Sei sulla pagina 1di 4

La verniciatura di un prodotto generalmente serve per conferire un aspetto esterno gradevole e per preservarlo dagli agenti

atmosferici il più a lungo possibile.


Ecco perchè è molto importante la scelta della vernice che deve essere di un colore definito e ripetibile, di una brillantezza
definita e ripetibile, che sia ideale per il materiale dell'oggetto da verniciare, che non si graffi e che mantenga nel tempo le
caratteristiche volute.
Tutte queste caratteristiche sono determinate dalla perfetta combinazione di cinque condizioni:

• il riconoscimento del tipo di supporto da verniciare;


• il supporto deve essere idoneo a ricevere il prodotto verniciante;
• il prodotto verniciante deve essere adatto alla superficie checlo riceverà;
• il ciclo di applicazione deve essere idoneo a trasferire in modoccorretto il prodotto verniciante al supporto;
• l'osservanza dei tempi e dei metodi di indurimento.

Verniciatura e difetti della verniciatura


La verniciatura perfetta è una combinazione di esperienza, tecniche di applicazione (variabili con il variare dei prodotti) ed
attrezzature.
Anche con la presenza di tutti gli elementi sovraelencati può essere che il risultato finale non sia quello desiderato ed anzi si
possano presentare dei difetti.
Le cause dei difetti di verniciatura possono essere di vari tipi:

• di pulizia (non eseguita in modo uniforme, eseguita con prodotti non adatti, asciugatura insufficiente etc)
• di preparazione di prodotti e superfici (utilizzo di prodotti non adatti come diluenti, catalizzatori..., carteggiatura
insufficiente o carta abrasiva sbagliata, mano di fondo scarsa o non asciutta, diluenti non adeguati alle condizioni
ambientali o di scarsa qualità etc.)
• di applicazione (distanza dal pezzo alla pistola non corretta, troppo bagnata o troppo asciutta, mani di verniciatura
troppo pesanti, regolazione della errata pistola, tempo di appassimento sbagliato, differenze di temperature fra
ambiente, vernice e superficie etc)
• di controllo sistematico di attreazzature ed ambiente (pistola-ugello- testina, tubazioni-filtri-riduttori, cabina-
compressore, umidità-temperature ambientali).

L'essiccazione lenta della verniciatura


In caso di verniciatura si può presentare anche la problematica dell'essiccazione lenta. Questo avviene quando lo smalto (o
anche le mani intermedie) impiegano troppo tempo per indurire, cioè essere asciutto al tatto.

Le possibili cause possono essere:

1. attivatori, indurenti o additivi sbagliati o in quantità non corretta;


2. verniciatura con mani troppo "pesanti" nell'applicazione;
3. diluenti troppo lenti o di scarsa qualità;
4. condizioni ambientali non idonee (ad es. scarsa ventilazione, troppa umidità etc.).

Per evitare tutto questo si consiglia di controllare diluenti, additivi o attivatori in qualità e percentuale, non eccedere con gli
spessori e verificare ventilazione e condizioni ambientali.

Difetto di sfogliamento della verniciatura:

Lo sfogliamento è un difetto di verniciatura per mancata aderenza e scagliettatura. In sostanza la vernicia si


sfoglia, interamente ofra mano e mano.

Le possibili cause di sfogliamento possono essere:

1. una mancata pulizia,


2. pulizia con prodotti non adeguati o deposizione di pulviscolo dopo la pulitura,
3. temperatura troppo bassa al momento della spruzzatura
4. applicazione della base troppo asciutta
5. mancata rimozione dei distaccanti usati nello stampaggio
6. supporto di diversa natura plastica
7.umidità del supporto al momento dell'applicazione o fra mano e l'altra.

Al 90% lo sfogliamento è dovuto alla mancanza di pulizia superficiale, o all'uso per la pulizia di prodotti non idonei, pertanto
si consiglia di controllare sempre, per i materiali plastici, il marchio posto sul retro del pezzo che identifica il tipo di polimero.

Poi se il manufatto è stato carteggiato asportare il polverino non rimosso, regolare la quantità di aria e di vernice nella pistola
e mantenere la giusta distanza di applicazione, controllare che il prodotto sia ben miscelato con gli additivi previsti.

Inoltre il diluente deve essere quello adatto e di buona qualità.


