ovviamente un sottospazio di lp , 1 operatori: An : D

lp , px1, x2, . . . , xk , . . .q n pxn1, xn2, . . . , xkn, . . .q


Sostanzialmente abbiamo lo stesso operatore dellesempio precedente moltiplicato per il fattore n. In modo analogo al caso precedente abbiamo quindi che An ` e continuo e:

}An}  n .
Inoltre, se x D, allora esiste N N, dipendente da x, tale che xj An x  0 se n N e: An x 0 d x D.
n

 0 se j N . Allora

Quindi An converge fortemente alloperatore nullo 0 nello spazio D. Anche se D ` e denso in lp , An pu` o essere denito anche su tutto lp nella stessa maniera (la denizione precedente ha senso in tutto lo spazio lp ) e risulta continuo (}An }  n), la successione An non pu` o convergere fortemente in tutto lo spazio lp . Se An x convergesse per ogni x lp , allora, per il teorema di uniforme limitatezza, }An } sarebbe limitato, ma ci` o non ` e vero per cui devono esistere dei punti x lp per i quali An x non converge (e quindi per tali punti non ` e denita lazione delloperatore limite). Per inciso possiamo notare che il sottospazio D ` e denso in lp in quanto se x  px1, x2, . . .q ` e un elemento arbitrario di lp , allora: xpN q

 px1, x2, . . . , xN , 0, . . . , 0, . . .q D

forma una successione che approssima x lp . Infatti:

}x xpN q} 

V
j N 1

|xj |p

1

0, N V

5.1 Applicazioni lineari limitate tra spazi normati.

327

in quanto, se x lp , la serie:

V
j 1

|xj |p V

` e convergente. D risulta quindi denso in lp .

5.1.2

Estensione continua di applicazioni continue.

Spesso, dato uno spazio lineare topologico, si riesce a denire una applicazione lineare solo su un suo sottospazio, magari denso. Ci possiamo quindi chiedere se ` e possibile estendere tale applicazione lineare a tutto lo spazio, e se, in caso aermativo, tale estensione ` e unica, lineare e continua. In generale possiamo dire: Se loperatore non ` e continuo non si riesce ad estendere a tutto lo spazio (al massimo lo si riesce ad estendere ad uno spazio un p` o pi` u grande di quello di partenza, ma non di pi` u). Se loperatore ` e continuo invece lestensione ` e possibile e unica. Possiamo far riferimento al teorema generale 2.25 di estensione di una funzione uniformemente continua per determinare lesistenza e lunicit` a della estensione. Nel caso particolare di una applicazione lineare e continua questo pu` o essere formulato nella maniera seguente. Teo. 5.6 Siano X e Y spazi di Banach, D un sottospazio lineare di X denso in X : D

X,

(5.13)

e A una applicazione lineare e continua tra D e Y , A Lc pD, Y q. Allora esiste ununica r Lc pX, Y q, che risulta una estensione di A a tutto applicazione lineare e continua A lo spazio X : rx , d x D . Ax  A (5.14) Inoltre vale:
r} . }A}  }A

(5.15)

Rispetto al teorema 2.25 abbiamo, come conseguenza della linearit` a della applicazione A, le informazioni aggiuntive sulla linearit` a e sulla norma operatoriale dellestensione. Dim. 5.6 Notiamo subito che una applicazione lineare e continua risulta immediatamente uniformemente continua. La relazione:

}A x A x0} }A} }x x0} , d x0, x D ,

328

Capitolo 5 Operatori

comporta che, assegnato

0, abbiamo:
,

}x x0} }A} }A x A x0}

indipendentemente dalla scelta del punto x0 . Possiamo allora invocare il risultato 2.25 per garantire lesistenza e lunicit` a dellestensione a tutto lo spazio X . Rimane da vedere la linearit` a e linvarianza della norma operatoriale. Ricordando la dimostrazione del teorema di estensione di funzioni uniformemente continue, lestensione pu` o essere denita mediante il limite di una successione: y pxq  lim A xn
n

dove xn D ` e una qualsiasi successione convergente a x dellestensione ` e immediata. Se , C, x, xI X : xn xI


n xI , xIn D ,E n nV y p x xI q  lim Ap xn xIn q nV

con x  lim xn ,
n

X.

Allora la linearit` a

x , xn D , D F nV

xIn x xI , nV

 nlim A x lim A xIn  y pxq y pxI q . V n nV


r x  y pxq , A

r, estensione di A: Questo permette di denire lapplicazione lineare A

xX. lim }A xn } lim }A} }xn } ,

Sappiamo che:

}A xn} }A} }xn} ,

xn

D ,

ma la norma ` e una funzione continua per cui se xn


r x} }A} }x} , }A r` Poich` eA e una estensione di A ` e chiaro che:

x X: r} }A} . }A

sup
x X x 0

r x} r x} }A }A x} , }A sup  sup }x} }x} } x} $ $


x D x 0 x D x 0

per cui:

r} }A} , }A

r}  }A} . }A

5.2 Serie operatoriali.

329

5.2

Serie operatoriali.

Alcune funzioni dellanalisi sono spesso denite tramite il loro sviluppo in serie, specialmente quando il loro argomento ` e un numero complesso z . Si pensi ad esempio al caso della funzione esponenziale: V zn z e  , z C. n! n0 Il contesto giusto in cui operare in questo caso ` e quello delle funzioni analitiche, cio` e sviluppabili in serie di potenze. Vogliamo ora poter estendere le denizioni di tali funzioni al caso in cui i termini della serie non sono semplici variabili complesse, ma operatori lineari deniti su uno spazio di Banach. Linsieme degli operatori limitati su uno spazio di Banach X , Lc pX, X q, forma a sua volta uno spazio di Banach. In realt` a Lc pX, X q ha una struttura pi` u ricca, in quanto in esso risulta denito, tramite la legge di composizione, anche il prodotto tra due operatori, che gode delle propriet` a associativa e distributiva rispetto alla somma:

pA B q C  A C B C , A pB C q  A B A C , d A , B , C LcpX, X q ,
formando in questo modo unalgebra associativa. Noi abbiamo gi` a visto durante la discussione sullinvertibilit` a delloperatore 1 T un esempio di serie di potenze di un operatore, e vogliamo generalizzare la problematica. Un risultato fondamentale sulle serie di potenze ` e costituito dal teorema di CauchyHadamard3 , che fornisce informazioni sulla convergenza. Formuliamo tale risultato nel caso di spazi di Banach.

A pB C q  pA B q C ,

Jacques Solomon Hadamard (Versailles, 8 dicembre 1865 Parigi, 17 ottobre 1963) ` e stato un matematico francese, conosciuto principalmente per la sua dimostrazione del teorema dei numeri primi. Dopo laair Dreyfus, che lo vide coinvolto personalmente, divent` o un attivista politico e si trasform` o in uno strenuo sostenitore delle cause ebraiche. Introdusse lidea del problema ben posto nella teoria delle equazioni alle derivate parziali. Inoltre diede il suo nome alla diseguaglianza dei volumi, detta disuguaglianza di Hadamard, e alla matrice di Hadamard, su cui ` e basata la trasformata di Hadamard, usata anche in calcoli relativi alla impostazione matriciale della meccanica quantistica.

330

Capitolo 5 Operatori

Teo. 5.7 (CauchyHadamard) Sia E uno spazio di Banach (sul campo complesso), data una successione di elementi aj E e due numeri complessi z0 , z C, si consideri la serie di potenze con punto iniziale z0 : a0 a1 pz z0 q an pz z0 qn , al variare di z (5.16)

C. Allora, posto:


lim sup }an }


n

1 n

1

(5.17)

la serie (5.16) converge assolutamente per ogni z tale che |z z0 | , e non converge per ogni z tale che |z z0 | . Dim. 5.7 Consideriamo la serie:

V
n 0

}an} |z z0|n ,
V

e il massimo limite: M

 lim sup }an}1{n .


n

Assumiamo dapprima M V, altrimenti il teorema perde la sua utilit` a, venendo a stabilire solo la divergenza quasi ovunque della serie. Ricordiamo che il massimo limite M` e caratterizzato dalla seguente propriet` a: dati due numeri qualsiasi M1 , M2 , con M1 1 M M2 , tutti gli elementi della successione xn  }an } n , escluso un numero nito, vericano xj M2 , ed esiste una innit` a numerabile di elementi xj con xj M1 . Allora, se: 1 |z z0|  M , esiste 0 tale che: |z z0| M 1 , e, per le propriet` a del limite sup, per tutti gli n a partire da un opportuno N p q si ha:

}an}1{n M 2 .
Pertanto:

}an} |z z0|n M 2   2 M V . n0 nN


V V
M 1 |z z0|  M ,

n

Sia ora:

5.2 Serie operatoriali.

331

allora esiste

0 tale che:

|z z0| M 1 }an}1{n M

ed esistono inniti valori di n che vericano: ,

per cui:

}an} |z z0|n 1 ,

per inniti valori di n per cui la serie (5.16) non risulta di Cauchy, quindi non convergente. Ovviamente, se M  V e |z z0 |  0, la serie diviene divergente in quanto esiste I M V con: 1 |z z0| M I, ed esistono inniti valori di n per i quali:

}an}1{n M I ,
e la serie non ` e di Cauchy. Quando z quanto tutte le potenze sono nulle.

 z0 la serie ` e invece ovviamente convergente in

Osservazione. Il valore dato dalla (5.17) ` e detto raggio di convergenza della serie di potenze. La serie (5.16) denisce, per |z z0 | , cio` e allinterno del raggio di convergenza, una funzione f pz q della variabile complessa z , e a valori in uno spazio di Banach E : f pz q 

V 

an pz z0 qn .

n 0

Tale funzione risulta derivabile ovunque allinterno del raggio di convergenza, cio` e esiste ovunque il limite del rapporto incrementale: f I pz q  lim f pz hq f pz q , h0 h h C,

(naturalmente il limite ` e calcolato mantenendo il punto z h allinterno del disco di convergenza), e tale derivata pu` o essere calcolata derivando la serie termine a termine: f I pz q 

V
n 1

n an pz z0 qn1

V 

pn 1q an1pz z0qn ,

n 0

ottenendo una serie con lo stesso raggio di convergenza in quanto:


n

lim n1{n

 nlim e1{n ln n  1 . V

332

Capitolo 5 Operatori

Tale risultato ` e una semplice conseguenza algebrica della formula di decomposizione della dierenza tra due potenze: f pz hq f pz q h

 

V
n 0

 V 

an

pz h z0qn pz z0qn
h
2

an pz h z0 qn1 pz z0 q pz h z0 qn2
@

n 1

pz z0qn1 . Se |h| , in modo tale che anche z h sia allinterno del raggio di convergenza, |z h z0 | |z z0 |  : }an tpz h z0qn1 pz z0qn1u} n}an}n1 ,
Di conseguenza si ha che f I pz q ` e derivabile ulteriormente, cio` e f pz q ammette derivate V di ogni ordine, risulta cio` e di classe C , e in realt` a denisce una funzione analitica, cio` e sviluppabile in serie di potenze nellintorno di ogni punto z1 interno al cerchio di convergenza. Analogamente alla derivata, si pu` o costruire una primitiva, integrando formalmente termine a termine: V a n pz z0qn1 , g pz q  n 1 n0 e si ha che g pz q ha il medesimo raggio di convergenza della serie originale f pz q, e g I pz q  f pz q. Osservazione. Il teorema di CauchyHadamard non dice nulla quando z si trova sul bordo del cerchio di convergenza, cio` e quando |z z0 |  . La situazione pu` o essere molto varia. Possiamo avere non convergenza in alcun punto della frontiera, come nel caso della serie geometrica: 1 pz z0 q pz z0 q2 pz z0 qn , con raggio di convergenza  1, oppure possiamo avere convergenza in tutti i punti della frontiera, come nella serie: V pz z qn 0 , 2 n n1 otteniamo una serie uniformemente convergente, per cui possiamo scambiare il limite per h 0 con la serie, cio` e derivare la serie termine a termine, ottenendo il risultato.

in quanto, per |z z0 |  1 (raggio di convergenza di tale serie), questa risulta assolutamente convergente: V |z z |n V 1 2 0   V, n2 n2 6 n1 n1

5.2 Serie operatoriali.

333

divergente quando z z0 z z0  1.

oppure possiamo avere convergenza in alcuni punti e non convergenza in altri, come per la serie: V pz z qn 0 , n n1

 1, e convergente (semplicemente e non assolutamente) quando

5.2.1

Serie esponenziale

Tutti sanno che la funzione esponenziale: e


z

V zn
n 0

 n!

ha raggio di convergenza innito in quanto:


n

lim pn!q1{n

 nlim e1{npln nlnpn1qln 1q  V , V


n
1

deducibile dal fatto che (vedi gura 5.1): 1 1 p ln n lnpn 1q ln 1q n n 1 n




lnpxq dx

x ln x x x1
T

$xn

1 n pn lnpnq n 1q V. nV

. ................. ............... . . . . . . . . . . . . ........... ............ .......... . . . . . . . . . . ......... ........ ...... . . . . . .... ..... .... . . . ... ... ... . . . ... .. .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Figura 5.1: Valutazione per difetto della somma lnp1q lnpnq. La nozione di esponenziale pu` o essere generalizzata. Sia X uno spazio di Banach e A Lc pX, X q. Allora, per ogni z C (o anche solo R) deniamo: e
zA

V An

n! n0

zn .

