Sei sulla pagina 1di 14

Chi sono?

Son forse un poeta? No, certo. Non scrive che una parola, ben strana, la penna dellanima mia: <<follia>>. Son dunque un pittore? Neanche. Non ha che un colore la tavolozza dellanima mia: <<malinconia>>. .. Aldo Palazzeschi

LA MIA MAGNOLIA GIAPPONESE

SIMO 2000

Le isole fortunate. Quale voce viene sul suono delle onde che non sia la voce del mare? la voce di qualcuno che ci parla, ma che se ascoltiamo tace, proprio per esserci messi ad ascoltare. E solo se mezzo addormentati, udiamo senza sapere che udiamo, essa ci parla della speranza verso la quale, come un bambino

che dorme, dormendo sorridiamo.


Sono isole fortunate, sono terre che non hanno luogo, dove il Re vive aspettando. Ma, se vi andiamo destando tace la voce e solo c' il mare.

Fernando Pessoa

PROCIDA E che vo' di', si dint' a giografia presentata cu na macchiulella; o, si, guardanno da Santa Lucia, tu a vide piccerella piccerella. Cca nun ce truove a dama cu e sceccuaglie, che corre a Ischia, l'isola gemella. Cca ll'oro nun t'acceca, nun t'abbaglia E a' femmina cumm' era a Graziella. O mare, ch' de ciente e cchi culure, s'astregne attuarne e tutte l'accarezza: stu mare, quanno calmo o quanno scure, s' a guarde sempe cu na tenerezza. E' semplice, gentile, appassionata; nun tne boria, senza gelosia: sirena ca t'affascina ncantata Procida ammore, pace, poesia.

La Corricella Davide Curci

Mim Ferrara

Ischia... Acuminati e pittoreschi monti, collinette dalle seducenti curve ricca vegetazione tra i paeselli, candide e deliziose palazzine, sentieri freschi e allegri lungo il mare. Olezzanti vigneti e giardinetti Mentre la spumeggiante acqua l si cela frangendosi agli scogli variformi. Ma pi l abbonita e carezzevole bacia con perpetua volutt la pi bella, la pi vasta isola del golfo... Uno spettacolo di marina armonia.

Simo 2000

Alex Fleites

Sull'estetica e il tempo
C una certa bellezza nell'attesa Una bellezza triste Perch l'attesa passer

Alexis Daz Pimienta


Il poeta frustrato A volte vorrei essere un poeta sociale, di quelli che scrivono versi duri come pane raffermo, versi osceni, grassi, asfissianti.

Ultima luna
Reinaldo Arenas Fuentes Por qu esta sensacin de ir a buscarte hacia donde por mucho que vuele no he de hallarte. Qu terror sin tiempo ahora me impele a por sobre tanto terror siempre evocarte. No ha de encontrar sosiego nuestra pena (que hallarlo sera comenzar otra condena) y por lo mismo jams cesar de contemplarte.

Valuta