Sei sulla pagina 1di 2

Senato della Repubblica

Sen. Antonio d'Al


Presidente della XIII Commissione Territorio, Ambiente, Beni ambientali

Comunicato Stampa

n 013

Ambiente. Approvato in Senato il decreto legge, di cui stato relatore il sen. dAl. Semplificato lo smaltimento di rifiuti organici nel settore agricolo. Novit sulle terre e rocce da scavo. Arriva il compostaggio di prossimit per i condomini. Trapani, 23 febbraio 2012 Il Sen. Antonio d'Al, Presidente della Commissione Ambiente del Senato, ha espresso soddisfazione per l'approvazione di un decreto che, tra le numerose altre, porta misure di semplificazione nel comparto agricolo. Interventi che, di fatto, rendono pi agevole per aziende agricole smaltire rifiuti di natura organica rispetto alle indicazioni del SISTRI ((Sistema di controllo della tracciabilit dei rifiuti): utilizzo del biogas, possibilit per i piccoli allevatori di smaltire il siero del latte nella stessa azienda in cui viene prodotto, senza che questo venga considerato rifiuto. Il tutto ha affermato dAl, relatore del provvedimento all'interno di un'ottica che salvaguarda la salute dei cittadini e la difesa dell'ambiente e consente di progredire nel campo dell'agricoltura. stata insomma immaginata una gestione dei rifiuti da parte degli imprenditori agricoli, che cerca di tenere insieme la garanzia della tracciabilit del rifiuto, senza sconfinare in eccessiva burocrazia o in strumenti e procedure sproporzionate alla dimensione dei rifiuti prodotti. Nel nostro territorio queste norme hanno particolare rilevanza: ad esempio il riutilizzo di materia organica zootecnica o vegetale come i residui di potature, di sfalci e anche da manutenzione di verde urbano, la cui possibilit di riutilizzo nei luoghi di produzione di fondamentale importanza per i cittadini delle isole minori. E ancora la possibilit di intervenire con finalit di recupero sulle alghe del litorale costiero, consentendo processi di trasformazione in biomasse a fini agronomici, da impiegare come fertilizzanti, con propriet riconosciute scientificamente, e che forniscono al settore agricolo materiali preziosi dentro la loro catena di utilit economica. Altra importante novit stata introdotta nella materia "terre e rocce da scavo". Anche questa vicenda assai annosa, a causa di alcune interpretazioni normative che hanno, nel tempo, determinato il blocco di molti cantieri rallentando la realizzazione di importanti opere pubbliche. Anche in questo caso ha spiegato dAl in Senato mantenendo il massimo rispetto per l'ambiente e in particolare del paesaggio il testo approvato consentir una semplificazione nelle procedure, ma anche nelle valutazioni dell'utilizzo dei materiali da riporto nei grandi, e anche meno grandi, lavori nel nostro Paese, in molte citt, di molte opere pubbliche e di molto importanti infrastrutture. Esso consentir, o almeno dar, dalla parte ambientale, uno snellimento delle procedure e quindi alla realizzazione di quei lavori. Un intervento stato effettuato per le associazioni di volontariato che avranno la possibilit di accesso immediato al recupero di oggetti e indumenti da dismettere anche attraverso i centri di raccolta comunali. Infine stato introdotto il "compostaggio di prossimit", una vera rivoluzione questa nella gestione autonoma dei rifiuti da parte dei cittadini e dei condomini urbani.

Senato della Repubblica


Sen. Antonio d'Al
Presidente della XIII Commissione Territorio, Ambiente, Beni ambientali

In questo caso l'indirizzo del decreto ha spiegato dAl oltre alla semplificazione punta al miglioramento della qualit della vita dei cittadini attraverso il loro diretto coinvolgimento, anche culturale, nelle buone pratiche del riutilizzo e del riuso, in questo caso superando addirittura in positivo gli indirizzi delle stesse direttive europee.

LUfficio Stampa Fabio Pace