(5.18)

334

Capitolo 5 Operatori

Abbiamo infatti che:

 n A     n! 

} }A n!

per cui il raggio di convergenza ` e innito e la serie esponenziale (5.18) risulta assolutamente convergente per ogni z C e denisce una funzione analitica in tutto il piano complesso e a valori in Lc pX, X q. La serie esponenziale risulta infatti un operatore continuo, cio` e limitato, con: V |z |n }A}n  z A e   e|z| }A} . (5.19) n ! n0 Notiamo che il prodotto di due esponenziali di operatori non ` e in generale uguale allesponenziale della somma, ma se i due operatori commutano fra di loro allora ci` o` e vero. Teo. 5.8 Siano A, B

LcpX, X q con X spazio di Banach. Se: rA, B s  AB B A  0,


ez A ez B

(5.20)

allora:

 ez pABq .
V
n 0

(5.21)

Dim. 5.8 Abbiamo: e con: cn


zA zB

cn z n ,

n 1

k! k 0

Ak

pn kq! B

n k

Se i due operatori non commutano tra di loro siamo obbligati a mantenere ordinatamente gli operatori B alla destra degli operatori A, ma se invece commutano tra loro, possiamo operare algebricamente come coi numeri complessi o reali, e ricondurci allo sviluppo algebrico di un binomio: 1 cn  pA B qn , n! ottenendo lespansione in serie di potenze dellesponenziale ez pAB q . Osservazione. Poich` e un operatore A commuta ovviamente con se stesso abbiamo che: ez1 A ez2 A

 epz z q A .
1 2

(5.22)

5.2 Serie operatoriali.

335

5.2.2

Serie di Neumann
V 

Un altro esempio di sviluppo in serie di potenze di un operatore ` e dato dalla serie di Neumann: An z n ,
1

(5.23)

n 0

il cui raggio di convergenza ` e dato da: 

lim sup }A
n

n 1 n

(Assumiamo sempre che A Lc pX, X q, con X spazio di Banach) In realt` a in questo caso il lim sup risulta un limite normale in quanto: rpAq  lim sup }An }1{n
n

(5.24)

 nlim }An}1{n  inf }An}1{n . V n


rpAq  lim sup }An }1{n ,
n

(5.25)

Infatti, posto: chiaramente si ha:

a  inf }An }1{n ,


n

a lim inf }An }1{n


n

rpAq ,

e se mostriamo che vale anche la disuguaglianza inversa, allora vale il risultato (5.25). 1 Sia 0 e, grazie alle propriet` a dellestremo inferiore, scegliamo m tale che }Am } m a . Se n ` e arbitrario, possiamo dire che n  m q p con 0 p m 1. Allora:

accumulano verso il valore unitario: lim sup pa


n

}An}1{n  }Am q Ap}1{n }Am q }1{n }Ap}1{n }Am}q{n }A}p{n pa qq m{n }A}p{n , p` e limitato da m (indipendente da n), per cui i valori p{n, p  0, 1, . . . , m1 si accumulano nellorigine, mentre i valori q m{n  q m{pq m pq (in cui varia q al variare di n) si
V

qm n

0 p m 1

sup

lim sup pa
q

mq mq p

a

lim sup }A}p{n lim sup }An }1{n


n

 1,

pa q

ed essendo

arbitrario:

rpAq a ,

dimostrando luguaglianza e il risultato (5.25) (chiaramente, questo prova anche lesistenza del limite semplice, compreso tra i due estremi coincidenti). Possiamo a questo punto generalizzare il risultato 5.2 mediante una serie di potenze delloperatore A.

336

Capitolo 5 Operatori

Teo. 5.9 Sia A Lc pX, X q, con X spazio di Banach, e deniamo per ogni z

C, con:
(5.26)

|z| rp1 , Aq
f pz q 

dove rpAq ` e espresso dalla relazione (5.25), la serie di Neumann per loperatore A:

V
n 0

An z n .

(5.27)

Allora, loperatore lineare 1 z A ` e invertibile per |z | 1{rpAq, e vale: f pz q  p1 z Aq1 . (5.28)

Dim. 5.9 Sia: fn pz q  allora:

n k 0

Ak z k .

p1 z Aq fnpzq  fnpzq p1 z Aq  1 zn1 An1 . Ora, z n1 An1 0 in norma per n V, perch` e la serie di Neumann convergente, per cui, per n V otteniamo: p1 z Aq f pzq  f pzq p1 z Aq  1 .

(5.27) ` e

Osservazione. Notiamo che }An } }A}n , per cui rpAq }A}, e il raggio di convergenza:  1 rpAq 1 }A },

pu` o risultare superiore a quanto stabilito dal risultato (5.2) basato sul teorema del punto sso, in cui si richiede semplicemente }z A} 1.

5.2.3

Serie di potenze di un operatore

Finora abbiamo considerato serie di potenze nella variabile complessa z , con i coecienti appartenenti ad uno spazio di Banach, ma possiamo considerare anche le serie di potenze di un operatore A, con coecienti complessi, generalizzando le serie di potenze complesse ordinarie.

5.2 Serie operatoriali.

337

Sia: f pz q 

V
n 0

una serie di potenze nel piano complesso (cio` e cn , z C) con raggio di convergenza , determinato dal teorema di Cauchy-Hadamard. Ci` o signica che per ogni z con |z | , la suddetta serie in C ` e assolutamente convergente:

cn z n ,

V
n 0

|cn| |z|n V .
V
n 0

Sappiamo che per ogni A Lc pX, X q vale }An } }A}n , per cui:
  V     cn A n   n0 

|cn| }A}n .
(5.29)

Pertanto, se: la serie:

}A} ,
f pAq 

V
n 0

risulta sicuramente convergente in Lc pX, X q, anzi assolutamente convergente, se X ` e uno spazio di Banach. Un esempio ` e fornito dallesponenziale stesso: e
z

cn An ,

(5.30)

V zn
n 0

 n!

da cui otteniamo lesponenziale di un operatore: e


A

V An
n 0

 n!

Oppure considerando la serie geometrica:

 1z
1 ritroviamo la trasformazione inversa:

V
n 0

zn ,

|z | 1 , }A} 1 .

p1 Aq1 

V
n 0

An ,

338

Capitolo 5 Operatori

5.3

Operatore aggiunto

Consideriamo ora uno spazio di Hilbert H ed un operatore A denito su H. Supponiamo cio` e X  Y  H. In uno spazio vettoriale nito-dimensionale un operatore lineare ` e sempre riconducibile ad una matrice di coecienti ed una operazione semplice che si pu` o eseguire su una matrice ` e quella di ottenere la matrice hermitiana coniugata operando le operazioni di trasposizione (scambio righe con colonne) e di coniugazione complessa. Quello che ci proponiamo ` e lo studio della generalizzazione di tale operazione al caso di dimensioni innite, cio` e per operatori in uno spazio di Hilbert. Dato un operatore lineare A la propriet` a fondamentale che si vuole utilizzare per la costruzione dellaggiunto, che indicheremo con AX , oppure A , ` e espressa tramite i prodotti scalari: x x, A y y  x AX x, y y . Vogliamo studiare quando tale equazione ha senso e denisce eettivamente un operatore AX . Poniamoci per ora in condizioni buone. Supponiamo di avere un operatore lineare e continuo A Lc pH, Hq e consideriamo, a ssato x, la corrispondenza tra H e C: y

x x, A y y .

(5.31)

che denisce loperatore aggiunto AX : A X x  x ,

Questa, essendo composizione di applicazioni continue e lineari (A e il prodotto scalare), denisce un funzionale lineare e continuo. Per il teorema di Fischer-Riesz esiste un unico elemento x H tale che: x x, A y y  x x, y y ,

x AX x, y y  x x, A y y

(5.32)

per ogni x H. Loperatore cos` denito risulta lineare in conseguenza della linearit` a del prodotto scalare:

x x xI, A y y  x x, A y y x xI, A y y x AX p x xIq, y y  x AX x, y y x AX xI, y y x AX p x xIq, y y  x AX x AX xI, y y , ed essendo ci` o valido per ogni y H: AX p x xI q  AX x AX xI .
Inoltre loperatore AX risulta limitato al pari di A, infatti abbiamo:

}AX x}2  x AX x, AX x y  x x, A AX x y }x} }A} }AX x} ,

5.3 Operatore aggiunto

339

da cui, semplicando:

Loperatore AX risulta denito su tutto H e possiamo operarne laggiunto ulteriore. Prendendo il complesso coniugato dellequazione (5.32) risulta ovvio che, per operatori limitati: pAXqX  A , e i ruoli di A e AX possono essere scambiati, per cui }A} }AX } e:

}AX x} }A} }x} ,

}AX} }A} .

}AX}  }A} .

Osservazione. Apriamo una breve parentesi per introdurre un metodo alternativo per il calcolo della norma di un operatore limitato in uno spazio di Hilbert H. Se A Lc pH, Hq, abbiamo: A y y| . (5.33) }A}  sup |x x, A y y|  sup |x x, A y y|  sup |x}x, x} }y } x, y $0 }x}, }y}1 }x}}y}1 Infatti, per la disuguaglianza di Schwarz e la limitatezza di A: per cui ognuna delle espressioni della (5.33) risulta limitata superiormente da }A}. Inoltre, se z ` e un qualsiasi elemento dello spazio di Hilbert, dalla disuguaglianza di Schwarz abbiamo: sup |x x, z y| }z } ,

|x x, A y y| }x} }A y} }A} }x} }y} ,

}x}1

daltra parte scegliendo:

z }z } raggiungiamo lestremo superiore in un punto a norma unitaria e in cui vale luguaglianza, per cui: z y| }z}  sup |x x, z y|  sup |x x, z y|  sup |x x, } x} . x$ 0 }x}1 }x}1 Pertanto abbiamo ad esempio:

x

}A} 

ed in maniera analoga si ottiene una limitazione superiore di }A} con qualsiasi delle espressioni (5.33) da cui la validit` a di tale equazione. In particolare abbiamo anche immediatamente:

}y}1

sup }A y }  sup

}y}1

}x}1

sup

|x x, A y y|

}x}, }y}1

sup

|x x, A y y| ,

}A} 

}x}, }y}1

sup

|x x, A y y| 

}x}, }y}1

sup

|x y, AX x y|  }AX} .

Nel caso di operatori continui, loperazione di aggiunzione denisce degli operatori continui, e si possono dare alcune semplici propriet` a, oltre a quelle viste.

340 Teo. 5.10 Sia A Lc pH, Hq, con H spazio di Hilbert. Allora: i) AX ` e continuo e }AX }  }A}. ii) Se B

Capitolo 5 Operatori

LcpH, Hq, allora il prodotto A B risulta continuo e: pA B qX  B X AX . }AX A}  }A}2 .


AXX

(5.34)

iii) Il prodotto AX A verica:

(5.35)

iv) Il biaggiunto di A coincide con A:

 A.

(5.36)

Dim. 5.10 Abbiamo gi` a visto la prima e la quarta propriet` a. La seconda ` e conseguenza immediata della denizione di aggiunto:

x x, A B y y  x AX x, B y y  x B X AX x, y y .
Per quanto riguarda la terza aermazione, abbiamo:

}A x}2  x A x, A x y  x AX A x, x y }AX A x} }x} }AX A} }x}2 , }A x} }AX A}1{2 }x} , }A} }AX A}1{2 , }A}2 }AX A} .
Daltra parte considerandolo come prodotto di operatori:

}AX A} }AX} }A}  }A}2 ,


per cui:

}AX A}  }A}2 .

