Sei sulla pagina 1di 1

Collegio Universitario Santa Caterina da Siena

Mercoledì 1° dicembre
Pavia: incontro con Don Fortunato di Noto,
il sacerdote da anni in prima linea contro la pedofilia
Al Collegio Universitario S. Caterina

PAVIA. Mercoledì 1° dicembre 2010 alle ore 21, presso la sala delle conferenze del Collegio
Universitario S. Caterina di Pavia è in programma una conferenza di Don Fortunato Di Noto,
parroco e presidente dell’Associazione METER onlus, sul tema: “Un testimone di speranza contro
la pedopornografia”.

Il sacerdote, da anni impegnato contro lo sfruttamento dei minori, parlerà della sua esperienza di
sacerdote in prima linea, una missione raccontata nel volume “Corpi da gioco” (ed. Elledici) scritto
con il giornalista Antonino D’Anna.
Dialogherà con Don Di Noto, Maria Assunta Zanetti docente di Psicologia dello sviluppo e
dell'educazione all'Università di Pavia.

Approfondimento:
Don Fortunato Di Noto nasce ad Avola (Siracusa) il 18 febbraio 1963. Nel 1984 entra in Seminario, nella diocesi di
Noto ed inizia gli studi filosofici e teologici presso la facoltà teologica «S. Paolo» di Catania. Prosegue, poi, la sua
formazione presso l’«Università Pontificia Gregoriana». Il 3 settembre 1991 viene ordinato sacerdote. Dal 1995 è parroco
della parrocchia Madonna del Carmine di Avola. Insegna in diversi istituti siciliani e, dal 1991, è professore ordinario di
storia della chiesa alla Pontificia Università Teologica di Santa Croce di Roma, sede periferica di Noto. Insegna nella
Scuola Superiore di Specializzazione in Bioetica e Sessuologia, presso la facoltà Teologica S. Tommaso di Messina. In
ambito di tutela dei minori e di lotta alla pedofilia è fondatore dell’associazione Meter. E’ stato consulente tecnico in varie
procure italiane per delicate indagini sul fronte della criminalità pedopornografica e dello sfruttamento sessuale dei
bambini. A livello istituzionale ha rivestito e riveste incarichi presso l’Osservatorio nazionale contro la pedofilia, alla
Presidenza del Consiglio dei Ministri e presso l’Osservatorio nazionale dell’infanzia e dell’adolescenza; dal 2002, è stato
consulente del ministero delle Comunicazioni per le politiche dell’infanzia ed ha elaborato il “Codice di
Autoregolamentazione Internet@Minori”; è stato membro del comitato scientifico «Ciclope» della presidenza del
consiglio dei ministri e dal 2004; fa parte del comitato scientifico dell’ICAA (International Crime Analysis Association) e
del Copercom (Coordinamento per le comunicazioni, della Conferenza Episcopale Italiana). In 21 anni di impegno a
tutela dell’infanzia è stato relatore in circa 2.400 convegni, seminari e incontri come esperto nelle problematiche
dell’infanzia. Numerosi sono i riconoscimenti nazionali ed internazionali che sono stati consegnati a don Di Noto, fra cui
l’alta onorificenza di «Cavaliere della repubblica italiana» per l’impegno profuso nei confronti dell’infanzia. (da
www.associazionemeter.org)

Ufficio Stampa: