Sei sulla pagina 1di 8

Patente A - le suddivisioni Tra tutte la categorie di patenti quella che suscita pi perplessit la patente A.

. in quanto stata pi volte modificata per venire incontro alle direttive della Comunit Europea (Direttiva 91/439). Ad oggi, esistono 3 tipi di patente A: la A1, la A2 (=A limitata) e la A3 (=A senza limiti). La circolare del Ministero dei Trasporti che chiarisce la suddivisione quella del 13/9/1999. Per chi ha conseguito la patente B prima del 1986, resta la possibilit di guidare qualsiasi tipo di motociclo; a chi ha conseguito la B dopo, si consiglia di vedere la tabella di validit che pubblichiamo qui sotto. Ecco uno specchietto riassuntivo che pu chiarire ulteriormente la questione ATTENZIONE: la patente A, con esame sostenuto su moto a marce automatiche, sar valida solo per la guida di moto con marce automatiche. 16 anni A1 limitata a motocicli di max 125 cc e 11kw

L'esame pratico va sostenuto con un motociclo avente cilindrata di almeno 75 cc, con potenza non superiore a 11 kw. N.B. per patenti rilasciate dopo il 30 settembre 1999 il passaggio dalla sottocategoria A1 alla categoria A non automatico; il titolare di patente A1 per possedere la A deve sostenere l'esame pratico su veicolo adeguato. Le patenti della sottocategoria A1 rilasciate fino al 30 settembre 1999, si trasformano nella categoria A limitata al compimento dei 18 anni e nella categoria A senza limiti quando i titolari compiono 20 anni. si possono guidare motocicli di max 25 kw 18 anni A limitata A 2 anni dal conseguimento, tale patente perde le limitazioni, ovvero con essa si pu guidare qualsiasi tipo di motociclo

L'esame pratico va sostenuto con un motociclo senza sidecar di cilindrata superiore a 120 cc e che raggiunge la velocit di almeno 100 km/h. 21 anni A senza limiti Con esame sostenuto su motociclo di almeno 35 kw, d la possibilit di guidare qualsiasi motociclo.

L'esame pratico va sostenuto con un motociclo senza sidecar avente una potenza di almeno 35 kw. Tabella validit della patente A e B per la guida dei motocicli in base alla data di conseguimento Chi ha conseguito la patente A o la B prima dell'1 gennaio del 1986 pu guidare qualsiasi motociclo. Chi ha conseguito la patente A o la B tra l'1/1/1986 e il 25/4/1988 pu guidare qualsiasi motociclo ma solo in Italia, per la guida all'estero occorre un esame pratico alla Motorizzazione. Chi ha conseguito la patente B dopo il 25/4/1988 pu guidare motocicli fino a 125 cm3 e di potenza fino a 11 kw ma solo in Italia. Chi ha conseguito la patente A tra il 26/4/1988 e il 30/9/1993 pu guidare qualsiasi motociclo anche all'estero. Chi ha conseguito la patente A o A1 dopo il 30/9/1993 pu guidare qualsiasi motociclo anche all'estero ma l'accesso alle diverse categorie avviene in base ai limiti indicati dalle tabelle sopra. L'ESAME DI PRATICA

scarica il programma in PDF


L'esame pratico per conseguire la patente A strutturato in due prove: una su circuito e una su strada. La prova su strada e' abbastanza semplice e basta rispettare la distanza di sicurezza, usare indicatori di direzione e gli specchietti retrovisori, non sorpassare la colonna al semaforo, rispettare i limiti di velocit (fare bene attenzione agli errori!), rispettare le precedenze e fermarsi poggiando il piede a terra quando si arriva ad uno stop. L'esaminatore si trova su un'auto che vi puo' precedere o seguire. La prova su circuito puo' essere problematica per chi deve effettuarla su una moto abbastanza potente perch il circuito e' stato studiato quando l'esame era effettuato praticamente solo coi 125. L'accesso diretto a 21 anni (patente A completa) va effettuato con un motociclo di almeno 35 kw (48 cv) di potenza e certamente la prova risulter abbastanza ardua se effettuata con moto poco maneggevoli. Gli enduro monocilindrici di ultima generazione sono abbastanza indicati sia perch hanno abbassato l'altezza da terra della sella e quindi facilitano chi non ha una statura elevata, sia perch non danno strappi a bassi regimi.

L'esame di pratica: la prova su circuito


Il circuito e' strutturato su quattro prove: Slalom, Otto, Passaggio stretto, Prova di frenata.

Lo slalom non presenta difficolta' particolari; l'Otto , invece, la prova pi complessa e la traiettoria ottimale quella che porta a passare molto vicini ai 3 primi birilli che si incontrano nella curva, evitando di passare vicino al centro, altrimenti in uscita dalla curva si deve allargare troppo e si rischia di uscire dall'area o di poggiare i piedi a terra; il passaggio stretto e' facile se si prende la curva per entrarci abbastanza larga, in modo da essere perfettamente dritti quando si entra tra i birilli; alla fine della prova di frenata si deve appoggiare almeno un piede. In tutte le prove le penalita' sono le seguenti: Sbagliare il percorso; Dimostrare una scarsa padronanza del mezzo; Mettere un piede a terra (ma la prova su moto di 35 Kw per l'accesso diretto alla patente A permette di poter poggiare a terra il piede due volte in base alla circolare M.C.T.C. n. 72/95 del 2 maggio 1995); Abbattere uno o piu' birilli.

