Sei sulla pagina 1di 7

[ SANITÀ ] TuttoPERUGIA

giovedì 21 febbraio 07

Ora le prestazioni professionali Obiettivo delle Donne autoconvocate


in ospedale di fatto sono ostacolate rivendicare il ruolo dei consultori

Tra un anno ultimato anche Donne in piazza


uno spazio per l’intramoenia in difesa della “194”
Accordo tra Regione e Università La protesta per i fatti di Napoli
L'ex Silvestrini, pur prossimo alla conclusione Ad alcuni sarà suonato come il ritorno a un cli-
dei progetti di ampliamento, è angusto per l'in- ma d'altri tempi, quello delle donne che non
tramoenia. All'inaugurazione del centro didatti- avevano paura di passare per "streghe" per ri-
co c'erano medici che si confermavano tra loro Pubblico&privato Presto si amplierà la possibilità di vendicare il loro diritto all'autodeterminazio- Slogan d’altri tempi Le “streghe son tornate”
la necessità di "cambiarsi in bagno". Scarse con- erogare prestazioni in ospedale fuori degli orari di lavoro ne. Sabato scorso, davanti all'ex Silvestrini, all’ingresso dell’ex Silvestrini
dizioni di accoglienza e privacy, dunque, per gli "Donne autoconvocate" hanno espresso il lo-
stessi pazienti. Ciò stante, e considerata la sca- ro dissenso per il blitz della polizia nel reparto
denza del 31 gennaio 2009 imposta dalla legge dedicata. Il professore Umberto Senin, diretto- di ostetricia del Federico II di Napoli, lunedì ha fatto sì che gli aborti calassero. Qui per il
per l'intramoenia allargata (la possibilità per un re della clinica geriatrica, plaude a questa novi- 11 febbraio, per un presunto aborto illegale. A 60 per cento è diventata una richiesta delle
medico dipendente di struttura pubblica di tà: "A quel punto tutto funzionerà alla perfezio- focalizzare l'attenzione sulle condizioni in cui straniere. Ma ci sono donne che devono ri-
esercitare in un ambulatorio privato), assessora- ne, a patto che al dipendente pubblico venga versano i consultori perugini è stata la gineco- nunciare a un figlio anche per non perdere il
to regionale alla sanità, azienda ospedaliera e fa- data la possibilità di fornire questo tipo di attivi- loga Dalia Scorsipa. "Le risorse continuano a lavoro. Ecco perché la battaglia per la parità,
coltà di medicina già si sono accordati per rea- tà. Occorre insomma anche un cambiamento mancare, mentre la loro azione preventiva e di per i servizi alla madre e al bambino, è l’unica
lizzare, proprio entro un annetto, una struttura di mentalità e quindi nell'organizzazione". protezione della salute, nello spirito della 194, vera ricetta contro l'aborto".

La facoltà
La sede provvisoria piace
sarà pronta
ai rappresentanti degli iscritti nell’aprile 2009
a medicina e odontoiatria
In via del Giochetto
I disagi però non mancheranno
si trasferiranno Giurisprudenza,
Economia e Scienze politiche

[ di Alessandra Borghi ] Dopo minimetrò e Pintoricchio, il


centro didattico della facoltà di medi-
Per Medicina il secondo semestre cina a Sant'Andrea delle Fratte, l'en-
dell'anno accademico ricomincia all' nesimo tassello di un polo unico
ex Silvestrini. Gli studenti, pur non in- Chi risiede a Monteluce ospedaliero sognato da anni, ha rega-
tervenuti certo in massa all'inaugura- lato un’altra soddisfazione alla presi-
zione del centro didattico che farà da col bus impiegherà 45 minuti dente della regione Lorenzetti, pre-
ponte tra la vecchia facoltà e quella E mancano alloggi in zona sente al taglio del nastro, venerdì 15
nuova, pronta, si crede, il prossimo an- febbraio, insieme all'assessore alla sa-
no, sembrano i più convinti di benefi- nità Rosi, al rettore Bistoni, al presi-
ciare della vicinanza delle aule e dei Trasferimenti Al nuovo Centro didattico de di medicina Puxeddu, all'assesso-
laboratori all'ospedale. "Nell'ultimo di Sant’Andrea delle Fratte in questi giorni re comunale Boccali, con la consueta
triennio clinico è fondamentale. Co- si trasferirscono anche 38 laboratori benedizione dell'arcivescovo Chiaret-
me si potevano fare, magari, le prime ti. Stanno quindi per cambiar casa il
due ore del mattino a Monteluce, e triennio clinico di medicina e il corso
poi arrivare qui per il tirocinio?", di odontoiatria. L'edificio A del cen-
esemplifica Tommaso Bori, rappre-
sentante dell'Unione degli Universita-
ri (Udu), insieme al collega Gianni Va-
lieri, durante il giro nella nuova strut-
“Bella la nuova sede, tro didattico ospita 3 grandi aule (cir-
ca 300 posti). L'edificio B, su due
piani, è composto da 4 aule didatti-
che, da 77 a 96 posti, un'aula studio,
tura lo scorso 15 febbraio. L'unico
dubbio riguarda i trasporti. "Chi si
può spostare in macchina - prosegue
Bori - non avrà problemi, data la vasti-
tà del parcheggio inaugurato a luglio
ma dateci trasporti e mensa” un'aula Internet e un'aula informati-
ca. Oltre alle aule sono presenti 38 la-
boratori, 8 uffici amministrativi, 1
servizio bar e 2 portinerie. Per le esi-
genze del corso di laurea in odontoia-
che, infatti, la mattina è sempre vuo-
to. Ma i fuorisede punteranno sui Gli studenti sul Centro didattico all’ex Silvestrini tria sono stati realizzati 4 studi denti-
stici, una sala con 11 riuniti dentisti-
mezzi pubblici, bus ma anche Fcu. ci e un'aula manichini. Il rettore ha ri-
Speriamo vengano potenziati". Con- parte del nuovo edificio è riservato a delle lezioni, dando per scontato che tal proposito l'Adisu avrebbe già mani- cordato che il polo unico sta prenden-
tenti del cambiamento anche gli stu- noi". Non si negano, ma neanche si chi sta in affitto vicino al centro diffi- festato la propria disponibilità e non è do piede grazie a "una straordinaria
denti di odontoiatria, da sempre un enfatizzano, i possibili iniziali disagi: cilmente tenderà a spostarsi in una zo- escluso che verso aprile si parta. "An- operazione di ingegneria finanziaria"
po' sacrificati in termini di spazi ri- "Sono ben disposto ad affrontarli. Io na così decentrata". drà anche studiato come incrementa- compiuta nel 2001. Cinquanta mi-
spetto ai colleghi della facoltà di medi- abito a Monteluce e so che con l'auto- Alberto Oddo, esponente di Universi- re l'offerta di alloggi in zona. Forse ba- liardi dalla Regione e 40 dal ministe-
cina. Così lasciano intendere Carlo bus della linea 8 si arriva qui in modo tas nel consiglio degli studenti, si sof- sterà il collegio di Ferro di Cavallo, ro dell'università ridiedero vigore al
Caldarella e Andrea Abazari, sempre diretto, ma impiegando 45 minuti. Ci ferma a sua volta sulle nuove esigenze ma nuove strutture sarebbero benve- progetto del polo unico ternano e so-
della lista Udu. "Sono davvero fiducio- dovremo organizzare", conclude Cal- di potenziare il trasporto pubblico, ma nute". Sul tema trasporti le opinioni prattutto a quello della cittadella sa-
so per un futuro migliore anche del ti- darella. "Un modo per tener conto dei non solo: "Il trasporto pubblico andrà sono davvero bipartisan. Anche Fran- nitaria. Nell'aprile del 2009 sarà con-
rocinio pratico - dice in particolare tantissimi studenti che ormai hanno rivisto, ma sarebbe importante realiz- cesco Strati di Alleanza Universitaria segnata la nuova facoltà di medicina.
Caldarella -, prima penalizzato dall' trovato casa vicino alla vecchia facoltà zare anche una mensa provvisoria. Il sottolinea che "l'impegno delle istitu- Quindi si trasferiranno da via del Gio-
inadeguatezza delle strutture rispetto - aggiunge Abazari - potrebbe essere nostro impegno come rappresentanti zioni ora dovrà andare nel senso di tra- chetto anche gli studenti dei primi
ai nostri numeri. Adesso, invece, una strutturare in modo adeguato gli orari degli studenti sarà in questo senso". A sporti pubblici comodi". tre anni di medicina”.

