Sei sulla pagina 1di 13

Vedi discussioni, statistiche e profili degli autori per questa pubblicazione su: https://www.researchgate.

net/publication/228347101

Modello continuo per il comportamento anisotropo anelastico nel piano della muratura

Articolo nel Journal of Structural Engineering · Febbraio 2008


DOI: 10.1061/(ASCE)0733-9445(2008)134:2(209)

CITAZIONI LEGGI

87 437

2 autori:

Chiara Calderini Sergio Lagomarsino


Università degli Studi di Genova Università degli Studi di Genova

61 PUBBLICAZIONI 888 CITAZIONI 218 PUBBLICAZIONI 6.648 CITAZIONI

VEDI PROFILO VEDI PROFILO

Alcuni degli autori di questa pubblicazione stanno lavorando anche a questi progetti correlati:

Risposta sismica delle volte a crociera in muratura: prove su tavola vibrante e convalide numeriche Visualizza progetto

Analisi della vulnerabilità delle chiese in muratura non rinforzata Visualizza progetto

Tutti i contenuti che seguono questa pagina sono stati caricati da Sergio Lagomarsino il 16 maggio 2014.

L'utente ha richiesto il miglioramento del file scaricato.


Modello Continuum per anisotropo in piano
Comportamento anelastico della muratura

Chiara Calderini1 e Sergio Lagomarsino2

Astratto: L'articolo affronta il problema della descrizione del processo di danneggiamento anisotropo e del comportamento dissipativo delle
strutture in muratura sotto carichi statici incrementali e dinamici. Viene presentato un modello continuo omogeneo, basato su ipotesi
micromeccaniche semplificate. Si considera la sollecitazione piana. Il metodo degli elementi finiti è adottato come framework per l'implementazione
numerica. La muratura è considerata un materiale composito costituito da blocchi, giunti di letto di malta e giunti di testa di malta. I giunti di letto di
malta sono schematizzati come interfacce caratterizzate da coesione, resistenza a trazione e attrito, mentre i giunti di testa di malta sono considerati
discontinuità geometriche. Le simmetrie interne del materiale portano a distinguere due coppie di giunti di letto emisimmetrici, caratterizzati da
variabili di stato uguale. Il calcolo dei salti di spostamento in queste due coppie di giunti è sufficiente per valutare i salti di spostamento di tutti i giunti
contenuti nella cella unitaria ipotizzata. Le equazioni costitutive considerano la relazione sollecitazione-deformazione non lineare in termini di
sollecitazioni medie e deformazioni medie. Questi ultimi sono prodotti da un contributo di deformazione elastica e da diversi contributi di
deformazione anelastica a seconda del danno nei giunti di malta e nei blocchi. I processi di danno sono descritti mediante un approccio energetico. Il
comportamento isteretico è descritto considerando una legge di attrito di tipo Coulomb sui giunti del letto di malta. Il modello è implementato in un
codice ad elementi finiti ANSYS . Viene presentato un semplice esempio di cronologia di carico ciclico per dimostrare l'efficacia del modello.

DOI: 10.1061/ ASCE 0733-9445 2008 134:2 209

Intestazioni degli argomenti del database CE: meccanica dei continui; Elasticità; Opere murarie; Preservazione; Metodo degli elementi finiti; Anisotropia.

introduzione sforzo richiesto, è adatto per l'analisi di elementi murari semplici


come pareti singole, pilastri in muratura, ed altri elementi
Il grande interesse riscosso negli ultimi anni dalla muratura deriva architettonici fornendo informazioni molto utili sulla
principalmente dagli sforzi profusi da un numero crescente di paesi micromeccanica della muratura. L'approccio macromodellistico,
nella conservazione delle costruzioni storiche e monumentali. La grazie ad una forte riduzione dei gradi di libertà e alla semplice
conservazione richiede strumenti per la valutazione della sicurezza generazione di mesh, può essere impiegato per la descrizione di
delle strutture e per la progettazione delle operazioni di riparazione e strutture murarie di grandi dimensioni, fornendo informazioni
delle tecniche di adeguamento. Le analisi incrementali non lineari agli sulla loro risposta strutturale globale e, quindi, sulla loro sicurezza.
elementi finiti sono state riconosciute come uno strumento utile per la Negli ultimi anni sono state condotte molte ricerche sulla modellazione continua della

descrizione del comportamento delle strutture in muratura. muratura. Grande interesse è stato rivolto all'individuazione di adeguate leggi costitutive in

Consentono infatti di descrivere il comportamento prepicco e grado di includere nel continuo le principali informazioni relative alla meccanica del materiale

postpicco del materiale, individuando non solo la sua capacità portante composito alla microscala. L'omogeneizzazione appare uno dei metodi più attendibili, in quanto

ultima ma anche la sua capacità di spostamento e risposta isteretica, consente di descrivere il comportamento del composito direttamente sulla base delle

particolarmente importante in presenza di forze sismiche. Nell'ambito caratteristiche meccaniche dei giunti e dei blocchi di malta che lo compongono e della geometria

del metodo degli elementi finiti, si possono considerare due diversi dell'assemblaggio, sia nell'ortotropia il campo anelastico anisotropia indotta dal danno,

approcci: La micromodellazione dei singoli elementi discreti o la comportamento postpicco, risposta isteretica. Tuttavia, nonostante il diffuso impiego di tecniche

macromodellazione della muratura come approccio continuo di di omogeneizzazione nel campo elastico Pande et al. 1989; Antonio 1995; Zucchini and Lourenço

materiali compositi. L'approccio discreto, a causa del grande calcolo 2002; Cecchi e Sab 2002 , la formulazione rigorosa in campo anelastico pone ancora profondi

problemi concettuali. Per questi motivi sono stati proposti in letteratura alcuni approcci

1Assegnista di ricerca, Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e semplificati, basati su ipotesi approssimate della geometria dell'assemblaggio o delle interazioni

dell'Architettura, Univ. di Genova, Via Montallegro 1, 16145, Genova, Italia. E- tra i materiali costituenti Maier et al. 1991; Luciano e Sacco 1997; Pegon e Anthoine 1997;

mail: chiara.calderini@unige.it Gambarotta e Lagomarsino 1997b; Massart et al. 2004; Calderini e Lagomarsino 2006 . Un
2Professore Ordinario, Dip. di Ingegneria Civile, Ambientale e
metodo alternativo all'omogeneizzazione, basato sull'approccio del piano critico, è stato
dell'Architettura, Univ. di Genova, Via Montallegro 1, 16145, Genova, Italia. E- proposto in Pietruszczak e Ushaksaraei 2003. sono stati proposti in letteratura Maier et al. 1991;
mail: sergio.lagomarsino@unige.it Luciano e Sacco 1997; Pegon e Anthoine 1997; Gambarotta e Lagomarsino 1997b; Massart et al.
Nota. Associate Editor: Elisa D. Sotelino. Discussione aperta fino a luglio 2004; Calderini e Lagomarsino 2006 . Un metodo alternativo all'omogeneizzazione, basato
1, 2008. Per i singoli elaborati devono essere presentate discussioni separate. Per
sull'approccio del piano critico, è stato proposto in Pietruszczak e Ushaksaraei 2003. sono stati
prorogare la data di chiusura di un mese, una richiesta scritta deve essere
proposti in letteratura Maier et al. 1991; Luciano e Sacco 1997; Pegon e Anthoine 1997;
presentata all'ASCE Managing Editor. Il manoscritto di questo articolo è stato
Gambarotta e Lagomarsino 1997b; Massart et al. 2004; Calderini e Lagomarsino 2006 . Un
sottoposto a revisione e possibile pubblicazione il 22 novembre 2006; approvato il
23 maggio 2007. Questo documento fa parte delGiornale di ingegneria metodo alternativo all'omogeneizzazione, basato sull'approccio del piano critico, è stato

strutturale, vol. 134, n. 2, 1 febbraio 2008. ©ASCE, ISSN 0733-9445/2008/ proposto in Pietruszczak e Ushaksaraei 2003.

