Sei sulla pagina 1di 1

Caro collega,

la Direzione Nazionale Antimafia, nella sua ultima Relazione annuale, ha denunciato apertamente,
a proposito dellazione di contrasto alla diffusione dei derivati della cannabis, il totale fallimento
dellazione repressiva e la letterale impossibilit di aumentare gli sforzi per reprimere meglio e di
pi la diffusione dei cannabinoidi. Daltra parte, aggiunge la Dna, dirottare ulteriori risorse su
questo fronte, ridurrebbe lefficacia dellazione repressiva su emergenze criminali virulente, quali
quelle rappresentate da criminalit di tipo mafioso, estorsioni, traffico di essere umani e di rifiuti,
corruzione, ecc) e sul contrasto al traffico delle (letali) droghe pesanti.
In questo quadro, proprio la DNA a proporre politiche di depenalizzazione che potrebbero dare
buoni risultati in termini di deflazione del carico giudiziario, di liberazione di risorse disponibili delle
forze dellordine e magistratura per il contrasto di altri fenomeni criminali e, infine, di
prosciugamento di un mercato che, almeno in parte, di appannaggio di associazioni criminali
agguerrite.
La proposta della DNA tuttaltro che teorica, vista levoluzione della politica e della legislazione
sulle droghe leggere nel Paese, che stato per decenni un guardiano e un garante inflessibile
dellordine proibizionista. Negli Usa, infatti, cresce rapidamente il numero degli Stati che hanno
legalizzato la produzione e la vendita della marijuana per uso ricreativo. Colorado, Washington,
Oregon e Alaska segnano una tendenza che destinata a consolidarsi e che la Presidenza
Obama non intende minimamente avversare. L'opzione antiproibizionista sulla marijuana non pi
semplicemente un'idea, ma diventata una concreta opzione di governo, con una dimostrabile
efficienza sul piano fiscale e effetti positivi sul piano sociale e sanitario e del contrasto alle
organizzazioni criminali.
Penso che anche in Europa e in Italia abbia senso lavorare per seguire l'esempio americano e
adattarne le caratteristiche al nostro contesto sociale e giuridico. E penso che abbia senso che
siano i legislatori a organizzare una vera riflessione pubblica su questo tema, dopo un richiamo
autorevole e drammatico come quello della DNA.
A questo proposito, sarebbe a mio parere utile la costituzione di un intergruppo parlamentare per la
legalizzazione della marijuana, capace di rivolgersi insieme a opinione pubblica e forze politiche e
di lavorare a una proposta comune, credibile e concreta da presentare, entro questa legislatura,
all'attenzione delle camere.
Le mie responsabilit di governo, al momento, non mi consentirebbero di coordinarne i lavori, ma
sono pi che disponibile a promuoverne la costituzione e a parteciparvi da "parlamentare
semplice". Qualcuno ci sta?
Benedetto Della Vedova