Sei sulla pagina 1di 56

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

CONFRONTO TRA LE NORME UNI TS 11300 E IL DECRETO N. 5796 DEL 11 GIUGNO 2009

Prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

Palazzo delle Stelline MILANO

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
2

LEGGI, REGOLE E NORME TECNICHE I ruoli Legislatore Tramite le leggi fissa obbiettivi e requisiti di qualit e sicurezza di prodotti e servizi Tramite i decreti attuativi e i regolamenti fissa le regole tecniche (obbligatorie) Enti di normazione Preparano norme tecniche di dettaglio (volontarie) che possono divenire obbligatorie solo se richiamate in modo cogente in una legge (recepimento)

La regola tecnica pu avere lo stesso grado di dettaglio e qualit di una norma tecnica, ma rappresenta lo strumento tecnico attuativo di una legge
prof. Livio Mazzarella 21 ottobre 2009 SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
3

CHI FA COSA Il D.Lgs 31/03/1998 N. 112 (Legge Bassanini) al Capo V con lart. 30 Conferimento di funzioni alle regioni ha trasferito alle Regioni i compiti previsti dagli articoli 12, 14 e 30 (Certificazione energetica) della legge 10/91, fatta salva la funzione d'indirizzo allo Stato ai sensi dell'articolo 8 legge 15 marzo 1997, n. 59. La legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 "Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione modifica Art. 117. - La potest legislativa esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonch dei vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali. La potest regolamentare spetta allo Stato nelle materie di legislazione esclusiva, salva delega alle Regioni. La potest regolamentare spetta alle Regioni in ogni altra materia.
Lenergia non tra le materie di legislazione esclusiva
prof. Livio Mazzarella 21 ottobre 2009 SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
4

CHI FA COSA Lenergia viene considerata materia concorrente cio, fatti salvi i principi generali, di materia dello Stato, sono le regioni a dover disporre i principi attuativi, ... cio legiferare per attuare, solo relativamente a ..., produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell'energia, ... Lo Stato autorizzato, non dall Art. 117 della Costituzione, ma dallarticolo 16, comma 3 della legge 4 febbraio 2005 n. 11 a legiferare su materie di competenza delle regioni solo in modo transitorio al fine di porre rimedio alleventuale inerzia dei suddetti enti nel dare attuazione a norme comunitarie

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
5

D.Lgs 192/05 E LA CLAUSOLA DI CEDEVOLEZZA (ART.17) In relazione a quanto disposto dallarticolo 117, comma 5, della Costituzione, e fatto salvo quanto previsto dallarticolo 16, comma 3 della legge 4 febbraio 2005 n. 11 per le norme afferenti a materie di competenza esclusiva delle regioni e province autonome, le norme del presente decreto (D.Lgs. 192/2005) e dei decreti ministeriali applicativi nelle materie di legislazione concorrente si applicano per le regioni e province autonome che non abbiano ancora provveduto al recepimento della direttiva 2002/91/CE sino alla data di entrata in vigore della normativa di attuazione adottata da ciascuna regione e provincia autonoma. Nel dettare la normativa di attuazione le regioni e le province autonome sono tenute al rispetto dei vincoli derivanti dallordinamento comunitario e dei principi fondamentali desumibili dal presente decreto e dalla stessa direttiva 2002/91/CE.
prof. Livio Mazzarella 21 ottobre 2009 SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
6

..... INFATTI LA LEGGE TRANSITORIA D.Lgs 115/2008 comma 6 dellart 18 Diagnosi energetiche e campagne di informazione, afferma: le disposizioni di cui all'allegato III si applicano per le regioni e province autonome che non abbiano ancora provveduto ad adottare propri provvedimenti in applicazione della direttiva 2002/91/CE Allegato III - METODOLOGIE DI CALCOLO E REQUISITI DEI SOGGETTI PER L'ESECUZIONE DELLE DIAGNOSI ENERGETICHE E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI .... Per le metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche degli edifici si adottano le seguenti norme tecniche nazionali e loro successive modificazioni: UNI TS 11300 .......

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
7

..... RIBADITO CON IL DECRETO ATTUATIVO il DM 26.06.09, istitutivo delle Linee Guida nazionali, ribadisce lautonomia concessa alle Regioni dalla modifica costituzionale allart.3 comma 3: Ai sensi dellarticolo 17 del decreto legislativo, fermo restando quanto disposto dal comma 5, le disposizioni contenute nelle Linee Guida si applicano per le regioni e province autonome che non abbiano ancora provveduto ad adottare propri strumenti di certificazione energetica degli edifici in applicazione della direttiva 2002/91/CE e comunque sino alla data di entrata in vigore dei predetti strumenti regionali di certificazione energetica degli edifici.

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
8

..... E SI RICHIEDE SOLTANTO (ANCHE SE NON POTREBBE) allart.3 comma 5 del DM 26.06.09, istitutivo delle Linee Guida nazionali, : Le regioni e le province autonome provvedono affinch sia assicurata la coerenza dei loro provvedimenti con i contenuti dell'art. 4., cio gli elementi essenziali del sistema di certificazione In particolare, allart. 4 comma 1 lettera b: norme tecniche di riferimento, conformi a quelle sviluppate in ambito europeo e nazionale; Quindi si chiede SOLO che le regole tecniche emanate dalla Regione (norme tecniche di riferimento ) siano CONFORMI a quelle sviluppate in ambito europeo e nazionale

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
9

LEGGI, REGOLE E NORME TECNICHE


LEGISLAZIONE REGIONALE SU EPBD DIRETTIVA COMUNITARIA EPBD

Attuata con regole tecniche

Attuata con rinvio a norme tecniche

Regione Lombardia NORME UNI

Raccordo diretto
prof. Livio Mazzarella 21 ottobre 2009

NORME CEN armonizzate


SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
10

NORME CEN PER L EPBD Con il mandato M343 Energy performace of buildings la comunit europea ha incaricato il CEN di produrre tutti i documenti (norme) necessari per lattuazione della Direttiva 2002/91/CE. Sono stati coinvolti i seguenti comitati tecnici di sistema: TC 89 Prestazioni termiche degli edifici e dei componenti per l'edilizia TC 156 Impianti di riscaldamento negli edifici TC 164 Luce e illuminazione TC 228 Impianti di ventilazione per edifici TC 247 Automazione, controlli e gestione degli edifici Sono state prodotte e/o aggiornate da tali comitati ben 50 diverse norme

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
11

NORME CEN PRINCIPALI PER L EPBD FABBISOGNO ENERGIA PRIMARIA, CERTIFICAZIONE ENERGETICA E VALUTAZIONE ECONOMICA
Titolo
UNI EN 15217 : 2007 - Prestazione energetica degli edifici Metodi per esprimere la prestazione energetica e per la certificazione energetica degli edifici UNI EN 15603 : 2008 - Prestazione energetica degli edifici Consumo energetico globale e definizione dei metodi di valutazione energetica UNI EN 15459:2008 - Prestazione energetica degli edifici - Procedura di valutazione economica dei sistemi energetici degli edifici

