Sei sulla pagina 1di 34

PROFESSORE DOTTORE BÙI QUÔC CHÂU

D IEN CHAN
                   

unico libro in italiano


del Pr. Dr. Bùi Quôc Châu,
l'inventore del metodo originale
di riflessologia facciale, il Dien Chan.

w w w.italiadienchan.org
 
UÂHC CÔUQ IÙB EROTTOD EROSSEFORP

N A HC NEID
                      

gro.nahcneidailati.w w w
 
PROFESSOR E DOT TOR E BÙI QUÔC CH ÂU

DIEN CH A N
multiriflessologia BQC

versione it1.0 ~ es3 . 3


DL. B-26141-2008

w w w.it ali a diench an .org


barcellona mmx
Sommario

Dien Chan e tradizione vietnamita. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7

Curriculum vitae scientifico del Professor Bùi Quôc Châu.. . . . . 10

Breve storia della scoperta. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14

I segni clinici indicanti le affezioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17


I segni visibili. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
I segni invisibili. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17

I limiti del Dien Chan. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18

Le basi teoriche del Dien Chan. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19


Il flusso verso le depressioni.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22

Gli otto principi del Dien Chan. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24

Gli utensili del Dien Chan. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28


Degli strumenti conosciuti dal professor Bùi Quôc Châu. . . . . . . . . . . 28
Gli strumenti yang. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
Gli strumenti yin. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
I consumabili. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30

Tecniche ed utilizzo degli strumenti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31


Rullare.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Martellare. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
Pettinare. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
Utilizzo del cerca punti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
Applicazioni degli adesivi riscaldanti e delle essenze. . . . . . . . . . . . . . . . 34
Applicazione con il calore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
Applicazione del freddo.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
Utilizzazione di strumenti Dien Chan. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Piccole sfere appuntite (n.º 103 ; 206 ; 307). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Grandi sfere appuntite (n.º 408 ; 410 ; 432 ; 434 ; 438).. . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Piccola rotella di aghi (n.º 104 ; 206 ; 217 ; 308). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
Grande rotella di aghi (n.º 409 ; 411 ; 437). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
Utensili di massaggio diretto (n.º 101 ; 418 ; 424 ; 446).. . . . . . . . . . . . . . . . 39
Cilindri in ottone (n.º 111 ; 205 ; 312 ; 413 ; 412 ; 414 ; 415). . . . . . . . . . . . . 39
Rastrello (pettine) di taglie differenti (n.º 416 ; 217 ; 105).. . . . . . . . . . . . . 40
Cercapunti (n.º 101 ; 103 ; 104 ; 105 ; 111 ; 119 ; 123 ; 126). . . . . . . . . . . . . . . . 40
Grande Martello (n.º 430).. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
Piccolo Martello (n.º 128).. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
Il bastone di Moxa (n.º 641 ; 642 nel suo spegnitore n.º 446).. . . . . . . . . . . . 42
I francobolli riscaldanti (n.º 644).. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
Minilibro di schemi di riflesso (n.º 751).. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
Posters degli schemi di trattamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43

Il Dien Chan è multiriflessologia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44

Gli schemi di riflesso. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47


Complessità e relatività. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47

Quattordici massaggi per giorno.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74

I microsistemi multiriflessologici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78

Corrispondenza dei punti bqc con il corpo.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88

Diagrammi di cura del Dien Chan. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100


Criteri di trattamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103

Trattamento multiriflessologico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136

Il riflesso-drenaggio del Dien Chan. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137


Stimolazione linfatica sul viso.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137

Effetti ed indicazioni dei principali punti bqc. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141


Dien Chan - Professore Dottore Bùi Quôc Châu

Curriculum vitae scientifico del


Professor Bùi Quôc Châu
Direttore del centro Vietydao-Vinatherapy
Ho Chi Minh (Saigon) – Vietnam
Nato il 3 aprile del 1942 a Vinh Long – Vietnam

st u di
1964-1980 Ricercatore della medicina antica e di agopuntura
1965-1969 Studi universitari di diritto, lettere e filosofia

esper i e n z e prof essiona li i n v i et na m


1977-1983 Specialista in agopuntura al centro di disintossicazione a
Binh Trieu, Thu Duc, H.C.M. Ville

i nsegna m e n to
Dal 1981 Con i suoi collaboratori, ha formato più di 10.000 specialisti
in Dien Chan in Vietnam e in 20 paesi

pr at ica m edica
Dal 1981 Circa quattro milioni di ammalati sono stati trattati con
successo da molteplici turbe nel “Vinatherapy center” e in
altri paesi più di 10.000 terapeuti praticano il Dien Chan

scopert e ed i n v e n z ion i
1970 Lo Yin e lo Yang e il Chi-Kung, metodo respiratorio
vietnamita che permette la regolarizzazione di numerose
turbe funzionali
1979 Invenzione della tecnica di localizzazione dei punti riflessi
nel corpo
1980 Scoperta degli schemi del Dien Chan
1983 Elaborazione di più di 50 modelli di strumenti per i
trattamenti utilizzanti la tecnica del Dien Chan
1984 Nutrizione dietetica vietnamita
1985 Nuova tecnica di riscaldamento con la moxa
1985 Nuova tecnica per la disintossicazione e guarigione dalle
droghe

