Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La Repubblica di Machiavelli. Da Monti a Renzi. L’ultimo scorcio della Seconda Repubblica
Confessioni di un venditore di povertà. Solidarietà e aiuti umanitari ai tempi della crisi
Agosto 2013. Niente sarà più come prima
Serie di e-book15 titoli

Pamphlet

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Info su questa serie

Lorenzo era pieno di sogni e di allegria. Una sera tornava a casa in motorino da un concerto. Non beveva alcolici, non faceva uso di droghe. Quello che l’ha investito e ucciso, sì. È stato un incidente o un omicidio stradale? Come si vive la scomparsa di un amico, di un fratello, di uno di noi? Le parole scritte sui social network, le lacrime, le storie che restano: “noi abbiamo scavalcato la notte e i mesi, noi abbiamo scagliato sassi al mare e urlato il tuo nome. Noi ci siamo chiesti mille volte perché. Ma il silenzio ci ha sbranato sempre. L’ultima volta adesso: lasciandoci vivi”.
LinguaItaliano
EditoregoWare
Data di uscita5 set 2013
La Repubblica di Machiavelli. Da Monti a Renzi. L’ultimo scorcio della Seconda Repubblica
Confessioni di un venditore di povertà. Solidarietà e aiuti umanitari ai tempi della crisi
Agosto 2013. Niente sarà più come prima

Titoli di questa serie (15)

  • Agosto 2013. Niente sarà più come prima
    Agosto 2013. Niente sarà più come prima
    Agosto 2013. Niente sarà più come prima

    Dopo questo torrido agosto, niente sarà più come prima. Ce lo dice l’economista più eretico e fuori dal coro del panorama italiano, Giulio Sapelli. Un economista che osserva il mondo dal satellite e non dalla finestra della propria ben riscaldata casa. In questo agosto 2013 il mondo è cambiato, è cambiato perché sono arrivati a maturazione processi globali che adesso stanno iniziando a manifestarsi anche a livello politico, macroeconomico e strategico. Tutto è iniziato con il cambiamento di paradigma energetico: lo sviluppo del fracking sta rendendo gli Stati Uniti indipendenti dal petrolio del Medio Oriente, la regione più calda e incasinata del pianeta. E questo dato di fatto ha e avrà conseguenze enormi anche sulle nostre vite.In questo ebook pamphlet, che si può leggere nella durata di un telegiornale e in alternativa ad esso, Sapelli passa in rassegna l’intero scacchiere mondiale e infine la situazione del nostro Paese che ha vissuto un agosto altrettanto torrido. A conferma delle tesi di Sapelli, il lettore troverà un intervento sulla politica estera americana di Thomas L. Friedman, l’ascoltatissimo opinionista del “New York Times” che ispira anche i membri del politburo cinese.Con il suo inconfondibile stile abrasivo, immaginifico e privo di mediazioni, la narrazione di Sapelli è un’escursione intensiva nei luoghi più interessanti del pianeta per conoscerli fuori da ogni moda e pregiudizio.

  • La Repubblica di Machiavelli. Da Monti a Renzi. L’ultimo scorcio della Seconda Repubblica
    La Repubblica di Machiavelli. Da Monti a Renzi. L’ultimo scorcio della Seconda Repubblica
    La Repubblica di Machiavelli. Da Monti a Renzi. L’ultimo scorcio della Seconda Repubblica

    Dalla caduta di Berlusconi all’ascesa di Renzi, sembra essere stato Machiavelli in persona a guidare la lunga transizione politica che sta trascinando l’Italia, faticosamente, dalla Seconda alla Terza Repubblica. C’è un filo conduttore mai interrotto, una stessa trama che si snoda dietro ogni vicenda: è l’atavico, ancestrale desiderio del potere di perpetuare se stesso. Complotti di palazzo, alleanze segrete, assassinii politici, e poi ancora, gli avvertimenti dell’Europa, le contraddizioni del Quirinale, le inchieste giudiziarie più eclatanti: tutto raccontato in trenta sequenze, trenta racconti della politica, suscitati di volta in volta dagli accadimenti.Un ebook, da leggere in meno di un’ora, per ripercorrere e ricordare una delle stagioni più importanti e turbolente della politica italiana.