1/10

Costo in 50.0

70.0

64.0

NORMA CEN: QUALIT DELLAMBIENTE COSTRUITO


UNI EN 15251:2008 - Criteri per la progettazione dell'ambiente interno e per la valutazione della prestazione energetica degli edifici, in relazione alla qualit dell'aria interna, all'ambiente termico, all'illuminazione e all'acustica 64.0

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
12

NORME CEN: ENERGIA RICHIESTA DA SISTEMA RISCALDAMENTO


Titolo
UNI EN 15316-1:2008 - Impianti di riscaldamento degli edifici - Metodo per il calcolo dei requisiti energetici e dei rendimenti dell'impianto - Parte 1: Generalit UNI EN 15316-2-1:2008 - Impianti di riscaldamento degli edifici - Metodo per il calcolo dei requisiti energetici e dei rendimenti dell'impianto - Parte 2-1: Sistemi di emissione del calore negli ambienti UNI EN 15316-2-2:2008 - NON ESISTE UNI EN 15316-2-3:2008 - Impianti di riscaldamento degli edifici Metodo per il calcolo dei requisiti energetici e dei rendimenti dell'impianto - Parte 2-3: Sistemi di distribuzione del calore negli ambienti UNI EN 15316-3-1:2008 - Impianti di riscaldamento degli edifici - Metodo per il calcolo dei requisiti energetici e dei rendimenti dell'impianto - Parte 3-1: Impianti per la produzione di acqua calda sanitaria, caratterizzazione dei fabbisogni (fabbisogni di erogazione) UNI EN 15316-3-2:2008 - Impianti di riscaldamento degli edifici - Metodo per il calcolo dei requisiti energetici e dei rendimenti dell'impianto - Parte 3-2: Impianti per la produzione di acqua calda sanitaria, distribuzione 64.0

2/10

Costo in 46.5 57.0

41.5

57.0

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
13

NORME CEN: ENERGIA RICHIESTA DA SISTEMA RISCALDAMENTO


Titolo
UNI EN 15316-3-3:2008 - Impianti di riscaldamento degli edifici - Metodo per il calcolo dei requisiti energetici e dei rendimenti dell'impianto - Parte 3-3: Impianti per la produzione di acqua calda sanitaria, generazione UNI EN 15316-4-1:2008 - Impianti di riscaldamento degli edifici - Metodo per il calcolo dei requisiti energetici e dei rendimenti dell'impianto - Parte 4-1: Sistemi di generazione per il riscaldamento degli ambienti, sistemi a combustione (caldaie) UNI EN 15316-4-2:2008 - Impianti di riscaldamento degli edifici - Metodo per il calcolo dei requisiti energetici e dei rendimenti dell'impianto - Parte 4-2: Sistemi di generazione per il riscaldamento degli ambienti, pompe di calore UNI EN 15316-4-3:2008 - Impianti di riscaldamento degli edifici - Metodo per il calcolo dei requisiti energetici e dei rendimenti dell'impianto - Parte 4-3: Sistemi di generazione del calore, sistemi solari termici UNI EN 15316-4-4:2008 - Impianti di riscaldamento degli edifici - Metodo per il calcolo dei requisiti energetici e dei rendimenti dell'impianto - Parte 4-4: Sistemi di generazione del calore, sistemi di cogenerazione negli edifici

3/10

Costo in 51.5

84.5

96.0

60.0

46.5

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
14

NORME CEN: ENERGIA RICHIESTA DA SISTEMA RISCALDAMENTO


Titolo
UNI EN 15316-4-5:2008 - Impianti di riscaldamento degli edifici - Metodo per il calcolo dei requisiti energetici e dei rendimenti dell'impianto - Parte 4-5: Sistemi di generazione per il riscaldamento degli ambienti, prestazione e qualit delle reti di riscaldamento urbane e dei sistemi per ampie volumetrie UNI EN 15316-4-6:2008 - Impianti di riscaldamento degli edifici - Metodo per il calcolo dei requisiti energetici e dei rendimenti dell'impianto - Parte 4-6: Sistemi di generazione del calore, sistemi fotovoltaici UNI EN 15316-4-7:2008 - Impianti di riscaldamento degli edifici - Metodo per il calcolo dei requisiti energetici e dei rendimenti dell'impianto - Parte 4-7: Sistemi di generazione per il riscaldamento degli ambienti, sistemi di combustione a biomassa

4/10

Costo in 46.5

36.0

66.0

NORME CEN: ENERGIA RICHIESTA DA SISTEMA RAFFRESCAMENTO


UNI EN 15243:2008 - Ventilazione degli edifici - Calcolo delle temperature dei locali, del carico termico e dell'energia per edifici dotati di impianto di climatizzazione degli ambienti 96.0

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
15

NORME CEN: ENERGIA RICHIESTA ILLUM., GESTIONE, VENTILAZ.


Titolo
UNI EN 15193:2008 - Prestazione energetica degli edifici - Requisiti energetici per illuminazione UNI EN 15232:2007 - Prestazione energetica degli edifici - Incidenza dell'automazione, della regolazione e della gestione tecnica degli edifici UNI EN 15241:2008 - Ventilazione degli edifici - Metodi di calcolo delle perdite di energia dovute alla ventilazione e alle infiltrazioni in edifici commerciali

5/10

Costo in 76.5 80.5 46.5

NORMA CEN-ISO: FABBISOGNO TERMICO DELLEDIFICIO


UNI EN ISO 13790:2008 - Prestazione energetica degli edifici - Calcolo del fabbisogno di energia per il riscaldamento e il raffrescamento 102.5

NORMA CEN: FABBISOGNO TERMICO DELLEDIFICIO - Metodo Dinamico


UNI EN 15265:2008 - Prestazione energetica degli edifici - Calcolo del fabbisogno di energia per il riscaldamento e il raffrescamento degli ambienti mediante metodi dinamici - Criteri generali e procedimenti di validazione 76.5

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
16

NORME CEN: CARICO TERMICO


Titolo
UNI EN 12831:2006 - Impianti di riscaldamento negli edifici - Metodo di calcolo del carico termico di progetto UNI EN 15255:2008 - Prestazione energetica degli edifici - Calcolo del carico sensibile di raffrescamento di un ambiente - Criteri generali e procedimenti di validazione UNI EN 15377-1:2008 - Impianti di riscaldamento negli edifici - Progettazione degli impianti radianti di riscaldamento e raffrescamento, alimentati ad acqua integrati in pavimenti, pareti e soffitti - Parte 1: Determinazione della potenza termica di progetto per il riscaldamento e il raffrescamento UNI EN 15377-2:2008 - Impianti di riscaldamento negli edifici - Progettazione degli impianti radianti di riscaldamento e raffrescamento, alimentati ad acqua integrati in pavimenti, pareti e soffitti - Parte 2: Progettazione, dimensionamento e installazione UNI EN 15377-3:2008 - Impianti di riscaldamento negli edifici - Progettazione degli impianti radianti di riscaldamento e raffrescamento, alimentati ad acqua integrati in pavimenti, pareti e soffitti - Parte 3: Ottimizzazione per l'utilizzo di fonti di energia rinnovabile