2-209-220/$ 25,00. In questo lavoro, una legge costitutiva basata su un approccio semplificato

RIVISTA DI INGEGNERIA STRUTTURALE © ASCE / FEBBRAIO 2008 / 209


all'omogeneizzazione è presentato. L'obiettivo è fornire uno
strumento per la modellazione di strutture murarie complesse,
in grado di: Descrivere sinteticamente le principali
caratteristiche del comportamento della muratura nel piano,
rigidezza e resistenza al degrado, anisotropia iniziale e indotta
dal danno, e dissipazione isteretica; fornire risultati globali
attendibili sulla base di parametri quantificabili da prove
sperimentali standard compatibili con strutture storiche
conservate prove su provini di malta/blocchi o su piccoli
assemblaggi murari; garantire sforzi computazionali
accettabili da un punto di vista ingegneristico. L'utilizzo della
teoria dell'omogeneizzazione, sebbene eseguito in modo
semplificato, consente di considerare l'effetto del pattern
murario sul continuo e di definire le equazioni costitutive
principalmente sulla base di parametri locali. La condizione di
sollecitazione piana delle ipotesi semplificatrici,

Il documento è scritto nella seguente sequenza. In primo luogo, viene


presentata la formulazione teorica del modello. Successivamente, viene
descritto il comportamento del materiale omogeneizzato sotto carichi di
taglio ciclici. Inoltre, viene analizzato il dominio del cedimento anisotropo sia
nello spazio delle tensioni equivalenti che nello spazio delle tensioni
principali, fornendo un confronto con le prove sperimentali effettuate a pag.
1981; 1983. Infine, viene discussa una semplice applicazione del modello.

Modello di danno continuo Fig. 1. Il volume di riferimento

Equazioni costitutive rispettivamente. Il modello si basa sul presupposto che la


deformazione media¯?̄ è prodotto da diversi contributi: un
Le equazioni costitutive del continuo omogeneizzato sono ottenute
contributo elastico, associato ad un continuo elastico equivalente
mediante un'analisi micromeccanica. La muratura storica può essere
ottenuto mediante adeguate tecniche di omogeneizzazione, due
definita come un medium composito caratterizzato da una
diversi contributi anelastici associati al danno localizzato in
microstruttura quasi periodica e quasi regolare dovuta ai tradizionali
giunti di malta ¯?̄m e blocchi ¯?̄b e un contributo anelastico derivato
procedimenti costruttivi manuali, è sempre riconoscibile un certo tasso
di irregolarità e disomogeneità. In generale, dovrebbe essere definito dal danneggiamento della muratura in compressione ¯?̄M
un elemento di volume di riferimento per eseguire
¯?̄ = KM?̄ + ¯?̄m + ¯?̄b + ¯?̄M 2
l'omogeneizzazione. Tuttavia, ad eccezione di quei casi come la
muratura in pietra di gomma in cui la periodicità è lungi dall'essere dove KM matrice di cedevolezza elastica ortotropa omogeneizzata della
raggiunta, il materiale può essere schematizzato come perfettamente muratura. Quest'ultimo può essere definito mediante uno dei
periodico e, quindi, può essere impiegata una cella ripetitiva. diverse tecniche di omogeneizzazione elastica disponibili in
Nell'ipotesi di un pattern di legame in esecuzione, è stata scelta la cella letteratura Pande et al. 1989; Antonio 1995; Zucchine e
ripetitiva mostrata in Fig. 1. Cellule ripetitive simili sono state adottate Lourenço 2002; Cecchi e Sab 2002 . I contributi anelastici,
da altri autori Luciano e Sacco 1997; De Buhan e De Felice 1997; basati su assunzioni meccaniche semplificate, sono definiti nei
2002. La geometria della cella può essere completamente descritta paragrafi seguenti sotto l'ipotesi di piccole deformazioni.
mediante i seguenti parametri Fig. 1: altezza del blocco blockh,
larghezza del blocco b, e spessore del giunto di malta t. Un parametro
geometrico significativo è l'angolo, che caratterizza l'incastro della Danni ai giunti di malta
muratura. In generale, il suo valore è compreso nell'intervallo 30-65°
e può essere espresso come
La deformazione anelastica complessiva dovuta ai giunti di malta ¯?̄m è
h+t espresso in funzione dei ceppi anelastici medi prodotti nella cellula unitaria
= tan−1 2 1 da ogni singolo giunto. Poiché il loro spessore può essere considerato
b+t
sufficientemente piccolo rispetto alle dimensioni del mattone, i giunti di
Vale la pena notare che, a causa della microstruttura quasiperiodica e malta sono considerati come interfacce la cella elementare è così
quasiregolare della muratura, i parametri geometrici della cella schematizzata come mostrato in Fig. 2, in cui ogni interfaccia è identificata
dovrebbero essere considerati, in molti casi, da un punto di vista da un numero .
T
probabilistico. Indicando con tumi = X mi sìmi, lo spostamento medio
Considerando un continuum di tipo Cauchy sotto l'ipotesi della salta sul iol'interfaccia io=1, . . . ,9, e considerando i requisiti di
sollecitazione piana, la deformazione media ¯?̄ e lo stress medio ?̄ nella cella simmetria della cella Anthoine 1995; Luciano e Sacco 1997 ,
che rappresenta le deformazioni e le sollecitazioni effettive nel punto della vengono definite due serie di giunti di malta emisimmetrici
macroscala possono essere espresse come ¯?̄= ¯?̄X¯?̄sì¯?̄ T e ? ̄ = ¯?̄X¯?̄sì¯?̄ T, caratterizzati da salti di uguale spostamento

210 / RIVISTA DI INGEGNERIA STRUTTURALE © ASCE / FEBBRAIO 2008


ne consegue che

tan ¯?̄ma − ¯?̄mb


¯?̄m = ¯?̄ma + ¯?̄mb 9
¯?̄ma + ¯?̄mb + tan ¯?̄ma − ¯?̄mb

Per garantire la compatibilità interna degli spostamenti


nella cella unitaria, Eq. 9 è ammesso alle seguenti condizioni:

figura 2. Lo schema congiunto ¯?̄ma 0; ¯?̄mb 0 10

¯?̄ma ¯?̄mb 11

La Fig. 3 illustra diverse possibili deformazioni della cella elementare,


tuma = tum 2 = tum 7 3
a seconda dell'entità delle deformazioni di taglio ¯?̄xyma e ¯?̄xy mb ; normale
le componenti di deformazione sono nulle. Si può osservare che, in quei casi
in cui i valori delle deformazioni di taglio medie ¯?̄xy ma e ¯?̄xy mb siamo
tumb = tum 3 = tum 6 4
diverso, ma soddisfa la condizione 11 la relazione ¯?̄mk =¯?̄xy mk
I salti di spostamento di queste due serie di articolazioni del letto sono va ricordato , i giunti di testa della malta sono aperti; di conseguenza
sufficienti per definire i salti di spostamento di tutte le altre articolazioni quenza, la cella elementare è soggetta ad un'estensione lungo l'asse X.
della cellula. Infatti, i salti di spostamento dei giunti di testa 1 e 9 Nella condizione limite in cui ¯?̄xy ma =¯?̄xymb, la cella unitaria è sub-
soddisfacendo la simmetria tum 1 = tum 9 , e 4 e 8 che soddisfano la sottoposto solo ad una deformazione di taglio. Vale la pena notare che
simmetria tum 4 = tum 8 , può essere definita in funzione di la rappresentazione in Fig. 3 associa salti di spostamento negativo
tuma e tumb, rispettivamente. Inoltre, il salto di spostamento detti compenetrazione su giunti di testa di malta in quei casi in cui i
dell'articolazione di testa 5, si può definire come: tum 5 = tum 1 + tum 4 . Infatti, la giunti di letto”b” hanno deformazioni tangenziali positive. Questo stato
deformazione complessiva della cellula ripetitiva può essere descritta da di deformazione è ammesso solo se la condizione 11 è garantita sulla
mezzo di due soli vettori di salto di spostamento tumk k=a,b. cella. La Fig. 4 mostra diverse configurazioni del volume di riferimento,
sì ¯ tot
Le componenti della deformazione?̄media
mk = ¯?̄X¯m¯k ?̄mk ?̄mk
come- T
a seconda dell'entità dei ceppi normali ¯?̄sì ma e ¯?̄sì mb. Il
associati ai salti di spostamento nelle due coppie di emi- relazione tra le deformazioni di taglio yx mk e
i normali ceppi
le giunzioni del letto simmetriche possono essere definite come ¯?̄mk