I graffi sono difetto che può apparire durante la vernicitura :
I graffi sono un altro possibile difetto della verniciatura. Il difetto può generare a causa di una carteggiatura con grana
troppo grossa sulla mano precedente nel caso dei metalli, oppure smalto troppo secco e basso spessore.

Altre cause possono essere: i diluenti troppo rapidi o non compatibili con la base o con il fondo; mentre si vernicia la pistola è
troppo lontana dal pezzo e la vernice arriva asciutta; vscosità dei prodotti non corretta; ventaglio della pistola troppo largo o
passaggi troppo veloci (sfumate)

Per ovviare a questo difetto di verniciatura si può regolare la pistola ed adeguarla al prodotto che si userà, anche adattare il
diluente alla stagione e al prodotto è molto utile.

Alcune soluzioni in caso di graffi sulla verniciatura (capita maggiormente con le tinte pastello) dopo la carteggiatura
riapplicare anche la base.

Le bruciature sono uno dei difetti della verniciatura, si forma quando ci sono ebollizioni, bruciature e bolle di
solvente in evaporazione.
Le cause che possono far insorgere tale difetto di verniciatura possono essere che lo spessore del film di vernice è troppo
spesso (oppure non sono stati rispettati i tempi di appassimento fra mano e mano); diluente troppo rapido e/o spruzzatura
troppo secca a pressione alta.
Anche le lampade a raggi infrarossi troppo vicine o temperatura troppo alta può far uscire le bruciature oppure anche l'inizio
dell'essiccazione (forno o lampade) senza rispettare l'appassimento.

Alcuni accorgimenti per evitare le bruciature:

- il diluente è un elemento importante: sceglierlo in funzione dei prodotti.


- ogni mano ha bisogno del suo appassimento naturale: non cercare di favorirlo con aria compressa (spesso è un danno).
- i forni o cabine-forno devono essere ventilati, mentre le lampade all'infrarosso vanno controllate come distanza e
temperatura.
- una particolare attenzione alle temperature va posta quando si utilizzano trasparenti e metallizzati (o micalizzati) o perlati.

Se le bolle o la bruciatura sono superficiali, può bastare la carteggiatura sino a livello della bolle; seguirà poi una
riverniciatura.
Nel caso invece di bolle notevoli, bisogna carteggiare a livello metallo e ripetere il ciclo.

Macchiature e rigature due difetti nella verniciatura :


Le macchiature e le rigature sono difetti di verniciatura che si vedono com ombreggiature, fiammature, affioramenti e
sbiancamenti tipiche dei metallizzati o perlati, provocati qualche volta dalla applicazione in elettrostatica quando le lamelle di
alluminio affiorano in superficie.

Possibili cause delle macchiature sono: i prodotti non mescolati bene o spessori troppo elevati; spruzzatura non
uniforme, specialmente in elettrostatica; applicazione troppo bagnata o pistola troppo vicina al pezzo; tempo di appassimento
della base insufficiente; errata applicazione elettrostatica o aria troppo umida, anche per la rigatura che lascia intravedere la
carteggiatura.

Per evitare tale difetto è consigliato mescolare bene tutti i pigmentati e in particolare i metallizzati, non applicare le basi
metallizzate o perlate troppo bagnate, in condizioni di umidità e/o freddo usare diluenti più rapidi e nelle applicazioni
elettrostatiche, curare l'esecuzione e le pressioni giuste.

Se il difetto è visibile dopo l'esecuzione del trasparente, carteggiare in modo uniforme e riapplicare base e trasparente.

La puntinatura è un grave difetto della verniciatura :


Un altro difetto della verniciatura è la puntinatura, cioè si presentano come difetti superficiali della finitura con
piccoli forellini o gruppi di puntini.

Le possibili cause di questo difetto possono essere diverse: in primo luogo può essere una pulizia carente, oppure l'umidità
assorbita dalla mano di verniciatura precedente nel tempo e non smaltita.

Altre cause:
- l'utilizzo di un diluente sbagliato
- rischio dell'aria non asciutta, quando durante la spruzzatura la pistola è troppo vicina al manufatto o la pressione dell'aria
eccessiva.
- appassimento della precedente mano insufficiente, oppure per accelerare lo stesso appassimento si è "soffiato" sul film col
ventaglio della pistola.
Per evitare il difetto della puntinatura ci sono dei piccoli accorgimenti guida:

- controllo costante della pulizia, non solo del pezzo, ma anche dei filtri, dei disoleatori sulla linea dell'aria e del compressore
- tempi di appassimento da controllare e temperature ambientali varie
- pressione dell'aria della pistola troppo alta, oppure eccessiva distanza di applicazione.
- nel caso di utilizzo di lampade per l'asciugatura, temperatura troppo alta.
- polveri ambientali aspirate dalla cabina.

Le soluzioni suggerite sono di carteggiare a livello e riverniciare; nel caso di carteggiatura, evacuare bene il polverino.

Le "schivature" sono un brutto difetto di verniciatura :


Le schivature sono un difetto di verniciatura che presenta visivamente dei crateri, degli alveoli o i cosiddetti occhi di pesce
che si evidenziano dopo la spruzzatura dello smalto o del trasparente.

Le cause scatenanti le schivature possono essere perchè si è contaminata la pistola da condensa od olio, oppure per pulitura
insufficiente del supporto, polveri o siliconi nell'ambiente, magari nei panni antipolvere
o per la carteggiatura e/o cerature eseguite nelle vicinanze oppure la pulitura con solventi antisilicone molte volte non è
sufficiente
ad eliminare il problema.

Per tentare di evitare la formazione delle schivature si può in alcuni casi, dopo un buon appassimento, applicare una doppia
mano di colore con additivo antisilicone come da scheda tecnica. In casi un po' più estremi si può carteggiare e riverniciare.

Alcune cautele che si possono eseguire per evitare la sua formazione possono essere di: eliminare di eventuali tracce di
silicone sul pezzo usando diluenti antisilicone ma in modo accurato e approfondito,aumentare nel prodotto la percentuale di
additivo antisiliconico (se possibile), giornalmente, prima dell'inizio del lavoro, svuotare e pulire i filtri acqua/olio della
tubazione dell'aria, compresi quelli del compressore.

La copertura scarsa della verniciatura è uno dei possibili difettii delle verniciatura :
Uno dei difetti della verniciatura può essere la copertura scarsa di vernice, vale a dire quando c'è lo spessore troppo basso,
il prodotto non è coprente, quando la mano di fondo (o lo stucco) si intravedono sotto lo smalto.

Per evitare tutto questo sarebbe una buona cosa miscelare con cura il prodotto, usare un diluente appropriato ed attenersi
alle schede tecniche dei prodotti.

In caso di verniciatura a copertura scarsa si può provare a dare una leggera seconda mano (dove possibile) oppure
carteggiare, soffiare e riverniciare.

Verniciatura con difetto di colatura


La colatura può essere un altro difetto di verniciatura che presenta insaccature, eccesso di spessore e velatura per bordi e
spigoli in particolare.
Le cause della sua formazione possono essere: diluente sbagliato o eccessivo, superficie non pulita correttamente, olio o
grassi sulla base, illuminazione carente nella cabina, applicazione troppo pesante o gocce di vernice dalla pistola,
atomizzazione della vernice insufficiente.
In caso di colori pastello o trasparenti se sulla superficie si formano delle gocce dovute all'atomizzazione della vernice si
possono usare la minicarteggiatura e la lucidatura. Lasciare asciugare bene, poi carteggiare e riverniciare.
Aiuta certamente scegliere il diluente corretto, controllare sempre la pistola e l'aria di atomizzazione, non rinforzare mai su
spigoli e bordi, rispettare gli spessori indicati nelle schede tecniche del fornitore e tener sempre controllati temperatura-
vernice-pezzo da verniciare.

Verniciatura con difetto a buccia d'arancia


Uno dei difetti di verniciatura può essere la cosiddetta buccia d'arancia. Consiste in : insufficiente distensione,
incompatibilità, aspetto granulato.
Questo aspetto si può verificare se c'è una diluizione insufficiente, un diluente sbagliato, una distanza di spruzzatura (pezzo-
pistola) troppo elevata, o regolazione aria/vernice non corretta, cappello della pistola sporco, temperatura eccessiva
dell'ambiente, soffiatura con la pistola o altro strumento sul film per favorire l'appassimento, appassimento insufficiente,
prodotti incompatibili (fondo-smalto) o non mescolati bene.
Per cercare di evitare il difetto si dovrebbe fare una carteggiatura molto fine e riverniciatura nel modo corretto, adeguare il
diluente alle condizioni ambientali, rispettare i tempi di appassimento, ricontrollare le regolazioni pistola e la pressione aria.
Altri consigli per evitare il difetto è di miscelare con cura i prodotti pigmentati (in particolare quelli metallizzati), controllare la
diluizione con la coppa, rispettare i tempi di appassimento, usare per ogni prodotto il suo diluente a seconda della stagione e
dell'ambiente, ottimizzare le regolazioni della pistola e non la quantità di prodotto.