6/10
Costo in 84.5 60.0

66.0

Ritirata 10-15-09

73.5

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
17

NORME CEN-ISO: PRESTAZIONI TERMICHE ELEMENTI EDILIZI


Titolo
UNI EN ISO 13789:2008 - Prestazione termica degli edifici - Coefficienti di trasferimento del calore per trasmissione e ventilazione - Metodo di calcolo UNI EN ISO 6946:2008 - Componenti ed elementi per edilizia - Resistenza termica e trasmittanza termica - Metodo di calcolo UNI EN 673:2005- Vetro per edilizia - Determinazione della trasmittanza termica (valore U) - Metodo di calcolo UNI EN ISO 10077-1:2007 - Prestazione termica di finestre, porte e chiusure oscuranti - Calcolo della trasmittanza termica - Parte 1: Generalit UNI EN ISO 10077-2:2004 - Prestazione termica di finestre, porte e chiusure Calcolo della trasmittanza termica - Metodo numerico per i telai UNI EN ISO 10211:2008 - Ponti termici in edilizia - Flussi termici e temperature superficiali - Calcoli dettagliati UNI EN ISO 13370:2008 - Prestazione termica degli edifici - Trasferimento di calore attraverso il terreno - Metodi di calcolo UNI EN ISO 13786:2008 - Prestazione termica dei componenti per edilizia Caratteristiche termiche dinamiche - Metodi di calcolo
prof. Livio Mazzarella 21 ottobre 2009

7/10
Costo in 41.5 51.5 51.5 57.0 51.5 64.0 64.0 46.5

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
18

NORME CEN-ISO: PRESTAZIONI TERMICHE ELEMENTI EDILIZI


Titolo
UNI EN ISO 13947:2007 - Prestazione termica delle facciate continue - Calcolo della trasmittanza termica UNI EN ISO 14683:2008 - Ponti termici in edilizia - Coefficiente di trasmissione termica lineica - Metodi semplificati e valori di riferimento UNI EN ISO 10456:2008 - Materiali e prodotti per edilizia - Propriet igrometriche Valori tabulati di progetto e procedimenti per la determinazione dei valori termici dichiarati e di progetto

8/10
Costo in 66.0 46.5 51.5

NORME CEN: TRASMISSIONE E PROTEZIONE SOLARE


UNI EN 410:2000 - Vetro per edilizia - Determinazione delle caratteristiche luminose e solari delle vetrate. UNI EN 13363-1:2008 - Dispositivi di protezione solare in combinazione con vetrate - Calcolo della trasmittanza solare e luminosa - Parte 1: Metodo semplificato UNI EN 13363-2:2006 + EC 1-2007 - Dispositivi di protezione solare in combinazione con vetrate - Calcolo della trasmittanza solare e luminosa - Parte 2: Metodo di calcolo dettagliato
prof. Livio Mazzarella 21 ottobre 2009

51.5 32.0 46.5

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
19

NORME CEN: VENTILAZIONE E INFILTRAZIONE DARIA


Titolo
UNI EN 15242:2008 - Ventilazione degli edifici - Metodi di calcolo per la determinazione delle portate d'aria negli edifici, comprese le infiltrazioni UNI EN 13779:2008 - Ventilazione degli edifici non residenziali - Requisiti di prestazione per i sistemi di ventilazione e di climatizzazione

9/10
Costo in 66.0 73.5

NORME CEN-ISO: SURRISCALDAMENTO ESTIVO


UNI EN ISO 13791:2005 - Prestazione termica degli edifici - Calcolo della temperatura interna estiva di un locale in assenza di impianti di climatizzazione Criteri generali e procedure di validazione UNI EN ISO 13792:2005 - Prestazione termica degli edifici - Calcolo della temperatura interna estiva di un locale in assenza di impianti di climatizzazione Metodi semplificati 80.5

66.0

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
20

NORME CEN: ISPEZIONI


Titolo
UNI EN 15239:2008 - Ventilazione degli edifici - Prestazione energetica degli edifici - Linee guida per l'ispezione dei sistemi di ventilazione UNI EN 15378:2008 - Impianti di riscaldamento degli edifici Ispezione delle caldaie e degli impianti di riscaldamento UNI EN 15240:2008 - Ventilazione degli edifici - Prestazione energetica degli edifici - Linee guida per l'ispezione degli impianti di climatizzazione

10/10
Costo in 66.0

80.5 54.5

NORME CEN: VERIFICHE

50 norme per un totale di 3.047


66.0

UNI EN 12599:2001 + EC 1-2008 - Ventilazione per edifici - Procedure di prova e metodi di misurazione per la presa in consegna di impianti installati di ventilazione e di condizionamento dell'aria UNI EN 13829:2002 - Prestazione termica degli edifici - Determinazione della permeabilit all'aria degli edifici - Metodo di pressurizzazione mediante ventilatore UNI EN 13187:2000 - Prestazione termica degli edifici - Rivelazione qualitativa delle irregolarit termiche negli involucri edilizi - Metodo all'infrarosso

51.5 36.0

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
21

NORME SOLO UNI PER L EPBD


Titolo
UNI 10349:1994 - Riscaldamento e raffrescamento degli edifici. Dati climatici. UNI 10351:1994 - Materiali da costruzione. Conduttivit termica e permeabilit al vapore. UNI 10355:1994 - Murature e solai. Valori della resistenza termica e metodo di calcolo. UNI 10375:1995 - Metodo di calcolo della temperatura interna estiva degli ambienti. UNI 9252:1988 - Isolamento termico. Rilievo e analisi qualitativa delle irregolarit termiche negli involucri degli edifici. Metodo della termografia all' infrarosso. UNI 8477-1:1983 - Energia solare. Calcolo degli apporti per applicazioni in edilizia. Valutazione dell' energia raggiante ricevuta. RITIRATA ERRONEAMENTE DALLUNI AL POSTO DELLA UNI 8477-2:1985 UNI 10339:1995 - Impianti aeraulici al fini di benessere. Generalit, classificazione e requisiti. Regole per la richiesta d'offerta, l'offerta, l'ordine e la fornitura.

