Sei sulla pagina 1di 81

REGIONE PIEMONTE

IMPIANTI FOTOVOLTAICI: APPLICAZIONI ED INSTALLAZIONI NEL SETTORE AGRICOLO


?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?

GLI

A S S E S S O R ATO A G R I C O LT U R A

GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: APPLICAZIONI ED INSTALLAZIONI NEL SETTORE AGRICOLO

REGIONE PIEMONTE
Assessorato Agricoltura

GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: APPLICAZIONI ED INSTALLAZIONI NEL SETTORE AGRICOLO

Realizzato da Vittorio Bosser-Peverelli Settore Infrastrutture rurali, Irrigazione ed Assetto fondiario

Torino, novembre 1997

PREFAZIONE
s s s s s

egli anni settanta la crisi petrolifera mondiale ha dato un notevole impulso alla ricerca ed allapplicazione di fonti alternative di energia nei vari campi e nei vari settori produttivi, compreso il settore agricolo. Lenergia solare, di cui la conversione fotovoltaica una delle possibili utilizzazioni, stata ampiamente sperimentata innanzitutto nelle applicazioni spaziali, per diffondersi poi in diversi tipi di applicazioni terrestri. I campi dove lutilizzazione dellenergia fotovoltaica ha avuto pi successo sono sostanzialmente tre: il settore delle telecomunicazioni; la miniaturizzazione per loggettistica (es. calcolatrici, orologi, ecc.); la produzione di energia elettrica in luoghi e situazioni dove impossibile attingere ad altre forme di energia. Anche in agricoltura la ricerca si spinta a verificare le possibilit ed i limiti dei sistemi fotovoltaici. I risultati ottenuti sono stati abbastanza deludenti, in quanto lenergia elettrica prodotta con la conversione fotovoltaica ha costi troppo alti, ed in nessun caso riesce ad essere competitiva con i costi dellenergia prodotta in modo tradizionale. A fronte di questi dati negativi, due sono le considerazioni da fare: 1) i prezzi del petrolio e dei suoi derivati non sono lievitati cos tanto come si pensava venti anni fa, quando si sono iniziate le prime ricerche; 2) in seguito alle indicazioni ottenute, la ricerca applicata si praticamente fermata nel settore agricolo, mentre il mercato e la ricerca di base hanno fatto notevoli progressi, che hanno permesso di abbassare i prezzi non solo dei moduli fotovoltaici, ma contemporaneamente di tutti i componenti che concorrono a formare un sistema fotovoltaico. Nonostante questi dati confortanti, le applicazioni fotovoltaiche, quando vengono confrontate con i costi dellenergia elettrica proveniente dalla rete nazionale, continuano a non essere convenienti per le aziende agricole. Esistono, tuttavia, numerose situazioni od applicazioni di nicchia in cui questo sistema di produrre energia risulta interessante per il mondo rurale. Questo manuale, seppur non esaustivo, cerca di vagliare quali siano i limiti di convenienza tecnica ed economica entro cui possibile utilizzare, valutando caso per caso, lenergia solare per produrre elettricit. Particolare cura viene riservata al problema del dimensionamento degli impianti, in quanto questo laspetto fondamentale che incide sia sui parametri tecnici che su quelli economici. Lintento ultimo quello di fornire uno strumento utile a valutare, con laiuto di un tecnico specializzato, se in una specifica situazione di unazienda agricola esista realmente la possibilit di utilizzare una fonte di energia in pi a quelle attualmente utilizzate. V.B.P.
5

INDICE
s s s s s

INTRODUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 9 1 IL SOLE COME FONTE DI ENERGIA . . . . . . . . . . . . . . . . 9 1.1 Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 1.2 Lenergia solare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 1.3 Unit e metodi di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 1.4 Lenergia elettrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 1.5 La conversione fotovoltaica . . . . . . . . . . . . . . . 16

MANUTENZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 6.1 Pannello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 6.2 Centralina elettronica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 6.3 Batteria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 6.4 Inverter . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35

UTENZE ED APPLICAZIONI: IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI . . . . . 37 LIMPIANTO FOTOVOLTAICO . . . . . . . . . . . . . . . . 19 2 COMPONENTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 2.1 Il modulo fotovoltaico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 2.2 Laccumulatore (batteria) . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 2.3 La centralina elettronica . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22 2.4 Le utenze in bassa tensione 12/24 V c.c. . . . . . . 23 2.5 Convertitore c.c./c.a. (inverter) . . . . . . . . . . . . . 23 2.6 Le utenze in c.a. 220 V . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 IMPIANTO ELETTRICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 3.1 I cavi elettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 3.2 I fusibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26 3.3 Limpianto di terra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 SCHEMI DIMPIANTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 4.1 Impianto in c.c. senza accumulo e utenze specifiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 4.2 Impianto in c.c. con accumulo e utenze in bassa tensione . . . . . . . . . . . . . . . . 28 4.3 Impianto con accumulo misto in bassa tensione c.c e 220 V in c.a. . . . . . . . . . 29 7 LE UTENZE AGRICOLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37 7.1 Campi di applicazione dei sistemi fotovoltaici in agricoltura . . . . . . . . . . . . . . . . 37 7.1.1 Sollevamento dellacqua irrigua . . . . . . . . . . 37 7.1.2 Serre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38 7.1.3 Illuminazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39 7.1.4 Altre applicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40 7.2 Le utenze stagionali in montagna . . . . . . . . . . 42 7.2.1 Esigenze energetiche degli alpeggi . . . . . . . . . 42 7.2.2 Gli impianti fotovoltaici negli alpeggi . . . . . . 44 IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI . . . . . . . . . . . 47 8.1 Gli impianti fotovoltaici nellazienda agricola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47 8.1.1 Sollevamento dellacqua irrigua . . . . . . . . . . 47 8.1.2 Serre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48 8.1.3 Illuminazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49 8.1.4 Altri esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52 8.2 Gli impianti fotovoltaici negli alpeggi . . . . . . 53 8.2.1 Impianto per sola illuminazione . . . . . . . . . . . 53 8.2.2 Impianto per illuminazione e utenze domestiche in c.c. a bassa tensione . . . . . . . . 57 8.2.3 Impianto in c.a. a 220 V per utenze domestiche e utenze professionali per la lavorazione del latte . . . . . . . . . . . . . . . 58 8.2.4 Impianto in c.a. a 220 V per utenze domestiche e utenze professionali per la lavorazione del latte integrato con gruppo elettrogeno . . . 60 8.2.5 Analisi dei costi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61

INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE . . . . . . . . . 31 5 INSTALLAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 5.1 Pannello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 5.1.1 Orientamento e posizionamento . . . . . . . . . . . 31 5.1.2 Strutture per il fissaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . 32 5.1.3 Cablaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 5.2 Centralina elettronica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 5.2.1 Posizionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 5.2.2 Connessioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 5.3 Batteria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 5.3.1 Posizionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 5.4 Inverter . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 5.4.1 Posizionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 5.4.2 Connessioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34

LEGISLAZIONE E NORME DI RIFERIMENTO . . 65 9 LA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 . . . . . . . . . . . . . . . 65

APPENDICE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73 Radiazione diretta globale: dati rilevati in alcune stazioni del Servizio meteoidrografico Regionale

INTRODUZIONE
s s s s s

1 IL SOLE COME FONTE DI ENERGIA


1.1 Premessa Il sistema energetico attuale fortemente basato sullutilizzazione di combustibili fossili, i quali si caratterizzano per gli effetti negativi che hanno sullambiente, per la loro disponibilit limitata nel

tempo, e per le fluttuazioni dei prezzi conseguenti agli eventi internazionali ed al prelievo fiscale. Al contrario, le cosiddette energie rinnovabili, come ad esempio lenergia solare, presentano: una elevata qualit energetica; scarso o nullo impatto ambientale; disponibilit temporale illimitata (a scala umana); costo nullo.

Foto 1 - Ladozione di sistemi che sfruttano lenergia solare per la produzione di energia elettrica consente di evitare la fornitura con linee elettriche in posti ad alta valenza ambientale

Fig. 1 - Angoli per la misurazione del moto solare apparente

NORD OVEST Altezza

An

gol o or ario

EST

SUD

Per contro, giusto precisare che lenergia solare presenta anche alcuni inconvenienti: non sfruttabile in modo continuativo e costante (cicli giorno-notte, estate-inverno); arriva alla terra in forma diffusa, cio non concentrata; non si pu utilizzare in forma diretta, ma si rende necessaria una trasformazione energetica. 1.2 Lenergia solare Con il termine energia solare (o radiazione solare) si indica la perturbazione generata dal sole in conseguenza delle reazioni termonucleari che avvengono sulla sua superficie. La radiazione solare che incide giornalmente sulla superficie terrestre caratterizzata dalla variabilit che essa assume nel corso dellanno. Questa variabilit dovuta alla variazione annua-

le della posizione dellasse terrestre rispetto al sole, che determina variazioni sia sulla durata del giorno, sia sullinclinazione con cui i raggi solari raggiungono la Terra. Pi il sole basso rispetto lorizzonte (situazione invernale) maggiore il percorso della radiazione attraverso laria, con un incremento delle perdite, e minore lenergia che raggiunge la superficie terrestre. Ulteriori fattori che limitano la radiazione solare sono le condizioni climatiche terrestri, in particolare la presenza o lassenza di nuvole sul luogo considerato. 1.3 Unit e metodi di misura La Terra ruota intorno ad un proprio asse e contemporaneamente descrive unorbita intorno al Sole. Per descrivere il moto apparente del Sole rispetto
RA

RA

GG

IS

GG

OL

IS

AR

OL

AR

SUPERFICIE ORTOGONALE AI RAGGI

SUPERFICIE INCLINATA RISPETTO AI RAGGI

Fig. 2 - Linclinazione ottimale della superficie captante quella ortogonale ai raggi

10

Foto 2 - La radiazione solare diretta quella pi interessante per le applicazioni fotovoltaiche

ad un qualsiasi punto sulla Terra, useremo due angoli: laltezza del Sole rispetto allorizzonte e langolo orario (langolo che la direzione del Sole, proiettata sul piano orizzontale, forma con la direzione sud). A causa dellenorme distanza della Terra dal Sole, la radiazione emessa da questultimo arriva sulla Terra in un fascio di raggi paralleli. Si intuisce allora che per catturare il maggior numero possibile di raggi occorre che la superficie destinata a tale scopo sia perpendicolare ai raggi stessi, come esemplificato in Fig. 2. La radiazione solare si divide in due componenti fondamentali: la radiazione diretta la componente proveniente dal sole senza nessuna deviazione la radiazione diffusa la componente che ha subito deviazioni o diffusione nellattraversamento dellatmosfera;
VARIABILI potenza massima raggiungibile in Piemonte radiazione media giornaliera in Piemonte radiazione media annua in Piemonte insolazione media annua in Piemonte energia contenuta in un chilo di gasolio

La somma delle due fornisce la radiazione globale. Nelle giornate limpide (senza nuvole) la componente diffusa costituisce il 20% della radiazione globale, mentre raggiunge il 100% nelle giornate completamente coperte. Nel progettare un impianto fotovoltaico, appare subito chiara limportanza di conoscere i valori reali dei differenti tipi di radiazione riferiti al sito dove si installer limpianto. In questi casi il dato pi importante da conoscere quello che viene chiamata radiazione solare media giornaliera, che indica lenergia che il sole in grado di fornire nel periodo di tempo specificato. Con insolazione, infine, si definisce il numero di ore giornaliere, mensili o annue in cui presente la radiazione diretta. In realt, quindi, linsolazione non una misura dellenergia, che invece espressa dalla radiazione.
NOTE VALORI 1kW/m2 5,5 kWh/m2 giorno 1.600 kWh/m2 anno 2.011 1 kg = 11,6 kWh

potenza di picco energia ottenibile nei giorni estivi energia mediamente ottenibile annualmente ore di sole mediamente misurabili in un anno

Tab. 1 - Valori e grandezze indicativi di riferimento

11

1,5 60 1,4 1,3 coefficiente correttivo 1,2 1,1 30 1 0,9 0,8 0,7 0 15 30 45 60 75 90 angolo dinclinazione rispetto allorizzontale
Graf. 1 - Coefficiente correttivo in funzione dellinclinazione

45

mesi invernali mesi estivi annuale

1 0,9 coefficiente di correzione 0,8 0,7 0,6 0 15 30 45 0 15 30 45

0,5 0,4

SE/SO

E/O

NE/NO

orientamento della superficie rispetto ai punti cardinali

Graf. 2 - Coefficiente correttivo in funzione dellorientamento

12

estivo annuale

In Tab. 1 sono riportati alcuni dati sulla radiazione solare riferibili alla regione Piemonte, e, pi in generale, a tutto il nord dItalia, in modo da consentire una rapida valutazione delle reali potenzialit energetiche di questa fonte. Come stato gi accennato, e come sar meglio evidenziato in seguito, non tutta lenergia solare che arriva sulla terra utilizzabile. Nella Tab. 2 sono evidenziati i fattori che influiscono sullutilizzazione e sulla trasformazione dellenergia solare. Rispetto alla situazione ottimale, possiamo osservare come, al variare di un fattore, varia la resa del sistema. Ad esempio, la radiazione media giornaliera nel

mese di luglio sul piano inclinato a 45 di 4,4 kWh/m , mentre nel mese di novembre si riduce a 2,2 kWh/m . Se il piano fosse inclinato di 30 (situazione ottimale in estate), i valori sarebbero di 4,7 kWh/m a luglio, riducendosi ulteriormente in novembre a 1,9 kWh/m (la situazione ottimale invernale sarebbe uninclinazione di 60). Tale radiazione, se captata con un modulo orientato a sud massima, se il modulo orientato a est scende a 3,8 kWh/m a luglio e 1,5 kWh/m a novembre. Per la valutazione della radiazione su superfici diversamente orientate ed inclinate riferirsi, in prima approssimazione, ai successivi Graf. 1 e Graf. 2. e alla Tab. 4 del paragrafo 1.5.
2 2 2 2 2 2

ESEMPIO DI CALCOLO Quanta radiazione solare incide su una superficie esposta a Est con una angolazione di 45 nel mese di luglio? Dalle tabelle in appendice, si ricava che la radiazione solare diretta sullorizzontale misurata a Costigliole Saluzzo nel mese di luglio (media mensile) di 681 MJ/m2 1 kWh = 3,6 MJ 681 MJ/m2 = 189 kWh/m2 mensili

189 kWh x 1,04 coefficiente correttivo angolo dinclinazione sullorizzontale (Graf. 1: 45 curva valori estivi) = 196 kWh 196 kWh x 0,92 coefficiente correttivo per lorientamento rispetto al sud (Graf. 2: curva 15 estivi, infatti langolazione ottimale nel mese di luglio sarebbe di 30, e non di 45) = 180 kWh/m2 incidenti in totale nel mese di luglio, cio circa 5,8 kWh/m2 al giorno

1,5 coefficiente correttivo 1,4 1,3 1,2 1,1 1 0,9 0,8 0,7 15 30 60 45 angolo dinclinazione rispetto allorizzontale mesi invernali mesi estivi annuale 75 90 0
x

coefficiente di correzione

1 0,9 0,8 0,7 0,6 0,5 0,4 S SE/SO E/O NE/NO orientamento della superficie rispetto ai punti cardinali N
x

0 15 30 45 0 15 30 45

13

Nel Graf. 1 si evidenzia come langolo ottimale dinclinazione di un ipotetico impianto destinato alla captazione della radiazione solare deve essere il pi possibile perpendicolare ai raggi del sole, che cambia la sua posizione rispetto alla terra nel corso dellanno A seconda del periodo in cui deve avvenire la captazione, lorientamento ottimale della superficie rispetto al piano orizzontale diversa: 60( o 45) nei mesi invernali, 30 in estate e 45 se limpianto deve funzionare tutto lanno. I dati di riferimento delle tabelle in appendice, che indicano la misura della radiazione solare incidente sulla superficie terrestre (e quindi a 0 di inclinazione) devono essere moltiplicati per il coefficiente correttivo per avere il riferimento dellenergia che si pu catturare al variare dellorientamento della superficie rispetto allorizzontale. Nel Graf. 2 riportato il coefficiente correttivo di moltiplicazione per calcolare i valori reali rispetto allorientamento, che nella situazione ottimale deve essere in direzione sud. Il coefficiente correttivo assume, inoltre, valori diversi al variare dellangolo ottimale dinclinazione rispetto allorizzontale.
FATTORI radiazione solare latitudine orientamento inclinazione nuvolosit stagione orario PARAMETRO OTTIMALE 100% diretta sud Italia sud 60 inverno - 30 estate cielo sereno estate ore centrali (11-15)

Si consideri, quindi, il valore di 0 corrispondente alla posizione ottimale della superficie nel periodo corrispondente (45 annuale, 30 estiva). Se la superficie ha uninclinazione differente rispetto a quella ottimale, si prenda come riferimento la linea corrispondente allo scostamento angolare rispetto allangolo ottimale. 1.4 Lenergia elettrica Lenergia elettrica costituita da un flusso di elettroni che si muove attraverso un materiale chiamato conduttore. Questo flusso generato in diversi modi da diversi tipi di generatori, i quali producono un potenziale detto tensione elettrica. La quantit di elettroni che transitano nellunit di tempo nel conduttore si definisce come lintensit di corrente. Il conduttore, a sua volta, oppone una certa resistenza al passaggio degli elettroni. Esistono diversi tipi di materiali, classificabili in funzione della maggiore o minore facilit ad essere attraversati dalla corrente elettrica: conduttori, semiconduttori e isolanti.
PARAMETRO PEGGIORE 100% riflessa nord Italia nord 30 inverno - 60 estate cielo interamente coperto inverno notte VARIAZIONE RESA (*) 80 % 30 % 80 % 30 % 80 % 50 % 100 %

(*) Perdita di rendimento in percentuale considerando il parametro ottimale = 100. Una variazione di resa = 100% corrisponde ad un rendimento = 0.

Tab. 2 - Fattori che influenzano la trasformazione della radiazione solare in energia fotovoltaica

GRANDEZZE intensit di corrente tensione elettrica resistenza frequenza potenza reale potenza apparente potenza reattiva fattore di potenza

SIMBOLO I V R F Pa Papp Pr PF (Cos)

UNIT DI MISURA A V Hz W VA var

NOME Ampere Volt Ohm Hertz Watt voltampere voltampere Coseno

STRUMENTI DI MISURA amperometro voltmetro ohmmetro frequenzimetro wattmetro varmetro

METODI DI CALCOLO A = W/V V = W/A = V/A W=VxA Papp = VxI Pr = VxIxSen Pa/Papp

Tab. 3 - Grandezze principali riferibili allenergia elettr ca

14

Inoltre, il flusso di elettroni pu attraversare un conduttore muovendosi sempre nella stessa direzione, e allora si parler di corrente continua, oppure cambiare continuamente la direzione, assu-

Una terza grandezza legata allo sfasamento angolare la potenza reattiva, che non produce lavoro. Tanto pi grande sar la potenza reattiva, tanto maggiore sar lo sfasamento.