dall’asl 2
Preoccupano in Umbria i dati dei pazienti affetti da Bpco. L’impegno del Polo di riabilitazione

Una risposta alle malattie respiratorie


Secondo l'Istat vi è un preoccupante dato epidemiologico in riabilitazione respiratoria si pone come trattamento efficace
Umbria relativo alla prevalenza di pazienti affetti da broncop- per i pazienti Bpco. La riabilitazione polmonare si propone
neumopatia cronica ostruttiva (Bpco) e al tasso di mortalità per quindi di recuperare i pazienti a uno stile di vita indipendente,
cause respiratorie che sono più elevati di di impedire o rallentare il deterioramento cli-
quelli nazionali (6,8% rispetto al 4.4% della nico. E' un intervento globale e multidiscipli-
media nazionale per le Bpco). Il fenomeno Servizio per differenti nare rivolto a pazienti affetti da malattie re-
non sembra essere imputabile all'anzianità patologie e valutazione spiratorie croniche e non. Non solo Bpco,
della popolazione o all'abitudine al fumo vi- dunque, ma beneficiano del programma ria-
sto che altre regioni con pari anzianità della pneumologica per entrare bilitativo la fibrosi cistica, le bronchiettasie,
popolazione hanno medie vicine a quelle na- nel programma l'asma bronchiale, le pneumopatie restritti- strumentale e informatico per far fronte alle evidenti necessità.
zionali e la percentuale di fumatori in Um- ve, le malattie neuromuscolari e della cassa Il servizio garantisce la valutazione pneumologica (ai fini di un
bria è sovrapponibile alla media italiana toracica, gli esiti di traumi toracici, l'insuffi- eventuale ingresso in un programma di riabilitazione), tisiop-
(24%). A fronte della mancanza di un trattamento farmacologi- cienza respiratoria cronica e così via. Nell’Asl 2 il polo di riabili- neumologica e funzionale (spirometria lenta, forzata, volume
co che possa intervenire sulla progressione della malattia, solo tazione respiratoria (sito in via XIV settembre, 79) è stato di re- residuo eccetera. L'attività riabilitativa, dopo la seduta di valu-
l'astensione dal fumo e il trattamento con ossigeno a lungo ter- cente implementato nel suo organico di un'altra figura medica tazione di ingresso, è svolta al mattino del martedì, giovedì e sa-
mine si sono mostrati efficaci in tal senso. In questo contesto la specialista del settore. Si sta promuovendo un aggiornamento bato ed è programmata direttamente dal servizio.
06 TuttoPERUGIA

venerdì 6 febbraio
[ ATTUALITA’ ]
ELEZIONI 2009

La carica delle liste civiche


Ecco dove si organizzano
I partiti stancano
Si preparano sorprese Intorno a Udc, vendoliani, Perari, Spagnoli, Barelli
Entro febbraio il progetto Manfroni strizza
dell’Unione di centro l’occhio a Primo Tenca
Calabrese: “Non sarò in lista” che risponde: vediamo
se ci sono numeri seri
[ di Alessandra Borghi ] lizioni, mentre bisogna intendersi su
pochi punti fondanti e qualificanti di
I partiti non soddisfano più, largo alle un’appartenenza a sinistra, come la
liste civiche. Perugia è un cantiere in valorizzazione dei servizi pubblici, la
continua evoluzione al riguardo, a de- tenuta dei servizi sociali, una pianifi-
stra, a sinistra, al centro. Per non par- cazione urbanistica in senso sociale.
lare di operazioni che, pur muovendo E soprattutto bisognerebbe decidere
dalla disaffezione diffusa e bipartisan di dedicare il primo anno di governo
verso i metodi di governo che hanno a ricostruire la partecipazione”. Ecco
segnato la recente vita di Perugia, si perché, accanto a ex del Pdci e molti
coagulano attorno a nomi noti e di Sd, i vendoliani guardano con favo-
‘forti’: come Massimo Perari, consi- re a personaggi come Tenca. Che
gliere comunale socialista, Carla Spa- precisa: “Le associazioni è opportuno
gnoli, portavoce perugina de La De- tenerle fuori in quanto tali, perché
stra, Urbano Barelli, presidente di rappresentano più sensibilità. Con-
Italia Nostra. Intorno a Perari la mac- fermo, però, che all’interno della mia
china organizzativa avrebbe appena stiamo lavorando per verificare se
mosso i primi passi, complice anche può esistere la massa critica per una
l’impegno istituzionale di Perari stes- lista civica. Siamo vicini alle nuove
so al vertice dell’Ato, impegno che co- anime defilate dai partiti di governo,
munque, tra una decina di giorni, do- come i vendoliani, anche se pure Ri-
vrebbe lasciarlo libero di rituffarsi in fondazione sta considerando cosa fa-
politica. Più di vecchia data è il pro- re...”. I nodi sullo sfondo restano pa-
getto dell’Unione di centro per incen- recchi: pesa il mancato dialogo tra
tivare l’organizzazione di liste “sorel- spezzoni della “sinistra plurale” che
le” che sosterrebbero lo stesso candi- non si arrendono all’idea di un candi-
dato a sindaco dell’Udc. Il consiglie- cali, ma imposto”. Calabrese ribadi- dell’associazionismo perugino. Entro liana, esclama: “Non mi dispiacereb- dato dell’area avversa.
re comunale Francesco Calabrese di- sce che lui non sarà il candidato a sin- febbraio renderemo esplicito l’avvio be per nulla stare con certi movimen- Sul versante opposto, il duello Mon-
ce: “Il processo è in fase avanzata, sa- daco: “Ringrazio gli amici che alimen- del progetto”. ti, e ce ne sono anche altri, come La ni-Corrado nel centrodestra vede un
ranno coinvolte varie sensibilità, per- tano queste voci, ma mi limiterò a da- C’è poi la società civile che, pur sce- città di tutti, Legambiente, Wwf, co- Corrado molto poco arrendevole.
ché il senso è prescindere da ideolo- re una mano. Né sarò in lista”. Quin- gliendo di muoversi in autonomia dai mitati vari... Non interlocutori Tanto che, se FI e An non converge-
gie, recuperare un livello della politi- di, dopo aver commentato il farsi partiti, si collocherà nell’alveo del ‘contro’, ma da coinvolgere per dise- ranno su di lui, potremmo vederlo a
ca diverso da quello desolante che ci avanti di Luigi Fressoia come candi- centrosinistra. Il nome di Primo Ten- gnare il futuro della città. Dobbiamo capo di una lista civica (si presume
circonda. Certo, molti lavorano per dato per i popolari liberali come “ulte- ca, ad esempio, è accostato all’esperi- avere il coraggio di mettere in ridico- con Abiuso per amico). E in rampa di
noi, perché nel centrodestra non han- riore riprova dell’insofferenza che re- mento animato dai vendoliani. É il lo il rituale dei programmi elettorali. lancio c’è anche la lista Destra popo-
no davvero voglia di creare un’alterna- gna a Perugia”, Calabrese si limita a presidente dell’associazione Vivi il Sembra che la definzione del pro- lare nazionale con Leonardi che si
tiva reale, e nel centrosinistra c’è Boc- dire: “Stiamo coinvolgendo volti noti borgo e Maria Rita Manfroni, vendo- gramma sia la panacea di tutte le coa- sta dando un gran da fare.