1/2
Costo in 54.5 36.0

73.5 51.5 22.5 SERVE MA NON C PI 54.5

Andrebbe ritirata giacch in contrasto con lo stanstill; si sovrappone alla UNI EN 13187:2000 - Prestazione termica degli edifici - Rivelazione qualitativa delle irregolarit termiche negli involucri edilizi - Metodo all'infrarosso prof. Livio Mazzarella 21 ottobre 2009 SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
22

NORME SOLO UNI PER L EPBD


Titolo
UNI 10389-1:2009 - Generatori di calore - Analisi dei prodotti della combustione e misurazione in opera del rendimento di combustione - Parte 1: Generatori di calore a combustibile liquido e/o gassoso UNI/TS 11300-1:2008 - Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 1: Determinazione del fabbisogno di energia termica dell'edificio per la climatizzazione estiva ed invernale UNI/TS 11300-2:2008 - Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 2: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria UNI/TS 11300-3:xxxx - Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 3: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione estiva In revisione dopo inchiesta pubblica UNI UNI/TS 11300-4:xxxx - Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 4: Utilizzo di energie rinnovabili e di altri metodi di generazione per riscaldamento di ambienti e preparazione acqua calda sanitaria In corso di redazione

2/2
Costo in 46.5

80.5

96.0

Per adesso 9 norme per un totale di 506.5


prof. Livio Mazzarella 21 ottobre 2009 SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
23

NORME UNI EN ISO A SUPPORTO DELL EPBD


Titolo
UNI EN 1745:2005 - Muratura e prodotti per muratura - Metodi per determinare i valori termici di progetto UNI EN ISO 7345:1999 - Isolamento termico - Grandezze fisiche e definizioni UNI EN ISO 9251:1998 - Isolamento termico - Condizioni di scambio termico e propriet dei materiali Vocabolario UNI EN ISO 9288:2000 - Isolamento termico - Scambio termico per radiazione Grandezze fisiche e definizioni UNI EN ISO 12569:2002 - Isolamento termico degli edifici - Determinazione del cambio d'aria all'interno degli edifici - Metodo di diluizione di gas traccianti. UNI EN 12792:2005 - Ventilazione degli edifici - Simboli, terminologia e simboli grafici UNI EN ISO 15927-1:2004 - Prestazione termoigrometrica degli edifici - Calcolo e presentazione dei dati climatici - Medie mensili dei singoli elementi meteorologici UNI EN ISO 15927-2:2009 - Prestazione termoigrometrica degli edifici - Calcolo e presentazione dei dati climatici - Parte 2: Dati orari per il carico di raffrescamento di progetto
prof. Livio Mazzarella 21 ottobre 2009

1/2
Costo in 80.5 32.0 17.5 46.5 51.5 64.0 51.5 27.0

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
24

NORME UNI EN ISO A SUPPORTO DELL EPBD


Titolo
UNI EN ISO 15927-3:2009 - Prestazione termoigrometrica degli edifici - Calcolo e presentazione dei dati climatici - Parte 3: Calcolo di un indice di pioggia battente per superfici verticali a partire dai dati orari di vento e di pioggia UNI EN ISO 15927-4:2005 - Prestazione termoigrometrica degli edifici - Calcolo e presentazione dei dati climatici - Parte 4: Dati orari per la valutazione del fabbisogno annuale di energia per il riscaldamento e il raffrescamento UNI EN ISO 15927-5:2005 - Prestazione termoigrometrica degli edifici - Calcolo e presentazione dei dati climatici - Parte 5: Dati per il carico termico di progetto per il riscaldamento degli ambienti UNI EN ISO 15927-6:2008 - Prestazione termoigrometrica degli edifici - Calcolo e presentazione dei dati climatici - Parte 6: Differenze di temperatura cumulate (gradi giorno)

2/2
Costo in 41.5

22.5

22.5

36

Altre 12 norme per un totale di 493 Quindi un totale complessivo di 71 norme per ben 4.046,5 (+ le due UNI TS 11300)
prof. Livio Mazzarella 21 ottobre 2009 SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
25

LE NORME UNI E LE NORME CEN Laffiliazione dellUNI al CEN obbliga lUNI ad adottare SENZA MODIFICHE le norme EN (lUNI oggi non le traduce nemmeno in italiano ma le commercializza in lingua inglese) Gli stati membri del CEN possono solo produrre degli allegati nazionali alla norma EN (quando ci previsto) per integrare la norma europea con DATI (non formule o algoritmi) specifici della nazione (clima, tipologie costruttive e impiantistiche, ecc.) CONSEGUENZE Se occorre modificare una norma UNI EN o UNI EN ISO perch non consistente negli algoritmi di calcolo con le specificit del parco edilizio-impiantistico italiano ecc., occorre chiedere al CEN di mettere in revisione la norma, con tutte le lungaggini relative

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
26

LE UNI/TS E LE NORME CEN Le UNI/TS sono non sono nome tecniche ma specifiche tecniche Le norme UNI/TS 11300 NON SONO ALLEGATI TECNICI alle norme EN sviluppate per lEPBD dal CEN Mentre la UNI TS 11300 1 cerca di limitarsi a definire delle modalit duso delle norme UNI EN, la UNI TS 11300 -2 a tutti gli effetti una noma che si sovrappone alle norme EN, in piena violazione delle regole del CEN (standstill agreement) La UNI TS 11300 3 si mossa sulla stessa linea della parte 2 con stessa problematica di conflitto con la procedura di Standstill La UNI TS 11300 4 allo stato dellarte una traduzione in italiano della norma UNI EN 15316-4-6:2008 ! Esistono alcune difformit tra le UNI TS e le stesse norme UNI EN ISO a cui fanno riferimento

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
27

SPECIFICA TECNICA /TS: INVENZIONE DELLUNI ?


CEN Nella terminologia del CEN un documento normativo temporaneo (max 6 anni) per i quali si pu non applicare a livello nazionale la regola dello standstill (abrogazione delle norme nazionali in conflitto). Il CEN lo impiega come strumento pre-normativo per valutare diverse opzioni normative, dato che consente lesistenza in parallelo di diverse specifiche tecniche sullo stesso argomento. UNI (*) Documento tecnico ad applicazione volontaria: elaborato e pubblicato sulla base di una specifica procedura UNI; messo a punto consensualmente da parti interessate (NDR (*) : non tutte) che svolgono attivit a livello nazionale; che rappresenta uno stato dellarte non ancora consolidato di prodotti, processi e servizi (NDR (*) : non lo stato dellarte); che viene sottoposto ad un periodo di verifica della validit (NDR (*): 3 anni).
(*) Anteprima UNI TS 11300 Prestazioni energetiche degli edifici, Alberto Monteverdi, Responsabile Comunicazione e formazione UNI Mantova, 23 febbraio 2009 -http://www.uni.com/uni/controller/it/grandi_temi/UNITS11300/documenti/units11300_monteverdi5.pdf

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
28

LE REGOLE TECNICHE DEL DECRETO n. 5796

Sono conformi alle norme CEN sviluppate per lEPBD: sono cio state sviluppate incorporando sia la struttura delle norme CEN e, quando possibile, sia specifici algoritmi (formule) sia valori predefiniti di quantit difficilmente documentabili La Regione Lombardia non federata con il CEN e quindi non soggetta ad alcun obbligo di recepimento di norme che a volte potrebbero essere non adeguate alla specificit del contesto La regola tecnica della Regione pu essere riaggiornata in base alle esigenze (anche corretta se vi si ravvedono errori) in brevissimo tempo, se in particolare comparato ai tempi di gestione delle UNI/TS che ancora non sono complete Le regole tecniche della Regione sono pi complete del pacchetto delle UNI/TS (anche quando tutto pubblicato) giacch consentono di trattare sistemi impiantistici pi complessi Le regole tecniche della Regione SONO GRATUITE
prof. Livio Mazzarella 21 ottobre 2009 SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
29

UNI/TS 11300-1 - Determinazione del fabbisogno di energia termica Definisce le modalit per lapplicazione nazionale della UNI EN ISO 13790:2008 con riferimento al metodo mensile per il calcolo dei fabbisogni di energia termica per riscaldamento e per raffrescamento (solo sensibile). rivolta a tutte le possibili applicazioni previste dalla UNI EN ISO 13790:2008: calcolo di progetto (design rating), valutazione energetica di edifici attraverso il calcolo in condizioni standard (asset rating) o in particolari condizioni climatiche e desercizio (tailored rating). Nelle appendici INFORMATIVE riporta:
la determinazione semplificata della trasmittanza termica dei componenti opachi in edifici esistenti un abaco delle strutture murarie utilizzate in Italia in edifici esistenti la determinazione semplificata della trasmittanza termica dei componenti trasparenti i fattori di ombreggiatura
prof. Livio Mazzarella 21 ottobre 2009 SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
30

UNI/TS 11300-1 POSSIBILI APPLICAZIONI


Dati dingresso Tipo di valutazione Uso Clima Edificio Scopo della valutazione

di Progetto (design rating) Standard (asset rating) Adattata allutenza (tailored rating)

Standard

Standard

Progetto

Permesso di costruire, certificazione o qualificazione energetica del progetto Certificazione o qualificazione energetica Ottimizzazione, validazione, diagnosi e programmazione di progetti di riqualificazione

Standard

Standard

Reale

In funzione dello scopo

Reale

Le regole tecniche della R.Lombardia consentono le medesime applicazioni, essendo unimplementazione della UNI EN ISO 13790:2008 che, come la UNI/TS, differenzia le valutazioni in base ai dati utilizzati
prof. Livio Mazzarella 21 ottobre 2009 SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
31

CONFRONTO UNI/TS 11300-1 E LE REGOLE TECNICHE R. Lombardia Schema procedura di calcolo UNI/TS
1) Definizione dei confini dellinsieme degli ambienti climatizzati e non climatizzati delledificio. 2) Se richiesta, definizione dei confini delle diverse zone di calcolo. 3) Definizione delle condizioni interne di calcolo e dei dati di ingresso relativi al clima esterno. 4) Calcolo, per ogni mese e per ogni zona delledificio, dei fabbisogni di energia termica sensibile per il riscaldamento (QH,nd) e raffrescamento (QC,nd). 5) Aggregazione dei risultati relativi ai diversi mesi ed alle diverse zone servite dagli stessi impianti.

R.LOMBARDIA
1) analogo 2) analogo, salvo considerare climatizzate le zone senza impianto se VNC < 10% Volume totale climatizzato 3) analogo nella procedura; qualche differenza sui dati di ventilazione e climatici 4) analogo nella procedura; qualche differenza sul calcolo dei fabbisogni di energia termica che includono anche il latente 5) analogo; ma viene in pi introdotto il concetto di servizio 6) IN PI: calcolo del fabbisogno termico latente

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
32

CONFRONTO UNI/TS 11300-1 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA Dati di ingresso: Dati relativi alle caratteristiche tipologiche delledificio UNI/TS
volume lordo e volume netto dellambiente climatizzato; la superficie utile (o netta calpestabile) dellambiente climatizzato superfici di tutti i componenti dellinvolucro e della struttura edilizia; tipologie e le dimensioni dei ponti termici orientamenti di tutti i componenti dellinvolucro edilizio; caratteristiche geometriche di tutti elementi esterni (altri edifici, aggetti, etc.) che ombreggiano i componenti trasparenti dellinvolucro edilizio.

R.LOMBARDIA
analogo analogo analogo analogo; analogo analogo; eventualmente pi dettagliato

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
33

CONFRONTO UNI/TS 11300-1 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA Dati di ingresso: Dati relativi alle caratteristiche termiche e costruttive delledificio UNI/TS
trasmittanza termica dei componenti dellinvolucro edilizio capacit termica areica dei componenti della struttura trasmittanza di energia solare totale dei componenti trasparenti i fattori di assorbimento solare delle facce esterne dei componenti opachi dellinvolucro edilizio le emissivit delle facce esterne dei componenti dellinvolucro edilizio fattori di riduzione della trasmittanza di energia solare totale dei componenti trasparenti dellinvolucro edilizio in presenza di schermature mobili fattori di riduzione dovuti al telaio dei componenti trasparenti coefficienti di trasmissione lineare dei ponti termici

R.LOMBARDIA
analogo analogo; si riporta il metodo analitico in App.D invece di rinviare alla UNI EN ISO 13786 analogo analogo diverso: si usa approccio semplificato della ex UNI 10344 (fattore di riduzione per reirradiazione nel calcolo di QSE) analogo

analogo, ma con valore fisso a 0.8 analogo; si riportano in pi in App. B labaco della UNI EN ISO 14683:2008 e in App. C le formule di calcolo del F.A.3 della ex UNI 7357

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
34

CONFRONTO UNI/TS 11300-1 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA Dati di ingresso: Dati climatici e durata della stagione di riscaldamento e raffesc. UNI/TS
medie mensili di temperatura esterna medie mensili dellirraggiamento solare totale per ciascun orientamento durata della stagione di riscaldamento invernale definita come nel DPR 412/93 durata della stagione di raffrescamento estivo definita come

R.LOMBARDIA
analogo analogo

analogo diverso, ma pi corretta: si usa la condizione equivalente


QNC , s = MAX[0; QGC L ,C QL ,C ,net ] che tiene conto degli effetti capacitivi tramite L,C

H t day che non tiene conto degli effetti capacitivi delle strutture
prof. Livio Mazzarella 21 ottobre 2009

e,day > i , set ,C

Qgn.day

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
35

CONFRONTO UNI/TS 11300-1 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA Dati di ingresso: Interpolazione dei dati climatici per frazioni di mese UNI/TS
per le frazioni di mese, o definite dalla tabella del DPR 412/93 o dalla formula di confronto delle temperature medie giornaliere, NON SI EFFETTUA il calcolo del fabbisogno per lintera durata del mese, ma solo per la frazione di mese interpolando SOLO la temperatura! NOTA 1: grave errore! Si dimentica di interpolare la radiazione solare! NOTA 2: non conforme alla UNI EN ISO 13790:2008 che richiede sempre il calcolo per mese intero; la durata della stagione serve solo se si usa il calcolo stagionale!

R.LOMBARDIA
diverso, ma pi corretto : si usa SEMPRE lintera durata del mese, conformemente a quanto richiesto dalla UNI EN ISO 13790:2008 , insieme con i dati medi mensili di temperatura, radiazione e pressione parziale del vapore (se si calcola il fabbisogno da carico latente). Inoltre per il calcolo del fabbisogno termico da raffrescamento il calcolo si esegue per tutto lanno (eseguendo il test MAX[0;QNC,s ]), giacch possono esservi zone che richiedano raffrescamento anche dinverno.

