Sei sulla pagina 1di 10

Una serie di fatti peculiari riguardanti il mio amico (ora disperso) Tom Welling.

Quella che segue la descrizione di alcuni fatti veramente peculiari in cui ho avuto la sfortuna di trovarmi, in piccola parte, coinvolto. Questi fatti riguardano principalmente uno dei miei amici che ora scomparso. Personalmente, ho assistito direttamente a molto poco, pertanto la maggior parte delle informazioni le ho ricavate tramite investigazioni dopo che i fatti si erano compiuti. Probabilmente, leggendo quello che seguir, penserete che non avrei mai dovuto farmi coinvolgere e che ora dovrei semplicemente ignorare tutto. Ripensandoci, concordo Tuttavia ritengo che i numerosi casi di sparizioni, incluso quello del mio amico, sono correlati tra di loro, e tutti i miei tentativi di spiegarlo alle autorit locali si sono dimostrati futili. Tenter, per quanto possibile, di evitare di inserire le mie interpretazioni dei fatti. Non provveder inoltre l'identificazione di me stesso o di qualsiasi altra cosa riguardante questa storia. Questa intera situazione ha come centro il mio amico, Tom Welling. L'ho incontrato durante la prima media; eravamo nella stessa classe. Lui era una di quelle persone destinate al successo: era brillante, popolare (qualunque cosa significasse in prima media) e sveglio. Era a volte il clown della classe, e veniva apprezzato da quasi tutti i bambini ad eccezione dei 'fuori casta', coi quali era spesso crudele. La sua personalit rimasta pi o meno questa finch non ci siamo allontanati. In altre parole era popolare, privilegiato, e in parte un figlio di puttana. Io, come molti altri bambini, volevo solo 'integrarmi' e cos lui sembrava un buon amico da avere. Nonostante avesse cos tanti amici a scuola, nessuno lo conosceva fuori dalla classe stessa. Nessuno era mai stato a casa sua a giocare o a dormire. Tuttavia, io e lui siamo diventati ottimi amici man mano che la prima media passava, e una volta arrivata l'estate lui spesso veniva a casa mia a giocare ai videogame e farci giretti in bici per il vicinato. Un giorno stavamo giocando con il mio sega genesis e lui inizi a parlare di quanto fosse migliore il suo nintendo 64 (la mia famiglia non era cos ricca da permettersene uno). Continuava a parlare di questo suo nuovo gioco e di quanto fosse bello, e insistette affinch io andassi da lui a giocarci. Questo mi port a passare la notte da lui qualche settimana dopo. Questo bambino viveva in una casa veramente grande e veramente vecchia. Viveva con sua nonna (non ho mai incontrato i suoi genitori, n ho mai domandato perch vivesse con la nonna). Lei sembrava estremamente fiera della storia della sua famiglia e, da quanto l'anziana mi raccontava, erano i classici 'ereditieri' Ma a guardare le condizioni della casa era ovvio che i soldi eran finiti o erano stati dilapidati, poich l'intero posto stava diventando sinistro e cadente. La maggior parte della casa non era nemmeno utilizzata, era semplicemente usata come ripostiglio per una serie di polverose cianfrusaglie non toccate per anni. Le uniche persone che avessero mai vissuto l son stati Tom e sua Nonna, a quanto s. In ogni caso, pensavo sarebbe stato divertente esplorare il posto, ma Tom, che era

ovviamente vissuto l, non ne aveva interesse. Voleva solo giocare ai videogame, e cos facemmo. visti i suoi rifiuti sull'esplorare, decisi di fingere di dover andare in bagno, con l'intenzione invece di sbirciare in qualche stanza abbandonata. Cos feci. La stanza era dall'altro lato rispetto alla stanza di Tom, alla fine di un lungo corridoio, al secondo piano. Era vuota, ad eccezione di un paio di poltrone vecchie e ammuffite e coperte da lenzuola bianche. Non era spaventoso o interessante, solo polveroso. Sbirciai dalla finestra di quella stanza, che dava sul cortile posteriore, e notai una cosa interessantissima: una piscina! C'era erba che fuoriusciva dalle fessure del cemento intorno ad essa, ma era chiaramente piena d'acqua (ripensandoci, non sembrava molto pulita). Tornai nella stanza di Tom, che stava ancora giocando ai videogame, sparando al mio inanimato personaggio pi e pi volte, aspettando il mio ritorno. Gli chiesi della piscina, e subito il suo comportamento cambi Mi disse che era sporca e non