Foto 3 - Celle solari assemblate a formare un modulo

mendo un andamento sinusoidale, dando origine a corrente alternata. In questo caso, la corrente in questione ha unintensit variabile entro periodi prefissati (cicli) che si ripetono un certo numero di volte nellunit di tempo, a seconda della loro frequenza. Nei circuiti in cui passa corrente alternata, non sempre la tensione che genera la corrente e la corrente stessa (parametri che assumono un andamento sinusoidale), raggiungono nello stesso momento i valori massimi e i valori minimi nel loro ciclo: si avr, allora, uno sfasamento dei due valori. Il risultato di questo sfasamento la divisione tra una potenza reale e una potenza apparente, il cui rapporto rappresentato dal coseno dellangolo di sfasamento, o cos (cos fi), che definisce il cosiddetto fattore di potenza. 15

Nella Tab. 3 sono riassunti i parametri legati allenergia elettrica. 1.5 La conversione fotovoltaica La conversione fotovoltaica quel fenomeno fisico che consente la trasformazione diretta dellenergia solare in energia elettrica. In estrema sintesi, si pu dire che la radiazione solare induce, in particolari materiali semiconduttori, un effetto fotovoltaico. In questo caso, lenergia ricevuta provoca un movimento caotico di elettroni allinterno del materiale. Se si uniscono due regioni di un semiconduttore che sono state artificialmente dotate di concentrazioni diverse di elettroni, si determina un campo elettrico che provocher un flusso costante di elettroni.

Questi dispositivi formati da semiconduttori opportunamente trattati sono chiamati celle solari (o celle fotovoltaiche). Quando la radiazione solare incide su una della facce di una cella solare, compare in essa una tensione elettrica analoga a quella che si produce tra i due elettrodi di una normale pila. Mediante la collocazione di contatti metallici in ciascuna delle due facce della cella solare si pu estrarre energia elettrica. Il materiale semiconduttore comunemente usato per la costruzione di celle fovoltaiche il silicio. In base al tipo di trattamento del silicio, si possono distinguere tre tipi di celle con caratteristiche lievemente differenti: celle di silicio monocristallino celle di silicio policristallino celle di silicio amorfo Le differenti caratteristiche del silicio con cui sono costruite le celle determinano differenze di prestazioni, di rendimenti e di costi delle celle stesse, come sar meglio evidenziato nel capitolo successivo. Il rendimento (o efficienza), riferito alla cella fotovoltaica in base al tipo di silicio utilizzato nella sua costruzione, esprime il rapporto fra la potenza elettrica erogata e la potenza della radiazione incidente. Legata alla conversione fotovoltaica importante la misura delle Ore di Sole Equivalente (ESH,
ESH INCL. 0 (Wh/m2/giorno) 1.349 1.942 2.931 3.826 4.582 4.885 4.989 4.396 3.245 2.152 1.244 1.082 36.623 3.052 ESH INCL. 30 (Wh/m2/giorno) 2.214 2.692 3.504 3.990 4.376 4.523 4.759 4.602 3.867 2.989 1.949 1.893 41.360 3.447

Equivalent Solar Hours), che un modo semplice ed efficace per il calcolo dellenergia ottenibile dai moduli fotovoltaici (si veda il capitolo seguente, paragrafo 2.1), pur rimanendo valido, se si dispone di misure dettagliate della radiazione solare incidente, il calcolo riportato alla fine del paragrafo 1.3. La misura delle ESH deriva dai dati di insolazione delle stazioni meteorologiche, opportunamente elaborati, per essere utilizzati per fare calcoli sulla resa della conversione fotovoltaica con una buona precisione. La Tab. 4 riporta le Ore di Sole Equivalenti (medie giornalieri mensili in Wh/m2), per zona e per inclinazione del modulo fotovoltaico, nonch il numero di ore giornaliere per le quali si pu considerare che il modulo lavori alla massima potenza, cio in cui la radiazione diretta incidente alla superficie. Quindi per sapere quanta corrente (Ah al giorno) fornisce un modulo di potenza conosciuta sufficiente moltiplicare il numero di ESH per la corrente di picco del modulo (si veda il capitolo 2.1 e capitolo 8). Se invece si vuole effettuare il calcolo utilizzando le tabelle della radiazione solare incidente misurata nelle varie stazioni Regionali (si veda paragrafo 1.3) trasformare il valore (M/m2 mensili) in kWh/m2 e poi dividerlo per il numero di giorni del mese preso in considerazione, prima
ESH INCL. 45 (Wh/m2/giorno) 2.491 2.868 3.534 3.820 4.068 4.166 4.419 4.409 3.897 3.187 2.160 2.156 41.176 3.431 ESH INCL. 60 (Wh/m2/giorno) 2.626 2.892 3.388 3.454 3.520 3.546 3.813 3.984 3.732 3.217 2.254 2.298 38.726 3.227

MESE gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre TOTALE MEDIA ANNUA

ESH (Num. di ore) 3,8 4,5 5,5 6,0 6,8 7,5 8,4 7,4 5,5 4,5 2,9 3,2 66 6

Tab. 4 - Ore di Sole Equivalenti (ESH) riferite al Piemonte (calcolate sulla stazione meteorologica di Torino Caselle) in funzione dellinclinazione del modulo fotovoltaico.

16

di moltiplicare il tutto per la potenza di picco del modulo. Detti valori non sono significativi per tutte le sta-

zioni, ma, utilizzati con beneficio dinventario, possono dare unidea sulle possibili rese di un impianto da installare in una localit vicina.

IN SINTESI I metodi di calcolo utilizzabili per determinare lipotetica energia resa da un modulo fotovoltaico in uno specifico sito sono due: t Semplificato: ESH (da Tab. 4) X corrente di picco del modulo = Ah al giorno

t Dettagliato: Radiazione globale diretta (da tabelle in appendice specifiche per zona, prendendo i valori delle tre stazioni pi vicine al sito e facendo la media) X 0,27(MJ>kWh) / n di giorni del mese X potenza di picco del modulo = Ah al giorno

17

IMPIANTO FOTOVOLTAICO
s s s s s

2 COMPONENTI
2.1 Il modulo fotovoltaico Come gi detto in precedenza, la cella fotovoltaica un dispositivo in grado di convertire la radiazione solare in energia elettrica. Ogni cella fornisce una tensione che pu arrivare a 0,5 volt ed una corrente continua proporzionale alla radiazione solare incidente, alla superficie ed alla qualit della cella stessa. I moduli fotovoltaici sono realizzati collegando elettricamente in serie 36 celle fotovoltaiche, e possiedono una tensione nominale di 12 V. Le celle cos connesse vengono incapsulate tra un cristallo ad elevato coefficiente di trasmissione ed uno strato di materiale plastico nella parte posteriore, resistente allumidit. La lamina ottenuta viene incorniciata con alluminio anodizzato, che le conferisce robustezza e rigidit. Il modulo normalmente dotato di una scatola di terminazione per alloggiare i morsetti in uscita, in cui le polarit dei morsetti sono opportunamente contrassegnate. Lassemblaggio delle parti che compongono il modulo fotovoltaico visibile nella Fig. 3. Vetro Connessione fra le celle Profilato di Alluminio Incapsulante Sigillante Connessione esterna

Foto 4 - Celle solari unite da connessioni elettriche

Protezione posteriore

Foro di fissaggio
Fig. 3 - Composizione di un modulo fotovoltaico

19

Si definisce stringa fotovoltaica la serie di pi moduli, connessi per ottenere tensioni di lavoro superiori ai 12 V nominali; solitamente 24, 48, 96 e 110 V. Si definisce campo fotovoltaico linsieme di tutti i moduli (in serie e parallelo) facenti capo a due unici terminali. Il silicio utilizzato in fase costruttiva determina le caratteristiche delle celle, evidenziate nella Tab. 5. Le caratteristiche dei moduli sono tali da garantire il funzionamento ad una potenza pari al

Foto 5 - Il campo fotovoltaico costituito da pi moduli uniti insieme

TIPO DI SILICIO monocristallino policristallino amorfo

RENDIMENTO % 13-14 12-13 7-8

DURATA anni superiore ai 20 anni superiore ai 20 anni non inferiore ai 15 anni

COSTO /watt 15-17 15-17 13-17

ASPETTO CELLE uniforme a scaglie uniforme

COLORE blu, nero, grigio blu, azzurro, rosato nero, grigio scuro

Tab. 5 - Caratteristiche dei moduli fotovoltaici attualmente in commercio

90% di quella misurata allatto delle prove di accettazione per un minimo di 10 anni. La vita reale dei moduli fotovoltaici in silicio mono e policristallino superiore ai venti anni. I moduli realizzati con silicio amorfo a triplo straUNIT DI MISURA [V] [I] [V] [I] [W]

to (ultima tecnologia disponibile) hanno una vita non inferiore ai 15 anni. I parametri elettrici fondamentali del modulo fotovoltaico sono riportati nella Tab. 6.

PARAMETRO Voc Isc Vm Im Wm

DESCRIZIONE tensione a circuito aperto, misurabile collegando un voltmetro ai terminali del modulo corrente di corto circuito, ottenibile cortocircuitando il modulo attraverso un amperometro tensione massima in corrispondenza della massima potenza corrente massima in corrispondenza della massima potenza potenza massima = Vm x Im

Tab. 6 - Modulo fotovoltaico: parametri fondamentali

ottenuti alle condizioni di misura: 1 potenza incidente 1.000 W / m2 (AM1*) 2 temperatura della cella 25 C

(*) Le condizioni di insolazione AM1 (Air Mass 1) si intendono al livello del mare in una giornata serena e limpida con il sole allo zenit.

20

Foto 6 - Etichetta sul lato posteriore di un modulo indicante le caratteristiche

2.2 Laccumulatore (batteria) Laccumulatore un dispositivo in grado di immagazzinare energia elettrica, durante la carica, sotto forma di energia chimica, e di restituirla mediante un processo di reazione chimica inverso a quello della carica. Ogni elemento accumulatore presenta ai suoi capi una tensione di 2 V nominali. Per avere tensioni superiori si collegano in serie pi elementi, venendo cosi a costituire una batteria di accumulatori. La serie degli accumulatori pu essere realizzata allinterno di un unico contenitore, costituendo cos una batteria monoblocco. Una batteria monoblocco contiene allinterno sei accumulatori da 2V ed ha quindi una tensione nominale di 12V. La tensione di lavoro in realt compresa fra 10,50,5 (batteria scarica) e 14,00,5 (batteria carica), a seconda del tipo di batteria e delluso a cui destinata. 21

Nel caso in cui la serie sia realizzata con connessioni esterne si parla di batteria stazionaria. Gli elementi accumulatori vengono appoggiati su appositi scaffali e collegati elettricamente con connessioni rigide o flessibili. Negli impianti fotovoltaici si possono utilizzare differenti tipi di batterie. La scelta dettata dai seguenti paramenti: costo; capacit nominale; tensione nominale; vita prevista; manutenzione necessaria; sito di installazione (resistenza al freddo). Le batterie utilizzate negli impianti fotovoltaici devono necessariamente avere le seguenti caratteristiche: elevata sensibilit alla ricarica lenta, cio quella che avviene con i moduli fotovoltaici (carica a bassa intensit di corrente rispetto alla capacit nominale della batteria); bassa autoscarica durante i periodi di inattivit. I tipi di batterie utilizzabili sono sostanzialmente due: accumulatore Solare al Piombo-acido a piastre; accumulatore al Piombo-gel. Nel primo caso laccumulatore costituito da un recipiente in cui sono immersi, in una soluzione acquosa di acido solforico (elettrolito), due elettrodi opportunamente distanziati. In ogni elemento accumulatore, ciascun elettrodo costituito da pi piastre piane o tubolari collegate tra loro in parallelo e separate da diaframmi (separatori). Nella batteria solare i separatori sono in lana di vetro, per limitare lautoscarica.. Nel caso degli accumulatori al Piombo-gel, il principio di funzionamento abbastanza simile. La sostanziale differenza che lelettrolito imprigionato in soluzione gelatinosa e la batteria ermeticamente sigillata. Questo offre diversi vantaggi: assenza di manutenzione; i gas sviluppati durante la carica restano imprigionati allinterno della batteria stessa, ricombinandosi durante la scarica; non necessita di rabbocchi di elettrolito in quanto non c riduzione di questultimo dovuta a evaporazione; possibilit di installazione in locali chiusi anche molto piccoli, con minimi ricambi daria;

possibilit di trasporto ed installazione in qualsiasi posizione. La tabella seguente riassume le principali caratteristiche e differenze dei vari tipi di accumulatori e comTIPO DI BATTERIA anni di vita utile manutenzione resistenza al freddo costo in Lire monoblocco avviamento 2-3 controllo livello acido buona monoblocco solare piombo-acido 4-5 controllo livello acido buona 350.000

para i relativi prezzi (I.V.A. esclusa) per un parco batterie di 200 Ah - 12V preso a titolo di esempio. I parametri elettrici fondamentali delle batterie sono riportati nella Tab. 8.
monoblocco piombo-gel 6-10 nessuna discreta 1.200.000 stazionaria piombo-acido 9-12 controllo livello acido buona 1.500.000 stazionaria piombo-gel 9-12 nessuna discreta 1.500.000

Tab. 7 - Esempi di batterie utilizzabili per un parco batterie di 200 Ah - 12V UNIT DI MISURA [V] [Ah]

PARAMETRO Vn Q

DESCRIZIONE tensione nominale di esercizio capacit nominale di corrente, cio quantit di corrente che la batteria in grado di restituire dopo una carica. (Questo valore viene riferito ad una scarica controllata in 20 ore e ad una temperatura di 25C)

Tab. 8 - Batterie: parametri fondamentali

2.3 La centralina elettronica La centralina elettronica di regolazione carica/ scarica un dispositivo fondamentale per la realizzazione di un buon impianto. Ha la funzione di tenere sotto controllo la carica e la scarica delle batterie. La batteria un elemento delicato: non deve essere sovraccaricata e non deve essere sottoposta a scariche complete. Vediamo in dettaglio le funzioni svolte dalla centralina elettronica. 1) Controllo della carica delle batterie. Quando le batterie sono completamente cariche, la centralina scollega i moduli per evitare fenomeni di sovraccarica: lelevata gasificazione con evaporazione della parte acquosa dellelettrolito rende necessari frequenti rabbocchi, oltre a diminuire considerevolmente la vita della batteria stessa. Diverso il caso delle batterie ermetiche al Gel:

se sovraccaricate tendono a surriscaldarsi, con conseguente deformazione e danneggiamento. 2) Controllo della scarica delle batterie. Quando le batterie sono completamente scariche, la centralina scollega le utenze per evitare di scaricarle ulteriormente, portando la tensione a valori troppo bassi. Una scarica oltre l80% della capacit nominale della batteria pu danneggiarla seriamente. In linea di massima una batteria ad acido dovrebbe essere ricaricata, almeno parzialmente, entro le 24 ore successive ad una scarica completa. La batteria al Gel patisce meno la scarica profonda, ma in ogni caso dovrebbe essere ricaricata entro le 48 ore successive alla scarica. 3) Eventuale visualizzazione dei parametri fondamentali dellimpianto quali: tensione di batteria, corrente prodotta dal campo fotovoltaico, corrente assorbita dalle utenze. I parametri elettrici fondamentali delle centraline fotovoltaiche sono riportati nella Tab. 9.

22

PARAMETRO Vn ImaxIN ImaxOUT Tsm Tsu Tiu Is

UNIT DI MISURA [V] [A] [A] [V] [V] [V] [A]

DESCRIZIONE tensione nominale di esercizio massima corrente gestibile in ingresso in arrivo dal campo fotovoltaico massima corrente gestibile in uscita verso le utenze tensione di massima carica batterie; sconnessione del campo fotovoltaico tensione di minima carica batterie; sconnessione utenze tensione di reinserimento utenze corrente autoconsumo, cio la corrente che la centralina consuma per svolgere le proprie funzioni principio di regolazione e carica

Tab. 9 - Centraline elettroniche: parametri fondamentali

Foto 7 - Centraline elettroniche

Radio e televisori Alcune radio ed alcuni televisori di piccola taglia sono dotati di uno spinotto per lalimentazione in bassa tensione. Un televisore da 14 pollici ha una potenza di targa di circa 50 W, paragonabile alla potenza luminosa (utilizzando lampade fluorescenti) necessaria per illuminare bene una stanza di circa 20 m2. Ricetrasmittenti Tutte le apparecchiature radio portatili ricetrasmittenti funzionano a batteria. Sono tutte collegabili alla batteria dellimpianto fotovoltaico direttamente, o attraverso un riduttore di tensione (alcune radio sono alimentate da batteria a 4,8 o 7,2 V). Frigoriferi Sono disponibili a diverse tensioni di lavoro: 12, 24, 48 V. Oltre ai modelli di piccola capacit realizzati per i veicoli ricreazionali (camper, barche), si trovano oggi sul mercato frigoriferi e congelatori di notevoli capacit, realizzati da note case produttrici modificando i modelli standard a 220 V. Il costo dacquisto abbastanza elevato ed quindi da valutare la convenienza, in alternativa, di acquistare un frigorifero standard a 220 V ed un dispositivo inverter. 2.5 Convertitore c.c./c.a. (inverter)

2.4 Le utenze in bassa tensione 12/24 V c.c. Illuminazione Sono disponibili sul mercato corpi illuminanti con luce fluorescente ad alta resa luminosa alimentabili a 12/24 V c.c. Contengono internamente una scheda elettronica per laccensione del tubo fluorescente. Rispetto alle normali lampade ad incandescenza consumano circa 1/4 di energia a parit di resa luminosa. 23

Linverter un dispositivo elettronico che converte la corrente continua prelevata dalle batterie in corrente alternata molto simile a quella fornita dalla rete elettrica nazionale. Si utilizza negli impianti di potenza medio-elevata ed in tutti quei casi in cui necessario alimen-

tare apparecchiature a 220 V - 50 Hz. Non facile valutare la convenienza o meno di prevedere un inverter nel proprio impianto fotovoltaico: necessario tenere conto che durante la conversione da corrente continua in bassa tensione a corrente alternata a 220 V una certa quantit di energia viene dissipata in calore. Lenergia cos sprecata valutabile intorno al 1825% quando linverter sottoposto al massimo carico sopportabile, ed incide proporzionalmente sulla dimensione del campo fotovoltaico da installare.
PARAMETRO Vn Tu fdo Pc Pt Pp Is [A] UNIT DI MISURA [V] [V] DESCRIZIONE

Quando linverter sottoposto ad un carico relativamente piccolo rispetto al carico massimo, la quantit di energia sprecata sale oltre il 30%. evidente che in impianti di piccola taglia luso dellinverter sconsigliato, quindi conveniente avere utenze in corrente continua. Il concetto sar rivisto in seguito nel capitolo dedicato al dimensionamento degli impianti. I parametri fondamentali dei dispositivi inverter sono i seguenti riportati nella Tab. 10.

[VA] [VA] [VA]

tensione nominale di alimentazione V c.c .dalle batterie tensione di uscita V c.a. (normalmente 220 V - 50 Hz) forma donda della Tu (pu essere quadra, trapezoidale o sinusoidale) potenza di uscita continua; la potenza del carico che si pu alimentare di continuo potenza temporanea; sovraccarico ammesso per brevi periodi; potenza di picco; sovraccarico che linverter riesce a sopportare per brevissimi periodi (porzioni di secondo) allavviamento di motori o pompe (motori di compressori frigoriferi per esempio) rendimento di conversione, indice di qualit del dispositivo, esprime la quantit di energia che viene persa durante la conversione corrente a riposo, cio la corrente che linverter assorbe quando non lavora

Tab. 10 - Inverter: parametri fondamentali

2.6 Le utenze in c.a. 220 V Far funzionare utenze con corrente alternata prodotta da un dispositivo inverter non presenta particolari problemi. per necessario scegliere linverter della giusta potenza, perch lavori in condizioni di massimo rendimento e possa far fronte ai picchi di potenza richiesta dalle utenze, soprattutto ai picchi dovuti alla accenUTENZA stalla 1 stalla 2 casera totale LAMPADINE AD INCANDESCENZA (W) 375 325 150 925

sione di motori elettrici (frigorifero, pompe, ecc.). Anche a 220 V, inoltre, bene utilizzare plafoniere con luce fluorescente ad alto rendimento, reperibili dai grossisti di materiale elettrico. A titolo di esempio, nella Tab. 11 sono riportati i dati reali di risparmio energetico misurati in una azienda agricola dopo la sostituzione delle normali lampade ad incandescenza con lampade a basso consumo.
LAMPADINE A BASSO CONSUMO (W) 204 173 48 425 RISPARMIO ENERGETICO % 46 47 68 54 (fonte: Savoye 1995)

Tab. 11 - Esempio di risparmio energetico conseguibile con lampade a basso consumo

24

Foto 8A e 8B - Lampade a basso consumo

La caduta di tensione nei conduttori della linea elettrica proporzionale alla: corrente che attraversa il conduttore; lunghezza del conduttore; ed inversamente proporzionale alla: sezione del conduttore. Per migliorare le prestazioni di un impianto a bassa tensione quindi necessario: avere correnti le pi basse possibili: se la potenza in gioco elevata opportuno realizzare limpianto a tensioni di 24 o 48 Foto 9 - Stalla illuminata con lampade a basso consumo alimentate da enerV anzich 12 (in modo da ridurgia fotovoltaica re, a parit di potenza, il valore della corrente stessa); 3 IMPIANTO ELETTRICO realizzare le linee elettriche il pi corte possibili; utilizzare cavi di sezione adeguata per limitare 3.1 Cavi le cadute di tensione sulle linee. Il rame con il quale si realizzano i cavi elettrici necessario dimensionare correttamente la sezioun ottimo conduttore; presenta comunque una rene del conduttore della linea elettrica per evitare: sistenza al passaggio della corrente che provoca tensione sulle utenze troppo bassa rispetto a una caduta di tensione. quella nominale di lavoro (possibilit di malfunzionamenti); surriscaldamento dei cavi. SEZIONE NOMINALE RESISTENZA CADUTA DI TENSIONE mm2 /Km mV/Am La Tab. 12 indica la resistenza dei 1 22,1 44,2 cavi, riferita ad 1 Km di linea, e la 1,5 14,8 29,7 caduta di tensione, riferita ad ogni 2,5 8,9 17,8 metro di conduttore per ogni Am4 5,6 11,1 pere di corrente che lo attraversa.
6 10 16 3,7 2,2 1,4 7,4 4,5 2,8

Tab. 12 - Parametri relativi ai cavi elettrici (in cordino di rame)

25

ESEMPIO PRATICO DI DIMENSIONAMENTO SEZIONE CAVI Tensione nominale di impianto (batteria) Vn: 12 V Tensione reale batteria sotto carico Vr: 12,5 V Corrente utenza (esempio frigorifero 60 W): 5,12 A Tensione di funzionamento utenza 10,5-12,5 Distanza frigorifero batteria: 10 m Lunghezza linea elettrica batteria-frigorifero: 20 m Utilizzando cavi di sezione 1,5 mm2: Vc (caduta di tensione) = caduta di tensione per ogni metro ed ogni ampere x corrente x lunghezza Vc = 29,7/1000 x 5,12 x 20 = 3,04 V Tensione sul frigo = Vr - Vc = 12,5 - 3,04 = 9,46 V molto bassa, il frigorifero non funzioner correttamente. Utilizzando cavi di sezione 2,5 mm2: Vc = 17,8/1000 x 5,12 x 20 = 1,82 V Tensione sul frigo = 12,5 - 1,82 = 10,68 V accettabile Utilizzando cavi di sezione 4 mm2: Vc = 11,1 x 5,12 x 20 = 1,14 V Tensione sul frigo = 12,5 - 4,56 = 11,36 V soluzione ottimale con linea dedicata al solo frigorifero

Foto 10 - Quadro elettrico con centralina elettronica

3.2 Fusibili Scopo dei fusibili quello di proteggere linee ed apparecchi da sovracorrenti o corto circuiti accidentali. Il fusibile sfrutta per il suo funzionamento leffetto Joule, cio il surriscaldamento causato dal passaggio di una corrente in un corpo conduttore. La protezione si realizza con linterruzione del fusibile stesso, a causa della fusione dellelemento fusibile. 26

Lelemento completo si compone di due parti, quella fissa alla quale si collegano i conduttori (cavi della linea da proteggere), detta portafusibile, e quella mobile, detta cartuccia, costituita dal fusibile vero e proprio. Dopo che il fusibile intervenuto, necessario sostituirlo per ripristinare la linea elettrica e la protezione. Dati caratteristici del fusibile sono: la rapidit di intervento; la corrente di intervento. La rapidit dintervento il tempo che intercorre da quando il fusibile attraversato dalla corrente di intervento e linterruzione del fusibile stesso. Generalmente i fusibili si suddividono in: Fusibili rapidi Con questo tipo di fusibili, che fondono non appena sono attraversati dalla corrente di targa, interrompendo la linea, lintervento immediato. Sono utilizzati per proteggere apparecchiature elettroniche delicate (normalmente montati a bordo delle stesse). Fusibili lenti o ritardati:

In questo caso lintervento ritardato, perch intervengono solo dopo un certo tempo da quando sono attraversati dalla corrente di targa. Sono utilizzati per la protezione delle linee elettriche e per i motori i quali, allavviamento, richiedono degli spunti di corrente anche quattro o cinque volte superiori alla corrente di regime. Interruttori magnetotermici Oltre ai fusibili, si possono utilizzare gli interruttori magnetotermici, che sono anchessi sistemi di protezione basati sulleffetto Joule. Il surriscaldamento provocato da una corrente eccessiva (per la linea elettrica o per le utenze) provoca automaticamente lapertura dellinterruttore. Il ripristino non necessita di sostituzione di cartuccia come per i fusibili, ma di una azione manuale per riportare linterruttore in posizione di lavoro. Alcune centraline di regolazione portano a bordo il fusibile di protezione per le utenze, anche se buona norma installare pi fusibili per le protezioni delle diverse linee, nel quadro elettrico generale (linea luci, linea frigo, linea inverter). 3.3 Impianto di terra Se sottoposto a potenziali elettrici pericolose, il corpo umano, che ha una propria resistenza elettrica, viene attraversato da corrente e deve pertanto essere protetto rispetto alla terra, consi-

derata come punto di riferimento a potenziale elettrico zero. La tensione pericolosa per il corpo umano quando supera i 48V in corrente continua o 25V in corrente alternata. Quindi nel caso in cui limpianto sia realizzato completamente in corrente continua a tensione minore di 48V, non strettamente necessario realizzare limpianto di terra a protezione delle persone. consigliabile per averlo per scaricare eventuali sovratensioni prodotte da scariche atmosferiche che potrebbero danneggiare la centralina elettronica di regolazione. Nei casi in cui limpianto si realizzi con inverter e quindi sia presente la tensione alternata 220 V e necessario realizzare limpianto di terra e collegare anche un dispositivo differenziale salvavita. Nel caso di edifici esistenti possibile realizzare limpianto di terra con linfissione di tre o quattro picchetti verticali o con linterramento di una corda di rame nuda da 35 mm lunga 10/20 metri. La scelta del sistema dipende dalla conformazione del sito e dalla resistivit del terreno su cui si deve realizzare.

4 SCHEMI DIMPIANTO
4.1 Impianto in c.c. senza accumulo e utenze specifiche

Pannelli fotovoltaici

Pompa

Sistema di controllo

Fig. 4 - Impianto in c.c. senza accumulo e utenze specifiche

27

4.2 Impianto in c.c. con accumulo e utenze in bassa tensione

Pannelli fotovoltaici

Regolatore

Illuminazione

Radio

Frigorifero

Parco batterie

Tv

Ricetrasmittente

Fig. 5 - Impianto in c.c. con accumulo e utenze in bassa tensione

28

4.3 Impianto con accumulo misto in bassa tensione c.c. e 220V c.a.

Pannelli fotovoltaici Regolatore Illuminazione Radio

Tv

Ricetrasmittente

UTENZE IN CORRENTE CONTINUA

Parco batterie

INVERTER

Frigorifero

Elettrodomestici vari

UTENZE IN CORRENTE ALTERNATA 220 V

Fig. 6 - Impianto con accumulo misto in bassa tensione c.c. e 220V c.a.

29

INSTALLAZIONE E
s s s

MANUTENZIONE
s s

5 INSTALLAZIONE
5.1 Pannello 5.1.1 Orientamento e posizionamento Poich il sole in movimento durante il giorno, e per di pi su una traiettoria che varia nel corso dellanno, per aumentare lenergia (i raggi sola-

ri) catturata esistono due possibili strategie: muovere la superficie in modo che sia sempre ortogonale ai raggi del sole, realizzabile per con sistemi complessi e troppo costosi per la maggioranza delle applicazioni; trovare una o due posizioni che nel corso dellanno (o in periodi particolari) diano una resa media il pi elevata possibile.
Foto 11 - Inclinazione a 45 sul piano orizzontale per un modulo utilizzato tutto lanno

Foto 12 - Ricerca dellorientamento e dellinclinazione ottimali

31

Indicazioni valide per il Nord dItalia sono riassunte nella Tab. 13.
PERIODO DUSO Estivo Invernale Annuale ORIENTAMENTO SUD ( 30) SUD (+0 / -30) SUD (+0 / -30) INCLINAZIONE 30 60 45

Tab. 13 - Orientamento ed inclinazione ottimale per il Nord dItalia

Nello scegliere il punto di installazione dei pannelli occorre considerare anche le possibili ombre dovute ad ostacoli (comignoli, case, alberi, montagne): ricordare che il percorso del sole cambia con le stagioni e che nel periodo invernale le ombre sono pi lunghe. Da considerare anche che in inverno (quando il sole pi basso) la maggior parte degli alberi non ha foglie, eliminando un possibile ostacolo. Ombre presenti solo nel primo o nellultimo periodo della giornata influiscono poco sulla resa generale.

5.1.2 Strutture per il fissaggio Come principio generale meglio evitare il ricorso a strutture complesse: preferibile accettare una leggera perdita di resa, a vantaggio della semplicit ed affidabilit del sistema. Generalmente i pannelli fotovoltaici sono autoportanti, e dispongono di opportuni fori di ancoraggio sulla cornice in alluminio. Nella maggior parte dei casi la soluzione migliore quella di fissarli direttamente mediante staffe imbullonate. Ove occorresse una struttura di sostegno, si pu utilizzare del profilato ad L per realizzare delle cornici o delle H da fissare alla struttura, ed ancorare i pannelli alle cornici tramite bulloni in modo da rendere facili le operazioni di montaggio/smontaggio.

IN SINTESI t il piano costituito dal pannello fotovoltaico deve essere sempre orientato verso SUD, considerando che angoli rispetto al SUD compresi tra 30 portano a rese sostanzialmente identiche. t in caso di zona soggetta a nebbie e foschie

preferibile una leggera rotazione (15 circa) verso EST, per sfruttare meglio le ore del mattino (normalmente pi terse). t la migliore inclinazione del pannello rispetto allorizzontale dipende dalla latitudine del luogo e dal periodo dellanno in cui si vuole avere la resa maggiore.

32

Foto 13A, 13B e 13C - Sistemi di fissaggio

5.1.3 Cablaggio Allinterno della scatola di connessione sono alloggiati i terminali del modulo fotovoltaico, opportunamente contrassegnati per il collegamento.

Su alcuni moduli sono presenti anche due diodi di by-pass; questi hanno funzione solo negli impianti con tensione nominale superiore a 24V.

33

ATTENZIONE Quando si utilizza una struttura di sostegno indispensabile che questa sia dimensionata in modo da resistere agli sforzi imposti dagli eventi meteorologici: il peso della neve, e soprattutto il vento, hanno una potenza spesso sottovaluta; inoltre occorre considerare una protezione adeguata contro la corrosione ed una messa a terra dellintera struttura.

Se erroneamente si collega con polarit invertita il modulo fotovoltaico direttamente alla batteria si provoca lesplosione dei diodi di by-pass; questo pu essere pericoloso per gli occhi. importante, dopo aver realizzato i collegamenti elettrici, assicurarsi della tenuta ermetica della scatola e dei pressacavo o portaguaina.

5.2 Centralina elettronica 5.2.1 Posizionamento La centralina elettronica di regolazione deve essere posizionata in luogo facilmente accessibile per la lettura dei dati di impianto monitorati, eventuali controlli o sostituzioni di fusibile. Deve essere il pi vicino possibile alla batteria per minimizzare le cadute di tensione, al riparo dalla luce diretta del sole ed in luogo asciutto. 5.2.2 Connessioni Nel caso di impianti di piccola taglia ad uso stagionale, i quali vengono rimossi al termine della stagione, si consiglia di realizzare i collegamenti con innesti rapidi a baionetta polarizzati. In questo modo si eviter di dover agire sui morsetti a vite dei vari componenti dellimpianto, ed anche lutente meno preparato potr smontare e rimontare il proprio impianto senza fare errori di collegamento. 5.3 Batteria 5.3.1 Posizionamento Batterie ad acido La batteria deve essere posizionata orizzontalmente in luogo facilmente accessibile per i controlli periodici ed eventuali rabbocchi di liquido. Deve essere il pi vicino possibile alla centralina elettronica di regolazione, in un luogo asciutto, pulito, possibilmente superiore a 0C (la capacit nominale delle batterie riferita a 25C, a 0C la batteria perde circa il 30% della capacit). Le batterie non devono essere installate dentro armadi o dispense, molto importante che ci sia ricambio daria per evitare che le esalazioni acide ristagnino (le esalazioni sono dannose per le per34

sone ed inoltre vi pericolo di esplosioni ad elevate concentrazioni). Batterie al gel Non presentano gli inconvenienti relativi alle esalazioni delle batterie ad acido, possono essere installate in armadi chiusi o nei dormitori, se necessario anche in posizione non orizzontale. Anche queste, comunque, patiscono il freddo. Si consiglia, qualsiasi sia il tipo di batteria prescelta, di ricoprire i poli delle batterie con un velo di grasso di vaselina dopo aver connesso i morsetti. Questo accorgimento evita il formarsi di ossido, nemico del buon contatto elettrico. 5.4 Inverter 5.4.1 Posizionamento Il dispositivo inverter deve essere posizionato in luogo facilmente accessibile per eventuali controlli, manutenzione o sostituzioni di fusibile. Deve essere installato in locali asciutti, adeguatamente ventilati, accessibili solo alle persone autorizzate. Linverter, durante il suo funzionamento, produce calore che viene smaltito attraverso le griglie di ventilazione in modo naturale o con una ventola. 5.4.2 Connessioni Deve essere posizionato il pi vicino possibile alla batteria per minimizzare le cadute di tensione sulla linea ed il costo della linea stessa. consigliabile realizzare le connessioni dellinverter con innesti rapidi polarizzati dal lato corrente continua e con spine e prese a norma CE dal lato 220V. In questo modo leventuale smontaggio invernale dellimpianto potr essere eseguito anche da personale non specializzato.

Linverter dovrebbe essere collegato allimpianto di terra, che solitamente non presente negli alpeggi. Per piccole installazioni (inverter fino a 200 VA) non necessario realizzare limpianto di terra, perch la tensione prodotta, essendo flottante, non risulta pericolosa per le persone. Per potenze superiori deve esser realizzato, collegandovi anche i telai dei moduli fotovoltaici e le strutture di fissaggio. In questo caso necessario installare anche un interruttore differenziale salvavita, per il cui funzionamento una delle due fasi deve essere collegata a terra, diventando conduttore di neutro.

Il rabbocco con acqua distillata deve sempre avvenire a batteria carica (verifica da eseguirsi con un densimetro ed un voltmetro digitale), a batteria scarica il livello di elettrolito diminuisce (circa 1 centilitro per ogni Ah scaricato). Le batterie ermetiche al Gel non necessitano di alcuna manutenzione, salvo la pulizia esterna. Qualunque tipo di batteria ricaricabile (acido, gel, Ni-Cd, ecc.) necessita annualmente di almeno due cicli di scarica/carica totale. In questo modo si evitano fenomeni di invecchiamento ed indurimento precoce delle piastre e delle griglie.

6 MANUTENZIONE
6.1 Pannello Il pannello fotovoltaico non necessita di difficili operazioni di manutenzione: pulizia del cristallo in zone molto polverose nei periodi di prolungata siccit, loperazione di lavaggio deve avvenire senza shock termici per il pannello: va eseguita a pannello freddo, al mattino molto presto o almeno due ore dopo la calata del sole. controllo dei bulloni di fissaggio alla struttura nelle zone soggette a vento 6.2 Centralina La centralina di regolazione non necessita di alcuna manutenzione, sufficiente tenerla pulita dalla polvere con un panno asciutto. In caso di corto circuiti sulle linee o sovraccarichi necessaria la sostituzione dei fusibili di protezione o il ripristino dellinterruttore magnetotermico. Si consiglia di tenere sempre qualche fusibile di scorta del tipo installato. 6.3 Batteria La batteria deve essere tenuta pulita. Sulla superficie, vicino ai tappi dellacido non deve esserci polvere o formazione di condensa di acido. La caduta di corpi estranei allinterno della batteria potrebbe danneggiarla seriamente. Il livello del liquido elettrolito deve essere verificato ed eventualmente rabboccato periodicamente.

Foto 14 - Controllo dei livelli della batteria,

6.4 Inverter Lunica manutenzione periodica ed importante il controllo delle griglie di ventilazione. doveroso assicurarsi che queste non siano ostruite da polvere o altri oggetti: la mancata ventilazione provoca il surriscaldamento dellinverter, un calo del rendimento ed al limite il blocco per protezione termica. Il ripristino del blocco, a seconda del tipo di inverter pu essere automatico oppure ad intervento manuale. Se presente limpianto di terra con un interruttore differenziale salvavita bisogna controllare mensilmente lefficienza di questultimo agendo sul pulsante di test. Gli inverter normalmente sono protetti da fusibili sia sul lato corrente continua che sul lato 220V. Se limpianto realizzato correttamente, difficilmente i fusibili si bruciano, ma importante averne sempre qualcuno di scorta.