Medicina ha bisogno della mensa


Tommaso Bori, eletto all’Adisu, fa il punto sui servizi per studenti

“Dobbiamo ancora riunirci blemi da affrontare riguarde-


per la prima volta con la com- ranno poi anche alcuni servizi
missione quindi il quadro su essenziali erogati dall’universi-
cui andremo ad operare non è tà e dall’Adisu: “Su tutti quello
ancora ben definito, anche se relativo al servizio mensa per
gli ingenti tagli con cui dovrà gli studenti di medicina per il
fare i conti l’ateneo perugino quale auspichiamo un accor-
sono fonte di preoccupazio- do in tempi stretti tra l’univer-
ne”. A parlare così è Tommaso sità e la Asl per creare un nuo-
Bori, esponente dell’Udu vo spazio: dopo il trasferimen-
(Unione degli Universitari) e to della facoltà da Monteluce,
membro della commissione di adesso le lezioni si tengono in
controllo dell’Adisu, con cui una struttura vicina al Silve-
abbiamo approfondito alcune strini piuttosto isolata che ren-
questioni: “I provvedimenti de difficili, soprattutto per gli
del governo di cui tanto si è di-
scusso nei mesi scorsi – spiega
Bori – porteranno inevitabil-
studenti fuorisede che non
hanno la macchina, gli sposta-
menti per andare a mangiare.
Ritardi? Ci pensa l’ateneo
mente ad un ridimensiona-
mento della qualità della di-
Inoltre in questi giorni stiamo
girando nei vari collegi assie-
Pergamene: addio alla tipografia esterna
dattica e della ricerca con gra- me al dottor Oliviero per capi-
vi ripercussioni sul diritto allo La didattica si è trasferita re direttamente dagli studenti Sembrano finalmente avere una spiegazione i gravi ritardi nel-
studio. In termini pratici infat- quali siano le principali proble- la consegna delle pergamene di laurea da parte delle segrete-
ti c’è l’elevato rischio che le a Sant’Andrea delle Fratte matiche che dovremo affronta- rie degli studenti dell’università di Perugia, un problema di
tasse universitarie raddoppino ma i pendolari senza auto re nei prossimi consigli”. Non cui ci siamo occupati due settimane fa dopo aver ricevuto al-
e se a ciò aggiungiamo le diffi- mancano però aspetti positivi cune segnalazioni. A fornircela è Amabile Fazio, neo-presi-
coltà di natura economica le- non sanno dove mangiare di cui l’ateneo perugino può dente del consiglio degli studenti: “Fino a due anni fa – spiega
gate al caro-affitti e al costo andare fiero, e tra questi rien- – le pergamene venivano commissionate ad una tipografia
elevato dei libri è chiaro che trano senza dubbio i nuovi al- esterna, un aspetto che senza dubbio ha contribuito a dilatare
per molte famiglie sarà sem- diritto allo studio”. “E’ probabi- ben precisa: “Dopo il delitto di loggi di corso Garibaldi freschi i tempi. Ovviamente chi si occupa delle pergamene si è trova-
pre più difficile mantenere i fi- le – prosegue - che buona par- Meredith molti mezzi di infor- di inaugurazione: “Devo dire – to a dover far fronte a questo disagio e la scelta è stata quella
gli all’università. Se inoltre ver- te di quelli che sceglievano Pe- mazione hanno avviato una conclude Bori – che sono ri- di proseguire con la consegna in ordine cronologico”. “Per cer-
ranno ridotte le fasce di reddi- rugia per l’ottima qualità del- campagna che ha contribuito masto davvero stupito di que- care di ridurre il disagio – sottolinea Fazio – l’anno scorso
to e sarà innalzato il criterio di l’insegnamento e per i prezzi a diffondere paura e preoccu- sti ambienti, molto belli e con- l’università ha acquistato un macchinario che le permette di
merito per avere le borse di contenuti cambieranno idea”. pazioni infondate. Si è diffusa fortevoli, che offrono agli stu- effettuare direttamente la stampa, senza ricorrere a ditte
studio molte famiglie che fino- Una tendenza, quella della di- l’idea sbagliata che Perugia sia denti la possibilità di vivere in esterne: tutto ciò dovrebbe portare, nel giro di due o tre anni,
ra ne avevano diritto resteran- minuzione del numero degli la capitale del divertimento una struttura accogliente. E’ alla risoluzione completa del problema e successivamente do-
no tagliate fuori. In questo mo- iscritti, emersa anche dagli ul- più sfrenato e mi rendo conto questa la direzione che deve vrebbe garantire agli studenti la possibilità di avere a disposi-
do dunque, dopo aver colpito timi dati relativi al precedente che molti genitori, di fronte a essere seguita per garantire la zione la pergamena ad un paio di mesi di distanza dalla lau-
la didattica e la ricerca, si an- anno accademico e che secon- queste notizie, siano stati assa- massima qualità dei servizi”. rea”.
drà a mettere in discussione il do Bori ha una spiegazione liti da più di un dubbio”. I pro- David Barbetti D.B.
POLITICA

Perugia/ Sinistra Universitaria denuncia: "Gli


studenti di medicina e chirurgia vivono una
situazione di difficoltà"

PERUGIA - "Da poco si sono concluse le celebrazioni dei 700 anni di vita dell'Ateneo e oggi ci troviamo
ad inaugurare il nuovo Ospedale di Perugia, ma sento la necessita' di ricordare, soprattutto in queste
occasioni, che gli studenti di Medicina e Chirurgia vivono una situazione di difficolta'". E' quanto
evidenzia in una nota Tommaso Bori, coordinatore della Sinistra Universitaria - UDU di Perugia in
occasione della due giorni di iniziative per la presentazione del nuovo ospedale 'Santa Maria della
Misericordia' (stamani incontro pubblico sul tema 'Il nuovo ospedale di Perugia: realta e prospettive'
concluso dalla presidente della Regione Umbria, Maria Rita Lorenzetti e nel pomeriggio l'apertura della
mostra e del libro sul nuovo ospedale 'Innovazione, ricerca, assistenza e non solo'; domani taglio
ufficiale del nastro nella struttura).

Per gli studenti di sinistra, la cerimonia in cui "gli occhi dell'opinione pubblica perugina ed umbra sono
puntati sulla nostra realta'" deve stimolare "enti locali, l'azienda ospedaliera e l'universita' a prestare
maggiore attenzione alla realta' studentesca della facolta' di Medicina e Chirurgia, oltre che a
collaborare e dialogare piu' proficuamente tra loro". Impellenti, secondo la Sinistra Universitaria "le
problematiche degli studenti dell'ultimo triennio, seguite al parziale trasferimento da Monteluce al polo
didattico vicino al Silvestrini che - si legge - non vengono tanto dalla didattica o dal diritto allo studio,
bensi' da fattori ambientali della facolta' e della zona che la ospita".

Dal disagio logistico nel passare dal quartiere universitario di Monteluce a quello di S.Sisto che non ne
ha le caratteristiche; alle difficolta' di trasporto pubblico e privato "anche gli studenti con auto propria
devono contendersi con i pazienti e i lavoratori dell'ospedale i ridotti spazi disponibili nei parcheggi,
poiche' il parcheggio davanti alla facolta' e' chiuso con sbarra e accessibile soltanto ai dipendenti"; il
polo didattico e' tagliato fuori dalla realta' del polo ospedaliero, ed ancora manca una mensa "quella
dell'ospedale non permette l'ingresso agli studenti" al pari di strutture disponibili per lo studio o tra
un'ora di lezione e l'altra, o in attesa del rientro pomeridiano.

"Queste poche righe non hanno l'obiettivo di rovinare la festa a nessuno - conclude la nota - vogliono
essere soltanto un modo per attirare l'attenzione su problemi concreti che ci troviamo ad affrontare
tutti i giorni. Le problematiche interne alla Facolta' saranno affrontate all'interno della Facolta', ma per
tutto il resto vogliamo stimolare un necessario confronto tra istituzioni, perche' sciolgano il prima
possibile questi nodi".

Inserito da pierucci il Ven, 06/03/2009 - 18:57


04 TuttoPERUGIA

venerdì 13 marzo
[ NUOVO OSPEDALE ]
STUDENTI
L’INTERVENTO
“Trasferimento ok
Ma pensate
ai nostri problemi”
Parla Tommaso Bori, Udu
Se l’ateneo perugino e il polo unico
hanno tagliato traguardi prestigiosi,
c’è chi non rinuncia a ricordare che i
Tra passato e presente traguardi in questione non sono che
punti di partenza verso altri obiettivi
da realizzare. Così Tommaso Bori,
rappresentante degli studenti Udu,
Il preside della facoltà di medicina e si è riferito alla “situazione di difficol-
chirurgia Adolfo Puxeddu ricorda lo tà” vissuta dagli studenti di medicina
stretto e antico legame tra università e e chirurgia. Sono gli studenti dell’ul-
ospedale. Un’alleanza che a ottobre sa- timo triennio, in particolare, secon-
rà suggellata dall’inaugurazione del- do Bori, a scontare il disagio legato
l’anno accademico della facoltà medi- alla frequenza alle lezioni obbligato-

Nuova sede per Medicina


ca nella nuova sede di Sant’Andrea del- rie nel polo didattico spostato all’ex
le Fratte. Silvestrini. “La totalità degli studenti
Martedì 30 dicembre 2008 in Monte- fuorisede - spiega Bori - hanno preso
luce con la chiusura definitiva dei alloggio a Monteluce, poiché hanno
battenti del Portale del Policlinico iniziato gli studi lì, e ora si trovano a