Vogliamo ora discutere la possibilit` a di denire laggiunto per un operatore in generale non limitato. Con x ssato, consideriamo di nuovo lapplicazione: y

x x, A y y ,

DpAq ,

essa ` e lineare ma non abbiamo in generale la garanzia della continuit` a a causa della non continuit` a delloperatore. Lapplicazione dipende per` o da x e potrebbe capitare che per particolari scelte di x questa risulti continua. Assumiamo A denito su un dominio DpAq denso in H (notiamo che il dominio di un operatore lineare ` e sempre un sottospazio vettoriale), e consideriamo linsieme: D

xH; y

x x, A y y risulti continua per ogni y DpAq

(5.37)

5.3 Operatore aggiunto

341

D risulta non vuoto in quanto contiene almeno il vettore nullo (lapplicazione identicamente nulla risulta ovviamente continua). Allora, se x D , lapplicazione: : DpAq denita da:

C,

py q  x x, A y y ,

risulta lineare e continua, denita su un sottoinsieme denso in H per cui pu` o essere estesa con continuit` a a tutto lo spazio di Hilbert H. Possiamo allora invocare il teorema di Fischer-Riesz e aermare che esiste un vettore x H (che risulta anche unico) tale che:

x x, A y y  pyq  x x, y y , d y DpAq x x, y y  x z, y y d y DpAq , x x z, y y  0 d y DpAq ,

(5.38)

Lunicit` a` e conseguenza della densit` a del dominio. Infatti se avessimo un ulteriore vettore z tale che:

ma lunico vettore ortogonale ad un sottoinsieme denso risulta il vettore nullo per cui x  z . In conclusione se DpAq ` e denso in H, abbiamo costruito una corrispondenza univoca tra D e H: x x , che risulta ovviamente lineare, infatti se z

D e z z, allora, per ogni , C: x x z, A y y  x x, A y y x z, A y y  x x, y y x z, y y  x x z, y y d y DpAq , x z x z .


DpAX q  D , AX x  x ,

Tale corrispondenza lineare denisce loperatore aggiunto AX con dominio D :

con la propriet` a:

x x, A y y  x AX x, y y , d x D, d y DpAq .
Possiamo quindi riassumere il tutto nel risultato: Teo. 5.11 Sia A un operatore lineare denito su un dominio DpAq denso in uno spazio

342 di Hilbert H:

Capitolo 5 Operatori

allora, esiste un unico operatore lineare AX denito sul dominio: DpAX q D

A : DpAq
2

H ,

 x H ; h C 0, @ |x x, A y y| C }y} d y DpAq ,

(5.39)

tale che:

x x, A y y  x AX x, y y , d x D , d y DpAq .

(5.40)

Osservazione. Notiamo come sia stato necessario, per poter invocare il teorema di Fischer-Riesz, richiedere la densit` a del dominio DpAq. Sul dominio dellaggiunto, D possiamo solo dire che esiste, in quanto contiene almeno il vettore nullo, ma pu` o anche risultare molto piccolo, cio` e cattivo da un punto di vista pratico. Notiamo inoltre la denizione alternativa del dominio dellaggiunto D , conseguenza del fatto che la continuit` a di una applicazione lineare equivale alla sua limitatezza.

5.3.1

Operatori autoaggiunti

Veniamo ora a delle denizioni importanti nello studio della meccanica quantistica. Vogliamo cio` e discutere i concetti di operatore autoaggiunto, simmetrico, unitario, e il problema delle proiezioni ortogonali in uno spazio di Hilbert. Def. 5.2 Sia A un operatore lineare densamente denito su uno spazio di Hilbert H. Allora A ` e detto autoaggiunto se: A  AX , cio` e se: DpAq  DpAX q , e A x  AX x A AX intendendo con ci` o: DpAq DpAX q , e A x  AX x

A` e invece detto simmetrico se AX ` e una estensione di A e scriveremo:

d x DpAq .

d x DpAq .

Osservazione. Possiamo dire che un operatore autoaggiunto rientra nella categoria generale degli operatori simmetrici, mentre nel caso di un operatore denito su tutto lo spazio

5.3 Operatore aggiunto

343

di Hilbert H la distinzione tra operatore simmetrico ed operatore autoaggiunto perde di signicato. In pratica un operatore ` e simmetrico se verica la relazione:

x x, A y y  x A x, y y d x, y DpAq ,

(5.41)

per cui laggiunto esiste e risulter` a una estensione di A che, a seconda del suo dominio, pu` o coincidere o non coincidere con A. Ponendo x  y nellequazione precedente:

x x, A x y  x A x, x y  x x, A x y che risulta reale per ogni x DpAq. Viceversa se x x, A x y ` e reale per ogni x DpAq possiamo considerare la seguente relazione (x, y DpAq): x x y, A px yq y  x A px yq, x y y , x x, A x y x x, A y y x y, A x y x y, A y y  x A x, x y x A x, y y x A y, x y x A y, y y , x x, A y y x y, A x y  x A x, y y x A y, x y , Essendo ci` o vero per ogni x, y DpAq allora ` e vero anche operando il cambiamento y i y : x x, A pi yq y x i y, A x y  x A x, i y y x A pi yq, x y , i x x, A y y i x y, A x y  i x A x, y y i x A y, x y , x x, A y y x y, A x y  x A x, y y x A y, x y ,
ed operando la semi-somma con la precedente relazione:

x x, A y y  x A x, y y , d x, y DpAq . La validit` a di tale relazione comporta che se x DpAq, allora x DpAX q e A ` e simmetrico.
Riassumendo, abbiamo mostrato la seguente aermazione: Teo. 5.12 Sia A densamente denito su uno spazio di Hilbert H. Allora A ` e simmetrico se e solo se x x, A x y ` e reale per ogni x DpAq.

5.3.2

Operatori unitari

Un altro concetto importante ` e quello di operatore unitario.

344

Capitolo 5 Operatori

Def. 5.3 Un operatore lineare U denito su tutto uno spazio di Hilbert H: U : H H , DpU q  H

` e detto unitario se ` e suriettivo e conserva il prodotto scalare:

x U x, U y y  x x, y y , d x, y H .
Osservazione. Un operatore unitario conserva quindi anche le norme:

(5.42)

}U x}2  x U x, U x y  x x, x y  }x}2 ,
e risulta quindi isometrico, ma nel concetto di operatore isometrico non ` e richiesta la suriettivit` a. Anch` e un operatore isometrico risulti in eetti unitario occorre vericare la suriettivit` a. Esempio 5.4 A titolo di esempio si consideri loperatore di shift denito su uno spazio di Hilbert H (separabile) tramite la sua azione su un sistema ortonormale completo tej uV j 0 : T ej  ej 1 , j  0, 1, . . . (5.43) che risulta isometrico ma non ` e suriettivo (il primo vettore e0 non si ottiene mai come immagine di qualche vettore).

Teo. 5.13 Un operatore U denito su uno spazio di Hilbert H risulta unitario se e solo se: UX U  1  U UX , (5.44) cio` eU ` e invertibile con linverso coincidente con laggiunto: U 1

 UX .

(5.45)

Dim. 5.13 Supponiamo U unitario, cio` e denito su tutto H, suriettivo e che conservi il prodotto scalare. La relazione (5.42) comporta che U x appartiene al dominio DpU X q e: UX U x  x , per cui: UX U

d x H.  1.

5.3 Operatore aggiunto

345

Poich` e il range di U coincide con tutto lo spazio H allora la medesima relazione comporta anche che DpU X q  H, per cui, dato x H esiste y H tale che U y  x e: U UX x  U UX U y UX U

 U y  x,

per cui si ha luguaglianza operatoriale:

 U UX  1 .

Viceversa, supponiamo valida la relazione operatoriale (5.44). Tale equazione indica anche lidentit` a dei domini dei vari operatori, per cui: DpU q  DpU X q  Dp1q  H . UX U x  x U UX x  x

d x d x

RpU X q  H , RpU q  H ,

e si ottiene la conservazione del prodotto scalare:

x U x, U y y  x U X U x, y y  x x, y y , d x, y H .
La propriet` a di conservazione del prodotto scalare, tipica degli operatori unitari, ha una piccola conseguenza anche sulle immagini di un sottospazio. Lem. 5.14 Se L ` e un sottospazio di uno spazio di Hilbert H, e: U : H H ` e unitario, allora:

pU pLqqu  U pLuq .

(5.46)

pU pLqqu, allora, essendo U suriettivo, z  U y, con y H e: x U y, U x y  0 d x L , x y, x y  0 d x L , per cui y Lu e U y  z U pLu q. Viceversa, assumiamo z U pLu q, per cui z  U y , con y Lu , per cui: x y, x y  0 d x L , x U y, U x y  x z, U x y  0 d x L , cio` e z pU pLqqu , e lidentit` a tra gli insiemi risulta provata.
Dim. 5.14 Sia z

346

Capitolo 5 Operatori

5.3.3

Operatori di proiezione

Esaminiamo ora le propriet` a di aggiunzione degli operatori di proiezione ortogonali deniti quando abbiamo discusso la possibilit` a di decomporre uno spazio di Hilbert in sottospazi ortogonali tra loro (vedi il teorema 4.6). Se M ` e un sottospazio chiuso di uno spazio di Hilbert H, allora vale la decomposizione: HM

Mu , M,
xP

ed ogni vettore x H pu` o essere decomposto in maniera unica nella somma: x  xI xP , xI

Mu ,

e la componente (univocamente determinata da x) xI denisce loperatore di proiezione ortogonale su M : P x  xI , denito su tutto H. Per il teorema di Pitagora la proiezione ortogonale xI ha una norma sicuramente inferiore a }x}, }xI } }x}, per cui:

d x H, e P risulta limitato con }P } 1. Daltra parte, se x M , allora la proiezione di x coincide


con x stesso e: Pxx

}P x} }x}

dxM,

per cui coincidono anche le norme e (a meno che P non sia identicamente nullo, cio` e il sottospazio M sia formato dal solo vettore nullo):

}P }  1 .
Se invece x M u la sua proiezione su M risulta nulla, per cui abbiamo anche: Px0

d x Mu .

Inoltre, proiettando una proiezione su M , si riottiene ancora la proiezione, cio` e risulta valida lequazione: P2  P . e si dice che P ` e un operatore idempotente. Poich` eP ` e un operatore limitato, non ci sono problemi per la denizione delloperatore X aggiunto P , che risulta anchesso denito su tutto H. Consideriamo ora due vettori x, y arbitrari e le loro proiezioni su M : xI

 P x,

yI

 P y,

5.3 Operatore aggiunto

347

la decomposizione in sottospazi ortogonali comporta che i vettori x xI e y y I risultano ortogonali a M , per cui abbiamo:

x P x, y y  x xI, yI y yI y  x xI, yI y x xI, y yI y  x xI, yI y , x x, P y y  x xI x xI, yI y  x xI, yI y x x xI, yI y  x xI, yI y , x x, P y y  x P x, y y ,


ed essendo ci` o valido per ogni x, y autoaggiunto:

H, loperatore di proiezione ortogonale risulta PX

P.

Osservazione. La propriet` a di autoaggiunzione e lunitariet` a della norma operatoriale sono una conseguenza dellortogonalit` a dei sottospazi che decompongono lo spazio di Hilbert. In mancanza di tale ortogonalit` a tali propriet` a vengono a cadere, ma permangono le altre, in particolare la propriet` a di idempotenza tipica delle proiezioni. Riassumendo, dato un sottospazio chiuso M di uno spazio di Hilbert H, risulta determinato un operatore limitato P denito su tutto H con le propriet` a: P2

P, PX  P , dxM, d x Mu .
PI x  0

(5.47)

il cui range coincide con il sottospazio M stesso e: Pxx Px0 (5.48)

Queste ultime propriet` a rendono unico loperatore in quanto se P I verica anchesso: PI x  x

dxM,
xI

d x Mu . Mu ,

Allora, per ogni x H, decomponendolo nella somma: x  xI xP , abbiamo:

M,

xP

P I x  P I xI P I xP

 xI  P x .

La corrispondenza tra sottospazi chiusi ed operatori idempotenti ed autoaggiunti ` e in realt` a biunivoca, in quanto dato un operatore lineare P denito su tutto H e che verica le condizioni (5.47), possiamo costruire un sottospazio chiuso M il cui proiettore ortogonale

348

Capitolo 5 Operatori

risulta proprio loperatore P . Vediamo innanzitutto che P , in conseguenza delle (5.47) risulta limitato. Se x H, abbiamo:

}P x}2  x P x, P x y  x x, P X P x y  x x, P 2 x y  x x, P x y }x} }P x} , }P x} }x} .


M

Deniamo ora il sottospazio M come:

xH; Pxx .

(5.49)

Essendo P limitato esso risulta un sottospazio chiuso, infatti se xn convergente, xn x H, per continuit` a abbiamo: P xn

M ` e una successione

per cui x M e M ` e chiuso. Vediamo inoltre che M coincide con il range delloperatore P . Infatti se x M allora, essendo limmagine di se stesso, x RpP q. Se, viceversa, x RpP q allora x ` e limmagine di un elemento y H: per cui x M e: xPy

 xn ,

P x  x,

P x  P2 y

 P y  x,

Vediamo ora che P si annulla sul complemento ortogonale di M . Sia x M u , per cui se y` e un arbitrario elemento di H, P y M , e:

RpP q  M

 M .

x y, P x y  x P y, x y  0 ,
Q1P ,

P x  0.

Loperatore P verica quindi le relazioni (5.48) con il sottospazio M denito da (5.49). Osservazione. In coppia con P possiamo denire anche loperatore:

che gode anchesso delle medesime propriet` a di idempotenza ed autoaggiunzione: Q2

 p1 P q2  1 2 P P 2  1 P  Q QX  p1 P qX  1 P  Q . P 2  0  p1 P q P  Q P ,

Inoltre:

P Q  P p1 P q  P

e Q risulta chiaramente il proiettore ortogonale sul sottospazio chiuso complemento ortogonale M u . Volendo estrarre delle conclusioni, abbiamo stabilito la validit` a della seguente proposizione.

5.3 Operatore aggiunto

349

Teo. 5.15 Ogni decomposizione di uno spazio di Hilbert H in sottospazi chiusi M e M u , ortogonali tra loro: H  M Mu pu` o essere posta in corrispondenza biunivoca (iniettiva e suriettiva) con una coppia di operatori P , Q, deniti su tutto H, con le propriet` a:

P, PX  P , P Q  1,
P2 e che vericano: P x  x, P x  0, Qx  0, Qx  x,

 Q, QX  Q , P Q  QP  0,
Q2

dxM, d x Mu .

Poich` e un sottospazio chiuso di uno spazio di Hilbert risulta a sua volta uno spazio di Hilbert, laermazione pu` o essere estesa induttivamente a pi` u di due sottospazi. Teo. 5.16 Ogni decomposizione di uno spazio di Hilbert H in sottospazi chiusi M1 , M2 , . . . , MN , ortogonali tra loro: Mj uMk H  M1 M2 MN ,

d j $ k  1, 2, . . . N ,

pu` o essere posta in corrispondenza biunivoca (iniettiva e suriettiva) con una N -upla di operatori P1 , P2 , . . . PN , deniti su tutto H, con le propriet` a: Pj Pk

 jk Pk , j, k  1, . . . , N PjX  Pj , j  1, . . . , N P1 P 2 PN  1
Pj x  x , Pj x  0 ,

e che vericano, per j

 1, . . . , N : d x Mj , d x Mju .

350

Capitolo 5 Operatori

5.4

Trasformate di Fourier
f : Rn

La trasformata di Fourier ` e una trasformazione matematica che ad una funzione

associa una nuova funzione formalmente tramite loperazione:

pF f qp q  p q 
r f

1 i x p2qn{2 Rn e f pxq dx ,

(5.50)

dove con x  1 x1 n xn indichiamo il prodotto scalare ordinario di due vettori di Rn . Ovviamente tale operazione ha senso solo se lintegrazione ` e possibile e vedremo sotto quali condizioni ci` o` e vero e la denizione ` e ben posta. Limportanza della trasformazione di Fourier risiede nelle sue propriet` a algebriche e nella possibilit` a di estendere la sua denizione ad una opportuna classe di distribuzioni. Assieme alla denizione precedente possiamo anche considerare la denizione (sempre quando risulta ben denita):

pF f qp q 

1 i x r p2qn{2 Rn e f pxq dx  f p q .

(5.51)

che chiameremo, per distinguerla dalla precedente, la trasformata di Fourier coniugata oppure antitrasformata di Fourier. Ovviamente tutte le conclusioni che trarremo per la trasformata (diretta) risulteranno valide per la coniugata, in quanto la scelta del segno nellesponenziale ` e arbitraria, come pure la scelta del fattore di normalizzazione (una volta operata una scelta convenzionale bisogna per` o mantenerla coerentemente). Esempio 5.5 Consideriamo un semplice esempio (in una dimensione) che mostra alcune caratteristiche importanti della trasformazione di Fourier. Sia la funzione caratteristica dellintervallo r1, 1s: 5 1 se |x| 1 , pxq  (5.52) 0 se |x| 1 , allora lintegrale di Fourier (5.50) risulta ben denito:
rp q 

c1 ei x pxq dx  2 R
i i x x1 c1 e x1 2

1 c1 ei x dx 2 1

i i c1 e ei  2

2 sin

Otteniamo cio` e una funzione:


rp q 

2 sin ,

5.4 Trasformate di Fourier

351

continua (malgrado la discontinuit` a della funzione caratteristica ), limitata e tendente a zero per V. Queste caratteristiche sono in realt` a generali e riconducibili al solo fatto che la funzione caratteristica ` e una funzione sommabile.

Se consideriamo funzioni sommabili lintegrale di Fourier risulta ben denito (il fattore esponenziale ` e a modulo unitario) e possiamo vedere subito le conseguenze notate con lesempio precedente. Teo. 5.17 Sia f L1 pRn q. Allora lintegrale di Fourier pF f qp q esiste per ogni r : Rn C che gode delle seguenti propriet` e denisce una funzione f a:
r` i) f e limitata dalla norma in L1 di f :

Rn

}F f }V p21qn{2 }f }1 .
r F f ` ii) f e uniformemente continua. rp q tende a 0 per iii) f

(5.53)

V:

||V

rp q  0 . lim f

(5.54)

Per h 0 lintegrando si annulla per la continuit` a dellesponenziale, per cui se possiamo r. Abbiamo passare il limite sotto il segno di integrale risulta vericata la continuit` a di f la maggiorazione uniforme ed integrabile:
f x ei x ei hx

Dim. 5.17 La prima aermazione risulta una immediata conseguenza della sommabilit` a della funzione f : 1 r |f p q| p2qn{2 n |f pxq| dx  p21qn{2 }f }1 . R Per vedere la continuit` a della trasformata di Fourier consideriamo la dierenza: 1 i x ei hx 1 dx . r r f p hq f p q  f p x q e p2qn{2 Rn

pq

1 2 |f pxq| ,

pertanto possiamo applicare il teorema di convergenza dominata di Lebesgue e:

|frp hq frp q| 0. h0
Luniforme continuit` a pu` o essere vista ora come conseguenza della uniformit` a in della maggiorazione ottenuta. Infatti abbiamo:

| p hq p q|
r f r f

i h x 1 e dx 0 , | f p x q| 1 h0 p2qn{2 Rn

352

Capitolo 5 Operatori

indipendentemente da . In alternativa luniformit` a pu` o essere vista come conseguenza r della continuit` a, della limitatezza e del fatto che f p q tende a zero per V (in base alla successiva aermazione). Vediamo ora lultima aermazione, che costituisce lenunciato del cosidetto lemma di Riemann-Lebesgue. Dalla teoria delle funzioni sommabili ` e noto che una funzione appartenente a L1 pRq pu` o essere approssimata da una funzione semplice, il cui codominio ` e cio` e costituito da un numero nito di valori e che si pu` o scrivere come: pxq 
N k 1

ck Ek pxq

e restrittivo con Ek funzione caratteristica di un insieme Ek a misura nita che non ` supporre un poliintervallo di Rn (questa aermazione ` e anche nota come teorema del sottograco). Sostanzialmente signica che, data una funzione f L1 pRn q e, ssato 0, esiste una funzione semplice con:

}f }1 

Rn

|f pxq pxq| dx

La trasformata di Fourier della funzione caratteristica di un poliintervallo E ra2, b2s ran, bns: 5 1 xE, E pxq  0 xE, ` e facilmente calcolabile:
rE p q 
n ei am m ei bm m 1 p2 qn{2 m1 i m

 ra1, b1s

e tende a zero per

V. Possiamo allora dire:


ei x f x Rn

|frp q| 

1 p2 qn{2

p q pxq

dx

N k 1

ck

ei x Ek p

x dx

N 1 1 | f p x q p x q| dx | ck | ei x Ek pxq dx n { 2 n { 2 p2 q Rn p2 q R k 1 N k 1

 p2 1qn{2 }f }1

rE p q| , |ck | |
k

e tutti i singoli termini della somma possono essere resi piccoli a piacere, scegliendo abbastanza vicino a f (nella topologia di L1 pRn q) e abbastanza grande ( V).

5.4 Trasformate di Fourier

353

Se ora consideriamo due funzioni f, g L1 pRn q allora le loro trasformate di Fourier F f , F g sono funzioni continue e limitate per cui possiamo considerare gli integrali:

Rn Rn

f pxq pF g qpxq dx 

Rn Rn

ei x f pxq g p q d dx ei x f pxq g p q dx d

pF f qp q gp q d 

Rn Rn

che dieriscono fra loro solo per lordine di integrazione. Ma lintegrando verica:
i x e f x g

p q p q  |f pxq| |gp q| ,

che ` e sommabile su Rn Rn , per cui possiamo applicare il teorema di Fubini e scambiare lordine di integrazione. Quindi i due integrali, con la sola ipotesi di sommabilit` a delle due funzioni f e g , risultano uguali. Teo. 5.18 Siano f, g

L1pRnq. Allora vale la relazione:


Rn
f pxq pF g qpxq dx 

Rn

pF f qp q gp q d .

(5.55)

5.4.1

Convoluzione di funzioni.

Vogliamo ora dedicare un p` o di attenzione ad una importante operazione che pu` o essere eseguita (quando possibile) tra due funzioni, il cosidetto prodotto di convoluzione. Date due funzioni: f : Rn C , g : Rn C , il prodotto di convoluzione f

g` e denito come la funzione:

pf gqpxq 

Rn

f px y q g py q dy .

(5.56)

Il prodotto di convoluzione pu` o essere visto, da un punto di vista puramente algebrico, come una operazione binaria nello spazio delle funzioni e pu` o dare informazioni, da un punto di vista statistico, sulla correlazione tra due quantit` a f e g. Vediamo ora sotto quali condizioni possiamo garantirci lesistenza del prodotto di convoluzione e capire le sue propriet` a. Teo. 5.19 Se f

L1pRnq e g LppRnq, con 1 p V, allora la funzione: y f px y q g py q

` e integrabile (in y ) al variare di x quasi ovunque in Rn e, indicando il suo integrale

354

Capitolo 5 Operatori

con pf g qpxq, tale integrale denisce un elemento di Lp pRn q per il quale vale la disuguaglianza di Young: }f g}p }f }1 }g}p . (5.57) Dim. 5.19 Consideriamo prima il caso p  V e sia x Rn ssato. La funzione y

f px yq

appartiene a L1 pRn q, per cui, ricordando la disuguaglianza di H older, abbiamo che il prodotto f px y q g py q (sempre come funzione di y ) appartiene a L1 pRn q, e:

Essendo tale relazione valida per ogni x Rn , il prodotto di convoluzione risulta limitato, cio` e in LV pRn q e considerando lestremo superiore al variare di x:

Rn

|f px yq gpyq| dy }f }1 }g}V .

}f g}V }f }1 }g}V .
Sia ora p  1, consideriamo il prodotto f px y q g py q come funzione di entrambe le variabili x e y e lintegrale:

Rn

dy |g py q|

Rn

dx |f px y q| 

Rn

dy |g py q|

Rn

dx |f pxq|  }g }1 }f }1 ,

chiaramente nito essendo entrambe le funzioni integrabili per ipotesi. Possiamo allora applicare il teorema di Fubini-Tonelli e aermare che il prodotto f px y q g py q denisce una funzione di L1 pRn Rn q, lintegrale:

Rn

dy f px y q g py q

esiste quasi ovunque al variare di x e risulta (come funzione di x) a sua volta integrabile, per cui il prodotto di convoluzione pf g qpxq ` e ben denito quasi ovunque e:

}f g}1 

Rn Rn

dx |pf

gqpxq| 

dx n

Rn

dy f px

y g y

q pq

dx

Rn

dy |f px y q g py q|

 }f }1 }g}1 .

Sia ora 1 p V. Allora, per ipotesi, |g |p ` e integrabile cio` e appartiene a L1 pRn q con:

} |g|p }1  p}g}pqp .

5.4 Trasformate di Fourier

355

Per quanto visto in precedenza, la funzione y |f px y q| |g py q|p risulta in L1 pRn q quasi ovunque al variare di x e possiamo considerare il prodotto di convoluzione:

p|f | |g| qpxq 


p

ottenendo una funzione in L pR


1

q con: } |f | |g|p}1 }f }1 }g}p p.


n

dy |f px y q| |g py q|p ,

Sia ora q tale che: 1 p abbiamo lidentit` a:

1  1, q

|f px yq| |gpyq|  |f px yq|1{q |f px yq|1{p |gpyq|


con (considerando la dipendenza da y ):

|f px yq|1{q Lq pRnq ,
Allora, per H older:

|f px yq|1{p |gpyq| LppRnq .

dy |f px y q| |g py q| }f px y q1{q }q }f px y q1{p g py q}p

 p}f }1q1{q p} |f px yq| |gpyq|p}1q1{p ,


p

dove tutte le norme sono calcolate integrando rispetto alla variabile y . Elevando il tutto alla potenza p-esima:

|pf gqpxq| 

Rn

dy f px

p y g y

q pq

Rn
p

dy |f px y q| |g py q|


p

}f } { }f g }p 

p q 1

dy |f px y q| |g py q|
1{p

 p}f }1qp{q p |f | |g|pq pxq ,

ottenendo il risultato di Young4 :

p}f }1q1{q p}f }1 } |g|p }1q1{p  p}f }1q1{q p}f }1q1{p}g}p  }f }1 }g}p .
4 William Henry Young (Londra, 20 ottobre 1863 Losanna, 7 luglio 1942) ` e stato un matematico inglese. Ha lavorato principalmente sulla teoria della misura, serie di Fourier, calcolo dierenziale, ed ha fornito importanti e durevoli contributi allo studio di funzioni di molte variabili complesse.

