Sei sulla pagina 1di 3

VITTIME UMANE DELLA VIVISEZIONE: il tragico xenotrapianto di Ignazio Marino | In Opposizione alla Sperimentazione Animale

06/04/13 21.29

VITTIME UMANE DELLA VIVISEZIONE: il tragico xenotrapianto di Ignazio Marino


Durante unintervista de LEspresso del 16 maggio 2012, Ignazio Marino afferm: Nel 1992 ho ucciso un babbuino. Lavoravo negli Stati Uniti dove studiavamo la possibilit di trapiantare organi di animali per salvare vite umane e superare in questo modo il problema della carenza di donatori. Il 28 giugno di quellanno eseguimmo il primo trapianto di fegato da babbuino a uomo e oggi, a ventanni di distanza, penso si trattasse di una strada sbagliata: il sistema immunitario degli uomini e quello dei babbuini non sono compatibili, nemmeno utilizzando i farmaci antirigetto pi potenti. Ma non rinnego nulla Andando a leggere le condizioni in cui vers il suo paziente a seguito del trapianto, troviamo i seguenti sintomi: ingrossamento del fegato ad una dimensione che superava il doppio di quella iniziale, infezioni, emorragie gastrointestinali, trasfusione di sangue, insufficienza renale, dipendenza da dialisi, tossicit multipla da farmaci, perdita improvvisa delle maggiori funzioni del sistema nervoso, emorragia subaracnoidea e morte. Riportiamo la parte interessata della sua pubblicazione Baboon-to-human liver transplantation [http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2962592/]: Dopo il trapianto, il nostro paziente, che era caduto prima dellintervento in un coma di fase 3, si svegli e fu prontamente intubato dopo 17 h. Mangiava e camminava nei primi 5 giorni. Per le prime due settimane post-operatorie, stata somministrata per via endovenosa albumina umana in dosi di 50-75 g / die. Lalbumina stata poi somministrata solo a coprire le perdite alle procedure di dialisi o durante la plasmaferesi per emoglobinemia durante la fase terminale del suo decorso post-operatorio. Il fegato era di 600 g al momento del trapianto e, rigenerato in una scansione di tomografia computerizzata (CT), la dimensione era stimata a 1074 g dopo una settimana e a 1555 g dal 24esimo giorno. Anche se stato rilasciato dalla terapia intensiva dopo un mese, ha sviluppato diverse infezioni (tabella II), che hanno reso necessaria la terapia con anticorpi nefrotossici. La pi invalidante di queste stata mixata da CMV, candida esofagite e duodenite, che sono stati sospettati essere la causa di ricorrenti emorragie gastrointestinali dal
http://inopposizioneallasperimentazioneanimale.wordpress.com/2013/mane-della-vivisezione-il-tragico-xenotrapianto-di-ignazio-marino/ Pagina 1 di 3

VITTIME UMANE DELLA VIVISEZIONE: il tragico xenotrapianto di Ignazio Marino | In Opposizione alla Sperimentazione Animale

06/04/13 21.29

giorno 27esimo al 39simo e che hanno richiesto 14 unit di sangue trasfuso. E stato coltivato dal sangue lo staphylococcus aureus nei giorni postoperatori 6, 26, e 55; Enterococcus faecalis stato trovato in coltura nel 55esimo giorno. Il 65esimo giorno, aspergillus stato coltivato da un aspirato tracheale. Altre complicazioni, incluse insufficienza renale e dipendenza da dialisi, hanno avuto inizio il 21esimo giorno, che probabilmente sono il risultato della tossicit da pi farmaci (FK 506, amfotericina, ganciclovir, e forse vancomicina) e da un emotorace destro da una biopsia epatica il 24esimo giorno. Nonostante queste difficolt, il paziente era senza febbre e per il resto stato bene fino al giorno 55esimo quando stato riammesso in terapia intensiva dopo una recidiva di ittero. Langiografia il giorno 59esimo ha mostrato una normale anatomia vascolare epatica, una colangiografia transepatica il giorno 61esimo stata letta come normale (fig. 2). 1 h dopo la colangiografia, diventato ipotensivo con rigori, ha richiesto lintubazione. Cerano tracce di coagulazione intravascolare disseminata ed emolisi con un calo della conta piastrinica da 115 000 a 29 000 10 9 / L, un aumento di emoglobina plasmatica libera di 87,5 mg / dl (normale < 3.0), aptoglobina non rilevabile, e un aumento della bilirubina da 212 mmol / L a 851,6 mmol / L durante le successive 48 ore. Dai giorni 65esimo al 70esimo, il paziente aveva 5 plasmaferesi che avevano ridotto la bilirubina sierica. Il 70esimo giorno, pur essendo disabituato dal ventilatore, c stata una perdita improvvisa delle maggiori funzioni del sistema nervoso. La TAC ha mostrato una massiva emorragia subaracnoidea e 6 ore dopo stato dichiarato cerebralmente morto.

http://inopposizioneallasperimentazioneanimale.wordpress.com/2013/mane-della-vivisezione-il-tragico-xenotrapianto-di-ignazio-marino/

Pagina 2 di 3

VITTIME UMANE DELLA VIVISEZIONE: il tragico xenotrapianto di Ignazio Marino | In Opposizione alla Sperimentazione Animale

06/04/13 21.29

About these ads

http://inopposizioneallasperimentazioneanimale.wordpress.com/2013/mane-della-vivisezione-il-tragico-xenotrapianto-di-ignazio-marino/

Pagina 3 di 3