Sei sulla pagina 1di 1

SIEOG: FONDAMENTALE SEGUIRE LE PROCEDURE PER ABORTO SELETTIVO (AGI) - Roma - Per minimizzare dolorosi incidenti, l'interruzione selettiva

della gravidanza deve essere effettuata da operatori esperti in centri di riferimento e l'identificazione dei gemelli deve essere effettuata da chi procedera' personalmente all'intervento. Questo e' quanto ha precisato la Societa' italiana di ecografia ostetrico-ginecologica (Sieog), in una nota ufficiale, a commento del caso dell'aborto selettivo eseguito presso l'ospedale San Paolo di Milano. Secondo la Sieog infatti nel dibattito emerso sui media sarebbero stati ignorati alcuni elementi cruciali per una corretta considerazione del problema. La societa' scientifica ha sottolineato che la procedura di interruzione selettiva di gravidanza e' 'una pratica ben consolidata in tutto il mondo, con centinaia di casi descritti e riportati in letteratura'. Anche se non vi sono linee guida ufficiali per effettuare questo tipo di intervento, esistono tuttavia una serie di indicazioni suggerite dalle societa' scientifiche che, se rispettate, permettono di considerare questi interventi sicuri. Innanzitutto l'intervento deve essere effettuato solo da operatori esperti nei centri di riferimento per Medicina Fetale. Nel caso di gemelli senza anomalie maggiori riconoscibili ecograficamente, come nel caso dell'Ospedale S.Paolo, l'identificazione del gemello affetto deve essere effettuata dalla stessa persona che poi procedera' all'intervento. Ciascun gemello deve essere quindi identificato mediante la marcatura del sacco amniotico. Infine e' fondamentale che i genitori siano informati dell'eventuale rischio di aborto del feto sano, nonostante la presenza di tutte queste precauzioni. 'Gli interventi su uno dei due feti di sesso identico che non presentino anomalie maggiori ecograficamente rilevabili, come la talassemia o difetti enzimatici, e' un evento raro ma non rarissimo' ha infine precisato la nota della Sieog. -

30/08/07 - 14.40