ESERCITAZIONI Le esercitazioni con veicoli di categoria A o A1 si possono svolgere con il solo conducente (non ci deve essere l'istruttore) purch ci si trovi in luoghi poco frequentati.

Patente A tutorial
questa pagina scaricabile anche i formato pdf

Vuoi guidare la moto? Non hai la patente A?? Hai paura dell'esame pratico??? Qua trovi qualche consiglio!

Chi deve sostenere l'esame per la patente(A1 A2 A3)?


Beh, tutti coloro che ne sono sprovvisti (non hanno nessuna patente) Tutti coloro che hanno ottenuto la Patente B dopo il 1986 Tutti coloro che hanno ottenuta la patente B tra 1/1/1986 e 25/4/1988 e vogliono andare in moto all'estero

Chi non ha bisogno di fare alcun esame per portare la moto?


Tutti coloro che hanno ottenuto Tutti coloro che hanno ottenuto Tutti coloro che hanno ottenuto vuole andare all'estero in moto Tutti coloro che hanno ottenuto la patente B prima del 1/1/1986 la patente A tra 26/4/1988 e 30/9/1993 la patente A o B tra 1/1/1986 e 25/4/1986 e non la patente B dopo il 25/4/1988 e non sono

interessati a portare un motociclo con potenza superiore a 11 Kw e 125 cc

Quali tipi di patente per moto ci sono?

A1
Questa la patente riservata ai sedicenni. Puoi portare motocicli di max 125 cc e 11 Kw (l'esame pratico va sostenuto con un motociclo di almeno 75 cc. con potenza max 11 Kw)

A2

(o A limitata)

Devi avere 18 anni. Puoi guidare motocicli con potenza max 25 Kw. Dopo due anni e al compimento del 21 la patente A2 diventa A3 senza limiti. (l'esame pratico va sostenuto con un motociclo superiore a 120 cc e che supera la velocit di 100 Km/h)

A3
N.B.

(A senza limiti)

Devi avere 21 anni e puoi guidare qualsiasi motociclo. (l'esame pratico va sostenuto su un motociclo con almeno 35 Kw

Se sostieni l'esame pratico con un motociclo automatico poi potrai guidare solo mocicli automatici Se possiedi gi la patente B, puoi ottenere la patente A con il solo esame pratico (quindi senza sostenere l'esame di teoria)

Ma parliamo di questo esame pratico. L'esame diviso in due parti: la prova su circuito e la prova in strada

La prova su circuito

La prova su circuito suddivisa a sua volta in quattro prove:

slalom frenata passaggio stretto otto


Normalmente scooter e piccoli motocicli, non hanno problemi, eclusa la normale emozione, ma cos non per i motocicli di grossa cilindrata, dove eseguire l'otto richiede almeno un' ottima padronanza del mezzo. Sulle grosse moto lo svantaggio sta nel limitato raggio di sterzata e nel fatto che il circuito stato concepito per le care vecchie vespe. Vediamo in dettaglio le sezioni del circuito

slalom
Non vi sono particolari problemi nel affrontare questa prova che, comunque non va sottovalutata. Nella figura ho numerato i coni per comodit mia (nella realt non sono numerati). Consiglio di iniziare lo slalom a velocit moderata, usare la frizione per mantenere lenta la motocicletta e, pi importante, puntare sempre al birillo successivo. Detto in altri termini: mentre giri sul 1 birillo volgi lo sguardo al 2. Non fissare lo sguardo sul birillo che stai sorpassando, altrimenti perdi la direzione e quasi sicuramente ribalterai il 6 birillo.

frenata
Alla fine di un percorso rettilineo di 25 m. vengono posti 4 birilli a quadrato con lato di 1 m. Nel percorrere i 25 m. bisogna inserire la 2^ marcia o poi fermarsi con la ruota anteriore all'interno del quadrato.(vedi figura) Non penso che questa prova necessiti di consigli.

passaggio stretto
Su una distanza di 6 m. vengono poste coppie di birilli a 50 cm. fra loro e larghi quanto la larghezza della moto pi 30 cm..(vedi figura) Scopo della prova quello di percorrere a bassa velocit il corridoio cos formato senza abbattere alcun birillo. Unico mio consiglio quello di entrare nel corridoio sufficentemente rettilinei per non sbandare poi. Ritengo improbabile che questa prova costituisca un problema.