10
Qualche esempio e consiglio per l’utilizzazione di strumenti Dien Chan

Qualche esempio e consiglio per


l’utilizzazione di strumenti Dien Chan
Tutti gli strumenti del Dien  Chan disegnati e fabbricati in Vietnam
combinano diversi elementi; secondo il tipo di disarmonia da trattare,
il terapeuta ne prenderà in considerazione un tipo piuttosto di un altro,
tutto dipende dalle sue proprietà e dalle abitudini del terapeuta.
Si tratta di iniziare con qualche utensile adatto alle conoscenze
personali. Dato il gran numero di strumenti esistenti, ci limiteremo
agli elementi di base che li compongono: sfere con le punte, rulli, cerca
punti, ecc. I numeri che si trovano tra parentesi, sono i riferimenti ad
altri strumenti che sono fatti con gli stessi elementi di base, mentre il
riferimento sottolineato è il numero dello strumento in figura.
Piccole sfere appuntite (n.º 103 ; 206 ; 307)
Queste piccole sfere yang si utilizzano in generale per trattare le
rigidità della nuca, la stanchezza ed i dolori articolari. Servono
anche nel massaggio facciale per eliminare
i piccoli bottoni della pelle e renderla
morbida e liscia, attenuando le
rughe e le linee di espressione
del viso. La mini sfera yang è
uno stimolante e può essere
anche utilizzata per le emicranie
causate dallo stress e dai pensieri dispersivi.
Nel caso non si ottengano buoni risultati con gli
strumenti yin, possiamo anche utilizzare le sfere yang
contro l’insonnia, la tensione nervosa, l’ipertensione, gli stati
influenzali, i raffreddori e le infiammazioni della gola. Le sfere yang
attivano la circolazione del sangue.
Grandi sfere appuntite (n.º 408 ; 410 ; 432 ; 434 ; 438)
Favoriscono l’eliminazione del grasso addominale e trattano la
ritenzione dei liquidi. Sono molto utili nel caso di ciclo doloroso,
facendo un massaggio sulla faccia interna dell’ avambraccio sinistro,

37
Dien Chan - Professore Dottore Bùi Quôc Châu
vicino alla piega del gomito. Si tratta
anche l’ingrossamento degli arti,
le problematiche circolatorie
e la stanchezza muscolare.
Si utilizzeranno anche nel
caso di infiammazione del
fegato, di costipazione e/o
di diarree. Queste sfere
appuntite trattano anche il mal di schiena, la
stanchezza degli arti, la rigidità del collo, l’artrosi
delle vertebre, l’insonnia, la minzione notturna e la
sensazione di freddo ai piedi. A causa delle sue dimensioni,
questo strumento è molto pratico per il massaggio della
nuca, delle spalle, delle braccia. Le grandi sfere yang stimolano e
rilassano allo stesso tempo.
Piccola rotella di aghi (n.º 104 ; 206 ; 217 ; 308)
Gli utensili muniti di mini rotelle yin sono utensili per il trattamento
delle emicranie e dell’insonnia, nel caso in cui il ricevente senta
del calore interno. Possiamo anche trattare la pressione,
l’ipertensione, gli stati influenzali accompagnati da
calore e/o da febbre. Servono a regolarizzare la
sudorazione eccessiva delle mani, dei piedi
e del viso. Danno un buon risultato
per trattare i dolori articolari molto
localizzati. Tutte le rotelle yin aiutano
anche a dare consistenza alla pelle del
viso ed a eliminare i foruncoli provocati dal «fuoco interno»
dell’adolescenza.
Grande rotella di aghi (n.º 409 ; 411 ; 437)
Le grandi rotelle yin danno buoni risultati nel trattamento dei
dolori di schiena, i bruciori di stomaco, le infiammazioni del fegato
e le costipazioni. Visto che si tratta di un utensile yin, rilassa e
fa abbassare la temperatura del corpo. È efficace per disperdere
un dolore concentrato e, grazie alla sua grossezza, è utile in