Così si può crescere ancora


“Santa Maria della Misericordia”, già dover cambiare zona. Ma se Monte-
Ospedale Civile “14 settembre luce si era adattato nel tempo a esse-
1860”, data indimenticabile per ogni re quartiere universitario, con dispo-
Perugino, si è posto fine ad un signifi- nibilità di appartamenti, negozi e ser-
cativo ciclo della vita accademica e vizi, nel caso di San Sisto non è così.
della sanità cittadina, durato ben 85 Senza contare che è privo di collegi
anni, a partire dal 1923, epoca in cui Già seconda in Italia, per il preside Puxeddu vivrà un potenziamento pubblici, il più vicino si trova nel
l’antico Ospedale “Santa Maria della quartiere di Ferro di Cavallo. Dun-
Misericordia”, fondato l’ 11 marzo In effetti nei secoli trascorsi numero- Medica Perugina, Bruno Bellucci, Simbolo del nuovo Polo Unico tra que tanto i fuorisede, quanto i borsi-
1305 con atto del Notaio Simone da se stelle del firmamento accademico Fondatore della Radiologia Perugi- l’Università degli Studi di Perugia e l’ sti si trovano a dover vivere in zone
Cortona e siglato dal Vescovo di Pe- Perugino, quali Gentile da Foligno, na, i Clinici Giulio Agostini, Paolo Azienda Ospedaliera “Santa Maria molto distanti dalla facoltà”. Suona
rugia Mons. Bulgaro Montemelini, Mateolo Mateoli, Alessandro Pascoli Larizza, Diogene Furbetta, Michele della Misericordia” di Perugia è il Bu- come un appello all’Adisu. Che in ef-
fu trasferito dalla sua Sede pluriseco- e nell’ ottocento Pacifico Luigi Pa- Lato, Franco Ciuffini, l’Anestesista – sto del Prof. Raffaello Silvestrini, do- fetti risponde: il giorno del taglio del
lare di via della Pesceria all’ ex Mona- scucci, Cesare Massari, Ruggero To- rianimatore Vittorio Pasqualucci, nato dal compianto Prof. Giuseppe nastro del nuovo ospedale, il 7 mar-
stero delle Clarisse in Monteluce. relli e Pietro Grocco hanno contribui- l’Igienista Alessandro Seppilli, Padre Dessì alla nostra Facoltà, e collocato zo, Oliviero parlava di una mensa in
La storia dell’Ospedale “Santa Maria to con la loro Scienza al progressivo della Riforma Santitaria, l’Anatomi- nell’atrio del Complesso ospedaliero arrivo per settembre e di un convitto
della Misericordia” è infatti stretta- sviluppo della Medicina e della Chi- co Anacleto Lucheroni ed il Biochi- inaugurato solennemente il 7 marzo che nella mente degli enti interessati
mente collegata a quella coeva della rurgia. Più recentemente nell’ambito mico Giuseppe Porcellani. 2009. già c’è: mancano solo le risorse. Bori
Facoltà di Medicina e Chirurgia del del Policlinico di Monteluce hanno La definitiva chiusura dell’oramai ve- Con l’inizio dell’Anno Accademico fa notare anche le carenze del tra-
nostro Ateneo, risalente alla Fonda- operato numerosi Maestri della Scuo- tusto Policlinico “Santa Maria della 2009/2010 si realizzerà pertanto l’am- sporto pubblico, che obbliga gli stu-
zione dello Studium Generale Peru- la Medica Perugina; tra gli scomparsi Misericordia” di Monteluce ha coin- bito progetto di unificare tutte le atti- denti ad alzarsi all’alba per arrivare
gino, con la bolla di Papa Clemente hanno lasciato un indelebile ricordo ciso con il trasferimento di tutte le at- vità cliniche, didattiche e di ricerca puntuali ai tirocini che iniziano tra le
V “ Super specula militantis…”, data- Raffaello Silvestrini, Clinico Medi- tività cliniche ospedaliere ed univer- della Facoltà di Medicina e Chirur- 7 e le 8, mentre le lezioni iniziano al-
ta 8 settembre 1308, “… affinché col co, Preside della nostra Facoltà e Ma- sitarie nel nuovo Ospedale di “Santa gia in S. Andrea delle Fratte, con una le 9. Altri problemi cruciali secondo
favore di Dio dalla città stessa escano gnifico Rettore dell’ Ateneo, l’ Anato- Maria della Misericordia” in S. An- razionalizzazione e quindi un poten- Bori: difficoltà di parcheggio perché
uomini dotti che rifulgano in tutto il mo-patologo Lucio Severi, Preside drea della Fratte. Adiacente a queste ziamento dei Centri di eccellenza già gli spazi davanti alla facoltà sono ri-
mondo come splendore del firma- della Facoltà, il Dermatologo Mauri- strutture è la nuova e prestigiosa Se- attivi, che hanno portato la nostra Fa- servati solo ai dipendenti; assenza di
mento e , destinati a durare in eterno zio Binazzi, Preside della Facoltà, de della Facoltà di Medicina e Chi- coltà al 2˚ posto tra le pari Istituzioni collegamenti diretti tra polo didatti-
come stelle, valgano a guidare molti l’Igienista Mario Pitzurra, Preside rurgia, i cui lavori termineranno nel- del nostro Paese. co e polo ospedaliero, con tragitto a
sulla via della giustizia” . della Facoltà e Storico della Scuola l’estate del corrente anno. Adolfo Puxeddu piedi che ruba tempo.

Energia pulita
INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Sede legale: via F.lli Cairoli, 24


e sviluppo economico
Fotovoltaico negli Enti Locali
Loc. Ferro di Cavallo - 06125 Perugia
Tel. 075.5006050 - Fax 075.5058322

Nel corso degli ultimi anni è stata dedicata crescente colta con la dovuta celerità, può consentire ai Comuni
attenzione, sia da parte delle autorità che degli di risparmiare risorse (azzeramento della spesa
operatori, alla produzione di energia da fonti rinnovabili. per approvvigionamento dell’energia elettrica) da
La ricerca di uno sviluppo sostenibile include sempre destinare ad attività sociali e di servizio oggi più che
più, tra le opzioni strategiche, l’uso crescente di fonti mai indispensabili.
rinnovabili. Si(e)nergia intende proporre ai Comuni proprietari
L’importanza dell’utilizzo delle fonti rinnovabili è della Società di iniziare procedimenti autorizzativi per
strettamente collegata alla possibilità che il sistema lo sviluppo e la realizzazione di progetti di impianti
economico mondiale attui un processo progressivo fotovoltaici a terra su terreni di proprietà del Comune
di sviluppo sostenibile, soprattutto in relazione a e sulle coperture di edici di proprietà dello stesso
tematiche ambientali di grande rilevanza, quali, in Ente.
primo luogo, la questione del cambiamento climatico. L’attività, di indubbio interesse nanziario, dovrà
Le energie rinnovabili rappresentano una grande essere nalizzata all’emanazione di specici bandi di
opportunità per l’economia e una valida alternativa gara che garantiscano la realizzazione delle opere da
alle tradizionali fonti di energia da combustibili fossili parte di terzi.
(carbone ed idrocarburi) e da nucleare, se si investe La Società si pone a disposizione dei Comuni per
in modo adeguato su di esse. tutte le attività propedeutiche all’emanazione dei
La disponibilità futura di queste ultime risorse (incerta bandi (individuazione dei siti idonei, progettazione e
e dal costo in costante aumento) dipende da molti conto economico, pratiche autorizzative, stesura del
fattori, non ultimi quelli politici e speculativi. Mentre bando di gara ed assistenza in fase di gara), l’onere
una delle principali fonti rinnovabili disponibili in economico per tali attività potrà essere posto a carico
natura è il sole, utilizzabile per la produzione diretta del soggetto vincitore del bando e realizzatore del
di energia elettrica, con impianti termici e fotovoltaici. progetto.
Il solare fotovoltaico è una delle fonti di energia La positività della realizzazione di progetti di questo
rinnovabile che l’Italia può utilizzare al meglio, grazie tipo consiste in risparmi di spesa per l’Ente, beneci
ad un livello particolarmente alto di irraggiamento del per l’ambiente per la riduzione dell’emissione di gas
proprio territorio. serra, creazione di nuovi posti di lavoro e ricadute
La luce del sole, come la forza dell’acqua e del vento, o positive sull’intera economia.
ancora, il calore della terra sono risorse rinnovabili che Stefano Feligioni - Presidente di Si(e)nergia S.p.A. Gli incentivi statali a disposizione dei Comuni hanno
non inquinano e sono sempre disponibili in natura. una valenza limitata e diminuiranno sensibilmente
Si(e)nergia si occupa professionalmente della dell’attenzione e della professionalità che la Società con il passare del tempo. Le autorizzazioni sono
costruzione e gestione delle reti del gas naturale e pone alla realizzazione dell’indirizzo che il Comune caratterizzate da procedimenti molto complessi,
persegue, nel rispetto degli obiettivi sociali, il risparmio di Perugia e gli altri Comuni che fanno parte della hanno tempi lunghi ed esiti incerti. C’è necessità di
energetico e la tutela dell’ambientale, mediante la compagine societaria, hanno indicato nell’atto muoversi in fretta per non vanicare una importante
promozione e la diffusione di tecnologie innovative costitutivo. opportunità che, se colta, è in grado di attenuare la
applicate alle fonti energetiche rinnovabili. La Finanziaria 2008, art. 2, comma 173, mette a pesante crisi che coinvolge la nostra Regione, il nostro
Il progetto “1.000 tetti fotovoltaici”, che ha avuto un disposizione degli Enti Locali incentivi rilevanti per gli paese e il mondo intero.
notevole successo ed un importante seguito in tutto impianti fotovoltaici realizzati dagli enti stessi. Il Presidente
il territorio regionale e nazionale, è un esempio Questo rappresenta una grande opportunità, che se Stefano Feligioni
-MSGR - 06 UMBRIA - 43 - 08/03/09-N:

