Sei sulla pagina 1di 4

NUOVA 500

TEST DRIVE
INTRODUZIONE
In questo documento vedremo come organizzare al meglio il Test Drive, al fine di rendere
coinvolgente l’esperienza di guida della Nuova 500.

Il Test Drive deve essere condotto in modo attento e mirato a:

• Far assaporare al cliente il piacere di guidare una vettura evoluta, un concentrato di importanti
innovazioni: dalla trazione elettrica, le modalità di guida e le sue straordinarie prestazioni su strada
e agli specifici contenuti di confort, sicurezza, connettività e – non ultimi – il contributo alla tutela
dell’ambiente e il concreto risparmio nei consumi.

•vincere eventuali resistenze ad una rivoluzione positiva che affascina tutti, ma può anche
spaventare qualcuno.

Il test drive va quindi progettato in anticipo e pensando ad ogni minimo dettaglio, evitando
l'improvvisazione che ne potrebbe sminuire la forza emotiva.

L’ORGANIZZAZIONE: DEFINIZIONE DEL PERCORSO (1/2)


• L’itinerario del Test Drive dev'essere definito in anticipo, tenendo in considerazione le
caratteristiche dell’area in cui è situata la concessionaria.

•Deve avere una durata di circa 30 minuti con percorso ad anello e dunque partenza e arrivo in
concessionaria.

• Occorre privilegiare itinerari prevalentemente urbani o comunque con frequenti rallentamenti


(semafori, stop, precedenze, rotonde), aggiungendo, però, anche un tratto scorrevole, rettilineo e
veloce (extraurbano, superstrada, tangenziale).

Nuova 500, nonostante la sua prevalente vocazione urbana, grazie a prestazioni, confort e
autonomia, è assai fruibile e godibile anche fuori dalla città.

Se possibile, inserire il passaggio davanti ad una o più stazioni di ricarica mostrandole al cliente
ma con noncuranza, quindi senza enfatizzarne la presenza… Il «normale e scontato» suona
sempre rassicurante.
L’ORGANIZZAZIONE: DEFINIZIONE DEL PERCORSO (2/2)
Il Test Drive ideale dev'essere vario e pertanto deve includere:

ZONE URBANE

dove far apprezzare vivacità dello spunto, ripresa, silenziosità


dell’elettrico, gradevolezza della vita a bordo, nonché i sistemi ADAS e la
grande serenità che deriva da questo insieme

ZONE URBANE E/O PERIFERICHE SCORREVOLI

per invitare a provare le 3 diverse modalità di guida, spiegando di volta in


volta le specificità e i vantaggi di ciascuna, e testando così anche i sistemi
One-Pedal, e-Coasting ed e-Breaking

TRATTI RETTILINEI A PIÙ CORSIE

Utilissimi per imparare a gustare la guida autonoma di Livello 2 di Nuova


500 (Fiat Co-driver), sia in assenza come in presenza di traffico

UN TEST DRIVE COMPLETO: CHE COSA FAR RISALTARE

GUIDA ELETTRICA URBANA

• Fluidità e brio superiori alle termiche

• Accelerazioni e riprese sempre prontissime

• Grande silenziosità, estrema facilità e rilassatezza di guida e…


colonna sonora a bassa velocità!

3 MODALITA’ DI GUIDA

• Invitare a provarle tutte e tre, e spiegarne le finalità

• Evidenziare come si evolve la guida dell’auto (One-pedal in modalità


RANGE e SHERPA) e spiegarne gli effetti

• NOTA IMPORTANTE: l’One-Pedal è preferibile farlo testare la prima


volta in aree sicure
ADAS

• Fiat Co-driver che porta confort e sicurezza a livelli mai visti in questo
segmento

• Dotazione standard completissima, a tutela di chi è a bordo come di


chi sta fuori (pedoni e ciclisti)

• Spiegare i dispositivi ADAS non testabili nella normale circolazione

• Far provare Park Assist 360° (drone view) al rientro in concessionaria

ONE-PEDAL, E-COASTING, E-BREAKING

•Mostrare per ciascuna funzione la schermata dei flussi con la ricarica


rigenerativa

• Sottolineare quanto aiutino a recuperare energia, tanto che in città –


dove si usano più spesso – l’autonomia è superiore