Sei sulla pagina 1di 5

Foglio informativo C0201/012 – c/c lavoratori dipendenti Aggiornamento 8 luglio 2013

Foglio informativo (C0201)

CONTO CORRENTE LAVORATORI DIPENDENTI

INFORMAZIONI SULLA BANCA

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE S.C.P.A.


Sede Legale e amministrativa: via Tosco Romagnola n. 101/A Fornacette (PI).
Iscritta al Registro delle Imprese di Pisa al n. PI00179660501.
Codice ABI 08562.1. Iscritta all’albo delle Banche della Banca d’Italia al n. 4646.6.0.
Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo.
Gruppo bancario Banca di Fornacette – 8562.1.
Sito internet: www.bccfornacette.it mail: bccfornacette@bccfornacette.it. Tel. 0587281111 fax 0587281242.

CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL PRODOTTO

Il conto corrente è un contratto con il quale la banca svolge un servizio di cassa per il cliente: custodisce i suoi risparmi e gestisce il denaro con una serie di
servizi (versamenti, prelievi e pagamenti nei limiti del saldo disponibile).
Al conto corrente sono di solito collegati altri servizi quali carta di debito, carta di credito, assegni, bonifici, domiciliazione delle bollette, fido.

Il conto corrente è un prodotto sicuro. Il rischio principale è il rischio di controparte, cioè l’eventualità che la banca non sia in grado di rimborsare al
correntista, in tutto o in parte, il saldo disponibile. Per questa ragione la banca aderisce al sistema di garanzia “Fondo di Garanzia dei Depositanti del
Credito Cooperativo”, che assicura a ciascun correntista una copertura fino a 100.000,00 euro.
Altri rischi possono essere legati allo smarrimento o al furto di assegni, carta di debito, carta di credito, dati identificativi e parole chiave per l’accesso al
conto su internet, ma sono anche ridotti al minimo se il correntista osserva le comuni regole di prudenza e attenzione.

La presente tipologia di conto corrente è riservata alla clientela che effettua accredito dello stipendio.

Per saperne di più:


La Guida pratica al conto corrente, che orienta nella scelta del conto, è disponibile sul sito www.bancaditalia.it, sul sito della banca www.bccfornacette.it e
presso tutte le filiali della banca.

Tutti i titolari di conto corrente sono assicurati in caso di infortunio, ove ne derivi la morte o invalidità permanente di grado pari o superiore al
60%, entro il limite di € 31.000,00. Per le specifiche e la procedura di rimborso consultare i totem presenti nelle filiali visionando il “Documento
Sintetico Infortuni”.

PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE

QUANTO Può COSTARE IL CONTO CORRENTE


Secondo 6 profili di cliente tipo

Indicatore Sintetico di Costo (ISC)

PROFILO SPORTELLO ONLINE


Giovani Non adatto Non adatto
Famiglie con operatività bassa € 92,30 € 72,20
Famiglie con operatività media € 161,05 € 141,55
Famiglie con operatività elevata € 167,35 € 147,55
Pensionati con operatività bassa Non adatto Non adatto
Pensionati con operatività media Non adatto Non adatto

Oltre a questi costi vanno considerati gli eventuali interessi attivi e/o passivi maturati sul conto e le spese di apertura del conto.
Nell’importo ISC è compresa l’imposta di bollo obbligatoria per legge, a carico del cliente nella misura tempo per tempo vigente, se il valore medio di giacenza annuo è
complessivamente superiore ad € 5.000,00. Per giacenze medie inferiori l’imposta non è dovuta,
I costi riportati nella tabella sono orientati e si riferiscono a sei profili di operatività, meramente indicativi.
I costi tengono conto delle modifiche alle condizioni economiche apportate nei confronti della generalità dei cliente e non di quelle apportate alle condizioni
negoziate su base individuale o praticate in base a convenzioni.
Per saperne di più: www.bancaditalia.it

1/5
Foglio informativo C0201/012 – c/c lavoratori dipendenti Aggiornamento 8 luglio 2013
QUANTO PUO' COSTARE IL FIDO

IPOTESI:
Accordato 1.500,00 euro
Tasso debitore nominale annuo 14,00%
Commissione su fido (trimestrale) 0,50%
Fido per apertura di credito in conto corrente, Spese collegate all’erogazione del credito (visure, 0,00
con durata indeterminata e commissione su accesso banche dati, ecc.)
fido. Altre spese 0,00
Interessi (su revoca calcolo 3 mesi) € 52,50
Oneri € 7,50
TAEG 16,986%
(per il calcolo del TAEG è stato considerato un utilizzo del fido medio pari a € 1500.)

I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono all’ipotesi di operatività indicata dalla Banca d'Italia (cfr Provvedimento del 28.03.2013 G.U.
08.04.2013). È possibile ottenere un calcolo personalizzato dei costi sul sito www.bccfornacette.it

Le voci di spesa riportate nel prospetto che segue rappresentano, con buona approssimazione, la gran parte dei costi complessivi sostenuti da
un consumatore medio titolare di un conto corrente.
Questo vuol dire che il prospetto non include tutte le voci di costo. Alcune delle voci escluse potrebbero essere importanti in relazione sia al singolo
conto sia all’operatività del singolo cliente.
Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente anche la sezione “Altre condizioni economiche”.

VOCI DI COSTO
Spese per l’apertura del conto Zero
Canone annuo Zero
Gestione Liquidità Numero di operazioni incluse nel canone annuo Illimitate
Spese annue per conteggio interessi e competenze Zero
Canone annuo carta di debito nazionale
SPESE FISSE € 10,00
(Bancomat/Pagobancomat)
Servizi di pagamento Canone annuo carta di debito internazionale
€ 10,00
(Cirrus/Maestro)
Canone annuo carta di credito (Cartasì) Cartasi Classic € 30,99
MITO * Canone annuo per MITO Zero
Spese postali Invio comunicazioni trasparenza € 2,00
Registrazione di ogni operazione non inclusa nel
Zero
Gestione Liquidità canone (si aggiunge al costo dell’operazione)
Invio estratto conto € 2,50
Prelievo sportello automatico presso la stessa banca in
Zero
Italia
Zero (presso Bcc Cambiano, Bcc Castagneto
SPESE VARIABILI Carducci, Banca Popolare di Lajatico, Invest
Prelievo sportello automatico presso altra banca in Italia
Banca)
Servizi di pagamento € 2,00 presso altre banche
Zero su nostra banca
Bonifico verso Italia e Ue fino a 50.000 euro € 5,00 con addebito in c/c o per cassa
€ 5,00 Home Banking
Domiciliazione utenze Zero
Tasso creditore annuo nominale (al lordo della ritenuta
0,000%
fiscale tempo per tempo vigente)
INTERESSI SOMME
Interessi creditori Tasso creditore effettivo annuo (con capitalizzazione
DEPOSITATE
Trimestrale, al lordo della ritenuta fiscale tempo per 0,000%
tempo vigente)
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate 14,00000%
Tasso debitore effettivo annuo (con capitalizzazione
14,75230%
trimestrale) sulle somme utilizzate
Fidi *
Commissione su fido:
FIDI E Commissioni
0,500% dell’importo del fido medio trimestrale
SCONFINAMENTI
Altre spese Zero
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate 15,00000%
Sconfinamenti-extra fido Tasso debitore effettivo annuo (con capitalizzazione
15,865%
trimestrale) sulle somme utilizzate

2/5
Foglio informativo C0201/012 – c/c lavoratori dipendenti Aggiornamento 8 luglio 2013
Viene applicata la commissione come di seguito
riportata:

Commissione di istruttoria veloce (CIV)**


- € 10,00 per il primo sconfinamento
superiore a € 300,00;
- € 10,00 per i successivi incrementi di
sconfinamento superiore a € 100,00.
Altre spese Zero
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate 21,00000%
Tasso debitore effettivo annuo (con capitalizzazione
22,7124%
trimestrale) sulle somme utilizzate
Viene applicata la commissione come di seguito
Sconfinamenti in riportata:
assenza di fido
Commissione di istruttoria veloce (CIV)**
- € 10,00 per il primo sconfinamento
superiore a € 300,00;
- € 10,00 per i successivi incrementi di
sconfinamento superiore a € 100,00.
Altre spese Zero
Copertura assicurativa in caso morte o invalidità permanente superiore al 60%, max € 31.000,00 Zero
CAPITALIZZAZIONE Periodicità Trimestrale
Contanti / Assegni circolari stessa banca Stesso giorno del versamento
Assegni circolari / Vaglia Banca d’Italia Stesso giorno del versamento
DISPONIBILITA’ Assegni bancari stessa filiale Stesso giorno del versamento
SOMME VERSATE Assegni bancari altra filiale 3 giorni lavorativi
Assegni bancari altri istituti 5 giorni lavorativi successivi al versamento
Vaglia e assegni postali 5 giorni lavorativi successivi al versamento
IMPOSTA DI BOLLO
A carico del cliente , nella misura tempo per tempo vigente se il valore medio di giacenza annuo è complessivamente superiore ad € 5.000,00.
SULL’ESTRATTO
Per giacenze medie inferiori l’imposta non è dovuta..
CONTO
SPESE PER
RICERCHE Per ricerche negli archivi dell’anno in corso e dei 4 anni precedenti € 10
EFFETTUATE PER
SINGOLO Per ricerche negli archivi degli anni precedenti oltre il quarto € 20
DOCUMENTO
*Il cliente può’ consultare i foglio informativo relativo all’apertura di credito, home banking, carte di debito, carte di credito e clausole non esplicate nel
presente documento
** La Commissione di Istruttoria Veloce (CIV) è applicata sugli sconfinamenti, cioè l’utilizzo da parte del Cliente di somme di denaro oltre il limite del fido
o, qualora non sia presente apertura di credito, in eccedenza rispetto al saldo del conto. La banca non ha l’obbligo di concedere lo sconfinamento ed
applica la CIV per ogni sconfinamento che concede al Cliente, a seguito di istruttoria veloce, anche in assenza di una sua richiesta formale.
La CIV viene applicata una sola volta al giorno anche in presenza di più sconfinamenti nella stessa giornata.
La CIV è dovuta quando, con riferimento al saldo disponibile a fine giornata, si sia determinato uno sconfinamento o si sia verificato un addebito che ha
incrementato lo sconfinamento in essere per gli importi previsti nelle voci di costo sopra riportate.
Per i consumatori la CIV non è dovuta se ricorrono entrambi i seguenti presupposti:
1. saldo passivo inferiore o pari ad € 500,00; 2. lo sconfinamento non ha durata superiore a 7 giorni consecutivi.
La suddetta esclusione è concessa per un massimo di una volta per ciascuno dei quattro trimestri di cui si compone l’anno solare.
La commissione è applicata avendo riguardo al saldo disponibile a fine giornata.
La commissione è esclusa qualora lo sconfinamento ha avuto luogo a seguito di pagamenti effettuati a favore della banca.

ALTRE CONDIZIONI ECONOMICHE


SERVIZI DI PAGAMENTO
Si veda foglio informativo n. S0570 “ Incassi e Pagamenti”
VALUTE
Versamento di contanti / Assegni circolari stessa banca Stesso giorno del versamento
Versamento di assegni circolari altri istituti / Vaglia Banca d’Italia 1 giorno lavorativo successivo al versamento
Versamento assegni bancari stessa banca Stesso giorno del versamento
Versamento assegni bancari altri istituti 3 giorni lavorativi successivi al versamento
Versamento vaglia e assegni postali 3 giorni lavorativi successivi al versamento
Non stornabilità assegni circolari 6 giorni lavorativi successivi alla negoziazione
Non stornabilità assegni bancari 10 giorni lavorativi successivi alla negoziazione
Valuta di prelevamento con assegno bancario o assegno di sportello Data emissione assegno
Prelevamento con tessera bancomat Data del prelevamento
ALTRO
Stampa estratto conto allo sportello € 0,30
Commissioni assegni impagati ricevuti € 30,00 oltre le spese reclamate
CONDIZIONI PER L’APPLICAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE
L’applicazione delle suddette condizioni economiche è subordinata all’accredito mensile sul conto corrente dello stipendio tramite bonifico. In mancanza di detto
accredito, a decorrere dall’inizio del trimestre successivo, verranno applicate le medesime condizioni economiche salvo le seguenti variazioni:
Spese annue per conteggio interessi e competenze € 120,00
Registrazione di ogni operazione € 1,75

3/5
Foglio informativo C0201/012 – c/c lavoratori dipendenti Aggiornamento 8 luglio 2013
Tasso creditore annuo nominale
0,12500%
(al lordo della ritenuta fiscale tempo per tempo vigente)
Tasso creditore effettivo annuo
0,12506%
(al lordo della ritenuta fiscale tempo per tempo vigente)

CLAUSOLE CONTRATTUALI

FORO COMPETENTE
1] Foro competente per eventuali controversie fra la Banca ed il Cliente, relative ai rapporti nascenti in dipendenza del presente Contratto, è in via esclusiva
quello di Pisa.
2] Ove si tratti di contratti conclusi con clienti che rivestono la qualifica di consumatori ai sensi dell’art. 3 del d. lgs. 6 settembre 2005, n. 206, il Foro
competente è quello nella cui giurisdizione sono compresi la residenza o il domicilio elettivo del consumatore.
DIRITTO DI RECESSO SPETTANTE AL CLIENTE ED ALLA BANCA
Il Cliente e la Banca hanno diritto di recedere in qualsiasi momento dandone comunicazione per iscritto, e con il preavviso di 1 giorno, dal contratto di conto
corrente e/o dalla inerente convenzione di assegno, nonché di esigere il pagamento di tutto quanto sia reciprocamente dovuto.
Resta inteso che in presenza di una giusta causa o di un giustificato motivo, ciascuna delle parti ha, comunque, facoltà di recedere dal contratto con effetto
immediato.
Ove il Cliente rivesta la qualifica di consumatore ai sensi del d. lgs. 6 settembre 2005, n. 206, per il pagamento di quanto da lui dovuto, sarà concesso un
termine di 7 giorni. Il recesso dal contratto provoca la chiusura del conto.
TEMPI MASSIMI DI CHIUSURA DEL RAPPORTO CONTRATTUALE
n° 15 giorni lavorativi a decorrere dal regolamento di tutte le utenze e/o servizi collegati.
MEZZI DI TUTELA STRAGIUDIZIALE DI CUI IL CLIENTE PUÒ AVVALERSI
La Banca aderisce ai sistemi di risoluzione delle controversie alternative rispetto al ricorso al giudice ordinario (ADR – Alternative Dispute Resolution).
In alternativa al ricorso al giudice ordinario, il Cliente può presentare un reclamo alla Banca:
1) con lettera raccomandata indirizzata a: Banca di Credito Cooperativo di Fornacette - Direzione Generale - Ufficio Reclami - Via T. Romagnola, 101/A -
56012 Fornacette (Pi)
2) tramite posta elettronica all’indirizzo: reclami@bccfornacette.it
3) consegnata allo sportello dove è intrattenuto il rapporto.
La Banca deve rispondere entro 30 giorni dalla data di ricezione del reclamo.
In caso di accoglimento del reclamo la Banca illustra le iniziative che si impegna ad assumere per risolvere il problema ed i tempi tecnici entro i quali si
impegna a provvedere.
In caso di mancato accoglimento del reclamo, la Banca deve esporre le relative ragioni.
Se il reclamo non viene accolto, se la Banca non ha risposto entro i termini o se la risposta fornita dalla Banca non soddisfa il Cliente, quest’ultimo prima di
ricorrere al Giudice può rivolgersi ai sistemi di composizione stragiudiziale delle controversie ai quali aderisce la Banca, ossia:
a) Arbitro Bancario Finanziario (ABF): per saper come rivolgersi all'Arbitro si può consultare il sito www.arbitrobancariofinanziario.it, chiedere presso le Filiali della
Banca d'Italia, oppure chiedere alla banca/intermediario.
b) Conciliatore BancarioFinanziario: per saper come rivolgersi al Conciliatore e per conoscere i servizi forniti da tele Organo, si può consultare il sito
www.conciliatorebancario.it oppure chiedere alla banca/intermediario.
Il Ricorso all’Ufficio Reclami non priva il Cliente del diritto di investire della controversia, in qualunque momento, l’Autorità giudiziaria ovvero, ove previsto,
un collegio arbitrale o di proporre un tentativo di conciliazione

LEGENDA DELLE PRINCIPALI NOZIONI DELL’OPERAZIONE


Canone annuo Spese fisse per la gestione del conto.
Capitalizzazione degli interessi Una volta accreditati e addebitati sul conto, gli interessi sono contati nel saldo e producono a loro volta interessi.
Commissione su fido La commissione rappresenta la remunerazione riconosciuta alla Banca per la messa a disposizione di una
apertura di credito in conto corrente in conseguenza dei costi che questa sostiene per la concessione e il
mantenimento degli affidamenti, quali quelli legati all’istruttoria della pratica, alle analisi del merito creditizio del
cliente, al monitoraggio nel continuo della sua situazione economica, patrimoniale e finanziaria, nonché per
compensare la Banca dell’onere di dover essere sempre in grado di fronteggiare gli utilizzo della linea di credito.
Tale corrispettivo viene determinato sull’importo dell’affidamento accordato in misura proporzionale all’importo ed
alla durata dell’affidamento richiesto dal cliente, a prescindere dall’effettivo utilizzo dell’affidamento. Essa viene
applicata contestualmente al calcolo delle competenze trimestrali e viene rendicontata nell’estratto conto
trimestrale alla voce “Commissione su fido”.
La commissione per istruttoria veloce è addebitata al Cliente dalla Banca per la valutazione creditizia
necessaria ad autorizzare l’operazione di addebito, a fronte di sconfinamenti in assenza di affidamento
ovvero oltre il limite di fido. Essa viene applicata in via posticipata ogni volta in cui il saldo disponibile di fine
giornata, rispetto alla rilevazione precedente, risulti a debito ovvero a debito in misura maggiore, secondo i valori
e le modalità indicate nel documento di sintesi dei contratto di conto corrente ed apertura di credito in conto
corrente. Nei contratti con i non consumatori possono essere previste, nei limiti di legge, commissioni differenziate
Commissione di istruttoria per scaglioni di importo, secondo quanto riportato nel documento di sintesi del contratto.
veloce (CIV) La commissione di istruttoria veloce non è dovuta nei seguenti casi: (i) nei rapporti con i consumatori - per un
massimo di una volta per ciascuno dei quattro trimestri di cui si compone l'anno solare – quando ricorrono
entrambi i seguenti presupposti: (a) per gli sconfinamenti in assenza di fido, il saldo passivo complessivo - anche
se derivante da più addebiti - è inferiore o pari a 500 euro; per gli utilizzi extrafido l'ammontare complessivo di
questi ultimi - anche se derivante da più addebiti - è inferiore o pari a 500,00 euro; (b) lo sconfinamento non ha
durata superiore a sette giorni consecutivi; (ii) lo sconfinamento ha avuto luogo per effettuare un pagamento a
favore della Banca; (iii) lo sconfinamento non ha avuto luogo perché la Banca non vi ha acconsentito
Disponibilità somme versate Numero di giorni successivi alla data dell’operazione dopo i quali il cliente può utilizzare le somme versate.
Fido o affidamento Somma che la banca si impegna a mettere a disposizione del cliente oltre il saldo disponibile.
Saldo disponibile Somma disponibile sul conto, che il correntista può utilizzare.
Sconfinamento in assenza di Somma che la banca ha accettato di pagare quando il cliente ha impartito un ordine di pagamento (assegno,
4/5
Foglio informativo C0201/012 – c/c lavoratori dipendenti Aggiornamento 8 luglio 2013
fido e sconfinamento extrafido domiciliazione utenze) senza avere sul conto corrente la disponibilità. Si ha sconfinamento anche quando la
somma pagata eccede il fido utilizzabile.
Spesa singola operazione non Spesa per la registrazione contabile di ogni operazione oltre quelle eventualmente comprese nel canone annuo.
compresa nel canone
Spese annue per conteggio Spese per il conteggio periodico degli interessi, creditori e debitori, e per il calcolo delle competenze.
interessi e competenze
Spese per invio estratto conto Commissioni che la banca applica ogni volta che invia un estratto conto, secondo la periodicità e il canale di
comunicazione stabiliti nel contratto.
Tasso creditore annuo nominale Tasso annuo utilizzato per calcolare periodicamente gli interessi sulle somme depositate (interessi creditori), che
sono poi accreditati sul conto, al netto delle ritenute fiscali.
Tasso debitore annuo nominale Tasso annuo utilizzato per calcolare periodicamente gli interessi a carico del cliente sulle somme utilizzate in
relazione al fido e/o allo sconfinamento. Gli interessi sono poi addebitati sul conto.
Tasso Effettivo Globale Medio Tasso di interesse pubblicato ogni tre mesi dal Ministero dell’economia e delle finanze come previsto dalla legge
(TEGM) sull’usura. Per verificare se un tasso di interesse è usurario e, quindi, vietato, bisogna individuare, tra tutti quelli
pubblicati, il TEGM degli affidamenti in conto corrente, aumentarlo della metà e accertare che quanto richiesto
dalla banca non sia superiore.
Termini di non stornabilità su Numero di giorni lavorativi, successivi alla data di negoziazione, decorsi i quali la Banca non può più addebitare
assegni sul conto del Cliente l’importo dell’assegno, salvo cause di forza maggiore.
Valute sui prelievi Numero dei giorni che intercorrono tra la data del prelievo e la data dalla quale iniziano ad essere addebitati gli
interessi. Quest’ultima potrebbe anche essere precedente alla data del prelievo.
Valute sui versamenti Numero dei giorni che intercorrono tra la data del versamento e la data dalla quale iniziano ad essere accreditati
gli interessi.

Il sottoscritto _____________________________________________________________ dichiara di aver ricevuto copia del presente foglio informativo.

Data _____________________________ Firma _____________________________________________

5/5