38
Qualche esempio e consiglio per l’utilizzazione di strumenti Dien Chan
larghe zone come il dorso e le gambe.
Questo utensile si rivela efficace per
fare dei massaggi dolci lungo i
meridiani, riequilibrandoli se
c’è una disarmonia yang. Sono
anche molto efficaci ogni volta
che bisogna calmare, dissipare o
disperdere. Attenuano i dolori del ciclo nel caso di
una ricevente che soffre di calore interno.
Utensili di massaggio diretto (n.º 101 ; 418 ; 424 ; 446)
Le piccole sfere lisce servono a cercare le zone flessibili e a realizzare
dei piccoli massaggi con della vaselina o della crema riscaldante.
Si utilizzano anche dei bastoni di massaggio per il trattamento
della nuca, del collo, e per fare dei massaggi
al fine di sciogliere dei nodi e delle tensioni
alla schiena. La mezzaluna appare molto
comoda per i trattamenti al collo
ed alla nuca. Dà anche dei buoni
risultati in caso di pressione alta.
Il contenitore ove si spegne la moxa
è l’ideale per conservare, trasportare
e spegnere il grosso bastone di moxa,
o anche il sigaro più piccolo. Si può anche utilizzare come
strumento di massaggio per le zone più larghe della schiena.
Cilindri in ottone (n.º 111 ; 205 ; 312 ; 413 ; 412 ; 414 ; 415)
Sono utili nel caso di febbre, di incubi e per calmare il sistema
nervoso in generale. Si potranno utilizzare in caso di contrazioni
muscolari molto localizzate
e di arti doloranti; la loro
efficacia è provata nel
caso in cui si vuole
diminuire la febbre.
La rotella 413, avendo
una forma concava, è molto
Dien Chan - Professore Dottore Bùi Quôc Châu
pratica nei massaggi specifici delle zone curve o cilindriche come
le dita, le caviglie, e le parti laterali dei piedi. Le rotelle in ottone
sono degli strumenti yin che estraggono il calore e aiutano a fare
abbassare la temperatura del corpo e a rilassarlo.
Rastrello (pettine) di taglie differenti (n.º 416 ; 217 ; 105)
I rastrelli o pettini sono considerati come utensili yin. Si utilizzano
nel trattamento delle emicranie e delle insonnie, per la sciatica
e in caso di caduta dei capelli. Il rastrello yin è un attivatore
della circolazione del sangue nella zona del viso e del cranio.
Il piccolo pettine combatte e calma le emicranie grazie a dei
massaggi dolci verso il basso nella zona delle tempie. È molto
utile pettinare tutto il cuoio capelluto in caso di grande
tensione nervosa, si avverte molto rapidamente
una sensazione di tranquillità. Si può
aiutare anche a combattere gli
incubi con un massaggio
dolce di circa
cinquanta volte
sulla parte sinistra
della fronte.
Cercapunti (n.º 101 ; 103 ; 104 ; 105 ; 111 ; 119 ; 123 ; 126)
È l’utensile base del Dien  Chan, serve per cercare e stimolare i
punti bqc. Il grosso rilevatore permette di stimolare la pelle quando
è fragile o troppo sensibile al dolore che potrebbe essere causato
dal rilevatore piccolo. Si utilizzerà anche per massaggiare appli-
cando una pressione sulla zona indolenzita. Esistono più varietà
di rilevatori combinati con un altro strumento all’altra estremi-
tà: ciascuno sceglierà quello che gli sembrerà più completo, per
esempio il numero 103, per averlo sempre con sè. I cerca punti
che si possono trovare in commercio non sono rac-
comandati perchè impediscono d’apprezzare
con precisione la pressione esercitata
sui punti bqc. Il cerca punti
elettrico è un rilevatore

40
Qualche esempio e consiglio per l’utilizzazione di strumenti Dien Chan
vibrante; funziona con delle pile e non invia alcuna scarica; è utile
per lavorare le zone riflesso delle mani e per esercitare un dondola-
mento dolce sul viso.
Grande Martello (n.º 430)
È munito di una parte yin in forma di ventosa e di una parte yang
con delle punte di caucciù. Si utilizza nel trattamento delle affezioni
delle articolazioni, del nervo sciatico, nel caso di stanchezza dorsale
e muscolare. Inoltre permette di trattare i dolori ai piedi, alle mani,
alle spalle e alle cosce; è anche molto efficace in caso di «schiena
caricata» con dei martellamenti leggeri della durata di tre minuti
sulla zona dolente.
Piccolo Martello (n.º 128)
È uno stimolatore dei punti bqc che realizza un lavoro complemen-
tare a quello del cercapunti. Ha un lato yin con degli aghi in acciaio
inossidabile e un lato yang in caucciù. A volte con la stimolazione
fatta con il martelletto otteniamo dei risultati migliori che con il
cerca punti. È particolarmente indicato nei formicolamenti agli
arti superiori, le infiammazioni alla gola e altre problematiche
di tipo ORL. È l’ideale per rilassare il sistema nervoso, i trapezi
e le spalle, agendo sulla zona riflesso tra le sopracciglia.
Il piccolo martello è molto pratico per picchiettare
dolcemente sulla fronte e sulla testa nelle
zone riflesse. Trattiamo facilmente le
emicranie e i mal di testa martel-
lando dolcemente sulle tem-
pie con la parte degli
aghi.

41
Dien Chan - Professore Dottore Bùi Quôc Châu
Il bastone di Moxa (n.º 641 ; 642 nel suo spegnitore n.º 446)
Le moxa sono dei basto-
ni rigidi e più compatti
di quelli che si trovano
sovente in commercio.
Sono state create dal profes-
sor dottore Bùi Quôc Châu,
non hanno un odore insop-
portabile e possono raggiungere
il calore di 700 gradi. Sono molto utili
per stimolare i punti bqc sul viso: è neces-
sario avere una buona conoscenza delle tecniche
Dien Chan per applicarli. Sono molto utili per i trattamen-
ti delle orecchie, dei dolori di gola, ecc.
I francobolli riscaldanti (n.º 644)
Si tratta di adesivi a base di canfora e mentolo,
che forniscono e mantengono il calore sui
punti bqc. Si utilizzano soprattutto in caso
di malattie di vecchia data o croniche.
Dobbiamo preferirli alle essenze
liquide in quanto le soluzioni acquose
raffreddano la pelle evaporando, e si
può perdere l’effetto atteso. Esistono
molte marche e grandezze, ma il professor
Bùi Quôc Châu, dopo molte prove, considera quelli della marca
Salonpas™ come i più efficaci. Bisogna tagliare dei piccoli quadratini
di circa quattro millimetri di lato da applicarsi sui punti bqc dello
schema corrispondente. Si lasceranno i francobolli riscaldanti tre
ore nella giornata o tutta la notte, se si applicano la sera.

42
Qualche esempio e consiglio per l’utilizzazione di strumenti Dien Chan
Minilibro di schemi di riflesso (n.º 751)
Questo piccolo fascicolo
può essere molto utile
per i terapeuti che pos-
sono avere in perma-
nenza sotto le mani i
28 schemi di riflesso
e i punti principali
su ogni illustrazio-
ne. Stampa di ottima
qualità e un formato di
10 x 10 cm lo rende molto pratico per
essere utilizzato in cabina di trattamento.
Posters degli schemi di trattamento
Sono grandi posters colorati di un formato di 40 x 60 cm e
permettono di avere sempre sotto gli occhi i principali schemi di
riflesso e le carte dei punti bqc.