Rn

dx |pf

gqpxq|

p}f }1q1{q p} |f | |g|p}1q1{p

356

Capitolo 5 Operatori


Osservazione. Loperazione di convoluzione ` e commutativa:

pf gqpxq  

Rn

f px y q g py q dy f pz q g px z q dz

Rn

 pg f qpxq ,

per cui i ruoli delle due funzioni f e g possono essere scambiati tra loro nel teorema precedente. Vediamo ora una importante connessione tra la trasformata di Fourier e il prodotto di convoluzione. Se due funzioni f , g , appartengono a L1 pRn q, allora esistono le loro trasformate di Fourier, F f , F g , ed il loro prodotto di convoluzione f g denisce una ulteriore funzione in L1 pRn q di cui possiamo fare la trasformata di Fourier:

pFpf gqqp q   

1 i x p2qn{2 Rn e pf gqpxq dx 1 i x dy f px y q g py q p2qn{2 Rn dx e Rn 1 i pxyq g py q ei y , p2qn{2 Rn dx Rn dy f px yq e


ma lintegrando risulta chiaramente una funzione sommabile su Rn applicare il teorema di Fubini cambiando lordine di integrazione:

Rn

e possiamo

pFpf gqqp q  

 p2qn{2 pF f qp q pF gqp q .

1 i pxyq f px y q i y p2qn{2 Rn dy e gpyq Rn dx e 1 i y i x p2qn{2 Rn dy e gpyq Rn dx e f pxq

Possiamo allora aermare che la trasformata di Fourier riduce loperazione di convoluzione ad un semplice prodotto. Teo. 5.20 Se f , g appartengono a L1 pRn q, allora: Fpf

gq  p2qn{2 pF f q pF gq .

(5.58)

5.4 Trasformate di Fourier

357

5.4.2

Funzioni a decrescenza rapida.

Vediamo ora le conseguenze della regolarit` a della funzione f sulla trasformata di Fourier F f . Per semplicit` a consideriamo il caso unidimensionale, cio` e funzioni di una sola variabile reale, e sar` a semplice generalizzare a funzioni di n varibili. Supponiamo di avere una funzione f continua, sommabile e che tenda a zero allinnito. Se la funzione ` e derivaI bile e la derivata f ` e continua (e si annulla allinnito) e sommabile, possiamo farne la trasformata di Fourier:

pF f Iqp q  c1

2 V
V

ei x f I pxq dx ,

e possiamo integrare per parti, considerando che allinnito la funzione si annulla:

pF f Iqp q  c1

 i pF f qp q .

pi q ei x f pxq dx

Se la funzione f ` e derivabile con continuit` a no allordine k possiamo ripetere il ragionamento anche per la derivata di ordine k , e integrando ripetutamente per parti (assumendo che ogni derivata risulti sommabile e tenda a zero allinnito):

pF f pkqqp q  pi qk pF f qp q .

(5.59)

Loperazione di derivazione diventa quindi, operando la trasformata di Fourier, una semplice operazione di moltiplicazione per un monomio. In pi` u, notando che la trasformata di Fourier di una funzione sommabile ` e limitata e tende a zero allinnito, abbiamo anche: | k pF f qp q| |pFf pkqqp q| const. (5.60) e quindi, in particolare, F f deve tendere a zero pi` u rapidamente di 1{ k . Maggiore ` e la regolarit` a di una funzione f maggiore ` e la velocit` a con cui la trasformata di Fourier tende a zero allinnito. Possiamo addiritura considerare funzioni derivabili con continuit` a ad ogni ordine e che siano non nulle solo allinterno di un insieme compatto di Rn (per non avere problemi allinnito). In questo caso vale la relazione:

Rn

ei x pxq dx }D }1 .

con multiindice arbitrario. Questo comporta non solo che la trasformata di Fourier di una tale funzione tende a zero allinnito ma che vi tende anche molto rapidamente, pi` u velocemente di qualsiasi potenza. Questo ha portato alla denizione delle cosidette funzioni a decrescenza rapida. Tale classe di funzioni, indicate con il simbolo SpRn q (o

358

Capitolo 5 Operatori

semplicemente S) dal nome del matematico Schwartz 5 che le ha introdotte negli anni 40, ` e denita nel seguente modo. Def. 5.4 Lo spazio S  SpRn q, detto delle funzioni a decrescenza rapida o spazio di Schwartz,` e costituito dalle funzioni di classe CV pRn q tali che per ogni multiindice e multiindice valga: sup x D pxq V , (5.61)
x

Rn

(cio` e lestremo superiore, che dipender` a da e esiste ed ` e nito). Cio` e la funzione e tutte le sue derivate devono tendere a zero pi` u rapidamente di qualsiasi potenza (oltre ad essere estremamente regolari). Un esempio tipico di funzione a decrescenza rapida ` e costituito dalla gaussiana: ex ,
2

mentre ad esempio la lorentziana: , 1 x2 pur essendo di classe CV e decrescendo a zero, non vi tende abbastanza rapidamente. Osservazione. Le funzioni di classe CV che si annullano al di fuori di un compatto (chiuso e limitato) sono dette di classe CV 0 risultano chiaramente anche a decrescenza rapida (il supporto compatto e la regolarit` a garantiscono anche lesistenza dellestremo superiore), inoltre possiamo aermare, insiemisticamente, che:
n n p n CV 0 pR q SpR q L pR q .

(5.62)

La seconda inclusione ` e conseguenza della decrescenza rapida. Se intero N e multiindice esiste una costante CN, tale che:

S, allora per ogni

p1 |x|2qN D pxq CN, ,


per cui:
D x

CN, p q p1 |x|2qN ,

Laurent Schwartz (Parigi, 5 Marzo 1915 Parigi, 4 Luglio 2002) ` e stato un matematico francese. Il suo considerevole lavoro matematico, tra cui la teoria delle distribuzioni, gli fece vincere la Fields Medal nel 1950. Aldil` a della sua attivit` a scientica, Schwartz fu un ben noto e schietto intellettuale, con simpatie verso il comunismo, ma riut` o il totalitarismo di Stalin. In pericolo di essere classicato come ebreo sotto le leggi razziali naziste, dovette passare parte della Seconda Guerra mondiale nascondendosi sotto falso nome, prevalentemente come Laurent S elimartin.

5.4 Trasformate di Fourier

359

che risulta sommabile operando una scelta abbastanza grande per N . Quindi non solo ` e sommabile, ma anche tutte le sue derivate. Vediamo ora che la scelta dello spazio funzionale ` e ben posta ai ni della trasformazione di Fourier. Sia f S e poniamo:
r f

p q

dx i x f p xq , n e Rn p2 q 2

r` vogliamo mostrare che anche f e indenitamente derivabile e tutte le sue derivate tendono rapidamente a zero. Consideriamo la dierenziabilit` a: r f

p q p q 
r f

dx ix e 1 ei x f pxq n Rn p2 q 2

dx ix e 1 i x ei x f pxq n Rn p2 q 2

Se riusciamo a provare che: p q  allora lespressione:

dx n Rn p2 q 2

pi xq ei x f pxq , 0 0

dx ix 1 e 1 i x ei x f pxq n || Rn p2q 2

rp q e fornisce le derivate di f r. costituisce il dierenziale di f Se eseguiamo una maggiorazione brutale del resto della serie: ix e

dx i x f pxq n xe 2 n p 2 q R

i x

V xj
j 2

| |  e|x| 1 | x| , j!

anche se 0, nellintegrazione non riusciamo a compensare la crescita esponenziale con la decrescenza rapida di f . Occorre procedere con maggiore cautela. e
i

1 i 

1
0

p1 tq dt
1
2

d dt

2

ei t


i e

||

1
2 0

dt p1 tq ei t dt p1 tq 

| |2 ,
2

360

Capitolo 5 Operatori

con reale. Pertanto: p q

| |

1 dx 2 n |f pxq|p xq 2| | Rn p2 q 2 2 dx 2 0 n |f pxq| |x| ||0 Rn p2 q 2

essendo lintegrale nito e indipendente da . Abbiamo quindi vericato la dierenziabilit` a e: f frp q  dx pi x q ei x f pxq , j  1, 2, . . . , n . n j fj Rn p2 q 2 Sostanzialmente abbiamo mostrato di poter derivare sotto il segno di integrale e che le r sono a loro volta delle trasformate di Fourier di funzioni in S (un fattore derivate di f polinomiale moltiplicativo non altera ovviamente lappartenenza a S). Il ragionamento r CV pRn q e in generale abbiamo pu` o quindi essere iterato indenitamente per cui f limportante relazione: D pF f q  F ppixq f q . Vediamo ora cosa succede moltiplicando per una variabile j , con j  1, 2, . . . , n. Mediante una integrazione per parti (f ` e di classe CV pRn q e si annulla allinnito):
r j f

p q  

dx i x f pxq n j e Rn p2 q 2

dx n Rn p2 q 2

d i x i e dxj

f pxq


dx i x n e Rn p2 q 2

pxq i df dxj

per cui abbiamo ancora la trasformata di Fourier di una funzione in S. Iterando il ragionamento otteniamo in generale: pF f q  Fppi Dq f q . Combinando le due regole ottenute: D pF f q  Fppi xq f q  F
D F f 

pi Dq ppi xq f q

ed in particolare, essendo la trasformata di Fourier limitata:

p qp q M V .

In questo modo otteniamo che la trasformata di Fourier di una funzione in S ` e ancora in S: F : S S .

5.4 Trasformate di Fourier

361

5.4.3

Formula di inversione.

Abbiamo visto che se f, g

L1pRnq abbiamo: pF f qp q gp q d 

Se potessimo scegliere g in maniera tale che pF g qp q  p del tipo: pF f qp q gp q d , f p xq 

Rn

Rn

f p q pF g qp q d .

xq, avremmo una formula

che esprimerebbe una funzione f quando ` e nota la sua trasformata di Fourier F f . Purtroppo sappiamo che non esiste una funzione del tipo richiesto, ma possiamo approssimare bene la di Dirac con funzioni ordinarie. Vediamo quindi di lavorare con funzioni di classe S e assumiamo che g sia del tipo: g py q  ei yx py q , con S. Il fattore esponenziale di classe CV e limitato non cambia la classe di appartenenza e abbiamo:

Rn

pF gqp q 
e per ogni S:

dy i y i xy e py q  pF qp xq , n e Rn p2 q 2

Consideriamo ora la funzione py q  p y q al posto di py q, con

Rn

d pF f qp q e p q 
i x

Rn

d f p q pF qp xq . positivo, ma piccolo:

pF qp q   
Quindi, se f

dy iy p y q n e Rn p2 q 2

1
n

dp y q i p yq p y q n e Rn p2 q 2 dy i y 1 py q  n pF q n e Rn p2 q 2

1
n

L1pRnq e SpRnq:
Rn

pF f qp q e p q d 
ix

Rn

f p q pF q

d
n

Rn

f px qpF qp q d ,

362

Capitolo 5 Operatori

dove abbiamo operato un semplice cambio di variabile x . Vediamo ora di far tendere a zero portando il limite dentro le integrazioni. Nel primo integrale abbiamo:
F f ei x

p qp q

pF f qp q ei x p q p0q pF f qp q ei x , 0 p q |pF f qp q|
z

sup |pz q| ,

Rn

per cui possiamo far passare il limite allinterno dellintegrale se assumiamo come ipotesi che F f L1 pRn q (oltre alla ipotesi f L1 pRn q). Nellultimo integrale la sola ipotesi di appartenenza a L1 pRn q non ` e in generale sufciente, ma abbiamo bisogno di un briciolo di continuit` a sulla funzione f per poter portare il limite dentro la funzione stessa. Abbiamo:

|f px q pF qp q| sup |f pzq| |pF qp q| ,


z

Rn

per cui se assumiamo f limitata e continua possiamo applicare Lebesgue, e portare il limite entro largomento di f . Vericate tali ipotesi abbiamo: p0q

Rn

pF f qp q e d  f pxq
i x

Rn

pF qp q d .
n k 1

Operando ora una scelta di una funzione , possiamo esplicitare una formula di inversione. Prendiamo come funzione in S la gaussiana:
x2 Gpxq  e 2 ,

xx

x2 k,

(5.63)

e calcoliamo esplicitamente la sua trasformata di Fourier: x2 1 r ei x 2 dx . Gp q  n p2q 2 Rn Il calcolo di tale integrale ` e ricondotto al calcolo unidimensionale, per cui possiamo considerare n  1. Abbiamo: V x2 1 r e 2 dx  1 . Gp0q  c 2 V Poich` e la gaussiana ` e regolare e a decrescenza rapida, possiamo derivare sotto il segno di integrale: x2 1 I r p q  c p ixq ei x 2 dx G 2 Rn

i c

x2 d c1 ei x i e 2 dx 2 Rn

dx

2 Rn x2 1 rp q .  c ei x 2 dx  G 2 Rn

d i x e dx

e 2 dx
x2

5.4 Trasformate di Fourier

363

Il problema di Cauchy (a variabili separabili):


rI p q  G rp q , G rp0q  1 , G
2

ammette come unica soluzione:

rp q  e 2 , G

(5.64)

cio` e la trasformata di Fourier di una gaussiana ` e ancora una gaussiana (con la scelta fatta dei parametri abbiamo nel nostro caso la stessa gaussiana di partenza). Inoltre abbiamo:
V

V
f pxq 

rp q d G

2 .