UMBRIA 43
43
IL MESSAGGERO
DOMENICA
8 MARZO 2009 REGIONE 43

L’ ANGOLO DELLE
DISAVVENTURE
y Noi, studenti Il laboratorio sarà condotto da

di Medicina
in difficoltà Col naso arricciato per i rifiuti abbandonati un esperto di tecniche teatrali,
Giacomo Ortu, che curerà la
parte esecutiva e si dedicherà
alla drammatizzazione di più
storie, inventate o riadattate.
Da poco si sono concluse le di ALFONSO MARCHESE rinunciare a mettere su famiglia. Già era troppo - Scusi, ma non siete voi che vi occupate del La finalità è quella di scoprire
celebrazioni dei 700 anni di Non ne poteva più. I condomini continuavano a dover sopportare se stesso. Se la sera prima, per comportamento dei cittadini? Se i miei vicini di le emozioni e farci guidare da
vita del nostro Ateneo ed ora è sbadataggine, aveva messo una cosa fuori posto casa buttano l’immondizia fuori dal cassonetto loro. Come si fa a volare senza
buttare i sacchetti dell’immondizia dove capita-
stato inaugurato il nuovo ospe- si adirava. Al punto che andava davanti allo a chi devo rivolgermi? ali, ballare senza musica, stra-
va. Senza curarsi di fare una cernita secondo la
dale di Perugia, ma sento la specchio del bagno e rimbrottava l’immagine Il vigile, sbuffando, prese nome, cognome ed volgeresenza farealcuna rivolu-
necessità di ricordare, soprat- tipologia. Per poi procedere al deposito nei
cassonetti deputati. Per cui si veniva a creare la riflessa. altro ancora. zione?Conle emozioni siposso-
tutto in queste occasioni, che - Sei uno stupido, un confusionario, uno no creare mondi dal nulla, la-
paradossale situazione di un contenitore esausto - Verificheremo! sentenziò con un tono che
gli studenti di Medicina e Chi- scervellato. E su su fino ad aggettivi sempre più sciare che sia solo il corpo e
per il traboccante volume di scarti e dei gemelli era un indizio di commiato. l’istinto a comandare, e a con-
rurgia vivono una situazione di forti. Quasi volersi punire per la sbadataggine.
difficoltà. Con il parziale trasfe- vicini che sbadigliavano con i loro coperchi Figurarsi se un uomo come lui avrebbe potuto Passò una settimana, due, un mese. Ma durci verso mondi e situazioni
rimento da Monteluce al polo aperti e la pancia vuota. Per non parlare delle sopportare l’indecente scena che gli si presentava nessuno si faceva vivo. Si attaccò di nuovo al che non avremmo mai potuto
didattico vicino al Silvestrini, decine e decine di buste di plastica che facevano agli occhi ogniqualvolta si affacciava al balconci- telefono, ma il centralino manco a farlo apposta pensare nè prima nè durante le
gli studenti dell’ultimo triennio mucchio su un fianco del cassonetto prediletto no. Che non veniva aperto da mesi. Guardava era sempre occupato. Quindi si risolse ad andare improvvisazioni, e solo alla fi-
si sono trovati in una situazio- dalle famiglie del palazzo dove abitava Osvaldo fuori solo attraverso la finestrella del bagno, di nuovo dai vigili. ne mettere la parola, che come
ne che mette in crisi la loro e da quelle dei palazzi vicini. Ma si poteva serrata da mesi anch’essa. - E’ passato più di un mese dalla mia colore, dipingerà sempre situa-
capacità di frequentare le lezio- andare avanti così? - Giuro che se ne becco uno che non mette un denuncia e nessuno s’è fatto vivo. Come è zioni diverse e con un atmosfe-
ni obbligatorie e di ottimizzare sacco dell’immondizia dove dovrebbe depositar- possibile? disse Osvaldo con il viso acceso dalla ra ben precisa. L’incontro po-
Osvaldo da due anni si era messo in pensione. meridiano si suddividerà in
il loro tempo per lo studio. Abitava da solo in un appartamentino fatto su la, lo denuncio. Peggio se abbandona il sacchetto bile.
fuori dal cassonetto. due momenti: il primo riguar-
Infatti la totalità degli studenti misura per lui. Cinquanta metri quadrati dove - Si calmi signore. Parli con tranquillità, derà esercizi-giochi teatrali di
fuorisede hanno preso alloggio Aveva chiamato anche i vigili urbani. Ma il perché qui non ci sono servi. improvvisazione: “E’ il corpo
c’era di tutto. Dalla piccola cucina, che aveva
a Monteluce, poiché hanno ini- centralino era costantemente intasato. Per mesi - Servi no, ma servitori del pubblico interesse che parla!”, le emozioni che si
ben attrezzato, al soggiorno dove un bel divano si non era riuscito a fare breccia, inserendosi tra
ziato gli studi lì, ed ora si trova- sì. O no? manifestano attraverso ilmovi-
trasformava la sera in letto. Il bagno era un po’ una chiamata e l’altra. E alla fine si era deciso di
noa dovercambiare zona. Men- - Siamo sotto organico, disse il vigile per mento del corpo che ritrova
tre il quartiere di Monteluce si stretto, ma era dotato dei servizi essenziali. andare di persona. Aveva chiesto del comandan-
L’alloggio era un gioiello. Soprattutto per l’ordi- tagliare corto. vitalità; “E’ il corpo che diventa
era adattato nel tempo ad esse- te ma questi era occupato. Aveva ripiegato sul protagonista!”: imparare a par-
ne. Che per Osvaldo era stata sempre un’ossessio- vice. Ma quest’ultimo non era presente. - E devo pagarne io le conseguenze?
re quartiere universitario, sia lare con le intenzioni, con gli
per quanto riguarda la disponi- ne. Anzi proprio per questo aveva rinunciato a - Mi faccia parlare, allora, con qualcuno che -Perché io no?
sguardi, a dar voce al corpo. Il
bilità di appartamenti e spazi, prendere moglie. Un’altra persona con cui condi- si occupa dell’igiene... Dei rifiuti... - Ma lei non ha la puzza sotto il naso. secondo,grazie anchealsuppor-
sia per quanto riguarda i negozi videre un ambiente avrebbe sicuramente altera- - Qui non ci occupiamo di queste cose. Vada - Lei invece sì. Lo vedo. E sapesse quanto mi todella ludotecaria,è caratteriz-
e i servizi presenti, il quartiere to il suo equilibrio. Quindi, aveva preferito alla Asl o all’azienda muncipale. girano. zato dal percorso creativo che
di S. Sisto non offre né l’una, né parte dalla sperimentazione e
l’altra cosa. Senza contare che è realizzazione manuale del pro-
privo di collegi pubblici, il più un ora di traversata della città macchina propria. Loro do- gono a fare un'unica tirata dalla dal trasferimento, le questioni zione di burattini” è un labora- prio burattino che continua
vicino si trova nel quartiere di in pullman, se si tiene presente vranno solo contendersi con i mattina alla sera in Facoltà. sono le stesse e le nostre esigen- torio di teatro per ragazzi pro- con l’improvvisazione colletti-
Ferro di Cavallo. che i tirocinii nei reparti inizia- pazienti e i lavoratori dell’ospe- Dove mangiare? Il polo didatti- ze non sono state ascoltate. Le mosso dalla Ludoteca comuna- va fino alla messa in scena dello
no tra le 7:00 e le 8:00, mentre le dale i ridotti spazi disponibili co non ha una mensa e quella chiacchiere stanno a zero. le “La Quarta Dimensione del spettacolo realizzazione di bu-
Ai problemi di residenza vi rattini in carta pesta.
sono da aggiungere le enormi lezioni cominciano alle 9:00, neiparcheggi, poiché il parcheg- dell’ospedalenon permette l’in- Tommaso Bori Gioco” e si svolgerà presso i
vuol dire che gli studenti si gio davanti alla facoltà è chiuso gresso agli studenti. Coordinatore locali della Ludoteca stessa in Aspiranti mini-attori e creativi
difficoltà di trasporto, sia pub- in erba possono avere ulteriori
blico che privato. Infatti il colle- devono alzare tra le 5:30 e le con sbarra e accessibile soltan- Queste righe non hanno l’obiet- Sinistra Universitaria Piazza Bosone a Gubbio, tutti i
to ai dipendenti. informazioni per le iscrizioni
gamento pubblico è totalmente 6:30 nel peggiore dei casi, men- tivo di rovinare la festa a nessu- lunedì da domani 9 marzo al 27 telefonando allo 075 9237548
inadeguato rispetto alle esigen- tre si potranno alzare alle 7:30 Altro problema cruciale sono i no. Vogliono essere soltanto un y Teatro aprile per un totale di 8 incon- il pomeriggio o allo 075
ze degli studenti proprio per-
ché pensato per altre categorie.
quando molto fortunati. Risul-
tano relativamente avvantag-
rientri pomeridiani, infatti do- modo per attirare l’attenzione per ragazzi tri, dalle ore 16 alle 18. Il labora-
torio è un’occasione ludica ma
9237720 la mattina.
po essersi alzati all’alba molti su problemi concreti che ci tro- Aldo Cacciamani
Molti ragazzi sono costretti ad giati i residenti o i pendolari studenti hannolezioni o labora- viamo ad affrontare tutti i gior- “Emozionarsi... divertendosi. di crescita formativa, rivolto a Assessore comunale
alzarsi all’alba per fare più di che possono permettersi una toriil pomeriggio, che li costrin- ni. Sono passati più di sei mesi Burattini in allegria... .costru- quanti hanno tra i 6 e i 14 anni. Gubbio