Tutti questi strumenti ed accessori permettono il trattamento di un


grande numero di affezioni, in modo semplice anche da persone che non
conoscono il Dien Chan. Dal punto di vista della medicina occidentale,
l’azione di questi strumenti serve a regolare il sistema circolatorio ed il
sistema nervoso periferico. Stimolano la secrezione dei liquidi linfatici
in modo da rinforzare le difese immunitarie.

Il catalogo completo degli strumenti può essere


consultato su www.dienchan.org.
Vi si trovano anche consigli per l’utilizzo della tecnica, per alleviare
e risanare, così come per lavorare da un punto di vista estetico.

43
Dien Chan - Professore Dottore Bùi Quôc Châu

1. Corpo yin e yang sul viso


(Schema delle estremità)

50
Gli schemi di riflesso

a. Natiche
b. Spalle
c. Gomito
d. Polso
e. Nuca
f. Trachea ed esofago
2. Corpo, viso e testa sul viso
(Schema dell’homonculus di penfield)

51
Dien Chan - Professore Dottore Bùi Quôc Châu

3. Corpo sul cranio e di profilo


(Schema di Rodin)

52
Gli schemi di riflesso

3a. Corpo sul profilo e corpo sull’orecchio

53
Dien Chan - Professore Dottore Bùi Quôc Châu

Quattordici massaggi per giorno

I
massaggi sul viso proposti dal Professor Dottore Bùi Quôc Châu
sono molto efficaci per conservare la giovinezza e la bellezza, per
prevenire le affezioni e per accentuare la tonicità in generale. La
pratica di questi massaggi tutte le mattine ci invita a mantenere una
prevenzione ed una filosofia di vita fondata sull’autoriequilibrio. Molti
di questi massaggi esistono già nel Tai Chi e nelle altre tecniche orienta-
li, ma sono le argomentazioni portate dal Dien Chan che danno loro un
senso, spiegando le azioni ed i loro effetti con l’aiuto della lettura degli
schemi riflessi. Il Professor Dottore Bùi Quôc Châu, ha potuto proporle
in un ordine più coerente grazie alla sua esperienza e le testimonianze
dei suoi allievi e riceventi.

il mattino al risveglio
1|  Scaldarsi le mani e sfregarle le une contro le altre qualche istante;
di seguito applicare i palmi sugli occhi fino a che il calore si
disperde. Rischiara la vista, agisce su ovaie e testicoli.
2|  Con i medi delle mani realizzare un movimento circolatorio,
sfregando, a partire dalla base del naso risalendo fino alle
sopracciglia, girando intorno agli occhi. Picchiettare di seguito
sullo stesso percorso. Corrisponde ad un massaggio della vescica e
tratta le disarmonie della vista. Si ottengono anche dei buoni risultati
contro l’impotenza e il prolasso degli organi. Previene dai problemi di
rinite e sinusite.
3|  Con il palmo delle mani, massaggiare il viso con movimenti
circolari dal mento alla fronte evitando il naso. Riscalda il corpo e
migliora la pelle del viso.
4|  Posare il palmo delle mani sulla bocca, l’indice sul naso ed il pollice
in aria, poi effettuare un massaggio orizzontale. Farlo rapidamente,
mani ben tese. Riscalda il corpo e massaggia tutti gli organi interni.
stimola anche il sistema endocrino e l’apparato riproduttore.

74
Quattordici massaggi per giorno
5|  Con i medi sfregare dalla punta del naso fino all’attaccatura dei
capelli, nei due sensi, finendo verso l’alto per la risalita delle energie
ad evitare i problemi di erezione e di discesa degli organi. Farlo con
una mano e poi con l’altra fino a che si sentirà il calore. Corrisponde
ad un massaggio lungo la colonna vertebrale e rivitalizza gli organi
riproduttori.
6|  Massaggiare orizzontalmente la fronte con la mano destra, in
seguito con la mano sinistra. Corrisponde ad un massaggio sulla
schiena e su tutti gli organi interni. Combatte le rughe, distende il
sistema nervoso e stimola il cervello e la memoria.
7|  Con l’indice ed il medio di ogni dito aperto a forma di V, sfregare
vivamente ad ogni lato contemporaneamente, davanti e dietro le
orecchie. Dobbiamo sentire del calore lungo i lobi. Riscalda la gola,
massaggia il dorso, gli occhi e la lingua. Regolarizza la pressione,
riscalda il corpo rapidamente. Aiuta a lottare contro le rughe del collo.
8|  Massaggiare vivamente l’insieme delle orecchie intorno al
padiglione. Piazzare in seguito il palmo delle mani sulle orecchie
e martellare la nuca con le dita posate sulla parte posteriore della
testa, cercare un effetto ventosa sulle orecchie. «Battere il tamburo
celeste» corrisponde ad un massaggio dell’apparato uditivo, del cervello,
dei reni e dello stomaco. Aiuta a lottare contro le perdite di memoria.
9|  Aprire largamente le mani e poi fare un massaggio andando dal
mento fino alla base del collo, sempre nello stesso senso, con una
mano e poi con l’altra. Libera le mucose e lotta contro la gotta benigna.
10|  Con la punta delle dita, effettuare un massaggio del cuoio capelluto,
andando dalla fronte alla nuca, poi dalle tempie alla nuca. Un modo
efficace di lottare contro l’alopecia, la forfora, i mal di testa e l’insonnia.
11|  Massaggiare energeticamente la nuca con la mano destra, poi
con la sinistra. Fa tornare di buon umore, ridona il coraggio, è
antidepressivo e distende la nuca e le cervicali. Previene le riniti e i
torcicolli. Questo massaggio attiva il flusso delle energie del meridiano
della vescica urinaria.