avrei voluto nuotarci. Erano parole totalmente sensate, tuttavia il suo comportamento, il tentativo costante di cambiare argomento, mi fecero incuriosire: cos, dopo aver chiesto un'ennesima pausa bagno, uscii e andai nel cortile sul retro. L'erba era talmente alta che non vidi la piscina finch non fui davvero vicino ad essa: come diceva Tom, era sporchissima. Non si vedeva a pi di qualche centimetro rispetto alla superficie di quell'acqua salmastra. Camminai fiancheggiando il bordo finch non vidi la baracca dove tenevano gli attrezzi per la piscina: proprio sul muro esterno della baracca, c'era un interruttore con su scritto a pennarello 'luci interne della piscina'. Visto lo stato, non pensavo sarebbe accaduto nulla, invece si accese una piccola luce gialla dentro la piscina, vicino al fondo della parte pi bassa. Nulla di questo era particolare finora: una casa inquietante e incurata con una egualmente incurata piscina. Ma quando mi sporsi sul bordo per vedere la luce, qualcosa accadde: vidi qualcosa muoversi. Come ho gi detto, l'acqua era incredibilmente sporca: talmente sporca che non avrei potuto vedere nulla che non fosse proprio sopra la luce, coprendola in parte. Non s descrivere la forma di quella cosa, n quanto grande fosse, la superficie dell'acqua non sembr nemmeno muoversi, ed in effetti era proprio ferma, cos che non potessi sospettare di una corrente nell'acqua che avesse mosso un frammento di terra o cose del genere. A questo punto, non ero proprio sicuro di cosa avessi visto: mi ha solo spaventato un po' e fatto saltare indietro. Risporgendomi, non vidi nulla. Quindi tornai dentro e mi riunii con Tom, che stava ancora giocando. Siccome prima si era estremamente innervosito riguardo la piscina, decisi di evitare di raccontargli la faccenda. Tuttavia, il giorno dopo a scuola corse da me appena scesi dal bus. Sembrava arrabbiato. Avevo lasciato la luce della piscina accesa e lui aveva scoperto che aveso sbirciato da quelle parti. Mi chiese se avessi visto qualcosa (strano, considerando il fatto che una tal domanda indicava che lui pensava ci potesse essere qualcosa in quella sporca piscina). Decisi di non parlare dell'essere che si mosse nell'acqua (non ero nemmeno sicuro di averlo visto davvero) col fine di far cadere la discussione il prima possibile. Continu a urlarmi contro di non avvicinarmi mai pi alla piscina per nessun motivo, era estremamente arrabbiato. Si calm dopo che lo convinsi di non aver visto nulla. Dopo quell'episodio, la nostra amicizia si deterior, e non lo vidi per molto tempo all'infuori della scuola.

Ora, dobbiamo avanzare temporalmente di 5 anni, quando io e Tom eravamo nel primo anno di triennio alle scuola superiori. Come ho detto, non ci vedevamo molto fuori dalla scuola dopo quell'episodio in prima media, e Tom cambi scuola poco dopo quell'episodio, quindi ebbi pochi contatti con lui finch non ci ritrovammo di nuovo assieme nello stesso liceo. A quel punto, cominciammo a frequentarci piuttosto spesso. Tom era sempre popolare, ma un po' stronzo. Divent un buon giocatore di calcio, ma non una 'star'. Sembrava un ragazzo normale, la maggior parte del tempo. Ad ottobre di quell'anno, io ed un po' di amici stavamo passeggiando e parlando riguardo ad un party per halloween. Volevamo fare qualcosa di veramente grande e suggestivo, e subito mi venne in mente la casa malandata e inquietante di Tom, cos suggerii di fare il party l. Non andavo in quella casa dall'episodio della piscina, e nessuno dei miei amici sapeva dove fosse la casa. Scoprimmo preso il perch: Tom and sulle difensive tutto d'un tratto, dicendo che non potevamo fare il party da lui, ma senza dare una risposta precisa sul perch. Dopo un po' disse finalmente che sua nonna non avrebbe acconsentito a fare una cosa del genere; i miei amici pensarono che avesse esitato cos tanto dato che non voleva perdere la faccia dicendo di essere ancora sotto sorveglianza della nonna, ma a me parve che lui stesse cercando freneticamente una scusa per non invitare nessuno alla sua casa. Qui dove le cose cominciano a diventare sinistre Tom si vedeva con una ragazza di nome Katie. Era bionda e piuttosto carina. Inizi a frequentarla 2 anni prima. La notte prima del nostro ultimo giorno di scuola