IO LA PENSO COSI’

C
di GIAMPAOLO FALCIAI

i piaccia o meno le Regio-


ni, Umbria compresa, so-
Meno burocrazia, più concretezza comprendiamo quali vantaggi
ne deriverebbero per il tessuto
produttivo umbro che non ha
certo bisogno di più burocra-
no destinate a crescere d’im- re con le loro tasse i bilanci prepotentemente la crisi eco- ti vari. Già il Prefetto di Peru- le. Come non siamo in grado sa, sta svolgendo un importan- zia, ma piuttosto di concreti
portanza. Ed il presidente del- regionali. L’Umbria si sta ado- nomica e finanziaria. gia e quello di Terni hanno di di prevedere se questa loro te ruolo di raccordo fra il siste- interventi di sostegno.
laGiunta regionale assomiglie- perando in tal senso, non solo Il Governo ha giustamente recente dato il via ad un Osser- iniziativa sarà in grado di bloc- ma bancario e le imprese del giampaolofalciai@libero.
rà sempre più ad un Governa- per gestire al meglio i fondi ritenuto di dover sostenere le vatorio provinciale che nasce care il fenomeno del raziona- territorio. it
tore alla Swarzenegher o nel europei e statali destinati alle Banche affinchè garantiscano come prevenzione contro mento del credito che si sta Delle due l’una: o l’osserva-
nostrocaso ad una Governatri- imprese, ma anche per raccor- il risparmio della gente ed il l’usura, ma che sta assumendo allargando a macchia d’olio in torio prefettizio è una sovra-
ce alla Palin. Fino ad oggi il dare il sistema bancario con le credito alle imprese. Sulla scia anche iconnotatidi un control- tutta Italia, specie verso le im- struttura inefficace se non pro-
loro impegno principale è sta- esigenze dell’economia locale. di questo intervento però il lo sui crediti delle banche ver- prese minori. Ci domandiamo prio inutile, oppure se vera- ABCD
to rivolto al Servizio sanitario Ha infatti creato una sorta di Governo sembra voler mette- so l’impresa umbra. Non ab- soltanto se questa operazione menteesercitasse un ruolo atti- Fondato nel 1878
che assorbiva più della metà banca regionale, la Gepafin, re un piedino dentro le Banche biamo niente contro i Prefetti alla francese, voluta dal Gover- vo si potrebbe configurare una Direttore Responsabile:
del bilancio regionale. Ora il non solo per distribuire gli in- e le imprese regionali, istituen- come “longa manus” dello Sta- no e attuata attraverso le pre- sorta di conflitto di competen- ROBERTO
sostegno all’economia sta di- centivi, ma anche per agevola- do in ogni Prefettura un tavolo to centrale, anche se in uno fetture, in qualche misura non za fra Stato e Regione, o me- NAPOLETANO
ventando sempre più impor- re l’accesso al credito da parte di monitoraggio dei prestiti Stato federale, verso il quale ci interferisca con l’azione della glio fra Prefetto e Governato-
tante, anche perché saranno della piccola e media impresa. alle aziende, dove siedono im- si sta avviando, il loro ruolo Regione la quale attraverso le re, in materia economico-fi- Capo Redattore
edizione Umbria:
proprio le imprese a finanzia- In questo scenario è entrata prenditori, banchieri ed esper- diventa sempre più discutibi- suestrutture, Gepafin compre- nanziaria. E soprattutto non SANDRO PETROLLINI