Tornando a n dimensioni otteniamo la formula di inversione: 1 ei x pF f qp q d n 2 p2q Rn

 pF pF f qqpxq ,

(5.65)

valida se f L1 pRn q, F f L1 pRn q, f continua e limitata. Scambiando i ruoli di e nelle medesime ipotesi abbiamo: f pxq  pF pF f qqpxq ,

(5.66)

per cui possiamo dire che in opportune condizioni la trasformata di Fourier e la sua coniugata esprimono luna la trasformazione inversa dellaltra. Se consideriamo una funzione S allora F S, ` e continua e limitata, per cui sono vericate le condizioni per la validit` a della formula di inversione: FF  , FF  , Questo comporta che F : S F F  : F  0

d S.
Liniettivit` a deriva da

S risulta iniettiva e suriettiva.  .

 F pF q  F p0q  0 . Infatti, questa relazione ci dice che risulta

La suriettivit` a deriva da F F limmagine, secondo F di F S.

Abbiamo visto prima una importante connessione tra la trasformazione di Fourier ed il prodotto di convoluzione. Se f , g sono funzioni sommabili, vale la relazione: Fpf

gq  p2qn{2 pF f q pF gq .

Se consideriamo funzioni nellinsieme S, ovviamente tale relazione continua a valere in quanto SpRn q L1 pRn q. La relazione precedente ci dice anche che la trasformata di

364

Capitolo 5 Operatori

Fourier del prodotto di convoluzione di due funzioni a decrescenza rapida ` e ancora a decrescenza rapida. Naturalmente tutte le relazioni trovate valgono anche per la trasformata coniugata (cambiando in ) per cui abbiamo anche: Fpf

gq  p2qn{2 pF f q pF gq .

Usando ora la formula di inversione (sicuramente valida per funzioni di S) e la suriettivit` a in S, abbiamo anche:

pF f q pF gq  F FppF f q pF gqq  p2qn{2 F pF F f q pF F gq  p2qn{2 Fpf gq ,


Fpf g q  e, per simmetria: Fpf g q  1 p2qn{2 pF f q

pF gq ,

1 p2qn{2 pF f q

pF gq .

Possiamo riassumere tutti i risultati sin qui ottenuti per la trasformata di Fourier limitandoci al caso di funzioni in S, anche se molti risultati sono validi in contesti pi` u generali. Teo. 5.21 La trasformata di Fourier trasforma funzioni a decrescenza rapida in funzioni a decrescenza rapida: F : S S , (5.67) e gode delle seguenti propriet` a. i) Costituisce una trasformazione lineare ed in particolare si ha: D pF q  Fppi xq q , per ogni multiindice e S. ii) La trasformata di Fourier risulta 1 1 e suriettiva su S, quindi invertibile e con linversa data dalla trasformata coniugata o antitrasformata F: FF  , FF  , per ogni S. (5.70) (5.71) (5.68) (5.69) x pF q  FppiDq q ,

5.4 Trasformate di Fourier

365

iii) Il prodotto di convoluzione di due funzioni a decrescenza rapida ` e ancora a decrescenza rapida e si ha:

q  p2qn{2 pF q pF q , Fp q  p2 qn{2 pF q pF q ,
Fp Fp q  Fp q  per ogni , 1 p2qn{2 pF q 1 p2qn{2 pF q

(5.72) (5.73) (5.74) (5.75)

pF q , pF q ,

S.

Osservazione. Abbiamo detto che le propriet` a di F e F sono le stesse. Possiamo vedere inoltre che applicare due volte la trasformata di Fourier (ad esempio in S) riporta alla funzione originaria ma riessa:

pF F qp q  pF F qp q  p q .

5.4.4

Trasformate di Fourier in L2 .

Abbiamo visto che se f, g

L1pRnq allora ` e valida la relazione: pF f qp q gp q d 

Rn
e, se ,

Rn

f p q pF g qp q d ,

S possiamo usare la suriettivit` a della trasformata di Fourier e scrivere:

Rn

pF qp q pF qp q d 

Rn

pF pF qqp q p q d .

Daltra parte il complesso coniugato della trasformata di Fourier ` e direttamente valutabile come antitrasformata della funzione complessa coniugata:

pF qp q 

1 2 p2q n

Rn

ei x pxq dx  pF qp q ,

366 e di conseguenza si ottiene la relazione, detta di Plancherel6

Capitolo 5 Operatori

che esprime la conservazione del prodotto scalare in L2 pRn q. Sappiamo inoltre che:
n n 2 n CV 0 pR q SpR q L pR q , n per cui possiamo vedere S come sottoinsieme denso di L2 pRn q (CV e un sottoinsieme 0 pR q ` 2 n denso in L pR q). La trasformata di Fourier F conserva il prodotto scalare e la norma in L2 pRn q:

Rn

pF qp q pF qp q d 

Rn

pxq pxq dx ,

x F , F y  x , y , }F }2  }}2 , per cui risulta continua secondo la topologia di L2 pRn q. Essendo la trasformazione lineare
F : L2 pRn q

F continua in un sottoinsieme denso, pu` o essere estesa con continuit` a a tutto lo spazio di Hilbert L2 pRn q mantenendo la stessa norma operatoriale:

L2 pRn q ,

e risulta unitaria. Per mostrare questultima aermazione occorre mostrare che lestensione a tutto L2 conserva il prodotto scalare ed ` e suriettiva. Se f, g L2 pRn q possiamo approssimarle con successioni di elementi di S: j
L f, j V
2

L g, j V
2

j , j

S,

e, per denizione di estensione continua: F j Inoltre:


L Ff , j V
2

F j

L Fg. j V
2

x F j , F j y  x j , j y ,

Michel Plancherel (Bussy, Fribourg, Svizzera, 16 Gennaio 1885 Zurigo, 4 Marzo 1967) ` e stato un matematico svizzero. Si occup` o di analisi matematica, sica matematica, algebra ed ` e noto per il teorema di Plancherel nellanalisi armonica.

5.4 Trasformate di Fourier

367

e la continuit` a del prodotto scalare comporta la conservazione del prodotto scalare:

L2pRnq . La suriettivit` a` e conseguenza della suriettivit` a in S. Se f L2 pRn q: f  lim j , j S , j V


f, g j

x F f, F g y  x f, g y ,

(5.76)

 F j ,

S.
0,

le funzioni j formano una successione di Cauchy:

}k l }2  }F k F l }2  }k l }2 k,lV
quindi convergenti ad un elemento g

L2pRnq, e per continuit` a: F g  lim F j  lim j  f . j V j V


F : L2 pRn q

Possiamo quindi concludere aermando che la trasformata di Fourier F costituisce una trasformazione unitaria da L2 pRn q a L2 pRn q:

L2 pRn q , (5.77)

con:

FX

 F 1  F .

Osservazione. La denizione di trasformata di Fourier tramite lintegrale (5.50) non ` e pi` u valida in generale in tutto L2 pRn q, ma dobbiamo ricorrere alla denizione come estensione continua da S a L2 pRn q. Lo stesso discorso vale per la sua inversa F denita anchessa in generale come estensione continua della antitrasformata di funzioni in S.

368

Capitolo 5 Operatori

Appendice: il teorema del sottograco.


Vediamo ora, per completezza, un complemento di teoria della misura, il cosidetto teorema del sottograco. Teo. 5.22 Sia 1 p V. Le combinazioni lineari di funzioni caratteristiche di poliintervalli sono dense in Lp pRn q (dove una funzione caratteristica ` e considerata, p n come elemento di L pR q, assieme a tutta la sua classe di equivalenza). Dim. 5.22 La verica di tale aermazione avviene in due passi. Dapprima si vede che ogni elemento di Lp pRn q ` e approssimabile mediante combinazioni lineari di funzioni caratteristiche di insiemi misurabili con misura nita. In seguito ogni funzione caratteristica ` e approssimabile con combinazioni lineari di funzioni caratteristiche di poliintervalli. Vediamo la prima parte. Sia u Lp pRn q, u ` e in generale una funzione complessa, ma possiamo limitarci a considerare u reale in quanto possiamo sempre decomporre una funzione complessa nelle sue parti reale ed immaginaria, e approssimare separatamente le due funzioni reali cos` ottenute. Una funzione reale u a sua volta pu` o essere decomposta nelle sue parti positiva e negativa: u  u u , u pxq  u pxq 
5

upxq 0

se upxq 0

se upxq 0

upxq

se upxq 0 se upxq 0

per cui possiamo considerare solo funzioni positive. Supponiamo quindi: upxq 0

d x Rn .

Per ogni intero k dividiamo lintervallo di reali positivi r 0, k s in intervalli di lunghezza 1{2k : &  j j1 , , j  0, 1, . . . , k 2k 1 , k k 2 2 e deniamo: 6 se upxq k , 8 0 u k p xq  j j1 7 j se u p x q 2k 2k 2k In ogni caso abbiamo: uk pxq upxq upxq uk pxq 1 2k

d x Rn ,
se upxq k ,

5.4 Trasformate di Fourier

369
qqq qqq u q qq qqqqqqqq qqqq q q q q qqq q qqq qqqq qqqq qqq q q qqq qqq qqq qqq q q qqqq q uk qqqqqqqqqq qqqqqqqqqqq qqqqqqqq

k
j 2k

Aj

Figura 5.2: Teorema del sottograco. per cui abbiamo una buona approssimazione nelle regioni in cui u ` e nita. Chiaramente uk risulta una combinazione lineare (nita) e a coecienti positivi di funzioni caratteristiche di insiemi misurabili Aj : uk pxq  Aj
k k2 1

j
2k

j 0

Aj pxq ,

j xR ; k 2
n

upxq

j1 2k

Questi insiemi (disgiunti) devono essere a misura nita in quanto:

Rn

uk pxq dx 
p

j Aj

uk pxq dx 
p

Aj

uk pxqp dx


Siccome u Lp pRn q linsieme:

j 2k

p

pAj q

upxqp dx V .

 t x Rn ; upxq  Vu risulta a misura nulla, e per ogni x NV upxq risulta nita e approssimabile con uk pxq: d x NV uk pxq upxq , kV
NV Inoltre abbiamo la maggiorazione uniforme e sommabile:

|upxq uk pxq|p 2p |upxq|p ,

370

Capitolo 5 Operatori

per cui possiamo applicare il teorema di Lebesgue:

lim

cio` e uk u nella topologia di Lp pRn q. Vediamo ora il secondo passo. Sia A la funzione caratteristica di un insieme misurabile e a misura nita A. Allora A pu` o essere ricoperto mediante poliintervalli Ej (formando un ricoprimento numerabile), che possiamo assumere disgiunti: A

V Rn

|upxq uk pxq|p dx  0 ,

Ej ,

Ej

Ek

 r,

e la misura di A pu` o essere vista come lestremo inferiore della misura di tali poliintervalli (al variare dei poliintervalli che forniscono un ricoprimento di A): pAq  inf

pEj q .

Allora, per denizione di estremo inferiore esiste un ricoprimento tEj u tale che, dato 0: pEj q , pEj q pAq
j j

per cui:

Rn

j Ej pxq A pxq dx

Possiamo considerare un sottoinsieme nito di tali poliintervalli in quanto, sempre applicando il teorema di Lebesgue:
j Ej x Rn

p q

N j 1

per cui esiste N tale che per N

j Ej x n R A x Rn

N:

Ej p

x dx

0. N V
.

p q

N j 1

Ej p

x dx

e:

p q

N j 1

` ora facile ottenere la convergenza in Lp pRn q in quanto, assumendo le funzioni caratteE ristiche solo i valori 0 e 1:

Ej p

x dx

Rn

A x

p q  E p q
N j 1 j

p x dx

Rn

A x

p q  E pxq dx .
N j 1 j

5.5 Esercizi

371

5.5

Esercizi

Esercizio 5.1 Sia X  C pra, bsq lo spazio di Banach delle funzioni continue sullintervallo (chiuso) ra, bs con la norma: }f }  sup |f pxq| .
x a,b

r s

Su X si denisca loperatore lineare B tale che, per ogni f B : f pxq pBf qpxq  essendo H px, y q Cpra, bs ra, bsq. a) Si dimostri che B ` e continuo. b) Si calcoli et B nel caso in cui H px, y q  1. Esercizio 5.2 f L2 pr0, 1sq:
b
a

X:

H px, y qf py qdy ,

Nello spazio di Hilbert L2 pr0, 1sq si consideri loperatore tale che, per ogni
A : f pxq g pxq 
x
0

dt f ptq .

a) Si dimostri che A e limitato e si stimi la sua norma. b) Si determini AX e si calcoli A AX . Esercizio 5.3

In L2 pRq si consideri per a R, a $ 0, loperatore: Sa : f pxq f paxq , f L2 pRq .


