Sei sulla pagina 1di 6

Lingua Italiana

Il Condizionale Prof. Bruno Camargo


2021
Il condizionale semplice si usa nel presente o nel futuro per esprimere in modo più gentile una
richiesta, un desiderio, un dubbio o un'opinione personale. Si usa anche per riportare una notizia
non confermata ed esprimere un ordine o un'esortazione, un consiglio in maniera cortese (molto
spesso con il condizionale del verbo dovere).
Esempi:

- Mi daresti il numero di tua sorella, per favore? [richiesta]


- Vorrei tanto andare in vacanza! [desiderio]
- Non so se Giovanni verrebbe a cena da noi domani sera. [dubbio]
- A mio parere il governo dovrebbe fare di più per combattere la disoccupazione. [opinione personale]
- Il Primo Ministro inglese arriverebbe in Italia il mese prossimo. [notizia non confermata]
- Ragazzi, dovreste studiare di più! [ordine]
- Sig. Santi, Lei dovrebbe smettere di fumare! [consiglio]
Essere Avere
Io sarei avrei
Tu saresti avresti
Lui / Lei sarebbe avrebbe
Noi saremmo avremmo
Voi sareste avreste
Loro sarebbero avrebbero

ARE - Cantare ERE - Credere IRE - Sentire


Io cant - erei cred - erei sent - irei
Tu cant - eresti cred - eresti sent - iresti
Lui / Lei cant - erebbe cred - erebbe sent - irebbe
Noi cant - eremmo cred - eremmo sent - iremmo
Voi cant - ereste cred - ereste sent - ireste
Loro cant - erebbero cred - erebbero sent - irebbero
Il condizionale composto si forma con il condizionale semplice degli ausiliari essere o avere più
il participio passato del verbo. Si usa per esprimere nel passato un desiderio non realizzato e una
notizia non confermata. Si usa anche come futuro nel passato, cioè, a esprimere un’azione futura
rispetto a una passata.
Esempi:

- Sarei andato volentieri al mare domenica scorsa, ma purtoppo pioveva. [Desiderio non realizzato]
- Secondo voci non ancora confermate, il terremoto avrebbe causato danni per oltre mille miliardi. [notizia non confermata]
- Gregorio disse che sarebbe arrivato mercoledì. [“futuro nel passato”]