Comune di Porano (TR) – Via Col di Lana 35 - Appartamento con locali accessori Paola Nannucci. Vendita senza incanto. Offerte da presentare in busta negativo della prima vendita si procederà ad una seconda vendita con
strutturato su tre livelli con area annessa esclusiva di mq. 40, composto da locale di chiusa presso lo studio della Dott.ssa Nannucci sito in Spoleto, Via incanto, alle medesime condizioni, il giorno 18/09/2009 ore 10:00 sempre
Calendario prossime pubblicazioni sgombero, cantina e taverna a piano seminterrato, ingresso – disimpegno, cucina, Flaminia 3, entro le ore 12:30 del giorno precedente la data della vendita. presso lo studio Del Dott. Burini sito ove sopra. Rif. RGE 67/2007.
VENDITE GIUDIZIARIE soggiorno, bagno e camera e balcone a piano terra; disimpegno, camera e bagno a Il giorno 12/05/2009 alle ore 09:30 si svolgerà, innanzi al professionista Informazioni c7o Cancelleria e sito Internet
piano 1°. Prezzo base Euro 95.625,00. Vendita senza incanto del 24/04/2009 ore delegato presso il suo studio, la vendita senza incanto e l’eventuale gara
Il Messaggero edizione Umbria 09:30. In caso di esito negativo di questa prima vendita senza incanto si svolgerà la fra gli offerenti. Qualora il bene non dovesse essere aggiudicato, si terrà la
22/03/09 - 05/04/09 - 19/04/09 vendita con incanto in data 29/05/2009 ore 09:30 alle medesime condizioni. Rif. RGE vendita con incanto, alle medesime condizioni, il giorno 15/10/2009 alle
03/05/09 - 17/05/09 - 31/05/09 - 14/06/09 52/04. Informazioni c/o cancelleria e sito Internet ore 11:00 sempre presso lo studio della Dott.ssa Nannucci, sito ove sopra.
Rif. RGE 17/2005. Informazioni c/o Cancelleria e sito Internet
28/06/09 12/07/2009 26/07/2006
06/09/2009 20/09/2009
Comune di Orvieto (TR) – Loc. Sant’Egidio 23 - Piena proprietà di compendio
immobiliare composto da appartamento a piano terra con ingresso – soggior- Comune di Cerreto di Spoleto (PG) – Lotto 1: Loc. Nortosce - Diritti di
ESECUZIONI IMMOBILIARI
no, cucina abitabile, camera da letto, ripostiglio sottoscala, bagno, piccolo riposti- proprietà piena di terreni agricoli posizionata in alta collina - montagna mq. Comune di Gualdo Tadino – Lotto 1: Fraz. Rigali 11 - Diritti di nuda pro-
glio in accessorio comune esterno, di mq. 50 complessivi oltre a piccola corte 3.560 e una unità immobiliare in stato fatiscente. Prezzo base Euro prietà gravati da diritto di usufrutto su abitazione di vani 3,5 da cielo a terra
esterna di mq. 16 e diritti su parti comuni. Prezzo base Euro 27.375,00. La ven- 5.000,00. Lotto 2: Loc. Nortosce – Diritti di proprietà si 1/2 di terreni a con cucina rustica, piccolo wc e magazzino a p. terra; disimpegno, cucina
dita senza incanto fissata per il giorno 14/05/2009 ore 10:00 si svolgerà innanzi bosco di mq. 3828 e un fabbricato fatiscente di mq. 30, dislocato su due
al Professionista delegato Avv. Luciana Campanelli presso il proprio studio lega- camera e bagno a p. 1°, locale sottotetto al grezzo e area pertinenziale.
le sito in Orvieto, P.zza del Popolo 21. In caso di esito negativo della prima vendi- piani. Prezzo base Euro 14.500,00. La vendita è stata delegata al Dott. Prezzo base Euro 18.368,00. Lotto 3: Voc. Canepine - Piena proprietà su
ta si procederà ad una seconda vendita con incanto, alle medesime condizioni, il Paolo Burini. Vendita senza incanto. Offerte da presentare in busta chiu- appezzamento di terreno di Ha 0.05.20; diritti di nuda proprietà gravati da
giorno 30/07/2009 ore 10:00 sempre presso lo studio dell’Avv. Campanelli sito sa presso lo studio del Dott. Burini sito in Spoleto, Via Dei Filosofi snc c/o usufrutto su appezzamento di terreno di Ha 0.01.30 e diritti di proprietà di 1/2
ESECUZIONI IMMOBILIARI ove sopra. Rif. RGE 28/05. Informazioni c/o cancelleria e sito Internet Centro Commerciale “Il Ducato”, entro le ore 12:30 del giorno precedente su rata di terreno ad uso passaggio. Prezzo base Euro 2.432,00. Lotto 4:
la data della vendita. Il giorno 17/04/2009 alle ore 10:00 si svolgerà, Fraz. Rigali - Diritti di proprietà di 1/2 su porzione immobiliare di vani 6,5
Comune di Castel Viscardo (TR) – Loc. Pianlungo – Via Renicci 1 - innanzi al professionista delegato presso il suo studio, la vendita senza rappresentata da palazzina fatiscente elevata su due piani fuori terra e sotto-
Appartamento di civile abitazione a piano 2° di mq. 82,79, terrazzi pari a mq. FALLIMENTI incanto e l’eventuale gara fra gli offerenti. Qualora il bene non dovesse tetto, con area esterna ad uso esclusivo. Prezzo base Euro 22.208,00.
11,10 e locale adibito a posto auto - sgombero a p. seminterrato per mq. 22,80. Comune di Ficulle (TR) - Diritti di piena proprietà pari a 2/75 su terreni di mq. essere aggiudicato, si terrà la vendita con incanto, alle medesime condi- Vendita con incanto del 12/06/2009 ore 10:30. Rif. RGE 173/2002.
Prezzo base Euro 48.093,75. Vendita senza incanto del 09/04/2009 ore 4.700 e diritti di proprietà pari a 10/75 su terreno di mq. 1200. Prezzo base Euro zioni, il giorno 21/07/2009 alle ore 10:00 sempre presso lo studio della Informazioni c/o Cancelleria e sito Internet
10:00 che si svolgerà presso lo studio del professionista delegato Avv. 2.582,29. Vendita senza incanto 29/05/2009 ore 10:00. Rif. Fall. 273. Dott. Burini, sito ove sopra. Rif. RGE 23/2007. Informazioni c/o Cancelleria
Alessandra Guerrini sito in Orvieto, Corso Cavour 27 (0763/341660). In caso Informazioni c/o cancelleria e sito Internet e sito Internet Comune di Assisi (PG) – Voc. Costa di Trex di Pian della Pieve - Terreni
di esito negativo di questa prima vendita senza incanto si svolgerà la vendita agricoli di diversa qualità della superficie di Ha 4.95.20. Prezzo base Euro
con incanto, ove sopra indicato, in data 12/05/2009 ore 10:00 alle medesime Comune di Spoleto (PG) – Loc. Uncinano - Diritti di piena proprietà su 16.772,80. Vendita con incanto del 03/04/2009 ore 10:00. Rif. RGE 222/01.
condizioni. Rif. RGE 9/2005. Informazioni c/o cancelleria e sito Internet fabbricato principale destinato a civile abitazione elevato su due livelli Informazioni c/o Cancelleria e sito Internet
(con ingresso, soggiorno, cucina, camera da letto, ripostiglio e bagno a p.
Comune di Porano (TR) – Via Santa Chiara - Magazzino a p. seminterrato terra); accessorio destinato a magazzino, forno, vano termico; manufatto Comune di Foligno (PG) - Via Dei Franceschi 38 – Diritti di piena proprie-
di mq. 98,50 con area di corte esclusiva esterna di mq. 42. Prezzo base Euro
39.938,00. La vendita con incanto del 29/04/2009 ore 10:00 si svolgerà
ESECUZIONI IMMOBILIARI completamente demolito e terreno dove insistono i suddetti fabbricati di
mq. 890. Prezzo base Euro 216.865,00. La vendita senza incanto fissata
tà esclusiva su appartamento di vani 6 a p. 4° composto da ingresso, sog-
giorno, corridoio, cucina, 3 camera, due servizi igienici e un balcone. Mq.
innanzi al professionista delegato Avv. Stefania Rossi presso il proprio studi Comune di Spoleto (PG) – Via XIV Giugno n. 26 - Magazzino e locale per il giorno 04/05/2009 ore 12:00 si svolgerà innanzi al professionista 138 con garage di mq. 15 a p. seminterrato. Prezzo base Euro 117.600,00.
legale sito in Orvieto, P.zza XXIX Marzo n. 24. Rif. RGE 8/05. Informazioni c/o deposito in piena proprietà, della superficie complessiva di mq. 281. Delegato Dott. Giovanni Burini presso il proprio studio sito in Spoleto, Via Vendita senza incanto del 05/06/2009 ore 10:30. Rif. RGE 343/2002.
cancelleria e sito Internet Prezzo base Euro 125.400,00. La vendita è stata delegata alla Dott.ssa Dei Filosofi, presso il Centro Commerciale “Il Ducato”. In caso di esito Informazioni c/o cancelleria e sito Internet

-TRX IL:07/03/09 20.57-NOTE:


[ NUOVO OSPEDALE ] TuttoPERUGIA

venerdì 13 marzo 03

Locchi: “A servizio
del polo unico
resta da fare solo
la quattro corsie”

Maxi schermo
Il sindaco Locchi si è
soffermato sui cambiamenti
che la scommessa del polo
unico ha portato in città

Cosa resta da fare


Sullo sfondo coperto dalla
gigantografia del vecchio
policlinico c’è l’edificio del Creo
ancora in costruzione