  • Confessioni di un venditore di povertà. Solidarietà e aiuti umanitari ai tempi della crisi
    Confessioni di un venditore di povertà. Solidarietà e aiuti umanitari ai tempi della crisi
    Confessioni di un venditore di povertà. Solidarietà e aiuti umanitari ai tempi della crisi

    Molto spesso ci hanno fatto credere che la solidarietà sia qualcosa di completamente altruista. In realtà, soprattutto quando viene incarnata da grandi associazioni, nasconde degli aspetti mostruosi e dei lati oscuri come quello di servirsi del marketing spietato e selvaggio e di molti giovani disoccupati che hanno bisogno di lavorare, per generare ricchezza alle spalle di chi soffre.Apparentemente la finalità di questo libro può sembrare soltanto quella di voler descrivere i perversi meccanismi di marketing utilizzati dai dialogatori per cercare sostenitori ai progetti umanitari delle più grandi ONG (Save The Children, Greenpeace e così via). In realtà questa confessione è molto di più: è la descrizione di una realtà assurda, il racconto di molti sogni infranti, della speranza di trovare un posto in questo mondo in cui non regni (così tanto) arrivismo e mediocrità, è il racconto dell’immobilità che crea la crisi e dell’opportunismo di certe imprese che generano milioni con “l’industria della solidarietà”. Da questo scenario crudo, misero e diverso da come si crede, o da come vogliono farci credere, può venir fuori un messaggio ottimista?

  • Discorsi sull’Europa. Dal manifesto di Ventotene al Trattato di Lisbona e alla Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo
    Discorsi sull’Europa. Dal manifesto di Ventotene al Trattato di Lisbona e alla Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo
    Discorsi sull’Europa. Dal manifesto di Ventotene al Trattato di Lisbona e alla Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo

    L’Europa è in grave pericolo: la crisi economica da un lato e i movimenti contro l’euro dall’altro hanno stretto in una morsa soffocante il più grande esperimento sociale e politico dell’ultimo secolo. Può l’Europa salvarsi? Sì, se ritorna a Ventotene, cioè agli ideali e alle motivazioni delle origini.È quello che cerca di affermare questa raccolta di discorsi sull’Europa che inizia proprio con il “Manifesto di Ventotene” per arrivare fino al discorso di Matteo Renzi al congresso dei socialisti europei. Sono presentati anche testi inediti per il pubblico italiano, come la lettera di Helmut Schmidt a Hans Tietmeyer dal significativo titolo “La Bundesbank: nessuno Stato nello Stato” e il discorso del 29 agosto 2012 di Mario Draghi, presidente della BCE: “Siamo pronti a fare tutto il necessario per salvare l’euro”. Veri e propri milestone nella costruzione dell’Europa, contrappuntati da interventi di grandi sostenitori della causa europea come Giorgio Napolitano, Martin Schulz e François Hollande. Il lettore trova anche il testo integrale del Trattato di Lisbona e della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo. L’introduzione di Pier Virgilio Dastoli, presidente del Consiglio Italiano del Movimento Europeo chiarisce bene gli intenti di questa pubblicazione. Un ebook imperdibile per chi ha a cuore la causa europea e per chi, ahimè, la combatte.

  • Vincent Bolloré, il nuovo re dei media europei: I piani del francese di Telecom Italia che si intrecciano con Renzi per la banda larga e con Berlusconi per Mediaset
    Vincent Bolloré, il nuovo re dei media europei: I piani del francese di Telecom Italia che si intrecciano con Renzi per la banda larga e con Berlusconi per Mediaset
    Vincent Bolloré, il nuovo re dei media europei: I piani del francese di Telecom Italia che si intrecciano con Renzi per la banda larga e con Berlusconi per Mediaset

    Vincent Bolloré è il socio più importante di Telecom Italia. Ma chi è il finanziere bretone che da anni investe in Italia e quali sono i suoi progetti? La domanda è d’obbligo nel momento in cui il governo Renzi sta sostenendo un ampio progetto per diffondere la banda larga nel Paese e le aziende media-telecomunicazioni stanno affrontando una delicata fase di consolidamento. Ripercorrendo la vita del finanziere bretone, l’autore traccia tre ipotesi di lavoro in cui è evidente che il destino di Vivendi, società presieduta da Bolloré, quello della Mediaset di Silvio Berlusconi e quello di Telecom Italia sono destinati ad intrecciarsi con un impatto sullo sviluppo della banda larga e sul futuro dei media. In Italia e anche nel resto d’Europa. Il primo saggio in lingua italiana sul nuovo re dei media del vecchio continente.

