Sei sulla pagina 1di 3

Come prescrivere il calcestruzzo

Per una corretta progettazione ed esecuzione di strutture durevoli in calcestruzzo armato necessario progettare e prescrivere calcestruzzo conforme alle propriet richieste dal progetto e alle norme in materia, ed elencare tutti i requisiti fondamentali ai quali il calcestruzzo deve rispondere. In particolare le normative UNI 9858 e UNI EN 206-1 stabiliscono precise indicazioni relative ai costituenti, allo studio del mix-design, alla messa in opera e alla stagionatura. Stabiliscono inoltre quali siano i criteri per valutare i rischi di degrado attraverso la classificazione delle azioni dell'ambiente in classi di esposizione e quali siano gli accorgimenti da adottare per evitarli. La voce di capitolato lo strumento fondamentale con il quale il progettista prescrive secondo la UNI EN 206-1 calcestruzzo a prestazione garantita o a composizione richiesta: nel primo caso le propriet e le caratteristiche del calcestruzzo devono essere specificate al produttore il quale deve fornire un calcestruzzo conforme a quanto richiesto; nel secondo caso la composizione e i materiali componenti del calcestruzzo devono essere specificati al produttore il quale deve produrre un calcestruzzo conforme alla composizione richiesta. 1 1. 2. Specifiche del calcestruzzo a prestazione garantita Indicazione di conformit alla UNI EN 206-1 Classe di resistenza a compressione.

Il calcestruzzo classificato in base alla resistenza caratteristica, definita come quel valore di resistenza a compressione al di sotto del quale si pu attendere di trovare il 5% della popolazione di tutte le misure di resistenza. E' definita Rck quando ottenuta da prove a compressione a 28 giorni su cubi di lato 150 mm oppure fck quando ottenuta su cilindri da 150 mm di lato e 300 mm di altezza. A seconda dei valori di resistenza ottenuti in N/mm2, il calcestruzzo classificato in quattro categorie: non strutturale, ordinario, alte prestazioni e alte resistenze. (tab. 1) 3. Classe di esposizione ambientale. Il calcestruzzo pu essere soggetto ad azioni di degrado in funzione delle condizioni ambientali alle quali esposto. A seconda di queste azioni (corrosione da carbonatazione, corrosione da cloruri, gelo/disgelo e attacco chimico aggressivo), la UNI EN 206-1 individua le classi di esposizione ambientale del calcestruzzo. (tab. 2)
ADDIMENT ITALIA S.r.l. Additivi per calcestruzzo Prodotti chimici per ledilizia Direzione e Stabilimento Via Roma, 65 24030 Medolago BG tel. 035 4948558 fax 035 4948149 www.addimentitalia.it info-vendite@addimentitalia.it

4.

Dimensione massima nominale dell'aggregato.

La dimensione massima dell'aggregato pari alla dimensione nominale pi elevata della frazione di aggregato pi grossa. Il diametro massimo dell'aggregato deve essere scelto in modo che il calcestruzzo possa essere gettato e compattato senza pericolo di segregazione. (tab. 3) 5. Classe di consistenza. Per definire la lavorabilit di un impasto si fa riferimento alla sua consistenza, valutabile attraverso diversi metodi tra i quali l'abbassamento al cono di Abrams o la misura dello spandimento sono i pi semplici ed utilizzati. (tab. 4, tab. 5) Per calcestruzzi fluidi e superfluidi, la misura dello spandimento particolarmente adatta, perch rispetto allabbassamento al cono di Abrams prevede una classe di consistenza in pi. La norma considera la classe di consistenza una prescrizione aggiuntiva nel caso di calcestruzzo preconfezionato o realizzato in cantiere; tuttavia nella pratica molto importante prescrivere una consistenza e garantirne la conformit al momento della messa in opera del calcestruzzo. 6. Classe di contenuto in cloruri. I cloruri sono fra i principali agenti aggressivi delle armature, quindi sono stabiliti dei tenori massimi a seconda dell'impiego del calcestruzzo. (tab. 6) Per la determinazione del contenuto in cloruri si deve calcolare la somma del contributo apportato da ciascun materiale componente il calcestruzzo, utilizzando uno dei metodi indicati dalla norma UNI 206-1. Se ritenuti necessari la norma prevede l'indicazione di ulteriori requisiti prestazionali e metodi di prova: Tipo e classi speciali di cemento; Tipo e classi speciali di aggregato; Contenuto d'aria (resistenza ai cicli gelo/disgelo); Temperatura del calcestruzzo fresco Sviluppo della resistenza Sviluppo del calore di idratazione Presa ritardata Resistenza alla penetrazione d'acqua Resistenza all'abrasione Resistenza alla trazione indiretta Altri requisiti tecnici (es. tempi di mantenimento della lavorabilit, metodo di posa in opera ecc.).
ADDIMENT ITALIA S.r.l. Additivi per calcestruzzo Prodotti chimici per ledilizia Direzione e Stabilimento Via Roma, 65 24030 Medolago BG tel. 035 4948558 fax 035 4948149 www.addimentitalia.it info-vendite@addimentitalia.it

Specifiche del calcestruzzo a composizione

1. Indicazione di conformit alla UNI EN 206-1 2. Dosaggio di cemento 3. Tipo e classe di resistenza del cemento (tab. 7, tab. 8) 4. Rapporto acqua/cemento o classe di consistenza 5. Tipo, categorie di aggregato e contenuto massimo di cloruri 6. Dimensione massima nominale dell'aggregato 7. Tipo e qualit di additivo o di aggiunta 8. Provenienza di additivi, aggiunte e cemento Se ritenuti necessari la norma prevede l'indicazione di ulteriori requisiti prestazionali e metodi di prova: Provenienza di alcuni o tutti i componenti Requisiti aggiuntivi per gli aggregati Temperatura del calcestruzzo fresco Altri requisiti tecnici (es. tempi di mantenimento della lavorabilit, metodo di posa in opera ecc.).

ADDIMENT ITALIA S.r.l. Additivi per calcestruzzo Prodotti chimici per ledilizia Direzione e Stabilimento Via Roma, 65 24030 Medolago BG tel. 035 4948558 fax 035 4948149 www.addimentitalia.it info-vendite@addimentitalia.it