X Sa Sa XS .  Sa a

a) Si dimostri che Sa ` e limitato e se ne calcoli la norma. X e normale, cio` e commuta col suo aggiunto: Si calcoli inoltre Sa e si verichi che Sa `

b) Si ponga ora,

d f L2pRq:
f pxq  f pxq  1 rf pxq f pxqs , 2 1 rf pxq f pxqs . 2

Si verichi che f pxq (f pxq) appartiene al sottospazio V (V ) delle funzioni pari (dispari) e che tali due sottospazi sono ortogonali tra loro, sicch` e L2 pRq  V V . Si ponga quindi a  1 e si dimostri che V e V sono autospazi delloperatore S1 , determinandone i relativi autovalori.

372

Capitolo 5 Operatori

Esercizio 5.4 Nello spazio di Hilbert:


2

 tc  pc0, c1, c2, q

V
j 0

|cj |2 Vu , c

si consideri loperatore:

A : pc0 , c1 , c2 , q pc1 , 2c2 , 3c3 , q . a) Si determini il dominio D di A. b) Si determini loperatore aggiunto di A. c) Si determinino autovalori ed autovettori degli operatori B

Esercizio 5.5 Si consideri in L2 pr0, 1sq loperatore A denito da:

 AXA e C  AAX.

pAf qptq  tf ptq


a) Mostrare che loperatore A ` e limitato. b) Determinare laggiunto AX di A.

1
0

f p q d .

c) Determinare gli autovalori e le corrispondenti autofunzioni f ptq tali che:


1
0

f ptqdt  1 .

Esercizio 5.6 relazione: con , In uno spazio di Hilbert H si consideri loperatore A denito dalla A x  x u, x y u x v, x y v ,

C e u, v vettori ortonormali in H .

a) Vericare che loperatore A ` e limitato e calcolarne la norma. b) Calcolare esplicitamente loperatore eA .

Esercizio 5.7 denita da:

Nello spazio di Hilbert

L2 p0, 2 q
0

si consideri lapplicazione lineare A

pA f qpxq 

cospx y q f py q dy

5.5 Esercizi

373

a) Mostrare che loperatore A ` e limitato e calcolarne la norma. b) Determinare per quali valori di z

C la serie:
V
n 0

z n An

` e convergente in norma.

Esercizio 5.8 Si calcoli, usando i teoremi dellanalisi complessa, la trasformata di Fourier della funzione: 1 f pxq  p1 i xq2 .

Esercizio 5.9 Sia f la funzione di variabile reale: f pxq  con T


5

sin x 0

| x| T | x| T

0. L2pRq.

a) Mostrare che f

b) Calcolare la trasformata di Fourier di f .

374

Capitolo 5 Operatori

5.5.1

Soluzioni

Soluzione 5.1 a) Innanzitutto notiamo che B ` e ben denito poich` e, se H px, y q Cpra, bs ra, bsq allora anche pBf qpxq ` e continua su ra, bs quando f lo ` e. Inoltre si ha:

|pBf qpxq| 

b H x, y f y dy
a

p qpq
ra,bsra,bs
sup

b
a

|H px, yqf pyq| dy }f } |H px, yq| dy


a

pb aq
Per cui:

|H px, yq| }f }  CH }f }

}B f }  sup |pB f qpxq| CH }f } .


ra,bs

b) In questo caso si ha, per ogni f

X:
f py q dy
b

pBf qpxq  pB f qpxq 


2

b b
a

dz
a a

f py q dy

 pb aqpBf qpxq

. . .

pB f qpxq 
n

b
a

dz pB n1 f qpxq  pb aqn1 pBf qpxq

da cui etB pf q 

V tB n f
n 0

p q  f tpBf q 1 t2pb aqpBf q 1 t3pb aq2pBf q n! 2! 3!


1


 f b a tpb aq 1B f f e ba
pbaqt
ovvero etB

1 2 1 t pb aq2 t3 pb aq3 B f 2! 3!

&

pbaqt 1 1 e ba B

Soluzione 5.2

5.5 Esercizi

375

a) Si ha:

|gpxq| 

x dt f t
0

pq

x
0

dt |f ptq|  x1, |f |y
1{2 1
0 2

}1} }|f |} 

1
0

dt |1|

dt |f |

1{2
2

 }f } ,

essendo 1 la funzione identicamente uguale ad uno su tutto lintervallo. Ne segue che:

}Af }  }g} 
2 2

1
0

dt |g ptq|

1
0

dt }f }2

 }f }2 ,

da cui }A} 1. b) Si ha, per ogni f, g

L2pr0, 1sq:
1
0

xAXf, gy  xf, Agy  


da cui:
1 x

dx f pxq

x
0

dt g ptq
1

 1 

dx
0 0

dt f pxqg ptq 

dt
0 t

dx f pxqg ptq
1
t

1
0

dt
t

dxf pxq g ptq ,

AX : f ptq hptq 
t
0

dxf pxq
1
0

Ne segue anche che: A AX : f pxq dxf pxq


1
t

dxf pxq 

dxf pxq.

Soluzione 5.3 a) Se f pxq L2 pRq si ha, operando il cambio di variabile y

}Sapf q} 
2

|f paxq|

dx 

1 V 2 |a| V |f pyq| dy

 ax:
1 2  |a | }f } ,

e quindi Sa ` e un operatore limitato. Inoltre:

}Sapf q}2  1 }f }2 | a|
e quindi 1 }Sa}  |a |
d

376

Capitolo 5 Operatori

X` ` denito Poich` e Sa ` e limitato, Sa e denito ovunque ed ` e anchesso un operatore limitato. E 2 dalla relazione, per f, g L pRq: X f, g y  x f, S g y  x Sa a
da cui:
V

f pxq g paxq dx 

1 V |a| V f py{aq gpyq dy

X : f pxq Sa X f qpxq  S pSa Sa a




1 |a| f px{aq .
&

Inoltre si ha: 1 |a| f px{aq 1  |a | f pxq ,

X S f qpxq  S X rf paxqs  1 f pxq , pSa a a | a| X Sa Sa XS ,  Sa a

e loperatore ` e normale. b)

d f L2pRq si ha:
f pxq  f pxq  1 rf pxq f pxqs  fpxq , 2 1 rf pxq f pxqs  fpxq , 2

ovvero f pxq (f pxq) appartiene al sottospazio V (V ) delle funzioni pari (dispari). Tali due sottospazi sono ortogonali tra loro, poich` e se f V e f V , il loro prodotto scalare ` e nullo: V

x f , f y 

essendo f pxq f pxq una funzione dispari. Ora, ogni f

L2pRq puo essere scritta come: f pxq  f pxq f pxq


L2 pRq  V V .

f pxqf pxq dx  0

essendo f denite come sopra e quindi:

` inne immediato vericare che V e V sono autospazi delloperatore S1 (detto E operatore parit` a), con autovalori  1 e  1 rispettivamente: S1 rf pxqs  f pxq  f pxq , S1 rf pxqs  f pxq  f pxq .

5.5 Esercizi

377

Soluzione 5.4 a) Un vettore c


2 2

` e nel dominio di A se e solo se A c

. Si ha:

}Ac} 
da cui DpAq 
5

V
j 1

j | cj | 2

V |cj |2  j 2p1 , 0, per grandi j , 1 q


V
j 0

c  pc0 , c1 , c2 , . . .q

j | cj |

V
,

c  pc0 , c1 , c2 , . . .q

: | cj | 

j 1

0, per grandi j
V
k 1

b) Sia c  pc0 , c1 , c2 , q DpAq e b  pb0 , b1 , b2 , q DpAX q, cos` che:

x AX b, c y  x b, A c y 
da cui:
5

V
j 0

bj

j 1cj 1

kbk1 ck ,

 0, kbk1 k  1, 2, , c AX pb0 , b1 , b2 , q p0, b0 , 2b1 , q . Inoltre si ha DpAX q  DpAq . pAXbqk  c


0 k c) Si ha: B : pc0 , c1 , c2 , q p0, c1 , 2c2 , q , C : pc0 , c1 , c2 , q pc0 , 2c1 , 3c2 , q ,

B ha quindi autovalori:  0 con autovettore p1, 0, 0, q e  k (k  1, 2, ) con autovettore p0, 0, , 0, 1, 0, q, dove 1 ` e al posto k mo. C ha invece autovalori:  k (k  1, 2, ) con autovettore p0, 0, , 0, 1, 0, q, dove 1 ` e al posto pk 1qmo.

Soluzione 5.5 a) Si pu` o scrivere:

pAf qptq  tf x 1, f y }Af }  }tf x 1, f y} }t f } |x 1, f y| }1} }t f } }1}2 }f }

378

Capitolo 5 Operatori

ed abbiamo:

}t f } 
2

1 1
0 0

t |f ptq| dt
2 2

1
0

|f ptqq2 dt  }f }2 ,

}1} 
2

1 dt  1 .

Pertanto:

}A f } 2 }f } }A} 2 .
b) Laggiunto AX ` e denito dalla relazione:

x f, A g y  x AX f, g y
ma:

d f, g L2r0, 1s ,

x f, A g y  x f, t g x 1, g y y  x f, t g y x 1, g y x f, 1 y  x tf, g y x 1, f y x 1, g y  x t f, g y x x 1, f y , g y  x tf x 1, f y, g y  x A f, g y cio` e loperatore A ` e simmetrico ed essendo limitato ` e autoaggiunto A  AX .


c) Lequazione agli autovalori ` e (tenendo conto della condizione di normalizzazione richiesta): t f ptq tf
1
0

f ptq dt  f ,

L2, f $ 0 ,
t 1

1  f
1
0

f ptq 

Si vede che f ptq L2 p0, 1q se r0, 1s. Imponendo eettivamente la condizione: f ptqdt  1 ,

1
0

dt  ln

||  1 , | 1|
,

1 

 e ,
e1 e

5.5 Esercizi

379

e lunico valore accettabile risulta:  e1

1.
e , P2 x  x v, x y v ,

Soluzione 5.6 a) Si pu` o scrivere A  P1 P2 , con:

P1 x  x u, x y u ,

operatori di proiezione ortogonale lungo i vettori u e v . Si ha:

 P1 , P1 P2  P2 P1  0,
2 P1

 P2 , }P1}  }P2}  1.
2 P2

Loperatore A ` e quindi limitato, e:

}A} || }P1} | | }P2}  || | | .


Essendo u e v ortogonali tra loro abbiamo che P1 x e P2 x sono ortogonali tra loro:

}A x}2  ||2 }P1 x}2 | |2 }P2 x}2 maxt||2, | |2u p}P1 x}2 }P2 x}2q  maxt||2, | |2u }pP1 P2q x}2 maxt||2, | |2u }x}2 , Se scegliamo x  P1 x oppure x  P2 x si ottiene }A P1 x}  }P1x}  ||}P1x}  ||}x} , }A P2 x}  }P2x}  | |}P2x}  | |}x} ,
per cui:

}A}  maxt||, | |u
eA

b) Per calcolare eA si pu` o sfruttare lo sviluppo in serie dellesponenziale:

V An
n 0

 n!

1

V P 1

n 1

P2qn .
n! n  1, 2, . . .

