Sei sulla pagina 1di 2

SOSTANZE STUPEFACENTI

Le sostanze stupefacenti (dette anche droghe, sostanze psicoattive o psicotrope) sono sostanze che, per le loro propriet chimiche, sono in grado di indurre variazioni nel funzionamento dei neurotrasmettitori nel sistema nervoso umano, alterando lo stato di coscienza. Esse alterano le funzioni cerebrali provocando alterazioni della percezioni, l'umore, la coscienza o il comportamento. Molte di esse possono creare dipendenza psicologica e/o fisica dopo un utilizzo pi o meno lungo. Tali sostanze sono usate a scopo ricreativo, in riti religiosi o per uso medico. Le pi note sono: tetraidrocannabinolo cocaina e i suoi derivati. morfina e i suoi derivati (eroina). anfetamina e i suoi derivati (metanfetamina). e tanti altri, prevalentemente alcaloidi. Anche sostanze legali e di uso comune come nicotina, etanolo, caffeina, teobromina ed efedrina hanno effetti psicoattivi, ma raramente vengono definiti stupefacenti sebbene siano a tutti gli effetti delle sostanze psicotrope con effetti negativi sul fisico pari o superiori a quelle cosiddette "droghe pesanti" (come nel caso dell'alcol etilico o del tabacco).

DIPENDENZE
utile suddividere le forme di dipendenza in: dipendenza fisica (alterazioni del funzionamento biologico) e dipendenza psichica (alterazioni dello stato psichico e comportamentale). Gli stupefacenti (in modo diverso a seconda delle famiglie chimiche) possono produrre i seguenti fenomeni: Assuefazione, cio il degradare dell'effetto, soprattutto psichico, della medesima dose, con conseguente necessit di aumentare la dose per produrre lo stesso effetto. Tolleranza, cio la capacit dell'organismo di sopportare a dosi gradualmente pi elevate la tossicit della sostanze.

EFFETTI
Fanno parte di questa categoria le sostanze in grado di esercitare azione stimolante sul sistema nervoso centrale, alcune adoperate a scopi terapeutici

(anfetamina, metilfenidato) ed altre prive di qualsiasi uso medicinale in Europa. Negli Stati Uniti la cocaina, inizialmente utilizzata come anestesico locale per le operazioni a naso, bocca e gola stata completamente soppiantata dalla lidocaina, la procaina e altre sostanze pi sicure. La classe degli stimolanti o eccitanti piuttosto vasta e include sostanze diverse fra essi per tipologia di effetti, accomunate dal fatto di aumentare la permanenza in circolo di qualche neurotrasmettitore in modo tale da aumentare le prestazioni psicofisiche ed alcune funzioni biologiche. Generalmente hanno effetti di vaso-costrizione, tendono a produrre un innalzamento della pressione sanguigna, del polso e/o della respirazione, eventualmente anche delle capacit di attenzione, e/o della reattivit emotiva o della percezione. Sono incluse in questo gruppo sostanze di uso comune come la caffeina. La maggior parte di esse producono assuefazione psichica ed alterazioni fisiologiche, a lungo termine possono indurre sindromi psicotiche e alterazioni del comportamento.

ECSTASY
una sostanza che agisce sia come stimolante che come allucinogeno. Si prende in genere sotto forma di pasticche o capsule e i suoi effetti durano fino a otto ore. molto diffusa nelle discoteche per i suoi effetti euforizzanti e socializzanti e tristemente nota per i gravi disturbi sull'attenzione e il controllo che produce, responsabili di un gran numero di incidenti stradali, nelle cosiddette 'stragi del sabato sera'. Produce uno stato alterato in cui cio' che e' pura immaginazione viene percepito come realta'; fa sentire pieni di energia ed euforici; causa una forte distorsione delle percezioni dello spazio e del tempo. Produce eccitazione e stimola la mente verso l'evasione dalla realta', aumenta la capacita' di comunicare con gli altri e il desiderio sessuale, ma al tempo stesso provoca gravi danni al cervello, intossicando l'organismo. Crea confusione, perdita di memoria e delle funzioni motorie fino ad attacchi di paranoia, ansia, insonnia, danni al fegato e - in caso di intossicazione acuta- puo' portare al coma e alla morte .