Sei sulla pagina 1di 2

Tragedia di una virgola

C'era una volta


una povera virgola
che per colpa di uno scolaro
disattento
capit al posto di un punto
dopo l'ultima parola
del componimento.
La poverina, da sola,
doveva reggere il peso
di cento paroloni,
alcuni perfino con l'accento.
Per la fatica atroce mor.
Fu seppellita
sotto una croce
dalla matita
blu del maestro,
e al posto di crisantemi e sempreverdi
s'ebbe un mazzetto
di punti esclamativi.
Speranza
Se io avessi una botteguccia
fatta di una sola stanza
vorrei mettermi a vendere
sai cosa? La speranza.
"Speranza a buon mercato!"
Per un soldo ne darei
ad un solo cliente
quanto basta per sei.
Uno strano biglietto di giusificazioni
Lo scolaro Giuseppe Moneta,
di Gastone
in un momento di distrazione
diventato
un pianeta.
Circola intorno al sole
a discreta velocit,
attento a non urtare
con la testa, coi piedi e con le mani
i pianeti pi anziani.
Per oggi dunque a scuola non verr.
La signora maestra
pregata di scusarlo,
i compagni di banco, di osservarlo.
Stanotte sar visibile
tra le costellazioni perfettamente riconoscibile
per una macchia d'inchiostro
sui pantaloni.
E alla povera gente
che non ha da campare
darei tutta la mia speranza
senza fargliela pagare.