Sfruttando le propriet` a degli operatori P1 e P2 si ha:

pP1 P2qn  n P1 n P2
eA

1

V n

 1 pe 1qP1 pe 1qP2  1 P1 P2 e P1 e P2 .

n! n1

P1

V n

n! n1

P2

380

Capitolo 5 Operatori

Soluzione 5.7 a) Abbiamo:


2
0

pA f qpxq 
cp x q  Af cos x c ,

pcos x cos y sin x sin yq f pyq dy


sin x c

spxq 

}c}  }s}  1

x c, s y  0

 c x c, f y s x s, f y , proiettore ortogonale su Ltc, su }A f }2  |x c, f y|2 |x s, f y|2 }f }2 , (disuguaglianza di Bessel,) per cui }A} 1. Inoltre se f  c o f  s (cio` e f Ltc, su), allora Af } }A f }  }f } }A}  sup }} 1 f} per cui }A}  1. b) La serie converge in norma se }zA} 1 (|z | 1). Inoltre, essendo A un proiettore
ortogonale: A2

 A,

An

 A,

n  1, 2, . . .

e converge a (in questo caso):

V V 1 n p1 z Aq  1 z A  1 z A zn n0 n1
z 1 1 1 A A p1 Aq . z 1z

Soluzione 5.8

f pxq 

1 ripx iqs2

1  px . iq2

La trasformata di Fourier si pu` o calcolare in senso ordinario applicando il teorema dei Residui e il lemma di Jordan:

V ei k x rpk q  c1 f dx , 2 V px iq2
se si considera: F pz q  e i k z pz iq2 ,

5.5 Esercizi

381

tale funzione mostra un polo doppio in z  i. Per k 0 il lemma di Jordan ` e soddisfatto in m z 0 ove la funzione ` e analitica mentre per k 0 il lemma di Jordan ` e soddisfatto in m z 0. Quindi:
Res f z

pq

i

d d i k z  zlim rp z iq2 f pz qs  lim e  ikek , i dz z i dz


6 9 80, 7

rk f

p q9

0, 0,

c1 p2iq Res f pzqzi ,


2
rpk q  f 5

2kek

0 k0
k

Soluzione 5.9 f risulta non nulla solo su un insieme chiuso e limitato e continua su tale insieme, per cui chiaramente f L2 pRq.

pF f qp q  

V c1 f pxq ei x dx  2 V

T ei pq x ei pq x c1 dx 2i 2 T

T c1 sinp xq ei x dx 2 T

 c
1

2i 2 ip q

ei pq x

xT

c ip1 q ei pq x 2i 2 xT xT

xT

 c

1 pei pq T 2 2 p q

ei pq T q e i p q T q
B B

c
1  c 2 2

1 pei pq T 2 2 p q
4

 ci 2

sinp qT

2i sinp qT

sinp qT

2i sinp qT .

382

Capitolo 5 Operatori

Indice analitico
addizione, 172 aggiunto, 338, 341 algebra, 329 analiticit` a, 21 anello, 172 commutativo, 173 unitario, 173 Apollonio, di Perga, 306 applicazione 1-1, 144 antilineare, 187 biiettiva, 144 iniettiva, 144 inversa, 189 invertibile, 189 isometrica, 158 limitata, 214 lineare, 186 non singolare, 189 singolare, 189 suriettiva, 144, 188 Argand, Jean-Robert, 2 argomento, 3 asse reale, 2 Baire, 321 Baire, Ren e-Louis, 321 Banach, 207 Banach, Stefan, 207 base, 178 di intorni, 148 di una topologia, 122 hilbertiana, 283 ortonormale, 283 Bessel, Fredrich Wilhelm, 279 biiezione, 144 bra, 264 branch line, 81 branch point, 81 cammino, 23 chiuso, 23 di Jordan, 24 dierenziabile, 24 lunghezza di un, 24 regolare, 24 retticabile, 24 semplice, 24 campo, 173 Cauchy, 31, 35, 154 formula integrale di, 38 rappresentazione integrale di, 35 teorema di, 31 Cauchy, AugustinLouise, 20 Cauchy-Goursat, 31 Cauchy-Hadamard, 330 Chebyshev, Pafnutij Lvovich, 301 coeciente di Fourier, 288, 289 compatto, 131 complemento ortogonale, 270 completamento, 159 componenti, 180 condizioni di Cauchy-Riemann, 20 coniugato, 2 coniugazione, 8 connesso, 25 continuit` a, 13 contrazione, 154 convergenza, 147 assoluta, 211 forte, 320 in norma, 211, 221 uniforme, 221 convesso, 33 convoluzione, 353 tra funzioni, 353 curva, 23 di Jordan, 24 regolare, 24 retticabile, 24 Darboux, Jean Gaston, 30 De Moivre formula di, 6 De Moivre, Abraham, 6 determinazione, 80 principale, 80 dierenziale, 18 dimensione, 178 nita, 178 innita, 178 Dirac, 75 delta di, 75 Dirac, Paul Adrien Maurice, 75

383

384

INDICE ANALITICO

distanza, 125, 206 disuguaglianza di Bessel, 280 di Darboux, 30 di H older, 230 di Minkowski, 232 di Schwarz, 223, 224, 261 di Young, 354 integrale di Schwarz, 231 triangolare, 4 dominio, 12, 187, 188 dominio di analiticit` a, 45 duale algebrico, 199 topologico, 274 elemento inverso, 171 neutro, 171 opposto, 173 equivalenza, 23 estensione continua, 157 estensione di un operatore, 327 estremi, 23 estremo superiore, 182 estremo superiore essenziale, 228 Eulero, 15 Eulero, Leonhard, 5 fase, 3 Fatou, 239 Fatou, Pierre Joseph Luis, 234 Fischer, Ernst Sigismund, 276 Fischer-Riesz, 275 forma bilineare, 259 cartesiana, 1 polare, 3, 5 sesquilineare, 259 denita positiva, 261 degenere, 259 hermitiana, 259 non degenere, 259 positiva, 261 formula di De Moivre, 6 di Eulero, 5 integrale di Cauchy, 38 Fourier antitrasformata, 350 trasformata, 350 Fourier, Jean Baptiste Joseph, 288

Fr` echet, Maurice Ren e, 134 funzionale antilineare, 187 coniugato omogeneo, 187 lineare, 186 funzione, 12 a decrescenza rapida, 357 analitica, 21 continua, 13, 140, 141 coseno, 14 coseno iperbolico, 16 delta di Dirac, 75 dierenziabile, 17 esponenziale, 14 intera, 45 meromorfa, 51 monodroma, 12 multivoca, 12 olomorfa, 18, 19, 45 polidroma, 12, 80 semplice, 352 seno, 14 seno iperbolico, 16 sommabile, 226 spettrale, 39 Gauss, Carl Friedrich, 2 Goursat, Eduard JeanBaptiste, 31 Gram, Jrgen Pedersen, 287 Green, 92, 98 teorema di, 98 Green, George, 98 gruppo, 171 abeliano, 172 additivo, 172 isomorsmi, 172 H older, Otto Ludwig, 230 Hamilton, Sir William Rowan, 8 Hausdor, 133, 147 Hausdor, Felix, 132 Hermite, 303 Hermite, Charles, 302 Hilbert, 265 Hilbert, David, 77 identit` a di Apollonio, 306 identit` a di polarizzazione, 261 immaginario, 2 immagine, 140 indicatore logaritmico, 63 insieme

INDICE ANALITICO

385

aperto, 114, 118, 127 chiuso, 116 chiusura, 119 compatto, 131 convesso, 33 denso, 137 derivato, 120 interno di, 119 limitato, 130, 182 linearmente dipendente, 178 linearmente indipendente, 177 linearmente ordinato, 182 ordinato, 182 quoziente, 195 sequenzialmente compatto, 149 integrale al contorno, 27 intorno, 121 inversa, 189 isomorsmo, 172, 189 Jordan, 34 lemma di, 70 teorema di, 34 Jordan, Marie Camille Ennemond, 24 kernel, 39, 189 ket, 264 Kolmogorov, Nikolaevi c, 133 LV pq, 228 lV , 237 Lp pq, 227 lp , 235 Laguerre, Edmond Nicolas, 304 Laurent, Pierre Alphonse, 46 Lebesgue, Henri L` eon, 227 Legendre, Adrien-Marie, 299 legge commutativa, 172 di composizione, 171 lemma del grande cerchio, 67 del piccolo cerchio, 68 di Jordan, 70 di Riemann-Lebesgue, 352 di Zorn, 181 limite, 12, 147 in norma, 221 inf, 238 sup, 238 superiore, 182

Liouville, Joseph, 53 lunghezza, 24 massimale, 182 massimo, 182 maxlimite, 238 meromorfa, 51 metodo di Gram-Schmidt, 285 metrica, 125 discreta, 127 Minkowski, Hermann, 232 minlimite, 238 modulo, 3, 8, 174 molteplicemente connesso, 25 moltiplicazione, 172 per uno scalare, 173 monodroma funzione, 12 Morera, 42 Morera, Giacinto, 42 multiplo, 174 multivoca funzione, 12 Neumann, 335, 336 Neumann, Carl Gottfried, 317 norma, 203 del prodotto scalare, 265 equivalenza, 221 operatoriale, 219 uniforme, 207 nucleo, 39, 172, 189 numero complesso, 1 olomorsmo, 19 omeomorsmo, 145 omomorsmo, 172, 186 omotetia, 323 operatore aggiunto, 338, 341 autoaggiunto, 342 di proiezione, 272 idempotente, 346 lineare, 188 simmetrico, 342 unitario, 344 operazione binaria, 171 opposto, 172, 173 ordine di uno zero, 49 ortogonalit` a, 268 ottanioni, 11

386

INDICE ANALITICO

Parseval des Ch enes, Marc-Antoine, 283 parte immaginaria, 2 parte principale, 50, 74, 76, 90, 94 parte reale, 2 Pauli, Wolfgang Ernst, 10 piano complesso, 2 di Argand, 2 di Gauss, 2 Pitagora, 269 Plancherel, Michel, 366 polidroma funzione, 12, 80 polinomi di Chebyshev, 301 di Hermite, 302, 303 di Laguerre, 304 di Legendre, 299 polo, 50 polo semplice, 50 primitiva, 28 principio del massimo modulo, 52 di uniforme limitatezza, 322 prodotto, 172 di convoluzione, 353 prodotto scalare, 263 euclideo, 263 hermitiano, 263 proiettore ortogonale, 272 proiezione ortogonale, 272 prolungamento continuo, 157 propriet` a antisimmetrica, 182 associativa, 171, 172, 174 della media., 52 distributiva, 173, 174 riessiva, 182, 195 simmetrica, 195 transitiva, 182, 195 punto accumulazione, 120 aderenza, 119 di diramazione, 80 di frontiera, 121 esterno, 121 sso, 154 interno, 119 isolato, 120 non isolato, 120 regolare, 45

singolare, 45 singolare isolato, 45 quaternioni, 8 raggio di covergenza, 331 range, 188 rango, 188 rappresentazione di Cauchy, 35 integrale, 39 spettrale, 39 reciproco, 9, 173 regola del parallelogramma, 272 relazione dordine, 181 di completezza, 283 di dispersione, 78 di equivalenza, 195 di Parseval, 283 di Plancherel, 366 relazioni di dualit` a, 116 residuo, 54, 58 retroimmagine, 140 ricoprimento, 131 aperto, 131 chuso, 131 nito, 131 ridotte, 14 Riemann, 79 falda di, 83 supercie di, 79, 83 Riemann, Georg Friedrich Bernhard, 20 Riesz, Frigyes, 276 scalare, 173 Schmidt, Erhard, 287 Schwartz, Laurent, 358 Schwarz, 223, 224, 231, 261 Schwarz, Karl Hermann Amandus, 223 seminorma, 204 semplicemente connesso, 25 serie, 210 assolutamente convergente, 211 di Fourier, 288, 289 di Laurent, 46 di Neumann, 317, 335, 336 di potenze], 330 esponenziale, 333, 334, 337 trigonometrica, 288, 295 sfera aperta, 127 sfera chiusa, 130

INDICE ANALITICO

387

singolarit` a essenziale, 51 sistema ortonormale, 277 completo, 283 somma, 172 diretta, 192, 194 sottoricoprimento, 131 sottospazi indipendenti, 193 sottospazio generato, 184 lineare, 177 supplementare, 192 vettoriale, 177 spazi isometrici, 158 omeomor, 145 spazio completo, 154 di Banach, 207 di Hilbert, 265 di Schwartz, 358 euclideo, 264 LV pq, 228 lV , 237 Lp pq, 227 lp , 235 lineare, 174 lineare topologico, 203 metrico, 125 normato, 203 nullo, 176 pre-hilbertiano, 264 quoziente, 195 separabile, 138 separato, 133 topologico, 114 compatto, 131 di Fr` echet, 134 di Hausdor, 133 vettoriale, 173, 174 complesso, 174 quoziente, 195 reale, 174 Stokes, 99 Stokes, George Gabriel, 99 successione convergente, 147 di Cauchy, 154 psommabile, 235 taglio, 81 Taylor, Brook, 43 teorema

dei residui, 58 del sottograco, 352, 368 di Baire, 321 di Cachy, 31 di CauchyHadamard, 330 di Green, 98 di Jordan, 34 di Morera, 42 di Pitagora, 269 topologia, 114 banale, 115 base, 122 basi equivalenti, 123 discreta, 115 generata, 119 indotta, 118 massimale, 115 minimale, 115 pi` u debole, 118 pi` u ne, 118 pi` u forte, 118 trasformata di Fourier coniugata, 350 trasformazioni di Hilbert, 77 uniforme continuit` a, 156 uniforme limitatezza, 322 unit` a, 173 unit` a immaginaria, 1 valore assoluto, 4 vettore, 173 vettori ortogonali, 268 Weierstrass, 146 Weierstrass, Karl Theodore Wilhelm, 51 Young, 354 Young, William Henry, 355 Zemelo, Ernst Friedrich Ferdinand, 183 Zermelo, 183 zero, 49, 172, 173 ordine di, 49 Zorn, 181 Zorn, Max August, 181