  • Scenari scozzesi. Voci pro e contro l’indipendenza della Scozia dal Regno Unito
    Scenari scozzesi. Voci pro e contro l’indipendenza della Scozia dal Regno Unito
    Scenari scozzesi. Voci pro e contro l’indipendenza della Scozia dal Regno Unito

    Il referendum scozzese è una tragedia, scrive l’“Economist”. È una tragedia per i 5 milioni di scozzesi ed è una tragedia per i 59 milioni di abitanti del resto del Regno Unito. Potrebbe essere anche un bel grattacapo per l’Europa, dove c’è bisogno di tutto fuorché di un periodo di instabilità, di turbolenza politica e di costituzioni da riscrivere. Dopo la Scozia ci sarà la Catalogna, poi i Paesi Baschi e quindi le Fiandre e il Sud Tirolo.Ma, come scrive il “New York Times”, il referendum scozzese è una prova di grandissima vitalità democratica dei popoli dell’Europa occidentale, quando a est gli stessi problemi si affrontano con i missili, le granate, le deportazioni e i cadaveri nei campi di grano. Per non parlare del Medio Oriente. Tragedia o prova decisiva di vitalità democratica? Questo ebook, che si può leggere nel tempo di un episodio di Sherlock, non risponde a questo quesito ma svolge un servizio importante: raccoglie le testimonianze dirette dei protagonisti – unionisti e separatisti – della vicenda scozzese, offre le riflessioni di due dei maggiori osservatori internazionali delle vicende del nostro pianeta e infine, in una lucida introduzione, traccia un quadro delle possibili conseguenze di un distacco dalla Scozia dal Regno Unito o di una vittoria di misura degli unionisti.Scenari scozzesi, cioè scenari europei, cioè scenari planetari.

  • Jack Ma. L’uomo che ha messo Alì Babà in rete
    Jack Ma. L’uomo che ha messo Alì Babà in rete
    Jack Ma. L’uomo che ha messo Alì Babà in rete

    Jack Ma, fondatore di Alibaba, è il volto della nuova Cina, quella che sfida il mondo a colpi d’innovazione e d’intelligenza. È la Cina che dominerà il XXI secolo. Jack Ma forse è proprio l’erede di Steve Jobs e la sua Alibaba, come la Apple, cambierà la nostra vita. Un record lo ha già battuto: nessuna società aveva mai raccolto tanto denaro in Borsa prima. Alibaba vale più di Facebook e ha una capitalizzazione superiore alla concorrente Walmart. Non è solo questione di economia, finanza o commercio, ma di visione e di cultura. Jack Ma ha visione e la sua cultura è una sintesi tra il confucianesimo e il miglior pensiero occidentale. Sarà la cultura del futuro? Questo libro, che si legge nel tempo di consumare un piatto di noodles, ricostruisce la storia di Jack Ma da accompagnatore di turisti ad Hangzhou fino a diventare il tycoon che suona la campanella a Wall Street. Un percorso che arricchirà la nostra conoscenza del futuro e della Cina che è già tra noi.

  • Le parole in cucina. Storia di parole e gastronomia
    Le parole in cucina. Storia di parole e gastronomia
    Le parole in cucina. Storia di parole e gastronomia

    Che senso può avere un libro sulle parole che si usano in cucina? Pare quasi infinito il numero dei termini che caratterizzano una sfera fondamentale dell’essere umano come l’alimentazione. Pratica certo utile e necessaria, di recente sempre più ai confini col dilettevole. Un vocabolario immenso e in continua evoluzione non solo per l’affacciarsi di cibi e piatti esotici, ma anche per la riscoperta di parole rimaste a lungo confinate in cucine locali, o addirittura in ambito familiare nella nostra lunga tradizione alimentare che pesca talora oltre l’antica Grecia. Molti sono i nomi legati al cibo che portano con sé un’antica storia, costellata da diversificazioni, specializzazioni e contaminazioni. Ripercorrerne la nascita e lo sviluppo ci aiuta a meglio comprendere la direzione di una parte dell’agire umano nel tempo, e a scoprire che alcune di queste parole sono indelebilmente scritte in un altro vocabolario, quello di un lessico familiare che attiene più alla sfera emotiva personale che a un vocabolario gastronomico. Un ebook di rapida consultazione che vi farà fare un figurone nelle conversazioni con gli amici e con gli ospiti.