otto
Questa la prova pi insidiosa. In figura puoi vedere come vanno disposti i birilli con tutte le misure, anche qui ho numerati i coni per maggiore chiarezza. Anche se dalla figura non sembra, il tracciato davvero molto piccolo per condurvi una moto, quindi, importante sfruttare tuto lo spazio disponibile stando pi distanti possibile dai birilli centrali (6, 7). Quando stai girando attorno al birillo 7 devi volgere lo sguardo al birillo 6 e viceversa. Sfrutta anche lo spazio fra i birilli: 1 e 2; 3 e 4; 9 e 10; 11 e 12. Vai pianissimo usando la frizione e non rimanere troppo dritto e rigido mentre stai girando: inclinare la moto ti aiuter a sterzare pi stretto. Normalmente, nel mio lavoro di istruttore di guida, uso la prova su circuito come test per risolvere posture errate e altri comuni problemi dei neofiti motociclisti ( vale solo per quelli che li hanno). Quando vedo eseguire bene le prove su circuito sono certo di un buon controllo del mezzo anche nel traffico cittadino e sinora (dopo 11 anni) non sono stato ancora smentito

La prova in strada
Superata la prova circuito, puoi accedere alla prova in strada. In questa prova, tu porti la moto da solo (senza passeggero) e l'esaminatore ti segue trasportato in automobile da un tuo conoscente, se sei privatista, o da il tuo istruttore se sei iscritto in autoscuola. Per comunicarti la direzione da seguire, viene fatto uso di ricetrasmittenti, normalmente in dotazione agli Uffici della Motorizzazione Civile.

sembrano ovvie le raccomandazioni circa il comportamento in strada ma te le ricordo comunque .... non si s mai....

Mantenere velocit moderata ma evitare andature da "funerale" ..... devi dimostrare prudenza ma non pensare di fare fesso l'esaminatore tipo: "vado piano cos non sbaglio". Gli esami vanno male sia per eccesso di sicurezza che per eccesso di prudenza! Usa le frecce negli spostamenti laterali con congruo anticipo Anche se hai la radio, tieni sott'occhio l'automobile che trasporta l'esaminatore, se il traffico vi separa, accosta e aspetta un momento Dai la precedenza ai veicoli che vengono da destra come ai pedoni sulle strisce. Distingui lo STOP dal DARE PRECEDENZA (triangolo) : allo stop ci si ferma anche se non sopraggiungono veicoli. Quindi quando arrivi allo stop, ti fermi comunque, metti il piede a terra, e poi quando possibile riparti. Al triangolo non obbligatorio fermarsi, dopo aver rallentato, se non sopraggiungono veicoli puoi ripartire Mantieni sempre la destra, mentre percorri la strada. In centro urbano il limite di velocit di 50 Km/h Quando ti fermi agli incroci NON sorpassare la colonna di veicoli fermi

Per la realizzazione di questo breve tutorial, ringrazio l'Ufficio Provinciale della Motorizzazione Civile di Trieste, nella persona di Roberto Carsi per la preziosa azione di verifica dei contenuti. Ulteriori notizie, puoi trovarle, nel sito ufficiale della Motorizzazione di Trieste (www.mctrieste.it) e nei collegamenti che vi trovi. Molto utile, in tal senso, anche il bel sito di www.patente.it sempre denso d'informazioni in merito di patenti di guida. Spero che questo scritto ti risulti utile, se cos fosse, puoi liberamente distribuirlo e utilizzarlo con unica preghiera di citare autore e sito da cui l'hai prelevato. Buona guida Buoni viaggi in moto Ti auguro strade sempre sgombre e semafori sempre verdi
Prova pratica - Programma desame Slalom: 5 coni in gomma, o in materiale plastico, sono disposti in linea retta, alla distanza di 4 metri luno dallaltro. Il candidato dovr effettuare un percorso lasciando alternativamente da una parte e dallaltra ciascuno dei 5 coni e scostandosi da essi il meno possibile. Otto: 2 coni sono disposti alla distanza di 8 metri luno dallaltro. Intorno a ciascuno dei 2 coni, alla distanza di 3,5 metri, sono disposti 5 coni, in modo che le congiungenti con il cono centrale formino fra loro e con la

congiungente i 2 coni, angoli di 60 gradi. Il candidato dovr descrivere un otto, quanto pi possibile regolare, avvolgente i 2 coni posti inizialmente e collocato allinterno della zona delimitata dai 10 coni aggiunti. Passaggio in corridoio stretto: viene delimitato, con coni posti a 50 centimetri, un corridoio lungo 6 metri e largo quanto la massima larghezza della moto allaltezza dei coni pi 30 centimetri. Il candidato deve percorrere il corridoio a bassa velocit. Frenatura: al termine di un percorso rettilineo di 25 metri vengono disposti, alla distanza di 1 metro, 2 coni in modo che il relativo allineamento risulti perpendicolare al percorso, e tale che lasse di questo coincida con lasse del segmento delimitato dai due coni. Altri 2 coni, sempre a 1 metro tra di loro, vengono disposti in modo che lallineamento prodotto risulti parallelo al primo e distante 1 metro da questo. Il candidato, partendo dallinizio della base di 25 metri, deve passare in 2a marcia, ed arrestare il veicolo in modo che la ruota anteriore superi il primo allineamento, ma non il secondo.