del terzo anno di liceo questa scomparve. Lo scoprii il mattino seguente, tramite un annuncio fatto dagli altoparlanti della scuola, che chiedevano se qualcuno avesse avuto qualche informazione riguardo la ragazza. All'inizio, la situazione fu trattata come se lei fosse semplicemente fuggita di casa, ma pensai che i genitori temessero il peggio: quando non ebbero notizie di lei la sera, organizzarono una intervista per chiedere informazioni e aiutare le ricerche. Secondo il loro racconto durante l'intervista, eccome come sono andate le cose: Katie se ne and da scuola con Tom, e andarono a mangiare in un ristorante (svariate persone li videro l, dato che erano abituali frequentatori). Tom la lasci a casa verso le 7 del pomeriggio, e i genitori la videro andare nella sua stanza al secondo piano. Stando alla loro versione, lei aveva promesso di passare il resto della serata a studiare per il suo ultimo esame dell'anno, che avrebbe dovuto dare la mattina successiva. Verso mezzanotte, la madre and a controllare, ma vide la luce della camera spenta e pens che fosse crollata sul letto, senza effettivamente controllare direttamente la stanza. I genitori avevano passato l'intera serata a guardare la tv nella sala da pranzo, che dava direttamente sulle scale: non c'era modo che lei uscisse dalla porta di casa senza essere vista. Dopo mezzanotte, i genitori andarono a dormire. Verso le 6 e 30 del mattino seguente, la madre, non vedendola sveglia, apr la porta della sua camera per svegliarla: non era nel letto.

Cercarono in tutte le stanze ma non la trovarono. Le telefonarono sul cellulare, ma si scopr che questo era appoggiato sotto il cuscino del suo letto. Lei non usciva praticamente mai senza il suo telefono, ma sembrava che lo avesse lasciato di proposito l, dato che la borsetta era sparita e i vestiti che indossava quando era rientrata erano sul pavimento, quindi si era certamente cambiata prima di lasciare la casa. Quando la polizia fu chiamata, furono in grado di verificare tramite le telecamere di sicurezza che nessuna porta per l'esterno era stata aperta quella notte. Nessuno dei vicini l'aveva vista lasciare la casa, anche se gli stessi vicini dormivano durante la notte, quindi la cosa non precludeva nulla. Fu ricostruito quindi che la ragazza, tra le 7 del pomeriggio e le 6 e 30 di mattina si era cambiata e aveva lasciato la casa, prendendo la borsa ma non il telefono. Apparentemente, la ragazza non aveva mai avuto problemi a casa o in qualsiasi posto che potevano far presupporre una possibile fuga. Il primo giorno delle vacanze estive pass e Katie ancora non fu trovata. Nessuna prova venne fuori, tranne un tizio in una pompa di benzina che affermava di aver visto la ragazza entrare nel bar e comprare qualche snack, ma dai nastri di sorveglianza venne fuori che era una ragazza appena somigliante. Pensavo che Tom avesse la necessit di avere un certo supporto morale, cos decisi di chiamarlo, ma non rispose, cos andai a casa sua. La casa sembrava ancor pi abbandonata rispetto all'ultima volta che l'avevo vista, in prima media. Dovetti suonare il campanello due volte prima che Tom mi rispose. Sembrava nervoso all'inizio, ma appena mi vide tir un sospiro di sollievo. Mi disse che pensava fosse un altro detective che voleva porgli altre domande. La polizia ovviamente lo aveva interrogato intensamente dato che era la persona con cui Katie passava pi tempo, ma sembrava che lui avesse le stesse informazioni di tutti riguardo ai modi di fare della ragazza. Cercai di controllare che tutto fosse okay, data la scomparsa della ragazza e tutto, ma stranamento non sembrava molto arrabbiato o triste. Continuava a parlare di quanto fosse stressante ricevere tutte quelle domande dai poliziotti tutto il tempo. Sono stato l con lui per qualche ora, parlando e bevendo qualche birra. Preso, dovetti andare in bagno. Appena entrai, un odore forte e pungente mi colpii: la fonte era piuttosto chiara: un costume da bagno appeso ad asciugare sul portasciugamani. Era quasi asciutto ma, per qualche ragione, aveva un odore acido, chimico, come un vino molto pi potente che veniva da esso e poteva essere notato per l'intero bagno. Non riconobbi l'odore, ma qualche anno pi tardi, mentre lavoravo come