75
Dien Chan - Professore Dottore Bùi Quôc Châu
12|  Con la bocca chiusa, far sbattere i denti, far roteare la lingua
toccando le gengive e, così, provocare un’abbondante salivazione.
Questo massaggio consiste nell’ingoiare il «fluido di giada» un anticorpo
naturale. È un massaggio yin che armonizza i precedenti ed è molto
buono per la gola e lo stomaco. Aiuta anche a lottare contro l’artrosi
ed i reumatismi. Ottimo per le articolazioni, la pelle e lotta contro gli
herpes.
Tutti questi esercizi devono ripetersi dalle 10 alle 30 volte secondo lo stato
fisico di ciascuno. Non è il numero di volte o il tempo dedicato ad ogni
massaggio che ha importanza, ma il fatto di percepire del calore. Una
persona yin avrà bisogno di più ripetizioni per sentire il calore rispetto
ad una persona tendenzialmente yang. Se sentiamo il calore rapidamente
possiamo dedurre che siamo di formazione yang, inizieremo allora il
massaggio con la mano destra (yang) per finirlo con il lato yin (mano
sinistra) per riequilibrare. Ciascuno è libero di sviluppare le proprie
varianti, bagnando un asciugamano in acqua calda e frizionando collo,
nuca e il viso. È importante iniziare a praticare ascoltando il proprio
corpo, le proprie risposte di ogni giorno. Allora ciascuno si ricorderà ed
adatterà il massaggio mattutino secondo i propri bisogni. I due massaggi
principali (per i più pigri e per chi non dispone di tempo al mattino)
sono il numero 7 yang ed il numero 12 yin. Questi due massaggi
sono complementari e riequilibrano rapidamente il corpo al risveglio.
Gli adolescenti non valorizzano i 12 massaggi del mattino come invece
fanno gli adulti, eccetto in inverno per proteggersi dai raffreddori
(massaggio 7) o di fronte ad una situazione di tensione come un esame,
una presentazione in pubblico (massaggio 11).
Esiste anche la possibilità di realizzare la sera alcuni dei massaggi
descritti. Ma bisognerà evitarne qualcuno che potrebbe impedirci di
dormire correttamente. Per questa ragione il Professor Dottore Bùi
Quôc Châu ci propone qualche massaggio più raccomandato di sera.

76
Quattordici massaggi per giorno
la sera prima di andare a dormire
13|  Pettinare il cuoio capelluto con il grande pettine dalla fronte alla
nuca. Farlo dolcemente una trentina di volte solamente. Questo
massaggio dolce è molto efficace contro l’alopecia in quanto stimola
la circolazione sanguigna del cuoio capelluto. Ha anche un effetto
rilassante sul sistema nervoso. Si utilizza sovente prima di trattare un
ricevente teso, al fine di rilassarlo. Se avete la sensazione che questo
massaggio vi svegli, evitate di farlo a la serra!
14|  Sfregare vivamente la pianta dei piedi, l’una contro l’altra affinchè
si riscaldino. Effettuare infine un massaggio alla parte superiore di
ogni piede con l’altro piede fino a quando acquisiscono una certa
elasticità. Questo massaggio è l’ideale per distendersi e favorire un
buon riposo rigeneratore. Una volta a letto è molto facile realizzarlo.
I riceventi che soffrono di insonnia acuta possono realizzare questo
massaggio con una sfera di salute (n°. 432). Efficace anche per le
minzioni frequenti.

77
Dien Chan - Professore Dottore Bùi Quôc Châu
testa
fronte nuca
collo dorso

ventre

ginocchia

lombari

Zone di riflesso sulle dita


Fronte, Collo, Nuca, Testa, Dorso,
Lombari, Ginocchia

84
Coordinate dei punti bqc

189 VI O 257 XII E-G 330 V-VI C 458 II-III H


191 2 Ñ 267 III-IV G 332 III D 459 5-6 Ñ
195 3 Ñ 268 III-IV E 333 II-III H
460 5 Ñ
196 IV-V A-B 269 VII-VIII H 338 7-8 M
197 II C 270 X K 340 I B 461 X-XI K
200 orecchio 274 7-8 P-Q 341 I C 467 VI-VII D-E
201 orecchio 275 8-9 P 342 I O 477 III-IV B-C
202 orecchio 276 VII-VIII K 343 11-12 M
481- VII-VIII G-H
203 orecchio 277 8-9 P-Q 344 11-12 L-M
204 orecchio 278 0 L 345 11-12 L-M 491 VI-VII D
209 V-VI D 279 7-8 L 346 11-12 K 505 V-VI C
210 0-I D 280 9 Q 347 XI-XII B 511 IX-X E
215 3 L-M 282 7-8 P 348 O-I O 521 XII O
216 III-IV H 284 7 P 353 VI H
217 4-5 L 285 VI-VII 0 354 VI E 531+ II-III H-G
218 III-IV K 286 XI-XII A 355 V-VI D 555 5 N-P
219 0 D 287 VIII-IX B 356+ VIII H 556 0 O
222 X G 288 8-9 N-P 357 VI D-E 557 0 O
226 X-XI D-E 290 VII B 358 VI K
227 X-XI B 292 XI-XII G 360 III E 558 0 G
228 IX-X D-E 293 11-12 H-K 364 II-III E 559 0 H
229 X H 297 8-9 P-Q 365 XII-XIII O 560 0 E
233+ VIII G-H 300 I E 370- VII-VIII D-E 561 III G
235 XI-XII O 301 I G 377 O C
564 0 K
236 X-XI O 302 I H 379 O B
240 IV B 303 I K 401 O-I O 565 VI D
245 9-10 N-P 305 IX-X G-H 405 II-III C 567 2 Q-R
247 VIII-IX O 308 9 P-Q 421 II D 630 VIII-IX B-C
253 naso 310 III C 422 II E
631 11 Q
254 XII A-B 312 IV-V O 423 II G
255 XII B-C 319 3-4 L-M 432 VI-VII E-G 632 10 Q
256 XII D-E 324 III-IV K 437- VIII-IX H 633 12 Q
99
Dien Chan - Professore Dottore Bùi Quôc Châu