  • Vecchi versus giovani. La questione generazionale nella crisi economica mondiale
    Vecchi versus giovani. La questione generazionale nella crisi economica mondiale
    Vecchi versus giovani. La questione generazionale nella crisi economica mondiale

    In alcuni paesi sviluppati, come l’Italia, potrebbe accadere un fatto insolito da secoli: che i nati nel Secondo millennio, una volta adulti, stiano peggio dei loro genitori. Succederebbe che invece di un miglioramento, si avrebbe un conflitto, quasi di classe, tra le generazioni, tra i ricchi e i tutelati da una parte, e gli anziani, i poveri e gli abbandonati, i giovani, dall’altra. Che è successo? I genitori si sono mangiata tutta la torta? Non è assolutamente così, dice Giulio Sapelli, economista e sociologo, attentissimo osservatore dei fenomeni del mondo contemporaneo. E allora com’è? Sapelli ci dà la sua versione che, come al solito, stupisce.La pubblicazione contiene anche, in italiano, il discorso di Steve Jobs a Stanford, il suo testamento ideale ai giovani; uno scritto giovanile di Piero Gobetti, uno dei maggiori intellettuali pubblici indipendenti; le riflessioni di Gramsci dal carcere sul rapporto tra le generazioni; un discorso memorabile di Piero Calamandrei sulla Costituzione e i giovani; e infine il testo di una veemente mail di un giovane meridionale allo stesso Giulio Sapelli.

  • Siete stati lì. Storie e vite finite sui giornali
    Siete stati lì. Storie e vite finite sui giornali
    Siete stati lì. Storie e vite finite sui giornali

    Due giornalisti che lavorano a “Repubblica” raccontano la fame che sbarca a Milano, vite di naufraghi, di calciatori senza memoria, di coccodrilli al “New York Times”, del pescatore di Hanoi che per mestiere raccoglie i corpi dei suicidi, di Denise seppellita come Pablo, dello scrittore Saramago che ha lasciato senza finale il suo ultimo personaggio.Sono storie prese dalla realtà, ma raccontate come non potevano finire su un giornale: in forma di monologhi teatrali. Dagli esteri alla cronaca, dallo sport all’economia fino alle previsioni del tempo, per ogni monologo una vita. Trasfigurata dalla fantasia degli autori.Questi testi sono stati interpretati dagli allievi del Teatro Manzoni di Calenzano (Firenze) diretti da Stefano Massini.

  • Roma: non si piange su una città coloniale. Note sulla politica romana
    Roma: non si piange su una città coloniale. Note sulla politica romana
    Roma: non si piange su una città coloniale. Note sulla politica romana

    Come è potuto accadere il malaffare di “Mafia capitale”? La pubblicistica ha già fornito molte spiegazioni sui fatti e sui personaggi. Questo libro tenta un’analisi delle cause remote e dei rimedi per il futuro. L’indagine riguarda le tendenze elettorali e i processi strutturali che hanno accompagnato il fallimento della classe politica. Particolare attenzione è dedicata agli insuccessi ma anche alle opportunità delle riforme dell’amministrazione. Si discutono anche nuovi obiettivi di crescita civile ed economica e della modernizzazione dei trasporti. Il libro comincia con un “Prologo all’inferno” che propone un’interpretazione del tramonto della capitale, ma termina con l’auspicio che possano crescere nuove ambizioni collettive. Nel frattempo vale l’esortazione pasoliniana a non piangere su una città coloniale.