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
36

CONFRONTO UNI/TS 11300-1 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA Dati di ingresso: Dati relativi alle modalit di occupazione e di utilizzo delledificio UNI/TS
temperature di set-point (riscaldamento, raffrescamento) numero di ricambi daria tipo di ventilazione e di regolazione della portata durata dei periodi di raffrescamento e riscaldamento regime di funzionamento dellimpianto termico; modalit di gestione delle chiusure oscuranti modalit di gestione delle schermature mobili apporti di calore interni
prof. Livio Mazzarella 21 ottobre 2009

R.LOMBARDIA
analogo; si aggiungono le umidit di set-point (risc.-raff.) diverso: uguale solo per residenziale nuovo; altri UNI 10339 analogo analogo: 24 su 24 h, 7 su 7 g analogo: continuo analogo analogo ma pi preciso e dettagliato analogo
SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
37

CONFRONTO UNI/TS 11300-1 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA CALCOLO DEL FABBISOGNO TERMICO DELLA ZONA UNI/TS
riscaldamento
QH ,nd = QH ,ht gn Qgn

R.LOMBARDIA
diverso
QNH , s = MAX[0; QL , H ,net G , H QGH ]

raffrescamento QC ,nd = Qgn C ,ls QC ,ht perdite termiche Qx ,ht = Qx ,tr + Qx ,ve
x = H ;C

diverso QNC , s = MAX[0; QGC L ,C QL ,C ,net ] diverso: perdite nette QL , x ,net = QL , x QSE ,O QSE , S QL , x = QT + QV diverso: solo en.solare interna
QGx = QI + QSI + QSI , S

guadagni interni
Qgn = Qint + Qsol

NOTA: simbologia difforme dalla UNI EN ISO 13790:2008

cio quella che entra attraverso le finestre (compreso il contrib. serra)

Il metodo delle perdite nette (separazione tra QSE e QSI) era adottato dalla UNI 10344 e consentito dalla UNIMazzarella EN 832, ed stato dimostrato migliorare nel clima italiano prof. Livio 21 ottobre 2009 la qualit del calcolo SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
38

CONFRONTO UNI/TS 11300-1 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA PERCH MEGLIO IL METODO DELLE PERDITE NETTE
UNI/TS
considera la radiazione solare assorbita dalle superfici esterne alla stregua delle radiazione solare incidente sulle pareti interne dopo aver attraversato le finestre

R.LOMBARDIA
radiazione solare incidente su parete con cappotto esterno

radiazione solare incidente isolata internamente

conseguenza: - in inverno la considera comunque utile e la pondera con G,H - in estate non la pondera con L,C (cio non tiene conto delle capacit termiche) e la considera tutta carico termico

Si pu notare come la radiazione assorbita, per effetto della capacit venga quasi del tutto schermata, di contro cresce la temperatura superficiale esterna riducendo le dispersioni verso lesterno

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
39

CONFRONTO UNI/TS 11300-1 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA CALCOLO DEL FABBISOGNO TERMICO DELLA ZONA UNI/TS
non considera la possibile presenza di serre addossate alla zona

R.LOMBARDIA
diverso: considera esplicitamente la possibilit di serre addossate alla zona, secondo la procedura dellApp. E (Normativa) della UNI EN ISO 13790:2008

QH ,nd = QH ,ht gn Qgn


correzione empirica sul tempo adimensionale per il raffrescamento

QL , x ,net = QL , x QSE ,O QSE , S QL , x = QT + QV


diverso: si usa la formula della UNI EN ISO 13790:2008, dato che leffetto della radiazione solare sulle superfici esterne (con il metodo della perdita netta) viene ponderato dal fattore L,C

aC = aC ,0 +

C ,0

A k w Af

non sufficientemente validata e legata ad un rapporto che non ha un corretto significato fisico (area finestrata su area pavimento): si afferma che zone a stessa pianta e con stessa vetratura ma con capacit termiche diverse hanno la stessa correzione sul tempo caratteristico adimensionale!

aC = aC ,0 +

C ,0

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
40

CONFRONTO UNI/TS 11300-1 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA CALCOLO DEL FABBISOGNO TERMICO DELLA ZONA UNI/TS
se si in presenza di ventilazione meccanica o no, con recuperatore o preriscaldatore dellaria esterna di ventilazione, il fabbisogno di energia termica viene sempre calcolato con la portata di ventilazione corretta:

R.LOMBARDIA
diverso: di calcola due volte: una volta con una portata di AERAZIONE CONVENZIONALE (cio cosa si avrebbe in assenza dellimpianto di ventilazione meccanica), cio come

H V ,adj = a ca qve,k ,mn bve,t ,k


k

H V = a ca qve,k ,mn
una seconda volta tenendo conto delleffettiva portata fornita dal sistema meccanico e delleffettiva temperatura di immissione, cio come:
k

bve,k tiene conto delle diverse temperature di immissione e per i cui valore si rinvia alla UNI EN ISO 13790 operando in tal modo il rendimento globale medio stagionale di un edificio con sola aerazione risulta avere un valore superiore a quello dello stesso edificio ma con ventilazione forzata con recupero termico!
n g =

H V ,adj = a ca qve,k ,mn bve,t ,k


k

QH ,nd (v.nat ) Q(v.nat )

m > g =

QH ,nd (v.m. + rec ) Q (v.m. + rec )

cos facendo si otterr, se si ha un sistema con recupero termico efficiente

QNH , s (H V ) > QNH , s ,adj (HV ,adj )

le due diverse QV serviranno per calcolare lefficienza media stagionale in modo corretto

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
41

CONFRONTO UNI/TS 11300-1 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA CALCOLO DEL RENDIMENTO GLOBALE MEDIO STAGIONALE - Esempio UNI/TS
sola aerazione

R.LOMBARDIA
diverso: lefficienza (e non il rendimento, giacch se sistemi a pompa di calore pu essere >1) si calcola come:

QH ,nd = 100 ; QV ,nat = 25 ; Q = 133.3


con ventilazione meccanica e recupero Per

1 QV ,mec + rec = QV ,nat = 12.5 2 ,nd = QV ,adj + (Qtr ,adj gn Qgn ) = QH

g =

QH ,nd (v.nat.convenzionale ) Q(v.m.effettiva )

QV ,adj + 75
si ha

,nd QV ,mec + rec + 75 = 87.5 QH

il 12.5% di riduzione; se Q si riduce del 10% a causa del consumo elettrico del ventilat.
n = g

100 85 m = 0.75 > g = = 0.73 133 120


21 ottobre 2009

Quindi si ha: 100 100 n m = = 0.75 < g = = 0.83 g 133 120 In questo modo si mette in evidenza lefficacia (o meno) del sistema di ventilazione meccanica

prof. Livio Mazzarella

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
42

CONFRONTO UNI/TS 11300-1 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA CALCOLO DELLENERGIA SCAMBIATA PER TRASMISSIONE
UNI/TS
reirradiazione verso il cielo inserito nelle perdite invece che nella radiazione solare difformemente dalla UNI EN ISO 13790:2008

R.LOMBARDIA
diverso: reirradiazione verso il cielo inserita come termine riduttivo della radiazione solare assorbita dalle superfici esterne, ancorch valori tabulati (quelli della ex UNI 10344)

Qx ,tr = H tr ,adj ( int, set , x e ) t + Fr ,k rmn,k t k

QT = H T t + QT,S
compare invece la trasmissione attraverso il muro di divisione zona-serra analogo, anche se espresso in forma diversa, ma con coefficienti tabulati solo per applicazione allesistente, esteso

x = H; C

coefficiente di globale di scambio termico per trasmissione Htr aggiustato per tener conto di ambienti a diverse temperature

