Sei sulla pagina 1di 2

I CUSTODI

DELLA
STORIA
di Damian Dibben
Estratto di propriet dellautore e della Casa Editrice
Corbaccio

Ecco come inizia il primo capitolo La scala segreta:


La notte in cui Jake Djones scopr che i suoi genitori si erano perduti in qualche punto imprecisato
della storia fu la pi tempestosa mai registrata. Era dal lontano e dimenticato uragano del 1703
che a Londra non si vedeva un tempo simile, con scrosci di pioggia di quellintensit e venti tanto
impetuosi.
Sul Tower Bridge, al centro esatto del fortunale, una vecchia Bentley blu scuro attraversava con
qualche incertezza le acque rigonfie del Tamigi diretta alla sponda nord. Aveva gli abbaglianti
accesi e i tergicristalli che lavoravano alla massima velocit sotto laccecante cortina di pioggia.
Seduto nervosamente sul grande sedile posteriore in pelle cera una ragazzo di quattordici anni
con la carnagione olivastra, i capelli neri e ricci e occhi intelligenti e coraggiosi. Il ragazzo portava
luniforme di scuola: giacca blu, pantaloni neri e scarpe di pelle piuttosto malconce. Accanto a lui la
sua vecchia cartella, colma di libri e quaderni. Nella targhetta consunta era impresso a lettere
dorate il nome, Jake Djones.
I grandi occhi castani di Jake esaminavano le due figure oltre il vetro, sul sedile anteriore. A
sinistra era seduto un signore alto e sdegnoso, con un serioso completo nero e un cappello a
cilindro, a destra lautista in uniforme. I due confabulavano sottovoce, ma Jake non avrebbe
comunque potuto sentire cosa si dicevano per via del vetro.

Mezzora prima i due sconosciuti lo avevano rapito.