si nota delle due coppie di giunti letto emisimmetrici. I
meccanismi di inelasticità dei giunti di malta sono espressi
sulla base del modello di giunto in malta proposto in Gambarotta e
Xma; sìma
¯Xma = + ¯sìma = + Lagomarsino 1997a. Poiché nel modello proposto i giunti di malta sono
b+t 2h+t considerati come interfacce, invece di giunti a spessore finito, si
considerano le deformazioni anelastiche associate con riferimento alla
yx
Xm un + sìma
¯?̄ma
tot = ¯?̄xy
ma + ¯ma = 5 cella unitaria anziché al giunto. Si introducono le seguenti ipotesi: le
2h+t b+t proprietà meccaniche dell'intero insieme di giunti di testa vengono
trascurate; si presume che solo i giunti di letto siano meccanicamente
resistenti, cioè caratterizzati da resistenza alla trazione, coesione e
Xmb ; sìmb attrito. Oltre ad una grande semplificazione delle equazioni costitutive,
¯Xmb = − ¯sìmb = + ragioni costruttive suggeriscono tale distinzione. Infatti, nella
b+t 2h+t
tradizione costruttiva, le giunzioni del letto di malta venivano
yx
Xmb − sìmb solitamente realizzate con particolare cura, sia per orientamento
¯?̄mb
tot = ¯?̄xy
mb + ¯mb = 6
2h+t b+t strutturale normale alle massime sollecitazioni di compressione sia per
ragioni pratiche facilità di lavorare su un piano orizzontale continuo. Al
Se le componenti della deformazione normale e di taglio delle due coppie contrario, il ruolo dei giunti di testa in malta era considerato
dei giunti letto sono convenzionalmente indicati come ¯?̄mk =¯?̄smk
ì e secondario dal punto di vista strutturale, e la loro messa a punto non
¯?̄mk =¯?̄xmk,
y
rispettivamente, la deformazione media può essere espressa come era un compito facile; quindi, in molti casi, la loro qualità è scadente.
I ceppi ¯?̄mk e ¯?̄mk sono definiti in base alle seguenti
relazioni:
tan ¯?̄ma − tan ¯?̄mb
¯ma = ¯?̄ma , ¯?̄mb = ¯?̄mb ¯?̄mk = mk cmnH mk mk k = a, b 12
¯?̄ma + tan ¯?̄ma ¯?̄mb − tan ¯?̄mb
7 ¯?̄mk = mk cmt mk − fmk k = a, b 13

dove angolo di incastro definito nella sezione intitolata Deformazione dove mk e mk risolte le sollecitazioni normali e di taglio agenti
"Equazioni costitutive". Come le anelastica complessiva della malta rispettivamente sulle interfacce; mk 0 sono variabili di danno; cmn
t può
per T essere ex
m ¯?̄ mmm
articolazioni = ¯?̄X ¯?̄sì ¯?̄ premuto come e cmt parametri di cedevolezza anelastica media estensionale e tangenziale
che caratterizzano rispettivamente l'articolazione; H Heaviside
funzione tenendo conto della risposta unilaterale delle
¯?̄m = ¯?̄ma + ¯?̄mb 8 interfacce; efmk attrito nelle interfacce malta-blocco.

RIVISTA DI INGEGNERIA STRUTTURALE © ASCE / FEBBRAIO 2008 / 211


figura 3. Deformazione della cella unitaria in funzione di?̄m a e ¯xy ?̄mb
¯xy

Si assume che le sollecitazioni locali agenti lungo le due coppie di questo caso, lo stress globale ¯?̄X viene trasferito in parte attraverso giunti di
interfacce siano uniformi. L'equilibrio di equilibrio porta alla seguente letto, in termini di sforzi di taglio, e in parte attraverso giunti di testa, in
relazioni abbassanti: termini di normali sollecitazioni di compressione. Il valore critico di¯?̄X

sì ¯?̄ =¯?̄mb , è
corrispondente alla condizione limite ma
ma = ¯?̄ + tan ¯?̄ 14
1
ma =¯?̄ + tan ~?̃X 15 ¯?̄Xc = − ma − mb ¯?̄ + ma fma
tan ma + mb

mb = ¯?̄sì − tan ¯?̄ 16 − mb fmb 18

Lo stress ~?̃X può quindi essere definito come


mb =¯?̄ − tan ~?̃X 17

dove ~?̃X quota dello stress globale ¯?̄X trasferito tra i blocchi attraverso ¯?̄ X ¯?̄cX→~?̃x = ¯?̄X
le articolazioni del letto, e assume espressioni diverse a seconda dello
stato di apertura / chiusura delle articolazioni della testa. In par-
¯X ¯ cX →~ x = ¯ X c 19
particolare, se ¯ma ¯?̄mb, le articolazioni della testa sono aperte e ~?̃X coincide
con ¯?̄X. Quest'ultimo viene completamente trasferito attraverso giunti letto in Sotto la condizione ¯?̄X ¯?̄X c, lo sforzo di compressione medio recitazione

termini di sollecitazioni di taglio. Se¯?̄ma =¯?̄mb le articolazioni della testa sono chiuse. Nel è X =¯?̄X−¯?̄c.
sulle articolazioni della testa mh X

212 / RIVISTA DI INGEGNERIA STRUTTURALE © ASCE / FEBBRAIO 2008


figura 4. Deformazione della cella unitaria in funzione di?̄m a e ¯yx ?̄mb
¯yx

Nelle eq. 14 e 16 si può osservare che la normale locale Danni in compressione e meccanismi dei blocchi
sottolinea ma e mb agenti sulle due coppie di giunti letto sono
Si presume che i danni possano verificarsi nei blocchi come conseguenza sia
diversi Mann e Müller 1982; Alpa e Monetto 1994. Questo
delle sollecitazioni di trazione che di taglio. Analogamente ai giunti di malta,
caratteristica deriva direttamente dall'ipotesi di trascurare le proprietà
b ¯?̄ = bbb
i componenti della deformazione anelastica complessiva xy T Maggio
meccaniche dei giunti di testa in malta. Infatti, poiché i giunti di testa della
essere espresso come
malta non sono in grado di trasferire le sollecitazioni di taglio lungo le loro
superfici, si produce una coppia sulla cella unitaria; l'equilibrio può essere ¯?̄bX= 2 bcbnH ¯?̄X ¯?̄X 20
raggiunto solo per mezzo di una coppia di forze verticale.
Poiché le sollecitazioni normali che agiscono sulle articolazioni del letto sì ¯?̄sì
¯?̄by = c H ¯?̄
b bn 21
dipendono, oltre che dallo stress normale globale ¯?̄si, sullo sforzo di taglio ¯?̄, i
loro segni potrebbero non coincidere con il segno delle normali sollecitazioni
globali che agiscono sulla cella elementare. Quindi, a seconda del rapporto¯?̄s /¯?̄, ¯?̄b = bcbt¯?̄ 22
ogni coppia di giunti può essere tesa o compressa; i quattro possibili stati di stress
dove b 0 è la variabile del danno; cbn e cbt sono parametri di compliance
all'interno della cella sono riassunti nella Tabella 1.
anelastica media estensionale e tangenziale che caratterizzano
Infine, si può osservare che le sollecitazioni di taglio locali ma rispettivamente i blocchi. Si può osservare che nell'eq. 20 c'è un fattore
e mb dipendono, oltre che dallo sforzo di taglio globale ¯?̄, sullo stress che raddoppia la velocità di deformazione; questa è una conseguenza
normale globale ¯?̄X. Se sollecitazioni di taglio globali positive ¯?̄ 0 sono della discontinuità creata dai giunti di testa della malta, che comporta
considerato, si può osservare che se ¯?̄x=0, vengono prodotte tensioni di la sollecitazione media locale agente sui blocchi lungo l'asseX
taglio locali positive uguali, mentre se ¯?̄X 0 le sollecitazioni di taglio locali essere il doppio dello stress globale ¯?̄X. Vale la pena notare che i
agenti sulle due coppie di giunti di letto sono diverse. In particolare, se¯?̄X 0 meccanismi di danno nei giunti di malta e nei blocchi sono
giunti letto”un"Essere sempre sottoposto a sollecitazioni di taglio più elevate completamente indipendenti.
rispetto alle articolazioni del letto"b,” e il segno dell'incastro del letto Se si considerano ora gli sforzi di compressione, si può osservare che le
b può diventare negativo; Se¯?̄X 0, giunto letto b sarebbe teoricamente soggetto a ipotesi adottate nel modello non possono portare ad una descrizione
sollecitazioni di taglio locali più elevate, ma il limite di compenetrazione non accurata della rottura della muratura. Infatti, è stato osservato da molti
consente un aumento delle sollecitazioni. Quindi, una sollecitazione normale di ricercatori che la risposta della muratura in compressione è fortemente
compressione che agisce sulla cella elementare lungo l'asseX può influenzare influenzata dall'interazione micromeccanica di giunti di malta e blocchi. In
fortemente il comportamento a taglio del materiale composito Dialer 1991 . particolare, come evidenziato da Hilsdorf 1969, quando un pannello di
muratura viene caricato da una compressione nel piano ortogonale al piano
di giunzione del letto, la diversa deformabilità dei blocchi e della malta
induce nei blocchi sollecitazioni di trazione longitudinali e trasversali,
Tabella 1. Possibili stati di stress normale nelle due coppie di articolazioni
responsabili di il fallimento del pannello. L'ipotesi di considerare i giunti di
Astuccio Condizione Segno di sollecitazioni locali malta come interfacce, adottata nel modello, implica implicitamente che le

UN ¯?̄y / ¯?̄ 0 0 sollecitazioni locali non siano influenzate dalla diversa rigidezza dei giunti e
ma mb
dei blocchi di malta; quindi, il meccanismo di fallimento descritto in
B − −tan tan¯?̄s /¯?̄ tan ma 0 mb 0
precedenza non può essere modellato. Inoltre, l'ipotesi della sollecitazione
C ¯?̄y / ¯?̄ tan ma 0 mb 0
piana introduce un ulteriore limite, come effetto delle sollecitazioni
D − tan ¯?̄s /¯?̄ tan ma 0 mb 0
trasversali

RIVISTA DI INGEGNERIA STRUTTURALE © ASCE / FEBBRAIO 2008 / 213


non viene preso in considerazione Anthoine 1995 . Se la muratura è Rc, 0 1
caricata da una compressione nel piano lungo l'asseX parallelamente ai R = − 27
Rc , 1
giunti di letto, dovrebbero essere considerati ulteriori meccanismi,
come l'instabilità di colonne di blocchi allineati per basse sollecitazioni dove si può osservare che il parametro descrive il comportamento di
di compressione ortogonali o la deformazione a taglio di giunti di letto rammollimento del materiale nell'intervallo postpeak. In accordo con
di malta associata allo schiacciamento di giunti di testa di malta e/o di questo criterio e considerando le variabili affine, il seguente
blocchi Zucchini e Lourenço 2002 . abbassando tre danni Evoluzione sono state introdotte le condizioni
Pertanto, al fine di introdurre nel modello accettabili, anche se non nel modello:
rigorosi, cedimenti in compressione, si potrebbe considerare un
approccio fenomenologico. In particolare si fanno le seguenti 1¯ 1¯?̄
mk = ?̄
2 mkmk
+ 2 mk mk − fmk
assunzioni: Viene utilizzata una variabile univoca per descrivere il mk
danneggiamento dei blocchi e della muratura in compressione b;
− Rm mk 0 k = a, b 28
la deformabilità anelastica e la resistenza della cella elementare in
compressione sono derivate fenomenologicamente e si riferiscono alla
muratura nel suo insieme e non ai singoli blocchi. Quest'ultima ipotesi ¯?̄X x + 1¯aa + 1¯?̄ 1
+ 2¯?̄XM¯?̄x + 12¯?̄sMì ¯?̄sì
1
b= 2 bb 2 bb 2 bb
implica che i parametri adottati in compressione debbano essere b
ricavati direttamente da prove sperimentali eseguite su pannelli in
− Rb b 0 29
muratura.
Facendo le ipotesi precedenti, le tre componenti della dove Rm e Rb funzioni di tenacità delle articolazioni e dei blocchi,
deformazione anelastica associate ai meccanismi in compressione di rispettivamente. Il massimoRmc e Ravanti Cristo delle funzioni di tenacità
la muratura ¯?̄M siamo Rm e Rb sono funzioni delle resistenze e dei parametri di
cedevolezza anelastica dei materiali costituenti. In particolare, il
¯?̄MX= bcmnH − ¯?̄X ¯?̄X 23 sono richiesti i seguenti parametri di resistenza: la resistenza alla trazione
e la coesione dei giunti di malta Sig e Sig , la trazione e il
resistenza al taglio dei blocchi fratello e br, la resistenza alla compressione di
¯?̄M

= bcmnH − ¯?̄sì ¯?̄sì 24 opere murarie Sig . Vale la pena notare che, poiché il processo di danneggiamento

è irreversibile ̇ 0, una volta che si è verificato il danno il materiale


non può recuperare né la sua rigidità Eq. 12 e 13 , 20 e
M=0 25
22 , e 23 – 25 né la sua forza se 1 Eq. 27.
dove cmn parametro di cedevolezza anelastica media media che Il secondo criterio riguarda l'attrito associato alle sollecitazioni
caratterizza la muratura in compressione; si può osservare che in normali di compressione agenti sulle interfacce. L'ipotesi
eq. 23 – 25 si definisce una relazione diretta tra le deformazioni medie esis che le sollecitazioni di attrito fmk deve soddisfare la legge di
anelastiche e la sollecitazione complessiva?̄. Coulomb porta alle seguenti condizioni aggiuntive:

Leggi sull'evoluzione del danno sk = fmk + mk 0 k = a, b 30


Per valutare i contributi di deformazione anelastica, l'internal dove coefficiente di attrito nell'interfaccia. Il corrispondente
variabili mk e b, oltre alle sollecitazioni di attrito fmt k la regola è
k = a, b, deve essere noto in qualsiasi fase della cronologia di caricamento
attraverso equazioni di evoluzione. Il modello proposto assume due ? ̇mk = v K ?̇ K , ?̇ K 0 k = a, b 31
diversi tipi di criteri di evoluzione.
dove v k = fmk / fmk.
Il primo criterio riguarda l'evoluzione del danno associato alla
Tale approccio fornisce una risposta diversa dell'omogeneità
resistenza del materiale e si basa sulla resistenza-curva approccio
materiale enizzato in base alla sollecitazione di trazione o compressione che
sviluppato nell'ambito della meccanica della frattura Broek 1986;
agisce localmente sulle interfacce e globalmente sulla cella elementare. Se i
Ouyang et al. 1990. Una trattazione completa si trova in
giunti di testata sono aperti, le due coppie di giunti di letto si comportano in
Gambarotta e Lagomarsino 1993 1997a. Supponendo come a
modo indipendente; per ciascuno degli stati di sollecitazione forniti nella
variabile di danno generico, è avanzata l'ipotesi che il danno
tabella 1 dovrebbe essere risolto un diverso problema incrementale. Se i
rappresentativo della crescita della fessura possa aumentare ̇ 0 se la densità
giunti di testata sono chiusi, le due coppie di giunti interagiscono. Infatti, lo
del tasso di rilascio dell'energia del danno sì è uguale alla tenacità del
stress critico~?̃X dipende non solo dalle variabili di danneggiamento delle
materiale R, assunto dipendente da. SeYR non vi è evoluzione del danno,
due coppie di giunti, ma anche dalle sollecitazioni di attrito Eq. 18. Pertanto,
mentre se la condizione limite Y=R viene raggiunto nella fase di carico
se una o entrambe le coppie di giunti vengono compresse, si dovrebbero
infinitesimale, il tasso di danno corrispondente ̇ si presume che avvenga. Ne
risolvere diversi problemi incrementali non solo in funzione degli stati
consegue che gli Stati ammissibili devono soddisfare
tensionali previsti in Tabella 1, ma anche in funzione delle condizioni 30 e
rispettare la seguente condizione generale:
del segno dell'attrito.
sottolinea v K .
= sì − R 0 26
L'implementazione del modello nei codici agli elementi finiti
dove R si assume come funzione positiva della variabile di danno. spiega la formulazione di una procedura incrementale basata su fasi di
L'esistenza di uno stato limite rappresentativo del fallimento materiale carico finite in cui vengono applicati incrementi di carico o spostamenti
è subordinato all'esistenza di un massimo Rc della funzione di prescritti. Ogni step di carico è risolto mediante una procedura
tenacità R; data l'arbitrarietà dell'intensità del danno iterativa basata sulstress iniziale approccio Zienkiewicz e Taylor 1991 e
variabile, per caratterizzare questo stato il valore di riferimento di c=1 si assumendo la matrice di rigidezza corrispondente allo stato non
presume. In particolare, la seguente funzione di tenacità è stata danneggiato. Gli effetti non lineari vengono presi in considerazione in
considerati, sia per malta che per blocchi: termini di forze residue valutate una volta che lo stress e il

214 / RIVISTA DI INGEGNERIA STRUTTURALE © ASCE / FEBBRAIO 2008


Tavolo 2. Parametri utilizzati nella convalida del dominio di guasto Failure

Parametro Valore

Forza
0.8
signor / signor 0,013
br / signor 0.06
signor / signor
2.3
br / signor 0.28
38.65°
Rigidità anelastica

cmtḠxy 1

cmn
¯ Esì 1

validazione sperimentale del modello che sarà presentato in


una prossima sezione e riassunto nella Tabella 2 signor=9,85 MPa,
Ey=2.000 MPa, Ḡxy=800 MPa. La Fig. 6 mostra le deformazioni locali e le
sollecitazioni prodotte sulle due coppie di giunti durante il carico
storia. I punti individuati dalle lettere A–V nelle Figg. 5 e 6 rappresentano
stati coincidenti del materiale e sono disposti in ordine cronologico. Nelle
figg. 5 e 6, le deformazioni sono state adimensionalizzate dalla
deformazione elastica di taglio corrispondente allo sforzo di taglio
raggiunto al fallimento ¯?̄E, mentre le sollecitazioni sono state
Fig. 5. Risposta globale del continuum sottoposto a una costante adimensionalizzate dalla coesione dei giunti di malta Sig o la loro trazione
stato di stress normale ¯?̄x / Mr =0,00005, ¯?̄y / Mr=−0,01 e ad una storia di forza Sig, Fichi. 6c e d. La storia delle deformazioni è caratterizzata da una

deformazione di taglio ciclica successione di deformazioni di taglio applicate in modo incrementale, identificate
dai punti B, E, K, Q, U, ecc. Fig. 5 a . Il fallimento è raggiunto nel puntoJ per le
vengono aggiornati i vettori delle variabili interne in corrispondenza di ciascun articolazioni un e nel punto P per giunto b. Durante la storia della
punto di Gauss. A tal fine è stato sviluppato un algoritmo di integrazione, basato deformazione di taglio la risposta del materiale è complessa, coinvolgendo
sul metodo di Newton-Raphson. Partendo da uno stato iniziale noto non solo le componenti di taglio della deformazione, ma anche quelle

caratterizzato da valori dati delle variabili di stato ¯?̄, ?̄, mk, normali. Figg. 5b e c. Si possono riconoscere le seguenti caratteristiche
tipiche:
b, e ¯?̄mk, fornisce gli incrementi dello stress ?̄ e di
le variabili interne mk, b, e ¯?̄mk corrisponde a
incrementi di deformazione assegnati ¯?̄ . Come le equazioni costitutive di
i modelli sono anolonomi, l'algoritmo fornisce diverse soluzioni del
problema incrementale a seconda dello stato tensionale di tensione/
compressione dei giunti del letto, come definito in Tabella 1 e su
l'apertura / chiusura delle articolazioni della testa ¯?̄X ¯?̄xc. Pertanto, all'inizio
di ogni fase di carico, lo stato di sollecitazione dei giunti dovrebbe essere
analizzato, considerando il dato vettore di sollecitazione ?̄ e ¯?̄xc
calcolato sulla base delle variabili di stato effettive. Se, durante la finita
gradino di carico, segno delle tensioni agenti sui cambiamenti dei giunti,
viene attivata una procedura di bisezione per identificare lo stato limite e de
fi nire le nuove condizioni alle quali il problema incrementale dovrebbe
essere risolto.
Per ottenere una maggiore essibilità nelle applicazioni, l'algoritmo
di integrazione è stato implementato nel codice general-purpose
ANSYS 2003 degli elementi finiti. La legge costitutiva è impiegabile con
elementi in piani di sollecitazione piani e shell.

Comportamento del materiale omogeneizzato

Shear Cyclic Response


Il compito principale del modello costitutivo proposto è la descrizione del
comportamento a taglio della muratura. Per illustrare le caratteristiche
qualitative del modello costitutivo, la Fig. 5 mostra la risposta del continuum
omogeneizzato a una storia di deformazione di taglio ciclica uniforme. Le
sollecitazioni normali costanti vengono applicate lungoX e sì
¯?̄x / Mr =0,00005 e ¯?̄y / Mr=-0.01 . I parametri anelastici adottati figura 6. Risposta locale delle due coppie di giunti di malta alla storia di
carico di Fig. 5
sono, a titolo di riferimento, gli stessi individuati per il

RIVISTA DI INGEGNERIA STRUTTURALE © ASCE / FEBBRAIO 2008 / 215


figura 8. Limite dominio di forza del materiale continuo, nello spazio
?̄X , ?̄si,¯?̄

la coppia di giunti un è la prima ad essere danneggiata, e la coppia


di articolazioni b seguirà durante l'intera cronologia di caricamento.
figura 7. Risposta globale del continuo alla stessa storia di deformazione di Il danno incrementale prodotto nelle due coppie di giunti è anche
taglio ciclica della Fig. 5, ma considerando differenti sollecitazioni normali responsabile della diversa deformazione raggiunta nei puntiBI, OE,
stati. un¯?̄x / Mr =0,00005, ¯?̄y / Mr=-0.04. b¯?̄x / Mr =-0.04, e KU.
¯?̄y / Mr=−0,01. La Fig. 7 mostra il ¯?̄ –¯?̄ diagrammi dello stesso percorso di carico ciclico
precedentemente considerato, considerando due diversi stati di sollecitazione
normale. In Fig. 7 a , la sollecitazione normale di compressione lungo ilsì asse
• A causa dello sforzo di taglio prodotto nel continuo durante è stato aumentato ¯?̄y / Mr=-0.04. Il comportamento della muratura è fortemente
la storia della deformazione, le sollecitazioni normali locali mk agendo influenzato dal cambiamento del normale stato tensionale; in par-
sulle due coppie di giunti può cambiare il loro segno. In particolare, In particolare, si può osservare l'aumento sia della resistenza che della
punti ACHLT e DFNR identificare gli stati in cui si manifesta il dissipazione associato ad una maggiore sollecitazione di compressione sui giunti
segno della normale sollecitazione agente sulla coppia di giunti del letto. Vale la pena notare che, in questo caso, entrambe le coppie di giunti di
un e b, rispettivamente, modifica le Figg. 6c e d. Poiché le articolazioni letto rimangono compresse durante l'intera storia del carico. In Fig. 7 b , invece
sono soggette a una tensione di trazione normale locale, viene prodotta della leggera tensione normale di trazione, una compressione
una deformazione normale anelastica, si può osservare che la sollecitazione lungo l'asse X si presumeva ¯?̄x / Mr =-0.04. In questo caso il
deformazione normale globale lungosì ha variazioni significative nel comportamento del materiale non ha variazioni significative;
corso della storia Fig. 5 c . Quando una delle due coppie di giunti diventa tuttavia si può osservare un leggero aumento della resistenza e una leggera
tesa, la deformazione anelastica dovrebbe superare la deformazione riduzione della dissipazione. I giunti di testa sono definitivamente chiusi
normale elastica negativa associata alla sollecitazione normale globale durante l'intera storia di carico.
applicata, al fine di produrre deformazioni positive Fig. 5 c.
• La differenza nelle sollecitazioni normali locali mk agendo sulle
Dominio del fallimento nello spazio „?̄X , ?̄si, ?̄…
due coppie di giunti entrambi nel caso in cui siano entrambi
compresso e nel caso in cui uno sia compresso e l'altro La Fig. 8 rappresenta diverse sezioni del dominio di rottura corrispondenti ai
teso, oltre alla leggera differenza nel taglio locale tre piani di sollecitazione fondamentali ¯?̄X−¯?̄si, ¯?̄ −¯?̄si, e
sottolinea mk generato dalla tensione normale di trazione globale ¯?̄X ¯?̄X−¯?̄; il dominio è adimensionalizzato alla compressione uniassiale
applicato al continuum, produce diversi locali anelastici forza siva della muratura Sig . I parametri adottati sono
deformazioni di taglio Figg. 6a e b. Per questo motivo, il continuum gli stessi individuati per la validazione sperimentale del experimental
mostra una deformazione normale positiva lungoX Figura 5b. Da modello che verrà presentato nella sezione successiva Tabella 2 .
notare che, nelle fasi di scarico, le deformazioni di taglio locali della Il dominio del materiale omogeneizzato è definito
coppia di giunti compressa non hanno incrementi fino a quando la dall'intersezione dei domini delle due coppie di giunti di malta e
deformazione di taglio globale raggiunge un certo valoreSG per del dominio dei blocchi/muratura in compressione entrambi ri-
giunto un, punto M per giunto b. ritardato alla stessa variabile di danno b. I domini dei giunti di malta
• La risposta del materiale dipende dall'ordine in cui vengono applicate le sono definiti sia da ellissoidi che da piani che rappresentano l'attrito.
deformazioni di taglio. Si può infatti notare che le normali deformazioni meccanismi di azione, creando una multisuperficie aperta. Il dominio
che si sono verificate nei puntiB e E o in punti e Q sono differenti, anche dei blocchi/muratura in compressione è definito da un insieme di
se le deformazioni di taglio sono uguali Figg. 5b e c. Se inizialmente ellissoidi, creando una multisuperficie chiusa. Sull'aereo¯?̄X–¯?̄sì i domini
viene applicata una deformazione di taglio positiva, delle due coppie di giunti sono coincidenti; sono de fi niti da a

216 / RIVISTA DI INGEGNERIA STRUTTURALE © ASCE / FEBBRAIO 2008


retta di valore costante nel campo di compressione-trazione Dominio del fallimento nello spazio „?̄1 , ?̄2, …: Convalida
¯?̄y= signor , da un'ellisse nel campo di trazione-trazione e da una retta con risultati sperimentali
inclinata nel campo di trazione-compressione. Quest'ultimo rep-
Un tentativo significativo di ottenere un dominio di rottura completo della
risente dell'effetto dei meccanismi di attrito che si verificano nelle articolazioni del
muratura in mattoni nello spazio delle tensioni principali ¯?̄1 ,¯?̄2, è stato pre-
letto quando una normale sollecitazione di compressione agisce sul loro piano
inviato in diverse opere di Page 1980, 1981, 1983 . Le prove sperimentali di
mk 0. In particolare, in questo caso¯?̄ =0 , l'aumento di
riferimento riguardano un insieme di pannelli in muratura con diverse
la normale sollecitazione di compressione limita gli scorrimenti opposti sulle due
orientazioni dei giunti del letto di malta =0° ; =22,5° ;
coppie di giunti di letto di malta prodotti dalla sollecitazione di trazione
= 45 °. Sono stati considerati due diversi stati tensionali biassiali: uno stato
¯?̄X 0 e, quindi, limita l'apertura dei giunti di testa della malta.
tensionale di trazione-compressione Pag. 1983 e uno stato tensionale di
Sull'aereo¯?̄ −¯?̄si, salvo il caso in cui ¯?̄ =0, i giunti della testata della
compressione-compressione Pag. 1980. Per il campo tensione-tensione non
malta sono sempre aperti. La simmetria dei domini delle coppie di
sono disponibili risultati sperimentali; tuttavia, a pagina 1981 viene discussa
giunti è evidente. Se il dominio dei giunti di maltaun viene
una definizione numerica del dominio in quest'ultimo campo. Lo scopo di
analizzato, si può notare che è definito da due rette collegate da
questo paragrafo è un confronto tra il dominio di rottura ottenuto
una curva ellittica. Le rette rappresentano la risposta dei giunti
sperimentalmente da Page e il dominio ottenuto attraverso il modello
quando sono sottoposti ad una sollecitazione di compressione
proposto nei principali piani di sollecitazione. La tabella 2 contiene, in forma
locale 0 . La loromadifferenza di pendenza deriva dal adimensionale, i parametri meccanici e geometrici impiegati nella
diversi contributi dati alla normale sollecitazione locale da una sollecitazione
validazione del modello; i parametri in grassetto sono stati presi
di taglio positiva o negativa. In particolare, se lo sforzo di taglio è negativo¯?̄
direttamente da Page, mentre gli altri sono stati stimati per adattarsi ai dati
0, aumenta le sollecitazioni di compressione che agiscono sulle articolazioni,
sperimentali, in un intervallo di valori standard per la muratura in mattoni.
mentre se è positiva si verifica il contrario ¯?̄ 0. Si può osservare che, quando
Per quanto riguarda il com-
lo sforzo di taglio è negativo¯?̄ 0, i giunti vengono compressi anche se una
forza di pressione della muratura Sig è interessato, va considerato
leggera sollecitazione di trazione agisce sulla cella elementare. La
che è stato scelto il valore di 9,85 MPa. Come riportato in
connessione ellittica rappresenta la risposta dei giunti quando sono
Pagina 1983, questo corrisponde alla resistenza a compressione
sottoposti a sollecitazioni di trazione locali 0 . Anche ma media di una serie di pile incollate a quattro pile, determinata in
in questo caso si può notare che, per basse sollecitazioni di compressione conformità con l'Australian Brickwork Code, e non alla resistenza a
agenti sulla cella elementare, i giunti rimangono tesi. Sull'aereo¯?̄X−¯?̄, le compressione media dei pannelli testati il cui valore è di circa 7,8
normali sollecitazioni locali agenti sulle due coppie di giunti sono sempre di MPa. Inoltre, si può osservare che la resistenza media a
segno opposto; in particolare, se¯?̄ 0 le articolazioni un sono teso compressione dei mattoni è molto più alta di 15,41 MPa.
ma 0 e le articolazioni b sono compressi 0 mb
, mentre se Quest'ultimo dato è stato considerato per definire i valori della
¯?̄ 0 i segni sono invertiti. La simmetria dei domini delle coppie di giunti resistenza a trazione e taglio dei blocchi.
è evidente. Anche in questo caso il dominio di ogni coppia di giunti è Il confronto tra il dominio sperimentale e quello teorico è illustrato
definito da due rette collegate da una curva ellittica. Le linee rette di in Fig. 9. Da un punto di vista qualitativo si può osservare la capacità
valore costante nel campo di compressione rappresentano la del modello di descrivere il comportamento anisotropo al
resistenza dei giunti quando i giunti di testa della malta sono chiusi. In danneggiamento del materiale. Tuttavia, in alcuni campi del dominio, il
questo caso il cedimento si ottiene al raggiungimento della resistenza modello costitutivo non si adatta esattamente ai dati sperimentali.
a trazione di una delle due coppie di giunti Come c'era da aspettarsi, a causa delle grandi semplificazioni assunte,
mk = sig. Nelle parti ellittiche dei domini, le articolazioni della testa sono questo in generale è vero nel campo compressione-compressione, in
aperte. In questo caso ogni coppia di giunti è indipendente. Per un cui la resistenza del materiale tende ad essere sottostimata e
valore positivo dello sforzo di taglio, i giunti un sono tesi; inoltre, lo stress¯?̄X indifferenziata lungo i due assiX e y. Inoltre si può osservare che la
produce sollecitazioni di taglio locali di segno uguale alle sollecitazioni di resistenza del materiale è sovrastimata nel campo di trazione-
taglio locali prodotte dalla sollecitazione di taglio ¯?̄. Quindi, le articolazioni compressione per =22,5°. Probabilmente questa caratteristica è dovuta
un avere una forza finita in questo campo. Le articolazionib sono invece compressi alla trascuratezza delle interazioni tra blocchi e giunti di malta che
e lo stress ¯?̄X produce sollecitazioni tangenziali locali di segno opposto alle possono produrre intense sollecitazioni concentrate sui blocchi,
sollecitazioni tangenziali locali prodotte dalla sollecitazione tangenziale causandone il cedimento.
¯?̄. Per questo motivo la resistenza di tali giunti è rappresentata da una
linea retta, con pendenza positiva.
La resistenza limite alla trazione uniassiale
x+ Simulazioni numeriche
signor k e y+ signor k e il
resistenza limite al taglio signor k delle due coppie di giunti di malta sono
Si considera il problema di modellare pareti in muratura di mattoni
i seguenti:
sotto carichi verticali costanti applicati al bordo superiore e
1 cmt successivamente caricati da forze o spostamenti orizzontali
x+ y+
Sig, signor k = 2 Sig secondo una storia ciclica definita. La simulazione numerica
signor k =
tan signor k = signor,
cmt + cmn tan
proposta fa riferimento alle prove effettuate ad Ispra Italia da
32 Anthoine 1995 su due pareti costituite dagli stessi elementi
costitutivi e schema murario, ma caratterizzate da diverse
Si può osservare che, se entrambi i giunti sono compressi e il
snellezze. Il setup sperimentale è progettato in modo da inibire la
i giunti della testa della malta sono aperti la resistenza al taglio è
rotazione del bordo superiore, consentendo così solo spostamenti
1 verticali e orizzontali. La muratura è stata realizzata in mattoni da
signor k = mr − ¯?̄sì 33 55 120 250 mm e lo spessore del giunto di maltat era di 10 mm; il
1 + tan
disegno è all'inglese e lo spessore delle due pareti è di 250 mm. La
che corrisponde alla teoria di Mann e Müller 1982, prima parete è larga 1,00 m e alta 1,35 mmuretto, mentre l'altro è
mentre se i giunti di testa in malta sono chiusi, la resistenza limite è 1,00 m di larghezza e 2,00 m di altezza muro alto . Le pareti vengono inizialmente

signor k = signor− ¯?̄sì tipico del criterio di Coulomb. compresse da un carico verticale di 150 kN, corrispondente a un me-

RIVISTA DI INGEGNERIA STRUTTURALE © ASCE / FEBBRAIO 2008 / 217


Tabella 3. Proprietà dei materiali impiegati nel Simulazione dei Test
Performed in Ispra

Parametro Valore

EX 2.400 MPa
Esì 1.800 MPa

Ḡxy 600 MPa


¯v̄xy 0.2
0,58
Sig 0,04 MPa
Sig 0.23 MPa
cmtḠxy 4

m 0,4
Sig 6.2 MPa
fratello
2.44 MPa
fratello
2.1 MPa
cmn
¯ Esì 1

b 0,4
26.56°

mentre gli altri sono stati definiti per adattarsi i dati sperimentali
delle prove cicliche. Le pareti sono state modellate impiegando elementi di
tensione piana triangolari di lunghezza 10 cm. Un'analisi di sensitività di tali
dimensioni ha mostrato una sostanziale convergenza dei risultati per questa
scelta. Le risposte cicliche ottenute sono confrontate in Fig. 10 con i risultati
sperimentali. La Fig. 11 mostra l'andamento del danno alla fine dell'ultimo
ciclo di ciascuna parete, in termini di taglio anelastico e deformazioni
normali lungoX e y; le deformazioni sono tracciate solo in quegli elementi in
cui è stato raggiunto il cedimento. Per mostrare le diverse deformazioni
delle due pareti, gli spostamenti sono stati ingranditi 100 volte. Per il
muretto, con-

figura 9. Limite dominio di forza del materiale continuo, nello spazio


?̄1 , ?̄2,

sollecitazione dium verticale di 0,6 MPa. La densità di massa della


muratura è 1750 kg/m3. Il muretto basso presenta una fessurazione
diagonale con prevalente cedimento del giunto; allo stato limite di
resistenza segue un ramo di rammollimento, con significativo degrado
della rigidezza e aumento della dissipazione. Al contrario, la risposta
ciclica delmuro alto segnala la presenza di un meccanismo di
ribaltamento, a basso degrado e dissipazione.
Le caratteristiche meccaniche impiegate nella simulazione
numerica sono riassunte in Tabella 3. I parametri segnati in grassetto
figura 10. Comportamento sperimentale e simulato delle pareti testate a
si riferiscono direttamente alle prove sperimentali effettuate sui
Ispra
componenti materiali riportati in Magenes e Calvi 1997,

218 / RIVISTA DI INGEGNERIA STRUTTURALE © ASCE / FEBBRAIO 2008


Fig.11. Schemi di danno ottenuti nella simulazione numerica, in termini di deformazioni anelastiche

la convergenza è stata persa prima della fine di tutti i cicli L'efficacia nel descrivere la risposta delle pareti in muratura ai percorsi di
sperimentali. In generale si può osservare la capacità del carico di taglio ciclico è stata testata attraverso simulazioni numeriche di
modello di descrivere la diversa risposta delle due pareti. Oltre prove sperimentali disponibili in letteratura Anthoine et al.
ad un'accurata descrizione della resistenza e della rigidità 1995.
complessiva delle pareti, si può notare la qualità del
comportamento dissipativo è evidente un surplus di
dissipazione e del comportamento di rammollimento nella Notazione
fase postpeak. Vale la pena notare qui che non è stata
eseguita alcuna calibrazione dei parametri di resistenza e In questo documento vengono utilizzati i seguenti simboli:
attrito. Il problema più critico è la descrizione del degrado b larghezza del blocco;

della rigidità, che sembra non essere soddisfacente. Questo cbn parametri di cedevolezza anelastica estensionale medi che
perché il modello adotta meccanismi semplificati in caratterizzano i blocchi;
compressione e, in particolare, non tiene esplicitamente conto cbt parametri di cedevolezza anelastica tangenziale media
dell'interazione meccanica tra giunti di malta e blocchi. Per che caratterizzano i blocchi;
quanto riguarda i danni,X lungo le due diagonali del muro. cmn parametro di cedevolezza anelastica media media che
Evidente anche il meccanismo a dondolo dell'alto muro. La caratterizza la muratura in compressione; parametri medi
presenza di deformazioni normali anelastiche nella direzione cmn di cedevolezza anelastica estensionale caratterizzanti il
normale alle articolazioni del letto giunto;
cmt parametri medi di cedevolezza anelastica tangenziale
sì si può osservare concentrato in basso a sinistra e in alto a destra caratterizzanti il giunto;
della parete. Da segnalare infine il verificarsi di deformazioni EX modulo elastico normale omogeneizzato della muratura
anelastiche di taglio lungo i bordi superiore ed inferiore della parete, lungo X;
responsabili della leggera dissipazione che ne caratterizza la risposta. Esì modulo elastico normale omogeneizzato della muratura
lungo si;
fmk sollecitazione di attrito agente sulle due coppie di
Conclusioni
giunti a letto emisimmetrico k=a,b ;

È stato proposto un modello di danno continuo anisotropo, basato su un Ḡxy modulo elastico a taglio omogeneizzato della muratura;

approccio micromeccanico semplificato. Il modello appare abbastanza H Funzione di Heaviside;

semplice e in grado di catturare i principali meccanismi di danneggiamento h altezza del blocco;

nel piano della muratura. Descrive il tessuto murario mediante un solo KM matrice di cedevolezza elastica ortotropa omogeneizzata
parametro sintetico, l'angolo di incastro. I meccanismi di resistenza del della muratura;
materiale si basano sia su leggi di danneggiamento che di attrito. I R danneggia la tenacità del materiale;
parametri coinvolti sono idonei ad essere determinati mediante prove t spessore del giunto di malta;
sperimentali standard. La capacità del modello di descrivere il sì tasso di rilascio di energia del
comportamento anisotropo al danneggiamento della muratura è stata b danno; danno variabile dei blocchi;
dimostrata confrontando il suo dominio di rottura con il dominio mk variabile di danno delle due coppie di
sperimentale ottenuto da Page 1980, 1981, 1983 . giunti a letto emisimmetrico k=a,b ;

RIVISTA DI INGEGNERIA STRUTTURALE © ASCE / FEBBRAIO 2008 / 219


parametro adimensionale che descrive il comportamento di Pean Conf. sull'ingegneria sismica,Vienna, 1994 3, 1657–1662. Broek, D.
rammollimento del materiale; 1986 .Ingegneria elementare meccanica della frattura, Martinus
¯?̄E deformazione elastica tangenziale corrispondente alla sollecitazione Nijhoff, Hingam, Mass.
tangenziale raggiunta a rottura; Calderini, C., e Lagomarsino, S. 2006 . “Un micromeccanico anelastico
¯?̄mk modello per la muratura storica”. J. Terremoto Ing., 10 4, 453-479.
componente di deformazione a taglio delle due coppie di
Cecchi, A. e Sab, K. 2002. “Un'omogeneizzazione multiparametrica
giunti a letto emisimmetrico k=a,b ;
studio per la modellazione di murature elastiche”. Euro. J. Mech. A/Solidi,21 2 ,
tumi salto di spostamento medio sul io-l'interfaccia
249-268.
io=1, . . . ,9 ; De Buhan, P., e De Felice, G. 1997 . “Un approccio di omogeneizzazione a
tumk salto di spostamento medio sulle due coppie di la forza ultima della muratura in mattoni”. J. Mech. Fis. solidi,45 7 ,
giunti a letto emisimmetrico k=a,b ; 1085–1104.
¯?̄ deformazione media nella cella elementare; Dialer, C. 1991 . “Alcune osservazioni sul comportamento di resistenza e deformazione
¯?̄b deformazione anelastica media associata al danno in i nostri pannelli di muratura sollecitati a taglio sotto carico statico monotono-
blocchi; ing.” Proc., 9° IBMaC, Berlino, 276-283.
¯?̄M deformazione anelastica media associata al danneggiamento Gambarotta, L., e Lagomarsino, S. 1993 . “Un danno microcracked
della muratura in compressione; modello per materiali fragili”. Int. J. Solidi Strut.,30 2 , 177–198.
¯?̄m deformazione anelastica media associata al danno Gambarotta, L., e Lagomarsino, S. 1997a . “Modelli di danno per il
nei giunti di malta; risposta sismica di pareti di taglio in muratura. I: Il modello del giunto di
malta e le sue applicazioni.”Terremoto Ing. struttura Din.,26 4, 423-439.
¯?̄mk deformazione anelastica media delle due coppie
di giunti a letto emisimmetrico k=a,b ;
Gambarotta, L., e Lagomarsino, S. 1997b . “Modelli di danno per il
¯?̄mk componente di deformazione normale delle due coppie di
risposta sismica di pareti di taglio in muratura. II: Il modello del
articolazioni del letto emisimmetrico k=a,b ; continuum e le sue applicazioni.”Terremoto Ing. struttura Din.,26 4,
piano di giunzione del letto/angolo di direzione 441–462.
principale; coefficiente di attrito nell'interfaccia; Hilsdorf, HK 1969. “Indagine sul cedimento delle murature in laterizio
¯v̄xy coefficiente di Poisson omogeneizzato; stress medio caricato in compressione assiale.” Progettazione, ingegnerizzazione e costruzione
?̄ nella cella elementare; con prodotti in muratura, FB Johnson, ed., Golfo, Houston, 34-41.
¯?̄1 primo stress principale; Luciano, R., e Sacco, E. 1997 . “Tecnica di omogeneizzazione e
¯?̄2 secondo stress principale; valore critico di¯?̄X modello d'epoca per materiale murario antico.” Int. J. Solidi Strut.,34 24,
¯?̄cX corrispondente al limite 3191–3208.
Magenes, G., e Calvi, GM 1997 . “Risposta sismica nel piano di
condizione ¯?̄ma =¯?̄mb ;
pareti in muratura”. Terremoto Ing. struttura Din.,26 11, 1091–
~X quota dello stress globale ¯?̄X trasferito tra 1112.
blocchi attraverso i giunti del letto; Maier, G., Papa, E., e Nappi, A. 1991 . “Modello di danno per muratura
fratello
resistenza alla trazione dei blocchi; come materiale composito: un'analisi numerica e sperimentale.
mk sollecitazione normale risolta agendo sulle due Leggi costitutive per il materiale ingegneristico: teoria e applicazione,
coppie di giunti a letto emisimmetrico k=a,b ; CS Desai, E. Krempl, G. Frantiziskonis e H. Saadatmanesh, a cura di,
Sig resistenza a compressione della muratura; ASME, New York, 427-432.
Sig resistenza alla trazione dei giunti di malta; Mann, W., e Müller, H. 1982 . “Fallimento di stress da taglio
x+ muratura: una teoria ampliata, prove e applicazioni alle pareti di taglio.
signor k resistenza limite a trazione uniassiale X delle due
Proc. fr. Ceram. Soc.,30, 223–225.
coppie di giunti letto emisimmetrici k=a,b ;
y+ Massart, TJ, Peerlings, RHJ e Geers, MGD 2004. “Meso-
signor k resistenza limite a trazione uniassiale sì delle due modellizzazione scopica della rottura e dell'anisotropia indotta dal danno nella
coppie di giunti letto emisimmetrici k=a,b ; muratura in mattoni”. Euro. J. Mech. A/Solidi,23 5 , 719-735.
fratello
resistenza al taglio dei blocchi; Ouyang, C., Mobasher, B. e Shah, SP 1990. “R-approccio curva per
mk sforzo di taglio risolto agente sulle due coppie di frattura di materiale quasi fragile”. Eng. Fratta. mecc.,37 4 , 901–913.
giunti a letto emisimmetrico k=a,b ; Pagina, AI 1980. “Un criterio di rottura biassiale per murature in laterizio nel

Sig coesione dei giunti di malta; gamma tensione-tensione. " Int. J. Massoneria costr.,1 1 , 26-29.
resistenza limite a taglio delle due coppie Pagina, AW 1981 . "Resistenza alla compressione biassiale della muratura in mattoni."
signor k

di giunti a letto emisimmetrico k=a,b ; e Proc. ist. Civ. Ing., Parte 2. Ris. Teoria,71 2 , 893-906.
Pagina, AW 1983 . “La resistenza della muratura in mattoni sotto biassiale
angolo di incastro.
tensione-compressione”. Int. J. Massoneria costr.,3 1 , 26-31.
Pande, GN, Liang, JX e Middleton, J. 1989. “Elastico equivalente
moduli per muratura in laterizio”. Calcola. Geotec.,8 3 , 243-265.
Riferimenti Pegon, P., e Anthoine, A. 1997 . “Strategie numeriche per risolvere
problemi di danno continuo con rammollimento: applicazione
Alpa, G., e Monetto, I. 1994 . “Modello microstrutturale per blocco a secco all'omogeneizzazione della muratura. Calcola. struttura,64 1–4, 623–
pareti in muratura con carico in piano.” J. Mech. Fis. solidi,42 7 , 642. Pietruszczak, S., e Ushaksaraei, R. 2003 . “Descrizione dell'in-
1159–1175. comportamento elastico della muratura strutturale”. Int. J. Solidi Strut.,40 15 ,
ANSYS Inc. 2003 . Manuale dell'utente ANSYS per la revisione 8.0, Houston. 4003–4019.
Anthoine, A. 1995 . “Derivazione delle caratteristiche elastiche nel piano di Zienkiewicz, O., e Taylor, RL 1991 . Il metodo degli elementi finiti,
muratura attraverso la teoria dell'omogeneizzazione”. Int. J. Solidi Strut.,32 2, McGraw Hill, Londra.
137–163. Zucchini, A., e Lourenço, PB 2002 . “Un modello micro-meccanico
Anthoine, A., Magonette, G., e Magenes, G. 1995 . “Compressi di taglio- per l'omogeneizzazione della muratura”. Int. J. Solidi Strut.,39 12,
prove di sion e analisi di pareti in muratura di mattoni.” Proc., decimo Euro- 3233-3255.

220 / RIVISTA DI INGEGNERIA STRUTTURALE © ASCE / FEBBRAIO 2008

Viie
ewwppu
ubblliiccaattiio n ssttaattss
sopra