35

UTENZE ED APPLICAZIONI:
IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI
s s s s s

7 LE UTENZE AGRICOLE
7.1 Campi di applicazione dei sistemi fotovoltaici in agricoltura Il settore agricolo presenta peculiarit ben specifiche, delle quali bisogna tenere conto quando si pensa a qualunque intervento finalizzato allautoproduzione di energia sfruttando le fonti rinnovabili. fondamentale comprendere innanzitutto che lenergia, nelle sue varie forme, deve essere assimilata a tutti gli altri fattori produttivi, come ad esempio i concimi o la manodopera. Ne consegue che, se da un lato importante cercare di risparmiarne ed ottimizzarne luso, dallaltro bisogna valutare la possibilit di utilizzare fonti alternative di approvvigionamento quando le condizioni ambientali favorevoli le rendono tecnicamente ed economicamente competitive. I punti di forza del mondo rurale rispetto alle opportunit offerte dalle fonti rinnovabili sono: disponibilit di ampie superfici in rapporto alla disponibilit diffusa delle fonti rinnovabili; ridotte esigenze energetiche, combinabili con le basse produzioni generalmente ottenibili dalle fonti rinnovabili;

coerenza tra la disponibilit di alcune fonti e le caratteristiche di molte utenze agricole; le stesse produzioni agricole forniscono dei sottoprodotti o dei prodotti da cui si pu ottenere energia; Daltro canto esistono anche dei problemi specifici: la relativa rigidit di certe operazioni aziendali; le tecnologie poco specifiche per il settore agricolo; i costi degli interventi relativamente alti e poco competitivi nei confronti delle energie tradizionali. Gli impianti fotovoltaici, in particolare, presentano le maggiori controindicazioni dal punto di vista dei costi, dal momento che, a causa delle ridotte rese per unit di superficie, per essere economicamente competitivi con le fonti tradizionali dovrebbero costare 3-4 volte di meno. Tuttavia in certi casi rappresentano una soluzione interessante per lazienda agricola, in quanto il campo d applicazione dei sistemi fotovoltaici vasto e particolarmente indicato per utenze non allacciate alla rete elettrica.

7.1.1 Sollevamento dellacqua irrigua La possibilit di pompare acqua di pozzo o superficiale particolarmente interessante, tanto pi che le necessit di irrigare le colture sono generalmente legate ai periodi di maggiore insolazione. In questi casi, per la semplicit degli impianti, i costi possono competere con quelli delle altre fonti energetiche. Infatti il costo dellallacciamento della pompa alla rete elettrica, soprattutto nel caso di piccoli pozzi, viene ad incidere siFoto 15 - Impianto fotovoltaico dellazienda sperimentale del C.N.R. di Vezzolano (AT) 37

curamente di pi sui costi dimpianto rispetto al prezzo di acquisto ed installazione di un modulo fotovoltaico. Inoltre, lenergia prodotta successivamente non deve essere pagata, al contrario della fornitura dalla rete pubblica. Nel caso in cui i prelievi da piccoli pozzi o da piccole derivazioni siano effettuati tramite una pompa alimentata a gasolio, oppure attaccata direttamente alla presa di potenza della trattrice, linteresse dellinstallazione di un impianto fotovoltaico data dal fatto che questo pu essere totalmente automatizzato mediante timer che stabiliscono lorario di accensione e di spegnimento della pompa stessa. La necessit di irrigare le colture si presenta, in genere, nel periodo estivo, in cui le ore di insolazione sono maggiori e le giornate con il cielo coperto minori, con conseguenti maggiori rendimenti dellimpianto. Considerate comunque la modesta quantit di energia producibile, sono consigliabili solo nei casi in cui le portate in gioco siano modeste e la falda superficiale. Nei sistemi di pompaggio fotovoltaici non sono necessarie batterie per laccumulo dellenergia, in quanto si pu pompare acqua in quantit nelle ore di maggior insolazione, prevedendo un eventuale accumulo in vasche o in serbatoi per una successiva utilizzazione nelle ore senza sole. Il motore della elettropompa alimentato con la stessa tensione prodotta dal modulo solare: quando il serbatoio di accumulo pieno, un interruttore di livello commuta la linea di fornitura dalla pompa ad una resistenza elettrica. Lenergia elettrica prodotta dalle celle fotovoltaiche pu altres essere accumulata in batterie. Questa seconda soluzione presenta chiaramente dei costi maggiori, senza considerare il costo eventuale per la realizzazione di una vasca di accumulo ex-novo. Oltre alle normali pompe reperibili in commercio, si possono utilizzare speciali pompe costruite appositamente per essere abbinate agli impianti fotovoltaici. Queste pompe dedicate, molto utilizzate soprattutto nei paesi in via di sviluppo, sono progettate per utilizzare direttamente lenergia prodotta dai moduli fotovoltaici per alimentare il sistema di pompaggio, senza accumulo in batterie. 38

7.1.2 Serre Il controllo di temperatura e umidit delle serre pu essere realizzato con sistemi elettronici automatici, semplici ma efficaci. Nelle serre, in particolare nelle strutture fisse, molti sono i motori di piccola potenza presenti: per lapertura-chiusura di teli, finestre o griglie di ventilazione; per i teli contro il re-irraggiamento notturno; per la ventilazione forzata, riscaldamento, raffrescamento; per la pompa dellacqua per lirrigazione a pioggia o a goccia, e la fertirrigazione; Inoltre pu essere presente una centralina con una scheda elettronica che assolve due compiti: rilevare, attraverso opportuni sensori dislocati allinterno e allesterno della serra, la temperatura, lumidit dellaria e del terreno, linsolazione; azionare opportunamente, in base ai dati rilevati, i motori delle suddette utenze (normalmente a 12 V). Questi controlli non hanno costi elevati ma quasi sempre esiste il problema della alimentazione, che ne limita lutilizzo ai soli siti facilmente raggiungibili dalla linea elettrica. Nelle situazioni in cui le strutture siano ubicate distante dalle abitazioni, i vari motori possono venire collegati ad un parco batterie alimentato da un impianto fotovoltaico, tanto pi che sia le apparecchiature di controllo che i motori hanno bisogno di una ridotta quantit energia. Da notare che sovente, nelle colture forzate, i maggiori consumi elettrici di molte tipologie produttive si hanno nei periodi in cui anche linsolazione maggiore. Ulteriori considerazioni si possono fare nel caso in cui si tratti di progettare e realizzare una serra nuova. Lopportunit di utilizzare una fonte di energia elettrica autonoma non da sottovalutare a priori. Infatti nella realizzazione di una nuova struttura per coltivazioni di un certo tipo (quelle che necessitano di alti costi di investimento ma che offrono alti redditi) i costi iniziali sono molto elevati, per cui linstallazione di un impianto fotovoltaico in grado di alimentare autonomamente tutti i motori collegati alla centrale elettronica di controllo della serra non incide in maniera eccessiva sui costi (chiaramente in percentuale, non in valore assoluto). Il problema reale , come sempre, legato al corretto dimensionamento dellimpianto.

Le difficolt sono legate a tre parametri: le diverse esigenze delle diverse colture; le diverse esigenze di una coltura nel corso dellanno; le condizioni climatiche, che nelle varie stagioni condizionano sia i parametri ambientali nella serra, sia la resa di un impianto fotovoltaico. Come si vedr dagli esempi di dimensionamento del paragrafo 8.1.2, questo va sempre fatto prendendo in considerazione la stagione in cui i consumi sono maggiori, e questo dipende dal tipo di colture e dai sistemi previsti per la climatizzazione della serra. Per quanto riguarda le considerazioni economiche, nel conteggio complessivo fra le due soluzioni (allacciamento alla rete o fotovoltaico) occorre valutare tutti i costi effettuati o risparmiati. In particolare, nel caso dellallacciamento alla rete pubblica: il costo della linea elettrica; il costo dellallacciamento (se si tratta di un nuovo allacciamento); il costo del fisso mensile (o la differenza nel caso non si tratti di un nuovo contratto, ma di una modifica di quello vecchio per laumento di potenza); il costo delle finestre risparmiate, nel caso si decida di inserire i pannelli fotovoltaici direttamente nella struttura della serra;

I conti da fare sullimpianto fotovoltaico devono anche tenere conto della possibilit di incentivazioni pubbliche, nel caso se ne presenti la possibilit, come ad esempio la Legge n 10/91, art. 13 (si veda il capitolo 9). Chiaramente entrambe le soluzioni devono essere attualizzate nei costi, considerando un periodo di vita utile della serra e dellimpianto di almeno 15 anni.

7.1.3 Illuminazione Lutilizzazione dellenergia fotovoltaica per produrre luce elettrica pu essere presa in considerazione sostanzialmente per due diverse soluzioni: lalimentazione di luci isolate, quali i lampioni stradali; lalimentazione di abitazioni non allacciate alla rete; In tutti questi casi bisogna valutare sempre la convenienza economica, in quanto la possibilit di allacciarsi alla rete pubblica , in genere, la scelta pi vantaggiosa, a meno di non trovarsi in localit isolate e di difficile accesso. Lalimentazione di lampioni isolati con energia fotovoltaica ormai diventata una realt nel settore dellilluminazione pubblica, in quanto presenta una alta affidabilit. Infatti sia i moduli che le batterie sono in grado di resistere a condizioni ambientali estreme (pioggia, neve, vento) senza presentare alcun problema di funzionamento. Nel caso vi sia la necessit di disporre di un lampione distante dallabitazione nellazienda, pu essere interessante valutare la possibilit di uninstallazione di questo tipo che consente di evitare di allacciarlo con una linea elettrica. Il sistema coFoto 16 - Numerosi possono essere i motorini necessari in una moderna serra: per la movimentastituito da un zione di teli e finestre, per il condizionamento, per la pompa dellacqua 39

lampione predisposto, con lampada a basso assorbimento, unito ad un modulo fotovoltaico che alimenta una piccola batteria. La batteria viene caricata nelle ore di luce e scaricata, cedendo energia alla lampada, nelle ore notturne. Lautonomia della batteria consente di sopperire al mancato caricamento dovuto ad un certo numero di giornate di cielo coperto. Pi interessante linstallazione di un impianto fotovoltaico per quelle utenze rurali isolate non raggiunte dalla rete elettrica, il cui allacciamento presenta costi molto elevati. il caso di molte attivit agricole in zone marginali o montane, oppure nelle isole. Di queste utenze e delle applicazioni del fotovoltaico in queste realt si parler diffusamente nel capitolo successivo, con particolare riferimento alla situazione degli alpeggi. Ricordiamo, infine, che lalimentazione di un impianto di illuminazione a se stante in abitazioni allacciate alla rete non una scelta da prendere in considerazione, in quanto troppo costosa rispetto al costo attuale dellenergia elettrica.

7.1.4 Altre applicazioni Come stato pi volte ripetuto, linstallazione di un impianto fotovoltaico risulta una soluzione pratica e vantaggiosa nel caso in cui lutenza da collegare sia distante dalla rete ed abbia ridotte necessit di energia. Nellazienda agricola le utenze elettriche, azionate da motori di piccola potenza e lontano dallabitazione, possono essere molteplici. Sovente, quando non sono collegati allimpianto elettrico, questi motori sono alimentati da batterie, che devono poi essere ricaricate. In questi casi il collegamento diretto ad un modulo fotovoltaico rappresenta unottima alternativa. Pi spesso lenergia ricavata dal sole viene utilizzata per il caricamento delle batterie che alimentano lutenza, consentendo cos un funzionamento senza limiti di orario. Analizziamo alcune possibili applicazioni. Recinti elettrici per il bestiame I recinti elettrici per il bestiame, generalmente mobili, constano di un filo elettrico collegato ai due poli di una batteria. La batteria, con tensione nominale di 12 o 24 V

Foto 17 - Lampione fotovoltaico

Foto 18 - Elettrificatore per recinti del bestiame con modulo incorporato

40

produce delle scariche elettriche che possono raggiungere i 10.000 V, allorch il filo del recinto viene toccato. Anche in questo caso, la batteria pu essere collegata ad un modulo fotovoltaico. importante ricordare che il modulo ha un peso ed un ingombro ridotto, e pu facilmente venire spostato al seguito del bestiame. possibile applicarne uno ad ogni tipo di elettrificatore, calcolandone i consumi e dimensionando la giusta potenza, ma consigliabile acquistare unelettrificatore gi predisposto, o addirittura con il pannello integrato in un unico monoblocco. Capannine agro-meteorologiche Nelle aziende agricole in cui sia presente una capannina meteorologica possibile provvedere alle necessit elettriche degli strumenti di misura della stessa mediante lenergia fornita da un pannello fotovoltaico. Anche in questo caso lo scopo tenere carica la batteria collegata agli strumenti. Apertura cancelli I cancelli ad apertura automatica, posti, per esempio al viale di accesso dellazienda, sono azionati da un motorino dai modesti consumi, comandato da una centralina elettronica. Lenergia per il funzionamento pu essere fornita da un modulo fotovoltaico posto sul pilastro del cancello stesso.

Segnalatori notturni Altra applicazione possibile ed interessante la realizzazione di sistemi luminosi di segnalazione notturna, che possono essere utilizzati nelle aziende agricole montane per evidenziare punti di riferimento per gli spostamenti notturni.

Foto 20 - Segnalatore fotovoltaico

Sistemi radio portatili Dal momento che con i pannelli fotovoltaici possibile caricare qualsiasi tipo di batteria, interessante anche la possibilit di ricarica dei sistemi radio portatili. Esistono anche degli appositi sistemi portatili composti da borsa e pannello leggero per lalimentazione della radio.

Foto 19 - Le stazioni agrometeorologiche possono essere alimentate con un impianto fotovoltaico

41

IN SINTESI Linstallazione di un impianto fotovoltaico in campo agricolo particolarmente indicato per utenze con le seguenti caratteristiche: isolate, ad una certa distanza dalla rete, con modeste esigenze energetiche. Esempi: t pompe per lacqua irrigua potabile t illuminazione luci isolate abitazioni isolate t recinti bestiame t capannine meteorologiche

t serre

motori apertura-chiusura raffrescamento-riscaldamento irrigazione t apertura cancelli t segnalatori notturni t radio portatili

7.2 Le Utenze stagionali in montagna 7.2.1 Esigenze energetiche degli alpeggi In tutte le attivit a carattere agricolo-zootecnico i fabbisogni di energia elettrica sono determinati da due tipi di apparecchiature (utenze): quelle legate
UTENZA ferro da stiro fornello forno frigorifero freezer lavatrice radio scaldaacqua televisore Tab. 14 - Utenze domestiche pi comuni

14 e 15, che hanno, in ogni caso, valore puramente indicativo. Conoscendo i picchi dassorbimento (la potenza assorbita) delle varie apparecchiature presenti nellalpeggio e le ore durante la giornata in cui esse sono accese, si possono determinare i consuCONSUMO GIORNALIERO (kWh/giorno) 0,4 0,3 0,6 1,2 1,2 0,2 0,1 5,7 1,2 (fonte: Bechis 1995)

POTENZA (w) 1050 1250 1400 250 420 380 30 1500 300

UTENZA zangola agitatore latte scrematrice mungitrice pompa latte ventilatore Tab. 15 - Utenze professionali in alpeggio

POTENZA (W) 300 300 500 2000 1000 75

CONSUMO GIORNALIERO (kWh/giorno) 0,5 0,6 0,5 10,0 0,5 0,9 (fonte: Bechis 1995)

alla produzione e quelle legate allabitazione. Di queste utenze fornito un quadro riassuntivo, comprensivo di indicazioni su potenze in W e livelli di consumo giornaliero in kWh, nelle Tab. 42

mi giornalieri, arrivando a costruire una curva di carico giornaliero, che servir a misurare il fabbisogno di energia elettrica da coprire. Dal momento che le operazioni giornaliere che si

3000 2500 potenza (W) 2000 1500 1000 500 0 mungitrice officina zangola scrematrice illuminazione u. domestiche

9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 ore
Fonte: Bechis 1995

Graf. 3 - Consumi indicativi di un alpeggio con 80 vacche, produzione di fontina.

effettuano in un alpeggio si ripetono generalmente sempre con lo stesso ordine, i calcoli e la rappresentazione grafica sono abbastanza semplici. A titolo di esempio nel Graf. 3 descritta la curva di carico giornaliero di un alpeggio, comprendente molte delle utenze professionali e domestiche descritte nelle Tab. 14 e 15. Si pu osservare come la presenza della mungitrice richieda una potenza istantanea pari a 2,5 kW in alcune ore della giornata in cui si effettua la mungitura, con lilluminazione accesa. Senza la mungitrice, limpianto dovrebbe essere dimensionato per una potenza massima di 0,9 kW, situazione richiesta nella fascia oraria fra le 19 e le 20. Se inoltre si riuscisse, nella stessa fascia oraria, a non utilizzare contemporaneamente alcune utenze domestiche od a ridurre lilluminazione, si potrebbe abbassare ulteriormente la necessit di energia elettrica. Bisogna inoltre ricordare che, se la successione delle operazioni nel corso della giornata rigida, si verificano comunque delle differenze di durata delle operazioni stesse con il procedere della stagione. Infatti, nel mese di giugno le giornate sono pi lunghe e si hanno minori consumi per illumina-

zione rispetto ad agosto-settembre, mentre la produzione di latte pi elevata, con un conseguente maggior utilizzo delle attrezzature legate alle lavorazioni lattiero-casearie. Per la determinazione dei picchi di assorbimento inoltre importante tenere conto del fatto che i motori elettrici, nel momento della partenza, hanno bisogno di molta pi potenza (la potenza di spunto pari a tre-cinque volte la potenza nominale del motore, con i valori pi alti per frigoriferi e zangole) rispetto a quello che il loro normale assorbimento di energia nel funzionamento a regime. A titolo di aiuto, nella Tab. 16 sono riportati alcuni valori indicativi di riferimento, rispetto al numero di animali in lattazione e al numero di addetti, a seconda che siano presenti (SI) o meno (NO) le varie apparecchiature nellalpeggio. Come caso minimo si considera solo lilluminazione. Per esempio un alpeggio con 2 persone e 40 capi con illuminazione, apparecchiature per la lavorazione del latte e varie utenze domestiche, escluso il boiler elettrico, (soluzione D) consuma al giorno circa 9 kWh, con una potenza di picco massima di 1 kW.

43

dotazione in utenze illuminazione zangola, agitatore, scrematrice mungitrice utenze domestiche scaldaacqua elettrico numero di addetti e di capi 1 addetto con 20 capi 2 addetti con 40 capi 3 addetti con 60 capi 4 addetti con 80 capi 5 addetti con 100 capi 6 addetti con 120 capi 7 addetti con 140 capi numero di addetti e di capi 1 addetto con 20 capi 2 addetti con 40 capi 3 addetti con 60 capi 4 addetti con 80 capi 5 addetti con 100 capi 6 addetti con 120 capi 7 addetti con 140 capi

A SI NO NO NO NO 1,0 1,6 2,2 2,8 3,4 4,0 4,6 0,5 0,5 1,0 1,1 1,3 1,4 1,5

DOTAZIONE PER SOLUZIONE B C D E SI SI SI SI SI SI SI SI NO SI NO SI NO NO SI SI NO NO NO NO CONSUMO GIORNALIERO (kWh) 3,0 5,3 7,2 9,5 3,8 7,7 9,0 12,9 4,9 11,1 11,7 17,9 6,0 13,9 14,4 22,3 7,5 18,2 18,0 28,7 9,0 21,4 21,6 34,0 10,9 24,9 26,1 40,2 PICCHI DI ASSORBIMENTO (kW) 0,6 1,6 1,0 2,0 0,6 2,1 1,0 2,5 1,0 3,0 1,5 3,5 1,5 3,5 2,5 4,5 1,5 3,5 2,5 4,5 2,0 3,5 3,0 4,5 2,0 3,5 3,0 4,5

F SI SI SI SI SI 12,5 16,7 22,8 28,3 36,2 43,0 51,0 3,5 4,0 5,0 6,0 6,0 6,0 6,0

Tab. 16 - Consumi giornalieri e picchi di riferimento indicativi di alpeggi con differente dotazione di macchinari, utenze domestiche e numero di capi

(fonte: Bechis 1995)

Possiamo ora teoricamente dimensionare al meglio il nostro impianto di produzione di energia, il quale deve consentirci due cose: 1) di fornire i kWh giornalieri necessari per coprire il fabbisogno totale di energia elettrica; 2) di fornire una potenza istantanea almeno pari al picco di assorbimento pi alto nel corso della giornata. 7.2.2 Gli impianti fotovoltaici negli alpeggi In realt il problema di prevedere i consumi in funzione dellinstallazione e del dimensionamento di un impianto fotovoltaico sono pi complessi. Infatti bisogna considerare che in questo tipo di applicazione non indicato per integrare la fornitura di energia proveniente dalla rete o da

altra fonte rinnovabile, in quanto quasi mai ci rappresenta una soluzione tecnicamente ed economicamente vantaggiosa. Daltro canto gli alti costi deglimpianti in rapporto alla quantit di energia prodotta e la modesta resa dei moduli fotovoltaici per unit di super-

Foto 21 - Alpeggio alimentato con un impianto fotovoltaico

44

Foto 22 - Posizionamento che sfrutta linclinazione a 30C del tetto di una baita in alpeggio

ficie, rappresentano un limite alla realizzazione di impianti di una certa taglia. Dai dati e dalle tabelle precedenti, si vede che normalmente i fabbisogni energetici di potenza degli alpeggi variano da 1 a 6 kW. Nonostante queste ridotte necessit energetiche, non sempre si riesce a coprire lintero fabbisogno con un impianto fotovoltaico, in quanto i costi che si raggiungono non risultano competitivi con altre soluzioni, per esempio lacquisto di un gruppo elettrogeno. Parlando di utenze isolate e stagionali come sono gli alpeggi, limpiego della tecnologia fotovoltaica diventa interessante in due casi sostanziali: quando rappresenta lunica fonte possibile di energia elettrica, a fronte di modesti consumi di elettricit; quando serve ad integrare lenergia prodotta da un generatore a gasolio. Nel primo caso, infatti, non si tratta di valutare la convenienza economica in rapporto ad altre fonti, ma di poter disporre o meno di elettricit. Inoltre, la possibilit di modulare in modo molto preciso la taglia dellimpianto (sia per quel che riguarda la produzione che per quel che riguarda laccumulo di energia) consente di fare delle scelte che tengano conto, caso per caso, delle necessit da soddisfare e delle disponibilit finanziarie. Laccoppiamento di un impianto fotovoltaico con un generatore di corrente rappresenta sempre unottima soluzione: si riducono drasticamente le ore giornaliere di funzionamento del gruppo elet45

trogeno, allungando quindi la vita del motore e diminuendo i consumi di carburante, e si evita la possibilit che le batterie si scarichino totalmente in caso di perdurare di giorni con il cielo coperto. Il dimensionamento dellimpianto reso anche difficoltoso dal fatto che, se nellalpeggio da elettrificare non presente nessuna forma di produzione di energia, le utenze in pratica non esistono. Si dovr quindi valutare quali saranno le apparecchiature destinate ad essere alimentate dallimpianto e cercare di ipotizzare la presumibile curva di carico giornaliera. Nella realt, per, si procede ancora diversamente. Si possono ipotizzare 2 o 3 soluzioni, a cui corrispondono diversi preventivi di spesa e diverse quantit di energia prodotta e utilizzabile. La decisione finale spetta dunque allutente, che stato reso consapevole che se spende una certa cifra potr disporre di energia per la sola illuminazione, se spende una cifra superiore potr far funzionare anche delle utenze domestiche, a bassa tensione in corrente continua o a 220 V in corrente alternata, e con una spesa ancora maggiore potr utilizzare anche le attrezzature per la lavorazione del latte. Praticamente mai, invece, possibile abbinare luso di una mungitrice ad un impianto fotovoltaico. Nel caso si abbia questa necessit, conveniente abbinare limpianto fotovoltaico ad un gruppo elettrogeno, per i motivi gi esposti in precedenza. La mungitura meccanica non molto diffusa nei nostri pascoli, e chi la pratica gi possiede un

gruppo elettrogeno, se utilizza abitualmente alpeggi non serviti dalla rete elettrica. Quando il generatore gi presente, si riesce, con una modesta spesa, a realizzare un sistema integrato che ottimizza la produzione ed il consumo di energia. Un ultima cosa da ricordare, legata al dimensionamento, riguarda le variazioni stagionali di produzione e consumo di energia. Se da un lato, come abbiamo visto, il consumo tende a diminuire con il procedere della stagione estiva, dallaltro si hanno minori rese dei moduli fotovoltaici per il diminuire delle ore di luce e laumentare delle giornate nuvolose. In pratica, la curva dei consumi tende a decresce3

re, se operano le utenze legate alla lavorazione del latte e la mungitrice, a crescere se si utilizzano solamente le utenze domestiche e lilluminazione. La curva dellenergia prodotta, invece, tende sempre a decrescere, come si pu vedere nel Graf. 4, man mano che si va verso lautunno. Un impianto fotovoltaico pu anche non essere la soluzione migliore quando la presenza di acqua in prossimit dellalpeggio renda tecnicamente ed economicamente conveniente lo sfruttamento di unaltra fonte rinnovabile: lenergia idroelettrica. Il Graf. 5 riassume la convenienza di utilizzare un impianto fotovoltaico per produrre energia nelle varie situazioni.

2,5

energia prodotta energia consumata

1,5 kWh 1 0,5 0 01-lug

15-lug

01-ago

15-ago periodo

01-set

15-set

01-ott

Fonte: Savoye 1995

Graf. 4 - Curve stagionali dei consumi giornalieri in alpeggio e dellenergia prodotta da un impianto fotovoltaico (Esempio: alpeggio con utenze domestiche e per la lavorazione del latte di 80 vacche. Nella realt lenergia prodotta dallimpianto fotovoltaico, formato da 4 moduli da 100 W nominali, stata integrata con quella prodotta da un generatore) (fonte: Savoye 1995)

46

20 18 16 14 12 kWh/giorno 10 8 6 4 2 0

m i c r o c e n t r a l e

g r u p p o e l e t t r o g e n o

fotovoltaico + gruppo elettrogeno f o t o v o l t a i c o acqua disponibile acqua non disponibile


Fonte: Bechis 1995

Graf. 5 - Rappresentazione schematica dellopportunit di utilizzo delle fonti in rapporto al consumo energetico giornaliero e alla disponibilit di energia idraulica

IN SINTESI A seconda delle utenze elettriche presenti o ipotizzabili nellalpeggio e alle relative ore di funzionamento si determinano i consumi. A seconda dei consumi da soddisfare, della

convenienza economica e della presenza di soluzioni alternative di produzione di energia, si valuta la convenienza di un impianto fotovoltaico ed il suo successivo dimensionamento. 8.1 Gli impianti fotovoltaici nellazienda agricola 8.1.1 Sollevamento acqua irrigua Il pompaggio dellacqua con energia fotovoltaica richiede lutilizzo di componenti specifici, studiati per avere il massimo rendimento in tale applicazione. I dati utili per il dimensionamento del sistema sono la quantit di acqua giornaliera necessaria e la prevalenza da superare. Con prevalenza (in metri) si indica il dislivello dellacqua dal punto di pompaggio al punto di raccolta o utilizzo. La Tab. 17 esprime le prestazioni di un sistema pompa-moduli fotovoltaici. Questa tabella fornita dal produttore della pompa sulla base di esperienza e prove reali. 47

8 DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI


Il punto di partenza per il dimensionamento dellimpianto fotovoltaico il calcolo della energia necessaria a soddisfare le esigenze del sistema da realizzare. Come stato evidenziato nel paragrafo 1.5 il metodo pi semplice da utilizzare quello delle Ore di Sole Equivalenti (ESH). Nelle pagine successive sono descritti diversi esempi di dimensionamento degli impianti nelle possibili utilizzazioni trattate nel capitolo precedente.

PREVALENZA 2 MODULI 50 W metri 0 25 50 75 100 150 1700 1150 900 750

2 MODULI 65 W 1750 1200 950 800 600 500

4 MODULI 50W litri/giorno 2900 1800 1500 1200 1000

4 MODULI 65 W 3000 1900 1550 1250 1050 800

4 MODULI 50 W 3500 2250 1900

4 MODULI 65 W 3600 2400 2050 1750 1500

Tab. 17 - Prestazioni di un sistema pompa-moduli fotovoltaici

Come appare chiaro, le prestazioni riportate sono tipicamente ottenibili con una insolazione giornaliera estiva di circa 5 kWh/m2. Per esempio per pompare giornalmente 800 litri di acqua da una falda sotterranea a circa 25 di profondit e portarli in un serbatoio di raccolta a 25 metri di dislivello rispetto al punto di utilizzo per avere circa 2,5 atmosfere di pressione allutilizzo si utilizzer un sistema composto da: una pompa del tipo preso ad esempio; due moduli da 50 W cad.; una struttura di supporto; un serbatoio di raccolta a cielo aperto di almeno 1500 litri;

un sistema di controllo elettronico per ottimizzare le prestazioni dei moduli e della pompa. Il costo di un tale sistema di circa 4.000.000 + I.V.A. escluse le condotte, il cui costo varia in funzione della lunghezza, ed il serbatoio di raccolta. 8.1.2 Serre Lanalisi delle potenze impiegate nelle serre e della durata di funzionamento giornaliera di ogni utenza deve essere alquanto dettagliata, se si vuole pensare di dimensionare al meglio un impianto fotovoltaico, tenendo presenti gli alti costi in gioco. Ulteriore difficolt data dalle notevoli differen-

Foto 23 - Quadro elettrico di controllo in una serra

48

TEMPO DI FUNZIONAMENTO Pot.Inst. W 1 1.1 1.2 1.3 1.3 2 2.1 2.2 3 3.1 3.2 3.3 APERTURE colmo dx colmo sx laterale dx laterale sx TELI telo alluminio telo ombreg. IRRIGAZIONE pompa gr. fertirrig. elettrov. zona RISCALDAM. bruciatore ventilatore circolatore valvole mot. RAFFRESC: fog cooling circolatore aspiratore ventilatore CONTROLLI computer Pot. mas.Cont. 300 2250 TOTALE CONSUMI Wh/gg. 13.196 1440 1440 1440 1440 7200 7500 250 750 1500 180 360 360 360 150 1500 250 60 480 480 480 480 480 480 480 480 840 840 840 840 1200 2000 480 1500 450 100 30 3 30 60 4 60 30 3 30 15 2 15 750 23 50 135 375 8 8 8 8 18 550 550 375 375 60 60 30 30 20 20 4 4 60 60 30 30 10 10 6 6 550 550 188 188 Primaver utiliz.min. Estate utiliz.min. Autunno utiliz.min. Inverno utiliz.min. sol. A Primaver utiliz.Wh

CONSUMO DI ENERGIA GIORNALIERO Estate utiliz.Wh 183 183 25 25 18 Autunno utiliz.Wh 550 550 188 188 18 Inverno utiliz.Wh 92 92 38 38 18 sol. B Estate utiliz.Wh 183 183 25 25 18 Inverno utiliz.Wh 92 92 38 38 18 sol. C Estate utiliz.Wh 183 183 25 25 18

1.500 30 100

750 23 50 1200 12000

375 15 25 2.100 21.000

1.500 30 100

375 15 25 2.100 3.500 840

1.500 30 100

49

4 4.1 4.2 4.3 4.4 5 5.1 5.2 5.2.1 5.2.2 5.3 6 6.1

22.500 1.500 4.500 9.000 7.200 18.265 7200 22.716 7.200 30.991 7.200 15.265 7.200 14.331 7.200 31.765

Scheda 1 - Consumi di energia elettrica misurati in una serra tipo di 100m x 10m = 1.000 m2

(Fonte: Bergesio 1997)

ze di consumi nelle varie stagioni, a seconda dei sistemi di cui dotata la serra. Nella Scheda 1 sono riportati i dati dei consumi misurati in una serra tipo di 1.000 m2, suddivisi per tipologia di utenze: i motorini per lapertura/chiusura di teli e finestre; le varie pompe per lacqua; i sistemi di riscaldamento e raffrescamento. Nella prima parte della tabella sono evidenziati le potenze in gioco e il tempo di funzionamento medio giornaliero per cui sono impegnate. Il prodotto di questi due fattori determina il consumo medio giornaliero di energia dei vari motori nelle diverse stagioni. Nella tabella vengono prese, a titolo di esempio, tre diverse dotazioni di apparecchiature, corrispondenti sostanzialmente a diversi sistemi di condizionamento della serra. La soluzione A prevede lutilizzazione di un semplice ventilatore per la circolazione dellaria in estate, la soluzione B un sistema di circolazione forzata, la soluzione C del sistema fog. La prima considerazione da fare che la serra deve essere dotata di un sistema di controllo computerizzato che accenda e spenga le apparecchiature secondo priorit prestabilite, per evitare che la contemporaneit di troppe utenze provochi delle richieste eccessive di potenza. Analizzando attentamente la tabella, si vede che, se si tralascia di considerare il sistema fog, perch troppo dispendioso sia come potenza richiesta, sia come consumi, si determina che la massima potenza richiesta quella legata alla contemporaneit dei punti 3.1 - 3.2 - 6.1, per un totale di 2,25 kW. Considerando che comunque consigliabile lacquisto di un gruppo elettrogeno di emergenza da 2 kW per la neve in inverno, lo stesso pu essere utilizzato in estate nei momenti in cui la richiesta di picco superi la potenza ricavata dai moduli fotovoltaici, consentendo cos di non sovraddimensionare limpianto. Nella Scheda 3 vengono dimensionati gli impianti fotovoltaici necessari per soddisfare al meglio le

esigenze energetiche della serra, determinate in base alle dotazioni e alle situazioni proposte. Considerando lenergia necessaria giornalmente per ciascuna soluzione, e utilizzando un impianto che lavora ad una tensione di 24 V, si avr: Wattora richiesti giornalmente/24 Volt/ore di luce alla massima potenza = Corrente di picco che il campo fotovoltaico deve produrre giornalmente; Corrente di picco del campo fotovoltaico /corrente di picco di ogni singola stringa X 2 (24 Volt /12=2 moduli per ogni stringa) = N. di moduli da istallare La soluzione ottimale per soddisfare in modo corretto nelle quattro stagioni la richiesta di energia quella realizzabile con un impianto a 24V costituito da 56 moduli da 120W di picco con tensione nominale di 12V e una resa di circa 7A. Le soluzioni non praticabili sono quelle che necessitano di un numero di moduli maggiore. A seconda della tipologia di apparecchiature necessarie sulle serre si possono ipotizzare impianti con un numero diverso di moduli fotovoltaici con relativi sistemi di accumulo a bassa cessione dimensionati per 5 gg di assenza totale di sole. Si auspica una installazione di sistemi di movimentazione a basso consumo energetico (ad esempio un sistema di apertura portelloni a leve proposto dagli olandese che apre 4000 m2. di serra con 550 W di potenza installata). Ladozione di sistemi hardware di nuova concezione per ottimizzare la gestione del sistema, consentirebbe di soddisfare le esigenze energetiche con soli 2.000 Wh/gg, anzich i 7.200 Wh/gg previsti nei calcoli. I costi attuali vanno da circa 15 milioni per un impianto da 6 moduli, fino ad un centinaio di milioni per quello che utilizza 57 moduli. Tali costi non sono comprensivi di I.V.A., mentre il costo del montaggio incluso nel costo totale del montaggio della serra. A titolo di esempio, nella Scheda 4 vengono evidenziati nel dettaglio i costi per un impianto composto da 6 moduli, prevedendo 3 giorni di autonomia, considerando la presenza di un motogeneratore di soccorso.

50

SOLUZIONE A Pot.Inst. W 1 1.1 1.2 1.3 1.3 2 2.1 2.2 3 3.1 3.2 3.3 4 4.1 4.2 4.3 4.4 5 5.1 5.2 5.2.1 5.2.2 5.3 6 6.1 APERTURE colmo dx colmo sx laterale dx laterale sx TOT 1 TELI telo alluminio telo ombreg. TOT 1-2 IRRIGAZIONE pompa gr. fertirrig. elettrov. zona TOT 1-3 RISCALDAM. bruciatore ventilatore circolatore valvole mot. TOT 1-4 RAFFRESC: fog cooling circolatore aspiratore ventilatore TOT 1-5 CONTROLLI computer TOT Wh/gg 300 7200 13196 7200 18265 7200 22716 7200 30991 7500 250 750 1500 5996 150 1500 250 60 1200 2000 480 5996 2065 15516 23791 1200 12000 2100 21000 1500 450 100 750 23 50 2316 1500 30 100 2065 750 23 50 2316 375 15 25 691 135 375 18 1493 18 435 18 1493 18 276 550 550 375 375 550 550 188 188 1475 183 183 25 25 417 550 550 188 188 1475 92 92 38 38 258 Primavera utiliz.Wh Estate utiliz.Wh Autunno utiliz.Wh Inverno utiliz.Wh

SOLUZIONE B Estate utiliz.Wh 183 183 25 25 417 18 435 1500 30 100 2065 Inverno utiliz.Wh 92 92 38 38 258 18 276 375 15 25 691 2100 3500 840 2065 7131

1500 4500 9000 11065 15516 23791 8065 7200 15265 7131 7200 14331

Scheda 2 - Consumi di energia elettrica, derivati dalla Scheda 1, valutati considerando le singole tipologie di utenze alimentate

(Fonte: Bergesio 1997)

51

FABBISOG. prim/aut prim/aut primavera primavera autunno autunno estate estate estate estate inverno inverno inverno inverno inverno B inverno B estate B estate B

W/GG 1.493 2.316 5.996 13.196 15.516 22.716 435 2.065 11.065 18.265 276 691 23.791 30.991 7.131 14.331 8.065 15.265

V 24 24 24 24 24 24 24 24 24 24 24 24 24 24 24 24 24 24

ORE/GG 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 3 3 3 3 3 3 6 6

A/GG 12 19 50 110 129 189 3 14 77 127 4 10 330 430 99 199 56 106

A/MODULI 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7

TOT. MODULI 4 6 14 31 37 54 1 4 22 36 1 3 94 123 28 57 16 30

Scheda 3 - Dimensionamento dellimpianto in base alle esigenze energetiche rilevate

MATERIALE moduli n.6 X 120 Wp batterie n.4 x 220 Ah regolatore scatola derivazione quadro comando impianto elettrico gruppo 4KVA carica batteria A30 installazione ore 24 inverter 600 VA TOTALE

COSTO UNITARIO 1.200.000 280.000 350.000 80.000 350.000 360.000 2.865.000 600.000 45.000 1.400.000

COSTO TOTALE 7.200.000 1.120.000 350.000 80.000 350.000 360.000 2.865.000 600.000 1.080.000 1.400.000 15.405.000

Scheda 4 - Costi di un impianto per un consumo giornaliero stimato di 2.316 Wh.

8.1.3 Illuminazione Spesso esiste lesigenza di illuminare siti non facilmente raggiungibili dalla rete elettrica quali possono essere piazzali, aiuole, aree di manovra, incroci stradali; in questi casi possibile utilizzare un lampione alimentato da pannelli fotovoltaici. Il principio di funzionamento quello solito dei sistemi fotovoltaici: lenergia accumulata durante il giorno in batteria viene distribuita durante la notte. Il sistema viene realizzato come un normale lampione con laggiunta dei moduli fotovoltaici normalmente in testa al palo ed un pozzetto (in calce52

struzzo, vetroresina o inox) per il contenimento delle batterie alla base del palo. La configurazione ottimale realizza un lampione che si accende automaticamente al crepuscolo ed illumina da un minimo di 9 ore ad un massimo di 14 ore per notte. Lenergia accumulata nelle batterie garantisce il funzionamento anche in periodi di prolungato maltempo. La configurazione pu essere modificata per soddisfare le esigenze del sito da illuminare: ad esempio per un viale di accesso dove sia richiesta laccensione al solo passaggio delle persone, possibile comandare laccensione con un sensore

COMPONENTI Nr. 3 moduli fotovoltaici da 55W Nr. 1 struttura sostegno moduli Nr. 1 corpo lampione con luce SOX 18 o 26W o fluorescente bianca Nr. 1 palo di sostegno per corpo lampione Nr. 1 palo rastremato diritto Nr. 1 unit elettronica di controllo Nr. 1 batteria di accumulatori Nr. 1 pozzetto di contenimento batteria

CARATTERISTICHE FISICHE sicuro e protetto da atti vandalici resistente a venti fino a 150 Km/h lampada e moduli orientabili funzionamento anche in condizioni climatiche severe adattabile alle esigenze dellutente durata superiore ai 15 anni, escluse batterie e luci

Tab. 18 - Componenti e caratteristiche di un lampione fotovoltaico tipo per installazione nel Nord Italia Foto 24 - Lampione fotovoltaico

infrarosso; in questo modo si riducono il numero di ore di accensione e di conseguenza anche la potenza del campo fotovoltaico ed i costi. Vantaggi offerti: costi contenuti assenza di opere di scavo e riasfaltatura manutenzione praticamente inesistente semplicit e rapidit di installazione possibilit di eventuale spostamento in altra zona funzionamento anche in caso di black-out rete elettrica rapidit di realizzazione ed assenza di burocrazia (nessuno attraversamento di servit per le linee elettriche) assenza di contratti e bollette elettriche Il costo del lampione descritto varia dai quattro ai cinque milioni + I.V.A. (installazione inclusa) a seconda del tipo di luce utilizzata e del tipo di realizzazione. 53

8.1.4 Altri esempi Recinti per il bestiame Sono disponibili elettrificatori per bestiame di elevata potenza predisposti per lallacciamento a pannello fotovoltaico. Il costo di un sistema completo elettrificatore-pannello varia dalle 650.000 lire ai 2.400.000 di lire + I.V.A.. Il principale vantaggio, soprattutto su quelli di elevata potenza, di non dover provvedere alla rimozione e ricarica manuale della batteria. Automazione cancelli Lautomazione dei cancelli non richiede una elevata quantit di energia, normalmente sufficiente un modulo da 25W, circa 1/4 di m2 per pilotare circa 20 aperture al giorno durante il periodo invernale. Condizione fondamentale che il sistema operi con motori a 12V cc. Linstallazione non presenta difficolt: il modulo fotovoltaico (di superficie ridotta) pu essere fissato sulla sommit di uno dei pilastri del cancello e la batteria

DESCRIZIONE UTENZE punto luce cucina punto luce stalla punto luce bagno punto luce dormitorio ricarica radio portatile

V cc ca cc cc cc cc cc

Nr. 1 2 1 1 2

Codice plc pls plb pld rrp

Potenza (W) 18 18 18 18 1,2

Ore di Energia funzionamento Wh/giorno al giorno 3 4 1 1 8 54 144 18 18 19,2

Energia Ah/giorno 4,50 12,00 1,50 1,50 1,60

TOTALI Corrente di scarica max Scheda 5 - Valutazione delle necessit energetiche

253,2 A a Vcc

21,10 7,70

alloggiata in un contenitore alla base del pilastro. Il costo dei materiali (pannello, struttura di supporto, regolatore di carica, batteria, contenitore per batteria) per tale sistema oscilla tra le 950.000 lire ed il 1.100.000 lire + I.V.A. Segnalatori visivi In alcuni casi necessario segnalare visivamente punti di pericolo stradale o semplicemente punti di riferimento. Questi sistemi risultano economicamente convenienti anche dove gi presente la rete elettrica perch il costo non elevato e non sono necessarie linee elettriche ed allacciamenti a contatori. Il costo a seconda del tipo di segnalazione e della visibilit richiesta va dalle 300.000 lire ai 2.000.000 di lire + I.V.A.. 8.2 Gli impianti fotovoltaici negli alpeggi 8.2.1 Impianto per sola illuminazione Dimensionamento di sistema fotovoltaico per lalimentazione del sistema di illuminazione e per la ricarica delle radio portatili o telefoni cellulari in alpeggio sito a 1500 mslm ad uso stagionale maggio/settembre. Si riportino in una scheda simile alla seguente le utenze alimentate, la potenza ed il numero medio di ore di funzionamento al giorno, reali o ipotizzabili. In questo caso si ha un totale di 253,2 Wh/giorno Essendo un impianto di piccola taglia verr progettato e realizzato ad una tensione nominale di 12V. Dimensionamento moduli corrente giornaliera necessaria per le utenze con54

siderate = energia giornaliera / tensione di batteria [Ah/giorno] = [Wh] / [V] = 253,2/12= 21,1 Il campo fotovoltaico dovr quindi fornire giornalmente questa quantit di corrente. In alta montagna, a parte microclimi locali particolari possiamo considerare di avere un numero di ESH (si veda la Tab. 4 del paragrafo 1.5 ) medio nella stagione di 5,5. NOTA: Le ESH utilizzate nelle tabelle successive hanno valore pi alto di quelle di Tab. 4, in quanto ci si trova in alta montagna. Il campo fotovoltaico dovr quindi avere una corrente di picco calcolata corrente di picco (alla massima potenza) = corrente giornaliera / ESH [A] = [Ah/giorno] diviso ESH [ore/giorno] = 21,1/ 5,5 = 3,84 [A] per avere la potenza in Wattpicco del nostro campo fotovoltaico necessario moltiplicare la corrente di picco [A] x [V] la tensione reale di lavoro del campo fotovoltaico (pari a circa 17V) potenzapicco = corrente picco x tensione di lavoro = 3,84 x 17 = 65,28 [W] Il valore ricavato teorico, necessario tenere ancora conto del rendimento globale del sistema.

Foto 25 - Modulo fotovoltaico installato per fornire energia allimpianto di illuminazione di un alpeggio (come da scheda 5 e scheda 6)

In parole povere durante la carica della batteria non tutta la corrente prodotta dal campo fotovoltaico viene assimilata in energia chimica allinterno di questa; una certa quantit viene dispersa perch si trasforma in calore. La stessa cosa avviene durante la scarica. Per una valutazione precisa dei rendimenti di batteria si dovrebbe tenere conto delle diverse temperature di carica e scarica, del tipo di carica, della rapidit della scarica ed altri fattori particolari; in termini pratici si pu considerare un rendimento complessivo di 0,9 per temperature medie sopra i 10C, 0,85 per temperature comprese tra 0 e 100 C. Se possibile, la batteria non deve lavorare con temperature inferiori a 0 C. Altri fattori richiedono di aumentare la potenza di picco teorica calcolata del nostro campo fotovoltaico: polvere o altro possono ridurre la resa del campo, bene tenere conto di un margine di sicurezza, che sar tanto pi elevato quanto il nostro sistema deve essere affidabile. In termini pratici, nel nostro caso, si pu aumentare globalmente il campo calcolato di un 30-35%. 55

Se si trattasse di un sistema per alimentazione di un ponte radio del Soccorso Alpino il nostro incremento globale dovrebbe essere almeno del 50%. Quindi lalpeggio considerato richiede un campo fotovoltaico della potenza di potenza picco sicura = potenza picco calcolata + % fattore sicurezza = 65,28 [W] +35%= circa 90 Wp Si utilizzeranno Nr. 2 moduli da 46/50 Watt cad. per una superficie totale di circa 1 metro quadrato. Dimensionamento batteria La batteria pu essere pensata come un contenitore di corrente. Questo contenitore deve avere una capienza tale da poter accumulare la corrente giornaliera necessaria alle utenze per un certo numero di giorni che ci permetta di non dipendere dalle condizioni atmosferiche. In alta montagna non si verificher (salvo casi eccezionali) un maltempo prolungato per pi di sei

giorni. Quindi la nostra capacit sar calcolata moltiplicando la corrente richiesta giornalmente per il numero di giorni di autonomia richiesti in caso di maltempo pi circa un 50%. Questa porzione in pi determinata da due fattori: la batteria considerata scarica deve ancora contenere una quantit di corrente pari almeno al 20-25% della capacit totale (altrimenti siamo nella situazione di scarica profonda con conseguente danneggiamento della batteria stessa); la capacit della batteria normalmente riferita ad una temperatura di 25 C, ma nellalpeggio in oggetto la temperatura di lavoro sar presumibilmente attorno ai 15 C. Qtot (capacit totale) [Ah] = corrente richiesta giornalmente [Ah/giorno] X giorni di autonomia voluti [giorni] = (21,1 [Ah/giorno] X 6 [giorni]) + 50% = 190 Ah ovviamente si sceglier la capacit pi prossima disponibile sul mercato: Nr. 2 batterie da 100 Ah cad. che saranno collegate in parallelo. I calcoli finora eseguiti per esteso sono riassunti nella Scheda 6; lelaborazione al computer perMODULO potenza (w) 50 tensione max (v) 17 corrente max (a) 2,94 percent. utilizzo al mese % 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 tensione (v) 12 inclin. campo

Foto 26 - I moduli possono venire installati in maniera semplificata al fine di essere rimossi al termine del periodo di alpeggio

CAMPO stringhe 2 esh nr. tot. moduli 2 produz. energia potenza installata 100 rend. globale impianto fatt. sic. 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80

PARCO BATTERIE tensione 12 dispon. energia Ah/giorno 18,82 20,24 21,18 22,59 23,53 28,24 30,59 28,24 24,94 23,53 21,18 18,82 23,49 0,89 0,96 1,00 1,07 1,12 1,34 1,45 1,34 1,18 1,12 1,00 0,89 1,11 capacit min. nec. 189,27 produz. / consumo capacit scelta (ah) 200 carica batteria fine mese % 89 96 100 100 100 100 100 100 100 100 100 89 98

periodo utilizzo annuo mese gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre MEDIA ANNUA

gradi/oriz. kWh/giorno Ah/giorno 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 4,00 4,30 4,50 4,80 5,00 6,00 6,50 6,00 5,30 5,00 4,50 4,00 4,99 23,53 25,29 26,47 28,24 29,41 35,29 38,24 35,29 31,18 29,41 26,47 23,53 29,36

Scheda 6 - Dimensionamento dellimpianto

56

mette di velocizzare le operazioni di calcolo. 8.2.2 Impianto per illuminazione e utenze domestiche in c.c. a bassa tensione. Dimensionamento di un sistema fotovoltaico per lalimentazione di punti luce, televisore e frigorifero, tutti funzionanti in corrente continua a bassa tensione, considerando sempre un alpeggio sito a 1500 mslm ad uso stagionale maggio/ settembre. Anche questa utenza si considera legata alla stagione estiva e quindi il campo fotovoltaico viene inclinato di 30 rispetto al piano orizzontale. Limpianto viene realizzato ad una tensione di 24V per i motivi visti al paragrafo precedente. Il campo fotovoltaico sar composto da Nr. 6 moduli da 50 Watt cad. per una superficie totale di circa 3 m2. Il parco batterie sar composto da 12 elementi ermetici al GEL da 300 Ah - 2V cad. collegati in serie. I frigoriferi a 12 e 24 V c.c. hanno un costo pi

elevato, ma sono realizzati appositamente per gli impianti fotovoltaici, per avere il minor consumo di energia. Diverso il discorso per il televisore 14, che in bassa tensione ha un costo circa doppio rispetto ad uno stesso modello alimentato a 220V; in questo caso consigliabile utilizzare un TV 14 a 220V ed inserire nellimpianto anche un piccolo inverter da 200W. Il costo totale di poco superiore al solo TV14 a 12V, ma in questo modo si ha a disposizione la tensione 220V, utilizzabile anche per altri piccoli elettrodomestici.

DESCRIZIONE UTENZE punto luce cucina punto luce stalla punto luce bagno punto luce dormitorio ricarica radio portatile televisore 14 frigorifero a pozzetto 145 litri*

V cc ca cc cc cc cc cc ca cc

Nr. 1 2 1 1 2 1 1

Codice plc pls plb pld rrp TV14 COL21

Potenza (W) 18 18 18 18 1,2 50 35

Ore di Energia funzionamento Wh/giorno al giorno 3 4 1 1 8 3 12 54 144 18 18 19,2 150 420

Energia Ah/giorno 2,25 6,00 0,75 0,75 0,80 6,25 17,50

*il valori riportati sono stati rilevati dalla scheda tecnica fornita dal produttore del frigorifero

TOTALI Corrente di scarica max DATI TECNICI Tensione Energia media Utilizzata Energia media Utilizzata Cor. scarica max Autonomia richiesta 24 823,2 34,30 7,39 6 V Wh/giorno Ah/giorno A giorni (nr. di giorni consecutivi di maltempo) T MINI AMB. T MAX AMB. ALTITUDINE

823,2 A a Vcc

34,30 7,39

15 30 1500

C C metri

Scheda 7 - Valutazione delle necessit energetiche

57

MODULO potenza (w) 55 tensione max (v) 17 corrente max (a) 3,24 percent. utilizzo al mese % 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 tensione (v) 24 inclin. campo

CAMPO stringhe 3 esh nr. tot. moduli 6 produz. energia potenza installata 330 rend. globale impianto fatt. sic. 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80

PARCO BATTERIE tensione 24 dispon. energia Ah/giorno 31,06 33,39 34,94 37,27 38,82 46,59 50,47 46,59 41,15 38,82 34,94 31,06 38,76 0,91 0,97 1,02 1,09 1,13 1,36 1,47 1,36 1,20 1,13 1,02 0,91 1,13 capacit min. nec. 307,67 produz. / consumo capacit scelta (ah) 320 carica batteria fine mese % 91 97 100 100 100 100 100 100 100 100 100 91 98

periodo utilizzo annuo mese gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre MEDIA ANNUA

gradi/oriz. kWh/giorno Ah/giorno 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 4,00 4,30 4,50 4,80 5,00 6,00 6,50 6,00 5,30 5,00 4,50 4,00 4,99 38,82 41,74 43,68 46,59 48,53 58,24 63,09 58,24 51,44 48,53 43,68 38,82 48,45

Scheda 8 - Dimensionamento dellimpianto

8.2.3 Impianto c.a. a 220 V utenze domestiche e utenze professionali per la lavorazione del latte Dimensionamento di un sistema fotovoltaico per illuminazione, utenze domestiche e professionali alimentate a 220 V c.a. considerando sempre un alpeggio sito a 1500 mslm ad uso stagionale maggio/settembre. Viene in ogni caso considerato un frigorifero alimentato a 24V c.c. per i motivi esposti sopra. Ovviamente, anche in questo caso limpianto viene realizzato nella configurazione a 24V c.c.. Sarebbe addirittura meglio realizzarlo a 48V cc, ma questa tensione gi considerata pericolosa per le persone ed inoltre difficile reperire sul mercato inverter a 48V. La superficie del campo fotovoltaico, composto da 12 moduli da 50 Watt cad. sar di circa sei metri quadri. Il parco batterie sar preferibilmente realizzato con 12 elementi accumulatori stazionari al gel da 2V - 500 Ah. Utilizzando questi accumulatori si eviter di doverli installare in un locale dedicato, ma potranno essere posizionati allinterno della abitazione stessa, senza particolari precauzioni o protezioni dallacido. 58

Foto 27 - Impianto mobile realizzato appositamente per seguire gli spostamenti delle mandrie

DESCRIZIONE UTENZE punto luce cucina punto luce stalla punto luce bagno punto luce dormitorio ricarica radio portatile televisore 14 frigorifero a pozzetto 145 litri* zangola

V cc ca cc cc cc cc cc ca cc ca

Nr. 1 2 1 1 2 1 1 1

Codice plc pls plb pld rrp TV14 COL21 zan

Potenza (W) 24 24 24 24 1,2 67 35 450

Ore di Energia funzionamento Wh/giorno al giorno 3 4 1 1 8 3 12 1,5 72 192 24 24 19,2 201 420 675

Energia Ah/giorno 3,00 8,00 1,00 1,00 0,80 8,38 17,50 28,13

NOTA: i valori di potenza apparecchiature Vca tengono gi conto del rendimento dell inverter che le alimenta *il valori riportati sono stati rilevati dalla scheda tecnica fornita dal produttore del frigorifero

TOTALI Corrente di scarica max DATI TECNICI Tensione Energia media Utilizzata Energia media Utilizzata Cor. scarica max Autonomia richiesta 24 1627,2 67,80 28,10 5 V Wh/giorno Ah/giorno A giorni (nr. di giorni consecutivi di maltempo)

1627,2 A a Vcc

67,80 28,10

T MINI AMB. T MAX AMB. ALTITUDINE

15 30 1500

C C metri

Scheda 9 - Valutazione delle necessit energetiche MODULO potenza (w) 50 tensione max (v) 17 corrente max (a) 2,94 percent. utilizzo al mese % 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 tensione (v) 24 inclin. campo CAMPO stringhe 6 esh nr. tot. moduli 12 produz. energia potenza installata 600 rend. globale impianto fatt. sic. 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 PARCO BATTERIE tensione 24 dispon. energia Ah/giorno 56,47 60,71 63,53 67,76 70,59 84,71 91,76 84,71 74,82 70,59 63,53 56,47 70,47 0,83 0,90 0,94 1,00 1,04 1,25 1,35 1,25 1,10 1,04 0,94 0,83 1,04 capacit min. nec. 506,81 produz. / consumo capacit scelta (ah) 500 carica batteria fine mese % 83 90 94 100 100 100 100 100 100 100 94 83 95

periodo utilizzo annuo mese gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre MEDIA ANNUA

gradi/oriz. kWh/giorno Ah/giorno 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 4,00 4,30 4,50 4,80 5,00 6,00 6,50 6,00 5,30 5,00 4,50 4,00 4,99 70,59 75,88 79,41 84,71 88,24 105,88 114,71 105,88 93,53 88,24 79,41 70,59 88,09

Scheda 10 - Dimensionamento dellimpianto

59

8.2.4 Impianto in c.a. a 220 V per utenze domestiche e utenze professionali per la lavorazione del latte integrato con gruppo elettrogeno Dimensionamento di un impianto integrato fotovoltaico-motogeneratore per lalimentazione delle stesse utenze del paragrafo 8.2.3. Il motogeneratore alimenter direttamente la zangola nelle ore di utilizzo e contemporaneamente integrer la carica delle batterie dellimpianto attraverso il caricabatterie di bordo o con uno esterno. Sul foglio di calcolo il motogeneratore viene inserito nel quadro di descrizione delle utenze ed i valori di potenza vengono indicati in negativo, in quanto produce energia invece di consumarla.

