Sei sulla pagina 1di 169

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA

PER IL PERIODO 2011 - 2012 - 2013

Modello n. 2 per Comuni e Unione di Comuni

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


Provincia di MACERATA

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011 - 2012 - 2013

SEZIONE 1

CARATTERISTICHE GENERALI DELLA POPOLAZIONE, DEL TERRITORIO, DELLECONOMIA INSEDIATA E DEI SERVIZI DELLENTE

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


Provincia di MACERATA

1.1 POPOLAZIONE 1.1.1 - Popolazione legale al censimento del 2001 1.1.2 - Popolazione residente alla fine del penultimo anno precedente (art.156 D.Lvo 267/2000) di cui: maschi femmine nuclei familiari comunit/convivenze 1.1.3 - Popolazione al 1 gennaio 2009 1.1.4 - Nati nell'anno n. 1.1.5 - Deceduti nell'anno n. 1.1.6 - Immigrati nell'anno 1.1.7 - Emigrati nell'anno 1.1.8 Popolazione al 31/12/2009 di cui 1.1.9 - In et prescolare (0/6 anni) 1.1.10 - In et scuola dell'obbligo (7/14 anni) 1.1.11 - In forza lavoro 1. occupazione (15/29 anni) 1.1.12 - In et adulta (30/65 anni) 1.1.13 - In et senile (oltre 65 anni) 1.1.14 - Tasso di natalit ultimo quinquennio: n. n. 39.059 40.661 19.390 21.271 15.962 12 40.266

n. n. n. n. n. n. 391 410 saldo naturale n. 1.407 993 saldo migratorio n. n. n. n. n. n. n. Anno 2005 2006 2007 2008 2009 Tasso

-19

-991.593 40.804 2.240 3.174 1.449 25.572 8.369

0,81 0,97 0,91 1,00 0,97 Tasso 0,90 1,12 1,05 1,04 1,02

1.1.15 - Tasso di mortalit ultimo quinquennio:

Anno 2005 2006 2007 2008 2009

1.1.16 - Popolazione massima insediabile come strumento urbanistico vigente Abitanti n. 1.1.17 - Livello di istruzione della popolazione residente Analfabeti Alfabeti Lic. Elementare Lic. Media Diploma Laurea 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 40.661 entro il 31/12/2009

1.1.18 CONDIZIONE SOCIO-ECONOMICA DELLE FAMIGLIE

1.2 TERRITORIO 1.2.1 - Superficie in Kmq 1.2.2 - RISORSE IDRICHE * Laghi 1.2.3 - STRADE * Vicinali Km. * Comunali Km. * Provinciali Km. * Statali Km. * Autostrade Km. 1.2.4 - PIANI E STRUMENTI URBANISTICI VIGENTI * Piano regolatore adottato * Piano regolatore approvato * Programma di fabbricazione * Piano edilizia economica e popolare PIANO INSEDIAMENTI PRODUTTIVI * Industriali * Artigianali * Commerciali * Altri strumenti (specificare) s s X s s s s s 30,00 152,00 17,23 9,83 7,25 Se SI data ed estremi del provvedimento di approvazione no X no no X no X no X no X no X
D. G.P. n.280 del 5.7.2007

45,57 nessuno *Fiumi e torrenti n. 4

Esistenza della coerenza delle previsioni annuali e pluriennali con gli strumenti urbanistici vigenti (art. 170, comma 7, D.L.vo 267/2000) s X no AREA DISPONIBILE mq. mq. 0,00 0,00

AREA INTERESSATA P.E.E.P P.I.P mq. mq. 0,00 0,00

1.3 - SERVIZI
1.3.1 - PERSONALE
1.3.1.1 Categoria e Previsti in In servizio posizione dotazione organica economica A.1 0 0 A.2 0 0 A.3 0 0 A.4 0 0 A.5 0 0 B.1 118 43 B.2 0 7 B.3 52 14 B.4 0 19 B.5 0 11 B.6 0 18 B.7 0 3 TOTALE 170 115 1.3.1.2 - Totale personale al 31/12/2009 di ruolo n. 232 fuori ruolo n. 4 1.3.1.3 - AREA TECNICA Previsti in Categoria In servizio dotazione organica A 0 0 B 88 72 C 15 12 D 13 9 Dir. 3 3 1.3.1.5 - AREA DI VIGILANZA Previsti in Categoria In servizio dotazione organica A 0 0 B 2 1 C 41 34 D 8 4 Dir. 1 1 1.3.1.7 - ALTRE AREE Previsti in Categoria In servizio dotazione organica A 0 0 B 57 28 C 18 15 D 31 15 Dir. 1 1 Categoria e posizione economica C.1 C.2 C.3 C.4 C.5 D.1 D.2 D.3 D.4 D.5 D.6 Dirigenti TOTALE Previsti in dotazione organica 0 0 0 0 0 0 0 21 0 0 0 8 29 In servizio 0 0 0 0 0 0 12 3 8 3 8 8 42

1.3.1.4 - AREA ECONOMICO-FINANZIARIA Previsti in Categoria In servizio dotazione organica A 0 0 B 17 8 C 14 8 D 7 5 Dir. 2 2 1.3.1.6 - AREA DEMOGRAFICA STATISTICA Previsti in Categoria In servizio dotazione organica A 0 0 B 6 6 C 8 4 D 4 3 Dir. 1 1 TOTALE Previsti in Categoria In servizio dotazione organica A 0 0 B 170 115 C 96 73 D 63 36 Dir. 8 8 TOTALE 337 232

1.3.2 - STRUTTURE
Tipologia 1.3.2.1 - Asili nido 1.3.2.2 - Scuole materne 1.3.2.3 - Scuole elementari 1.3.2.4 - Scuole medie 1.3.2.5 - Strutture residenziali per anziani 1.3.2.6 - Farmacie comunali 1.3.2.7 - Rete fognaria in Km n 4 n. 11 n. 8 n. 4 n. 2 ESERCIZIO IN CORSO Anno 2010 posti n. 78 posti n. 967 posti n. 1749 posti n. 1057
posti n.

PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE Anno 2011 78 999 1914 1113 48 n. 5 0,00 0,00 0,00 s X no 191,00 no 0 0.00 0 0,00 s X n. Anno 2012 100 1000 1920 1150 48 5 0,00 0,00 0,00 no 191,00 no 0 0.00 0 0,00 s X n. Anno 2013 100 1000 1920 1150 48 5 0,00 0,00 0,00 no 191,00 no 0 0 0,00 0,00 0,00 no X no X 0 0 X 0

48 5 0,00 0,00 0,00

n.
- bianca - nera - mista

1.3.2.8 - Esistenza depuratore 1.3.2.9 - Rete acquedotto in Km 1.3.2.10 - Attuazione servizio idrico integrato 1.3.2.11 - Aree verdi, parchi, giardini 1.3.2.12 - Punti luce illuminazione pubblica 1.3.2.13 - Rete gas in Km 1.3.2.14 -Raccolta rifiuti in quintali
- civile - industriale - differenziata

s X n. hq. n.

no 191,00 no 0 0.00 0 0,00

s X n. hq. n.

s X n. hq. n.

s X n. hq. n.

30.000,00 0,00 X no no X 75 44 170

s s n. n. s n.

31.000,00 0,00 X no no X 75 44 180

s s n. n. s n.

32.000,00 0,00 X no no X 75 44 180

s s n. n. s n.

1.3.2.15 - Esistenza discarica 1.3.2.16 - Mezzi operativi 1.3.2.17 - Veicoli 1.3.2.18 - Centro elaborazione dati 1.3.2.19 - Personal computer 1.3.2.20 - Altre strutture (specificare)

s n. n. s X n.

no

no

no

no

1.3.3 - ORGANISMI GESTIONALI


ESERCIZIO IN CORSO PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE ANNO 2011 n.. n.. n.. n.. n.. n.. n.. ANNO 2012 n.. n.. n.. n.. n.. n.. n.. ANNO 2013

TIPOLOGIA
ANNO 2010

1.3.3.1 Consorzi 1.3.3.2 Aziende 1.3.3.3 Istituzioni 1.3.3.4 Societ di capitali 1.3.3.5 Concessioni 1.3.3.6 Unione di comuni 1.3.3.7 Altro

n.. n.. n.. n.. n.. n.. n..

2 1 0 6 0 0 1

2 1 0 6 0 0 1

2 1 0 6 0 0 1

n.. n.. n.. n.. n.. n.. n..

2 1 0 6 0 0 1

1.3.3 - O R G A N I S M I G E S T I O N A L I
1.3.3.1.1 - Denominazione Consorzio/i
CON.SMA.RI. costituito da tutti i comuni della Provincia di Macerata ad esclusione di Apiro,Poggio S Vicino, Sefro, Cingoli, Morrovalle e Porto Recanati. ATO 3 Autorit di Ambito Territoriale Ottimale n.3 Marche quota di partecipazione 7,67% Mercato Ittico Civitanovese Soc. Cons, arl

1.3.3.1.2 Comune/i associato/i


Ambito territoriale n. XIV servizi sociali Comuni di Civitanova Marche- Morrovalle-MontecosaroMontefano-Mntelupone-Porto Potenza Picena-Recanati-Porto Recanati-Monte San Giusto

1.3.3.2.1 - Denominazione Azienda


Azienda Speciale Cine Teatro Rossini costituita dal Comune di Civitanova Marche Civita.s Societ a responsabilit limitata uni personale quota 100% comunale Civita Palace Srl quota 100% del Comune di Civitanova Marche

1.3.3.2.2 Ente/i Associato/i

1.3.3.3.1 - Denominazione Istituzione/i


Non sono presenti istituzioni

1.3.3.3.2 Ente/i Associato/i

1.3.3.4.1 - Denominazione S.p.A


1) ATAC Civitanova S.p.A. il cui capitale detenuto dal Comune di Civitanova Marche con quota del 100% 2) Farmacie comunali S.p.A. il cui capitale sociale detenuto dal Comune di Civitanova Marche con quota del 100% 3) Societ per lAcquedotto del Nera S.p.A.

1.3.3.4.2 Ente/i Associato/i

1.3.3.5.1 - Servizi gestiti in concessione e Soggetti che svolgono i servizi


1) Servizio Gestione e riscossione Tosap, Imposta sulla pubblicit e diritti pubbliche affissioni affidato alla Ditta ICA SpA 2) Servizio Parcometri zona centro in gestione alla Civita.s srl 3) servizio lampade votive cimiteriali allAtac SpA

1.3.3.6.1 Non sono state costituite unioni di comuni 8

1.3.3.7.1 - Altro (specificare)

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011 - 2012 - 2013

SEZIONE 2

ANALISI DELLE RISORSE

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


Provincia di MACERATA

10

2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO


2.1.1 - QUADRO RIASSUNTIVO 2.2.1.1
ENTRATE
Tributarie Contributi e trasferimenti correnti Extratributarie TOTALE ENTRATE CORRENTI Proventi oneri di urbanizzazione destinati a manutenzione ordinaria del patrimonio Avanzo di amministrazione applicato per spese correnti TOTALE ENTRATE UTILIZZATE PER SPESE CORRENTI E RIMBORSO PRESTITI (A) Alienazione di beni e trasferimenti capitale Proventi oneri di urbanizzazione destinati a investimenti Accensione mutui passivi Altre accensione di prestiti Avanzo di amministrazione applicato per: - fondo ammortamento - finanziamento investimenti TOTALE ENTRATE C/CAPITALE DESTINATI A INVESTIMENTI (B) Riscossione crediti Anticipazioni di cassa TOTALE MOVIMENTO FONDI (C) TOTALE GENERALE (A+B+C)

2008 (accertamenti) 1
18.083.131,81 11.260.488,78 5.300.799,78 34.644.420,37 1.157.982,25 0,00 35.802.402,62 1.812.208,77 784.308,31 4.207.000,00 0,00 0,00 35.000,00 6.838.517,08 0,00 223.280,63 223.280,63 42.864.200,33

TREND STORICO 2009 (accertamenti) 2


17.853.535,67 14.005.360,16 4.949.068,41 36.807.964,24 522.281,23 228.009,56 37.558.255,03 1.717.113,94 834.059,68 6.227.383,14 0,00 0,00 0,00 8.778.556,76 0,00 1.844.681,38 1.844.681,38 48.181.493,17

2010 (previsioni) 3
19.390.383,76 12.764.313,16 5.588.748,47 37.743.445,39 2.519.000,00 152.822,52 40.415.267,91 13.939.844,05 2.029.480,00 13.906.041,13 0,00 0,00 0,00 29.875.365,18 48.736,37 8.000.000,00 8.048.736,37 78.339.369,46

PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE 2011 2012 2013 (previsioni) (previsioni) (previsioni) 4 5 6


19.631.892,32 11.285.956,28 4.988.395,87 35.906.244,47 2.165.500,00 670.717,74 38.742.462,21 13.576.491,82 1.090.000,00 8.594.000,00 0,00 0,00 0,00 23.260.491,82 0,00 8.000.000,00 8.000.000,00 70.002.954,03 37.658.778,61 15.744.653,82 855.000,00 8.540.616,44 0,00 36.132.843,72 8.426.501,82 2.355.000,00 6.390.000,00 0,00 20.760.695,02 10.228.389,91 4.819.193,68 35.808.278,61 1.850.500,00 21.020.695,02 10.182.849,02 4.929.299,68 36.132.843,72 0,00

% scostamento della col. 4 rispetto alla col.3 7


1,25% -11,58% -10,74% -4,87% -14,03%

-4,14% -2,61% -46,29% -38,20% 0,00%

25.140.270,26 0,00 8.000.000,00 8.000.000,00 70.799.048,87

17.171.501,82 0,00 8.000.000,00 8.000.000,00 61.304.345,54

-22,14% -100,00% 0,00% -0,61% -10,64%

11

2.2 - ANALISI DELLE RISORSE


2.2.1 - ENTRATE TRIBUTARIE 2.2.1.1 ENTRATE IMPOSTE TASSE TRIBUTI SPECIALI ED ALTRE ENTRATE PROPRIE TOTALE 2.2.1.2 2008 (accertamenti) 1 12.479.987,73 5.456.904,79 146.239,29 18.083.131,81 TREND STORICO 2009 (accertamenti) 2 12.101.787,79 5.613.769,25 137.978,63 17.853.535,67 2010 (previsioni) 3 12.530.195,02 6.710.188,74 150.000,00 19.390.383,76 PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE % scostamento della col.4 rispetto 2011 2012 2013 alla col.3 (previsioni) (previsioni) (previsioni) 4 5 6 7 12.635.195,02 13.095.195,02 13.120.195,02 0,84 6.886.697,30 7.550.500,00 7.780.500,00 2,63 110.000,00 19.631.892,32 115.000,00 20.760.695,02 120.000,00 21.020.695,02 -26,67 1,25

IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

ALIQUOTE ICI 2010 ICI 1^ CASA ICI 2^ CASA Fabbricati produttivi Altro TOTALE 5,500 7,000 7,000 7,000 2011 5,500 7,000 7,000 7,000

GETTITO DA EDILIZIA RESIDENZIALE (A) (previsioni) (previsioni) 2010 2011 0,00 0,00 0,00 3.367.605,27 0,00 0,00 0,00 3.367.605,27

GETTITO DA EDILIZIA NON RESIDENZIALE (B) (previsioni) (previsioni) 2010 2011

TOTALE DEL GETTITO 2011 (A+B) 0,00 3.367.605,27 2.564.429,04 567.965,69 6.500.000,00

0,00 0,00 0,00

2.564.429,04 567.965,69 3.132.394,73

12

13

2.2.1.3 Valutazione, per ogni tributo, dei cespiti imponibili, della loro evoluzione nel tempo, dei mezzi utilizzati per accertarli: COMPARTECIPAZIONE IRPEF A decorrere dallesercizio 2009 laliquota di compartecipazione determinata nella misura dello 0,75% dellimponibile erariale del penultimo anno precedente lesercizio di riferimento. Pur se allocata la Titolo I, rappresenta in effetti una sorta di trasferimento statale non avendo il Comune alcuna possibilit di regolamentare limposta. La compartecipazione allIrpef stanziata nellesercizio 2011 pari ad euro 695.195,02 e trova allocazione al cap. 35 dellentrata.

ADDIZIONALE IRPEF
La previsione del gettito delladdizionale IRPEF, allocata al cap. 33.1, di euro 3.500.000,00 con una riduzione di euro 50.000,00 rispetto allassestato 2010, tenendo conto dellandamento degli accertamenti. Resta confermata laliquota dello 0,8% e la soglia di esenzione pari ad euro 7.500,00 prevista per redditi derivanti esclusivamente da lavoro dipendente, pensione e assimilati.

ICI
Limposta comunale sugli immobili, colpisce i fabbricati, le aree edificabili, i terreni agricoli. La base imponibile rappresentata dal valore degli immobili , determinato con specifici criteri a seconda che si tratti di: - fabbricati iscritti o iscrivibili in catasto; - fabbricati classificati in categoria D non iscritti in catasto e interamente posseduti da imprese; - aree edificabili - terreni agricoli Limposta dimostra una limitata elasticit di introito, in quanto il suo incremento legato essenzialmente a diversi fattori economici: - sviluppo edilizio; - recupero evasione; - revisione dei valori immobiliari. Labolizione poi dellICI sulla 1^ casa fa si che il gettito possa diminuire in virt della destinazione degli immobili privati a residenza principale. Non si ritenuto operare alcuna variazione in ordine allImposta comunale sugli immobili, per cui le aliquote vigenti per lesercizio 2011 sono quelle approvate con delibera di Giunta Comunale n. 122 del 24/3/2003 . In relazione allattuale normativa sulla prima casa, per la quale lICI stata abolita, lo stanziamento corrente allocato al cap.31 pari ad euro 6.500.000,00 Il gettito previsto nel 2011 per attivit di recupero pari ad euro 450.000,00 allocato al cap. 31.1. La Societ Civita.s , nella propria relazione, ha evidenziato quanto segue: Ici ordinaria In sede di Bilancio di previsione sono stati proposti dalla scrivente Societ 6.500.000,00 di ICI ordinaria utilizzando il criterio di competenza su indicazione del Servizio Bilancio. Ici recuperi In sede di Bilancio di previsione sono stati proposti dalla scrivente Societ 450.000,00 di ICI da recuperi utilizzando il criterio di competenza su indicazione del Servizio Bilancio. Tale previsione stata predisposta basandosi su tre filoni di lavoro.

Il primo consiste in una stampa prodotta dal programma Ascot Insiel e relativo ai fabbricati non dichiarati dai contribuenti ed ai fabbricati con differenze dimposta secondo una strategia gi avviata nellanno 2010. Il secondo consiste nel controllo dei fabbricati con classa mento incongruo comunque avviato a fine anno 2010. Il terzo filone di lavoro di entit non molto rilevante riguarda lattivit su aree soggette a sanatoria nellanno 2008 per i soggetti che non hanno correttamente adempiuto agli oneri derivanti dalla sanatoria medesima. Lentit non rilevante dovuta al fatto che ladesione alla sanatoria ha comportato laumento dellentit dellordinario.. Si precisa che dallinizio dellanno il personale del settore ICI stato impegnato per una parte dellanno nella redazione della relazione sullattivit svolta per Civita.S srl dal Geometra De Florio e nella redazione del ruolo Ici 2008 a firma del Dirigente comunale Dott. Ripari Roberto.

TARSU
Con atto di Giunta comunale n.171 del 30.4.2010, stato approvato laumento del 10% delle tariffe in vigore, che pertanto risultano le seguenti:
Codice - Categoria A1 A2 A3 A4 A5 A6 A7 B1 B2 B3 B4 B4 BIS B4 TER B5 B5 BIS C1 C2 C3 C4 D1 D2 D3 D4 D5 E1 E2 E3 E4 E4 E5 F1 F2 F3 F4 F5 F6 Tariffa 2010 0,57 0,80 0,91 1,03 2,48 1,73 1,16 5,89 4,00 1,18 2,35 0,70 0,36 2,35 0,70 1,34 1,77 2,88 1,73 2,35 3,18 5,18 4,03 3,45 2,35 2,87 2,87 4,13 4,13 5,18 7,06 6,49 8,24 8,62 7,06 7,47 /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq /Mq

Laccertamento e la riscossione della Tarsu, affidata alla Civita.s, che ha trasmesso in merito le seguenti indicazioni: Tarsu ordinaria (Elenco di carico 2011 S1): 4.596.543,00 (al netto di Eca/meca e Trib. Prov.le). Si tratta dellimporto derivante dallelenco di carico elaborato dal programma Ascot-Insiel al 31.12.2010. Si precisa che si registrato un incremento del gettito rispetto allannualit 2010 di 90.000,00 circa. Tarsu ordinaria (senza elenco di carico 2011: somme dovute da attivit orinaria in tempo reale R1) Detta voce non era stata inserita nel Bilancio di previsione 2010, in quanto, trattandosi di attivit che veniva iniziata nellanno 2010 medesimo, non se ne conoscevano gli sviluppi. Poich detta attivit, come evidenziato nella relazione al 31.12.2010, ha comportato un importo di euro 96.477,27 (al netto di Eca/meca e trib.prov.), si ritenuto opportuno confermare la stessa con un lieve arrotondamento per lanno 2011 Tarsu recuperi (Senza Elenco di Carico 2011: somme derivate da emissione di avvisi di accertamento su annualit pregresse R1): 700.000,00 (al netto di Eca/meca e Trib. Prov.le). Tale somma (maggiore di circa 40.000,00 rispetto al 2010) prevista in virt dallavvio di procedure specifiche di controllo per le attivit artigianali e industriali (Zona Ind.le A e B), attivit commerciali (Zona comm.le uscita A-14), attivit esercenti del centro citt e attivit di somministrazione su tutto il territorio comunale nonch controlli su unit di civile abitazione con particolare attenzione alle zone extraurbane, nella considerazione che le valutazioni operate dallufficio scrivente hanno individuato in tali tipologie quelle a pi spiccata evasione totale e parziale. Tale attivit dovrebbe essere accelerata dallutilizzo del programma Silver Broser. A ci si aggiunge la verifica sui nuclei familiari iscritti in anagrafe ma risultanti privi di posizioni Tarsu. - ulteriori 400,000,00 ( al netto di Eca/meca e Trib. Prov.le) Si ritenuto opportuno integrare la somma di cui sopra, aggiungendo questo ulteriore ammontare di recuperi dovuto ad attivit di controllo e verifica sulle aree scoperte operative. Pertanto , nellanno 2011 la previsione corrente pari ad euro 5.166.197,30 (cap.52 e cap. 54) ed euro 1.210.000,00 per attivit di recupero (cap. 53 e cap. 54/1)

TOSAP, IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI


Si applica a tutte le occupazioni, permanenti o temporanee, di qualsiasi natura, effettuate nelle strade, nei corsi, sulle piazze e comunque appartenenti al demanio o al patrimonio comunale, ivi compresi gli spazi sovrastanti o sottostanti al suolo pubblico, nonch alle aree assoggettate a servit di pubblico passaggio. Per quanto riguarda la Tassa di occupazione permanente e temporanea del suolo pubblico, le tariffe in vigore sono quelle adottate con delibera di Giunta Comunale n.88 del 28/02/2003. Il servizio di accertamento e riscossione curato dalla Ditta ICA S.p.A.. La previsione del 2010 pari: - ad euro 270.000,00 per loccupazione permanente (cap. 42) - ad euro 10.000,00 per recupero partite arretrate (cap.45)

ad euro 220.000,00 per la temporanea (cap. 50) ad euro 10.000,00 per recupero temporanea (cap. 51).

IMPOSTA PUBBLICITA E DIRITTI DI PUBBLICA AFFISSIONE Si applica ai mezzi pubblicitari presenti sul territorio comunale, cos suddivisi: - impianti di affissione pubblica e impianti di affissione diretta; - cartelli pubblicitari; - altri mezzi di pubblicit e propaganda La misura dellimposta calcolata in base alla superficie del mezzo pubblicitario, mentre i diritti sulle pubbliche affissioni sono calcolati a giorno per manifesto, tenendo in considerazione gli impianti collocati in categoria normale e speciale. Sono riconfermate le tariffe approvate con atto di Giunta n.88 del 28.2.2003. Il gettito dellimposta sulla pubblicit stato cos previsto con riferimento allandamento degli accertamenti rilevati negli esercizi precedenti e alle nuove condizioni contrattuali con la Ditta ICA: - per euro 1.000.000,00 al cap. 36 con una diminuzione rispetto allassestato 2010 di euro 50.000,00 - per euro 40.000,00 per recupero quote arretrate al cap. 36.1.. Il gettito dei diritti pubbliche affissioni stimato: - per euro 100.000,00 al cap. 66 - per euro 10.000, al cap. 66.1 per recupero partite arretrate 2.2.1.4 Per l ICI indicare la percentuale dincidenza delle entrate tributarie dei fabbricati produttivi sulle abitazioni 7 per mille: Si rinvia al prospetto indicato in precedenza

2.2.1.5 Illustrazione delle aliquote applicate e dimostrazione della congruit del gettito iscritto per ciascuna risorsa nel triennio in rapporto ai cespiti imponibili: Le risorse previste sono congrue in relazione alla gestione accertata negli anni precedenti e allattivit accertatoria posta in essere dalla Civita.s S.r.l. societ a totale capitale dellente costituita per la gestione dei tributi di competenza comunale.

2.2.1.6 Indicazione del nome, del cognome e della posizione dei responsabili dei singoli tributi: Nellambito comunale responsabile dei tributi il Dott. Passarelli Marco, Dirigente del settore IV. La gestione degli accertamenti per Ici, Tarsu e occupazione suolo pubblico, affidata allAzienda Civita.s. srl uninominale di propriet interamente comunale. Per limposta sulla pubblicit, diritti di affissione, Tarsu giornaliera la competenza della Ditta ICA spa di La Spezia. 2.2.1.7 Altre considerazioni e vincoli: La risorsa delle entrate tributarie risulta sempre pi rilevante nel budget finanziario dellEnte in quanto la fiscalit statale impone agli Enti Locali di coprire con risorse proprie le spese di gestione riducendo gli interventi statali. Le verifiche fiscali in corso stanno confermato una perequazione fiscale, attraverso leliminazione delle sacche di evasione accertate. Il recupero di base imponibile a tassazione potr comportare anche riduzioni tariffarie compensative.

Tuttavia la vigenza dellart. 1, comma 7, del decreto-legge 27.5.2008, n.93 che sospende la possibilit per ogni ente di applicare aumenti tributari (ad eccezione della Tarsu), delle addizionali, delle aliquote ovvero delle maggiorazioni di aliquote dei tributi, impedisce di fatto qualsiasi possibilit di revisione, limitando lautonomia impositiva dellente.

2.2 - ANALISI DELLE RISORSE


2.2.2 - CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI 2.2.2.1 TREND STORICO ENTRATE 2008 (accertamenti) 1 7.841.537,07 2.043.005,73 352.691,94 0,00 1.023.254,04 11.260.488,78 2009 (accertamenti) 2 8.756.693,90 3.886.801,71 226.022,72 0,00 1.135.841,83 14.005.360,16 2010 (previsioni) 3 7.861.009,84 3.152.322,42 500.000,00 0,00 1.250.980,90 12.764.313,16 PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE 2011 (previsioni) 4 7.393.662,45 2.261.144,17 450.000,00 0,00 1.181.149,66 11.285.956,28 2012 (previsioni) 5 7.035.279,74 2.153.710,89 0,00 0,00 1.039.399,28 10.228.389,91 % scostamento della col.4 2013 rispetto alla (previsioni) col.3 6 7 6.989.738,85 -5,95 2.153.710,89 0,00 0,00 1.039.399,28 10.182.849,02 -28,27 -10,00 0,00 -5,58 -11,58

CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DALLO STATO CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DALLA REGIONE CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DALLA REGIONE PER FUNZIONI DELEGATE CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI DA PARTE DI ORGANISMI COMUNITARI ED INTERNAZIONALI CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DA ALTRI ENTI DEL SETTORE PUBBLICO TOTALE

2.2.2.2 Valutazione dei trasferimenti erariali programmati in rapporto ai trasferimenti medi nazionali, regionali e provinciali: Il quadro finanziario dei Comuni si inserisce in un contesto di finanza pubblica sensibilmente destabilizzato ed indebolito dalla crisi economica. La manovra finanziaria adottata nellestate del 2010, ha imposto pesanti tagli ai trasferimenti per gli enti locali ed ha stabilito stringenti misure di contenimento delle spese correnti. In relazione ai trasferimenti erariali, il contributo ordinario viene ridimensionato di euro 1.009.817,58 nel 2011. Il fondo sviluppo investimenti si riduce in conseguenza dei progressivi esaurimenti dei mutui per i quali non vengono pi attribuiti i contributi statali sulle rate di ammortamento. Gli importi previsti nel triennio 2011-2013 sono rispettivamente euro 221.327,35, euro 169.527,59 ed euro 123.986,70. Viene confermata la previsione del trasferimento compensativo dellIci sullabolizione dellimposta sullabitazione principale, alla luce della copertura finanziaria garantita dalla Legge 191/2009 . Sul medesimo fronte vengono previsti euro 306.582,95 quale completamento del rimborso dellICI prima casa allanno 2008, che ha trovato finanziamento nella legge di bilancio dello Stato per lesercizio 2011. Rispetto al 2010, si evidenzia una riduzione dei trasferimenti correnti dello Stato. 2.2.2.3 Considerazioni sui trasferimenti regionali in rapporto alle funzioni delegate o trasferite, ai piani o programmi regionali di settore: Relativamente ai trasferimenti regionali, il Bilancio 2011 prevede risorse correnti per euro 2.261.144,17 ed euro 450.000,00 per funzioni delegate (porto) Sono state previste somme derivanti da contribuzione regionale in parte a destinazione vincolata , di cui si segnalano: 1) Abbattimento barriere architettoniche per Euro 35.000,00; 2) Fondi canone di locazione per Euro 200.000,00; 3) Fondi per buoni libro per scuole superiori per euro 45.000,00; 4) Fondi per asilo nido per euro 57.000,00; 5) Fondi per borse di studio per euro 44.000,00. 6) Fondi regionali per assistenza domiciliare diretta per euro 31.644,22 7) Fondi regionali per servizi a sostegno degli handicap per euro 488.761,98; 8) Finanziamenti regionali per lambito 893.039,12 9) Fondi regionali per vari interventi nellambito sociale euro 586.276,12 10) Contributo per assistenza minori per euro 85.000,00 11) Fondi per immigrati per euro 50.000,00; 15) Contributi regionali su mutui in ammortamento per euro 384.980,31 16) Contributi per manutenzione area portuale per euro 450.000,00 17) Fondo unico regionale per euro 100.000,00 18) Progetto le stagioni del pesce per euro 16.000,00 19) Contributo per Civitanova Danza per euro 50.000,00 20) Contributo a favore di immigrati per euro 42.693,50 Il quadro complessivo dei trasferimenti regionali evidenzia una flessione in termini complessivi , anche se la dimensione reale dei medesimi andr verificata in corso dellesercizio. 2.2.2.4 Illustrazione altri trasferimenti correlati ad attivit diverse (convenzioni, elezioni, Leggi speciali ecc.): Non vi sono particolari finanziamenti da evidenziare

In questa categoria rientrano i contributi dalla provincia, contributi dai comuni per la gestione dei servizi nellambito e contributi da privati per attivit culturali. Sono stati previsti contributi dalla Provincia per : 1) Civitanova danza per euro 15.000,00 2) Civitanova Arte per euro 8.000,00 3) Contributo trasporti pubblici per euro 702.195,00 4) Contributo provinciale per progetto ex ONMI euro 45.092,00 5) Contributo provinciale per servizio sollievo per euro 85.554,27 6) Finanziamento settimana corta 56.350,28 Tra i contributi correnti previsti da altri enti e privati si segnalano: 1- Fondi dai Comuni per gestione servizi associati per euro 85.856,20; 2- Contributi da Banca delle Marche per iniziative culturali diverse euro 77.000,00; 3- Contributo Banca delle Marche per attivita ordinaria per Euro 44.000,00 4 - Contributi per social card per euro 40.000,00.

2.2 - ANALISI DELLE RISORSE


2.2.3 - PROVENTI EXTRATRIBUTARI 2.2.3.1 TREND STORICO ENTRATE 2008 (accertamenti) 1 3.628.688,65 319.009,31 213.754,06 310.525,74 828.822,02 5.300.799,78 2009 (accertamenti) 2 3.189.027,15 406.652,37 190.644,77 177.000,00 985.744,12 4.949.068,41 2010 (previsioni) 3 3.919.452,37 369.723,44 89.500,00 160.000,00 1.050.072,66 5.588.748,47 PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE 2011 (previsioni) 4 3.624.900,00 418.828,00 54.000,00 100.000,00 790.667,87 4.988.395,87 2012 (previsioni) 5 3.716.594,00 372.328,00 59.000,00 65.000,00 606.271,68 4.819.193,68 % scostamento della col.4 2013 rispetto alla (previsioni) col.3 6 7 3.812.900,00 -7,52 376.128,00 13,28 64.000,00 -39,66 65.000,00 611.271,68 4.929.299,68 -37,50 -24,70 -10,74

PROVENTI DEI SERVIZI PUBBLICI PROVENTI DEI BENI DELL'ENTE INTERESSI SU ANTICIPAZIONI E CREDITI UTILI NETTI DELLE AZIENDE SPECIALI E PARTECIPATE. DIVIDENDI DELLE SOCIETA' PROVENTI DIVERSI TOTALE

2.2.3.2 Analisi quali-quantitative degli utenti destinatari dei servizi e dimostrazione dei proventi iscritti per le principali risorse in rapporto alle tariffe per i servizi stessi nel triennio: Le previsioni , comunicate dai dirigenti responsabili dei servizi, tengono conto in linea generale del trend storico, in quanto al momento non vi sono ampliamenti dei servizi esistenti. Per lesercizio 2011 le tariffe rimangono invariate Lentrata comprende le risorse dei vari servizi istituzionali, a domanda individuale, beni dellente, utili delle partecipate, interessi attivi sulle giacenze di cassa e sui mutui in ammortamento I servizi a domanda individuale sono rappresentati da quei servizi pubblici, gestiti direttamente dal comune, per i quali lente percepisce entrate a titolo di tariffe o di contribuzioni specificatamente destinate. Si tratta, in linea generale, di attivit poste in essere non per obbligo istituzionale, ma come risposta alle richieste degli utenti, i quali contribuiscono, sia pur parzialmente , ai costi del servizio. Pur venendo meno, per gli enti non dissestati, lobbligo di copertura minima del 36% dei costi dei servizi con i proventi tariffari , lente predispone una apposita tabella nella quale indica il raggiungimento percentuale di copertura dei servizi gestiti. Le varie categorie dei servizi a domanda individuale sono state disciplinate del D.M.31 dicembre 1983 e seguenti. Con decreto ministeriale 2 maggio 1993, stata introdotta una nuova classificazione dei servizi prevedendo quella dei servizi indispensabili. Essi sono rappresentativi delle condizioni minime di organizzazione dei servizi pubblici locali diffusi sul territorio con caratteristiche di uniformit. Per i Comuni vi rientrano i servizi connessi agli organi istituzionali, allanagrafe e allo stato civile, polizia locale e amministrativa, nettezza urbana, fognatura e depurazione, cimiteriali ecc. I 2.2.3.3 Dimostrazione dei proventi dei beni dellente iscritti in rapporto allentit dei beni ed ai canoni applicati per luso di terzi, con particolare riguardo al patrimonio disponibile:
I proventi della locazione del patrimonio disponibile sono congrui rispetto ai valori di mercato e alle tipologie di bene dato in uso a terzi. I canoni applicati vengono aggiornati in base agli indici ISTAT secondo le disposizioni di legge e alla modalit contrattuali.

2.2.3.4 Altre considerazioni e vincoli: Gli interessi attivi sulle giacenze di tesoreria sono stati previsti tenendo conto del tasso vigente, mentre gli interessi sulle somme rivenienti dai mutui contratti con la Cassa Depositi e Prestiti sono stati previsti al tasso attualmente praticato dallistituto finanziatore ed in relazione ai tempi di realizzazione delle opere pubbliche che con detti mutui sono finanziati

2.2 - ANALISI DELLE RISORSE


2.2.4 - CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI IN C/C CAPITALE 2.2.4.1 TREND STORICO ENTRATE 2008 (accertamenti) 1 1.109.752,75 257.000,86 117.011,47 26.912,37 2.243.821,88 3.754.499,33 2009 (accertamenti) 2 213.811,20 18.153,82 0,00 818.667,40 2.022.822,43 3.073.454,85 2010 (previsioni) 3 2.744.109,00 138.151,49 5.379.715,20 1.220.789,00 9.005.559,36 18.488.324,05 PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE 2011 (previsioni) 4 3.704.000,00 838.153,82 4.340.000,00 800.789,00 7.149.049,00 16.831.991,82 2012 (previsioni) 5 5.300.000,00 1.528.153,82 7.116.500,00 0,00 4.505.500,00 18.450.153,82 % scostamento della col.4 2013 rispetto alla (previsioni) col.3 6 7 5.352.348,00 34,98 18.153,82 506,69 2.950.000,00 -19,33 0,00 2.461.000,00 10.781.501,82 -34,40 -20,62 -8,96

ALIENAZIONE DI BENI PATRIMONIALI TRASFERIMENTI DI CAPITALE DALLO STATO TRASFERIMENTI DI CAPITALE DALLA REGIONE TASFERIMENTI DI CAPITALE DA ALTRI ENTI DEL SETTORE PUBBLICO TRASFERIMENTI DI CAPITALE DA ALTRI SOGGETTI TOTALE

2.2.4.2 Illustrazione dei cespiti iscritti e dei loro vincoli nellarco del triennio:
La previsione di alienazione dei beni patrimoniali, (terreni o fabbricati), si deve fondare su una ricognizione dei cespiti di propriet comunale che possono essere immessi sul mercato in tempi brevi. Occorre rilevare che questa fonte di finanziamento, legata alle dismissioni patrimoniali, ha comunque un andamento legato alle condizioni di mercato, in quanto domanda ed offerta devono essere tali per cui questi beni immobili esercitino attrattive per gli investitori privati Nella categoria delle alienazioni patrimoniali, nellesercizio 2011 stata prevista lalienazione di unarea Zavatti per euro 1.100.000,00 da destinare alla realizzazione dei Lavori di completamento opere di urbanizzazione e riqualificazione urbana lato est Viale Matteotti per euro 700.000,00 e allintervento per nuove opere di urbanizzazione e riqualificazione urbana, lato ovest, dal Torrente Castellaro al Torrente Maranello per euro 400.000,00. Inoltre sono stati confermati nel triennio gli interventi nelle aree PEEP con vendita e acquisto di aree rispettivamente per euro 1.100.000,00 nel 2011, euro 3.800.000,00 nel 2012 e 3.852.348,00 nel 2013. La costruzione dei loculi cimiteriali e la corrispondente entrata derivante dalle concessioni cimiteriali sono previste nel triennio per euro 1.500.000,00 in ciascuno degli anni 2011, 2012 e 2013.

Come per gli esercizi precedenti, il fondo ordinario degli investimenti assegnato dallo Stato ammonta nel triennio ad euro 18,153,82 ed destinato per euro 5.830,51 ad interventi nella protezione civile, per euro 12.119,81 per interventi nel campo dei trasporti e per euro 203,50 nel campo pubblica istruzione Nellesercizio 2011 dal Ministero stato previsto un contributo di euro 420.000,00 per il finanziamento dei lavori necessari alla sistemazione del territorio per calamit naturali verificatesi negli ultimi mesi dello scorso anno e di euro 400.000,00 per un progetto di sharing bike. Nellesercizio 2012 sono previsti i seguenti ulteriori contributi ministeriali destinati ad investimento: 1- sistemazione fosso Trabocco per euro 860.000,00; 2- riqualificazione urbana Civitanova Alta per euro 650.000,00. I trasferimenti di capitale dalla Regione Marche riguardano i seguenti investimenti, per un totale di euro 4.340.000,00: anno 2011 - euro 2.000.000,00 cofinanziamento POR CRO FERS 2007-2012 intervento 4.2.1.52.03 - euro 200.000,00 collegamento nuovo quartiere fieristico; - euro 800.000,00 per riallineamento scogliere Fontespina zona Caronte - euro 10.000,00 per progetto sicurezza - euro 10.000,00 per ripascimento sabbia - euro 500.000,00 per struttura anziani non autosufficienti - euro 450.000,00 riallineamento scogliere Fontespina - euro 100.000,00 video sorveglianza area portuale - euro 270.000,00 lavori di dragaggio area portuale anno 2012 per complessivi 7.116.500,00 destinati a: euro 245.000,00 riqualificazione campo Boario di Civitanova Alta euro 80.500,00 pubblica illuminazione F.lli Bandiera; euro 1.560.000,00 alloggi popolari in zona Tiro a segno euro 111.000,00 ammodernamento Villa Letizia euro 200.000,00 prolungamento sottobanchina lungomare nord euro 100.000,00 impianto antincendio area portuale euro 270.000,00 lavori di dragaggio area portuale euro 4.550.000,00 per riqualificazione Via del Sole anno 2013 per complessivi euro 2.950.000,00 destinati a: euro 1.200.000,00 contributo UMI 9.2.11- 9.2.13 9.2.16 euro 1.750.000,00 alloggi popolari in zona Tiro a segno

Nel bilancio 2011 la Provincia ha concesso un contributo per euro 800.789,00 per la realizzazione di alloggi popolari Nellesercizio 2011 sono previsti altri contributi da enti e privati per complessivi euro 3.893.549,00 destinati al finanziamento dei seguenti investimenti: - per euro 993.297,00 per collegamento viario nuovo quartiere fieristico - per euro 250.000,00 POR CRO FERS 2007-2012 intervento 4.2.1.52.03 - per euro 50.000,00 per monetizzazione aree - per euro 1.600.252,00 per realizzazione edifici economici zona Risorgimento - per euro 1.000.000,00 per euro costruzione strutture anziani non autosufficienti nellesercizio 2012 sono previsti i seguenti contributi per complessivi euro 1.800.000,00: - per euro 800.000,00 da ERAP per costruzione alloggi zona Tirassegno; - per euro 950.000,00 per prolungamento strada Castelfidardo - per euro 50.000,00 per monetizzazione aree Nellesercizio 2013 previsto un contributo di euro 56.000,00 per ascensore scuola Mestica da INAIL edeuro 50.000,00 da monetizzazione aree.

2.2 - ANALISI DELLE RISORSE


2.2.5 - PROVENTI ED ONERI DI URBANIZZAZIONE 2.2.5.1 TREND STORICO ENTRATE 2008 (accertamenti) 1 PROVENTI ONERI DI URBANIZZAZIONE DESTINATI A MANUTENZIONE ORDINARIA DEL PATRIMONIO PROVENTI ONERI DI URBANIZZAZIONE DESTINATI A INVESTIMENTI TOTALE 1.157.982,25 784.308,31 1.942.290,56 2009 (accertamenti) 2 522.281,23 834.059,68 1.356.340,91 2010 (previsioni) 3 2.519.000,00 2.029.480,00 4.548.480,00 PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE 2011 (previsioni) 4 2.165.500,00 1.090.000,00 3.255.500,00 2012 (previsioni) 5 1.850.500,00 855.000,00 2.705.500,00 2013 (previsioni) 6 0,00 2.355.000,00 2.355.000,00 % scostamento della col.4 rispetto alla col.3 7 -14,03 -46,29 -28,43

2.2.5.2 Relazioni tra proventi di oneri iscritti e lattuabilit degli strumenti urbanistici vigenti: Per quanto riguarda lanno 2011, si ipotizzata una entrata per complessivi euro 3.255.500,00 , inferiore allo stanziamento definitivo dellesercizio 2010, determinato anche dagli effetti di trascinamento di operazioni iniziate nel 2010. Le nuove costruzioni edilizie e le ristrutturazioni rimangono condizionate a fattori in parte fisiologici, ascrivibili al livello di urbanizzazione raggiunto, alladozione di nuovi strumenti urbanistici e alla recessione economica . 2.2.5.3 Opere di urbanizzazione eseguite a scomputo nel triennio: entit ed opportunit: Gli interventi a scomputo degli oneri di urbanizzazione secondaria di norma vengono programmati allinizio di ogni anno. Il quadro di riferimento per lindividuazione di tali interventi deve tenere necessariamente conto sia della contestuale attuazione dellintervento privato sia delle necessit dellEnte. In sede di approvazione, il piano di lottizzazione deve comprendere il progetto preliminare dellopera da scomputare con la verifica della congruit dei prezzi. La convenzione del piano di lottizzazione stabilisce la tempistica di attuazione dellopera e limporto della fidejussione a garanzia dellopera stessa per lintero importo. Detti interventi non hanno movimentazione finanziaria nel bilancio dellente, ma devono essere recepite esclusivamente nellambito della contabilit economico-patrimoniale, iscrivendo lopera nellattivo patrimoniale per il valore pari agli oneri non versati e iscrivendo contestualmente nel passivo patrimoniale alla voce Conferimenti uguale importo. Al momento non sono state comunicate nuove opere a scomputo di oneri di urbanizzazione. 2.2.5.4 Individuazione della quota dei proventi da destinare a manutenzione ordinaria del patrimonio e motivazione delle scelte: Le norme legislative attualmente in vigore, consentono allamministrazione comunale di utilizzare esclusivamente per gli esercizi 2011-2012 tale tipo di risorse per una quota massima non superore al 50% per il finanziamento di spese correnti e per una ulteriore quota non superiore al 25% esclusivamente per spese di manutenzione ordinaria del verde, delle strade e del patrimonio comunale , oltre che per investimenti. Nel triennio in esame, il loro utilizzo viene illustrato nel prospetto seguente.
Parte I Entrata Capitolo Descrizione 2011 500.000,00 700.000,00 1.700.000,00 270.000,00 5.500,00 80.000,00 3.255.500,00 2012 2013 Totale 1.330.000,00 1.840.000,00 4.430.000,00 520.000,00 16.000,00 180.000,00 8.316.000,00

601.01.00 Proventi oneri di urbanizzazione primaria 601.02.00 Proventi oneri di urbanizzazione secondaria 601.03.00 Proventi costo di costruzione 601.04.00 Proventi per interessi, sanzioni ecc 601.05.00 Proventi condono edilizio DL 551/94 601.06.00 Proventi concessione edilizie nuovo condono Totale

450.000 380.000,00 620.000,00 1.400.000,00 150.000,00 5.500,00 80.000,00 2.705.500,00 520.000,00 1.330.000,00 100.000,00 5.000,00 20.000,00 2.355.000,00

LIMITE Massimo a parte corrente 75% Parte II Spesa Capitolo Descrizione

2.441.625,00

2.029.125,00

importo 2011 2012 2013 1.100.000,00 totale 1.100.000,00

2505.03.00 Spese per centro civico San Marone

2510.01.00 Spese per incarichi esterni 2519 manutenzione straordinaria edifici 2528 Trasferimento di fondi per oneri di urbanizzazione 2629 Reimpiego oneri per scuole elementari

230.000,00 210.000,00 70.000,00 50.000,00 20.000,00 60.000,00 0,00 40.000,00

155.000,00 175.000,00 0,00 50.000,00 50.000,00 50.000,00 250.000,00

560.000,00 210.000,00 170.000,00 350.000,00 20.000,00

2636.01.00 Spese per incarichi riferiti all'edilizia scolastica 2746.07.00 Reimpiego oneri servizio fognature 2782.09.00 2796.05.00 2843.07.00 Reimpiego oneri per verde Reimpiego oneri per impianti sportivi Spese per impianti interventi viabilit

100.000,00 100.000,00 0,00 300.000,00 80.000,00 350.000,00 30.000,00

260.000,00 300.000,00 120.000,00 1.120.000,00 90.000,00 4.300.000,00 0,00 24.000,00 18.500,00 19.000,00 103.000,00 28.000,00 42.000,00 46.000,00 40.000,00 7.000,00 42.000,00 144.000,00 331.000,00 1.820.000,00 4.000,00 208.000,00 380.200,00 12.000,00 3.000,00 33.800,00 0,00

380.000,00 390.000,00 30.000,00 30.000,00 1.090.000,00 11.500,00 9.000,00 9.000,00 51.500,00 14.000,00 21.000,00 23.000,00 20.000,00 3.500,00 21.000,00 72.000,00 168.000,00 900.000,00 2.000,00 104.000,00 209.100,00 6.000,00 1.000,00 17.300,00 1.662.900,00 2.752.900,00

2895 Trasferimento di fondi nel campo della viabilit Totale per investimenti 15.01 Sspese prestazioni di servizi organi istituzionali 51.5 80.01.00 160 161.05.00 630 681.05.00 709 1053 1058 1074 1076 1083.02.00 1127.04.00 1521.02.00 1613 1651.05.00 1875.01.00 1902.03.00 Manutenzione ordinaria uffici comunali Spese automezzi servizi generali Manutenzione ordinaria patrimonio Manutenzione ordinaria patrimonio Manutenzione scuole materne Manutenzione scuole elementari Manutenzione scuole medie Manutenzione piscina comunale Manutenzione impianti sportivi Manutenzione strade Manutenzione strade interne ed esterne Manutenzione appalto pubblica illuminazione Spese automezzi protezione civile Manutenzione rete fognante Manutenzione verde pubblico Manutenzione asili nido Manutenzione automezzi servizi sociali Spese manutenzione cimiteri Totale spese correnti capitoli codificati Totale spese

855.000,00 2.355.000,00 12.500,00 9.500,00 10.000,00 51.500,00 14.000,00 21.000,00 23.000,00 20.000,00 3.500,00 21.000,00 72.000,00 163.000,00 920.000,00 2.000,00 104.000,00 171.100,00 6.000,00 2.000,00 16.500,00 1.642.600,00 2.497.600,00 0,00 2.355.000,00

3.305.500,00 7.605.500,00

Capitoli non codificati 0,00 1571.05.00 Spese manutenzione spiaggia e lungomare 1615 Spese gestione verde pubblico 354.05.00 Fondo spese personale ad onere ripartito 354.03.00 Fondo spese arretrati al personale (quota) totale capitoli correnti non codificati quota oneri per parte corrente 208.160,08 273.328,44 20.000,00 1.111,48 502.600,00 3.255.500,00 2.165.500,00 207.900,00 2.705.500,00 1.850.500,00 2.355.000,00 0,00 710.500,00 8.316.000,00 4.016.000,00 207.900,00 416.060,08 273.328,44

2.2 - ANALISI DELLE RISORSE


2.2.6 - ACCENSIONE DI PRESTITI 2.2.6.1 ENTRATE FINANZIAMENTI A BREVE TERMINE ASSUNZIONE DI MUTUI E PRESTITI EMISSIONE DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI TOTALE 2008 (accertamenti) 1 0,00 4.207.000,00 0,00 4.207.000,00 TREND STORICO 2009 (accertamenti) 2 0,00 6.227.383,14 0,00 6.227.383,14 2010 (previsioni) 3 0,00 13.906.041,13 0,00 13.906.041,13 PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE % scostamento della col.4 rispetto 2011 2012 2013 alla col.3 (previsioni) (previsioni) (previsioni) 4 5 6 7 0,00 0,00 0,00 0,00 8.594.000,00 8.540.616,44 6.390.000,00 -38,20 0,00 0,00 0,00 0,00 8.594.000,00 8.540.616,44 6.390.000,00 -38,20

2.2.6.2 Valutazione sullentit del ricorso al credito e sulle forme di indebitamento a mezzo di utilizzo di risparmio pubblico o privato: I vincoli e le regole del patto di stabilit interno per il 2011-2013, nel confermare il calcolo della competenza mista, impongono un contenimento indiretto degli investimenti ed in particolare dellindebitamento, che non viene valorizzato come risorsa utile agli effetti del calcolo del patto di stabilit. In considerazione di queste disposizioni legislative si prevede un contenuto ricorso a nuovi mutui, cercando di coniugare lesigenza di sostegno al programma delle opere pubbliche e degli investimenti da realizzare con le esigenze dettate dagli equilibri di bilancio e dagli obiettivi del patto di stabilit interno, sempre pi difficili da rispettare. LEnte ha programmato lassunzione di prestiti privilegiando la Cassa Depositi e Prestiti, vagliando comunque di volta in volta lassunzione delle operazioni a tasso fisso o a tasso variabile. La scelta del contraente consegue ad una attenta valutazione comparata delle caratteristiche tecniche e del costo delle operazioni di finanziamento. La Cassa Depositi e Prestiti , al momento, in grado di offrire le condizioni di tasso pi favorevoli. I tassi vigenti per i mutui della Cassa sono i seguenti: Tasso fisso Con ammortamento all1.1.2012 Mutui fino a 15 anni Mutui fino a 20 anni Mutui fino a 25 anni Tasso fisso Con ammortamento all1.1.2013 Mutui fino a 15 anni Mutui fino a 20 anni Mutui fino a 25 anni Tasso variabile Con ammortamento all1.1.2012 Mutui fino a 15 anni Mutui fino a 20 anni Mutui fino a 25 anni Tasso variabile Con ammortamento all1.1.2013 Mutui fino a 15 anni Mutui fino a 20 anni Mutui fino a 25 anni

4,565% 4,848% 5,016%

4,606% 4,873% 5,031%

Euribor 1,250 + spread 1,283 = 2,533 Euribor 1,250 + spread 1,374 = 2,624 Euribor 1,250 + spread 1,448 = 2,698

Euribor 1,250 + spread 1,297 = 2,547 Euribor 1,250 + spread 1,386 = 2,636 Euribor 1,250 + spread 1,457 = 2,707

I tassi variabili, differenziati in relazione alla durata e alla decorrenza dellammortamento, sono determinati settimanalmente, di norma ogni venerd. Il periodo di validit dei tassi ha inizio dalle ore 12.00 del giorno di determinazione dei tassi medesimi e termina alle ore 11.59 del giorno della successiva determinazione. Si ritenuto di poter programmare lassunzione di mutui anche con decorrenza dellammortamento dal 1 gennaio del secondo anno successivo alla contrazione al fine di poter garantire la copertura degli oneri finanziari conseguenti, in relazione anche ai tempi di esecuzione di ogni singola opera.

2.2.6.3 Dimostrazione del rispetto del tasso di delegabilit dei cespiti di entrata e valutazione sullimpatto degli oneri di ammortamento sulle spese correnti comprese nella programmazione triennale: La legge 26.2.2011, di conversione del D.L.225/2010 (decreto mille proroghe) ha modificato il limite di impegno per interessi passivi sui mutui, portando il rapporto fra interessi finanziari ed entrate correnti, accertate nel penultimo consuntivo dellanno di assunzione del mutuo, al 12% per lanno 2011, al 10% per lanno 2012 e all8% a decorrere dallanno 2013. La capacit di indebitamento rientra nel limite previsto dallart. 204 del T.U.E.L. , come sopra modificato, calcolato, prudenzialmente sul limite minimo dell8% fin dal primo anno del triennio considerato.. La capacit di indebitamento viene dimostrata dal seguente prospetto: A) Ai primi Tre Titoli delle Entrate del rendiconto 2009 sono state accertate le seguenti somme: Titolo I - ENTRATE TRIBUTARIE 17.853.535,67

Titolo II - ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DELLO STATO, DELLA REGIONE E DI ALTRI EE.PP., ANCHE IN RAPPORTO ALLESERCIZIO DI FUNZIONI DELEGATE DALLA REGIONE 14.005.360,16 Titolo III - ENTRATE EXTRATRIBUTARIE 4.949.068,41 -----------------36.807.964,24

TOTALE

A1) LIMITE DI INDEBITAMENTO: il 8,00% delle Entrate

2.944.637,14

B) Ammontare degli interessi sui mutui in ammortamento al 1^ gennaio 2011 Verso la Cassa DD.PP... 2.005.277,25 Verso altri istituti 290.652,34 Verso altri 22.460,68 ----------------TOTALE 2.318.390,27 606.307,66 1.712.082,61

- Contributi statali e regionali per il corrente esercizio B1) TOTALE DEGLI INTERESSI

Differenza A1 B1 = DISPONIBILITA RESIDUA:

1.232.554,53

Detta disponibilit residua pu dare un imponibile nominale di mutui di circa 24 milioni di euro 2.2.6.4 Altre considerazioni e vincoli: Allo stato attuale, la possibilit per lEnte di attivare laccensione di prestiti vincolata al reperimento delle risorse correnti da destinare alla copertura degli oneri di ammortamento piuttosto che dal limite di cui sopra. Al momento della redazione di un progetto si dovr immediatamente valutare limplicazione dello stesso sugli equilibri di bilancio tenendo ben presenti oltre agli oneri di natura finanziaria anche quelli indotti dalla gestione.

2.2 - ANALISI DELLE RISORSE


2.2.7 - RISCOSSIONE DI CREDITI E ANTICIPAZIONI DI CASSA 2.2.7.1 ENTRATE RISCOSSIONE DI CREDITI ANTICIPAZIONI DI CASSA TOTALE 2008 (accertamenti) 1 0,00 223.280,63 223.280,63 TREND STORICO 2009 (accertamenti) 2 0,00 1.844.681,38 1.844.681,38 2010 (previsioni) 3 48.736,37 8.000.000,00 8.048.736,37 PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE % scostamento della col.4 rispetto 2011 2012 2013 alla col.3 (previsioni) (previsioni) (previsioni) 4 5 6 7 0,00 0,00 0,00 -100,00 8.000.000,00 8.000.000,00 8.000.000,00 0,00 8.000.000,00 8.000.000,00 8.000.000,00 -0,61

2.2.7.2 Dimostrazione del rispetto dei limiti del ricorso alla anticipazione di tesoreria: La manovra economica di cui alla Legge 133/08, ha disposto il superamento a partire dal 1 gennaio 2009 del sistema di tesoreria unica a favore di un sistema misto che ha come caratteristica preminente il venir meno dellobbligo di riversamento delle entrate proprie dellente nella contabilit fruttifera della tesoreria provinciale competente, restando le stesse nelle disponibilit dei conti intrattenuti presso il proprio Tesoriere. Questo nuovo sistema ha consentito una maggiore autonomia gestionale in materia finanziaria e di cassa sensa peraltro incidere sulla dimensione delle liquidit che, in considerazione della scarsa tempestivit delle erogazioni dei finanziamenti di natura statale o regionale, potrebbe trovarsi in sofferenza e indurre lente ad attivare anticipazioni di cassa. Lanticipazione di tesoreria per lanno 2011 stata deliberata dalla Giunta comunale con provvedimento n.608 del 23.12.2010 Nel bilancio triennale stata prevista la richiesta di unanticipazione di tesoreria di Euro 8.000.000,00 da utilizzare innanzi tutto per garantire lo svincolo di entrate a destinazione vincolata per il pagamento di spese correnti. Lanticipazione rientra nei limiti previsti dallart. 222 del T.U.E.L. approvato con D.Lgs. 267 del 18.8.2000. Per la copertura degli interessi passivi stato previsto lo stanziamento di euro 6.000,00 al cap. 139.1. 2.2.7.3 Altre considerazioni e vincoli: Nel corso dellesercizio 2010 non stato necessario ricorrere allanticipazione onerosa di tesoreria . Si auspica che nel corrente esercizio si possano gestire i flussi finanziari con propriet, assicurando una migliore e tempestiva riscossione delle entrate..

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011 - 2012 - 2013

SEZIONE 3

PROGRAMMI E PROGETTI

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


Provincia di MACERATA

La relazione previsionale e programmatica 2011/2013 conferma limpianto organizzativo adottato negli esercizi precedenti con la proposizione di 12 programmi articolati secondo le funzioni di bilancio. Da un punto di vista dei contenuti si sono aggiornate le finalit e le azioni da intraprendere per il prossimo triennio, partendo dai programmi esplicitati lo scorso anno ed integrandoli di nuovi elementi per la taratura degli obiettivi. Nellanalisi di ogni programma, i dirigenti responsabili hanno evidenziato con proprie adeguate relazioni le motivazioni finanziarie e gli obiettivi da raggiungere.

3.3 - QUADRO GENERALE DEGLI IMPIEGHI PER PROGRAMMA


ANNO 2011 ANNO 2012 ANNO 2013 SPESA CORRENTE SPESA CORRENTE SPESA CORRENTE SPESA PER SPESA PER SPESA PER TOTALE TOTALE TOTALE DI DI DI INVESTIMENTO INVESTIMENTO INVESTIMENTO CONSOLIDATA CONSOLIDATA CONSOLIDATA SVILUPPO SVILUPPO SVILUPPO 17.049.692,00 0,00 712.000,00 17.761.692,00 17.268.429,16 0,00 795.000,00 18.063.429,16 17.063.006,88 0,00 1.575.000,00 18.638.006,88 104.184,96 0,00 150.000,00 254.184,96 107.175,53 0,00 100.000,00 207.175,53 110.782,02 0,00 100.000,00 210.782,02 1.475.036,22 0,00 5.000,00 1.480.036,22 1.478.777,85 0,00 0,00 1.478.777,85 1.459.184,09 0,00 0,00 1.459.184,09 4.699.136,58 0,00 1.960.203,50 6.659.340,08 4.729.744,92 0,00 320.203,50 5.049.948,42 4.459.771,97 0,00 476.203,50 4.935.975,47 2.060.575,94 0,00 347.000,00 2.407.575,94 1.596.178,64 0,00 0,00 1.596.178,64 1.346.227,48 0,00 100.000,00 1.446.227,48 887.333,60 0,00 970.000,00 1.857.333,60 854.998,44 0,00 405.000,00 1.259.998,44 826.969,48 0,00 1.700.000,00 2.526.969,48 127.230,40 0,00 0,00 127.230,40 63.000,00 0,00 0,00 63.000,00 56.000,00 0,00 0,00 56.000,00 4.814.169,34 0,00 10.077.071,09 14.891.240,43 4.272.989,95 0,00 12.519.836,57 16.792.826,52 4.159.258,31 0,00 4.303.521,64 8.462.779,95 9.783.502,14 0,00 5.981.871,51 15.765.373,65 9.541.942,62 0,00 8.620.946,95 18.162.889,57 9.274.023,45 0,00 7.328.178,51 16.602.201,96 4.922.991,32 0,00 3.340.000,00 8.262.991,32 4.984.550,38 0,00 2.147.000,00 7.131.550,38 4.613.858,59 0,00 1.500.000,00 6.113.858,59 469.520,10 0,00 0,00 469.520,10 397.037,37 0,00 0,00 397.037,37 397.197,25 0,00 0,00 397.197,25 66.435,33 0,00 0,00 66.435,33 66.236,99 0,00 530.000,00 596.236,99 55.162,37 0,00 400.000,00 455.162,37 46.459.807,93 0,00 23.543.146,10 70.002.954,03 45.361.061,85 0,00 25.437.987,02 70.799.048,87 43.821.441,89 0,00 17.482.903,65 61.304.345,54

N. Programma 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 TOTALI

PROGRAMMA PER FUNZIONI DI AMMINISTRAZIONE GESTIONE E CONTROLLO


Dirigenti-Saracco Giacomo-Palazzetti Maria-Passarelli Marco-Capozucca Franco-

3.4.1 - Descrizione del programma : Il programma tende a soddisfare le esigenze di spesa: - dei servizi istituzionali quali anagrafe, stato civile, leva; - dei servizi finanziari quali bilancio, tributi ed economato; - di amministrazione generale; - di gestione del patrimonio. 3.4.2 - Motivazione delle scelte: Le risorse destinate al programma tendono a realizzare le necessit di spesa delle attivit di gestione corrispondenti ai servizi sopra indicati, compatibilmente alle risorse disponibili. Le iniziative rilevanti vengono evidenziate nelle relazioni allegate predisposte dai servizi 3.4.3 - Finalit da conseguire: 3.4.3.1 - Investimento: Si rimanda al prospetto generale degli investimenti per il triennio considerato. 3.4.3.2 - Erogazione di servizi di consumo: Le scelte di bilancio tendono a soddisfare lesigenza del cittadino nel campo dei servizi gi specificati nel programma. In particolare si osserveranno i servizi anagrafici per quanto riguarda le richieste dei cittadini e i servizi finanziari per quanto attiene lacquisizione delle risorse, le autorizzazioni della spesa attraverso limpegno e le successive fasi della liquidazione e del pagamento. 3.4.4. - Risorse umane da utilizzare: Le risorse umane impiegate saranno quelle che, nella dotazione organica, sono associate ai servizi richiamati e quelle che verranno successivamente assegnate con il piano esecutivo di gestione. 3.4.5. - Risorse strumentali da utilizzare: Le risorse strumentali impiegate saranno quelle attualmente in dotazione ai servizi o quelle che dovessero rendersi disponibili durante la gestione. 3.4.6. - Coerenza con il piano regionale di settore: Non vi sono dati circa i programmi regionali di settore

SERVIZIO GABINETTO DEL SINDACO Cap. 11 Pubblicazione periodico e attivit divulgative euro 8.000,00 Progetto editoriale avviato nel 1996 dallAmministrazione Comunale con lo scopo di informare il cittadino sullattivit svolta , dando cos attuazione allart. 41 dello Statuto comunale. Liniziativa ha riscosso ampio consenso da parte della cittadinanza. Per lanno 2011 prevista la pubblicazione di un numero del periodico comunale e leffettuazione di comunicazioni istituzionali a mezzo manifesti; Cap. 13 Ricorrenze 25 aprile 1 maggio 4 novembre euro 4.500,00 Cerimonie organizzate per celebrare le varie ricorrenze, unitamente al Comitato Comunale dIntesa fra le Associazioni Combattentistiche e dArma (25 aprile e 4 novembre) e le OO.SS. (1 maggio), e coinvolgendo gli studenti degli Istituti di istruzione di primo grado affinch le stesse costituiscano un momento di crescita educativa a civile. La normativa vigente impone per lanno 2011 che le spese per rappresentanza, gemellaggi, convegni, conferenze, ecc. non possano superare il 20% di quanto impegnato nellanno 2009; pertanto la somma disponibile per il corrente anno pari a euro 8.752,00 che stata assegnata per comodit alla voce iniziative diverse di cui sotto e che verr impegnata dietro espressa indicazione del Sindaco. Iniziative diverse euro 8.752,00 Spese di rappresentanza in occasione di iniziative varie, cerimonie, inaugurazioni, visite di Autorit ed esponenti politici, conferenze, mostre, servizi fotografici, omaggi, buffet, ospitalit, ecc.. (vedi sopra) Cap. 30 Convenzioni con televisioni private euro 8.000,00 Convenzioni con emittenti televisive private per favorire linformazione sulloperato dellAmministrazione o su iniziative di particolare rilevanza in conformit a quanto previsto dalla normativa statutaria e nellambito dei propri fini istituzionali. Inserzione in elenco telefonico euro 4.500,00 Utilizzo di una pagina dellelenco telefonico (Pagine Si) con evidenziati tutti i numeri relativi al Comune, per garantire la migliore consultazione allutenza. Cap. 51 Abbonamento servizio Ancitel euro 1.500,00 Servizio attivato nel 1997, promosso dallAnci, per sostenere il processo di ammodernamento e razionalizzazione amministrativa dei comuni. Eroga servizi informativi alla P.A. locale consentendo lo scambio di esperienze fra enti e fornendo opportunit formative e di consulenza. Cap. 61 Acquisto testi euro 1.000,00 Acquisto di testi, pubblicazioni e supporti informatici a contenuto giuridico - amministrativo che consentono al Dirigente e ai Funzionari di avere a disposizione un valido strumento di consultazione per un costante e puntuale aggiornamento professionale

UFFICIO CONTRATTI Dirigente Dott. Morosi Sergio Segretario generale La costituzione della Struttura Speciale con gestione centralizzata di tutti gli appalti e contratti dellEnte, ha comportato un notevole accrescimento degli adempimenti a carico di questo Servizio con conseguente aumento dellimpegno e della responsabilit da parte del personale ad essa assegnato. La tumultuosa evoluzione e modificazione della materia degli appalti pubblici sia a livello nazionale che europeo, comporta un continuo aggiornamento della normativa e poich il procedimento di gara inizia con la redazione del bando o della lettera di invito che si interseca inevitabilmente con i relativi capitolati e disciplinari tecnici redatti ed approvati dai rispettivi Settori competenti, tali ininterrotti aggiornamenti si estendono anche agli atti che compongono le determinazioni a contrattare dei vari Dirigenti dellEnte. Attualmente, obiettivo principale di questa Gestione Accentrata lessere di supporto ai settori dellEnte ogni qualvolta questi ultimi debbano procedere ad appaltare opere servizi e forniture. Poich la maggior parte delle gare indette da questo Servizio riguarda opere pubbliche, ne consegue che i principali obiettivi specifici di questa Gestione Accentrata di Contratti e Appalti, si possono estrapolare anche dal programma investimenti delle opere pubbliche.

RELAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2011 E PLURIENNALE 2011-2013. SETTORE V. Dirigente: Ing. Capozucca Franco La presente a corredo delle proposte di bilancio relative ai Servizi: Patrimonio Capoluogo, Delegazione Tecnica, Unit Tecnologica del Settore V.
Aspetti generali

Nella proposta di bilancio, a suo tempo inoltrata, lindicazione delle somme scaturita dopo aver fatto alcune analisi alla quale necessario che anche l'Amministrazione ne abbia tenuto conto per meglio comprendere l'entit delle somme stesse, onde evitare tagli indiscriminati ed insensati con lapprovazione del bilancio: 1)Il nostro patrimonio in generale sta invecchiando e quindi gli interventi manutentivi sono pi frequenti; lo dimostra anche il fatto di dover ricorrere sempre pi spesso a verbali di somma urgenza; 2)Ogni anno vengono acquisite al patrimonio comunale nuove opere provenienti da lottizzazioni eseguite da privati a scomputo del pagamento degli oneri, numerose sono state le prese in consegna nellanno 2010 ed altre ne verranno per lanno 2011. Per effetto di quanto sopra necessita gestire nuove condutture, impianti, strade, fognature, ecc., di conseguenza scaturiranno ulteriori costi manutentivi; 3)Il Cimitero Delegazione in continua espansione, purtroppo in modo considerevole e quindi richiede sempre maggiore manutenzione ed investimenti, con aggiunta dellattivazione della fase di estumulazione; 4)La continua evoluzione del codice della strada, con precisi obblighi e responsabilit per i soggetti proprietari e gestori, sta comportando e comporter costosi oneri per mantenimento, miglioramento e sostituzioni riguardanti i piani viabili, la segnaletica e la pubblica illuminazione (ora in collaborazione con la Societ ATAC CIVITANOVA S.p.A.); il tutto finalizzato alla diminuzione degli incidenti stradali; 5)Il porto rifugio di Civitanova Marche resta di competenza gestionale di questa Amministrazione Comunale; 6)I costi dei materiali, dei servizi, ecc., legati allutilizzo dei prodotti energetici (petrolio, gas, ecc.) aumentano ogni anno; di questo se ne dovuto tenere conto nella nostra proposta di

bilancio e forse visti gli ultimi sviluppi a livello mondiale si dovranno rivedere determinate proposte. Per le considerazioni generali di cui sopra non stato sempre possibile, effettuare ulteriori tagli ai capitoli di spesa, dovendo garantire al patrimonio dellEnte standard minimi di garanzia di funzionamento in condizioni di sicurezza accettabili. Il nostro obiettivo prioritario quello di arrivare ad un maggiore controllo del patrimonio comunale, alla sua migliore conservazione ed utilizzo, con salvaguardia della pubblica incolumit, quale aspetto prioritario, viste anche le normative che stanno emergendo a seguito degli ultimi eventi calamitosi.
Obiettivi e finalit per tipologie omogenee

Vengono descritti brevemente gli obiettivi e le finalit degli interventi, ordinari e straordinari, sulle principali tipologie di beni omogenei quali: 1)fabbricati in genere ed impianti sportivi (scuole, palestre, edifici vari, ecc.); 2)cimiteri; 3)fognature acque meteoriche; 4)lavori stradali. Per quanto attiene al precedente punto 1) cio ai fabbricati in genere, soprattutto per quelli scolastici, che sono i pi sensibili, si sta procedendo su due direttive: a) completamento della messa a norma, significativo il numero dei certificati di prevenzione incendi concessi, ormai prossimi alla quasi totalit per gli edifici scolastici; b) interventi atti ad incrementare ulteriormente le condizioni di sicurezza ogni qualvolta vi il rinnovo del certificato di P.I. (la validit da 2 a 5 anni). Si sta procedendo su un programma di mantenimento, e ove possibile di miglioramento, delle condizioni ambientali e di vivibilit, con continui interventi manutentivi; mirati anche al miglioramento delle condizioni di sicurezza soprattutto nelle sedi ove vi sono i bambini in tenera et; c) nel Programma OO.PP. sono stati inseriti interventi di ampliamento delle scuole materne, lampliamento della sede di Via Dei Mille gi in corso, una nuova sede prevista nella Zona Nord di Fontespina, sopprimendo lattuale sede in locazione di Via IV Marine, inoltre lAsilo Nido di Via Vecellio stato completato. Lampliamento delle sedi di scuola materna una necessit emergente; anche se il nostro patrimonio scolastico discretamente calibrato sul territorio, si avverte lentamente il fenomeno in crescita dellimmigrazione, che non esclude nel futuro una revisione dei programmi di sviluppo. Negli impianti sportivi particolare importanza riveste la sistemazione della Bocciofila i cui ultimi orientamenti dellAmministrazione propendono per una possibile nuova struttura nelle vicinanze con recupero, per altre attivit, dellattuale sede. E previsto un intervento alle tribune coperte del Polisportivo, data la vetust della stessa dove gi stato effettuato un intervento di somma urgenza. In tale complesso si intervenuti in maniera radicale negli anni 1995-96 per renderlo agibile e conforme alle norme di sicurezza, ora, man mano che passano gli anni si avverte il bisogno di una radicale ristrutturazione e nuove ricostruzioni ove necessario, mirate alla valorizzazione del bene e migliorarne la fruibilit in condizioni di sicurezza. Due importanti strutture sono ormai prossime al completamento: - limpianto al coperto di S.M. Apparente ormai completato; - la palestra polivalente di Civitanova Alta in via di completamento ove se ne prevede lutilizzo entro lanno. Nel centro storico della Citt Alta sono in corso importanti interventi quali:

a)tutta la problematica legata alle grotte emersa a seguito dellevento dell08 agosto 2010 che produrr tutta una serie di interventi a breve e lungo termine man mano che verranno acquisite nuove conoscenze; b) interventi legati alla salvaguardia del patrimonio in particolare al mantenimento delle condizioni di sicurezza (vedasi foresteria, ecc.). Per quanto attiene al punto 2) cio gli interventi presso i due Cimiteri, previsto di procedere: a)per il Cimitero Capoluogo ad interventi sui vialetti con allontanamento delle acque di pioggia stagnanti, interventi ovviamente mirati al mantenimento delle strutture di un particolare bene frequentato purtroppo da tutta la collettivit; b) ben altra situazione trovasi il Cimitero della Citt Alta il quale deve recepire tutte le necessit del territorio comunale, dove oltre agli interventi di cui al precedente punto a), vi una continua espansione per far fronte alle 300-350 sepolture annue ed alle pressanti richieste di realizzazione di cappelline. A questa necessit si sta aggiungendo lattivazione del ciclo trentennale di estumulazione. Questo procedimento obbligatorio, onde evitare che il Cimitero si allarghi a dismisura comporter una serie di impegni molto rilevanti sia in termini di personale che finanziario in quanto: - dalla estumulazione, se la salma sar mineralizzata consumata, potr essere collocata nei colombari; - se non sar consumata dovr essere collocata a terra nei campi di inumazione; - dopo tre-cinque anni dal campo di inumazione dovr essere riesumata ed i resti posti nel colombaio. Se valutiamo che bisogna estumulare mediamente 250-300 salme annue e che dalle precedenti esperienze la maggior parte di queste non sono consumate, e quindi vanno ricollocate nei campi a terra, si pensi a quale mole di lavoro si andr incontro; pertanto nel Programma dellEnte previsto un nuovo campo di inumazione nella zona ad OVEST, dove pochi anni orsono stata acquistata nuova area, inoltre bisogner seriamente pensare ad un impianto di incenerimento. Per quanto attiene al precedente punto 3) relativo al Servizio delle Fognature Acque Bianche (meteoriche) vi una problematica molto complessa che meriterebbe una dettagliata esposizione, per meglio comprendere i numerosi problemi legati a frequenti allagamenti in varie zone della citt. Anzitutto da prendere atto che in passato il sistema fognario stato pressoch abbandonato a se stesso ovverosia non ha avuto di pari passo lo sviluppo che ha avuto ledificazione per cui la crescente pavimentazione di terreni, prima assorbenti, ha evidenziato maggiormente le disfunzioni. Il nuovo servizio, ora curato allinterno del V Settore, si concentrato su tre filoni principali: a)modificare nei punti pi critici il sistema di raccolta delle acque, sostituendo le griglie (caditoie) con altre di diversa geometria con lobiettivo di convogliare lacqua nelle condutture ed analizzare la risposta di questultima in assenza di specifiche cartografie; b) studiare i punti critici di frequenti allagamenti come nella Zona Fontespina, Zona Risorgimento e Zona Micheletti; c) necessit di interventi strutturali con sostituzione di condotte di maggiore diametro o posa in parallelo di nuove condutture, a breve e lungo termine. Si reso e si render necessario ripristinare vecchi fossi, canalizzandoli, con sbocco diretto a mare come avvenuto anni orsono, infatti il sistema di scarico delle acque piovane civitanovesi era un sistema a pettine, che dalla collina, fossi e canali, giungevano in mare. E stato avviato un programma di controllo delle fognature mediante la tecnologia della videoispezione, lunica in grado di riportare alla realt lo stato del sottosuolo, ottenendo importantissimi risultati; si sono cos fatti interventi mirati e risolutivi (vedasi fognatura Sottopasso Esso, Zona Risorgimento, Quartiere Fontanella, ecc.), evitando interventi incerti con spreco di denaro. Gli interventi riportati nel Programma OO.PP. sono direttamente finalizzati alleliminazione o contenimento delle zone di allagamento, come avvenuto recentemente in varie zone.

Importanti interventi dimminente realizzazione sono Via Parini, Cecchetti e Sottopasso Buozzi, Via Marche e Via P. Piemonte (ex. SS. 16). LAmministrazione dovr molto investire su questo servizio in quanto di vitale importanza in un territorio il cui tessuto urbano pressoch pianeggiante ed al livello del mare. Per quanto attiene al punto 4) relativo al Servizio Strade della Delegazione e Circondario da precisare che: a)il programma avviato e che continuer per il 2011 e seguenti mirato alla riduzione dei chilometri di strade inghiaiate sostituendole con asfaltature, ottenendo ottimi risultati in termini di vivibilit, fruibilit e di contenimento dei costi, potendo contare su una riduzione annuale del consumo di ghiaia sempre pi costosa; b) il codice della strada impone controlli sempre crescenti, finalizzati allefficienza del piano viabile, alla conformit della segnaletica verticale ed orizzontale con lobiettivo di ridurre gli incidenti. La percorribilit delle strade da mezzi sempre pi pesanti impone continue manutenzioni, soprattutto dove i piani viabili sono stati realizzati in anni passati con scarso sottofondo. Nel Programma OO.PP. vengono evidenziati nuovi tratti da asfaltare includendo anche strade vicinali di uso pubblico, dove lEnte potr partecipare alle spese. Per quanto attiene alle strategie di incrementare le entrate, questo Settore, che forse uno dei pochi in questo Comune, si sempre attivato e si sta attivando per cercare di attingere il pi possibile a fondi regionali e comunitari, secondo i bandi che vengono pubblicati, anche se lasciano poco margine di tempo per predisporre gli elaborati necessari; purtroppo il nostro organico non riesce a far fronte a tutti gli impegni e necessit che il Settore richiede.

RELAZIONE SERVIZIO ECONOMATO


1. ENTRATE 1.1 ENTRATE PROPRIE Il Servizio Economato ha le seguenti entrate proprie: - Rimborso spese stampati quantificate in Euro 500,00 per il triennio 2011-2013 (importo invariato rispetto allesercizio precedente) LEconomato continuer anche nel 2011 ad assicurare: - la gestione dei proventi della raccolta rifiuti ingombranti (solo gestione di cassa) - la gestione dei proventi della vendita dei buoni pasto (solo gestione cassa) 1.2 ENTRATE DA ALTRI ENTI Il Servizio Economato non ha entrate da altri enti. 1.3 ENTRATE STRAORDINARIE Il Servizio Economato non ha entrate straordinarie 1.4 CONTRIBUZIONI Il Servizio Economato non destinatario di contribuzioni

2. PERSONALE 2.1 DOTAZIONE ORGANICA Dirigente: Dott. Marco Passarelli Economo: Rag. Doriana Mengarelli 2.2 PROGETTI PRODUTTIVITA Non sono previsti progetti di produttivit 2.3 PERSONALE AUSILIARIO Non previsto lutilizzo di personale ausiliario

3. SPESE DI NATURA ORDINARIA 3.1 ACQUISTO BENI La previsione di spesa si articola su alcune voci che pur distribuite secondo centri di costo possono essere riassunte come segue: - acquisto di stampati - acquisto di carta, materiale di cancelleria e minuterie per uffici - acquisto periodici e testi di consulenza professionale - acquisto di prodotti per la pulizia e ligiene - acquisto di prodotti per servizi istituzionali - acquisto carburanti (fuel card) PRESTAZIONI DI SERVIZI - pulizia sedi istituzionali - assistenza global service su fotocopiatori - assistenza global service su ascensori - manutenzione impianti prevenzione incendi - servizi di vigilanza e pronto intervento - gestione del parco veicoli (tasse di circolazione, assicurazioni eccetto manutenzioni) - coperture assicurative (RCT-RCO-RCP) e relativi servizi di brokeraggio - piccole manutenzioni (centralino, impianti sala consiliare, impianti di telecontrollo ecc.)

gestione servizi di telefonia mobile.

Lacquisto dei principali beni e servizi riassunto nella scheda riepilogativa seguente:
CARBURANTI E LUBRIFICANTI TASSE AUTOMOBILISTICHE MANUTENZIONE ASCENSORI CARTA PER FOTORIPRODUTTORI FOTORIPRODUTTORI COSTO COPIA RISCALDAMENTO PULIZIE POLIZZE ASSICURATIVE TOTALE 2007 2010 2011 2012 2013 107.950 93.500 101.300 106.300 111.300 13.290 13.120 13.120 13.120 13.120 7.250 38.800 23.400 23.500 23.600 2.500 2.000 2.000 2.000 2.000 13.000 13.500 12.000 12.000 12.000 579.324 491.000 426.500 439.500 452.500 133.294 144.000 149.500 156.000 160.000 280.000 314.000 370.000 500.000 500.000 1.136.608 1.109.920 1.097.820 1.252.420 1.274.520

Per un confornto si riportata anche la previsione riferita al 2007 rispetto alla quale si evidenza una sostanziale stabilit negli anni 2010 e 2011. Il costo per il riscaldamento varia in funzione delle condizioni climatiche (temperatura media rilevata) e dellandamento dei costi del combustibile. La previsione per il 2011 dovr essere valutata in relazione allandamento climatico della seconda parte dellanno termico. La spesa per le assicurazioni sono previste in aumento nel 2011 e soprattutto nel 2012 e 2013 in considerazione del fatto che la compagnia Generali ha disdettato lassicurazione RCT/RCO e in relazione allandamento del mercato assicurativo per tali rischi atteso un sensibile incremento del premio. Al momento in corso la gara ad evidenz apubblica per la selezione della compagnia. Si evdienzia come sia sempre pi diffuso lutilizzo del portale della CONSIP www.acquistinretepa.it sia per ladesione a convenzioni aperte che per acquiati sul mercato elettronico e gare informali personalizzate (queste ultime utilizzate specie per lacquisto di beni di investimento, ad es. arredi scolastici). 3.2 UTILIZZO BENI DI TERZI (FITTI, CANONI, ATTRAVERSAMENTI) Non vengono utilizzati dal Servizio Economato beni di terzi 3.3 QUOTE ASSOCIATIVE Non vengono pagate dal Servizio Economato quote associative

4. SPESE DI NATURA STRAORDINARIA Non si rilevano e non sono previste spese di natura straordinaria 4.1 DEBITI FUORI BILANCIO O COMUNQUE PASSIVITA ARRETRATE Non si rilevano debiti fuori bilancio relativi al Servizio Economato.

5. INVESTIMENTI Nel corso del 2011 il Servizio Economato completer alcuni programmi di acquisto di arredi per uffici e per sedi scolastiche. Il Servizio Economato garantir, se richiesto, il necessario supporto agli altri servizi in caso di procedure di acquisto di beni di investimento (ad es. CED, Servizi Sociali, Urbanistica ecc.).

6. PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE La programmazione triennale non prevede sostanziali modifiche degli interventi curati dallEconomato. La previsione di spesa tiene conto di una politica di contenimento della spesa idonea a contenere leffetto delle dinamiche inflazionistiche.

7.

ATTIVITA

Il Servizio Economato deve ispirare la propria attivit alle seguenti linee guida: - fornitura di materiali di consumo a tutti gli uffici dellente in modo da evitare il pi possibile situazioni di fuori scorta; - assistenza e supporto agli altri Servizi per lacquisto di beni e servizi; - monitoraggio delle scadenze contrattuali al fine di garantire una tempestiva programmazione degli acquisti; - monitoraggio dei costi di gestione dei pi rilevanti costi relativi allacquisizione di beni e servizi (riscaldamento, carta, fotocopie) - individuazione di strategie idonee al contenimento dei costi (ad es. sostituzione stampanti a getto dinchiostro con stampanti a tecnologia laser); - predisposizione in tempo utile di procedure (bandi di gara formali o informali) che siano in grado di incentivare il confronto concorrenziale, consentendo alla stazione appaltante di ottenere forniture a prezzi migliori; - sistematica valutazione delle convenzioni CONSIP al fine di individuare possibili ambiti di economia e di semplificazione delle procedure; - sistematica comparazione dei prezzi praticati nelle convenzioni CONSIP rispetto a quelli degli abituali fornitori; - concentrazione logistica degli acquisti proponendosi (come gi fatto per i carburanti) quale ufficio di supporto per lacquisto di materiali di consumo, forniture o servizi; - razionalizzazione degli ordini, concentrando il numero degli acquisti e ampliando la dimensione dei lotti economici dacquisto al fine di minimizzare i costi; - impostazione di procedure di gestione degli ordini, controllo delle giacenze di magazzino, e dei consumi da parte dei vari settori; - impostazione di un sistema di controllo di gestione di base con introduzione di banchmarking.

Relazione previsionale e programmatica per il 2011 SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI- SERVIZIO CED
PREMESSA: soluzioni e/o strategie per contenere la spesa per l'ICT
Da sempre il principale obiettivo del Servizio stato quello di gestire con efficacia i sistemi, mediante una riqualificazione del personale, puntando su un'organizzazione ben definita e sopratutto sull'adozione, qualora possibile, di soluzioni applicative per vari servizi basate su software open source. Diversi sono stati i progetti realizzati internamente dal Servizio, senza alcuna consulenza esterna, che hanno comportato una importante riduzione di spesa per quanto riguarda l'acquisto di nuovi software, i canoni di assistenza per le centrali di telefonia fissa e il consumo di energia elettrica. In particolare, mi preme citare alcuni recenti e importanti traguardi raggiunti:

1) Virtualizzazione della server farm: ha permesso di ridurre i costi e la complessit associati alla gestione e manutenzione dellinfrastruttura informatica. Il numero dei server consolidati stato pari a n.12 unit (virtualizzati in 2 nodi). Si calcolato che con tale operazione si sono ridotte le spese per consumi elettrici per l'alimentazione e per il condizionamento di almeno 10.000 euro/anno (avendo un risparmio di circa 7KWh solo per i server, pari quindi a 7KWh * 24h * 365gg = 61320KWh in un anno; stimando un costo per l'energia elettrica pari a 0,15/KWh, si ottiene la cifra di 9.198,00 euro, cui va considerato il risparmio per il condizionamento), non meno importante, si contribuito a ridurre limpatto ambientale (riduzione delle emissioni di CO2). La soluzione di virtualizzazione adottata ha permesso anche di ridurre eventuali costi di gestione dei server (guasti hardware, aggiornamenti legati all'obsolescenza delle componenti fisiche, ecc.) 2) Centrali fonia Palazzo Sforza, Palazzina Tecnologica, delegazione Civitanova Alta e sede P.M.: ammodernamento sistema di telefonia comunale, tramite la sostituzione della vecchia centrale di Palazzo Sforza con una moderna centrale digitale, che si integra perfettamente con le altre centrali digitali permettendo la disponibilit di nuovi servizi di fonia (oltre al gi presente VoIP, anche gestione diretta delle configurazioni, controllo e monitoraggio del traffico per centri di costo, disponibilit di servizi dedicati tipicamente agli apparati digitali anche per i terminali analogici, ed altro). Revoca dell'assistenza a Telecom Italia (servizio non soddisfacente) e assegnazione del servizio, mediante condizioni rigorose stabilite dal sottoscritto, ad azienda esterna. Tutto ci ha comportato addirittura una diminuzione dei canoni di assistenza e manutenzione di circa 8 mila euro all'anno. 3) Sviluppo Rete Civica comunale: sono stati pubblicati (o in attesa di pubblicazione, per cause non dipendenti dal servizio stesso) numerosi nuovi servizi, quali ad esempio: sezione dedicata ai comitati di quartiere; sezione dedicata al commercio; sezione dedicata ai cimiteri (pronta, ma non pubblicata), per l'individuazione del percorso per raggiungere un loculo o tomba; sezione dedicata alle elezioni o referendum. Lo sviluppo di tutti questi servizi, stato reso possibile dall'aver individuato, gi nel 2005, l'uso di un idoneo strumento open source per la gestione del sito comunale. In questo modo, approfondendo sempre pi le conoscenze sull'applicazione da parte dei dipendenti del Servizio, ci si svincolati da qualsiasi fornitore esterno, realizzando nuovi servizi senza aggravi per le casse comunali. 4) Sviluppo applicativi gestionali. Realizzazione di software gestionali ad hoc per risolvere particolari esigenze di vari servizi comunali. L'ultima realizzazione riguarda il programma per la gestione dei contenziosi, attualmente in uso presso l'ufficio legale.

SPESE CORRENTI
La spesa corrente, prevista per il 2011, ammonta a circa 136.841,00 euro (iva inclusa), ed quasi completamente imputabile a canoni di assistenza o manutenzione del sistema informatico (software ed apparati), quindi essenziali per una corretta gestione di tutto il sistema informativo, in quanto garantiscono interventi da parte delle aziende per risolvere problemi, offrire servizi, apportare migliorie funzionali ed adattamenti a nuove norme legislative per il software. La spesa corrente nel 2009 era stata pari a euro 128,300,77. quindi, la differenza 2011 2009 di euro (136.841,00 128,300,77) = + 8.540,23 euro. La differenza si spiega con l'introduzione di tre nuove proposte di spesa, riferite a nuovi servizi non sviluppati internamente e introdotti nel 2010: il sistema per il single sign on (SSO), un appliance (dispositivo hw e sw) per la gestione dell'hot spot in biblioteca e l'applicativo per le consultazione anagrafica via web. Tali progetti hanno comportato modestissimo incremento (canoni annui) di euro 3.096,00 iva inclusa. La parte rimanente (circa 5.400 euro) dovuta essenzialmente a incrementi Istat e altri aggiornamenti sui canoni.

Un margine di intervento, per ridurre la spesa, potr essere ricavato dall'analisi e riorganizzazione del protocollo informatico e gestione dei flussi documentali, in attesa dell'approvazione definitiva del manuale di gestione. SEGRETERIA AFFARI GENERALI ll Servizio Affari Generali - Legali provvede allespletamento delle pratiche di Consiglio e di Giunta relative alle materie di diverso genere che fanno capo a tale servizio. In particolare competenze del Servizio sono : 1) le pratiche relative ai ricorsi ed alle citazioni in giudizio ed in generale al contenzioso che fa capo al Comune. Le somme previste al Capitolo 138 servono per gli impegni iniziali in riferimento alle cause che iniziano nellanno in corso. 2) verifica dei procedimenti legali pendenti da diversi anni, per leventuale definizione di quelli per i quali dovesse risultare carenza dinteresse alla prosecuzione; 3) liquidazione delle competenze degli Avvocati in riferimento alle pratiche concluse . Tali liquidazioni fanno riferimento al Capitolo 139 Passivit pregresse. 4) liquidazione e pagamento di debiti derivanti da sentenze . Tali Liquidazioni vanno imputate anchesse al Cap. 139 Passivit pregresse. 4) contratti di locazione e di comodato. Le competenze dellUfficio riguardano sia listruttoria per nuove pratiche, sia lespletamento delle incombenze relative a contratti gi stipulati (es: registrazioni , aggiornamenti, spese condominiali ). Per tali affitti sono state effettuate le previsioni di bilancio per il pagamento dei canoni annuali ai relativi capitoli di pertinenza, sulla base dellimporto dei canoni stabiliti nei contratti con i relativi importi per aggiornamenti. 5) gestione sinistri passivi. Comporta rapporti con Broker Aon s.p.a di Ancona , Ditta I.K. di Bologna e conclusione diretta di transazioni per sinistri di importo modesto, con conseguente predisposizione di apposite determine dirigenziali per i relativi pagamenti. E stata prevista in bilancio al Cap. 138 la voce relativa al pagamento delle franchigie , delle somme per transazioni e delle competenze della Ditta IK. 6) gestione sinistri attivi per i quali si provvede allistruttoria della pratica nonch con apposite determine dirigenziali , assunte di volta in volta, ad introitare le somme versate dalle Assicurazioni a copertura dei danni subiti dal Comune . 7) gestione pratiche relative al Consiglio Comunale : liquidazione gettoni di presenza ai Consiglieri Comunale, gestione servizio di trascrizione delle sedute del Consiglio, manifesti del Consiglio. Ai capitoli 14 e 15 sono state previste le somme necessarie sulla base delle spese effettivamente sostenute negli anni precedenti. 8) gestione rapporti con i Comitati di Quartiere, il Difensore Civico, il nucleo di valutazione soprattutto per le relative liquidazioni dei compensi 9) istruttoria pratiche per Regolamenti vari che fanno capo al Servizio Affari Generali .

SETTORE VII Dirigente Dott. Ripari Roberto


Con riferimento alle singole previsioni di spesa, si evidenzia che, secondo la organizzazione operativa, le stesse potrebbero far capo allunico gestore degli acquisti di beni e servizi di carattere generale. Indispensabili sono le spese relative alle dotazioni informatiche, principalmente software, poich dispendioso e regressivo continuare a lavorare con strumenti diversi e inidonei a una operativit razionale. Previsioni di spesa La previsione di spesa riguarda in primo luogo acquisti di beni e servizi per mettere a regime adeguato di funzionamento il settore VIII con particolare riferimento al servizio Osap: 5.000 per lanno 2011 acquisto di beni (indicativamente: stampante a colori, apparecchio fax, armadi archivio con chiavi e chiusure funzionanti, cassettiere a piccoli mobili dufficio, sedie per il

pubblico, dotazioni tecniche eventuali per i rilievi, d.p.i., altre minori) qualora tali esigenze non trovassero collocazione in piani generali di acquisto; 3.000 per lanno 2012 acquisto di beni (dotazioni informatiche per il punto di lavoro tecnico, altre minori) qualora tali esigenze non trovassero collocazione in piani generali di acquisto; 1.000 per lanno 2013 acquisto di beni per eventuali esigenze specifiche di completamento delle dotazioni disponibili; 5.000 per lanno 2011 acquisto di servizi (principalmente: sviluppo software per la cartografia e lannessa gestione amministrativa qualora, entro febbraio 2011, non si concretizzi limpiego di Ascot web integrato con i tributi comunali, o un eventuale software integrato con la gestione ICA srl, o una eventuale integrazione con Civilia in uso alla edilizia privata; la ipotesi di lavoro sarebbe di procedere in ambito Silver browser (il quale consente il lavoro in rete di pi operatori) e svilupparee le procedure Access integrate alla cartografia e alla modulistica generale Word (ovviamente potendo anche acquisire i dati utili presenti in altri data base comunali); 3.000 per lanno 2012 acquisto di servizi (principalmente: perfezionamento e assistenza e manutenzione di quanto al 2011); 1.000 per lanno 2013 acquisto di servizi (principalmente assistenza e manutenzione procedure. In secondo luogo si ha previsione di spesa per rimborso di entrate o tributi comunali e spese di giudizio: 10.000 per lanno 2011 rimborso entrate e tributi non dovuti (principalmente rimborso di canoni o diritti relativi a installazioni che non sono potute avvenire per fatto comunale, eventuali tributi); 5.000 per lanno 2012 rimborso entrate e tributi non dovuti (principalmente rimborso di canoni o diritti relativi a installazioni che non sono potute avvenire per fatto comunale, eventuali tributi); 2.000 per lanno 2013 rimborso entrate e tributi non dovuti (principalmente rimborso di canoni o diritti relativi a installazioni che non sono potute avvenire per fatto comunale, eventuali tributi); 5.000 per lanno 2011 rimborso spese di giudizio per contenziosi tributari chiusi con condanna del comune alle spese; 1.000 per lanno 2012 in via cautelativa per eventuali spese di giudizio; 1.000 per lanno 2013 in via cautelativa per eventuali spese di giudizio. Per la formazione del personale dipendente e dirigente, contrattualmente dovuta, si fa rinvio ai programmi che potranno essere organizzati dallamministrazione comunale in funzione della strategia di sviluppo dei propri servizi e attivit e della propria organizzazione. Previsioni di entrata Le entrate prodotte dal settore VIII rigaurdano essenzialmente i canoni di gara per concessioni eslcusive conferite dal comune e i diritti di segreteria per le autorizzazioni. Si fa rinvio allICA srl e al Collega dirigente di riferimento per la previsione di entrate per tributi, diritti e canoni correnti e, altres, per leventuale recupero di pregressi a tali titoli. Si propone inoltre la effettuazione di ulteriore gara per la concessione esclusiva del servizio preinsegne nel restante territorio comunale nel periodo 2012-2016, per far coincidere la scadenza con la concessione di cui alla Zona Ind. A e effettuare successivamente unica gara per unica concessione conseguendo una gestione unica e razionale sullintero territorio comunale, con la seguente previsione: 50.000 per lanno 2012 canone bando nuova gara concessione preinsegne; 55.000 per lanno 2013 - canone bando nuova gara concessione preinsegne; 60.000 per gli anni dal 2014 al 2016 - canone bando nuova gara concessione preinsegne. Le entrate per diritti di segreteria possono essere previste, in ipotesi di costanza dellattivit autorizzatoria, come segue: 15.000 per gli anni dal 2011 al 2013. Si potrebbe anche ipotizzare di affittare degli spazi minimi informativi sul sito comunale partizione Osap per eventuali gestori di mezzi pubblicitari con affitto spazi. In proposito ci si riserva un approfondimento nel caso in cui lamministrazione comunale volesse in tal senso procedere. Nellarco dellanno 2010 sono state formulate dallamministrazione comunale ipotesi di trasformazione del diritto di sopralluogo ex art. 32 (cc 53/2007 mezzi pubblicitari) in diritto una tantum di pratica o similare. Nel caso in cui lamministrazione volesse in tal senso procedere, si potrebbe introdurre una semplificazione determinando un prelievo unico fra tale diritto e il diritto di

segreteria regolamentando che lunico prelievo comprende anche il diritto di segreteria nella misura prestabilita. Si potrebbe inoltre ipotizzare di progettare in maniera specifica la installazione di mezzi pubblicitari su alcune aree di circolazione principali dove la situazione non risultasse ottimale conferendo, mediante gara, parziali esclusive a condizione di canoni aggiuntivi.

SERVIZIO RAGIONERIA
8. ENTRATE 8.1 ENTRATE PROPRIE Il Servizio Ragioneria competente in ordine allindicazione in bilancio delle seguenti categorie di entrate proprie: - Addizionale comunale allIRPEF - Compartecipazione allIRPEF - Dividendi da aziende partecipate - Canoni e corrispettivi contrattuali - Interessi attivi su c/c e su mutui in ammortamento In ordine alle singole voci delle entrate proprie si rileva quanto segue: Per laddizionale comunale allIRPEF stato completato il pagamento dellannualit di competenza 2009. Nel seguente prospetto sono riportati gli incassi delladdizionale comunale allIRPEF degli ultimi anni per i quali si dispone dei dati relativi al saldo della stessa (dati in milioni di euro). 2003 0,4% 1,543 2004 0,4% 1,589 2005 0,4% 1,579 2006 0,4% 1,682 2007 0,4% 1,544 2008 0,8% 3,657 2009 0,8% 3,334

Si evidenzia che dal 2008 laliquota stata elevata dallo 0,4% allo 0,8% con la contemporanea introduzione di una soglia di esenzione di Euro 7.500 in relazione a basi imponibili riferite a redditi esclusivamente di lavoro dipendente, di pensione e assimilati. Il dato del 2007 riferito per 1,095 milioni di Euro ai riversamenti attraverso F24 e per 0,449 milioni di Euro a trasferimenti. Il dato del 2009 riferito quasi esclusivamente a riversamenti attraverso F24 ed aggiornato a aprile 2011. In relazione a questultimo dato possibile che lo stesso sia soggetto a marginali variazioni in relazione a tardivi versamenti. Si segnala che a partire dai ruoli coattivi formati da Equitalia a partire da marzo 2011 stata attivata la risocssione diretta delladdizionale IRPEF derivante dalla risocssione coattiva. In assenza di uno specifico accordo tra lANCI e lEquitalia le somme riscosse mediante ruoli coattivi conseguenti ad attivit di liquidazione e controllo non venivano riversate ai Comuni. Ai fini della previsione 2011 si utilizzato un crietrio basato sullevoluzione storica degli incassi. Il seguente prospetto evidenzia landamento cumulato degli incassi del 2008, del 2009 e del 2010 in relazione al medesimo periodo compreso tra gennaio e marzo dellanno successivo. CUMULATA 2008 GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE 0,45 23.795,46 30.685,46 CUMULATA 2009 74,31 10.924,12 31.920,71 CUMULATA 2010 9.093,50 20.915,03

82.727,01 MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE GENNAIO FEBBRAIO MARZO VALORE FINALE SOMME DA FONTI NON F24 TOTALE COMPLESSIVO 137.971,52 217.922,12 333.722,58 402.278,26 470.533,61 540.088,03 608.287,72 667.856,08 701.572,01 821.315,71 1.008.702,94 3.569.510,64 87.559,20 3.657.069,84

127.458,80 223.977,94 343.093,47 526.628,93 713.646,57 838.369,08 959.002,20 1.072.304,96 1.174.630,13 1.204.790,21 1.262.702,62 1.364.266,39 3.274.749,20 59.535,84 3.334.285,04

116.755,96 211.209,59 335.080,26 511.225,28 696.959,82 825.188,62 946.535,45 1.063.443,76 1.167.869,08 1.199.973,14 1.304.289,04 1.453.940,36

35.457,64

Nel seguente grafico si evidenzia il trend della cumulata delgi incassi riferita ai periodi omogenei individuati negli ulti tre anni.

CUMULATA INCASSI ADDIZIONALE


1.600.000 1.400.000 1.200.000 INCASSI 1.000.000 800.000 600.000 400.000 200.000 G EN FE N A BB IO RA I M O AR Z AP O R I M LE AG G IO G IU G N LU O G AG LIO SE O TT S T EM O BR O TT E NO OB VE RE M B DI CE R E M BR G EN E FE N A BB IO RA I M O AR ZO

CUMULATA 2008 CUMULATA 2009 CUMULATA 2010

MESI

Risulta quindi attendibile una previsione per il 2011 attestata su 3,5 milioni di Euro considerato anche il potenziale incasso sui ruoli coattivi di Equitalia (che in precedenza non sussisteva per quanto sopra precisato). Per il 2012 e il 2013 si ipotizzata una crescita del gettito inferiore al 3% annuo tenendo conto di una potenziale rispresa delleconomia, una crescita del numero dei soggetti imponibili e quindi della base imponibile delladdzionale. Sono stati previsti i dividendi delle Farmacie Comunali S.p.A. e della Civita.s s.r.l. rispettivamente sulla base delle indicazioni fornite dallazienda e sulla base dei documenti contabili preconsuntivi. Per quanto concerne i canoni e i corrispettivi contrattuali si evidenzia che le voci pi significative riguardano la gestione del servizio di distribuzione di metano da parte dellATAC Civitanova S.p.A. e la gestione del servizio idrico integrato da parte dellATO 3 Marche. Nel primo caso i corrispettivi sono stati indicati sulla base delle previsioni contrattuali aggiornate tenendo conto delle clausole di rivalutazione mentre per quanto concerne il servizio idrico integrato si tenuto conto delle informazioni fornite dallATO in relazione ai canoni di ammortamento dei mutui, alle quote associative. Per quanto concerne gli interessi attivi si formulata la previsione con riferimento alle giacenze medie di cassa del 2010 e alla quota di mutui in ammortamento per i quali non stata avanzata richiesta di somministrazione. 8.2 ENTRATE DA ALTRI ENTI Il Servizio Ragioneria competente in ordine alle seguenti categorie da altri enti: - Contributi statali - Contributi regionali - Contributi provinciali - Contributi da altri comuni per funzioni associate Le previsioni relative ai trasferimenti erariali, sono state predisposte sulla base dei dati comunicati dal Dipartimento per la Finanza Locale del Ministero dellInterno per lanno 2010 tenendo conto delle riduzioni complessive dei trasferimenti erariali disposte, per lanno 2011, con il decreto del Ministro dellinterno del 9 dicembre 2010, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 292 del 15 dicembre 2010 a province e comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti, in applicazione

delle disposizioni di cui allarticolo 14, comma 2, del decreto legge n. 78 del 2010. Il suddetto decreto prevede, per lanno 2011, una riduzione dei trasferimenti a ciascun comune con popolazione superiore a 5.000 abitanti per un ammontare pari all11,722 per cento rispetto allimporto assunto a base di riferimento per la riduzione, il quale costituito dal totale generale dei trasferimenti attribuiti in spettanza alla data del 16 novembre 2010, con lesclusione dellincremento della compartecipazione Irpef prevista dallarticolo 1, comma 191 della legge n. 296 del 2006. In forza del suddetto decreto sul sito web del ministero sono stati forniti i seguenti dati relativi al Comune di Civitanova Marche:
CONTRIBUTI ERARIALI 16.11.2010 8.799.621,09 AL INCREMENTO COMPARTECIPAZIONE IRPEF ART. 1, C. 191, LEGGE 296/2006 184.638,47 CONTRIBUTI AL NETTO DELLA RIDUZIONE 8.614.982,62 IMPORTO RIDUZIONE 1.009.817,58

Alla data del 8/4/2011 non risulta fornito dal Ministero dellInterno il dettaglio dei trasferimenti erariali per il 2011 e nellarea spettanze del sito web del Dipartimento per la Finanza Locale presente il seguente comunicato Per i comuni delle regioni a statuto ordinario, il decreto legislativo del 14 marzo 2011 n. 23 pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 63 del 23 marzo 2011 e recante Disposizioni in materia di federalismo fiscale municipale ha previsto la devoluzione di entrate con corrispondente soppressione dei trasferimenti erariali. Pertanto, in relazione alla quantificazione delle risorse da attribuire a ciascun comune delle regioni a statuto ordinario per lanno 2011, verranno forniti aggiornamenti nei prossimi giorni non appena vi saranno significativi avanzamenti nei provvedimenti amministrativi di attuazione del predetto decreto legislativo. A fini comparativi, nella seguente tabella si riepilogano i trasferimenti erariali riferiti agli anni compresi tra il 2007 e il 2010 per un confronto con le previsioni relative allesercizio 2011 (dati aggiornati all8/4/2011). Si evidenzia come lincremento tra lanno 2007 e il 2008 sia dovuto allintroduzione del trasferimento compensativo dellICI sullabitazione principale.
RIEPILOGO TRASFERIMENTI ERARIALI (AGGIORNATI AL 27.5.2010) 2007 CONTRIBUTO ORDINARIO CONTRIBUTO CONSOLIDATO CONTRIBUTO PEREQUATIVO FISCALITA' LOCALE COMPARTECIPAZIONE IRPEF ALTRI CONTRIBUTI GENERALI ALTRI CONTRIBUTI INDIVIDUALI FUNZIONI TRASFERITE DECRETO L.VO 112/98 (PARTE CORRENTE) CONTRIBUTO NAZIONALE ORDINARIO PER GLI INVESTIMENTI FUNZIONI TRASFERITE DECRETO L.VO 112/98 (PARTE CAPITALE) CONTRIBUTO PER SVILUPPO INVESTIMENTI TOTALE GENERALE CONTRIBUTI 3.523.451,34 900.272,94 92.602,52 510.556,55 381.824,30 0 28.429,93 0 18.153,82 567.742,89 6.023.034,29 2008 3.549.598,46 900.272,94 92.602,52 510.556,55 3.273.212,68 0 28.429,93 0 18.153,82 397.856,95 8.770.683,85 2009 3.333.379,27 900.272,94 92.602,52 645.237,69 3.321.492,76 0 28.429,93 0 18.153,82 334.020,13 8.673.589,06 2010 3.316.962,46 900.272,94 92.602,52 695.195,02 3.535.301,88 0 28.429,93 0 18.153,82 261.216,14 8.848.134,71

Nel corso dellesercizio sar pertanto necessario effettuare i dovuti aggiustamenti in occasione degli aggiornamenti e delle integrazioni dei dati ufficiali da parte del Ministero dellInterno. In attesa dellattuazione della riforma complessiva del federalismo fiscale, le entrate da trasferimenti dello Stato sono state previste nella stessa misura per il bilancio 2011 e per il pluriennale 2011-2013. 8.3 ENTRATE STRAORDINARIE Nel bilancio di previsione 2011 e pluriennale 2011-2013 non sono previste poste di carattere

straordinario ricedenti nellambito della competenza del servizio. 8.4 CONTRIBUZIONI Nel bilancio di previsione 2011 e pluriennale 2011-2013 non si registra liscrizione di contribuzioni di competenza del Servizio Bilancio. 9. PERSONALE 9.1 PERSONALE IN SERVIZIO Dirigente: Dott. Marco Passarelli Funzionario Direttivo D3 titolare di P.O.: Rag. Doriana Mengarelli Istruttore Direttivo D1 Dott. Giuseppe Marchegiani Istruttore Amm.vo Contabile C: Sig.ra Stefania Marcantoni Istruttore Amm.vo Contabile C: Dott.ssa Beatrice Moretti Istruttore Amm.vo Contabile C: Dott.ssa Erika Capozucca Istruttore Amm.vo Contabile C: Dott. Francesco Quintili Collaboratore Professionale Amm.vo B3: Sig. Angelo Pietracci Collaboratore Professionale Amm.vo B3: Sig. Umberto Zanotti Collaboratore Professionale Amm.vo B3: Sig. Giuseppe Malvestiti 9.2 PROGETTI PRODUTTIVITA In sede di bilancio di previsione non sono stati previsti progetti che coinvolgano il personale con lobiettivo del miglioramento della quantit e qualit dei servizi resi. Si rappresenta che lattuale organico non consente di gestire con correntezza e tempestivit i compiti istituzionalmente attribuiti al servizio. 9.3 PERSONALE AUSILIARIO Non previsto limpiego di personale ausiliario. 10. SPESE DI NATURA ORDINARIA 10.1ACQUISTO BENI E prevista senza sostanziali variazioni rispetto allassestato 2010 la voce per materiale dufficio. 10.2PRESTAZIONI DI SERVIZI Le prestazioni di servizi che fanno capo al Servizio Ragioneria sono sostanzialmente: - utenze (forniture idriche, telefonia fissa e mobile, energia elettrica e gas metano per le utenze al di sotto dei 35 Kw) - trasporto pubblico urbano; - interessi passivi; - altre voci residuali. Per quanto concerne le utenze si previsto un aumento medio in linea con i tassi di inflazione in considerazione dellaumento delle tariffe che riflette landamento dei prezzi delle materie prime con particolare riferimento alle risorse energentiche. In particolare, in relazione al costo dellenergia elettrica per la pubblica illuminazione si stanziata una somma pari a quella prevista negli atti che affidato il servizio in global service allATAC S.p.A. che riflette una sostanziale stabilit della spesa sulla base del presupposto che la crescita delle tariffe possa essere compensata dalla riduzione fisica dellenergia erogata in relazione allinstallazione di apposite apparecchiature per il contenimento del consumo. Le altre utenze di bassa e media tensione per usi diversi dalla pubblica illuminazione sono state migrate nellambito della specifica convenzione aperta CONSIP che prevede soluzioni di determinazione del prezzo indicizzate allandamento dei combustibili. Si ritiene che per detta voce la spesa possa rimanere sostanzialmente invariata rispetto a quella dellanno precedente. Per quanto concerne i servizi di telefonia fissa lEnte al fine di ridurre i costi ha attivato e st

utilizzando soluzioni che utilizzano la tecnologia voip. E stato implementato un network tra telefonia fissa e mobile che consente un ulteriore contenimento della spesa telefonica. E stata attivata la migrazione delle linee dati verso il sistema pubblico di connettivit (SPC Convenzione Path.net). Il che ha consentito un risparmio di risorse con una progressiva diminuzione dei canoni del 5% annuo. Per quanto concerne i servizi di telefonia mobile lEnte ha aderito alla nuova convenzione denominata Telefonia mobile 5 che CONSIP S.p.A. ha aggiudicato a Telecom Italia. Le tariffe sono pressocch identiche a quelle della precedente convenzione fatta salva una riduzione dei costi unitari del traffico dati. La previsione di spesa pe ril 2011 stabile rispetto a quella dellanno precedente nellipotesi di tariffe unitarie e di volumi di traffico stabili. Per quanto riguarda le forniture idriche e di metano non sono necessarie particolari osservazioni. Al fine della previsione di spesa annuale e pluriennale si tenuto conto della previsione di incremento delle tariffe applicate in relazione allindice di rivalutazione ISTAT. In relazione al trasporto pubblico urbano deve rilevarsi la stabilizzazione dellincremento del trasferimento erogato dalla Regione Marche per il tramite della Provincia rispetto allesercizio precedente in relazione al riconoscimento di un adeguamento al tasso di inflazione. Per lerogazione del maggiore trasferimento stato stipulato un apposito addendum nel contratto di servizio gi in essere. La voce interessi passivi stata prevista in relazione allandamento di cassa che prevede la possibilit di utilizzo dellanticipazione di cassa per far fronte a temporanee in capienze dovute al ritardato introito di alcuni finanziamenti regionali (opere portuali gi realizzate e rendicontate) e dei trasferimenti erariali. In ordine alle voci di spesa residuali non si rilevano variazioni significative degli stanziamenti previsti rispetto agli importi dellassestato 2010. 10.3UTILIZZO BENI DI TERZI (FITTI, CANONI, ATTRAVERSAMENTI) Al Servizio Bilancio non fanno riferimento utilizzi di beni di terzi. 10.4QUOTE ASSOCIATIVE Fanno capo al Servizio Bilancio la liquidazione della quota associative dellARAN e del ANUTEL mentre non pi previsto lo stanziamento per la quota assoociativa dellente Regionale Fieristico in relazione allavvenuta sopressione dello stesso disposta con apposita legge regionale. 10.5FONDO DI RISERVA Gli importi iscritti al fondo di riserva soddisfano il rapporto percentuale minimo prescritto dal TUEL. 10.6FONDO SVALUTAZIONE CREDITI - Non sono stati previsti in sede di predisposizione del Bilancio di previsione annuale 2011 e pluriennale 2011-2013 stanziamenti al fondo di svalutazione crediti. 3.7 COSTO DEL DEBITO Per quanto concerne il costo del servizio del debito le previsioni di spesa (e lallegato mutui dalle quali le stesse traggono origine) sono state redatte tenendo conto dei piani di ammortamento dei mutui in essere e, in riferimento a quelli a tasso variabile, dei valori di riferimento alle date di fixing disponibili per la determinazione delle rate con scadenza 30.6.2011 e dei valori di presunti dellindice di riferimento. In particolare, al fine della determinazione della seconda rata semestrale dei mutui cassa DD.PP. stato ipotizzato un tasso euribor alla data del fixing pari a 1,40% sul quale sono stati calcolati gli spread previsti per ciascun mutuo. Dovranno essere costantemente monitorate le evoluzioni dei mercati monetari (il tasso euribor sei mesi alla data dell8/4/2011 pari a 1,6%). Dopo quasi 2 anni di stabilit (dal maggio 2009 il tasso di sconto era pari all1%) la BCE in data 7/4/2011 ha alzato i tassi di interesse portandoli all'1,25% (erano fermi all'1% da maggio 2009). Il consensus sullandamento delleuribor sembra orientato a ritenere che la BCE operer un secondo aumento di un ulteriore 0,25% per questa estate. Gli analisti prevedono che a fine 2012 il tasso di riferimento della Bce potrebbe superare la soglia del 2% e raggiungere il 3% tra il 2013 e il 2014.

Pertanto deve essere attentamente valutato limpatto sugli interessi al servizio del debito anche nel bilancio pluriennale.

11. SPESE DI NATURA STRAORDINARIA 11.1DEBITI FUORI BILANCIO E PASSIVITA ARRETRATE Non risultano debiti fuori bilancio di competenza del Servizio insorti negli anni precedenti. Al bilancio di previsione allegato un elenco dei debiti fuori bilancio di cui il Servizio ha avuto conoscenza e per i quali si proceder allistruttoria e alleventuale riconoscimento secondo quanto previsto dal TUEL e dal Regolamento di contabilit.

12. INVESTIMENTI Il servizio Bilancio non prevede nel corso del triennio 2011-2013 investimenti di propria competenza. 13. PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE Per quanto concerne la programmazione triennale non si evidenziano aspetti di particolare rilevanza. 14. ATTIVITA La dotazione di personale del Servizio Ragioneria costituisce un limite in ordine al regolare svolgimento delle attivit obbligatorie pone un limiti allattivazione di un efficace e diffuso sistema di controllo di gestione. Lattivit ordinaria dellUfficio incontra difficolt specie in concomitanza con i periodi caratterizzati dai maggiori carichi di lavoro (Redazione del Bilancio di Previsione e Redazione del Rendiconto). Pur nellincertezza che caratterizza il quadro normativo per la gestione dei servizi pubblici, si ritiene che debba essere considerata prioritaria lntroduzione di puntuali procedure di controllo sulle societ partecipate. Dovranno essere promossa la partecipazione dellente alle iniziative e/o opportunit di finanziamento da parte di enti terzi. Ci non toglie che, con riguardo a questultimo aspetto, la crescente collaborazione tra diversi settori, ha consentito di attivare iniziative che hanno trovato accesso a finanziamenti di terzi (in particolare: infrastrutture portuali, regimentazione delle acque reflue, investimenti nel settore ambientale, promozione delle attivit commerciali, introduzione di sistemi di sicurezza e telecontrollo)

RELAZIONE SUL PERSONALE PER IL TRIENNIO 2011-2013 IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La Giunta Comunale nella medesima seduta nella quale stato approvato lo schema di bilancio di previsione 2011 e pluriennale 2011-2013 ha approvato anche il Piano del Fabbisogno di Personale per il triennio 2011-2013 (Delibera n. 243 del 25/5/2011). Il quadro normativo di riferimento parzialmente mutato rispetto a quello che aveva caratterizzato la definizione del programma del fabbisogno del precedente triennio 2010-2012. La dinamica della spesa di personale degli enti locali soggetti al patto di stabilit disciplinata dalle seguenti norme di legge: 1) Il comma 557 dellart. 1 della legge n. 296/2006 (legge finanziaria per il 2007), cos sostituito dal comma 7 dellart. 14, D.L. 31 maggio 2010, n. 78, come modificato dalla relativa legge di conversione; la norma prevede che Ai fini del concorso delle autonomie regionali e locali al rispetto degli obiettivi di finanza pubblica, gli enti sottoposti al patto di stabilit interno assicurano la riduzione delle spese di personale, al lordo degli oneri riflessi a carico delle amministrazioni e dell'IRAP, con esclusione degli oneri relativi ai rinnovi contrattuali, garantendo il contenimento della dinamica retributiva e occupazionale, con azioni da modulare nell'ambito della propria autonomia e rivolte, in termini di principio, ai seguenti ambiti prioritari di intervento: a) riduzione dell'incidenza percentuale delle spese di personale rispetto al complesso delle spese correnti, attraverso parziale reintegrazione dei cessati e contenimento della spesa per il lavoro flessibile; b) razionalizzazione e snellimento delle strutture burocratico-amministrative, anche attraverso accorpamenti di uffici con l'obiettivo di ridurre l'incidenza percentuale delle posizioni dirigenziali in organico; c) contenimento delle dinamiche di crescita della contrattazione integrativa, tenuto anche conto delle corrispondenti disposizioni dettate per le amministrazioni statali. 2) Il comma 557-bis dellart. 1 della legge n. 296/2006 (legge finanziaria per il 2007) aggiunto dal comma 7 dell'art. 14, D.L. 31 maggio 2010, n. 78, come modificato dalla relativa legge di conversione prevede che Ai fini dell'applicazione del comma 557, costituiscono spese di personale anche quelle sostenute per i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, per la somministrazione di lavoro, per il personale di cui all'articolo 110 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, nonch per tutti i soggetti a vario titolo utilizzati, senza estinzione del rapporto di pubblico impiego, in strutture e organismi variamente denominati partecipati o comunque facenti capo all'ente. La disposizione sostituisce lanaloga norma contenuta nel comma 1 dellart. 76 del D.L. n. 112/2008, convertito in legge n. 133/2008 ora abrogata. 3) Il comma 557-ter dellart. 1 della legge n. 296/2006 (legge finanziaria per il 2007) aggiunto dal comma 7 dell'art. 14, D.L. 31 maggio 2010, n. 78, ha previsto lapplicazione della sanzione del blocco delle assunzioni in caso di mancata riduzione della spesa di personale. 4) stato abrogato dall'art. 14, comma 8, D.L. 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla L. 30 luglio 2010, n. 122 il comma 5 dellart. 76 del D.L. n. 112/2008; i principi di riduzione della spesa di personale in rapporto alla spesa corrente sono peraltro oggi contenuti nella lettera a) del comma 557 dellart. 1 della legge n. 296/2006. 5) E rimasto in vigore il comma 6 dellart. 76 del D.L. n. 112/2008 che stabilisce che con D.P.C.M. da emanarsi entro novanta giorni dallentrata in vigore della legge n. 133/2008, previo accordo tra Governo, Regioni e Autonomie locali in sede di conferenza unificata, devono essere definiti parametri e criteri di virtuosit, con correlati obiettivi differenziati di risparmio, da individuarsi tenendo conto delle dimensioni demografiche degli enti, delle percentuali di incidenza delle spese di personale attualmente esistenti rispetto alla spesa corrente e dellandamento di tale tipologia di spesa nellambito del quinquennio precedente.

6) E stato sostituito il comma 7 dellart. 76 del D.L. n. 112/2008 dall'art. 14, comma 9, D.L. 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla L. 30 luglio 2010, n. 122. Successivamente il comma stato ulteriormente modificato dall'art. 1, comma 118, L. 13 dicembre 2010, n. 220, a decorrere dal 1 gennaio 2011. Lattuale stesura del comma la seguente E' fatto divieto agli enti nei quali l'incidenza delle spese di personale pari o superiore al 40% delle spese correnti di procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo e con qualsivoglia tipologia contrattuale; i restanti enti possono procedere ad assunzioni di personale nel limite del 20 per cento della spesa corrispondente alle cessazioni dell'anno precedente. Per gli enti nei quali l'incidenza delle spese di personale pari o inferiore al 35 per cento delle spese correnti sono ammesse, in deroga al limite del 20 per cento e comunque nel rispetto degli obiettivi del patto di stabilit interno e dei limiti di contenimento complessivi delle spese di personale, le assunzioni per turn-over che consentano l'esercizio delle funzioni fondamentali previste dall'articolo 21, comma 3, lettera b), della legge 5 maggio 2009, n. 42. Si evidenzia che il D.P.C.M. previsto dal comma 6 dellart. 76 del D.L. n. 112/2008 non risulta ancora emanato. La finalit perequativa del D.P.C.M. appare inoltre depotenziata nel nuovo quadro normativo. La riduzione delle spese di personale in rapporto alle spese correnti si infatti trasformata da obbligo cogente (anche se, secondo la Corte dei Conti, sospeso fino allemanazione del D.P.C.M.) in una delle azioni possibili, nellambito dellautonomia di ciascun ente, a disposizione degli enti per la riduzione della spesa. Nella sostanza il legislatore, in un complessivo disegno di estremo rigore su questo tema, ha introdotto un approccio diverso vincolando gli enti locali alla spesa di personale considerata in valori assoluti piuttosto che relativi al totale delle spese correnti. Il nuovo approccio, determinato probabilmente anche dalla difficolt di stabilire parametri oggettivi che tengano conto delle esternalizzazioni dei servizi, facilita sicuramente gli enti locali. Infatti mentre attraverso il principio di riduzione della spesa viene quantificato il quantum da ridurre, lobbligo di ridurre le spese di personale in funzione delle spese correnti avrebbe sicuramente portato ad una maggiore restrizione, tenuto conto della contrazione generale delle stesse in considerazione della riduzione dei trasferimenti erariali. Si evidenzia come la normativa di riferimento sopra brevemente riassunta presenti elementi di incertezza sui quali si ritiene opportuno condurre un breve esame anche per dar conto degli orientamenti posti a base delle scelte formulate con il presente documento. Intanto evidente come la politica di contenimento della spesa di personale si incardini su due diversi meccanismi: il primo a contenuto economico-finanziario deriva dai commi 557 e seguenti dellart. 1 della Legge n. 296/2006 e introduce lobiettivo di contenimento progressivo della spesa di personale. Il secondo di carattere pi marcatamente giuridico trova origine nel vigente comma 7 dellart. 76 del D.L. n. 11272008 e pone un primo vincolo assoluto alle assunzioni qualora la spesa di personale sia superiore al 40% della spesa corrente; in caso di inoperativit del vincolo assoluto gli enti possono procedere ad assunzioni nel limite del 20% della spesa corrispondente alle cessazioni dellanno precedente. In relazione al primo meccanismo la novit pi rilevante linclusione nellaggregato della spesa di personale delle erogazioni relative a tutti i soggetti a vario titolo utilizzati, senza estinzione del rapporto di pubblico impiego, in strutture e organismi variamente denominati partecipati o comunque facenti capo all'ente. La disposizione che non ha valore di interpretazione legale della precedente normativa introduce una nuova variante dellaggregato gi soggetto a monitoraggio dal 2006 con la necessit di aggiornare la serie a decorrere dal 2010. Pertanto per il 2010 opportuno predisporre due aggregati di spesa di personale uno che sia omogeneo rispetto alla serie storica degli anni precedenti ed escluda dal computo lulteriore voce introdotta dal comma 557-bis e un altro che rappresenti il nuovo valore di riferimento a partire dal 2011. Per quanto concerne lincidenza delle spese di personale rispetto alle spese correnti (per la verifica del rispetto del limite del 40%) sono sorti dubbi circa laggregato da prendere in considerazione al numeratore del rapporto. Le Sezioni Riunite della Corte dei Conti con il parere n. 27/2011 hanno

fornito un primo riscontro ritenendo che laggregato non corrisponda con quello di cui al comma 557 dellart. 1 della Legge n. 296/2006 fornendo indicazioni operative che escludono alcune delle rettifiche operate (ad es. neutralizzazione dei CCNL). Si riporta di seguito un estratto della suddetta delibera. Per gli enti sottoposti al patto di stabilit interno, la spesa di personale, da affrontare alla spesa corrente, ai fini dellapplicazione del limite di cui al comma 7 dellart. 76 del decreto legge n. 112 del 2008 convertito dalla legge n. 133 del 2008, come modificato art. 14 comma 9 del decreto legge n. 78 del 2010, come convertito in legge, deve essere considerata nel suo complesso, al lordo delle voci escluse nella determinazione dellaggregato da considerare per il confronto in serie storica. E ancora Per la verifica del limite della spesa di personale, da raffrontare alla spesa corrente, necessario far riferimento al dato degli impegni, dato derivante dalla effettiva gestione del bilancio e suscettibile di riscontro, da desumere dal documento contabile ufficiale del precedente esercizio e quindi dal rendiconto approvato dal Consiglio, salvo che, in presenza di esigenze particolari di procedere ad assunzioni prima dellapprovazione del documento ufficiale, sia necessario ferma restando la necessit di ancorare il parametro ai dati di rendiconto fare riferimento a documenti quali lo schema di rendiconto approvato dalla giunta o quello predisposto dagli uffici. Si ritiene che, alla luce di quanto affermato dalle Sezioni Riunite, sia prudente conteggiare nel numeratore del rapporto gli impegni assunti allintervento 01, quelli dellintervento 03 e intervento 05 nel limite di eventuali spese di personale definite dal medesimo comma 557-bis imputate a tali poste di bilancio nonch gli impegni dellintervento 07 riferiti allIRAP. Linterpretazione del vincolo del turn over quella che crea le maggiori difficolt interpretative. Ci si chiesti in particolare se la restrizione del turn-over operi sui soli contratti a tempo indeterminato o abbia una valenza anche in relazione ai contratti flessibili. Sulla questione gli orientamenti non sono univoci. La Corte dei Conti della Lombardia (parere n. 167/2011) ha optato per uninterpretazione di assoluto rigore estendendo lambito applicativo della disposizione a tutti i contratti. Diversamente hanno opinato la Sezione Campania (parere 246/2011) e le Sezioni Riunite (parere 20/2011). E orientamenti di queste ultime che il limite alle assunzioni di personale nellambito delle cessazioni avvenute nellanno precedente si riferisca ai soli rapporti di lavoro a tempo indeterminato. Nello stesso senso anche la Nota ANCI del 29 luglio 2010 Le disposizioni in materia di personale degli Enti Locali recate dal decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito in legge 30 luglio 2010, n. 122 che, sul punto, rileva: Il secondo periodo del sostituito comma 7 reintroduce un vincolo, puntuale e specifico, sulle assunzioni a tempo indeterminato, che possono essere effettuate nel limite del 20 per cento della spesa corrispondente alle cessazioni dellanno precedente. per consolidato, almeno alla luce delle regole introdotte in passato anche per la pubblica amministrazione, il principio che quando il legislatore introduce paletti di turn-over alle assunzioni faccia esplicito riferimento a quelle tipologie di assunzione che possono portare ad un consolidamento della spesa, e quindi nel caso specifico alle sole attivit lavorative a tempo indeterminato. Se cos non fosse un ente potrebbe ipoteticamente utilizzare i risparmi sulla spesa delle cessazioni a tempo determinato per assumere a tempo indeterminato rendendo certamente vana la ratio di tutto limpianto della manovra estiva. Tra laltro il lavoro a termine una delle forme di lavoro flessibile previste dallart. 36 del D.lgs. 165/01 attivabile esclusivamente per esigenze temporanee ed eccezionali. Sarebbe davvero curioso il poter trovare unesigenza temporanea ed eccezionale, ma nel limite del 20% dellesigenza temporanea ed eccezionale dellanno precedente. Pienamente condivisibile invece la conclusione della citata delibera della Sezione Lombardia nella parte in cui afferma che si ritiene che si possano riportare nellanno successivo eventuali margini di spesa originati da cessazione di personale, non utilizzati nellanno precedente. Il principio gi stato affermato dalla Funzione Pubblica. A margine si ricorda che lart. 9 del D.L. n. 78 del 1.7.2009 ha esteso le disposizioni relative al contenimento della spesa del personale per lente locale alle societ a partecipazione pubblica totale

o di controllo che siano titolari di affidamenti diretti di servizi senza gara, ovvero che svolgano funzioni volte a soddisfare esigenze di interesse generale aventi carattere non industriale o commerciale, ovvero che svolgono attivit nei confronti della pubblica amministrazione a supporto di funzioni amministrative di natura pubblicistica. Anche nella specifica materia sussitono una serie di questioni interpretative non risolte sulle quali tuttavia in questa sede non si ritiene di doversi soffermare. LA DOTAZIONE ORGANICA DELLENTE La dotazione organica del Comune, rideterminata a seguito della deliberazione della Giunta Comunale n. 147 del 4.4.2011, risulta articolata secondo il seguente prospetto.
DOTAZIONE ORGANICA PROFILO DIRIGENTE FUNZIONARIO P.M. FUNZIONARIO AMM.VO CONT. FUNZIONARIO TECNICO FUNZIONARIO ANALISTA ISTR. DIR. AMM.VO CONT. ISTR. DIR. ASS.TE SOCIALE ISTR. DIR. ADDETTO STAMPA ISTR. DIR. P.M. ISTR. DIR. CED ISTR. DIR. TECNICO ISTR. AMM.VO CONT. ISTRUTTORE DIDATTICO ISTRUTTORE TECNICO ISTRUTTORE PM COORD. ISTR. PM TERMINALISTA COL. MESSO NOTIFICATORE COL. TECNICO FUNZIONALE COL. TECNICO MANUTENZIONE ESECUTORE AMM.VO ESECUTORE TECNICO OPERATORE TOTALE

CATEGORIA DIR D3 D3 D3 D3 D1 D1 D1 D1 D1 D1 C1 C1 C1 C1 C1 B3 B3 B3 B3 B1 B1 A1

T.P./T.D. 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100%

PREVISTI 8 1 14 6 1 17 4 1 5 1 11 35 6 18 6 35 28 3 5 6 25 60 0 296

IN SERVIZIO 7 1 7 2 1 11 3 1 3 0 9 26 4 14 0 32 24 1 4 4 23 50 0 227

VACANTI 1 0 7 4 0 6 1 0 2 1 2 9 2 4 6 3 4 2 1 2 2 10 0 69

I dati relativi al personale in servizio si riferiscono alla data dell31/3/2011 e tengono conto del personale a tempo indeterminato. Successivamente alla data del 31/3/2011 si proceduto tramite listituto della mobilit ai sensi dellart. 30 del D.Lgs. n. 165/2001 alla copertura di un posto di agente di PM (categoria C) a sua volta trasferito con il medesimo istituto (antecedentemente al 31/3/2011). Si evidenzia che il profilo di istruttore PM coordinatore non attiene alle definizioni proprie delle declaratorie contrattuali ma deriva dallattribuzione di funzioni previste dal regolamento del corpo di polizia municipale ed pertanto, ai fini giuridici del reclutamento del personale, da ritenere equivalente al profilo di istruttore di PM. Considerate le finalit della dotazione organica con particolare riferimento agli effetti sulla programmazione del fabbisogno si suggerito alla Giunta Comunale di provvedere alla modifica del profilo accorpandolo a quello di istruttore di PM. Nella colonna relativa al personale in servizio conteggiata capitariamente ununit con il profilo di Collaboratore messo notificatore con contratto part-time al 50%. Oltre al personale a tempo indeterminato alla data dell31/3/2011 risultano assunti con contratto a tempo determinato: - due unit di staff del Sindaco con contratto a tempo pieno di categoria D1 (extradotazionale) (Vitrani Miriangela e Sabbatini Marco);

due unit con con profilo di Istruttore PM (Morresi Giordano e Turchetti Roberto); tre unit con profilo di Collaboratore professionale con contratto part-time al 50% (Nasuti Filomena, Mercanti Francesca e Torresi Emanuela); Complessivamente i dipendenti in servizio alla data dell31/3/2011 risultano 234 di cui 7 a tempo determinato (tre part-time al 50%) cui si aggiunge il Segretario Generale. Alla data del 31.3.2011 risultano inoltre impiegati due lavoratori socialmente utili di cui uno con integrazione della retribuzione ai sensi dellart. 8, comma 2, del D.Lgs n. 468/1997. Si ritenuto necessario procedere ad una revisione della dotazione organica al fine di adeguarla alle esigenze effettive dellente provvedendo nel contempo a distribuire i posti coperti e quelli vacanti per servizio. Il costo convenzionale della nuova dotazione organica risulta pari ad Euro 6.296.669,34 con una riduzione di Euro 817.517,83 rispetto alla spesa teorica riferita alla precedente dotazione organica. Ai fini del calcolo della spesa convenzionale sono stati utilizzate le retribuzioni tabellari dei contratti di lavoro del comparto Regioni-Enti Locali vigenti alla data del 1/1/2011. Con la delibera della Giunta Comunale n. 147 del 4.4.2011 stato approvato anche il riparto della dotazione organica per servizi con separata evidenza dei posti coperti e di quelli vacanti. QUADRO DI RIFERIMENTO TRIENNIO 2007-2010 Si riporta nella tabella seguente un quadro sinottico nel quale sono riassunti i dati relativi al numero dei dipendenti in servizio alla data del 31 dicembre degli ultimi tre anni e landamento della spesa di personale nellintervallo 2007-2010 anche in riferimento alle entrate correnti e alla spesa corrente. Laggregato delle spese di personale identificato con riferimento alle indicazioni fornite dalla circolare della Ragioneria Generale dello Stato n. 9 del 2006 nonch dellart. 76, comma 1, del D.L. n. 112/2008 e da ultimo dal comma 557-bis della legge 296/2006 aggiunto dal comma 7 dell'art. 14, D.L. 31 maggio 2010, n. 78, secondo il quale Ai fini dell'applicazione del comma 557, costituiscono spese di personale anche quelle sostenute per i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, per la somministrazione di lavoro, per il personale di cui all'articolo 110 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, nonch per tutti i soggetti a vario titolo utilizzati, senza estinzione del rapporto di pubblico impiego, in strutture e organismi variamente denominati partecipati o comunque facenti capo all'ente. La spesa rappresentata deriva dalla somma dei seguenti addendi: - dellintervento 01 spesa di personale (in senso strettamente contabile) riclassificato per neutralizzare gli effetti degli aumenti di spesa correlati alla stipulazione di nuovi C.C.N.L. e per escludere alcune voci che non rientrano nella definizione di spesa di personale (spesa per indennit e gettoni degli amministratori, rimborsi spese di trasferta ecc.); - dallintervento 07 (riclassificato per rilevare la sola IRAP); - dallintervento 03 prestazioni di servizi limitatamente alla necessit di includere le forme di lavoro flessibili quali la somministrazione di lavoro e le collaborazioni coordinate e continuative. Non sussistono spese di personale ricadenti allintervento 05. Si precisa che, in coerenza con le indicazioni contenute nella deliberazione n. 2 del 12.1.2010 della Sezione Autonomie della Corte dei Conti la spesa di personale stata ulteriormente riclassificata per escludere dalla stessa i diritti di rogito del Segretario Generale e i gli incentivi di cui allart. 92 del D.Lgs. n. 163/2006. La spesa per i buoni pasto nellanno 2010 stata integralmente imputata alla spesa di personale anche se parzialmente finanziata con un contributo dellUnione Europea nellambito di un progetto di conciliazione dei tempi di casa e lavoro. Deve evidenziarsi che la spesa di personale, nella configurazione sopra precisata, rappresenta laggregato rispetto al quale lEnte deve conseguire lobiettivo di riduzione previsto dallart. 1, comma 557, della Legge Finanziaria 2007 e che lo stesso calcolato neutralizzando gli effetti degli incrementi di spesa riferiti allintroduzione di nuovi contratti collettivi nazionali.

Relativamente allanno 2010 i valori indicati sono riferiti ai dati rilevati dalla contabilit generale in quanto non stato predisposto il rendiconto. Non appena disponibili i dati del rendiconto si proceder alla revisione della tabella. Lallegato A descrive analiticamente le voci di formazione dellaggregato spese di personale inserito nella tabella.

ANNO SPESE DI PERSONALE ENTR. CORR. (TIT. I II E III) SPESE DI PERSONALE SU ENTR. CORR. VALORE MEDIO 2006-2008 SPESA CORRENTE (TIT. I) SPESE DI PERSONALE SU SPESA CORR. VALORE MEDIO 2006-2008 N DIPENDENTI AL 31.12 di cui a tempo determinato SPESA MEDIA PER DIPENDENTE ABITANTI AL 31.12 SPESA MEDIA PER ABITANTE

2007 8.797.361,66 32.264.821 27,27% 30.102.936 29,22% 240 7 36.593 39.935 220,29

2008 8.776.742,73 33.863.944 25,92% 32.228.183 27,23% 240 9 36.570 40.266 217,97

2009 8.774.858,10 36.940.075 23,75% 34.184.695 25,67% 238 5 36.869 40.661 215,81

2010 8.750.827,70 37.007.414 23,65% 35.102.315 24,93%

232
5 37.719 40.816 214,40

La spesa di personale, nel triennio considerato, mostra un andamento decrescente nel rispetto degli obiettivi posti dallart. 1, comma 557, della Legge Finanziaria 2007. Anche lincidenza percentuale di detta spesa rispetto alle entrate correnti e il rapporto della stessa per abitante mostrano una progressiva diminuzione. Nel seguente prospetto viene evidenziata la spesa quale risultante dal totale dellintervento 01, nellultimo triennio, in assenza di riclassificazioni.
ANNO SPESE DI PERSONALE (int. 01) ENTR. CORR. (TIT. I II E III) SPESE DI PERSONALE SU ENTR. CORR. VALORE MEDIO 2006-2008 SPESA CORRENTE (TIT. I) SPESE DI PERSONALE SU SPESA CORR. VALORE MEDIO 2006-2008 N DIPENDENTI AL 31.12 di cui a tempo determinato SPESA MEDIA PER DIPENDENTE ABITANTI AL 31.12 SPESA MEDIA PER ABITANTE 2007 8.330.234 32.264.821 25,82% 30.102.936 27,67% 240 7 34.650 39.935 208,59 2008 8.764.115 33.863.944 25,88% 32.228.183 27,19% 240 9 36.517 40.266 217,66 2009 8.464.887 36.940.075 22,92% 34.184.695 24,76% 238 5 35.567 40.661 208,18 2010 8.460.163 37.007.414 22,86% 35.103.444 24,10% 232 5 36.466 40.816 207,28

Infine si proceduto al calcolo dellimporto della spesa di personale rilevante ai fini della determinazione dellincidenza sulla spesa corrente, per la verifica del rispetto del limite del 40% al superamento del quale connessa limpossibilit di procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo e con qualsivoglia tipologia contrattuale. Nel calcolo si provveduto a conteggiare nel numeratore del rapporto gli impegni assunti allintervento 01, quelli dellintervento 03 e intervento 05 nel limite di eventuali spese di personale definite dal medesimo comma 557-bis imputate a tali poste di bilancio nonch gli impegni dellintervento 07 riferiti allIRAP. I dati del rapporto sono riferiti ai dati desunti dalle scritture contabili non essendo disponibile il rendiconto al momento della redazione del presente documento.

ANNO INTERVENTO 01 INTERVENTO 03 INTERVENTO 05 INTERVENTO 07 (SOLO IRAP) COMPENSI EROGATI A DIPENDENTI DA AZ. SPEC. E ATAC TOTALE TOTALE SPESA CORRENTE INCIDENZA SPESA DI PERSONALE SU SPESA CORRENTE

2010 8.460.163,12 44.700,00 510.376,37 30.802,78 9.046.042,27 35.103.444,42 25,77%

Dalla suddetta tabella si desume come lincidenza della spesa di personale sulla spesa corrente risulti inferiore alla soglia del 40% e a quella del 35% di cui al secondo capoverso della disposizione di cui al comma 7 dellart. 76 del D.L. n. 112/2008. Pertanto lente pu procedere ad assunzioni di personale nel limite del 20 per cento della spesa corrispondente alle cessazioni dell'anno precedente ed ammesso a beneficiare della deroga al suddetto limite del 20 per cento, comunque nel rispetto degli obiettivi del patto di stabilit interno e dei limiti di contenimento complessivi delle spese di personale, per il turn-over che consenta l'esercizio delle funzioni fondamentali previste dall'articolo 21, comma 3, lettera b), della legge 5 maggio 2009, n. 42 (ovvero le funzioni di polizia locale). LA PROGRAMMAZIONE PER IL TRIENNIO 2011-2013. LE INTERPRETAZIONI E I PRINCIPI Ai fini della programmazione del fabbisogno per lanno 2011 e per il triennio 2011-2013, sulla base delle indicazioni concordate con il Collegio dei Revisori dei Conti, si fatto riferimento ai seguenti principi: - l'incidenza delle spese di personale inferiore al 40% delle spese correnti e pertanto possibile procedere ad assunzioni di personale nei limiti di cui allart. 1, comma 557, della Legge Finanziaria 2007 e nel rispetto degli obiettivi del patto di stabilit interno. - i dati riferiti al 2010 sono calcolati sulla base delle risultanze delle scritture contabili non essendo attualmente disponibile il rendiconto dellesercizio; - ai fini della programmazione si applicano criteri uniformi sia in relazione al calcolo del valore limite di riferimento sia del target; in particolare si seguono le indicazioni contenute nella circolare RGS n. 9/2006 e nella parieristica espressa dalle Sezioni di Controllo della Corte dei Conti; - il limite del 20% del turn over si riferisce alle sole assunzioni a tempo a tempo indeterminato e sono da escludere dal computo della quota del quinto le mobilit; - sono da escludere dal calcolo dellaggregato della spesa di personale la spesa per assunzioni a tempo determinato di agenti di PM ai sensi dellart. 208, comma 4-bis, del D.Lgs. n. 285/1992 (in tal senso la Circolare n. 5/2007 datata 8/3/2007 del Ministero dellInterno Dipartimento per gli affari interni e territoriali), le spese per progetti finanziati da terzi limitatamente alla quota finanziata; - la programmazione del fabbisogno dovr essere monitorata e aggiornata periodicamente. La definizione dei principi sopra richiamati rappresenta il tentativo di finalizzare la programmazione del fabbisogno di personale ad unequlibrata ponderazione tra i diversi interessi coinvolti, in particolare, lesigenza di contenimento della spesa ma anche la necessit di assicurare un organico idoneo a mantenere un adeguato livello quantitativo e qualitativo dei servizi offerti.

LA PROGRAMMAZIONE PER IL TRIENNIO 2011-2013. Al fine di consentire il raggiungimento degli obiettivi di riduzione della spesa di personale, si prevedono le seguenti strategie dazione: - ai sensi dellart. 9, comma 3-bis, della Legge n. 122/2010 devono essere rispettati i seguenti due precetti: a) il fondo per le risorse decentrate nel suo complesso negli anni 2011-2013 non pu essere superiore al fondo dellanno 2010 b) detto fondo deve progressivamente ridursi in proporzione alla riduzione del personale in servizio. La spesa di personale a tempo determinato per lanno 2011 finalizzata ai seguenti utilizzi: - 14.890,00 Euro per un collaboratore professionale messo al 50% fino al 31/12/2011; - 21.160,00 Euro per un assistente sociale fino al 16/11/2011; - 44.320,00 Euro per lUfficio di Staff del Sindaco composto di due unit di categoria D1 per lintero anno; - 19.100,00 Euro per due agenti di Polizia Municipale fino al 31/5/2011 assegnati a progetti di vigilanza in materia ambientale; - 3.450,00 Euro per un collaboratore professionale assegnato al Servizio case popolari. Il fabbisogno di carattere straordinario stato ribadito dal Dirigente del Settore Urbanistica con nota Prot. n. 25375 del 17/5/2011 ed stato pertanto previsto il finanziamento di una nuova assunzione a tempo determinato per un ulteriore periodo di un anno sempre a tempo parziale al 50% per Euro. In particolare si prevista lassunzione per un periodo di 5 mesi nel corso del 2011 e di 7 mesi nel corso del 2012. - 10.430,28 Euro per lintegrazione di un LSU assegnato ai servizi demografici e cimiteriali; - 3.512,50 Euro per per due istruttori amministrativi da inserire ai servizi demografici e cimiteriali per i quale nel 2011 prevista la copertura di una mensilit e nel 2012 lintero anno; - 1.756,25 Euro per un istruttore amministrativo da inserire al Settore II per il quale nel 2011 prevista la copertura di una mensilit e lintero anno nel 2012; 15.620,82 Euro per agenti di PM per progetti relativi alla vigilanza del mercato ittico allingrosso nel periodo estivo e per la prosecuzione dei progetti di vigilanza in varie materie (si vedano le richieste Prot. n. 19440 del 16.4.2011 successiva alla relazione Prot. n. 1906 del 15/1/2011) per complessive 8 mensilit di tempo lavoro. Nellambito di questultima voce potranno essere previste qualora non ancora impegnate ulteriori assunzioni a tempo determinato per fabbisogni che emergano nel corso dellesercizio. IL seguente schema illustra lutilizzo del personale a tempo determinato nellintervallo di programmazione.
PROGRAMMAZIONE SPESA PERSONALE A TEMPO DETERMINATO 2011 (impegnati) 2011 (da impegnare) (TOTALE) 2011 COLLABORATORE PROFESSIONALE MESSO PT 50% 14.890,00 14.890,00 ASSISTENTI SOCIALI 21.160,00 21.160,00 UFFICIO STAFF 44.320,00 44.320,00 AGENTI PM 19.100,00 19.100,00 COLLABORATORE PROF. SERVIZIO URBANISTICA PT 50% 3.450,00 5.760,15 9.210,15 INTEGRAZIONE LSU 10.430,28 10.430,28 2 ISTRUTTORI SERVIZIO DEMOGRAFICI E CIMITERIALI 3.512,50 3.512,50 ISTRUTTORE PER II SETTORE 1.756,25 1.756,25 AGENTI DI PM PER VIABILITA' (ART. 208) AGENTI DI PM PER ALTRI SERVIZI PT 50% E ALTRO 15.620,82 15.620,82 ALTRO TOTALE (corrispondente alle poste iscritte a bilancio) 113.350,28 26.649,72 140.000,00 TOTALE CON ONERI 150.755,87 35.444,13 186.200,00 TOTALE CON ONERI (rilevante comma 557) 150.755,87 35.444,13 186.200,00 2012 10.000,00 22.000,00 4.114,39 42.150,00 21.075,00 30.660,61 130.000,00 172.900,00 172.900,00 2013 120.000,00 120.000,00 159.600,00 159.600,00

Non previsto, nel triennio 2011-2013, il ricorso alla somministrazione di lavoro. E previsto il ricorso a collaborazioni coordinate e continuative limitatamente al Coordinatore dellAmbito Territoriale dei Servizi Sociali di cui il Comune di Civitanova Marche capofila.

Considerate le difficolt di coordinamento riscontrate nel corso del 2010 in relazione al riparto della spesa sostenuta per il Coordinatore e per i due dipendenti assegnati al suo staff comunicato ai comuni interessati con la nota Prot. n. 8676 del 17/2/2010, si ritenuto opportuno prevedere che lintera spesa per il 2011 sia interamente imputata al comune di Civitanova Marche in qualit di capofila. Coerentemente, nellincertezza che ciascun comune dellambito si sia fatto carico della propria quota parte della spesa per il 2010 si ritenuto, in sede di consuntivazione, di imputare lintera spesa al Comune capofila. E stata prevista nel 2012 e nel 2013 la prosecuzione dellerogazione dellindennit sostitutiva del buono pasto a conclusione della sperimentazione dellorganizzazione del lavoro su cinque giorni lavorativi avviata nellambito del progetto di conciliazione dei tempi di casa lavoro. LE CASSAZIONI DEL 2010 Nel seguente prospetto sono evidenziati i risparmi connessi alle cessazioni avvenute nel corso del 2010 con la determinazione della quota del 20% entro la quale necessario contenere il turn over. Nellindividuazione delle assunzioni compatibili con il suddetto limite ci si attenuti al seguente criterio: - le mobilit sono escluse dal computo in conformit allorientamento espresso dalle Sezioni Riunite (si vedano pareri n. 52/2010 e 59/2010) e dalla Sezione Autonomie (si veda parere n. 21/2010) della Corte dei Conti e dal Dipartimento della funzione Pubblica (parere n. 4 del 19/3/2010). La sezione regionale di controllo della Corte dei Conti del Piemonte si recentemente espressa (delibera n. 42 del 30/3/2011) sulla questione precisando che la neutralit delle mobilit resta garantita solo ove avvenga tra amministrazioni entrambe sottoposte a vincoli in materia di assunzioni a tempo indeterminato; - per le assunzioni degli agenti di PM si considerata in deroga la sola assunzione derivante dalla copertura di un posto resosi libero a causa di una cessazione avvenuta nel corso del 2010 mentre prudenzialmente, con uninterpretazione rigorosa della normativa, si sono ritenute rilevanti ulteriori due assuzioni a fronte di disponibilit di posti non gi coperti (si veda sulla questione la gi citata delibera n. 42/2011 della sezione regionale di controllo della Corte dei Conti del Piemonte). Il programma di reclutamento per lanno 2011 indicato in calce alla tabella al fine della verifica di compatibilit con il vincolo. Lo stesso complessivamente prevede lassunzione di tre agenti di polizia municipale, di un assistente sociale e la trasformazione a tempo pieno del messo comunale a tempo indeterminato attualmente assunto con part time al 50%. E stata prevista la deroga in relazione alla mobilit di un assistente sociale e allassunzione per turn over di un agente di Polizia Municipale sulla base di quanto sopra premesso e con il vincolo che dette mobilit avvengano tra amministrazioni sottoposte a vincoli in materia di assunzioni a tempo indeterminato. Nelle successive tabelle viene analizzato il vincolo in relazione agli anni 2011 e 2012 ai fini della programmazione dei reclutamenti rispettivamente per lanno 2012 e 2013.

CESSAZIONI ANNO 2010 CESSAZIONI CATEGORIA B1 D1 B3 B1 C1 B1 B1 C1 B1 B1 B1 B3 D3 DIRIGENTE TOTALE RISPARMIO 20% TOTALE RISPARMIO RECLUTAMENTO ANNO 2011 CATEGORIA D1 C1 C1 C1 B3 TRASF. PT DA 50% A 100% TOTALE MAGGIORE SPESA ECONOMIA DA RIPORTARE

DECORRENZA

TABELLARE (su 13 mesi)

RISPARMIO 2011

RISPARMI 2011 (full inclusive) DIPENDENTE

SERVIZIO

(valori riferiti al CCNL 31.7.2009 per il personale dei livelli) 01/04/09 01/04/10 01/05/10 20/05/10 01/07/10 02/12/10 16/12/10 20/12/10 31/12/10 31/12/10 31/12/10 31/12/10 31/12/10 31/12/10 18.681,77 22.930,60 19.749,08 18.681,77 21.075,33 18.681,77 18.681,77 18.681,77 18.681,77 18.681,77 19.749,08 26.366,32 43.310,90 283.953,70 56.790,74 IN DEROGA 18.681,77 18.681,77 18.681,77 19.749,08 26.366,32 43.310,90 283.953,70 56.790,74 18.681,77 22.930,60 19.749,08 18.681,77 21.075,33 18.681,77 18.681,77 25.254,02 SPERNANZONI PIETRO 30.997,59 AVI ALBERTO 26.696,81 MARSILI MARIA LUISA 25.254,02 LA RAGIONE DOMENICO 28.489,63 GIROLOMINI MARIANO 25.254,02 SPADINI CATIUSCIA 25.254,02 FORESI GIUSEPPE CIMITERIALI PM SS.DD. AA.GG PM SS.DD. AA.GG.

GUARNIERI MAURIZIO (MOBILITA') PM IGIENE URBANA IGIENE URBANA VERDE EDILIZIA PRIV. SS.DD. DIRIGENTE

25.254,02 PAPARINI SILVANO 25.254,02 ROMITI GIOVANNI 25.254,02 FACCHINO ANTONIO 26.696,81 PEPA MASSIMO 35.641,99 ACHILLI ANNA GRAZIA 58.547,67 CAMPANARI ALBERTINA 383.848,61 76.769,72

MODALITA' MOBILITA'

TABELLARE (su 13 mesi) 22.930,60 21.075,33 21.075,33 21.075,33 9.874,54 96.031,13

MAGGIORE SPESA 2011 IN DEROGA 21.075,33 21.075,33 IN DEROGA 9.874,54 52.025,20 4.765,54

PROFILO ASSISTENTE SOCIALE AGENTE PM AGENTE PM AGENTE PM COLL.RE MESSO SERVIZI SOCIALI PM PM PM AA.GG.

SCORRIMENTO GRADUATORIA SCORRIMENTO GRADUATORIA SCORRIMENTO GRADUATORIA TRASF. 100%

CESSAZIONI ANNO 2011 DECORRENZA TABELLARE (su 13 mesi) RISPARMIO 2012 CATEGORIA C1 B1 TOTALE RISPARMIO 20% TOTALE RISPARMIO ECONOMIA DA ANNO 2010 DISPONIBILITA' PER ASSUNZIONI RECLUTAMENTO ANNO 2012 CATEGORIA B3 P.T. 50% ECONOMIA MODALITA' SCORRIMENTO TABELLARE (su 13 mesi) MAGGIORE SPESA 2012 9.874,54 9.874,54 9.874,54 9.874,54 1.923,12 28/02/11 30/09/11 21.075,33 18.681,77 39.757,10 7.951,42 21.075,33 18.681,77 39.757,10 7.951,42 4.765,54 12.716,96

RISPARMI 2011 (full inclusive) DIPENDENTE 28.489,63 CATINI GABRIELLA 25.254,02 ZANOTTI UMBERTO 53.743,65 10.748,73

SERVIZIO SS.DD. RAGIONERIA

(valori riferiti al CCNL 31.7.2009 per il personale dei livelli)

PROFILO COLL.RE MESSO AA.GG.

TOTALE MAGGIORE SPESA

CESSAZIONI ANNO 2012DECORRENZA TABELLARE (su 13 mesi) RISPARMIO 2012 CATEGORIA B1 B1 C1 B3 B1 B1 D3 TOTALE RISPARMIO 20% TOTALE RISPARMIO ECONOMIA DA ANNO 2011 DISPONIBILITA' PER ASSUNZIONI RECLUTAMENTO ANNO 2013 CATEGORIA D3 MODALITA' CONCORSO 01/06/12 01/06/12 01/07/12 01/10/12 01/12/12 30/09/11 31/12/12 18.681,77 18.681,77 21.075,33 19.749,08 18.681,77 18.681,77 26.366,32 141.917,81 28.383,56 18.681,77 18.681,77 21.075,33 19.749,08 18.681,77 18.681,77 26.366,32 141.917,81 28.383,56 1.923,12 30.306,68

RISPARMI 2011 (full inclusive) DIPENDENTE 25.254,02 ENEDETTI ANTONIO 25.254,02 LANCHINI DUILIO 28.489,63 D'ANTINO AURORA 26.696,81 CANONICO ANGELA 25.254,02 EMILI SERGIO

SERVIZIO

(valori riferiti al CCNL 31.7.2009 per il personale dei livelli)

EDLIZIA OSAP

25.254,02 BERRETTONI FABRIZIO 35.641,99 MENGARELLI DORIANARAGIONERIA 191.844,50 38.368,90

TABELLARE (su 13 mesi) MAGGIORE SPESA 2010 26.366,32 26.366,32 26.366,32 26.366,32

PROFILO 35.641,99 FUNZIONARIO DIRETTIVO RAGIONERIA

TOTALE MAGGIORE SPESA

LINDIVIDUAZIONE DEL TARGET Il seguente prospetto fornisce il dettaglio relativo alla determinazione del target rispetto al quale contenere la spesa di personale per lanno 2010.
INDIVIDUAZIONE TARGET
SPESA PERSONALE 2010 IMPEGNATO 2010 TOTALE INTERVENTO 01 TRASFERTE (a detrarre) - ONERI CCNL (a detrarre) - AGENTI DI PM CON ART. 208 CDS - DIRITTI DI ROGITO (compersi oneri) - INCENTIVI ART. 63 DLGS 263/06 (compresi oneri) - TOTALE INTERVENTO 01 (riclassificato) TOTALE INTERVENTO 03 (riclassificato) TOTALE INTERVENTO 07 (riclassificato sola IRAP) ULTERIORI RETTIFICHE INTERVENTO 07 (IRAP su CCNL, diritti di rogito- incentivi art. 63 DLGS 263/06) e TOTALE INTERVENTO 07 (voci rilevanti spesa personale) TOTALE SPESA DI PERSONALE 2010 RETTIFICA PER SPESE DI TERZI DEL 2010 NEUTRALIZZAZIONE RETTIFICA ONERI CCNL 2010 TOTALE SPESA DI PERSONALE COMPETENZA 2010 (TARGET) 8.460.163,12 8.985,80 155.497,91 7.655,00 25.000,00 56.151,26 8.206.873,15 44.700,00 510.376,37 11.121,82 499.254,55 8.750.827,70 30.802,78 60.497,91

8.842.128,39

LE CESSAZIONI PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 Il seguente prospetto fornisce il dettaglio delle cessazioni previste per il triennio 2011-2013. In relazione alle suddette cessazioni deve tenersi conto in via generale dellalea connessa alle cessazioni e, in particolare, allinterpretazione e ai possibili sviluppi della norma normativa in materia. Pertanto landamento delle cessazioni dovr essere oggetto di periodico monitoraggio al fine delladozione di idonei correttivi.

ANNO 2011 C1 B1 TOTALE RISPARMIO ONERI RIFLESSI + IRAP TOTALE LORDO 2012 B1 B1 C1 B3 B1 B1 TOTALE RISPARMIO ONERI RIFLESSI + IRAP TOTALE LORDO TOTALE LORDO CUMULATO 2013 B1 D1 B1 B1 C1 TOTALE RISPARMIO ONERI RIFLESSI + IRAP TOTALE LORDO TOTALE LORDO CUMULATO

DECORRENZA 28/02/11 30/09/11

TABELLARE (su 12 mesi) 19.454,15 17.244,71

RISPARMIO 17.562,77 4.670,44 22.233,22 7.821,65 30.054,86 10.897,70 10.897,70 10.537,66 4.937,27 1.556,81 38.827,15 13.659,39 52.486,54 106.230,18 14.011,33 16.560,99 6.227,26 4.670,44 1.756,28 43.226,29 15.207,01 58.433,30 214.635,80

RISPARMIO ANNUO

DIPENDENTE 21.075,33 CATINI GABRIELLA 18.681,77 ZANOTTI UMBERTO 39.757,10 13.986,55 53.743,65

01/06/12 01/06/12 01/07/12 01/10/12 01/12/12 31/12/12

17.244,71 17.244,71 19.454,15 18.229,92 17.244,71 17.244,71

18.681,77 18.681,77 21.075,33 19.749,08 18.681,77 18.681,77 115.551,49 40.651,01 156.202,50

BENEDETTI ANTONIO LANCHINI DUILIO D'ANTINO AURORA CANONICO ANGELA BERRETTONI FABRIZIO EMILI SERGIO

01/03/13 01/04/13 01/09/13 01/10/13 01/12/13

17.244,71 22.930,60 17.244,71 17.244,71 19.454,15

18.681,77 24.841,48 18.681,77 18.681,77 21.075,33 101.962,12 35.870,27 137.832,39

BEDINI LANFRANCO MASCARETTI CARLA GIULIETTI GIUSEPPE MARINI MIRELLA SOPRANZI ANTONELLA

LE ASSUNZIONI PROGRAMMATE Nel seguente prospetto vengono indicate le assunzioni programmate nel corso del triennio 20112013.
TABELLARE 13 MESI D1 C1 C1 C1 B3 MOBILITA' ESTERNA SCORRIMENTO GRADUATORIA SCORRIMENTO GRADUATORIA SCORRIMENTO GRADUATORIA TRASFORMAZIONE 2 PART TIME 50% SERVIZI SOCIALI PM PM PM AA.GG 22.930,60 21.075,33 21.075,33 21.075,33 9.874,54 SEPSA ANNUA CON ONERI 30.997,59 28.489,63 28.489,63 28.489,63 13.348,40 129.814,88 DATA ASSUNZIONE 01/09/2011 01/09/2011 01/09/2011 01/09/2011 01/10/2011 SPESA IN C.SO D'ANNO 10.332,53 9.496,54 9.496,54 9.496,54 3.337,10 42.159,26 42.159,26 SPESA A REGIME 30.997,59 28.489,63 28.489,63 27.378,99 13.348,40 129.814,88

PROGRAMMA 2011 ASSISTENTE SOCIALE AGENTE PM AGENTE PM AGENTE PM TRASFORMAZIONE MESSO NOTIFICATORE 100% TOTALE ANNO COSTO CUMULATO DEL PROGRAMMA PROGRAMMA 2012 ASSUNZIONE MESSO NOTIFICATORE PT 50% TOTALE ANNO COSTO CUMULATO DEL PROGRAMMA PROGRAMMA 2013 FUNZIONARIO DIRETTIVO AMM.VO TOTALE ANNO COSTO CUMULATO DEL PROGRAMMA D3 MOBILITA' - CONCORSO CONTABILITA'

B3

SCORRIMENTO GRADUATORIA

AA.GG.

9.874,54

13.348,40 13.348,40

01/01/2012

13.348,40 13.348,40 143.163,28

13.348,40 13.348,40

26.366,32

35.641,99 35.641,99

01/01/2013

35.641,99 35.641,99 178.805,28

35.641,99 35.641,99

Oltre alle suddette assunzioni prevista lassunzione di ununit di categoria C appartenente alle categorie protette e quindi neutra ai fini della determinazione della spesa di personale. Detta unit verr assegnata al Settore IV in relazione al fabbisogno dei servizi di gestione delle risorse finanziarie e umane.

LA SPESA DI PERSONALE 2010-2011-2012 Il seguente prospetto compendia e sviluppa, in chiave dinamica, i prospetti relativi alle cessazioni e alle assunzioni programmate evidenziandone la compatibilit con i vincoli di riduzione sistematica della spesa di personale. Gli importi indicati nel prospetto rappresentano limiti massimi di spesa per ciascuna voce e a tali valori deve essere conformato il bilancio di previsione 2011 e il bilancio pluriennale 2011-2013. Eventuali variazioni di spesa oltre i limiti sotto definiti dovranno essere anticipate da una modifica del programma del fabbisogno di personale. Cessazioni non previste dal presente piano dovranno essere valutate nellambito di una revisione del programma del fabbisogno. Per gli anni 2012 e 2013 la spesa per il coordinatore dambito stata imputata in proporzione al numero degli abitanti del Comune di Civitanova Marche rispetto al totale degli abitanti dellambito territoriale. In relazione a questa scelta si dovr procedere alla sottoscrizione di un piano di riparto con gli altri comuni.
PREVISIONE DI SPESA INTERVENTO 01 RETTIFICA PER FONDO PREVIDENZIALE PM (+) RETTIFICA PER INCENTIVI ART. 63/163 (-) RETTIFICA PER TRASFERTE (-) RETTIFICA PER DIRITTI DI ROGITO (-) PREVISIONE DI SPESA INTERVENTO 01 RETTIFICATA PREVISIONE DI SPESA INTERVENTO 03 COORDINATORE D'AMBITO PREVISIONE DI SPESA INTERVENTO 07 (SOLA IRAP) RETTIFICA PER INCENTIVI ART. 63/163 (-) RETTIFICA PER DIRITTI DI ROGITO (-) PREVISIONE DI SPESA PER IRAP RETTIFICATA TOTALE INTERVENTI DA PREVISIONE RETTIFICATA ALTRE VOCI COSTI DA PROGRAMMA ASSUNZIONI CUMULATO (+) RISPARMI DA CESSAZIONI PREVISTE CUMULATI (-) SPESA DI TERZI PER PERSONALE DELL'ENTE (+) TOTALE SPESA DI PERSONALE TARGET 42.159,26 6.313,50 15.000,00 8.840.241,01 8.842.128,39 143.163,28 77.740,56 5.000,00 8.837.764,42 8.840.241,01 2.476,59 178.805,28 239.889,82 15.000,00 8.721.258,16 8.837.764,42 116.506,26 33.000,00 515.261,78 12.918,68 2.125,00 500.218,10 8.789.395,25 10.945,45 515.261,78 12.918,68 2.125,00 500.218,10 8.767.341,70 10.945,45 515.261,78 12.918,68 2.125,00 500.218,10 8.767.342,70 8.459.774,03 10.000,00 187.196,88 1.400,00 25.000,00 8.256.177,15 8.459.774,03 10.001,00 187.196,88 1.400,00 25.000,00 8.256.178,15 8.459.774,03 10.002,00 187.196,88 1.400,00 25.000,00 8.256.179,15

DIFFERENZA (contenimento della spesa di personale anno su anno precedente) 1.887,38 -

PROGRAMMA ANNUALE E TRIENNALE DEL FABBISOGNO DI PERSONALE Il programma triennale si riassume quindi nel seguente prospetto di sintesi.
PROGRAMMA TRIENNALE DELLE ASSUNZIONI 2011 CAT. 1 ASSISTENTE SOCIALE D1 2 AGENTE PM C1 3 AGENTE PM C1 4 AGENTE PM C1 5 ISTRUTTORE AMM.VO CONTABILE C1 6 MESSO COMUNALE B3 2012 1 MESSO COMUNALE PART TIME 50% B3 2013 DATA INDICATIVA DI ASSUNZIONE DESTINAZIONE NON ANTECEDENTE IL MOBILITA' ESTERNA SERVIZI SOCIALI 01/09/2011 SCORRIMENTO GRADUATORIA POLIZIA MUNICIPALE 01/09/2011 SCORRIMENTO GRADUATORIA POLIZIA MUNICIPALE 01/09/2011 SCORRIMENTO GRADUATORIA POLIZIA MUNICIPALE 01/09/2011 CATEGORIE PROTETTE SETTORE IV 01/09/2011 TRASFORMAZIONE DI 1 PART TIME AL 50% AA.GG. 01/10/2011 SCORRIMENTO GRADUATORIA AA.GG. 01/01/2012

RELAZIONE SERVIZI DEMOGRAFICI


Con Deliberazione di Giunta Comunale n.592/2010 la gestione dei Servizi Demografici Elettorale Statistiche Censimento - del Capoluogo e della Delegazione Citt Alta stata assegnata al dirigente del IV Settore dott. Marco Passarelli. A seguito del collocamento a riposo in data 31.12.2010, del Funzionario titolare di posizione organizzativa, rag. Anna Grazia Achilli, nellottica di contenere la spesa del personale, con il medesimo atto deliberativo si stabilito di assegnare al funzionario gi titolare della posizione organizzativa per il Servizio Personale ed Organizzazione, d.ssa Paola Recchi, lulteriore incarico di responsabilit dei Servizi sopra individuati. Con popria determinazione n.3 del 10.01.2011 (R.G. n.19) si provveduto a collocare a riposo con decorrenza 01.03.2011 la dipendente di ruolo Catini Gabriella, Istruttore Amm.vo Cat.C2 presso i Servizi Demografici per aver maturato ai sensi della normativa vigente oltre 41 anni di servizio utile a pensione. Con popria determinazione n.114 del 26.04.2010 (R.G. n.597) si procedeva, alla risoluzione del rapporto con una dipendente presso la Delegazione della Citt Alta dal 30.04.2010 ed al collocamento a riposo con decorrenza dal 01.05.2010. I Servizi Demografici del Capoluogo, attualmente sono organizzati con N.1 Istruttore Direttivo Amm.vo Cat. D1, n.3 Istruttori Amm.vi Cat. giuridica C, n.3 Collaboratori Professionali Amministrativi Cat. Giuridica B3 e da un Esecutore, Cat. giuridica B1. I Servizi Demografici e Cimiteriali della Delegazione della Citt Alta sono organizzati con un Istruttore Direttivo Amm.vo Cat. D1, n 1 Collaboratore Professionale Amm.vo Cat giuridica B3, n. 1 Esecutore Amm.vo Cat. Giuridica B1 e da un Esecutore Tecnico, Cat. Giuridica B1; si data conferma dell'utilizzazione temporanea di un lavoratore socialmente utile ai sensi delle leggi . 390/81, 18/84,608/96 e 144/99 e del D.lgs.vo 468/97, inserito in un progetto di riorganizzazione del Cimitero ed un ulteriore posto di Istruttore Amm.vo Cat. giuridica C1 attualmente coperto con una posizione di comando presso il giudice di pace. Lobiettivo prioritario dei Servizi Demografici quello di rispondere in maniera sempre pi puntuale, immediata ed efficace alle esigenze dellutenza composta in buona parte da cittadini stranieri, tenuto conto anche delle problematiche di comprensione della lingua. In tale ottica si sta avviando un processo di riorganizzazione del Servizio al fine di: * sviluppare competenze specialistiche rispetto a determinate discipline favorendo lapprofondimento delle conoscenze relative alle nuove tecnologie rispondenti alle indicazioni date dalle nuove disposizioni normative mediante: - corsi di aggiornamento con il supporto dei tecnici dellINSIEL nella sede Comunale o nelle sedi della Regione, della Provincia e di altre pubbliche amministrazioni in modo da favorire linterscambio di informazioni e know how; - corsi obbligatori per lesercizio delle funzioni di Ufficiale dAnagrafe e di Stato Civile indetti dal Ministero dellInterno, tramite Prefettura di Macerata o dallANUSCA, per il rilascio dei prescritti attestati di abilitazione; * snellire le procedure e velocizzare i tempi di definizione dei procedimenti attraverso il collegamento in rete di tutti i servizi anagrafici prevedendo l istallazione dei programmi informatici necessari in ogni postazione di lavoro e l approvvigionamento delle necessarie stampanti; * favorire linformazione e la comunicazione con lutenza mediante la distribuzione di modelli semplificati, laffissione di manifesti esplicativi anche in ordine a servizi offerti da altre pubbliche amministrazioni (Questura, Agenzia delle Entrate, Camera di Commercio, Patronati.,). Riguardo ai Servizi Cimiteriali, soprattutto al completamento del progetto di informatizzazione dei dati, allaggiornamento del Regolamento di Polizia Mortuaria in particolar modo per laspetto della revisione delle tariffe, si rinvia alla separata e specifica relazione.

3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 1


Programma Cod. Fin.: 00001
(ENTRATE)

ENTRATE SPECIFICHE STATO REGIONE PROVINCIA UNIONE EUROPEA CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO IST. PREVIDENZA ALTRI INDEBITAMENTI (1) ALTRE ENTRATE TOTALE (A) PROVENTI DEI SERVIZI TOTALE (B) QUOTE DI RISORSE GENERALI TOTALE (C) TOTALE GENERALE (A+B+C)

2011 0,00 83.589,89 56.350,38 0,00 100.000,00 8.000.000,00 670.111,48 8.910.051,75 432.428,00 432.428,00 5.894.212,25 5.894.212,25 15.236.692,00

2012 0,00 0,00 0,00 0,00 590.000,00 8.000.000,00 346.500,00 8.936.500,00 386.028,00 386.028,00 8.740.901,16 8.740.901,16 18.063.429,16

2013

LEGGE DI FINANZIAMENTO E ARTICOLO 0,00 0,00 contributo su mutui in ammortamento 0,00 contributo per progetto settimana corta 0,00

250.000,00 8.000.000,00 anticipazione di tesoreria 1.369.000,00 parte corrente 9.619.000,00


contributo da altri enti o privati-oneri di urbanizzazione destinati a investimenti e

394.728,00 proventi servizi demografici-fitti attivi-diritti di segreteria-rimborso stampati 394.728,00 8.624.278,88 8.624.278,88 18.638.006,88

(1) Prestiti da istituti privati, ricorso al credito ordinario, prestiti obbligazionari e simili

3.6 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 1


Programma Cod. Fin.: 00001 ( IMPIEGHI )

ANNO 2011
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2012
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2013
SPESA PER INVESTIMENTO

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

CONSOLIDATA *
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
4.867.620,75 51,15 237.452,00 100.996,85 229.100,00 418.226,09 395.164,18 300.600,00 0,00 0,00 131.241,89 9.515.801,44 2,50 1,06 2,41 4,40 4,15 3,16 0,00 0,00 1,38 2.835.399,68 29,80

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
5.114.474,72 52,13 231.052,00 106.000,00 24.200,00 487.105,67 367.746,91 432.000,00 0,00 0,00 130.576,34 9.811.529,14 2,35 1,08 0,25 4,96 3,75 4,40 0,00 0,00 1,33 2.918.373,50 29,74

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
5.849.951,72 56,21 222.752,00 93.000,00 24.800,00 752.360,18 367.396,91 102.000,00 0,00 0,00 110.142,82 10.406.825,45 2,14 0,89 0,24 7,23 3,53 0,98 0,00 0,00 1,06 2.884.421,82 27,72

4.657.620,75 52,90 237.452,00 100.996,85 27.100,00 188.226,09 325.164,18 300.600,00 0,00 0,00 131.241,89 8.803.801,44 2,70 1,15 0,31 2,14 3,69 3,41 0,00 2.835.399,68 32,21

210.000,00 29,49 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

4.524.474,72 50,18 231.052,00 106.000,00 24.200,00 332.105,67 317.746,91 432.000,00 0,00 0,00 130.576,34 9.016.529,14 2,56 1,18 0,27 3,68 3,52 4,79 0,00 2.918.373,50 32,37

590.000,00 74,21 0,00 0,00 0,00 0,00 50.000,00 0,00 0,00 0,00 795.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 6,29 0,00 0,00 0,00

4.499.951,72 50,95 222.752,00 93.000,00 24.800,00 577.360,18 317.396,91 102.000,00 0,00 0,00 110.142,82 8.831.825,45 2,52 1,05 0,28 6,54 3,59 1,15 0,00 2.884.421,82 32,66

1.350.000,00 85,71 0,00 0,00 0,00 0,00 50.000,00 0,00 0,00 0,00 1.575.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 3,17 0,00 0,00 0,00

202.000,00 28,37 230.000,00 32,30 70.000,00 0,00 0,00 0,00 712.000,00 9,83 0,00 0,00 0,00

155.000,00 19,50

175.000,00 11,11

0,00 10 1,49 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 1,45 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 1,25 11

0,00 10 0,00 11

TITOLO III DELLA SPESA


***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 245.890,56 0,00 0,00 8.245.890,56

% ***
1 2 3 4 5 0,00 2,98 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 251.900,02 0,00 0,00 8.251.900,02

% ***
1 1 1 1 1 0,00 3,05 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 231.181,43 0,00 0,00 8.231.181,43

% ***
1 2 3 4 5 0,00 2,81 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

8.000.000,00 97,02

8.000.000,00 96,95

8.000.000,00 97,19

Note: * Interventi per la spesa corrente: 1 Personale 2 Acquisto di materie prime e/o beni di consumo 3 Prestazioni di servizi 4 Utilizzo beni di terzi 5 Trasferimenti 6 Interessi passivi ed oneri finanziari diversi 7 Imposte e tasse 8 Oneri straordinari della gestione corrente 9 Ammortamenti di esercizio 10Fondo svalutazione crediti 11Fondo di riserva

** Interventi per la spesa per investimento 1 Acquisizione di beni immobili 2 Espropri e servit onerose 3 Acquisto di beni specifici per realizzazioni in economia 4 Utilizzo beni di terzi per realizzazioni in economia 5 Acquisizione di beni mobili, macchine ed attrezzature tecnico-scientifiche 6 Incarichi professionali esterni 7 Trasferimenti di capitale 8 Partecipazioni azionarie 9 Conferimenti di capitale 10 Concessioni di crediti ed anticipazioni

*** Interventi per la spesa per rimborso di prestiti 1 Rimborso per anticipazioni di cassa 2 Rimborso di finanziamenti a breve termine 3 Rimborso di quota capitale di mutui e prestiti 4 Rimborso di prestiti obbligazionari 5 Rimborso di quota capitale di debiti pluriennali

3.4 - Programma n. 2 PROGRAMMA PER FUNZIONI RELATIVE ALLA GIUSTIZIA


Passarelli Marco- Capozucca Franco

3.4.1 - Descrizione del programma : Funzioni di supporto per il funzionamento dei servizi giudiziari.

3.4.2 - Motivazione delle scelte: Le risorse assegnate tendono a soddisfare le necessit di spesa dei servizi giudiziari, compatibilmente con le risorse disponibili.

3.4.3 - Finalit da conseguire: 3.4.3.1 - Investimento: Nel piano degli investimenti 2011-2013 sono previsti interventi per la messa in sicurezza del tribunale rispettivamente di euro 150.000,00 nel 2011 e di euro 100.000,00 nel 2012 e 2013 da finanziarsi con lassunzione di mutuo 3.4.3.2 - Erogazione di servizi di consumo: Questo programma non prevede lerogazione diretta di servizi allutenza caratterizzandosi quale supporto per la gestione e la manutenzione dei servizi giudiziari esistenti sul territorio.

3.4.4. - Risorse umane da utilizzare: Il servizio tecnico provveder alla ordinaria manutenzione degli edifici adibiti agli uffici giudiziari mentre il servizio bilancio-economato provveder agli acquisti di beni e servizi per la gestione ordinaria. I 3.4.5. - Risorse strumentali da utilizzare: In sintonia con le attivit del programma le risorse strumentali impiegate saranno quelle attualmente in dotazione ai servizi.

3.4.6. - Coerenza con il piano regionale di settore: Non vi sono dati circa i programmi regionali di settore.

3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 2


Programma Cod. Fin.: 00002
(ENTRATE)

ENTRATE SPECIFICHE STATO REGIONE PROVINCIA UNIONE EUROPEA CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO IST. PREVIDENZA ALTRI INDEBITAMENTI (1) ALTRE ENTRATE TOTALE (A) PROVENTI DEI SERVIZI TOTALE (B) QUOTE DI RISORSE GENERALI TOTALE (C) TOTALE GENERALE (A+B+C)

2011 104.184,96 0,00 0,00 0,00 150.000,00 0,00 0,00 254.184,96 0,00 0,00 0,00 0,00 254.184,96

2012 107.175,53 0,00 0,00 0,00 100.000,00 0,00 0,00 207.175,53 0,00 0,00 0,00 0,00 207.175,53

2013 110.000,00 0,00 0,00 0,00 100.000,00 0,00 0,00 210.000,00 0,00 0,00 782,02 782,02 210.782,02

LEGGE DI FINANZIAMENTO E ARTICOLO

(1) Prestiti da istituti privati, ricorso al credito ordinario, prestiti obbligazionari e simili

3.6 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 2


Programma Cod. Fin.: 00002 ( IMPIEGHI )

ANNO 2011
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2012
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2013
SPESA PER INVESTIMENTO

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

CONSOLIDATA *
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
0,00 6.500,00

%
0,00 7,13

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
150.000,00 62,20 6.500,00 21.000,00 0,00 1.507,86 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 241.157,86 2,70 8,71 0,00 0,63 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 62.150,00 25,77

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'
0,00 6.500,00

%
0,00 6,94

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
100.000,00 51,64 6.500,00 3,36 63.700,00 32,89 22.000,00 11,36 0,00 1.458,85 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 193.658,85 0,00 0,75 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'
0,00 6.500,00

%
0,00 6,72

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
100.000,00 50,82 6.500,00 3,30 65.850,00 33,47 23.000,00 11,69 0,00 1.406,94 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 196.756,94 0,00 0,72 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

150.000,00100,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 150.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

100.000,00100,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 100.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

100.000,00100,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 100.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

62.150,00 68,18 21.000,00 23,04 0,00 1.507,86 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 91.157,86 0,00 1,65 0,00 0,00 0,00

63.700,00 68,01 22.000,00 23,49 0,00 1.458,85 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 93.658,85 0,00 1,56 0,00 0,00 0,00

65.850,00 68,06 23.000,00 23,77 0,00 1.406,94 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 96.756,94 0,00 1,45 0,00 0,00 0,00

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

TITOLO III DELLA SPESA


***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 13.027,10

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 13.516,68

% ***
0,00 0,00 0,00 0,00 1 1 1 1 1

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 14.025,08

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

13.027,10100,00

13.516,68100,00

14.025,08100,00

Note: * Interventi per la spesa corrente: 1 Personale 2 Acquisto di materie prime e/o beni di consumo 3 Prestazioni di servizi 4 Utilizzo beni di terzi 5 Trasferimenti 6 Interessi passivi ed oneri finanziari diversi 7 Imposte e tasse 8 Oneri straordinari della gestione corrente 9 Ammortamenti di esercizio 10Fondo svalutazione crediti 11Fondo di riserva

** Interventi per la spesa per investimento 1 Acquisizione di beni immobili 2 Espropri e servit onerose 3 Acquisto di beni specifici per realizzazioni in economia 4 Utilizzo beni di terzi per realizzazioni in economia 5 Acquisizione di beni mobili, macchine ed attrezzature tecnico-scientifiche 6 Incarichi professionali esterni 7 Trasferimenti di capitale 8 Partecipazioni azionarie 9 Conferimenti di capitale 10 Concessioni di crediti ed anticipazioni

*** Interventi per la spesa per rimborso di prestiti 1 Rimborso per anticipazioni di cassa 2 Rimborso di finanziamenti a breve termine 3 Rimborso di quota capitale di mutui e prestiti 4 Rimborso di prestiti obbligazionari 5 Rimborso di quota capitale di debiti pluriennali

3.4 - Programma n 3 PROGRAMMA PER INTERVENTI NELLA POLIZIA LOCALE


Dirigente : Dott, Giacomo Saracco

3.4.1 - Descrizione del programma : Il programma tende a soddisfare le esigenze di spesa del servizio di Polizia Municipale.

3.4.2 - Motivazione delle scelte: Le risorse destinate al programma tendono a finanziare le necessit di spesa delle attivit di gestione corrispondenti al servizio indicato e sinteticamente analizzate nellallegata relazione proposta dal dirigente del servizio. 3.4.3 - Finalit da conseguire: 3.4.3.1 - Investimento: Nellesercizio 2011 sono stati previsti investimenti per euro 5.000,00 riguardanti attrezzature per la vigilanza della circolazione stradale e del territorio. 3.4.3.2 - Erogazione di servizi di consumo: Le scelte di bilancio tendono a soddisfare lesigenza del cittadino nel campo dei servizi gi specificati nel programma. In particolare si dovranno privilegiare interventi informativi preventivi piuttosto che repressivi, al fine di assicurare il rispetto consapevole dei regolamenti comunali e del Codice della Strada. 3.4.4. - Risorse umane da utilizzare: Le risorse umane impiegate saranno quelle che, nella dotazione organica del personale, sono assegnate al servizio descritto. 3.4.5. - Risorse strumentali da utilizzare: Le risorse strumentali sono quelle attualmente in dotazione. 3.4.6. - Coerenza con il piano regionale di settore: Non vi sono dati circa i programmi regionali di settore.

POLIZIA MUNICIPALE

Nellambito dellorganizzazione dellEnte Comune i Corpi di Polizia Municipale sono caratterizzati dallessere strutture squisitamente operative , peculiari ed atipiche , il cui apparato differenziato e qualificato rispetto agli altri Settori burocratici , atteso che gli addetti sono chiamati ad assolvere tre funzioni istituzionali di polizia locale e precisamente quella amministrativa , giudiziaria ( quali ufficiali e agenti di polizia giudiziaria ) e di pubblica sicurezza ( quali agenti di pubblica sicurezza art. 5 L. n 65/1986 ) . Il contenuto indefettibile ed il conseguente significato della specifica attivit di polizia quello della vigilanza , ai fini preventivi e repressivi , sullosservanza delle leggi , dei regolamenti e dei provvedimenti dellautorit , nonch ai fini di prevenzione delle situazioni di pericolo per la sicurezza pubblica . La Polizia Municipale fornisce un contributo attivo , proficuo ed incisivo ai piani coordinati di controllo del territorio in collaborazione con le forze di polizia per contrastare i fenomeni di microcriminalit e di devianza minorile , fonte di grave malessere e di allarme sociale . La Polizia Locale un servizio in grado pi di altri , in ragione dellorizzontalit e della trasversalit dellinsieme dei suoi interventi , di ricomporre e ricucire le connessioni fra i vari settori dellamministrazione e dunque di contribuire a un esercizio pienamente integrato di tutte le competenze e i poteri dellEnte Locale . Daltra parte la persona esprime bisogni non sempre frazionabili in corrispondenza della pur necessaria suddivisione delle competenze e del lavoro delle amministrazioni e degli enti . Questo un aspetto di assoluto rilievo per lamministrazione comunale che nasce come ente a competenza generale ed un riferimento istituzionale di base per la stessa distribuzione delle funzioni amministrative . Per le sue caratteristiche la Polizia Locale ha sentito , molto tempo prima della riforma Brunetta ( D.Leg.vo n 150/2009 ) , il senso ed il peso dei mutamenti sociali che sono alla base della suddetta riforma. Da tempi non sospetti sono stati raggiunti livelli di modernizzazione , sia concettuali che operativi, ragguardevoli . Tra tutti giova citare : 1 ) attraverso la centrale operativa si imparato a gestire e coniugare gli innumerevoli e contrastanti temi della disponibilit , della sicurezza , del diritto alla privacy , della rapidit e capacit di rispondere ai bisogni di tutti e di ciascuno , della propensione alla mediazione interistituzionale tra stakeholder diversi e non certamente facili ( altre Forze di Polizia , servizi di emergenza sanitari , vigili del fuoco , enti pubblici , ecc.. ) ; 2 ) il centralino telefonico della P.M. il pi eterogeneo e qualificato servizio di call center , a disposizione dalle ore 7,30 alle ore 19,30 di tutti i giorni dellanno ; con esso viene dato contenuto alle politiche di attenzione e risposta da parte del Sindaco e dellAmministrazione ; 3 ) lo sportello di informazione e servizi della P.M. dimostra la capacit di dialogo e trasparenza dal momento che si gestiscono, in modi e con crescite esponenziali, tutti gli aspetti del contenzioso derivante dallattivit di accertamento delle violazioni al Codice della Strada , degli esposti e delle segnalazioni provenienti dai cittadini e dagli Agenti sul territorio ; 4 ) la propensione del Corpo ad applicare gli strumenti della migliore gerarchia funzionale , della disciplina e, ancora di pi, delletica e della deontologia professionale . Sul piano della professionalit la Polizia Municipale non ha la necessit di inventarsi nuovi ruoli, oppure di invadere campi che sono prerogativa principale di altri avventurandosi in improbabili quanto insensate logiche di competizione con le Forze nazionali di Polizia , cos come non ha senso imitare , in modo pedissequo, le modalit operative che contraddistinguono tali realt organizzative.

E necessario puntare su quelli che da sempre sono gli elementi di forza della Polizia Municipale e curarne la crescita in unottica di sviluppo e di rafforzamento. Formazione, affinamento e sistematizzazione della pratica professionale devono essere le parole dordine per tutti , Amministrazione e Operatori . LEnte dovr fare uno sforzo investendo nella formazione degli addetti , allargando in tal modo gli orizzonti culturali dei propri operatori , facendoli crescere e preparandoli ad affrontare le molteplici situazioni che unattivit cos complessa impone loro. La professionalit degli operatori viene migliorata anche con la dotazione dellarma . Per quanto riguarda lorganizzazione del Corpo si rende necessario rivedere il Regolamento che ne disciplina il funzionamento . Il nuovo Regolamento dovr ridisegnare lassetto organizzativo alla luce delle nuove e ulteriori responsabilit che fanno capo alla struttura ( es. la materia della sicurezza urbana ) , dovr intervenire sulle figure degli Istruttori Direttivi Ufficiali P.M. e degli Istruttori Direttivi Ufficiali Vice Comandanti che , nonostante il diverso profilo professionale , hanno attualmente lo stesso inquadramento giuridico se pur con gradi diversi , dovr chiarire il ruolo dellIstruttore P.M. coordinatore di categoria C che , sebbene previsto nella dotazione organica, non stato ancora istituito ; inoltre questa ultima figura intermedia non stata riportata nel Regolamento che fa riferimento ancora alla figura soppressa del sottufficiale di P.M. Per quanto riguarda il piano del fabbisogno di personale si gi relazionato con lettera prot.n 1906 del 15/1/2011 segnalando, tra laltro , la possibilit prevista dalla legge di stabilit 2011 che gli Enti virtuosi , ovvero quelli nei quali lincidenza della spesa di personale sulla spesa corrente sia pari o inferiore al 35 % in deroga al limite del 20 % e comunque nel rispetto degli obiettivi del patto di stabilit interno e di contenimento della spesa , possono procedere alla copertura del turn over per lesercizio della funzione fondamentale concernente la polizia locale ( art. 21 , comma 3 , lettera b ) della Legge 5 maggio 2009 , n 42 ). Le proposte di spesa presentate da questo Comando sono distinte in parte corrente ed in conto investimenti. Laumento delle sanzioni pecuniaria al CdS e Autovelox negli anni 2012 e 2013 di 100.000,00 euro condizionato alladeguamento del personale alla Dotazione Organica approvata con specifico atto dallAmministrazione comunale con riferimento al Corpo di Polizia Municipale . Le tariffe sui servizi di competenza della P.M. sono : - tariffa sul servizio di rimozione e custodia veicoli ; - diritti per il rilascio di copie delle pratiche di infortunistica stradale . Si ritiene che le tariffe attualmente applicate ai trasgressori per il servizio di rimozione e custodia veicoli ( una media di 48 euro a veicolo ) siano da aggiornare in aumento . Le suddette tariffe sono infatti state approvate con delibera di Giunta n 678 del 17/12/2001 e da allora sono rimaste invariate . I diritti di rilascio copie delle pratiche di infortunistica stradale sono stati determinati con delibera di Giunta n 688 del 24/10/2005 e da allora sono rimasti invariati . E facolt della Giunta stabilire gli aumenti in entrambi i casi .
Con atto deliberativo n.242 del 25.5.2011, la Giunta ha deliberato la ripartizione dei proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie ex art. 208 D.Lgs 30.4.1992, n.285, risultante dal seguente prospetto:
RIPARTIZIONE FONDI DI CUI ALL'ART. 208 DEL C.D.S. CAPITOLO ENTRATA PREVISTA PER IL 2011 (INCASSI DIRETTI) ENTRATA PREVISTA PER IL 2011 (RUOLI) TOTALE ENTRATA PREVISTA DISPONIBILITA' PER IL RIPARTO NEL 2011 (50%) LIMITE DEL 10% PER INTERVENTI A FAVORE DI ANZIANI, BAMBINI ECC. VOCI DI SPESA FINANZIATE COMPENSI AL PERSONALE DI VIABILITA' E VIGILANZA AL SERVIZIO DELLE SCUOLE CAPITOLO/I 805.4 68.600,00 252 252 IMPORTI 700.000,00 300.000,00 1.000.000,00 500.000,00 50.000,00 2011

intero

CONTRATTO RIMOZIONE E CUSTODIA VEICOLI SPESE PER PRESTAZIONI DI SERVIZI PER LA CIRCOLAZIONE E LA SEGNALETICA SERVIZI NAVETTA ZTL ED ESTIVA PREVIDENZA INTEGRATIVA PM SPESE PER FORNITURA BENI ALLA POLIZIA MUNICIPALE SPESE PER PRESTAZIONE DI SERVIZI ALLA POLIZIA MUNICIPALE SPESE PER PRESTAZIONE DI SERVIZI ALLA POLIZIA MUNICIPALE RIMBORSI SANZIONI PAGATE ERRONEAMENTE SPESE PER FORNITURA BENI ALLA POLIZIA MUNICIPALE TASSE AUTOMOBILISTICHE POLIZIA MUNICIPALE SPESE DI GESTIONE PARCHEGGI A PAGAMENTO (*) ASSUNZIONE PERSONALE STRAORDINARIO POLIZIA MUNICIPALE TOTALE (*) IN QUOTA PARTE RISPETTO AL CORRISPETTIVO CONTRATTUALE DI 225.528,00 EURO

1076.2 1076.1 1085 470.4 471.1 471.2 511.0 526.0 472.1 525.6 250.1 354.2-354.4355

92.000,00 28.200,00 40.532,00 10.000,00 40.500,00 4.000,00 45.360,00 1.000,00 16.700,00 2.200,00 150.908,00 500.000,00

intero intero parziale intero intero intero intero intero intero intero parziale

3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 3


Programma Cod. Fin.: 00003
(ENTRATE)

ENTRATE SPECIFICHE STATO REGIONE PROVINCIA UNIONE EUROPEA CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO IST. PREVIDENZA ALTRI INDEBITAMENTI (1) ALTRE ENTRATE TOTALE (A) PROVENTI DEI SERVIZI TOTALE (B) QUOTE DI RISORSE GENERALI TOTALE (C) TOTALE GENERALE (A+B+C)

2011 0,00 5.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 5.000,00 1.026.762,53 1.026.762,53 448.273,69 448.273,69 1.480.036,22

2012 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.125.202,27 1.125.202,27 353.575,58 353.575,58 1.478.777,85

2013 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.125.664,37 1.125.664,37 333.519,72 333.519,72 1.459.184,09

LEGGE DI FINANZIAMENTO E ARTICOLO

(1) Prestiti da istituti privati, ricorso al credito ordinario, prestiti obbligazionari e simili

3.6 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 3


Programma Cod. Fin.: 00003 ( IMPIEGHI )

ANNO 2011
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2012
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2013
SPESA PER INVESTIMENTO

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

CONSOLIDATA *
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 5.000,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.176.908,97 80,67 57.200,00 91.260,00 39.203,00 5.000,00 9.403,14 78.885,92 1.000,00 0,00 0,00 0,00 1.458.861,03 3,92 6,26 2,69 0,34 0,64 5,41 0,07 0,00 0,00 0,00

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.176.908,97 80,75 57.500,00 93.038,00 41.195,00 0,00 8.913,52 78.885,92 1.000,00 0,00 0,00 0,00 1.457.441,41 3,95 6,38 2,83 0,00 0,61 5,41 0,07 0,00 0,00 0,00

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.176.908,97 81,86 43.000,00 86.117,56 43.195,00 0,00 8.571,27 78.885,92 1.000,00 0,00 0,00 0,00 1.437.678,72 2,99 5,99 3,00 0,00 0,60 5,49 0,07 0,00 0,00 0,00

1.176.908,97 80,95 57.200,00 91.260,00 39.203,00 0,00 9.403,14 78.885,92 1.000,00 0,00 0,00 0,00 1.453.861,03 3,93 6,28 2,70 0,00 0,65 5,43 0,07 0,00

1.176.908,97 80,75 57.500,00 93.038,00 41.195,00 0,00 8.913,52 78.885,92 1.000,00 0,00 0,00 0,00 1.457.441,41 3,95 6,38 2,83 0,00 0,61 5,41 0,07 0,00

1.176.908,97 81,86 43.000,00 86.117,56 43.195,00 0,00 8.571,27 78.885,92 1.000,00 0,00 0,00 0,00 1.437.678,72 2,99 5,99 3,00 0,00 0,60 5,49 0,07 0,00

5.000,00100,00

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

TITOLO III DELLA SPESA


***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 21.175,19

% ***
0,00 0,00 0,00 0,00 1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 21.336,44

% ***
0,00 0,00 0,00 0,00 1 1 1 1 1

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 21.505,37

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

21.175,19 100,00

21.336,44 100,00

21.505,37100,00

Note: * Interventi per la spesa corrente: 1 Personale 2 Acquisto di materie prime e/o beni di consumo 3 Prestazioni di servizi 4 Utilizzo beni di terzi 5 Trasferimenti 6 Interessi passivi ed oneri finanziari diversi 7 Imposte e tasse 8 Oneri straordinari della gestione corrente 9 Ammortamenti di esercizio 10Fondo svalutazione crediti 11Fondo di riserva

** Interventi per la spesa per investimento 1 Acquisizione di beni immobili 2 Espropri e servit onerose 3 Acquisto di beni specifici per realizzazioni in economia 4 Utilizzo beni di terzi per realizzazioni in economia 5 Acquisizione di beni mobili, macchine ed attrezzature tecnico-scientifiche 6 Incarichi professionali esterni 7 Trasferimenti di capitale 8 Partecipazioni azionarie 9 Conferimenti di capitale 10 Concessioni di crediti ed anticipazioni

*** Interventi per la spesa per rimborso di prestiti 1 Rimborso per anticipazioni di cassa 2 Rimborso di finanziamenti a breve termine 3 Rimborso di quota capitale di mutui e prestiti 4 Rimborso di prestiti obbligazionari 5 Rimborso di quota capitale di debiti pluriennali

3.4 - Programma n 4 PROGRAMMA PER I SERVIZI SOCIO EDUCATIVI FORMATIVI


Giacomo Saracco-Passarelli Marco-Capozucca Franco

3.4.1 - Descrizione del programma : Il programma tende a soddisfare le esigenze di spesa dei seguenti servizi: scuola materna, scuola elementare, scuola media, istituti superiori, refezione scolastica, trasporto scolastico e attivit varie socio scolastiche di supporto. 3.4.2 - Motivazione delle scelte: Gli obiettivi, da conseguire attraverso idonei interventi, sono: - il contenimento del fenomeno della dispersione scolastica; - un rapido inserimento degli alunni immigrati nel contesto scolastico; - la riduzione del rischio di devianza; - il sostegno agli alunni portatori di handicap. Per una valutazione pi analitica si rimanda alla relazione predisposta dal servizio competente. 3.4.3 - Finalit da conseguire: 3.4.3.1 - Investimento: Si rinvia al programma degli investimenti. 3.4.3.2 - Erogazione di servizi di consumo: Le scelte di bilancio tendono a soddisfare le richieste dei cittadini per i servizi inclusi nel programma 3.4.4. - Risorse umane da utilizzare: Le risorse umane impiegate saranno quelle che, nella dotazione organica, sono associate ai servizi richiamati e quelle che verranno successivamente assegnate con il piano esecutivo di gestione. Per alcuni interventi ci si avvarr di convenzioni con professionisti specializzati 3.4.5. - Risorse strumentali da utilizzare: Le risorse strumentali impiegate saranno quelle attualmente in dotazione ai servizi o quelle che dovessero rendersi disponibili durante la gestione. 3.4.6. - Coerenza con il piano regionale di settore: Non vi sono dati circa i programmi regionali di settore.