Verniciatura e riverniciatura
La riverniciatura, come dice la parola stessa, vuol dire verniciare uno strato di vernice sopra ad un'altra verniciatura. La
riverniciatura è solitamente problematica e soprattutto costosa, tant'è che generalmemte si preferisce sverniciare, o
quantomeno carteggiare con omogeneità.
La riverniciatura è ancor più difficoltosa con le vernici in polvere sia per la durezza superficiale che per lo spessore. Per
effettuare una riverniciatura in questo caso solitamente si aumenta la portata della polvere e l'aria di trasferimento.
Sistema pneumatico nella verniciatura industriale
I sistemi pneumatici sono una delle applicazione delle vernici utilizzati a livello industriale. Parlare di questo tipo di
verniciatura vuol dire riferirsi alla pistola con atomizzazione tramite aria, mentre il prodotto può essere spinto all'ugello con
aspirazione, con serbatoi sotto pressione oppure anche con una pompa simile a quelle airless, ma a bassa pressione.
Un accorgimento tecnico è quello utilizzato anche, e forse soprattutto, nei sistemi airless: la possibilità di dosare in
automatico, tramite pompe e valvole, i prodotti evitando le difficoltà di dosaggio meccanico dei vari catalizzatori.
Le pistole pneumatiche sono di moltissimi modelli e sono le più utilizzate nella verniciatura, sia industriale che per terzisti e
carrozzerie.

Preparazione dei supporti in fase di verniciatura


La preparazione del supporto è un'operazione fondamentale per qualunque tipo di verniciatura ma, nel caso dei materiali
plastici o di quelli in fibra è ancora più importante.
La scelta del prodotto avviene in base alla tossicità e al potere detergente, in quanto deve asportare distaccanti, unto ecc.
Questa scelta avviene in base allo sporco da asportare.
Generalmente i solventi organici hanno buone caratteristiche sgrassanti e buon potere solvente con cere e siliconi e quindi
possono essere vantaggiosamente utilizzati su materiali termoindurenti.
I prodotti in soluzione acquosa sono impiegati soprattutto in impianti industriali in linea nella grande produzione o,
comunque, in particolari tipi di impianto perché l'efficacia del potere sgrassante dipende, a seconda del prodotto, dalla
concentrazione o dalla temperatura e dalla pressione di spruzzatura che varia da sistema a sistema.
I detergenti utilizzati possono essere acidi, alcalini oppure neutri.
Prima della verniciatura, è previsto per tutti i supporti in plastica, il passaggio in una stazione di soffiaggio con aria ionizzata
che ha il compito di eliminare la polvere superficiale oltre che quello di neutralizzare le cariche elettrostatiche tipiche di questi
materiali.a preparazione del supporto è un'operazione fondamentale per qualunque tipo di verniciatura ma, nel caso dei
materiali plastici o di quelli in fibra è ancora più importante.
La scelta del prodotto avviene in base alla tossicità e al potere detergente, in quanto deve asportare distaccanti, unto ecc.
Questa scelta avviene in base allo sporco da asportare.
Generalmente i solventi organici hanno buone caratteristiche sgrassanti e buon potere solvente con cere e siliconi e quindi
possono essere vantaggiosamente utilizzati su materiali termoindurenti.
I prodotti in soluzione acquosa sono impiegati soprattutto in impianti industriali in linea nella grande produzione o,
comunque, in particolari tipi di impianto perché l'efficacia del potere sgrassante dipende, a seconda del prodotto, dalla
concentrazione o dalla temperatura e dalla pressione di spruzzatura che varia da sistema a sistema.
I detergenti utilizzati possono essere acidi, alcalini oppure neutri.
Prima della verniciatura, è previsto per tutti i supporti in plastica, il passaggio in una stazione di soffiaggio con aria ionizzata
che ha il compito di eliminare la polvere superficiale oltre che quello di neutralizzare le cariche elettrostatiche tipiche di questi
materiali.