La potenza indicata come motogeneratore c.c. quella del dispositivo caricabatterie che normalmente si trova a bordo (24V c.c. - 10A). Integrando lenergia prodotta dallimpianto fotovoltaico con quella prodotta dal generatore si ottengono alcuni vantaggi: si pu sopperire ai picchi di richiesta energetica senza dover ricorrere a dispositivi inverter di potenza elevata (come si vede dalla scheda in questo caso le luci sono state considerate alimentate in c.c., mentre lunica utenza in c.a. il televisore, che per necessit di un inverter da 200 Watt); il campo fotovoltaico e le batterie hanno dimensioni minori, consentendo un risparmio sui costi dimpianto; il generatore pu essere utilizzato anche per leventuale alimentazioni di vari altri utensili.

DESCRIZIONE UTENZE punto luce cucina punto luce stalla punto luce bagno punto luce dormitorio ricarica radio portatile televisore 14 frigorifero a pozzetto 145 litri* zangola motogeneratore motogeneratore

V cc ca cc cc cc cc cc ca cc ca ca cc

Nr. 1 2 1 1 2 1 1 1 1 1

Codice plc pls plb pld rrp TV14 COL21 zan MGzang MGbatt

Potenza (W) 18 18 18 18 1,2 67 35 450 -450 -240

Ore di Energia funzionamento Wh/giorno al giorno 3 4 1 1 8 3 12 1,5 1,5 1,5 54 144 18 18 19,2 201 420 675 -675 -360

Energia Ah/giorno 2,25 6,00 0,75 0,75 0,80 8,38 17,50 28,13 -28,13 -15,00

NOTA: i valori di potenza apparecchiature Vca tengono gi conto del rendimento dell inverter che le alimenta *il valori riportati sono stati rilevati dalla scheda tecnica fornita dal produttore del frigorifero

TOTALI Corrente di scarica max DATI TECNICI Tensione Energia media Utilizzata Energia media Utilizzata Cor. scarica max Autonomia richiesta 24 514,2 21,43 26,85 5 V Wh/giorno Ah/giorno A giorni (nr. di giorni consecutivi di maltempo) T MINI AMB. T MAX AMB. ALTITUDINE

514,2 A a Vcc

21,43 26,85

15 30 1500

C C metri

Scheda 11 - Valutazione delle necessit energetiche

60

MODULO potenza (w) 50 tensione max (v) 17 corrente max (a) 2,94 percent. utilizzo al mese % 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 tensione (v) 24 inclin. campo

CAMPO stringhe 2 esh nr. tot. moduli 4 produz. energia potenza installata 200 rend. globale impianto fatt. sic. 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80 0,80

PARCO BATTERIE tensione 24 dispon. energia Ah/giorno 18,82 20,24 21,18 22,59 23,53 28,24 30,59 28,24 24,94 23,53 21,18 18,82 23,49 0,88 0,94 0,99 1,05 1,10 1,32 1,43 1,32 1,16 1,10 0,99 0,88 1,10 capacit min. nec. 160,15 produz. / consumo capacit scelta (ah) 200 carica batteria fine mese % 88 94 99 100 100 100 100 100 100 100 99 88 97

periodo utilizzo annuo mese gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre MEDIA ANNUA

gradi/oriz. kWh/giorno Ah/giorno 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 4,00 4,30 4,50 4,80 5,00 6,00 6,50 6,00 5,30 5,00 4,50 4,00 4,99 23,53 25,29 26,47 28,24 29,41 35,29 38,24 35,29 31,18 29,41 26,47 23,53 29,36

Scheda 12 - Dimensionamento dellimpianto

Foto 28 - Il trasporto dei componenti dellimpianto relativamente semplice

61

8.2.5 Analisi dei costi Nella tabella seguente riportata una analisi dei costi per la realizzazione dei quattro impianti visti. Ad ogni elemento dellimpianto viene affiancato il costo ed lincidenza percentuale che questo ha sulla spesa globale.

I costi di installazione sono considerati per siti accessibili da strada carrozzabile e sono comunque solo una indicazione di massima. Per i siti non raggiungibili da strada carrozzabile sar da valutare leconomia di trasporto per i materiali e le attrezzature con animali, sherpa o elicottero.

Foto 29 - Soluzioni semplificate, predisposte per gli spostamenti, prevedono lassemblaggio di tutti i componenti dellimpianto in una scatola, collegabile al modulo in entrata ed alle utenze in uscita

IMPIANTO 8.2.1 COMPONENTI punti luce a 12v modulo 50 w struttura fissaggio moduli testa palo con palo regolatore di carica con quadretto elettrico batteria 100 ah - 12 v installazione comprensiva di materiale elettrico

Q.t 6 2 1 1 2 1

COSTO UNITARIO 85.000 750.000 500.000 500.000 250.000 2.000.000 TOTALE

TOTALE 510.000 1.500.000 500.000 500.000 500.000 2.000.000 5.510.000

INCIDENZA % 9% 27% 9% 9% 9% 36%

62

IMPIANTO 8.2.2 COMPONENTI punti luce a 24v modulo 50 w struttura fissaggio moduli a terra regolatore di carica con quadretto elettrico accumulatore ermetico 300 ah - 2 v inverter 200 w - 24 v (per tv 14 220v escluso dalla fornitura) frigorifero a pozzetto 24v - 145 litri installazione comprensiva di materiale elettrico

Q.t 6 6 1 1 12 1 1 1

COSTO UNITARIO 85.000 750.000 700.000 500.000 300.000 280.000 1.400.000 3.000.000 TOTALE

TOTALE 510.000 4.500.000 700.000 500.000 3.600.000 280.000 1.400.000 3.000.000 14.490.000

INCIDENZA % 3% 31 % 5% 3% 25 % 1% 9% 21%

IMPIANTO 8.2.3 punti luce a 220v modulo 50 w struttura fissaggio moduli a terra regolatore di carica con quadretto elettrico accumulatore ermetico 500 ah - 2 v inverter 600 va picco 2000 - 24 v frigorifero a pozzetto 24v - 145 litri impianto di terra installazione comprensiva di materiale elettrico

Q.t 6 12 1 1 12 1 1 1 1

COSTO UNITARIO 70.000 750.000 1.000.000 700.000 500.000 1.800.000 1.400.000 1.500.000 4.000.000 TOTALE

TOTALE 420.000 9.000.000 1.000.000 700.000 6.000.000 1.800.000 1.400.000 1.500.000 4.000.000 25.820.000

INCIDENZA % 2% 35 % 4% 3% 23 % 7% 5% 6% 15 %

IMPIANTO 8.2.4 punti luce a 24 v modulo 50 w struttura fissaggio moduli a terra regolatore di carica con quadretto elettrico accumulatore ermetico 200 ah - 2 v inverter 200 w - 24 v frigorifero a pozzetto 24v - 145 litri motogeneratore 3 kw con caricabatterie 24v installazione comprensiva di materiale elettrico

Q.t 6 4 1 1 12 1 1 1 1

COSTO UNITARIO 85.000 750.000 600.000 700.000 240.000 280.000 1.400.000 3.500.000 3.000.000 TOTALE

TOTALE 510.000 3.000.000 600.000 700.000 2.880.000 280.000 1.400.000 3.500.000 3.000.000 15.870.00

INCIDENZA % 3% 19 % 4% 4% 18 % 2 % 9% 22 % 19 %

NOTE: I costi dei materiali sono indicativi e possono variare secondo la marca ed il fornitore; Linstallazione si intende eseguita secondo le norme elettriche vigenti, con impianto con tubazioni rigide ed interruttori a vista; I costi indicati sono I.V.A. esclusa, tenendo presente che sugli impianti solari laliquota del 10% (DPR 633/72 e succ. mod. Tabella A Parte III 127 Quinquies e Sexies) e deve essere applicata a tutto quanto inerente limpianto. 63

LEGISLAZIONE E

NORME DI RIFERIMENTO
s s s s s

9 LA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10


La legge 9 gennaio 1991, n. 10 prevede norme per lattuazione del Piano Energetico Nazionale in materia di uso razionale dellenergia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia. Una parte specifica della legge (lart. 13) dedicata ad incentivare la produzione di energia da fonti rinnovabili nel settore agricolo. Fra i vari interventi finanziabili, che in Piemonte hanno ottenuto contributi fino al 50% della spesa,

prevista anche la possibilit di installare sistemi fotovoltaici al servizio di aziende agricole, singole od associate. Larticolo 8 prevede, al punto e) incentivi, fino all80% a fondo perduto specificatamente per gli impianti fotovoltaici nel settore edilizia. La seguente scheda quella utilizzata per la valutazione della domanda di contributo, ed stata predisposta dallENEA per ogni tipologia di intervento come metodo di analisi tecnico-economica da parte degli uffici Regionali.

PROT. SCHEDA TECNICA (FT) Allegata alla domanda presentata da in data in relazione allart. Proposta di risparmio energetico a mezzo di Sintesi della proposta Installazione di un sistema fotovoltaico per alimentare la seguente utenza: Potenza di picco dei moduli: Potenza utile resa dal sistema: Capacit di accumulo*: Ore/giorno di sole sul piano dei moduli**: Ore/giorno di funzionamento dellutenza: Giorni di funzionamento allanno: Potenza assorbita dallutenza: Superficie attiva captante: Materiale attivo (1-amorfo, 2- monocristallino, 3 - policrist.): Funzionamento dellutenza (1- giorno-notte, 2- solo giorno 3 solo notte): Investimenti: Moduli: Sistema di supporto: Sistema di accumulo: Elettronica di controllo: Altri costi: TOTALE:
(*) Si richiede che laccumulo necessario e la potenza dellimpianto vengano individuati in funzione del numero massimo accettabile di giorni di mancata alimentazione. (**) Media giornaliera nel periodo di minor soleggiamento, sempre nellambito del periodo di utilizzo.

(8, 10 o 13) della legge 10/91.

SISTEMI FOTOVOLTAICI

W W kWt h/d h/d d W m2

Lit Lit Lit Lit Lit Lit

65

A. DEFINIZIONE DATI Come da scheda allegata.

B. ELABORAZIONE A CURA DEGLI UFFICI REGIONALI B.1 CONTROLLO FONDATEZZA DATI I dati risultano infondati se non e previsto sistema di accumulo quando la potenza richiesta dallutenza superiore a quella utile del sistema, o quando la capacit dellaccumulo stessa sembra insufficiente a garantire il funzionamento dellutenza alla potenza media nelle ore notturne dichiarate.

B.2. CALCOLO INDICI DI VALUTAZIONE TECNICO-ECONOMICA Il risparmio energetico nei calcoli dato dallenergia totale erogabile dal sistema nella sua vita utile, che in questo assunta pari a 15 anni.

B.3. RISPETTO VINCOLI DI AMMISSIBILIT La proposta ammissibile se lindice di valutazione principale risulta superiore alla soglia minima, fissata in 10.GJ/ML.

C. NOTE Condizioni che rendono pi probabile la convenienza dellintervento: localit isolata di costoso allacciamento alla rete; domanda elettrica locale, di modesta entit. Se lutenza alimentabile da rete in caso di indisponibilit del sistema, porre le ore/giorno di funzionamento uguali a quelle di soleggiamento; in caso di sistema fotovoltaico che alimenta la rete, anche la potenza assorbita dallutenza deve essere posta uguale a quella resa dal sistema.

DATI CALCOLO Potenza utile resa dal sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Capacit di accumulo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ore giorno di sole sul piano dei moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ore/giorno di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Giorni di funzionamento allanno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Potenza assorbita dallutenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Tipo funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (0: giorno/notte, 1: solo giorno, 2: solo notte)

(W): #2 (kWh): #3 (h/d): #4 (h/d): #5 (d): #6 (W): #7 : #10

CALCOLO R = #5 #6 #7/1000 Fe/1000 (GJ) I = R Vu /INV (GJ/Mlit)

VERIFICHE DI CONGRUENZA I dati risultano incongruenti se: #3=0 e #2 < #7 #10=0 e #3 1000 < (#5 - #4) #7 #10=2 e #3 1000 < #5 #7 #2 #4 < #7 #5

66

La suddetta scheda, da allegare alla domanda da presentare in occasione dellapertura degli specifici bandi della Legge 10/91, deve essere compilata a cura del richiedente. A titolo di esempio, viene proposto un intervento riferibile a quelli visti nel capitolo 8.1.2 sulle serre. Il dimensionamento stato fatto per soddisfare esigenze medie annuali delle utenze intorno ai 24 kWh giornalieri, mediante un sistema di 56 moduli, per una spesa complessiva di circa 96 milioni di lire.

Nel dettaglio si possono anche valutare i dati riferibili alle varie stagioni, in cui variano i valori di potenza richiesta e di ore di funzionamento, nonch di ore di radiazione solare diretta. Queste valutazioni sono importanti, in quanto, seguendo i calcoli proposti dal metodo ufficiale dellEnea, lintervento meritevole di finanziamento solo se lindice GJ/Mlit, che rappresenta il rapporto fra il risparmio di energia nel corso della vita utile dellimpianto (12 anni per il fotovoltaico) ed i soldi spesi per la realizzazione (in milioni di lire) superiore a 10.

Foto 30 - La Legge 10/91 incentiva linstallazione di impianti fotovoltaici in tutti i settori

67

DOMANDE CONTRIBUTI LEGGE 10/91 PROTOCOLLO DOMANDA: 1001 INTERVENTO .............: FT /SISTEMI FOTOVOLTAICI Legale rappresentate: SERRE Luogo nascita ....................: Recapito ...................................: /Tel:........................................... Codice fiscale: Trib. di: CCIAA di: RICHIEDENTE ............................................: DATA PRESENTAZIONE: SERRE

Data nascita: ............................................................................................ ( ) /CAP

Nr. Nr.

Partita IVA: del: ..................................... del: .....................................

SPECIFICHE INTERVENTO: Articolo legge : art. 13 Localit .....................................: BR ( ) /CAP: Gruppo zonale....................: 0 / Presunta data inizio lavori: ............................................................. Presunta data termine lavori: ..................................... Gruppo omogeneo: 0 / Investimento dichiarato (Lt): 96.000.000 Investimento imputabile (Lt): 96.000.000 Contributo totale ...........(Lt): 48.000.000 1 rata (Lt): 0 /2 rata (Lt): 0 Valutazione: Tecnico/economica ................................................Valutazione: Amministrativa
...............................................................................................

/3 rata (Lt): 0

Fondatezza dati Rispetto vincoli legge Risparmio energia annuale (GJ) Risparmio energia/consumo precedente Risp.energia vita utile/inv.(GJ/Mlit)

: Si : Si : 84.096 :1 : 10.512

1) ......................................................................: 2) ......................................................................: 3) ......................................................................: 4) ......................................................................: 5) ......................................................................: 6) ......................................................................: 7) ......................................................................:

DATI TECNICI: Sistemi fotovoltaici SINTESI DELLA PROPOSTA Potenza di picco dei moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Potenza utile resa dal sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Capacit di accumulo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ore/giorno di sole sul piano dei moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ore/giorno funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Giorni di funzionamento allanno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SINTESI DELLA PROPOSTA Potenza assorbita dallutenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Superficie attiva captante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Tipo materiale attivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (0: amorfo; 1: monocrist.; 2: policrist.) Tipo funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (0: giorno/notte; 1: solo giorno; 2: solo notte) DETTAGLIO INVESTIMENTI Moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (MLt): 66 Sistema di supporto . . . . . . . . . . . . . . (MLt): 5 Sistema di accumulo . . . . . . . . . . . . . (MLt): 19

(W) : 120 (W) : 6960 (kWt) : 50 (h/d) : 4 (h/d) : 6 (d) : 365 (W) (m2) : 4000 : 56 :2 :1

68

DOMANDE CONTRIBUTI LEGGE 10/91 PROTOCOLLO DOMANDA: 1002 INTERVENTO .............: FT /SISTEMI FOTOVOLTAICI Legale rappresentate: SERRE Luogo nascita ....................: Recapito ...................................: /Tel:.............................................................. Codice fiscale: Trib. di: CCIAA di: RICHIEDENTE ..........................................: SERRE INVERNO DATA PRESENTAZIONE:

Data nascita: ............................................................................................................... ( ) /CAP

Nr. Nr.

Partita IVA: del: ..................................... del: .....................................

SPECIFICHE INTERVENTO: Articolo legge : art. 13 Localit .....................................: BR ( ) /CAP: Gruppo zonale....................: 0 / Presunta data inizio lavori: ............................................................. Presunta data termine lavori: ..................................... Gruppo omogeneo: 0 / Investimento dichiarato (Lt): 96.000.000 Investimento imputabile (Lt): 96.000.000 Contributo totale ...........(Lt): 48.000.000 1 rata (Lt): 0 /2 rata (Lt): 0 Valutazione: Tecnico/economica ................................................Valutazione: Amministrativa
...............................................................................................