H tr ,adj = H tr ,i btr ,i
i

coefficienti btr solo tabulati (ad esempio non si consente il calcolo della temperatura ambiente non climatizzato, come consentito dalla UNI EN ISO 13789

H T = AL,k U C,k FT,k


k

- esist. - nuovo

H T = AL ,k U k
k

i a i e

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
43

CONFRONTO UNI/TS 11300-1 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA CALCOLO DELLENERGIA SCAMBIATA PER VENTILAZIONE
UNI/TS
conforme come metodo alla UNI EN ISO 13790:2008 calcolato con la portata di ventilazione corretta tramite il coefficiente bve,k che tiene conto delle diverse temperature di immissione e a cui si rinvia per i valori

R.LOMBARDIA
analogo, anche se bve,k viene direttamente riportato nel corpo del testo in modo conforme alla UNI EN ISO 13790:2008, esplicitando chiaramente tutte le possibili condizioni di ventilazione o aerazione diverso: sono diversi i valori assegnati ai ricambi daria e alle portate che non possono essere mai inferiori a dei valori minimi necessari per la salubrit dellaria: areazione o v.naturale 0.5 m3/h residenziale esistente 0.3 m3/h residenziale nuovo UNI 10339 senza riduzioni meccanica portata di progetto senza riduzioni, mai inferiore ai valori della UNI 10339

H V ,adj = a ca qve,k ,mn bve,t ,k


k

i valori della portata volumica, ovvero dei ricambi daria vengono prefissati: areazione o v.naturale 0.3 m3/h residenziale UNI 10339 con indici di affollamento ridotti al 60% meccanica portata di progetto (eventualmente ridotta al 60% se igro-regolabile)

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
44

CONFRONTO UNI/TS 11300-1 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA CALCOLO DELLE OMBRE PORTATE DA AGGETTI/EDIFICI
UNI/TS
fattore di ombreggiatura complessivo calcolato come prodotto di fattori

R.LOMBARDIA
diverso: fattore di ombreggiatura complessivo calcolato come nella ex UNI 10344

Fsh ,ob = Fhor Fov F fin


per cui si ha, ad esempio,

FS ,i , j = Fh ,i , j min (Fo ,i , j ; F f ,i , j )
per cui si ottiene un valore pi corretto:

Fhor = 1

Fov = 0.5

F fin = 0.5

Fsh ,ob = 1 0.5 0.5 = 0.25


valore NON PROPRIO CORRETTO, in quanto i vari fattori rappresentano i valori medi giornalieri ottenuti in presenza di un solo elemento schermante: si assume implicitamente che le ombre portate da un aggetto non si sovrappongano mai a quelle portate dallaltro, cosa impossibile!

Fsh ,ob = 1 min (0.5;0.5) = 0.5

Fhor = 1

Fov = 0.5

F fin = 0.5

soprattutto per il calcolo estivo in cui la radiazione solare decisamente pi importante; in questo caso si fa lassunzione opposta (mai sovrapposizione) anchessa non esatta, ma pi penalizzante. in pi: viene chiarito come comportarsi in presenza di doppio aggetto verticale

La Regione Lombardia ha inoltre reso disponibile tramite CESTEC/CENED un metodo analitico per il calcolo delle ombre portate anche in copresenza di aggetti orizzontali e verticali singoli e doppi
prof. Livio Mazzarella 21 ottobre 2009 SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
45

CONFRONTO UNI/TS 11300-1 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA VARIE UNI/TS


coefficiente globale di trasmissione termica specializzato (HD, HA, HU,Hg) riferimento diretto alla UNI EN ISO 13370 per lo scambio termico con il terreno

R.LOMBARDIA
appare diverso ma analogo; si calcolano direttamente le trasmittanze analogo: stato solo dimenticato il riferimento diretto alla UNI EN ISO 13370, perch non si fatto in tempo ad includere tale procedura nel Decreto (oggetto prossima revisione) manca: sar oggetto di prossima revisione in pi: il fabbisogno per ventilazione viene correttamente differenziato fra ventilazione/preriscaldamento e resto dell'impianto in base alla temperatura di immissione dell'aria

viene riportato esplicitamente un metodo per il calcolo delleffetto della ventilazione notturna estiva

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
46

CONFRONTO UNI/TS 11300-2 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA COSA MANCA NELLE UNI/TS PARTE 2 UNI/TS
manca

R.LOMBARDIA
CONCETTO DI SERVIZIO: si esplicita il calcolo in termini di servizio tecnologo: riscaldamento o climatizzazione invernale, raffrescamento o climatizzazione estiva, ventilazione meccanica, acqua calda sanitaria; ogni servizio pu essere coperto da pi sistemi impiantistici. ESPLICITAZIONE DEL BILANCIO ENEGETICO IN TERMINI DI ENERGIA PRIMARIA: formule esplicite per il calcolo dellenergia primaria sia globale sia per servizio reso, che tengono conto di tutti i possibili vettori energetici compresi quelli relativi alle fonti rinnovabili (conforme a UNI EN 15603) RIPARTIZIONE DEL FABBISOGNO DI ENERGIA PRIMARIA FRA I VARI SERVIZI SIA CON GENERAZIONE CONGIUNTA CHE SEPARATA: formule per la ripartizione del fabbisogno di energia primaria tra i vari servizi tecnologici, sia afferenti ad unico generatore termico/frigorifero, sia a generatori distinti, compresa la cogenerazione termico-elettrica
21 ottobre 2009 SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

manca

manca

prof. Livio Mazzarella

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
47

CONFRONTO UNI/TS 11300-2 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA COSA MANCA NELLE UNI/TS PARTE 2 UNI/TS
manca

R.LOMBARDIA
SISTEMA DI VENTILAZIONE MECCANICA: calcolo analitico dedicato alla ventilazione (in particolare invernale) con possibile preriscaldamento e umidificazione con controllo dellumidit (CLIMATIZZAZIONE INVERNALE) POMPE DI CALORE ELETTRICHE ED AD ASSORBIMENTO: si impiega attualmente lalgoritmo di calcolo della ex UNI 10348, giacch si attende che si abbia un approccio unico tra pompe di calore e frigoriferi (leggi UNI EN 15316-4-2:2008 e pre UNI/TS 11300-3 SISTEMI COGENERATIVI: calcolo semplificato in condizioni nominali in attesa di sviluppare un metodo di possibile applicazione che non richieda come la UNI EN 15316-4-4:2008 la conoscenza dei profili giornalieri di funzionamento del sistema!

manca

manca

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
48

CONFRONTO UNI/TS 11300-2 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA COSA MANCA NELLE UNI/TS PARTE 2 UNI/TS
manca

R.LOMBARDIA
RIPARTIZIONE DEL CARICO TRA PI GENERATORI: si esplicita un algoritmo per la ripartizione della richiesta di energia termica ad un sistema di generazione costituito da pi generatori con attivazione sequenziale preordinata CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO2 formule esplicite per il calcolo dellemissione di CO2 relative ai vari servizi tecnologici

manca

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
49

CONFRONTO UNI/TS 11300-2 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA CALCOLO DEL RENDIMENTO GLOBALE MEDIO STAGIONALE
UNI/TS
rendimento globale medio stagionale

R.LOMBARDIA

g =

QH Q + QW o g = H QP , H QP , H ,W

con QH calcolato, se ventilazione meccanica con recupero, comprendente cio gi leffetto di maggior efficienza energetica legata al recupero rendimento globale medio stagionale di sottosistema y per servizio X

analogo ma pi completo e corretto: annuale e considera esplicitamente tutti i possibili servizi presenti e utilizza a numeratore il fabbisogno termico con aerazione, per evidenziare leventuale presenza di ventilazione meccanica con recupero termico

g,yr =

Q BH,yr + Q BC,yr + Q DHW,yr + E L,el,in EP

X ,y =

QX , y ,out QX , y ,in + f p ,el QX , y ,aux

diverso: si riportano pi correttamente le efficienze globali medie annuali per servizio

con QX,y,in energia termica, QX,y,aux energia elettrica e fp,el fattore di conversione in primaria dellelettrica, cio a denominatore energia termica + energia primaria! PASTICCIO!

gH,yr =

Q BH,yr E P,H

gW,yr =

Q DHW,yr E P ,W

ecc.

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
50

CONFRONTO UNI/TS 11300-2 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA FABBISOGNO PER ACQUA CALDA SANITARIA
UNI/TS
Metodo di calcolo Fabbisogni per utenze non residenziali, valori tabulati Sottosistema di erogazione, senza ausiliario Sottosistema di distribuzione con ricircolo: solo metodo analitico, si rimanda al metodo per il riscaldamento ambientale

R.LOMBARDIA
analogo diverso: alcuni valori tabulati sono diversi analogo ma con la possibilit di ausiliario diverso: si usa metodo specifico derivato dalla UNI EN 13316-3-2: Se edificio esistente tabella valori convenzionali derivata dalla UNI EN 13316-3-2 delle lunghezze tubazioni Se nuovo metodo analitico in cui si chiede di determinare trasmittanze e lunghezze diverso: valore 0.2 analogo ma con la possibilit di ausiliario diverso: si considerano anche le perdite del generatore autonomo

Fattore di recupero termico da anello 0.5 Sottosistema di accumulo: senza possibilit di ausiliario Nelle perdite recuperabili ai fini del riscaldamento ambientale non si considera la perdita del generatore autonomo

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
51

CONFRONTO UNI/TS 11300-2 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA FABBISOGNO PER RISCALDAMENTO AMBIENTALE
UNI/TS
Metodo di calcolo Ogni zona termica un solo tipo di terminali dimpianto

R.LOMBARDIA
analogo, ma solo dettagliato diverso: ogni zona termica pu ammettere pi tipi di terminali dimpianto e catene impiantistiche diverse (es. aria primaria e pannelli radianti); la ripartizione del fabbisogno termico tra le diverse catene impiantistiche avviene in modo proporzionale alla potenza termica installata dei terminali diverso: calcolate in parallelo; si ricorda che non si in presenza di perdite termiche della catena impiantistica (serie) ma di correzioni alle semplificazioni adottate per determinare le perdite delledificio (uniformit spaziale e costanza temporale della temperatura interna); consistente con la UNI EN 15316-2-1 diverso: solo metodo tabellare per tutti diverso: previsto sia metodo analitico per sistemi nuovi che tabellare per gli esistenti

Perdite di emissione e di regolazione calcolate in serie

Sottosistema distribuzione: calcolo analitico per edifici nuovi e tabellare per esistenti Sottosistema accumulo: solo metodo analitico

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
52

CONFRONTO UNI/TS 11300-2 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA RENDIMENTO DEI GENERATORI TERMICI UNI/TS
Metodo di calcolo generatori non a condensazione anche semplificato Temperatura media del generatore nota dal calcolo della temperatura media distribuzione sempre analitica Caldaia a condensazione: metodo per il calcolo del fattore di recupero R analitico che richiede la conoscenza di temperatura dei fumi e tenore di ossigeno nei fumi (dati misurabili per lesistente ma non attualmente disponibili tra i dati tecnici delle caldaie oggi commercializzate. Tale metodo applicato a caldaie nuove con i dati di default della UNI/TS sottostima R in condizioni di massima condensazione di UN ORDINE DI GRANDEZZA, sottostimando di 5 punti percentuali il rendimento

R.LOMBARDIA
analogo, ma solo dettagliato diverso: temperatura media generatore assegnata dal tecnico competente senza specificare come calcolarla. diverso: metodo di calcolo di R basato sui dati dichiarati dai costruttori quali i rendimenti in condizioni nominali (non condensante) e in condizioni condensanti e relative temperature; da qui si ricava R(Qav,g) e poi si interpola linearmente tra tali estremi; metodo approssimato che riproduce, in condensazione, il rendimento dichiarato

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
53

CONFRONTO UNI/TS 11300-3 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA

La UNI/TS parte 3 Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 3: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione estiva in fase di revisione dopo linchiesta pubblica e non ancora quindi nel suo stato definitivo per cui prematuro qualsiasi confronto; inoltre la regola tecnica della regione predisposta per trattare la climatizzazione estiva ma non ha appositamente introdotto i metodi di calcolo delle perdite dei singoli sottosistemi per la climatizzazione estiva in attesa di esaminare la versione definitiva della citata UNI/TS

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
54

CONFRONTO UNI/TS 11300-4 E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA

La UNI/TS parte 4 Utilizzo di energie rinnovabili e di altri metodi di generazione per riscaldamento di ambienti e preparazione acqua calda sanitaria ancora in fase di elaborazione e non ancora quindi nel suo stato definitivo per cui prematuro qualsiasi confronto; la regola tecnica della regione comunque tratta gi la materia conformemente alla relative norme UNI EN; in particolare: i sistemi solari termici, sia per produzione di ACS che per integrazione al riscaldamento (metodo F-Chart) sistemi solari fotovoltaici caldaie a bio-combustibili trattate in maniera analoga alle caldaie normali, tenendo conto del tipo di combustibile tramite appositi coefficienti (anche per la produzione di CO2)
prof. Livio Mazzarella 21 ottobre 2009 SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
55

CONFRONTO UNI/TS 11300-??? E LE REGOLE TECNICHE R.LOMBARDIA

Nei titoli proposti dalle UNI/TS 11300 parti 1,2, 3 e 4 non si fa menzione del calcolo del fabbisogno energetico per lilluminazione fissa in edifici non residenziali. Nella procedura della Regione Lombardia vi il metodo di calcolo per la determinazione del fabbisogno per lilluminazione, valevole solo per edifici non residenziali, conforme alla UNI EN 15193:2008

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED

Confronto tra le norme UNI TS 11300 e il Decreto n. 5796 del 11 giugno 2009
56

Grazie per lattenzione ...

e la pazienza!

prof. Livio Mazzarella

21 ottobre 2009

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED