Sei sulla pagina 1di 30
GRUPPO'DL ‘STUDIO DELLE FORTIFICAZIONI a NOTIZIE AI SOCT BOLLETTINO D'INFORMAZIONE N°17 SETTEMBRE - OTTOBRE 1994 © APPUNTI PER UNA STORIA DELLE FORTIFICAZIONI MODERNE, LE FORTIFICAZIONE TEDESCHE IN ITALIA DURANTE LA. SECONDA GUERRA MONDIALE di Carlo Alfredo Clerici Linteresse crescente per la storia delle attivité militari tedesche nel nostro Paese mi induce @ proporvi in anteprima un breve studio sulla struttura e Vorganizzazione dei sistemi difensivi, realizzati in Italia dal 1943 al 1945 che presto sara pubblicato, corredato da numerose immagini sulla rivista Uniformi & Armi. Per meglio comprendere quest'argomento vale la pena di accennare alle prime esperienze condotte dalle forze armate germaniche nel campo della costruzione di linee fortificate. Le Origini delle Moderne Fortificazioni Tedesche; Il WestWall La Germania inizia a realizzare opere difensive di nuova concezione gid prima del Secondo Conflitto Mondiale. Dat 1937 al 1939, dopo la militarizzazione della Renania, viene costruito il Westwall, meglio conosciuto all'estero come Linea Sigfrido, per garantire la difesa della frontiera lungo la Francia Tlavori sono compiuti in soli diciotto mesi ad opera dell'Organizzazione Todt (O.T.), la stessa struttura paramilitare che dal 1933 al 1938 portera a termine la costruzione della grande rete delle autostrade tedesche. Nel Westwall, a differenza della francese linea Maginot, basata su grandi opere, sono impicgate fortificazioni di piccole dimensioni, adatte a sfruttare appieno la conformazione del terreno ¢ ad offrire un minimo bersaglio al fuoco avversario, Per semplificare Yorganizzazione del lavoro vengono largamente utilizzate opere di_tipologia standard, anche se questo sistema comporta spesso delle difficolta di adattamento alle diverse conformazioni dei territori da difendere. Il Westwall si estende su un fronte di pit di cinquecento chilometri, con una profondita variabile che arriva a toccare gli ottanta chilometri nei tratti pid saldamente difesi. In tutto é costituito da un insieme di pitt di quattordicimila fortini (addirittura ventiduemita secondo alcune fonti). La Seconda Guerra Mondiale Durante il Secondo Conflitto Mondiale lesercito tedesco, protagonista della guerra lampo, che nel primo anno travolge le principali linee fortificate curopee, una volta costretto alla difensiva, si dimostra anche un costruttore di fortificazioni assai abile - NOTIZIE Al SOCI * Settembre-Ottobre 1994 - ‘L’Organizzazione Todt sfruttando le esperienze maturate con la costruzione del Westwall realizza un numero incalcolabile di opere fortificate in tutti i settori d'Europa esposti alla minaccia di azioni offensive angloamericane. In Francia nel 1941 iniziano i lavori di costruzione del Vallo Atlantico, destinato a diventare una delle opere simbolo delle moderne fortificazioni. Questa linea che si estende per 3500 km. dalla frontiera danese a quella spagnola, comprende circa 12.000 opere permanenti pid un numero elevatissimo di strutture campali. Contemporaneamente sulla costa mediterranea viene avviata la realizzazione di una linea fortificata meno nota, battezzata dalla propaganda "Vallo Mediterraneo" Le Linee Fortificate in Italia Lungo la Penisola Italiana dopo larmistizio dell's settembre 1943, sono realizzate dalle forze germaniche numerose linee difensive. E’ utile ricordare qui solo le pitt famose da Sud a Nord. La Linea Gustav @ il principale complesso difensivo dellinvemo 1943-44, impemiata su Cassino mentre la Linea Hitler sbarra la valle del Liri, presso Aquino. = NOTIZIE AI SOCI + Settembre-Ottobre 1994 - La Linea Gotica, si estende fia Pisa e Rimini, lungo gli Appennini e costituisee ultimo baluardo prima dell'irruzione Alleata nella Pianura Padana Queste line difensive, affiancate da numerosissime altre di tipo campale, hanno le caratteristiche di una vera fortificazione semi-permanente, con ampio impiego di opere in cemento armato, Oltre alle difese citate, viene eretto lungo le coste del!'italia occupata, in particolare Iungo quelle del Mar Ligure ¢ dell'Adriatico Settentrionale, un sistema difensivo antisbarco ispirato agli stessi criteri costruttivi delle fortificazioni terrestri, con ampio impiego di modelli standard. La dispersione di forze Iungo un fronte esposto alla minaccia di un attacco Alleato esteso centinaia di chilometri rende necessario limpiego di costruzioni di realizzazione relativamente cconomica. Per di pid Vallestimento di queste difese avviene in fretta, sotto T'incalzare dell'avanzata Angloamericana, spesso in condizioni meteorologiche avverse che rendono impossibili gettate di calcestruzzo di grandi dimensioni. Per la realizzazione di queste linee difensive si ricorre quindi ancora di pit che nel Westwall, a piccole opere, che hanno anche il vantaggio di essere poco vulnerabili dall‘offesa nemica. Anche se Vimpiego di queste linee difensive non riesce a mutare il corso degli eventi bellici, ormai volti irrimediabilmente a sfavore della Germania, dimostra tuttavia lfficacia della tecnica fortificatoria tedesca, costringendo gli Alleati a risalire lungo la Penisola a prezzo di gravissime perdite Allla costruzione di tutte le opere provvede, come abbiamo detto, 'Organizzazione Todt, che impiega largamente manodopera civile di reclutamento locale, sotto il controllo di personale germanico. L'Impiego di Tipologie Standard Vengono realizzati vari modelli standard di fortificazioni detti Regelbau, ciascuno contraddistinto da un numero di tre cifie a seconda della tipologia. Queste opere sono in parte derivate da quelle disposte lungo la linea Sigfrido, 0 lungo il Vallo Atlantico, ma ne esistono anche altre, concepite appositamente per il teatro di guerra italiano, Le Postazioni Tobruk Le fortificazioni pith comuni sono i nidi di mitragliatrici denominati "Tobruk" (o Ringstand secondo I'uso tedesco) di cui esistono alcune variant Il modello @ ispirato alle rudimentali ma efficaci postazioni italiane impiegate durante il con flitto nel Nord Africa (da cui il nome di Tobruk), composte da un semplice vano sotterraneo con un'apertura circolare sulla sommiti, ed una piccola riservetta per le munizioni o un ricovero per il personal. Liidea originale italiana, pur nella sua semplicita si é dimostrata molto efficiente e per questo i tedeschi l'adottano prevedendone perd la costruzione in cemento armato. L’ampiczza del foro sulla sommita varia a seconda dell'arma impiegata. Il Regelbau pitt comune € designato 58 C, ed ¢ adatto ad ospitare un mitragliere, armato per lo pitt con una MG 34 od una MG 42. Il modello 61 A, pitt raro, é provvisto di una colonnetta centrale per sostenere un mortaio leggero modello 36 da SOmm Esternamente queste postazioni vengono coperte di terra e per garantire un completo mascheramento l'apertura circolare & chiusa da un coperchio di legno di forma irregolare, dipinto con colori mimetici che offre anche un riparo contro le intemperie. Frequentemente le postazioni Tobruk sono integrate nella struttura di opere fortificate pitt grandi 0 posti comando protetti, che necessitano di un'opera per la difesa ravvicinata,