Sei sulla pagina 1di 19

Gli Open Data nel futuro del SIRAV

Cosa sono gli Open Data


Padova, 17 novembre 2011

Silvia Rebeschini srebeschini@gmail.com

Il contesto: l'Open Government


concetto di governance, a livello centrale e locale, basato su modelli, strumenti e tecnologie che consentono alle amministrazioni di essere nei confronti dei cittadini APERTE e TRASPARENTI

Bidirezionalit Condivisione Partecipazione

Libert di accesso a dati e informazioni

anche attraverso l'uso delle NUOVE TECNOLOGIE DIGITALI

Qualche riferimento normativo

Raccomandazione del Comitato Ministri Consiglio Europa n. 19/2001 nuove tecnologie comunicazione per trasparenza Direttiva europea 2003/98/CE sul riutilizzo dell'informazione del settore pubblico recepita in Italia con il Decreto Legislativo 36/2006 D Lgs 82/2005 (Codice dellAmministrazione Digitale) che ha sancito il principio di disponibilit dei dati pubblici, affermando la possibilit di accedere ai dati senza restrizioni non riconducibili a esplicite norme di legge sia per i soggetti pubblici che privati Direttiva europea 2003/4/CE, sulla promozione dellaccesso e diffusione dellinformazione ambientale anche attraverso mezzi di telecomunicazione e strumenti informatici, in forme e formati facilmente consultabili, recepita con D.Lgs 195/2005

Impulso verso gli Open Data


Memorandum Open Government Directive del 8/12/2009: istituzioni ed enti pubblici devono rispettare i principi di Trasparenza, Partecipazione, Collaborazione

Rapporto Organizzazione Nazioni Unite, 2010 Rapporto OECD Towards smarter and more transparent government 2010

Cosa significa Open Data


I dati aperti sono dati che possono essere liberamente utilizzati, riutilizzati e ridistribuiti da chiunque, soggetti eventualmente alla necessit di citarne la fonte (diritto di paternit) e di condividerli con lo stesso tipo di licenza con cui sono stati originariamente rilasciati.
http://opendefinition.org/okd/italiano/

Requisiti degli Open data

Primari Tempestivi Accessibili Leggibili da computer Completi

Non proprietari No licenze limitanti Riutilizzabili Ricercabili Permanenti

LICENZE APPROPRIATE
Le amministrazioni non solo devono pubblicare i propri dati a titolo non oneroso e senza restrizioni di utilizzo, ma devono permettere l'accesso ai dati grezzi per consentirne il trattamento, l'integrazione e il riuso da parte di chiunque.

Creative Commons IODL (Italian Open Data License) Open Database License (ODbL)

Se la licenza non viene esplicitata si intende tutti i diritti riservati


Licenze compatibili con IODL (CC0, CCBY...).

RICERCABILI
Contenuti digitali reperibili in modo facile e immediato mediante motori di ricerca, cataloghi,..

CKAN: catalogo per trovare, condividere, riutilizzare, dati e contenuti liberi. Disponibili 220 pacchetti registrati

Nuovo Portale del governo italiano dati.gov.it

RIUTILIZZABILI
RIUSO il requisito chiave per fare Open Data Anche per scopi commerciali Dataset pi scaricati Condivisione dei risultati

http://www.dati.piemonte.it/cose-il-riuso-dei-dati.html

Tutto questo con il fine di...


Rendere i dati interoperabili per permettere a chiunque di incrociare dati provenienti da fonti diverse in modi diversi e creare valore aggiunto per

la crescita democratica, leggendo i dati da altri punti di vista, creando nuova informazione per scelte pi consapevoli da parte dei cittadini e incentivare lo sviluppo economico e l'innovazione attraverso la creazione di nuove applicazioni

Ma per fare Open Data nella PA necessario ricordare...


Il dato prodotto nasce aperto (salvo indicazione contraria) perch pagato dai cittadini, ai quali va restituito.
La domanda: perch NON liberare i dati?

Strumenti a disposizione:

Atti formali politico-istituzionali (leggi, delibere, incentivi, ecc.) Diffusione buone pratiche, sensibilizzazione, confronto con chi ha gi liberato dati Formazione del personale,...

Vanno garantiti la qualit e l'aggiornamento dei dataset aperti Definire precise mansioni e responsabilit

Produzione e aggiornamento del dato decentrati Pubblicazione e gestione metadati centralizzati

UK TDE Team http://data.gov.uk/

Bisogna capire quali dati interessano veramente al pubblico e quali sono in grado di generare profitto per le imprese

Misurare attraverso indicatori

l'interesse dimostrato per i dataset liberati la qualit delle applicazioni derivate

Usi imprevisti dei dati!! Fondamentale il dialogo con la comunit (cittadini, imprese, amministratori)

E' pi facile partire se...


Si parte per gradi...scegliendo le banche dati pi facili da liberare (ma attenzione!) Si mantengono separate le questioni politiche (trasparenza) da quelle economiche (business) Si utilizza una licenza adeguata tra quelle gi esistenti

Si coinvolge la comunit!

Sensibilizzare I cittadini focalizzandosi su ambiti locali...creare l'interesse per applicazioni open Ascoltare cittadini e aziende per decidere quali dati liberare (preparare lista e chiedere feedback) Coinvolgere un politico per lancio

Open Data in Italia

Applicazioni con gli Open Data


Tantissime e in continuo aumento!! Su vari argomenti: trasporti, inquinamento, energia, politica, sicurezza, economia, ecc...

http://publicdata.eu/app raccoglie numerose Apps sviluppate in ambito europeo http://data.gov.uk ne conta 188 http://www.dati.gov.it ne conta circa 40 Per incentivarne la creazione nascono i contest: Open data Challenge, Apps4italy, Torino Open Data Contest, ecc.

Per saperne di pi...


Open Knowledge Foundation - Il manuale degli open data
< http://opendatamanual.org/it/>

Associazione Italiana per l'Open Government - Come si fa Open Data Istruzioni per l'uso per Enti e Amministrazioni Pubbliche http://www.scribd.com/doc/55159307/Come-Si-Fa-Opendata-Ver-2> M. Fioretti - Open data Open society
http://www.lem.sssup.it/WPLem/odos/odos.html

M. Fioretti Open data: emerging trends, issues and best practices


http://www.lem.sssup.it/WPLem/odos/odos_report_2.pdf