Sei sulla pagina 1di 1

In questo esercizio commerciale

È CONSENTITO ENTRARE SENZA MASCHERINA


<< Nel rispetto della Legge 22 maggio 1975, n. 152 Art. 5 e della Costituzione Italiana Art. 41 >>
Articolo 415 del Codice Penale ( istigazione a disobbedire alle leggi )

CORTE COSTITUZIONALE - SENTENZA 308/1990


“Non è permesso il sacrificio della salute individuale a vantaggio di quella collettiva.
Ciò significa che è sempre fatto salvo il diritto individuale alla salute, anche di fronte al generico interesse collettivo”

Lo stato di Emergenza Sanitaria Nazionale è ILLEGITTIMO!


Come evidenziato dal Giudice di pace di Frosinone, Avv. Emilio Manganiello, con la sentenza n. 516/2020,
lo stato di emergenza dichiarato dal governo con deliberazione del 31.1.2020 dal Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana,
pubblicata in G.U. serie generale n. 26 del 1.2.2020, viola gli articoli 78 e 95 della Costituzione Italiana.
Di conseguenza lo stato di emergenza nazionale e tutti i DPCM e DL emanati dal PCM e dai singoli Ministri,
comprese le ordinanze delle Regioni e delle Province Italiane,
sono atti amministrativi illegittimi;
ciò è confermato anche ai sensi dell’art. 5 della legge n. 2248 del 1865, allegato E.

Il Tribunale di Roma, sezione 6° civile, nell’ordinanza N° 45986/2020


Ricalca quanto sentenziato dalla giurisprudenza sopra citata, evidenziando ancora una volta l’illegittimità dello stato di emergenza,
definendo tutti i DPCM a partire dal 31.01.2020 e tutti gli atti da essi scaturiti, come caducabili, cioè privi di efficacia giuridica.

Il TAR del Lazio, con Ordinanza n° 7468 depositata il 4 dicembre 2020


ha accolto, in via cautelare, il ricorso proposto dai genitori di un alunno di età compresa fra 6 e 11 anni
che aveva avuto dei sintomi legati all’eccesso di anidride carbonica dovuta all’obbligo di portare la mascherina,
introdotto con l’art. 1 comma 1 lettera b) del DPCM 3/11/2020; con l’ordinanza n. 873 depositata il 13 Febbraio 2021,
il TAR del Lazio dispone il riesame della disposizione del DPCM del 14 gennaio 2021 che impone l’uso delle mascherine in classe
ai bambini di età compresa fra i 6 e gli 11 anni, avendo rilevato nelle ordinanze vizi dell’istruttoria.

Tribunale di Reggio Emilia Sezione GIP-GUP, SENTENZA N. 54 del 27/01/2021


Assolve due cittadini accusati di aver falsificato una autocertificazione usata per spostarsi dalla propria abitazione
motivando così la sentenza: ...“deve rilevarsi la indiscutibile illegittimità del DPCM del 8.3.2020, evocato nell’autocertificazione
sottoscritta da ciascun imputato - come pure di tutti quelli successivamente emanati dal Capo del Governo”…
”un DPCM non può disporre alcuna limitazione della libertà personale, trattandosi di fonte meramente regolamentare di rango
secondario e non già di un atto normativo avente forza di legge…”.

L'OBBLIGATORIETÀ DELLA MASCHERINA È UNA VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI:


- Diritto alla Salute, garantita da l’Art. 32 della Costituzione Italiana, Art. 35 della Carta di Nizza, Art. 3 e 25 della Dichiarazione
Universale dei Diritti Umani, Art. 5 della Convenzione di Oviedo;
- Diritto alla Libertà Personale, garantita da Art. 13 della Costituzione Italiana, Art. 1, 2, 3, 4, 5 della Dichiarazione Universale dei
Diritti Umani, Art. 6 della Carta di Nizza; .

COSTITUZIONE ITALIANA:
🇮🇹️
Art. 28 - I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e
amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici. ;

Art. 41 comma 1, 2 - L’iniziativa economica privata è libera.


Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. ;

Art. 54 - Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi.
I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi
stabiliti dalla legge. .