Diagrammi di cura del Dien Chan

I
trattamenti proposti per le disarmonie correnti non pretendono
di guarire le infezioni gravi unicamente grazie al Dien  Chan. Nei
casi d’urgenza è meglio chiedere aiuto; grazie alla consultazione
con un medico si può venire in aiuto del ricevente ed evitare che il suo
stato peggiori. Molti dei disturbi descritti qui di seguito possono esse-
re migliorati o guariti in modo semplice e anche guariti con l’aiuto di
stimolazioni dei punti bqc indicati in ciascuna delle formule. La pratica
del Dien Chan è facile e offre molte vie. Il Dien Chan è una tecnica attiva
e interattiva, sta a noi scoprire il cammino più adeguato.
All’inizio dobbiamo interrogare il ricevente sulle sue problematiche,
constatare i limiti di mobilità e osservare cosa gli causa i dolori. Nel
caso di dolori interni, verificare e quantificare il grado di fastidio che
subisce in quel momento. Una tecnica semplice consiste nel domandare
al ricevente la sua valutazione dello stato su una scala da 1 a 10, dove 1
è lo stato di sofferenza massima. È importante ricordarsi che tutte le
informazioni che provengono da una diagnosi medica sono un aiuto
prezioso.
Una volta identificata la situazione, possiamo cominciare la cura,
spiegando il tipo di stimolazione riflessologica che praticheremo.
È importante fare capire al ricevente che deve comunicarci
continuamente le sue sensazioni. Questa informazione è primaria per
poter adattare il massaggio riflessologico. Il ricevente potrà essere più
o meno sensibile agli strumenti. Un leggero dolore su alcune zone può
indicarci che stiamo agendo sulla zona riflessa reattiva, questo è molto
positivo. Comunque, dobbiamo monitorare la pressione per evitare di
ferire la pelle o provocare un fastidio insopportabile, condizione che
potrebbe creare un blocco della stimolazione; in questo caso potremmo
ottenere un risultato contrario a quello cercato. In tutti i casi, è il
dialogo costante con il ricevente che ci permetterà di verificare se la
via che abbiamo scelto è corretta. Come regola generale dobbiamo
cominciare partendo dagli schemi di riflesso sul viso. Affiniamo così
anche la diagnostica, completata dalle informazioni date dal ricevente,
e ne verifichiamo la reazione. Una volta localizzata la zona, sede di un

100
Diagrammi di trattamento
CRISI DI ANSIETÀ LOMBARE, MAL DI SCHIENA E
103. 300+ 124. 34. 37. 0- 559. 558. 560. 219. 340. 342.

O 0 558 219 219 558


559 559 O 0
560 560
300 I 1
340 340 I 1
103 342
124 124 II 2 103 II 2

III 3 III 3
34 34
IV 4 IV 4

V 5 V 5

VI 6 VI 6

VII 7 VII 7
37 0 0
VIII 8
Stimolare i punti con il mar-
VIII 8

IX 9
telletto. Se è troppo doloroso,
IX 9

X 10 X 10
rullare direttamente la zona
XI 11 XI 11
L K con la doppia sfera yang.
L K
XII 12 XII 12

0 0
H G E D C BA A B C D E G H K L K G
H L EM D Ñ
C BANA B C D PE G HQ K L

DOLORI ACUTI
39. 45. 43. 300. 0.  /  41. 87. 60. 61. 16. 37. 38. 0.

O 0

300 300 I 1

II 2

III 3

IV 4

V 5
16
VI 6 60
43 VII 7
0 61 61 0 61 0
45 45
37 VIII 8
41 39 39
38 IX 9 38
38
X 10

XI 11
L K
XII 12 87
87
0
H G E D C BA A B C D E G H K L K L M Ñ N P Q

119
Dien Chan - Professore Dottore Bùi Quôc Châu
Il riflesso-drenaggio bqc conserva una grande similitudine con
la maniera di lavoro linfatico manuale (DLM). È importante
utilizzare i due sensi di vie del massaggio per non alzare o
abbassare la pressione.
Queste stimolazioni lavorano le zone riflesse senza possi-
bilità di creare un blocco linfatico, perché giocano unica-
mente sul sistema linfatico a livello cerebrale. Possiamo
iniziare dalla parte sinistra (yin) oppure con le due mani
contemporaneamente. Con l’intenzionalità rafforzia-
mo l’effetto, possiamo anche piazzare dei francobolli
riscaldanti Salonpas™ su tutta la rappresentazione
del corridoio linfatico sul viso e lasciarli agire per
circa due ore. Il drenaggio riflessologico bqc segue il
percorso dei nervi craniali; essendo riflessogeno, non
presenta controindicazioni.
Di seguito descriviamo il riflesso-drenaggio e le sue
corrispondenze con il DLM. La localizzazione sullo sche-
ma di riflesso si trova tra parentesi.
1|  Massaggiare dal nervo lacrimale (punto bqc 330) fino
alla fine delle sopracciglia (ascelle, collo, braccia, dello
schema di riflesso rosso yang nº 1). Come nel DLM, il primo
obiettivo è d’aprire i canali linfatici ghiandolari del collo,
è da qui che il sistema linfatico sbocca nella corrente
venosa. Questi si trovano nella giugulare interna destra
e sinistra, così come nella sottoclavicola destra e
sinistra.
2|  Massaggiare il naso (colonna vertebrale dello schema rosso di
riflesso n.1). Questo corrisponde al condotto toracico destro che
raccoglie tutta la linfa proveniente dall’addome, delle estremità
inferiori, del collo, del torace sinistro e dell’estremità superiore
sinistra. Corrisponde anche alla cisterna di Pequet al livello della
seconda vertebra lombare e al condotto toracico destro da dove
si riversano i condotti provenienti da testa, collo, e dall’emisfero
toracico destro.

138
Il riflesso-drenaggio del Dien Chan
3|  Massaggio delle ali del naso e lungo il solco labiale fino al mento
seguendo le gambe dello schema di riflesso rosso nº 1 (cosce, anche
e gambe; schema di riflesso rosso nº 1 delle estremità sul viso).
Questo corrisponde ai gangli linfatici degli inguini e alle gambe in
generale.
4|  Massaggio della regione nasolabiale (gli organi interni dello schema
di riflesso n.4). Ciò corrisponde ai gangli linfatici dell’intestino
tenue e dell’addome in generale.
5|  Massaggio del mento (gli organi interni dello schema di riflesso
n.4). Questo corrisponde ai gangli linfatici della parte bassa
dell’addome e delle caviglie.
6|  Massaggio delle parti laterali delle orecchie (schema di riflesso
nº 2 “Penfield”). Questo corrisponde ai canali linfatici dei gangli
del collo, alle ghiandole sottolinguali e retro auricolari. Come per
il DLM, nel momento in cui la seduta di trattamento è terminata,
l’ultima tappa consiste nel richiudere i canali gangliari del collo.

EL REFLEXO-DRENAJE 139

w w w . f a c i o t e r a p i a . o r g
Dien Chan - Professore Dottore Bùi Quôc Châu

19 [VIII-IX, 0] “Adrenalina”. Cuore, Colon, Stomaco,


Fegato, Naso, Polmoni, Vaso governatore yang,
Zona addominale.
Punto molto efficace per rianimare ed espellere tutti gli
oggetti bloccati nella gola o sotto la pelle. Combinato con il
61 regolarizza il cuore. Al momento del travaglio provoca le
contrazioni.
effetti indicazioni
--Riscalda il corpo. --Shock da medicinali.
--Tonifica il sangue. --Costipazione.
--Eccitante sessuale. --Dolori alle spalle.
--Azione adrenalinica. --Dolore lombare.
--Combatte nausea e vomito. --Dispnea.
--Regolarizza la respirazione. --Epilessia.
--Riequilibrio depressione --Svenimenti.
del sistema nervoso. --Emorroidi.
--In caso di epilessia scioglie --Singhiozzo.
le contratture muscolari.
--Minzione frequente.
--Rianima il cervello dopo
uno svenimento. --Naso tappato.
--Regolarizza l’attività --Sonnolenza.
cardiaca, la pressione. --Tabagismo.
--Nausea.

Controindicazioni: ipertensione e gravidanza.

152
Effetti ed indicazioni dei principali punti bqc

20 [V, A] Cervicali, Gola, Tiroide, Occhi. O 0


effetti indicazioni
I 1
--Calma i dolori. --Infiammazione della gola.
--Regolarizza il sistema nervoso. --Infiammazione delle adenoidi. II 2
--Regolarizza il ritmo cardiaco. --Insonnia. III 3
--Antiinfiammatorio per la --Tosse.
gola, la lingua e gli occhi. IV 4

20 20 V 5

VI 6
21 21 VII 7

VIII 8
19
IX 9

X 10

XI 11
L K
XII 12

19 0
H G E D C BA A B C D E G H K L

21 [V-VII, B] Stomaco, Riflesso del punto 23 del meridiano


di vescica urinaria.
effetti indicazioni
--Diminuisce la temperatura --Dolori di stomaco.
del corpo. --Dolori ai denti.
--Favorisce la digestione. --Febbre.
--Indigestione.
--Minzione frequente.

153
Dien Chan - Professore Dottore Bùi Quôc Châu
Nome del disturbo pagina

Affaticamento del sistema nervoso-nevrastenia.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126


124. 34. 16. 14. 0.
Agressività, calmare o ridurre l’.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
124. 34. 26. 70. 300.
Alopecia.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
63. 7. 17. 50. 19. 127. 235. 103.
Allergie. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
103. 332. 26. 16. 0. 287.  /  50. 26. 3- 7. 85. 87. 124. 34.
Anemia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
22. 127. 63. 19. 1. 113. 17. 39. 50. 37. 290. 0.
Ansietà – angoscia – deconcentrazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
127. 39. 41. 37. 0. 1. 103. 300. 126.
Antiinfiammatorio e disintossicante. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
127. 85. 29. 38. 41. 50. 19. 143. 61. 3. 26.
appetito ed il sonno, regolarizzare l’.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
124. 34. 103. 106. 217. 26. 8. 50. 39. 113. 127. 156. 0.
Articolazioni dolorose nei movimenti.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
26. 61. 3. 38. 17. 300. 37. 50.
Asma. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
300+ 1. 45+ 3. 0. 37. 50. 19. 275. 14. 127. 22.
Bronchite.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
0. 14. 275. 61. 3. 39. 17. 38.
Cervello, migliora l’irrigazione del.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
127. 14. 0. 3. 61. 1. 565. 16. 189. 130. 188. 34. 324. 102. 103. 300. 126.
Ciclo abbondante. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
127. 63. 287. 0. 61. 103.
Ciclo-sindrome premestruale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
127. 156. 37. 1. 103. 300+
Colesterolo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
300. 103. 106. 26. 73. 290. 3. 173. 41. 50. 38. 113. 7. 6. 29. 85. 51.
Congiuntivite. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
215. 16. 50. 51.
Costipazione.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
143. 19. 41. 38.
Crisi di ansietà. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
103. 300+ 124. 34. 37. 0-
Depressione nervosa.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
0. 124. 34. 22. 127. 50. 19. 1. 106. 103. 126.
Diarrea, mal di pancia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
103. 1. 0. 37. 19. 50. 63. 127. 22.

188
indice dei diagrammi di trattamento
Seni, rendere morbidi i. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
179. 102. 73. 50. 60. 37. 106. 103.
Sinusite. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
209. 491. 467. 61. 38. 17.
Soffocamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
26. 50. 7. 37. 156.
Sudorazione eccessiva. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
179. 188. 283. 8. 59. 60. 3.
Tabagismo.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
300. 103. 106. 1. 50. 19. 37. 14. 127. 22. 0.
Tallone dolente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
127. 286. 461.
Temperatura, aumentare la.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
156. 132. 3. 290. 34.
Tosse e dolore toracico.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
561. 360. 332. 310
Tumori e noduli benigni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
41. 143. 127. 19. 37. 38.  /  104. 61. 17. 38.
Varici.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
70. 85. 87. 51.
Verruche. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
127. 17. 38. 19. 143. 41. 50. 37.
Vertigini.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
127. 43. 0. 130. 126.
Vista, migliorare la.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
179. 102. 131. 73. 41. 6.
Vista, problemi della. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
175. 197. 300. 6.  /  3. 73. 130. 102.

191
Ringraziamenti

produzione:
redazione: Patryck Aguilar Cassarà & Anna Roca Carrasco
contenuti tecnici: Doctor Bùi Quôc Châu, Bùi Minh Trí, Bùi Minh Tâm,
Bùi Minh Luan, Van Que Nguyen,
Patryck Aguilar Cassarà & Anna Roca Carrasco.

traduzione e correzione in italiano:


SIRFA - Scuola Italiana di Riflessologia Facciale Applicata.
Beatrice Moricoli & Vittorio Bergagnini.

direzione artistica e marketing: Patryck Aguilar Cassarà


illustrazioni: Bùi Quôc Châu & Van Que Nguyen
ringraziamenti: Regla de 3™, Adobe® Systems
a tutti gli allievi del Professore Dottore Bùi Quôc Châu
che hanno reso possibile questo progetto.

Copyright © 2010 Bùi Quôc Châu. Tutti i diritti riservati.


Nessuna parte di questa opera può essere riprodotta senza l’autorizzazione dell’autore.
informazioni

O
gni anno, i membri del centro Vietydao di Saigon (Vietnam) e i
formatori certificati dal professor dottore Bùi Quôc Châu stes-
so, tengono dei corsi in Europa. Si può ottenere il calendario
definitivo dei corsi sul sito internet.
I corsi di Dien Chan sono indirizzati a professionisti nell’ambito della
sanità. Ogni livello di formazione dura due giorni. Il mattino i professori
spiegano la teoria, il pomeriggio è dedicato alla pratica trattando
gratuitamente dei riceventi. Il terapeuta (agopuntore, chiropratico,
osteopata, naturopata, riflesso logo, massaggiatore chinesioterapeuta)
scoprirà, con l’esperienza sui riceventi, come utilizzare i diversi schemi
di riflesso e le mappe dei punti bqc. Gli allievi professionali possono
invitare nel pomeriggio i loro riceventi per trattarli gratuitamente
sotto la supervisione del professore e dei suoi assistenti. Gli schemi di
riflesso, il libro e gli strumenti possono essere comprati consultando i
siti ufficiali del Dien Chan: www.dienchan.org

ATTENZIONE: esiste una sola terapia multiriflessogena, scoperta dal professor


dottore Bùi Quôc Châu dal Vietnam, sotto il nome di “Dien  Chan Dieu Khien Lieu
Phap” (Diagnostica Facciale e Terapia Cibernetica). Si trovano numerosi siti, seminari,
conferenze e pubblicazioni che non hanno l’autorizzazione del professore e che comportano
lacune ed errori. I siti accessibili come www.facioterapia.org, www.dienchan.org
e www.dienchan.com in vietnamita sono i soli ufficiali del Dien  Chan. La lista dei
formatori autorizzata dal professor dottore Bùi Quôc Châu è su www.buiquocchau.org

www.italiadienchan.org ~ italia@dienchan.org

193
italia@dienchan.org
Club di multiriflessologia Bùi Quôc Châu

it 1.0