  • Eutanasia il Parlamento si faccia vivo: L’urgenza di una buona legge per vivere liberi fino alla fine
    Eutanasia il Parlamento si faccia vivo: L’urgenza di una buona legge per vivere liberi fino alla fine
    Eutanasia il Parlamento si faccia vivo: L’urgenza di una buona legge per vivere liberi fino alla fine

    Le modalità per porre fine alla propria vita ricadono nel diritto all’autodeterminazione. Malattie invalidanti, perdita del controllo sulla propria mente e sul proprio corpo, stati comatosi irreversibili, dipendenza da altri possono rappresentare perdita della dignità personale e desiderio di terminare quella che, dalla persona stessa, può venir considerata una “non-vita”. L’Associazione Luca Coscioni si batte affinché la volontà di ogni malato sia rispettata e nessuno venga sottoposto a terapie mediche contro la propria volontà. Dopo aver aiutato e fatto crescere la battaglia politica di Piergiorgio Welby, dal 2013 l’Associazione porta avanti una proposta di legge di iniziativa popolare per la legalizzazione dell’eutanasia e il pieno riconoscimento del testamento biologico in Italia.

  • Staminali e Fecondazione assistita. 2004-2015 Legge 40/04
    Staminali e Fecondazione assistita. 2004-2015 Legge 40/04
    Staminali e Fecondazione assistita. 2004-2015 Legge 40/04

    L’Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica ritiene che la fecondazione medicalmente assistita sia un diritto di ogni cittadino italiano e si batte affinché la Legge 40/2004 venga sostituita da una disciplina più europea, laica e liberale. Dopo aver dato vita al referendum del giugno 2005, oggi l’Associazione si batte nei tribunali e nelle Corti italiane ed europee affinché vengano cancellati i divieti più ideologici e antiscientifici che ostacolano irragionevolmente i progetti genitoriali di migliaia di coppie italiane. Durante il convegno “Staminali e fecondazione assistita: evoluzione giurisprudenziale dei diritti della persona” organizzato dall’Associazione Coscioni, in collaborazione con l’Elf, si sono riuniti gli esperti per discutere del divieto di accesso alla procreazione assistita per le coppie portatrici di patologie genetiche. La Corte Costituzionale lo ha cancellato.Ora occorre lottare per cancellare il divieto di ricerca scientifica sugli embrioni.

  • Caos Med. Dall’ordine al disordine nel Mediterraneo e in Europa
    Caos Med. Dall’ordine al disordine nel Mediterraneo e in Europa
    Caos Med. Dall’ordine al disordine nel Mediterraneo e in Europa

    Il mare nostrum è un caos. La parte europea non cresce più da 10 anni e ha una montagna di debiti. La parte africana fronteggia l’offensiva dell’islamismo radicale e dell’ISIS anche con risposte reazionarie. Dalla Siria e dal Medio Oriente è partito un esodo di dimensioni bibliche. La Turchia accarezza mire egemoniche regionali e la Russia è tornata con una politica di potenza. Gli Stati Uniti sono assenti. Manca una politica europea e i grandi paesi, come la Germania, la Francia e il Regno Unito, si muovono in ordine sparso. Spagna e Italia sono alle prese con problemi interni. La Grecia è fuori combattimento e i paesi dell’Est europeo sono un enigma.Giulio Sapelli, professore di economia e attentissimo osservatore degli equilibri geostrategici mondiali, analizza in dettaglio gli ultimi sviluppi. Non è ancora l’apocalisse, ma dobbiamo sinceramente preoccuparci.

  • Per sempre il nostro numero 10
    Per sempre il nostro numero 10
    Per sempre il nostro numero 10

    Lorenzo era pieno di sogni e di allegria. Una sera tornava a casa in motorino da un concerto. Non beveva alcolici, non faceva uso di droghe. Quello che l’ha investito e ucciso, sì. È stato un incidente o un omicidio stradale? Come si vive la scomparsa di un amico, di un fratello, di uno di noi? Le parole scritte sui social network, le lacrime, le storie che restano: “noi abbiamo scavalcato la notte e i mesi, noi abbiamo scagliato sassi al mare e urlato il tuo nome. Noi ci siamo chiesti mille volte perché. Ma il silenzio ci ha sbranato sempre. L’ultima volta adesso: lasciandoci vivi”.

Leggi altro di Aa.Vv.

Correlato a Pamphlet

Categorie correlate

Recensioni su Pamphlet

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole