Sei sulla pagina 1di 2

04/03/13

Il mio '68 di Giancarla Codrignani | Noi Donne .org


Pubblica un articolo Registrati Rss Login

Politica
Universit on line
5 Facolt, 12 Indirizzi di Studio e Sedi in tutta Italia. Chiedi info! www.uniecampus.it/universita

1968/2008

Il mio '68 di Giancarla Codrignani


"Prima c'erano stati i Beatles. Fu la prima contraddizione. Fu dura indurre un amico che allora mi interessava a leggere i testi delle canzoni per capirle. Si percepiva molta insofferenza, anche dentro di noi..."
Giancarla Codrignani

Prima c'erano stati i Beatles. Fu la prima contraddizione. Fu dura indurre un amico che allora mi interessava a leggere i testi delle canzoni per capirle. Si percepiva molta insofferenza, anche dentro di noi: tutti stufi di leggere cose stimolanti di una cultura che chiamavamo di sinistra, senza riuscire a schiodare gli standard riduttivi del vivere democristiano. La sinistra pi esigente e, riconosciamolo, abbastanza viscerale veniva definita "extraparlamentare" e sembrava pericolosa anche ai comunisti: diventer pericolosa anche perch le fu fatto muro contro. Poi entrarono in agitazione le universit americane e, con loro, le universit di quasi tutti i paesi, compresa Praga, anticipazione di una volont innovativa da reprimere. Anche in Italia il "maggio francese e l'illusione che fosse "la rivoluzione" animarono gli studenti, che subito fecero "movimento", "occuparono" gli istituti e riempirono le piazze contro il democristiano Guy, ministro della Pubblica Istruzione. Mio padre era contento che i giovani avessero ancora "spirito rivoluzionario". Io insegnavo latino e greco a Reggio Emilia e, come tutti, non sapevo che stavo vivendo il mitico Sessantotto. Alla Statale di Milano era stata contestata la Divina Commedia e al Liceo Ariosto Omero e Virgilio non erano il massimo del gradimento studentesco: quando consentii a interrogare su Marcuse invece che su Euripide e tutti preferirono studiarsi il greco, rimasi meravigliata per un'autorit riconfermata con poco. Con i colleghi non c'era accordo: non capivano che l'oggettivit del voto e il nozionismo erano arretratezza in un tempo che per i giovani sarebbe diventato professionalmente e socialmente complesso. Ci inventammo di sostituire le "versioni in classe" (ricordate quando ce le davano da tradurre e noi tentavamo di copiare o di far copiare, mentre il prof faceva il poliziotto?) con traduzioni di gruppo in biblioteca, consegnate in redazione collettiva con a margine le note di chi non condivideva. Imparai che non vero che i pi bravi si impongono, ma, anzi, spesso si adeguano anche al peggio. Mi venne in mente anche dopo, a Montecitorio. Ma non c'era solo la scuola. C'era il Vietnam. Difficile oggi rendersi conto della consapevolezza delle cosiddette "masse" che, contro la guerra scatenata su un popolo analfabeta e contadino che difendeva la sua autonomia, riempivano le piazze e le assemblee nelle fabbriche. Fu un'altra occasione per aprire gli occhi e, forse come correttivo alla mia passione per l'antichit, studiare i problemi del mondo: il versante pi fallimentare del socialismo fu, infatti, a mio giudizio, l'"internazionalismo". C'erano anche gli slogan. Belli:"l'immaginazione al potere", "fate l'amore, non la guerra". O inquietanti: "Dio morto". Davvero un certo dio era morto e il Papa buono, Giovanni XXIII, se ne era accorto e, con i "segni dei tempi" (l'avanzamento sociale della classe operaia, delle donne, del popoli del Sud del mondo), aveva riorientato lo sguardo dei credenti. Molti, intellettuali e no, capivano che "anche Marx non stava troppo bene". Ma dominava l'assunzione dogmatica, come se Marx non fosse morto nel 1883 e non si morisse a Praga: in un circolo della sinistra extraparlamentare un
www.noidonne.org/articolo.php?ID=01600 1/2

04/03/13

Il mio '68 di Giancarla Codrignani | Noi Donne .org

lavoratore sostenne che "se un cecoslovacco si rivoltava contro il comunismo perch non possedeva la macchina, allora era meglio il capitalismo che gliela dava". Spunti ancor oggi attuali. Infine le donne. Erano, forse, le pi interessate ai cambiamenti; certamente erano le pi comprensive con le ragioni dei figli che contestavano la scuola. Ma incominciavano anche a sentire - leggete i numeri di Noi donne dell'epoca - che la societ non andava da nessuna parte se restava al palo della tradizione: le stesse nel 1974 difenderanno il divorzio per la propria dignit. Le pi giovani sostenevano le lotte studentesche e le esperienze trasgressive delle "comuni": "uguali" ai maschi, anche se di fatto erano usate e, anche in "Lotta continua" o nel "Potop", gli "angeli del ciclostile" il "potere" se lo sognavano. Quarant'anni fa. Siamo certamente cambiati; non solo individualmente, ma come societ. In positivo (siamo diventati europei con una moneta comune, il benessere maggiore, le nuove tecnologie hanno cambiato le comunicazioni, ci sono i cellulari, le staminali potranno riparare i guasti del nostro corpo), ma anche in negativo (il lavoro diventato precario, siamo pienamente consumisti, accettiamo la pi becera alienazione televisiva, disconosciamo le regole del vivere civile, regaliamo ai figli delle play station violente che insegnano a uccidere senza soffrire). Ma domina il rimpianto di "quando c'erano le passioni". Sar illuminista, ma se erano illusorie, meglio averle perdute. Infatti gli ideali e i principi restano il punto di riferimento, ma conta di pi studiare e progettare per fare migliore il futuro. Come donne, la storia delle passioni la conosciamo bene e, quando mettiamo in piedi una famiglia, sappiamo che bisogna darsi da fare con le possibilit concrete. Adesso il tempo di fare lo stesso con la societ che vogliamo prendere in custodia: non vorremo mica che, se ci sono dei posti per noi, non siamo in grado di riempirli del nostro linguaggio e delle nostre proposte? Forse, come dice Anna Finocchiaro (Unit, 12/12/07), "sta cominciando la nostra era "Gli uomini sono un genere esausto: sono ricchi di un'esperienza millenaria, ma hanno gi dato. Se si valuta per meriti e competenze vincono le donne".

(29 gennaio 2008) (29 Gennaio 2008)


Tw eet 0

Mi piace

Invia

Registrati per vedere cosa piace ai tuoi amici.

www.noidonne.org/articolo.php?ID=01600

2/2