inserviente durante uno dei miei lavoretti estivi, trovai lo stesso odore: era ammoniaca. Non diedi troppa importanza a quell'odore, ma ora quell'odore tormenta i miei sogni. Un'altra cosa importante che accadde quella notte che Tom mi disse che sua nonna era stata messa in una casa di riposo qualche mese prima, quindi viveva da solo. L'unico motivo per cui me lo disse che lo interrogai io esplicitamente su dove lei fosse. Pensai fosse molto strano che un ragazzo liceale vivesse da solo, ma siccome tom era in una situazione piuttosto delicata, non lo interrogai troppo su questo. Dopo le superiori, Tom e io andammo ad universit diverse. Lui and in una sorta di piccola ma prestigiosa e molto costosa universit, e io andai in uno di quei porcili statali. Non lo sentii quasi per nulla, ad eccezione di vederlo su alcune foto su facebook mentre stava a dei party con degli amici. Dopo il

primo anno di universit tornai a casa per l'estate, e dopo un paio di settimane lui mi mand un messaggio e andammo fuori a bere qualche drink. In quel periodo, avevo una ragazza che avevo conosciuto all'universit, e lei venne da me per qualche giorno per incontrare la mia famiglia. Mentre era l, decidemmo di andare, assieme ad alcuni amici con cui uscivo al liceo tra cui Tom, ad un night club in una citt pi grande, a mezz'ora dalla nostra. Mentre eravamo l, Tom inizi a flirtare con una ragazza semi-nerd, con grossi occhiali e l'apparecchio, non sembrava proprio il tipo di ragazze che di solito corteggia, ma non prestammo attenzione alla cosa. Alla fine della serata, la ragazza acconsent ad andare a casa con lui, mentre noi ci ammassavamo nelle altre auto per non disturbare una sua potenziale e non programmata notte di passione. Nessuno, ad eccezione di lui e della ragazza, sal sulla sua macchina quindi. Questi fatti non sembrano avere alcuna correlazione con gli eventi passati, ed per questo che all'epoca non avevo alcun sospetto su Tom Welling, e riguardante qualcos'altro, la cui natura ancora oggi non comprendo. Queste disparate situazioni iniziarono a solidificarsi assieme per formare una spaventosa e gigantesca verit il giorno successivo. La mia ragazza stava per partire e non l'avrei rivista fino all'inizio dei corsi, un paio di settimane dopo, quindi pranzammo assieme per salutarci. Dopo, andai a casa di Tom, giusto per cazzeggiare un po' e perch ero curioso di sapere come era andata con la ragazza che non sembrava proprio il suo tipo. Il volto sulla sua faccia quando apr la porta mi ricord lo stesso sguardo di quando mi apr subito dopo la sparizione di Katie. Era chiaramente arrabbiato e continuava a chiedermi se la polizia mi avesse parlato o chiesto qualcosa. Non lo avevano, e non avevo idea del perch avrebbero dovuto. Mi spieg finalmente che la ragazza con cui era andato a casa la notte scorsa era sparita, e lui aveva paura che sospettassero di lui, visto il precedente con Katie. Apparentemente, aveva scoperto della sparizione tramite un notiziario. Passai un po' di tempo cercando di calmarlo e promettendo che, se la polizia me lo avesse chiesto, non avrei ammesso di sapere che lui avesse portato quella ragazza a casa sua la sera prima (promessa stupida, lo s). Quando andai a casa chiesi a mia madre se avesse visto nulla sul notiziario riguardo una ragazza scomparsa. Nulla. Cercai le trasmissioni in streaming su tutti i siti web delle reti televisive e non trovai nulla. Nessuna notizia in nessun notiziario. In effetti, fino alla sera del giorno dopo, nessun notiziario aveva parlato della scomparsa della ragazza, e il notiziario che finalmente lo annunciava il giorno dopo diceva di essere il primo a riportare quella notizia. Ovviamente ero riluttante nel sospettare un mio amico, ma il seme del dubbio aveva iniziato a germogliare nella mia mente. Se davvero non c'era alcuna notizia sui notiziari, allora lui sapeva che qualcosa era successo alla ragazza, e cercava una copertura Oppure, cosa che volevo crede al momento, la notizia era stata riportata da qualche notiziario locale indipendente, che mia madre si era perso, e che non aveva un sito web (cosa possibile per piccole stazioni televisive). La ragazza, ad oggi, ancora dispersa. Per i successivi 2 anni la vita di Tom ha preso una piega decadente. Rimanevo in contatto con lui principalmente tramite facebook. Non postava regolarmente, ma quando lo faceva era solitamente per lamentarsi di qualche dramma. Da quel che ho capito finito in mezzo ad un paio di risse tra ubriachi, e a vedere i post dei suoi

amici sulla sua bacheca, li stava perdendo. Tom poteva essere un coglione alle volte, ma ora sembrava come un completo stronzo verso le persone che erano considerabili amiche. Non parlai molto con lui in quegli anni. Uscimmo talvolta assieme quando eravamo a casa dall'universit, ma ogni volta sembra sempre pi disinteressato e assente. Sembrava preoccupato e solo a volte prestava attenzione a cosa gli accadeva intorno. Le sue riposte diventavano sempre pi monosillabiche e difensive, cosa che era l'esatto opposto rispetto a quando lo avevo conosciuto. Ho provato a parlargli di questo un paio di volte, ma l'argomento lo rendeva piuttosto irritabile, quindi ho desistito. Aveva iniziato molto bene, accademicamente parlando, l'universit, con voti brillanti; ma basandomi su ci che ho sentito da un amico comune che andato nella stessa sua universit, ha iniziato a non venire a lezione regolarmente da ottobre del suo terzo anno e ha praticamente fallito ogni esame e mollato l'universit. Nel dicembre di quell'anno tornai a casa per la pausa natalizia. Provai a contattarlo ma non mi rispose. Andai a casa sua, per vedere se aveva voglia di scolarsi qualche birra con me, provando compassione per lui e sentendo la necessit di aiutarlo con qualsiasi cosa lo stesse tormentando. Era ovviamente disturbato da qualcosa: non era da lui perdere amici intenzionalmente, e meno che mai buttare la sua carriera scolastica al vento. La sua macchina era parcheggiata sul viaggetto di casa, ma non mi rispose alla porta, nonostante il mio frenetico suonare al campanello. Tornando alla macchina, notai che sul finestrino del sedile del passeggero vi era un segno, disegnato dall'interno: uno di quei segni che si lasciano col dito, e son visibili solo quando il vetro si opacizza per il freddo. Era un cerchio, con dentro un cerchio pi piccolo e riempito, come gli occhi di uno di quei cartoni animati che si vedono in tv. Lo fissai per qualche secondo, poi me ne andai. Non sarebbe stata l'unica volta che avrei visto quel simbolo. Continuai a tentare di ristabilire contatti con Tom, ma non mi rispose mai, e conclusi col fatto che probabilmente stava cercando di evitarmi. Torani a scuola dopo natale, fermamente convinto di aver fatto del mio meglio per aiutarlo. Scopri, sempre dal nostro amico comune, che Tom non era tornato al suo appartamento accanto l'universit. Qualche settimana dopo, durante la primavera, stavo parlando con mia madre al telefono che mi disse di aver visto Tom al supermercato, di aver provato a salutarlo ma che lui o non l'aveva sentita o l'aveva ignorata. Disse che sembrava piuttosto trasandato. Questa stata l'ultima volta che ho sentito parlare di lui prima di giugno. Quando tornai a casa per le vacanze estive, tentai di nuovo di contattarlo, fallendo ancora. Tuttavia, un giorno controllai una mia vecchia email su yahoo, un account che non usavo da svariato tempo poich era diventato un ricettacolo di spam, e con mia grande sorpresa vi trovai un'email di Tom, datata 17 maggio, appena un mese prima. Non s perch Tom me la mand l, dato che son certo di avergli dato il mio account su gmail, che uso tutt'ora. Riporto qui l'email:
To: Marc.z.23@yahoo.com From: Tom Welling spartacusdog4@gmail.com

Sent: Thursday, May 17, 2007 4:15 AM Subject |Amico, me ne sto andando. Sono gi andato. Ero gi andato lontanissimo quando eravamo Bambini. Non posso spiegare, vorrei ma no. nella mia testa, non posso tirarlo fuori ma posso scappare. Non posso fermarlo ma forse posso almeno scappare. Te lo dico perch s che tu mi stai cercando ma non voglio che lo fai, e soprattutto stai lontano dalla mia casa. Dimentica, amico.| Come potete vedere, la grammatica totalmente inconsistente, coronata da concetti senza alcun senso. Tom non mai stato un campione di grammatica o cose simili ma questa email sembra scritta da un pazzo. Ancora peggio il suo messaggio sembra dire che stava scappando, o era scappato, da qualcosa che non voleva o non poteva spiegare. La ragione per cui mi mand l'email era chiara: non voleva che cercassi nella sua casa. Cos immediatamente mi diressi l, chiamandolo lungo la strada: stando al messaggio registrato, il servizio telefonico verso il suo numero era stato soppresso. Quando arrivai alla sua casa, la sua auto era ancora l, ma nessuno mi rispose quando suonai il campanello. Dopo aver pensato un po' decisi di aggirare la casa, cercando un punto dove poter entrare o almeno sbirciare dalle finestre o qualcosa del genere. La porta principale era chiusa a chiave, ovviamente, ed era troppo scuro all'interno per vedere dalla finestra accanto, cos decisi di arrampicarmi su per la recinzione e tentare la fortuna con la porta a vetri sul retro. Arrivai cos al cortile sul retro. La casa aveva continuato la sua decadenza nel corso degli anni in cui Tom era all'universit, ma il cortile sul retro era un completo disastro. Erbaccia e rampicanti ovunque e altissimi, e ovviamente non erano stati toccati in anni. L'erba era cos alta che, prima di vedere la piscina, dovetti avvicinarmi di molto, ma prima di avvistarla riusc a sentire quel terribile odore che sentii sul costume di Tom qualche anno prima : ammoniaca. La piscina sembrava ancor pi sporca di come me la ricordassi in prima media. Con ogni probabilit, non era stata pulita da quel giorno, le pareti ancora avevano quella spessa parete di alghe verdi che giacevano sopra una parete ben pi spessa di alghe marroni morte. Aggirai la piscina, tentando di mantenere le distanze da quell'insopportabile odore; ma mentre mi avvicinavo alla porta a vetri dalla quale speravo di entrare, vidi qualcosa dentro l'acqua: mi avvicinai per guardare meglio, e vidi ci che sembrava una sedia a rotelle. Ora, l'acqua era talmente sporca che non si poteva vedere a pi di pochi centimetri dalla superficie, ma la sedia si trovava appoggiata nella parte meno profonda della piscina, pertanto le maniglie che si usano per spingerla erano praticamente a pelo d'acqua. Guardai per qualche secondo la strana visione che mi si presentava. Non sapevo come fosse accaduta una cosa del genere, forse Tom l'aveva lanciata nella piscina in un attimo di follia o di rabbia, quindi mi diressi verso la porta a vetro, che era stranamente aperta. L'interno della casa era un disastro. Vecchi, polverosi quadri erano stati tolti dai muri e tirati a caso sul pavimento. Quando entrai nella sala da pranzo vidi che la vecchia e grande tv aveva lo schermo spaccato. Un'altra tv, pi nuova, era stata posta di fronte ad essa, poggiata su un tavolino da caff. Questa televisione era accesa e sintonizzata sulla stazione televisiva locale, ma senza sonoro. La cosa che mi colp di pi erano questi due muri, che erano apparentemente stati privati con violenza di tutte le decorazioni e la carta da parati. Svariati dipinti, con le cornici rotte, giacevano ammassati per terra, assieme ai resti di un piccolo tavolo e di un vaso rotto. Lo spoglio muro era stato quindi riempito di scarabocchi frenetici e strani disegni. Un controllo pi accurato mostr che eran stati fatti con un taglierino. Un tema ricorrente in quegli apparentemente insensati disegni: quei due cerchi concentrici che avevo visto anche sul finestrino dell'auto di Tom. La scrittura era per la maggior parte illeggibile per me. Non s se erano stati scritti in un'altra lingue, o con una pessima calligrafia. L'unica cosa che riuscii a leggere fu una frase, scritta in larghe lettere appuntite: "COME PUOI VEDERE DENTRO LA MIA TESTA MIO DIO SIAMO COS AFFAMATI''. La parola ''affamato' era scritta visibilmente pi grande e con lettere ancor

pi appuntite. Se non ero ancor convinto che il mio amico fosse impazzito, lo ero ora. Cercai per la casa finch non venne il buio, ma nessun segno di lui. Scopri che aveva smesso di dormire nella sua stanza, perch il materasso era stato spostato nella cucina, assieme a qualche lattina di birra. Pensai che forse un barbone aveva preso possesso della casa abbandonata, ma la stranezza del comportamento di Tom mi portava a credere che molto pi probabilmente era opera sua. Il suo computer, il telefono, e la maggior parte dei suoi vestiti erano spariti. Nella sala da pranzo trovai svariati blocchi note disersi lungo il divano, assieme ad una economica camera digitale appoggiata alla fine del tavolino da caff, accanto alla tv. Presi un paio di questi blocchi e la camera. Sfogliando rapidamente gli appunti, notai che vi erano gli stessi disegni che coprivano le pareti della casa. Portai tutto via con me, uscendo dalla stessa porta a vetri poich, se avessi aperto la porta principale, non avrei avuto di richiuderla a chiave e se Tom fosse tornato mi avrebbe di certo scoperto. Era il tramonto, la visibilit era bassa, ma quando passai vicino alla piscina vidi qualcosa che mi terrorizz: sentii e vidi qualcosa che si muoveva nell'acqua. Il movimento stavolta era tanto che potei sentire l'acqua che si muoveva, e vedere le piccole onde generate da ci. Saltai all'indietro, e rimasi bloccato per un minuto buono, finch non fui sicuro che tutto era calmo. Corsi alla macchina e tornai a casa. Quando iniziai a leggere i blocchi note, era ormai chiaro che Tom stava scendendo in qualche sorta di stato di follia intervallato da qualche sprazzo di lucidit. Ebbi difficolt ad organizzarli cronologicamente, poich avevo pochissime informazioni riguardo ad essi, tuttavia trovai una sorta di lista di 'cose da fare', che segnava 'passare a prendere Katie alle 11 e 30', pertanto posso presumere che questi siano stati scritti prima che Katie sparisse. Alcuni tuttavia sembrano scritti quando Tom era all'universit, appena prima di sparire. La maggior parte delle pagine di questi blocchi conteneva ancora quel simbolo a forma di occhio. Ci son 4 pagine che contengono del testo che immediatamente leggibile. In alcune pagine, tra i vari scarabocchi e disegni vi testo che sembra scritto in qualche strana lingua, o una sorta di codice, o forse anche questi son scarabocchi. Allego assieme a questo rapporto dettagliato alcune delle pagine pi interessanti che ho trovato. http://i.imgur.com/yU8Cd.jpg In questa pagina, che la prima di uno dei blocchi praticamente vuoto tranne per qualche pagina casuale piena di scarabocchi. Questa sembra l'unica pagina ad avere qualche sorta di testo in essa. Il grande simbolo centrale l'occhio a cui mi riferivo. In basso a sinistra c' quello che appare essere una grezza rappresentazione di una faccia dentro il simbolo ad occhio. In basso al centro c' una specie di strana testa con degli strani capelli o fiamme che escono da essa. Si pu notare la scritta 'HUNGRY', che significa 'affamato', con la U che circonda il simbolo ad occhio. Notare la forma a foglia nel margine alto della pagina. Sar ricorrente nelle altre pagine. C' una strana scritta, in un'altra lingua, in alto. si tratta della stessa sequenza di simboli che si ripeter in maniera ridotta sotto al triangolo vicino al simbolo ad occhio. Vi ci che sembra il disegno del sottomarino giallo, dell'omonimo album dei Beatles. http://i.imgur.com/L9rDg.jpg Qui c' semplicemente un largo simbolo dell'occhio con fiamme o tentacoli o raggi che finiscono in una serie di simboli, gli stessi della prima pagina. Confido che qualcuno di

voi possa riconoscerli. http://i.imgur.com/X01Oj.jpg Qui c' una sorta di lista di 'cose da fare'. Ci sono una serie di strani simboli aggiunti dopo. Questa la traduzione della lista: 'Rinnovare bollo veicolo Lavanderia Pagamento adsl comprare cereali + deodorante Andare a prendere katie @ 11:30' http://i.imgur.com/fufP1.jpg Questa parte sostanzialmente testo leggibile. Non era appartenente al blocco in cui l'ho trovata, sembra infatti che sia stata strappata da un altro e posta l, quindi credo che questo messaggio potesse continuare su altre pagine. Sembra scritto con la mano non dominante. Ecco una trascrizione di ci che viene scritto in un inglese insicuro e colmo di errori: ' un pensiero che da vita ad un altro pensiero come quando tu leggi al contrario dice paul morto paul morte c' un segreto nascosto' poi, scritto al contrario 'significa che la tua testa sente ma te non senti e cos lui ti fa fare ci che vuole' scritto normale 'Non s pi cosa fare. Pensavo che andarmene mi avrebbe reso libero, ma come se mi avesse seguito all'interno del mio cervello! Quando ero all'appartamento per l'universit credevo di essere libero, non l'ho sentito per mesi, ma poi quando l'ho vista il suo pensiero tornato, era come la prima volta che l'ho toccassi mio dio non potevo smettere di vomitare.. ho quasi vomitato ancora quando ricordai.. questa l'ultima cosa che natie ha sentito. devo tornare indietro, mi fa tornare indietro. se solo' qui si interrompe. http://i.imgur.com/yzvbB.jpg Questa parte mi ha quasi fatto svenire quando l'ho vista. C' del testo e una sorta di diagramma della piscina con una silhouette disegnata dentro di essa. Si riferisce al tentare di uccidere (probabilmente la cosa nella piscina) e sulla destra una serie di modi per farlo. Trascrizione: 'Pensavo fosse morta, forse sempre stata morta.. non mai vissuta per come intendiamo noi la vita. si si muove si nutre pensa Dio! pensa solo al mangiare. Quando non affamata in silenzio. Questo mi ha fatto pensare che fosse morta. Mi son tuffato dentro, sperando mi prendesse. Essere il suo cibo un destino migliore che essere il suo schiavo. Non si nemmeno mossa finch non ho tentato di colpirla ma a quel punto l'odore mi ha fatto vomitare. Ho continuato tutta la notte. Posso pensare solo quando non ha fame Forse posso pensare ad un modo per ucciderla' Accanto al diagramma 'Lanciargli qualcosa in testa? avvelenare l'acqua? Prosciugare la piscina? La pompa rotta. Sparargli?' http://i.imgur.com/pG86r.jpg Questa stata scritta poco prima che Tom andasse, credo. COntiene il simbolo

dell'occhio e un paio di forme a foglia con 3 linee di forme arricciate. ' tempo per me di andare. Non posso ucciderla. parte della mia testa e mi ha fermato. Devo andare. Trover qualcun altro ma non voglio essere pi io quel qualcuno'. Da quello che ho compreso da questi scritti, posso solo supporre che Tom credeva ci fosse qualcosa nella sua piscina, che lo controllasse tramite la sua mente. E in tutto questo Katie correlata, e ora non dubito pi che Tom sia la causa della sua scomparsa, assieme alla ragazza del club. In questi anni dalla scomparsa di Tom ho potuto fare delle ricerche. Dai vecchi registri di polizia pare che in quella zona, prima che io incontrassi Tom, erano spariti vari animali. Le ricerche sono state infruttuose. C' inoltre un numero elevato di scomparse di donne e barboni da citt vicine negli anni successivi. Alcune di esse furono viste allontanarsi l'ultima volta su un auto che corrisponde come descrizione a quella del mio amico. Sospetto che Tom, per sviare le indagini, le rapisse da altre citt. Tutto quello che ora mi rimaneva era quella vecchia camera digitale. Ho dovuto acquistare un cavo su ebay per ricaricarla, ed stato problematico: la macchina era fuori produzione da svariati anni. Una volta ricaricata, guardai tra le foto. Nulla di particolare, molte foto della piscina, alcune di Tom e Katie, datate mesi prima della sua scomparsa. Dopo averle guardate tutte, pensando di aver perso tempo con la macchina, notai che questa disponeva di una sezione 'Video'. Quel video la ragione per cui adesso i miei sogni sono tormentati, e per il quale voi non mi crederete, dato che ora perduto. Mostrava la nonna di Tom seduta su una sedia a rotelle accanto al bordo della piscina. Il filmato era stato fatto dall'altro lato della piscina stessa. La donna sembrava molto vecchia, stanca e malata. Era un tardo pomeriggio assolato. ALl'improvviso, 3 tentacoli di un bianco-giallastro son sbucati fuori dalla piscina, hanno avvolto la donna, e l'han trascinata sott'acqua. Tutto in circa 3 secondi. A quel punto non vi era pi nulla, solo le onde mosse che mostravano l'acqua disturbata dal movimento. Il video continuava per 10 secondi circa, poi finiva. Mi sento male. A quello punto non voglio avere nulla a che fare con ci. Avrei tanto voluto seguire il consiglio di Tom e lasciar perdere, ma ora, dopo aver visto ci, non posso far altro che ricordarmelo. Qualche giorno dopo, quando finalmente ebbi il coraggio di caricare il video sul computer, notai che la camera non aveva pi la memori card. Era stata rubata, o da Tom o da quello che lo ha sostituito, come lui aveva predetto sarebbe successo. Dopo il furto, avevo due possibilit. TOrnare nella casa, o lasciar perdere. O preferito quest'ultima. Son passati svariati anni, e la cosa ancora mi perseguita. Scrivo ci per avere la speranza che qualcuno mi possa aiutare a capire. Magari qualcuno ha avuto esperienze similari. Magari qualcuno potr finalmente liberarmi.