SERVIZI EDUCATIVI-FORMATIVI RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA


BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO 2011 E PLURIENNALE 2011-2013 INTRODUZIONE - Dirigente Dott. Giacomo Saracco Servizi Socio Assistenziali ed Educativi Formativi Con la riforma del Titolo V della Costituzione e con la L.328/2000 al Comune stato riconosciuto un ruolo sempre pi significativo per quanto concerne le politiche sociali del territorio, con particolare riguardo a quelle socio-assistenziali ed educative che richiedono maggiori investimenti in termini economici in correlazione alle complesse problematiche ed alle diversificate richieste della societ di oggi. Nellultimo decennio infatti lambito di competenza dei Servizi Sociali si sempre pi ampliato in conseguenza delle trasformazioni del tessuto sociale dovute alla crisi della famiglia ed al conseguente dilagare del disagio minorile, al fenomeno dellimmigrazione con le ovvie difficolt di integrazione, allaumento dellaspettativa di vita con il correlato aumento del numero di anziani e delle problematiche della non autosufficienza, alla contestuale crisi di natalit, allemergere delle problematiche della disabilit e del disagio psichico . Si passati da un sistema dellassistenza pubblica che si esplicitava quasi esclusivamente nellerogazione di contributi agli indigenti e nellorganizzazione di strutture collettive a basso costo ( ospizi ed orfanotrofi gestite da suore, manicomi provinciali ) ad un sistema ben pi complesso che prevede il riconoscimento di un insieme di Diritti soggettivi (assegni nucleo familiare con almeno tre figli , assegni di maternit, contributi per la locazione ecc), lassistenza scolastica a disabili obbligatoria , lorganizzazione di strutture con standards organizzativi e strutturali determinati e sottoposti a controllo (case di riposo, residenze protette e centri diurni per anziani, centri per disabili, comunit per minori, ecc), lattivazioni di servizi che necessariamente affiancano le famiglie sempre pi in difficolt ( es. assistenza domiciliare) ecc . Si evidenziato sempre pi il bisogno di un agire sociale necessitante di integrazione tra pi figure specialistiche di Enti diversi ( integrazione socio-sanitaria) ed sono nate nuove professionalit operanti nel settore socio-assistenziale (Assistente Sociale con preparazione universitaria, educatore professionale) . La gestione dei servizi sociali deve svilupparsi pertanto, pur con inevitabili difficolt operative, nell ambito di una programmazione stabilita, sulla base di obiettivi prefissati , armonizzando al meglio le risorse finanziarie ed il personale assegnato con le esigenze di interventi complessi e non standardizzabili a fronte di casistiche spesso impreviste Indispensabile il coinvolgimento interistituzionale a diversi livelli e ci comporta pi consistenti finanziamenti rispetto al passato e pi qualificati interventi rispetto al disagio . Si evidenza inoltre che la Legge 328/2000 ha individuato nel Piano di Zona Territoriale lo strumento di integrazione e di collegamento tra soggetti pubblici e privati e tra servizi sociali e sanitari. I Comuni dovrebbero muoversi secondo programmazioni condivise ed unitarie, razionalizzando servizi e condividendone regole di funzionamento; a tal fine stato costituito lAmbito Territoriale Sociale di norma coincidente con il territorio dellASUR governato dal Comitato dei Sindaci e coordinato da una figura, il Coordinatore dAmbito che dovrebbe agevolare il confronto tra gli Enti,

il raggiungimento di decisioni condivise al livello politico ed il raccordo al livello tecnico nellambito dellUfficio di Piano costituito da tutti i Responsabili di Servizio . Non pu sottacersi che la costruzione di servizi dambito coordinati ed unitari si presenta particolarmente difficile in quanto le realt dei vari Comuni sono diversificate per storia, esigenze, impostazioni . Si evidenzia infine che negli ultimi due anni, in relazione alla crisi economica nazionale ed internazionale, lo Stato ha fortemente limitato e diminuito gli stanziamento destinati al Settore Sociale con tagli particolarmente consistenti del Fondo Nazionale delle politiche sociali . La crisi economica peraltro e la crescente situazione di disoccupazione, l aumento del costo della vita e limpoverimento che ha colpito i ceti medi non ha consentito ai Comuni di diminuire in parallelo i propri investimenti che proprio in relazione alla crisi sono stati necessariamente rafforzati con grande difficolt e grande sforzo . Si descrivono di seguito le attivit dei vari Servizi in relazione agli stanziamenti previsti in bilancio indicando in per ciascuno di essi gli obiettivi chiave e le principali problematiche.

3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 4


Programma Cod. Fin.: 00004
(ENTRATE)

ENTRATE SPECIFICHE STATO REGIONE PROVINCIA UNIONE EUROPEA CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO IST. PREVIDENZA ALTRI INDEBITAMENTI (1) ALTRE ENTRATE TOTALE (A) PROVENTI DEI SERVIZI TOTALE (B) QUOTE DI RISORSE GENERALI TOTALE (C) TOTALE GENERALE (A+B+C)

2011 203,50 89.000,00 0,00 0,00 1.890.000,00 0,00 134.000,00 2.113.203,50 547.500,00 547.500,00 3.998.636,58 3.998.636,58 6.659.340,08

2012 203,50 89.000,00 0,00 0,00 270.000,00 0,00 114.000,00 473.203,50 562.500,00 562.500,00 4.014.244,92 4.014.244,92 5.049.948,42

2013 LEGGE DI FINANZIAMENTO E ARTICOLO 203,50 fondo investimenti 89.000,00 buoni libro e borse di studio 0,00 0,00 170.000,00 mutui con Cassa DD.PP. 0,00 306.000,00 ascensore scuola Via Quasimodo 565.203,50 607.500,00 607.500,00 3.763.271,97 3.763.271,97 4.935.975,47
oneri di urbanizzazione per parte corrente ed investimenti e nel 2013 contributo inail per

(1) Prestiti da istituti privati, ricorso al credito ordinario, prestiti obbligazionari e simili

3.6 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 4


Programma Cod. Fin.: 00004 ( IMPIEGHI )

ANNO 2011
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2012
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2013
SPESA PER INVESTIMENTO

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

CONSOLIDATA *
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
81.218,56

%
2,09

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
1.971.218,56 33,68 1.270.000,00 21,70 1.662.258,47 28,40 198.500,00 261.652,33 485.348,62 3.581,65 0,00 0,00 0,00 0,00 5.852.559,63 3,39 4,47 8,29 0,06 0,00 0,00 0,00 0,00

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'
81.218,56

%
2,09

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
401.218,56 9,55

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'
81.218,56

%
2,09

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
557.218,56 12,78 1.310.300,00 30,06 1.675.718,42 38,44 214.500,00 198.392,39 399.890,80 3.581,65 0,00 0,00 0,00 0,00 4.359.601,82 4,92 4,55 9,17 0,08 0,00 0,00 0,00 0,00

1.890.000,00 96,42 0,00 0,00 0,00 50.203,50 20.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.960.203,50 0,00 0,00 0,00 2,56 1,02 0,00 0,00 0,00 0,00

320.000,00 99,94 0,00 0,00 0,00 203,50 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 320.203,50 0,00 0,00 0,00 0,06 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

476.000,00 99,96 0,00 0,00 0,00 203,50 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 476.203,50 0,00 0,00 0,00 0,04 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1.270.000,00 32,63 1.662.258,47 42,71 198.500,00 211.448,83 3.581,65 0,00 0,00 0,00 0,00 3.892.356,13 5,10 5,43 0,09 0,00 0,00

1.295.200,00 33,37 1.665.178,37 42,90 206.500,00 197.188,89 3.581,65 0,00 0,00 0,00 0,00 3.881.445,98 5,32 5,08 0,09 0,00 0,00

1.295.200,00 30,83 1.665.178,37 39,63 206.500,00 197.392,39 3.581,65 0,00 0,00 0,00 0,00 4.201.649,48 4,91 4,70 0,09 0,00 0,00 0,00 0,00

1.310.300,00 33,74 1.675.718,42 43,15 214.500,00 198.188,89 3.581,65 0,00 0,00 0,00 0,00 3.883.398,32 5,52 5,10 0,09 0,00 0,00

465.348,62 11,96

432.578,51 11,14

432.578,51 10,30

399.890,80 10,30

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

TITOLO III DELLA SPESA


***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 806.780,45

% ***
0,00 0,00 0,00 0,00 1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 848.298,94

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 1 1 1 1

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 576.373,65

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

806.780,45 100,00

848.298,94100,00

576.373,65100,00

Note: * Interventi per la spesa corrente: 1 Personale 2 Acquisto di materie prime e/o beni di consumo 3 Prestazioni di servizi 4 Utilizzo beni di terzi 5 Trasferimenti 6 Interessi passivi ed oneri finanziari diversi 7 Imposte e tasse 8 Oneri straordinari della gestione corrente 9 Ammortamenti di esercizio 10Fondo svalutazione crediti 11Fondo di riserva

** Interventi per la spesa per investimento 1 Acquisizione di beni immobili 2 Espropri e servit onerose 3 Acquisto di beni specifici per realizzazioni in economia 4 Utilizzo beni di terzi per realizzazioni in economia 5 Acquisizione di beni mobili, macchine ed attrezzature tecnico-scientifiche 6 Incarichi professionali esterni 7 Trasferimenti di capitale 8 Partecipazioni azionarie 9 Conferimenti di capitale 10 Concessioni di crediti ed anticipazioni

*** Interventi per la spesa per rimborso di prestiti 1 Rimborso per anticipazioni di cassa 2 Rimborso di finanziamenti a breve termine 3 Rimborso di quota capitale di mutui e prestiti 4 Rimborso di prestiti obbligazionari 5 Rimborso di quota capitale di debiti pluriennali

3.4 - Programma n 5 PROGRAMMA PER FUNZIONI INERENTI LA CULTURA ED I BENI CULTURALI


Saracco Giacomo-Passarelli Marco-Capozucca Franco

3.4.1 - Descrizione del programma: Il programma tende a soddisfare le esigenze di spesa dei seguenti servizi: promozione e organizzazione di attivit culturali, promozione dellattivit svolta dallAzienda Speciale CineTeatro Rossini, biblioteca e pinacoteca. 3.4.2 - Motivazione delle scelte: Le risorse destinate a questo programma finanziano le necessit di spesa della attivit di gestione corrispondenti ai servizi indicati compatibilmente con le risorse disponibili. Gli obiettivi da conseguire sono quelli relativi alla diffusione delle attivit culturali, promuovendo in primo luogo avvenimenti consolidati di risonanza nazionale. Per unanalisi pi dettagliata si rinvia alla relazione del servizio. 3.4.3 - Finalit da conseguire: 3.4.3.1 - Investimento: Nel corso del 2011 e 2013 sono previsti vari interventi di risanamento conservativo della Casa del Balilla con stanziamenti di euro 317.000,00 e 100.000,00 finanziati con accensione di prestiti. Nel 2011 prestata lassunzione di un mutuo per euro 30.000,00 da destinare alla realizzazione della statua alla cavalleria. 3.4.3.2 - Erogazione di servizi di consumo: Le scelte di bilancio tendono a soddisfare lesigenza del cittadino nel campo dei servizi gi specificati nel programma. 3.4.4. - Risorse umane da utilizzare: Le risorse umane impiegate saranno quelle che, nella dotazione organica, sono associate ai servizi richiamati e quelle che verranno successivamente assegnate con il piano esecutivo di gestione. Per gli interventi che necessitano della collaborazione tra lAzienda e lEnte sar impiegato il personale della municipalizzata. Occasionalmente ci si avvarr di collaborazioni esterne. 3.4.5. - Risorse strumentali da utilizzare: Le risorse strumentali impiegate saranno quelle attualmente in dotazione ai servizi o quelle che dovessero rendersi disponibili durante la gestione. 3.4.6. - Coerenza con il piano regionale di settore: Non risultano i dati programmatici della regione.

BIBLIOTECA COMUNALE Silvio Zavatti CIVITANOVA MARCHE (MC) PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA PER LANNO 2011 La Biblioteca Comunale S. Zavatti rappresenta oggi un riferimento importante e decisivo per la cultura cittadina, provinciale e regionale. Le attivit che qui vengono svolte, inoltre, soddisfano in parte le direttive contenute nel Manifesto UNESCO per le Biblioteche Pubbliche. Ampio il consenso per il servizio principale offerto dalla Biblioteca, garantendo laccesso gratuito a tutti i cittadini a ogni tipo di ricerca ed attivit di studio, anche attraverso la strumentazione informatica. Uno degli indirizzi principali previsti nel Manifesto UNESCO, che quello di promuovere la lettura fin dalla pi tenera et, svolto dalla Cooperativa ERA, che organizza momenti dincontro con i bambini dai 3 agli 10 anni, durante i quali viene stimolata in loro labitudine alla lettura e allinterpretazione del testo. Il rapporto con la Scuola consolidato ormai da anni, dai Progetti Lettura che, grazie al coordinamento svolto dalla Direttrice dott.ssa Carla Mascaretti, coinvolgono gli studenti degli Istituti cittadini di ogni ordine e grado tramite la lettura, linterpretazione e la recensione di libri di testo, preventivamente concordati con gli insegnanti e offerti dalla Biblioteca. Un contributo alla divulgazione dellattivit dellIstituto, anche fuori Regione, dato dalla promozione della poesia attraverso la presentazione di opere di scrittori provenienti da tutte le parti del territorio nazionale. Dal consenso acquisito per le attivit svolte nellanno in corso, il Consiglio di Biblioteca intende rinnovare la promozione delle attivit dellIstituto verso i settori di seguito elencati, fornendo un adeguato compendio agli indirizzi prefissati nel citato Manifesto UNESCO, in particolare: LO STUDIO E LA PROMOZIONE: incentivare lo studio, migliorando i servizi bibliotecari ed interbibliotecari ed ampliando lofferta tramite lacquisto di testi sulla base sia delle richieste espresse dallutenza sia dei settori di specializzazione verso i quali si intende indirizzare lIstituto (scientifico, letterario, sociale, ecologico, ecc.) Sempre per le finalit di studio, si prevede lo sviluppo della consultazione digitale attraverso linformatizzazione dei supporti cartacei. Il perfezionamento del servizio e lampliamento delle attivit correlate alla Biblioteca, inoltre, necessitano di unadeguata promozione attraverso i canali di informazione di maggior utilizzo (web, quotidiani, manifesti, ecc.) RICERCA: stimolare ed incentivare la ricerca in tutti i settori della cultura (letteraria, storica, scientifica, artistica, ecc.) e promuovere la pubblicazione di opere (anche in formato digitale) meritevoli per innovazione e contributo alla conoscenza. A tal fine, il Centro Studi Civitanovesi necessita di una riforma al suo interno, in modo da prevedere sezioni di ricerca in ambiti non solo specificatamente storici. CREATIVITA: offrire gli strumenti per stimolare ed incentivare la creativit in tutte le sue modalit di espressione e di comunicazione (pittura, scultura, letteratura, teatro, video, simulazione digitale, ecc.), attraverso lindizione di concorsi di idee, premi letterari, esposizioni ed attivit teatrali. EDUCAZIONE: promuovere la didattica in ogni ambito dellinformazione e della cultura, volte a tutte le fasce di utenza e alle categorie che operano nei settori dellindustria, dellartigianato e del sociale. Si possono prevedere corsi di scrittura, di giornalismo, di grammatica e della comunicazione e aggiornamenti o approfondimenti di tematiche relative al mondo del lavoro.

SERVIZIO CULTURA Le strutture utilizzate per iniziative culturali sono diverse: - teatro storico Annibal Caro; - Pinacoteca Comunale "Marco Moretti"; - Chiesa S. Agostino; - Chiesa S. Francesco; - Sala Mostra di Palazzo Sforza "Vincenzo Foresi"; - Teatro E. Cecchetti. A queste si aggiunge l'area denominata "Arena Barcaccia", concessa in utilizzo all'azienda Teatri di Civitanova, la quale pu organizzarvi iniziative in un periodo stabilito dalla vigente convenzione. Il Comune infine pu utilizzare gratuitamente gli spazi del quartiere fieristico per 50 giorni all'anno, per organizzare attivit culturali, sociali e ricreative. Sono inoltre a disposizione di associazioni o gruppi di cittadini i centri civici del quartiere Risorgimento (concesso in gestione al "Circolo socio - culturale Risorgimento"), del quartiere S. Marone, gestito direttamente da questo Assessorato, e del quartiere Fontespina, gestito dal Gruppo Sportivo Fontespina. CIVITANOVA DANZA La collaborazione con l'azienda Teatri di Civitanova nell'organizzazione della rassegna "Civitanova Danza" continua a dare grandi risultati. Dal 2000 la rassegna rientrata nel numero dei festival riconosciuti dal Ministero per i Beni e le Attivit Culturali; ci comporta, oltre al prestigio, anche la possibilit di accedere al contributo del competente Ministero. Grazie a questa manifestazione, giunta al quattordicesimo anno, Civitanova Marche pu essere annoverata come uno dei centri nazionali della danza per qualit degli spettacoli e degli artisti, contribuendo in maniera importante a caratterizzare la nostra citt come polo culturale dellintera regione. CIVITANOVA ARTE Sede dell'esposizione, come ormai avviene fin dal 1997, sar la chiesa di Sant'Agostino di Civitanova Alta, contenitore culturale ormai collaudato. Ad essa si affiancheranno i locali della pinacoteca Morettie il nuovo spazio a disposizione dellAssessorato alla Cultura: la chiesa di San Francesco. Per la perfetta riuscita dell'iniziativa sono stati allacciati, e migliorati ove gi esistevano, contatti con istituzioni private ed Enti pubblici, finalizzati sia alla possibile acquisizione di contributi che alla concessione di patrocini. BIENNALE GIOVANI ARTISTI MARCHIGIANI (G.A.M.) Liniziativa rientra in un percorso di valorizzazione della cultura, e in special modo di un settore della stessa riguardante il mondo giovanile, intrapreso da questa Amministrazione diversi anni fa. Nello specifico, il concorso in oggetto sar riservato a giovani pittori di eta` compresa tra i 18 e i 30 anni che siano nati nelle Marche o nati fuori regione, ma residenti nella Regione Marche o iscritti a scuole e facolt marchigiane. Per venire incontro alle esigenze dei partecipanti, si stabilito che la partecipazione allo stesso sar gratuita ALTRE INIZIATIVE Altre iniziative che anche quest'anno lAssessorato intende proporre se le disponibilit finanziarie lo consentiranno, avendo riscosso successo negli anni precedenti, sono: - artisti in galleria, esposizione di opere di tre autori locali da effettuarsi nel mese di agosto negli spazi della galleria di piazza XX Settembre;

- Caro teatro, rassegna di teatro amatoriale organizzata al teatro Annibal Caro in collaborazione con l'associazione culturale "La piccola ribalta"; - Una notte di cultura, da organizzare in collaborazione con un curatore di importanza nazionale, nel corso della quale verranno organizzate per ciascun quartiere della citt manifestazioni culturali diverse, quali mostre di pittura, rappresentazioni teatrali, concerti musicali, ed altre iniziative similari; - Teatro dialettale, appuntamenti teatrali con compagnie locali; - Civitanova Classica; serie di concerti di musica classica; - I Marted dellarte A ci deve aggiungersi una serie di contributi ad associazioni culturali radicate ed operanti sul territorio civitanovese che, con le loro iniziative, contribuiscono a valorizzare il nome della nostra citt nel campo dell'arte e della cultura in genere. Inoltre, si provveder a redigere il calendario della sala mostre "Vincenzo Foresi", di comune accordo con un curatore nominato dalla Giunta Comunale. CIVITANOVA TEATRO Dando seguito all'iniziativa inaugurata nel 1997, anche quest'anno il cartellone teatrale civitanovese, curato dall'azienda Teatri di Civitanova, prevede una stagione suddivisa in tre canali tematici: commedia, classico e ricerca, ciascuno "abbinato" ad un teatro. Infatti, lo slogan che accompagna la stagione teatrale recita: teatro Rossini diverte, teatro Annibal Caro racconta, teatro Cecchetti ricerca. A ci deve aggiungersi la sezione dedicata alla danza. Infine, sono previsti contributi volti a sostenere le attivit proposte dalle istituzioni comunali, quali la scuola comunale di recitazione Enrico Cecchetti e la Fototeca Comunale. SETTORE 3 SERVIZIO POLITICHE GIOVANILI Cap. 1051 Spese minute sale prove musicali euro 600,00 Acquisto di materiale diverso, per assicurare la corretta funzionalit delle sale prove musicali, a seguito di rottura, usura o malfunzionamento. Acquisto stampa specializzata Informagiovani euro 500,00 Abbonamenti a pubblicazioni specializzate attinenti le finalit del servizio Informagiovani in merito allorientamento, corsi di formazione, concorsi pubblici, stage, vacanze studio, universit e lavoro per fornire notizie puntuali, aggiornate e approfondite. Cap. 1052 Interventi nel settore giovanile euro 5.000,00 Promozione di iniziative volte a favorire la partecipazione, laggregazione, la creativit, lincontro e le esperienze socio-culturali con le diverse forme espressive del mondo giovanile. Gestione Mediateca quartiere Risorgimento euro 25.000,00 Gestione della mediateca situata nel quartiere Risorgimento affidata alla Cooperativa sociale PARS. Struttura che, operante da dieci anni, conferma sempre pi la sua valenza sociale costituendo un punto di riferimento per i giovani e un luogo di crescita apprezzato dalle famiglie. Acquisto materiale Mediateca euro 1.000,00

Acquisto di materiale diverso, per assicurare la corretta funzionalit della struttura, ad integrazione e aggiornamento di quello esistente o per sostituzione a seguito di rottura, usura, malfunzionamento. Gestione sale musicali euro 24.000,00 Gestione delle due sale musicali situate nel quartiere Centro tese a favorire lapprofondimento delle conoscenze musicali, offrire opportunit per lo sviluppo della creativit in un contesto organizzato, avvicinare i giovani alla musica, assecondare il protagonismo costruttivo dei giovani . Contributi per attivit giovani euro 1.000,00 Interventi economici, a parziale sostegno delle spese sostenute, per attivit, iniziative, manifestazioni, ecc., che coinvolgono il mondo giovanile, promosse da soggetti diversi, in forma singola o associata, in ambito comunale. Sportello Informadonna euro 5.000,00 Servizio istituito al fine di fornire accoglienza, informazione, consulenza e orientamento su temi quali: conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, diritti, servizi, salute, lavoro, carriera, formazione, famiglia, legislazione, cultura e tempo libero, avvalendosi del progetto presentato dallAssociazione di Promozione Sociale PRAXIS di Macerata.

3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 5


Programma Cod. Fin.: 00005
(ENTRATE)

ENTRATE SPECIFICHE STATO REGIONE PROVINCIA UNIONE EUROPEA CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO IST. PREVIDENZA ALTRI INDEBITAMENTI (1) ALTRE ENTRATE TOTALE (A) PROVENTI DEI SERVIZI TOTALE (B) QUOTE DI RISORSE GENERALI TOTALE (C) TOTALE GENERALE (A+B+C)

2011 0,00 50.000,00 23.000,00 0,00 347.000,00 0,00 41.500,00 461.500,00 7.500,00 7.500,00 1.938.575,94 1.938.575,94 2.407.575,94

2012 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 16.500,00 16.500,00 7.500,00 7.500,00 1.572.178,64 1.572.178,64 1.596.178,64

2013

LEGGE DI FINANZIAMENTO E ARTICOLO 0,00 0,00 0,00 contributi per Civitanova danza e Civitanova Arte 0,00

100.000,00 0,00 16.500,00 contributi diversi da enti e privatii 116.500,00 7.500,00 7.500,00 1.322.227,48 1.322.227,48 1.446.227,48

(1) Prestiti da istituti privati, ricorso al credito ordinario, prestiti obbligazionari e simili

3.6 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 5


Programma Cod. Fin.: 00005 ( IMPIEGHI )

ANNO 2011
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2012
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2013
SPESA PER INVESTIMENTO

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

CONSOLIDATA *
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
54.963,10 17.480,00 9.000,00 118.111,95 2.064,23 0,00 0,00 0,00 0,00 1.776.128,98

%
3,09 0,98 0,51 6,65 0,12 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
371.963,10 17,52 17.480,00 205.804,00 9.000,00 118.111,95 2.064,23 0,00 0,00 0,00 0,00 2.123.128,98 0,82 9,69 0,42 5,56 0,10 0,00 0,00 0,00 0,00

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'
54.963,10 11.480,00 9.500,00 107.958,16 2.064,23 0,00 0,00 0,00 0,00 1.292.675,19

%
4,25 0,89 0,73 8,35 0,16 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 54.963,10 11.480,00 9.500,00 107.958,16 2.064,23 0,00 0,00 0,00 0,00 1.292.675,19 4,25 0,89 0,73 8,35 0,16 0,00 0,00 0,00 0,00

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'
54.963,10 6.480,00 10.000,00 98.151,70 2.064,23 0,00 0,00 0,00 0,00 1.190.368,73

%
4,62 0,54 0,84 8,25 0,17 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
154.963,10 12,01 6.480,00 10.000,00 98.151,70 2.064,23 0,00 0,00 0,00 0,00 1.290.368,73 0,50 0,77 7,61 0,16 0,00 0,00 0,00 0,00 172.304,00 13,35 846.405,70 65,59

317.000,00 91,35 0,00 0,00 0,00 30.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 347.000,00 0,00 0,00 0,00 8,65 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

100.000,00100,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 100.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

205.804,00 11,59 1.368.705,70 77,06

182.804,00 14,14 923.905,70 71,47

182.804,00 14,14 923.905,70 71,47

172.304,00 14,47 846.405,70 71,10

1.398.705,70 65,88

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

TITOLO III DELLA SPESA


***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 284.446,96

% ***
0,00 0,00 0,00 0,00 1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 303.503,45

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 1 1 1 1

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 155.858,75

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

284.446,96 100,00

303.503,45100,00

155.858,75100,00

Note: * Interventi per la spesa corrente: 1 Personale 2 Acquisto di materie prime e/o beni di consumo 3 Prestazioni di servizi 4 Utilizzo beni di terzi 5 Trasferimenti 6 Interessi passivi ed oneri finanziari diversi 7 Imposte e tasse 8 Oneri straordinari della gestione corrente 9 Ammortamenti di esercizio 10Fondo svalutazione crediti 11Fondo di riserva

** Interventi per la spesa per investimento 1 Acquisizione di beni immobili 2 Espropri e servit onerose 3 Acquisto di beni specifici per realizzazioni in economia 4 Utilizzo beni di terzi per realizzazioni in economia 5 Acquisizione di beni mobili, macchine ed attrezzature tecnico-scientifiche 6 Incarichi professionali esterni 7 Trasferimenti di capitale 8 Partecipazioni azionarie 9 Conferimenti di capitale 10 Concessioni di crediti ed anticipazioni

*** Interventi per la spesa per rimborso di prestiti 1 Rimborso per anticipazioni di cassa 2 Rimborso di finanziamenti a breve termine 3 Rimborso di quota capitale di mutui e prestiti 4 Rimborso di prestiti obbligazionari 5 Rimborso di quota capitale di debiti pluriennali

3.4 - Programma n 6 PROGRAMMA NEL SETTORE SPORTIVO E RICREATIVO


Saracco Giacomo- Capozucca Franco-Passarelli Marco

3.4.1 - Descrizione del programma : Il programma tende a soddisfare le esigenze di spesa del servizio Piscina, Stadio ed Impianti Sportivi, promozione e organizzazione di eventi sportivi diversi. 3.4.2 - Motivazione delle scelte: Le risorse destinate a questo programma finanziano le necessit di spesa della attivit di gestione corrispondenti ai servizi indicati compatibilmente con le risorse disponibili. Gli obiettivi sono, in primo luogo, la manutenzione delle strutture esistenti e la promozione dellattivit sportiva amatoriale, favorendo e valorizzando le iniziative a favore dei giovani. Si rinvia per una esaustiva analisi allallegata relazione del servizio 3.4.3 - Finalit da conseguire: 3.4.3.1 - Investimento: Si rinvia al piano degli investimenti. 3.4.3.2 - Erogazione di servizi di consumo: Le scelte di bilancio tendono al migliore utilizzo degli impianti esistenti attraverso al stipula di convenzioni con le societ che li utilizzano e attraverso un controllo economico di gestione che permetta un raffronto tra utenza e costi. 3.4.4. - Risorse umane da utilizzare: In sintonia con lelenco delle attivit comprese nella descrizione del programma, le risorse strumentali impiegate saranno quelle attualmente in dotazione ai servizi o quelle che dovessero rendersi disponibili durante la gestione. 3.4.5. - Risorse strumentali da utilizzare: In sintonia con lelenco delle attivit comprese nella descrizione del programma, le risorse strumentali impiegate saranno quelle attualmente in dotazione ai servizi o quelle che dovessero rendersi disponibili durante la gestione. 3.4.6. - Coerenza con il piano regionale di settore: Non vi sono dati circa i programmi regionali di settore.

SERVIZIO SPORT Per le iniziative sportive, il servizio gestisce e concede in uso tutti gli impianti sportivi di propriet comunale, comprese le palestre scolastiche in orari extra scolastici, i verde attrezzati, se richiesti per finalit sportive. Gli impianti sportivi maggiori (palestra del quartiere Risorgimento, campi di calcio di Fontespina, Civitanova Alta, Risorgimento, S. M. Apparente e polisportivo comunale) sono gestiti da societ sportive civitanovesi mediante la stipula di convenzioni. Nel 2011 l'amministrazione Comunale intende organizzare le seguenti manifestazioni: CIVITANOVA - SEBENICO Regata non agonistica di altura, che ha come scopo quello di unire, non solo metaforicamente, le due sponde dell'Adriatico. GIORNATA NAZIONALE DELLO SPORT Anche questanno si svolger la giornata nazionale dello sport, nellambito della quale sar lanciato il progetto Sotto questo sole, con attivit sportive che si susseguiranno per tutto il periodo estivo in diverse aree ludiche e sportive cittadine ATLETA DELL'ANNO Si tratta di un riconoscimento ad alcuni atleti civitanovesi che si sono distinti nel loro campo e vede coinvolte tutte le societ sportive locali. OLIMPIADI DELLA PROVINCIA Nel 2011 il Comune di Civitanova Marche partecipa alla quarta edizione delle Olimpiadi della Provincia di Macerata, nel corso della quale oltre 300 ragazzini si cimenteranno negli sport rientranti nella sfera olimpica. ALTRE INIZIATIVE Si svolgeranno poi la mezza maratona "Stracivitanova" e la gara nazionale di pattinaggio denominata "Memorial Andrea Campitelli", organizzata in collaborazione con la Roller Maxicar. Infine, si prevede di collaborare allorganizzazione i "Giochi della giovent". E previsto anche lo svolgimento di una iniziativa in collaborazione con il C.O.N.I. e le scuole cittadine, denominata Gioco Sport. CONTRIBUTI Ci si propone di devolvere contributi alle societ sportive civitanovesi che ne faranno richiesta per lorganizzazione di iniziative e manifestazioni che saranno ritenute pi meritevoli.

3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 6


Programma Cod. Fin.: 00006
(ENTRATE)

ENTRATE SPECIFICHE STATO REGIONE PROVINCIA UNIONE EUROPEA CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO IST. PREVIDENZA ALTRI INDEBITAMENTI (1) ALTRE ENTRATE TOTALE (A) PROVENTI DEI SERVIZI TOTALE (B) QUOTE DI RISORSE GENERALI TOTALE (C) TOTALE GENERALE (A+B+C)

2011 0,00 7.850,13 0,00 0,00 830.000,00 0,00 164.500,00 1.002.350,13 18.400,00 18.400,00 836.583,47 836.583,47 1.857.333,60

2012 0,00 619,74 0,00 0,00 325.000,00 0,00 104.500,00 430.119,74 18.500,00 18.500,00 811.378,70 811.378,70 1.259.998,44

2013

LEGGE DI FINANZIAMENTO E ARTICOLO 0,00 619,74 contributi su ammortamento mutui 0,00 0,00

1.700.000,00 0,00 0,00 investimento e spesa corrente 1.700.619,74 18.600,00 18.600,00 807.749,74 807.749,74 2.526.969,48
-quota rinegoziazione mutui destinati ad investimento-oneri di urbanizzazione destinati ad

(1) Prestiti da istituti privati, ricorso al credito ordinario, prestiti obbligazionari e simili

3.6 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 6


Programma Cod. Fin.: 00006 ( IMPIEGHI )

ANNO 2011
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2012
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2013
SPESA PER INVESTIMENTO

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

CONSOLIDATA *
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
0,00 28.100,00 10.000,00 14.500,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 712.860,88

%
0,00 3,94 1,40 2,03 0,00 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
970.000,00 57,64 28.100,00 10.000,00 14.500,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.682.860,88 1,67 0,59 0,86 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 396.000,00 23,53

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'
0,00 27.100,00 10.000,00 2.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 672.751,29

%
0,00 4,03 1,49 0,30 0,00 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
405.000,00 37,58 27.100,00 10.000,00 2.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.077.751,29 2,51 0,93 0,19 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 377.200,00 35,00

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'
0,00 21.100,00 10.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 643.688,87

%
0,00 3,28 1,55 0,00 0,00 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
1.700.000,00 72,54 21.100,00 10.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 2.343.688,87 0,90 0,43 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 364.400,00 15,55

970.000,00100,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 970.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

405.000,00100,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 405.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1.700.000,00100,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.700.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

396.000,00 55,55

377.200,00 56,07

364.400,00 56,61

264.260,88 37,07

264.260,88 15,70

256.451,29 38,12

256.451,29 23,80

248.188,87 38,56

248.188,87 10,59

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

TITOLO III DELLA SPESA


***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 174.472,72

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 182.247,15

% ***
0,00 0,00 0,00 0,00 1 1 1 1 1

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 183.280,61

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

174.472,72100,00

182.247,15100,00

183.280,61100,00

Note: * Interventi per la spesa corrente: 1 Personale 2 Acquisto di materie prime e/o beni di consumo 3 Prestazioni di servizi 4 Utilizzo beni di terzi 5 Trasferimenti 6 Interessi passivi ed oneri finanziari diversi 7 Imposte e tasse 8 Oneri straordinari della gestione corrente 9 Ammortamenti di esercizio 10Fondo svalutazione crediti 11Fondo di riserva

** Interventi per la spesa per investimento 1 Acquisizione di beni immobili 2 Espropri e servit onerose 3 Acquisto di beni specifici per realizzazioni in economia 4 Utilizzo beni di terzi per realizzazioni in economia 5 Acquisizione di beni mobili, macchine ed attrezzature tecnico-scientifiche 6 Incarichi professionali esterni 7 Trasferimenti di capitale 8 Partecipazioni azionarie 9 Conferimenti di capitale 10 Concessioni di crediti ed anticipazioni

*** Interventi per la spesa per rimborso di prestiti 1 Rimborso per anticipazioni di cassa 2 Rimborso di finanziamenti a breve termine 3 Rimborso di quota capitale di mutui e prestiti 4 Rimborso di prestiti obbligazionari 5 Rimborso di quota capitale di debiti pluriennali

3.4 - Programma n 7 PROGRAMMA NEL SETTORE TURISTICO


Saracco Giacomo

3.4.1 - Descrizione del programma : Il programma tende a soddisfare le esigenze di spesa del servizio turistico.

3.4.2 - Motivazione delle scelte: Le risorse destinate al programma tendono ad accrescere la presenza turistica nel territorio con evidenti finalit di sviluppo economico. Per una descrizione analitica si rimanda allallegata relazione predisposta dal servizio.

3.4.3 - Finalit da conseguire: 3.4.3.1 - Investimento: Non sono previsti investimenti nel programma . 3.4.3.2 - Erogazione di servizi di consumo: Lerogazione di servizi di consumo tesa al miglioramento dei rapporti con le realt economiche locali a valenza turistica attraverso interventi di supporto e allattivazione di rapporti con i comuni limitrofi al fine della realizzazione di un sistema turistico integrato.

3.4.4. - Risorse umane da utilizzare: Personale interno come da attuale Pianta Organica.

3.4.5. - Risorse strumentali da utilizzare: In sintonia con lelenco delle attivit comprese nella descrizione del programma, le risorse strumentali impiegate saranno quelle attualmente in dotazione ai servizi o quelle che dovessero rendersi disponibili durante la gestione.

3.4.6. - Coerenza con il piano regionale di settore: Non vi sono dati circa i programmi regionali di settore.

SERVIZIO TURISMO Relazione programmatica bilancio 2011 Nel 2010 lAssessorato al turismo, bench le risorse definite in bilancio siano state esigue, ha svolto una attivit di promozione turistica intensa e mirata, raggiungendo risultati qualificanti e promettenti, anche per gli anni a seguire. Promuovendo la nostra citt in spazi nuovi e con canali diversificati , si riusciti a cogliere lattenzione di turisti italiani e internazionali, s da registrare un incremento in termine di presenze ed arrivi in citt. LAssessorato al Turismo si era posto infatti per il 2010 l'obbiettivo di sviluppare la presenza turistica in citt in tutto larco dellanno, coinvolgendo in questo ambizioso progetto quante pi attivit possibili. In particolare lAssessorato ha lavorato alla creazione di pacchetti turistici in concomitanza dei grandi eventi e manifestazioni presenti in citt. I pacchetti turistici sono stati realizzati con la partecipazione di albergatori, B&B, ristoratori, outlet, spacci aziendali ecc.. Nel 2011 allinterno di un discorso di continuit, saranno potenziati e migliorati i progetti che gi nel 2010 hanno raggiunto obbiettivi importanti. Oltre a ci saranno realizzati progetti nuovi, gi in fase di analisi e studio, che sicuramente sapranno rispondere alle esigenze di un pubblico sempre pi attento e curioso di conoscere il territorio e la sua diversificata offerta turistica. Nel 2011 sar necessario stampare nuovo materiale informativo /promozionale della nostra citt e aggiornare e ristampare alcune brochures e soprattutto, le cartoline digitali. Si precisa che sono esaurite le scorte del materiale turistico/informativo tradizionalmente utilizzato. Detto materiale viene comunemente distribuito non solo nelle fiere e negli appuntamenti prettamente turistici, ma in ogni incontro pubblico e di rappresentanza, con autorit politiche e sociali, con organismi ed enti istituzionali, ed a disposizione di tutti gli assessorati. 1 Nel 2009 si conclusa lesperienza del Sistema Turistico Locale il Mare delle grandi firme iniziata nellottobre 2002. Il servizio turismo ha collaborato sempre attivamente e fattivamente alle iniziative di promozione turistica realizzate dal Sistema Il mare Adriatico delle Grandi Firme di cui Civitanova Marche era Comune capofila. Tale Sistema previsto dalla L. 29 marzo 2001 n.135, ha rappresentato per il settore turistico un cambiamento rilevante, creando una sinergia tra pubblico e privato indispensabile per la promozione delle risorse del territorio e lo sviluppo del turismo locale. Le numerose adesioni di enti pubblici e di privati hanno permesso di porsi lobiettivo ambizioso di qualificare lofferta turistica dal punto di vista della professionalit, accoglienza e ricettivit valorizzando al meglio la duplice ricchezza data dal patrimonio naturale e dallattivit imprenditoriale.La recente normativa regionale (T.U. delle norme regionali in materia di turismo D.C.Reg.35/2006) ha notevolmente modificato il quadro complessivo di riferimento ed attualmente il Comune di Civitanova Marche ha aderito al nuovo Sistema Turistico Provinciale Terre dellArmonia, apportando la propria esperienza e capacit organizzativa al fine di una maggiore promozione della citt in un pi ampio contesto del territorio provinciale. Purtroppo in questa fase iniziale il sistema Terre dell'Armonia ha incontrato delle difficolt procedurali per cui non si ancora attivato completamente. Nel corso del 2011 sar ufficialmente istituito il sistema turistico provinciale Terra dellArmonia ed necessario prevedere nel bilancio 2011 le somme necessarie. 2 - Lanno 2010 stato caratterizzato inoltre dalla conferma della qualit delle nostre spiagge che si sono fregiate nuovamente della Bandiera Blu, ci ha comportato un impegno ed una serie di iniziative, alcune delle quali espressamente previste dalla FEE, come ad esempio la realizzazione di depliant informativi, la diffusione dei dati delle acque di balneazione presso tutti gli stabilimenti balneari ed altre iniziative per promuovere la bandiera blu tra i residenti ed i turisti. In particolare sono state realizzate delle specifiche bandiere e stendardi con il simbolo della FEE che hanno abbellito ed arricchito la piazza XX Settembre e C.so Umberto I^. Ci ha dato particolare risalto al riconoscimento ottenuto ed ha dato una veste nuova alla citt.

Lo stesso impegno sar prodigato per ottenere il prestigioso vessillo nel 2011 a cominciare dalla presentazione entro febbraio della documentazione necessaria. Si precisa che nel 2011 ricorre il 25 anniversario dell'istituzione della FEE e sar dunque necessario provvedere alla realizzazione di specifiche iniziative ed eventi per festeggiare tale ricorrenza e promuovere il programma Bandiera Blu. 3 Nel corso del 2011 volont di questo assessorato dare un nuovo in-put allazione di promozione turistica mediante una attiva partecipazione alle fiere di settore pi importanti, lapertura di punti di informazione turistica, la promozione su riviste specializzate e la realizzazione di una nuova mascotte. A) Fiere del turismo: Il servizio turismo parteciper direttamente e in collaborazione con la Regione Marche alle pi importanti fiere e manifestazioni del turismo in Italia e allestero. Nel corso del 2011 continuer la promozione turistica nelle importanti citt del centro nord e capitali dEuropa in collaborazione con ConfIndustria Macerata e sar realizzato del materiale promozionale specifico. B) Punti informativi: Sono previste inoltre iniziative di promozione e di accoglienza turistica realizzate mediante la riapertura dei punti informativi turistici nei mesi estivi, anche in orario serale, gestiti da operatori turistici adeguatamente preparati. Nei centri di informazione saranno distribuiti depliant, cartine topografiche, card turistica ed altro materiale informativo realizzato dal Servizio Turismo. A tal proposito si ricorda che la graduatoria per assunzioni a tempo determinato scaduta lo scorso giugno 2007 ed necessario attivare, sin da subito, le procedure necessarie, s da poter disporre, anche per gli anni prossimi, di una graduatoria di operatori turistici per fronteggiare i periodi di massima attivit. C) Promozione su riviste specializzate: limmagine e lofferta turistico-culturale della citt sar pubblicizzata su primarie riviste di settore conosciute ed apprezzate in Italia ed allEstero, nonch utilizzare spazzi pubblicitari televisivi (anche su canale satellitare) e radiofonici. Lesperienza maturata nel corso del 2010 ha infatti dimostrato che attraverso tali strumenti possibile cogliere in modo diretto lattenzione dei turisti. Promuovendo la nostra citt in spazi nuovi e con canali diversificati, si ottenuto il risultato dellaumento di presenze ed arrivi in citt. 6 - Ai fini dellaccoglienza il Servizio turismo fornir tutta la dovuta collaborazione allAzienda Speciale Teatri di Civitanova, qualora dovessero essere riproposte nellambito del piano programma dellAzienda stessa le classiche manifestazioni di richiamo popolare, che creano attesa nei residenti e grande interesse per i turisti, quali: il Carnevale in piazza, le manifestazioni estive, serate di teatro e d'intrattenimento... ecc. Nel 2011 il Servizio Turismo collaborer con l'Azienda Speciale Teatri di Civitanova inoltre alla realizzazione del Festival POPSOPHIA, distribuendo materiale, depliant e volantini, istituendo inoltre nuovi punti informativi, promuovendo le varie iniziative nel sito www.civitanovamarche.info, e prestando la propria attivit secondo le necessit che si verranno ad evidenziare. 7 - Nel 2010 il servizi turismo ha svolto un attivit di promozione molto precisa e mirata, e unattivit di accoglienza impegnativa. Tale attivit sar svolta con ancora maggior attenzione nel 2011. Grazie alla collaborazione con i colleghi del servizio CED e alla convenzione con la facolt di mediazione linguistica di Civitanova Marche nel 2010 stata data nuova veste grafica e di contenuti al portale turistico di Civitanova Marche www.civitanovamarche.info. Nel corso del 2011 tale attivit i aggiornamento e miglioramento del sito sar seguita con particolrare attenzione sino ad istituire un servizio di prenotazioni on-line per le strutture ricettive che aderiscono al progetto. 8 - Nel corso del 2011 il personale del servizio turismo realizzer importanti progetti di depliant e brochur nuove secondo progetti gi presentati alla Regione Marche e finanziati. Nel 2011 si provveder a realizzare nuovo materiale promozionale (cappellini, penne, cartellini, block notes, poster e gadget di vario tipo).. Nel corso del 2010 lassessorato al turismo stato

presente in tutte le manifestazioni pi importanti (Milano, Vienna, Londra, Barcellona, Bari, Roma), e in collaborazioni con la Camera di Commercio e Ass. Industriali di Macerata riuscita a presentare la realt turistica di Civitanova Marche, ben oltre dei confini regionali. La collaborazione nata gi nel 2006 continuer anche nel 2011. 9 - Verranno realizzati quei servizi, forniti gi da diversi anni e di grande utilit per residenti e turisti, quali: la vigilanza sul lungomare, il salvataggio a mare e le informazioni a turisti e residenti sulla sicurezza in mare, e la card turistica. In collaborazione con la confesercenti e la confcommercio sar realizzata una card turistica da offrire ai turisti per usufruire di sconti nei negozi ed attivit convenzionate. Saranno proposte particolari convenzioni ai turisti per visitare la mostra di Civitanova Arte 2010 e la Pinacoteca Moretti con un biglietto dingresso scontato. 10 - Verr inoltre confermato il progetto Holidays Dialysis in Italy, in collaborazione con la ASL n.8 di Civitanova Marche, per offrire la migliore ospitalit ai turisti dializzati provenienti dallItalia e dallestero. Si sottolinea che negli ultimi anni il servizio ha riscosso notevole successo registrando un aumento dei soggetti dializzati in vacanza nella nostra citt. Nel 2010 hanno usufruito del servizio di accompagnamento gratuito dal luogo di residenza delle vacanze allospedale n. 11 turisti, per un totale complessivo di n. 300 corse effettuate. Il servizio stato gestito e curato quasi tutto internamente grazie alla collaborazione del Servizio Autoparco. Nel 2010, data la richiesta presentata dai responsabili dellAsur 8, verranno predisposte anche delle gite giornaliere nel territorio limitrofo per far conoscere pi approfonditamente le ricchezze paesaggistiche, storico, artistiche ed enogastronomiche della nostra provincia. Per arricchire il progetto sar realizzata una specifica convenzione con la Pinacoteca Moretti e s da garantire laccesso gratuito alla pinacoteca e a Civitanova Arte. Per il 2011 non possiamo ancora prevedere se sar possibile gestire internamente il trasporto dei dializzati o si dovr, come in passato, ricorrere ai taxi cittadini. E quindi necessario mantenere nel bilancio 2011 quanto stanziato nel 2010. 11 - Obiettivo dellAssessorato sar: sviluppare la presenza turistica in citt in tutto larco dellanno, coinvolgendo in questo ambizioso progetto quante pi attivit possibili. In particolare lAssessorato lavorer alla creazione di pacchetti turistici convenzionati ( con la collaborazione di albergatori, B&B, ristoratori, outlet, spacci aziendali ecc) che vadano dal semplici week end allintera settimana. Oltre ovviamente al periodo estivo, anche in concomitanza di eventi importanti sia culturali che di intrattenimento proposti dal Comune di Civitanova Marche, dallAzienda Rossini, e quantaltro. Il programma suesposto dovr essere ovviamente calibrato ed eventualmente ridimensionato in relazione alle disponibilit del bilancio preventivo 2011. Per quanto riguarda il personale del Servizio in parola, si segnala la sussistenza della vacanza dei posti di funzionario (cat.D3) ed istruttore amministrativo (cat. C1).

3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 7


Programma Cod. Fin.: 00007
(ENTRATE)

ENTRATE SPECIFICHE STATO REGIONE PROVINCIA UNIONE EUROPEA CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO IST. PREVIDENZA ALTRI INDEBITAMENTI (1) ALTRE ENTRATE TOTALE (A) PROVENTI DEI SERVIZI TOTALE (B) QUOTE DI RISORSE GENERALI TOTALE (C) TOTALE GENERALE (A+B+C)

2011 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 127.230,40 127.230,40 127.230,40

2012 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 63.000,00 63.000,00 63.000,00

2013 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 56.000,00 56.000,00 56.000,00

LEGGE DI FINANZIAMENTO E ARTICOLO

(1) Prestiti da istituti privati, ricorso al credito ordinario, prestiti obbligazionari e simili

3.6 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 7


Programma Cod. Fin.: 00007 ( IMPIEGHI )

ANNO 2011
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2012
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2013
SPESA PER INVESTIMENTO

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

CONSOLIDATA *
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
0,00 6.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 127.230,40

%
0,00 4,72 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 6.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 127.230,40 0,00 4,72 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'
0,00 1.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 63.000,00

%
0,00 1,59 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 63.000,00 0,00 1,59 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'
0,00 1.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 56.000,00

%
0,00 1,79 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 56.000,00 0,00 1,79 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

101.230,40 79,56 20.000,00 15,72

101.230,40 79,56 20.000,00 15,72

48.500,00 76,98 13.500,00 21,43

48.500,00 76,98 13.500,00 21,43

41.500,00 74,11 13.500,00 24,11

41.500,00 74,11 13.500,00 24,11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

Note: * Interventi per la spesa corrente: 1 Personale 2 Acquisto di materie prime e/o beni di consumo 3 Prestazioni di servizi 4 Utilizzo beni di terzi 5 Trasferimenti 6 Interessi passivi ed oneri finanziari diversi 7 Imposte e tasse 8 Oneri straordinari della gestione corrente 9 Ammortamenti di esercizio 10Fondo svalutazione crediti 11Fondo di riserva

** Interventi per la spesa per investimento 1 Acquisizione di beni immobili 2 Espropri e servit onerose 3 Acquisto di beni specifici per realizzazioni in economia 4 Utilizzo beni di terzi per realizzazioni in economia 5 Acquisizione di beni mobili, macchine ed attrezzature tecnico-scientifiche 6 Incarichi professionali esterni 7 Trasferimenti di capitale 8 Partecipazioni azionarie 9 Conferimenti di capitale 10 Concessioni di crediti ed anticipazioni

*** Interventi per la spesa per rimborso di prestiti 1 Rimborso per anticipazioni di cassa 2 Rimborso di finanziamenti a breve termine 3 Rimborso di quota capitale di mutui e prestiti 4 Rimborso di prestiti obbligazionari 5 Rimborso di quota capitale di debiti pluriennali

3.4 - Programma n 8 PROGRAMMA NEL SETTORE VIABILIT E TRASPORTI


Capozucca Franco-Passarelli Marco-Giannoni Roberto-Saracco Giacomo

3.4.1 - Descrizione del programma: Il programma tende a soddisfare le esigenze di spesa dei seguenti servizi: Manutenzione Strade, Circolazione Stradale e Segnaletica, Rimozione e Custodia Veicoli, Parcheggi e Parcometri, Illuminazione Pubblica, Gestione del Trasporto Locale con ATAC S.PA., gestione area portuale 3.4.2 - Motivazione delle scelte: Le risorse destinate al programma tendono a realizzare le necessit di spesa delle attivit di gestione corrispondenti ai servizi sopra indicati, compatibilmente alle risorse disponibili. 3.4.3 - Finalit da conseguire: 3.4.3.1 - Investimento: Si rimanda al programma triennale delle opere pubbliche. 3.4.3.2 - Erogazione di servizi di consumo: Le scelte di bilancio tendono a soddisfare le richieste della cittadinanza per i servizi sopra citati, promuovendo una pi efficiente e sicura circolazione stradale, sia attraverso la manutenzione e il potenziamento della segnaletica sia attraverso politiche urbane del traffico che possano comportare anche un abbattimento dellinquinamento acustico e atmosferico attraverso lorganizzazione, nei giorni festivi, di zone a traffico limitato e lutilizzo di bike nel territorio comunale. Si rimanda per alcuni cenni aella relazione presentata dal Dirigente Ing. Capozucca Franco di cui al programma 1.3.4.4. - Risorse umane da utilizzare: In sintonia con le attivit comprese nella descrizione del programma, le risorse umane impiegate saranno quelle che, nella dotazione organica, sono associate ai servizi richiamati e quelle che verranno successivamente assegnate con il piano esecutivo di gestione. In particolare il programma interessa il personale tecnico per la manutenzione delle strade e la polizia municipale nel controllo e vigilanza della circolazione stradale. 3.4.5. - Risorse strumentali da utilizzare: In sintonia con lelenco delle attivit comprese nella descrizione del programma, le risorse strumentali impiegate saranno quelle attualmente in dotazione ai servizi o quelle che dovessero rendersi disponibili durante la gestione. 3.4.6. - Coerenza con il piano regionale di settore: Non vi sono dati circa i programmi regionali di settore.

3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 8


Programma Cod. Fin.: 00008
(ENTRATE)

ENTRATE SPECIFICHE STATO REGIONE PROVINCIA UNIONE EUROPEA CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO IST. PREVIDENZA ALTRI INDEBITAMENTI (1) ALTRE ENTRATE TOTALE (A) PROVENTI DEI SERVIZI TOTALE (B) QUOTE DI RISORSE GENERALI TOTALE (C) TOTALE GENERALE (A+B+C)

2011 832.119,81 3.062.889,90 702.195,00 0,00 3.832.000,00 0,00 2.793.297,00 11.222.501,71 556.000,00 556.000,00 5.637.738,72 5.637.738,72 17.416.240,43

2012 650.000,00 5.488.389,90 702.195,00 0,00 4.744.500,00 0,00 2.525.000,00 14.110.084,90 497.000,00 497.000,00 2.185.741,62 2.185.741,62 16.792.826,52

2013

LEGGE DI FINANZIAMENTO E ARTICOLO 0,00 contributi in c/capitale


contributo su ammortamento mutui-contributo area portuale-contributi in

1.242.889,90 c/capitale 702.195,00 contributo trasporto pubblico urbano 0,00 2.400.000,00 0,00 380.000,00 spesa corrente 4.725.084,90 497.000,00 area portuale 497.000,00 3.240.695,05 3.240.695,05 8.462.779,95

contributi in c/capitale da altri-oneri di urbanizzazione destinati ad investimenti e

gestione parcheggie parchimetri- rimozione e custodia veicoli-manutenzione

(1) Prestiti da istituti privati, ricorso al credito ordinario, prestiti obbligazionari e simili

3.6 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 8


Programma Cod. Fin.: 00008 ( IMPIEGHI )

ANNO 2011
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2012
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2013
SPESA PER INVESTIMENTO

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

CONSOLIDATA *
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
216.960,77 93.000,00 65.550,00 0,00 15.177,09 0,00 0,00 0,00 0,00 3.748.699,50

%
5,79 2,48 1,75 0,00 0,40 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**

ENTITA'

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'
216.960,77 94.000,00 65.550,00 0,00 15.177,09 0,00 0,00 0,00 0,00 3.189.491,25

%
6,80 2,95 2,06 0,00 0,48 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**

ENTITA'

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'
216.960,77 88.000,00 65.550,00 0,00 15.177,09 0,00 0,00 0,00 0,00 3.166.870,39

%
6,85 2,78 2,07 0,00 0,48 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
4.478.362,60 59,95 88.000,00 65.550,00 12.119,81 674.682,53 45.177,09 0,00 0,00 0,00 0,00 7.470.392,03 1,18 0,88 0,16 9,03 0,60 0,00 0,00 0,00 0,00 2.106.500,00 28,20

1 10.034.951,28 99,58 10.251.912,05 74,15 2 3 4 5 6 7 8 9 0,00 0,00 0,00 12.119,81 0,00 30.000,00 0,00 0,00 0,00 10.077.071,09 0,00 0,00 0,00 0,12 0,00 0,30 0,00 0,00 0,00 93.000,00 65.550,00 12.119,81 739.879,64 45.177,09 0,00 0,00 0,00 0,00 13.825.770,59 0,67 0,47 0,09 5,35 0,33 0,00 0,00 0,00 0,00 2.618.132,00 18,94

1 12.477.716,76 99,66 12.694.677,53 80,81 2 3 4 5 6 7 8 9 0,00 0,00 0,00 12.119,81 0,00 30.000,00 0,00 0,00 0,00 12.519.836,57 0,00 0,00 0,00 0,10 0,00 0,24 0,00 0,00 0,00 94.000,00 65.550,00 12.119,81 703.303,39 45.177,09 0,00 0,00 0,00 0,00 15.709.327,82 0,60 0,42 0,08 4,48 0,29 0,00 0,00 0,00 0,00 2.094.500,00 13,33

4.261.401,83 99,02 0,00 0,00 0,00 12.119,81 0,00 30.000,00 0,00 0,00 0,00 4.303.521,64 0,00 0,00 0,00 0,28 0,00 0,70 0,00 0,00 0,00

2.618.132,00 69,84

2.094.500,00 65,67

2.106.500,00 66,52

739.879,64 19,74

703.303,39 22,05

674.682,53 21,30

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

TITOLO III DELLA SPESA


***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 1.065.469,84

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 1.083.498,70

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 1 1 1 1

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 992.387,92

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1.065.469,84100,00

1.083.498,70100,00

992.387,92100,00

Note: * Interventi per la spesa corrente: 1 Personale 2 Acquisto di materie prime e/o beni di consumo 3 Prestazioni di servizi 4 Utilizzo beni di terzi 5 Trasferimenti 6 Interessi passivi ed oneri finanziari diversi 7 Imposte e tasse 8 Oneri straordinari della gestione corrente 9 Ammortamenti di esercizio 10Fondo svalutazione crediti 11Fondo di riserva

** Interventi per la spesa per investimento 1 Acquisizione di beni immobili 2 Espropri e servit onerose 3 Acquisto di beni specifici per realizzazioni in economia 4 Utilizzo beni di terzi per realizzazioni in economia 5 Acquisizione di beni mobili, macchine ed attrezzature tecnico-scientifiche 6 Incarichi professionali esterni 7 Trasferimenti di capitale 8 Partecipazioni azionarie 9 Conferimenti di capitale 10 Concessioni di crediti ed anticipazioni

*** Interventi per la spesa per rimborso di prestiti 1 Rimborso per anticipazioni di cassa 2 Rimborso di finanziamenti a breve termine 3 Rimborso di quota capitale di mutui e prestiti 4 Rimborso di prestiti obbligazionari 5 Rimborso di quota capitale di debiti pluriennali

3.4 - Programma n 9 PROGRAMMA PER FUNZIONI RIGUARDANTI IL TERRITORIO E LAMBIENTE


Saracco Giacomo-Giannoni Roberto-Capozucca Franco-Scarpecci Maurizio

3.4.1 - Descrizione del programma : Il programma tende a soddisfare le esigenze di spesa dei seguenti servizi: urbanistica e gestione del territorio, edilizia residenziale pubblica, protezione civile, servizio idrico integrato, smaltimento rifiuti, verde pubblico e protezione civile.

3.4.2 - Motivazione delle scelte: Le risorse destinate a questo programma tendono a finanziare le necessit di spesa per le attivit di gestione corrispondenti ai servizi descritti al punto precedente e di cui alle allegate relazioni inviate dai servizi competenti. Parimenti si rimanda alle relazioni per una trattazione approfondita della gestione dei rifiuti che rappresenta una componente strategica del programma 3.4.3 - Finalit da conseguire: 3.4.3.1 - Investimento: Per quanto riguarda gli investimenti si rimanda al programma triennale delle opere pubbliche. 3.4.3.2 - Erogazione di servizi di consumo: Le scelte di bilancio tendono a soddisfare le richieste dei cittadini nel campo dei servizi descritti. Nellambito del riconoscimento della bandiera blu alla citt dalla Fee, sempre pi ampia importanza riveste la gestione ambientale, sia come vivibilit del territorio per i propri cittadini, che per favorire lafflusso turistico 3.4.4. - Risorse umane da utilizzare: In sintonia con le attivit comprese nel programma, le risorse umane sono quelle attualmente assegnate nella Pianta organica o che verranno successivamente assegnate con il Piano esecutivo di gestione. 3.4.5. - Risorse strumentali da utilizzare: In sintonia con le attivit ricomprese nel programma, le risorse strumentali impiegate saranno quelle attualmente in dotazione oltre al ricorso ad appalti di gestione di vari servizi quali manutenzione spiaggia, manutenzione dei verdi ecc. 3.4.6. - Coerenza con il piano regionale di settore: Al momento non si conoscono dati attinenti al piano regionale di settore

RELAZIONE AL BILANCIO 2011 Settore VII per i Servizi Edilizia Privata / Sportello Unico dellEdilizia / Demanio / Viabilit Civitanova Marche Porto / Segnaletica / Verde Pubblico. Dirigente Responsabile : Arch Giannoni Roberto Piano Casa: in previsione del perdurare del regime straordinario istituito ai sensi della L.R. 22/2009 , si mantengono i proventi dei capitoli appositamente istituiti. La manutenzione di aree verdi ed la potatura piante, richiedono risorse consistenti dovuti al fatto che sono incrementate le aree pubbliche in gestione (Parco Cecchetti) e che si scelto di ricorrere a ditta esterna per lesecuzione di lavori in passato oggetto di progetti produttivit (potatura piante). Per quanto riguarda lintroduzione di nuove proposte di entrata, che derivano essenzialmente dai Servizi Edilizia Privata e S.U.E. ma in parte anche dal Demanio e Strade, si dovrebbe valutare la possibilit/necessit di adeguare le tariffe dei diritti di segreteria di pratiche (telefonia cellulare, impianti fotovoltaici, ecc.) certificazioni ed attestati (ricongiungimenti familiari di extracomunitari, s.u.a.p., ecc.) e di introdurre i diritti di segreteria per pratiche per le quali attualmente non sono previsti (Autorizzazione Paesaggistica, Autorizzazione Demaniale, Attivit Edilizia Libera, ecc.). Si potrebbe anche istituire una tariffa istruttoria fissa per le richieste di accesso ai documenti (pari, per esempio a 15,00 euro a pratica edilizia) che deve aggiungersi alla somma dovuta per le copie prodotte dallufficio. Tale tariffa, ormai necessaria per la mole di lavoro in continuo aumento, come accade in molti Enti, dovrebbe essere pagata preventivamente, per bloccare l attuale cattiva abitudine, soprattutto di tecnici liberi professionisti, di richiedere copie cartacee e di non ritirarle per mancata conferma dellincarico professionale. E necessario, infine, riorganizzare il sistema di riscossione dei diritti di segreteria imponendone il pagamento al momento della presentazione della pratica e non al suo ritiro: si valuta, infatti, che le pratiche con esito negativo o con esito positivo non pi ritirate dai richiedenti comportino un equivalente carico istruttorio per i Servizi. Le premesse di ristrutturazione delle entrate sopra indicate devono comunque essere necessariamente accompagnate dalla semplificazione delle modalit di pagamento, da individuare contestualmente onde evitare malcontenti nellutenza.. PROGRAMMA PER FUNZIONI RIGUARDANTI IL TERRITORIO Responsabile Arch. Maurizio Scarpecci 1. DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA Il programma tende a soddisfare le esigenze di spesa, gestita dal Settore Pianificazione Territoriale e Progettazione Urbanistica. PROGRAMMA: Lattivit del settore concerne principalmente lattuazione del Piano Regolatore Generale vigente, mediante la gestione e la programmazione delle sue previsioni. Questa attivit principale si integra con lerogazione diretta di alcuni servizi ai cittadini e con lattivit di supporto agli altri settori della pubblica amministrazione. Lattivit di pianificazione e progettazione ad oggi riguarda in particolare alcuni ambiti tematici: il territorio, la casa, la mobilit e lambiente, secondo altrettanti obiettivi di qualit: 1. la riqualificazione e lassetto coerente del territorio 2. il sostegno delle politiche abitative 3. lo sviluppo sostenibile della mobilit e delle infrastrutture

4. la tutela e la valorizzare del sistema ambientale. Questi obiettivi rientrano tra le strategie individuate dal piano regolatore per lattuazione degli scenari previsti. A tal proposito il Piano individua sin dalla sua formazione due livelli di intervento: da una parte gli interventi minuti e diffusi di riqualificazione di tutto il territorio di Civitanova, dallaltra i grandi interventi dei luoghi di trasformazione. Entrambi i livelli sono importanti per Civitanova, che deve riuscire ad integrare le funzioni specifiche del centro di medie dimensioni capoluogo di una pi estesa municipalit virtuale e le significative presenze storiche e le rilevanti potenzialit ambientali (Civitanova Marche Il nuovo Piano Regolatore D.G.P. n.280 del 05.07.2007). Gli obiettivi enunciati dal Nuovo Piano hanno individuato i principali impegni in ordine alla politica urbanistica e le principali raccomandazioni per la loro attuazione, nel raggiungimento di elevati livelli prestazionali in tutto il territorio di Civitanova: - favorire la politica di recupero della citt e del territorio - ristabilire liniziativa dellAmministrazione Pubblica - favorire la salvaguardia del sistema ambientale - migliorare il sistema della mobilit e della sosta - strutturare labitato di Civitanova rafforzandone alcuni tratti con un progetto di nuovi luoghi centrali - favorire unarticolazione dei modi di abitare - offrire la possibilit che le zone industriali non siano aree di degrado ma elementi importanti del paesaggio contemporaneo - definire una strategia di trasformazione della citt mediante norme specifiche, principi insediativi, disegno e materiali degli spazi pubblici, distribuzione delle superfici libere ed edificate, destinazioni duso. La mappa dei luoghi della trasformazione interessa le aree industriali dismesse Cecchetti e Ceccotti, seleziona alcuni luoghi cui il Piano attribuisce un valore strategico per lintera citt: tra questi il porto, la zona mostre, lautoparco, il centro spedizionieri e il centro servizi. Collocarsi sulla scia di questi assi strategici significa garantirne lattuazione secondo i criteri che li hanno guidati, raccogliendone eventuali criticit che dovessero emergere nel corso del tempo, a seguito dellattivit pianificatoria attuativa, della progettazione di dettaglio o dal confronto con i cittadini, secondo un metodo partecipativo che sempre pi connota la progettazione urbanistica. La priorit degli interventi data da una molteplicit di fattori, esogeni ed endogeni, che in sostanza definiscono lattivit programmatoria del Settore, secondo due livelli di intervento: della grande e della piccola scala della citt. Il raggiungimento dei relativi obiettivi si esplica pertanto con una serie di azioni a breve e a lungo termine, molte delle quali gi in corso, siano esse di iniziativa pubblica o privata, caso in cui il settore chiamato a garantirne il coordinamento e la legittimit. 1. Riqualificazione e assetto coerente del territorio Tale asse strategico finalizzato alla progettazione e realizzazione dei luoghi simbolo della citt, di aree importanti per il ruolo che rivestono nella vita della citt e per il loro forte valore connotativo. I procedimenti in corso e che impegneranno lufficio almeno per tutto lanno corrente riguardano i progetti relativi a: 1.1 Area Cecchetti. Questo importante nodo urbano quasi arrivato alla sua completa realizzazione, se non per la parte relativa alle opere ricadenti nellambito della perimetrazione del vincolo archeologico, imposto con decreto di tutela del D.D.R. del 16.11.2010 Rep. n. 104, che conseguentemente ha imposto la necessit di adottare una variante alloriginario piano particolareggiato al fine di coniugare le esigenze di tutela con la necessit di realizzare importanti opere pubbliche per la citt, quali il sottopasso ferroviario di collegamento dellarea con via Venezia e la realizzazione del Museo Archeologico.

1.2 Area Ceccotti. Larea a ridosso del centro urbano cittadino, ormai relegata da un trentennio ad un immobilismo procedimentale, ha subito una revisione progettuale, come richiesto a suo tempo dalla Provincia in sede di approvazione della variante generale al PRG vigente. Ad oggi si sta svolgendo la fase propedeutica alladozione della variante urbanistica necessaria a seguito delladeguamento del progetto allemendamento approvato in sede di Consiglio Comunale con atto n.63 del 28.07.2011 e finalizzato alla riduzione del consumo di suolo e della potenzialit edificatoria del comparto e ad ampliare la tutela della ex fornace Ceccotti. Nel lungo termine prevista la redazione del relativo Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica. 1.3 Area Sabatucci. Anche per questarea dopo lungo periodo di discussione si avviato il procedimento per la definizione urbanistica dellintero contesto che caratterizzer e qualificher lingresso ovest della citt. Il procedimento attualmente avviato con ladozione del Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica avvenuta con atto del Consiglio Comunale n. 8 del 10.02.2011 proseguir con ladozione definitiva e quindi con lespressione da parte della Provincia di Macerata del parere di propria competenza, proponendo il piano anche una variante al PRG resasi necessaria al fine di garantire la concreta attuazione degli interventi viste le numerose propriet interessate, nonch confermare le condizioni per la realizzazione, da parte di alcuni soggetti attuatori, di unaltra importante opera pubblica quale la sede della protezione civile. 1.4 Quadrilatero Marche-Umbria Piano di Area Vasta Allaccio SS77-SS16 e Aree Leader. Per tale intervento lamministrazione ha scelto di svolgere un ruolo attivo nella progettazione dellopera strategica di cui trattasi, affidando uno specifico incarico, con D.D. n 1 del 10.01.2011 R.G. n.22, per la redazione di un progetto di fattibilit del Cavalcavia e delle opere ad esso connesse volendo definire un elevato standard di qualit architettonica, quale garanzia per un corretto inserimento dellopera nel contesto interessato. Essa infatti caratterizzer lingresso sud della citt e costituir un futuro elemento di identificazione collettiva, data la sua forte valenza iconica, oltre ad assolvere ad un ruolo fondamentale di funzionalit, in relazione alle esigenze di collegamento delle porzioni di citt poste ad est e ad ovest della ferrovia. Lazione amministrativa, nel perseguire tali obiettivi, dovr ulteriormente concretizzarsi nellelaborare una adeguata integrazione della suddetta opera con la prevista Area Leader che contribuir a caratterizzare la parte di citt interessata, oggi connotata da un carattere parzialmente anonimo e periferico. Per una programmazione a medio e lungo termine, si far riferimento a: 1.5 Concorso di idee per la riqualificazione del Luogo Centrale costituito da Piazza XX Settembre e zona Fiera. Allo scopo di creare una nuova immagine e dare maggiore visibilit al proprio territorio, lamministrazione ha esternato la volont di bandire un Concorso di idee per la riqualificazione dellasse urbano Piazza XX settembre - ex Lido Cluana - Ente Fiera ed aree limitrofe. Il settore, effettuando ricerche storiche e amministrative, ha predisposto uno schema preliminare di bando che dovr essere vagliato dallamministrazione e dagli altri enti chiamati e preposti alla collaborazione al concorso stesso. Scopo delliniziativa sar valutare un ampio scenario di proposte per la sistemazione, valorizzazione e riqualificazione urbanistico/architettonica e paesaggistica dellasse urbano costituito da Piazza XX Settembre, dallex Lido Cluana (comprendente le palazzine liberty di recente restaurate), dallattuale sede dellEnte Fiera e dalle aree limitrofe, ipotizzando una nuova possibile connessione con gli altri poli aggregativi della citt, il miglioramento della viabilit e il collegamento con le aree limitrofe. Il concorso di idee avr anche la finalit di analizzare le problematiche del centro della citt e ottenere risposte originali e diversificate che dovranno essere concretizzate mediante una successiva progettazione attuativa.

1.6 Piano del Porto. Tale piano costituir unaltra occasione di crescita e riqualificazione della citt, favorita proprio della collocazione di questa importante infrastruttura nelle immediate adiacenze del borgo storico e dei luoghi centrali alla scala urbana. Con esso oltre ad affrontare le problematiche inerenti le due anime che lo caratterizzano, peschereccio e turistico, si dovranno definire le potenzialit per la definizione del nuovo waterfront della citt, del suo rapporto con il mare, delle relazioni intercorrenti tra il porto e il centro urbano adiacente, nella prospettiva che il rilancio dellattivit portuale e delle relazioni urbane ad essa connesse agisca da volano per il recupero del vicino borgo marinaro. Tutto ci anche nellottica di attuare la completa realizzazione dellampliamento a scopo turistico che lo stesso Piano Regionale dei Porti ha previsto per Civitanova Marche. 1.7 Variante al vigente Piano Particolareggiato del Borgo Marinaro (Pn 3.1) In unottica di programmazione di pi lungo termine, lufficio ha gi elaborato i dati progettuali necessari per lapprontamento della variante al vigente piano particolareggiato del Borgo Marinaro. A tal proposito gi stato redatto un elaborato grafico con il quale sono state localizzate, nellambito del Borgo Marinaro, le numerose richieste di variante pervenute allo scrivente settore rispetto alle indicazioni del relativo piano particolareggiato. Lelaborato, oltre che cartografare le richieste ha anche classificato le stesse per tipologia di modifica al fine di consentire allAmministrazione la valutazione circa lentit delle variazioni da apportare alla vigente pianificazione attuativa, onde definire ladeguamento del Piano Particolareggiato al nuovo perimetro del Borgo Marinaro definito in sede di approvazione del vigente PRG. Al fine di coordinare uno sviluppo armonico tra infrastrutture e interventi, lufficio sta provvedendo alla redazione del I PPA attuativo delle previsioni del vigente PRG. 2. Sostegno delle politiche abitative La questione della casa ha una valenza nazionale, lamministrazione comunale ha intrapreso diverse strade rivolte anche a diverse fasce della popolazione: 2.1 Edilizia Convenzionata. Al fine di creare un nuovo parco alloggi a prezzi calmierati in dotazione di tutta la citt, stata attivata una procedura che garantisse il raggiungimento di elevati livelli di qualit anche per quegli interventi che purtroppo spesso sono relegati ad una definizione architettonica e ambientale scadente. Il procedimento ha visto diverse fasi: approvazione della variante urbanistica per la localizzazione delle aree per lEdilizia Residenziale Pubblica distribuite su tutto il territorio comunale; predisposizione di un regolamento inerente la valutazione della qualit energetica ed ambientale degli interventi in tali aree, disciplinante le linee guida per luso efficiente dellenergia e la valorizzazione delle fonti energetiche rinnovabili, le norme relative agli incentivi, le linee guida per i Progetti Norma interessati dallattuazione delle previsioni della variante, nonch le schede di indirizzo progettuale allegate al suddetto regolamento; la selezione per laffidamento di un servizio di supporto al RUP per la definizione dei piani attuativi delle aree ERP mediante bando di gara, allo scopo di garantire un livello qualificato, sul piano tecnico e culturale, per le attivit di supporto e controllo nella redazione dei Piani di attuazione. Alla base di un procedimento siffatto vi stata la volont di intendere tali piani come strumenti complessi e articolati, costituiti s da atti diversi, ciascuno dotato di una propria autonomia tematica, ma necessariamente correlati all'interno di un unico e coordinato processo di pianificazione. Tale processo di pianificazione costituisce una nuova esperienza progettuale, tanto che essa ha partecipato alla VI Rassegna Urbanistica Nazionale Matera 2010, organizzata dallIstituto Nazionale di Urbanistica, nellarea tematica relativa alla dimensione energetica e ambientale nel governo e nella pianificazione del territorio locale. La qualit dellabitare si esplicita non solo nel controllo della qualit architettonica degli edifici, ma anche nella presenza di servizi e dotazione di standards, nella scelta e collocazione delle aree. Mediante lattivazione di aree PEEP cos estese e diffuse, si voluto creare unoccasione di riqualificazione del territorio, evitando il rischio di squalificarlo o ulteriormente degradarlo, come peraltro a volte accaduto in passato nella realizzazione di edilizia di tipo sociale. Ad oggi alcuni dei piani attuativi previsti

sono al vaglio degli enti competenti per lottenimento del parere di competenza per la successiva fase di adozione da parte del Consiglio Comunale. Il procedimento inoltre impegner il comune in unimportante e cospicua attivit di esproprio, finalizzata al reperimento e messa a disposizione delle aree per la futura assegnazione agli aventi diritto. Al fine di programmare i suddetti interventi con le disponibilit delle risorse necessarie, lufficio provveder alla redazione del PPA relativo agli interventi PEEP, strumento peraltro necessario anche per lassegnazione delle aree con il regime del diritto di propriet. 2.2 Edilizia Agevolata-Sovvenzionata. Per la realizzazione e la gestione di questo tipo di alloggi, il comune potr provvedere ad integrare il patrimonio attuale grazie allaccesso ai finanziamenti regionali per la realizzazione di 18 nuovi alloggi pubblici a Civitanova Alta in localit ex Tirassegno. Questi si aggiungeranno ai 34 alloggi previsti in via Marchetti per i quali il IV Settore sta predisponendo il progetto delle opere di urbanizzazione per il proseguimento delliter di attivazione dellintervento. Allinterno dello scrivente Settore, lufficio casa gestisce anche lassegnazione degli alloggi pubblici, in collaborazione con lERAP di Macerata. Al momento tale attivit impegna ulteriormente lufficio in quanto in corso il completamento e il rinnovo della graduatoria per lassegnazione di alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica, a seguito dellultimo bando pubblicato nel 2010. 3. Sviluppo sostenibile della mobilit e delle infrastrutture Attualmente sono in corso i procedimenti relativi alle seguenti tematiche: 3.1 Metropolitana leggera. Il nuovo piano della citt tra gli obiettivi da raggiungere, si prefigge lincentivo delluso metropolitano della linea ferroviaria Civitanova - Macerata, grazie anche allincremento del numero delle fermate ferroviarie sulla linea. Al momento lufficio sta seguendo liter amministrativo, concordemente con la Regione Marche e RFI, per lattuazione dellintervento 4.2.1.52.03 Nuove fermate ferroviarie del POR 2007-2013, per il quale, mediante un cofinanziamento, verr realizzata una nuova fermata ferroviaria nellarea commerciale di Civitanova, con la relativa soppressione del passaggio a livello esistente e la realizzazione di un nuovo sottopasso su via Einaudi. 3.2 Sportello Attivit Produttive. Disciplinati dal DPR 447/98 e dagli indirizzi di cui alla Deliberazione della Giunta Municipale n.11 del 15.01.2007 e dal DPR 160/2010, sono procedimenti attivati per rispondere, in tempi brevi, alle istanze avanzate dai titolari di attivit produttive esistenti al fine di soddisfare specifiche esigenze di trasferimento, ampliamento o riconversione delle stesse, spesso non contemplate dalle indicazioni del vigente PRG. Nei casi gi approvati si contestualmente determinata anche la conseguente variante urbanistica a seguito del pronunciamento della Conferenza dei Servizi prevista dal citato DPR. Diverse sono le istanze avanzate relative sia ad attivit produttive che di tipo commerciale o ricettivo i cui procedimenti amministrativi, gi stati avviati, dovranno essere definiti nel corso del presente esercizio. Un importante procedimento da poco concluso, se non per una limitata parte sottoposta ancora a variante urbanistica, ha visto la realizzazione di una delle pi importanti strutture ricettivi cittadine, collocata in unarea strategica allingresso sud della citt, che si appresta ad avere un rilevante ruolo urbano ed extraurbano per le importanti trasformazione previste (Allaccio SS77-SS16 e Area Leader). 3.3 Varianti parziali al vigente PRG : 3.3.1Variante relativa alle nuove aree produttive in ampliamento allattuale zona industriale A area ICA Eurosuole. E in corso la definizione delliter per la sua adozione definitiva da parte del Consiglio Comunale. 3.3.2Variante alle NTA (Sub Sistema P1 Aree Produttive). La variante stata definita nei suoi contenuti generali, necessitando, per la stesura definitiva, un confronto con altri settori dellEnte, in particolare con il settore commercio, al fine di precisare aspetti di dettaglio che assumono rilevanza in termini non solo urbanistici.

Nel lungo termine auspicabile la realizzazione di: 3.4 Parcheggi pubblici a raso o multipiano (Ceccotti, Stazione, Porto..), possibilmente da integrare in un piano dei parcheggi da redigersi anche con tecnici di settore 4. Tutela e valorizzazione del sistema ambientale 4.1 Basso Bacino del Fiume Chienti Di recente stata assegnata al Settore la competenza inerente le problematiche del Basso Bacino del fiume Chienti, sito di interesse nazionale individuato con DM 18/09/01 n. 468 e DM 26/02/03. In coerenza con quanto gi avviato dai settori in precedenza competenti, lufficio proseguir lazione amministrativa al fine di favorire gli adempimenti posti a carico dei soggetti privati per quanto attiene le caratterizzazione dei siti e le eventuali opere di bonifica, nonch coordinare lazione diretta della pubblica amministrazione negli interventi di propria competenza alla luce anche dei recenti ricorsi al giudice amministrativo promossi dallAmministrazione Comunale avverso il Ministero, per appunto definire le competenze sugli interventi da realizzare. 4.2 Emissioni in atmosfera. Agli obiettivi assegnati al Settore, direttamente riferiti alla pianificazione territoriale, si aggiunge anche lassistenza e il supporto che gli uffici sono chiamati a fornire ad altri settori, sia tecnici (definizione di procedimenti inerenti lapprovazione di opere pubbliche in variante al P.R.G. in virt di procedure speciali) che amministrativi per lo svolgimento di procedimenti riferiti in particolare alla materia ambientale. Tra esse, allo scrivente settore sono state assegnate anche le competenze connesse alla materia ambientale, relativamente agli scarichi in atmosfera ai sensi del DPR 203/1988 e ex D.Lgs. 05.02.1977 n.22, certificazione ambientale ISO 14000 (per quanto di competenza).

3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 9


Programma Cod. Fin.: 00009
(ENTRATE)

ENTRATE SPECIFICHE STATO REGIONE PROVINCIA UNIONE EUROPEA CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO IST. PREVIDENZA ALTRI INDEBITAMENTI (1) ALTRE ENTRATE TOTALE (A) PROVENTI DEI SERVIZI TOTALE (B) QUOTE DI RISORSE GENERALI TOTALE (C) TOTALE GENERALE (A+B+C)

2011 5.830,51 1.716.158,54 800.989,00 0,00 600.000,00 0,00 2.183.512,08 5.306.490,13 1.678.000,00 1.678.000,00 8.780.883,52 8.780.883,52 15.765.373,65

2012 865.830,51 1.996.158,54 200,00 0,00 1.060.116,44 0,00 585.000,00 4.507.305,49 4.403.694,00 4.403.694,00 9.251.890,08 9.251.890,08 18.162.889,57

2013 LEGGE DI FINANZIAMENTO E ARTICOLO 5.830,51 fondo investimenti-contributo per canale Trabocco 2.186.158,54 in c/capitale 200,00 contributo in c/capitale per edilizia popolare 0,00 1.270.000,00 0,00 400.000,00 ed investimenti 3.862.189,05
contributo in c/capitale da altri-oneri di urbanizzazione destinati a spesa corrente contributi su mutui in ammortamento- canoni di locazione-area portuale-contributi

4.482.348,00 vendita aree peep-diritti segreteria urbanistica- rimborso mutui da ato 4.482.348,00 8.257.664,91 8.257.664,91 16.602.201,96

(1) Prestiti da istituti privati, ricorso al credito ordinario, prestiti obbligazionari e simili

3.6 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 9


Programma Cod. Fin.: 00009 ( IMPIEGHI )

ANNO 2011
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2012
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2013
SPESA PER INVESTIMENTO

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

CONSOLIDATA *
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
7.469.871,32 49,50 95.420,00 19.270,00 409.330,51 438.706,98 133.824,17 100.000,00 0,00 0,00 0,00 15.089.186,86 0,63 0,13 2,71 2,91 0,89 0,66 0,00 0,00 0,00 6.422.763,88 42,57

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
9.958.946,76 57,02 97.720,00 18.770,00 560.830,51 417.306,55 133.824,17 100.000,00 0,00 0,00 0,00 17.466.003,38 0,56 0,11 3,21 2,39 0,77 0,57 0,00 0,00 0,00 6.178.605,39 35,38

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
8.816.178,32 55,05 100.020,00 19.270,00 407.830,51 414.822,50 133.824,17 0,00 0,00 0,00 0,00 16.015.297,22 0,62 0,12 2,55 2,59 0,84 0,00 0,00 0,00 0,00 6.123.351,72 38,23

1.493.830,32 16,40 95.420,00 19.270,00 403.500,00 438.706,98 133.824,17 100.000,00 0,00 0,00 0,00 9.107.315,35 1,05 0,21 4,43 4,82 1,47 1,10 0,00 6.422.763,88 70,52

5.976.041,00 99,90 0,00 0,00 0,00 5.830,51 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 5.981.871,51 0,00 0,00 0,00 0,10 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1.493.830,32 16,89 97.720,00 18.770,00 405.000,00 417.306,55 133.824,17 100.000,00 0,00 0,00 0,00 8.845.056,43 1,10 0,21 4,58 4,72 1,51 1,13 0,00 6.178.605,39 69,85

8.465.116,44 98,19 0,00 0,00 0,00 155.830,51 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 8.620.946,95 0,00 0,00 0,00 1,81 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1.493.830,32 17,20 100.020,00 19.270,00 402.000,00 414.822,50 133.824,17 0,00 0,00 0,00 0,00 8.687.118,71 1,15 0,22 4,63 4,78 1,54 0,00 0,00 6.123.351,72 70,49

7.322.348,00 99,92 0,00 0,00 0,00 5.830,51 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 7.328.178,51 0,00 0,00 0,00 0,08 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

TITOLO III DELLA SPESA


***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 676.186,79

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 696.886,19

% ***
0,00 0,00 0,00 0,00 1 1 1 1 1

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 586.904,74

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

676.186,79100,00

696.886,19100,00

586.904,74100,00

Note: * Interventi per la spesa corrente: 1 Personale 2 Acquisto di materie prime e/o beni di consumo 3 Prestazioni di servizi 4 Utilizzo beni di terzi 5 Trasferimenti 6 Interessi passivi ed oneri finanziari diversi 7 Imposte e tasse 8 Oneri straordinari della gestione corrente 9 Ammortamenti di esercizio 10Fondo svalutazione crediti 11Fondo di riserva

** Interventi per la spesa per investimento 1 Acquisizione di beni immobili 2 Espropri e servit onerose 3 Acquisto di beni specifici per realizzazioni in economia 4 Utilizzo beni di terzi per realizzazioni in economia 5 Acquisizione di beni mobili, macchine ed attrezzature tecnico-scientifiche 6 Incarichi professionali esterni 7 Trasferimenti di capitale 8 Partecipazioni azionarie 9 Conferimenti di capitale 10 Concessioni di crediti ed anticipazioni

*** Interventi per la spesa per rimborso di prestiti 1 Rimborso per anticipazioni di cassa 2 Rimborso di finanziamenti a breve termine 3 Rimborso di quota capitale di mutui e prestiti 4 Rimborso di prestiti obbligazionari 5 Rimborso di quota capitale di debiti pluriennali

3.4 - Programma n 10

PROGRAMMA PER IL SERVIZIO SOCIALE


Saracco Giacomo-Passarelli Marco- Capozucca Franco

3.4.1 - Descrizione del programma : Il programma tende a soddisfare le esigenze di spesa dei seguenti servizi: asili nido, servizi cimiteriali, servizio servizi sociali e gestione dei servizi attinenti allAmbito territoriale n.14 3.4.2 - Motivazione delle scelte: Le risorse destinate a questo programma tendono a realizzare le necessit di gestione corrispondenti ai servizi indicati, compatibilmente alle risorse disponibili. I principali interventi correnti sono indirizzati agli anziani e alle fasce pi deboli. Per un approfondimento delle problematiche finanziate e delle attivit che si intendono porre in essere nellesercizio corrente, si rinvia alle relazioni dei servizi interessati. 3.4.3 - Finalit da conseguire: 3.4.3.1 - Investimento: Si rinvia al programma triennale delle opere pubbliche. 3.4.3.2 - Erogazione di servizi di consumo: La relazione del servizio Servizi sociali, espone in modo esauriente i servizi che vengono resi alla cittadinanza e ad essa si rinvia per una migliore analisi e approfondimento della tematica.

3.4.4. - Risorse umane da utilizzare: In sintonia con le attivit gestite nel programma, il personale risulta quello assegnato dalla vigente pianta organica o che comunque verr assegnato con il Piano esecutivo di gestione. 3.4.5. - Risorse strumentali da utilizzare: Le risorse strumentali sono quelle attualmente in dotazione ai singoli servizi . 3.4.6. - Coerenza con il piano regionale di settore: Le proposte di bilancio tengono conto dei dati al momento a conoscenza del servizio sociale per quanto attiene la pianificazione sociale del territorio, attraverso lanalisi ed il superamento dei problemi connessi a soggetti con handicap, anziani, disabili pischici e problemi connessi a fenomeni di tossicodipendenza.

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO 2011 E PLURIENNALE 2011-2013 SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI INTRODUZIONE Servizi Socio Assistenziali ed Educativi Formativi Con la riforma del Titolo V della Costituzione e con la L.328/2000 al Comune stato riconosciuto un ruolo sempre pi significativo per quanto concerne le politiche sociali del territorio, con particolare riguardo a quelle socio-assistenziali ed educative che richiedono maggiori investimenti in termini economici in correlazione alle complesse problematiche ed alle diversificate richieste della societ di oggi. Nellultimo decennio infatti lambito di competenza dei Servizi Sociali si sempre pi ampliato in conseguenza delle trasformazioni del tessuto sociale dovute alla crisi della famiglia ed al conseguente dilagare del disagio minorile, al fenomeno dellimmigrazione con le ovvie difficolt di integrazione, allaumento dellaspettativa di vita con il correlato aumento del numero di anziani e delle problematiche della non autosufficienza, alla contestuale crisi di natalit, allemergere delle problematiche della disabilit e del disagio psichico . Si passati da un sistema dellassistenza pubblica che si esplicitava quasi esclusivamente nellerogazione di contributi agli indigenti e nellorganizzazione di strutture collettive a basso costo ( ospizi ed orfanotrofi gestite da suore, manicomi provinciali ) ad un sistema ben pi complesso che prevede il riconoscimento di un insieme di Diritti soggettivi (assegni nucleo familiare con almeno tre figli , assegni di maternit, contributi per la locazione ecc), lassistenza scolastica a disabili obbligatoria , lorganizzazione di strutture con standards organizzativi e strutturali determinati e sottoposti a controllo (case di riposo, residenze protette e centri diurni per anziani, centri per disabili, comunit per minori, ecc), lattivazioni di servizi che necessariamente affiancano le famiglie sempre pi in difficolt ( es. assistenza domiciliare) ecc . Si evidenziato sempre pi il bisogno di un agire sociale necessitante di integrazione tra pi figure specialistiche di Enti diversi ( integrazione socio-sanitaria) ed sono nate nuove professionalit operanti nel settore socio-assistenziale (Assistente Sociale con preparazione universitaria, educatore professionale) . La gestione dei servizi sociali deve svilupparsi pertanto, pur con inevitabili difficolt operative, nell ambito di una programmazione stabilita, sulla base di obiettivi prefissati , armonizzando al meglio le risorse finanziarie ed il personale assegnato con le esigenze di interventi complessi e non standardizzabili a fronte di casistiche spesso impreviste Indispensabile il coinvolgimento interistituzionale a diversi livelli e ci comporta pi consistenti finanziamenti rispetto al passato e pi qualificati interventi rispetto al disagio . Si evidenza inoltre che la Legge 328/2000 ha individuato nel Piano di Zona Territoriale lo strumento di integrazione e di collegamento tra soggetti pubblici e privati e tra servizi sociali e sanitari. I Comuni dovrebbero muoversi secondo programmazioni condivise ed unitarie, razionalizzando servizi e condividendone regole di funzionamento; a tal fine stato costituito lAmbito Territoriale Sociale di norma coincidente con il territorio dellASUR governato dal Comitato dei Sindaci e coordinato da una figura, il Coordinatore dAmbito che dovrebbe agevolare il confronto tra gli Enti, il raggiungimento di decisioni condivise al livello politico ed il raccordo al livello tecnico nellambito dellUfficio di Piano costituito da tutti i Responsabili di Servizio . Non pu sottacersi che la costruzione di servizi dambito coordinati ed unitari si presenta particolarmente difficile in quanto le realt dei vari Comuni sono diversificate per storia, esigenze, impostazioni .

Si evidenzia infine che negli ultimi due anni, in relazione alla crisi economica nazionale ed internazionale, lo Stato ha fortemente limitato e diminuito gli stanziamento destinati al Settore Sociale con tagli particolarmente consistenti del Fondo Nazionale delle politiche sociali . La crisi economica peraltro e la crescente situazione di disoccupazione, l aumento del costo della vita e limpoverimento che ha colpito i ceti medi non ha consentito ai Comuni di diminuire in parallelo i propri investimenti che proprio in relazione alla crisi sono stati necessariamente rafforzati con grande difficolt e grande sforzo . Si descrivono di seguito le attivit dei vari Servizi in relazione agli stanziamenti previsti in bilancio indicando in per ciascuno di essi gli obiettivi chiave e le principali problematiche. SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI In relazione alla problematiche poste dalla crisi economica sono stati mantenuti e potenziati gli interventi a sostegno della povert : stato introdotto il finanziamento a sostegno del pagamento delle utenze, prevista la social card, prosegue il servizio di refezione per indigenti gestito in collaborazione con lAssociazione il San Maritano Ed il finanziamento del Banco Alimentare . Per quanto concerne la disabilit sono sensibilmente aumentati gli stanziamenti per lassistenza scolastica e domiciliare al fine di non diminuire gli standards di servizio offerti nonostante laumento dei costi dappalto. ANZIANI 1.A) ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI CAP. 1860.3 collegamento con CAP 491 entrate per compartecipazione utenti Proposta n. 129 - SAD 36.000,00 Trattasi di servizio attraverso il quale viene inviata un assistente domiciliare per servizi alla casa o alla persona presso anziani autosufficienti soli e in disagiate condizioni sociali ed economiche. Il servizio e gestito mediante conferimento dappalto a cooperativa sociale . I criteri di ammissione e le modalit organizzative del servizio, con parziale carico delle famiglie sulla base di determinati livelli ISEE , sono fissati nel regolamento comunale per lerogazione dei Sevizi Socio-Assistenziali approvato con atto di Consiglio n. 54/07 modificato ed integrato da atto di Consiglio n 32/2010. Attualmente sono in carico al servizio n. 6 nuclei. Nel corso del 2011 stata espletata nuova gara di appalto che ha comportato un aumento dei costi di circa il 30% in quanto stato necessario aggiornare i costi a base dasta sulla base del nuovo tariffario regionale . La conferma dello stanziamento 2010 nonostante laumento dei costi dovuta alla diminuzione dei casi al passaggio di alcuni anziani nel servizio ADI Proposta n. 421 ADI-SAD 105.000,00 Il servizio viene garantito ad anziani non autosufficienti spesso inseriti in ADI (Assistenza domiciliare integrata ), con contestuali interventi sanitari a domicilio. In tali casi lassistenza viene garantita sulla base di progetti integrati e concordati dagli operatori sociali e sanitari. I criteri di ammissione e le modalit organizzative del servizio, con parziale carico delle famiglie sulla base di determinati livelli ISEE, sono fissati nel regolamento comunale per lerogazione dei Sevizi Socio-Assistenziali approvato con atto di Consiglio n. 54/07 modificato ed integrato da atto di Consiglio n 32/2010. Attualmente sono in carico al servizio n.27 nuclei. Nel corso del 2011 stata espletata nuova gara di appalto che ha comportato un aumento dei costi di circa il 30% in quanto stato necessario aggiornare i costi a base dasta sulla base del nuovo tariffario regionale . La conferma dello stanziamento 2011 nonostante laumento dei costi dovuta alla possibilit di caricare alcuni casi sui fondi regionali assegnati al livello di Ambito per la non autosufficienza (cfr servizi dambito). Con detti fondi attualmente finanziato il servizio per n.9 nuclei .

1.B) SERVIZIO DI TELESOCCORSO CAP. 1860.11 2.000,00 Il servizio stato gestito fino al 2010 mediante contratto con lAssociazione Croce Verde che peraltro nel mese di dicembre scorso ha comunicato di non voler provvedere al rinnovo per problematiche organizzative interne nonostante le sollecitazioni dellAssessorato a proseguire il servizio .Sono in corso trattative per valutare la possibilit di riproporre lattivit, pertanto opportuno prevedere uno stanziamento seppure ridotto . 1.C) RETTE DI RICOVERO ANZIANI CAP 1860.12 proposta 161 140.000,00 Trattasi di intervento attraverso il quale il Comune provvede ad integrare la retta in favore di anziani ospiti di varie Case di Riposo sulla base delle disposizioni del Regolamento Comunale per lerogazione dei servizi socio-assistenziali approvato con atto di Consiglio n. 54/07 modificato ed integrato da atto di Consiglio n 32/2010. Il comune provvede al pagamento della retta dedotta la quota a carico dellanziano determinata in base alle sue entrate pensionistiche ( viene comunque riservata agli stessi una parte del proprio reddito per le spese personali ex L.R. 43/88) , ed il contributo degli eventuali parenti tenuti agli alimenti ex art. 433 cc.. Le attuali integrazioni sono : a) Integrazioni rette per anziani ricoverati presso Case di Riposo varie - n. 9 utenti; b) Integrazioni rette per anziani ricoverati presso Struttura Polifunzionale Villa Letizia n.16 utenti . La spesa prevista inferiore a quella dellanno precedente in quanto sono state riconosciute alcune indennit di accompagnamento e si sono verificati dei decessi . 1.D) SOGGIORNI ESTIVI ANZIANI CAP. 1877.1 proposta 131 70.000,00 collegato con CAP. 490 entrata Tale iniziativa, effettuata dal Comune in favore di anziani, consiste nellorganizzazione di soggiorni estivi in localit termali di rilievo nazionale . Nello scorso anno hanno partecipato ai soggiorni n 135 anziani circa. Sono fissate tariffe ridotte per agevolare gli anziani di modeste condizioni economiche . Per lanno 2011 liniziativa verr confermata a Cianciano e Montecatini con inserimento della nuova localit di Salsomaggiore in luogo di Monticelli, con le stesse modalit degli anni precedenti e con assunzione a carico del Comune del servizio di trasporto, il cui onere escluso pertanto dal computo delle tariffe a carico degli anziani anche per coloro che pagano il costo intero del soggiorno. 1.E) ORGANIZZAZIONE SERVIZIO DI TRASPORTO TERME S. LUCIA CAP. 1860.11 proposta 132 . 7.000,00 collegamento con CAP. 491 di entrata 7000,00 Il servizio di trasporto organizzato usufruendo della possibilit offerta dagli stabilimenti Termali di Tolentino e Sarnano di pagare una quota del costo di trasporto . Anche per il corrente anno si proceder con le stesse modalit degli anni precedenti garantendo il trasporto per n. 7 cicli di cure termali (7 pullman), quattro a Tolentino e tre a Sarnano con un numero di utenti complessivi pari a 350 (50 per ogni pullman). Il servizio rivolto a tutti i cittadini residenti di ogni et, al costo . 20 per 12 giorni (parte del trasporto assunto direttamente dagli stabilimenti termali). Per lanno 2011 liniziativa pertanto confermata con le stesse modalit degli anni precedenti, per il conferimento del servizio di trasporto si proceder mediante gara 1.F) ORGANIZZAZIONE CORSI DI GINNASTICA PER ANZIANI CAP. 1860.11 proposta 278 8000,00 Corsi di Ginnastica cinese Trattasi di uniniziativa promossa fin dal 1998, in base alla quale cittadini over 55 anni possono frequentare in primavera ed in autunno corsi di ginnastica cinese tenuti da in istruttore specializzato sotto la supervisione del Dr. Sotte , due volte lanno in due diversi punti della Citt (Quartiere Risorgimento, Quartiere Fontespina), stante lalta partecipazione registrata nel tempo . Nellanno 2011 si prevede di effettuare i due corsi tradizionali in primavera ed in autunno.

Corsi Yoga Trattasi di iniziativa promossa con successo a partire dal 2009 per cittadini over 60 anni, realizzata in primavera ed in autunno per un gruppo di 22 anziani 1.G) STRUTTURA POLIFUNZIONALE VILLA LETIZIA CAP 1861.8 proposta 1340 100.000,00 Servizi Residenziali La struttura accoglie ormai da anni diversi servizi residenziali rivolti agli anziani . Detti servizi , tutti autorizzati in base alla L.R. 20/02 , sono affidati in regime di concessione allIstituto P.Ricci . ttualmente i servizi residenziali si distinguono in Casa di Riposo per anziani autosufficienti con 5 posti letto e Nucleo Protetto per anziani non autosufficienti con 45 posti letto. I servizi riferiti alla Residenza Protetta sono garantiti da convenzione con lASUR Z.T. 8 e richiedono una elevata integrazione delle funzioni socio-sanitarie sulla base degli indirizzi emanati dalla Regione Marche che, a partire dal 2006 ha stabilito una compartecipazione di spesa sanitaria ai costi di assistenza per la Residenza Protetta . Detta compartecipazione a regime avrebbe dovuto risultare pari ad . 33 giornaliere per ospite, ma a tuttoggi i costi garantiti dalla Regione non garantiscono la piena copertura . Ci comporta la necessit di intervenire sotto laspetto economico non ritenendosi opportuno aumentare la retta a carico degli ospiti in considerazione del limite stabilito dalla Regione Marche per la quota sociale . Il Comune, quindi, si fatto carico di corrispondere allIstituto Paolo Ricci un contributo massimo di .90.000,00 per garantire lequilibrio di gestione (cfr. deliberazione di Consiglio n. 3/2010) con meccanismi di ricalcolo in caso di aumento del pagamento della quota sanitaria da parte della Regione . Con deliberazione di Giunta Regionale n. 1729/2010 si previsto un progressivo aumento della quota sanitaria che a regime dovrebbe raggiungere la quota massima stabilita, ma rimangono aperte alcune problematiche importante prime tra tutti il parziale riconoscimento dei posti letto di Residenza Protetta da parte della Regione Marche rispetto al fabbisogno complessivo . Centro Diurno Per quanto concerne i servizi semi-residenziali a partire dal mese di dicembre 2006 stato attivato allinterno della struttura il Centro Diurno per anziani non autosufficienti. Lallestimento di arredo e attrezzature relative al Centro stato effettuato con lutilizzazione di fondi a tal fine assegnati dal Comune allIstituto Paolo Ricci quale ente gestore. Nel corso dellanno 2008, a seguito della presentazione da parte del Comune di un progetto finanziato dalla Comunit Europea, stato possibile garantire lapertura prolungata del Centro e ci ha comportato un aumento dellutenza in prevalenza malati di alzheimer o anziani colpiti da demenza . Anche per il Centro Diurno,data la particolarit dei casi sarebbe necessario il coinvolgimento del Servizio Sanitario in quanto la gravit dei casi richiede di intervenire con elevati livelli di assistenza . Al fine di non aumentare troppo le rette dinserimento nel Centro, in sede di rinnovo della convenzione con lIstituto PaoloRicci stato pertanto necessario prevedere un contributo economico a carico del Comune per il Centro Diurno pari ad .10.000,00. 1H) CONVENZIONE PER INTERVENTI SOCIALI PRO ANZIANI CAP 1860.11 proposta 1253 36.000,00 Le problematiche emergenti nel Settore Sociale rendono sempre pi necessario il rafforzamento del Servizio Sociale Professionale . Il Comune di Civitanova Marche attualmente a fronte di 40.000 abitanti pu contare solo in due Assistenti Sociali di ruolo . Come gi evidenziato al punto 1.G) l'Istituto "Paolo Ricci" da diversi anni ha in gestione la struttura polifunzionale "Villa Letizia" che contempla al suo interno una pluralit di servizi ed attivit rivolti agli anziani;al fine di razionalizzare ed unificare gli interventi in favore di tale

categoria, si proceduto allaffidamento di ulteriori attivit pi specificamente inerenti il Servizio Sociale Professionale in favore degli anziani per una migliore presa in carico delle relative problematiche. A tal fine stata stipulata apposita convenzione che ha consentito di creare un punto preferenziale ed unitario di accesso per i servizi assistenziali rivolti agli anziani a vantaggio degli utenti che possono usufruire di una maggiore articolazione di orari ( sia mattutini che pomeridiani) e luoghi di accesso (sia presso la sede comunale e che presso "Villa Letizia"), in linea anche con le direttive regionali che prevedono la creazione ed il rafforzamento di punti unici di accesso rivolti agli anziani che agevolino e semplifichino l'informazione e l'accesso ai Servizi DIVERSAMENTE ABILI 2.A) INSERIMENTO PRESSO ISTITUTI VARI CAP. 1860.10 proposta 437 120.000,00 Attraverso questo intervento si sostiene la spesa per linserimento di disabili presso istituti vari limitatamente alla componente di spesa socio- assistenziale, con esclusione della spesa per le prestazioni di tipo sanitario pagate, invece, dallazienda sanitaria come da protocollo dintesa stipulato con tale ente nel 1993 (v. deliberazione 1663/93). Attualmente risultano inseriti in strutture varie con partecipazione della spesa del Comune, n. 21 soggetti di cui: n 2 presso il Centro socio-educativo di Potenza Picena gestito dallANFFAS n13 presso il Centro Sociale dellIstituto Paolo Ricci in regime diurno o residenziale n 1 presso la Comunita Sotto il Tetto dell Istituto Paolo Ricci n 1 presso lANFFAS di Macerata n 1 presso il Centro Residenziale gestito dallANFFAS di Civitanova Marche n 1 presso la Cittadella del Sole di Porto S.Elpidio Per tutti gli inserimenti di cui sopra, ad eccezione di quelli effettuati presso il Centro di Potenza Picena (che svolge attivit di tipo esclusivamente assistenziale), la spesa viene sostenuta per il 50% dallAzienda Sanitaria e per la restante parte dal Comune, una volta detratta la quota a carico degli utenti, che gli stessi corrispondono direttamente al Centro frequentato . 2.B) CONTRIBUTO PER CENTRO DIURNO ANFFAS - CAP. 1861/8 48.000,00 In relazione allapertura, dal 2005 , di un Centro diurno per disabili da parte dellANFFAS di Civitanova M . lAmministrazione Comunale ha contribuito sotto il profilo finanziario al sostegno delle attivit rivolte ai disabili medio gravi inseriti nel Centro medesimo . Il Centro garantisce servizi con elevati standard di personale sulla base di quanto richiesto dalla L.R.20/02 con spese particolarmente elevate, insostenibili in modo autonomo dalle famiglie. Il Comune di Civitanova nel 2010 ha finanziato lattivit mediante lerogazione di un contributo pari ad . 48.000,00. Si ripropone per lanno 2011 la spesa dellanno precedente . Si precisa comunque che il Comune, al di l della scelta sulla modalit di contribuzione, (contributo o integrazione retta ) intervenuto sotto laspetto economico in quanto la spesa a carico delle famiglie senza lintervento del Comune sarebbe veramente pesante Per lanno 2011, al fine di uniformare i rapporti tra Comune e ANFFAS a quelli in essere con le altre strutture, si prevede la stipula di un Protocollo dIntesa o convenzione che disciplini in raccordo anche con lASUR gli inserimenti dei disabili presso il Centro con progettazione integrata socio-sanitaria e correlativa ripartizione di spesa. 2.C) ISTITUZIONE BORSE LAVORO IN FAVORE DEI DISABILI CAP. 1861.14 proposta 134 37000,00 Trattasi di intervento realizzato in favore dei disabili in base al quale in collaborazione con i servizi sanitari vengono predisposti progetti per inserimenti lavorativi di tipo socio-assistenziale e riabilitativo di persone disabili. I progetti vengono concordati con lUMEA per i disabili psico-

fisici e con il DSM per persone sofferenti di patologie psichiatriche. Con lavvio della borsa lavoro il Comune si fa carico di corrispondere ai disabili interessati un incentivo economico per lattivit di borsa lavoro in linea di massima rientrante nei tetti di spesa previsti dagli atti regionali attuativi della L.R. 18/96; i borsisti vengono poi assicurati da parte del Comune per lINAIL e per la responsabilit civile. Con gli enti ospitanti vengono stipulate apposite convenzioni . In alcuni casi, seppure limitati, successivamente alle borse lavoro vengono avviati percorsi di tirocinio ex L. 68/99 che si concludono in effettivi inserimenti nel mondo del lavoro . Attualmente le borse lavoro complessivamente attivate sono 26 alcune presso Enti Privati (CARITAS, Scuola Privata ,Coop. Sociale , ecc.) ed altre presso Enti Pubblici (Servizi Sanitari, IPAB, Scuole). 2. D) PROGETTO VITA INDIPENDENTE CAP. 1860.13 proposta 1041 20.384,00 collegato con entrata al CAP . 185 PROPOSTA 439 Trattasi di progetto finanziato dalla Regione Marche e coordinato fino al 2009 dalla Provincia di Macerata . In base a tale progetto sono gi stati erogati a n. 2 disabili, con problematiche esclusivamente di tipo fisico del Comune di Civitanova Marche, finanziamenti finalizzati a sostenere la spesa per consentire lassunzione diretta da parte degli stessi di operatori addetti allassistenza che ne favoriscano lautonomia . I progetti, predisposti con la partecipazione dellUMEA (Unita Multidisciplinare dellet Adulta), sono stati avviati nel 2008 e proseguiti nel 2009 e 2010 I progetti sono sostenuti da cofinanziamento obbligatorio del 25% a carico del Comune di Civitanova, la restante parte finanziata dalla Regione . Per lanno 2011 la Regione ha comunicato la volont di proseguire i progetti . E quindi necessario prevedere la spesa per la prosecuzione, stante il successo dei progetti medesimi e le problematiche assistenziali che potrebbero porsi nel caso di interruzione dei progetti . 2.E) CAP. 1860.4 proposta 135 SERVIZIO DI INTERPRETARIATO NON UDENTI .13.000,00 collegato con enrata al CAP 222 e al cap 178 Trattasi di servizio gi istituito da diversi anni in forza del quale tramite convenzione con lEnte Nazionale Sordomuti, si mette a disposizione dei non udenti un interprete che interviene a livello individuale per il sostegno dei singoli nei rapporti con enti pubblici e privati, nonch a livello collettivo per favorire la partecipazione a pubbliche manifestazioni. Il servizio stato assicurato in associazione con tutti i Comuni dellAmbito ( Montefano, Monte S. Giusto, Morrovalle, Potenza Picena, Recanati e Porto Recanati) ad eccezione di Montelupone; lattivit affidata in convenzione con lEnte Nazionale Sordi- Sezione dui Civitanova Marche per complessive 18 ore settimanali La spesa relativa al servizio, di .12.767,04 stata posta pro-quota a carico dei vari Comuni in percentuale alla popolazione sorda residente ed finanziata in parte dalla Regione ex L.R. 18/96 e dalla Provincia Data la buona riuscita del servizio, lo stesso stato confermato anche per il 2011. 2.F) ASSISTENZA DOMICILIARE IN FAVORE DI DISABILI cap. 1860.3 proposta 292 . 100.000,00 collegata con entrata Cap 178 Trattasi di servizio avviato nellanno 1998 affidato alla stessa cooperativa sociale che gestisce lassistenza ai portatori di handicap nelle scuole e lassistenza domiciliare anziani In base al regolamento comunale per lerogazione dei Servizi Socio-Assistenziali il costo parzialmente a carico delle famiglie in relazione a determinate di determinati livelli ISEE. Il servizio erogato a circa 27 nuclei familiari, alcuni ragazzi vengono per seguiti solo nel periodo estivo (nel 2010 n.7) , a volte fornendo assistenza presso Centri Estivi . Nel corso del 2011 stata espletata nuova gara di appalto che ha comportato un aumento dei costi di circa il 30% in quanto stato necessario aggiornare i costi a base dasta sulla base del nuovo tariffario regionale .Laumento previsto peraltro limitati a soli .10.000,00 in quanto alcune delle

situazioni in carico sono finanziabili con i fondi regionali aggiuntivi erogati dalla Regione Marche ( cfr. relazione ATS 14) . 2.G) INTERVENTI VINCOLATI L.R. 18/96 CAP 1869.1 130.000,00 collegata al CAP 178 di entrata Trattasi degli interventi finanziati dalla Regione tramite L.R. 18/96 rivolti direttamente ai privati (assistenza domiciliare indiretta, acquisto ausili, trasporto effettuato da privati, Centro Diurno ANFFAS), rispetto a detti interventi il Comune si limitata ad inserire gli stessi nel rendiconto e a liquidare le somme erogate dalla Regione. Per le attivit finanziate ai Comuni dellATS 14 cfr Servizi DAmbito . 2 .H) CONTRIBUTO PER ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE EX l3/89 CAP. 1869.3 proposta 407 .35.000,00 collegata ad entrata iscritta al CAP 179 Trattasi di interventi finanziati dalla Regione finalizzati alla concessione di contributi erogati a disabili che debbano sostenere spese per lavori di abbattimento di barriere architettoniche allinterno delle loro abitazioni I finanziamenti sono vincolati e non richiedono la compartecipazione da parte del Comune . DISAGIO ADULTO 3.A)EROGAZIONE SUSSIDI ECONOMICI A CARATTERE CONTINUATIVO E A CARATTERE STRAORDINARIO CAP. 1861.1 proposta 137 65.000,00 Trattasi di interventi di sostegno economico nei confronti di nuclei familiari in situazione di disagio di tipo straordinario o continuativo, destinato a varie finalit: aiuto al pagamento di utenze, spese sanitarie non mutuabili , pagamento anticipo caparra . I contributi erogati sono di importo variabile in relazione alla situazione di bisogno rilevata dallAssistente Sociale ed al tipo di progetto proposto . Per il 2011 stato previsto uno stanziamento pari alla spesa dellanno precedente . Va segnalato peraltro che stante la situazione di crisi in atto che ha fatto sentire i suoi effetti soprattutto a partire dal 2009, essendo per alcune famiglie venuti meno gli ammortizzatori sociali, si sta assistendo ad una crescita delle situazioni di disagio soprattutto in riferimento alla problematica degli sfratti che potrebbe comportare la necessit di intervenire con variazione di bilancio successive aumentando lo stanziamento previsto . 3. B) CONTRIBUTI PER BOLLETTE ACQUA N.P . 10.000,00 Con tale intervento si provvede al pagamento delle utenze relative al servizio idrico, in favore di cittadini in disagiate condizioni economiche sulla base della disciplina stabilit nel vigente regolamento per lerogazione di contributi . 3.C) ESONERO TARSU Cap. 1861.1 proposta 918 14.000,00 Con tale intervento si provvede al pagamento della tassa rifiuti in favore di cittadini in disagiate condizioni economiche sulla base della disciplina stabilit nel vigente regolamento per lerogazione di contributi economici . Sono quantificabili oltre 100 interventi a favore di cittadini per i quali viene effettuato pagamento diretto alla Societ Marche Riscossioni da parte del Comune. Anche in questo caso si sta assistendo ad un aumento delle situazioni di difficolt dovuta allaggravarsi della situazione economica. 3.D) FONDO DI SOLIDARIETA Cap. 1861.1 proposta 613 10.000,00 Trattasi di iniziativa avviata dallAmministrazione finalizzata ad istituire un Fondo per far fronte alla crisi-socio economica che rende particolarmente problematica la situazione di alcune famiglie;

il fondo verr finalizzato a far fronte a particolari casi straordinari e imprevedibili riguardanti famiglie civitanovesi che richiedano interventi di sostegno urgenti . 3. E) SOCIAL CARD Cap. 1861.1 n. proposta 40000,00 finanziato al CAP 247.1
Al fine di fronteggiare la crisi economica , che ha colpito in particolare , a livello locale alcune fasce di lavoratori , che hanno perso il lavoro , si intende riproporre per lanno 2011 liniziativa attivata nel 2009 in collaborazione con enti privati in base alla quale sono stati erogate a famiglie in difficolt buoni spesa spendibili presso Supermercati di Civitanova Marche .Le famiglie verranno selezionate sulla base di apposito bando . Poich si prevede che liniziativa venga totalmente finanziata lattivazione della stessa subordinata al reperimento di sponsor o allo stanziamento di nuove risorse .

3. F) ALLOGGIO PER ADULTI IN DIFFICOLT cap. 1861. 7 proposta 1014 . 15.000,00 A partire dal mese di luglio 2010 stato aperto lAlloggio Sociale per Adulti in difficolt di Via Conchiglia finalizzato ad ospitare temporaneamente adulti autosufficienti di sesso maschile con problematiche economico-sociali o familiari . La struttura, attualmente autorizzata per un max di 4 persone, ospita attualmente n. 2 utenti . La spesa iscritta in bilancio finalizzata a coprire le spese di gestione affiidate in regime di concessione allIstituto Paolo Ricci . 3.G) BANCO ALIMENTARE cap 1861.8 proposta 640 6.000,00 Con questo intervento viene sostenuta sotto il profilo economico la realizzazione del progetto di solidariet dellAssociazione Parsifal ONLUS collegato alliniziativa del Banco Alimentare attivata in campo nazionale dalla Fondazione Banco di Solidariet. Gi negli anni precedenti lattivit era stata sostenuta con la corresponsione di un contributo allAssociazione variabile da 1500,00 ad 3.000,00 per la distribuzione mensile di pacchi di beni alimentari a famiglie civitanovesi in disagiate condizioni economiche. Questanno, in considerazione della profonda crisi che ha colpito la popolazione ,si intende sostenere un progetto pi ampio. 3.H ) SOSTEGNO LOCAZIONE ex L.431/98 CAP.1124 proposta 138 235.000,00 di cui 35.000,00 di cofinanziamento comunale collegamento ad entrata al CAP 185 Trattasi di contributi erogati per il sostegno dei canoni di locazione sulla base dei criteri stabiliti nelle linee essenziali dalla normativa statale. Nel corso del 2010 sono stati erogati contributi ex L.431/98 riferiti allanno 2010 per un importo complessivo di . 232.941,94 di cui 199.941,94 di finanziamento regionale e 33.000,00 di finanziamento comunale in favore di n. 381 nuclei familiari. Si fa presente che lerogazione dei finanziamenti regionali , per il 25%, proporzionale allimporto stanziato dal Comune ed quindi importante garantire il cofinanziamento. 3.I) SPESE DI SEPOLTURA INDIGENTI CAP. 1903/1 proposta 139 . 2000,00 Trattasi di intervento mediante il quale il Comune sostiene la spesa per la sepoltura di persone sprovviste di mezzi. Nel corso del 2010 stata effettuata nuova gara per lattribuzione del servizio. 3.L) SERVIZIO DI PRONTA ACCOGLIENZA CAP. 1860.9 proposta 140 . 6.000,00 Trattasi di interventi di urgenza effettuati nei confronti di persone in estrema difficolt economica e sociale, prive di sostegno parentale, per le quali si renda necessario trovare una sistemazione alloggiativa urgente o provvedere al pagamento biglietto ferroviario per rientro paese di residenza, pagamento pasti di emergenza, pagamento urgente di bollette . Anche per tale intervento si sta assistendo ad un aumento delle situazioni di difficolt su cui intervenire in relazione alle gravi difficolt sociali derivanti dalla crisi .

3.M) SERVIZIO DI REFEZIONE PER INDIGENTI CAP. 1860.11 N.P. .50.000,00 A partire dal mese di dicembre 2009 stato avviato in collaborazione con lAssociazione Buon Samaritano un servizio di refezione in favore degli indigenti . A tal fine stata stipulata una convenzione con la predetta Associazione in base alla quale la stessa mette a disposizione la propria sede operativa Pu garantire la distribuzione dei pasti ad un numero massimo giornaliero di 25 persone, mentre il Comune assicura la fornitura dei pasti mediante contratto stipulato con Ditta specializzata nel Settore della Ristorazione . Nei primi due mesi il numero dei frequentanti il servizio stato limitato ( media dei frequentani n.5) ma nel corso del 2010 si arrivati alla massima capienza giornaliera MINORI E FAMIGLIA 4.A) OSPITALIT IN ISTITUTO CAP. 1861.12 proposta 269 . 230.000,00 colle gamento con CAP 174 entrata Trattasi di interventi di accoglienza in favore di minori affidati al Sindaco ex art. 403 c.c. in quanto in stato di abbandono rilevato dalle Forze di Polizia nel territorio comunale o di minori residenti per i quali il Tribunale dei Minori abbia decretato laffido in Comunit per inadeguatezza del nucleo familiare di origine. Nel corso degli ultimi anni il problema dellabbandono dei minori si particolarmente acuito in relazione al fenomeno dellimmigrazione; ne sono conseguiti pesanti oneri di tipo economico in quanto le rette richieste dalle comunit di accoglienza risultano particolarmente elevate ( da .80 a . 120 al giorno). Attualmente sono in carico al servizio per ospitalit in Comunit n. 11 minori ed due mamme. Nellultimo periodo in relazione allaggravarsi della situazione economica generale si stanno verificando situazioni in cui necessario provvedere a mamme e minori, per lo pi di origine indiana, in relazione allo stato di povert estrema in cui versano i nuclei. La spesa, prevista in diminuzione in relazione al compimento della maggiore et di alcuni minori attualmente in carico, potrebbe pertanto aumentare in modo non preventivabile . 4.B) CONTRIBUTI A FAMIGLIE CON MINORI - AFFIDI cap. 1861.13 proposta 136 . 65.000,00 Trattasi di interventi di sostegno economico a famiglie con minori in situazioni di particolare gravit nonch di erogazione di contributi mensili per famiglie affidatarie variabili in relazione alla tipologia di affido, di entit pi modesta in caso di affido a parenti : a zii, zie, nonni etc., sulla base di criteri stabiliti dal regolamento per lerogazione di prestaizoni socio- assistenziali . Sono in carico al servizio n. 13 affidi di minori a 11 famiglie affidatarie. 4.C) CENTRI ESTIVI PER MINORI CAP.1860 proposta 386 3.000,00 Il Comune , in considerazione delle numerose iniziative estive intraprese dalle varie Associazioni, gi da diversi anni ha assunto un ruolo strumentale allo sviluppo della libera iniziativa del privato sociale, collaborando, su richiesta con le associazioni . Il Comune ha, quindi, provveduto a sostenere la spesa per liscrizione dei minori appartenenti a famiglie disagiate ai vari Centri Estivi sulla base dei criteri definiti nel vigente regolamento per lerogazione dei Servizi Socio-Assistenziali , nonch a fornire assistenza ai disabili allinterno dei Centri ( la relativa spesa sostenuta allinterno dellassistenza domiciliare) . Nellanno 2010 il numero delle richieste risultato pari a 13, tutte soddisfatte, per lanno 2011 si ripropone lo stanziamento .

4.D) INTERVENTI IN FAVORE DELLA FAMIGLIA L.R. 30/98 CAP 1869.1 proposta 264 50.000,00 collegata al CAP 177 entrata Trattasi di interventi promossi sulla base della normativa regionale per la promozione della famiglia che si realizzano mediante contributi che per lanno 2010 e 2011 dovranno essere finalizzati a : a) Nascita o Adozione figli b) Superamento di situazioni di disagio sociale ed economico c) Donne in difficolt non coniugate in stato di gravidanza e ragazze madri c) Pagamento polizza casalinghe La Regione Marche non ha erogato nel corso del 2010 il finanziamento relativo allannualit di competenza, che verr comunicata e liquidata nel corso del corrente anno con il finanziamento del 2011. A seguito di accordi con i Comuni dellAmbito Territoriale XIV si deciso di fare un unico bando per le due annualit al fine di dare contributi significativi ( . 500,00) ad un numero pi consistente di persone . Ai fondi regionali previsti in entrata si aggiunge il cofinanziamento comunale ed un finanziamento dellAmbito finalizzato alle situazioni di disagio .
4 E) CONTRIBUTO PER INFANTI ILLEGITTIMI CAP. 1670.2 proposta 422 1500,00 collegato Contributi ex OMNI CAP . 1861.1 n.Proposta . 1342

Il Servizio Servizi Sociali ha preso in carico la gestione del capitolo relativo al riparto della spesa per lassistenza ai minori nati fuori dal matrimonio a partire dallanno 2002, tale spesa richiesta dalla Provincia ed ha carattere obbligatorio . Detta erogazione strettamente collegata con i Fondi ex OMNI attribuiti dalla Provincia allAmbito Territoriale Sociale che provvede ad erogare direttamente contributi a ragazze madri sulla base dei criteri fissati nelle linee guida alluopo approvate dal Comitato dei Sindaci e ad assegnare ai Comuni i finanziamenti per leffettuazione di interventi ( cd.ex ONMI) in favore di famiglie con minori a rischio, su progetto del Servizio Sociale Professionale. 4 F) PROGETTO ICARO CAP. 1852 proposta 364 . 40.000,00 finanziato dalla L.R. 9/2003 cap 174 cfr servizi dambito Lattivit stata finanziata da questo Comune a partire dal 2004 quale implementazione delle attivit previste nel progetto approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Previdenziali che proponeva lattivazione di n. 6 Centri localizzati in sei Regioni, tra cui le Marche, finalizzati allattivazione di percorsi mirati per minori dambo i sessi dai 15 ai 18 anni che per vari motivi non frequentano pi percorsi formativi e si trovano senza riferimenti educativi . Successivamente alla conclusione del progetto regionale proseguita la collaborazione con la PARS con lampliamento delle attivit alleducativa domiciliare e allo svolgimento di incontri protetti su disposizione del Tribunale dei Minori . Con deliberazione n.632/10 e successiva Determinazione R.G. n 4/11 stata approvata la convenzione per il rinnovo del progetto di durata triennale a partire dal 2011 .ll progetto ha dato complessivamente buoni risultati in quanto ha consentito di svolgere attivit di laboratorio , di supporto scolastico in diverse scuole , di orientamento scolastico-professionale, nonch di sostegno individuale per singoli casi . Nellanno scolastico in corso sono stati seguiti circa 30 ragazzi presso il Centro Icaro per attivit di doposcuola, alcuni dei quali anche individualmente e sono state attivate alcune educative domiciliari . Il progetto inserito nel piano dambito ex L.R. 9/03 e pertanto legato in quota parte ad entrata vincolata (cfr. servizi dAmbito) 4 G) ASSISTENZA DOMICILIARE A NUCLEI FAMILIARI MULTIPROBLEMATICI CON MINORI proposta 638 5.000,00

Trattasi dintervento rivolti a nuclei familiari multiproblematici con minori per i quali si renda necessario un servizio di assistenza domiciliare di sostegno per funzioni predeterminate legate alla pulizia dellambiente ed al sostegni dei minori . Il servizio viene erogato per lo pi per situazioni di nuclei monoparentali con difficolt variegate con un progetto di supporto predisposto dallAssistente Sociale . Attualmente sono in carico n. 2 nuclei familiari .Il servizio gestito dalla stessa cooperativa DISABILI PSICHICI 5 A) DISABILI PSICHICI INSERITI IN STRUTTURE Cap. 1860.10 proposta 1031 . 10.000,00
In seguito allapprovazione dei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza Sanitaria) con D.P.C.M. del 29/11/01 il Comune e stato chiamato a sostenere la spesa alberghiera per i casi di inserimento in strutture di pazienti fuoriusciti dai CRAS (ex strutture manicomiali) presso la struttura avviata dallASUR. San Claudio con prestazioni integrate socio-sanitarie. Detta struttura si attualmente aperta anche a casi di persone con problemi di tipo psichiatrico non provenienti dai CRAS ed attualmente il Comune si fa carico della spesa per n. 2 utenti a cui integra la retta .

5 B) SERVIZIO SOLLIEVO Cap. 1860.6 cfr servizi dambito Trattasi di progetto dAmbito avviato nel 2003 con il quale sono stati istituti 2 Centri dAscolto a Recanati e Civitanova, rivolti a persone con sofferenza psichiatrica ed alle loro famiglie. Il Servizio, ormai pienamente avviato, contempla attivit in favore delle famiglie quali lassistenza domiciliare, lattivazione di borse di lavoro,lerogazione contributi, l attivit di palestra e piscina, la partecipazione a gite, a spettacolo teatrali , oltre a garantire loperativit nel territorio di unAssistente Sociali e di educatrici tramite convenzioni con Associazioni e cooperative . Nel Comune di Civitanova attivata lassistenza domiciliare per n. 5 utenti, n 7 borse lavoro, diversi contributi economici di sostegno , sono sostenuti n. 2 inserimenti in Gruppo Appartamento .Per ulteriori notizie cfr. servizi territoriali dambito DIPENDENZE PATOLOGICHE
6 A) CAP. 1861.2 CONTRIBUTI A FAVORE DI EX TOSSICODIPENDENTI proposta 493 .10.000,00 Si tratta di interventi finalizzati agli ex tossico-dipendenti gi inseriti in Comunit Terapeutica seguiti dal SERT con un apposito programma riabilitativo per i quali si rende necessario intervenire sotto il profilo economico in quanto privi di sostegno economico e di famiglia di supporto . Ogni intervento sostenuto pertanto da apposita relazione del SERT ed il pagamento del contributo, su delega dellinteressato, viene effettuato con quietanza allAssistente Sociale del SERT che vigila sulla corretta utilizzazione del contributo medesimo. 6 B) BORSE LAVORO PER EX TOSSICODIPENDENTI proposta 280 .11.000,00

Essendo esauriti gli stanziamenti regionali ex L.R. 309/90 destinati agli inserimenti lavorativi gli stessi sono stati garantiti gi a partire dal 2005 con onere a carico del bilancio comunale . I Comuni, pertanto, devono cercare di rispondere alle finalit del D.lgs. 309/90 senza contare su ulteriori risorse regionali vincolate . Per lanno 2011 sono stata gi avviate n. 5 borse lavoro con fondi comunali e n. 2 con i Fondi del Servizio Sollievo . INTERVENTI IN FAVORE DI IMMIGRATI ed EMIGRATI
7 .A) CONVENZIONE ANOLF CAP. 1860.11 proposta 1032 3000,00

Da diversi anni stato attivato una sportello per fornire informazioni ed ausilio nelle pratiche amministrative agli immigrati extra-comunitari; a tal fine stata stipulata una convenzione con lAssociazione ANOLF per lo svolgimento dellattivit. Tale collaborazione proseguita fino al c.a.

Lattivit, seppure limitata ad un solo giorno a settimana , risultata molto utile per gli immigrati ( compilazione KIT per il rinnovo del permesso di soggiorno, raccolta documento per flussi dingresso, collaborazione per tutte le richieste del servizio, ecc ). La convenzione stata rinnovata anche per lanno 2011 7 B) CONTRIBUTI A FAVORE DI CITTADINI EXTRA COMUNITARI CAP. 1861.9 proposta 141 .5000,00
Trattasi di interventi per il sostegno economico a favore di cittadini extra-comunitari tramite lerogazione di contributi economici continuativi o a carattere straordinario, che si prospettano piuttosto significativi per lanno in corso, cos come gi avvenuto nel 2009, in quanto la crisi economica mette in difficolt principalmente i cittadini extracomunitare che nel caso di perdita del lavoro si trovano senza alcuna risorsa mancando spesso per gli stessi riferimenti e risorse di tipo familiare ed amicale . 7.C) Cap.1861.9 EMIGRATI piano 2011 proposta 508 . 1.000,00 collegato ad entrata prevista al CAP. 174

La spesa totalmente finanziata dalla Regione Marche per gli interventi previsti nella L.R. 31/97, a cui si rinvia , nella maggior parte dei casi viene finanziato il costo della spese di trasporto per il rientro in patria degli emigrati marchigiani. Si ritiene opportuno prevedere la spesa e lentrata relativa agli interventi di che trattasi INTERVENTI VARI IN CAMPO SOCIALE, ASSISTENZIALE, RICREATIVO
8.A) INTERVENTI E CONTRIBUTI DIVERSI IN CAMPO SOCIALE CAP. 1861.8 proposta 142 15.000,00

Nel corso dellanno 2010 sono state presentate diverse iniziative realizzate da enti ed associazioni del territorio operanti nel settore socio assistenziale ( Centro Sociale Anziani, ANED , Parrocchia San Marone, ANTROPOS) che lAmministrazione intende sostenere anche per lanno 2011 .
8.B) SEGRETARIATO SOCIALE CAP 1859 proposta 160 9.300,00

Trattasi dellattivit di pubblicizzazione di alcune iniziative quali : - preparazione libretti informativi per immigrati; - aggiornamento opuscolo delle associazioni di volontariato; - pubblicizzazione legge di promozione della famiglia n. 30/1998; - pubblicizzazione interventi a favore dei disabili ex L.R. 18/96; - pubblicizzazione interventi finanziati per gli immigrati ex 2/98; - varie ed eventuali.

SERVIZIO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE XIV Introduzione Nel corso del 2010 stato approvato il Piano Sociale dAmbito Triennale 2010/2012 a cui fa seguito il Piano Attuativo Annuale approvato annualmente dal Comitato dei Sindaci . Il Comitato dei Sindaci, organo politico dell ATS ha ritenuto necessario iniziare una riflessione in merito al rafforzamento istituzionale dellATS XIV , alla luce anche dei provvedimenti normativi che la Regione Marche ha adottato al fine di promuovere forme associative di gestione efficaci ed efficienti rispetto alla costruzione della rete integrata dei servizi socio-assistenziali e socio-sanitari . Con Deliberazione di Giunta Regionale n.1276 /2009 la Regione Marche ha infatti deciso che una quota del Fondo Unico per le Politiche Sociali venisse erogata non pi direttamente ai singoli Comuni , ma allAmbito tramite il Comune capofila al fine di promuovere la gestione associata dei servizi . Con detto provvedimento inoltre si stabilito che gli Ambiti debbano assumere forme giuridiche determinate subordinando lerogazione di una quota del Fondo alla loro definizione . Il Comitato dei Sindaci del nostro Ambito si espresso favorevolmente in merito alla costituzione dell Azienda Pubblica di Servizi alla Persona che permetter di conseguire una serie di benefici

sotto laspetto delle risorse umane, della semplificazione amministrativa, dellaccesso a contributi pi rilevanti da parte di Regione, garantendo ad un bacino di circa 120 mila abitanti medesimi standard qualitativi e stesse condizioni La positiva novit - di carattere economico -, rafforza ulteriormente il complesso delle motivazioni di ordine tecnico/organizzativo sottese alla costituzione dellAzienda e oggetto di molteplici riflessioni nel corso delle riunioni del Comitato dei Sindaci. In un periodo di forti restrizioni di bilancio, la possibilit di qualificare e addirittura rafforzare la capacit di intervento nel settore sociale, costituisce un obiettivo di rilievo significativo per la Comunit. Allo stato attuale detta costituzione seppure ormai delineata non si peraltro conclusa . Si relaziona di seguito sulle attivit e sui finanziamenti che coinvolgono il Comune di Civitanova quale Ente capofila dellAmbito Territoriale XIV ed in quanto tale promotore di tutte le relative attivit amministrative e contabili FUNZIONAMENTO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE XIV
FUNZIONAMENTO ATS 14 entrata CAP. 174, prop.189 entrata CAP. 222, prop.188 uscita CAP. 1840 prop.594 uscita CAP. 1840.1 prop.695 uscita CAP. 1853.2 prop.701 uscita CAP. 1860.13 prop.627 uscita CAP. 1860.13 prop.1177

Si tratta del trasferimento che la Regione Marche attua a favore dellAmbito Territoriale Sociale XIV, mediante risorse finalizzate al funzionamento, potenziamento e per lattuazione delle progettualit di Ambito. In particolare dette risorse sono obbligatoriamente vincolate per la copertura delle spese del: Coordinatore, Staff, Uffici di Promozione e per lassolvimento del debito informativo nei confronti dellOsservatorio Regionale .E prevista la compartecipazione dei Comuni.
QUOTA FONDO UNICO PER ATTIVITA ATS 14 entrata CAP. 174, uscita CAP. 1860.13 prop. 422 prop.1254

Si tratta del trasferimento relativo alle competenze annuali del Fondo Unico per le Politiche Sociali di cui al punto 3, lettera b) dellallegato 1 alla DGR n. 1544 del 10/11/2008 trasferito direttamente al Comune Capofila dell ATS 14 per lattivazione di progetti che prevedano la gestione associata ed integrata dei servizi.

DISABILITA E SALUTE MENTALE LR 18/96: INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI entrata CAP. 178,

prop. 36 uscita CAP. 1861.15 prop. 1244

Si tratta di un fondo destinato alle spese sostenute dagli Enti per i servizi propri (servizi di interpretariato, assistenza scolastica, borse lavoro, assistenza domiciliare) nonch quale contributo per gli interventi non a gestione propria ovvero autonomamente svolti dai privati quali acquisto di ausili, trasporto, assistenza domiciliare indiretta ecc. La Regione Marche, sulla base dei rendiconti presentati dagli stessi enti locali entro il 28 febbraio procede al riparto - tra i Comuni capofila degli ambiti sociali- della quota del fondo cui allart. 26 comma 3 lettera a) della L.r. n. 18/96 .Il Comune di Civitanova Marche, pertanto, quale Ente Capofila dellAmbito Territoriale Sociale XIV tenuto a presentare - per conto di tutti i Comuni compresi nellATS 14- il rendiconto degli interventi entro tale data. La previsione di entrata per detti interventi, da qualche anno, complessiva riguardando anche quella che dovr poi essere trasferita agli altri Comuni dell ATS 14 mediante apposito stanziamento in uscita previsto al Cap 1861.15.

LR 18/96: FONDI INTEGRATIVI

entrata CAP. 178, prop. 606 uscita CAP. 1861.15 prop. 1348

Si tratta di un fondo aggiuntivo e non sostitutivo delle risorse che i Comuni destinano per gli interventi di cui alla L.R. 18/96 (vedi proposta precedente).Tale contributo integrativo deve utilizzarsi per mantenere, incrementare ed ottimizzare i servizi di cui agli artt. 12 comma 1 lett. a) e art. 14 della L.r.n. 18/96 relativi allassistenza domiciliare, educativa ed integrazione scolastica.
SERVIZIO SOLLIEVO loro famiglie Interventi a favore di persone con problemi di salute mentale e delle entrata CAP. 223.2, entrata CAP. 222, uscita CAP. 1860.6, uscita CAP. 1840.0 uscita CAP. 1840.1 uscita CAP. 1853.2 prop. 608 prop.388 prop.688 prop. 881 prop.882 prop.883

Nel settore della Salute mentale stato avviato, a partire dallanno 2003, un progetto, inizialmente a carattere sperimentale ma che ha assunto ora la connotazione di un intervento consolidato in tutto il territorio dellATS 14. Il progetto denominato Servizi di sollievo un Servizio Territoriale Sociale che coinvolge i Servizi Sociali dei Comuni, il Dipartimento di Salute Mentale dellASUR Z.T.8, le famiglie, le Associazioni di volontariato e del privato sociale nonch le risorse anche informali per la realizzazione di un percorso progettuale a supporto delle famiglie di persone con difficolt di salute mentale. Le principali attivit svolte riguardano: -servizi di tempo libero e punti di aggregazione e risocializzazione - servizi di promozione dellauto-mutuo aiuto; - lassistenza domiciliare, lattivazione di borse di lavoro,lerogazione contributi, l attivit di palestra e piscina, la partecipazione a gite, a spettacolo teatrali Il Servizio finanziato per il 50% dalla Regione Marche, per tramite della Provincia di Macerata, e per il 50% dai Comuni, dallASUR e dalla Provincia. La spesa prevista in bilancio stata quantificata prevedendo la riassegnazione da parte della Regione Marche delle somme stanziate nellultima annualit con stesso obbligo di cofinanziamento e stesso incasso dovuto al versamento da parte dei Comuni dellAmbito.
FAMIGLIA, INFANZIA e ADOLESCENZA PROGETTO DAMBITO EX L.R.9/2003 entrata CAP. 174, uscita CAP. 805.11, prop.205 prop.382

Si tratta di un fondo che la Regione Marche concede per gli interventi socio-educativi rivolti allinfanzia e alladolescenza che ogni Comune dellATS 14 si impegna a garantire autonomamente sul proprio territorio, ed in particolare riguardano i sotto indicati servizi: o centri per linfanzia (senza pasto e sonno); o spazi per bambini, bambine e famiglie; o centri di aggregazione per bambini, bambine e adolescenti; o servizi itineranti; o servizi domiciliari di sostegno alle funzioni educative familiari o servizi di sostegno alle funzioni genitoriali Di norma, ogni Comune, deve cofinanziare i propri interventi con almeno il 30% del contributo regionale che viene ripartito in base al criterio, stabilito in sede di Ufficio di Piano, della popolazione residente in ogni Comune al 31 dicembre dellanno precedente. Detto fondo viene introitato direttamente dal Comune Capofila per poi essere trasferito agli altri Comuni dellATS 14 secondo le quote di spettanza.

FONDO ex ONMI

entrata CAP. 223.2, prop 591 uscita CAP. 1861.15 prop. 1316 uscita CAP. 1861.1 prop. 1342

Trattasi di progetto con il quale la Provincia di Macerata, ha affidato in modo temporaneo e sperimentale, (due anni), la gestione delle funzioni socio assistenziali (ex o.n.m.i. e ragazze madri) agli Ambiti Territoriali Sociali. Il Comune di Civitanova Marche, Capofila ha introitato lapposito fondo, che verr gestito per il 40% direttamente dallAmbito Territoriale, il restante 60% direttamente dalle singole Amministrazioni, tenuto conto delle Linee Guida approvate dal Comitato dei Sindaci. IMMIGRATI
PIANO DAMBITO EX L.R. 13/2009 entrata CAP. 174, prop.113 uscita CAP. 1861.15 prop. 1040

Si tratta di fondi regionali atti a promuovere iniziative rivolte agli immigrati, effettuate sia dalle singole Amministrazione che dalle Associazioni degli Immigrati, regolarmente iscritte nellapposito registro regionale. La Regione provvede a ripartire ed erogare tale fondo durante lanno in corso, la previsione di entrata per detti interventi, conseguetemente presuntiva, considerando lo storico, cos come quella che dovr poi essere trasferita agli altri Comuni dell ATS 14 e alle Associazioni degli Immigrati, mediante apposito stanziamento in uscita previsto al Cap 1861.15
FONDI PER ORGANISMI TERZO SETTORE ORATORI entrata CAP. 174, uscita CAP.1861.15 prop.570 prop. 1245

Si tratta del finanziamento previsto dalla Regione Marche a favore degli Oratori e degli Enti religiosi che svolgono attivit similari, per la realizzazione di interventi socio-educativi ai sensi della L.R. 31/08. La Regione deve ancora provvedere a quantificare detto fondo, conseguetemente la previsione di entrata e di uscita, per detti interventi, presuntiva, considerando lo storico.
PROGETTO FAMIGLIA, DIPENDENZA E TERRITORIO entrata CAP. 192 uscita CAP.1860.13 prop.558 prop. 625

Progetto redatto in collaborazione con il Dipartimento delle Dipendenze Patologiche ASUR- Z.T. 8 che prevede azioni di prevenzione sul territorio . Il progetto finzanziato dalla Regione tramite ASUR, stato approvato dal Comitato dei Sindaci .
PROGETTO POVERTA ESTREMA entrata CAP. 222, uscita CAP.1861.15 prop. 607 prop. 1245

In attuazione del progetto interambito Solidariet Progresso di contrasto allesclusione sociale ed alla povert estrema la Comunit Montana dei Monti Sibillini di San Ginesio, Capofila del progetto, provvede al trasferimento dellapposito fondo regionale al fine di erogare contributi economici a favore di Organismi/Enti del terzo settore che svolgono azioni di contrasto allesclusione sociale e alla povert . ANZIANI
FONDO SULLA NON AUTOSUFFICIENZA Risorse regionali effettivamente introitate negli esercizi finanziari anno 2009 e anno 2010

Continua lattivit relativa all utilizzo dei finanziamenti del Fondo Nazionale per la non autosufficienza pari a complessivi 1.511.814,40, secondo quanto disposto dalla Regione Marche

con DGR 985/2009. Tali risorse sono utilizzate per favorire la permanenza dellanziano allinterno del proprio contesto abitativo, familiare e relazionale, attraverso azioni di riduzione al ricorso al ricovero e di supporto alla domiciliariet degli anziani non autosufficienti mediante : 1. lausilio di assegni di cura, voucher mensile di 200,00 per un 1 anno, a favore di n 113 famiglie residenti nei Comuni dell ATS 14 che svolgono funzioni assistenziali, senza aiuti esterni o con assistente domiciliare privata in possesso di regolare contratto di lavoro, ad anziani non autosufficienti; lassegnazione del contributo avviene sulla base della graduatoria dAmbito; 2. Potenziamento dei Servizi di Assistenza domiciliare (SAD) gestiti dai singoli Comuni rivolto unicamente agli anziani non autosufficienti. RELAZIONE SERVIZI CIMITERIALI Dirigente: Dott. Passarelli Marco Successivamente alla riorganizzazione disposta con la delibera di Giunta Comunale n. 592 del 17.12.2010 con la quale stata trasferita nellambito del settore di competenza la gestione dei servizi cimiteriali, si disposta una ricognizione delle attivit del servizio dalle quali si potuto verificare che: - necessario avviare lattivit di estumulazione ordinaria relativamente ai loculi per i quali scaduta la concessione trentennale tenendo conto delle attuali limitate disponibilit dei campi a terra necessari qualora il processo di mineralizzazione della salma non risulti essere completato (ipotesi estremamente probabile); - la struttura tariffaria per la gestione delle estumulazioni ordinarie di fine concessione non adeguatamente articolata in relazione alle diverse ipotesi che possono verificarsi con la conseguenza che, nella probabile ipotesi di casi di mancata mineralizzazione delle salme, si registrino rilevanti costi operativi in assenza di incassi. - il contratto di gestione dei servizi cimiteriali con la ditta Tecno Service di Di Salvatore Alfredo, pur non prevedendo espressamente una specifica indicazione in ordine alle attivit di inumazione di resti non mineralizzati, include detto impegno tra quelli stabiliti tra gli obblighi assunti dalla ditta appaltatrice. Il costo annuo del servizio risultante dal contratto con la ditta Tecno Service pari a Euro 52.800 + iva per un totale di Euro 63.360. In particolare si potuto verificare che con la delibera di Giunta Comunale n. 247 del 18/4/2002 sono state definite le seguenti tariffe (non soggette ad IVA): - concessione loculi (secondo tariffe modulate in relazione alle diverse specie e categorie); - concessione colombari (secondo modulate in relazione alle diverse specie e categorie); - prezzo per tumulazioni; - prezzo per estumulazioni. Oltre alle suddette tariffe previsto un prezzo (imponibile IVA) per la rimozione delle lapidi (pietre) pari a Euro 21,70 iva inclusa (per i loculi di testa) e Euro 49,58 (per i loculi di fianco). Si osservava che, in relazione allattivit di estumulazione di fine concessione, lattuale struttura tariffaria non in grado di coprire tutte le evenienze possibili (riepilogate nellallegato prospetto). In particolare con le attuali tariffe si verificherebbe la seguente situazione: - la riduzione in fossa comune dei resti consumati verrebbe assoggettata alla tariffa di estumulazione (pari a 11 Euro per i loculi di testa e 27 per quelli frontali lunghi); - la riduzione in colombario sarebbe assoggettata alla tariffa di estumulazione e a quella di tumulazione in colombario (Euro 30) oltre al costo della concessione di questultimo (variabile da 190 a 400 Euro); - la riduzione con tumulazione in loculo sarebbe assoggettata alla tariffa di estumulazione e a quella di tumulazione in loculo (che dovrebbe vedere applicata la tariffa per la rimozione della pietra pari a 11 Euro per i loculi di testa e 27 per quelli frontali lunghi e tumulazione pari a 30 Euro per i loculi normali e 75 per quelli frontali lunghi);

il trasferimento e la cremazione (presso altri cimiteri) verrebbe assoggettata alla tariffa di estumulazione (pari a 11 Euro per i loculi di testa e 27 per quelli frontali lunghi); Non sono previste ipotesi tariffarie che coprano i costi relativi alle ipotesi, peraltro molto probabili, derivanti dallestumulazione di salme non mineralizzate per le quali si rende necessario procedere (salva leventualit di una traslazione del feretro presso un altro cimitero) allinumazione con scheletrizzazione o alla riduzione parziale con immissione in una cassa mummia. Per queste due ipotesi non sono previste soluzioni tariffarie con la conseguenza che sarebbero applicabili le sole tariffe relative allestumulazione (pari a 11 Euro per i loculi di testa e 27 per quelli frontali lunghi) nonostante lente sia chiamato a sostenere oltre ai costi di estumulazione anche le spese per la scheletrizzazione (con il liquido scheletrizzante) per linumazione (scavo della fossa e ricopertura) e per lesumazione alla scadenza del periodo di inumazione (sterro e ricopertura). Di seguito si riporta una tabella riassuntiva delle casistiche con lindicazione delle tariffe complessivamente da applicare in relazione alle medesime:

concessione colombario

rimozione pietra (se presente) IVA inclusa

ripristino pietra

estumulazione

esumazione

tumulazione

inumazione

RESTI MINERALIZZATI Riduzione e inumazione in fossa comune da loculo di testa Riduzione e tumulazione in colombario da loculo di testa Riduzione e tumulazione in loculo di testa da loculo di testa Riduzione e tumulazione in loculo di fianco da loculo di testa Riduzione e inumazione in fossa comune da loculo di fianco Riduzione e tumulazione in colombario da loculo di fianco Riduzione e tumulazione in loculo di testa da loculo di fianco Riduzione e tumulazione in loculo di fianco da loculo di fianco RESTI NON MINERALIZZATI Inumazione con scheletrizzazione da loculo di testa Riduzione parziale da loculo di testa a loculo di testa Riduzione parziale da loculo di testa a loculo di fianco Inumazione con scheletrizzazione da loculo di fianco Riduzione parziale da loculo di fianco a loculo di testa Riduzione parziale da loculo di fianco a loculo di fianco

21,70 21,70 21,70 21,70 49,58 49,58 49,58 49,58 21,70 43,40 71,28 49,58 71,28 99,16

11 11 11 11 27 27 27 27 11 22 38 27 38 54

30 30 75 30 30 70

var 50

var

0 30 70 30 70

32,70 62,70 112,28 107,70 76,58 106,58 106,58 146,58 0,00 0 32,70 95,40 179,28 76,58 139,28 223,16

Si ritenuto opportuno prevedere lintroduzione di una tariffa anche per le inumazioni con scheletrizzazione derivanti dalle estumulazioni per scadenza di concessione in relazione al servizio comunque offerto, ai costi spesati e alloccupazione di spazio pubblico che potrebbe essere diversamente utilizzato sempre nellambito dei servizi cimiteriali. Al fine di introdurre la specifica tariffa per le suddette casistiche dovr provvedersi anche alla modifica urgente del regolamento comunale in materia per escludere in relazione alle specifiche attivit e in via generale la gratuit dellinumazione. Nella tariffa sono comprese tutte le attivit connesse alla scheletrizzazione e allinumazione e anche (per ragioni di semplificazione organizzativa) la successiva esumazione. Considerati i costi si ritiene che la tariffa possa essere quantificata in Euro 300,00 (di cui 115 per linumazione, 115 per lesumazione e 70 Euro per la sostanza scheletrizzante).

TOTALE

Si poi verificato che le tariffe per lilluminazione votiva del cimitero della Citt Alta, ai sensi dellart. 13 del contratto di servizio con lATAC (approvato con la delibera di Consiglio Comunale n. 39/1998), sono state rimesse alla discrezionalit del gestore (il che peraltro non esclude che le stesse debbano essere approvate anche dalla Giunta Comunale in sede di approvazione del bilancio di previsione considerato che trattasi di tariffe di un servizio pubblico). Lultimo adeguamento delle tariffe da parte dellATAC Civitanova S.p.A. risale al 2001 ed esse sono attualmente pari a quelle riportate nellallegato prospetto:
abbonamento intero Abbonamento 1/2 Abbonamento 1/3 Allaccio Lumino CANONE IVA 20% TOTALE 17,04 3,41 20,45 8,52 1,70 10,22 5,68 1,14 6,82 7,75 1,55 9,30 12,14 2,43 14,57

Per il Cimitero del capoluogo la delibera di Consiglio Comunale n. 79 del 30/9/2010 prevedeva il mantenimento delle tariffe in essere per il 2010. In relazione alla riconduzione della gestione dei servizi di illuminazione votiva dei due cimiteri in capo allATAC Civitanova S.p.A. e in relazione allopportunit di applicare tariffe uniformi su tutto il territorio si propone il seguente schema tariffario risultante dallarrotondamento delle tariffe vigenti allunit di Euro superiore. Le suddette tariffe approvate dalla Giunta dovrebbero essere rimesse al gestore per la definitiva approvazione. Si quindi proposto il seguente schema tariffario da applicare sia per il cimitero del Capoluogo che per quello della Citt Alta:
DAL 2011 abbonamento intero Abbonamento 1/2 Abbonamento 1/3 Allaccio Lumino CANONE IVA 20% TOTALE 18,00 3,60 21,60 9,00 1,80 10,80 6,00 1,20 7,20 8,00 1,60 9,60 13,00 2,60 15,60

In relazione al Servizio verr attivato entro il primo semestre del 2011 un servizio che consentir di individuare, sul sito web dellamministrazione, mediante uno specifica applicazione la collocazione dei defunti allinterno dei cimiteri agevolando cos laccessibilit degli utenti. Entro la fine del 2011 il servizio verr ampliato mediante la predisposizione di unapposita postazione di lavoro allinterno dei civici cimiteri che verr gestita dalla cooperativa che assicura i servizi di guardiania. Si inoltre predisposta una proposta di modifica del Regolamento di Polizia Mortuaria per aggiornarlo alla vigente normativa con particolare riferimento: - allintroduzione e regolamentazione dellipotesi di spargimento delle ceneri nei luoghi previsti dalle normativa nazionale; - al seppellimento fuori dal territorio comunale.