/3 rata (Lt): 0

Fondatezza dati Rispetto vincoli legge Risparmio energia annuale (GJ) Risparmio energia/consumo precedente Risp.energia vita utile/inv.(GJ/Mlit)

: Si : Si : 56.064 :1 : 8.76

1) ......................................................................: 2) ......................................................................: 3) ......................................................................: 4) ......................................................................: 5) ......................................................................: 6) ......................................................................: 7) ......................................................................:

DATI TECNICI: Sistemi fotovoltaici SINTESI DELLA PROPOSTA Potenza di picco dei moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Potenza utile resa dal sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Capacit di accumulo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ore/giorno di sole sul piano dei moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ore/giorno funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Giorni di funzionamento allanno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SINTESI DELLA PROPOSTA Potenza assorbita dallutenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Superficie attiva captante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Tipo materiale attivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (0: amorfo; 1: monocrist.; 2: policrist.) Tipo funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (0: giorno/notte; 1: solo giorno; 2: solo notte) DETTAGLIO INVESTIMENTI Moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (MLt): 66 Sistema di supporto . . . . . . . . . . . . . . (MLt): 5 Sistema di accumulo . . . . . . . . . . . . . (MLt): 19

(W) : 120 (W) : 6960 (kWt) : 50 (h/d) : 3.5 (h/d) : 8 (d) : 365 (W) (m2) : 2000 : 56 :2 :1

69

DOMANDE CONTRIBUTI LEGGE 10/91 PROTOCOLLO DOMANDA: 1003 TE INTERVENTO .............: FT /SISTEMI FOTOVOLTAICI Legale rappresentate: SERRE Luogo nascita ....................: Recapito ...................................: /Tel:.............................................................. Codice fiscale: Trib. di: CCIAA di: RICHIEDENTE .................................................: SERRE ESTADATA PRESENTAZIONE:

Data nascita: ............................................................................................................... ( ) /CAP

Nr. Nr.

Partita IVA: del: ..................................... del: .....................................

SPECIFICHE INTERVENTO: Articolo legge : art. 13 Localit .....................................: BR ( ) /CAP: Gruppo zonale....................: 0 / Presunta data inizio lavori: ............................................................. Presunta data termine lavori: ..................................... Gruppo omogeneo: 0 / Investimento dichiarato (Lt): 96.000.000 Investimento imputabile (Lt): 96.000.000 Contributo totale ...........(Lt): 48.000.000 1 rata (Lt): 0 /2 rata (Lt): 0 Valutazione: Tecnico/economica ................................................Valutazione: Amministrativa
...............................................................................................

/3 rata (Lt): 0

Fondatezza dati Rispetto vincoli legge Risparmio energia annuale (GJ) Risparmio energia/consumo precedente Risp.energia vita utile/inv.(GJ/Mlit)

: Si : Si : 112.128 :1 : 17.52

1) ......................................................................: 2) ......................................................................: 3) ......................................................................: 4) ......................................................................: 5) ......................................................................: 6) ......................................................................: 7) ......................................................................:

DATI TECNICI: Sistemi fotovoltaici SINTESI DELLA PROPOSTA Potenza di picco dei moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Potenza utile resa dal sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Capacit di accumulo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ore/giorno di sole sul piano dei moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ore/giorno funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Giorni di funzionamento allanno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SINTESI DELLA PROPOSTA Potenza assorbita dallutenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Superficie attiva captante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Tipo materiale attivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (0: amorfo; 1: monocrist.; 2: policrist.) Tipo funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (0: giorno/notte; 1: solo giorno; 2: solo notte) DETTAGLIO INVESTIMENTI Moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (MLt): 66 Sistema di supporto . . . . . . . . . . . . . . (MLt): 5 Sistema di accumulo . . . . . . . . . . . . . (MLt): 19

(W) : 120 (W) : 6960 (kWt) : 50 (h/d) : 7 (h/d) : 8 (d) : 365 (W) (m2) : 4000 : 56 :2 :1

70

DOMANDE CONTRIBUTI LEGGE 10/91 PROTOCOLLO DOMANDA: 1004 RICHIEDENTE .................................................: SERRE PRIMAVERA/AUTUNNO INTERVENTO .............: FT /SISTEMI FOTOVOLTAICI DATA PRESENTAZIONE: Legale rappresentate: SERRE Luogo nascita ....................: Recapito ...................................: /Tel:.............................................................. Codice fiscale: Trib. di: CCIAA di:

Data nascita: ............................................................................................................... ( ) /CAP

Nr. Nr.

Partita IVA: del: ..................................... del: .....................................

SPECIFICHE INTERVENTO: Articolo legge : art. 13 Localit .....................................: BR ( ) /CAP: Gruppo zonale....................: 0 / Presunta data inizio lavori: ............................................................. Presunta data termine lavori: ..................................... Gruppo omogeneo: 0 / Investimento dichiarato (Lt): 96.000.000 Investimento imputabile (Lt): 96.000.000 Contributo totale ...........(Lt): 48.000.000 1 rata (Lt): 0 /2 rata (Lt): 0 Valutazione: Tecnico/economica ................................................Valutazione: Amministrativa
...............................................................................................

/3 rata (Lt): 0

Fondatezza dati Rispetto vincoli legge Risparmio energia annuale (GJ) Risparmio energia/consumo precedente Risp.energia vita utile/inv.(GJ/Mlit)

: Si : Si : 78.49 :1 : 12.264

1) ......................................................................: 2) ......................................................................: 3) ......................................................................: 4) ......................................................................: 5) ......................................................................: 6) ......................................................................: 7) ......................................................................:

DATI TECNICI: Sistemi fotovoltaici SINTESI DELLA PROPOSTA Potenza di picco dei moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Potenza utile resa dal sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Capacit di accumulo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ore/giorno di sole sul piano dei moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ore/giorno funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Giorni di funzionamento allanno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SINTESI DELLA PROPOSTA Potenza assorbita dallutenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Superficie attiva captante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Tipo materiale attivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (0: amorfo; 1: monocrist.; 2: policrist.) Tipo funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (0: giorno/notte; 1: solo giorno; 2: solo notte) DETTAGLIO INVESTIMENTI Moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (MLt): 66 Sistema di supporto . . . . . . . . . . . . . . (MLt): 5 Sistema di accumulo . . . . . . . . . . . . . (MLt): 19

(W) : 120 (W) : 6960 (kWt) : 50 (h/d) : 5 (h/d) : 8 (d) : 365 (W) (m2) : 2800 : 56 :2 :1

71

APPENDICE
s s s s s

Radiazione diretta globale: dati rilevati in alcune stazioni del Servizio meteoidrografico Regionale I dati sono espressi in MJ/m2 mensili. Lasterisco (*) a fianco del dato significa che nel corso di uno o pi giorni lo strumento non ha effettuato il 100% delle misure. Lasterisco (*) da solo significa che non stato raggiunto il numero minimo di misure perch il dato fosse significativo.

Lo spazio vuoto significa che lo strumento non era operativo. Per maggiori dettagli ed informazioni si rimanda agli Annali meteorologici della regione Piemonte, a cura del Settore per la Prevenzione del rischio geologico, meteorologico e sismico.

SAUSE DOULX gen 1993 1992 1991 1990 238,8 184,9 * * feb 338,4* 325,2 * * mar * 468,8 * 454,4* apr * 608,8* * * mag * 542,9* * * giu * * * * ACQUI gen 1993 1992 1991 1990 * 130,1 * 167,9 feb * 247,5 232,5 232,0 mar 418,5 378,7 313,9 * apr 384,8 429,2* 514,4 * mag 515,3 554,2 636,4 622,8 giu 553,0* 504,2 681,3 664,9* lug 541,2* 597,9 * 730,5 ago 535,0 582,0 * 606,1 set 328,8 394,2* * 425,6 ott 199,5 196,8* * 189,9* nov 132,2 130,4 159,2 177,2 dic 131,2 * 176,6 * lug 795,6 * * * ago 689,5* * * * set * * * * ott * * * * nov 195,8* * * * dic * * 184,4 *

CUORGN gen 1993 1992 1991 1990 * 168,1 184,6* 183,6 feb * 274,8 247,6 238,2* mar * 352,5 267,4 412,8 apr 387,7* 425,4* 452,8 432,4 mag 554,5* 514,4* 619,9 572,2* giu 620,6 473,2* 597,1 549,1* lug * * * 692,7 ago * * 584,4* set * * 398,0 ott * 227,9* * 215,0 nov 158,7* 199,7 * 205,8* dic 170,8* * 172,8 163,9

606,9* 409,3*

FRABOSA SOTTANA gen 1993 1992 1991 1990 238,3* 210,9 235,2* * feb 310,9 339,8 * 448,1* mar 394,1* * * 499,2* apr * * 485,9* * mag 312,6* 490,1* 554,0* * giu 459,5* * 640,5 * lug 419,3 472,1 670,2* * ago 419,4 * * set 283,5* * * ott * 245,5* 250,4 * nov * 236,6 230,3 * 211,6 dic 126,7* 146,4*

473,2* 390,7*

73

SESTRIERE gen 1993 1992 1991 1990 * 170,0* * * feb * 255,2* 235,5* 236,4* mar * 356,9* 306,0* 373,9* apr * * 461,4* * mag * * * * giu * * 560,7* * CUMIANA gen 1993 1992 1991 1990 * 156,0* 181,6* 190,1* feb * 270,8* 244,3* * mar * 353,7* * 400,6* apr 389,9 446,9 * 440,2* mag 570,9* 547,3* 637,1 618,6* giu 624,6* 511,4* 630,0 610,0* lug 647,4* 637,4* 711,9 700,7 ago * 621,3 581,4* set 386,6 377,1* 405,8 ott 237,6* 225,6* 247,7* 224,8* nov 155,6 165,2 185,3 188,3* dic 163,9 * 179,4* 169,1* lug * * 565,0* * ago * * 498,8* set * * 427,1 ott * * 250,8* 203,6 nov * * 165,4* 179,4 dic * * * *

563,7* 303,7*

591,6* 400,5*

VEROLENGO gen 1993 1992 1991 1990 * 121,3 139,4 140,9 feb * 235,5 232,4 209,8 mar * 352,9* 282,4 390,1 apr 415,8 442,3 483,4* 429,5* mag 597 577,4 624,3 627,7 giu 653,5 536,9* 665,0 * lug 679,4 654,3 740,6 * ago 610 636,6 * set 352,8 368,3* 401,4* ott * 207,3 244,9* 192,6 nov * 125,8 159,0 158,7* dic 127,1 * 138,9 *

616,3* 413,6*

BORGOFRANCO gen 1993 1992 1991 1990 * 156,2 181,6* 179,6* feb 244,2 258,8 248,2* 228,9* mar 391,4 351,0 * 390,1* apr 383,1 416,2 444,1 408,4 mag 517,1 510,9* 623,7* 570,3* giu * * 584,2 554,5* lug 608,7 615,6 708,0 677,8* ago 589,5 586,6 * 561,4* set 332,8 * * 400,9 ott * * * 222,6* nov * * 173,8* 197,6* dic 145,9 112,5 167,0 167,1*

ALESSANDRIA gen 1993 1992 1991 1990 * 97,9 * * feb 234,2 208,2 * 199,4 mar 424,9 * 333,8* 404,2 apr 426,9 459,4 536,4* 450,0 mag 657,5* 637,7 666,6* 675,7 giu * 585,2* 713,5* 690,3 VETTA gen 1993 1992 1991 1990 189,4 198,1* * feb 290,8* 294,9 271,0* mar 441,0 378,6* * apr 379,2* 433,2* 476,5* mag 539,3* 526,8* 587,4 giu 620,5* 500,8 613,5* lug 629,5* 625,6 710,1 ago 594,5 602,0 584,8 set 365,3* 407,2* 402,6* ott 216,9* 219,5 251,0* nov 161,9 198,9 203,9 dic 174,6 131,7 211,6 lug * 683,0 757,6 741,1 ago 649,5* 648,8 659,7 631,5* set 353,2 415,5 404,9* 417,3 ott 183,1* 194,5 237,9 188,9* nov * * 143,3 146,4* dic * * 143,8* *

74

DOMODOSSOLA gen 1993 1992 1991 1990 * 131,9 * * feb 215,0 240,9 215,4* 182,5 mar 372,3 325,4 275,3* 380,3* apr 387,6 463,9* 484,7 449,9 mag 490,7 538,5* 677,7 579,2 giu 653,3* 473,1 626,9 575,2 STRESA gen 1993 1992 1991 1990 * * * * feb 195,0* * * 224,1* mar * * 231,7* * apr 307,0 * 301,2* * mag * * 586,6* * giu 547,3* * 544,0 * CASALE M. gen 1993 1992 1991 1990 116,5* * * 114,3* feb 212,6* * 240,9* 199,9 mar 404,9* 359,3* * 397,2* apr 426,9 436,1* 597,0 438,1 mag 621,6* 608,5* 716,3* 638,6* giu 661,8* * 661,1 665,6* lug 689,3 664,2* 736,2 731,1* ago 623,9* 619,9* 638,7 618,6 set 345,3 413,0 381,7 415,4* ott 183,2 191,6* 241,9* 195,8* nov 121,4* 111,0 142,6* 142,7* dic 114,7 * 129,8 * lug 577,6* * * * ago 514,3* * * set * * * ott * * 211,9* 213,4 nov 138,7 * * * dic 163,1 * * 87,6* lug 677,2* 626,8* 713,4* 716,5* ago 567,7* 548,4 640,4 567,1 set 297,0 364,9* * 418,3 ott * 181,4* 232,9 198,1* nov 127,2 152,7* 150,0 152,4 dic * 93,9* 135,8 *

601,6* 316,8*

PINO T. gen 1993 1992 1991 1990 * * 184,8* 186,2* feb 259,6 267,5 258,4* 258,1* mar * 361,8* 269,7* * apr 405,8 432,3* 467,4 451,5 mag 561,1 536,3* 630,3 624,0 giu 635,1* * 666,2 622,2 lug 643,5 * 739,9* 719,9 ago 588,2 614,3 636,1 585,1* set 337,5 * 376,1 417,0 ott 189,1 * 233,3* 217,5* nov 153,0* * 183,0* 199,2* dic * * 183,9 166,9

CABELLA gen 1993 1992 1991 1990 196,1* 187,9 198,6* 196,9* feb 302,2 292,6 263,7* 282,6* mar * * * * apr * * * 418,7* mag 541,4* 610,5* * 528,7* giu 640,0* * 679,2* 618,3* lug 733,5* * 744,4* 764,8* ago * * set 374,8 * ott * 201,7 268,3* * nov 163,1 198,4 * * dic 168,9 133,8* 207,2 *

608,1* 412,2* 587,2* 433,2*

GARESSIO gen 1993 1992 1991 1990 159,7 180,4 * * feb 253,3 270,7* 249,8* 274,7* mar 365,9* 334,5* * 374,3 apr * 442,1 * 447,0 mag * * 589,7* 566,4* giu * 503,5 550,6* 565,0 lug 563,1* * 720,3* * ago 622,4 * 625,1 580,8 set 362,0 * 381,1* 385,9 ott 206,6* 206,4* 258,9 224,6* nov 151,7* 159,5 182,5* 206,8* dic 157,2 122,8 215,1 179,5

75

PONZONE gen 1993 1992 1991 1990 182,0 170,3 * 205,0 feb * 267,7* 247,4* 272,8* mar 414,6* 398,5 296,8* 411,7* apr 378,0* 445,2* 469,0* 438,2 mag 560,0 607,8* * 631,7* giu 672,5* 539,8 694,3 644,0 lug 694,4 657,0 769,8* 754,8* ago 635,2 630,7 624,0 613,0 set 380,9 414,7* 410,3 425,1 ott 201,9* 193,8 255,6* 185,8* nov * 183,1 169,4* 203,1 dic 169,9 107,3 204,0 169,2

MONTECHIARO gen 1993 1992 1991 1990 COSTIGLIOLE SALUZZO gen 1993 1992 1991 1990 AVIGLIANA gen 1993 1992 1991 1990 BORGONE gen 1993 1992 1991 1990 SUSA gen 1993 1992 1991 1990 162,6 150,5 168,4 feb * 239,0* 220,3 mar * 317,1 261,6* apr 365,1* 434,3* 427,7 mag 502,7* 457,1* 598,8 giu 560,9 416,6* 571,9* lug 622,6* 565,0* 613,7 ago 523,1 529,0 555,0 set 325,8* 359,5 343,0 ott 202,0 197,4 232,7 nov 139,4 174,1 167,5* dic 137,0* 108,7 151,9 * 148,8 feb * * mar * 351,3* apr 407,2* 483,8* mag * 502,9 giu 646,2 476,1 lug 692,2 636,3* ago 609,0 587,3 set 359,2* 404,2* ott 220,1* 219,9 nov 145,0* 178,0* dic 143,6 * * 155,9 * feb 251,6 253,4* 202,9* mar * 331,6 228,3 apr 385,7 451,7* * mag 554,9 527,4 * giu 633,8* 500,6* * lug 649,6 615,9* * ago 606,2 588,7 * set * 402,7* * ott 218,8* 227,0 * nov 155,1* * 167,9* dic 162,9* * 175,9 * 169,1 * feb * 277,5 * mar 425,6 356,0 305,8* apr 413,1 454,0* 486,6 mag 593,1 558,7 649,1 giu 654,0 563,7* 671,9 lug 667,6 635,6* 737,9 ago 612,0 623,6 610,1 set 377,6 423,7* 406,3 ott 228,2 * 251,2* * nov 148,5 188,4 197,5 202,8* dic 158,6 * 186,9 * * 133,0 154,9 feb 235,9 240,9 241,6 mar * 372,6* 291,2 apr 426,5 450,0 479,3 mag 601,7 576,9 648,7 giu 659,6* 537,3* 672,5 lug 680,9 657,3 741,8* ago 620,1 598,9 643,9 set 345,8 417,1 375,8 ott 181,7* 212,4 250,3* * nov 135,7 132,6 162,9 168,2* dic 130,7 90,0 159,1 167,4*

76

TORINO gen 1993 1992 1991 1990 * * 130,2* 129,4 feb * 180,9 180,8 190,1* mar * 237,6 226,8 328,6 apr 344,4 * 401,8 378,7* mag 470,9 383,6* * 497,3 giu 540,3 367,1* 545,6 522,8* TREISO gen 1993 1992 1991 1990 SALICETO gen 1993 1992 1991 1990 * 141,6 * feb 252,5 230,1 214,7* * mar * 315,7* 273,7* 323,7 apr 367,4 * 414,9 410,0 mag 556,6 518,5 557,1 * giu 671,4 * 586,3 602,5* lug * 646,9* 689,1 * ago 615,7 * 573,8* 548,2 set * * 372,1 * ott 207,6* * 227,5 184,2* nov 135,1 * 160,8* * dic * * 167,8 * * 147,3 * feb * 256,6 * mar * 375,1* * apr 422,3 464,2 * mag 638,5 597,6 626,7* giu 680,9 547,5* * lug 716,4 677,1 714,5* ago 626,6 622,0 605,4 set 357,0 425,9 384,5* ott 207,0 225,0 254,7 nov * 151,4* 184,7 dic * * 180,3 lug 528,6 * 632,8* 649,9* ago 504,8 * 539,9* 530,2* set 307,9* * 323,8 375,5 ott 172,0 159,3* 212,8 197,2* nov * 106,1* * 154,9 dic * * 117,8 122,3*

77

Finito di stampare nel mese di novembre 1997 dalla G. Canale & C. S.p.A. - Borgaro T.se (TO)

80