La rivoluzione sanitaria
cambia il volto della città
Oltre al trasferimento, riqualificazioni, nuova viabilità e parcheggi
Dopo 86 anni Perugia ha un nuovo telli, ha ricordato, sia il 6 che il 7 mar- ro della realtà ospedaliera, ha del re- più avanzato di questo futuro a Peru- Si appropria, ora, di una vocazione
ospedale fondato sull’alleanza tra assi- zo, che l’attenzione nei confronti di sto indicato il futuro della medicina. gia è, dovrà essere, l’Irccs. culturale, aprendosi a ospitare i pro-
stenza e Accademia. E uno solo. Non quel progetto della Speranza è tutt’al- Nel suo excursus Perugia già si inqua- Rivoluzione urbanistica. La svolta fessionisti che gravitano attorno al po-
un presidio isolato, certo, perché la re- tro che morta: per questo ha sferzato drava come realtà al passo con le ten- del polo unico ha spinto a ripensare i lo unico, diventa sede dell’Università
te dei servizi sanitari è stata rivisitata il governo, anzi, i governi che in dieci denze attuali, che vogliono “la diagno- vecchi ospedali. Fino al 1923, come ri- degli studi. Nell’immediato si è già
per disseminare il territorio di altre anni “non hanno dato un soldo per l’in- stica diffusa in modo capillare sul ter- cordato dal sindaco Locchi, ospedale fatto in tempo a ripensare la viabilità,
strutture d’avanguardia, come dimo- novazione”, e ha sostenuto di aver ritorio e le terapie di alto livello con- significava via Oberdan, ormai inte- con la bretella di collegamento a via
stra l’ex Grocco, portato a compimen- chiesto al ministero della salute di centrate in pochi centri molto avanza- gralmente recuperato per uffici comu- Dottori e rotonde che già dimostrano
to alla Pallotta, e per superare il senso “darci una risposta sull’ematologia on- ti”. C’è però in atto una rivoluzione nali e nuovi alloggi. Ora c’è la sfida di smaltire il traffico, sia pure sempre
di abbandono dell’area Nord di Peru- cologica, settore irrinunciabile che do- della medicina, secondo l’esperto, si- della riconversione di Monteluce. Un intenso, richiamato dal nuovo polo at-
gia, grazie al punto del 118 che soprav- vrà avere la sua base vicino al Residen- lenziosa ma radicale: quella che sta colpo di spugna su un pezzo del cuore trattore. Sforzo intenso anche sul
vive al Giochetto accanto a un nuovo ce Chianelli”. Anche Maurizio Mauri, gettando le basi della medicina pre- dei perugini, ma si gettano nuove fon- fronte dei parcheggi di servizio. Loc-
polo ambulatoriale. Ma è ormai segna- direttore fondazione Cerba, ospite il- ventiva, delle terapie mirate e perso- damenta identitarie. Anche il vecchio chi si rammarica solo di 180 metri di
ta la via di una più efficiente concen- lustre del convegno del 6 alla Sala dei nalizzate. Avanza anche il campo del- quartiere “operaio” di Sant’Andrea strada da completare: manca ancora
trazioni delle prestazioni ‘di eccellen- Notari, pensato per riflettere sul futu- le tecnologie biomediche: e il simbolo delle Fratte va verso il cambiamento. la 'quattro corsie' da 2,4 milioni di eu-
za’. Due i segni salienti della rivoluzio- ro, perché è coinvolto un ponte delle
ne sanitaria: come sempre accade in Ferrovie dello Stato, e il primo cittadi-
questo settore, non è compiuta, mal- no non l’ha mandata a dire: “A volte
grado traguardi che consentono di di- Torna in pista dopo 10 anni di assenza dalla politica consapevole di potercela fare sembra più facile trattare con uno Sta-
re al direttore dell’azienda ospedaliera to estero, tante sono le pastoie buro-
Orlandi che “il futuro è già arrivato”, e
da vera svolta epocale, ha coinvolto Pino Sbrenna da convitato di pietra cratiche pur legate all’esigenza legitti-
ma della sicurezza”. Poi, la cittadella
l’intera città. sanitaria impone l’accoglienza agli
Il sogno dell’Irccs. Nei due giorni
che hanno voluto segnare l’inaugura-
a candidato che può diventare sindaco studenti della nuova facoltà di medici-
na: legittime le preoccupazioni degli
zione del nuovo ingresso del Santa luca.mercadini@edib.it
studenti (espresse ad esempio da
Maria della Misericordia, in felice Tommaso Bori dell’Udu, vedi a pagi-
coincidenza col mese in cui prese vita Il Pdl ha scelto e dopo tanto penare ha calato il suo as- sinistra e destra possa con Sbrenna assottigliarsi alla na 4), ancora radicati nella vita del
(nel 1305), quello antico, di cui si è so. Pino Sbrenna torna alla politica attiva dopo 10 anni metà per la sua capacità di pescare e raccogliere con- centro storico e nelle case in affitto di
voluto conservare il nome, è stato ine- e dopo quella famosa lettera - “I convitati di pietra” - sensi nei moderati della città. Insomma, con Sbrenna Monteluce. Ma l’Adisu già promette:
vitabile il riferimento al ‘grande assen- con la quale abbandonava polemicamente lo il Pdl è pronto a giocarsi la sfida del ballottaggio mensa a settembre e presto anche un
te’: l'Istituto di ricovero e cura a carat- scranno nel consiglio della Fondazione Cassa dove, si sa, la partita si gioca molto sulla per- convitto, fondi ministeriali permet-
del direttore

tere scientifico sulle biotecnologie tra- Risparmio di Perugia. Chi conosce bene sona e tutto può accadere. E in casa Pd la tendo.
il punto

piantologiche. Nell’Irccs (la Fondazio- Sbrenna sa una cosa: sa che, se ha deciso candidatura del Pdl ha suscitato qual-
ne è nata nel 2004) confluiranno le di tornare in pista, lo fa consapevole di po- che comprensibile allarme. Boccali ha
strutture e le attività assistenziali e di tercela fare. Consapevole di giocarsi la messo in cassaforte l’accordo con l’Idv
ricerca della struttura complessa di partita con Boccali quanto meno al ma la partita con Rifondazione è anco-
ematologia dell’Azienda ospedaliera 50per cento. Altrimenti, giurano i ben in- ra tutta da giorcare perché Vinti prima
di Perugia, quelle dell’Università de- formati, Pino Sbrenna mai e poi mai, sa- di dire sì vuole sistemare alcuni tasselli.
gli studi nel campo dell’ematologia e rebbe sceso in campo. Insomma, il Pdl ha E lo vuol fare subito, senza attendere il
dei trapianti cellulari in diabetologia, atteso a lungo ma alla fine ha puntato su un responso del voto. Tasselli che potrebbero
nonché dell’Azienda ospedaliera di candidato di rango capace di coagulare attorno contrastare con il progetto Brutti (ha chiesto
Terni nel campo della neurorigenera- a sè mondo cattolico, università, associazioni di cate- a Boccali i vicariati). Intanto, per la corsa all’eredità
zione. L’assessore alla sanità Maurizio goria, banche e il settore giustizia dove opera in qualità di Cozzari in Provincia, Guasticchi è in netto vantaggio
Rosi, senz’altro memore degli appelli di direttore del Tar. C’è chi si spinge oltre e pensa che su Cristofani, grazie a un esercito di fedelissimi scesi
del pool capitanato del direttore del- quel gap attualmente fissato attorno al 20per cento tra in campo al suo fianco in tutta la regione.
l’ematologia perugina Massimo Mar-

a cura de L’ETRUSCO
E’ il soggetto di un nuovo film girato nella città con più centri commerciali al mondo

Chiamatelo “Supermarket Perugia”


Siccome in giro c'è una quantità indu- da spendere, ma intanto si può guardare.
striale di quattrini, siccome viviamo nel Tutti quei bei scaffali, con tanta bella ro-
paese del Bengodi, siccome la crisi è una ba sopra, con tanti sogni da coltivare.
barzelletta raccontata dai telegiornali, la Una gita o una passeggiata per vedere
cosa più ovvia da fare è aprire nuove op- l'ultimo modello di telefonino o di Hd
portunità per i consumatori (che nel frat- non si nega a nessuno. Le agenzie turisti-
tempo sono stati ribattezzati digiunato- che, sembra, si stiano già organizzando.
ri). Si parla di pacchetti commercio. Il giro
E, come si sa, a Perugia con quasta musi- dei supermarket in 80 giorni (perché tan-
ca ci vanno a nozze. Dopo l'ingozzata di ti ce ne vogliono per entrare in tutti quel-
supermarket, centri divertimenti, iper- li che sono stati aperti nel capoluogo).
mercati e quanto fa spesa, le notizie del Non c’è un euro Ci risponderanno "Va beh, adesso è così,
giorno parlano di un futuro con l'Ikea e di ma quando ci sarà la ripresa !" Eh già la
un presente con un nuovissimo centro ma si continuano ripresa. Così il futuro è già servito in tavo-
commerciale aperto in settimana a Ponte ad aprire luoghi di spesa la. E sarà un futuro migliore, perché a
Pattoli. quel tempo saranno pronti anche Monte-
E beh, anche le frazioni hanno diritto al luce e il Mercato Coperto.
loro svago. Il divertimento va servito in loco. Del resto il ca- E' già stato scritto il soggetto per un nuovo film: "Super-
po del Governo continua a mangiare "pane e ottimismo" e market Perugia".
allora perchè non assecondarlo. D'accordo non c'è una lira Letrusco.p@libero.it