3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 10


Programma Cod. Fin.: 00010
(ENTRATE)

ENTRATE SPECIFICHE STATO REGIONE PROVINCIA UNIONE EUROPEA CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO IST. PREVIDENZA ALTRI INDEBITAMENTI (1) ALTRE ENTRATE TOTALE (A) PROVENTI DEI SERVIZI TOTALE (B) QUOTE DI RISORSE GENERALI TOTALE (C) TOTALE GENERALE (A+B+C)

2011 0,00 1.998.699,86 130.646,27 0,00 845.000,00 0,00 1.165.058,01 4.139.404,14 1.697.700,00 1.697.700,00 2.425.887,18 2.425.887,18 8.262.991,32

2012 0,00 1.595.496,97 130.646,27 0,00 921.000,00 0,00 167.858,01 2.815.001,25 1.697.700,00 1.697.700,00 2.618.849,13 2.618.849,13 7.131.550,38

LEGGE DI FINANZIAMENTO E ARTICOLO 0,00 1.484.496,97 contributi vari servizi sociali-ambito-asili nido 130.646,27 contributo per servizio sollievo-asili nido ambito 0,00 0,00 0,00 143.358,01 contributi in c/capitale da altri enti e privati 1.758.501,25 1.702.700,00 concessione loculi ecc. 1.702.700,00
oneri di urbanizzazione destinati a spesa corrente-contributi correnti da altri enti e privati-

2013

vendita loculi-rette asilo-vacanza anziani-assistenza domiciliare-lampade votive-proventi

2.652.657,34 anche avanzo vincolato 2.652.657,34 6.113.858,59

(1) Prestiti da istituti privati, ricorso al credito ordinario, prestiti obbligazionari e simili

3.6 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 10


Programma Cod. Fin.: 00010 ( IMPIEGHI )

ANNO 2011
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2012
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2013
SPESA PER INVESTIMENTO

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

CONSOLIDATA *
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
3.880.270,21 47,90 76.800,00 127.500,00 73.885,27 27.429,88 0,00 0,00 0,00 0,00 8.100.395,55 0,95 1,57 0,91 0,34 0,00 0,00 0,00 0,00 2.322.134,70 28,67 1.592.375,49 19,66

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
2.687.270,21 38,59 71.100,00 131.000,00 68.944,50 27.429,88 0,00 0,00 0,00 0,00 6.964.288,80 1,02 1,88 0,99 0,39 0,00 0,00 0,00 0,00 2.727.609,20 39,17 1.250.935,01 17,96

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
2.040.270,21 34,09 69.500,00 125.500,00 64.869,98 27.429,88 0,00 0,00 0,00 0,00 5.985.064,28 1,16 2,10 1,08 0,46 0,00 0,00 0,00 0,00 2.574.559,20 43,02 1.082.935,01 18,09

540.270,21 11,35 76.800,00 127.500,00 73.885,27 27.429,88 0,00 0,00 0,00 0,00 4.760.395,55 1,61 2,68 1,55 0,58 0,00 0,00 2.322.134,70 48,78 1.592.375,49 33,45

3.340.000,00100,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 3.340.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

540.270,21 11,22 71.100,00 131.000,00 68.944,50 27.429,88 0,00 0,00 0,00 0,00 4.817.288,80 1,48 2,72 1,43 0,57 0,00 0,00 2.727.609,20 56,62 1.250.935,01 25,97

2.147.000,00100,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 2.147.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

540.270,21 12,05 69.500,00 125.500,00 64.869,98 27.429,88 0,00 0,00 0,00 0,00 4.485.064,28 1,55 2,80 1,45 0,61 0,00 0,00 2.574.559,20 57,40 1.082.935,01 24,15

1.500.000,00100,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.500.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

TITOLO III DELLA SPESA


***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 162.595,77

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 167.261,58

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 1 1 1 1

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 128.794,31

% ***
0,00 0,00 0,00 0,00 1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

162.595,77100,00

167.261,58100,00

128.794,31100,00

Note: * Interventi per la spesa corrente: 1 Personale 2 Acquisto di materie prime e/o beni di consumo 3 Prestazioni di servizi 4 Utilizzo beni di terzi 5 Trasferimenti 6 Interessi passivi ed oneri finanziari diversi 7 Imposte e tasse 8 Oneri straordinari della gestione corrente 9 Ammortamenti di esercizio 10Fondo svalutazione crediti 11Fondo di riserva

** Interventi per la spesa per investimento 1 Acquisizione di beni immobili 2 Espropri e servit onerose 3 Acquisto di beni specifici per realizzazioni in economia 4 Utilizzo beni di terzi per realizzazioni in economia 5 Acquisizione di beni mobili, macchine ed attrezzature tecnico-scientifiche 6 Incarichi professionali esterni 7 Trasferimenti di capitale 8 Partecipazioni azionarie 9 Conferimenti di capitale 10 Concessioni di crediti ed anticipazioni

*** Interventi per la spesa per rimborso di prestiti 1 Rimborso per anticipazioni di cassa 2 Rimborso di finanziamenti a breve termine 3 Rimborso di quota capitale di mutui e prestiti 4 Rimborso di prestiti obbligazionari 5 Rimborso di quota capitale di debiti pluriennali

3.4 - Programma n 11 PROGRAMMA PER INTERVENTI DI SVILUPPO ECONOMICO


Palazzetti Maria

3.4.1 - Descrizione del programma : Il programma tende a soddisfare le esigenze di spesa del servizio commercio, e delle varie attivit a favore delle imprese artigiane, industriali, commerciali esistenti sul territorio.. 3.4.2 - Motivazione delle scelte: Le risorse destinate a questo programma tendono a soddisfare le necessit di spesa delle attivit svolte dai servizi indicati in precedenza. 3.4.3 - Finalit da conseguire: 3.4.3.1 - Investimento: Non sono previsti interventi di investimento per il programma 3.4.3.2 - Erogazione di servizi di consumo: Per quanto riguarda le scelte di bilancio corrente, si rinvia alla relazione del servizio nella quale si espone in modo esauriente le problematiche e gli obiettivi programmati. 3.4.4. - Risorse umane da utilizzare: Le risorse umane impiegate nel programma sono quelle assegnate dalla vigente Pianta Organica o che verranno assegnate in sede di adozione del Piano Esecutivo di Gestione.

3.4.5. - Risorse strumentali da utilizzare: Sono quelle attualmente in dotazione.

3.4.6. - Coerenza con il piano regionale di settore: Non si conoscono al momento i dati necessari.

3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 11


Programma Cod. Fin.: 00011
(ENTRATE)

ENTRATE SPECIFICHE STATO REGIONE PROVINCIA UNIONE EUROPEA CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO IST. PREVIDENZA ALTRI INDEBITAMENTI (1) ALTRE ENTRATE TOTALE (A) PROVENTI DEI SERVIZI TOTALE (B) QUOTE DI RISORSE GENERALI TOTALE (C) TOTALE GENERALE (A+B+C)

2011 0,00 30.129,18 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 30.129,18 62.000,00 62.000,00 377.390,92 377.390,92 469.520,10

2012 0,00 14.129,18 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 14.129,18 62.000,00 62.000,00 320.908,19 320.908,19 397.037,37

2013

LEGGE DI FINANZIAMENTO E ARTICOLO 0,00 14.129,18 contributi su mutui in ammortamento-stagione del pesce 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 14.129,18 62.000,00 62.000,00

321.068,07 321.068,07 397.197,25

(1) Prestiti da istituti privati, ricorso al credito ordinario, prestiti obbligazionari e simili

3.6 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 11


Programma Cod. Fin.: 00011 ( IMPIEGHI )

ANNO 2011
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2012
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2013
SPESA PER INVESTIMENTO

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

CONSOLIDATA *
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 238.001,35 57,15 6.000,00 1,44 56.600,00 13,59 80.000,00 19,21 15.000,00 2.585,64 18.234,66 0,00 0,00 0,00 0,00 416.421,65 3,60 0,62 4,38 0,00 0,00 0,00 0,00

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 238.001,35 60,07 5.820,00 36.700,00 15.000,00 1.443,23 18.234,66 0,00 0,00 0,00 0,00 396.199,24 1,47 9,26 3,79 0,36 4,60 0,00 0,00 0,00 0,00

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 238.001,35 60,07 4.876,40 36.800,00 15.000,00 1.317,81 18.234,66 0,00 0,00 0,00 0,00 396.230,22 1,23 9,29 3,79 0,33 4,60 0,00 0,00 0,00 0,00

238.001,35 57,15 6.000,00 1,44 56.600,00 13,59 80.000,00 19,21 15.000,00 2.585,64 18.234,66 0,00 0,00 0,00 0,00 416.421,65 3,60 0,62 4,38 0,00 0,00

238.001,35 60,07 5.820,00 36.700,00 15.000,00 1.443,23 18.234,66 0,00 0,00 0,00 0,00 396.199,24 1,47 9,26 3,79 0,36 4,60 0,00 0,00

238.001,35 60,07 4.876,40 36.800,00 15.000,00 1.317,81 18.234,66 0,00 0,00 0,00 0,00 396.230,22 1,23 9,29 3,79 0,33 4,60 0,00 0,00

81.000,00 20,44

81.000,00 20,44

82.000,00 20,70

82.000,00 20,70

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

TITOLO III DELLA SPESA


***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 53.098,45

% ***
0,00 0,00 0,00 0,00 1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 838,13

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 1 1 1 1

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 967,03

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

53.098,45100,00

838,13100,00

967,03100,00

Note: * Interventi per la spesa corrente: 1 Personale 2 Acquisto di materie prime e/o beni di consumo 3 Prestazioni di servizi 4 Utilizzo beni di terzi 5 Trasferimenti 6 Interessi passivi ed oneri finanziari diversi 7 Imposte e tasse 8 Oneri straordinari della gestione corrente 9 Ammortamenti di esercizio 10Fondo svalutazione crediti 11Fondo di riserva

** Interventi per la spesa per investimento 1 Acquisizione di beni immobili 2 Espropri e servit onerose 3 Acquisto di beni specifici per realizzazioni in economia 4 Utilizzo beni di terzi per realizzazioni in economia 5 Acquisizione di beni mobili, macchine ed attrezzature tecnico-scientifiche 6 Incarichi professionali esterni 7 Trasferimenti di capitale 8 Partecipazioni azionarie 9 Conferimenti di capitale 10 Concessioni di crediti ed anticipazioni

*** Interventi per la spesa per rimborso di prestiti 1 Rimborso per anticipazioni di cassa 2 Rimborso di finanziamenti a breve termine 3 Rimborso di quota capitale di mutui e prestiti 4 Rimborso di prestiti obbligazionari 5 Rimborso di quota capitale di debiti pluriennali

3.4 - Programma n 12 PROGRAMMA PER INTERVENTI NEI SERVIZI PRODUTTIVI


Capozucca Franco-Passarelli Marco

3.4.1 - Descrizione del programma : Il programma include esclusivamente le spese per lammortamento di mutui contratti in anni precedenti, stante che il servizio di gestione della rete gas metano gestito dallAtac S.p.A. Il canone di entrata previsto al cap.503 ammonta rispettivamente ad euro 550.000,00 560.000,00 e 570.000,00 nel triennio

3.4.2 - Motivazione delle scelte: Non si riscontrano particolari esigenze.

3.4.3 - Finalit da conseguire: 3.4.3.1 - Investimento: Gli investimenti previsti nel programma triennale, riguardano: esercizio 2012 -tubazione di adduzione gas metano zona S.M.Apparente euro 250.000,00: esercizi 2012-2013 -realizzazione rete gas metano Via Celeste Via Civitanova e zone varie per euro 200.000,00 200.000,00 - sostituzioni gruppi di riduzione metano II salto 80.000,00-200.000,00 Tutti gli interventi sono previsti con finanziamento mediante accensione di prestiti 3.4.4. - Risorse umane da utilizzare: Non sono previste risorse umane specifiche assegnate al servizio metano. 3.4.5. - Risorse strumentali da utilizzare: Non sono previste risorse strumentali specifiche assegnate al servizio.

3.4.6. - Coerenza con il piano regionale di settore: Non ci sono indicazioni in merito.

3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 12


Programma Cod. Fin.: 00012
(ENTRATE)

ENTRATE SPECIFICHE STATO REGIONE PROVINCIA UNIONE EUROPEA CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO IST. PREVIDENZA ALTRI INDEBITAMENTI (1) ALTRE ENTRATE TOTALE (A) PROVENTI DEI SERVIZI TOTALE (B) QUOTE DI RISORSE GENERALI TOTALE (C) TOTALE GENERALE (A+B+C)

2011 0,00 12.826,67 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 12.826,67 53.608,66 53.608,66 0,00 0,00 66.435,33

2012 0,00 12.826,67 0,00 0,00 530.000,00 0,00 0,00 542.826,67 53.410,32 53.410,32 0,00 0,00 596.236,99

2013

LEGGE DI FINANZIAMENTO E ARTICOLO 0,00 12.826,67 contributi su mutui in ammortamento 0,00 0,00

400.000,00 0,00 0,00 412.826,67 42.335,70 quota canone gas metano 42.335,70 0,00 0,00 455.162,37

(1) Prestiti da istituti privati, ricorso al credito ordinario, prestiti obbligazionari e simili

3.6 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N. 12


Programma Cod. Fin.: 00012 ( IMPIEGHI )

ANNO 2011
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2012
SPESA PER INVESTIMENTO

ANNO 2013
SPESA PER INVESTIMENTO

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

SPESA CORRENTE

TOT.

V. % sul totale spese finali tit. I e II

CONSOLIDATA *
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

CONSOLIDATA %
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

DI SVILUPPO *
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 1.445,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 24.919,20

%
0,00 0,00 0,00 5,80 0,00 0,00 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.445,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 24.919,20 0,00 0,00 0,00 5,80 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 1.445,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 23.141,18

%
0,00 0,00 0,00 6,24 0,00 0,00 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
530.000,00 95,82 0,00 0,00 1.445,00 0,00 21.696,18 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 553.141,18 0,00 0,00 0,26 0,00 3,92 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

*
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 1.445,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 21.311,55

%
0,00 0,00 0,00 6,78 0,00 0,00 0,00 0,00

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

**
1 2 3 4 5 6 7 8 9

ENTITA'

%
400.000,00 94,94 0,00 0,00 1.445,00 0,00 19.866,55 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 421.311,55 0,00 0,00 0,34 0,00 4,72 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

530.000,00 100,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 530.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

400.000,00 100,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 400.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

23.474,20 94,20

23.474,20 94,20

21.696,18 93,76

19.866,55 93,22

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

0,00 10 0,00 11

TITOLO III DELLA SPESA


***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 41.516,13

% ***
0,00 0,00 0,00 0,00 1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 43.095,81

%
0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 1 1 1 1

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

***
1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 33.850,82

% ***
0,00 0,00 0,00 0,00 1 2 3 4 5

ENTITA'
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

%
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

41.516,13 100,00

43.095,81100,00

33.850,82 100,00

Note: * Interventi per la spesa corrente: 1 Personale 2 Acquisto di materie prime e/o beni di consumo 3 Prestazioni di servizi 4 Utilizzo beni di terzi 5 Trasferimenti 6 Interessi passivi ed oneri finanziari diversi 7 Imposte e tasse 8 Oneri straordinari della gestione corrente 9 Ammortamenti di esercizio 10Fondo svalutazione crediti 11Fondo di riserva

** Interventi per la spesa per investimento 1 Acquisizione di beni immobili 2 Espropri e servit onerose 3 Acquisto di beni specifici per realizzazioni in economia 4 Utilizzo beni di terzi per realizzazioni in economia 5 Acquisizione di beni mobili, macchine ed attrezzature tecnico-scientifiche 6 Incarichi professionali esterni 7 Trasferimenti di capitale 8 Partecipazioni azionarie 9 Conferimenti di capitale 10 Concessioni di crediti ed anticipazioni

*** Interventi per la spesa per rimborso di prestiti 1 Rimborso per anticipazioni di cassa 2 Rimborso di finanziamenti a breve termine 3 Rimborso di quota capitale di mutui e prestiti 4 Rimborso di prestiti obbligazionari 5 Rimborso di quota capitale di debiti pluriennali

3.9 - RIEPILOGO PROGRAMMI PER FONTI DI FINANZIAMENTO


PREVISIONE PLURIENNALE SPESA N Programma ANNO 2011 ANNO 2012 ANNO 2013
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 TOTALI 17.761.692,00 254.184,96 1.480.036,22 6.659.340,08 2.407.575,94 1.857.333,60 127.230,40 14.891.240,43 15.765.373,65 8.262.991,32 469.520,10 66.435,33 70.002.954,03 18.063.429,16 207.175,53 1.478.777,85 5.049.948,42 1.596.178,64 1.259.998,44 63.000,00 16.792.826,52 18.162.889,57 7.131.550,38 397.037,37 596.236,99 70.799.048,87 18.638.006,88 210.782,02 1.459.184,09 4.935.975,47 1.446.227,48 2.526.969,48 56.000,00 8.462.779,95 16.602.201,96 6.113.858,59 397.197,25 455.162,37 61.304.345,54

LEGGE DI FINANZIAMENTO E REGOLAMENTO UE (estremi)

Quote di risorse generali

FONTI DI FINANZIAMENTO ( Totale della previsione pluriennale ) Cassa DD.PP + Altri Stato Regione Provincia UE Altre Entrate CR.SP. + indebitamenti Ist.Prev.
0,00 940.000,00 0,00 350.000,00 0,00 0,00 0,00 2.330.000,00 0,00 447.000,00 0,00 2.855.000,00 0,00 0,00 0,00 10.976.500,00 0,00 2.930.116,44 0,00 1.766.000,00 0,00 0,00 0,00 930.000,00 0,00 23.524.616,44 24.000.000,00 3.598.795,48 0,00 0,00 0,00 3.277.629,17 0,00 2.271.500,00 0,00 97.000,00 0,00 324.500,00 0,00 0,00 0,00 7.248.297,00 0,00 13.732.554,08 0,00 6.574.374,03 0,00 186.000,00 0,00 149.354,68 24.000.000,00 37.460.004,44

23.259.392,29 0,00 83.589,89 56.350,38 782,02 321.360,49 0,00 0,00 1.135.368,99 0,00 5.000,00 0,00 11.776.153,47 610,50 267.000,00 0,00 4.832.982,06 0,00 50.000,00 23.000,00 2.455.711,91 0,00 9.089,61 0,00 246.230,40 0,00 0,00 0,00 11.064.175,39 1.482.119,81 9.794.169,70 2.106.585,00 26.290.438,51 877.491,53 5.898.475,62 801.389,00 7.697.393,65 0,00 5.078.693,80 391.938,81 1.019.367,18 0,00 58.387,54 0,00 0,00 0,00 38.480,01 0,00 89.777.995,87 2.681.582,33 21.282.886,17 3.379.263,19

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011 - 2012 - 2013

SEZIONE 4

STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI DELIBERATI NEGLI ANNI PRECEDENTI E CONSIDERAZIONI SULLO STATO DI ATTUAZIONE

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


Provincia di MACERATA

4.1 - ELENCO DELLE OPERE PUBBLICHE FINANZIATE NEGLI ANNI PRECEDENTI E NON REALIZZATE (IN TUTTO O IN PARTE)
N. 1 2 DESCRIZIONE (oggetto dell'opera) Lavori per manutenzione straordinaria San Silvestro Acquisto edificio Villa eugenia CODICE FUNZIONE E SERVIZIO 210301 210501 ANNO DI IMPEGNO FONDI 2002 2006 IMPORTI Totale 129.114,22 129.114,22 Gi liquidato FONTI DI FINANZIAMENTO (descrizione estremi)

0,00 mutuo 0,00 mutuo

4.2 - Considerazioni sullo stato di attuazione dei programmi: 1 Nel programma di opere pubbliche nel triennio 2011/2013, sono stati riproposti anche interventi non realizzati nellesercizio precedente. Come si evidenzia nel seguente prospetto, il finanziamento degli investimenti stato reperito anche con lutilizzo delle risorse rivenienti dalla rinegoziazione mutui effettuata con la Cassa DD.PP.
RESPONS.
PRIORI TA'

OPERA Lavori di manutenzione straordinaria prospetti ed aree esterne scuola Viale Vittorio Veneto

FIN.

2011

2012

2013

Capozucca

100.000,00

Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca

Interventi per rilascio C.P.I. scuola Viale Vittorio Veneto Realizzazione impianto raffrescamento sedi scolastiche

1 1 0 1

20.000,00

100.000,00 1.600.000,00

Realizzazione nuova scuola materna Zona Nord di Fontespina Interventi straordinari spazi esterni edifici scolastici

100.000,00 56.000,00

Capozucca

Installazione ascensore scuola mestica Via Quasimodo Interventi straordinari sostituzione infissi per risparmio energetico edifici scolastici 3 Sistemazione locali Via Crivelli (scuola materna) Manutenzione straordinaria strutture e copertura scuola materna ed elemenare Via Regina Elena Manutenzioni straordinarie urgenti edifici vari Delegazione (Sede Municipale - Ciccolini - ex Suore Domenicane) Manutenzione straordinaria edifici scolastici capoluogo e delegazione Interventi straordinari controsoffittatura scuola elementare Sant'Agostino Interventi straordinari Comunit Terapeutica Le Querce di Civitanova Alta Manutenzioni straordinarie edifici vari Capoluogo Riqualificazione urbana Via Del Sole, mura castellane zona sud, Via della Repubblica Palazzo Ciccolini Riqualificazione urbana Via Del Sole, mura castellane zona sud, Via della Repubblica Palazzo Ciccolini Ristrutturazione edifico Via Trieste 1 3 Lavori di risanamento conservativo copertura e pareti "Casa Balilla" Lavori di ammodernamento e manutenzione straordinaria opere interne edificio ex. Casa Balilla Lavori di messa in sicurezza Tribunale

Capozucca

70.000,00

70.000,00

Capozucca

40.000,00

Capozucca

150.000,00

200.000,00

Capozucca

160.000,00

Capozucca

50.000,00

50.000,00

50.000,00

Capozucca

50.000,00

Capozucca

85.000,00

Capozucca

200.000,00

250.000,00

Capozucca

11

4.550.000,00

Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca

2 10 0 0 67.000,00 250.000,00

650.000,00 7.000.000,00 100.000,00

Capozucca

150.000,00

100.000,00

100.000,00

Indicare anche Accordi di programma, Patti territoriali, ecc.

Capozucca

Programma riqualificazione urbana Campo Boario - centro storico Civitanova Alta - sistema meccanizzato mura castellane Programma riqualificazione urbana Campo Boario - centro storico Civitanova Alta - sistema meccanizzato mura castellane Programma riqualificazione urbana Campo Boario - centro storico Civitanova Alta Risanamento mura castellane Sistemazione costruzioni presso Tiro a segno 2 Riqualificazione lavatoio e realizzazione bagni pubblici Via Civitanova Ammodernamento Villa Letizia Ammodernamento Villa Letizia Ampliamento Villa Letizia Installazione ascensore per abbattimento barriere architettoniche sede Delegazione e consolidamento - I stralcio Realizzazione alloggi edilizia agevolato e sovvenzionata nei pressi del Tirassegno di Civitanova Alta Realizzazione alloggi edilizia agevolato e sovvenzionata nei pressi del Tirassegno di Civitanova Alta

265.000,00

Capozucca

11

245.000,00

Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca

2 1 0 10 250.000,00 90.000,00

8.780.228,00 100.000,00

Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca

0 11 0 0

111.000,00 111.000,00 240.000,00 300.000,00

Capozucca

11

1.560.000,00

1.750.000,00

Capozucca

800.000,00

Capozucca

Realizzazione alloggi edilizia agevolato e sovvenzionata nei pressi del 0 Tirassegno di Civitanova Alta - Realizzazione opere di urbanizzazione 2 Realizzazione alloggi edilizia agevolato e sovvenzionata nei pressi del Tirassegno di Civitanova Alta - Acquisto area Realizzazione alloggi edilizia agevolato Zona Risorgimento Realizzazione alloggi edilizia agevolato Zona Risorgimento Realizzazione alloggi edilizia agevolata Zona Risorgimento - Opere di urbanizzazione Realizzazione Centro Civico S.M. Apparente 1 1 1 Realizzazione struttura per anziani non autosufficienti Localit Fontespina Realizzazione struttura per anziani non autosufficienti Localit Fontespina Realizzazione struttura per anziani non autosufficienti Localit Fontespina Realizzazione nuova Bocciofila Comunale Zona Micheletti - I lotto funzionale 3 Realizzazione impianto sportivo al coperto (Palazzetto SportSpettacolo) Sistemazione tribuna campo sportivo di Civitanova Alta ed intervento straordinario spogliatoi Completamento struttura skate park 0 195.000,00

385.000,00

Capozucca

Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca

1 1 1

12 4 0 1 10 4 11

800.789,00 1.600.252,00 310.000,00 1.100.000,00 10.566.000,00 1.000.000,00 500.000,00

Capozucca

1.700.000,00

Capozucca

10

11.000.000,00 60.000,00 35.000,00

Capozucca

Capozucca

80.000,00

Capozucca

Sistemazione esterna ed ampliamento parcheggio piscina comunale

150.000,00

150.000,00

Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca 3 3 1 1 1 1

Completamento impianto tiro con l'arco Copertura campi bocce quartiere San Marone Manutenzione impianti sportivi di S.M.Apparente Sistemazione area edificio tiro a volo ed altri interventi Lavori di canalizzazione acque bianche su vialetti Cimitero Capoluogo Realizzazione loculi e cappelline Cimitero Delegazione Interventi straordinari risanamento Cimitero Delegazione - logge di famiglia e blocchi vari lavori di realizzazione sede viaria di accesso al Cimitero Delegazione

1 0 6 1 0 3 13 50.000,00 100.000,00 40.000,00 140.000,00 1.500.000,00 295.000,00

80.000,00 60.000,00

100.000,00

1.500.000,00 1.500.000,00 250.000,00 350.000,00

Capozucca

200.000,00

Capozucca

Ampliamento accesso Via del Tirassegno Opere di Urbanizzazione primaria U.M.I. 9.2.11 - U.M.I. 9.2.13 U.M.I. 9.2.16 Zona S. Marone (nei pressi del Cimitero) Opere di Urbanizzazione primaria U.M.I. 9.2.11 - U.M.I. 9.2.13 U.M.I. 9.2.16 Zona S. Marone (nei pressi del Cimitero) Asfaltature vie e pavimentazioni varie Delegazione Sistemazione Via Minniti Ampliamento strada di accesso comunale al campo sportivo Zona PEEP di Civitanova Alta 3 Contributo a privati per miglioramento viabilit strade vicinali e ampliamento servizi vari Sistemazione strada comunale "Cavallino n. 1" Sistemazione vicoli centro storico Civitanova Alta Prolungamento Via Castelfidardo fino a rotatoria Via Aldo Moro con ex SS16 con sottoservizi ed attraversamento fosso Trabocco Prolungamento Via Castelfidardo fino a rotatoria Via Aldo Moro con ex SS16 acquisizione area 1 Lavori di completamento opere di urbanizzazione e riqualificazione urbana lato est Viale Matteotti

300.000,00

Capozucca

460.000,00

1.040.000,00

Capozucca

11

1.200.000,00

Capozucca Capozucca Capozucca

0 0 0

150.000,00 400.000,00 400.000,00

Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca

1 0 0 4

30.000,00

30.000,00 100.000,00 200.000,00 950.000,00 200.000,00

30.000,00

100.000,00

Capozucca

Capozucca

700.000,00

Capozucca

Nuove opere di urbanizzazione Viale Matteotti, lato ovest, dal torrente 5 Castellaro al Torrente Maranello Interventi straordinari per danni calamit naturali (P.A.I.) Viale della Repubblica 0

400.000,00

Capozucca

200.000,00

Capozucca

Interventi straordinari per danni calamit naturali (P.A.I.) Viale della Repubblica Manutenzioni straordinarie ed ampliamento di reti Pubblica Illuminazione zone varie Realizzazione impianti fotovoltaici e solari Interventi straordinari di sostituzione gruppi termici presso edifici vari Realizzazione impianto pubblica illuminazione Quartiere Villa Eugenia

420.000,00 90.000,00 1.500.000,00 50.000,00 34.500,00 100.000,00

Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca

1 2 1

0 10 1 0

700.000,00 700.000,00

Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca 2 2 1 2

Realizzazione impianto pubblica illuminazione Quartiere Villa Eugenia Rifaciamento ed adeguamento impianto pubblica illuminazione punto presa Via F.lli Bandiera Rifacimento ed adeguamento impianto pubblica illuminazione punto presa Via Foscolo Impianto illuminazione Via dell'Industria (primo tratto), Via Paci Lavori di completamento pubblica illuminazione Via Celeste Completamento lavori pubblica illuminazione Via G.Di Vittorio Manutenzioni straordinarie fognature Rifacimento tratto centrale canale Trabocco - I intervento Rifacimento fognatura acque bianche Via D'Annunzio Interventi straordinari urgenti sistemi fognari (Vialetti P.zza XX Settembre, Via Santorre di Santarosa) Intervento straordinario nuovo collettore fognario con attraversamento ferroviario Via Guerini-Via C. Colombo-Via IV Novembre Intervento straordinario nuova fognatura Via Hermada-Via Vela Realizzazione canale sbocco a mare fosso Castellaro Sistemazione fognatura e marciapiedi Via Colombo tratto Via M. Polo-Via Pigafetta e lato nord fosso caronte Tubazione di adduzione gas-metano di collegamento fra le due cabine di decompressione S.M. Apparente Sostituzione gruppi di riduzione metano II salto Realizzazione rete gas-metano zona Villa Conti strada di collegamento Via Civitanova-Via Celeste e zone varie 1 1 1 Rimozione ghiaia tratto iniziale Lungomare Sud Incarichi professionali parte capitale V Settore Reimpiego contributo statale per protezione civile Sistemazione Lungomare Nord - parte Est e realizzazione verde pubblico Realizzazione nuovo verde attrezzato Quartiere Fontespina Sistemazione verde attrezzato Via Maroncelli Lavori di rifacimento tratti di marciapiede, asfaltatura sede stradale varie Vie del Capoluogo ed impianti di videosorveglianza 1 Lavori di rifacimento tratti di marciapiede, asfaltatura sede stradale varie Vie del Capoluogo ed impianti di videosorveglianza Lavori di manutenzione straordinaria verde pubblico Via Guerrazzi e Capoluogo 1 1 Lavori di manutenzione straordinaria segnaletica Lavori di manutenzione straordinaria viabilit

11 0 0 0 0 6 1 2 0 0 0 0 0 89.654,28 60.000,00 75.000,00 24.000,00

80.500,00 135.000,00

75.000,00

100.000,00 100.000,00 860.000,00 100.000,00 200.000,00 195.000,00

150.000,00 170.000,00 100.000,00

Capozucca

100.000,00 250.000,00

Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Capozucca Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni

0 0 0 0 1 9 0 0 0 6 0 1 1 1 30.000,00 350.000,00 100.000,00 100.000,00 100.000,00 5.830,51

80.000,00 200.000,00

200.000,00 200.000,00

100.000,00 5.830,51

100.000,00 5.830,51 1.000.000,00

165.116,44 100.000,00

311.401,83 100.000,00 0,00 50.000,00 310.000,00 300.000,00 50.000,00 100.000,00

Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni

Realizzazione rotonda su incrocio ex. S.S. 16-Superstrada Riqualificazione sottopassi pedonali Riqualificazione sottopassi pedonali Realizzazione sottopasso ferroviario Quartieri Risorgimento-San Marone

10 0 1 0

1.500.000,00 100.000,00 100.000,00 2.100.000,00 8.000.000,00 365.000,00 360.000,00 1.500.000,00 30.000,00 200.000,00

Realizzazione parcheggio interrato Zona Centro (P.zza XX Settembre) 10 Pavimentazione marciapiedi vialetti P.zza XX Settembre 0 0 0 1

1 1

Pavimentazione Via Buozzi Rifacimento mantI stradalI diversi sedi viarie Lavori di riqualificazione Corso Dalmazia Rifacimento marciapiedi in pietra naturale e sistemazione sede stradale Via Lido

Giannoni

130.000,00

Giannoni

Riqualificazione borgo marinaro con pavimentazione in pietra naturale 0 Via Carena e Vicolo Nettuno Riqualificazione borgo marinaro con pavimentazione in pietra naturale 0 Via Conchiglia, tratto Vicolo Marte, Via Trento Riqualificazione ed ammodernamento campo sportivo di Fontespina Realizzazione strada con pista ciclopedonale di collegamento Via Almirante- Via Vela Lavori rifacimento marciapiedi per abbattimento barriere architettoniche in Via Matteo Ricci - Quartiere Fontespina 0

88.000,00

Giannoni

67.000,00 570.000,00

Giannoni

Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni 3 3 3 2

0 0 0 6 11 0 4 0 200.000,00 138.000,00 993.297,00 50.000,00

180.000,00 100000

Lavori urgenti di asfaltatura Via Fontanella e Costamartina Realizzazione marciapiedi ex. SS. 16 - Via M. Di Belfiore Collegamento viario nuovo Quartiere Fieristico Collegamento viario nuovo Quartiere Fieristico Collegamento viario nuovo Quartiere Fieristico Acquisto area e sistemazione parcheggio a raso lungomare Nord in vicinanza sottopasso Esso

297.716,76

300.000,00

Giannoni

Lavori di completamento opere stradali Via Guidarelli Completamento sistemazione pavimentazione e marciapiedi P.zza S. Martin, Via Rete e tratto iniziale C.so Garibaldi lavori di dragaggio imboccatura portuale

50.000,00 350.000,00

Giannoni

Giannoni

11

270.000,00

270.000,00

Giannoni

Lavori di realizzazione prolungamento sottobanchina molo nord

11

200.000,00

Giannoni Giannoni Giannoni 2 1

lavori di realizzazione impianto antincendio area operativa portuale Lavori di sistemazione ed ampliamento video sorveglianza area portuale Riallineamento scogliere lungomare Nord - Batik

11 11 11 100.000,00 450.000,00

100.000,00

Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Giannoni Scarpecci Scarpecci Scarpecci

1 1 1 1 3 3 3 1 1 2 3 3

Riallineamento scogliere lungomare Nord - Batik Riallineamento scogliere lungomare Nord - Caronte Riallineamento scogliere lungomare Nord - Caronte Reimpiego contributo statale nel campo dei trasporti Oneri di urbanizzazione destinati ad opere di culto Reimpiego fondi per monetizzazione aree piano casa Rimborso oneri di urbanizzazione Incarichi professionali parte capitale VII Settore Ripascimento spiaggia con contributo regionale Vendita aree PEEP Concorso di idee per servizio urbanistica Incarichi esterni ed interni per progettazioni Cofinanziamento fermate ferroviarie in attuazione dell'intervento 4.2.1.52.03 POR CRO FESR 2007-2013 Cofinanziamento fermate ferroviarie in attuazione dell'intervento 4.2.1.52.03 POR CRO FESR 2007-2013 Cofinanziamento fermate ferroviarie in attuazione dell'intervento 4.2.1.52.03 POR CRO FESR 2007-2013 Attrezzature hardware e software servizio CED Attrezzature hardware e software servizio CED Intervento attrezzature bike Intevento attrezzature bike Acquisto autospazzatrice Acquisto automezzi Acquisto attrezzature per polizia municipale Acquisto arredi scolastici Reimpiego contributo statale per arredi scolastici Reimpiego vendita beni fuori uso Compartecipazione spesa statua cavalleria Acquisto attrezzature, arredi per uffici comunali TOTALE COMPLESSIVO MUTUO (0)

0 11 0 9 1 14 1 1 11 3 1 1

200.000,00 800.000,00 200.000,00 12.119,81 50.000,00 50.000,00 20.000,00 50.000,00 10.000,00 1.100.000,00 30.000,00 50.000,00 3.800.000,00 0,00 25.000,00

12.119,81 40.000,00 50.000,00 10.000,00 30.000,00

12.119,81 40.000,00 50.000,00 10.000,00 50.000,00

3.852.348,00 25.000,00

Scarpecci

11

2.000.000,00

Scarpecci

250.000,00

Scarpecci

250.000,00

Saracco Saracco Saracco Saracco Saracco Saracco Saracco Passarelli Passarelli Passarelli Saracco Passarelli

6 11 2 0 0 0 11 0 9 3 0 0

93.000,00 5.000,00 400.000,00 100.000,00 150.000,00 50.000,00 5.000,00 50.000,00 203,50 4.000,00 30.000,00 50.000,00 56.654.146,10 26.387.987,02 34.313.131,65 8.594.000,00 8.540.616,44 6.390.000,00 203,50 203,50 -

FONDO MINISTERIALE TRASPORTI,PROTEZIONE CIVILE E SCUOLE(9) ONERI (1) STATALE (2) MONETIZZAZIONE AREE (14) AUTOFINANZIAMENTO (3) REALIZZAZIONE DIRETTA DA PRIVATI (10) CONTRIBUTI REGIONALI (11) CONTRIBUTI PROVINCIALI (12) CONTRIBUTI DA ALTRI ENTI P PRIVATI (4) VENDITE (5) RISORSE CORRENTI DA RINEGOZIAZIONI MUTUI (6) UTILIZZO ECONOMIE (mutui ed altro) (13) AVANZO AMMINISTRAZIONE (8) TOTALE COMPLESSIVO in bilancio

18.153,82 1.090.000,00 820.000,00 50.000,00 2.604.000,00

18.153,82 855.000,00 1.510.000,00 50.000,00 5.300.000,00

18.153,82 2.355.000,00 8.780.228,00 50.000,00 5.352.348,00 7.700.000,00 2.950.000,00 56.000,00 311.401,83 350.000,00 -

32.816.000,00 700.000,00 4.340.000,00 800.789,00 3.843.549,00 1.100.000,00 282.654,28 295.000,00 7.116.500,00 1.750.000,00 297.716,76 250.000,00 -

56.654.146,10 26.387.987,02 34.313.131,65 23.543.146,10 25.437.987,02 17.482.903,65

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011 - 2012 - 2013

SEZIONE 5

RILEVAZIONE PER IL CONSOLIDAMENTO DEI CONTI PUBBLICI (Art. 170, comma 8, D.L.vo 267/2000)

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


Provincia di MACERATA

5.2 DATI ANALITICI DI CASSA DELL'ULTIMO CONSUNTIVO DELIBERATO DAL CONSIGLIO PER L'ANNO 2009
(Sistema contabile ex D.Lvo 267/2000 e D.P.R. 194/96)
Classificazione funzionale Classificazione economica A) SPESE CORRENTI (parte 1) 4.463.854,79 1. Personale - oneri sociali - ritenute IRPEF 2. Acquisto beni e servizi 3. Trasferimenti a famiglie e Ist.Soc. 4. Trasferimenti a imprese private 5. Trasferimenti a Enti pubblici - Stato e Enti Amm.ne centrale - Regione - Province e Citta' metropolitane - Comuni e Unione di Comuni - Az.Sanitarie e Ospedaliere - Consorzi di Comuni e Istituzioni - Comunita' montane - Aziende di pubblici servizi - Altri Enti amministrazione locale 6. Totale trasferimenti correnti (3+4+5) 7. Interessi passivi 8. Altre spese correnti TOTALE SPESE CORRENTI (1+2+6+7+8) 0,00 0,00 2.556.969,99 10.888,00 0,00 12.242,46 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 12.242,46 23.130,46 629.307,13 728.648,14 8.401.910,51 0,00 0,00 0,00 70.708,30 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.597,74 19.152,72 91.458,76 1.079.110,15 0,00 0,00 144.645,87 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 7.560,78 99.849,40 1.331.166,20 71.533,38 0,00 0,00 2.583.511,59 54.919,80 0,00 78.837,80 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 78.837,80 133.757,60 515.508,34 204.378,21 3.508.689,12 54.818,14 0,00 0,00 342.030,16 88.999,55 0,00 1.397.753,16 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.395.953,16 1.800,00 1.486.752,71 153.172,44 9.421,17 2.046.194,62 0,00 0,00 0,00 461.363,26 2.500,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 2.500,00 229.146,66 0,00 693.009,92 0,00 0,00 0,00 59.283,35 4.300,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 4.300,00 3.134,25 0,00 66.717,60 187.474,19 0,00 0,00 1.410.146,34 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 739.530,81 67.896,81 2.405.048,15 0,00 0,00 0,00 1.134.778,09 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 10.127,79 0,00 1.144.905,88 187.474,19 0,00 0,00 2.544.924,43 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 749.658,60 67.896,81 3.549.954,03 1 Amm.ne gestione e controllo 2 Giustizia 3 Polizia locale 4 Istruzione pubblica 5 Cultura e beni culturali 6 Settore sport e ricreativo 7 Turismo 8 Viabilit e trasporti Viabilit Trasporti illumin. Serv. pubblici serv. 01 e 02 03

Totale

Classificazione funzionale Edilizia residenziale pubblica serv. 02 27.804,92 1. Personale - oneri sociali - ritenute IRPEF 2. Acquisto beni e servizi 3. Trasferimenti a famiglie e Ist.Soc. 4. Trasferimenti a imprese private 5. Trasferimenti a Enti pubblici - Stato e Enti Amm.ne centrale - Regione - Province e Citta' metropolitane - Comuni e Unione di Comuni - Az.Sanitarie e Ospedaliere - Consorzi di Comuni e Istituzioni - Comunita' montane - Aziende di pubblici servizi - Altri Enti amministrazione locale 6. Totale trasferimenti correnti (3+4+5) 7. Interessi passivi 8. Altre spese correnti TOTALE SPESE CORRENTI (1+2+6+7+8) 0,00 0,00 9.012,24 284.690,15 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 284.690,15 6.172,68 0,00 327.679,99 Servizio idrico serv. 04

9 Altre serv. 01,03,05 e 06

10 Industr. Artig. serv. 04 e 06 Commercio serv. 05

11 Agricoltura serv. 07 Altre serv. 01,02 e 03

12 Servizi produttivi Totale generale

Classificazione economica A) SPESE CORRENTI (parte 2)

Totale

Settore sociale

Totale

176.769,78 0,00 0,00 147.416,33 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 329.404,09 245.857,21 899.447,41

1.352.756,22 0,00 0,00 6.093.832,56 1.948,60 0,00 100.650,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 100.650,00 102.598,60 91.935,79 130.392,36 7.771.515,53

1.557.330,92 0,00 0,00 6.250.261,13 286.638,75 0,00 100.650,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 100.650,00 387.288,75 427.512,56 376.249,57 8.998.642,93

592.674,31 0,00 0,00 1.701.383,83 557.503,85 0,00 346.611,78 0,00 0,00 0,00 346.611,78 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 904.115,63 97.088,12 94.423,04 3.389.684,93

0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 6.811,64 0,00 6.811,64

189.113,25 0,00 0,00 70,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 79.767,88 268.951,13

0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

0,00 0,00 0,00 43.576,50 0,00 0,00 34.344,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 34.344,00 34.344,00 1.563,67 16.072,54 95.556,71

189.113,25 0,00 0,00 43.646,50 0,00 0,00 34.344,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 34.344,00 34.344,00 8.375,31 95.840,42 371.319,48

0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 28.299,61 132.587,79 160.887,40

8.195.909,13 0,00 0,00 16.758.728,41 1.005.749,95 0,00 1.970.439,20 0,00 0,00 0,00 346.611,78 0,00 0,00 0,00 1.395.953,16 227.874,26 2.976.189,15 2.850.361,54 1.828.447,27 32.609.635,50

5.2 DATI ANALITICI DI CASSA DELL'ULTIMO CONSUNTIVO DELIBERATO DAL CONSIGLIO PER L'ANNO 2009
(Sistema contabile ex D.Lvo 267/2000 e D.P.R. 194/96)
Classificazione funzionale Classificazione economica B) SPESE IN C/CAPITALE (parte 1) 433.570,17 1. Costituzione di capitali fissi - beni mobili, macchine e attrezz. tecnico-scient. 2. Trasferimenti a famiglie e istituti sociali 3. Trasferimenti a imprese private 4. Trasferimenti a Enti pubblici - Stato e Enti Amm.ne centrale - Regione - Province e Citta' metropolitane - Comuni e Unione Comuni - Az.Sanitarie e Ospedaliere - Consorzi di Comuni e Istituzioni - Comunita' montane - Aziende di pubblici servizi - Altri Enti amministrazione locale 5. Totale trasferimenti in c/capitale (2+3+4) 6. Partecipazioni e conferimenti 7. Concessioni di crediti ed anticipazioni TOTALE SPESE IN C/CAPITALE (1+5+6+7) TOTALE GENERALE SPESA 71.802,43 26.593,38 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 26.593,38 0,00 0,00 460.163,55 8.862.074,06 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 91.458,76 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.331.166,20 817.133,44 35.443,47 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 817.133,44 4.325.822,56 120.423,19 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 120.423,19 2.166.617,81 933.172,92 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 933.172,92 1.626.182,84 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 66.717,60 2.128.985,39 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 2.128.985,39 4.534.033,54 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.144.905,88 2.128.985,39 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 2.128.985,39 5.678.939,42 1 Amm.ne gestione e controllo 2 Giustizia 3 Polizia locale 4 Istruzione pubblica 5 Cultura e beni culturali 6 Settore sport e ricreativo 7 Turismo 8 Viabilit e trasporti Viabilit Trasporti illumin. Serv. pubblici serv. 01 e 02 03

Totale

Classificazione funzionale Edilizia residenziale pubblica serv. 02 1.238.890,60 1. Costituzione di capitali fissi - beni mobili, macchine e attrezz. tecnicoscient. 2. Trasferimenti a famiglie e istituti sociali 3. Trasferimenti a imprese private 4. Trasferimenti a Enti pubblici - Stato e Enti Amm.ne centrale - Regione - Province e Citta' metropolitane - Comuni e Unione Comuni - Az.Sanitarie e Ospedaliere - Consorzi di Comuni e Istituzioni - Comunita' montane - Aziende di pubblici servizi - Altri Enti amministrazione locale 5. Totale trasferimenti in c/capitale (2+3+4) 6. Partecipazioni e conferimenti 7. Concessioni di crediti ed anticipazioni TOTALE SPESE IN C/CAPITALE (1+5+6+7) TOTALE GENERALE SPESA 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1.238.890,60 1.566.570,59 Servizio idrico serv. 04

9 Altre serv. 01,03,05 e 06

10 Industr. Artig. serv. 04 e 06 Commercio serv. 05

11 Agricoltura serv. 07 Altre serv. 01,02 e 03

12 Servizi produttivi Totale generale

Classificazione economica B) SPESE IN C/CAPITALE (parte 2)

Totale

Settore sociale

Totale

798.318,63 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 798.318,63 1.697.766,04

549.894,98 76.654,47

2.587.104,21 76.654,47

988.446,97 10.323,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 988.446,97 4.378.131,90

76.940,27 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 76.940,27 83.751,91

0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 268.951,13

0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 2.799,34 0,00 2.799,34 98.356,05

76.940,27 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 2.799,34 0,00 79.739,61 451.059,09

0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 160.887,40

8.085.776,56 194.223,37 26.593,38 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 26.593,38 2.799,34 0,00 8.115.169,28 40.724.804,78

0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 549.894,98 2.587.104,21 8.321.410,51 11.585.747,14

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011 - 2012 - 2013

SEZIONE 6

CONSIDERAZIONI FINALI SULLA COERENZA DEI PROGRAMMI RISPETTO AI PIANI REGIONALI DI SVILUPPO, AI PIANI REGIONALI DI SETTORE, AGLI ATTI PROGRAMMATICI DELLA REGIONE

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


Provincia di MACERATA

6.1 Valutazioni finali della programmazione: Rifacendosi ai Principi dellOsservatorio per la finanza e la contabilit degli enti locali, la relazione previsionale e programmatica che accompagna il bilancio di previsione deve assolvere a molteplici ed interrelate funzioni: a) una funzione politico-amministrativa; b) una funzione economico-finanziaria; c) una generale funzione informativa La relazione previsionale programmatica, prevista come allegato al bilancio di previsione annuale dallart.170 del TUEL, da considerarsi, in effetti, come un documento centrale dellintero processo di programmazione dellente, costituendo in realt lanello di congiunzione tra i sistemi dei bilanci, annuale e pluriennale unicamente numerari, ed i principi amministrativi e politici che si intendono perseguire nellimpiego delle risorse e nel reperimento delle stesse. La relazione previsionale e programmatica, infatti, ha carattere generale essendo rivolta a tutta lattivit dellente, a tutti i servizi ed a tutta la collettivit amministrata e consente di specificare i programmi nel bilancio pluriennale dando indicazione delle finalit, delle risorse umane, matriali e finanziarie attribuite ai vari programmi Come noto gli utilizzatori del sistema bilancio sono diversi: - i cittadini che potranno disporre di un documento che permetta loro di comprendere quali sono i concreti indirizzi in termini di servizi erogati, della loro efficacia e dei loro costi, i livelli di pressione fiscale programmati e realizzati dallente, le politiche economiche e di sviluppo del territorio; - i Consiglieri e gli amministratori i quali dovranno essere capaci di realizzare quanto hanno programmato attraverso ladozione di linee programmatiche annuali e pluriennali, adottando una adeguata politica fiscale che conosca la capacit impositiva esistente sul territorio, proponga investimenti, disponga piani di utilizzo delle risorse umane e strumentali mirati alleconomicit della spesa, allefficienza ed efficacia dei servizi erogati; - i Dipendenti che attraverso il bilancio dovranno attuare gli indirizzi programmatici dellente e rispondere dei risultati conseguiti - i Finanziatori ed i Fornitori i quali attraverso i documenti contabili dellente potranno capire la reale solvibilit dellente; - gli Organi di controllo per poter effettuare correttamente le necessarie valutazioni in ordine allandamento economico, finanziario e patrimoniale dellente Alla funzione autorizzatoria economico-finanziaria attribuita al bilancio di previsione, connessa anche lanalisi delle risorse con le quali si intende finanziare la spesa programmata., Le risorse hanno natura e tempi di realizzazione diversi che possono influire non poco sulla effettiva realizzazione della spesa. Si pensi ad esempio un investimento da finanziarsi con mutuo, rispetto allutilizzo di entrate proprie o con contributo da altri enti e/o privati. Gli obiettivi che si sono presentati nella presente relazione previsionale e programmatica, sono stati costruiti tenendo conto: - degli indirizzi politici:; - delle richieste dei dirigenti dei servizi con losservazione dei trend storici e lanalisi dei risultati, che a volte propongono affinamenti e correzioni finalizzati alla ottimizzazione dei risultati da ottenere, ovviamente nellesclusivo interesse della comunit amministrata. - delle risorse disponibili Il Bilancio di previsione 2011 quindi, stato redatto tenendo conto della contrazione delleconomia globale, rispetto alla quale comunque si pone lobiettivo di sostenere la qualit e quantit dei servizi ad oggi erogati, prevedendo altres il potenziamento di alcune attivit a supporto delle fasce pi deboli (asili nido, servizi sociali ed assistenziali)

Per quanto riguarda il parere del Dirigente del servizio Dott. Passarelli Marco espresso ai sensi dellart. 49 del D.Lgs. 267/2000, si rinvia a quanto indicato nella proposta di deliberazione di Giunta N.244 del 25.5.2011 avente per oggetto Approvazione dello schema del bilancio di previsione 2011 e pluriennale 2011-2013, della Relazione Previsionale e Programmatica 2011-2013 e definizione della politica fiscale e tariffaria. I.E.. Civitanova Marche, li 25.5.2011

Il Responsabile del Servizio finanziario Dott. Passarelli Marco

Il Rappresentante Legale Dott. Mobili Massimo